Daily Archives

17 Ottobre 2014

Comunicati

ARTISTI D’AVANGUARDIA ALL’ESPOSIZIONE DEL WERKBUND: APPROFONDIMENTI E INTERPRETAZIONI 2014.


Nell’ambito delle celebrazioni del centenario dell’esposizione del Werkbund tedesco a Colonia,  il 24 ottobre 2014, alle ore 18, si inaugura, presso la Galleria Embrice (Roma, via delle Sette Chiese 78, Info: Tel. 06.64521396, e-mail: [email protected]), la mostra, Artisti d’Avanguardia all’Esposizione del Werkbund: Approfondimenti e interpretazioni 2014. La mostra, a cura di Vittorio Giusepponi e Paolo Balmas, rimarrà aperta dal 25 ottobre al 6 novembre, dal lunedì al sabato dalle 18.00 alle 20.00; ingresso libero.

Colonia 1914: per le strade della città passeggiano rare automobili. Nuovi armamenti, aerei e navi compaiono sulla scena; motrici e carrozze di treno, così come le nuove Schlafkabinen sono esposte nella Verkehrshalle della Werkbundausstellung: la grande Fiera di Maggio. Una realtà, questa, più avanzata rispetto allo Jugendstil, alla Sezession,  alla Künstlerkolonie e alle Wiener Werkstätten da cui il Werkbund parte proponendo una riforma del gusto. Nella sala principale della mostra sono addirittura esposti oggetti e figurazioni giudicate sconvenienti dalla maggior parte dei critici.

Sono opere di Erich Heckel e Karl Schmidt-Rottluff (che il 7 Giugno del 1905 a Dresda, luogo sacro dell’artigianato artistico, avevano fondato, insieme a Ernst Ludwig Kirchner e Fritz Bleyl, Die Brücke), Willi Baumeister, Hermann Stenner e Oskar Schlemmer (allievi di Hölzer a Stoccarda). Con loro Milly Steger, Moissey Kogan, Cesar Klein, Gerardt Marcks, Herrmann Gerson.

La mostra presenta i risultati del laboratorio d’arte ‘B’ “Giovani artisti di avanguardia al Werkbund di Colonia del 1914”, organizzato in occasione del centenario della Mostra del Werkbund di Colonia del 1914. Vi sono esposte le repliche in varie scale e i materiali di alcune di queste opere, ripercorrendone le modalità di esecuzione.

No Comments
Comunicati

L’ESPOSIZIONE DEL WERKBUND A COLONIA, MAGGIO-AGOSTO 1914. PRODUZIONE DI PACE IN TEMPO DI GUERRA. MOSTRA DOCUMENTARIA D’ARCHITETTURA.


Il 22 ottobre 2014, alle ore 18, si inaugura, presso la Biblioteca Centrale della Facoltà di Architettura (Roma, via Gramsci 53, Info: Tel. 06.49919126, e-mail: [email protected]), la mostra, L’Esposizione del Werkbund a Colonia, Maggio Agosto 1914. Produzione di Pace in Tempo di Guerra. La mostra, a cura di Alberto Giuliani, rimarrà aperta dal 23 ottobre al 28 novembre, dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 19.00; ingresso libero.

Questa mostra, organizzata nell’ambito delle celebrazioni sull’ Esposizione del Werkbund tedesco nella città di Colonia, ci offre la possibilità di riflettere in maniera approfondita, a cento anni di distanza, su un evento che possiamo considerare epocale nel quadro dello sviluppo delle Arti Applicate e dell’Architettura del Novecento europeo e mondiale. Il 1914 è segnato dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale che rappresenta uno spartiacque nella storia contemporanea e che coincide, a livello culturale, con un momento di grande crisi. Le nuove istanze di rinnovamento artistico convivono ancora con una tradizione – spesso recente e gloriosa come nel caso della Secessione viennese – la cui influenza è ancora viva e presente negli artisti e nella realtà produttiva. Nel caso specifico la natura a tratti contraddittoria dell’esposizione stessa, caratterizzata dalla presenza di alcuni dei personaggi che, a vario titolo, saranno i protagonisti del rinnovamento del linguaggio architettonico e del design negli anni immediatamente successivi, rappresenta in modo particolarmente evidente il travaglio attraverso il quale si cominciavano a prefigurare gli orizzonti futuri.

La presenza all’Esposizione di Colonia di personalità note come Hoffmann,  Van de Velde,  Behrens, Gropius e Taut, e di altre sin qui trascurate, ci introduce in una temperie all’interno della quale il dibattito sullo stile e sulla forma assumeva i connotati di uno scontro tra mondi ormai lontani e non più conciliabili: proprio le visioni ormai estenuate della grande tradizione austriaca e tedesca avevano posto le basi, in ambito mitteleuropeo, per quel corto circuito che prelude all’avvento del Movimento Moderno. Il serrato confronto tra gli operatori che vedevano nel rinnovamento della produzione artigianale attraverso il diretto apporto dell’arte e dell’industria l’unica strada plausibile per permettere una diffusione capillare del prodotto di qualità all’interno della società, era percorso da tensioni che nell’Esposizione di Colonia ebbero uno dei momenti di maggiore espressione. Le tesi propugnate da Hermann Muthesius sulla necessità di standardizzare il prodotto artistico e le rivendicazioni di Henry Van de Velde sull’unicità non replicabile del gesto creativo ne sono la testimonianza più nota ed evidente.

In realtà, come la mostra cerca di illustrare, le diverse posizioni teoriche spesso non coincidevano con una coerenza progettuale che ne costituisse la concreta dimostrazione. Grandi personalità come lo stesso Muthesius, tra i fondatori del Werkbund tedesco nel 1907,  o come Peter Behrens – che nel 1909 aveva realizzato gli innovativi e fondamentali edifici dell’AEG di Berlino – di fronte al tema leggero dei padiglioni dell’Esposizione, decidono di non andare oltre ad architetture di circostanza, improntate a una depurata  tradizione tardo ottocentesca – Muthesius nella Casa del Colore (Farbenschau) – o a un austero classicismo – Behrens nel Padiglione delle Feste (Festhalle).

Inaugurata il 16 Maggio 1914 in un clima di festosa euforia, l’Esposizione, che era previsto dovesse proseguire fino all’Ottobre successivo, viene drammaticamente e repentinamente chiusa ai primi di Agosto a seguito della dichiarazione di guerra della Germania alla Francia: in brevissimo tempo vengono smantellati tutti gli allestimenti e demoliti i padiglioni, creando una lunga catena di fallimenti e disastri finanziari tra le industrie e le ditte produttrici che avevano sponsorizzato o investito ingenti capitali nell’evento. Il primo ad essere demolito fu il Padiglione del Vetro (Glashaus) di Bruno Taut, forse proprio a causa delle frasi che correvano nel fregio perimetrale esterno non propriamente consone ad un momento nel quale il confronto tra i popoli lasciava il posto alle ostilità militari: questo edificio insieme ad alcuni elementi della Fabbrica Modello di Walter Gropius (Musterfabrik), diventerà tra le icone più note e celebrate dell’Architettura del Novecento.

No Comments
Comunicati

Autosaloneepis vendita auto usate a Bergamo ed anticipazione su alcuni concept: sogni che diventano realtà


Le auto usate a Bergamo vengono vendute dallo staff di Autosaloneepis.it, sito web conosciuto in questa provincia per la presenza di sole occasioni chilometrate con garanzia, il Team è affiatato sin dal lontano 1959, infatti la passione per le quattro ruote si è tramandata di generazione in generazione, fino ad arrivare ai giorni nostri, dove, considerata la competitività del mercato, necessita comunque essere sempre aggiornati sulle nuove tendenze, allora leggiamo di seguito che anticipazione viene fatta per alcuni Concept che fanno sognare…

In realtà il loro nome indica solamente dei prototipi che in realtà non si sa se un giorno verranno veramente realizzati e messi sul mercato, alla maggior accade così, ma ci sono casi invece dove un modello in bella mostra non toccherà mai l’asfalto e non entrerà a far parte di una vera famiglia.

Uno dei luoghi preferiti dalle case automobilistiche per mostrarli e studiare il gradimento dei possibili clienti è certamente il Salone di Ginevra che anche nel 2014 ha presentato delle novità interessanti, alcuni già in fase di produzione e altri invece un po’ lontani ma non irrealizzabili.

Infatti chiamare concept la nuova Mini Clubman è alquanto riduttivo visto che ci dice davvero moltissimo su quella che potrebbe essere alla prima variante della terza generazione di Mini che sta debuttando nelle concessionarie, basterebbe aggiungere le targhe ai paraurti e la Clubman sarebbe pronta a sfrecciare nella strada con tutti i suoi 4,22 metri, ben 26 centimetri in più rispetto alla tre porte e più larga di 16.

Questo fatto è dovuto soprattutto alla sostituzione delle portiere posteriori ad apertura controvento con delle tradizionali portiere, continuerà ad esistere invece l’originale apertura posteriore costituita dal doppio battente; la sua uscita è attesa per fine anno e darà poi vita anche alla futura generazione della Mini Countryman,
mentre come abbiamo visto, il concept della Clubman è un progetto serio e già pronto all’entrata nei mercati automobilistici, altri modelli di altre case automobilistiche hanno presentato progetti un po’ più futuristici, magari solo per mostrare quali saranno i tratti e il design scelto per le future vetture.

Così dobbiamo parlare della Volvo Concept Estate, che esce poco dopo la presentazione della XC concept al salone di Detroit che mostrava i tratti caratteristici dei futuri Suv svedesi, invece questa a Ginevra presenta il corso stilistico delle auto che hanno reso la Volvo famosa nel mondo, ovvero le station wagon.

Non si parla di auto usate in vendita nella provincia di Bergamo in questo caso, si descrive “il pezzo forte” e si può comprendere bene, anche se probabilmente il modello finale non sarà uguale a questo che si è presentato come una shooting brake, cioè una due porte e portellone posteriore come le mitiche Volvo degli anni Settanta, difficile che saranno ripresentate le due porte, ma i tratti stilistici del frontale e della coda sono quelli, proprio come l’abitacolo con i comandi centrali “sospesi” e un grosso schermo touch multimediale dove verrà istallato il nuovo sistema CarPlay in collaborazione con la Apple.

No Comments
Comunicati

Miriam Covielli Lucchini nell’esclusivo gruppo di partecipanti a “Spoleto incontra Venezia”


Tanti elogi meritati per la pittrice Miriam Covielli Lucchini, inserita nell’esclusivo gruppo di partecipanti alla grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” dove sotto l’esperta curatela del critico Vittorio Sgarbi e la direzione del manager produttore Salvo Nugnes si avvicendano nomi di spicco del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì, in esposizione presso due stupendi edifici veneziani di secolare tradizione, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014.

La Lucchini adotta uno stile piacevole, ricercato e rigoroso. Il suo è un genere tendente all’Astrattismo Geometrico, dove l’informale prevale con invenzioni compositive interessanti e imprevedibili, in una costante ricerca di nuove forme. Ne deriva un’energia creativa d’intenso impatto visivo. È un continuo scoprire d’idee innovatrici, di dimensioni irreali e fantastiche, in cui nulla è lasciato mai al caso, ma risponde a un proporzionato senso degli equilibri dell’architettura narrativa. L’eleganza e la finezza nel tratto insieme alla vivacità nel dinamismo progettuale ne solcano il segno stilistico riconoscibile e coerente.

Nella produzione si delinea il messaggio di riflessione, che la guida recuperando l’arcaica concezione diffusa tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, per cui gli artisti stanchi di indirizzarsi verso la natura e il mondo naturale tendevano a rivalutare e rivalorizzare la posizione dell’uomo e dell’umanità, approfondendo e scandagliando l’analisi interiore e psicologica, per individuare e cogliere i motivi scatenanti del mal d’essere e del mal di vivere, così fortemente radicato in essi. La Lucchini spiega “Pittura e scrittura dialogano insieme, si accompagnano, si sorreggono in reciproca sinergia per tacito accordo. La mia pittura s’impone, non è sommessa, ma volutamente urlata e gridata con vigoroso e prorompente slancio attraverso la distorsione, la deformazione, la lacerazione della realtà operata mediante segni crudi e colori urlanti”.

No Comments
Comunicati

Tenuta Vento di Mare: la bellezza che travolge.


Il paradiso si trova poco lontano da Roma ed il suo nome è Tenuta Vento di Mare.

Il ristorante fondi, aperto da circa cinque mesi, ha tutte le carte in regola per diventare la location numero uno nella zona e , chissà, magari anche nel Lazio. Spazi immensi, un verde surreale colorato da fiori delle specie più disparate, stanze da sogno, quel velo di eleganza che trasuda da ogni dove, cibo divino e poi, quel qualcosa in più che solo la gentilezza di un personale giovane e qualificato è in grado di dare.

Nella villa per cerimonie fondi i singoli momenti della giornata qui diventano speciali, perdendo la percezione del tempo e respirando la vera essenza della bellezza e del relax. Quando il bello è accompagnato anche dal buono, come si suol dire si fa “bingo”. Infatti a meritare un plauso particolare è la cucina dove ogni piatto coccola il palato e ciascuna pietanza racconta arte, perfezione e cura del dettaglio. Insomma, bontà a km zero, materie prime genuine e di qualità condite con quel pizzico di creatività e buongusto che non guasta mai. Cosa chiedere più a questa villa per ricevimenti fondi?

No Comments
Comunicati

PRN: Utili diluiti per azione BB&T per il terzo trimestre pari a 0,71 dollari; generata una robusta crescita di prestiti e depositi core

Utili diluiti per azione BB&T per il terzo trimestre pari a 0,71 dollari; generata una robusta crescita di prestiti e depositi core

 
[2014-10-17]
 

WINSTON-SALEM, Carolina del Nord, 17 ottobre 2014 /PRNewswire/ — BB&T Corporation (NYSE: BBT) ha dichiarato oggi un reddito netto per il terzo trimestre 2014 disponibile per gli azionisti ordinari pari a 520 milioni di dollari USA, rispetto ai 268 milioni di dollari USA guadagnati nel terzo trimestre del 2013. Gli utili per azioni ordinarie diluiti sono stati pari a 0,71 dollari USA rispetto a 0,37 dollari USA del terzo trimestre dello scorso anno. I risultati del trimestre precedente sono stati ridotti da rettifiche collegate all’imposizione fiscale pari a 235 milioni di dollari USA, ovvero 0,33 dollari per azione diluita.

“I nostri risultati per il terzo trimestre sono stati solidi, con entrate sicure dalle commissioni, una crescita di prestiti e depositi core diffusa, e un costante miglioramento della qualità del credito,” ha dichiarato il Presidente del CdA e Direttore Esecutivo Kelly S. King. “SI è registrata una lieve crescita delle entrate non fruttifere, che hanno superato le entrate assicurative tipicamente inferiori in questo periodo, mentre le entrate da mutui bancari hanno registrato una crescita. Nel terzo trimestre la crescita media dei prestiti è stata sostenuta, con la domanda stagionale che ha sostenuto il portafoglio delle altre controllate per controllate impegnate nel credito con una crescita fino al 26%, mentre il CRE – il portafoglio di costruzioni e sviluppo è aumentato del 16% e il portafoglio dei finanziamenti diretti per il settore retail ha registrato una crescita del 13%.

“La qualità del credito ha continuato a migliorare nel terzo trimestre,” ha dichiarato King. “Gli asset non performanti, con l’esclusione degli asset coperti, sono diminuiti del 4%, e le perdite sono state contenute al di sotto del nostro intervallo normalizzato da 50 a 70 punti base.

“Nel terzo trimestre sono stati venduti circa 550 milioni di dollari USA per mutui ipotecari residenziali costituiti essenzialmente da ristrutturazione di debiti difficili con un guadagno dopo le imposte di 26 milioni di dollari USA. È stato anche estinto un nostro debito a lungo termine di 1,1 miliardi di dollari USA per trarre beneficio dei ridotti tassi di interesse attuali, con una conseguente perdita dopo le imposte di 76 milioni di dollari USA. Entrambe queste transazioni trarranno vantaggio del nostro rendimento a lungo termine. Inoltre, ci sono stati sviluppi favorevoli relativi a una posizione fiscale in esame, che hanno determinato un beneficio fiscale di 50 milioni di dollari USA nel terzo trimestre.

“Abbiamo anche concluso degli accordi per aumentare la nostra presenza a livello geografico tramite acquisizioni nei mercati del Texas e del nord del Kentucky/Cincinnati. L’acquisizione in Texas aggiungerà 41 filiali retail con circa 2,3 miliardi di dollari USA in depositi. Una volta conclusi questi accordi, avremo più di 120 filiali nei mercati a rapida crescita del Texas. Abbiamo anche annunciato la sottoscrizione di un accordo definitivo per acquisire The Bank of Kentucky, una banca da 1,9 miliardi di dollari USA con 32 filiali e una consolidata fetta di mercato nel nord del Kentucky/Cincinnati,” ha dichiarato King.

Elementi principali dei rendimenti del terzo trimestre 2014

  • I finanziamenti medi totali e le locazioni detenute come investimento sono aumentati del 4,9% su base annua rispetto al secondo trimestre 2014
    • I finanziamenti C&I medi sono aumentati del 5,1%
    • I finanziamenti medi per vendite finanziarie sono aumentati del 11,3%
    • Il CRE medio – finanziamenti per costruzioni e sviluppo sono aumentati del 16,1%
    • Il CRE medio – finanziamenti per proprietà creatrici di reddito sono aumentati del 8,2%
    • I finanziamenti medi nel gruppo delle altre controllate per il credito sono aumentati del 25,6%
    • I finanziamenti medi diretti per il settore retail sono aumentati del 12,7%
  • I ricavi equivalenti imponibili sono stati pari a 2,3 miliardi di dollari USA per il terzo trimestre, un aumento del 1,7% su base annua rispetto al secondo trimestre
    • Il margine netto degli interessi è stato pari al 3,38%, cinque punti base sotto rispetto al trimestre precedente determinato da tassi ridotti sui nuovi finanziamenti e sull’eccesso di finanziamenti coperti
    • Gli introiti dai mutui bancari sono stati di 21 milioni di dollari USA maggiori rispetto al trimestre precedente, sostenuti da un aumento della produzione e delle vendite dei finanziamenti per i mutui residenziali
  • I depositi medi sono aumentati di 1,0 miliardi di dollari USA, ovvero del 3,1% su base annua, rispetto al trimestre precedente
    • I depositi medi infruttiferi sono aumentati di 1,5 miliardi di dollari USA, ovvero del 15,9%
    • I costi medi dei depositi fruttiferi sono stati pari allo 0,26%, come per l’ultimo trimestre
    • Il mix di depositi è continuato a migliorare, con i depositi non fruttiferi medi che costituiscono il 29,2% dei depositi totali, rispetto al 28,3% nel trimestre precedente
  • Proseguito anche il miglioramento della qualità degli asset
    • Gli asset non performanti, con esclusione degli asset coperti, sono scesi a 33 milioni di dollari USA, ovvero del 3,6%
    • I finanziamenti in sofferenza sono scesi a 76 milioni di dollari USA, ovvero del 5,9%
    • La dotazione per il rapporto di copertura per le perdite dei finanziamenti, con esclusione dei finanziamenti coperti, è aumentata di 1,82 volte per i finanziamenti non performanti tenuti quale investimento per il terzo trimestre rispetto a 1,78 volte del secondo trimestre
  • I livelli di capitale sono rimasti generalmente sostenuti
    • Le azioni ordinarie di livello 1 sono state il 10,5% degli asset a rischio ponderato
    • Il capitale di livello 1 basato su rischio è stato il 12,4%
    • Il capitale totale è stato il 15,1%
    • Le azioni ordinarie di livello 1 di Basilea III sono state il 10,3%
    • Il capitale di prestito è rimasto sostenuto al 9,7%
    • Le azioni ordinarie tangibili hanno rappresentato il 7,9% degli asset tangibili

Presentazione degli utili e sintesi dei rendimenti trimestrali

Per seguire in diretta l’audio conferenze sugli utili del terzo trimestre 2014 di BB&T chiamare alle ore 8 a.m. (Fuso orario orientale) di oggi, si prega di chiamare il numero 1-888-632-5009 e inserire il codice partecipante 5184622. Nel corso dell’audio conferenza per la presentazione gli utili sarà utilizzata una presentazione che sarà disponibile sul nostro sito Web al seguente indirizzo www.bbt.com/earnings. Riproduzione dell’audio conferenza saranno disponibili chiamando il numero 888-203-1112 (codice di accesso 4313363) fino al 16 novembre 2014.

La presentazione, che comprende un’appendice che riconcilia quanto diffuso sullo scostamento rispetto alle procedure contabili generalmente accettate (non-GAAP) è disponibile al seguente indirizzo www.bbt.com/earnings.

La Sintesi dei Rendimenti Trimestrali di BB&T per il terzo trimestre 2014, che contiene prospetti finanziari dettagliati, è disponibile sul sito Web di BB&T al seguente indirizzo www.bbt.com/earnings.

Informazioni su BB&T

Alla data del settembre 30, 2014, BB&T è una delle maggiori holding di servizi finanziari negli Stati Uniti con 187 miliardi di dollari USA in asset e capitalizzazione di mercato pari a 26,8 miliardi di dollari USA. Con sede a Winston-Salem, N.C., la società gestisce 1.842 centri finanziari in 12 stati e Washington, D.C., e offre una gamma completa di istituti bancari per consumatori e per il commercio, intermediazione titoli, asset management, prodotti e servizi per il mercato ipotecario e delle assicurazioni Una società Fortune 500, BB&T è generalmente riconosciuta per l’eccezionale soddisfazione dei clienti da parte della U.S. Small Business Administration (Amministrazione Piccole Imprese degli Stati Uniti), Greenwich Associates e altri. Maggiori informazioni su BB&T e sulla linea di prodotti e servizi sono disponibili sul sito Web www.bbt.com.

I rapporti di capitale sono preliminari. I dati sulla qualità del credito escludono i finanziamenti coperti e i finanziamenti statali GNMA garantiti laddove applicabili.

Il presente comunicato stampa contiene informazioni finanziarie e misure dei rendimenti determinate utilizzando metodi diversi da quelli previsti dalle procedure contabili generalmente accettate negli Stati Uniti d’America (“GAAP”). La direzione di BB&T utilizza tali misure “non-GAAP” nelle proprie analisi dei rendimenti ella Società e dell’efficienza delle proprie attività. La direzione ritiene che tali misure non-GAAP forniscano una maggiore comprensione delle attività in corso e migliorino la confrontabilità dei risultati con quelli dei periodi precedenti oltre a evidenziare gli effetti di guadagni e costi significativi nel periodo in corso. La società ritiene che un’analisi significativa dei propri rendimenti finanziari richieda la comprensione dei fattori su cui si basano tali rendimenti. La direzione di BB&T’ crede inoltre che gli investitori possano utilizzare tali misure finanziarie non-GAAP per analizzare il rendimento finanziario senza l’influenza di voci non consuete che potrebbero oscurare le tendenze dei rendimenti su cui si basa la società. La diffusione di questi dati non deve essere considerata come un sostituto di misure finanziarie determinate secondo quanto previsto dai GAAP, e non sono necessariamente confrontabili con le misure dei rendimenti non-GAAP che possono essere presentate da altre società. Di seguito viene presentato un elenco dei tipi di misure non-GAAP usate nel presente comunicato stampa:

  • Le azioni ordinarie tangibili, azioni ordinarie di livello 1 e i relativi rapporti sono misure non-GAAP. Il ritorno sugli asset medi a rischio ponderato è una misura non-GAAP. Il rapporto delle azioni ordinarie di livello 1 Basilea III riflette l’interpretazione delle direzione dei requisiti normativi , soggetta a cambiamento. La direzione di BB&T utilizza tali misure per valutare la qualità del capitale e crede che gli investitori possano trovarle utili nelle proprie analisi della Società.
  • I rapporti della qualità degli asset sono stati rettificati per eliminare l’influenza dei finanziamenti acquisiti e della proprietà pignorata coperta dagli accordi per la condivisione delle perdite FDIC dal numeratore e dal denominatore di tali rapporti. La direzione ritiene che la loro inclusione possa provocare una distorsione di tali rapporti tale che non possano essere confrontabili con altri periodi presentati o con altri portafogli non soggetti a influenze da parte della contabilità acquisti.
  • I ricavi da commissioni e i rapporti di efficienza sono non-GAAP in quanto escludono i guadagni da titoli (perdite), i costi da pignoramenti delle proprietà, ammortamenti degli asset intangibili, costi correlati a fusioni e ristrutturazioni, l’impatto della contabilità per la condivisione delle perdite FDIC e altri elementi scelti. La direzione di BB&T utilizza queste misure nelle proprie analisi del rendimento della Società. La direzione ritiene che tali misure forniscano una maggiore comprensione delle attività in corso e migliorino la confrontabilità dei risultasti con quelli dei periodi precedenti oltre a evidenziare gli effetti di guadagni e costi significativi nel periodo in corso.
  • Il ritorno sulle azioni ordinarie medie tangibili degli azionisti è una misura non-GAAP che calcola il ritorno sulle azioni ordinarie medie degli azionisti senza l’influenza degli asset non tangibili e dei loro ammortamenti correlati. Questa misura è utile per valutare in modo coerente i rendimenti di un’attività commerciale, sia acquisita che sviluppata internamente.
  • Il margine netto sugli interessi di base è una misura non-GAAP che rettifica il margine netto degli interessi in modo da escludere l’influenza delle entrate da interessi e dei costi di finanziamento associati con finanziamenti e titoli acquisiti con l’acquisizione di Colonial. ‎La direzione di BB&T ritiene che l’esclusione degli asset che generano utili maggiori acquisiti con l’acquisizione di Colonial dal calcolo del margine netto degli interessi fornisca agli investitori informazioni utili relative al rendimento della parte rimanente degli asset fruttiferi di BB&T.
  • Gli utili diluiti per azione e l’aliquota fiscale effettiva sono state rettificate per escludere gli effetti di alcune rettifiche. La direzione di BB&T ritiene che tali rettifiche aumentino la confrontabilità dei risultati per periodo e utilizzano tali misure per valutare i rendimenti e ritengono che gli investitori possano trovarle utili nella propria analisi della Società.

La riconciliazione di tali misure non-GAAP con le misure GAAP meglio confrontabili è inclusa nella Sintesi dei Rendimenti Trimestrali di BB&T ‘per il terzo trimestre 2014, disponibile sul sito Web di BB&T al seguente indirizzo www.bbt.com/financials.html.

Il presente comunicato stampa contiene delle dichiarazioni previsionali secondo quanto previsto dal Private Securities Litigation Reform Act (Legge di Riforma sulle controversie in merito ai titoli privati) del 1995, relativamente alle condizioni finanziarie, ai risultati delle attività, ai business plan e al rendimento futuro di BB&T che si basano sulle opinioni e su quanto presunto della direzione di  BB&T e sulle informazioni a disposizione della direzione nel momento in cui tali informazioni sono state redatte per essere diffuse. Locuzioni quali “anticipa,” “crede,” “stima,” “si aspetta,” “prevede,” “intende,” “pianifica” “ha in programma,” “può ,” “potrà,” “deve,” “potrebbe,” e altre espressioni simili servono a identificare tali dichiarazioni previsionali. Tali dichiarazioni sono soggette a fattori che potrebbero determinare differenze di fatto tra i risultati effettivi e quelli anticipati. Tali fattori comprendono, senza limitarsi a quanto indicato di seguito:

  • le condizioni economiche o della mondo degli affari in generale a livello nazionale o regionale potrebbero essere meno favorevoli del previsto, determinando, tra l’altro, il deterioramento del credito e/o una minore domanda dei servizi creditizi, assicurativi e di altro tipo;
  • sconvolgimenti dei mercati creditizi e finanziari, sia a livello nazionale che globale, compreso il declassamento delle obbligazioni statali statunitensi da parte di una delle agenzie di valutazione del credito e gli effetti negativi della recessione in Europa;
  • modifiche nell’ambiente dei tassi d’interesse e nelle rivalutazione dei flussi di cassa che possono ridurre il margine netto degli interessi e/o i volumi e i valori dei finanziamenti effettuati o tenuti oltre al valore di altri asset finanziari detenuti;
  • le pressioni concorrenziali tra le istituzioni di deposito e le altre istituzioni finanziarie potrebbero aumentare in misura significativa;
  • modifiche legislative, normative o contabili, comprese le modifiche derivanti dall’adozione e dalla implementazione del Dodd-Frank Act possono riflettersi in maniera negativa sulle attività nelle quali è impegnata BB&T;
  • le autorità fiscali locali, statali o federali potrebbero assumere posizioni che sono contrarie a BB&T;
  • si potrebbe determinare una riduzione della classificazione del credito di BB&T;
  • nei mercati dei titoli si potrebbero determinare cambiamenti negativi;
  • i concorrenti di BB&T potrebbero avere maggiori risorse finanziarie che li metterebbero in condizione di essere più concorrenziali di BB&T e possono essere soggetti a standard normativi diversi da quelli di BB&T;
  • disastri naturali o di altro tipo potrebbero avere un effetto negativo su BB&T, ovvero tali eventi potrebbero sconvolgere le attività di BB&T o la capacità e la volontà dei clienti di BB&T di accedere ai servizi finanziari offerti da BB&T;
  • i costi o le difficoltà relative alla integrazione delle attività di BB&T e dei partner nelle fusioni potrebbero essere maggiori del previsto;
  • i risparmi previsti sui costi o l’aumento delle entrate associati alle fusioni e alle acquisizioni completate potrebbero non realizzarsi completamente o non realizzarsi nei tempi previsti;
  • dispute significative potrebbero avere un’influenza negativa su BB&T;
  • il logoramento dei depositi, perdita di clienti e/o entrate a seguito delle fusioni e delle acquisizioni completate potrebbe essere maggiore di quanto previsto;
  • rischi derivanti da attacchi informatici, compresi il “rifiuto del servizio -DOS,” “hackeraggio” e “furto d’identità,” potrebbero riflettersi in maniera negativa sulle nostre attività e sui rendimenti finanziari, o sulla nostra reputazione; e
  • la mancata implementazione di parte o dell’intero nuovo sistema ERP della Società potrebbe determinare un deterioramento dei costi che si rifletterebbero in modo negativo sulle condizioni finanziarie di BB&T e sui risultati delle attività e potrebbero determinare costi aggiuntivi per BB&T.

Si informano i lettori di non fare eccessivo affidamento sulle presenti dichiarazioni previsionali che sono vere alla data in cui viene rilasciato il presente rapporto. I risultati effettivi potrebbero differire da quelli espressi o impliciti nelle dichiarazioni previsionali. Fatta eccezione per quanto richiesto dalle leggi o dalle norme applicabili, BB&T non assume alcun obbligo in merito alla revisione o all’aggiornamento pubblico delle dichiarazioni previsionali per qualsivoglia motivazione.

Company Codes: NYSE:BBT, NYSE:BBT.PRG, NYSE:BBT.PRF, NYSE:BBT.PRE, NYSE:BBT.PRD
No Comments
Comunicati

Alle mostre di Spoleto incontra Venezia le incantevoli creazioni di Nicola Sacco


“Spoleto incontra Venezia” la grande mostra veneziana sotto l’autorevole curatela di Vittorio Sgarbi, sta riscuotendo altissima risonanza mediatica, accorpando in formula di esposizione collettiva una pregiata e variegata serie di opere appartenenti a personalità di lustro internazionale, tra cui Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì, Pier Paolo Pasolini. L’evento, diretto dal manager produttore Salvo Nugnes, si svolge dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014 ed è accolto tra le sontuose mura di due magnifiche location di origine aristocratica, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich. Il noto pittore Nicola Sacco, che rientra nel novero esclusivo degli artisti ospiti, ha proposto per l’occasione delle interessanti creazioni pittoriche con ottimi consensi a suo favore.

Sacco rivolge sovente l’attenzione alla veduta naturalistica, contenente delle simbologie di matrice contemporanea, in un multiforme tracciato di sovrapposizioni di elementi figurativi e cromatici. La passione e l’amore per la natura e per l’ambiente territoriale circostante sono il filo conduttore di un percorso pittorico condotto in modo chiaro, lineare, preciso, armonico e ben fruibile per l’osservatore. Ogni opera riflette un proprio contenuto preciso in termini di significato e presenta una serietà e una disciplina nell’utilizzo sapiente e coscienzioso dei colori e dei giochi plastici, sinonimo di una ricerca visionaria condotta dentro i binari di un’esperta e bilanciata conoscenza degli scenari riprodotti.

Su di lui è stato commentato “Tramite le sue narrazioni visive proietta l’osservatore in un mondo assai variegato e ricco di colori. Il linguaggio cromatico davvero ricercato le tematiche di rilievo ne evidenziano l’indole dall’intenso spessore. È riuscito ad elaborare una segnica assolutamente personalizzata, avvalendosi soprattutto di tonalità e sfumature calde e avvolgenti. La luce domina sull’oscurità, che viene solo accennata, ma le tenebre e il buio scompaiono. Le tele sono strumento per esprimere e divulgare profondi sentimenti emozionali, di cui sacco diventa portavoce con la propria ricerca stilistica”.

No Comments
Comunicati

Note magiche e surreali nelle opere di Alessandro Serra alle mostre “Spoleto incontra Venezia”


La grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” a cura di Vittorio Sgarbi ha inaugurato con ottimi riscontri in data 27 Settembre nella suggestiva Venezia e resterà allestita fino al 24 Ottobre 2014. L’esposizione diretta dal manager produttore Salvo Nugnes è racchiusa tra le secolari strutture nobiliari di Palazzo Falier e Palazzo Rota-Ivancich nel fulcro della città lagunare e accoglie le creazioni di nomi altisonanti tra cui Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì. Il giovane pittore di talento Alessandro Serra è stato scelto per esporre accanto a questi importanti personaggi, ottenendo lodevoli consensi con la sua arte ispirata da magiche atmosfere fiabesche, di matrice surreale e onirica.
Su di lui è stato dichiarato “Tra le atmosfere surreali e fantastiche si mescola il desiderio fantasioso di descrivere e raccontare la gioia di vivere, la forza della vita, raffigurata da una dimensione simbolica in cui tutto appare sublime e leggero, ogni peso e scansione cronologica viene annullata, ponendo soggetti, cose ed elementi su uno stesso piano in condizione di atemporalità. Spunti ironici e grotteschi si fondono all’interno delle scenario come metaforiche proiezioni interiori dell’uomo. Serra trasforma la realtà per facilitarne l’approccio e agevolare l’osservatore a identificarsi in essa, mettendosi anche in discussione. Vuole trasmettere un messaggio di serenità da costruire pensando positivamente, con un ritorno allo spirito di fanciullezza, che apre la strada verso un allegro carico di energia nel rapporto tra l’Io e il mondo circostante e al contempo è intriso di forti e radicati meccanismi introspettivi di coscienza”.
In Serra convivono lo studio della tradizione pittorica classica dei grandi maestri con uno faccettato tessuto iconografico, in cui si inseriscono tutte le componenti tipiche del surrealismo, permeate da una costante ricerca di effetti sorprendenti e inaspettati e caratterizzati dalla presenza di figure elaborate con pennellate pazienti e ben definite, esaltate dal raffinato gioco di luci e chiaro-scuro, tra echi di Dalì e Magritte e rimandi metaforici e allegorici.

No Comments
Comunicati

Claudio Scandura propone i suoi lavori alla grande mostra curata da Sgarbi a Venezia


Esposizione imponente quella allestita in occasione della grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” che si svolge dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014 nella magica atmosfera di Venezia tra le mura di due dimore istituzionali di origine aristocratica, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich. La curatela è affidata al professor Vittorio Sgarbi con la gestione organizzativa del manager produttore Salvo Nugnes. Tanti i protagonisti illustri, tra cui Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì. Il talentuoso pittore Claudio Scandura scelto nell’esclusiva carrellata di nomi di prestigio, ha riscosso forti elogi di consenso per le creazioni esposte.
L’arte di Scandura è assai attenta alla qualità della resa, mai fatta di getto e per puro istinto. Le opere sono preparate a monte con misura e cura certosina. Nascono da idee e ispirazioni mentali per rievocare un paesaggio, una figura, un volto, una scena di vita. Talvolta, lo sfondo funge da protagonista nella composizione e allora tutto si adatta per darne il massimo risalto scenico. Tramite l’uso dei colori parla, racconta allo spettatore in modo chiaro e comprensibile, perché l’arte va condivisa con tutti. Il suo fare arte è espressione sublime della vita, ricerca del bello e dell’armonioso, ricerca di se stesso nell’atto creativo.
Sull’ispirazione portante che lo guida dice “Un’opera nasce dall’idea di rappresentare un paesaggio, una raffigurazione umana, una scena di vita quotidiana. Inizio un’opera con l’intento primario di raccontare qualcosa alla gente con i colori e cerco di farlo affinché chiunque osserva possa comprendere appieno il significato sotteso impresso sulle tele”. E aggiunge “Non dipingo mai per puro istinto gestuale. Prima procedo a squadrare la tela, poi eseguo il disegno base, quindi inizio a dipingere come se fosse un puzzle da comporre gradualmente. Quando la colorazione di base è completa nella stesura passo ai chiaro scuri e alle sfumature tonali, che amalgamano e armonizzano l’insieme compositivo”.

No Comments
Comunicati

Hotel Abano Terme


Le Terme Euganee si snodano nella val Padana e sono uno dei punti più importanti per quanto riguarda la terme. In particolare Abano Terme, con i suoi Hotel, è il punto ideale per vivere dei meravigliosi momenti coccolati da massaggi rilassanti, trattamenti di bellezza e dall’acqua delle terme.

Ma la posizione geografica di Abano Terme non è l’ideale solo per la natura e le terme, da essa, appoggiandosi all’Hotel Terme Internazionale, è facile, infatti, raggiungere in poco tempo alcune tra le più belle città del Nord Italia, come la romantica Venezia, coi suoi canali, il Ponte dei Sospiri e le caratteristiche gondole, o ancora Verona, gioiello architettonico d’epoca romana, celebre per l’Arane in Piazza Bra e ai tanti spettacoli che ancora oggi vi ospita, e poi ancora Vicenza, inscritta tra i patrimoni Unesco per la magnificenza delle sue ville palladiane e per la Basilica, la più bella testimonianza d’architettura cinquecentesca.

Ti aspettiamo ad Abano Terme per la tua vacanza nel nostro Hotel 4 Stelle Abano Terme, unica nel suo genere.

L’Hotel ad Abano Terme, Hotel Terme Internazionale, grazie ai numerosi servizi termali che offre abbinati alla qualità 4 stelle della struttura è di certo la location perfetta per vivere una Vacanza Benessere ad Abano Terme, approfittando del massimo della convenienza grazie ad esclusive last minute ad Abano Terme, con soluzioni a pensione completa

No Comments
Comunicati

Hotel Garni da Vito – Hotel economico Jesolo


Siamo un hotel economico aperto tutto l’anno, un hotel economico Jesolo , con servizio di camera e colazione (B&B) con giardino e parcheggio, fuori città a 2 km dalla spiaggia.

L’hotel economico è anche un ottimo posto per chi ama le escursioni e i giri in bici. Infatti potrai anche prendere la bici e fare un giro nella bellissima laguna di Venezia, vedendo la tipica flora e fauna che la caratterizza. Porta la tua macchina fotografica e non lasciarti scappare gli angoli più belli della languna veneziana.

Infatti dal nostro garnì si può raggiungere facilmente Venezia (in poco più di un’ora di viaggio), le isole della laguna e scoprire l’entroterra jesolano. Vedi la pagina riservata alle escursioni.

Sei a Jesolo per una vacanza che lasci il segno? Vieni a trovarci nel nostro hotel economico Jesolo. Siamo collocati in una posizione ideale per chi vuole raggiungere facilmente Venezia o semplicemente per chi ama la bici e la natura e vuole avventurarsi nella bellissima campagna e laguna Veneziana. Un panorama unico nel suo genere, vicino alle valli e poco distante dalla spiaggia vi aspetta.

No Comments
Comunicati

Effetti Collaterali – eventi documentaristici e di video arte – teatro

“EFFETTI COLLATERALI”

Eventi collaterali alla mostra collettiva

“Analisi Illogica”

Progetto di Silvia Cicio per

Soqquadro

http://associazionesoqquadro.wordpress.com/

 

11/ 31 ottobre 2014.

 

Evento inserito nella

Giornata del Contemporaneo di

A.M.A.C.I.

Ass. Musei di Arte Contemporanea Italiani

http://www.amaci.org/gdc

 

 

In occasione della mostra “ Analisi illogica” presso la Casa Internazionale delle Donne a Roma in via della Lungara 19, che vede la partecipazione degli artisti: Daniela Boccaccini, Michele Caria, Linda D’Arrigo, Michele Franceschini, Marilena La Mantia, Maria Carla Mancinelli, Flavia Manfroncelli, Giovanni Mangiacapra, Cinzia Munari, Maurizio Piccirillo, Anna Pichierri, Franco Pompei, Elisabetta Pogliani,  Paolo Schifano, Scegle, Angela Scappaticci, Gloria Tranchida, verranno presentati degli eventi collaterali a cura di Anna Di Matteo, dal titolo: “Effetti Collaterali”.

 

Presentazione degli Eventi:

Lunedì 20 ottobre dalle ore 17:00 alle ore 19:00, partecipazione del Collettivo/Laboratorio Artistico Indipendente Colectivo Fujakkà con la proiezione del documentario “Ahora, no aquí” girato per i quaranta anni dal Golpe militare in Cile.

Il documentario si inserisce bene nelle dinamiche e nelle politiche della Casa Internazionale delle Donne che ospita questa mostra dando voce in particolare a testimonianze al femminile. Getta una luce sul significato della memoria, sull’importanza del ricordare, anche quando farlo è doloroso.

 

Giovedì 23 ottobre dalle ore 17.00 alle ore 19.00 videoinstallazione “Una donna dorme” di Leo Canali. L’opera è progettata site-specific, con la partecipazione della performer Federica Lenzi. “Ci assentiamo nel sonno, e dove andiamo? Questo giacere tra lenzuola come un riposare tra lembi di carne, un grembo che fu di nostra madre e nostro. Luogo che abbiamo abitato. Luogo abbandonato per un nome solitario. Che queste lenzuola ne facciano il verso? Torniamo mai laggiù? “

 ( L.Canali).

 

L’idea è creare degli effetti collaterali a una mostra come Analisi Illogica, centrata  sull’analisi della comunione dell’estro istintivo e del lavoro razionale, entrambi familiari al genio artistico.

 

Gli effetti collaterali sono un’altra faccia della stessa medaglia.

 

Analisi Illogica è tutto ciò che attraversa l’Analisi delle realtà della nostra esistenza, innumerevoli sono le “analisi illogiche” o irrisolte che segnano la storia, ma anche quelle che rappresentano gli strati più reconditi dell’inconscio umano analizzandone si la realtà, ma nel suo mistero, nelle sue contraddizioni.

 

Tutto questo sono gli eventi collaterali che contribuiranno ad allargare i linguaggi artistici presentati alla mostra, in una comunione con le arti elettroniche.

 

20 OTTOBRE ORE 17:00/19:00: Colectivo Fujakkà: “Ahora, no aquí”.

23 OTTOBRE ORE 17:00/19:00 : Leo Canali: “ Una donna dorme”, performer: Federica Lenzi.

 

Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, Roma.

Orari di apertura della mostra dal lunedì al venerdì 9.00/19.00, sabato 10.00/13.00.

Giorni di chiusura la domenica e il 24 ottobre

 

Info: [email protected] – cellulare 333.7330045 ; 

[email protected] – cellulare 3481651528.

No Comments
Comunicati

Prima il piacere… poi il piacere: selfie e bonus con Moby


L’estate è tempo di mare, sole, vacanze e… selfie! La moda del momento è adottata da tutti: chi non vuole immortalare se stesso e lo scenario che lo circonda? Chi non vuole mostrarsi partecipe dell’avventura che sta vivendo?

 

Deve essere proprio questo ciò che ha preso in considerazione la compagnia Moby, che con l’iniziativa Selfie on board  ha pensato di premiare tutti coloro che invieranno le foto scattate a bordo della sua flotta durante le ultime vacanze, donando 250 punti  agli iscritti Moby Club

 

MOBY Club è un programma fedeltà dedicato ai clienti MOBY “. Per partecipare basta compilare il form online su www.moby.it. L’iscrizione al Moby club è gratuita e si possono accumulare da subito i punti.

 

A cosa servono i punti Moby Club? È semplice: raggiungendo un determinato punteggio sarà possibile ottenere alcuni premi davvero interessanti, che vanno dalla singola tratta completamente gratuita per due persone con auto verso Sardegna, Corsica ed Elba.

 

Sarà possibile inviare selfie scattati su una dei 5 fast cruise ferry  della flotta Moby (traghetti veloci di ultima generazione con servizi di alto livello; a questa categoria appartengono Moby Aki, Wonder, Tommy, Drea, Otta), sui due ferries “classici”, cioè il Vincent e il Corse, o sui traghetti che coprono le rotte brevi – parliamo di Moby Ale, Love, Baby, Lally, Giraglia e Bastia.

 

A proposito di flotta, è interessante segnalare come dal sito Moby sia possibile effettuare un tour virtuale dei fast cruise ferrie: ponte superiore, aree interne (ristoranti, bar, sala bambini, caffetteria e pizzeria), aree di riposo (cabine standard e junior, punto informazioni, sala poltrone) si sveleranno di fronte ai vostri occhi… e potrete dare un’occhiata anche alla sezione garage, se lo desiderate. È chiaro che utilizzando uno strumento come il Tour Virtuale potrete visitare la nave che desiderate prenotare scoprendone i vantaggi e le peculiarità: ottimo conoscere prima ciò che incontrerete, non è vero?

 

Per maggiori informazioni sull’iniziativa Selfie On Board, per saperne di più sul Moby Club, per dare un’occhiata alla flotta al completo o per effettuare tour virtuali, vi consigliamo di visitare il website ufficiale di Moby all’indirizzo www.moby.it

No Comments
Comunicati

Gran Tour in Irpinia: domani a Bagnoli Irpino l’ultima tappa


“Sfida di soddisfazione al Tartufo Nero al cospetto del Vescovo Ambrogio Salvio” è il titolo dell’ultimo appuntamento dell’evento itinerante “Un Gran Tour in Irpinia lungo sei secoli tra storia, tradizioni ed enogastronomia”: protagonista il tartufo nero.

Termina l’attesa per l’ultima tappa dell’evento itinerante “Un Gran Tour in Irpinia lungo sei secoli tra storia, tradizioni ed enogastronomia”, finanziato nell’ambito del PSR Campania 2007/2013 – Interventi cofinanziati dal FEASR, Piano di Sviluppo Locale del GAL IRPINIA – MISURA 313 “Incentivazione di attività turistiche”, che animerà, domani sabato 18 ottobre, il centro storico del Comune di Bagnoli Irpino. La kermesse conclusiva del lungo percorso di eventi cominciato a luglio, dal titolo “Sfida di soddisfazione al Tartufo Nero al cospetto del Vescovo Ambrogio Salvio”, avrà inizio alle ore 19,30. Protagonista sarà la figura del Vescovo Ambrogio Salvio, nato proprio a Bagnoli Irpino nel 1491 e grande esponente del panorama religioso e teologico del 1500. Durante una cena-spettacolo in abiti d’epoca indossati da figuranti locali, saranno riproposte le vicende salienti della vita del vescovo, giunto in visita alla sua Bagnoli desideroso di provare ancora una volta le delizie locali a base di tartufo nero. Sarà proprio questo prodotto tipico, l’eccellenza abbinata alla persona di Ambrogio Salvio secondo la formula consolidata del Gran Tour in Irpinia, il cui scopo è accendere i riflettori sulle storie e sulle eccellenze eno-gastronomiche dei borghi del Terminio-Cervialto, in un connubio di sapori e saperi che regaleranno un’esperienza nuova e coinvolgente. Al pregiato tartufo nero sarà anche dedicata la quinta edizione dell’Anteprima della Mostra Mercato del Tartufo Nero, l’evento che anticipa l’attesissima kermesse enogastronomica che si terrà dal 24 al 26 ottobre. La manifestazione, organizzata dal Consorzio Turistico Bagnoli-Laceno in partnership con la Pro Loco Bagnoli-Laceno e il Comune di Bagnoli Irpino e con la partecipazione di FISAR (Federazione italiana sommelier albergatori ristoratori), prevede un ricco programma di eventi e degustazioni di piatti tipici della tradizione bagnolese abbinati ai vini più rappresentati del territorio irpino. L’evento proseguirà anche il giorno successivo, domenica 19, sempre con degustazioni e stand gastronomici. Ad arricchire la giornata vi sarà la Gara-Dimostrazione “Lancio o Ruzzola del Formaggio”, antica tradiione bagnolese del sec. XVI. A concludere l’esperienza della sesta tappa del Gran Tour in Irpinia vi sarà, inoltre, l’esposizione fotografica “Irpinia terra di: castelli, fede, gusto e sorgenti”, dedicata alla valorizzazione dei diversi aspetti del territorio irpino nella sua globalità e la possibilità di partecipare a speciali visite guidate gratuite ad alcune delle principali evidenze storico-artistiche di Bagnoli Irpino. Una due giorni da perdere per vivere il gusto e le tradizioni di una terra tutta da scoprire.

Tutte le info su: www.grantourinirpinia.it

No Comments
Comunicati

Fami Storage Systems comunica on line la data di consegna delle merci

Se una volta ci si appendeva al telefono o si restava in attesa davanti alla macchina del fax per conoscere la data di consegna di un ordine Fami Storage Systems, da qualche tempo ormai, il nostro ufficio spedizioni ha messo a disposizione dell’utente un servizio on line per sapere quando riceverà il suo acquisto di arredamenti industriali.

L’utilizzo del sistema informatico è davvero molto efficace: non soltanto ottimizza l’interscambio dei dati fondamentali per l’evasione dell’ordine tra ufficio vendite e cliente finale ma è soprattutto comodo e semplice da fruire.

Il cliente, che avrà ricevuto per email la conferma d’ordine riepilogativa dei “termini del contratto d’acquisto” (data di consegna, condizioni commerciali, quantità di merce da fornire, condizioni di resa ed elenco di documenti allegati alla fornitura), scrivendone il numero nell’apposita casella, saprà immediatamente la “Data di spedizione confermata“.

Attenzione, però! Avrete la risposta solo dopo tre giorni lavorativi dal ricevimento della conferma d’ordine, mentre la merce arriverà a destino un paio di giorni dopo la data di spedizione confermata, condizione soggetta anche ai tempi di trasporto del vettore.

Controlla subito a che punto è il tuo ordine Fami Storage Systems!

 

 

No Comments
Comunicati

V8 Serramenti presenta: finestre in legno a vetrata integrale, esclusività a risparmio energetico


16/10/2014 – BRESCIA. La V8 Serramenti di Brescia sta presentando proprio in questo periodo un prodotto esclusivo, una vera e propria chicca recentemente aggiunta al suo già ampio carnet di prodotti disponibili.

La caratteristica principale di tale prodotto, sotto l’aspetto commerciale, è l’eccellente rapporto qualità/prezzo perché non si tratta affatto di un serramento come tutti gli altri: unisce una tecnologia di avanguardia alla semplicità nel design ma anche a un’immagine di classe moderna armonizzata con la massima funzionalità ed efficienza energetica.

Si tratta di un sistema di serramento (finestra, portafinestra o finestrone scorrevole) in legno lamellare a vetrata integrale, così composto:
– telaio maestro in legno lamellare, spessore anta mm 82;
– tripla guarnizione di tenuta termo-acustica;
– vetro strutturale (spessori fino a mm 33);
– montanti vetro e rivestimento esterno in alluminio.

Il sistema ha una completa conformità certificata alle normative europee vigenti.

La resa estetica è di prim’ordine: dall’esterno la struttura appare in linea con le più recenti tendenze architettoniche, il design è pulito e razionale, ma dall’interno il serramento conferisce l’eleganza, il calore e il pregio del materiale più classico di sempre: il legno (in varie essenze a disposizione).

Le prestazioni sono eccellenti: isolamento acustico pari a -42 dB, isolamento termico (Uw) fino a 1,25 W/m2K.

Un fattore da non trascurare è quello delle opportunità di sconto fiscale:  infatti, fino al 31 Dicembre prossimo sarà ancora possibile effettuare lavori di riqualificazione energetica degli edifici usufruendo della detrazione IRPEF del 65%, ossia l’ormai popolarissimo “ecobonus” o “sconto fiscale per risparmio energetico”.

Per il momento, malgrado le rassicuranti dichiarazioni rese la scorsa settimana dal ministro Lupi, il governo non ha ancora confermato con certezza che sarà prorogata la validità della detrazione per gli anni successivi. Per il momento, nel 2015 l’agevolazione calerà a quota 50%, dopo di che (dal 1° Gennaio 2016) scenderà definitivamente al 36%, equiparata quindi al “vecchio” bonus ristrutturazioni.

È proprio il caso di affrettarsi, quindi, con le richieste di preventivo per fare i conti e capire come sono i prezzi e se si dispone di un budget sufficiente ad affrontare una tale spesa: i tempi di consegna non sono mai immediati e il periodo di elevata richiesta può comportare un certo rallentamento nelle procedure commerciali.

Buona idea, quindi, richiedere un preventivo per sostituire gli infissi in casa propria: il servizio è gratuito e non comporta alcun impegno: si richiede un sopralluogo oppure si fissa un appuntamento per una visita in negozio, e il gioco è fatto. Con le misure e una scelta della tipologia di serramento più adeguata, in pochi giorni l’offerta è pronta e si può cominciare a fare tutte le valutazioni del caso sul budget, la tempistica, la qualità, ecc.

V8 Serramenti è attiva in tutta la Lombardia e oltre, con opere realizzate non solo a Brescia, limitrofi e provincia, ma fino a Piacenza, Mantova, Verona e Bergamo: preventivi e sopralluoghi sono gratuiti e senza impegno, pertanto è possibile ottenere gratis una quotazione o fissare un appuntamento per una visita in loco e un’offerta su misura.

oOo

Per ulteriori informazioni:

V8 Serramenti – Poncarale (BS)

Tel: 030/2701331 – 335/349917
Fax: 030/6399210
Internet: http://www.serramenti-brescia.com
Facebook: http://facebook.com/serramentieinfissi.brescia
Twitter: https://twitter.com/serramentiporte

 

No Comments
Comunicati

La piattaforma Topcar e la scoperta di Original Birth S.p.a.

  • By
  • 17 Ottobre 2014


Navigando navigando, per le lande, desolate o meno, del web si scoprono cose interessanti. Si può arrivare, partendo da tutt’altra ricerca iniziale, e seguendo i suggerimenti di Big G Google, a siti dei quali non si sospettava l’esistenza. Anche perché tenere un conto di tutti i siti è esercizio inutile e sterile, stante la grande variazione che c’è, giorno per giorno.

Ed è così che sono capitato per caso sul portale Topcar. E siccome sono un appassionato di auto, e motori più in generale, ho cominciato a dare una scorsa in giro. Ed è in questo navigare che ho appreso di come tale portale rappresenti un importante punto di riferimento per quanti ruotano e orbitano intorno ai ricambi e agli accessori per auto e per l’automotive, con particolare riferimento alle nuove tendenze e ai nuovi prodotti.

Topcar collabora con prestigiosi marchi, internzionali o nazionali come http://www.topcaritalia.it/original-birth.php che ha rappresentato la seconda bella scoperta dopo il portale Topcar.

Già, perché attraverso Topcar ho potuto conoscere una realtà seria e competente come quella di Original Birth S.p.a., attiva da decenni nel settore, molto competitivo peraltro, dei ricambi auto e dell’automotive.

Una bella scoperta, perché questa impresa, dalla zona del casertano, tristemente nota per non essere affatto un fiorente distretto industriale, ha saputo crescere, espandendosi oltreconfine, con partnership molto prestigiose con marchi tedeschi, e anche oltreuropa, con particolare riferimento ai nascenti e crescenti mercati asiatici.

Insomma, come si suol dire, due piccioni con una fava.

Navigando in cerca di non so cosa, sono venuto a conoscenza di un portale ben fatto, funzionale e sempre aggiornato e di una realtà imprenditoriale di tutto rispetto che dal sud Italia ha saputo imporre i suoi prodotti in tutto il mondo.

 

 

No Comments
Comunicati

Il portale automotive retecivicom parla di Original Birth S.p.a.

  • By
  • 17 Ottobre 2014


Tra le vere novità del web, tra le grandi innovazioni di Internet, possiamo di sicuro annoverare la nascita e la crescita di piattaforme e luoghi d’incontro per gli appassionati di un settore.
Prima le newsletter, poi i forum, in seguito blog, social e piattaforme di aggregazione.

Un settore con molti appassionati; e con appassionati molto, molto competenti, al punto da scontrarsi su punti a volte anche futili, tirando su delle questioni per questione che a tutto il resto dell’universo potrebbero sembrare irrisorie o prive di importanza.

Insomma, l’universo degli appassionati d auto e motori non è affatto molto diverso dai siti, dai forum e dai blog frequentati da persone che siamo solite definire nerd.

Per redimere le questioni, gli appassionati si rivolgono a siti reputati e considerati molto, molto attendibili. Tra questi siti/portali possiamo di sicuro annoverare http://automotive.retecivicom.it/original-birth-spa/, una piattaforma molto considerata, arricchita anche da numerosi comunicati stampa, che rendono edotti gli appassionati in merito alle ultime novità del mondo dei motori e dell’automotive.

La piattaforma funge anche da motore e volano pubblicitario per le imprese che, a vario titolo, e indipendentemente dalla grandezza dell’impresa stessa, ruotano e orbitano intorno al settore dei motori e dell’automotive. Un settore, come tutti sanno, talmente strategico che anche il Presidente Obama ha deciso di puntare sul settore per cercare di rilanciare l’economia del Paese.

Ed è su sul portale automotive retecivicom che si può arrivare ad apprendere, con piacere, di imprese e realtà industriali come quella di Original Birth S.p.a., una impresa campana che, nel giro di alcune decadi, è riuscita a imporsi prima in Italia, poi in Europa, con partnership prestigiose con marchi di vaglia tedeschi. E infine, nell’attuale mondo iperblobalizzato, Original Birtth S.p.a. ha saputo ritagliarsi un ruolo anche nei mercati emergenti dell’Asia.

Una bella storia, quella di Original Birth S.p.a.
E tutta italiana.

No Comments
Comunicati

La qualità Original Birth S.p.a. è anche sulla Pagine Gialle

  • By
  • 17 Ottobre 2014


C’è stato un tempo nel quale dei ragazzi bussavano alla porta e ci consegnavano due elenchi: l’elenco telefonico, non di Atlantide (come in un famoso romanzo) ma della nostro provincia; e le pagine gialle, utili per cercare imprese, negozi, professionisti e servizi in genere.
Nelle pagine gialle ci si trovava di tutto, dal principe del foro al giardiniere, dalla multinazionale al negozi alla ferramenta sotto casa.

E’ da tanto che le pagine gialle non arrivano più, come carta, nelle case degli italiani, anche perché non tutti hanno più il contratto con la Tim, ex Telecom ed ex Sip.
Ma le Pagine Gialle (con la maiuscola, questa volta) non sono affatto andate in pensione. Hanno cambiato forma, medium e dalla carta sono passate al ben più immateriale etere.
Ed è stato proprio sfogliando online il sito delle pagine gialle che mi sono imbattuto in Original Birth S.p.a. http://www.paginegialle.it/villaricca-na/ricambi-auto/original-birth .

Una piacevole scoperta e sorpresa, invero.

Il nuovo formato delle pagine gialle consente un maggiore spazio per inserzioni, una pubblicità più mirata e una certa facilità di navigazione. Il sito è, come si dice in gergo, molto, molto user friendly, e consente pertanto una facile consultazione e una navigazione intuitiva che aiuta di molto l’utente nella ricerca delle informazioni.

La facilità e l’immediatezza consente anche la scoperta di importanti realtà imprenditoriali come Original Birth S.p.a., una impresa seria, con idee ben precise e con una tecnologia, nel settore dell’automotive, assolutamente all’avanguardia.

Una impresa, Original Birth S.p.a. che da Pignataro e Villaricca, in Campania, ha saputo ritagliarsi un ruolo nel mercato globale dei ricambi auto e dei prodotti per l’automotive.
Una bella soddisfazione, tutta Made in Italy.

No Comments
Comunicati

Case storiche in vendita sul web: da Pellico a Bellini passando per Goethe e Voltaire


Dalla villa di Scandicci, alle porte di Firenze, che fu dimora di Napoleone e Paolina Bonaparte, all’appartamento di Rivoli, appena fuori Torino, che fu la casa di Giovanni Giolitti: sono decine le case storiche in vendita sulle pagine di Immobiliare.it (http://www.immobiliare.it) che da Positano a Lecco, passando per Roma, Milano, Alessandria, Lucca e molte altre zone del nostro Paese raccontano momenti e personaggi importanti della storia italiana e non solo.

A Camerano Casasco, in provincia di Asti, è in vendita, con prezzo riservato, l’imponente Palazzo signorile appartenuto alle famiglie Del Carretto, Asinari di Bernezzo e ai Conti Balbo, che ospitò Silvio Pellico nel periodo in cui scrisse Le mie prigioni.

Continuando nel filone filosofico e letterario e senza spostarsi dal Piemonte, a Rivalta Bormina (Alessandria) è in vendita la casa d’infanzia di Norberto Bobbio, che lui amò particolarmente e a cui erano legati i ricordi più belli della sua gioventù (490.000 euro la richiesta). Ad appena 7 chilometri da Lucca, invece, è in vendita la villa, un tempo di proprietà della famiglia Licchesini, che ospitò Voltaire e Goethe durante alcuni dei loro soggiorni italiani (prezzo su richiesta) mentre a Collazzone (Perugia) si possono acquistare gli appartamenti ricavati all’interno del convento che Jacopone da Todi scelse come sua ultima dimora. In Sicilia, e più precisamente a Caltagirone, in provincia di Catania, è in vendita per 500.000 euro la villa del filosofo Pasqualino Fortunato che amava trascorrervi le vacanze assieme all’amico Leonardo Sciascia. Ultima, ma non meno importante, la casa natale del futuro cardinale Angelo Mai, cui Giacomo Leopardi dedicò alcuni dei suoi versi più famosi: in questo caso l’immobile si trova a Schilipario (BG) e si può acquistare per appena 125.000 euro.

Molte anche le opportunità per gli appassionati di storia e politica: su Immobiliare.it sono in vendita la casa di Rivoli (TO) dove abitò Giovanni Giolitti (249.000 euro), quella di Milano che Maria Teresa d’Austria scelse come sede dei suoi salotti culturali (prezzo su richiesta), la villa di Scandicci (Firenze) dove soggiornarono Napoleone e Paolina Bonaparte e in cui, ancora oggi, si conservano le vasche da bagno dell’epoca (2.800.000 euro la richiesta) e quella di Viareggio (Lucca) dove erano soliti passare le vacanze Galezzo Ciano, Edda Mussolini e la loro famiglia (prezzo su richiesta).

Alquanto nutrito anche il gruppo delle dimore legate ad artisti che, in epoche diverse, hanno lasciato il segno nella storia. A Roma, per 6.500.000 euro, si può comprare un appartamento di 500 metri quadrati al piano nobile del palazzo del famoso Marchese del Grillo. Nello stesso stabile si trova, ma non in vendita, quello che fu lo studio di Renato Guttuso, oggi sede degli archivi dell’artista. Sulle sponde del lago di Como, più precisamente a Montarsio, è in vendita (prezzo su richiesta) la villa che fu alcova di Vincenzo Bellini e della sua amante Giuditta Pasta i quali, al riparo da occhi indiscreti, vissero in questa casa la relazione adulterina che li legò per anni. Sempre in Lombardia, più precisamente ad Imbersago (Lecco) è invece in vendita per 5.000.000 di euro una villa storicamente rilevante per diversi motivi, non solo perché conserva intatta, unica in regione, una torre di avvistamento risalente al periodo delle lotte fra Guelfi e Ghibellini, ma anche perché fu dimora di Leonardo da Vinci negli anni in cui il grande genio toscano progettò il traghetto che ancora oggi unisce le due sponde del fiume.

Esistono anche immobili che, indipendentemente dai loro occupanti, hanno un valore storico notevole per via degli eventi di cui furono scenario. Fra questi è da evidenziare il castello medievale di Tuoro sul Trasimeno (Perugia) che se oggi si trova al confine fra Umbria e Toscana e che, nei secoli scorsi, segnava il passaggio dallo Stato Pontificio al Granducato di Toscana e, in virtù di ciò, ebbe un’enorme importanza strategica. È in vendita a Firenze, invece, un appartamento all’interno di Palazzo Bardi, tanto famoso da essere sui libri di storia: si tratta di un edificio quattrocentesco progettato da Brunelleschi e ristrutturato qualche anno fa. La sua fama è legata a quella della Camerata fiorentina, collettivo di intellettuali e musicisti che qui nacque per volere del conte Bardi e che qui mise in scena il primo melodramma, il canto dantesco del conte Ugolino, musicato da Vincenzo Galilei, padre del più noto Galileo.

Dalla lirica al cinema per gli ultimi due immobili di questa carrellata: il primo (65.000 euro, da ristrutturare parzialmente) si trova ad Orte, in provincia di Viterbo, ed è la casa natale di uno dei personaggi più importanti della settima arte italiana, Filoteo Alberini. Questi non solo fu il produttore di Quo Vadis, ma addirittura inventò, un anno prima dei fratelli Lumière, il kinetografo, un apparecchio per la ripresa e la proiezione il cui brevetto, per un intoppo burocratico, arrivò appena dopo quello della macchina dei fratelli Lumière. Conserva tutt’oggi una targa commemorativa anche la villa di Positano (Salerno) del poeta Cesare Giulio Viola in cui sbocciò la passione fra la città campana e Vittorio de Sica, da allora assiduo frequentatore di questi luoghi. Attenzione però, se vorrete diventare i nuovi proprietari di questo immobile di oltre 1.000 metri quadri a picco su uno dei mari più belli d’Italia dovrete sborsare ben 11.000.000 di euro. Anche la storia, immobiliare, ha il suo prezzo.

No Comments
Comunicati

CON “IL PARADISO IN ME” TORNANO GLI ASSAFA’ TRE BRANI E UN VIDEOCLIP, PER GIOCO E AMORE!


Continua la bella favola di Alessandro Gallieri e Antonio Russo, musicisti e produttori dilettanti, ma a regola d’arte. I proventi destinati alle suore missionarie della “Casa d’Accoglienza Madre Serafina Farolfi”!

Questa è una bella storia. Anzi, una dolce, allegra, originale e bizzarra favola dei tempi nostri che ci piace raccontare perché mescola amore, altruismo, solidarietà, con il condimento della passione musicale. Prima, come si conviene, la notizia che offre lo spunto per questo racconto.

Eccola.

Da oggi, su YouTube, sarà possibile trovare e visionare il videoclip del brano “Il Paradiso in me” per l’omonima ballata romantica – che parla di Amore Vero, sublime, eterno ed etereo – e dei loro protagonisti, il gruppo bolognese Assafa’. Gruppo nel senso di due persone, due inguaribili ottimisti e generosi amici come Alessandro Gallieri e Antonio Russo. Il nome che si sono dati, Assafa’, è la contrazione di un modo di dire napoletano, molto popolare e tanto significativo: “Assa fà a Maronna“. E loro, Alessandro e Antonio, si affidano, lasciano fare e quello che sono riusciti a costruire è tutto in questa favola moderna. In parte già raccontata qualche mese fa, ma che continua a crescere e a moltiplicare iniziative, attenzioni, amore e armonie.

Alessandro e Antonio i sabati pomeriggio li dedicano alla parrocchia bolognese di San Domenico Savio e alla “Casa d’Accoglienza Farolfi”, dal nome di Madre Serafina Farolfi, fondatrice della Congregazione delle sorelle Clarisse Francescane Missionarie del Santissimo Sacramento, con casa generalizia a Bertinoro (Forlì), recentemente beatificata da Papa Benedetto XVI. A “Casa Farolfi“, in via della Torretta, trovano ricovero, ospitalità, assistenza ragazze madri e bimbi abbandonati. E qui entrano in scena i Nostri amici, che si autoproclamano “missionari delle cose inutili” e fanno musica per i ragazzi con il Metodo Music Togheter, di cui sono docenti certificati.

Nasce così l’idea di realizzare, un po’ per gioco, un po’ per raccogliere fondi per aiutare le sorelle missionarie a costruire due case in Romania. “Il coraggio del fiore“, semplice, gioioso, solare che ha il pregio di essere orecchiabile, di restare in testa e con la voglia di canticchiarlo, con un sorriso e tanto buonumore, è il primo brano degli Assafa’. Il gioco continua ed ecco “Il Paradiso in me” (quello che dà il nome al videoclip), seguito a ruota da un terzo brano, “Di ritorno (La Commedia)” ispirato dal capolavoro del Sommo Dante. Ce n’è abbastanza per un disco, un EP, che fatalisticamente prende il nome di “Sarà!“. Sorpresa: in tempi magrissimi per la musica e la discografia, l’EP prodotto per gioco da musicisti appassionati ma pur sempre dilettanti, in poco tempo vende quasi mille copie e incassa un bel gruzzolo di 5.504,40 euro. Tutti contati fino al centesimo e prontamente devoluti alle case rumene delle nostre sorelle missionarie. Il passo successivo è questo videoclip: prodotto semplice, fatto sempre per gioco da due spensierati, allegri, generosi dilettanti. Ma con tutti i crismi del lavoro di qualità e a “regola d’arte”.

E chissà che, di “sarà!” in “sarà“, di gioco in gioco, dove arriveranno i nostri Assafa’. Di sicuro la loro favola continuerà. Come tutte le cose belle, pulite, appassionate, per chi vuole indossare occhiali rosa.

 

www.assafa.it

No Comments
Comunicati

Logrind: La rock band oristanese che mette tutti d’accordo

Grazie al sound coinvolgente e radiofonico, i Logrind si aggiudicano il primo premio Radio Contea 2014

Sono le 01.45 della notte del 5 Ottobre 2014 quando la band Oristanese sale al primo “gradino del podio”
dell’ambita manifestazione regionale dedicata alle bands emergenti, svoltosi in Sardegna lo scorso 4
ottobre.
I ragazzi, increduli e felici allo stesso tempo, raccolgono con orgoglio i complimenti di pubblico, giuria e
critica, determinati più che mai ad andare avanti in questo percorso musicale che è riuscito ad unire dei
ragazzi provenienti da differenti esperienze musicali.
L’esibizione dei Logrind si apre con Run Away, primo brano composto dalla band (ndr). Le Gibson Custom
ruggiscono e portano avanti un rock che si fa largo a spallate grazie alla carica di groove di cui l’intera setlist
è intrisa. L’esibizione live prosegue con il brano Waiting for your Call, attualmente in rotazione sulle
maggiori radio regionali di Italia.
Il pubblico risponde con entusiasmo, balla e canta mentre i Logrind proseguono come un treno sulle note di
If you wanna cry, brano rock rapido, al contempo introspettivo ma denso di significato, modellato da
arrangiamenti che non sono frutto del caso, ma dai quali traspare un lavoro importante, un progetto
rock/pop non scontato che ha il pregio di creare tensione emozionale fin dal primo ascolto.
Between us, “rock ballade” di carattere, estratta dall’EP Fired, presenta arrangiamenti live che riescono ad
accantonare per un momento la patina pop che i Logrind hanno deciso di dedicare al primo EP in studio.
Melodia, tensione e rilascio si fondono conducendo all’inedito Alive, singolo che precederà l’album della
band sardo-molisana.
Ai Logrind è stato spesso chiesto il perchè non abbiano deciso di scrivere i brani in italiano, quesito
ampiamente chiarito durante varie interviste alle radio regionali italiane. A parer nostro però, la miglior
risposta è stata “Se piangerai”. No, non è una ipotesi nefasta, semplicemente la “versione italiana” di “If
you wanna cry” che conferma la capacità del songwriter di fondere parole, melodia e metrica con
semplicità e gusto.
Il pubblico dei Logrind ne apprezza la vena creativa. Spesso paragonati a grandi band degli anni ‘90, hanno
sempre preferito declinare i paragoni, per quanto piacevoli possano risultare. Hanno più volte affermato di
volersi ritagliare un proprio stile, una propria identità all’interno di un panorama musicale emergente già di
altissima qualità, ed il brano di chiusura, l’inedito Dont’be afraid, ha avuto il pregio di saper unire pubblico
e giuria che all’unanimità hanno premiato i Logrind.
Per noi sono stati una piacevole sopresa, pertanto consiglio di seguirli sulle loro pagine social, perchè
sicuramente “qualcosa bolle in pentola”.

No Comments
Comunicati

Pulizia di uffici a Milano con la ditta di pulizie General Service


Stai cercando una ditta di pulizie a Milano alla quale affidare il compito di pulire la tua attività o il tuo ufficio? Vorresti trovare un’azienda seria e affidabile, capace di garantirti personale professionale e prezzi competitivi?
Tutto ciò sarà possibile se deciderai di prestare la tua attenzione a General Service, ditta specializzata nel settore della pulizia, che mette a disposizione della sua clientela differenti e utili servizi, svolti esclusivamente da personale qualificato e nel pieno rispetto dell’ambiente.
In particolare, fra le varie attività svolte dallo staff di quest’azienda, possiamo ricordare, oltre alla pulizia di uffici, abitazioni, negozi e/o scuole, anche la manutenzione di giardini, la gestione dei rifiuti tramite il servizio di rotazione sacchi e lo sgombro di garage, appartamenti e di qualsiasi altro locale.
Inoltre, in caso d’infestazione da insetti o parassiti, garantisce interventi mirati e risolutivi tramite l’utilizzo di prodotti specifici, fornendo anche validi consigli sulle procedure da adottare affinché questo spiacevole problema non si ripresenti.
Se desideri informazioni più dettagliate riguardo a uno specifico servizio o hai particolari esigenze, non esitare a prendere contatto con i responsabili aziendali. Li troverai disponibili e pronti a risolvere in modo professionale ogni tua esigenza.

No Comments
Comunicati

Perché siamo contrari al intervento di sbiancamento dei denti?

Con il processo di sbiancamento professionale i denti cambiano di colore (diventano più chiari) ma le otturazioni(o corone in ceramica) rimangono di colore invariato. Dopo un certo periodo di tempo (c.a. 6 – 12 mesi) il colore dei denti ritorna ad essere quello “originale”. Se quando abbiamo fatto lo sbiancamento abbiamo sostituito anche le otturazioni, il risultato al inizio è buono, visto che il colore delle otturazioni è stato adeguato al colore dei denti sbiancati. Dopo che passa l’effetto sbiancante, i denti ritornano ad essere di colore originale ma le otturazioni rimangono più chiare e iniziano a distinguersi dai denti. Nel caso contrario, quando le otturazioni sono state fatte adeguando il colore delle stesse al colore originale dei denti ancora non sbiancati, dopo lo sbiancamento queste iniziano a distinguersi visto che i denti diventano più chiari ma le otturazioni no. Perciò, lo sbiancamento può essere consigliato eventualmente a chi non ha delle otturazioni visibili anche se per altri motivi, non lo consigliamo a nessuno. Il costo dello sbiancamento corrisponde a 212,00 Euro (tutta la bocca) ma a nostro avviso è una spesa inutile.

Quello che suggeriamo a fare è la pulizia professionale con cavitron (ultrasuono) + sabbiatura. Questo intervento costa 55,00 Euro per tutto il cavo orale e già dopo di questo i denti sembrano molto più puliti, lucidi e chiari visto che viene tolta la colorazione avvenuta da fattori esterni (p.e.il fumo, vino rosso, cibo etc.).

Le altre soluzioni che si propongono per migliorare l’estetica dei denti oppure fare, come alcuni li chiamano dei “denti da VIP” sono i veneers. Questi sono dei gusci in porcellana integrale (empress) sottili come una unghia che vengono attaccati alla superficie anteriore del dente, formando dei denti di colore chiaro e di forma regolare. Questi interventi sono purtroppo molto costosi (300,00 Euro/dente).

http://www.dentisti-croazia-implantologia.it

No Comments
Comunicati

Plastici trenini: creazioni realistiche, affascinanti, esclusive firmate Arte del Treno.


Dall’incontro fra amore per il collezionismo ferroviario e arte del fai da te nasce l’affascinante mondo del fermodellismo, un hobby creativo, ricercato, esclusivo. Una passione non sempre semplice da soddisfare, legata a volte alla difficile ricerca di informazioni, accessori e materiali per la costruzione di un plastico o alla scelta complicata di trenini e automodelli da collezione. Artedeltreno.com nasce per soddisfare tali esigenze, quelle dei più esperti, mirate alla ricerca di prodotti particolari, di qualità e unici nel proprio genere e quelle di chi muove i primi passi verso il modellismo ferroviario. Un luogo di incontro tra vendita di articoli pregiati e guida alle tecniche di realizzazione artigianale dei plastici.

Punto di partenza è in ogni caso la scelta dei prodotti e dei materiali giusti, per risultati realistici e di qualità. Attraverso il negozio on line è possibile scegliere e ordinare diorami e plastici, accessori, plasticard e modellini da collezione dei più noti marchi del settore.

I plastici trenini nascono dalla profonda conoscenza del mondo del fermodellismo abbinata alle tecniche più sofisticate di lavorazione artigianale. Pezzi unici, in cui la cura e l’attenzione ai dettagli e ai particolari minuziosi fanno da padrone, rendendo le creazioni estremamente realistiche. Con finiture di alta qualità e materiali professionali, Arte del Treno riproduce infatti scorci di ferrovie note, anche su richiesta.
Su www.artedeltreno.com è possibile scegliere plastici e diorami completi sfogliando il catalogo o effettuare specifiche richieste su commissione.

Un servizio pensato per soddisfare in maniera totale le esigenze di collezionisti ed appassionati. Punto focale della mission dell’azienda, che abbraccia il mondo dedicato ai modelli da collezione in maniera globale. Lo fa attraverso la vendita di articoli non solo ferroviari, ma anche aerei, navali e automobilistici.

I modellini auto di Arte del Treno sono riproduzioni in scala dei modelli più rari, d’epoca o attuali. Pezzi unici da collezione dei marchi più noti del settore automobilistico: Fiat, Alfa Romeo, Mercedes, Audi, Porsche, Renault, Opel, Citroen, BMW. E non solo auto. Su www.artedeltreno.com la categoria automodelli propone un catalogo variegato con pullman, rimorchi, trattori e pezzi di ricambio come specchietti retrovisori o parafanghi.
Affascinanti, pregevoli e singolari invece gli articoli da collezione dedicati al modellismo statico navale, i velieri.

I velieri modellismo di Arte del Treno ripropongono momenti salienti della storia della navigazione. Galeoni, navi medievali, sottomarini, le caravelle, il Titanic, modelli in scala assemblati o forniti con apposito kit di montaggio. Un ottimo espediente per il tempo libero, per comporre in maniera autonoma la propria nave. L’occasione ideale per chi si avvicina da poco al mondo del collezionismo.

Arte del Treno offre un’ottica completa dell’affascinante settore. Un riferimento per la scelta degli articoli più particolari di modellismo, un punto di partenza per imparare l’arte del creare, un negozio di fiducia per la ricerca di materiali e accessori di qualità.

Visitate www.artedeltreno.com. Scoprite plastici trenini realizzati a mano in maniera realistica, diorami e modellini da collezione dedicati al suggestivo mondo del fermodellismo.

No Comments
Comunicati

Francesco Siclari impreziosisce con i suoi contributi artistici la mostra “Spoleto incontra Venezia”


All’interno dell’eterogenea vetrina internazionale della grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” a cura di Vittorio Sgarbi con la direzione del manager produttore Salvo Nugnes, sono raggruppate opere di rinomati esponenti del panorama attuale, come Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì. Le location predisposte per contenere la prestigiosa esposizione collettiva sono due importanti dimore nobiliari di Venezia, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich, visitabili a ingresso libero dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014. Nell’esclusivo contesto il noto scultore Francesco Siclari è stato scelto per presentare alcune interessanti creazioni artigianali di altissimo livello qualitativo.

Nel descriverne il virtuosismo ideativo è stato dichiarato “Siclari concepisce la scultura come fosse un racconto, che scaturisce dalla semplicità di sentimenti archetipi. È una scultura immediata, il cui processo creativo meditato intellettualmente, non deriva solo dalla necessità di rappresentare un progetto fissato su bozzetto. Le sue sculture sono l’equivalente di uno sgorgare di parole, di confidenze. Attraverso esse può comunicare i pensieri più intimi, che spesso rimangono imprigionati nelle contingenze del vissuto quotidiano. Modella la materia con plasticità restituendole lo spazio dimensionale di mimesi della realtà, a cui l’arte scultore si richiama da sempre”.

È un artista molto prolifico, che negli anni si è dedicato alacremente a un’attività densa di approfondimenti, stimolazioni visive e contenutistiche, restando sempre fedele alla propria linea di condotta, che consiste nell’individuazione di un filone di verismo attento alla dimensione della realtà, ma tradotto e riconducibile a un’autentica narrazione poetica, che lo influenza. È sostenuto da una tecnica formale avanzata, possiede strumenti espressivi ineccepibili, che nascono da un’istintiva e innata capacità elaborativa e da una padronanza acquisita e consolidata dall’esperienza teorica e pratica, oltre che dagli insegnamenti appresi dai maestri, che l’hanno preceduto. Si rende fautore di rappresentazioni stilistiche dalla massa materica corposa e densa, dai volumi pieni e ben marcati, che nel contempo offrono il plusvalore di prestarsi ad una multiforme interpretazione personale e soggettiva.

No Comments
Comunicati

Alessandro Testa: l’istintività dell’arte a “Spoleto incontra Venezia”


Il noto artista Alessandro Testa è stato intervistato in occasione della sua partecipazione alle grandi mostre “Spoleto incontra Venezia” curate da Vittorio Sgarbi e dirette dal manager Salvo Nugnes. L’esposizione è allestita fino al 24 Ottobre 2014, presso due storici edifici veneziani: Palazzo Falier e Palazzo Rota-Ivancich.

 

D: Per Lei l’arte è stata una valvola di sfogo nella Sua vita?

R: Sì. Non saprei più farne a meno.

 

D: A quale corrente artistica si ispira?

R: Non mi sono ispirato a nessuna corrente artistica, la mia pittura é  istintiva. Solo in seguito, da vari critici, il mio modo di pitturare è stato considerato affine a grandi pittori come Pollock e Tancredi, che nella mia ignoranza, non conoscevo.

 

D: Qual è l’emozione più forte che le ha dato creare una Sua opera?

R. Nel creare le mie opere provo sempre emozioni straordinarie. Non saprei dire quale sia stata la più forte. Di sicuro, per me, é sempre un crescendo.

 

D: Come concepisce l’arte?

R: L’arte, a mio parere, è potersi esprimere in tutti i modi, con libertà e senza condizionamenti.

 

D: Cosa l’ha spinta a dipingere?

R: Per molti anni, mi sono dedicato alla scultura in legno e bassorilievi in rame, poi, quasi improvvisamente, ho sentito la voglia  con la pittura di esprimere i miei sentimenti, la rabbia verso le ingiustizie, l’insoddisfazione e anche la mia gioia.

 

No Comments
Comunicati

No al lavoro nero: maxisanzione in mancanza di documentazione fiscale come prestazione occasionale.


Il Ministero del Lavoro ha chiarito che la maxisanzione per lavoro nero, in caso di prestazioni occasionali, non è applicabile se presente e recuperabile idonea documentazione fiscale.
Non si applica la maxisanzione se, in sede ispettiva, risulta che il datore di lavoro ha regolarmente versato le ritenute d’acconto con apposito modello F24, rilevato contabilmente l’operazione e ha assolto i relativi obblighi dichiarativi.

Al contrario La Direzione Generale del Ministero, in totale mancanza di documentazione, con la specifica circolare n. 38/2010, impone l’erogazione della severa maxisanzione.

Si ricorda inoltre che le prestazioni occasionali sono delle collaborazioni lavorative autonome; per tali motivi non prevedono l’apertura della partita IVA e possono essere utilizzate per qualsiasi tipo di lavoro.

Con la testimonianza della ricevuta della prestazione occasionale, il datore di lavoro verserà una ritenuta d’acconto sul compenso, pari al 20%, per conto dello stesso collaboratore occasionale.

Per approfondire prestazione occasionale

No Comments
Comunicati

La Fondazione Nando Peretti supporta i bambini sordociechi di CABSS Onlus


Roma – Roberto Wrth, Presidente del Centro Assistenza per Bambini Sordi e Sordociechi Onlus (CABSS), è lieto di annunciare la collaborazione con la Fondazione Nando Peretti per il periodo settembre 2014/settembre 2015. Nell’ambito della partnership, Roberto Wirth e la Fondazione offriranno un contributo che permetterà di avviare il programma di intervento precoce “Growing Step by Step. Multisensory Early Intervention for Deaf-blind Children”. Tale programma, unico in Italia, verrà attuato dai professionisti CABSS all’interno di un laboratorio multisensoriale dotato di strumenti e materiali altamente specializzati e innovativi.

 

I bambini sordociechi avranno l’opportunità di beneficiare di percorsi individualizzati nell’ambito dei quali, esposti ad una molteplicità di stimoli, rafforzeranno e sfrutteranno al meglio tutti i sensi e acquisiranno modalità comunicative adeguate alle loro esigenze.

 

Anche i genitori usufruiranno del programma di intervento precoce “Growing Step by Step”, attraverso un coinvolgimento attivo che permetterà loro di apprendere specifiche tecniche e modalità di interazione e comunicazione con i propri figli.

 

CABSS da anni si dedica al supporto dei bambini sordi e sordociechi, e delle loro famiglie, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo cognitivo, emotivo, socio-relazionale, comunicativo e linguistico dei piccoli.

La Fondazione Nando Peretti, da oltre 10 anni, opera in diverse parti del mondo supportando programmi volti a promuovere i diritti umani, la difesa e l’educazione dei bambini, la ricerca medica, la tutela del patrimonio culturale e artistico, la conservazione della natura e la tutela ambientale.

 

 

Per informazioni:

 

Stefania Fadda, Direttore CABSS e Responsabile del Programma “Growing Step by Step. Multisensory Early Intervention for Deaf-blind Children”

 

T. +39 06 89 56 1038

C. +39  331 85 20 534

F. +39 06 89 56 1040

E-mail [email protected]

www.cabss.it

No Comments
Comunicati

A LEZIONE DI EXPO AL MIP POLITECNICO MILANO

Primo incontro il 6 Novembre, con il Patrocinio di Expo 2015 SpA

AULA 01 MIP Politecnico di Milano

Campus Bovisa, Via Lambruschini 4C – Building 26A – 20156 Milano

Per il secondo anno, MIP, la business school del Politecnico di Milano, invita a partecipare al ciclo di incontri serali sul tema di EXPO2015, con il supporto dei Tavoli Tematici Expo di Camera di Commercio di Milano e con il Patrocinio di Expo2015 SpA. L’obiettivo è di valorizzare, attraverso le testimonianze di rappresentanti di EXPO Spa e delle aziende e organizzazioni coinvolte, le diverse prospettive da cui merita di essere approfondito ed analizzato un evento come EXPO 2015.
Di seguito gli appuntamenti previsti, con inizio alle 18:

  • 06 Novembre 2014 – Che cos’è Expo Milano 2015
  • 27 Novembre 2014 – Il Padiglione Italia: Il mondo produttivo e creativo italiano si mette in mostra
  • 18 Dicembre 2014 – Expo in città: eventi ed opportunità a Milano
  • 29 Gennaio 2015 – Incontri con gli Official Participants di Expo 2015: i padiglioni, le attività e le iniziative di internazionalizzazione
  • 26 Febbraio 2015 – Il Turismo in vista di Expo 2015
  • 26 Marzo 2015 – I Partner Expo 2015
  • 16 Aprile 2015 – Il Dopo Expo…?
No Comments