Archives

Comunicati Eventi News Volontariato e società

Grande successo e soddisfazione per l’iniziativa di beneficenza e Concerto natalizio”Aspettando il Natale”

Iniziativa di beneficenza ad opera dei volontari de La via della felicità, che hanno realizzato ben più di 150 borsoni famiglia consegnati alle associazioni, parrocchie e altri gruppi che li distribuiranno a famiglie meno fortunate prima di Natale.

Si è svolta domenica 22 dicembre la festa di beneficenza “Aspettando il Natale”, ospitata a Villa Lanza, sede della Chiesa di Scientology di Padova, che quest’anno, oltre ad ospitare l’iniziativa di beneficenza natalizia, ha esteso l’impegno sociale ospitando anche gratuitamente Il Villaggio Incantato di Natale. Un vero e proprio luna park nel quartiere Arcella, che oltre alle giostre e bancarelle offre iniziative di intrattenimento per i bambini; tutto ad ingresso libero.

Quindi grande festa natalizia ieri a Villa Lanza, con l’accensione del Luna Park, appena il sole ha fatto capolino tra le nubi, seguito dall’emozionante Concerto di beneficenza.

Alla presentazione dell’iniziativa “Aspettando il Natale”, hanno dato il loro messaggio anche il Dott. Luciano Gavin, sindaco di Grantorto che ha ringraziato i volontari per l’impegno profuso nella realizzazione di quest’ iniziativa così importante, che permetterà a chi è meno fortunato di trascorrere un Natale migliore, più gioioso. Non di meno è stato il messaggio del sig. Ibrahim Azakay dell’associazione Assais e altri ospiti, che hanno anche ringraziato la sede di Scientology per la costante disponibilità ad accogliere iniziative di tale valore sociale.

Il pomeriggio si è concluso con un prestigioso concerto accompagnato dal Pianista Andrea La Rosa e il trombettista Sean Lucariello che, nonostante la giovane età ha collaborato con musicisti quali Fabrizio Bosso, Mauro Ottolini, Alex Sipiagin e altri. Le voci sono di Chiara Carrino, dotata di una potente voce black che sorprende sempre il pubblico che l’ascolta e il soprano Cristina Santi.

Alla fine I doni raccolti e imbustati son stati consegnati direttamente ad amministratori, associazioni e parrocchie che pensano poi alla consegna.

Per il pubblico erano anche disponibili copie gratuite dell’opuscolo La via della felicità di L. Ron Hubbard, guida al buon senso a cui i volontari si ispirano da anni per la realizzazione dell’evento di beneficenza.

L’iniziativa è stata veramente di successo e per questo i volontari vogliono ringraziare veramente di cuore i cittadini, negozianti e aziende che anche quest’anno hanno contribuito generosamente dando la possibilità di realizzare ben 150 borsoni famiglia con oggetti come abbigliamento per adulti, bambini, biancheria casa ecc…

Per la gioia dei più piccoli, nei borsoni, grazie alla disponibilità dei giostrai è stato incluso anche un biglietto gratuito per un giro in ogni giostra da poter usare fino al 6 gennaio prossimo!

No Comments
Comunicati

helpinthecity.org per trovare dove fare volontariato

  • By
  • 19 Agosto 2017

Se vuoi fare volontariato spesso il problema è scoprire dove poterlo fare e soprattutto avere informazioni sul tipo di attività che andrai ad eseguire al fine di fare qualcosa che puoi concretamente effettuare in modo efficace perché adatta alle tue competenze e attitudini.  Nonostante aiutare il prossimo sia comunque un gesto importante, è anche importante fare qualcosa che sentiamo in modo più forte e chiaro in conseguenza di un vissuto personale, una sensibilizzazione, una conoscenza anche casuale che ci ha portato a percepire un problema sociale che altrimenti si sarebbe confuso nella moltitudine dei disagi del mondo attuale.
Spesso c’è una categoria di persone disabili o comunque che hanno dei problemi che attira di più la nostra attenzione perché abbiamo vissuto un’esperienza individuale oppure semplicemente riteniamo che è più importante aiutare determinate categorie.
helpinthecity.org - cerca dove fare volontariato

E poi, ultimo ma non meno importante, l’attività solidale di volontariato dovrebbe essere vicina a dove abitiamo o lavoriamo al fine di meglio collaborare.
Esistono mille altre sfumature di queste situazioni compresa la possibilità anche di fare volontariato e imparare a fare un lavoro e magari trovarlo.
In tutto questa importanti dinamiche di vita vissuta, nonostante internet con Google, YouTube, Facebook e tutti gli altri social che collegano oltre due miliardi di persone, la ricerca dell’Associazione più vicina al nostro quartiere è molto difficile e alla portata solo di specialisti web e resta  praticamente impossibile per la maggior parte delle persone.
Infatti non esiste su web un sistema che ci permetta di avvicinarci a questo mondo e di renderci conto di dove soprattutto possiamo anche essere più utili.
Alcune importanti associazioni che rappresentano il mondo del volontariato italiano hanno ammesso questa carenza a livello web di strumenti di informazione sia per chi vuole fare volontariato sia per le associazioni che ricercano volontari.
Esistono ovviamente migliaia di siti che pubblicano informazioni sulle singole associazioni ma la realtà globale delle associazioni distribuite sul territorio sfugge a questa offerta informativa e la maggior parte delle associazioni che si propone su web ha vantaggi minimi o nulli.
Purtroppo pubblicare semplicemente una lista delle decine di migliaia di associazioni distribuite sul territorio italiano non sarebbe concretamente utile.

Chi ha una pur minima esperienza di SEO (search engine optimization) saprà che occorre molto impegno e competenza perché un sito possa essere concretamente visibile e ritrovabile sui motori di ricerca e soprattutto su Google, il “principe” dei motori di ricerca.

La associazione link UP Europe! dopo un esperienza nel settore durata due decenni, applicata soprattutto nelle questioni etiche riguardo la comunicazione su web, ha sviluppato una piattaforma informatica molto semplice graficamente accattivante dove trovare le associazioni presenti sul territorio. Un’idea semplice ma che finora nessuno aveva realizzato.

Purtroppo il progetto, già ben ideato nei dettagli, necessita ancora di molto lavoro per essere realizzato.
Chi vuole saperne di più può iscriversi alla newsletter collegandosi al portale
http://www.helpinthecity.org/home
Per sostenere il progetto è anche attiva una sezione ecommerce per l’acquisto di libri
http://www.helpinthecity.org/librisolidali

No Comments
Comunicati

23 Sponsor, 16 Patrocini e 18 in Arena, il festival ICT ad Agosto dà i numeri!

E’ vero, siamo ad Agosto, ma gli organizzatori del festival ICT non stanno dando i numeri per il gran caldo! Stanno facendo un po’ i conti, perché a tre mesi dall’evento il numero delle adesioni è già bello alto!

Partiamo dagli sponsor, da coloro che sin dalla prima edizione hanno creduto nel format vincente del festival ICT e hanno deciso di scommettere! Siamo già a quota 23 aziende: moltissime conferme delle scorse edizioni: TWTSeeweb, MAXFocus, Hosting SolutionsRetelitAchabEnterVoipVoiceFederprivacy e Synesthesia. A seguito dei numerosi commenti positivi, anche altre aziende hanno deciso di partecipare al festival ICT. Tra le new entry abbiamo: Grenke, Zero12SeltaCirclevoxCloudfastERADynamics ConsultLongwaveKroll Ontrack, CoreTech, Brennercom, BCLOUDAruba.it e Airwatch.

Passiamo poi ai conteggio dei Patrocini: ad oggi già 16 Istituzioni hanno concesso il patrocinio morale al festival ICT. In primis, la Città Metropolitana di Milano ha conferito il prestigioso riconoscimento, sottolineando l’importanza e il valore dell’iniziativa per il territorio. Si aggiungono poi Enti ed Associazioni del settore tecnologico, come: AIEA, AIP ITCS, Anitec, Asis, Assinform, Assintel, Assistal, Assotel, Digital Forensics Alumni, Distretto Produttivo dell’Informatica, Federmanagement, Federprivacy, Informatici senza Frontiere, Sikurezza.org, Uninfo, mentre altre associazioni sono in fase di conferma.
Queste simboliche adesioni testimoniano ulteriormente l’importanza del festival ICT, come momento di incontro e confronto tra i principali operatori del settore, che riguarda non solo aziende italiane ed estere, ma vede anche il coinvolgimento di enti, istituzioni, associazioni, testate giornalistiche, esperti e professionisti indipendenti.

Infine, sembra già affollata l’Arena del festival, l’area dedicata ad associazioni, community, users groups, networks di professionisti, università, centri di ricerca, dove fare networking, creare nuove relazioni professionali e di business, condividere idee ed informazioni, testare tecnologie. Ad oggi già 18 realtà del mondo ICT hanno confermato la loro postazione:

VMUGITSicurezza.org,SharedVision, SabaziaLUG, OrvietoLUG, Openlabs, ONG2.0MilanIn, Italian Puppy, Informatica SolidaleGRUSP, DotNetToscana, Digital Forensics Alumni, CSIG Ivrea Torino, Joomla Lombardia, Italian C++ Community, APICI, AIP ITCS

Il numero delle realtà che parteciperanno al festival ICT sembra proprio promettere bene! E tu? Ci sarai?

No Comments
Comunicati

“Un invito alla Felicità”

  • By
  • 25 Agosto 2014

Volontari della Chiesa di Scientology di Roma offrono una guida per una vita migliore attraverso l’opuscolo “La Via della Felicità”

 

Roma 20 agosto 2014 -, I volontari della Chiesa di Scientology locale continuano senza sosta nel portare alla comunità i principi di buon senso per colmare il vuoto morale in una società sempre più materialistica, guidando una persona verso una migliore qualità di vita, attraverso la distribuzione gratuita della versione opuscolo del libro “La Via della Felicità”. Tanti sono stati gli opuscoli che sono stati consegnati singolarmente ad ogni cittadino romano e non.

Questo il contributo sociale  ha l’intento di far conoscere le 21 pietre miliari che fanno da argini per una vita più appagante e felice. Pubblicato per la prima volta nel 1981, il suo scopo è fermare il declino morale della società e ripristinare l’integrità e la fiducia al mondo.

I precetti in esso contenuti possono essere seguiti da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano, grazie anche ad un pratica personale dei principi di buon senso de “La Via della Felicità”.

Tra i precetti vi è anche la Regola Aurea del “Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te” e quella che potremmo chiamare la “versione per le azioni dannose”, ovvero “Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”. Questa Regola Aurea è presente persino nei Dialoghi di Confucio (quinto e sesto secolo a.C.) il quale la citava a sua volta da opere più antiche.

Reso disponibile in oltre 90 lingue dalla Fondazione della Via della Felicità (twth.org),riconosciuta ufficialmente come organizzazione caritatevole, l’opuscolo viene adottato da molti insegnanti per ripristinare integrità e fiducia al mondo, preparando le future generazioni ad una vita di successo, contrastando tra l’altro il bullismo nelle scuole e l’alto costo sociale che comporta.

A tal proposito la Fondazione ha anche realizzato e diffuso una Guida per l’Insegnante che, basandosi sull’opuscolo de “La Via della Felicità”, si compone di una serie di lezioni che oltre agli alti standard educativi, che sottolineano per lo studente l’importanza dell’osservare e giungere alle proprie conclusioni, sono supportate da presentazioni audiovisive dei 21 precetti per far meglio comprendere ai giovani i veri principi di buon senso.

Per informazioni:

thewaytohappiness.org

[email protected]

 

No Comments
Comunicati

21 regole per una vita più appagante e felice

  • By
  • 20 Agosto 2014

Un sommario sul contributo sociale per i volontari de  “La Via della Felicità”

Roma 14 agosto 2014 – Dall’ottobre 2009, in occasione della celebrazione della nuova sede in Via della Maglianella 375, a Roma, i volontari della Chiesa di Scientology locale hanno continuato senza sosta nel portare alla comunità i principi di buon senso per colmare il vuoto morale in una società sempre più materialistica, guidando una persona verso una migliore qualità di vita, attraverso la distribuzione gratuita della versione opuscolo del libro “La Via della Felicità”, raggiungendo oltre 80.000 persone. Tanti sono stati gli opuscoli  che sono stati consegnati singolarmente ad ogni cittadino romano e non.

Questo il contributo sociale dato finora ha l’intento  di far  conoscere le 21 pietre miliari che fanno da argini per una vita più appagante e felice.  Pubblicato per la prima volta nel 1981, il suo scopo è fermare il declino morale della società e ripristinare l’integrità e la fiducia al mondo.

I precetti in esso contenuti possono essere seguiti da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano, grazie anche ad un pratica personale dei principi di buon senso de “La Via della Felicità”.

Tra i precetti vi è anche la Regola Aurea del “Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te” e quella che potremmo chiamare la “versione per le azioni dannose”, ovvero “Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”. Questa Regola Aurea è presente persino nei Dialoghi di Confucio (quinto e sesto secolo a.C.) il quale la citava a sua volta da opere più antiche.

Reso disponibile in oltre 90 lingue dalla Fondazione della Via della Felicità (twth.org),riconosciuta ufficialmente come organizzazione caritatevole, l’opuscolo viene adottato da molti insegnanti per ripristinare integrità e fiducia al mondo, preparando le future generazioni ad una vita di successo, contrastando tra l’altro il bullismo nelle scuole e l’alto costo sociale che comporta.

A tal proposito la Fondazione ha anche realizzato e diffuso una Guida per l’Insegnante che, basandosi sull’opuscolo de “La Via della Felicità”, si compone di una serie di lezioni che oltre agli alti standard educativi, che sottolineano per lo studente l’importanza dell’osservare e giungere alle proprie conclusioni, sono supportate da presentazioni audiovisive dei 21 precetti per far meglio comprendere ai giovani i veri principi di buon senso.

Per informazioni:

thewaytohappiness.org

[email protected]

No Comments
Comunicati

Arginare il declino morale nella comunità

  • By
  • 13 Luglio 2014

Preparare le future generazioni ad una vita di successo

 

Roma 10 luglio 2014 – Nel corso di questo fine settimana i volontari della sezione romana della Via della Felicità Internazionale distribuiranno gratuitamente copie della versione opuscolo dell’omonimo libro nell’area del XIII municipio di Roma , dando la possibilità di conoscere le 21 pietre miliari che fanno da argini per una vita più appagante e felice.

Pubblicato per la prima volta nel 1981, il suo scopo è fermare il declino morale della società e ripristinare l’integrità e la fiducia al mondo.

Scritto dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard, con i suoi 21 principi di buon senso colma il vuoto morale in una società sempre più materialistica e guida una persona verso una migliore qualità di vita. I precetti in esso contenuti possono essere seguiti da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano, grazie anche ad un pratica personale dei principi di buon senso de “La Via della Felicità”.

Tra i precetti vi è anche la Regola Aurea del “Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te” e quella che potremmo chiamare la “versione per le azioni dannose”, ovvero “Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”. Questa Regola Aurea è presente persino nei Dialoghi di Confucio (quinto e sesto secolo a.C.) il quale la citava a sua volta da opere più antiche.

Reso disponibile in oltre 90 lingue dalla Fondazione della Via della Felicità (twth.org),riconosciuta ufficialmente come organizzazione caritatevole, l’opuscolo viene adottato da molti insegnanti per ripristinare integrità e fiducia al mondo, preparando le future generazioni ad una vita di successo, contrastando tra l’altro il bullismo nelle scuole e l’alto costo sociale che comporta.

A tal proposito la Fondazione ha anche realizzato e diffuso una Guida per l’Insegnante che, basandosi sull’opuscolo de “La Via della Felicità”, si compone di una serie di lezioni che oltre agli alti standard educativi, che sottolineano per lo studente l’importanza dell’osservare e giungere alle proprie conclusioni, sono supportate da presentazioni audiovisive dei 21 precetti per far meglio comprendere ai giovani i veri principi di buon senso.

 

Per informazioni:

 

thewaytohappiness.org

 

[email protected]

No Comments
Comunicati

Giornata di prevenzione alle droghe a Roma

  • By
  • 30 Giugno 2014

In occasione dell’appuntamento internazionale stabilito dalle Nazioni Unite con il suo ufficio UNODC, United Nation Office on Drugs and Crimes, per il 26 giugno di ogni anno, 4300 opuscoli  “La Verità sulla Droga” distribuiti nella Capitale per portare ad un consapevole ed informato “No alla droga”.

Roma 28 giugno 2014 – 4300 colpi di prevenzione alle droghe nella sola giornata di giovedì 26 giugno. Tanti sono stati gli opuscoli distribuiti a Roma, in diversi punti del centro città e in diversi eventi dai volontari della Chiesa di Scientology di Roma, con la collaborazione di cittadini sensibili al tema, desiderosi di tenere i giovani lontano dalla trappola mortale della dipendenza da sostanze stupefacenti.

La Giornata Internazionale contro l’uso di droghe dell’UNODC – United Nation Office on Drugs and Crimes – è stata così onorata dai volontari che hanno voluto consegnare “La Verità sulle Droghe”nelle mani dei giovani riuniti nella Capitale in occasione di vari eventi. La Verità sulle Droghe è il primo di una serie di 13 libretti informativi dell’iniziativa sociale “Terra Libera dalla Droga”, sostenuta in tutto il mondo da cittadini, associazioni e gruppi che desiderano migliorare la società liberandola con l’informazione dalla piaga delle droghe, che cancellano, con la dipendenza,  le “gioie e le sensazioni della vita che sono, comunque, l’unica ragione per vivere”  – come scrisse il filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard nei suoi studi sul soggetto, ispirando l’iniziativa di prevenzione.

Molto apprezzata è stata la pubblicazione “La Verità sulla Droga”, con alcuni insegnanti e giovani che tornavano indietro per chiedere ai volontari di avere altre copie da dare ai propri studenti o amici. Una conferma a favore della prevenzione come efficace sentiero da percorrere nella prevenzione alle droghe.

I volontari hanno anche portato in evidenza il tema stabilito per il 2014 dall’UNODC: “Sballati di salute, non di droga”.

L’opuscolo “La verità sulla droga” si propone infatti di svelare i fatti oggettivi  sui motivi che inducono una persona a far uso di droghe, come agiscono queste sostanze che sono essenzialmente veleni, quali sono gli effetti dannosi a breve e lungo termine, e come le droghe distruggono la creatività, precludendo la possibilità di godere delle vere gioie che può offrire il vivere.

Oltre all’opuscolo “La Verità sulla Droga”, l’iniziativa Terra Libera dalla Droga mette in campo un documentario con testimonianze reali di persone che sono uscite dalla dipendenza, una serie di 13 opuscoli, ciascuno incentrato su una sostanza specifica; ma anche  un Kit per l’Educatore, che comprende un piano di lezioni per la prevenzione alle droghe che ha come materiale didattico il documentario e gli opuscoli.

Il tutto è ben illustrato e articolato al sito  drugfreeworld.org

No Comments
Comunicati

Esortare a vivere una vita libera dalla droga

  • By
  • 12 Giugno 2014

Drug Free World nella comunità per una società libera dalla droga

 

Roma 11 giugno 2014 – Ancora distribuzione di opuscoli informativi sulla droga sul territorio romano per i volontari della Drug Free World ( Fondazione per un mondo libero dalla droga . Distribuiti un  migliaio di opuscoli nell’area di Boccea/Casalotti. Questo tipo di attività tende a far breccia nelle coscienze dei giovani e non sull’uso sconsiderato di sostanze stupefacenti. Spesso una cattiva o inesistente informazione apre le porte ad idee scorrette e formando a volte quasi “un invito” ad iniziare.

Veicolo di prevenzione per i volontari è l’opuscolo “La verità sulle droghe” che dà ai ragazzi un buon motivo per non iniziare a fare uso di stupefacenti o, in alcuni casi, li esorta a smettere. Attraverso un linguaggio semplice e diretto l’opuscolo offre un ampia panoramica sulle principali sostanze stupefacenti, sbugiardando le false informazioni che circolano su di esse e sostituendole con nozioni che “svegliano” le coscienze, scoraggiando l’uso di droghe ed invitano ad una sano e consapevole vita libera dalle droghe. Prodotto dalla Fondazione Internazionale per un mondo libero dalla droga l’opuscolo è affiancato da una serie di opuscoli che in dettaglio offrono una guida informativa sulle principali droghe attualmente in circolazione. Continua quindi anche alle porte dell’estate l’attività dei volontari che intendono colmare il vuoto di conoscenza che ce sulle sostanze stupefacenti portando maggiore consapevolezza ai giovani in quei luoghi di aggregazione, li nei luoghi di aggregazione dove a volte nascono dei focolai che troppo spesso nelle cronache locali sfociano in eventi infausti a rischio e pericolo della propria vita e quella degli altri, ignorando spesso i veri effetti che queste sostanze portano a breve e lungo termine, effetti che, come per tutte le droghe, portano ad una vita di repressione e di schiavitù imposta dalla droga. Come osserva l’umanitario L. Ron Hubbard: “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono, comunque, l’unico motivo del vivere”. I volontari di Roma, consapevoli delle profonde implicazioni di questa semplice ma vera constatazione, intendono far alzare la guardia a chi non fa uso di droga e dare speranza a chi, facendone uso, può smettere.

Per informazioni:

drugfreeworld.org

[email protected]

 

No Comments
Comunicati

Esortare i giovani alla cultura dei Diritti Umani

  • By
  • 21 Febbraio 2014

Ancora una serie di iniziative in favore della Dichiarazione Universale

Roma 19 Febbraio  2014 – Ancora una volta i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale ribadiscono il loro appello per l’insegnametno della Dichirazione Universale dei Diritti Umani nelle scuole. Altre lezioni nelle scuole infatti sono state tenute ed ancora lezioni sono programmate per tutta la settimana esortando gli alunni a diffondere la conoscenza di questo documento internazionale . Gioventù per i Diritti Umani, un ente no profit, ha prodotto e sviluppato un interno programmaq didattico sui 30 articoli della Dichiarazione Universale che trova come epilogo la “Guida per l’Insegnante”, un efficace strumento didattico elaborato e realizzato da Gioventù per i Diritti Umani Internazionale ( youthforhumanrights.org), che ha reso il testo della Dichirazione accessibile ai giovanissimi attraverso l’uso di video e fotografie. Innanzitutto un documentario di 10 minuti, “La storia dei diritti umani”, il drammatico racconto del loro sviluppo dai tempi antichi fino al giorno d’oggi, che fa capire ai ragazzi da dove iniziare a produrre un decisivo cambiamento positivo nel mondo. Il documentario è accompagnato dal relativo opuscolo che spiega cosa sono i diritti umani e perché sono così importanti.

Altro materiale che integra la “Guida per l’Insegnante” è il DVD “30 Articoli.30 Annunci”. Descrive i 30 articoli della Dichirazione Universale dell’ONU con altrettante storie della durata dai trenta ai sessanta secondi. Anche questo DVD ha il suo opuscolo di accompagnamento, “Che cosa sono i diritti umani?”, una versione illustrata della Dichirazione Universale.

Perno del progetto Gioventù per i Diritti Umani Internazionale è quindi la Dichirazione Universale e in particolare, perché la ruota dei diritti umani cominci a mettersi in moto, l’articolo 29, quello della responsabilità di ogni individuo nel diventare un paladino e difensore dei diritti umani. Il programma quindi promuove la cultura dei diritti inviolabili dell’uomo affinché “i diritti umani diventino una realtà, non un sogno idealistico”, come osservò l’umanitario L. Ron Hubbard.

 

Per informazioni:

youthforhumanrights.org

[email protected]

 

No Comments
Comunicati

Tolleranza e solidarietà, un passo avanti per i Diritti Umani

  • By
  • 11 Gennaio 2014

Iniziativa di solidarietà a Napoli con i volontari di Gioventù per i Diritti Umani e la Compagni aTeatrale di Claudio Romanelli

 

Roma 8 Gennaio 2014 – Continua il sodalizio fra arte e volontariato con l’ennesima iniziativa svolta a Napoli nella giornata di domenica 5 Gennaio. I volontari infatti hanno allestito una mensa di solidaietà per i più bisognosi e senzatetto della zona. Oltre 80 persone hanno potuto usufruire della mensa che metteva a disposizione pasti caldi per tutti, grazie anche al supporto dell’Associazioe Terzo Millennio che ha messo a disposizione gli spazi e provveduto alle logistiche.  L’iniziativa era volta in favore di chi vive questa piaga ogni giorno e che colpisce migliaia di senzatetto ed è stata resa possibile anche grazie al prezioso supporto di diverse attività commerciali che hanno contribuito alla nobile iniziativa promossa dal presidente dell’Associazione Tetrale Claudio Romanelli. I volontari di Gioventù per i Diritti Umani hanno dato supporto in nome dell’articolo  della Dichiarazione Universale N°25 che cita:  “Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in altro caso di perdita di mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà” ( fonte “sito ufficiale delle Nazioni Unite, sezione dell’Alta Commissione sui Diritti Umani ). Anche un piccolo stand è stato allestito all’entrata della mensa per mostrare  l’intero programma di Gioventù per i Diritti Umani che vede la scuola come mezzo per portare la conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale e far si che le future generazioni diventino paladini di pace e libertà.  

La Dichiarazione Universale sarebbe dovuta servire da codice sulle fondamentali libertà e sulla dignità umane per debellare definitavamente le guerre e le barbarie sulla Terra ridonando all’uomo quel decoro e dignità che ogni essere umano merita per nascita. “I diritti umani devono essere una realtà, e non un sogno idealistico”. Con questo pensiero l’umanitario L. Ron Hubbard lanciava un appello di speranza per tutta l’umanità affinche tornasse a regnare sulla terra pace e serenità per ogni uomo e donna del mondo. Nella realtà le cose sono ben diverse: guerre, ingiustizie ed intolleranza regnano ancora sovrane in alcuni angoli del nostro pianeta. Basti pensare: se il diritto numero uno è il diritto alla vita, come mai milioni di bambini muoiono di fame al giorno d’oggi? Purtroppo il codice dell’Onu, ad oltre mezzo secolo dalla sua proclamazione viene violato in molte terre dove la tirannia e l’ignoranza tengono lontane le persone dal conoscere i propri diritti, in primo luogo, rendendo impossibile per loro difenderli.

 

Per informazioni: youthforhumanrights.org

[email protected]

 

No Comments
Comunicati

Preparare le future generazioni ad una vita all’insegna della tolleranza e del rispetto reciproco

  • By
  • 5 Luglio 2013

Iniziativa dei volontari romani attraverso la distribuzione gratuita de La Via della Felicità”

Roma 4 Luglio 2013 – Scritto dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard, con i suoi 21 principi di buon senso “La via della Felicità” colma il vuoto morale in una società sempre più materialistica e guida una persona verso una migliore qualità di vita. I precetti in esso contenuti possono essere seguiti da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano, grazie anche ad un pratica personale dei principi di buon senso de “La Via della Felicità”.
Centinaia gli opuscoli che, anche questa settimana distribuiranno i volontari romani sul territorio romano per dare la possibilità alla comunità di conoscere le 21 pietre miliari che fanno da argini per una vita più appagante e felice.
Il libro “La via dlela Felicità” è stato pubblicato per la prima volta nel 1981, il suo scopo è fermare il declino morale della
società e ripristinare l’integrità e la fiducia al mondo.
Reso disponibile in oltre 90 lingue dalla Fondazione della Via della Felicità (twth.org), riconosciuta ufficialmente come organizzazione caritatevole, l’opuscolo viene adottato da molti insegnanti per ripristinare integrità e fiducia al mondo, preparando le future generazioni ad una vita di successo, contrastando tra l’altro il bullismo nelle scuole e l’alto costo sociale che comporta.
A tal proposito la Fondazione ha anche realizzato e diffuso una Guida per l’Insegnante che, basandosi sull’opuscolo de “La
Via della Felicità”, si compone di una serie di lezioni che oltre agli alti standard educativi, che sottolineano per lo studente
l’importanza dell’osservare e giungere alle proprie conclusioni, sono supportate da presentazioni audiovisive dei 21 precetti
per far meglio comprendere ai giovani i veri principi di buon senso.

Per informazioni:

thewaytohappiness.org

[email protected]

No Comments
Comunicati

Una guida per migliorare la qualità della vita

  • By
  • 5 Febbraio 2013

Ancora un iniziativa dei volontari della sezione romana della Via della Felicità Internazionale

Roma 5 febbraio 2013 – Nel corso di questa settimana i volontari romani de “La Via della Felicità Internazionale si attiverà per una distribuzione gratuita dell’opuscolo “La Via della Felicità” nel XVIII municipio di Roma, donando ai numerosi passanti centinaia di copie della versione opuscolo dell’omonimo libro. La conoscenza dei 21 precetti morali di buon senso rappresenta un primo importante passo per raggiungere concretamente decoro, stima e fiducia reciproci.
Pubblicato per la prima volta nel 1981, il suo scopo è di fermare il declino morale della società e ripristinare l’integrità e la fiducia al mondo. La Via della Felicità è infatti un codice morale interamente basato sul buon senso.
Scritto dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard, La Via della Felicità colma il vuoto morale in una società sempre più materialistica. Contiene 21 principi (i precetti di questo libro) che guidano una persona verso una migliore qualità di vita. I valori esposti nel libro possono essere seguiti da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano, grazie anche ad un pratica personale dei pratici principi morali de “La Via della Felicità”.
Ovunque sia stata distribuita La Via della Felicità il risultato è stato un calo nelle statistiche del crimine, nel consumo di sostanze stupefacenti, nell’assenteismo nelle scuole da parte degli studenti, un calo negli episodi di bullismo. “La Via della felicità” è ora anche il nome di un programma scolastico di lezioni basate sui precetti del libro. Milioni sono gli studenti che lo applicano in diverse parti del mondo, avvalendosi anche di un DVD che rappresenta e mette in vita i 21 precetti dell’opuscolo sotto forma di annunci di pubblica utilità che, in poco meno di un minuto, danno maggior comprensione di ogni singolo precetto. I video degli annunci sono disponibili anche on line sul sito
thewaytohappyness.org

Per informazioni:
[email protected]

No Comments
Comunicati

UNA BUONA POLITICA PER POCHI ELETTI, SENZA PENSARE AL BENE DELLA POPOLAZIONE .

riceviamo e pubblichiamo…..

 

Abbiamo  vissuto in prima persona l’ennesimo caso di cattiva politica italiana, credevo che questa avventura intrapresa portasse alla soluzione e eliminazione del problema della vecchia politica fatta di sotterfugi, di prese in giro, di inciuci e combine, ma ho riscontrato che anche il nuovo si e’ adeguato alla vecchia e facile ipocrisia della politica degli ultimi 30 anni. Ma mi chiedo cosa potevo mai aspettarmi nulla ma credevo di essere entrato in una seria e vera realtà politica fatta da gente del popolo che lotta per il popolo ma così non e’ stato.Negli ultimi due  giorni sono arrivate email  di cittadini e amici e associazioni di volontariato che avevano abbracciato il programma di INTESA POPOLARE  non quello di  FORZA POPOLARE , TUTTO QUESTO SEMBRA UN FILM GIA’ VISTO GENTE  CHE SI SONO PREPOTENTEMENTE INSERITI NEI PRIMI POSTI DELLA LISTA CON UN BLITZ ALL’ULTIMO MINUTO. Le associazioni che sono state  portate dal delegato organizzatore Emilio Patacchiola che correva alla camera al 2 posto, ma dopo un blitz all’ultimo minuto si e’ visto scivolare al 5 posto della lista, scavalcato da altri componenti, visto tutto questo casino le varie associazioni si sono ritirate e chiedono  che venga mantenuto le promesse fatte, e che il referente Emilio Patacchiola venga riportato al 2 posto  della lista, in caso di elezione il 2 che ha il posto deve rinunciare per inserire il signor PATACCHILA EMILIO  referente di tutte queste associazioni, come risultava negli appositi registri, le varie associazioni vedendo tutto il caos hanno iniziato una vertenza nei confronti del responsabile che ha chiuso gli accordi. La insistenza e’ perché gli accordi presi non erano questi , il  caos che si e’ creato intorno alle presentazioni delle liste alla camera e al senato. Il sottoscritto ha spiegato che la situazione era cambiata perché erano intervenuti  altri e che erano cambiate le situazioni, le associazioni con i loro p’residenti hanno fatto una richiesta che vuole il rispetto delle regole che hanno firmato con gli accordi presi con il responsabile organizzativo della campagna elettorale, perché si sentono  fregate dai giochi che si sono fatti , dove hanno visto il casino dove  ci  sono state  una serie di controversie, proteste largamente pubblicizzate e attacchi e promesse di denuncie e querele , ormai la gente e’ schifata e credeva di aver trovato il nuovo  con volti nuovi e idee nuove per un cambiamento ,ma alla fine hanno rivisto sotto abiti puliti facce nuove pulite, le vecchie manfrine e le vecchie schifezze che hanno portato alla rovina questa nostra bellissima Italia. Pertanto le associazioni che lottano per risolvere i problemi delle famiglie, dei minori, dei vigili precari, dei pensionati, hanno deciso di distaccarsi da tutto questo , rientrando solo se si mantengano le promesse fatte e pulizia fatta nelle liste elettorali. L’arroccamento dei partiti tradizionali che con manovre e astuzie e promesse da marinai  hanno ideato un progetto, dove DAGLI INCONTRI  ci sono stati accordi inciuci  che hanno visto esclusivamente la  salvaguardia dei propri privilegi e delle proprie poltrone sicure con uomini di questo e quello messi in posizioni strategiche per arrivare a scopi personali, tutto questo a discapito di persone del popolo che facevano parte di associazioni di volontariato che lottano sul campo mettendo la faccia contro lo strapotere degli enti pubblici e privati che distruggono la vita della povera gente, ma tutto  questo alla fine per i nuovi movimenti o partiti  poco interessa altro che la buona politica come motto ma bisogna cambiarlo deve diventare  per pochi eletti  per un cambiamento della loro vita sociale. Il mio umile pensiero e’ che in questo paese le problematiche della gente e i progetti di cambiamento portati dal popolo non interessa alla classe politica vecchia e nuova anzi per loro se non ci fossero queste idee sarebbe meglio , ma alla fine i signori che andranno a fare gli onorevoli sbandierando ai 4 venti che sono per il popolo rischieranno di fare un  clamoroso autogol  perché la gente e’ stanca e ormai e’ arrivata alla frutta non c’e’ la fanno più e vogliono un vero cambiamento totale se non si cambia musica e voglia di essere onesti con il popolo allora si rischia di finire nel baratro senza ritorno.

 

No Comments
Comunicati

Una guida per il buon senso per la comunità

  • By
  • 24 Gennaio 2013

Iniziativa dei volontari romani della Via della Felicità Internazionale

Roma 24 gennaio 2013 – Nel corso di questa settimana i volontari romani de “LaVia della Felicità Internazionale” si attiveranno per una distribuzione gratuita dell’opuscolo “La Via della Felicità” nel XVIII Municipio di Roma , donando ai numerosi passanti centinaia di copie della versione opuscolo dell’omonimo libro. La conoscenza dei 21 precetti morali di buon senso rappresenta un primo importante passo per raggiungere concretamente decoro, stima e fiducia reciproci.
Scritto dal filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard, La Via della Felicità colma il vuoto morale in una società sempre più materialistica. Contiene 21 principi (i precetti di questo libro) che guidano una persona verso una migliore qualità di vita. I valori esposti nel libro possono essere seguiti da persone di qualsiasi razza, colore o credo, animate dal desiderio di migliorare le vite di coloro che li circondano, grazie anche ad un pratica personale dei pratici principi morali de “La Via della Felicità”.
Pubblicato per la prima volta nel 1981, il suo scopo è di fermare il declino morale della società e ripristinare l’integrità e la fiducia al mondo. La Via della Felicità è infatti un codice morale interamente basato sul buon senso.
Ovunque sia stata distribuita La Via della Felicità il risultato è stato un calo nelle statistiche del crimine, nel consumo di sostanze stupefacenti, nell’assenteismo nelle scuole da parte degli studenti, un calo negli episodi di bullismo. “La Via della felicità” è ora anche il nome di un programma scolastico di lezioni basate sui precetti del libro. Milioni sono gli studenti che lo applicano in diverse parti del mondo, avvalendosi anche di un DVD che rappresenta e mette in vita i 21 precetti dell’opuscolo sotto forma di annunci di pubblica utilità che, in poco meno di un minuto, danno maggior comprensione di ogni singolo precetto. I video degli annunci sono disponibili anche on line sul sito
thewaytohappyness.org

Per informazioni:
[email protected]

No Comments
Comunicati

Quest’anno il Natale è “MultiChristmas”

  • By
  • 7 Novembre 2012

A Pinerolo (Palared) sabato 8 e domenica 9, sabato 15 e domenica 16 dicembre

“Natale con i tuoi…” tutti conoscono il vecchio detto che consiglia di trascorrere le festività natalizie con i propri parenti. Quest’anno invece a Pinerolo, Erica multicomunicazione e Palared, in collaborazione con il Comune, promuovono un nuovo modo di vivere uno dei momenti più importanti dell’anno. Durante le giornate di MultiChristmas, i fine settimana dell’8-9 e 15-16 dicembre infatti il nuovo polo fieristico Palared (Abbadia Alpina) sarà il crocevia per l’incontro dei modi tradizionali di intendere la festa del Natale con le molteplici offerte culturali provenienti da paesi di tutto il mondo.

Non mancherà il classico mercatino con proposte originali e variegate per i regali di natale… ma ci sarà dell’altro: laboratori ludico-didattici, spettacoli e incontri, il tutto all’insegna della multiculturalità. Nei due weekend verranno proposte occasioni di intratterranno per un pubblico di tutte le età che sarà avvolto da un’atmosfera di festa collettiva.

Un’interessante mostra di presepi permetterà al pubblico di vedere le migliori rappresentazioni della natività realizzate da artigiani ed artisti e una giuria specializzata premierà le tre migliori opere. Sempre inerente al presepe si è sviluppata una proposta didattica, è stato infatti indetto il concorso “Il Presepe Creativo”, in base al quale gli alunni di alcune scuole elementari del pinerolese  sono impegnati, già a partire dai primi mesi dell’anno scolastico, nella realizzazione di presepi che saranno esposti al Palared e premiati dalla Galleria “Il Portico”.

All’interno dei 3000 mq del polo fieristico “Palared”, struttura di recente costruzione a Pinerolo e a pochi chilometri da Torino, verrà ricreata un’atmosfera natalizia adatta all’incontro tra storie, persone, culture.

Info:
ERICA multicomunicazione
C.so Torino, 84 PINEROLO
Tel. 0121.794257
[email protected]

No Comments
Comunicati

Il concorso “Associazioni iN” lancia “la Settimana del Cuore”

Il concorso Associazioni iN prosegue alla grande, ma ha deciso di fare di più per il mondodelvolontariato. Per ogni cartolina, in allegato con i giornalidelcircuito editoriale iNetweek in edicola tra il 5 e il 10 marzo, l’editore donerà 50 centesimi all’associazione che i lettori sceglieranno. Una nuova iniziativa del circuito iNetweek, che con le sue 35 testate, mette in palio ben 125mila euro per far crescere le associazioni iscritte al concorso.

Durante “la Settimana del Cuore” insieme ai giornali verrà allegata una cartolina speciale su cui si trova un codice numerico. Questo andrà inserito, insieme al proprio indirizzo di posta elettronica, sul sito www.associazioni.eu per poter donare immediatamente 50 centesimi, ma solo alle associazioni iscritte al concorso “Associazioni iN” entro il 29 febbraio. La donazione, invece, potrà essere fatta fino al 17 marzo. Attenzione però, perché con una e-mail e un codice si può votare una solavolta, quindi più codici avrete e più e-mail userete e più donazioni potrete fare.

Insomma, una bella occasione per tutti. Anche per le associazioni che sono indietro nel concorso e a cui i mille euro sembrano lontani, c’è la possibilità di non rimanere a mani vuote.

Un piccolo contributo che il l’editore vuole donare ai sodalizi di volontari a nome dei suoi lettori. “Un passo ulteriore per vivere attivamente i nostri territori e sostenere le associazioni di volontariato – ha spiegato Gianluigi Viganò, amministratoredelcircuito editoriale iNetweek – Un modo per premiare tutti, infatti devolveremo partedelprezzodelgiornale alle associazioni che i nostri lettori sceglieranno”.

Insomma, i lettori scelgono e l’editore donerà per loro. Non resta che aspettare la “Settimana del Cuore” e avvisare amici e sostenitori per non perdere questa occasione.

Intanto si continua a votare, con il coupon che si trova nella pagina dedicata, le associazionidelcuore per aiutarle a vincere i mille eurodelpremio finale.

Per informazioni visitare il portale dedicato www.associazioni.eu, oppure scrivere ad [email protected] o contattare la nostra società di comunicazione.

No Comments
Comunicati

“Imagine – Arte come Energia”23 – 27 FEBBRAIO 2012 FONDAZIONE AEM – CASA DELL’ENERGIA MILANO

“Imagine – Arte come Energia”
imagine immagina a new art nature future ecology… immagina un futuro migliore

2012: ANNO INTERNAZIONALE DELL’ENERGIA SOSTENIBILE

23 – 27 FEBBRAIO 2012
FONDAZIONE AEM  – CASA DELL’ENERGIA
MILANO

FONDAZIONE AEM – PIAZZA PO, 3 – MILANO
“imagine / immagina”: Dal 23 al 27 Febbraio 2012
Inaugurazione 23 Febbraio 2012 ore 18.00
Orario mostra: 15-19 (chiusura: lunedì 27 febbraio 2012, ore 12)

In occasione del 2012, Anno Internazionale del’Energia sostenibile, il mensile “Italia Arte” e l’Associazione Culturale Galleria Folco, con il Patrocinio delle più importanti Istituzioni pubbliche e private, presentano un progetto culturale ed espositivo interamente dedicato all’Arte intesa come Energia creativa, ma anche all’Arte declinata con una particolare attenzione all’Ambiente, che vedrà la partecipazione di numerosi artisti contemporanei. L’obiettivo è quello di creare un percorso attraverso i cambiamenti e le correnti artistiche che oggi caratterizzano il panorama artistico nazionale e internazionale. Il progetto prevede una mostra itinerante in diverse sedi nazionali e internazionali, con un alternarsi di artisti ed opere, da sviluppare in collaborazione con primarie associazioni culturali italiane ed estere, gallerie e fondazioni. Prima sede della mostra sarà la prestigiosa Fondazione AEM - Casa dell’Energia di Milano, dove sarà ospitata l’anteprima internazionale dell’esposizione, dal 23 al 27 Febbraio 2012, curata da “Italia Arte”, con il Patrocinio di Galleria Cassiopea di Roma, 33Contemporary Gallery di Chicago, Zhou Brothers Foundation Art Center, Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, Galerie Brehova di Praga e di altre importanti realtà culturali. Altri Patrocini prestigiosi saranno quelli di Regione Piemonte, Provincia e Comune di Torino, Regione Lazio, Provincia e Comune di Roma, Geodis Wilson, Premio Excellence, Consorzio Villa Gualino, Accademia di Belle Arti di Roma, Italia Arte International Web Tv e altri. Il tema sarà quello dell’Arte intesa come energia creativa, sociale e aggregativa, culturale ed espressiva, luogo di incontro di idee e sperimentazioni sui temi più scottanti e attuali della società contemporanea, ma anche inteso come arte ‘sostenibile’, vale a dire opere realizzate con materiali di riciclo, create con oggetti quotidiani destinati a diventare rifiuti urbani e trasformati in ‘bellezza’, installazioni luminose a basso consumo, eccetera. Il tema dell’Energia sostenibile diventa quindi patrimonio della cultura internazionale e, di conseguenza, anche del linguaggio artistico di oggi, su cui gli artisti saranno chiamati a confrontarsi.

Per Informazioni:
ITALIA ARTE
C.so Cairoli, 4 – 10123 Torino – Tel. / Fax: 011.8129776
Guido Folco – Tel. 011.8129776-334.3135903 – Elisa Bergamino – Tel. 347.5429535
Ufficio Traduzioni, Interpretariato, Rapporti con l’Estero: Emma Gozzano
email: [email protected] – www.italiaarte.it

No Comments
Comunicati

A Natale ritorna alle origini: parte la campagna natalizia 2011 per aiutare Betlemme

  • By
  • 28 Ottobre 2011

bambini, le giovani famiglie e gli anziani: sono loro le pietre vive più fragili di Betlemme, sostenute dai francescani della Custodia di Terra Santa.

La campagna “A Natale ritorna alle origini”, che permetterà ai francescani della Custodia di Terra Santa di far fronte ai bisogni più immediati di queste persone, è stata presentata ufficialmente in occasione della IV giornata per le associazioni di Terra Santa, svoltasi a Roma il 22 ottobre.

L’intero ricavato della campagna sarà destinato a sostenere le pietre vive di Betlemme.

***

A Natale scegli di sostenere 

chi si occupa di costruire situazioni di pace

in una terra che è crocevia di amore, servizio e necessità.

***

A NATALE RITORNA ALLE ORIGINI

Aiutaci a diffondere il materiale della campagna di Natale

Pensa a un regalo diverso per questo Natale!

Sostieni la Custodia di Terra Santa

a Betlemme

***

Bambini, giovani e famiglie: sono queste le categorie che più risentono della difficile situazione politica ed economica in cui si trova Betlemme. I frati francescani della Custodia di Terra Santa si adoperano per assistere la popolazione, cercando di rispondere ai bisogni più immediati delle fasce più deboli, in particolare provvedendo alla mancanza di assistenza medico-sanitaria pubblica.

Un tempo gli anziani ricoprivano un ruolo fondamentale nella famiglia e nella società, ma anche a Betlemme la cultura e le tradizioni familiari stanno velocemente cambiando. Abbandonati da uno Stato che non è in grado di accudirli, sono diventati una delle fasce più deboli. I frati francescani della Custodia di Terra Santa, insieme alla Società Antoniana, sostengono l’attività delle Suore Gianelline e delle loro opere a servizio degli anziani di Betlemme.

 

No Comments
Comunicati

Sorrento: Forum della Legalità


Venerdì 6 maggio 2011, alle ore 9.30, presso il Teatro Tasso di Sorrento, si svolgerà un forum nazionale dedicato al tema della legalità dal titolo “Lo Stato siamo noi“.

L’evento, promosso dall’assessore ai Rapporti con gli enti del Comune di Sorrento, Mariano Pontecorvo, vedrà avvicendarsi al tavolo dei relatori Antonio Ingroia, procuratore aggiunto della Dda di Palermo, Paolo Mancuso, procuratore capo di Nola, Claudio d’Isa, presidente della IV sezione penale della Corte di Cassazione, Donatella Porzi, assessore alla Cultura e alle Attività sociali della Provincia di Perugia, Mauro Casinghini e Daniele Danese, rispettivamente direttore e responsabile sanitario del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta e Gaetano Porcasi, “pittore antimafia”. Modera il giornalista Samuele Ciambriello.

Nel corso della mattinata sarà siglato un protocollo di intesa tra Comune di Sorrento e i soggetti promotori del progetto “Lo Stato siamo noi“.

Saranno inoltre aperte al pubblico una mostra fotografica, a cura dell’Associazione dei Cavalieri italiani del Sovrano militare Ordine di Malta, ospitata nei locali del Polo Interuniversitario telematico, presso il chiostro di San Francesco e, nelle sale di Villa Fiorentino, una mostra di pittura di Gaetano Porcasi, autore delle opere che costituiscono il Museo della legalità, la struttura inaugurata nel 2010 dal ministro dell’Interno, Roberto Maroni, in una casa di Corleone confiscata a Bernardo Provenzano.

“Abbiamo chiesto il coinvolgimento di tutte le scuole cittadine – anticipa il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo – E’ soprattutto a loro che è dedicata questa giornata di studio e di confronto. Sarà l’occasione per approfondire temi di grande attualità e stimolare i ragazzi nel loro percorso di crescita”.

Il progetto, infatti, vede il coinvolgimento delle Provincie di Perugia, Palermo e Catania con lo scopo di rapportare realtà diverse per crescere e scambiarsi opinioni sul tema della legalità e favorirne la diffusione nelle scuole.

“Condividiamo la convinzione che l’educazione alla legalità non possa essere il semplice risultato di una serie di regole e di proibizioni imposte dall’alto – spiega l’assessore Pontecorvo -. Al contrario, è preferibile che la naturale predisposizione al rispetto delle leggi sia stimolata da un incessante lavoro educativo da iniziare fin dai primi anni delle scuola di base”.

Info: 081 8773510

No Comments
Comunicati

Diritti Umani come vettore per costruire pace e tolleranza

  • By
  • 27 Aprile 2011

Gioventù per i Diritti Umani fa conoscere la Dichiarazione Universale dell’ONU

ROMA 27 aprile 2011 – Ancora una volta i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale ribadiscono il loro appello per l’insegnamento della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nelle scuole. Dopo l’iniziativa di sabato che ha visto i volontari impegnati al centro storico di Roma con uno stand per distribuire materiali informativi sulla Dichiarazione Universale , anche domani i volontari romani si dedicheranno ad una raccolta di firme per la petizione popolare che invita a far divenire i Diritti Umani soggetto di studio in ambito scolastico. La petizione quindi chiede alle istituzioni di prendere in esame la possibilità di insegnare ai milioni di ragazzi in età scolare questo importante documento sancito dalle Nazioni Unite nel 1948 che prevede 30 articoli che sanciscono i diritti fondamentali cui ogni uomo, donna e bambino sulla terra possiede per nascita. Gioventù per i Diritti Umani ha prodotto un vasto programma informativo in linea con l’invito dell’Assemblea Generale dell’ONU a “far conoscere” ampiamente la Dichiarazione. Fra questi vi è appunto la “Guida per l’Insegnante” un piano di lezioni preparate che facendo uso di materiale audiovisivo rende facilmente accessibile la Dichiarazione Universale anche ai più giovani.
La guida prevede l’uso di presentazioni video dei 30 articoli con gli annunci contenuti nel DVD “30 Diritti. 30 Articoli”. Si tratta di 30 annunci di pubblica utilità, uno per ciascuno dei 30 diritti. A questo strumento si aggiunge il documentario di 9 minuti e mezzo “La Storia dei Diritti Umani”, ovvero la travagliata battaglia dell’uomo per giungere alla Dichiarazione Universale per “riaffermare la fede nei diritti fondamentali dell’uomo, nella dignità e nel valore della persona umana” e per “salvare le future generazioni dal flagello della guerra”.
I volontari romani chiederanno inoltre ai cittadini di attivarsi personalmente nel promuovere la cultura dei diritti inviolabili dell’uomo affinché “i diritti umani diventino una realtà, non un sogno idealistico”, come osservò l’umanitario L. Ron Hubbard.

Per informazioni
www.youthforhumanrights.org
[email protected]

No Comments
Comunicati

Week end di informazione sui Diritti Umani

  • By
  • 5 Aprile 2011

Gioventù per i Diritti Umani a Rignano Flaminio per far conoscere i 30 articoli della Dichiarazione Universale
ROMA – 6 aprile 2011 – A Rignano Flaminio lo scorso 3 aprile, con uno stand informativo i volontari di Gioventù per i Diritti Umani hanno distribuito a centinaia di cittadini della provincia romana materiale informativo sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Oltre all’informazione i volontari hanno invitato i cittadini a firmare la petizione popolare per far si che i Diritti Umani diventino materia di studio in ambito scolastico.
Per educatori e insegnanti c’è stata anche l’esposzione della “Guida per l’Insegnante”, un efficace strumento didattico elaborato dalla Fondazione Gioventù Internazionale per i Diritti Umani che ha reso il testo della Dichiarazione di facile accesso per i giovanissimi mediante l’uso di video e fotografie. Uno degli strumenti didattici della Guida è un piano di lezioni predeterminato e di semplice utilizzo da parte di ogni educatore, che prevede l’uso del DVD “30 Diritti. 30 Articoli”, ovvero 30 annunci di pubblica utilità, uno per ciascuno dei 30 diritti. Il DVD ha il suo opuscolo di accompagnamento, “Che cosa sono i diritti umani?”, una versione illustrata della Dichiarazione Universale che ne riproduce comunque il testo integrale nella sua ultima sezione.
Ma l’elemento fondamentale di questa didattica è il video UNITED, pluripremiata produzione multietnica, che con una storia di vita di quartiere, mostra il potere dei diritti umani nel vincere violenza e intolleranza.
Perno di queste lezioni è quindi la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Riconoscendo l’importanza di renderla ampiamente conosciuta dopo la sua ufficializzazione, l’Assemblea Generale chiese inoltre che “venisse divulgato, mostrato, letto ed esposto principalmente nelle scuole ed in altre istituzioni per l’istruzione, senza distinzione basata sullo status politico dei paesi o dei territori”.

I volontari, animati dall’osservazione dell’umanitario L. Ron Hubbard, “I diritti umani devono diventare una realtà e non un sogno idealistico”, proseguiranno anche domani 6 aprile, a Roma, in zona centro storico, con la distribuzione di opuscoli sui 30 articoli sanciti dalle nazioni Unite nel 1948.
Per informazioni
www.youthforhumanrights.org
[email protected]

No Comments
Comunicati

A Rignano Flamino per i Diritti Umani

  • By
  • 1 Aprile 2011

Nella provincia romana per portare i diritti umani in ogni luogo per le generazioni future

ROMA – 1 aprile 2011 – Ancora una raccolta firme per richiedere che la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani venga insegnata nelle scuole per i futuri paladini della tolleranza e della pace. A Rignano Flaminio questa domenica, con uno stand informativo saranno presenti i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani.

Gli educatori e gli insegnanti potranno familiarizzarsi anche con la “Guida per l’Insegnante” un efficace strumento didattico elaborato dalla Fondazione Gioventù Internazionale per i Diritti Umani, che ha reso il testo della Dichiarazione di facile accesso per i giovanissimi mediante l’uso di video e fotografie. Uno degli strumenti didattici della Guida è un piano di lezioni predeterminato e di semplice utilizzo da parte di ogni educatore, che prevede l’uso del DVD “30 Diritti. 30 Articoli”, ovvero 30 annunci di pubblica utilità, uno per ciascuno dei 30 diritti. Il DVD ha il suo opuscolo di accompagnamento, “Che cosa sono i diritti umani?”, una versione illustrata della Dichiarazione Universale che ne riproduce comunque il testo integrale nella sua ultima sezione.

Ma l’elemento fondamentale di questa didattica è il video UNITED, pluripremiata produzione multietnica, che con una storia di vita di quartiere, mostra il potere dei diritti umani nel vincere violenza e intolleranza.

Infine la Guida contiene 30 posters che possono essere affissi in aree pubbliche o utilizzati come ausilio visivo di riferimento per ciascuna delle lezioni.

Perno di queste lezioni è quindi la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Riconoscendo l’importanza di renderla ampiamente conosciuta dopo la sua ufficializzazione, l’Assemblea Generale chiese inoltre che “venisse divulgato, mostrato, letto ed esposto principalmente nelle scuole ed in altre istituzioni per l’istruzione, senza distinzione basata sullo status politico dei paesi o dei territori”.
I volontari, animati dall’osservazione dell’umanitario L. Ron Hubbard : “ i diritti umani devono diventare una realtà e non un sogno idealistico”, proseguiranno anche nella prossima settimana con nuove iniziative.

Per informazioni
www.youthforhumanrights.org

[email protected]

No Comments
Comunicati

Gioventù per i Diritti Umani nella Giornata Mondiale contro il razzismo

  • By
  • 22 Marzo 2011

Iniziativa di informazione per ricordare le vittime dell’ apartheid

ROMA – 22 marzo 2011 – Nella giornata di ieri, un nutrito gruppo di volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale si è recato in piazza della Repubblica nel centro di Roma per dar vita ad una distribuzione di materiale informativo sui 30 articoli della Dichiarazione Universale sui Diritti Umani.

L’iniziativa è stata svolta in occasione della Giornata Internazionale contro il razzismo e la discriminazione sancita dall’ONU perché non si ripetano tristi eventi, risultato del razzismo e della discriminazione, come quello che, il 21 marzo 1960, ha visto vittime innocenti cadere sotto il fuoco della polizia del regime dell’apartheid nella città di Sharpeville in Sudafrica.

Quindi il 13 dicembre 1967 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite proclamò il 21 marzo Giornata Internazionale contro qualsiasi forma di razzismo e di discriminazione.

Per l’anniversario del 2011 i volontari di Gioventù Internazionale per i Diritti Umani hanno informato oltre 500 cittadini sulla Dichiarazione Universale sancita dall’ONU nel 1948, sottolineando l’urgenza di rendere ampia la conoscenza dei 30 articoli che la compongono in modo che ogni cittadino sia consapevole dei diritti fondamentali. I volontari romani, ispirati dall’osservazione dell’umanitario L. Ron Hubbard: “I diritti umani devono diventare una realtà, e non un sogno idealistico”, proseguono costantemente, nel loro impegno di far conoscere questo importante documento, al fine di portare più tolleranza e rispetto nella comunità. Lezioni sui Diritti Umani nelle scuole, stand informativi in varie aree della capitale e della provincia, manifestazioni pubbliche ed eventi di informazione fra le principali attività che proseguiranno anche nelle prossime settimane.

informazioni
www.youthforhumanrights.org
[email protected]

No Comments
Comunicati

Raccogliere l’appello delle Nazioni Unite

  • By
  • 19 Marzo 2011

Giornata di informazione a Roma sui Diritti Umani

ROMA 19 marzo 2011 – Si rinnova l’appuntamento settimanale per i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale e nuovamente con uno stand informativo sulla Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite. Riconoscendo l’importanza di renderla ampiamente conosciuta dopo la sua ufficializzazione, cosi come richiese l’Assemblea Generale nel 1948, i volontari sono impegnati da anni nella diffusione dei 30 articoli che sanciscono quei diritti cui ciascuno uomo, donna e bambino sono titolati per nascita. Nella giornata di oggi, nel centro storico della capitale, uno stand informerà i cittadini su questo prezioso documento, non ancora ampiamente applicato in diversi paesi del mondo, anche se progressi in merito vengono fatti ogni giorno. E’ il caso dello stato dell’Illinois in merito all’Articolo 3° della Dichiarazione Universale che cita il diritto alla vita. In questo stato è stata recentemente abolita la pena di morte. L’Illinois è il 16° tra gli Stati Uniti D’America che decide di allinearsi con l’invito dell’ONU attraverso i 30 Articoli della Dichiarazione, rinunciando alla pena capitale per reati penali.

I volontari di Gioventù per i Diritti Umani continuano con la diffusione dei 30 articoli invitando contemporaneamente i cittadini a firmare la petizione popolare per far si che i Diritti Umani diventino oggetto di studio nella aule delle scuole in maniera da formare una futura generazione di paladini di pace e tolleranza.

Migliaia sono state fin’ora le firme da parte dei cittadini che, istruendosi su cosa sono i diritti umani, decidono di dare il loro contributo appoggiando la campagna. In questa occasione si darà anche la possibilità ad insegnanti ed educatori di familiarizzarsi con la “Guida per l’Insegnante”, un efficace strumento didattico elaborato e realizzato da Gioventù per i Diritti Umani Internazionale (youthforhumanrights.org), che ha reso il testo della Dichiarazione accessibile ai giovanissimi attraverso l’uso di video e fotografie. Uno degli strumenti didattici della Guida è infatti un piano di lezioni predeterminato, rispondente ai più alti standard dell’insegnamento, che prevede l’uso di presentazioni audiovisive. A partire dal DVD “30 Diritti. 30 Articoli”, ovvero 30 annunci di pubblica utilità, uno per ciascuno dei 30 diritti e il suo opuscolo di accompagnamento, “Che cosa sono i diritti umani?”, una versione illustrata della Dichirazione Universale che ne riproduce comunque il testo integrale nelle ultime pagine. Per proseguire con il documentario di 9 minuti e mezzo “La Storia dei Diritti Umani”, ovvero la travagliata battaglia dell’uomo per giungere alla Dichiarazione Universale che le Nazioni Unite hanno sancito per “riaffermare la fede nei diritti fondamentali dell’uomo, nella dignità e nel valore della persona umana” e per “salvare le future generazioni dal flagello della guerra”. Ma l’elemento fondamentale di questa didattica è il video UNITED, pluripremiata produzione multietnica che, con una storia di vita di quartiere, mostra il potere dei diritti umani nel vincere violenza e intolleranza. Perno del progetto Gioventù per i Diritti Umani Internazionale è quindi la Dichiarazione Universale.
I volontari di Gioventù per i Diritti Umani rispondono a questo appello impegnandosi affinchè “i diritti umani diventino una realtà, non un sogno idealistico”, come osservò l’umanitario L. Ron Hubbard.

Per informazioni:
www.youthforhumanrights.org
[email protected]

No Comments
Comunicati

Uno stand per rendere i diritti umani materia di studio nelle scuole

  • By
  • 15 Marzo 2011

Invito ai cittadini di sottoscrivere la petizione popolare a sostegno dei diritti umani

ROMA 15 marzo 2011 – Mentre le violazioni dei diritti fondamentali sono all’ordine del giorno in tutto il mondo, i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale hanno rinnovato il loro impegno per gettare le basi di una futura cultura dei diritti umani. Sabato12 marzo, con uno stand informativo, i volontari si sono recati in centro storico a Roma per invitare i cittadini a firmare una petizione che chiede l’insegnamento della Dichiarazione Universale dell’ONU nelle scuole di ogni ordine.

I volontari sostengono il progetto Gioventù Internazionale per i Diritti Umani che si prefigge di insegnare i diritti umani ai giovani, mettendo l’accento sulla conoscenza dei 30 articoli della Dichiarazione Universale, e soprattutto dell’articolo 29, quello che sancisce la responsabilità per ciascuno di assicurarsi che i diritti umani abbiano concreta applicazione.

Il progetto Gioventù Internazionale ha reso il testo della Dichiarazione accessibile ai più giovani tramite l’uso di video da 30-60 secondi, uno per ciascuno dei 30 diritti, raccolti in un dvd dal titolo “30 Articoli. 30 Annunci”. Il DVD rappresenta anche uno degli strumenti didattici della più ampia “Guida per l’educatore” (youthforhumanrights.org), un piano di lezioni basato sui più alti standard educativi, che si avvale anche di un opuscolo con il testo integrale della Dichiarazione varata dall’Assemblea Generale dell’ONU il 10 dicembre 1948.

Obiettivo dei volontari per questo week end è stato quindi la raccolta di firme sulla petizione per rendere i diritti umani una materia di studio nelle scuole, mossi in questo loro impegno dal concreto appello dell’umanitario L. Ron Hubbard: “I diritti umani devono diventare una realtà, non un sogno idealistico”.

La Petizione è accessibile anche attraverso il sito www.petizionionline.it, alla voce “Attuare la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani”.

Per informazioni:
www.youthforhumanrights.org

[email protected]

No Comments
Comunicati

Elefante selvatico irrompe nel Villaggio dei Bambini SOS in Kenya

Durante una domenica mattina di fine febbraio, i bambini del Villaggio SOS di Meru si sono svegliati trovando un enorme elefante maschio all’interno del loro villaggio, situato vicino alle pendici del monte Kenya e all’ombra della foresta Imenti, dove vivono molti animali selvatici tra cui bufali, scimmie, leopardi ed elefanti.

L’associazione SOS Villaggi dei Bambini Onlus si occupa di accogliere nei Villaggi SOS i bambini orfani o allontanati dai genitori (come ad esempio i bambini soldato), dove trovano una nuova casa accogliente ed una famiglia affettuosa. I Villaggi SOS sono presenti in 132 paesi del mondo, come in Kenya appunto.

“Osservare un elefante è uno dei passatempi preferiti sia dei piccoli ospiti del villaggio che dei collaboratori e volontari che lavorano quotidianamente con i bambini”, commenta Peter Wambugu, direttore del Villaggio SOS di Meru, “ma di solito ci divertiamo a guardarli al di là del recinto, mentre si nutrono di foraggio!”

L’elefante che ha fatto visita al villaggio SOS è stato identificato come appartenente ad una coppia che si era smarrita fuori dalla foresta durante la notte e che era stata allontanata da persone di una comunità vicina. Poco dopo l’alba, uno degli animali è riuscito a tornare nella foresta, mentre l’altro ha vagato, in primo luogo, negli spazi dell’università metodista del Kenya e, successivamente, si è diretto verso il villaggio SOS superandone le grosse recinzioni.

Il direttore del villaggio ricorda: “Molti di noi del villaggio SOS di Meru non avevano mai visto un elefante da così vicino e ci siamo svegliati tra un misto di stupore ed eccitazione: alcuni di noi si sono limitati a spiarlo dalle verande delle case del villaggio, mentre altri, più coraggiosi, si sono avvicinati dai prati. Abbiamo subito avuto l’impressione che l’elefante si sentisse al sicuro nel villaggio…”. Anche un altro membro dello staff volontario di SOS conferma “L’elefante deve avere intuito che il Villaggio SOS è un posto per tutti, un luogo dove ogni creatura viene curata con amore, sicurezza e rispetto, dove i diritti dei bambini sono protetti e i nostri piccoli ospiti, rimasti orfani e soli, possono trovare una casa e una famiglia adottiva!”

L’elefante, dal canto suo, appariva infatti così rilassato che anche l’abbaiare di 5 cani feroci li vicino non sono riusciti ad intimidirlo! Al contrario, procedeva lentamente quasi a passi di valzer in un campo sottostante la casa dei piccoli ospiti del Villaggio SOS, faceva un bagno nel fango, serpeggiava attraverso i giardini del villaggio e abbatteva le recinzioni quasi fossero ragnatele! Infine, trovava l’uscita facendosi strada ad alta velocità attraverso la rete metallica di recinzione, sradicava alberi e, con la sua corsa e il suo strombettare, faceva scappare tutti a gambe levate. Nel frattempo, i rangers del Kenya Wildlife Service arrivavano e rassicuravano il personale di SOS Villaggi dei Bambini del Kenya che l’elefante stava tornando sano e salvo verso la foresta!

Anche se questa è la terza volta che un elefante fa visita al Villaggio dei Bambini SOS di Meru, nessun bambino o membro dello staff SOS è mai stato ferito. Al momento sono in corso i piani per costruire un recinto elettrico sul lato del villaggio verso la foresta per evitare visite future da parte della fauna selvaggia locale. Ma la visita di un elefante è certamente un evento che i bambini SOS non dimenticheranno mai e che andrà ad aggiungersi ad una serie di bei momenti e ricordi che solo grazie alla solidarietà, all’impegno dei volontari e alla generosità delle adozioni a distanza sono possibili!

Per maggiori informazioni sui programmi di sostegno di SOS Villaggi dei Bambini Onlus e per adottare un bambino a distanza è possibile consultare il sito dell’associazione italiana: www.sositalia.it

———————————————–

SOS Villaggi dei Bambini Onlus è un’organizzazione internazionale privata, apolitica e aconfessionale. È impegnata da più di 60 anni a lavorare con i bambini, nell’accoglienza di bambini privi di cure parentali o temporaneamente allontanati dalle famiglie e promuove programmi di prevenzione all’abbandono e di rafforzamento familiare in Italia e in altri 131 paesi del mondo. Aiuta più di 1.000.000 di persone attraverso programmi integrati di sostegno ai bambini e al loro contesto familiare e accoglie ogni anno circa 78.000 bambini. In Italia è presente con 7 Villaggi e aiuta 480 persone, di cui 326 fra bambini e ragazzi. Dal sito di SOS Villaggi dei Bambini Onlus è possibile informarsi sulle adozioni a distanza o fare donazioni per sostenere le famiglie disagiate: www.sositalia.it

No Comments
Comunicati

Promuovere i Diritti Umani per tutti

  • By
  • 9 Marzo 2011

Distribuzione di materiale informativo sulla Dichiarazione Universale

ROMA 9 marzo 2011 – Far si che i Diritti Umani diventino una realtà e non un sogno idealistico, è lo sprone dell’umanitario L. Ron Hubbard con cui i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale animano le loro iniziative. Nella giornata di ieri hanno distribuito a Roma materiale informativo sui 30 articoli della Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite. Far conoscere i diritti umani in essa codificati perché ognuno nei sia consapevole per chiederne il rispetto per sé e gli altri è l’obiettivo principale dei volontari. Attraverso la conoscenza si formano le basi per una futura generazione di pace e tolleranza costruita intorno a questo importante documento. Nella distribuzione i cittadini sono stati anche invitati a firmare la petizione popolare che chiede di far diventare i Diritti Umani oggetto di studio in ambito scolastico. La petizione è una iniziativa che sta venendo supportata da molte associazioni e individui nell’ambito del progetto umanitario internazionale “Gioventù per i Diritti Umani”.

Si parte quindi dal far conoscere i 30 articoli della Dichiarazione Universale per “riaffermare la fede nei diritti fondamentali dell’uomo, nella dignità e nel valore della persona umana” e per “salvare le future generazioni dal flagello della guerra”, come si legge nel preambolo alla Dichiarazione delle Nazioni Uniti. Gioventù per i Diritti Umani Internazionale (youthforhumanrights.org), per facilitare questo processo, ha reso il testo della Dichiarazione accessibile ai giovanissimi anche attraverso l’uso di video e fotografie, creando inoltre uno strumento didattico consistente nella “Guida per l’Educatore”, ossia un piano di lezioni predeterminato e di semplice utilizzo da parte di ogni educatore, che prevede l’uso del DVD “30 Diritti. 30 Articoli”, ovvero 30 annunci di pubblica utilità, uno per ciascuno dei 30 diritti. Il DVD ha il suo opuscolo di accompagnamento, “Che cosa sono i diritti umani?”, una versione illustrata della Dichiarazione Universale che ne riproduce comunque il testo integrale nelle ultime pagine.
Ma l’elemento fondamentale di questa didattica è il video UNITED, pluripremiata produzione
multietnica, che con una storia di vita di quartiere, mostra il potere dei diritti umani nel vincere
violenza e intolleranza. Perno del progetto Gioventù per i Diritti Umani Internazionale è quindi la Dichiarazione Universale.
Riconoscendo l’importanza di renderla ampiamente conosciuta dopo la sua ufficializzazione,
l’Assemblea Generale chiese che questo documento “venisse divulgato, mostrato, letto ed esposto principalmente nelle scuole ed in altri enti per l’istruzione, senza distinzione basata sullo status politico dei paesi o dei territori”, che rappresenta il proposito delle attività di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale.

Per informazioni:

[email protected]

www.youthforhumanrights.org

No Comments
Comunicati

I Diritti Umani devono diventare una realtà per tutti

  • By
  • 7 Marzo 2011

Giornata di informazione sulla Dichiarazione Universale

ROMA – 7 marzo 2011 – Con una distribuzione di materiale informativo che si terrà domani nella capitale , i volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale mostreranno i 30 articoli della Dichiarazione Universale emessa dalle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948.

Fatti di cronaca in varie nazioni della terra impongono, e con urgenza, che questi articoli diventino familiari per tutti per creare una società consapevole di quali siano i diritti fondamentali che ogni uomo e donna sulla terra possiede per nascita.

Il programma di informazione di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale offre una serie di strumenti che illustrano i 30 articoli nella loro essenza dando una semplice comprensione del soggetto attraverso 30 video che, in poco meno di un minuto ciascuno illustrano concettualmente ogni singolo diritto. La semplicità dell’esposizione rende comprensibile a chiunque, a prescindere dal ceto sociale o grado di cultura ed istruzione, il soggetto dei Diritti Umani.

Oltre che ad informare la comunità la distribuzione rappresenta un’occasione per invitare i cittadini a firmare la petizione popolare per portare lo studio dei diritti umani in ambito scolastico, in maniera da creare una futura generazione di paladini di pace, tolleranza e diritti per tutti.

“I diritti umani devono diventare una realtà, non un sogno idealistico”, osservò l’umanitario L. Ron Hubbard, ispirando in tal modo i volontari all’azione nel diffondere la conoscenza e la responsabilità di una concreta pratica della Dichiarazione Universale.

Per informazioni
www.youthforhumanrights.org
[email protected]

No Comments
Comunicati

Far incontrare le culture attraverso i Diritti Umani

  • By
  • 1 Marzo 2011

Presentazione della campagna di Gioventù per I Diritti Umani a Roma

ROMA 1 marzo 2011 – Continua la raccolta firme per introdurre l’insegnamento della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nelle scuole. Questa è stata l’iniziativa promossa dai volontari della sezione romana di Gioventù per i Diritti Umani Internazionale. Con uno stand informativo lo scorso sabato nel centro di Roma, i volontari hanno illustrato il programma della fondazione internazionale il cui scopo è quello di informare i cittadini sui 30 Articoli della dichiarazione universale sancita dalle Nazioni Unite nel 1948. L’iniziativa ha visto ancora una volta una gran partecipazione dei cittadini. Oltre 60 le firme di petizione popolare raccolte che si sommano ormai alle migliaia delle iniziative precedenti. I volontari invitano anche i cittadini a conoscere i propri diritti e a partecipare in questo movimento per creare una futura cultura dei diritti umani.
Nello stand è stata esposta anche la “Guida per l’educatore”, un efficace strumento didattico elaborato e realizzato da Gioventù per i Diritti Umani Internazionale ( youthforhumanrights.org ), che ha reso il testo della Dichiarazione accessibile ai giovanissimi attraverso l’uso di video e fotografie.
I volontari di Gioventù per i Diritti Umani di Roma sono mossi dalla necessità, ora più che mai urgente, di rendere “i diritti umani una realtà, non un sogno idealistico”, come osservò l’umanitario L. Ron Hubbard.

Per informazioni

www.youthforhumanrights.org

[email protected]

No Comments