Archives

Comunicati

Igiene vertebrale: come prevenire i disturbi muscolo scheletrici

Comunicato Stampa

Igiene vertebrale: come prevenire i disturbi muscolo scheletrici

Il 23 marzo 2021 un corso in videoconferenza permetterà di migliorare l’attenzione e conoscenza dei disturbi muscolo-scheletrici, soffermandosi in particolare sull’igiene vertebrale e su come prevenire e prendersi cura del “mal di schiena”.

 

Le ricerche nell’Unione Europea hanno rilevato come i disturbi muscolo-scheletrici lavoro-correlati, con riferimento alle compromissioni di alcune strutture corporee causate o aggravate dal lavoro, siano tra i disturbi più frequenti nei luoghi di lavoro. In Europa colpiscono milioni di lavoratori e costano miliardi di euro alle aziende. In questo senso affrontare e prevenire adeguatamente i disturbi muscolo-scheletrici (DMS) contribuisce a migliorare la vita dei lavoratori e a ridurre i costi per le imprese.

 

Ad affermarlo è l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro che per il triennio 2020-2022 ha lanciato la campagna “Ambienti di lavoro sani e sicuri. Alleggeriamo il carico!” con l’obiettivo di aumentare nei luoghi di lavoro la consapevolezza e la prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici. Disturbi che sono favoriti, in relazione all’emergenza COVID-19, anche dalla diffusione dei rischi ergonomici delle attività lavorative in smart working realizzate magari con postazioni di lavoro improvvisate o senza la giusta consapevolezza dei rischi connessi.

 

Il corso in videoconferenza per prevenire i disturbi muscolo scheletrici

Proprio per favorire una maggiore attenzione e un’idonea prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici nei luoghi di lavoro, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) organizza per il 23 marzo 2021 il corso in videoconferenza dal titolo “Igiene vertebrale: dalla teoria alla pratica. Come prevenire i disturbi muscolo scheletrici”.

 

Il nuovo corso di formazione, coerente con i fini dell’attuale campagna europea sui disturbi muscolo-scheletrici, si pone l’obiettivo di diffondere la cultura e l’attenzione su questi temi, soffermandosi in particolare sull’igiene vertebrale, ovvero su come prevenire e prendersi cura del “mal di schiena”.

 

La lezione sarà composta innanzitutto da una parte introduttiva, più teorica, finalizzata a spiegare la struttura della schiena, la sua anatomia ed il suo funzionamento.

Successivamente si passerà ad una breve descrizione dei principali rischi e problemi che possono insorgere per posture scorrete o cattive abitudini nelle attività lavorative svolte seduti alla scrivania, attività che prevedono la movimentazione di carichi, o lavori prevalentemente svolti in piedi che possono affaticare la colonna vertebrale.

Verranno quindi mostrati alcuni esercizi compensativi per schiena e cervicale.

 

Igiene vertebrale: progetto e video di educazione posturale

Ricordiamo che in relazione ai disturbi muscolo-scheletrici l’Associazione AiFOS, in collaborazione con Emanuele Angelo Toso e la Back School – Programma Toso, ha attivato anche il progetto “Igiene vertebrale“, un progetto di educazione posturale adatto agli smart worker, ma utilizzabile anche da altri lavoratori.

 

Lo scopo del progetto, al di là della prevenzione dei disturbi e delle indicazioni posturali, è anche quello di sottolineare l’importanza della conoscenza del corpo e l’apprendimento di semplici tecniche per utilizzarlo al meglio.

 

Attraverso il progetto “Igiene vertebrale” oltre alla realizzazione di idonei percorsi formativi, sono stati prodotti e resi disponibili gratuitamente, sul sito dell’associazione, semplici video pillole gratuite.

 

Il programma del corso sull’igiene vertebrale

Per conoscere e prevenire i disturbi muscolo-scheletrici connessi al mondo del lavoro si terrà dunque martedì 23 marzo 2021 – dalle ore 14.30 alle ore 17.30 – il corso in videoconferenza “Igiene vertebrale: dalla teoria alla pratica. Come prevenire i disturbi muscolo scheletrici”.

 

Durante la giornata formativa in videoconferenza verranno affrontati i seguenti argomenti:

  • Ergonomia
  • La colonna vertebrale e le curve fisiologiche
  • Le posture scorrette
  • La corretta movimentazione dei carichi (traino, spinate e sollevamento)
  • Esercizi di educazione posturale
  • Principali patologie

 

La partecipazione al corso vale come 3 ore di aggiornamento per RSPP/ASPP e Coordinatori alla sicurezza e 3 ore di aggiornamento per Formatori qualificati area 2. Il corso è valido anche ai fini della formazione specifica prevista per il Manager HSE (UNI 11720:2018 – area organizzativa e gestionale) e ai fini della formazione necessaria per l’iscrizione al Registro Consulenti AiFOS (Legge 4/2013).

 

Per avere ulteriori dettagli sul corso e iscriversi, è possibile utilizzare questo link:

https://aifos.org/home/formazione/corsi/corsi-in-programma/corsi-in-programma/igiene_vertebrale_dalla_teoria_alla_pratica

 

Il docente della videoconferenza (formazione, erogata tramite piattaforma informatica, equiparata alla formazione in presenza), è Emanuele Toso, chinesiologo, dottore magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Preventive ed Adattay (Attività Fisica Adattata), tutor di tirocinio in varie sedi universitarie nell’insegnamento di “Posturologia”, Massoterapista e studente all’ultimo anno di Osteopatia.

 

Per informazioni:

Sede nazionale AiFOS – via Branze, 45 – 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia – tel. 030.6595035 – fax 030.6595040 www.aifos.it[email protected][email protected]

 

 

18 febbraio 2021

 

 

Ufficio Stampa di AiFOS

[email protected]

http://www.aifos.it/

No Comments
Comunicati

Il mal di schiena e le sue cause

La maggior parte delle persone soffre almeno una volta nella vita di mal di schiena. Solo in pochi di questa casi il mal di schiena è sintomo di una malattia.

Con l’espressione mal di schiena si descrive il dolore riferito alla parte bassa della schiena, che corrisponde alla regione lombosacrale e al coccige. Il dolore può essere acuto o cronico ed è provocato da moltissime cause, per cui a volte sono difficili la diagnosi e il trattamento.

Il meccanismo per cui si crea il dolore può essere innescato dadifetti congeniti o acquisiti della colonna vertebrale o da contrattura dei muscoli che la muovono dovuta alla loro infiammazione o a posture difettose. La parte inferiore della colonna vertebrale infatti è molto mobile e può piegarsi in avanti, indietro o di lato, oltre a potere ruotare. La maggior parte dei dolori di schiena è dovuta alle contratture muscolari provocate dall’assunzione di posizioni sbagliate.

Gli infortuni che provocano più comunemente il mal di schiena, escludendo i traumi gravi per cui si lussano o fratturano le vertebre, nascono quasi sempre da sforzi improvvisi e violenti a cui non si è abituati. Anche un lavoro manuale apparentemente banele, come spostare un mobile della casa, può essere pericoloso per un organismo non allenato.

Bisognerebbe quindi evitare o affrontare con attenzione ogni sforzo, mentre sarà opportuno abituare il fisico a un lavoro muscolare moderato e costante, che vede begli esercizi ginnici e nel nuoto le attività ottimali.

La cura di questi mali di schiena di origine traumatica consiste nel riposo, nell’applicazione di calore nella parte dolorante e nell’assunzione di antidolorifici se necessario.

Ma a cosa è dovuto il mal di schiena?

Fin da quando i nostri antichi progenitori impararono a camminare eretti, la razza umana ha sempre sofferto di mal di schiena. Un evoluzione durata milioni di anni non è riuscita ad adattare perfettamente la nostra colonna vertebrale alla stazione eretta, in quanto costruita per una deambulazione a quattro zampre

La colonna è costretta a uno sforzo notevole, specialmente a livello cervicale e lombosacrale, dove non ci sono le costole a fissarla. La colonna vertebrale è infatti sostenuta da muscoli e legamenti, che tendono a fissarla, non riuscendo però a evitare continui movimenti di flessione e distorsione.

Ogni lavoro muscolare coinvolge anche la colonna vertebrale, e sforzi troppo violenti possono danneggiare legamenti e muscoli prima delle stesse vertebre. Anche i dischi intervertebrali, una specie di cuscinetti ammortizzatori posti tra vertebra e vertebra, possono venir edisolocati da movimenti inconsulti e degenarano con l’età, fino a perdere la loro elasticità.

Se il riposo non è sufficiente a fare passare il dolore si può ricorrere all’aiuto di un centro massaggi. Si tratta di una cura alternativa che può essere molto utile per apportare sollievo, quindi i medici non si oppongono al loro utilizzo, ma è sempre necessario chiedere il parere del proprio medico prima di iniziare un trattamento di massaggi.

No Comments
Comunicati

TAPPETOFIORITO.IT, IN ARRIVO TANTI NUOVI PRODOTTI PER CURARE IN MANIERA NATURALE LA TUA SCHIENA

Roma, 19 giugno 2013 – Il Tappeto Fiorito arriva finalmente in Italia lanciando il sito http://www.tappetofiorito.it. Dopo il successo in Francia dove sono state vendute oltre 20,000 unità in un solo anno, arriva anche in Italia il Tappeto Fiorito.

Il dolore alla schiena rappresenta un serio problema di salute pubblica e anche un immenso business. L’80% degli italiani è vittima di problemi alla schiena durante la vita e il 50% dichiara di averne proprio in questo momento. Il Tappeto Fiorito è un nuovo metodo naturale che permette di curare in maniera efficace, senza sforzi e rapidamente il proprio corpo.

I benefici principali si hanno grazie alla secrezione di endorfine e all’aumento della circolazione sanguigna intorno alla colonna vertebrale che permette di dare sollievo all’infiammazione e di allentare in profondità le tensioni muscolari ed i dolori articolari.

L’efficacia del Tappeto Fiorito è stata dimostrata su pazienti con dolori alla schiena ed al collo ma è inoltre particolarmente indicato per le persone sofferenti di sciatica, artrosi, cruralgia, fibromialgia, artrite e reumatismi.

Il Tappeto Fiorito ha un costo pari a €99 oppure si può acquistare la versione Vitality a €49 ed infine la versione combinata (Tappeto e Cuscino Vitality) a €69. Per finire anche il Neck Track, un prodotto specializzato per il collo, è ora disponibile in Italia a €29.

Per qualsiasi domanda, si prega di inviare una mail a [email protected] oppure contattare il servizio clienti a 55 44 05 05 50.

No Comments
Comunicati

Sai coniugare Risparmio, Bellezza e Benessere?

E’ possibile coniugare le parole “risparmio”, “bellezza” e “benessere”?
Shakti Mat lo sa fare!

Chi conosce il tappetino svedese per agopressione Shakti Mat sa che è possibile…

Dal 2013 però è ancora più facile: lo Shakti Mat Original – quello verde o quello arancione per intenderci – da gennaio costano solo 65 euro invece che 78!
Ed inoltre lo Shop di www.shakti-mat.it si arricchisce della categoria “Saponi Naturali” che propone 2 raffinatissimi saponi Ayurveda ad un prezzo assolutamente unico (1 sapone costa 7 euro, 2 saponi 12 euro).

Cos’è il tappetino Shakti Mat?
Il tuo benessere a portata di mano: il tappetino Shakti Mat è la versione moderna del lettino chiodato dei mistici indiani, agisce sul corpo, sui nervi, sui muscoli, sulle articolazioni e sulla pelle, stimolando con i suoi 6000 punti di contatto le zone del corpo sensibili all’agopressione.
Una scienza tramandata di generazione in generazione, per migliaia di anni, dalla tradizione degli yogi vedici oggi, finalmente, approdata in occidente.

I saponi
Il sapone Ayurveda alla Curcuma possiede virtù antiossidanti e anti infiammatorie. Restituisce elasticità alla pelle secca e riequilibra la pelle grassa. Ha una tonalità speziata ed inebriante e un packaging elegante ed ecologico realizzato con foglia di banano
Il sapone Ayurveda al Basilico Sacro (Tulasi) è ricco di principi ammorbidenti e antinfiammatori.
Nutre la pelle sensibile, idrata le pelle secca e riequilibra la pelle grassa. Anche il sapone Tulasi è confezionato nella foglia di banano che si può utilizzare come porta sapone.
Entrambi i saponi sono realizzati con olio di cocco spremuto a freddo, mescolato con olii vegetali ed essenziali di piante note per la loro proprietà mediche nella tradizione ayurvedica.
I saponi sono composti esclusivamente con prodotti naturali e originali.
Possono essere usati anche come shampoo: creano una abbondante schiuma che ammorbidisce pelli fragili o molto secche e nutre i capelli.

No Comments
Comunicati

Combattere Sciatica e Cervicobrachialgie con la Radiofrequenza Pulsata Epidurale

  • By
  • 21 Ottobre 2011

La Sindrome da dolore Radicolare (sciatica o cervicobrachialgia), è la più frequente causa di dolore neuropatico, in quanto colpisce circa il 10% della popolazione mondiale.

E’ spesso associata a dolore lombare o cervicale. Si presenta come un dolore urente e puntorio, irradiato lungo l’arto colpito, nella fase acuta, per poi trasformarsi in un fastidioso bruciore, formicolio o senso di tensione muscolare nelle fasi croniche.

La causa più frequente è un conflitto disco-radicolare da protrusione discale o ernia discale lombare o cervicale.

Quando il dolore è prevalentemente radicolare (interessa cioè prevalentemente un arto) e non esistono indicazioni chirurgiche (ernie discali espulse o deficit neurologici gravi), è possibile il trattamento del dolore con stimolazione del ganglio radicolare in Radiofrequenza Pulsata.

La Radiofrequenza Pulsata fu inventata da Sluijter e Cosman nel 1996 come variante della Radiofrequenza tradizionale, differenziandosi da questa per il diverso meccanismo di azione non più legata all’azione della temperatura (termolesione) ma del campo elettrico (CE) (modulazione nervosa).

La stimolazione con questo tipo di corrente blocca infatti con vari meccanismi la trasmissione del dolore ed esplica un effetto antiinfiammatorio ed immunostimolante sul tessuto Nervoso stesso e su tutto l’organismo.

L’intervento viene eseguito in sala operatoria con tutti i crismi della sterilità per evitare infezioni ed è praticamente privo di rischi neurologici in pazienti non affetti da patologie emocoagulative o in trattamento con anticoaugulanti (acetilsalicilico, Fans, dicumarolici) o immunodepressi per il rischio di infezioni.

PER INFO:
S.A.T.A.
Studio di Applicazioni Tecniche Antalgiche
dr. Rodolfo Bucci | dr. Giovanni Frigerio | dr.Claudio Reverberi
www.studiosata.eu

No Comments
Comunicati

A Yoga FestivalMilano 2010 il tappetino Shakti Mat contro stress, mal di schiena e insonnia

In occasione di Yoga festivalMilano Shakti Mat Italia introduce il nuovo modello Shakti Light per pelli sensibili ed esercizi yoga prolungati. E presenta ECO, il nuovo tappetino ecologico!

In pochi mesi il tappetino yoga per agopressione Shakti Mat, l’originale svedese, ha conquistato l’Italia. Migliaia di persone hanno scoperto i suoi straordinari effetti benefici grazie al sito tutto italiano http://www.shakti-mat.it,, alla presenza su Facebook, e non per ultimo ai moltissimi articoli apparsi su quotidiani e periodici prestigiosi come Elle, Il
Sole 24 Ore, Vanity Fair, Grazia, Donna Moderna, Les Nouvelles Esthetiques italia, per citarne solo alcuni.

Ora Shakti Mat si appresta a incontrare i moltissimi appassionati e praticanti yoga che ogni anno partecipano al festival milanese. MPRG srl, distributore italiano del tappetino svedese (http://www.shakti-mat.it/wp/chi-siamo/), ha annunciato che sarà presente con uno stand proprio. I visitatori potranno provare il tappetino per agopressione in un’atmosfera creativa, avvolgente e rilassante. Durante il festival allo stand Shakti saranno presenti istruttori delle prestigiose palestre Down Town di Milano.

Il 2010 segna il lancio in grande stile di Shakti Mat in Italia. “L’Italia è uno dei paesi con i livelli di stress percepito più alti d’Europa e quindi sicuramente un paese dove il tappetino per agopressione può aiutare molta gente” ha dichiarato Nadine Reuterswärd (amministratore delegato di Team Shakti AB Sverige). Creatrice di Shakti Mat insieme al figlio, lo Yogi Om Mokshananda , Nadine ha creato e commercializzato un prodotto che in Svezia è stato acquistato dal 4% della popolazione. Un risultato straordinario che l’ha resa famosa nel mondo, come testimoniano interviste su New York Times e Sole 24 Ore.

Yoga festival sarà inoltre l’occasione per introdurre sul mercato italiano un nuovo modello di tappetino per agopressione, che va ad aggiungersi allo Shakti Mat Original, il modello standard che contiene 230 “fiori” di plastica ipoallergenica, ognuno dei quali ha 27 mini-punte alte tre millimetri per un totale di oltre 6000 punti di agopressione.
Shakti Mat Light è appositamente studiato per chi usa il tappetino per sedute yoga prolungate e impegnative.

Shakti Mat Light, con oltre 8000 punti di agopressione, ha un effetto più soft sulla pelle perché il peso della persona è distribuito su più punti di contatto. È quindi l’ideale per chi ha una pelle molto sensibile, per chi ha una soglia del dolore particolarmente bassa, e per chi fa yoga. Infatti Shakti Light è più soft sui glutei, sul viso e sullo stomaco, quindi permette a chi pratica le forme di Shakti Mat Yoga più impegnative di mantenere posizioni anche estreme con più facilità, più a lungo.

Shakti Mat Eco, presentato in anteprima alla recente fiera bolognese SANA, è un tappetino totalmente eco-compatibile. Contiene 6000 punte di contatto totalmente biodegradabili e tessuto in puro cotone indiano biologico. Eco è il tappetino per agopressione preferito da chi ama la Terra oltre che se stesso.

Shakti Mat Light rappresenta inoltre una valida alternativa per chi si avvicina al tappetino chiodato per la prima volta e ne è un poco intimidito. È apprezzato da signore e signorine particolarmente esili che al contatto con le punte del modello Original provano qualche fastidio (fisico o psicologico). Shakti Mat Original, il tappetino per agopressione più venduto nel mondo, rimane lo standard internazionalmente riconosciuto. Le sue 6000 punte sono studiate per dare il massimo beneficio stimolando in modo straordinario i centri di energia del corpo. È quindi il modello adatto per essere utilizzato dalla maggioranza degli utenti.

Infine, l’ultima novità riguarda il programma personalizzato di Shakti yoga. Visitando il sito www.goshakti.com ogni utente, rispondendo ad una dettagliata serie di domande, riceverà a scadenza giornaliera-settimanale-mensile (a seconda delle preferenze) un programma di esercizi Shakti personalizzato.

Il successo commerciale di Shakti Mat ha spinto il team shakti italiano a creare MPRG srl, una società dedicata esclusivamente a Shakti Mat.

da Studio Fair a MPRG, la storia del distributore italiano Shakti

Studio fair si occupa di trading , distribuzione, progettazione. Ma con un occhio sempre rivolto al bio design ed una particolare sensibilità a percepire ogni nuova ispirazione coniugata al Benessere nel suo più ampio respiro , spaziando dall’arredamento all’abbigliamento, alla cosmesi personale e alle profumazioni casa.

Nel 2009 si forma un Team italo-anglo-svedese che decide di importare l’originale Shakti Mat dalla Svezia in Italia. Quattro persone specializzate in differenti settori e uniti dal comune entusiasmo per il wellness , lo yoga e la meditazione diventano l’espressione della versatilità di un’azienda che si contraddistingue per l’innato amore per l’innovazione e la ricerca dello “star bene” .

Nel 2010 il grande successo di Shakti Mat in Italia spinge i quattro partner a creare MPRG srl, società dedicata esclusivamente alla distribuzione e marketing del tappetino chiodato.

Per ulteriori informazioni
Ufficio Stampa
[email protected]

No Comments
Comunicati

A RiminiWellness il tappetino Shakti Mat contro stress, mal di schiena e insonnia

In occasione della fiera del benessere di Rimini Shakti Mat introduce il nuovo modello Shakti Light per pelli sensibili ed esercizi yoga prolungati.

In pochi mesi il tappetino per agopressione Shakti Mat, l’originale svedese, ha conquistato l’Italia. Migliaia di persone hanno scoperto i suoi straordinari effetti benefici grazie al sito tutto italiano http://www.shakti-mat.it,, alla presenza su Facebook, e non per ultimo ai moltissimi articoli apparsi su quotidiani e periodici prestigiosi come Il
Sole 24 Ore, Vanity Fair, Grazia, Donna Moderna, per citarne solo alcuni.

Ora Shakti Mat si appresta a incontrare oltre centosettantamila persone, il popolo del benessere che ogni anno partecipa alla grande kermesse di RiminiWellness Il distributore italiano del tappetino svedese (http://www.shakti-mat.it/wp/chi-siamo/), ha annunciato che sarà presente alla Fiera del Benessere di Rimini con uno stand proprio, creato dal designer-architetto britannico Simon Bosco Fair. I visitatori potranno provare il tappetino per agopressione in un’atmosfera creativa, avvolgente ed estremamente rilassante.

“RiminiWellness segna il lancio in grande stile di Shakti Mat in Italia. Uno dei paesi con i livelli di stress percepito più alti d’Europa e quindi sicuramente un paese dove il tappetino per agopressione può aiutare molta gente” ha dichiarato Nadine Reuterswärd (amministratore delegato di Team Shakti AB Sverige) che sarà presente alla fiera per l’intera durata della manifestazione. Creatrice di Shakti Mat insieme al figlio Om Mokshananda , Nadine ha creato e commercializzato un prodotto che in Svezia è stato acquistato dal 4% della popolazione. Un risultato straordinario che l’ha resa famosa nel mondo, come testimoniano interviste su New York Times e Sole 24 Ore. Chi desiderasse intervistarla a RiminiWellness è pregato di scrivere a [email protected]

RiminiWellness sarà inoltre l’occasione per introdurre sul mercato italiano un nuovo modello di tappetino per agopressione, che va ad aggiungersi allo Shakti Mat Original, il modello standard che contiene 230 “fiori” di plastica ipoallergenica, ognuno dei quali ha 27 mini-punte alte tre millimetri per un totale di oltre 6000 punti di agopressione.
A Rimini verrà introdotto Shakti Mat Light, studiato per chi ha pelli molto sensibili, e per chi usa il tappetino per sedute yoga prolungate e impegnative.

Shakti Mat Light, con oltre 8000 punti di agopressione, ha un effetto più soft sulla pelle perché il peso della persona è distribuito su più punti di contatto. È quindi l’ideale per chi ha una pelle molto sensibile, per chi ha una soglia del dolore particolarmente bassa, e per chi fa yoga. Infatti Shakti Light è più soft sui glutei, sul viso e sullo stomaco, quindi permette a chi pratica le forme di Shakti Mat Yoga più impegnative di mantenere posizioni anche estreme con più facilità, più a lungo.

Shakti Mat Light rappresenta inoltre una valida alternativa per chi si avvicina al tappetino chiodato per la prima volta e ne è un poco intimidito. È apprezzato da signore e signorine particolarmente esili che al contatto con le punte del modello Original provano qualche fastidio (fisico o psicologico). Shakti Mat Original, il tappetino per agopressione più venduto nel mondo, rimane lo standard internazionalmente riconosciuto. Le sue 6000 punte sono studiate per dare il massimo beneficio stimolando in modo straordinario i centri di energia del corpo. È quindi il modello adatto per essere utilizzato dalla maggioranza degli utenti.

In Italia il tappetino è distribuito da Studio Fair.

Studio Fair

Nasce a Milano nel 2001.

Si occupa di trading , distribuzione, progettazione. Ma con un occhio sempre rivolto al bio design ed una particolare sensibilità a percepire ogni nuova ispirazione coniugata al Benessere nel suo più ampio respiro , spaziando dall’arredamento all’abbigliamento, alla cosmesi personale e alle profumazioni casa.

Nel 2009 si forma un Team italo-anglo-svedese che decide di importare l’originale Shakti Mat dalla Svezia in Italia. Quattro persone specializzate in differenti settori e uniti dal comune entusiasmo per il wellness diventano l’espressione della versatilità di un’azienda che si contraddistingue per l’innato amore per l’innovazione e la ricerca dello “star bene” .

Studio Fair è l’unico distributore autorizzato in Italia per l’originale Shakti Mat.

Per ulteriori informazioni
Ufficio Stampa
[email protected]

No Comments