Editoriali

Anche i Vip richiedono consulti ai cartomanti

L’ampia diffidenza che avvolge da sempre la dimensione esoterica e in particolare la credibilità dei suggerimenti da essa derivanti si fonda sul principio elementare per cui è improbabile che ogni attività che esuli da una prova scientifica possa essere considerata attendibile. La lettura dei tarocchi, nel rispetto di questa tesi largamente condivisa, non offre dunque spunti interessanti che riescano a tradursi in verità rivelate. E’ improponibile cioè sostenere in base all’opinione di molta gente che dalle carte possano discendere risposte che senza il loro utilizzo sarebbe impossibile individuare. La reticenza a dare certa legittimità a questo mestiere è legata ad un rapporto solido che gran parte delle persone nutrono nei confronti della ragione. In sostanza è la ragione l’unico strumento che muove una riflessione valida verso la formulazione di un punto di vista credibile. Soltanto il responso del pensiero risulta essere affidabile e degno di una sana attenzione. Tali motivazioni, poi, portano inevitabilmente ad altre conclusioni evidenziate il più delle volte dai media e che fanno riferimento ai guadagni per nulla meritati dagli operatori dell’esoterico. Non si può ammettere, cioè, che la lettura dei tarocchi priva di alcun riscontro scientifico generi introiti a coloro che la praticano come attività principale.

Tale premessa per significare che nessuno, prendendo atto di questa esteso scetticismo rispetto al mestiere dei cartomanti, immaginerebbe che esso susciti per ” un’altra parte del mondo ” un forte interesse a tal punto da coinvolgere persone per così dire insospettabili. Se la ragione a braccetto con la cultura dovrebbe escludere addirittura ridicolizzandoli i consulti degli operatori dell’esoterico, non si spiega tuttavia sulla base di questo assunto l’assiduo avvicinamento di personaggi dello spettacolo, del cinema e del giornalismo ai professionisti della lettura dei tarocchi. Chi è una persona di grande personalità e protagonista di una vita intensa piena cioè di esperienze che formano il carattere, dovrebbe mostrare un solido distacco di fronte alle proposte discutibili, ai presunti consigli e all’elaborazione di fragili punti di vista maturati durante il corso di consulti di cartomanzia. In realtà capita che le stesse persone che si ipotizzerebbe naturalmente distanti dalla lettura delle carte, sono proprio quelle, richiedendola, a legittimarne l’attendibilità. Notizia relativamente recente, circolata anche sul web, riguardava ad esempio una nota conduttrice televisiva e la sua ammissione, in un periodo di sconvolgimento amoroso, di aver fatto ricorso ai professionisti dell’esoterico.

A conferma di questa realtà che vede anche individui di comprovata solidità psicologica e lavorativa subire il fascino della lettura delle carte è la testimonianza dei cartomanti di cartomantedellasoluzione.com che da anni sulla breccia in questo settore hanno letto tarocchi e predetto, a detta loro, il futuro ad innumerevoli liberi professionisti, imprenditori e attori dello show business. Qual è dunque la molla che scatta in persone la cui forma mentis dovrebbe essere serenamente orientata verso il ragionamento a dispetto di supposizioni o illusioni emergenti da realtà che molti ritengono equivoche? La risposta immediata che la squadra di questi operatori dell’esoterico ci regala è quella per cui, una volta caduto in angosce e disagi di natura amorosa, ogni individuo, anche quello che sembrerebbe il più avvezzo alla riflessione e al contempo il più ostile a qualsiasi forma di superstizione, non resiste alla tentazione di trovare nella dimensione esoterica risposte risolutive al suo dramma sentimentale. Pertanto non ci si deve scandalizzare se i cartomanti, anche in tempi di crisi, richiamino al loro cospetto un numero considerevole di clienti. Il motivo di fondo del loro discreto successo da un punto di vista lavorativo risiede proprio nei limiti che la ragione talvolta propone rispetto a problematiche di difficile spiegazione. La necessità di interrogare le carte altro non è che il tentativo di approdare laddove la ragione ha fallito.

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma