Daily Archives

13 Ottobre 2014

Comunicati

PRN: Far East Energy riceve l’approvazione per l’ODP “Road Pass”

Far East Energy riceve l’approvazione per l’ODP "Road Pass"

 
[2014-10-13]
 

HOUSTON, 13 ottobre 2014 /PRNewswire/ — Far East Energy Corporation (OTCBB:FEEC), la società quotata nella Borsa statunitense che gestisce il contratto per la condivisione della produzione (PSC) del metano da giacimento carbonifero (CBM) del Blocco Shouyang, nella provincia dello Shanxi della Repubblica Popolare Cinese, è lieta di annunciare l’approvazione del suo progetto del piano di sviluppo generale (ODP) “Road Pass” per la sezione Area A del contratto per la condivisione della produzione del Blocco Shouyang.

Approvato l’ODP “Road-Pass”
Il 15 settembre 2014, la società riceveva conferma dal partner con cui ha un contratto per la condivisione della produzione (PSC), China United Coalbed Methane Corporation (CUCBM), che l’Amministrazione per l’energia nazionale (NEA), all’interno della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma (NDRC), aveva approvato il “Road Pass” per la sezione Nanyanzhu del contratto per la condivisione della produzione del Blocco Shouyang. Questa sezione riguarda l’area produttiva e di sviluppo principale A1 nella sezione nord del Blocco Shouyang.

Questo rappresenta un importante traguardo per la società e per il progetto del metano da giacimento carbonifero del Blocco Shouyang. Nell’approvazione la NEA ha aggiunto: “Questo è un progetto di costruzione fondamentale per la pianificazione nazionale dello sviluppo dell’industria del metano da giacimento carbonifero”, sottolineando la rilevanza del Blocco Shouyang per lo sviluppo dell’industria del metano da giacimento carbonifero in Cina. 

Ricevere il “Road Pass” è un traguardo significativo che consente alla società di procedere con allestimenti e processi infrastrutturali importanti (incluso suolo, rete elettrica, tutela ambientale e relativi allestimenti) nell’Area A mentre si attende l’approvazione normativa definitiva.

L’Area A, contenente la maggior parte delle riserve certe della società, uscirà ufficialmente dal periodo esplorativo per entrare in quello di sviluppo quando il piano di sviluppo generale riceverà l’approvazione normativa definitiva attesa per il 2015.

Nei suoi commenti, l’amministratore delegato Mike McElwrath ha detto: “La società è molto felice per la veloce approvazione del suo progetto del piano di sviluppo generale del metano da giacimento carbonifero denominato ‘Road Pass,’ fornita, dalla presentazione fino all’approvazione, nel giro di pochissimi mesi, evidenziando l’importanza del progetto del metano da giacimento carbonifero di Shouyang”. 

Comunicazioni esterne interrotte
Come annunciato in precedenza, la società ha temporaneamente interrotto le comunicazioni verso l’esterno. Condizione ancora in atto in seguito a discussioni in corso. Saranno rese notizie pubbliche aggiornate quando le condizioni lo permetteranno.

Far East Energy Corporation
Con sede a Houston, in Texas, e uffici a Beijing, in Cina, Far East Energy Corporation si dedica all’esplorazione e allo sviluppo del metano da giacimenti carboniferi in Cina.

Le dichiarazioni contenute nel presente comunicato stampa che riportano le intenzioni, le speranze, le stime, le opinioni, le anticipazioni, le aspettative o le previsioni per il futuro della Far East Energy Corporation e della sua direzione sono dichiarazioni previsionali secondo quanto previsto dalla Sezione 27A del Securities Act (Legge sui Titoli) del 1933, e successive modifiche, e dalla Sezione 21E del Securities Exchange Act (Legge sullo scambio di Titoli) del 1934, e successive modifiche. È importante notare che tali dichiarazioni previsionali non costituiscono garanzia di rendimenti futuri e implicano una serie di rischi e incertezze, compresa la possibilità che la modifica al PSC non possa essere definita o, se conclusa, possa essere conclusa a condizioni diverse da quelle concordate originariamente dalle parti. I risultati effettivi potrebbero differire da quelli previsti in tali dichiarazioni previsionali. I fattori che potrebbero essere responsabili di differenze tra i risultati effettivi e quelli previsti nelle dichiarazioni previsionali comprendono: la natura preliminare dei dati sui pozzi, compresa la loro permeabilità e il contenuto di gas; non ci sono garanzie in merito al volume di gas che viene in definitiva prodotto o venduto dai nostri pozzi; i programmi di stimolazione delle fratture e trivellazione potrebbero non avere successo nell’aumentare i volumi di gas; a causa delle limitazioni imposte dalla legislazione cinese, la Società potrebbe disporre solo di diritti limitati per poter applicare il contratto per la vendita del gas tra Shanxi Province Guoxin Energy Development Group Limited e China United Coalbed Methane Corporation, di cui la Società è un beneficiario esplicito; potrebbero non essere trivellati altri pozzi o, qualora trivellati, ciò potrebbe non essere fatto con la dovuta tempestività; potrebbero non essere costruiti gasdotti e i sistemi di raccolta necessari per trasportare il gas, oppure, qualora fossero realiz! zati, la loro costruzione potrebbe non essere tempestiva, oppure i loro percorsi potrebbero differire da quelli previsti; le società dei gasdotti e di distribuzione locale/di gas naturale compresso potrebbero rifiutarsi di acquistare o di accettare il nostro gas, oppure potremmo non essere in grado di far valere i nostri diritti così come previsti da contratti definitivi con i gasdotti; i conflitti con le attività di estrazione del carbone o il coordinamento delle nostre attività di esplorazione e produzione con le attività di estrazione mineraria potrebbero riflettersi in modo negativo o aggiungere costi significativi alle nostre attività; la nostra mancanza di esperienza di lavoro; gestione limitata e potenzialmente non adeguata della gestione delle nostre risorse di cassa; rischi e incertezze associati con l’esplorazione, lo sviluppo e la produzione di metano da giacimenti carboniferi; la nostra incapacità di estrarre o di vendere per intero o una parte consistente delle nostre riserve e altre risorse; la società potrebbe non soddisfare i requisiti previsti per la quotazione in Borsa dei titoli; ci potrebbe essere il rischio di espropriazioni e altri rischi correlati alle attività all’estero; perturbazioni dei mercati di capitali che influenzano la raccolta di capitali; problematiche che influenzano il settore dell’energia in generale; mancanza di disponibilità di giacimenti di petrolio e gas e di servizi; rischi ambientali; rischi connessi alla trivellazione e alla produzione; cambiamenti nelle leggi e nei regolamenti pertinenti per le nostre attività, oltre ad altri rischi descritti nel nostro Resoconto Annuale nel Modulo 10-K, i Resoconti trimestrali nel Modulo 10-Q e la documentazione presentata successivamente alla Commissione di controllo sui titoli e la borsa.

Company Codes: OTC-BB:FEEC, OTC-QB:FEEC
No Comments
Comunicati

La rinomata Elena Gollini, curatrice e giornalista d’arte, riceve una targa premio istituzionale dal Prefetto e dall’assessore di Treviso


In occasione del concerto della rinomata orchestra “I Solisti Veneti” diretta dal Maestro Claudio Scimone, tenutosi a Treviso nell’elegante contesto dell’Auditorium Fondazione Cassamarca, in data Venerdì 10 Ottobre 2014, per festeggiare i 150 anni della Croce Rossa, la giornalista d’arte e curatrice Elena Gollini è stata premiata con una targa premio di riconoscimento istituzionale alla carriera, consegnatale dal Prefetto di Treviso Maria Augusta Marrosu e dall’Assessore alla Cultura Luciano Franchin. 

La Dott.ssa Gollini, riconosciuta “per il notevole contributo alla valorizzazione dell’arte e della cultura“, collabora, in qualità di curatrice e critica d’arte, con noti artisti contemporanei, coordinando e curando prestigiose personali e collettive. Partecipa da anni a diverse esposizioni della Biennale di Venezia e a quelle del Festival di Spoleto e collabora da molto tempo con Promoter Arte, azienda leader nel settore mostre, eventi e comunicazione e le molteplici gallerie di sua gestione, come le storiche “Milano Art Gallery” situate a Milano, a Roma, a Siena e a Bassano del Grappa.

Di recente, ha fornito il proprio contributo in supporto alla grande mostra di “Spoleto Arte” che ha aperto i battenti a Spoleto nel giugno scorso, presso Palazzo Leti Sansi e attualmente si è trasferita nell’incantevole Venezia, tra le secolari mura di Palazzo Falier e Palazzo Rota-Ivancich, dove resterà allestita dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, sotto l’autorevole curatela del Professor Vittorio Sgarbi, con la denominazione di “Spoleto incontra Venezia“. L’esposizione raduna personalità di spicco del panorama contemporaneo del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì e altri nomi illustri.

La dottoressa Gollini afferma “Sono davvero lusingata per l’assegnazione di questa targa premio alla carriera tenutasi a Treviso, una città che è da sempre molto attenta, sensibile e recettiva verso il mondo dell’arte e della cultura in generale. Ringrazio le istituzioni cittadine per il graditissimo gesto simbolico nei miei riguardi”.

No Comments
Comunicati

L’artista brasiliana Helena Manzan presenta a Venezia Archetyp’Art_Natura astrocita in occasione delle mostre “Spoleto incontra Venezia”

Evento imperdibile la grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” con la partecipazione di illustri personalità come Eugenio Carmi e José Dalì, le meravigliose opere di Dario Fo, e una mostra fotografica su Pier Paolo Pasolini. Tutto ciò sotto l’autorevole curatela di Vittorio Sgarbi e la direzione del manager  produttore Salvo Nugnes. Il contesto espositivo designato per le opere di Helena Manzan è l’antico Palazzo Rota Ivancich, nei pressi di Piazza San Marco. L’esposizione resterà in loco dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014.

Helena Manzan è nata in Brasile da padre veneto e madre brasiliana. Laureata in accademia d’arte presso l’Università Federale di Uberlandia, (MG) Brasile, con specializzazione in programmazione visuale.

Il primo quadro a olio lo ha dipinto a 11 anni, mentre a 17 aveva già ottenuto il suo primo riconoscimento. Negli anni ottanta si è messa in viaggio per incontrare i grandi maestri dell’arte in Argentina, Uruguai, Paraguai e a San Paolo. Dalla fine degli anni ‘90 comincia ad esporre in America ed Europa. Dal 2002 si trasferisce definitivamente in Italia dove vive e lavora.

Helena Manzan ha tenuto numerose mostre in Brasile e in Italia, a New York, Londra, Lisbona e Novosibirsk. L’opera in mostra a “Spoleto incontra Venezia” è intitolata “Archetyp’Art_Natura astrocita”, una stampa digitale del 2013.

No Comments
Comunicati

Scegliere un lavoro è difficile ?


Spesso veniamo messi dalla nostra vita difronte a delle scelte che sembrano insormontabili, difficili da prendere. Una di queste situazioni per molti è la scelta del proprio lavoro…… cosa faro da grande ? si diceva una volta. Mai frase più azzeccata e mai frase più attuale direi.Scegliere un lavoro che aggrada ogni persona, soprattutto in un periodo di crisi economica, sembra davvero arduo, anche se in effetti non è cosi.

Per far si che non si incorra nell’ accettare lavori che poi potrebbero rivelarsi non consoni alle proprie attitudini ed abilità.

Dunque per scegliere un lavoro che possa soddisfare le proprie aspettative, è bene ricordarsi queste semplici regole :

1) Non farsi distrarre dalle troppe alternative. Riuscire con un viaggio introspettivo, a capire esattamente quali sono le proprie potenzialità ed abilità, è indispensabile per evitare di farsi allettare da lavori di livelli qualitativi superiori o inferiori.

2) Non aspettare il lavoro perfetto. Spesso il lavoro perfetto è quello nel quale riusciamo a stare bene con noi stessi, che ci aggrada motivazionalmente ed economicamente, e ci fa svegliare al mattino vogliosi di andare sul posto di lavoro. Dunque il lavoro se è perfetto, lo potremo stabilire soltanto dopo, e dunque non farsi pregiudizi è di fondamentale importanza.

3) Non essere insicuri e stimarsi tanto. La mancanza di autostima sfocia spesso nell’ insicurezza. Essere insicuri in ogni campo della nostra vita ci danneggia, figuriamoci quando si tratta di un attività che deve portarci soldi e guadagni.

Tre semplici regole, che troppo spesso conosciamo ma che dimentichiamo nel momento clou persi nella nebbia dell’ indecisione.

Fate tesoro di queste parole, e soprattutto osate, osate, osate…….. E’ meglio provare e fallire che non agire e passare la vita ricca di rimpianti, certo, usate la testa ed il cuore, ma agite.

 

 

No Comments
Comunicati

L’imprenditore Vittorio Gucci di 26MotiviPerFareArte riceve una targa premio di riconoscimento alla carriera


L’imprenditore Vittorio Gucci, conosciuto come poliedrico personaggio e showman televisivo, nonché come cantante, compositore e musicista di acclarata fama, ha ricevuto un’importante targa premio di riconoscimento istituzionale alla carriera da parte del Comune e della prefettura di Treviso, in data Venerdì 10 Ottobre 2014, in occasione del concerto dell’orchestra “I Solisti Veneti” diretta dal Maestro Claudio Scimone. L’esclusiva serata di gala, che ha celebrato i 150 anni della Croce Rossa Italiana, si è svolta nel prestigioso Auditorium Fondazione Cassamarca, a Treviso.

 

Attualmente Gucci, riconosciuto “per il grande impegno a favore dell’imprenditoria giovanile“, si sta dedicando al lancio dell’interessante progetto da lui ideato e denominato “26MotiviPerFareArte” un concorso nazionale riservato ad artisti dai 18 ai 26 anni, che potranno partecipare a titolo gratuito ad un’accurata selezione fatta da un’autorevole giuria di qualità presieduta dal critico Vittorio Sgarbi e composta da nomi di grande spicco del panorama odierno: Giorgio Forattini, Cristiano De André, Alessandro Meluzzi, Jo Squillo, Antonio Vandoni, Stefano Bidini. I 26 vincitori vedranno la loro opera d’arte realizzata ad hoc su capi d’abbigliamento, occhiali da sole e tanti altri oggetti di svariato e molteplice utilizzo. In particolare, uno dei vincitori verrà designato tra i detenuti del carcere di bollate e uno invece sarà scelto tra i membri della comunità Exodus di Don Antonio Mazzi, che riceverà anche una cospicua cifra in dono a titolo di solidarietà benefica.

 

Sono già partiti una serie di spot televisivi in onda sulle reti ammiraglie Mediaset, che promuovono la lodevole iniziativa del concorso, sul quale è possibile attingere informazioni utili per l’iscrizione visionando il sito www.26motiviperfarearte.com. Inoltre, in data Domenica 26 Ottobre 2014 dalle ore 20.30 Gucci ha organizzato una piacevole serata di festa a tema arte e musica, presso il famoso locale milanese “Gattopardo Caffè” alla quale è possibile accedere in modo gratuito, ricevendo in omaggio simpatici gadget loghizzati con il brand di 26MotiviPerfareArte.

 

No Comments
Comunicati

Efficienza energetica e comfort nella nuova sede di AB Medica SpA


Quasi ultimati i lavori di realizzazione della nuova sede della società AB Medica SpA, specializzata nella produzione e commercializzazione di tecnologie mediche, bio-materiali, dispositivi chirurgici e macchine robotizzate per operazioni chirurgiche.

L’edificio, situato alle porte di Milano, è stato sviluppato dall’Architetto Giuseppe Tortato e dalla società di ingegneria impiantistica Planning S.r.l. coniugando gli aspetti funzionali e simbolici espressi dalla società committente, alla volontà di demarcazione e riqualificazione di un contesto periurbano affiancato dal tratto autostradale della Milano-Varese.

Parlando della nuova sede ABMedica l’Architetto Tortato afferma “La mia attività è sempre stata volta a rompere le convenzioni  proponendo progetti che restituiscano la centralità dell’esperienza sensoriale, immaginando un uomo cosciente, desideroso di vivere esperienze vere.

Il risultato è un edificio icona, in grado di rappresentare i valori di eccellenza ed innovazione propri della filosofia del gruppo, ma anche fortemente contemporaneo con una grande attenzione all’efficienza energetica ed al benessere psicofisico dell’ambiente di lavoro.

La particolare conformazione del lotto ed i vincoli autostradali hanno infatti guidato il disegno verso una forma triangolare simile a uno scafo nautico che scivola tra colline artificiali con funzione di isolamento termico e acustico dell’insieme.

L’edificio è stato dotato di impianti tecnologici all’avanguardia che sfruttano energie rinnovabili associate all’acqua di falda e all’aria rispondendo alle prerogative di un edificio di Classe A.

FOCUS SULLA CLIMATIZZAZIONE

L’analisi energetica condotta su questo sistema edificio-impianto ha portato alla progettazione di  una centrale termofrigorifera con un sistema ibrido di pompe di calore: una pompa di calore del tipo polivalente acqua-acqua ERACS2-WQ 3202 S con sfruttamento dell’acqua di falda ed una pompa di calore del tipo polivalente aria-acqua ERACS2-Q 1762 XL-CA-E con sfruttamento della componente termica dell’aria. In funzione della richiesta di energia dell’edificio, della temperatura dell’aria esterna e della conseguente efficienza della centrale, il sistema di controllo provvede alla attivazione di una o dell’altra pompa di calore.

Entrambe le unità polivalenti installate presso la nuova sede di AB Medica SpA appartengono alla gamma INTEGRA di Climaveneta. Si tratta di un’evoluzione dei tradizionali gruppi frigo reversibili a pompa di calore, cioè di unità in grado di produrre contemporaneamente acqua refrigerata e calda, specifiche per impianti a 4 tubi.

In tutti quei mesi dell’anno in cui nell’edificio è prevalente la richiesta di freddo (estate e mezze stagioni), il caldo che viene generato sul condensatore è gratuito, al contrario  quando nell’edificio è prevalente la richiesta di caldo (inverno pieno), il freddo che viene generato sull’evaporatore è gratuito. La peculiarità delle unità INTEGRA di Climaveneta è che in ogni momento dell’anno le stesse massimizzano autonomamente l’efficienza del ciclo energetico con cui si genera l’energia calda e fredda. In particolare l’efficienza massima si ha nei periodi medio stagionali nei quali si ha la massima contemporaneità di richiesta di caldo e di freddo.

A completamento dell’impianto è stato installato ClimaPRO, il nuovo sistema di gestione e di ottimizzazione di Climaveneta studiato per minimizzare i consumi energetici e semplificare la conduzione e la manutenzione della centrale termofrigorifera. Il dispositivo di super visione controlla ogni singolo componente della sala macchine direttamente coinvolto nella produzione e nella distribuzione dell’energia termica e frigorifera, coinvolgendo quindi le unità termofrigorifere, i gruppi di pompaggio e gli eventuali sistemi di smaltimento, garantendo la priorità della sorgente di energia rinnovabile (acqua o aria) al fine di minimizzare i consumi.

Inoltre, ClimaPRO misura dal campo in tempo reale le variabili di funzionamento di ogni singolo dispositivo e ramo di impianto per mezzo di dedicate linee di comunicazione seriale ed analogiche. I dati letti vengono confrontati con i dati di progetto di ogni singola unità alle diverse condizioni di lavoro, consentendo quindi di attuare strategie di controllo basate su algoritmi dinamici che tengono in considerazione le reali condizioni operative.

Da sottolineare che ClimaPro è un sistema completamente aperto, capace cioè di integrarsi con altri sistemi di gestione per scambiare tutte le informazioni necessarie sui controlli, sull’allarmistica e sui dati in generale.

L’Ing Marazzi, di Planning Ingegneria Impiantistica, che ha curato la progettazione tecnica dello stabile afferma: “Il sistema ClimaPro è il cuore innovativo della centrale termofrigorifera. La visualizzazione e la storicizzazione delle variabili controllate, permettono di effettuare un effettivo e sostanziale energy management. Inoltre la garanzia di una costante e continua verifica del mantenimento delle performance nei range di progetto e la segnalazione immediata di ogni scostamento permettono di mantenere la centrale in efficienza senza prevedere la presenza di personale specializzato.”

No Comments
Comunicati

Dopo Montemarano il Gran Tour in Irpinia verso la tappa finale di Bagnoli Irpino


Dopo la piacevole mattinata che ha colorato il centro di Montemarano, animato dalla presenza degli alunni dei locali istituti scolastici, appuntamento per l’ultima tappa del Gran Tour in Irpinia a Bagnoli Irpino.

La quinta tappa del Gran Tour in Irpinia, svoltasi a Montemarano sabato 11 ottobre, è stata una splendida eccezione alla formula sinora consolidata del progetto, che ha visto svolgersi tutti gli altri eventi nelle ore serali. L’appuntamento con il paese del vino Aglianico e della irresistibile tarantella si è articolato, infatti, nel corso di una splendida mattinata premiata da un sole estivo. L’evento, intitolato “Racconti barocchi di Giambattista Basile, Duca di Montemarano alla locanda dell’Aglianico”, ha avuto luogo in Piazza Mercato, impreziosita per l’occasione da un allestimento che ha saputo trasformare l’agorà in una tipica locanda del Seicento, periodo storico nel quale è stata ambientata la vicenda di Giambattista Basile, noto scrittore partenopeo trapiantato in Irpinia, dove fu eletto Governatore proprio di Montemarano. In virtù della particolarità del personaggio, autore de “Lo cunto de li cunti” – conosciuto anche con il titolo di “lo trattenemiento de peccerille” – raccolta di 50 fiabe in lingua napoletana ispirata all’opera del Boccaccio, la cui prima stesura fu realizzata proprio a Montemarano, la rappresentazione è stata aperta alla partecipazione degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Di Meo” di Volturara Irpina – plesso “A. Fusco” di Montemarano. I ragazzi hanno animato la piazza del borgo a partire dalle ore 12,00, seguendo con particolare attenzione lo spettacolo-rievocazione storica, che per questa volta ha voluto giocare su una divertente catena di eventi, che hanno visto Giambattista Basile sostare in una locanda del posto e incontrare una Janara che gli avrebbe ispirato alcune delle sue fiabe mentre lo scrittore si trovava in uno stato onirico innescato anche dall’ottimo vino. Non poteva mancare, infatti, l’abbinamento con il pregiato Aglianico locale, servito per l’occasione ai tavoli della locanda occupati dai figuranti selezionati dall’Associazione Pro Loco Promontemarano guidata dalla Presidente Concetta Corso. La ricca giornata è poi proseguita la sera con “Festa della Vendemmia – 31ª Sagra del Vino”, organizzata sempre a cura dell’Associazione Pro Montemarano, con il supporto dei produttori vitivinicoli e delle cantine del territorio, e con il patrocinio del comune di Montemarano. Presso gli stand, a partire dalle 19,00 è stato possibile degustare un saporito menù tipico caratterizzato da alcuni dei piatti più gustosi della zona, alla scoperta dei sapori tradizionali che da sempre impreziosiscono il territorio montemaranese. Ad allietare la serata lo spettacolo musicale dal titolo “L’eco dei talenti”, con l’esibizione di Battista e la sua Tarantella Montemaranese. Dopo Montemarano il Progetto Integrato di Promozione del Territorio “Un Gran Tour in Irpinia lungo sei secoli tra storia, tradizioni ed enogastronomia”, finanziato nell’ambito del PSR Campania 2007/2013 – Interventi cofinanziati dal FEASR, Piano di Sviluppo Locale del GAL IRPINIA – MISURA 313 “Incentivazione di attività turistiche”, si avvia dunque verso la tappa finale di Bagnoli Irpino, dove sabato 18 ottobre si terrà il sesto e ultimo appuntamento con la storia e la cultura dell’area Terminio-Cervialto. L’evento conclusivo, dal titolo “Sfida di soddisfazione al Tartufo Nero al cospetto del Vescovo Ambrogio Salvio”, vedrà come personaggio principale, questa volta, la figura del Vescovo Ambrogio Salvio, nato proprio a Bagnoli Irpino nel 1491 e grande esponente del panorama religioso e teologico del 1500. A tale personaggio sarà abbinato uno dei prodotti irpini più pregiati e apprezzati in Italia e nel mondo: il prezioso Tartufo Nero, prodotto principe dei boschi di Bagnoli e in quelli dei comuni limitrofi. L’evento si terrà in contemporanea all’Anteprima della Mostra Mercato del Tartufo Nero, giunta alla sua quinta edizione, e che andrà in scena nel suggestivo scenario di Piazza Leonardo di Capua. Nel ricco programma dell’Anteprima, organizzata dal Consorzio Turistico Bagnoli-Laceno in partnership con la Pro Loco Bagnoli-Laceno e il Comune di Bagnoli Irpino e con la partecipazione di FISAR, saranno previsti anche workshop e stand enogastronomici con degustazioni, oltre a caratteristiche gare-dimostrazioni di giuochi tipici del folklore bagnolese.

Per saperne di più: www.grantourinrpinia.it

No Comments
Comunicati

Consigli per arredare una casa in stile moderno


Sempre più amato dai ragazzi giovani, lo stile moderno ci consente di rendere una casa accogliente senza spendere una fortuna. Dovete innanzitutto decidere se optare per uno stile minimal – che non necessariamente significa spendere meno – o per uno stile più “accogliente”. Ricordatevi che ogni singolo elemento della casa contribuisce a creare la giusta atmosfera, fate quindi attenzione a non tralasciare nulla.

Il mobilio:

Il mobilio in stile moderno predilige le forme squadrate e lineari; le maniglie sono solitamente delle sottili linee in metallo cromato o satinato. Le ante in vetro sono raramente trasparenti, possono essere leggermente specchiate, appena oscurate o con vetro smerigliato, il tutto rifinito da un telaio sottile che può essere metallico o in legno. Le essenze più utilizzate sono il wengè o il rovere sbiancato, se però volete osare con il colore potete sbizzarrirvi con i tantissimi colori del laccato, lucido o opaco. Per quanto riguarda gli imbottiti, come letti, divani e poltrone, molto in voga è la pelle di colore bianco ottico, in alternativa potete scegliere una delle tante tinte dei tessuti in microfibra.

Gli accessori:

Come dicevamo prima, ogni singolo dettaglio e accessorio contribuirà a creare la giusta atmosfera, scegliete quindi con cura qualsiasi complemento, sia esso uno specchio, un cuscino o un tappeto. Se avete improntato l’ambiente su due-tre colori, per non sbagliare potete acquistare oggetti che riprendano tali colori, sfruttando i vari contrasti: è infatti sconsigliabile accostare due oggetti dello stesso colore. Qualsiasi oggetto vogliate acquistare, cercate prima di immaginarlo posizionato all’interno della casa, non fate l’errore di comprare tutto ciò che vi piace incondizionatamente, se scegliete uno stile deve essere rispettato il più possibile. I tappeti possono essere rettangolari o circolari, se decidete di optare per un tappeto con disegno, preferite una fantasia astratta. Le tende moderne per antonomasia sono quelle a pannelli mobili – che ricordano l’arredamento giapponese -, o anche quelle a pacchetto, che una volta aperte tendono a sparire.

Le pareti:

L’arredamento delle pareti, dopo il mobilio, è forse l’elemento più importante anche se spesso sottovalutato. Le pareti possono essere impreziosite con specchi e sticker da muro, ma la vera differenza la fanno i quadri. La cornice potrà essere sottile o spessa, l’importante è che sia lineare e semplice, il suo compito è di esaltare il soggetto del quadro. I soggetti dei quadri saranno diversi in base alla stanza della casa: in cucina potrà essere inserita una foto eseguita con la tecnica dello “still life”, frutta estiva, coloratissimi cocktail ma anche dettagli di utensili saranno perfetti. La zona giorno è perfetta per accogliere grandi foto in bianco e nero rappresentanti paesaggi malinconici come un molo d’inverno, un albero spoglio delle proprie foglie o una tempesta in corso. Per un arredamento in stile minimal potete optare per la foto in primissimo piano di un fiore colorato, oppure per la rappresentazione di un’architettura industriale. Le foto con soggetti umani ed animali possono essere collocati in qualsiasi ambiente, la regola d’oro che vale sempre è di non creare troppi punti focali, se inserite una bella foto datele tutta l’importanza che merita posizionando i punti luce per farla risaltare al massimo, senza inserire troppi antagonisti.

Dove trovare belle immagini per le pareti

Ci sono molti siti in cui acquistare una bella immagine per la parete, ma prima di procedere all’acquisto è bene controllare che l’immagine sia davvero di alta qualità e purtroppo non tutti i siti offrono garanzie adeguate. Uno dei migliori siti dove acquistare foto professionali è Pixtury, specializzato nella vendita on line di fotografie e poster per decorare le pareti di casa. Su Pixtury troverete migliaia di fotografie dei migliori artisti emergenti e la possibilità di acquistarle in diversi formati di stampa.
In alternativa ai siti web, è possibile acquistare delle foto d’autore in stile moderno nei negozi d’arredamento o nei negozi specializzati in stampe d’autore.

No Comments
Comunicati

Un’assicurazione infortuni che a Parma ti sia sempre vicina? Ecco dove stipularla


Dopo due anni con il segno negativo, finalmente torna a crescere il comparto assicurativo italiano. A stabilirlo è Accenture, che pochi giorni fa in occasione dell’Insurance Day giunto quest’anno all’edizione numero tredici ha reso noto che per il settore si registra finalmente una boccata di ossigeno.

Maialino salvadanaio con stampelleNonostante la crisi continui a permeare la nostre economie, le assicurazioni ritornano a crescere: anche se il 2014 è ancora lontano dal concludersi, le stime parlano di una raccolta che potrebbe chiudersi a quota 142.9 miliardi di euro contro i poco meno di 119 miliardi dell’anno scorso.

Gli italiani aumentano quindi la loro fiducia verso il mercato assicurativo, e secondo le analisi a trainare il comparto sono soprattutto le polizze vita considerate da molti connazionali come un valido strumento per proteggere l’avvenire dei propri cari in ogni eventualità futura.

Ma anche proteggersi con un’adeguata polizza sugli infortuni è indispensabile per affrontare con serenità la propria vita quotidiana, e leader in questi prodotti è l’Agenzia Cavarretta che fa capo a Cattolica Assicurazioni.

Le proposte di assicurazione per infortuni che a Parma si possono trovare presso l’Agenzia Cavarretta vengono “confezionate” su misura in base alle esigenze di chi le sottoscrive, e affidandosi a questa agenzia si potrà contare sulla professionalità e sulla disponibilità di esperti sempre pronti ad assistere in caso di bisogno.

No Comments
Comunicati

PRN: Shinola lancia il suo e-commerce in Europa

Shinola lancia il suo e-commerce in Europa

 
[2014-10-13]
 

DETROIT, October 13, 2014 /PRNewswire/ —

Shinola, famosa produttrice di orologi, biciclette, taccuini, articoli di pelletteria e lucido per le scarpe, con sede a Detroit, è entusiasta di espandere il suo sito di e-commerce in Europa. Shinola offre articoli esclusivi, tutti realizzati a mano e curati nei minimi dettagli. Il lancio del sito europeo di e-commerce è la risposta di Shinola all’incremento della domanda a livello internazionale.

“Shinola è un marchio mondiale: oggi, grazie al nostro sito europeo, i clienti sparsi in tutta Europa avranno accesso diretto ai nostri prodotti”, afferma Steve Bock, CEO di Shinola.

“Si tratta di un entusiasmante passo in avanti che ci permette di consolidare ulteriormente la nostra presenza in Europa”.

Shinola.com offrirà una vasta gamma di prodotti agli abitanti di Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Olanda, Spagna e Regno Unito Per maggiori informazioni, visita il sito Shinola.com.
http://shinola.com

L’AZIENDA

Shinola, un marchio di Bedrock Manufacturing Company, LLC, nasce nel 2011 dall’idea che i prodotti dovrebbero durare a lungo ed essere costruiti in America. In quanto produttori di orologi, biciclette, articoli di pelletteria, taccuini e accessori per animali domestici, siamo orgogliosi di aver fissato la nostra sede a Detroit, una città con un forte spirito comunitario e una lunga tradizione nella lavorazione artigianale. Abbiamo costruito i nostri stabilimenti di orologeria e le nostre concerie all’interno del College for Creative Studies, nel vecchio Argonaut Building.  La nostra è un’azienda giovane e rinomata che abbina la propria competenza su vasta scala alla tutela del mestiere e alla bellezza dell’industria.

No Comments
Comunicati

Partner Data presenta ECS Encryption Call System, soluzione innovativa per crittografare conference call, videochiamate e chat


Partner Data (www.partnerdata.it), uno dei principali distributori italiani di prodotti per la sicurezza IT e protezione del software, sistemi di identificazione e programmi di fidelizzazione, ha presentato  ECS Encryption Call System, il servizio di chiamate VoIP crittografate che permette,  attraverso un Server SIP dedicato, di generare e scambiare una chiave crittografica per la messa in sicurezza della conversazione tra gli utenti.

Grazie a ECS Encryption Call System è possibile crittografare chiamate, audio-conferenze, video chiamate e chat, anche di gruppo. L’installazione è semplice ed immediata grazie al client VoIP installabile su smartphone o tablet (supporta TLS, SRTP and SDES/ZRTP) e al Server SIP dedicato, da cui viene generata e scambiata la chiave crittografica destinata a proteggere le conversazioni con il più alto grado di sicurezza :

  • Signalling Encryption: TLS su TCP e Media Encryption su SRTP, a chiave simmetrica AES-256
  • Encryption keys exchange in due modalità: ZRTP o SDES
  • DPI System Protection (Deep Packet Inspection) per prevenire infezioni da virus/wor
  • Protezione DoS attack e attacchi MITM (Man-In-The-Middle)

“ECS Encryption Call System è una soluzione per la cifratura dei dati semplice ed immediata”, ha dichiarato Maurizio Moroni, responsabile divisione Security di Partner Data “In pochi minuti è possibile creare un circuito per le conversazioni da smartphone , tablet e centalino voip  sicuro e facilmente estendibile ad altri dispositivi in caso di necessità”.

Tutti i dettagli su ECS Encryption Call System sono disponibili al seguente link: http://www.partnerdata.it/ecs-encryption-call-system/

Per maggiori informazioni è possibile contattare Partner Data scrivendo a: [email protected]

 

No Comments
Comunicati

INOX O.R., lavorazioni in acciaio per l’arredamento


Azienda con sede a Caldiero (Verona), in via Strà 21, INOX O.R. snc è specializzata nella lavorazione di acciaio, ottone e rame per bar, ristoranti, pizzerie, panifici, macellerie e privati. INOX O.R. produce piani sagomati, espositori per pizzerie e ristoranti, banconi bar, cappe in vari metalli, tavoli, armadi, piani attrezzati, mobili e pensili per cucine industriali e per privati. Non solo: da INOX O.R. è possibile trovare corrimano, parapetti e poggiapiedi in acciaio, ottone e rame, scale inox, serramenti in acciaio, celle su misura, ringhiere in inox e ottone, lavelli da cucina, portaombrelli, angolari inox su misura, ante rivestite inox lucido o satinato, lastre inox lucido o satinato e strutture di vario tipo. INOX O.R. è inoltre leader nel settore delle cucine da esterno e da giardino.
Grazie alla professionalità acquisita nel settore in decenni di esperienza, INOX O.R. è in grado di eseguire lavorazioni in acciaio su misura partendo da un disegno dettagliato, da uno schizzo oppure da una specifica; gli esperti di INOX O.R. sono a disposizione di studi di architettura per stilare preventivi ed eseguire lavori su misura, unendo il gusto per l’arredamento alla praticità.
Grazie alla sua competenza e serietà, INOX O.R. è attiva da oltre 15 anni anche in Trentino Alto Adige, nel settore delle lavorazioni in acciaio inox conto terzi. Per le provincie di Trento e Bolzano, l’azienda effettua lavorazioni per piani e banchi refrigeranti di bar e ristoranti al grezzo, modalità che consente una rifinitura e personalizzazione in fase di montaggio, per meglio adattare il prodotto allo stile altoatesino.

Per conoscere tutti i prodotti di INOX O.R. e toccare con mano la qualità delle sue lavorazioni, è possibile visitare, previo appuntamento, lo Show Room di Caldiero. Per informazioni, contatti e preventivi, visitate www.inoxor.it o chiamate lo 045 8980531. INOX O.R., la risposta ai vostri problemi nel campo dell’arredamento.

No Comments
Comunicati

Contropremio Carver: i finalisti dell’edizione 2014

Contropremio Carver: i finalisti dell’edizione 2014

Domenica 19 ottobre a Civitavecchia alle ore 17, presso la Sala “Cialdi” della Biblioteca Comunale, nell’ambito del festival letterario “Un mare di lettere”, verrà assegnata la dodicesima edizione del Contropremio Carver. Premio che si articola su una semplice regola: vengono premiati i libri migliori non i nomi degli autori o i loghi delle case editrici. Il Contropremio Carver non premia neppure nomi famosi e altisonanti (meglio se sono televisivi) per cercare di vivere di luce riflessa.
Qui si legge e si giudicano le storie, le poesie i saggi.
La giuria presieduta da Andrea Giannasi ha cercato tra i tanti libri giunti il “gesto utile della lettura”. Ovvero il segno da parte dell’autore o dell’autrice di scandagliare il quotidiano offrendo stimoli, idee, momenti. In un periodo storico complesso come l’attuale nel quale si “cerca” uno stato di crisi, si osserva negli scrittori invece vivacità e desiderio di continuare a crescere, studiando, sperimentando e componendo.
Ma veniamo ai libri che comporranno le cinquine dei finalisti.
Per la sezione narrativa la cinquina è composta da: Rosi Polimeni con “Le strade del mare (Memori), “I cavalli delle giostre” di Antonio Gentile (Anordest), Martino De Vita con “Una coscienza inesistente” (Kimerik), il Gruppo Nove con “Party per non tornare” (Homo Scrivens) e Emiliano Ereddia “Per me scomparso è il mondo” (Corrimano).
Per la saggistica in finale ci saranno Francesco Ciotti autore dell’immaginario dialogo con Leon Battista Alberti intorno alla famiglia dal titolo “Conversazione sulla famiglia” (Aracne); Francesco Felis con il saggio “E’ ora che qualcuno venga ad aiutarci” affronta la questione del ruolo – in chiave economica – della giustizia nella società (I libri di EMIL); Pietro Ratto offre al lettore de “Le pagine strappate” (Elmi’s World) attraverso lo studio “Delle vite de’ Pontefici” di Platina (Bartolomeo Sacchi) la storia della papessa Giovanna; “Scenari metereologici ambientali mediterranei” (Flaccovio) di Giuseppe Cugno spiega con chiarezza l’unicità del clima mediterraneo; infine completa la cinquina Carlo Testana con “Il piacere quotidiano del disegnare” (Aracne) invitando il lettore a fare un viaggio attraverso il tempo e lo spazio.
Per la poesia in finale: Anna Maria Liberatore “Afferra la vita” (Homo scrivens), Calogero Restivo “Poesie di volti e memorie” (Prova d’autore), Carla De Angelis “I giorni e le strade” (Fara), Emma Pretti “Un guaio che non è stato preso in esame” (Società editrice fiorentina), Anna Belozorovitch “Qualcosa mi attende” (LietoColle).
Nelle prossime ore altre novità si attendono dalla giuria che non ha scartato la possibilità di assegnare premi speciali durante l’evento (oltre ai tre vincitori delle tre sezioni).
No Comments
Comunicati

A Parma le sale meeting INC Hotels ti aspettano per i tuoi incontri business


Le nuove tecnologie in continuo sviluppo relative alle telecomunicazioni e la loro capillare diffusione hanno di molto semplificato i processi decisionali a livello aziendale, soprattutto quando si tratta di far dialogare persone operanti presso sedi di diverse città o addirittura di differenti paesi del mondo.

Sala riunioni del Gruppo INC Hotels a ParmaCiononostante gli incontri “di persona” continuano, e continueranno anche in futuro, a giocare un ruolo fondamentale il fatto di ritrovarsi fisicamente nel medesimo luogo rappresenta un valore aggiunto per l’intero processo di discussione, confronto e scelta.

In sostanza, possiamo in tutta tranquillità affermare che gli strumenti virtuali sono modi veloci e semplici per rimanere in contatto durante la vita lavorativa di tutti i giorni, ma i meeting fra partecipanti in carne ed ossa rimangono un aspetto imprescindibile quando si tratta di venire a capo di decisioni importanti.

Al servizio di tutte le realtà economiche e professionali che necessitano di luoghi ad hoc in cui tenere questo genere di incontri è INC Hotels, che dispone di una selezione di eccellenti location a Parma e a Reggio Emilia specifiche proprio per queste esigenze.

Tre nello specifico le proposte per sale meeting a Parma: l’Hotel San Marco & Formula Club, dove sono presenti otto sale riunioni di diversa capienza, il Best Western Hotel Farnese, dotato di due sale meeting, e infine l’Holiday Inn Express, con la sua pratica sala riunioni da 50 persone.

No Comments
Comunicati

Quali macchine agricole scegliere?


La grande qualità che distingue l’essere umano dalle altre specie animali è l’intelligenza. Tale qualità che ci accompagna dalla notte dei tempi ci ha permesso di inventare strumenti che ci rendessero la vita più facile. Questo significa che le macchine ci accompagnano da tempo immemore e si sono evolute insieme a noi divenendo una parte fondamentale del nostro sviluppo. Le macchine agricole moderne non sono altro che una derivazione delle antiche tecniche che i nostri avi hanno appreso per piegare la natura al loro fabbisogno.  Questo dimostra l’importanza di scegliere le macchine agricole più adatte  ai nostri scopi.

Maralaser è un’ industria leader nel settore della produzione di macchinari agricoli moderni. Dotati di tutte le più avanzate tecnologie infatti, le nostre creazioni permetteranno al contadino di ottenere risultati ottimali in tempi più brevi rispetto alle tradizionali apparecchiature.

La domanda successiva a cui un agricoltore deve rispondere è: quale macchinario agricolo scegliere dunque per ottimizzare il processo produttivo di mio interesse?

Mara ti offre un’ ampia gamma di prodotti, tutti accuratamente studiati e testati per garantirti le migliori prestazioni sul mercato. Potrai scegliere infatti fra ben ventiquattro modelli di livellatrici a controllo laser, sette modelli di grader a spinta e tre modelli di scraper.

Le macchine agricole di Maralaser sono frutto della ricerca e della migliore tecnologia attualmente disponibili e fra i vantaggi assicurati ci sono:

Portare un incremento della produzione dal 25% al 30%.
Dimezzare il consumo dell’acqua.
Ridurre l’utilizzo di concimi e diserbanti dell’8%.
Ridurre l’ammortamento del trattore e del costo di gasolio dell’8%.

(Percentuali basate su 70-80 ettari di terreno).

Alla luce di quanto illustrato, scegliere la macchina agricola che fa per te sarà un gioco da ragazzi. Controlla direttamente online sul nostro sito il catalogo dei prodotti Maralaser e richiedi gratuitamente un preventivo.

No Comments
Comunicati

Regolatore buck USB da 5V, 2,5A e ingresso da 35V con compensazione della caduta del cavo

  • By
  • 13 Ottobre 2014


Linear Technology Corporation presenta l’LT3697, un regolatore switching step-down con ingresso da 35V (e protezione contro i transienti fino a 60V), progettato per alimentare le applicazioni USB da 5V. L’LT3697 fornisce la regolazione accurata di 5V a 2,5A su una porta USB remota utilizzando la compensazione programmabile della caduta del cavo per correggere in modo preciso la caduta di tensione dovuta a un cavo di connessione lungo, a prescindere dalle variazioni della corrente di carico. La precisione dell’uscita a 5V sulla porta USB è ±1,0% sul range di temperature compreso tra -40˚C e 125˚C. L’LT3697 utilizza un limite di corrente preciso e programmabile, l’indicatore power good e un pin di monitoraggio della corrente di uscita per migliorare l’affidabilità e la sicurezza del sistema. Queste caratteristiche consentono inoltre all’utente di implementare la funzionalità di disinserimento o riavvio che può eliminare la necessità di un circuito integrato di commutazione USB. Uno switch interno ad alta efficienza fornisce un rendimento del 90% e può essere programmato per la commutazione a 2MHz, mantenendo il rumore di commutazione fuori dalle bande di frequenza critiche come la radio AM. La combinazione del package MSOP a 16 pin con caratteristiche termiche avanzate e l’elevata frequenza di commutazione consentono l’uso di condensatori e induttori esterni di piccole dimensioni, fornendo una soluzione compatta ed efficiente dal punto di vista termico.

L’LT3697 utilizza uno switch di potenza ad alta efficienza con i necessari circuiti di oscillatore, controllo e compensazione del cavo integrati in un unico die. La compensazione interna del cavo è programmabile per gestire la lunghezza e la sezione del cavo, mentre il feedback a doppio ingresso consente un livello di protezione supplementare durante le condizioni di guasto, proteggendo ulteriormente i dispositivi USB. Altre funzioni sono il flag FLT, la protezione dai cortocircuiti e quella termica.

L’LT3697EMSE è disponibile in un package MSOP-16 con caratteristiche termiche avanzate, al prezzo unitario di $ 2,92. L’LT3697IMSE è una versione per applicazioni con temperature industriali, testata e garantita per il funzionamento con temperature di giunzione comprese tra -40° C e 125° C e disponibile a un prezzo di partenza unitario di $3,21. I prezzi si riferiscono a quantità di 1000 pezzi. Tutte le versioni sono disponibili a magazzino. Per maggiori informazioni, visitare la pagina www.linear.com/product/LT3697

 

Riepilogo delle caratteristiche: LT3697

 

  • Uscita precisa da 5V
  • Compensazione programmabile per la caduta del cavo
  • Limite di corrente in uscita programmabile
  • Uscita regolabile da 5,0V a 6,1V
  • Feedback a doppio ingresso che consente la regolazione sull’uscita dello switch USB
  • Carico attivo che riduce l’overshoot dell’uscita
  • Flag FLT che indica la sovracorrente sull’uscita USB
  • Il ritardo del flag FLT da 1,5ms filtra gli eventi hot plug
  • Monitoraggio della corrente di uscita USB
  • Ampio range di tensioni di ingresso: funzionamento da 5V a 35V, resiste ai transienti in ingresso fino a 60V
  • Corrente di uscita max. 2,5A
  • Sopporta cortocircuiti delle uscite verso terra e la batteria dell’auto
  • Frequenza di commutazione regolabile: da 300kHz a 2,2MHz
  • Sincronizzabile da 300kHz a 2,2MHz
  • Package MSOP compatto a 16 pin con funzionalità termiche avanzate

 

 

I prezzi sono solo indicativi e possono variare in base a dazi, imposte, tasse e tassi di cambio locali.

Linear Technology

 

Inclusa nell’indice S&P 500, Linear Technology Corporation da oltre trent’anni progetta, produce e commercializza un’ampia gamma di circuiti integrati analogici ad alte prestazioni per le principali aziende di tutto il mondo. I prodotti Linear Technology rappresentano un “ponte” tra il mondo analogico e l’elettronica digitale per le soluzioni del settore industriale, automotive e delle comunicazioni, i dispositivi di rete, i computer, la strumentazione medicale, i prodotti di largo consumo e i sistemi militari e aerospaziali. Linear Technology produce inoltre sistemi di power management, conversione dati e condizionamento dei segnali, circuiti integrati RF e per interfacce, sottosistemi µModuleÒe dispositivi di rete con sensori wireless. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.linear.com

 

LT, LTC, LTM, Linear Technology, il logo Linear e µModule sono marchi registrati di Linear Technology Corp. Tutti gli altri marchi sono di proprietà dei rispettivi titolari.

No Comments
Comunicati

Pannelli e pareti fonoassorbenti alla base della bonifica acustica


La maggior parte delle persone è abituata ad avere a che fare con il suono – nel bene e nel male – ogni giorno della sua vita. Fra rumori causati dal traffico, da altre persone o animali domestici, oppure ancora da attività produttive e industriali, le fonti di inquinamento acustico possono essere davvero tante e causare una cacofonia che può arrivare anche ad essere insopportabile quando non addirittura pericolose per la salute.

Pannelli fonoassorbenti da soffittoIn effetti quando pensiamo alla parola “inquinamento” vengono in mente gli effetti negativi sulla natura e sulle matrici ambientali, tuttavia quando il problema interessa l’acustica anche il nostro benessere psicofisico viene compromesso.

Prendiamo ad esempio gli stabilimenti industriali ove si svolgono attività produttive rumorose a causa della presenza di particolari impianti o attrezzature. Le persone che lavorano in questi luoghi devono proteggersi con appositi ausili (es. cuffie, tappi…) per evitare danni gravi quali in particolare la diminuzione progressiva dell’udito (ipoacusia) o la comparsa di “rumori fantasma” (acufene).

In questi luoghi oltre ai dispositivi di protezione individuali è indispensabile effettuare interventi mirati di bonifica acustica che permettano di contenere le fonti rumorose ed evitare il dannoso riverbero delle onde sonore sulle pareti che, sommato al rumore iniziale, crea spesso situazioni “assordanti”.

Generalmente vengono usati pannelli e pareti fonoassorbenti per contenere le onde di pressione sonora, da ubicare in posizioni accuratamente determinate mediante studi conoscitivi in modo tale da minimizzare l’inquinamento acustico.

No Comments
Comunicati

Villa Castelli a cavallo di due province e di due mari


“Olio, vino e mandorla, paesaggi e sapori della Dieta Mediterranea e Grandi Feste di tradizione”, questo l’itinerario alla scoperta dei colori autunnali e degli antichi sapori di Villa Castelli.  Il Sindaco Vitantonio Caliandro è un vulcano di idee e di iniziative,   «sul territorio c’è un “mare verde” – egli dice – fatto di alberi di ulivo, di vigneti a filari e frutteti, che invitano al relax e alla meditazione, in sintonia con i ritmi della terra». La cittadina salentina si estende in una zona collinare e buona parte del centro abitato poggia su un orlo di una scarpata, tra i colli: Fellone, Scotano e Castello. Il corso d’acqua più importante, nasce dalla sorgente del Canale Reale sita in contrada Antoglia, detta Fonte Strabone, ma nota nella documentazione antica come Fonte dei Grani. La vegetazione si compone di oliveti e querceti alternati a tratti di macchia mediterranea. La gravina, facente parte del parco naturale regionale “Terra delle Gravine”, costituisce il giardino botanico comunale.  Negli anni Trenta la gravina venne superata da un ponte a nove arcate in pietra, realizzato da maestranze locali con l’obiettivo di aprire un nuovo fronte di urbanizzazione alla città. Il sito archeologico più studiato è quello in località Pezza Petrosa, corrispondente al toponimo di Pezza Le Monache, dove è stata rinvenuta a seguito di lavori di trasformazione agraria, una necropoli con oltre trenta tombe, datata al IV-III secolo a.C., con corredi funerari, costituiti da 200 reperti di ceramica decorata, statuette della dea dell’agricoltura Demetra, oggetti in bronzo, che sono collocati presso il museo civico comunale. Gli scavi hanno identificato nei pressi del sito, resti di un abitato, con possibili tracce di mura difensive in blocchi, datati a dopo la metà del IV secolo a.C. che potrebbe riferirsi ad un villaggio dei Messapi divenuto, dopo la conquista da parte di Taranto, un avamposto militare. È in età normanna che compare per la prima volta negli atti notarili il nome di “Castellum Caeje”, indicante un territorio fortificato tra Oria e Ostuni, l’attuale Ceglie Messapica, che comprendeva anche gran parte di Villa Castelli. Fu nel diciassettesimo secolo che emerge il toponimo Monte Castelli e poi nel diciottesimo secolo Castelli, a cui si è aggiunta la parola Villa, nel senso di borgo, già prima dell’indipendenza da Francavilla Fontana. L’economia del borgo si fondava in quegli anni prevalentemente sulla pastorizia e sull’agricoltura e ruotava intorno a masserie fortificate. Fenomeno importante per le attività commerciali era la transumanza, con lo spostamento di greggi e mandrie dalla Valle d’Itria al Salento attraverso le Murge. In occasione del passaggio dei mandriani si organizzavano fiere annuali e nel territorio sono ancora presenti una serie di antichi tratturi.

Siamo in una terra che reca impressi i segni di importanti presenze, in un continuo alternarsi di domini e popolazioni che con le loro culture, le espressioni artistiche ed architettoniche hanno arricchito i luoghi di un patrimonio di incommensurabile valore, segnando lo spirito e il carattere degli abitanti, custodi di culture e tradizioni.

Sulla scia della tradizione contadina si organizzano anche oggi varie fiere. La Festa Grande di Villa Castelli, istituita come Comune nel 1926 con la consegna dello stemma araldico, ha avuto luogo tra il primo e il 4 ottobre in onore della Madonna della Fontana e il Cuore di Gesù, tra bande, luminarie, fuochi d’artificio e dolci tipici. La Festa (detta “ La festa Bona”) segna la fine della vendemmia e l’inizio della raccolta delle olive. Bancarelle colorate si sono snodate ai lati delle vie del paese, presentando le ultime novità degli attrezzi agricoli, ma anche abbigliamento, oggetti per la casa. In serata largo alle luminarie tra la piazza e il corso principale e si è ballata la pizzica, mentre agli angoli dei bar e dei ristoranti si accendevano i tipici fornelli per arrostire sulla legna: salsicce, agnello, bombette (gustosi involtini di carne di maiale e fegatini), chiamati anche in altre zone del Salento turcinieddhi o gnomarieddhi, preparati con le interiora di agnello, condite con prezzemolo e limone. A Villa Castelli si possono degustare pietanze e prodotti tipici, che fanno della località salentina, il cuore della Dieta Mediterranea. Nella pasticceria “La Sfornata” di Anna Sarcinella viene prodotta la pasta reale e la cupeta, il torrone salentino. La giornata “clou” della Festa Grande si è svolta il 2 ottobre con la tradizionale processione. Accompagnati dalla banda per tutte le vie del paese gli abitanti di Villa Castelli e di alcuni paesi limitrofi, con i propri sindaci, hanno seguito in processione le statue dei protettori della cittadina: la Madonna della Fontana e il Cuore di Gesù. Con una cerimonia, carica di significato, il Sindaco Caliandro ha consegnato, come è consuetudine, alla fine della processione, le chiavi della Città ai protettori. Per la terza sera di scena è stato il grande concerto di Edoardo Bennato, che si è esibito davanti a una piazza gremita. La scelta non a caso è caduta sul cantante napoletano quasi in ricordo del Regno di Napoli quando la parte più consistente dell’odierna Villa Castelli era territorio di pertinenza di Francavilla Fontana, mentre Monte Fellone restava frazione di Martina Franca e Monte Scotano di Ceglie Messapica. La storia è fatta anche di coraggio e fu il 12 gennaio 1818 proprio nel territorio dei “Castelli” che il prete brigante Ciro Annicchiarico, anche noto come Papa Ciro, fu promotore di una “Repubblica Salentina” e fondatore della “setta dei decisi”, una società armata in veste repubblicana e massonica, che disarmò i fucilieri reali che si recavano ad Ostuni. A Villa Castelli c’è anche l’associazione “Settimana dei Briganti – l’altrastoria”, presieduta da Rocco Biondi, con sede nella strada privata intitolata al brigante Pasquale Romano, che ha inteso essere un luogo di dibattiti mirati alla rivalutazione storico-politica del brigantaggio nell’Italia meridionale. Era questo un fenomeno di massa, che soprattutto nel decennio 1860/1870 ha coinvolto la stragrande maggioranza degli abitanti dei territori appartenuti all’ex Regno delle Due Sicilie. I briganti di quell’epoca, uomini e donne hanno lottato in difesa della loro terra, delle loro famiglie, della loro dignità. Le forze militari messe in campo contro di loro li condannarono alla sconfitta.

Per restare in tema di dieta mediterranea una passeggiata tra le campagne, tra ulivi millenari e vigneti, è stata organizzata da Carmen Mancarella, direttore della rivista “Spiagge”. Alla ricerca delle tipicità troviamo l’Azienda Melillo, che si sta sempre più affermando nel settore enologico con i vini Tagliavanti e Licabetto sui mercati nazionali e internazionali. Da Rocco Caliandro, esperto agronomo, si potrà scoprire l’iter di produzione dell’olio extravergine di oliva, Prima Pietra (dal gusto deciso) e Filo di Seta (dal sapore più delicato), prodotto dall’azienda Tratturi Reali, insieme al vino prodotto con il vitigno susumaniello coltivato tra i loro vigneti. L’oleificio Giovanni Cassese dal canto suo è ben posizionato sui mercati esteri con il suo olio extravergine di oliva, lavorato con macchinari ultramoderni, che garantiscono l’estrazione a freddo. Rappresenta un fiore all’occhiello in Italia per tecnologia e qualità dell’olio prodotto anche l’azienda Domenico Cassese, che si è dotata da poco più di un anno di macchinari di ultima generazione per la lavorazione delle olive, che grazie al sistema di computerizzazione permettono al frantoio di gestire con estrema accuratezza tutte le fasi della lavorazione. All’insegna della Dieta Mediterranea, inserita nel 2010 dall’Unesco nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’Umanità, operano i ristoranti locali: Il Parco degli Ulivi, Nero a metà, La Pizzeria Belvedere, La Locanda Montefolle, gli Antichi Sapori di Ciro Schiena. Nel territorio si trovano numerose masserie, alcune delle quali fortificate: “Antoglia”, torre medievale del XIV secolo; “Fallacchia”, che conserva tracce delle originarie strutture difensive, qui venne ambientata l’opera teatrale Niccu Furcedda dello scrittore settecentesco Girolamo Bax; “Sciaiani Piccola”, risalente al XVIII secolo e trasformata in agriturismo da Lorenzo Marco Elia, che ha dato vita anche alla Fattoria didattica, vero cuore pulsante del territorio rurale che riassume la storia della gente di Puglia.  Nella masseria vi sono alcuni trulli che raccontano il duro lavoro dei contadini, che può essere un modello da seguire per riscoprire l’importanza delle tradizioni. Inserite nell’ambiente sono anche la piscina “BioNoca”, che ha la funzione di un lago naturale, dal momento che in un laghetto accanto sono state messe a dimora delle piante che aiutano la purificazione dell’acqua che viene effettuata in vasche di rigenerazione separata.

Harry di Prisco

 

 

 

 

No Comments
Comunicati

Negozio animali catania


Il negozio Cucciolandia è il migliore negozio animali Catania www.negoziocucciolandia.it. Servizi di altissima qualità, toelettatura di alta tecnologia, bagni accurati e prodotti eccellenti. Il negozio è in grado di offrirti i migliori prodotti antiparassitari per la cura del tuo animale domestico. Seguici su Facebook http://www.facebook.com/www.negoziocucciolandia.it.
Inoltre Cucciolandia negozio animali Catania offre i seguenti servizi: Toelettatura, lavaggio cani e gatti, bagni medicali, taglio unghie, pulizia orecchie, servizio veterinario, vendita prodotti per animali, prenotazione cuccioli, vendita cibo per animali, cuccioli in vendita.

Chiunque possieda un cane sa che il nostro amico ha bisogno di molte attenzioni e cure costanti per rimanere felice e soprattutto sano. Oltre a tanta pazienza e amore ci sono alcune cose da fare per prevenire qualsiasi problema di salute del nostro cucciolo. Assicurati di avere sempre a portata di mano: “Spazzola, Polvere/Fiale antiparassitari, Salviette umide, Vermifugo, Spazzolino e dentifricio, Sanck per i denti e soprattutto tutti i Vaccini necessari per la salute del tuo cucciolo”. Ricordarsi di spazzolare il manto del cucciolo almeno una volta a settimana. In questo modo il suo pelo rimarrà pulito da sporcizia e manterrà la lucentezza.

Se il vostro cane sta spesso all’aria aperta, una volta al mese, dategli un antiparassitario. Anche i bagni sono fondamentali, lavate il vostro animale almeno una volta alla settimana, più spesso se si sporca e sta molto fuori. Vi aspettiamo a negozio Cucciolandia Negozio animali Catania e toelettatura cane con un trattamento di altissima qualità per il vostro piccolo amico: Toelettatura per cani di taglia piccola, media o grande con lavaggio, asciugatura, pulizia orecchie e taglio unghie a prezzo imbattibile. Per prenotazione chiamate Cucciolandia Negozio animali Catania e toelettatura cane al numero telefonico 095 35 57 86 oppure venite a trovarci al negozio animali catania al Viale Mario Rapisardi, 419. 

Redatto da Ristoranti Catania

No Comments
Comunicati

Il siciliano Nicolò Morales approda a Venezia e presenta “Ricostruzione” alla mostra “Spoleto incontra Venezia”


Alle prestigiose mostre di “Spoleto incontra Venezia” è possibile ammirare le magnifiche opere di ceramica dell’artista Nicolò Morales. La mostra, curata dal Prof. Vittorio Sgarbi, con la direzione del manager Salvo Nugnes, è visitabile a Palazzo Rota Ivancich, nei pressi di Piazza San Marco, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014. In esposizione i noti nomi di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì, e PierPaolo Pasolini in una retrospettiva fotografica di Roberto Villa.

Nicolò Morales si definisce  un “curioso” sperimentatore delle arti visive, depositario della millenaria tradizione ceramica di Caltagirone. Egli vanta un’esperienza trentennale iniziata da giovanissimo. Ogni sua singola opera è espressione di lavoro manuale ed intellettuale, di sentimento e di emozioni. La collezione di Nicolò Morales rievoca oggetti antichi nelle forme e nei decori, nonché nelle tecniche di lavorazione e nel reperimento delle materie prime.

Nel suo opificio si possono apprezzare le protomaioliche in decorazioni federiciane della Corte di Svevia risalenti al XIII secolo, e i vasi antropomorfi, testimonianza della sconfitta dei Saraceni ad opera della Lega Santa nella Battaglia di Lepanto del 1571. Morales è abilissimo nell’unire l’arte plastica a quella decorativa: ne sono un chiaro esempio le produzioni barocche di lavabi da sacrestia e i vasi trionfali del XVII- XVIII secolo.

Le sue opere però, pur essendo legate alla tradizione mediterranea, sono originali e di straordinaria attualità. Nell’operato di Morales vi è la ricreazione di vasi in smalto turchino, di lumi, lucerne antropomorfe, piatti, e moltissime altre opere che completano e rendono unica nel suo genere la sua collezione. Negli ultimi anni Nicolò Morales ha ideato e creato una linea contemporanea sperimentale, espressione del suo estro, che ha attirato l’attenzione di insigni architetti, critici, e artisti con i quali ha collaborato e collabora a livello nazionale e internazionale.

No Comments
Comunicati

“Spoleto incontra Venezia”: Leonardo Frigo propone le sue originali creazioni tra arte e musica

Appuntamento altisonante con la grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” a cura del critico Vittorio Sgarbi con la direzione del manager produttore Salvo Nugnes. L’evento di portata internazionale si svolge nella meravigliosa Venezia dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, tra le possenti mura di due antichissimi edifici aristocratici, Palazzo Falier e Palazzo Rota-Ivancich. Tra i nomi di prestigio presenti in esposizione Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì e altri esponenti autorevoli del panorama attuale. L’artista Leonardo Frigo rientra nell’esclusivo novero degli artisti partecipanti all’iniziativa con la sua arte ispirata dall’amore e dalla passione per la musica e gli strumenti musicali.

Commentandone lo spiccato estro creativo è stato scritto “Nelle sue creazioni Frigo recupera il contesto musicale mediante l’utilizzo di veri e propri strumenti adattati come superficie pittorica, liberando l’arte dalle forme figurative più convenzionali e trovando nell’espressione artistica un completamento a quella musicale e viceversa, in un’armoniosa e vibrante commistione. Le opere nella loro raffinata finezza compositiva appaiono semplici, pulite, lineari, essenziali e aprono una finestra sul suo mondo interiore, catturando il suo essere e la sua essenza d’inguaribile e fantasioso sognatore. Gli strumenti trasformati in visioni scultoree fondono arte e musica con mirabile spirito d’inventiva, per trasportare il fruitore in una realtà parallela diversa da quella puramente estetica e materiale, fatta di slanci emotivi, visionarietà astratta e raffigurazione simbolica di una dimensione spirituale e introspettiva“.

L’osservatore viene trasportato a un approccio graduale e approfondito dell’oggetto musicale, trasformato dall’abile disegno stilizzato eseguito da Frigo, per assaporarne e capirne lentamente la coinvolgente magia sinergica delle sonorità, che conserva in essa messaggi salienti, racchiusi nell’affascinante linguaggio “dell’involucro sonoro dipinto”. Accostando questi due mondi così simili e affini si libera dall’elemento naturalistico e imitativo e si svincola da riferimenti strettamente concettuali. È portavoce di un processo comunicativo e conoscitivo chiamato sinestesia, dove l’espressione artistica diventa suono, offrendo la possibilità di percepire l’opera attraverso più sensi, da quello visivo a quello uditivo, dal tattile all’olfattivo, in una chiave di lettura, che si rinnova e si evolve ad altissimi livelli interpretativi.

No Comments
Comunicati

Un tè con Te

Un tè con Te

Omaggio a Marina Boggio

Inaugurazione mercoledì 22 ottobre 2014 ore 18

 

Spazio Arte Castello –

Piazza Castello 9 Torino

La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle 15,30 alle 19- da mercoledì a domenica 26 ottobre.

 

Un’artista completa, Marina Boggio che viene ricordata  nel giorno del suo compleanno dal marito Carlo Quarello e dalle allieve  in una mostra dedicata alla sua opera e ai lavori delle numerose artiste che hanno fatto parte del suo atelier.

La mostra inaugura mercoledì 22 ottobre presso Spazio Arte Castello, nelle storica piazza Castello a Torino, sede dell’associazione Donna Sommelier.

L’occasione sarà un tè, un momento coinvolgente, colloquiale ed amichevole per intrattenere chi ha conosciuto e amato Marina e quanti avranno il piacere di accostarsi alle opere di sua produzione e ai lavori delle sue numerose allieve.

Ceramista di straordinaria tecnica, Marina  Boggio  inventa un suo percorso personale, rivisitando le tecniche tradizionali e l’uso dei colori, modellando la superficie della porcellana con scavi, rilievi  di originale invenzione artistica, e realizzando, con la tecnica dell’olio molle, splendide rose, motivi geometrici, decori ornamentali di raffinatissimo  effetto, modelli trasfigurati e riportati ad una attualità senza tempo, nei suoi colori preferiti che vanno dal cadmio al fucsia, dai tenerissimi azzurri ai verdi settecenteschi rivisitati alla luce di incantevoli nuove figurazioni: una costante ricerca di nuove dimensioni espressive è stato il percorso artistico di Marina Boggio,  così come continuo l’impulso all’indagine di nuovi orizzonti creativi,  in costante contatto con artisti di fama internazionale: con cui scambiare emozioni ed esperienze.

Altro aspetto della sua inesauribile creatività le bambole, personalizzate nelle fogge più diverse, curate sino all’ultimo particolare con maestria e incondizionata aderenza alle loro espressioni, modellate e vestite in abiti incantevoli.

Ma non basta. Tra le mille sfaccettature creative, Marina Boggio  si avvicina al tema delle meridiane, realizzate in varie località del Piemonte, dove, accanto alle tecniche tradizionali, rivivono in questi antichi orologi del tempo i segni e gli ornamenti originali della sua ideazione artistica.

Quando un’artista è stata anche un’anima grande, dalla personalità coinvolgente, lascia dietro di sé tracce affettive che non scoloriscono, ma che anzi sembrano potenziarsi nel tempo e rivivere, grazie all’abilità e alla dedizione delle allieve, una  continua stagione di bellezza creativa.

Così è per la mostra ospitata nelle sale di Spazio Arte Castello, dove nelle due sale che affacciano sulla storica piazza, sono creati angoli ed atmosfere per far rivivere  gli oggetti eseguiti da Marina  e valorizzare i lavori delle allieve e dove il suo magistero didattico prende nuova forma colorandosi di ricordi.

Uno scritto indiano cita meravigliosamente l’incanto di questa rievocazione affettuosa:” Con lieve cuore, con lievi mani, la vita prendere, la vita lasciare”

Maria Luisa Alberico

 

Info @mail: [email protected]

No Comments
Comunicati

Pronto intervento – la qualità dei servizi

  • By
  • 13 Ottobre 2014


Se si vuol dare un servizio in modo da avere risultati soddisfacenti, prima di tutto, bisogna selezionare gli artigiani che collaborano con molta attenzione. L’ idraulico esegue interventi di sostituzione rubinetterie, guarnizioni, stasamenti vari ecc.. ecc..  l’ elettricista ricerca guasti elettrici, rifacimento impianti, salvavita ecc.. ecc..  Il fabbro esegue saldature, apertura serrature bloccate, ripara tapparelle ecc.. ecc.. Gli artigiani indipendentemente uno dall’ all’ altro, c’è chi è specializzato su aperture serrature bloccate e chi  salda, nonostante si tratta sempre di fabbro non è detto che sia specializzato su entrambe le cose, e così anche per elettricista ed idraulico. Quindi, alla chiamata di un utente bisognoso, verrà chiesta la zona dell’ intervento e la natura della chiamata ; cosi che si riesca a selezionare l’ artigiano più idoneo. In questo modo si riesce a gestire l’ intervento ed il sopralluogo dell’ artigiano in tempi brevi, ottenendo il massimo dai servizi. Un utente che chiama per un intervento, ed è assistito da un artigiano sicuro di se, che non ha dubbi su come gestire il tipo di lavoro, senza alcun dubbio si sente in mani sicure. Naturalmente tutto questo include: Garantire il tipo di lavoro,  artigiani selezionati veramente capaci e compensati nel giusto, puntualità e dare sicurezza del proprio operato. Il cliente che chiama per la prima volta , deve essere un cliente acquisito, soddisfatto del trattamento ricevuto e che in caso di bisogno richiami nuovamente. http://servizicasa.altervista.org

No Comments
Comunicati

BIT-SERVICES LANCIA IL SUO NUOVO PRODOTTO “BIT CLOUD”


In associazione con Orbweb Inc., Bit-Services offre un’ottima nuvola digitale personale.

Bit Cloud è la nuvola digitale personale che permette agli utenti di accedere al loro PC remotamente. Con le

funzioni di Remote Desktop, File Xplorer e Wake-On-Wan, porta il vostro PC ovunque, in qualsiasi momento,

in modo sicuro e affidabile!

“Sono molto lieto di annunciare la distribuzione in Italia e in Ticino, Svizzera, della nuvola digitale

Bit Cloud supportata dalla piattaforma di nuvola digitale Orbweb.ME, prodotto della compagnia taiwanese Orbweb

Inc. Bit Cloud rende fruibile in modo semplice la tecnologia di Orbweb.ME dato che sarà installato sui

computer Infinity.” Basilio Martorana, Responsabile di Bit-Services.

In questo modo, gli utenti che acquisteranno un computer Infinity con le schede madri ASRock, avranno Bit Cloud

nella versione Ultimate di Orbweb.ME con la funzione di Remote Desktop e Wake-On-Wan, che permette

di riattivare il PC attraverso internet. Per tutti quegli utenti che non acquisteranno un computer Infinity, avranno

ad ogni modo la possibilità di accedere gratuitamente alla  versione Standard di Orbweb.ME , che permette di utilizzare la funzione di File Xplorer.

Per ulteriori informazioni su Bit Cloud, www.bit-services.it.

Su Bit-Services

Siamo una piccola azienda informatica con grandi sogni, fondata in gennaio 2010.

I nostri punti di forza sono l’affidabilità dei prodotti e dei servizi forniti, la continuità nell’evoluzione

tecnologica, la tutela degli investimenti effettuati dagli utenti. Questo è il nostro modo di fare informatica.

Su Orbweb Inc.

Orbweb Inc. (precedentemente “Kloudian Systems”),

www.orbweb.com, è una compagnia fondata nel

2012, con sede centrale a Taipei, Taiwan, e uffici a Palo Alto, California, Stati Uniti. La piattaforma di nuvola

digitale Orbweb.ME, integra una varietà di data e applicazioni da diversi computer, server, tablet e

smartphone, e altri dispositivi informatici.

No Comments
Comunicati

“Spoleto incontra Venezia”: l’interessante ricerca pittorica informale di Giuseppe Oliva in esposizione


Il pittore Giuseppe Oliva, già presente con successo a “Spoleto Arte” è presente nel novero degli artisti selezionati per le grandi mostre di “Spoleto incontra Venezia” allestite nella spettacolare cornice della città lagunare con la curatela del critico Vittorio Sgarbi e la direzione del manager produttore Salvo Nugnes, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014. Il famoso Palazzo Rota-Ivancich, situato a pochi passi da Piazza San Marco, accoglie una collettiva di altissima portata, con l’esposizione di opere appartenenti a personaggi altisonanti, tra cui Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì e un’inedita carrellata fotografica in omaggio a Pier Paolo Pasolini. 

Il percorso di Oliva si inserisce nel recupero del viscerale legame d’unione con i contesti marini puri e incontaminati, luoghi incantevoli dalle ammalianti atmosfere, che ricordano la sua adorata terra d’origine, la Sicilia, rievocati con una vena di appassionato lirismo poetico. Attraverso i dipinti rielabora con la mente vivaci spunti di riflessione esistenziale, che appartengono al variegato cammino delle memoria trasferito sulle tele.

In ogni dettaglio minimale, in ogni minuzioso particolare trova elementi integranti, che diventano parte di un tutto unitario e omogeneo, nel quale la dimensione di macrocosmo si trasforma in microcosmo e viceversa. Si delinea una fusione perfetta tra la densa consistenza della materia e l’armoniosa mescolanza delle sfumature tonali, stese vigorosa abilità gestuale. Sgarbi lo ha definito “Artista denso e intenso nella pittura a spatola, che si muove sopra una gamma molto astratta, quasi come si può vedere nei quadri su Cassis”.

La sua è una pittura scultorea: utilizza spatolate materiche e sferzanti, stende con generosa abbondanza colori intensi, corpulenti, capaci di raffigurare i pezzi di mare, di dare voce alle brezze marine, di restituire profumi di erbe, di prati, di boschi, di paesaggi rigogliosi, immersi nel silenzioso fluttuare delle nuvole, spronando lo spettatore a entrare in una emozionante prospettiva fantastica, in un itinerario onirico tra sogno e realtà.

No Comments
Comunicati

Offerte di lavoro personale operativo per aziende di ogni tipo

In un periodo di forte crisi economica, molti sono in cerca di lavoro. Da chi ha appena finito gli studi e sta cercando di entrare nel mondo del lavoro, a chi ha perso l’impiego, la forte disoccupazione presente nel nostro paese si contrappone alla grande richiesta pubblica, che spesso si trova a ricercare, anche disperatamente, offerte di lavoro. In molti ambiti lavorativi viene richiesta esperienza sul campo nei confronti dei candidati. Altre volte invece è richiesto personale operativo all’interno di aziende. Poniamo come esempio un’azienda di logistica.  
Tra le offerte di lavoro, per introdurre la figura del personale è necessario portare alla luce il concetto di logistica in questo caso. La logistica all’interno di un’azienda si occupa di tutte le attività organizzative e gestionali che si occupano di regolare i flussi di informazioni e i materiali, a partire dall’acquisto fino ad arrivare alla consegna dei prodotti. Ogni azienda ha una vitale necessità di avere un settore logistico, per ciò che riguarda il lato produttivo e commerciale. Essa va gestita in modo economico e razionale. All’interno dello sfondo lavorativo odierno, il cardine del successo di un’attività si trova nell’ottimizzazione delle risorse e nella riduzione dei costi. Tutto ciò si esplica attraverso una logistica la cui funzione svolge perfettamente i suoi ruoli. 
Non è affatto semplice gestire i flussi delle merci, infatti spesso le imprese commerciali convengono che sia produttivo affidare ad aziende di logistica la gestione della propria azienda.  Ciò significa avviare delle offerte di lavoro mirate verso delle organizzazioni esperte, in modo che possano fornire del personale che svolgerà una o più attività tra cui: Sistemazione e stoccaggio delle merci in azienda , Presa in carico delle merci in arrivo, L’insacco, la pesatura, la legatura e la classificazione di ordini in arrivo e in partenza, Imballaggio delle merci in uscita, Facchinaggio, Spedizione delle merci ai clienti. All’interno del mondo logistico abbiamo bisogno di trovare del personale specifico e qualificato. Le più critiche mansioni che vengono presentate sono quelle dei buyer, compratore, che si occupa dell’acquisto delle materie prime, semilavorati. Altrimenti possiamo trovare mansioni come la programmazione della produzione, con la gestione degli stock, la distribuzione fisica che cura i flussi dei prodotti dal produttore fino al cliente. 
No Comments
Comunicati

Il simbolismo e le allegorie nelle opere di Alessio Serpetti a “Spoleto incontra Venezia”


Dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, sono in allestimento le prestigiose mostre “Spoleto incontra Venezia” curate da Vittorio Sgarbi e dirette dal manager Salvo Nugnes, presso lo storico Palazzo Rota-Ivancich, situato a pochi passi di Piazza San Marco, a Venezia. Nel novero degli artisti, tra grandi nomi come Dario Fo, José Dalì e Eugenio Carmi, troviamo anche Alessio Serpetti.

 

Serpetti nasce a Roma nel 1975 e fin dall’infanzia manifesta il suo amore per il disegno, tanto che a 9 anni è già allievo del Maestro Carlo Marcantonio, per quanto riguarda tecniche grafiche e pittoriche, dapprima presso l’Accademia Prenestina del Cimento, poi alla Scuola d’Arte “Casa Romana”. Curioso sapere che, solamente un anno dopo inizia ad esporre i suoi lavori, elaborando, nella prima metà degli Anni Novanta, una poetica figurativa del tutto personale, profondamente legata al vero, ma al tempo stesso carica di simbolismi, che conduce soprattutto sull’immagine femminile di cui riesce a rendere, attraverso una profonda capacità introspettiva, le varie espressioni emotive e gestuali proprie del nostro tempo.

 

Alessio Serpetti, ispirato soprattutto dalla poetica simbolista e surrealista, dalla gestualità delle figure preraffaellite, dall’uso caravaggesco della luce e dalle rappresentazioni della vanitas del Seicento olandese, orienta la sua ricerca verso un surrealismo scenografico notturno ed enigmatico, intriso di lirismo e ricco di allegorie di carattere onirico e teatrale.

 

Di lui dicono “Esegue le opere con tecnica impeccabile, degna di un pittore di antica tradizione, con meticolosa e doviziosa raffinatezza nel tratto, con la scrupolosa attenzione di chi vuole rappresentare con lucida esattezza e precisione anche il minimo dettaglio narrativo e dare enfasi formale alle spettacolari immagini visionarie. Nei dipinti riscopre iconografie medievali e rinascimentali, simboli archetipi e miti dimenticati, in una raffigurazione che appare come la riproduzione virtuale di un lungo viaggio notturno, di uno sprofondamento in un mondo sommerso e sotterraneo, dove sopravvivono le creature e le divinità, che popolano e animano la nostra sfera onirica e fantastica”.

No Comments
Comunicati

Intervista al noto pittore Giuseppe Oliva in occasione delle mostre di Spoleto incontra Venezia


Il pittore Giuseppe Oliva, già presente con successo a Spoleto Arte, partecipa alle grandi mostre di Spoleto incontra Venezia allestite a Palazzo Rota-Ivancich a pochi passi da Piazza San Marco, con la curatela del critico Vittorio Sgarbi e la direzione del manager produttore Salvo Nugnes, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014. Di seguito l’intervista all’artista.

D: Come nasce l’occasione di partecipare a questo importante evento espositivo?

R: L’occasione nasce sicuramente dall’aver conosciuto l’azienda Promoter Arte ed in particolare Salvo Nugnes, che ha avuto e continua ad avere fiducia in me, attratto dai miei azzurri e geometrie cromatiche. Proprio grazie a lui ho esposto le mie opere già due volte a Padova e recentemente a Spoleto, per cui non posso che ringraziarlo pubblicamente.

D: È la prima volta che espone a Venezia?

R: Si è la prima volta e ne sono profondamente felice. È una grande occasione che mi emoziona tantissimo. Per un artista, eventi come quello di Venezia, rappresentano non solo un’opportunità, ma sicuramente una fonte di grande soddisfazione personale, quale riconoscimento per i risultati ottenuti.

D: Quali opere espone e quale orientamento tematico seguono?

R: Espongo 7 opere, e tutte e 7 hanno come protagonista il mare come fonte di inesauribili emozioni: Trasparenze, Calma: oltre i riflessi, Percezioni di un tramonto, Riflessi: magia di colori, Movimento di azzurri: un incontro, Emozioni di azzurro, Mare. geometrie cromatiche. In tutte, come del resto in tutta la mia produzione, è sempre presente la ricerca del particolare e cioè il tentativo di focalizzare una parte del tutto, non tanto per estraniarsi dal mondo e dalla realtà circostante, ma anzi per addentrarsi ed avvicinarsi alla realtà stessa in modo sempre più forte ed incisivo. Si tratta di scorci di mare, del mio mare di Sicilia, che rievocano ricordi e praticamente scorci e pezzi della mia vita, emozioni di un tramonto, di un riflesso o semplicemente del suo inconfondibile azzurro. Non un paesaggio, assente qualsiasi ipotesi di forma, ma un sovrapporsi di colori stesi in modo denso semplicemente con una spatola, che in diverse occasioni ho definito come il sismografo delle mie emozioni, e cioè l’appendice meccanica che riesce a trasferirle ed impressionarle sulla tela. Ultimamente mi sono dedicato ai riflessi, e cioè a dare vita ad una sorta di realtà distorta, non per evitarla, ma per capirla meglio. In questo modo credo di essere riuscito a riassumere ed incorniciare la capacità di andare oltre, di pensare fantasticando, rimanendo però attaccati alla realtà, al proprio presente, consapevoli che ogni geometria cromatica che la natura ci offre, altro non è che l’espressione poetica della nostra quotidianità, un modo per entrare sempre più prepotentemente dentro la realtà stessa e conoscerla sempre di più nei suoi meandri più reconditi: una trasfigurazione del reale che esalta la realtà.

D: Quando e come è avvenuto il suo approccio al mondo dell’arte?

R: E’ una passione che mi porto dietro da tantissimi anni. Ho cominciato a dipingere da ragazzino, ma la vera maturazione l’ho avuta alcuni anni fa, quando ho cercato di dare un senso filosofico al mio lavoro: la ricerca del particolare per catturare la realtà che ci circonda, e tentare di entrare nei suoi meandri più reconditi, scorci di mare, di cielo di nuvole, sempre con spatolate dense e materiche .

D: Un commento di riflessione in parallelo tra Spoleto e Venezia, come poli di eccellente portata, nella divulgazione dell’arte e della cultura con fama internazionale?

R: Quando si parla di Venezia e Spoleto, si parla in effetti di due poli culturali di eccellenza che non hanno, a mio avviso, paragoni al mondo, e sono luoghi in cui si respira l’arte in tutte le sue manifestazioni. Come dicevo, sono reduce da Spoleto e devo dire che è stata veramente un bellissima esperienza. In ogni angolo una mostra, un concerto, il tutto all’interno di un palcoscenico naturale, che è già di suo una “grande opera d’arte”. A Venezia è ancora più bello perché oltre all’arte e alla sua storia, ci si trova dinanzi alla poesia della natura, che renderà ancora più emozionante l’evento. L’incontro di queste due realtà credo che sia un evento importantissimo innanzitutto da un punto di vista culturale, ma anche e soprattutto quale giusto e meritato riconoscimento ad entrambe le realtà per il loro ruolo svolto in tutti questi anni in campo artistico e culturale.

D: È compiaciuto di esporre accanto a illustri nomi del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì e altri nomi di spicco del panorama contemporaneo?

R: Sicuramente sono onorato, ma soprattutto emozionato di esporre accanto a grossi ed affermati artisti, del calibro di Fo, Carmi e Dalì, ma consapevole dell’importanza dell’evento nel suo complesso, come palcoscenico per mostrare al mondo intero con rispettosa modestia il tuo lavoro, i risultati che hai raggiunto, la tua concezione del colore; ed è sicuramente molto ma molto più stimolante, sapendo che nella sala accanto alla tua sono esposte le opere di grandissimi artisti. La loro presenza è sicuramente, fonte di emozione e di grande soddisfazione ma anche e soprattutto uno sprone per affrontare il futuro e cercare di raggiungere i loro traguardi.

D: Se dovesse dare una breve definizione sul concetto di arte in generale?

R: L’arte è sicuramente la capacità di far emergere le proprie emozioni e riuscire in qualche modo a trasferirle agli altri. Quando lo sguardo di chi si trova dinanzi ad una tela si trasforma necessariamente in osservazione, in quello cioè che viene definito giudizio critico, e percepisce appieno il messaggio dell’artista, quello è sicuramente il momento in cui le emozioni dell’autore, i suoi ricordi e tutto ciò che li accompagna emergono prepotentemente dando vita a delle sensazioni che si sviluppano e continuano a percepirsi in modo autonomo. Questo è il sogno di ogni artista: emozionare. Per cui a mio avviso, in senso molto generale è arte tutto ciò che riesce ad emozionare, a far capire ciò che ha spinto l’autore a realizzare una determinata opera, il suo pensiero ed il suo stato d’animo quando si è approcciato a realizzarla.

D: Ci sono degli artisti e/o delle correnti, che apprezza in modo particolare?

R: La corrente che ho apprezzato e continuo ad apprezzare è di certo l’Impressionismo, che mi ha in qualche modo formato da un punto di vista artistico. Da questi pittori ho imparato a capire l’importanza del colore e la sua carica espressiva sia nel tocco che nella presenza della materia, che rappresenta quasi una sorta di appendice, di contatto che l’artista vuole creare e mantenere con chi osserva una tela ed è ciò che ho cercato e sto cercando di fare: dense ed intense spatolate per dare vita e corpo ad una emozione. Negli ultimi anni ho avuto modo di approfondire anche quella che viene definita “arte concettuale”, ben lontana dai miei lavori, ma da cui ho tratto comunque un insegnamento, e cioè che è sicuramente bello ed affascinate esprimere un idea, una propria concezione filosofica attraverso i colori e l’intensità della materia. Nessuna forma, ma semplicemente l’uso più o meno intenso di alcuni colori per esprimere delle emozioni e dei concetti.

No Comments
Comunicati

Spedisci low cost online con i corrieri di tutta Italia


Affidarsi ad un corriere per effettuare delle spedizioni online in Italia o all’estero sicuramente risulta essere la scelta più azzeccata per chi ha necessità di inviare un pacco o magari effettuare un trasloco, ecco perché affidarsi ai corrieri che si occuperebbero del trasporto della merce in maniera sicura, con particolari garanzie legate alla politica dell’azienda è la scelta di molte persone.

Di contro però i prezzi assolutamente corposi delle spedizioni ,tasto debole di molti corrieri espresso, sempre più spesso infatti ci si affida ai corrieri on line che propongono spesso offerte fantastiche e prezzi sicuramente più accessibili.

 

Spedire online in tutta Italia con Facilità

Spedire online a basso costo con i corrieri del web significa risparmiare notevolmente ma non significa rinunciare alla garanzia e alla sicurezza dei pacchi trasportati, che sia in Italia o all’estero i corrieri che si possono trovare online garantiscono l’arrivo della merce in pochi giorni, mentre per i traporti all’estero sicuramente potrebbero essere necessari anche una o due settimane in base alla destinazione.

La merce che sarà spedita può essere ritirata direttamente presso il proprio domicilio dal corriere, in alcuni casi invece potrà essere necessario consegnarla personalmente, se la merce sarà ricevuta o ritirata entro un orario stabilito dalla ditta la stessa potrà essere spedita nella stessa giornata.

Sicuramente il servizio di corrieri che possiamo trovare online ha dei costi notevolmente più bassi rispetto agli altri corrieri, in quanto vengono dimezzati i costi burocratici che le ditte dovrebbero affrontare nel caso in cui sia presente un ufficio con personale a carico, ecco perché il prezzo risulta veramente vantaggioso, prezzo che però varia sia in base al peso che alle dimensioni del pacco da inviare.

Inoltre molti corrieri online sono provvisti di clausole assicurative che coprirebbero eventuali danni arrecati involontariamente al pacco e al suo contenuto, utile soprattutto nel caso in cui la merce arrivi danneggiata.

No Comments