Daily Archives

24 Ottobre 2014

Comunicati

Intervento di mastoplastica additiva a Napoli

Dolore? No, grazie

In Chirurgia Estetica oggi si può!

“Una delle principali motivazioni per cui i pazienti sono riluttanti ad effettuare un “ritocchino estetico” spesso è rappresentata dalla paura della degenza post-operatoria e dal dolore”.

 

“La chiave di volta nello stilare i protocolli chirurgici e post-operatori che attualmente seguo, è stata un’attenta analisi di ciò che i miei pazienti lamentavano dopo gli interventi, a guarigione avvenuta. Ovvero, ponevo molta attenzione a capire come rendere poco o per nulla spiacevole il post-operatorio”.

 

“Merito di questa evoluzione sicuramente è stato il confronto con il mio anestesista, il Dr Domenico Rienzo, per la prevenzione del dolore post-operatorio, assieme abbiamo deciso di svolgere tutti gli interventi, come la mastoplastica additiva, la rinoplastica, l’addominoplastica, etc, in anestesia loco-regionale con sedazione. Questo garantisce da un lato la possibilità di evitare l’intubazione (tipica dell’anestesia generale), e dall’altro garantisce l’assenza del dolore nel post-operatorio per i pazienti.”

 

“Il concetto su cui si basa la nostra filosofia è che infiltrando i tessuti da operare con un anestetico, questo ci permette, al termine dell’intervento stesso, che l’effetto anestetico/anti-dolorifico sia ancora presente, dopodicchè subentra la grande esperienza in terapia del dolore da parte del Dr Rienzo (anestesista dell’equipe), il quale prescrive una terapia post-operatoria per via orale (quindi senza punture), da seguire scrupolosamente per i primi tre giorni post-operatori.

E’ nelle prime 48/56h post-operatorie la fase saliente del dolore, che, se opportunamente trattata, può essere bloccata e quindi impedita sul nascere”

 

E’ proprio per questo che posso garantire ai nostri pazienti, una degenza praticamente priva di dolore!

No Comments
Comunicati

Tasso Euribor: buone notizie per i titolari di mutui a tassi variabili


Il Tasso Euribor è in rapida picchiata. Una discesa che non accenna a fermarsi. Nelle prime settimane di ottobre è stato toccato un nuovo minimo storico: l’Euribor a tre mesi ha raggiunto lo 0,08% e l’Euribor a 6 mesi un valore che oscilla tra lo 0,18% e lo 0,19%. È un’ottima notizia per coloro che sono titolari di un mutuo a tasso variabile, i quali riusciranno a risparmiare sulla rata mensile.

La media calcolata sui dati storici prima dello scoppio della crisi finanziaria, possiamo riferirci al 2008 per esempio, era del 3%, con picchi del 4,5%. L’attuale discesa del tasso Euribor è direttamente connessa alla decisione della BCE di fissare il tasso di riferimento a 0,05%, dal precedente 0,015%. Contestualmente, però, anche di portare ad un tasso negativo i depositi di liquidità fatti dalle banche. Queste scelte hanno portato alla conseguenza di un nuovo negoziato dei depositi tra le banche stesse e quindi ad un abbassamento del tasso Euribor portando il tasso a una settimana negativo, quelli a un mese, tre mesi e sei mesi poco al di sopra dello 0.

La conseguenza per coloro che hanno stipulato un contratto di mutuo a tasso variabile alla vigilia della crisi finanziaria è che, ad oggi, un tasso negativo li farebbe “guadagnare” in quanto il tasso d’interesse sarebbe ottenuto sottraendo – e non sommando – allo spread il tasso Euribor di riferimento (se non diversamente esplicitato dal contratto di mutuo).

Gli esperti prevedono che il tasso Euribor dovrebbe mantenersi al di sotto dell’1% anche nei prossimi anni.

Se sei in cerca di un finanziamento personale affidati a prestitionline.com, i professionisti dei prestiti online. Chiama il numero verde 800.100.700 e richiedi un preventivo gratuito.

No Comments
Comunicati

Maria Pia Severi: a “Spoleto incontra Venezia” la fotografia in movimento dell’artista emiliana


Grande partecipazione di Maria Pia Severi a “Spoleto incontra Venezia”, le grandi mostre curate dal Prof. Vittorio Sgarbi e dirette dal manager Salvo Nugnes, negli storici contesti di Palazzo Falier e Palazzo Rota-Ivancich a Venezia. Le splendide ed originali opere fotografiche della Severi sono in esposizione nei due meravigliosi edifici, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014.
Di seguito, l’intervista alla rinomata artista.

D: Che sensazione prova a staccarsi da un pezzo venduto?
R: Sapendo che di ogni pezzo venduto me ne restano altri cinque direi che non mi dispero affatto: arriverà spero il momento che li venderò tutti! Ogni artista è felice quando il suo lavoro viene apprezzato e retribuito.

D: Qual è il lavoro a cui è più affezionata, e perché?
R: Ogni Città che visito deve diventare prima “mia”, in ogni senso, culturale, storico e visivo. Ogni volume che esce sull’ultima nata è per me sempre il più bello. Poi me ne dimentico e passo ad altro, nel senso che non sto a crogiolarmi sul nuovo volume da me creato.

D: Come vede l’arte rispetto la crisi dei giorni d’oggi?
R: Ritengo che, ora come ora, la fotografia tende ad avere la prevalenza sulla pittura, poiché costa meno e può essere più bella e decorativa di un brutto dipinto, magari più costoso.

D: Quali sono gli artisti che hanno maggiormente influenzato il Suo lavoro?
R: Nessuno, sebbene io sia da sempre stata amante e collezionista di opere d’arte. Ho sempre fotografato ciò che mi piaceva. Nel 1984, quando fu pubblicato il mio primo libro Sotto il segno di Modena, apparve palese che ritraevo prevalentemente figure femminili che passavano per le vie di Modena e che, colte dal mio obiettivo, si trasformavano in “personaggi” mentre Modena appariva solo sullo sfondo. Fu Franco Vaccari, che aveva già esposto alla Biennale di Venezia ed era stato definito da Bonito Oliva sul settimanale L’Espresso un “artista extravagante”, che mi spinse a pubblicarlo ed in più mi fece il menabò e la prefazione. All’epoca facevo foto con la mia Kodak Instamatic. Sottolineo che all’epoca, giovane procuratrice, scattavo le mie foto recandomi in ufficio, eppure ogni giorno, anche se ripetevo la stessa via, tutto mi sembrava nuovo e diverso. Sotto il segno di Modena fu definito, anche dagli altri artisti modenesi ‘il più bel libro mai fatto su Modena”. Trascorso il tempo dell’avvocatura, cercai un nuovo stile. Andando in macchina con mio marito, cercavo di fotografare paesaggi di lato, il più delle volte non riprendevo nulla, ma le foto “a tutta velocità” che riuscivo a fare mi entusiasmavano. Allora cercai di riprodurre col movimento delle braccia questa realtà e così nacque il mio nuovo stile che applico, con varianti, anche ora. Ecco come fotografo. Seguo il mio istinto sempre ed ho creato uno stile all’epoca rivoluzionario, di foto in movimento. Franco Vaccari mi aiutò a confezionare anche i due libri successivi Emozioni Capresi-Inverno e Venezia è Sogno, di cui mi fece anche le relative prefazioni, sottolineandomi che chi aveva beneficiato di una sua prefazione, avrebbe certamente avuto un futuro d’Artista.

D: Quale messaggio vuole trasmettere con la Sua arte?
R: Vorrei coinvolgere le persone nelle emozioni che io provo fotografando. Inoltre vorrei lasciare libero sfogo all’interpretazione delle mie foto. In altre parole vorrei che le mie foto fossero intriganti. Il complimento più bello che mi fanno è quando colgono nelle mie foto qualcosa di diverso dalla realtà. La fantasia che si scatena a guardare le mie foto è illimitata ed io mi diverto molto ad ascoltare anche le più strambe interpretazioni! Così ha anche fatto il professor Vittorio Sgarbi a Spoleto! Si ricorda Vittorio?

No Comments
Comunicati

“Spoleto incontra Venezia”: L’arte è difficile da definire così si esprime Claudio Messini, a voi l’intervista


L’artista Claudio Messini, già presente con successo a “Spoleto Arte”, riscuote ampi gradimenti anche alle grandi mostre di “Spoleto incontra Venezia” curate dal critico Vittorio Sgarbi e dirette dal manager produttore Salvo Nugnes, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, presso gli storici e pittoreschi edifici Palazzo Falier e Palazzo Rota-Ivancich. In questa intervista, Messini parla della sua esperienza a Venezia e del suo amore per l’arte.

D: È la prima volta, che espone a Venezia?
R: Sì, confermo che è la prima volta che porto le mie opere nel capoluogo Veneto.

D: È compiaciuto di esporre accanto a illustri nomi del calibro di Dario Fo, Eugenio Carmi, José Dalì e altri nomi di spicco del panorama contemporaneo?
R: Certamente per Dario Fo ed Eugenio Carmi, ad esempio. Molti altri artisti ho avuto modo di conoscerli in occasione di Spoleto Arte, presso Palazzo Leti Sansi.

D: Un commento di riflessione in parallelo tra Spoleto e Venezia, come poli di eccellente portata, nella divulgazione dell’arte e della cultura, con fama internazionale?
R: Indubbiamente accostare le due location costituisce un impatto significativo. Entrambe evocano arte e bellezza.

D: Quando e com’è avvenuto il suo approccio al mondo dell’arte?
R: Il mio approccio col mondo dell’arte risale alla prima giovinezza. Ho seguito studi artistici e poi mi sono dedicato alle arti figurative e al teatro.

D: Se dovesse dare una breve definizione sul concetto di arte in generale?
R: Diciamo che le definizioni non mi sono consuete e, inoltre, l’arte è difficilmente definibile.

D: Ci sono degli artisti e/o delle correnti, che apprezza in modo particolare?
R: Il Novecento è estremamente vario e vasto, ma dovendo citare un nome direi Mirò, senza nulla togliere ad altri grandi.

No Comments
Comunicati

Alessandro Testa espone le sue creazioni in occasione di Spoleto incontra Venezia a cura di Vittorio Sgarbi


La vetrina internazionale della grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” che vanta l’autorevole curatela di Vittorio Sgarbi, si svolge dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014 nella stupenda città lagunare dentro due sedi di altisonante rilevanza istituzionale, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich. La direzione organizzativa dell’evento è del noto manager produttore Salvo Nugnes. Tra le presenze di spicco Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì. Il rinomato pittore spoletino Alessandro Testa sulla scia del successo della precedente mostra di “Spoleto Arte” rientra nel selezionato elenco degli artisti partecipanti alla pregevole iniziativa, con una serie di interessanti dipinti dall’impronta cromatica variopinta e dalla matrice astratta informale.

Testa commentando le fonti, che più lo ispirano nella costante ricerca stilistica di sperimentazione spiega “Non mi ispiro a nessuna corrente artistica specifica, perché la mia pittura è totalmente istintiva e mai predefinita a monte. Tuttavia, vari critici ed esperti in materia hanno considerato il mio modo di dipingere affine a eccelsi maestri come Pollock e Tancredi e questo paragone certamente non può che compiacermi e lusingarmi. Inoltre, mi affascinano parecchio anche Mirò e Kandinskij, che reputo modelli primari come guida di riferimento”.

Raccontando i suoi esordi nel mondo dell’arte dice “Per molti anni mi sono dedicato alla scultura in legno e bassorilievi in rame poi quasi improvvisamente ho sentito la voglia tramite la pittura di esprimere i miei sentimenti, la rabbia verso le ingiustizie, le insoddisfazioni così come le gioie e la felicita. Non potrei davvero più fare a meno dell’arte anche come valvola di sfogo emotivo. Nel creare le opere provo sempre emozioni speciali, straordinarie, quasi indescrivibili e sempre in crescendo. Per me l’arte è potersi esprimere in tutti i modi, con libertà e senza condizionamenti”.

No Comments
Comunicati

La necessità del messaggio nella musica italiana: intervista al cantautore Luca Maris


Il valore del celebre artista napoletano Luca Maris, cantante, autore, compositore, arrangiatore, è riconosciuto in tutta Italia, anche a Venezia, dove di recente è stato invitato in occasione del vernissage della grande mostra “Spoleto incontra Venezia“. Il suo primo album, “Quante storie…”, è stato subito ben accolto dal mercato italiano e internazionale ed è stato inserito nelle playlist di vari network nazionali, compresa Rai Isoradio, mentre il secondo lavoro “Fuori e dentro noi” è stato realizzato a scopo di beneficenza a favore della ONLUS “Un cuore per tutti…tutti per un cuore!” per contribuire all’aiuto dei bambini cardiopatici nel mondo. In quest’intervista egli rivela le sue idee riguardo al mondo della musica nel panorama italiano ed internazionale, raccontando anche i suoi progetti per il futuro.

 

D: Come vede l’attuale mercato della discografia a livello nazionale e internazionale?

R: A livello nazionale lo vedo scarso: in giro si possono sentire sempre meno canzoni intese come vere opere musicali e di spessore culturale. Purtroppo si sentono quasi esclusivamente solo canzonette per far soldi e basta; senza parlare poi dei testi: sono spesso deprimenti e li capisce solo chi li ha scritti e forse chi li canta. Anch’io molte volte faccio fatica a capirli perché per me non hanno un senso di linguaggio logico. A livello internazionale, invece, si ascolta della buona musica poiché si bada più alle opere musicali di sostanza che alla “musica di plastica”, al contrario di quanto si fa purtroppo oggi in Italia.

 

D: A quali progetti futuri si sta dedicando?

R: Sto preparando il mio nuovo cd che racchiude una piccola raccolta del mio recente passato discografico e qualche nuovo pezzo. All’interno ci sarà anche un brano che mi piacerebbe cantare al prossimo Festival di Sanremo 2015. È sempre stato il mio sogno fin da bambino, da quando uscii dalla tremenda esperienza fisica personale del coma; per me e per mia madre Rosa sarebbe come rivivere quell’esperienza passata, ma questa volta regalandole lacrime di gioia anziché quelle causate dalla paura di perdere un figlio.

 

D: C’è un cantante o un gruppo italiano o straniero, con cui in futuro vorrebbe iniziare a collaborare?

R: Come artista italiano Massimo Ranieri, mentre in ambito internazionale mi piacerebbe collaborare con i Gotthard, un gruppo rock svizzero.

 

D: Se avesse a disposizione tre aggettivi per definirsi in qualità di artista poliedrico, quali userebbe?

R: Generoso, Creativo, Essenziale.

 

D: Come si può inculcare nelle generazioni più giovani l’amore per la musica, concepita come linguaggio comunicativo universale?

R: I giovani dovrebbero entrare in modo più serio e meno superficiale nel mondo della musica, ma anche nella vita stessa: sono due mondi vasti e senza confini e dovrebbero anche rappresentare per loro un messaggio educativo e di riflessione che può appartenere a tutti, basta avere la voglia di applicare e rispettare le regole della vita e della musica. Bisognerebbe però, a mio modesto parere, non avere pregiudizi per niente e per nessuno perché ogni creatività, come ogni essere vivente, può essere per noi un’esperienza da vivere e che ci può insegnare qualcosa nel bene e nel male: alla fine la musica, come la vita, è un linguaggio universale che appartiene a tutti.

 

D: Quali consigli/suggerimenti potrebbe dare alle nuove leve di cantanti/cantautori?

R: Di essere disposti a fare tanti sacrifici e rinunce per intraprendere questo percorso professionale, senza dubbio non facile, e di essere disposti ad aspettare il proprio momento.

 

No Comments
Comunicati

I montascale una delle soluzioni più diffuse per la mobilità degli anziani nelle abitazioni.


Se fino a pochi anni orsono il destino delle persone affette da problemi di deambulazione motoria era segnato dall’obbligo di dover scegliere necessariamente abitazioni su unico livello o dover limitare forzatamente il proprio spazio vitale in base allo spazio di movimento raggiungibile, oggi la situazione è radicalmente cambiata. Grazie agli incentivi fiscali ma soprattutto alle nuove tecnologie ora è possibile l’installazione di montascale e servoscale motorizzate anche in ambienti particolarmente complessi.

 

Salire più piani richiede solo pochi minuti ed il tutto in assoluta sicurezza grazie a dispositivi tecnologicamente sofisticati ma al tempo stesso facilmente utilizzabili anche da persone in età avanzata.

 

La presenza dell’ausilio peraltro appare poco invasiva vista la possibilità di potersi richiudere ad utilizzo effettuato e grazie all’ottimizzazione nelle installazioni lo spazio a disposizione rimane ampiamente fruibile.

 

La salita e la discesa delle scale avvengono grazie a comandi estremamente semplici ed il movimento è assolutamente sicuro e morbido, il comfort assicurato dalle poltroncine è coadiuvato dai movimenti progressivi della motorizzazione che si blocca in caso di anomalie o problematiche di funzionamento.

Una volta raggiunto il punto di arrivo il montascale provvede automaticamente all’arresto della corsa così come nell’operazione di discesa. Ovviamente è prevista una funzione che permette il richiamo del montascale qualora lo stesso dovesse trovarsi in un piano diverso rispetto a quello dell’utente.

Probabilmente in un prossimo futuro altre potranno essere le innovazioni e le opportunità offerte dalla tecnologia al mondo della disabilità e all’utenza costituita dagli anziani con problemi di mobilità, nuove soluzioni che potranno ulteriormente migliorare la qualità della vita di queste persone cio’ che conta è che già da subito sia possibile offrire a questa utenza i supporti migliori e più sicuri che il mercato in questo senso è in grado di offrire.

No Comments
Comunicati

BeautyMed diventa una realta’ nel campo dei Macchinari estetici e nella fotodepilazione


Beauty Med specializzata nel settore estetica per forniture di arredamento , attrezzature e macchinari ed accessori  per l’estetica professionale, in breve tempo è diventata punto di riferimento per tutti i professionisti del settore, proponendo prodotti sempre all’avanguardia. La novità è costituita dal macchinario per la fotodepilazione a luce pulsata IPL a raffreddamento aria/acqua. L’azienda ,inoltre, dispone di un catalogo di prodotti professionali ampio ed aggiornato per la cura del corpo a partire dalla linea nailes e continuando con Linea SPA, Massaggi e Benessere. Oltre alla mera commercializzazione offre altresì servizi di formazione, assistenza, garanzia e pacchetti personalizzati in base alle diverse esigenze: nuove aperture dei Centri Nails Specializzati, la modernizzazione dei Centri Estetici e dei Saloni di Bellezza esistenti, lo start up di Centri Estetici o di Medicina Estetica. Chiunque voglia affacciarsi nel mondo dell’estetica o ampliare la propria offerta, può trovare in Beauty Med un punto di riferimento per avere supporto e consulenza.

No Comments
Comunicati

Lavastoviglie Simplicity 2 di Gorenje

Le lavastoviglie della linea Simplicity 2 di Gorenje ,in classe energetica A+, si distinguono per le seguenti caratteristiche:

Funzione 3 in 1: grazie alla funzione 3 in 1 la lavastoviglie è in grado di individuare autonomamente la tipologia di detergente utilizzato.
Nata per migliorare e ottimizzare i risultati delle sempre più diffuse pastiglie multifunzione, questa funzione adatta tutte le fasi di lavaggio e ne ottimizza le prestazioni.

Partenza differita: la funzione Delay Start 3, 6, 9 ore consente di impostare l’orario del lavaggio con una partenza differita di 3, 6, 9 ore. Questa funzione è particolarmente utile se l’energia elettrica di casa ha una tariffa più bassa in alcune ore del giorno.

Sistema di antiallagamento AquaStop: le lavastoviglie sono provviste di dispositivo antiallagamento AquaStop, capace di rilevare attraverso un sensore anche la minima perdita di acqua dalla vasca. Questa viene raccolta in una vasca supplementare attivando così una valvola di sicurezza posta sul rubinetto che blocca l’erogazione dell’acqua. Molto utile in caso di utilizzo notturno o quando si è assenti da casa, il dispositivo rimane in funzione per tutta la vita utile della lavastoviglie.

Per informazioni:

Gorenje
www.gorenje.it
Digital Pr a cura di Blu Wom Milano
wwww.bluwom-milano.com
02 87384640
[email protected]

No Comments
Comunicati

Hotel 3 stelle in centro jesolo – Hotel Wally


La posizione dell’hotel è ideale per chi ama la spiaggia di Jesolo, adora la tranqullità ma al tempo stesso la vita notturna e mondana.
Ottima cucina con menù a scelta. Ricco buffet self-service per la piccola colazione, e per le verdure.

Hotel 3 stelle in centro jesolo , per una vacanza in totale relax. Situato in una posizione centrale è il punto di partenza perfetto per raggiungere Venezia o semplicemente per godersi le vacanze al mare andando in spiaggia ad abbronzarsi.

Gestito direttamente da più di cinquant’anni dalla famiglia Visentin-Favarin, l’Hotel Wally garantisce all’ospite una piacevole vacanza in un’accogliente atmosfera.

A pochi passi dal mare, l’Hotel Wally offre gratuitamente un efficiente servizio spiaggia comprendente ombrellone e lettino.
Completamente climatizzato, dotato di ascensore e parcheggio, l’Hotel dispone di servizio bar con ampia terrazza esterna ed eleganti spazi interni, dove potete usufruire della nostra connessione WiFi.
Attivo inoltre un servizio di noleggio biciclette completamente gratuito.

No Comments
Comunicati

Diventare Tecnico specializzato nella filiera della meccanica di precisione


Il 28 ottobre scade l’iscrizione al corso Tecnico Specializzato nella Filiera della Meccanica di Precisione. Il corso di formazione è gratuito in quanto selezionato nel quadro del programma Garanzia Giovani cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo e secondo quanto previsto dall’Autorità di Gestione (COD. 152/1/1/1064/2014).

Obiettivo del corso: formare la figura professionale di un Tecnico Specializzato nella Filiera della Meccanica di Precisione che abbia le competenze necessarie per comprendere e attuare l’intero ciclo di realizzazione di componenti meccanici di precisione (progettazione, lettura di disegni, linguaggi di programmazione, conduzione di macchine CNC, verifica del prodotto finale), acquisendo nel contempo conoscenze relative all’organizzazione aziendale e capacità di gestione delle rispettive dinamiche.

Le ore del corso:
8 ore di Orientamento al ruolo (individuali e di gruppo)
200 ore di formazione in aula
500 ore di stage con borsa di studio
*Al termine del percorso formativo verrà rilasciato un attestato dei risultati di apprendimento.

Destinatari del corso: giovani disoccupati o inattivi, che hanno assolto l’obbligo di istruzione, residenti o domiciliati nel territorio regionale.

Altri requisiti richiesti:

  • qualifica professionale e/o diploma di scuola secondaria di secondo grado a carattere tecnico/informatico o titoli superiori
  • iscrizione al portale “cliclavoro” e apertura Patto di Servizio per la Garanzia Giovani

Come partecipare alle selezioni: è necessario iscriversi al programma Garanzia Giovani, recandosi presso il Centro per l’Impiego di competenza o uno “Youth Corner” dove sarà rilasciato il Patto di Servizio Garanzia Giovani. Tale documentazione dovrà essere inoltrata tramite email o posta ordinaria al seguente indirizzo: CENTRO CONSORZI Sede Operativa: SEDICO Zona Ind. Gresal 5/E Tel. 0437-851331/355 Email: [email protected], oppure presentata direttamente al Centro Consorzi Sede di Sedico, entro il 28 Ottobre 2014 insieme ad:

  • Fotocopia fronte retro della carta di identità
  • Curriculum Vitae.

Modalità di selezione: breve test su competenze tecniche di base e colloquio individuale motivazionale. La selezione si svolgerà presso il Centro Consorzi, Zona Ind.le Gresal 5/e, Sedico il giorno 29 Ottobre dalle ore 9.30. L’ammissione ai corsi avverrà in base ad una graduatoria effettuata da una apposita commissione, il cui giudizio è insindacabile.

No Comments
Comunicati

AVM a Games Week 2014 – FRITZ!Box 7490: il router wireless AC per i videogiochi online


logoavm

  • Con GameStop AVM guadagna un eccellente partner commerciale
  • FRITZ!Box 7490 –WLAN AC, per un gaming a tutta banda
  • FRITZ!Box 3390 – top di gamma tra i modelli “solo dati”
  • Convergenza smartphone/linea fissa e domotica: gli add-on per gamer

Berlino | “Welcome to the next level, motto dell’edizione 2014 di Milan Games Week, non potrebbe riassumere meglio quanto intendiamo presentare ai visitatori del nostro stand” così esordisce Gianni Garita, Country Manager Italia di AVM in merito alla presenza dello specialista berlinese delle comunicazioni ad una delle manifestazioni più interessanti dell’anno per i gamer di tutta Italia. Grazie ad un hardware all’avanguardia e a caratteristiche funzionali particolarmente innovative, i rossoargentei FRITZ!Box dello specialista berlinese per le comunicazioni sono annoverati tra i dispositivi top per la connettività internet e di rete. “Adottare un FRITZ!Box significa accedere ad un livello di connettività superiore, dove l’internet delle cose diventa realtà fruibile e semplifica notevolmente le attività di gamer e tecnofili che semplicemente non intendono più scendere a compromessi lato rete domestica”, aggiunge Garita, che conferma anche l’accresciuto interesse dei consumatori nelle soluzioni all-in-one firmate AVM.

GameStopLogo_BlackRedLa strategia che ha visto AVM approcciare in modo diretto il mercato consumer, e, nello specifico anche l’utente appassionato di videogiochi e gaming in genere, trova conferma nella partnership commerciale strategica appena siglata con GameStop, primaria catena di negozi dedicati all’universo videoludico sul territorio nazionale, e annunciata proprio in occasione di Milan Games Week 2014. La partnership con GameStop, valida da subito, prevede la commercializzazione di una rosa di dispositivi FRITZ! appositamente selezionati per rispondere alle esigenze dei gamer presso ogni store GameStop dotato di corner Wind.

GW_per_codiciA GamesWeek AVM presenta il suo nuovo top di gamma, il FRITZ!Box 7490, che assicura la massima disponibilità di banda per il gaming all’interno della rete domestica, grazie al nuovo standard wireless AC con un throughput di fino a 1,3 Gbit/s e alle funzionalità per la prioritizzazione del traffico. Inoltre il FRITZ!Box 7490 si fa garante nel tempo di una perfetta accessibilità alla linea internet erogata dagli operatori: i dispositivi AVM di fascia alta, tra cui anche il FRITZ!Box 3390, l’attuale modello di punta “solo dati” per i gamer, supportano infatti già oggi linee VDSL da 100 Mbit/s e il vectoring.

“Di pari passo con il livello di diffusione sul mercato dei nuovi pacchetti di connettività a banda larga proposti dai carrier, riscontriamo anche in Italia un forte aumento delle aspettative dell’utenza in termini di fruibilità di funzioni che esulino dalla mera navigazione web all’interno della rete domestica ” aggiunge Garita. In particolar modo l’utenza tecnofila e legata al mondo video-ludico risulta desiderosa di avvalersi di soluzioni altamente performanti, stabili, che azzerino il lagging da un lato, e che consentano loro di beneficiare anche dei vantaggi della convergenza tra smartphone e linea fissa, della domotica dall’altro.

Oltre quindi agli attuali top di gamma, il FRITZ!Box 7490 e il FRITZ!Box 3390, AVM presenterà le nuove App gratuite, i diversi FRITZ!WLAN Repeater per estendere la portata della rete wi-fi in un batter d’occhio, gli adattatori FRITZ!Powerline per ampliare la propria rete domestica attraverso la linea elettrica e le prese intelligenti per la realizzazione di utili applicazioni domotiche.

I prodotti FRITZ! saranno esposti live a Milan Games Week 2014, Padiglione 4 / Gate 5 di FieraMilanoCity, stand B5, dal 24 al 26 Ottobre 2014.

No Comments
Comunicati

Perché scegliere un passeggino leggero per la città

Molte mamme vorrebbero poter disporre di un passeggino leggero e maneggevole durante i mesi estivi, per poter andare a passeggio in maniera spensierata con il proprio bimbo, mentre in inverno preferirebbero dei modelli di passeggini più robusti e pieni di accessori, per far fronte alle diverse possibili situazioni come capottine, parapioggia ecc.
Per andare incontro alle esigenze dei genitori, i grandi produttori di articoli per l’infanzia come Chicco, Brevi e Bebe Confort hanno realizzato dei modelli di passeggini leggeri perfetti per ogni esigenza, ideali soprattutto per chi vive in città ed è alle prese ogni giorno con strade e marciapiedi dissestati e spazi stretti, come ascensori e mezzi pubblici.
Bisogna innanzitutto ricordarsi che i passeggini leggeri sono adatti prevalentemente ai bimbi più grandi, che non corrono il rischio di addormentarsi durante le passeggiate, come invece potrebbe accadere ai bebè, in quanto questi modelli sono privi di sistema di reclinazione del sedile, proprio al fine di rendere la struttura più snella. Certi di tipi di passeggini leggeri dispongono al massimo di una cerniera lampo, che consente una leggera inclinazione dello schienale. Le altre caratteristiche che sono identificabili in un passeggino leggero riguardano il telaio (quasi sempre in alluminio) dal peso contenuto (6,5 kg al massimo) e il sistema di chiusura ad ombrello, che deve poter essere utilizzato con una sola mossa in qualunque occasione.
Per limitarne il peso e l’ingombro, i passeggini leggeri vengono solitamente venduti sprovvisti di accessori o al massimo in abbinamento ad alcuni reputati più utili, come ad esempio il cestello porta oggetti, ma dipenderà poi dalle necessità dei genitori, acquistare in un secondo momento gli accessori più adatti alle loro necessità.
Oggi, brand come Foppapedretti e Brevi, hanno realizzato modelli che strizzano l’occhio anche al design, peculiarità che, fino a poco tempo fa, era tipica solo dei passeggini tradizionali. In commercio infatti è possibile reperire passeggini leggeri colorati, in diverse fantasie ed ispirati ad Hello Kitty, Barbapapà, Peppa Pig e ad altri personaggi amati dai più piccoli.
NewBabyLand, uno dei maggiori negozi online di articoli per neonati e bambini, propone molti modelli di passeggini leggeri di tutte le marche, come Brevi, Chicco, Inglesina e molte altre ancora. È possibile scegliere il tipo di passeggino in base alla caratteristiche indicate nelle schede tecniche ed effettuare l’acquisto direttamente online, in pochi click ed in completa sicurezza.

No Comments
Comunicati

Sopraelevo, Vendo, Risano. A Costo Zero per i Condòmini


Un corso sulle sopraelevazioni  in legno, completamente gratuito, sarà
organizzato ogni mattina dalle 11:0 alle 12:00 a Rimini, alla fiera
Condominio Eco, dal 5 all’8 novembre 2014.

Il corso, a cura di Ribera Formazione,  si terrà sulla Casa sull’Albero che
sarà costruita all’intero della fiera. SI tratta di una vera casa in legno,
che è possibile vistare, e che è un esempio delle sopraelevazioni con il
legno che sempre più spesso vedremo spuntare sui tetti degli edifici
italiani, dopo il successo che stanno riscuotendo nel resto d’Europa,
poiché con la loro costruzione e vendita, un intero condominio può ricavare
le somme per  finanziare la ristrutturazione dell’intero stabile.

Gli edifici del nostro Paese sono in massima  parte in pessime condizioni
per quando riguarda l’efficienza energetica, e le sopraelevazioni con il
legno sono una grande opportunità per riqualificare il patrimonio
immobiliare grazie anche alla recentissima pubblicazione in Gazzetta
Ufficiale del  Dlgs 102/2014 di recepimento della Direttiva 2012/27/UE, che
detta misure per la promozione e il miglioramento dell’efficienza
energetica e attiva lo stanziamento di 800 milioni di euro.

No Comments
Comunicati

La via della felicità puoi personalizzare il tuo libretto

  • By
  • 24 Ottobre 2014


 

Ogni persona ha un effetto su qualcun altro, positivo o negativo.

Sia che si gestisca una ditta o anche solo a livello personale, si possono influenzare gli altri. Uno degli infiniti modi per farlo in modo positivo è con l’opuscolo della Via della Felicità.

Il messaggio dell’opuscolo include la condivisione con altri. Per renderlo ancora più possibile, la Fondazione della Via della Felicità ha un sistema di design grafico e di stampa su richiesta del massimo livello presso la sua sede centrale a Glendale, in California, per la produzione di opuscoli con copertine personalizzate in 97 lingue per qualsiasi singolo, gruppo, azienda o ente che intenda trasmettere questo messaggio di buona volontà.

La Fondazione della Via della Felicità fornisce anche i diritti di ristampa ad aziende, istituzioni o enti che intendano stampare grandi quantità di opuscoli della Via della Felicità per una massiccia distribuzione a intere scuole, comunità o paesi.

Distribuendo La Via della felicità, alle singole persone, passandola di mano in mano, la calma fluirà in cerchi sempre più ampi.

http://www.laviadellafelicita.org/customized-covers.html

 

No Comments
Comunicati

LA DROGA COME FUNZIONA VERAMENTE?

  • By
  • 24 Ottobre 2014


Le droghe sono essenzialmente dei veleni. La quantità assunta determina l’effetto.

Una piccola quantità agisce da stimolante (fa andare più veloci). Una quantità maggiore agisce come sedativo (ti rallenta). Una quantità ancora più grande ti avvelena e può uccidere.

Questo è vero per qualsiasi droga. Cambia solo la quantità necessaria per ottenere l’effetto.

Ma molte droghe hanno un altro rischio: intaccano direttamente la mente. Possono distorcere le percezioni di quello che sta succedendo attorno all’individuo. Come conseguenza, le azioni della persona possono essere strane, irrazionali, inappropriate e persino distruttive.

La droga blocca tutte le sensazioni, quelle desiderabili così come quelle indesiderabili. Perciò, mentre forniscono un aiuto immediato per dar sollievo al dolore, spazzano via capacità e prontezza, e annebbiano il pensiero.

Le medicine sono droghe che accelerano, rallentano o cambiano qualcosa nel funzionamento del tuo corpo nel tentativo di farlo funzionare meglio. A volte sono necessarie. Ma sono sempre droghe: agiscono come stimolanti o sedativi, e una quantità eccessiva può ucciderti. Perciò se non usi i farmaci così come dovrebbero essere usati, possono essere pericolosi al pari delle droghe illegali.

“Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere” (citazione di L. Ron Hubbard)

http://it.drugfreeworld.org/drugfacts/drugs/why-do-people-take-drugs.html

 

No Comments
Comunicati

Educazione e prevenzione sulla droga

  • By
  • 24 Ottobre 2014


Scopri la verità sulle droghe

Una campagna educativa sulla droga è stata lanciata dagli studenti e dagli insegnanti dell’Istituto Superiore di Tecnologia Nuevo Casas Grandes nello stato di Chihuahua, in Messico. Una settimana di iniziative di sensibilizzazione sulla droga è culminata con una manifestazione nella quale più di 600 giovani, provenienti da due scuole superiori della zona, celebrità sportive locali, rappresentanti dell’ufficio del sindaco e la Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga si sono uniti per firmare una gigantesca Promessa a un Mondo Libero dalla Droga.
Il crimine collegato all’uso di droga era aumentato nella regione dopo che un boss della droga della città confinante di Ciudad Juarez era stato ucciso e la sua banda si era dispersa. Quando alcune richieste di aiuto sui problemi di droga sono giunte all’attenzione dell’assistente sociale dell’Istituto, lei ha contattato la Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga di Los Angeles. In risposta, la Fondazione ha fornito kit educativi “La Verità sulla Droga” per tutti gli studenti.

Condividendo le informazioni con familiari ed amici, l’entusiasmo degli studenti per i materiali ha dato vita ad una spinta a portare l’istruzione sulla droga all’intera regione e si è organizzata una manifestazione di inaugurazione. La manifestazione ha incluso le congratulazioni da parte della Fondazione, di funzionari e celebrità, una conferenza istruttiva sulla droga che si è conclusa con la firma da parte di molti studenti su uno striscione gigantesco che suggellava il loro impegno ad un mondo libero dalla droga.

Nuevo Casas Grandes è situato a sole tre ore a sud-ovest dal confine col Texas. Vanta il più importante sito archeologico del Messico settentrionale e il villaggio di Mata Ortiz, di fama mondiale, culla dell’arte della ceramica, secondo la tradizione dell’antica America Centrale.

Per maggiori informazioni http://it.drugfreeworld.org/

 

No Comments
Comunicati

LE STRADE DEL MENTAL COACHING


La figura del mental coach aiuta a predisporre la mente nel modo giusto per affrontare le sfide di ogni giorno: una professione impiegata in un numero di settori eterogeneo che vanno dal campo lavorativo a quello famigliare e privato.

Dallo sport, passando agli affari e arrivando nel mondo dell’arte, a secondo della sfera di riferimento, il coach adotta tecniche precise per portare il cliente al successo. Ad esempio uno dei ruoli del coach nello sport è motivare e di mantenere in uno stato mentale equilibrato l’atleta, poiché un assetto mentale negativo influirebbe sensibilmente sulla performance in campo. Negli affari invece il coach segue il manager e lo aiuta a gestirsi tra i tanti rapporti di lavoro che deve allacciare, mantenendo sotto controllo lo stress e a districarsi tra i tanti impegni incluso il contatto con un mondo internazionale. In campo artistico il coach può invece aiutare l’artista lavorando su se stesso e sul tempo dedicato a migliorare le proprie abilità, costruendo sia dei progressi in campo artistico che un percorso di miglioramento personale per interfacciarsi al meglio in un ambiente competitivo ed elitario come quello della moda o della musica, a seconda del tipo di professione artistica che il cliente è volto a fare. In ambito famigliare stanno nascendo le figure dei genitori coach ed altre professioni che mirano a costruire un percorso a tappe per una crescita certa del proprio percorso e per rendere gli obiettivi chiari e reali, verso un miglioramento quantificabile.

Come funziona il Mental Coaching

Se ti stai chiedendo a cosa serve il mental coaching possiamo dire che lavora sui problemi invisibili del nostro carattere, capaci però di influenzare nettamente la nostra carriera e la nostra vita. Talvolta problematiche che possono sembrare lievi sono in realtà grossi ostacoli che non sappiamo percepire. Un po’ perché è difficile fare un’analisi oggettiva di noi stessi, un po’ perché, per educazione o perché è un argomento delicato, difficilmente la gente è disposta a dirci apertamente quali sono i nostri punti caratteriali percepiti come deboli o inadatti. Il mental coach viene in soccorso aiutando l’individuo a formare un carattere forte e carismatico, capace di cambiare le situazioni a suo favore. Per fare questo è ovviamente indispensabile cambiare alcune cose che non vanno nella vita quotidiana, trasformando situazioni infruttuose in piccoli successi. I piccoli successi giorno per giorno aiutano a mantenere l’ondata di ottimismo e di sicurezza di sé che ci trasformerà a piccoli passi in persone di successo, secondo il percorso che abbiamo scelto di intraprendere o che abbiamo capito essere quello da ottimale per noi.

Il Mental Coaching applicato allo sport

Il mental coach nello sport è una figura che aiuta a delineare un percorso solido nella carriera sportiva dell’atleta, che non è tra i percorsi professionali più semplici. Il ruolo dello sportivo è fatto di sacrifici, forza di volontà e di preparazione. Uno degli obiettivi del mental coach sportivo è quello di trovare un metodo personalizzato per l’atleta che lo aiuti a mantenere il focus sugli obiettivi.

Realizzarsi in campo sportivo è difficile, ma con il coaching e i dovuti sacrifici è possibile fare della propria passione una carriera gratificante e di successo.

La figura del coach sportivo è una realtà solida sia nelle competizione a squadre che nella carriera sportiva: calciatori, tennisti, nuotatori e pallavolisti hanno tutti le stesse necessità in un mondo competitivo e duro come quello sportivo. Non a caso esistono figure estremamente settorializzate e specializzate in discipline sportive specifiche, per garantire all’atleta una preparazione strutturata ad hoc. Ad esempio il mental coach per sport individuali opera sul singolo individuo, aiutandolo anche ad assumere un atteggiamento mentale forte e deciso non solo nelle competizioni, ma anche nel rapporto con i media, così da reagire in modo carismatico e vincente anche di fronte a critiche, domande irriverenti o a battute ciniche rivolte alla sua persona. Altresì un coach per sport di squadra motiverà e darà supporto dando la precedenza ad altri temi, come quello del lavoro in team o del confronto con le associazioni sportive.

Allenarsi e allo stesso tempo stare sotto ai riflettori non è facile, per questo molti giovani sportivi promettenti abbandonano la propria carriera, ritagliandosi del tempo per le competizioni minori. Il mental coach sportivo aiuta l’atleta a puntare in alto e a conseguire una strada di successi.

Il Mental Coaching nel mondo business

Un business coach può fare la differenza tra l’essere vincenti e il fare i conti con le proprie debolezze.

Le parole chiave che costituiscono la vita aziendale e gli affari le sappiamo: cambiamento, rischio, evoluzione, dinamismo. Sono tutte parole che implicano una trasformazione e una presa di posizione diretta su gli avvenimenti. Nel coaching in ambito business viene formato un carattere autoritario e una solida leadership. Nel mercato non esiste il “dopo” o il “ci penserò”. Chi si ferma, chi esita, chi non osa è destinato a fallire. Per questo ad oggi vengono affiancati coach professionisti nel settore manageriale per gestire e migliorare le imprese.

Il coaching in ambito business serve a migliorare noi stessi e a migliorare la coesione di gruppo in previsione di obiettivi più grandi. Andando nello specifico ecco le aree di interesse che può andare a migliorare un business coach:

– Migliore capacità di gestione del tempo
– Migliorare il proprio senso di leadership
– Migliore gestione delle risorse
– Capacità di negoziazione
– Capacità di organizzazione
– Maggiore reattività agli imprevisti
– Capacità di trasformare

Una buona strategia marketing non basta, bisogna essere le persone giuste per riuscirci.
Dove un coaching in ambito business è fondamentale? In molti più campi di quelli che potreste immaginare. Il cambiamento nel mondo del lavoro richiede la necessità di figure di riferimento capaci di muoversi e di rendere concrete le nuove realtà, per questo nelle aziende neo-nascenti sta iniziando ad affiancarsi come supporto alle nuove attività il business coach per start up.

Le tecniche di Mental Coaching

Le techiche di mental coaching sono molte e si dividono o possono variare a seconda del campo di applicazione di questa disciplina. Si può però dire che nel mental coaching particolare riguardo viene posto sul nostro modo di porci e la nostra predisposizione mentale.
Cosa vuol dire? Semplicemente che non sempre è il mondo ad essere difficile o ostile, ma siamo noi che dobbiamo modificare qualcosa in noi per renderci più recettivi e più spontanei di fronte alle occasioni che possiamo trovare sul nostro percorso.
Nel coaching le tecniche di concentrazione rappresentano uno dei punti fondamentali sul quale lavora il coach, poiché dal nostro livello di concentrazione viene determinata sia la qualità del risultato che vogliamo ottenere e sia il tempo speso a conseguirlo. Le tecniche di concentrazione si basano sul principio che, se investiti da una carica positiva, la concentrazione aumenta e la perseveranza viene vissuta in modo piacevole e non come fonte di stress.
Il Mental coaching è una disciplina che viene in aiuto di molte sfere lavorative e altro non fa che lavorare su noi stessi, al fine di creare risultati concreti e validi per mantenere un atteggiamento positivo di fronte alle scelte e alla difficoltà della vita. Il coaching può essere utile a tutti, perché lavora in modo pratico sulla costruzione di una figura più carismatica, che può fare la differenza per un percorso professionale e per essere risolutivi di fronte ai problemi quotidiani.

No Comments