All Posts By

Rosaria

Comunicati

Ginecologia Terni: il papilloma virus

Le infezioni da HPV (acronimo di Human Papilloma Virus) nella maggior dei casi, non manifestano sintomi fino a quando il sistema immunitario non è più in grado di arginare l’infezione. A questo punto i sintomi diventano evidenti e possono provocare disturbi molto seri. Approfondiamo l’argomento con la ginecologa di Terni Dott.ssa Graziana Ascani.

Nuovi professionisti al CMS: la dott.ssa Graziana Ascani - CMS Spoleto

Cos’è il papilloma virus

L’infezione da Papilloma Virus Umano è un’infezione molto diffusa che viene trasmette prevalentemente per via sessuale. Attualmente si conoscono circa 120 sierotipi di HPV con caratteristiche biologiche molto diverse. Molti tra questi sono innocui per l’organismo e il nostro sistema immunitario riesce a debellarli con facilità; altri invece sono definiti ad alto rischio oncogeno. I sierotipi che colpiscono i genitali sono circa 40, ma solo 15 tra questi sono particolarmente pericolosi perché possono concorrere all’insorgere di malattie come la neoplasia al collo dell’utero.

I sintomi

I sierotipi di HPV a basso rischio sono perlopiù asintomatici oppure si manifestano con la comparsa di verruche nella regione genitale provocando prurito e dolore di lieve entità. Quelli ad alto rischio invece possono essere rintracciati solo sottoponendosi ad esami specifici. Solo quando il cancro progredisce si manifesta con sanguinamenti dopo un rapporto sessuale, perdite sanguinolente o dolori alla regione pelvica.

La diagnosi

Lo strumento di diagnosi e di prevenzione più utilizzato ed efficace consiste nel Pap-Test, un semplice test che, se eseguito regolarmente (di media ogni due o tre anni), si è stimato riduca la possibilità di sviluppare il tumore di circa il 70%. Già dopo i 25 anni diventa di fondamentale importanza sottoporsi a questo programma di screening.

La cura

Al momento non esistono terapie farmacologiche per eliminare il virus dall’organismo. Le verruche e i condilomi possono essere trattati con creme ad azione antivirale o con interventi chirurgici locali come la laserterapia. Se il tumore è già in stato avanzato i trattamenti possono variare in base alla gravità della situazione vanno dall’esportazione parziale o totale dell’utero fino a chemioterapia e radioterapia.

La prevenzione è quindi fondamentale. La vaccinazione è ad oggi la soluzione più efficace e sicura per debellare il rischio di contrarre il papilloma virus. Visite periodiche presso ginecologi esperti sono poi di fondamentale importanza. Se stai cercando una ginecologa a Terni cui affidare la tua salute rivolgiti all’esperienza della Dott. Graziana Ascani

No Comments
Salute e Benessere

Chirurgia Vascolare Lecce: un percorso contro le vene varicose

Il problema delle vene varicose ha una frequenza molto alta tra la popolazione adulta mondiale. L’OMS calcola che circa un terzo della popolazione ne sia affetta.  Ne parliamo insieme al Dott. Marco Sammarco, specializzato in chirurgia vascolare a Lecce.

Le vene varicose (o varici) sono vene che si dilatano a causa di un reflusso di sangue nei tessuti e che per questo diventano incapaci di raccogliere il flusso sanguigno delle gambe e indirizzarlo verso il cuore, compromettendo l’efficacia del sistema safenico.

Si tratta di una patologia dal percorso lento ma progressivo che se sottovalutata può determinare delle complicazioni, non solo estetiche ma anche molto più gravi tipo trombosi, flebiti o insufficienza venosa cronica.

I fattori scatenanti possono avere origine molto diversa: dalla stitichezza, al sovrappeso, alla postura o a fattori genetici. I sintomi più frequenti sono crampi, prurito, gonfiore, dolori.

chirurgia vascolare Lecce

Ma come si effettua la diagnosi delle vene varicose?

La diagnosi della malattia venosa cronica, ovvero che si trova già in stadio avanzato, è clinica e poi strumentale. lo specialista in chirurgia vascolare esamina tutto l’arto del paziente, frontalmente e soprattutto posteriormente nella regione del malleolo interno da dove spesso origina la patologia. Se riscontra un’anomalia prescrive una visita con l’Eco-Color-Doppler che gli consentirà di valutare l’entità del danno fornendo maggiori indicazioni circa la tipologia di trattamento da prescrivere.

Solitamente si sceglie la chirurgia solo se la patologia potrebbe comportare rischi più gravi. La moderna tecnologia consente di intervenire con sistemi di chirurgia mini-invasiva, effettuati in ambulatorio, in anestesia locale e della durata di qualche ora. Il paziente riesce in questo modo a tornare alla sua vita quotidiana a distanza di qualche giorno dall’operazione avendo cura di indossare una fascia elastica nelle prime settimane.

A seguito del trattamento, il paziente dovrà effettuare visite di controllo per permettere al medico di monitorare il processo di guarigione.

Il Dott. Sammarco, specializzato in chirurgia vascolare a Lecce, è in grado di accompagnare il paziente lungo tutto il percorso di guarigione, dalla diagnosi alla risoluzione del problema, attraverso protocolli efficaci e tecniche mini-invasive di chirurgia vascolare.

No Comments
Salute e Benessere

Parafarmacia online: magnesio completo con cloruro di magnesio, il minerale che lavora in sinergia con la vitamina AD3 e K2


Il MAGNESIO COMPLETO con CLORURO DI MAGNESIO è coniugato con altre forme di magnesio per aumentarne la biodisponibilità: grazie al contenuto di Inulina e Fos, fibra e prebiotici, infatti è in grado di aumentare l’assorbimento a livello intestinale e risolvere le problematiche di stitichezza e gonfiore. Ne parliamo con la parafarmacia online OVF

Perché il cloruro di magnesio?

Il cloruro di magnesio rispetto ad altre forme di magnesio è assorbito meglio dall’intestino ed è inoltre universalmente riconosciuto come un potente antibiotico. È indispensabile al nostro organismo per svolgere diverse funzioni. È in grado di produrre l’equilibrio minerale di cui necessitano gli organi nell’ espletamento delle loro funzioni; elimina l’acido urico dalle reni; decalcifica fino alle più sottili membrane nelle articolazioni e nelle sclerosi calcificate; evita infarti purificando il sangue; ringiovanisce il cervello. Dopo i 40 anni l’organismo assorbe sempre meno magnesio per questo è importante integrarlo con dosi progressive per rallentare il processo d’invecchiamento e ridurre i dolori.

Valido aiuto quindi in svariate patologie, dalla stipsi, all’emicrania, all’asma fino all’ipertrofia prostatica, il cloruro di magnesio si dimostra particolarmente efficace per:

  • PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE: Il cuore invecchia via via che si riducono i livelli di magnesio poiché è deputato al rilassamento del muscolo liscio cardiaco e che aumentano i livelli di calcio depositato, addetto invece alla contrazione del muscolo liscio. Questa situazione crea uno stato ipertensivo che sviluppo uno spasmo o un crampo al cuore che lo induce a smettere di battere. La normale e sana funzione del tessuto dipende infatti dall’equilibrio tra la possibilità di contrazione e di rilassamento. Inoltre, uno squilibrio a favore del calcio formerà dei depositi che vanno ad eliminare il magnesio da varie parti del corpo, per questo è consigliato non assumere mai calcio da solo senza magnesio.
  • PREVENZIONE DELL’OSTEOPOROSI POST MENOPAUSA: L’osteoporosi è una condizione particolarmente comune per le donne nel periodo dopo la menopausa, caratterizzato dalla riduzione della massa ossea, da dolori ossei e da una maggiore facilità alle fratture. Il magnesio aiuta a fissare il calcio nelle ossa ed è quindi in grado di riparare situazioni di osteoporosi anche molti anni dopo che si sono verificate.
  • LA SALUTE DELLA PROSTATA: I medici Delbet, Neveu, Martin du Theil ottengono dei risultati positivi usando il cloruro di magnesio per prevenire l’ingrossamento della prostata con l’invecchiamento: «Aumentando l’approvvigionamento di magnesio», scrive Delbet, «si può fermare l’evoluzione dell’ipertrofia prostatica, addirittura spesso recede con l’uso continuato del cloruro di magnesio. Ci sono casi in cui le alterazioni alla prostata regrediscono talvolta fino alla completa normalità. Riscontrato il miglioramento, si prosegue la somministrazione del cloruro di magnesio con dosi minori: quelle per la prevenzione.
  • IL COLESTEROLO ALTO: Il magnesio aiuta a ridurre il tasso di colesterolo nel sangue quasi equiparando i risultati che si possono ottenere con i farmaci anti-colesterolo Già nel 1956 Bershon notava una normalizzazione in tutti i pazienti con colesterolo elevato che si sottoponevano a un regime di magnesio-terapia.

Se soffri di carenza di magnesio e hai sintomi quali ansia, ipereccitabilità muscolare, cefalea, vertigini o insonnia non puoi non provare l’integratore a base di cloruro di magnesio. Puoi acquistarlo nello shop della parafarmacia online ovf

No Comments
Prodotti

Fiorista Bologna: i fiori per la Festa della Mamma

Sta per avvicinarsi la Festa della Mamma. Insieme alla fiorista di Bologna Donatella scopriamo quali sono i fiori più adatti a esprimere il nostro amore per la mamma.

Uno dei regali più graditi per la Festa della Mamma sono sicuramente i fiori, perché esprimono al meglio l’equilibrio naturale tra delicatezza e forza generatrice, tra bellezza e personalità.

Proviamo insieme alla fiorista di Bologna Donatella ad abbinare il regalo floreale alla personalità della nostra mamma.

fiorista bologna

I fiori rosa come le gerbere o le rose sono i fiori per eccellenza per esprimere il nostro affetto e la nostra gratitudine. I fiordalisi o gli anemoni che sono tipici fiori campestri si adattano alle mamme che amano la natura e hanno il pollice verde. Le orchidee invece è simbolo di raffinatezza ed eleganza quindi adatto alle mamme che amano prendersi cura di sé, ma sono molto delicati e richiedono cure particolari, quindi attenzione a sceglierle. I fiori arancioni o gialli come i girasoli o le margherite sono perfette per mamme molto attive e dinamiche mentre i fiori bianchi come il giglio, simbolo di purezza e candore, si prestano alle mamme dal carattere riservato e timido.

Fiorista Bologna: regalare una pianta

Anche le piante si prestano molto bene come regalo per celebrare la figura materna soprattutto se possiede un giardino e ama prendersi cura del verde. L’azalea, preferibilmente di colore rosa, è sicuramente la pianta per eccellenza simbolo della Festa della Mamma perché non è solo bellissima ma anche facile da coltivare e adatta sia in vaso che in giardino. L’iris è una pianta perenne simbolo della Vergine Maria quindi si presta benissimo per essere regalato in occasione di questa celebrazione. Anche una bella pianta di rose rampicanti, se c’è a disposizione abbastanza spazio, può essere un bel gesto perché rappresenta un amore eterno continuamente in crescita e che tende verso l’alto.

Qualunque sia la vostra scelta rivolgetevi alla fiorista di Bologna Donatella che saprà consigliarvi al meglio anche creando splendidi bouquet con un mix di fiori dalle mille tonalità.

No Comments
Servizi

Traslochi Roma: pianoforti e altri oggeti ingombranti e/o delicati

Scopriamo insieme alla ditta di traslochi di Roma Bagaglini, le procedure da seguire per i traslochi di oggetti ingombranti come i pianoforti

Se è arrivato il momento di cambiare casa vi sono alcuni oggetti, in genere molto ingombranti, che richiedono particolare attenzione. Fra tutti il trasloco del pianoforte, per via delle notevoli dimensioni e del peso, è tra le operazioni più complicate. Già spostarlo da una stanza all’altra richiede molto prudenza ma, se sarete scrupolosi, potrà non sorgere la necessità di rivolgersi a una ditta di traslochi specializzata. Se invece si tratta di spostarlo in un’altra abitazione, magari anche ai piani superiori di un palazzo, non è possibile rinunciare a una ditta attrezzata adeguatamente per i trasporti eccezionali. Questo perché, per darvi un’idea, un pianoforte verticale ha un peso che varia dai 170 ai 250 kg, peso che cresce ulteriormente se parliamo di una mezza coda o di un pianoforte a coda. Inoltre, il prestigio dei materiali e la meccanica particolarmente complessa necessitano di metodi di trasporto molto accurati.

Spostare il pianoforte da una stanza all’altra

Innanzitutto, è necessario sgomberare l’aria da tutto quello che può intralciare il trasporto, compresi animali domestici e bambini. Il primo consiglio è evitare di trascinare il pianoforte sul pavimento anche se dotato di rotelle perché potrebbe comunque rovinare il pavimento, soprattutto il parquet. È preferibile smontare le gambe, in modo da alleggerire lo strumento e avere la comodità di poterlo spostare verticalmente facilitando il passaggio nelle porte. Bisogna essere almeno in due, ma invece che caricarsi tutto il peso dello strumento vi consigliamo di usare delle coperte su cui adagiare il pianoforte e far scivolare quelle mentre contemporaneamente da dietro qualcuno spinge il pianoforte. In questo modo sarà molto più facile spostare lo strumento senza danneggiarlo e senza arrecare danni ai pavimenti.

traslochi roma - pianoforte

Traslocare il pianoforte in una nuova casa

Il trasloco di un pianoforte da una casa all’altra non ammette improvvisazioni e deve essere necessariamente gestita da una ditta di traslochi a Roma che abbia la giusta professionalità e soprattutto la strumentazione necessaria. Innanzitutto, il legno del pianoforte risente moltissimo dei cambiamenti di temperatura e umidità quindi anche durante il trasporto da una casa all’altra bisognerà ricreare condizioni climatiche favorevoli a che lo strumento non si deformi. Il prezzo del trasloco di un pianoforte naturalmente varia a seconda del grado di difficoltà del percorso e della distanza tra un posto e l’altro. Vi consigliamo di rivolgervi a ditte specializzate che rispettano tutti i crismi in termini di sicurezza e garanzie assicurative per non incorrere in truffe o danni gravi al vostro strumento. Bagaglini traslochi a Roma è una azienda che dispone dei mezzi e del personale adatti a questo tipo di traslochi, prendendosi cura del vostro pianoforte senza recargli alcun tipo di danno.

Richiedi subito un preventivo per i traslochi a Roma di pianoforti o altri oggetti ingombranti e delicati

Cosa aspetti? Richiedi subito un preventivo trasloco gratuito e senza impegno specificando la tua esigenza, verrai al più presto contattato dagli esperti di Bagaglini traslochi per individuare la soluzione di trasloco che più si adatta alle tue esigenze.

No Comments
Salute e Benessere

Parafarmacia online: la fibromialgia, una malattia mitocondriale?


Non è nuova la teoria che mette in relazione la fibromialgia con un indebolimento o una disfunzione dei mitocondri. Solo recentemente, tuttavia, un gruppo di ricercatori spagnoli è riuscito a verificare la presenza di una disfunzione mitocondriale in campioni di cute di malati di fibromialgia.1

La reumatologia scientifica ha preso atto di questo studio pubblicato nel 2015.2 Se altre ricerche dovessero confermarlo, probabilmente la fibromialgia andrebbe inserita nell’elenco delle malattie mitocondriali. Attualmente, né Wikipedia né Pschyrembel annoverano la sindrome fibromialgica nel gruppo delle mitocondriopatiee altre ricerche dovessero confermarlo, probabilmente la fibromialgia andrebbe inserita nell’elenco delle malattie mitocondriali. Attualmente, né Wikipedia né Pschyrembel annoverano la sindrome fibromialgica nel gruppo delle mitocondriopatie.

parafarmacia online

Alcuni esponenti della medicina complementare hanno però già compiuto dei passi in questa direzione. Prendono molto seriamente le origini mitocondriali della fibromialgia e per il trattamento consigliano un’accurata terapia mitocondriale. Essa non prevede l’uso di farmaci convenzionali perché gli antidolorifici e gli antidepressivi indebolirebbero l’attività dei mitocondri, provocando quindi ulteriori danni.4

Di seguito riportiamo, a fini esemplificativi e informativi, una sintesi della terapia contro la fibromialgia del Dr. med. Wolfram Kersten. Le relazioni scritte da Kersten su questo argomento sono ben leggibili. Dal 2008 gestisce a Bamberga uno studio privato di medicina interna specializzato nella prevenzione e nella terapia delle malattie croniche. La sua terapia contro la fibromialgia si fonda su diverse colonne, tra le quali le prime due sono fondamentali.

1. Adattamento del carico fisico e mentale

I malati di fibromialgia hanno limitate riserve di energia. Il Dr. med. Wolfram Kersten consiglia a questi pazienti di adattare tutti i carichi (sia a livello fisico che mentale) alle prestazioni mitocondriali disponibili (“pacing”). I carichi che determinano spossatezza danneggerebbero i mitocondri. Le attività di fitness tradizionali attiverebbero la produzione di acido lattico nei muscoli, riducendo ulteriormente le limitate riserve energetiche e peggiorando i danni ai mitocondri.

Kersten consiglia di svolgere “con molta cautela” un allenamento muscolare a bassa intensità solo dopo aver trattato l’equilibrio acido-base e la funzione mitocondriale. Questa visione è in contrasto con la posizione degli esperti dell’EULAR, che consigliano ai malati fibromialgici di svolgere senza restrizioni un allenamento di forza per il potenziamento muscolare.

2. Cambio di alimentazione

In secondo luogo, il successo della terapia contro la fibromialgia dipenderebbe dall’attuazione con perseveranza di un cambio di dieta. Secondo Kersten, questo cambio è necessario perché i problemi metabolici correlati alla fibromialgia ostacolano l’assimilazione dei carboidrati. La sua terapia prevede che i malati di fibromialgia assumano una dieta rigorosamente povera di carboidrati e ricca di grassi sani e proteine, nota anche come dieta LOGI (dall’inglese LOw Glycemic and Insulinemic Diet). Le regole alimentari sono le seguenti:

Carboidrati max. 20%
Rinuncia totale ai dolci
Grassi 50-60%
Proteine 20-30%
La dieta LOGI costringe l’organismo a passare prevalentemente al consumo di grassi per l’approvvigionamento energetico, determinando una forte riduzione o l’eliminazione della disfunzione dell’assimilazione dei carboidrati.

3.Micronutrienti

Approfondite analisi di laboratorio hanno permesso di evidenziare la presenza di considerevoli carenze nei malati di fibromialgia. Tali carenze riguardano diverse vitamine B (soprattutto la vitamina B12), oligoelementi e minerali come magnesio, selenio, zinco, rame, carnitina, coenzima Q10, enzimi protettivi antiossidanti, glutatione e altri.

Secondo la medicina complementare, per compensare la carenza di questi micronutrienti non è sufficiente un’alimentazione equilibrata. I pazienti devono assumere le sostanze mancanti attraverso integratori alimentari. Per Kersten è importante una terapia con un elevato dosaggio di vitamina B12, al fine di convertire il metabolismo distruttivo nei mitocondri danneggiati.

4.Riduzione dello stress ossidativo e nitrosativo

Per eliminare i radicali liberi dell’ossigeno e dell’azoto dal metabolismo patogeno nei mitocondri, la terapia della medicina complementare contro la fibromialgia raccomanda di assumere diversi tipi di antiossidanti e sostanze vegetali, tra cui la vitamina C, la vitamina E, l’acido alfa lipoico, la vitamina B3, il NADH, la carnitina e il coenzima Q10. Si aggiungono poi tutti i co-fattori che permettono una produzione ottimale di ATP all’interno della catena respiratoria e del ciclo dell’acido citrico (ciclo di Krebs).

5.Normalizzazione dell’equilibrio acido-base

Un’altra importante colonna della terapia della medicina complementare contro la fibromialgia sono le misure contro l’acidificazione. In presenza di una disfunzione mitocondriale, l’insufficiente assimilazione dei carboidrati causerebbe la formazione di acido lattico in eccesso. La medicina complementare considera l’acidificazione la causa principale dei dolori muscolari e consiglia ai malati fibromialgici di assumere generose quantità di sostanze tampone basiche. Oltre all’assunzione di sali basici, vengono consigliati frequenti bagni basici e, nei casi gravi, infusioni basiche.

6. Rilassamento

Analogamente alle raccomandazioni dell’EULAR, Kersten consiglia ai malati fibromialgici di apprendere alcune tecniche di rilassamento, tra cui il rilassamento muscolare progressivo di Jacobsen, le tecniche di respirazione terapeutica e la meditazione. Gli esercizi di Qi Gong e Tai Chi per l’incremento dell’energia sarebbero utili solo nello stadio iniziale della malattia.

7. Terapia fisica

Tra le misure terapeutiche consigliate sono incluse anche le applicazioni con calore (impacchi caldi, fanghi) o con freddo. Se la malattia persiste a lungo, Kersten consiglia due speciali processi fisici per la rigenerazione della funzione mitocondriale: la terapia ipossica intermittente (IHT) e la terapia biofotonica con laser.

La terapia ipossica intermittente (IHT), nota anche come terapia di intervalli tra ipossia e iperossia (IHHT), simula una specie di allenamento ad alta quota alternando ritmicamente aria rarefatta d’alta quota e normale aria ambiente. Questa tecnica sviluppata negli anni ’80 per gli astronauti, i piloti militari e gli atleti, dovrebbe migliorare il metabolismo energetico cellulare e rigenerare i mitocondri danneggiati.

Anche la terapia biofotonica con laser è considerata una tecnica efficace per aumentare la funzione mitocondriale. Essa prevede l’irraggiamento di tutto il corpo con un laser ad ampia superficie in combinazione con applicazioni a infrarossi.

8.Eliminazione delle sostanze tossiche

Secondo i medici con un approccio olistico esiste una correlazione tra disfunzioni mitocondriali e la diffusa contaminazione da parte di sostanze inquinanti e metalli pesanti. L’eliminazione di queste sostanze è un compito che va affidato a terapeuti esperti, perché intensivi trattamenti di disintossicazione possono far peggiorare i sintomi. La cura disintossicante non può essere effettuata in presenza di una ridotta attività degli enzimi disintossicanti causata da fattori ereditari. Questo polimorfismo degli enzimi infiammatori interessa il 40% della popolazione.

9.Trattamento di focolai infettivi

La diagnosi e la terapia di tipo olistico di malattie croniche include sempre la ricerca di focolai infettivi occulti a carico di denti, mandibole, tonsille, seni paranasali, apparato uro-genitale, ecc. Tali focolai possono bloccare le misure terapeutiche e vanno quindi eliminati.

Parafarmacia online: “Opzioni terapeutiche esaurite!?”

Prima o poi, molti malati di fibromialgia si rendono conto che la medicina tradizionale può aiutarli solo in minima parte. Questi limiti vengono rispecchiati anche nelle raccomandazioni ufficiali della Lega europea contro le malattie reumatiche. Gli esperti dell’EULAR non assegnano un buon voto a nessun medicinale utilizzato per la fibromialgia. Anche le valutazioni dei trattamenti non farmacologici sono piuttosto incerte.

È quindi comprensibile che i malati di fibromialgia si mettano alla ricerca di spiegazioni alternative e trattamenti derivanti dalla medicina complementare. La Lega svizzera contro il reumatismo ritiene però importante sottolineare il basso livello di evidenza della cosiddetta medicina mitocondriale. La sua efficacia (e innocuità), infatti, viene descritta solo all’interno di studi di casi specifici, e non nell’ambito di studi clinici.

In generale, la parafarmacia online OVF consiglia ai malati fibromialgici di consultarsi con il proprio medico curante prima di intraprendere qualsiasi trattamento appartenente alla medicina complementare.

No Comments
Salute e Benessere

Farmacia Sassuolo: consigli per prendersi cura della pelle a ogni età

Per un viso radioso e levigato a ogni età la Farmacia di Sassuolo Santa Chiara ci offre utili consigli e prodotti mirati ed efficaci

Giunti alla soglia dei 30 anni tutte le donne hanno bisogno di prendersi cura della pelle del corpo e del viso idratandola continuamente e aiutandola a non perdere vigore. I prodotti sul mercato che promettono miracoli per contrastare i segni del tempo sono moltissimi. La Farmacia di Sassuolo Santa Chiara consiglia la linea LIERAC che offre una vasta gamma di prodotti adatti all’esigenza di tutti. Scopriamone di più:

farmacia sassuolo

Per le trentenni la linea completa Hydragenist di Lierac è perfetta per prevenire la comparsa dei primi segni del tempo. Grazie alla tecnica dell’ossigenazione tissutale, ovvero infondere ossigeno alle cellule cutanee, si riesce ad aumentare la respirazione cutanea e a trattenere, grazie alla stimolazione dei captori d’acqua, i liquidi necessari a idratare e levigare continuamente la pelle. La linea è stata studiata per accontentare tutti i tipi di pelle, secche, miste o grasse.

A 40 anni le necessità cambiano: nell’età d’oro per la bellezza le donne non vogliono apparire più giovani ma solo a proprio agio e in armonia con questa nuova fase della vita. Si è alla ricerca quindi di soluzioni mirate ed efficaci per mantenere la propria bellezza. Lierac ha creato una linea antietà dal nome Magnificence che grazie all’azione combinata di prodotti naturali, acido ialuronico e vitamine riduce le tossine cellulari, aumenta la produzione di collagene e migliora la qualità delle fibre cutanee. Creme per tutti i tipi di pelle che agiscono sul rinnovamento cellulare e sulla detossificazione della pelle per restituire a ogni risveglio un viso luminoso, levigato e dal colorito uniforme.

Per le pelli più mature infine la Farmacia di Sassuolo Santa Chiara consiglia la linea Liftissime per ridefinire e ridisegnare l’ovale. Grazie a un complesso unico sul mercato di 3 proteine i trattamenti di questa linea Lierac sono un concentrato di tecnologia per ridistendere i tratti in superficie e rimpolpare i volumi in profondità. In questo modo si otterrà una pelle setosa e senza rughe con effetto immediato anche su collo, labbra e occhi.

Alla Farmacia di Sassuolo Santa Chiara trovi le linee Lierac anti-age scontate del 30% o nella formula 2+1 in regalo. Approfittane!

No Comments
Senza categoria

Autoriparazioni Parma: gestione del sinistro

Hai avuto un incidente stradale? Affidati ad Auto 90 snc, il centro di autoriparazioni di Parma che ti offre assistenza legale completa

Scopriamo insieme in cosa consiste la gestione del sinistro da parte del centro di autoriparazioni di Parma Auto 90 snc e perché è conveniente usufruirne

Autoriparazioni Parma: pensiamo a tutto noiautoriparazioni parma

Auto 90 snc è a disposizione del cliente che abbia subito un sinistro per il disbrigo dell’intera pratica: dalla compilazione del CID ai rapporti con l’assicurazione, dalla convocazione del perito per la stima del danno alla cessione del credito. Il valore aggiunto è la conoscenza profonda del processo di gestione del sinistro, oltre che la stima del danno in tempi rapidi e in linea coi prezzi di mercato.

La gestione del sinistro comprende:

  • Soccorso stradale
  • Assistenza per la compilazione del modulo CID (Constatazione Amichevole d’Incidente),
  • Gestione dei rapporti con l’assicurazione;
  • Incontro con il perito per la stima del danno;
  • Richiesta risarcimento danni anche se non si è giunti a una constatazione amichevole;
  • Richiesta di risarcimento danni fisici;
  • Indennizzo diretto del sinistro alla carrozzeria senza che il cliente debba anticipare nulla;
  • Auto sostitutiva gratuita.

Tutti questi servizi sono garantiti dal centro di autoriparizioni di Parma a prescindere dalla responsabilità del cliente. Oltre quindi a tutelare il cliente fino al rimborso finale senza richiedere nessun anticipo, la gestione dei sinistri permette di usufruire di un auto sostitutiva con un importante risparmio sul costi di franchigia essendo fiduciaria delle più importanti compagnie assicurative del mercato.

Un ulteriore garanzia è assicurata dalla presenza del nostro personale altamente qualificato durante l’incontro col perito per la stima dei danni, in modo da garantire al cliente una perizia accurata che on tralasci anche quei danni che un occhio poco esperto difficilmente può riconoscere. Anche perché nei sinistri non è solo coinvolta la carrozzeria ma anche e soprattutto il motore, la meccanica e l’elettronica del veicolo quindi, oltre che a saper individuare eventuali danni, lo staff esperto del centro di autoriparazioni di Parma è in grado di riparare il veicolo in tutte le sue componenti.

Autoriparazioni Parma Auto 90 snc ti offre assistenza a 360 gradi. Chiama lo 0521602050 oppure invia una mail a [email protected] per ricevere ulteriori informazioni

No Comments
Senza categoria

Fiorista Bologna: consigli sulla coltivazione dei fiori primaverili

Porta un’aria di primavera su balconi, terrazzi e giardini facendoti consigliare dalla fiorista di Bologna Donatella sulle tecniche per la coltivazione e la cura di bellissimi fiori primaverili.

Con l’arrivo della bella stagione torna la voglia di abbellire terrazze e balconi con fiori primaverili che danno un tocco di originalità e di colore agli ambienti.

Il profumo e la bellezza dei fiori di primavera sono un vero piacere per gli occhi e per l’umore ma, sapevate che alcuni di essi sono anche commestibili? I fiori di sambuco ad esempio o i fiori d’arancio e i gladioli. Altri invece sono utilizzati per trattamenti omeopatici come la calendula e la camomilla. Ovviamente bisogna sempre accertarsi della provenienza di questi fiori e assicurarsi con non siano stati usati pesticidi.

Sono tutti fiori che cominciano a sbocciare spontaneamente nei campi verso la fine di febbraio, altri invece come le petunie o i gerani fanno la loro comparsa in aprile. In genere i vivai hanno fiori primaverili tutto l’anno grazie alla coltura in serra ma, il piacere di coltivare qualche piantina di fiori primaverili nel proprio giardino, regala una soddisfazione e un piacere unico. La semina dei fiori primaverili deve avvenire verso la fine di gennaio ma attenzione a non disporre i semi già nel terreno o nei vasi, occorre utilizzare un semenzaio per proteggere i germogli dagli ultimi freddi che ne danneggerebbero la crescita e la fioritura.

fiorista bologna

La semina fai da te dei fiori primaverili

Se non avete a disposizione un semenzaio che, comunque, a un prezzo contenuto è facilmente reperibile in un qualsiasi centro specializzato, una soluzione fai da te può essere quella di utilizzare il contenitore per le uova sia in plastica che in cartone. Ricordate l’acqua non deve essere versata direttamente sui semi ma, sempre utilizzando un altro contenitore per le uova che vada sotto quello che custodisce i semi e trattenga l’acqua che servirà a nutrirli e farli crescere. Quando i germogli saranno abbastanza alti (5-7 cm) si possono mettere nei vasi facendo attenzione a non danneggiare le radici

I fiori di primavera hanno bisogno di molte ore di sole e di essere innaffiati non appena il terreno al tatto ci sembra seccato. Per il resto non hanno bisogno di grandi cure e attenzioni ma in compenso regalano una vivacità e un’allegria incomparabili.

Fatevi consigliare dalla fiorista di Bologna Donatella su quali fiori acquistare per ravvivare e profumare gli ambienti delle vostra casa o attività commerciale.

No Comments
Salute e Benessere

PARAFARMACIA ONLINE: FACCIAMO IL PIENO DI VITAMINA, SOPRATTUTTO IN INVERNO!

La parafarmacia online ovf ci spiega l’importanza della vitamina D per la salute del nostro corpo

In inverno, le lunghe giornate estive sono solo un ricordo lontano, ma è ancora possibile ottenere abbastanza sole per aumentare i livelli di vitamina D.
La vitamina D è una sostanza meravigliosa che sembra curare tutta una serie di disturbi: secondo la ricerca scientifica abbassa i tassi di cancro, le fratture ossee, il diabete, l’incidenza delle malattie cardiache, e anche l’ansia e la depressione. Viene prodotta a livello endogeno attraverso l’esposizione solare della pelle ai raggi ultravioletti. Per essere attiva deve subire due processi organici che impegnano organi molto importanti del nostro corpo, il fegato e i reni.

Parafarmacia online: la vitamina D è fondamentale per il nostro organismo

La vitamina D Induce l’assorbimento del calcio a livello intestinale, mantiene le concentrazioni sieriche di calcio e fosfato adeguate per consentire una normale mineralizzazione delle ossa e prevenire l’osteoporosi ed è fondamentale per la crescita delle ossa e per l’attività di osteoblasti e osteoclasti. Tuttavia, con tutto il tempo che passiamo in casa oggi, il 75% degli italiani non ne attiva abbastanza.
Dato che l’approvvigionamento di questa vitamina avviene essenzialmente attraverso l’esposizione della pelle ai raggi solari UVB, è facile comprendere come al giorno d’oggi sia per molti impossibile o quasi assimilare una corretta e costante dose di sole durante l’arco dell’anno. Non è un caso se molti studi hanno notato, ad esempio, che le epidemie di influenza invernali coincidono con il picco di massima carenza della vitamina D nell’essere umano. Alle nostre latitudini, infatti, non è possibile assimilare il dovuto quantitativo di vitamina D nei mesi che vanno da novembre a marzo compresi.

La vitamina D riduce il rischio di tumori

Per la stragrande maggioranza, gli organi del corpo rispondono alla vitamina D. Ciò vuol dire che le cellule degli stessi sono in grado di assicurare funzioni biologiche che dipendono dalla disponibilità di questa vitamina-ormone. L’interazione coi geni di quest’ultima avviene dentro le cellule dell’organismo, in modo tale che si ritiene essa possa accelerare la guarigione dei tessuti e delle cellule, quindi ridurre il rischio che divengano cancerose.

parafarmacia online

Parafarmacia online: i danni da mancanza di vitamina D

La vitamina D è un costituente basilare di parecchie funzioni fisiologiche dell’organismo. Parecchi studi scientifici mettono in correlazione una mancanza grave di questa sostanza con patologie come la parodontite, l’osteoporosi, la fibromialgia, il dolore cronico, il diabete (sia di tipo I che II), la sclerosi multipla, il deterioramento cognitivo senile, l’asma e molte altre malattie tra cui diciassette diversi tipi di cancro. Nel bambino, invece, una eccessiva carenza di vitamina D porta al fenomeno del rachitismo.

Assumere vitamina D in inverno? Si può e si deve!
Oltre all’integrazione, che è fondamentale, dobbiamo cercare di stare il più possibile all’aperto; consigliamo un’esposizione alla luce solare di almeno 10 minuti al giorno per aumentare i livelli di vitamina D. Il momento migliore per esporsi al sole è mezzogiorno, quindi prima di pranzo o dopo concedetevi una passeggiata.

Ma non solo, anche la dieta vi può aiutare. Ci sono alcuni alimenti che possono fare la differenza:

salmone (preferibilmente non da allevamento)
aringhe e sardine
halibut
olio di fegato di merluzzo
gamberi
tuorli d’uovo
funghi

Infine, la parafarmacia online OVF vi consiglia di integrare tutti i giorni la Vitamina AD3, che vi permetterà di mantenere i livelli di vitamina D ottimali.

No Comments
Salute e Benessere

Centro estetico Sesto San Giovanni: regalati un massaggio per la Festa delle Donne!

Con l’approssimarsi della Festa delle Donne, stai pensando a qualcosa di speciale? Perché non puntare su un bel massaggio rilassante o un trattamento viso o corpo da Belli Fuori, il centro estetico Sesto San Giovanni.

Il centro estetico Sesto San Giovanni per l’8 marzo è l’occasione perfetta per regalarsi un momento di vero relax scegliendo tra le diverse promozioni pensate per celebrare il giorno dedicato alla donna.

Per ritagliarsi un po’ di tempo per sé stesse, prendersi una pausa dai mille impegni quotidiani e dedicarsi una coccola che ci aiuti a ritrovare un po’ di sano benessere psicofisico il Centro estetico di Sesto San Giovanni è il luogo ideale.

Con l’avvicinarsi delle belle giornate aumenta la richiesta di trattamenti estetici che si prendano cura della pelle del viso, che deve tornare luminosa e fresca, e alla tonicità del corpo, intorpidito dai mesi freddi.

Perchè in primavera il desiderio di mostrarsi belle e in forma è molto forte e allora perché non assecondarlo. Ce n’è per ogni esigenza: se preferisci un momento di vero relax ci sono i massaggi a base di oli essenziali e fanghi, se invece vuoi un vero trattamento di estetica c’è l’efficacia dei macchinari di ultima generazione per un lifting naturale, rapido e indolore.

Quel che conta è il risultato finale assicurato dalla professionalità delle operatrici che troverai al Centro estetico di Sesto San Giovanni, a tua completa disposizione per assecondare i tuoi bisogni estetici. Cosa aspetti? Prenota un trattamento viso o corpo o un messaggio rilassante chiamando il 333 453 6629

No Comments
Salute e Benessere

Parafarmacia Online OVF: l’acmella, il botox naturale che viene delle piante

La Parafarmacia online Ovf utilizza prodotti della natura per garantirvi risultati estetici ottimali.

L’acmella è un potente anti rughe, rilassa le contrazioni dei muscoli del viso e rinforza il collagene, utile anche in caso di psoriasi, pruriti e ferite, infine è un diuretico e di aiuto contro l’ipertensione.
L’acmella oleracea, anche conosciuta come Spilanthes acmella, famiglia delle Asteraceae, è una pianta originaria della foresta brasiliana che sta suscitando molto interesse nel campo della cosmetica. Infatti, l’acmella viene considerata un botox naturale e utilizzata sempre più spesso in creme antirughe. Ma vediamo di capire meglio.

ACMELLA COME RIMEDIO ANTIRUGHE

L’estratto di acmella contiene un principio attivo, chiamato spilantolo, capace di agire sulle rughe, sia quelle di espressione che le rughe più profonde. Infatti, questa sostanza è in grado di attenuare le rughe di espressione rilassando la muscolatura. Non solo, lo spilantolo è antiossidante e stimola e rinforza il reticolo del collagene conferendo tono alla pelle che appare rassodata e compatta (Veda Prachayasittikul et al, EXCLI Journal, 2013 – Chen et al, Molecules, 2015). L’estratto di acmella è anche antinfiammatorio, antibatterico, analgesico e anestetico, proprietà, queste, provate da studi scientifici e che fanno dell’acmella un rimedio utile anche in caso di psoriasi, prurito e ferite velocizzandone la guarigione (Yamane et al, Evid Based Complement Alternat Med., Sep 2016 – Cho et al, Molecular Medicine Reports, 2017).

ACMELLA, ALTRI USI

Infine, l’estratto di acmella ha anche un’azione utile in caso di ipertensione dal momento che dimostra un effetto vasorilassante e diuretico (Gerbino et al, PLos One, 2016). Non solo, studi scientifici hanno anche osservato la capacità di questo estratto di rinforzare le difese naturali, stimolando il sistema immunitario e contrastando raffreddore, influenza e affezioni del tratto respiratorio. In genere, per questa azione, si usa l’estratto di foglie di acmella.

Puoi trovare l’acmella solo presso la parafarmacia online OVF

No Comments
Senza categoria

Traslochi a Roma fai da te? Noleggia ciò che ti occorre da Bagaglini

Per i tuoi traslochi a Roma in autonomia aiutati con il noleggio delle attrezzature necessarie

Se preferisci effettuare il trasloco in maniera autonoma ma ti manca l’attrezzatura idonea per poterlo fare, la soluzione sta nel noleggio delle attrezzature da trasloco, una formula fai da te che ti consentirà di risparmiare notevolmente sui prezzi del facchinaggio e del trasporto.

Bagaglini traslochi, l’azienda leader nei traslochi a Roma e in tutto il territorio nazionale, mette a tua disposizione una vasta gamma di strumenti e mezzi da noleggiare che renderanno più facile e rapido il trasferimento nella nuova casa o nei nuovi uffici.

L’ampio parco auto di cui dispone la ditta Bagaglini ti consentirà di scegliere il veicolo commerciale più adatto alle tue esigenze di trasloco, dai mezzi di carico più piccoli fino a ai veicoli extra carico, oltre che mezzi speciali per il trasporto di oggetti preziosi o animali domestici. Inoltre, potrai scegliere se noleggiare il mezzo con conducente o senza conducente.

Risultato immagini per bagaglini traslochi

Quali sono le principali attrezzature da trasloco?

Tra i mezzi di trasloco e le attrezzature messe a disposizione dalla ditta di traslochi a Roma Bagaglini potrai noleggiare:

  • furgoni da trasloco: non sono tutti uguali. Per scegliere quello che più si adatta alle tue esigenze è necessario valutare il peso da trasportare e il volume che occupano ad esempio i mobili non smontabili
  • scale per traslochi, montacarichi o elevatori: sono fondamentali per i traslochi ai piani alti perché consentono di avvicinarsi in completa sicurezza a finestre o terrazzi
  • piattaforme aeree: se si devono spostare mobili molto grandi e pesanti questi strumenti vengono installati su furgoni speciali e manovrati da un conducente esperto
  • pedane: sono necessari per materiale o mobilio molto grande e pesante perché permettono di trasportare in massima sicurezza senza causare danni
  • transpallet: è un carrello per il carico e lo scarico agevole delle scatole del trasloco

La ditta di traslochi Roma Bagaglini potrà inoltre fornirti tutto il materiale necessario per l’imballaggio dei tuoi affetti personali: scatole di cartone, pluriball e tutti gli elementi necessari per un trasloco in pena sicurezza.

Se sei interessato al noleggio di mezzi o attrezzature da trasloco richiedi un preventivo gratuito a Bagaglini traslochi. Visita il sito web o chiama il numero  06 22755033

No Comments
Comunicati

Dermatologo: chi è e cosa fa


La pelle e l’organo più grande del nostro corpo. Non sottovalutare ciò che ci segnala significa prendersi cura di sé stessi ma anche non trascurare patologie o disfunzioni che, in corso nei nostri organi, si manifestano prima di tutto attraverso la pelle.

Il dermatologo è un medico specializzato nella diagnosi e cura di problemi legati alla pelle, ma anche ai capelli, alle unghie, ai peli e alle mucose. Si prende cura di pazienti di tutte le età, dai piccolissimi fino ai più anziani.

Attraverso una visita medica accurata, il dermatologo può elaborare una diagnosi e prescrivere la cura più adeguata.

dermatologo lecce

Come si svolge una visita dermatologica

Il medico della pelle comincia la visita con l’anamnesi, ossia il racconto del problema da parte del paziente (quando è apparsa, come si è evoluta, ecc.) tutte informazione che danno un primo indirizzo al medico. Si prosegue con un esame obiettivo, quindi una visita vera e propria della pelle o del cuoio capelluto del paziente. A questo punto il dermatologo dovrebbe già essere in grado di pronunciare una diagnosi e un trattamento specifico, ma può succedere anche che ci sia bisogno di ulteriori accertamenti di conferma che rientrano tra gli esami di diagnostica per immagini.

Il dermatologo si occupa di problemi molti vari come l’eczema, l’orticaria, la caduta dei capelli, l’acne, l’analisi dei nei, il cancro, ma anche di imperfezioni della pelle come cicatrici, tatuaggi e rughe.

Alcune malattie croniche però, come la psoriasi o le dermatiti da stress vanno monitorate costantemente, e spesso sono patologie che si incrociano con disturbi riconducibili ad altri rami della medicina come la ginecologia e l’andrologia, l’odontoiatria o l’endocrinologia, quindi spesso si rende necessario un dialogo con altri specialisti per un approccio multidisciplinare al problema che offra al paziente la soluzione più efficace.

Quando richiedere una visita dal dermatologo

È buona pratica rivolgersi ad un dermatologo tutte le volte che abbiamo dei sospetti circa lo stato di salute della nostra pelle. Superati i trent’anni è opportuno invece recarsi annualmente da un dermatologo anche in assenza di sintomi, per controllare i nei e più in generale la qualità della nostra pelle.

Se stai cercando un dermatologo a Lecce il Dottor Mazzarella saprà prendersi cura della tua pelle e consigliarti al meglio per aiutarti a risolvere i tuoi problemi o inestetismi cutanei.

No Comments
Comunicati

Deposito e custodia dei mobili: come funziona nel settore dei traslochi


Può succedere che aziende o privati abbiano bisogno di un magazzino per depositare temporaneamente mobili e oggetti personali. Le aziende dei traslochi si sono quindi attrezzate per assicurare a clienti che ne facciano richiesta (circa il 30%) un servizio di deposito e custodia.

Le soluzioni si adattano ad ogni esigenza e tasca. La ditta di traslochi si occupa di tutta la fase esecutiva, di smontaggio, imballaggio, trasporto e custodia. Si va da box di 3 m cubi fino a celle personalizzate modulabili con tutti criteri per assicurare un livello di sicurezza e conservazione ottimali.

Quando ci si rivolge a ditte di traslochi che offrono questo servizio è buona abitudine assicurarsi che gli ambienti siamo puliti e senza rischio umidità quindi coibentati e coi pavimenti isolati.

Anche il tempo di permanenza è una scelta del cliente: da un deposito giornaliero si arriva fino a coprire abbonamenti annuali che fanno anche risparmiare sul costo giornaliero del deposito. Un preventivo di deposito mensile si aggira tra i 130 euro e i 400 euro mensili.

preventivo traslochi roma

Come calcolare lo spazio che ci occorre

Possiamo fare qualche esempio per darvi un’idea di quanto spazio potrebbe volerci per affidare i vostri beni a un deposito custodito. Uno spazio di 4 m cubi può contenere un frigorifero, una lavatrice e 5 o 6 scatole; un box di 10 m cubi può contenere l’arredamento di un piccolo appartamento: due poltrone, un divano tre posti, una libreria, un tavolo e una decina di scatole.

Naturalmente è possibile anche depositare oggetti molto delicati e preziosi: i locali messi a disposizione dalle ditte di traslochi hanno sistemi di aerazione controllata, sistemi antincendio e vigilanza interna che assicurano un livello di sicurezza molto alto.

Affidati a una ditta specializzata. Fai un preventivo trasloco a Roma

Il deposito dei mobili è una formula sempre più richiesta. Tantissime imprese del settore traslochi si sono adattati alla richiesta del mercato. La ditta di traslochi Bagaglini offre soluzioni personalizzate per qualsiasi tipo di esigenza, per brevi e lunghi periodi:

  • Celle personalizzate modulabili
  • Vigilanza interna
  • Aerazione controllata
  • Coperture assicurative contro ogni rischio

Richiedi un preventivo trasloco a Roma e non preoccuparti più di nulla!

No Comments
Salute e Benessere

Psicologia dell’età evolutiva Bologna: come interviene


Le difficoltà che riguardano l’età evolutiva sono molteplici. L’infanzia e l’adolescenza sono periodi molto complessi e delicati in cui aspetto della vita si sviluppa in maniera veloce e coinvolge le capacità cognitive, psico-affettive e relazionali. I disagi in questa età possono compromettere non soltanto il benessere del bambino ma la serenità dell’intera famiglia, per questo è importante rivolgersi a degli esperti in materia qualora si abbia il sospetto che il proprio figlio manifesti dei disturbi emotivi e/o comportamentali.

psicologia età evolutiva Bologna

Questi disturbi possono comparire spontaneamente o come reazione a tensioni emotive, cambiamenti sociali, abusi, traumi e possono non essere immediatamente riconoscibili anche perché magari passano e tornano di rado.

Lo Psicologo dell’età evolutiva lavora con i genitori per aiutarli a elaborare i sintomi comportamentali del bambino in termini relazionali e affettivi ovvero comprendere il significato di quei comportamenti per aiutarli a riformulare il loro comportamento nei suoi confronti in modi nuovi, approfondendo le loro stesse aree emozionali critiche per affrontare nel migliore dei modi la relazione.

Ogni fase di crescita che va dalla nascita alla maturità sessuale implica il superamento di determinati step evolutivi che per essere superati richiedono necessariamente periodi di crisi fisiologici attraverso cui modulare e maturare un sempre nuovo adattamento tra il mondo esterno e la vita interiore. La Psicologia dell’età evolutiva ha l’obiettivo di promuovere il benessere psicologico del bambino e intervenite in tutti i casi di:

  • Disturbi dell’apprendimento
  • Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività
  • Difficoltà emotive e comportamentali quale ansia, impulsività, aggressività ecc
  • Potenziamento neuropsicologico utile a migliorare le abilità di lettura, scrittura, calcolo, memoria, attenzione

L’intervento psicologico si propone di individuare il disagio e ricondurlo al mancato adattamento a una specifica fare evolutiva e programmare un percorso, a stretto contatto coi genitori, per superare il problema dalla radice ovvero sradicando tutte quelle dinamiche che contribuiscono a sviluppare e mantenere il sintomo di un disturbo.

Lo studio Creattivamente è uno studio multidisciplinare di psicologia dell’età evolutiva a Bologna che si avvale della presenza di diversi professionisti del settore per aiutare bambini e genitori a superare un momento di difficoltà psicofisica.

No Comments