All Posts By

Dario Lombardi

Comunicati

Come richiedere prestiti senza busta paga


Migliaia di persone lavorano senza essere un dipendente efficace e quando si tratta di accedere a una procedura bancaria, trovano ostacoli che impediscono loro di ottenere ciò che cercano. Tuttavia, da tempo sono emerse società di microfinanza che rispondono alle esigenze di questo importante settore della società.

Come richiedere prestiti senza ricevuta di stipendio? Ormai è una domanda con risposte chiare grazie alla comparsa di questi istituti di credito. Sì, queste aziende non pongono così tanti ostacoli per offrire i loro servizi al pubblico, e tra i documenti di cui possono fare a meno quando fanno prestiti c’è la tanto necessaria ricevuta del salario.

Una caratteristica essenziale della nostra società tecnologica è l’immediatezza e il fatto di rendere possibile l’impossibile. La cosa migliore è che questi prestiti possono essere ottenuti in pochi minuti e senza presentare, oltre alla ricevuta di pagamento, altre carte che tradizionalmente vengono richieste alle società finanziarie.

Primi passi per richiedere prestiti senza busta paga

Prima di tutto, dovresti sapere che Internet è dalla nostra parte e che tutte le procedure sono progettate per essere svolte online. In questo modo chiunque abbia un interesse in questa tipologia di prestito avrà la possibilità di accedervi. Basta avere a portata di mano i propri dati personali e procedere con la richiesta.

Un altro aspetto fondamentale è che conosci chiaramente la quantità di denaro che vuoi richiedere. Questo requisito deve essere ragionevole e coerente con la tua capacità di pagare. Sarebbe infatti sbagliato chiedere un importo superiore a tale possibilità, poiché alla fine le conseguenze non sarebbero le migliori.

Richiedere prestiti senza ricevuta di stipendio è un vantaggio, a condizione che i clienti abbiano chiaro il tempo a disposizione per pagarlo. Questo porterà maggiori benefici, poiché una volta corretto il primo contratto, si apriranno le porte per la richiesta di prestiti futuri che avranno privilegi maggiori.

In altre parole, ci sono tre primi passi da tenere in considerazione: avere la facilità di connettersi ad internet, intravedere con criteri logici la quantità di denaro da richiedere, e riconoscere responsabilmente che il tempo stabilito per pagare il prestito deve essere rispettato evitando di dover per affrontare le conseguenze.

Requisiti per richiedere prestiti senza ricevuta di stipendio

I requisiti per richiedere prestiti senza busta paga possono variare leggermente da istituto a istituto. Tuttavia, ce ne sono alcuni che sono il denominatore comune in tutti loro. Hai ben chiaro se ti vanti dei cinque requisiti minimi che descriveremo di seguito.

Per cominciare, essere maggiorenni, cioè 18 anni. Anche se puoi trovare alcune società finanziarie che richiedono che tu abbia compiuto 21 anni. In entrambi i casi, assicurati di questo punto, per non rimanere deluso non appena inizi a richiedere il tuo prestito senza una ricevuta dello stipendio.

Al giorno d’oggi, è difficile ottenere persone che non hanno aperto un’e-mail. Se sei uno di loro, devi farlo ora. Le istituzioni incaricate di concedere prestiti senza ricevuta di stipendio utilizzano questo mezzo per corroborare, scambiare, confermare e riferire dettagli sul processo.

Un ulteriore requisito richiesto è una fattura di servizio fissa. In questo modo possono certificare che il cliente ha fornito dati reali. Questo non è un fatto minore, poiché genera fiducia e sicurezza. Questi valori intangibili, nel caso di un prestito senza busta paga, sono fondamentali per l’approvazione.

Chi può richiedere prestiti senza busta paga?

Tutte le persone maggiorenni e con documento d’identità possono farlo. Ora, questa tipologia di prestiti senza ricevuta di stipendio è nata per soddisfare alcune tipologie di persone che per alcuni motivi sono state escluse dal sistema finanziario. In particolare quelli che non hanno una busta paga formale.

Uno di loro sono i monotributisti , che vendono servizi o sono lavoratori autonomi senza dipendenti, o sono in una cooperativa, quindi meritano di avere accesso a un prestito senza ricevuta di stipendio. Il motivo è semplice, se sei monotassa, hai un reddito e se hai un reddito, hai la possibilità di pagare.

Gli studenti, generalmente molto stigmatizzati finanziariamente, possono richiedere un prestito anche senza busta paga. Le esigenze finanziarie di una carriera possono essere schiaccianti. Per questo ci sono studenti che lavorano periodicamente e mostrando il reddito avrebbero un’opzione in questo tipo di prestito.

I pensionati, oltre al loro magro reddito mensile, hanno ancora le stesse esigenze. Molti usano la loro esperienza per intraprendere un lavoro freelance. Anche così, devono affrontare problemi nell’ottenere finanziamenti. Possono vedere una luce alla fine del tunnel su questi tipi di prestiti .

Ci sono dipendenti non registrati in Argentina che fanno “cambiamenti”, lavori occasionali, per sopravvivere. Sono tanti quelli che con un prestito senza ricevuta di stipendio potrebbero provare ad avviare la propria attività attraverso un’impresa e il progresso. Da qui l’importanza di questa finestra finanziaria.

A proposito di imprenditori. Hanno bisogno dei fondi per portare avanti la loro proposta. Ma a volte vengono fermati dall’enorme elenco di requisiti che devono compilare in una richiesta di denaro. Con un prestito senza busta paga un’idea può diventare un’attività redditizia in pochissimo tempo.

Consigli finali per richiedere prestiti senza busta paga?

Inizialmente, quando si decide di richiedere un prestito senza ricevuta di stipendio, bisogna essere obiettivi ed essere convinti della differenza tra realtà e sogno. Questo tipo di sostegno finanziario è ben accetto, ma il nostro spirito artigiano deve essere all’altezza della responsabilità di assumere tassi di interesse elevati.

Se sei consapevole del vantaggio di una domanda con una risposta rapida, della tua possibilità di indebitamento e della tua capacità di pagare, allora non avere una busta paga non è più un freno. Con questa tipologia di prestito puoi affrontare un’emergenza sanitaria, una possibile attività commerciale o semplicemente un acquisto.

No Comments
Comunicati

Come è fatta una piastra per capelli?


Cos’è e come è fatta la piastra per capelli. In questo articolo proviamo a rispondere a queste e altre domande.

Le piastre per capelli, o ferri per capelli, sono state utilizzate per decenni da donne che cercano di dare ai loro capelli un aspetto elegante e diverso. Si applicano direttamente sui capelli e, se riscaldati, funzionano esattamente come un ferro da stiro tradizionale. Correndo lungo la lunghezza dei capelli, queste piastre per capelli producono il fascino del bastone che molti bramano. Ma di cosa sono fatte esattamente queste piastre per capelli?

piastra per capelli

Storia della piastra per capelli

Come con qualsiasi tipo di dispositivo, le piastre per capelli si sono evolute nel corso degli anni. In questo, anche i materiali utilizzati per realizzarli. Quelli che usiamo oggi sono tipicamente realizzati in ceramica, ma in passato erano realizzati in alluminio. Le piastre per capelli erano in uso già nel 1870, questi primi modelli furono creati in alluminio riscaldato o metallo. Quando il metallo veniva riscaldato su una qualsiasi fonte che produceva calore, veniva poi applicato direttamente sui capelli, spesso bruciando e bruciando i capelli ed emettendo un odore tutt’altro che gradevole.

Materiali

Oggi, ci sono ancora diversi materiali utilizzati per le piastre per capelli. I tipi meno costosi sono realizzati in metallo in bobina. Il tipo più comune di metallo della bobina utilizzato per questi è quindi il rame. Dal dispositivo di piastra per capelli, il rame viene quindi riscaldato dalle bobine nella testa del ferro e le piastre di rame vengono quindi fatte passare attraverso i capelli. Questi tipi di ferri per capelli sono chiamati riscaldatori metallici a bobina.

Considerazioni sulla piastra per capelli

Le piastre rivestite in ceramica sono utilizzate nelle piastre per capelli di qualità superiore. Questi materiali ceramici sono noti non solo per essere i più sicuri per i capelli, ma anche per fornire i migliori risultati. La ceramica Sedu, infatti, è oggi una delle più utilizzate e trasformate in materiali per ferri da stiro. Sono venduti in molti stili, modelli e con diverse capacità di riscaldamento, ma tutti sono incentrati sulle piastre in ceramica.

Identificazione

Ci sono anche piastre in titanio che vengono utilizzate in molte delle marche di alta qualità di piastre per capelli. Le piastre in titanio sono generalmente resistenti alle fessurazioni, distribuiscono uniformemente il calore e funzionano bene per portare a termine il lavoro. Possono essere riscaldati nel modo del metallo della bobina o attraverso il metodo TC, facendo affidamento sulla chimica degli ioni per ottenere le giuste temperature. In questo secondo caso, sono rivestiti in ceramica.

Potenziale

Le piastre di una piastra per capelli, indipendentemente dai materiali di cui sono fatte, a volte sono ulteriormente rivestite in uno scudo protettivo diverso dalla ceramica. Questi rivestimenti possono essere in teflon, che è durevole e resistente alle scheggiature ma non troppo grande per i capelli. La tormalina è anche un rivestimento utilizzato per molti piatti ed è simile alla qualità delle piastre rivestite in ceramica e migliore per i tuoi capelli.

No Comments
Comunicati

Cuffie Hi Fi – Tutto quello che devi sapere se sei alle prime armi


Chiunque ami l’audio sa che le cuffie hi fi sono più di un semplice accessorio: è una parte enorme della loro vita quotidiana. Indipendentemente da dove ti trovi nel tuo viaggio audiofilo, questa risorsa dovrebbe aiutarti ad avvicinarti più che mai alla tua musica attraverso le cuffie.

Se sei completamente nuovo nell’audiofilia, dovresti iniziare a capire le basi delle cuffie. Come funzionano le cuffie hifi? Quindi puoi passare ad approfondire aspetti più tecnici come ad esempio: mettere insieme la giusta configurazione, che analizzerà il modo in cui i dispositivi sorgente come DAC, amplificatori e DAP fanno la differenza per le tue cuffie ecc ecc…

Cuffie hi fi: uno sguardo al mondo delle cuffie, dei design e dei suoi tipi

La musica, come si suol dire, può trascendere tutte le barriere, artificiali o meno. Dagli studi comprovati che mostrano una migliore crescita delle piante quando esposte alla musica, alle balene blu che comunicano tra loro attraverso le loro canzoni, la musica non conosce davvero confini. Il potere che la musica ha sul proprio essere e sui propri pensieri è innegabilmente evidente. Come la moda, ogni individuo ha i propri gusti musicali unici. Allora come si fa a trovare un modo facilmente disponibile e ampiamente popolare per perdersi nel mondo della propria musica, senza disturbare gli altri? Ovviamente le cuffie hi fi!

cuffie hi fi

Stai cercando di comprarne uno? Comprendere i vari tipi disponibili è un buon modo per iniziare. Non preoccuparti, questa non è una conferenza. Ti assicuriamo che sbadigliamo molto prima di te, se diventa noioso. Cominciamo, va bene? Va bene, tira fuori i tuoi libri e inizia a prendere appunti, subito!

Le cuffie, in generale, sono classificate a grandi linee in due gruppi: auricolari e cuffie .

La gente ama le scelte e le cuffie offrono un infinito assortimento di opzioni. Vestibilità, design, tipo di driver: ci sono una serie di opzioni tra cui scegliere. Ma tutto dipende da quale paio di cuffie ti senti a tuo agio. Comfort, aspetto, portabilità, output, usabilità e, naturalmente, costi sono alcuni fattori che ti aiuteranno a concentrarti sul tuo prossimo paio. Diamo un’occhiata a pochi tipi, vero?

In-ear

Come suggerisce il nome, questi auricolari entrano leggermente nell’orecchio e si siedono con una vestibilità morbida. Gli auricolari si sono evoluti da qualcosa noto come auricolari. Questi auricolari erano di forma circolare e si trovavano fuori dal condotto uditivo piuttosto che entrarvi. I tradizionali auricolari di Apple o gli imminenti Apple AirPods presentano ancora alcuni resti di questo design.

Guida per cuffie Introduzione Auricolari Apple

Leggero, portatile con un piccolo driver alloggiato in un piccolo involucro, gli auricolari possono produrre risultati che sfidano le dimensioni. Look chic con un design per bloccare la maggior parte del rumore esterno, gli auricolari tendono ad essere apprezzati dalle persone in movimento. Stiamo parlando di persone che vogliono la loro musica con sé quando fanno il pendolare, o si allenano in palestra o anche quando nuotano (il tipo di cuffie e le persone esistono davvero). Il V-MODA Forza Metallo Wireless  è un buon esempio di un paio di auricolari adatti allo sport.

Diventiamo un po ‘geek, vero? Gli auricolari consistono sostanzialmente di tre parti, vale a dire il cavo, il driver e la punta. La maggior parte degli auricolari ha punte in morbido silicone per fornire una vestibilità universale. La maggior parte dei driver degli auricolari di solito ha dimensioni comprese tra 8 mm e 15 mm. Idealmente, più grande è il driver, migliori i bassi (bassi), più forti i medi e migliore anche la riproduzione degli alti (alti). Gli auricolari erano considerati inferiori agli altri modelli a causa delle loro dimensioni, nel dipartimento dei diritti di vanteria audiofili. Ma con i costanti progressi tecnologici, alcuni auricolari possono ora superare la maggior parte delle cuffie over-ear o on-ear. Un esempio degno di nota di un tale paio di auricolari sono gli Audeze iSINE20 .

Gli in-ear sono molto popolari e di solito preferiti rispetto alle altre varietà. Uno dei motivi è che offrono una vasta gamma di design, colori e fasce di prezzo.

Headphones

Il nome dice tutto: “Telefoni per la tua testa!” Va bene, è stato un po ‘complicato, ma hai capito il succo. Le cuffie sono relativamente più grandi (duh) degli auricolari e utilizzano il supporto della testa per riposare comodamente sulle orecchie. In base al design, sono di due tipi: On-Ears (Supra-aural) e Over-Ears (Circum-aural) .

On-Ears

Comparativamente, le on-ears sono più leggere delle over-ears. Le loro dimensioni sono drasticamente più grandi degli auricolari, offrendo loro il vantaggio di adattarsi a driver più grandi. Ciò si traduce in una migliore riproduzione audio che offre una vasta gamma per le varie frequenze audio per riprodurre bene. Le on-ears sono chiamate così perché qui i padiglioni “siedono” sull’orecchio. Da qui il termine – on-ears. Genio! Non è vero ?! Di solito, le on-ears sono dotate di una fascia che poggia sulla parte superiore della testa. Alcuni auricolari sono dotati di fasce da collo o clip-on per far sedere comodamente i padiglioni on-ears. Portatile, buone prestazioni audio e auricolari leggeri sono un perfetto equilibrio tra auricolari e cuffie. Alcuni auricolari sono pieghevoli o hanno un meccanismo pieghevole per una migliore portabilità.

cuffie hi fi

Per quanto riguarda l’eliminazione del rumore esterno, le on-ears non sono le migliori, grazie al modo unico in cui si adattano. Indipendentemente da ciò, sono più che compensati con l’output. Il V-MODA XS è un buon esempio di cuffie che sono anche pieghevoli per una maggiore portabilità. Un altro esempio potrebbe essere l’ Audeze SINE  che ospita una tecnologia straordinaria per prestazioni esemplari. Simile agli in-ear, gli over-ear sono disponibili in una varietà di design, colori: le opere. Con una vasta gamma di design tra cui scegliere, le on-ears godono di una discreta popolarità. Data la fascia di prezzo tascabile, questo è un ottimo modo per “andare d’accordo” con la propria musica. Festa per uno? Sì grazie.

Over-Ears

In poche parole: le cuffie hi fi over-ears sono cuffie che si trovano “sopra le orecchie”. Il design del padiglione auricolare copre comodamente le orecchie e questo aiuta anche a ridurre drasticamente i disturbi del rumore esterno. Conosciuti anche come overhead, hanno driver enormi che in genere vanno da 25 mm a 50 mm. Ciò si traduce in un’eccellente riproduzione dell’audio. Quindi, possono essere sintonizzati su un grande dettaglio per ottenere l’output desiderato. Ad esempio, è possibile regolare i bassi o il bilanciamento di un V-MODA Crossfade 2 Wireless  in base alle proprie preferenze.

Ci sono una varietà di lattine basate sull’uscita (sì, questo è davvero un gergo interessante per le cuffie in generale, ma non per le orecchie) che soddisfano tutti, dai basshead ai produttori di musica professionisti che preferiscono le frequenze piatte per scopi di monitoraggio e tutti in mezzo. La maggior parte dei professionisti, musicisti e audiofili preferisce utilizzare cuffie hi fi over-ear per la loro uscita audio e comfort. A causa delle loro dimensioni e dei padiglioni ben imbottiti, le cuffie possono essere abbastanza comode, particolarmente adatte per quelle lunghe sessioni di ascolto. Beyerdynamic DT 880 Pro e Audio Technica ATH M50x sono alcuni dei migliori esempi di cuffie di riferimento che il denaro può acquistare.

A causa delle loro dimensioni, gli auricolari possono ospitare vari tipi di tecnologie di guida. Driver dinamici, cuffie magnetiche elettrostatiche e planari sono alcuni tipi di tecnologia dei driver che possono essere facilmente incorporati qui. L’ Audeze LCD-3 con driver magnetici planari è un notevole esempio di progresso nella tecnologia audio. Per quanto riguarda i design dei padiglioni, le sovracaricature sono di due tipi: schienali aperti e schienali chiusi. La maggior parte delle cuffie che si vedono in giro sono chiuse. L’idea principale alla base di questo design è quella di evitare la fuoriuscita dell’audio prodotto dal driver nel padiglione auricolare. Questo tende a influenzare la produzione complessiva. Quindi, come avrai intuito, i dorsi aperti consentono all’audio di lasciare il padiglione in modo calcolato per offrire un output più naturale. HiFiMAN HE560 o Le Sennheiser HD 800 sono buoni esempi di cuffie aperte.

Ora che conosci i tipi di cuffie hi fi, sarebbe utile sapere che le cuffie sono dotate di una serie di funzionalità che ne aumentano l’usabilità. Cose come un microfono in linea per rispondere alle chiamate sul telefono, controlli del volume, opzioni wireless in Bluetooth: l’elenco è infinito. Ricorda solo che le preferenze di ognuno sono diverse. Alcuni potrebbero preferire le in-ears piuttosto che le over-ears, e va benissimo. Prenditi il ​​tuo tempo per decidere quale paio di cuffie o auricolari è più adatto alle tue esigenze specifiche.

Buon ascolto!

No Comments
Comunicati

Come funzionano i prestiti? Facciamo chiarezza


Come funzionano i prestiti. Questa ed altre domande troveranno risposta in questa breve guida sui finanziamenti.

Quando prendi in prestito denaro sotto forma di prestito, dovrai rimborsare l’importo del prestito più gli interessi entro un certo periodo di tempo. Questo rimborso avviene in genere per tutta la durata del prestito, che si tratti di tre o 30 anni.

Prima di firmare l’accordo per ottenere il tuo nuovo prestito, è utile capire esattamente come il tuo pagamento verrà applicato al tuo prestito nel tempo.

come funzionano i prestiti

Come funzionano i prestiti

Un prestito, che possono essere richiesti in filiale oppure sotto forma di prestiti online, è un impegno che tu (il mutuatario) riceverai denaro da un prestatore e rimborserai il totale preso in prestito, con interessi aggiuntivi, in un periodo di tempo definito. I termini di ogni prestito sono definiti in un contratto fornito dal prestatore. I prestiti garantiti sono prestiti in cui i mutuatari possono costituire un bene (come una casa) come garanzia. Ciò dà al prestatore più fiducia nel prestito. I prestiti non garantiti sono prestiti approvati senza garanzie, quindi il prestatore si assume un rischio maggiore.

In che modo la cronologia del credito influisce sul tasso di interesse?

Prima di poter contrarre un prestito garantito su chirografario, devi prima fare domanda. Le istituzioni finanziarie e gli istituti di credito faranno prima una soft credit pull per confermare che soddisfi i requisiti minimi da applicare. Se procedi con una domanda, l’istituto di credito eseguirà un controllo del credito per rivedere la tua storia creditizia.

Se vuoi rivedere la tua storia creditizia puoi richiedere un rapporto di credito da una delle principali agenzie di credito; Experian, Transunion ed Equifax. Puoi richiedere un rapporto gratuito ogni anno a ciascun prestatore, in modo da poter vedere cosa esaminerà un istituto di credito.

La tua affidabilità creditizia avrà un ruolo nel tasso di interesse offerto. Se hai un buon punteggio di credito, il prestatore avrà più tranquillità che rimborserai il tuo prestito e ti offrirà un tasso di interesse inferiore o forse una maggiore quantità di denaro. Se hai un punteggio di credito inferiore, potresti voler aumentare il tuo punteggio prima di inviare una domanda di prestito per vedere un’offerta di prestito migliore.

Come vengono calcolati gli interessi?

Il tasso di interesse è la proporzione di un prestito che il mutuatario paga in aggiunta al capitale dovuto. Consideralo come la commissione che paghi al prestatore per l’utilizzo dei suoi soldi. Come per i tipi di prestito, ci sono molti diversi tipi di tassi di interesse offerti:

Semplice

I tassi più chiari e semplici vengono semplicemente moltiplicati per il capitale ad ogni periodo di pagamento per trovare l’interesse dovuto. Ad esempio, se prendi in prestito $ 2.000 da un membro della famiglia e chiedono un interesse del 5% quando li ripaghi per il prestito in un anno, alla fine del periodo di rimborso dovresti loro $ 2100.

Composto

Comune per carte di credito e conti di risparmio, i tassi composti addebitano interessi sul capitale e sugli interessi precedentemente guadagnati. Ad esempio, se prendi in prestito $ 2.000 a un tasso del 5% in un anno, dovresti $ 100 di interessi nel primo anno. Nel secondo anno, dovresti $ 2.205, poiché in quell’anno calcoleresti un pagamento di interessi del 5% su $ 2.100.

Ammortizzato

I prestiti ammortizzati sono progettati in modo che il mutuatario paghi un importo maggiore di interessi, piuttosto che il capitale, all’inizio del prestito. Nel tempo l’importo del capitale in ogni pagamento aumenterà, riducendo il capitale e l’importo degli interessi addebitati sul capitale. Mentre i pagamenti dovuti rimangono gli stessi nel corso degli anni, ciò a cui va il pagamento (capitale vs. interessi) cambia durante la durata del prestito. Questi sono popolari per auto o mutui per la casa.

Fisso

Un tasso di interesse fisso sarà definito in anticipo e rimarrà lo stesso per tutta la durata del prestito. Ciò rende prevedibile il budget per i pagamenti.

Variabile

I tassi variabili (o regolabili) cambiano durante la durata del prestito per riflettere le variazioni del tasso di interesse di mercato. Ciò significa che il tasso di interesse per il prestito potrebbe aumentare o diminuire nel corso della durata del prestito.

Come funziona il pagamento di un prestito?

Quindi come funzionano i prestiti? I prestiti vengono pagati in incrementi predefiniti per il periodo definito. Supponiamo che tu effettui pagamenti mensili per il tuo prestito auto, ogni pagamento coprirà gli interessi dovuti e una parte del capitale. Più soldi puoi applicare a un pagamento significa più capitale che elimini in ogni pagamento. Pagare il capitale e concludere rapidamente un prestito significa che puoi risparmiare denaro che avresti speso per il pagamento degli interessi.

Come cambiano i pagamenti nel corso della durata di un prestito?

Man mano che il capitale dovuto per il prestito si riduce ad ogni pagamento, si accumulano meno interessi. Ciò significa che nel tempo vedrai sempre meno del tuo pagamento mensile andare a pagamenti di interessi e più al capitale ancora dovuto. Questo è più facile da vedere nei prestiti di 15 o 30 anni che si spostano gradualmente su un periodo di tempo più lungo.

In questo articolo abbiamo voluto chiarire al meglio come funzionano i prestiti, per dubbi o domande consulta il nostro portale e-risparmio.it

No Comments
Salute e Benessere

Riflessologia plantare. L’antica arte del benessere attraverso il piede

La teoria alla base della riflessologia plantare è che ci sono alcuni punti o “aree riflesse” sui piedi e sulle mani che sono connessi energeticamente a specifici organi e parti del corpo attraverso i canali energetici del corpo.

Applicando una pressione sulle aree riflesse, si dice che un riflessologo rimuova i blocchi di energia e promuova la salute nell’area del corpo correlata. Ecco alcuni esempi di aree riflesse e delle relative parti del corpo:

  • Le punte delle dita dei piedi riflettono la testa
  • Il cuore e il torace sono attorno alla palla del piede
  • Il fegato, il pancreas e il rene sono nell’arco del piede
  • La parte bassa della schiena e l’intestino sono verso il tallone
Sebbene le radici della riflessologia risalgano all’antico Egitto e alla Cina, William H. Fitzgerald, un medico di orecchio, naso e gola, introdusse questo concetto di “terapia di zona” nel 1915. Il fisioterapista americano Eunice Ingram sviluppò ulteriormente la teoria delle zone negli anni ’30 in quella che è conosciuta come la riflessologia moderna.
Se vuoi imparare queste tecniche ti consiglio questo corso di Riflessologia plantare.

riflessologia plantare

Come funziona la riflessologia plantare?

la riflessologia plantare è una pratica di vecchia scuola di toccare determinati punti del piede che corrispondono ad altri punti del corpo per tutti i tipi di benefici. “La riflessologia è punti di pressione sul piede che sono energicamente collegati ad altre aree del corpo”, spiega Juhi Singh , erborista cinese, agopuntore e fondatore del Juhi Center. “Diversi punti sui piedi possono aiutare a stimolare e trasmettere energia agli organi in tutto il resto del corpo. Ad esempio, i punti sulla punta delle dita dei piedi possono stimolare la testa, mentre la palla del piede può riflettersi nel cuore e nel petto.”

Tutto quello che devi fare è stimolare questi punti e funziona come una sorta di altoterapia per una moltitudine di benefici per la salute. “La riflessologia, nota anche come terapia di zona, è una terapia alternativa che prevede l’applicazione della pressione ai piedi con l’aiuto di pollice, dita e puntelli senza l’uso di olio o lozione”, afferma Naveen Sharma, consulente di naturopatia presso il Centro benessere YO1 nel Catskills di New York. I vantaggi di farlo? “Puoi migliorare la circolazione sanguigna, migliora la risposta nervosa nel tuo corpo e ti dà livelli di energia equilibrati.”

In sostanza, è un po’ come i tuoi riflessi ma è legato dal tuo piede agli organi, che sono tutti divisi in diverse zone. “La riflessologia lavora con il sistema nervoso centrale attraverso le terminazioni nervose del nervo periferico”, afferma Sharma. “Applicando una pressione sulle terminazioni nervose periferiche, stimoliamo il centro nervoso correlato a specifici organi del corpo. Il piede, generalmente, è diviso in diverse zone e parti specifiche di esso rappresentano diversi organi nel tuo corpo.”

Perché dovresti aver bisogno della riflessologia?

  • Condizioni di stress e correlate allo stress
  • Tensione mal di testa ed emicrania
  • Disturbi digestivi
  • Artrite
  • Insonnia
  • Squilibri ormonali
  • Lesioni sportive
  • Disturbi mestruali, come  la sindrome premestruale
  • Problemi digestivi, come costipazione
  • Sclerosi multipla
  • Mal di schiena
La riflessologia è anche usata per cure post-operatorie o palliative. Una recensione del 2015 pubblicata su Integrative Cancer Therapies ha scoperto che il massaggio di riflessologia era più efficace per alleviare il dolore da cancro e il dolore correlato alla chirurgia rispetto al massaggio del corpo o al massaggio con aromaterapia.

Com’è una sessione tipica?

Un trattamento tipico dura dai 30 ai 60 minuti e inizia con una forma di anamnesi e una consultazione sulla tua salute e stile di vita. Il riflessologo utilizzerà le informazioni per personalizzare la terapia.

È possibile che ti venga chiesto di rimuovere le scarpe e le calze e di sederti comodamente su una sedia reclinabile o su un lettino da massaggio. Il riflessologo valuterà i piedi e stimolerà vari punti per identificare le aree di tenerezza o tensione.
Movimenti rapidi e massaggio possono essere usati per riscaldare mani e piedi. La pressione delle dita o del pollice viene quindi applicata al piede utilizzando tecniche di riflessologia. Lozione o olio possono essere usati e il riflessologo può anche usare strumenti come palline, spazzole e tasselli.

Riflessologia plantare vs. massaggio ai piedi

Mentre un massaggio ai piedi può sembrare lo stesso di un trattamento di riflessologia, un riflessologo lavorerà sulle aree per promuovere una risposta di guarigione negli organi corrispondenti.

Un massaggiatore che fa un massaggio ai piedi manipolerà i muscoli e altri tessuti molli per migliorare la circolazione, alleviare il dolore e guarire le lesioni nella zona o per indurre il rilassamento generale.

Come si sente la riflessologia?

Molte persone trovano la riflessologia, per la maggior parte, molto rilassante.

La riflessologia non dovrebbe essere dolorosa. Se ti senti a disagio, assicurati di dirlo al riflessologo. Lui o lei dovrebbe lavorare nella tua zona di comfort. Alcune aree possono essere dolenti o dolenti e il riflessologo può dedicare più tempo a questi punti. Il dolore dovrebbe diminuire con la pressione.

Se soffri il solletico, non preoccuparti. Il riflessologo applica una forte pressione ai piedi che non stimolerà il solletico.

Come mi sentirò dopo?

Molte persone si sentono calme e rilassate dopo una sessione di riflessologia. Occasionalmente, alcune persone avvertono nausea, sonnolenza e sbalzi d’umore.

Possibili effetti collaterali e sicurezza

Se hai ulcere del piede, lesioni recenti, ferite al piede o alla caviglia, gotta o una condizione cardiovascolare, la riflessologia potrebbe non essere appropriata o sicura.

La riflessologia può anche non essere adatta a persone con diabete, osteoartrite (che colpisce la caviglia o il piede), problemi circolatori, infezioni attive, calcoli biliari, calcoli renali o alcuni tipi di cancro. Le donne in gravidanza dovrebbero evitare la riflessologia.

Potrebbe interessarti anche: Il benessere viene dall’oriente

No Comments
Marketing Servizi

Prestiti cambializzati: cosa sono e come funzionano


I prestiti cambializzati sono finanziamenti personali non finalizzati che vengono rimborsati mensilmente con cambiali. Spesso vengono richiesti da soggetti che non riescono ad ottenere un altro tipo di prestito e hanno grande urgenza di liquidità.

 

Prestiti cambializzati

Cosa sono i prestiti cambializzati

I prestiti cambializzati sono una forma di finanziamento che viene restituita con cambiali. Questa tipologia viene molto richiesta in caso di grande urgenza di liquidità e quando non sono presenti le condizioni necessarie per ottenere un’altra tipologia di prestito. Sul portale prestiti-cambializzati.com  possiamo trovare tutte le informazioni necessarie per capire come funziona, come richiederlo, come ottenere un preventivo gratuito per prestiti con cambiali.

Si tratta di un prestito personale non finalizzato, ciò significa che non bisognerà presentare alla banca o finanziaria, una documentazione che attesti come verrà utilizzata la liquidità del finanziamento.

In molte situazioni potrebbe essere complicato presentare la documentazione necessaria per dimostrare la finalità del prestito perchè non sempre la liquidità serve per l’acquisto di una casa, ristrutturazione, spese mediche o di altro tipo. In alcuni casi è necessaria ulteriore liquidità, semplicemente per affrontare le spese di tutti i giorni, difficilmente dimostrabili con una documentazione.

Come funzionano i prestiti con cambiali

Al momento della concessione di un prestito con cambiali, è richiesta la firma delle cambiali, o pagherò.

Le cambiali sono dei titoli di credito con valore legale che assicurano il pagamento a chi ha concesso il prestito. Il finanziamento cambializzato viene rimborsato tramite rate mensili, con importo fisso. In realtà è possibile cambiare l’importo delle rate e la durata, durante il corso del finanziamento quindi possiamo dire che si tratta di un prestito flessibile.

La durata massima del prestito cambializzato è di 10 anni e l’importo può variare da 500 € fino a 50.000 €.

A chi si rivolgono i prestiti cambializzati

Essendo una tipologia di prestito particolare, che non richiede particolari garanzie e documentazioni è spesso richiesta da cattivi pagatori, protestati, lavoratori autonomi, soggetti senza busta paga. In alcuni casi però può essere richiesta la presenza di un garante.

Quando si richiede un prestito con cambiali bisogna fare molta attenzione perchè se si saltano delle rate si può facilmente diventare protestati, rischiando il pignoramento dei beni.

Conclusione

I finanziamenti cambializzati non sono molto convenienti ma in alcuni casi sono l’unica soluzione per ottenere liquidità in tempi veloci. Se si ha la possibilità, è consigliabile valutare altre opzioni più convenienti di prestito.

Per alcuni soggetti, come protestati, cattivi pagatori, lavoratori autonomi, freelance, liberi professionisti, partite iva, soggetti senza busta paga i prestiti cambializzati potrebbero essere l’unica possibilità di ottenere un finanziamento in tempi rapidi.

Per valutare questa opzione è possibile anche richiedere preventivi online tramite i comparatori di prestiti e finanziarie online.

Richiedere più preventivi, quando si è alla ricerca di finanziamenti con cambiali, è consigliabile per confrontare le varie proposte e scegliere la soluzione più conveniente.

No Comments
Prodotti

Come funziona il collare antipulci?


Sicuramente quando cerchi un efficace antiparassitario per cani troverai il collare antipulci come un’opzione eccellente. Tuttavia, sai come funziona questo prodotto? Prima di utilizzare qualsiasi prodotto simile, è importante essere chiari sul suo meccanismo d’azione, nonché sulle regole per usarlo e sul tempo di scadenza.

Prima di tutto, devi sapere che il collare antiparassitario è un prodotto altamente riconosciuto sul mercato degli animali domestici. La sua efficacia è dimostrata, in quanto non è un antiparassitario di recente fabbricazione e utilizzo.

collare antipulci

collari antiparassitari per cani hanno anche il vantaggio di avere un’azione preventiva, ti aiutano anche a risolvere il problema delle pulci quando il cane li ha già. Tieni presente che i collari non possono essere utilizzati solo sui cani, ma i gatti reagiscono positivamente ai suoi effetti.

Meccanismo d’azione dei collare antipulci

Avendo chiare le caratteristiche generali del collare antiparassitario,  è importante sapere come funziona. Il collare antipulci è realizzati con un materiale speciale, in cui è incorporata una miscela di insetticidi. Questi si diffondono nei fluidi della pelle e della pelliccia, dal collo, a coprire l’intero corpo.

L’insetticida emesso dal collare antiparassitario  viene assorbito dal parassita, producendo l’inibizione degli enzimi nel sistema nervoso degli acari. Pertanto, la funzione riproduttiva della pulce collassa e accorcia il suo processo di sviluppo. In questo senso, quando si usano  collari antiparassitari per cani  la riproduzione viene inibita, viene respinta e la peste viene uccisa.

L’azione dei collari antipulci  è tossica. Pertanto, non influenza solo il parassita, ma può anche danneggiare l’uomo o il cane stesso.

Suggerimenti per indossare collari antipulci

Il meccanismo di azione e protezione fornito dal collare antiparassitario  è molto efficace, ma questo dipende da diversi fattori. È importante tenere a mente una serie di suggerimenti quando si usano correttamente i collari per la deformazione del cane:

  • Consultare un veterinario per scegliere la composizione ideale in base all’organismo nocivo da combattere.
  • Seleziona marchi riconosciuti che soddisfano gli standard sanitari richiesti.
  • Leggere attentamente le istruzioni prima di indossare la collana.
  • Una volta scoperta la confezione, è consigliabile indossare i guanti, poiché la tossicità è maggiore quando è nuova.
  • Seleziona, preferibilmente, collari che non evaporano i cattivi odori, in modo da non disturbare l’olfatto del tuo cane.
  • Prima di indossarlo, familiarizza il tuo cane con il colletto, ma senza lasciarlo leccare o morderlo.
  • Quando lo si posiziona, è necessario lasciare uno spazio di almeno due dita tra il collo e il colletto.
  • Scegli collane di dimensioni regolabili.
  • Si consiglia di conoscere la data di scadenza e sostituirla quando è scaduta.
  • Controlla eventuali reazioni allergiche quando indossi la collana per la prima volta.
  • Controllare periodicamente la presenza di pulci o zecche, anche se il cane ha il collare di rugiada.
  • Dopo aver toccato o accarezzato un cane con un collare parassita,è necessario lavarsi le mani per evitare l’avvelenamento umano.
  • Fai attenzione ai bambini che vivono con l’animale, per evitare avvelenamenti.

Quanto spesso cambiare il collare antiparassitario

Uno dei vantaggi offerti dal collare antipulci  è il lungo tempo di protezione, poiché a differenza di altri collari antiparassitari, possono durare fino a 8 mesi prima della scadenza.

Collare antiparassitario

Tuttavia, non tutte le varietà di collane hanno la stessa scadenza. Pertanto è importante tenere conto di quanto tempo offre ogni produttore. Inoltre, devono essere presi in considerazione altri fattori, ad esempio quando un collare parassitario è esposto all’acqua per lungo tempo, il suo meccanismo d’azione è probabilmente ridotto.

Se il cane è infestato da parassiti o pulci, anche con il collare, probabilmente dovrà essere sostituito. Questo perché esiste la possibilità che il tempo di azione sia scaduto.

Si consiglia di cambiarlo almeno 2 volte l’anno a seconda del tempo indicato dal produttore. Ad oggi, non ci sono marchi di collane noti che offrono protezione per un anno consecutivo.

Sebbene i collari antiriflesso per cani offrano una protezione efficace, quando il tuo cane ha le pulci è anche l’ideale per combinarli con altri vermifughi.

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere la cuccia da esterno perfetta

No Comments
Prodotti

Calzature di sicurezza, come sceglierle? Comfort e protezione


Come già sappiamo, in un gran numero di lavori l’uso di calzature di sicurezza è obbligatorio  per proteggerci dai rischi che il lavoro può comportare come oggetti pesanti o taglienti, fuoriuscite di liquidi o acidi, aree di lavoro scivolose, calore, elettricità.

Vediamo come sceglierle con la consulenza del portale dedicato alle scarpe antinfortunistiche scarpelavoro.net

calzature di sicurezza

L’evoluzione delle calzature di sicurezza

Anche se si parla di calzature da lavoro, mi viene in mente uno stivale con una punta di ferro pesante e scomoda, il passare degli anni e i progressi tecnologici ci hanno permesso di trovare sul mercato un’ampia varietà di modelli di  scarpe. sicurezza e sicurezza stivali  che oltre ad offrire sicurezza anche fornirci i comfort ed ergonomia, questo elemento di sicurezza di essere amati dai lavoratori.

Tuttavia, ci sono ancora lavoratori che sono riluttanti a indossare scarpe e stivali da lavoro poiché non scelgono il modello di calzatura adeguato per offrire loro comfort e comfort ed è per questo che ora parleremo delle chiavi per scegliere le calzature di sicurezza adatto per ogni lavoratore.

Scelta di calzature di sicurezza

La scelta delle scarpe antinfortunistiche sarà molto importante, poiché saranno sicuramente le calzature che utilizzeremo di più durante la settimana. Pertanto, è necessario scegliere la scarpa che offre sicurezza e comfort.

Ci sono due aspetti fondamentali molto importanti da considerare quando si acquista la  calzatura protettiva più adatta per noi, di cui parleremo di seguito:

  1. Scegli calzature che rispettino le normative e ci proteggano dai rischi

Il primo fatto da tenere presente è che le scarpe o gli stivali che acquistiamo devono essere conformi alle norme di sicurezza ed essere pronti a proteggerci dai rischi del nostro lavoro.

Esistono diversi tipi di protezione a seconda dei rischi da affrontare :

  • Resistenza allo schiacciamento.
  • Sottopiede antiperforazione.
  • Protezione antistatica.
  • Resistenza al calore.
  • Resistente all’acqua.
  • Resistenza ad oli, idrocarburi o altri agenti chimici.
  • Suola antiscivolo.
  • Assorbimento degli urti.
  1. Seleziona comode scarpe di sicurezza che offrano comfort

Dopo aver selezionato i modelli conformi alle normative e preparati a fronteggiare i rischi del nostro lavoro, sarà molto importante scegliere una scarpa di sicurezza confortevole che ci dia un grande comfort e praticità, poiché dovremo sicuramente indossarla un paio d’ore al giorno.
La scelta di scarpe comode e leggere di sicurezza eviterà molti dolori e problemi ai piedi, che tutti gli utenti che hanno indossato scarpe protettive sanno di essere benvenuti.

Suggerimenti per la scelta delle nostre scarpe antinfortunistiche

Una volta nominati i due punti chiave da prendere in considerazione per la scelta delle scarpe da lavoro al fine di ottenere sicurezza e comfort, procederemo ad indicare una serie di suggerimenti che noi professionisti con esperienza nel settore raccomandiamo:

Scarpe antinfortunistiche con garanzia di qualità

Acquista delle scarpe con una garanzia di qualità realizzate con materiali di qualità. I materiali da scegliere devono essere selezionati in base al lavoro che dobbiamo svolgere e ai rischi che devono essere affrontati.

Tipi di calzature di sicurezza

Di seguito puoi trovare la classificazione delle scarpe secondo le normative :

Calzature comode con il massimo comfort possibile

Cercare nelle nostre calzature il maggior comfort possibile è di vitale importanza, dal momento che come hai visto lo abbiamo considerato nei due punti chiave.
Questo dipenderà molto da ogni utente e dai suoi piedi, ma calzature di qualità realizzate con materiali di qualità ci garantiranno sempre un maggiore comfort, poiché saranno più flessibili e leggere.

Consigliamo l’acquisto di scarpe di sicurezza comode, traspiranti, leggere, flessibili, resistenti e facili da pulire ogni volta che sia possibile  .

Scarpe o stivali a seconda della stagione o del tempo

Un altro aspetto importante da considerare è selezionare il tipo di calzatura adeguato alla stagione dell’anno che siamo o alla temperatura del luogo di lavoro. Tuttavia, questo è già molto particolare per le preferenze e il tipo di lavoro di ciascun utente.

Il più comune è indossare scarpe il più traspiranti possibile in estate e stivali che siano impermeabili e proteggano dal freddo in inverno.

Seleziona la misura appropriata delle nostre scarpe antinfortunistiche

L’acquisto della giusta taglia è anche un altro fattore molto importante per garantire comfort durante la nostra giornata lavorativa.
Dobbiamo scegliere le scarpe che sono del nostro numero e che si adattano bene per sentirsi a proprio agio, ma non troppo, dal momento che non saranno date come scarpe da strada; e se va troppo bene potrebbe farci del male.
È importante muovere bene le dita senza sentire pressione.

Potrebbe interessarti anche: Come analizzare gli infortuni attraverso le mappe mentali

No Comments
Scienza e Tecnologia

Porte automatiche, come funzionano?


In questo articolo, scritto con la collaborazione dell’azienda di installazione porte automatiche Cinque P di Piacenza, scopriamo come sono fatte e come funzionano le porte automatiche.

La maggior parte delle porte automatiche utilizza sensori di rilevamento del movimento o sensori ottici. Sono installati sui lati della porta, per attivare l’apertura / chiusura delle porte.

Molte persone tendono a credere che le porte automatiche siano un’invenzione del mondo moderno. Potrebbe sorprenderti sapere invece che le porte automatiche sono in circolazione da quasi mezzo secolo. Nel corso del tempo, queste porte sono diventate tecnologicamente più sofisticate, ma l’idea è in circolazione da un bel po’.

Tutte le porte automatiche, indipendentemente dal tipo o dal design, sono costituite da sensori che aiutano ad attivare l’apertura / chiusura delle porte quando necessario. Diamo un’occhiata ai vari tipi di sensori utilizzati nelle porte automatiche:

installazione porte automatiche

Porte automatiche con sensori di pressione

Negli anni ’60, i “tappeti di controllo” venivano usati come sensori per rilevare l’approccio dei pedoni. Questi tappeti hanno rilevato cambiamenti nel peso / pressione su una specifica area del terreno davanti e dietro le porte. Se il peso riscontrato in una determinata area fosse superiore al limite impostato (il “limite di innesco” era impostato inferiore al peso umano medio), le porte si aprivano.

Il vantaggio di usare questo tipo di sistema era, ed è ancora, che le porte rimangono aperte fino a quando c’è una pressione sul tappeto, o in altre parole, se c’è una persona in piedi / che cammina vicino alle porte. Ciò non solo facilita l’ingresso / l’uscita rapidi, ma impedisce anche alle porte di “chiudersi” su un individuo.

Porte automatiche con rilevatori di movimento o sensori ottici

In questi giorni, tuttavia, la maggior parte delle porte automatiche utilizza sensori di rilevamento del movimento o sensori ottici, che sono installati sui lati della porta, per attivare l’apertura / chiusura delle porte. Questi sensori, come suggeriscono i loro nomi, rilevano o “cercano” un movimento davanti al cancello. In questi sensori, il movimento viene rilevato da un raggio a microonde (10,5 GHz) prodotto da un’antenna installata sull’intestazione della porta e generalmente punta verso il basso e verso l’esterno.

Questi sensori sono abbastanza efficaci, ma hanno un grosso difetto: possono solo rilevare il movimento. Pertanto, una persona che sta ferma o cammina molto lentamente (come gli anziani) potrebbe non essere rilevata, il che può causare incidenti.

Sensori a infrarossi

Questi sensori specializzati utilizzano la tecnologia a infrarossi per attivare l’apertura / chiusura delle porte. Questi sensori rilevano i cambiamenti di temperatura nell’area circostante le porte, quindi quando un individuo si avvicina alle porte, la loro firma di calore viene rilevata dai sensori, che fanno aprire le porte!

Si noti che questi sensori funzionano in modo efficiente da soli, ma sensori diversi sono spesso utilizzati in varie combinazioni in un unico sistema per prevenire singhiozzi o sviste. Ad esempio, i sensori di movimento fanno il loro lavoro innescando il meccanismo di apertura non appena rilevano o “vedono” il movimento davanti alle porte. Tuttavia, se l’individuo si muove troppo lentamente o sta fermo vicino alle porte, i sensori di pressione rilevano il peso dell’individuo e impediscono alle porte di chiudersi fino a quando il peso non viene alleviato, cioè la persona si allontana da essa o passa attraverso la porta .

Come si aprono effettivamente le porte?

Dopo che i sensori rilevano la presenza di un individuo, il lavoro di apertura / chiusura effettiva delle porte deve essere completato. I sensori sono collegati a una trasmissione elettronica, che è collegata ai pannelli della porta tramite un azionamento ausiliario o una ruota dentata. L’azionamento ausiliario è collegato da cinghie di gomma che regolano i movimenti di apertura e chiusura delle porte. Nella parte inferiore di queste porte sono presenti dei rulli che consentono alle porte di scorrere in modo uniforme.

Oggigiorno le porte automatiche sono incredibilmente comode e abbastanza sicure, ma si lavora sempre per scoprire progetti migliori e più intelligenti. Non so te, ma personalmente, mi piacerebbe una porta che si apre con uno schiocco delle dita o un semplice comando parlato.

Potrebbe interessarti anche: Porte automatiche per le aree fumo

No Comments
Scienza e Tecnologia

Cavo USB – Scopriamo come è fatto


In questo articolo, scritto con l’aiuto del portale cavousb.it, scopriamo come è fatto un cavo USB. Oggetto che utilizziamo ogni giorno per collegare i nostri dispositivi.

I cavi USB collegano molti dei nostri dispositivi preferiti al computer, ma la maggior parte di noi non smette di pensare a cosa succede sotto il cofano o sotto la guaina isolante, in modo più preciso.

cavo usb

Il cavo USB

Ci sono alcune parti di base di un cavo USB: ci sono le due estremità di collegamento, i fili all’interno e la guaina attorno ai fili. Il cavo consente il trasferimento di dati tra il computer e il dispositivo collegato tramite USB. Spesso hanno un tallone di ferrite che aiuta a ridurre il “rumore” ad alta frequenza.

I fili

I fili stessi sono in genere fatti di rame o argento, come molti dispositivi elettronici. Questo perché entrambi i metalli sono conduttori particolarmente buoni. Se tagli un cavo USB, vedresti i piccoli fili all’interno, collegati a entrambe le estremità. Questi cavi trasmettono i dati dal punto A al punto B, passando le informazioni lungo. Anche i cavi realizzati con fibre ottiche – vetro ottico ultra-fine che “irradia” segnali avanti e indietro – stanno iniziando a entrare nel mercato.

Perlina di ferrite

Il cordone in alcuni cavi è chiamato tallone di ferrite e viene utilizzato come inibitore delle interferenze ad alta frequenza, poiché tutti i cavi emettono alcune onde radio per natura dell’elettromagnetismo. Come indica il nome, contiene ferrite, una lega di ferro comunemente usata nei magneti. Ciò può aiutare a prevenire il sovraccarico dei cavi USB e garantire un funzionamento regolare riducendo le onde radio ambientali.

Connettori

I connettori alle estremità di un cavo USB sono in genere realizzati in ottone (una lega di rame e zinco) placcati con nichel, sebbene alcuni siano anche placcati in oro. Il flusso “A” è il connettore che si collega al computer, mentre il flusso “B” va al dispositivo. I connettori hanno spesso forme diverse per evitare che gli utenti si confondano su ciò che finisce.

Potrebbe interessarti anche: I migliori caricabatterie USB

No Comments
Rimedi Naturali

Cannabis light. Che cos’è? Facciamo chiarezza sul cbd


Che cos”è la cannabis light? Il CBD ti fa sballare? Quali sono i vantaggi effettivi? Ecco tutto ciò che devi sapere sul prodotto che improvvisamente è ovunque.

Non c’è dubbio che il CBD sia il vivace prodotto per il benessere del momento. Se vivi in ​​uno stato in cui è attualmente legale, potresti pensare che il CBD sia passato dall’essere praticamente ovunque in una volta. Le caffetterie vendono latte in polvere al CBD, le spa offrono trattamenti per il viso con cannabis light, le aziende di bellezza si stanno affrettando a rilasciare lozioni con oli di CBD o di canapa nelle loro formule. E tutti, dal tuo collega ansioso al tuo papà affetto da artrite, iniziano a voler sapere come comprare marijuana online legale.

Ma anche se si sta infiltrando praticamente in ogni angolo del mondo del benessere. Molte persone trovano ancora un po ‘confuso il CBD, specialmente quando si tratta di capire il modo giusto di usarlo e come assicurarsi che le cose stai comprando è in realtà legittimo. Di seguito, abbiamo chiesto agli esperti di rispondere alle domande più urgenti sul CBD.

cannabis light CBD

OK, prima le cose. Che cos’è il CBD?

Il CBD, abbreviazione di cannabidiolo, è un composto chimico della pianta Cannabid sativa, che è anche noto come marijuana o aiuto, secondo la National Library of Medicine degli Stati Uniti .

È una sostanza presente in natura che viene utilizzata in prodotti come oli e eduli per dare una sensazione di relax e calma. A differenza di suo cugino, delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), che è il principale ingrediente attivo della marijuana, il CBD non è psicoattivo.

Effetti della cannabis light

No. La pianta di cannabis è composta da due attori principali: CBD e THC. “Il CBD è la porzione non psicoattiva della pianta, quindi ciò significa che non avrai effetti come l’euforia”, afferma Junella Chin, DO, un medico osteopatico e un esperto di cannabis medica per la cannabisMD . “Non ti sentirai sedato o alterato in alcun modo.”

Ci sono due possibili eccezioni a questo. Il primo è che alcune persone, per ragioni sconosciute, reagiscono in modo diverso al CBD. Secondo il Dr. Chin, circa il 5% delle persone afferma di sentirsi alterato dopo aver assunto il CBD. “Di solito sono le stesse persone che hanno effetti collaterali da Advil o Tylenol”, dice. Non sai mai come il tuo corpo reagirà a qualsiasi nuovo integratore, quindi quando prendi il CBD per la prima volta, fallo in sicurezza sotto controllo.

È anche fondamentale acquistare CBD testato da terze parti per la garanzia della qualità (ne parleremo più avanti). Poiché la FDA non regola il CBD, è possibile acquistare un prodotto più o meno potente di quanto pubblicizzato o che contenga anche piccole quantità di THC.

Da dove viene la canapa?

Probabilmente hai sentito i termini cannabis, marijuana e canapa lanciati in relazione al CBD. La pianta Cannabis sativa ha due specie primarie, la canapa e la marijuana. Entrambi contengono CBD, ma c’è una percentuale molto più alta di canapa, che ha anche livelli molto bassi (meno dello 0,3%) di THC rispetto alla marijuana.

Quando le persone parlano di olio di canapa, si riferiscono all’olio estratto dai semi della pianta di canapa. Non ci sono cannabinoidi – CBD o THC – nell’olio di canapa. Questo ingrediente è ricco di grassi sani e appare spesso nei prodotti di bellezza per i suoi benefici idratanti.

Quali sono i benefici per la salute del CBD?

L’unico farmaco CBD attualmente approvato dalla FDA è Epidiolex, che l’agenzia ha approvato lo scorso anno per il trattamento di alcuni tipi di epilessia. Ma molte persone giurano che il CBD ha aiutato con una serie di altre condizioni di salute , tra cui mal di schiena, artrosi, persino il cancro.

“La mia pratica prevede che i pazienti che camminano ogni giorno chiedano del CBD”, afferma Houman Danesh, MD, direttore della gestione del dolore integrativo per il Mount Sinai Hospital di New York City. Ma mentre ci sono molte prove aneddotiche, dice, “è ancora molto difficile dire” quali sono i benefici reali dovuti a una grave mancanza di ricerca.

“In questo momento, hai solo farmacie che cercano di dare una sorta di senso a ciò e dire:” Sì, funziona per questo “”, dice, “ma non è così che viene praticata la medicina, dovrebbe essere basata su prove e non ci sono molte prove a sostegno di queste affermazioni “.

Potrebbe interessarti anche: Marijuana Legale: le infiorescenze di canapa

No Comments
Business

Come acquistare bitcoin Guida passo passo


Bitcoin è nelle notizie di oggi più che mai. Grazie ai prezzi alle stelle e ad un continuo sali scendi, tutti sono interessati a imparare come vendere e comprare Bitcoin. Come la forma più popolare di criptovaluta ( e la tecnologia blockchain che lo alimenta) Bitcoin è ora ampiamente accettato in tutto il mondo e ha un numero crescente di applicazioni. Prima di poter accedere a tutto ciò, devi prima sapere dove andare per acquistare e archiviarlo.

Ci sono alcuni passaggi che devi compiere per effettuare il tuo primo acquisto, ma se sei pronto e disposto a seguirti, ti insegneremo rapidamente come acquistare Bitcoin.

acquistare bitcoin

Consigli veloci per acquistare bitcoin

Sebbene ogni passaggio tenga in considerazione, questi sono i punti principali che devi considerare quando si tratta di effettuare il tuo primo acquisto di Bitcoin:

  • Installa un portafoglio Bitcoin offline e imposta una password complessa per proteggerlo.
  • Crea un account su Coinbase (e la sua piattaforma di trading, Coinbase Pro, se desideri un controllo aggiuntivo).
  • Scegli il tuo metodo di pagamento preferito.
  • Compra un po ‘di Bitcoin.

Passaggio 1: trova un buon portafoglio Bitcoin

I “portafogli” digitali vengono utilizzati per archiviare Bitcoin fino a quando non si è pronti a spenderli o scambiarli con un’altra valuta. I portafogli variano in termini di funzionalità, piattaforme su cui possono essere utilizzati e sicurezza, quindi è importante sceglierne uno che funzioni per te, anche se probabilmente dovresti evitare quello evangelizzato da John McAfee .

Per iniziare, la soluzione migliore è utilizzare il portafoglio che ti viene fornito automaticamente sul nostro scambio consigliato, Coinbase. Tuttavia, è anche una buona idea impostare un portafoglio che non sia collegato a uno scambio per garantire che avrai accesso immediato al tuo Bitcoin anche in caso di travolgente traffico o chiusura del sito.

Ecco le nostre opzioni consigliate:

Exodus :  un’applicazione offline all-in-one con supporto per una serie di criptovalute, tra cui Bitcoin, Exodus è gratuita da usare, ha un trading con cambio di forma integrato e include alcuni semplici strumenti grafici per aiutarti a visualizzare il tuo portafoglio di criptovaluta.

Micelio :  questo è un popolare portafoglio mobile noto per essere compatibile con tecnologie più avanzate, come i portafogli hardware Trezor (per la massima sicurezza) e Tor.

Bitcoin Core :  una scelta gratuita e open source che funge da nodo Bitcoin, Bitcoin Core fa un ottimo lavoro nella verifica dei pagamenti, accettando solo pagamenti da blockchain validi.

Per dare un’occhiata ad alcuni dei nostri portafogli preferiti, ecco una guida più approfondita ai migliori portafogli Bitcoin .

Nota: anche se un portafoglio online va bene per il tuo primo acquisto di Bitcoin, se ti trovi con molte criptovalute preziose a causa del trading o di un aumento di valore, assicurati di memorizzarlo in un portafoglio “cold storage” offline per la massima protezione.

Passaggio 2: scegli il trader di Bitcoin giusto

Il posto migliore per effettuare il tuo primo acquisto Bitcoin è in uno scambio. Ci sono molti scambi là fuori, con prestazioni variabili. Alcuni sono meno affidabili di altri e alcuni possono essere piuttosto limitati, quindi è importante scegliere lo scambio giusto per cominciare. Ti consigliamo di utilizzare Coinbase , anche se non c’è nulla di male nel controllare la concorrenza utilizzando un sito di confronto di scambi Bitcoin .

La registrazione per un account Coinbase è semplice, anche se dovrai fornire una forma di identificazione. Ciò può comportare l’invio di una copia del tuo ID foto e potenzialmente anche l’invio di un’immagine live del tuo viso tramite webcam. Queste regole sono importanti da seguire in quanto consentono al / ai sito / i di conformarsi alle normative del cliente.

Sebbene Coinbase da solo ti consentirà di acquistare e vendere Bitcoin, vale anche la pena iscriversi alla sua piattaforma di scambio collegata  , Coinbase Pro , che ti darà un maggiore controllo sui tuoi acquisti.

Se preferisci intraprendere un percorso più diretto nell’acquisto di Bitcoin, puoi scegliere di utilizzare un servizio peer-to-peer come LocalBitcoin o BitQuick . Offrono una gamma più ampia di opzioni di pagamento e ti consentono di acquistare Bitcoin direttamente da un venditore senza l’intermediario dello scambio. Se scegli di utilizzarli e prevedi di fare trading di persona, assicurati di incontrarti in un luogo sicuro.

Passaggio 3: selezionare il metodo di pagamento

Gli scambi accettano una varietà di opzioni di pagamento, anche se si dovrebbe fare attenzione ai siti di truffa. Coinbase consente trasferimenti di conto bancario e carta di credito o debito per i pagamenti, anche se una soluzione di pagamento deve essere collegata al tuo conto prima di poter effettuare uno scambio. Coinbase ha recentemente aggiunto PayPal come opzione per il trasferimento, anche se ci sono alcuni avvertimenti.

Nota: i bancomat Bitcoin ti consentono di scambiare Bitcoin in portafogli compatibili con denaro contante. Questi sportelli bancomat sono disponibili in un numero limitato di città  e offrono un’alternativa al prelievo di denaro tramite uno scambio. Ancora una volta, la maggior parte degli scambi e dei portafogli online non tratterà direttamente con i contanti.

Passaggio 4: acquista alcuni Bitcoin e conservali nel tuo portafoglio

Gli scambi ti forniscono informazioni su quanti (o quanti) bitcoin puoi acquistare per specifiche somme di denaro. Tuttavia, a causa della sua natura volatile, i prezzi dei bitcoin possono variare notevolmente in base allo scambio e di momento in momento. Ciò significa che anche se hai molti soldi da bruciare, probabilmente comprerai una frazione di Bitcoin. Non c’è niente di sbagliato in questo, e per la maggior parte delle persone, questa è la strada che seguiranno, poiché pochi ma i ricchi possono permettersi più Bitcoin in una volta sola.

Per fare il tuo primo scambio, inserisci la quantità di Bitcoin che desideri acquistare nel campo fornito e fai clic sul pulsante Acquista. Su Coinbase o Coinbase Pro, questo sarà un ordine di acquisto di mercato di base, che acquisterà Bitcoin al miglior prezzo di mercato. In alternativa, è possibile effettuare un ordine limite, che consente di impostare un prezzo che si è disposti a pagare per un determinato importo e un trade avverrà solo se tale importo si presenta a quel prezzo.

Una volta effettuato l’acquisto, il tuo nuovo Bitcoin verrà archiviato nel tuo portafoglio Coinbase. Dovresti quindi cercare l’opzione per trasferire questi fondi all’indirizzo del portafoglio Bitcoin che hai creato che è fuori borsa. Dovrai pagare una piccola commissione per farlo, ma questo è parte integrante dei trasferimenti Bitcoin. Fortunatamente, le commissioni per tali operazioni sono lontane dal loro picco.

Nota importante: i trasferimenti di bitcoin possono essere un po ‘sporadici. A differenza di altre negoziazioni in valuta, quando acquisti fondi Bitcoin, la transazione deve essere registrata nella blockchain e confermata. Questo può richiedere del tempo, soprattutto durante le ore di trading. Non è raro che un trade impieghi un’ora o due per essere completato, quindi potresti non voler saltare immediatamente sul tuo conto e iniziare a spostare fondi.

Passaggio 5: preparati a usarlo

Sia che tu preveda di vendere il tuo Bitcoin (eventualmente con profitto) o di usarlo per acquistare qualcosa, sii pronto a farlo in un momento. Il valore di Bitcoin oscilla in modo piuttosto selvaggio, quindi è importante che il tuo gioco finale sia pianificato all’inizio. Preparati a creare un account venditore ora o scopri come acquistare ciò che desideri con esso prima di iniziare effettivamente a effettuare un acquisto. In questo modo, quando sarà il momento, non avrai fretta nel completare le tue transazioni.

Per uno sguardo a dove puoi spendere il tuo Bitcoin, ecco un elenco di  negozi online compatibili . Leggi sempre le recensioni e la stampa fine prima di effettuare qualsiasi acquisto o scambio con il tuo Bitcoin.

Potrebbe interessarti anche: Oro e Bitcoin esiste una relazione ?

No Comments
Salute e Benessere

Preservativo rotto – Come comportarsi?

Il preservativo si è rotto o è scoppiato durante il rapporto? Molte coppie si preoccupano di una possibile gravidanza indesiderata. Anche se il preservativo è scivolato via, molte donne si chiedono: sono incinta nonostante il preservativo?

In questa guida, redatta con l’aiuto del portale di preservativi online Picaboo, offre maggiori informazioni su possibili cause e rischi in caso di un preservativo rotto e su cosa fare in tal caso.

preservativo rotto

Perché il preservativo si è rotto?

Se il preservativo è strappato, è spesso dovuto a materiale fragile: i preservativi sono realizzati in lattice o poliuretano e hanno una durata fino a quattro o cinque anni. Il produttore garantisce questa durata solo se i preservativi sono conservati correttamente. Soprattutto, i preservativi non devono essere esposti a calore eccessivo, ad esempio, non al sole. Il materiale – nella maggior parte dei casi è in lattice – altrimenti diventa fragile e permeabile. La conseguenza è che si strappa facilmente quando viene utilizzato.

Anche la gestione di un preservativo richiede attenzione: il pacchetto non deve essere aperto con le unghie appuntite, le forbici o un coltello per evitare possibili danni. Quando si usano creme lubrificanti, è necessario assicurarsi che siano a base d’acqua, altrimenti attaccheranno il materiale del preservativo.

Un’altra possibile spiegazione se il preservativo è scoppiato è nella dimensione sbagliata del preservativo: un preservativo che è troppo piccolo o troppo piccolo può facilmente esplodere durante il rapporto. Questo rischio è ancora maggiore se è stato precedentemente immagazzinato in modo errato o danneggiato da oggetti appuntiti o unghie quando la confezione è stata aperta.

Preservativo rotto: cosa fare?

I preservativi non solo proteggono dalla gravidanza. Inoltre impediscono al partner di trasmettere eventuali malattie infettive a trasmissione sessuale. Tuttavia, se il preservativo viene strappato nel mezzo del rapporto, questa protezione non esiste più. Dovresti immediatamente interrompere il sesso e risciacquare le zone intime per ridurre il rischio di infezione.

Preservativo scivolato

Se il preservativo è scivolato nel mezzo del rapporto sessuale, c’è solo un rimedio. Estrarlo dalla cavità vaginale con le dita e tenerlo chiuso in modo che lo sperma, che potrebbe già essere al suo interno, non entri nella vagina. Per proteggere da possibili infezioni, sono già state menzionate le misure precauzionali e, se vi è ragionevole sospetto o incertezza, si consiglia una visita dal medico.

Incinta nonostante il preservativo

Nella maggior parte dei casi, se le donne rimangono incinte nonostante il preservativo, la ragione è la manipolazione errata del preservativo. Il preservativo è stato indossato troppo tardi, in modo che un po’ di sperma potesse arrivare all’esterno del preservativo, le mani o l’ingresso vaginale. Oppure il preservativo è strappato, fatto scivolare o scoppiare.

Vai dal dottore

Se il preservativo si strappa , scoppia o scivola durante il sesso e sospetti una gravidanza, dovresti andare dal medico per garantire la sicurezza. Se sei appena stato nella fase fertile del tuo ciclo, potrebbe consigliarti di prendere la pillola del giorno dopo.

No Comments
Salute e Benessere

Come smettere di fumare senza fare fatica

Pronto a smettere di fumare? Questi suggerimenti ti aiuteranno a sopprimere l’abitudine della sigaretta per sempre.

Perché smettere di fumare è così difficile?

smettere di fumare

Conosciamo tutti i rischi per la salute del fumo, ma ciò non semplifica l’abitudine. Che tu sia un fumatore adolescente occasionale o un fumatore impacchettato a vita, smettere di fumare può essere davvero difficile.

Fumare tabacco è sia una dipendenza fisica che un’abitudine psicologica. La nicotina delle sigarette fornisce un effetto temporaneo e avvincente. L’eliminazione di quella correzione regolare di nicotina fa sì che il tuo corpo manifesti sintomi di astinenza e voglie. A causa dell’effetto “sentirsi bene” della nicotina sul cervello, potresti ricorrere alle sigarette come un modo rapido e affidabile per migliorare la tua visione, alleviare lo stress e rilassarti. Il fumo può anche essere un modo per affrontare la depressione, l’ansia o addirittura la noia. Abbandonare significa trovare modi diversi e più sani per far fronte a tali sentimenti.

Il fumo è anche radicato come un rituale quotidiano. Potrebbe essere una risposta automatica per te fumare una sigaretta con il tuo caffè mattutino, mentre fai una pausa al lavoro o a scuola o alla casa di lavoro alla fine di una giornata frenetica. O forse i tuoi amici, familiari o colleghi fumano, ed è diventato parte del modo in cui ti relazioni con loro.

Per smettere di fumare con successo, dovrai affrontare sia la dipendenza che le abitudini e le routine che ne derivano. Ma si può fare. Con il giusto supporto e il piano di abbandono, qualsiasi fumatore può liberarsi dalla dipendenza, anche se hai già provato e fallito più volte.

Il tuo piano personale per smettere di fumare

Mentre alcuni fumatori smettono con successo andando in Turchia fredda, la maggior parte delle persone fa meglio con un piano su misura per rimanere in pista. Un buon piano di abbandono affronta sia la sfida a breve termine di smettere di fumare sia la sfida a lungo termine di prevenire la ricaduta. Dovrebbe anche essere adattato alle tue esigenze specifiche e abitudini al fumo.

Domande da porsi prima di smettere di fumare

Prenditi il ​​tempo per pensare a che tipo di fumatore sei, quali momenti della tua vita richiedono una sigaretta e perché. Questo ti aiuterà a identificare quali suggerimenti, tecniche o terapie possono essere più utili per te.

Sei un fumatore molto forte (più di un pacchetto al giorno)? O sei più un fumatore sociale? Un semplice cerotto alla nicotina farebbe il lavoro?

Ci sono alcune attività, luoghi o persone che associ al fumo? Senti il ​​bisogno di fumare dopo ogni pasto o ogni volta che fai una pausa caffè?

Raggiungi le sigarette quando ti senti stressato o giù? O il fumo di sigaretta è collegato ad altre dipendenze, come l’alcol o il gioco d’azzardo?

Identifica i tuoi fattori scatenanti il ​​fumo

Una delle cose migliori che puoi fare per aiutarti a smettere è identificare le cose che ti fanno venir voglia di fumare, comprese situazioni specifiche, attività, sentimenti e persone.

Tieni un diario

Un diario può aiutarti a concentrarti. Per una settimana o giù di lì fino alla data di chiusura, tenere un registro del fumo. Nota i momenti di ogni giorno in cui brami una sigaretta:

  1. Che ora era?
  2. Quanto è stata intensa la brama (su una scala da 1 a 10)?
  3. Cosa stavi facendo?
  4. Con chi eri?
  5. Come ti sentivi?
  6. Come ti sei sentito dopo aver fumato?

Fumi per alleviare i sentimenti spiacevoli?

Molti di noi fumano per gestire sentimenti spiacevoli come stress, depressione, solitudine e ansia. Quando hai una brutta giornata, può sembrare che le sigarette siano le tue uniche amiche. Con tutto il comfort delle sigarette, tuttavia, è importante ricordare che esistono modi più sani ed efficaci per tenere sotto controllo i sentimenti spiacevoli. Questi possono includere esercizi, meditazione, strategie di rilassamento o semplici esercizi di respirazione.

Per molte persone, un aspetto importante di smettere di fumare è trovare modi alternativi per gestire questi sentimenti difficili senza ricorrere alle sigarette. Anche quando le sigarette non fanno più parte della tua vita, rimarranno comunque i sentimenti dolorosi e spiacevoli che potrebbero averti spinto a fumare in passato. Quindi vale la pena dedicare un po ‘di tempo a pensare ai diversi modi in cui intendi affrontare le situazioni stressanti e le irritazioni quotidiane che normalmente ti farebbero illuminare.

Suggerimenti per evitare errori comuni

Alcol. Molte persone fumano quando bevono . Prova a passare a bevande analcoliche o bevi solo in luoghi in cui è vietato fumare all’interno. In alternativa, prova a fare uno spuntino con le noci, masticare un bastoncino da cocktail o succhiare una cannuccia.

Altri fumatori. Quando amici, familiari e colleghi fumano intorno a te, può essere doppiamente difficile rinunciare o evitare ricadute. Parla della tua decisione di smettere in modo che le persone sappiano che non saranno in grado di fumare quando sei in macchina con loro o fare una pausa caffè insieme. Sul posto di lavoro, trova i non fumatori con cui fare delle pause o trova altre cose da fare, come fare una passeggiata.

Fine di un pasto Per alcuni fumatori, terminare un pasto significa accendersi e la prospettiva di rinunciare può sembrare scoraggiante. Tuttavia, puoi provare a sostituire quel momento dopo un pasto con qualcos’altro, come un pezzo di frutta, un dessert sano, un quadrato di cioccolato o un bastoncino di gomma.

Far fronte ai sintomi di astinenza da nicotina

Una volta che smetti di fumare, probabilmente sperimenterai una serie di sintomi fisici mentre il tuo corpo si ritira dalla nicotina. L’astinenza da nicotina inizia rapidamente, di solito inizia entro un’ora dall’ultima sigaretta e raggiunge il picco due o tre giorni dopo. I sintomi da astinenza possono durare da alcuni giorni a diverse settimane e differire da persona a persona.

I sintomi comuni di astinenza da nicotina includono:

  1. Voglie di sigaretta
  2. Irritabilità, frustrazione o rabbia
  3. Ansia o nervosismo
  4. Difficoltà a concentrarsi
  5. Irrequietezza
  6. Appetito aumentato
  7. Mal di testa
  1. Insonnia
  2. Tremori
  3. Tosse aumentata
  4. Fatica
  5. Stipsi o mal di stomaco
  6. Depressione
  7. Diminuzione della frequenza cardiaca

Per quanto spiacevoli possano essere questi sintomi di astinenza, è importante ricordare che sono solo temporanei. Miglioreranno in poche settimane man mano che le tossine vengono eliminate dal tuo corpo. Nel frattempo, fai sapere ai tuoi amici e alla tua famiglia che non sarai il tuo solito io e chiedi la loro comprensione.

Aiutati con un libro per smettere di fumare

Online ci sono a disposizione tantissimi libri per smettere di fumare. Tra tutti, consigliamo di considerare quelli scritti da Allen Carr, noto autore ed esperto consulente per chi vuol smettere di fumare.

Gestisci il desiderio di sigarette

Mentre evitare i fattori scatenanti del fumo contribuirà a ridurre la voglia di fumare, probabilmente non puoi evitare del tutto il desiderio di sigarette. Fortunatamente, le voglie non durano a lungo, in genere circa 5 o 10 minuti. Se sei tentato di accenderti, ricorda a te stesso che il desiderio passerà presto e prova ad aspettare. Aiuta ad essere preparato in anticipo avendo strategie per far fronte alle voglie.

Distraiti. Lavare i piatti, accendere la TV, fare la doccia o chiamare un amico. L’attività non importa fintanto che ti toglie la testa dal fumo.

Ricordati perché hai smesso. Concentrati sulle tue ragioni per smettere, tra cui i benefici per la salute (ad esempio riducendo il rischio di malattie cardiache e cancro ai polmoni), un aspetto migliore, i soldi che stai risparmiando e una maggiore autostima.

Esci da una situazione allettante. Dove sei o cosa stai facendo può scatenare il desiderio. In tal caso, un cambiamento di scenario può fare la differenza.

Premiati. Rinforza le tue vittorie. Ogni volta che trionfi su una brama, concediti una ricompensa per mantenerti motivato.

No Comments
Scienza e Tecnologia

Guida completa sul miglior monopattino elettrico del 2019


Se stai pensando di acquistare un monopattino elettrico, sei arrivato nel posto giusto perché ti mostreremo i confronti e le analisi dei migliori attualmente in commercio.

Inoltre, spiegheremo quali tipi di monopattino elettrico hai a tua disposizione e quali sono i fattori che devi tenere in considerazione per acquistare quello più adatto a te .

E infine, ti mostreremo anche quali vantaggi hanno i monopattini elettrici, quanto vanno forte e dove acquistare il tuo monopattino al miglior prezzo .

Confronti e analisi dei migliori monopattini elettrici del 2019

monopattino elettrico

Tipi di monopattini elettrici

Tutti gli monopattini elettrici condividono alcune caratteristiche ma hanno anche differenze significative che dovresti sapere in modo da scegliere quello più adatto a te.

Ci sono monopattini elettrici con manubri , senza manubrio , con sedile , senza sede , pieghevoli , di una ruota , 2 ruote ,  per adulti e bambini .

Il monopattino elettrico con manubrio è il modello di monopattino più classico.

Di solito ha 2 ruote situate a ciascuna estremità del monopattino ed è una dei più utilizzati dagli adulti per andare al lavoro .

Esistono anche diversi tipi di monopattino elettrico senza manubrio , hoverboard , monociclo e skateboard .

L’ hoverboard  è uno dei modelli più recenti che i bambini e gli adolescenti di solito usano per divertirsi, anche se ci sono anche adulti che osano usarlo.

Per farlo circolare, inclina il tuo corpo nella direzione in cui vuoi andare.

Questo tipo di monopattino elettrico ha due ruote su ciascun lato e di solito ha un design divertente con luci integrate.

Il monociclo elettrico è uno scooter a ruota singola che viene solitamente utilizzato per spostarsi in città e anche se richiede alcune ore di pratica per dominarlo, è molto pratico perché può essere riposto ovunque a causa del poco spazio che occupa.

E infine, all’interno dei monopattini elettrici senza manubrio, abbiamo lo skateboard elettrico .

Esistono 2 tipi di skateboard elettrici ,  skate e  longboard .

E sebbene lo skateboard elettrico sia solitamente associato ai giovani, sempre più adulti lo usano per muoversi in città poiché è ideale per muoversi comodamente su superfici dure come marciapiedi, asfalto e rampe.

Quale monopattino elettrico comprare?

Il miglior monopattino elettrico che puoi acquistare è quello più adatto alle tue esigenze .

Per scegliere quello più adatto, è essenziale essere chiari su chi lo userà e quale scopo gli darà.

Se stai cercando uno monopattino elettrico per bambini , probabilmente hai bisogno di uno a bassa potenza.

In questo caso, consigliamo monopattini elettrici, hoverboard e skateboard a bassa potenza da 120W o 250W.

Se stai cercando uno monopattino elettrico per adulti o adolescenti, sicuramente hai bisogno di uno scooter di maggiore potenza che supporti più chili di peso.

In questo caso, consigliamo monopattini elettrici, monocicli elettrici e longboard ad alta potenza da 500W a 1000W.

Vantaggi dei monopattini elettrici

Attualmente, la domanda di monopattini elettrici è salita alle stelle nelle grandi città a causa della quantità di vantaggi di questi nuovi veicoli.

I monopattini elettrici possono essere utilizzati in modo ricreativo, ma sono anche un’ottima alternativa al trasporto urbano .

Il vantaggio più evidente è che non abbiamo bisogno di fare alcuno sforzo per muoverci grazie al motore elettrico che hanno incorporato.

Un altro dei vantaggi più interessanti è la sua dimensione ridotta .

Possiamo andare a lavorare con uno monopattino elettrico e riporlo comodamente in ufficio.

I problemi per parcheggiare l’auto o la moto sono finiti!

Un altro vantaggio è il loro peso ridotto .

Uno monopattino elettrico di solito pesa tra 10 e 15 chili, quindi possiamo metterlo nella sua borsa e appenderlo sulla schiena se ne abbiamo bisogno.

E nonostante il loro peso ridotto, non sono fragili perché alcuni di loro possono trasportare persone che pesano fino a 120 chili .

Inoltre, un monopattino elettrico non emette gas inquinanti come fanno le auto e le motociclette.

E anche se è vero che una bicicletta è anche un mezzo di trasporto sostenibile, tuttavia non è facile da riporre come un monopattino.

E infine, i monopattini elettrici sono più economici della maggior parte dei veicoli motorizzati come auto e moto.

Sono anche più economici della maggior parte delle biciclette elettriche.

In breve, si tratta di un veicolo motorizzato piccolo, leggero, resistente, economico ed ecologico.

Quanto va forte un monopattino elettrico?

La velocità massima varia in base alla loro potenza.

I monopattini meno potenti sono da 120 W e raggiungono una velocità massima di 12 km/h.

I più potenti possono arrivare fino a 2000W e raggiungono una velocità massima di 45 km/h.

Quelli per bambini di solito funzionano meno di quelli per adulti.

I monopattini elettrici più veloci sono ideali per gli adulti che vogliono andare a lavorare rapidamente, ma devi sempre rispettare il limite di velocità legale per questi tipi di veicoli in ogni paese.

Dove acquistare il miglior monopattino elettrico per te?

Ti consigliamo di acquistare il tuo scooter elettrico su un sito specializzato come ilmonopattinoelettrico.com per la sua variegata offerta, prezzi, opinioni e per la possibilità di restituzione nel caso in cui non sei soddisfatto del tuo acquisto.

Nella pagina di ogni monopattino elettrico che ilmonopattinoelettrico.com vende, puoi trovare opinioni che ti aiuteranno molto a prendere la decisione di acquisto finale.

Inoltre, su sito puoi confrontare molti prezzi e scegliere quello più adatto al tuo budget.

No Comments
Salute e Benessere

Postura corretta perché è importante averla


postura corretta“Stai dritto” È un consiglio senza tempo che probabilmente tutti abbiamo sentito prima o poi in relazione alla corretta postura. Vale la pena ascoltare alcuni consigli. Una corretta postura è importante per bilanciare il proprio corpo: in posizione eretta, si centra il peso sui piedi. Questo ti aiuta anche a mantenere la forma corretta durante l’esercizio, il che si traduce in un minor numero di lesioni e maggiori guadagni in salute. Lavorare in equilibrio può anche rafforzare le tue abilità nel tennis, nel golf, pilates, nella corsa, nella danza, nello sci – e praticamente in qualsiasi altro sport o attività.

Non sei un atleta? Vale ancora la pena avere un buon equilibrio. Anche solo per camminare o scendere le scale richiede un buon equilibrio. Come per esempio alzarsi da una sedia, salire e scendere le scale, portare e sollevare pacchi e persino voltarsi a guardare dietro di te.

Anche la cattiva postura non è necessariamente una cattiva abitudine. Le ragioni fisiche per una cattiva postura includono:

  • Muscoli non flessibili che riducono la gamma di movimento (fino a che punto un’articolazione può muoversi in qualsiasi direzione). Ad esempio, i muscoli dell’anca troppo stretti e accorciati tirano in avanti la parte superiore del corpo e interrompono la postura. I muscoli toracici troppo stretti possono spingere le spalle in avanti.
  • La forza muscolare influisce sull’equilibrio in vari modi. I “muscoli centrali” della schiena, del lato, del bacino e dei glutei formano un solido legame centrale tra la parte superiore e inferiore del corpo. I muscoli deboli dell’addome incoraggiano il rilassamento, che inclina il corpo in avanti e quindi ne risente l’equilibrio. Forti muscoli delle gambe aiutano anche a mantenerti stabile quando sei in piedi.

La buona notizia: puoi migliorare la tua postura con alcuni semplici esercizi. Gli allenamenti specifici per l’equilibrio affrontano i problemi di postura e di equilibrio con esercizi che sviluppano la forza dove conta e si allungano per allentare i muscoli tesi. I rapidi controlli della postura allo specchio prima e durante gli esercizi di equilibrio possono anche aiutarti a ottenere il massimo dal tuo allenamento regolare. E aumentare la forza e la flessibilità di base può aiutarti a migliorare la tua postura in modo evidente in poche settimane.

Un valido aiuto si può ottenere con l’ausilio di un correttore posturale. Indossato qualche ora al giorno ti aiuta a mantenere una corretta postura durante l’arco della giornata.

Una postura corretta significa:

  • mento parallelo al pavimento
  • spalle uniformi (ruota le spalle verso l’alto, la schiena e il basso per raggiungere questo obiettivo)
  • colonna vertebrale neutra (nessuna flessione o arco per enfatizzare eccessivamente la curva nella parte bassa della schiena)
  • braccia ai fianchi con gomiti diritti e regolari
  • muscoli addominali rinforzati
  • fianchi rinforzati
  • ginocchia dritte
  • peso corporeo distribuito uniformemente su entrambi i piedi.

Quando ti siedi, tieni il mento parallelo al pavimento; spalle, fianchi e ginocchia ad altezza pari; e le ginocchia e i piedi puntano in avanti.

No Comments
Comunicati

Come camperizzare un furgone


Ecco alcuni suggerimenti per camperizzare il tuo furgone e trasformarlo in un camper autonomo e come assicurarsi che il tuo furgone sia in perfetta forma per soddisfare tutte le esigenze. Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il portale specializzato van-life.it

Innanzitutto ti servirà:

  • Serbatoio d’acqua dolce – 12L a persona per tre giorni
  • Un lavandino collegato a un serbatoio per acque reflue a tenuta stagna
  • Serbatoio acque reflue grigio / nero – 12L a persona per tre giorni, scaricato e monitorato se la capacità è inferiore al serbatoio dell’acqua dolce
  • Tubo di evacuazione – (3 m per serbatoi montati) o abbastanza lungo da collegarsi a un serbatoio portatile sigillato
  • Un bidone della spazzatura con un coperchio
  • Toilette (portatile o fissa) – Deve avere un minimo di 3 litri a persona per tre giorni ed essere utilizzabile all’interno del camper con il letto preparato

come camperizzare un furgone

Meglio fai date o affidarsi ad un professionista?

Se hai le competenze, queste modifiche possono essere fatte da te. Serbatoi d’acqua, lavandini, tubi, ecc. Possono essere acquistati in negozi di ferramenta. Articoli come una toilette a cassetta possono essere acquistati presso i negozi specializzati di camper e campeggio. Altrimenti, suggeriamo di contattare un’azienda specializzata in allestimenti camper.

Suggerimenti per l’installazione di un serbatoio di acqua dolce e di acque grigie.

La maggior parte dei furgoni viene convertita in un camper a 2 posti letto con un letto matrimoniale, un sedile del conducente e un sedile del passeggero. In questo caso sono necessari un serbatoio per acqua dolce da 25 litri e un serbatoio per acque reflue da 25 litri. Sono 12 litri in ciascun serbatoio per ogni persona per un massimo di tre giorni.

Serbatoio di acqua dolce

Utilizzare un contenitore / tanica di plastica opaca stretta da 25 litri come serbatoio dell’acqua dolce. Il serbatoio necessita di un tubo di alimentazione opaco per il lavandino e uno sfiato. Il serbatoio dell’acqua dolce con un rubinetto può anche essere riposto sopra il lavandino con il rubinetto sopra il lavandino.

Serbatoio acque grigie

L’acqua grigia deve defluire dal lavandino attraverso una trappola per l’acqua del tubo flessibile e in un contenitore di plastica opaca da 25 litri utilizzato per le acque reflue grigie. Il tubo flessibile deve essere impermeabile e a prova di perdite. Inoltre, è necessario installare un tubo di sfiato da 6 mm sul serbatoio delle acque reflue che sale sopra il fondo del lavandino e termina all’esterno del furgone.

Dove conservare i serbatoi dell’acqua?

Entrambi i serbatoi dell’acqua devono essere sicuri quando il veicolo è in movimento. Possono essere riposti in un armadio sicuro o fissati con una cinghia removibile. Inoltre, devono essere facilmente accessibili per lo svuotamento e il riempimento senza perdite. Devi essere in grado di conservare il tubo di collegamento e lo sfiato in un armadio separato, un contenitore o un sacchetto di plastica sigillabile per quando sono scollegati dal serbatoio. La maggior parte dei furgoni immagazzina i serbatoi sotto il lavandino o il serbatoio di acqua dolce a volte può essere sopra il lavandino.

Suggerimenti per l’installazione di un wc portatile

Poiché la maggior parte dei camper a 2 posti letto è piuttosto piccola, l’opzione più semplice per utilizzare il tuo spazio è quella di utilizzare una toilette a cassetta o una toilette portatile, piuttosto che una toilette fissa.

Innanzitutto, la toilette deve essere sicura nel veicolo per un movimento minimo per quando il veicolo è in movimento. La toilette deve quindi essere facilmente accessibile per l’uso all’interno del camper con un sacco di spazio per la testa, le gambe e il gomito, anche con il letto fatto.

Ricorda, la toilette deve avere una capacità di 3 litri a persona per tre giorni, quindi è un minimo di 6 litri in un camper da 2 posti letto.

Altri requisiti su come camperizzare un furgone

Due articoli non menzionati sopra, ma necessari sono:

Bidone della spazzatura

Non devi andare troppo di fantasia con questo. Basta un semplice bidone della spazzatura con un coperchio. Tuttavia, ti consigliamo di fissare il cestino della spazzatura con delle corde o avvitarlo su una porta dell’armadio, ad esempio. Esistono bidoni specifici per camper se lo desideri.

Strutture per cucinare e dormire

Per entrambe le soluzioni bisogna munirsi di un minimo di esperienza come falegname poiché difficilmente si trovano mobili perfettamente adattabili ad un furgone. Se vuoi sapere come camperizzare un furgone usa l’ingegno e la fantasia, crea un letto con cassetti incorporati, in modo da sfruttare ogni singolo spazio del letto. Per la cucina, se non vuoi cucinare all’interno del tuo furgone si consiglia di acquistare un fornello da campeggio, anche uno a due fuochi, e di costruire un mobile estraibile (ad esempio dal portellone posteriore), con un vano sottostante per la bombola del gas. Infine installa due gambe pieghevoli (possibilmente regolabili) al tuo mobile in modo da appoggiarsi saldamente a terra.

No Comments