All Posts By

hc_press

Comunicati

HolidayCheck e airberlin stringono una partnership


Per ogni recensione pubblicata su HolidayCheck l’utente guadagna miglia topbonus airberlin

 

Nuovo accordo di partnership tra HolidayCheck e la compagnia aerea tedesca airberlin.
Per ogni recensione di hotel pubblicata su HolidayCheck.it  l’utente colleziona 150 miglia per
volare gratis con la principale compagnia area low cost in Germania.

Georg Ziegler, Head of B2B di HolidayCheck, ha affermato: “Siamo orgogliosi della partnership
con airberlin perché ci permette di offrire un ottimo servizio ai viaggiatori: condividendo le proprie
esperienze di viaggio si avvicinano sempre più alla prossima vacanza”.

Marcus Puffer, Vice Presidente “Loyalty & Partnerships“ di airberlin ha così commentato l‘accordo:
“Siamo felici di avere HolidayCheck come partner per il nostro programma fedeltà.
Gli iscritti al programma topbonus avranno ora la possibilità di collezionare miglia dall’inizio fino
alla fine del viaggio: otterranno miglia durante il volo, dormendo in un hotel affiliato, noleggiando
un’auto ed infine a casa scrivendo su HolidayCheck una recensione  dell’hotel dove hanno
pernottato.”

All’utente iscritto al programma topbonus di airberlin verranno accreditate 150 miglia dopo due
settimane dalla pubblicazione della recensione su HolidayCheck.

Contatto stampa

Rossana Seghezzi
HolidayCheck AG

T +41 (0) 71 686 5367
F +41 (0) 71 686 9008
Skype: rossana.seghezzi
[email protected]

 

HolidayCheck AG  |  Müligässli 1  |  CH-8598 Bottighofen  |  Svizzera
T +41 (0) 71 686 5367  |  F +41 (0) 71 686 9008
[email protected]  |  www.holidaycheck.it
|

No Comments
Comunicati

Londra: tra principi, matrimoni e ospiti sgraditi


Il prossimo 29 aprile si celebrerà a Londra il matrimonio dell’anno tra il Principe William e Kate Middleton. La città si sta già popolando di curiosi che non vogliono perdersi l’evento. Tra questi anche ospiti non proprio graditi: le cimici che invadono gli hotel di Londra, come testimoniano i turisti sul portale HolidayCheck.it .

Piccole, disgustose e pericolose per la salute: le cimici si sono “trasferite” da New York, dove l’anno scorso ci fu un’epidemia, ai letti londinesi, come riportato dagli utenti del più grande portale europeo di recensioni di hotel, HolidayCheck, che parlano di “cimici nel letto”, “schifo”, “punture doloranti” e di essere stati “svegliati dalle cimici nel bel mezzo della notte”.

Il fenomeno non é nuovo alla capitale inglese, ma negli ultimi tempi é stato più la regola che l’eccezione.

Si raccomanda di essere prudenti: questi parassit possono trasmettere malattie, come l’epatite B o l’epatite C, oppure dare origine ad un persistente prurito, a dermatiti o a disturbi della vista.

In questi casi, non si deve esitare a consultare un medico e, ovviamente, a richiedere che venga cambiata la camera.

I viaggiatori si possono tutelare perlustrando l’alloggio al loro arrivo, in modo da assicurarsi che sia pulito. L’odore dolciastro può essere il segnale della presenza di cimici. Da ultimo, consigliamo di accertarsi di non averne nella valigia, evitando così di portarsele a casa come… souvenirs delle nozze del Principe William e di Kate.

No Comments
Comunicati

Neve, Spa, relax… Perché no?


Prendere una pausa dalla routine ma ancora non sai se portare il tuo partner a sciare oppure alle terme? Per sfruttare l’ultima neve e allo stesso tempo rilassarsi HolidayCheck.it, il più grande portale europeo di recensioni d’hotel, ha selezionato alcune location che accontentano tutti.

Bärenhotel, Italia

Si trova sulle pendici della località sciistica di Plan de Corones. Camere rustiche, tradizionali, con un tocco di eleganza unito allo stile alpino e ad una calda accoglienza. Dispone di un idromassaggio all’aperto, una piscina coperta panoramica, un centro estetico, diversi tipi di saune e una sala relax con cromoterapia. Si scia nel comprensiorio del Plan de Corones, in alta quota oppure in basso dove non vi sono piante e le piste sono ampie e con dolci pendii. E inoltre possibile fare delle bellissime escursioni, dirigendosi verso Brunico o verso San Vigilio.

Tuxerhof Alpin Spa Hotel, Austria

Questo hotel, situato sul ghiacciaio di Hintertux nel Tirolo austriaco, è un 4 stelle e si é visto attribuire l’HolidayCheck Award 2011 come miglior struttura alberghiera dell’Austria. Possiede un ampio centro termale, una piscina coperta, un panorama romantico nonché un ristorante che vi delizierà con i tipici piatti tirolesi. Per sciare, la Zillertal Gletscherwelt di Tux dispone di 74 impianti di risalita e di 93 ettari di superficie sciabile.

Hotel-Balneari Sant Vicenç, Spagna

È un hotel  termale situato vicino ai bagni di Sant Vicenç (Spagna), a soli 20 chilometri da Lles Ski Resort. Si affaccia sul fiume Segre, offre trattamenti farmacologici e molta scelta per itinerari a piedi e a cavallo.

Hotel Rovanada, Svizzera

La zona termale, a soli 300 metri da questo hotel, offre un’ampia varietà di massaggi e trattameti, compresa la sauna ed il bagno di vapore alle erbe Tüufelstei (che dà anche il nome ad un tipico piatto del cantone dei Grigioni a base di pietanze cotte su una piastra di pietra). La vista e il giardino sono a detta di tutti gli utenti di HolidayCheck magnifici.

Hotel Grau Roig, Andorra

L’Hotel Grau Roig, circondato dai Pirenei e dai laghi andorrani, si trova ai piedi della stazione sciistica di Grandvalira e per questo è l’ideale per gli sciatori. Presenta un centro benessere con tanto di piscina coperta, vasche idromassaggio, sauna e bagno turco. Se ci andate non perdetevi il Teatro del Vino:  con i suoi tipici piatti di montagna e oltre 400 vini, è un “must”.

Alm- & Wellnesshotel Alpenhof, Germania

Più che un hotel è un centro benessere alpino che, grazie alla sua posizione privilegiata, offre una vasta gamma di attività culturali. A pochi passi si trovano alcuni siti turistici come la “Adlerhorst” (significa “nido d’aquila”, fu ufficialmente il quartier generale segreto di Hitler nella regione del Taunus), il lago Königsee, nonché Salisburgo (patrimonio mondiale dell’umanità dal 1996) e la sua miniera di sale che si trovano a soli 30 minuti.

No Comments
Comunicati

Paese che vai, prelibatezze di Carnevale che trovi


Mentre ci si avvicina alla fine dell’inverno, è già cominciata quella che per alcuni é considerata la quinta stagione dell’anno: il Carnevale. Questa festa é tradizionalmente segnata dagli eccessi al fine di prepararsi al digiuno della Quaresima. HolidayCheck.it vi guida in un tour virtuale tra le specialità culinarie del carnevale in diversi Paesi.

Rio de Janeiro – La Feijolada
Oltre alla samba ed ai costumi originali, il cibo é parte integrante del carnevale di Rio. La Feijolada (piatto preparato con fagioli neri, lardo e salumi) è il piatto che tutti i partecipanti alle sfilate mangiano dopo gli spettacoli, mentre durante i bagordi si consumano “Papos de anjo” (delizia degli angeli), dei dolci a base di uova, zucchero e ricoperti da uno sciroppo bollente all’estratto di vaniglia.

Germania – Berliner
Il “Karneval”, “Fastnacht” o “Fasching” a seconda della zona tedesca in cui ci si trova, é molto festeggiato anche in Germania, dove, a differenza dell’Italia il clou si raggiunge il giovedì. Durante le sfilate i protagonisti gettano caramelle dai carri, mentre per gli spettatori la tradizione é quella di rimpinzarsi di berliner (dolci come le ciambelle, ma senza il buco e di solito ripieni di marmellata).

Regno Unito – Pancake Day
Nel Regno Unito, il Martedì Grasso è anche conosciuto come “Pancake Day”, giorno in cui si mangia il maggior numero di frittelle possibile. La tradizione nasce dall’idea di “eccedere” prima del Mercoledì delle Ceneri in modo da evitare le tentazioni durante la Quaresima. Il gioco più conosciuto e divertente della giornata è la corsa dei Pancake, nella quale le donne si sfidano in una competizione alquanto originale: devono correre fino alla chiesa tenendo in mano una padella con una frittella calda. La vera prova di abilità, però, consiste nel lanciare almeno tre volte il pancake prima di completare la gara. Alla fine, la vincitrice serve il suo pancake al campagnaro (“bellringer”), il quale la ricompenserà con il bacio della pace (“kiss of peace”).

New Orleans, USA – King cakes
Il grande giorno di Carnevale a New Orleans si chiama “Mardi Gras”. Se ci andate non perdetevi il famosi dolci del re (“king cakes”). Il dolce più comune è un anello di pane intrecciato e ricoperto da una glassa con colori luminosi, che vanno dal viola, al verde e all’oro (i colori originali del carnevale).

Spagna – Freixes
Nelle zone dove questa festa é più sentita, sono tipici i Freixes (una specie di crêpe) e le frittelle. In Catalogna si usa mangiare una torta aperta con cotenna di maiale, pinoli, zucchero, uova, pane, uva passa e una salsiccia fatta di stomaco di maiale farcito con carne macinata. Anche al sud si trovano vari dolci “carnevelescos”. A Cádiz troviamo i dolci Olvera, le focacce e le frittelle. A Granada la cagliata di Carnevale, un dolce cucinato con gli avanzi di Natale e che è preparato in un bacinella di Fajalauza (un tipo di ceramica) decorato con il disegno di un guscio fatto di zucchero e cannella.

Scandinavia – Semla
Nei paesi scandinavi come Svezia, Danimarca, Islanda e Finlandia è tradizione che il lunedì e il Martedì Grasso si mangi la Semla, un dolce che assume la forma di una pagnotta di grano riempita con un impasto di latte e di mandorle e ricoperta di panna montata.

No Comments
Comunicati

Che fare se la camera d’albergo é in pessime condizioni?


Finire di lavorare, preparare le valigie, ricontrollare di non aver dimenticato niente, partire e non vedere  l’ora di arrivare in hotel per sentirsi veramente in vacanza.

Ma cosa fare se, inaspettatamente, la camera assegnata é in cattive condizioni, non é pulita, emana strani odori ed é talmente mal isolata da sentire tutti i rumori esterni? Quali i diriitti? HolidayCheck.it da un paio di consigli pratici per non perdere la testa e risolvere il problema.

1. Esternare subito la propria insoddisfazione

Se si viene accompagnati in camera da un membro dello staff, chiedere che rimanga finchè non avete effettuato un rapido sopralluogo delle condizioni della camera. Basterà uno sguardo per far notare la presenza di avanzi o sporcizie precedenti. Non esagerare: una rapida occhiata é sufficiente per fare passare il messaggio. Se invece non si è stati accompagnati, recarsi alla reception per segnalare il problema e richiedere un’altra camera.

2. Dimostrarsi flessibili

Dimostrandosi disponibili ad accettare soluzioni differenti da quelle concordate, il personale sarà più incline a venire incontro alle vostre richieste. Se non é possibile avere una camera con le stesse caratteristiche di quella riservata, richiedi un upgrade, una camera migliore (che deve essere assegnata senza costi aggiuntivi).

3. Richiedere di risolvere il problema

Qualora non fosse possibile avere un’altra camera, chiedere al personale di risolvere i problemi  riscontrati. Se é sporca, necessita un’ulteriore pulizia. Se la doccia é otturata, chiedere che il personale di manutenzione venga a ripararla. Se si tratta di condizioni più gravi, difficilmente risolvbili nel breve termine, far richiesta di un’altra camera appena si libera.

4. Essere realisti nelle richieste

Non si può domandare all’albergatore di eliminare il cinguettio degli uccelli il mattino presto! Stesso discorso per il traffico al di fuori dell’hotel o per il rumore dei vicini. Certe cose non si possono cambiare. Siate ragionelvomente tolleranti, senza focalizzarsi esclusivamente sulle cose negative. Godetevi la vacanza e non aspettatevi che, per esempio, un hotel di due stelle vi regali un accappatoio.

5. Chiedere di parlare con il direttore

Parlando direttamente con il direttore, il quale ovviamente dispone di piú potere decisionale, avrete maggiori possibilità di ottenere aiuto o di beneficiare di particolari eccezioni. Anche qui, come sempre del resto, é importante mantenere la calma e rimanere razionali.

6. Domandare uno sconto o un rimborso

Richiedere di essere rimborsato o di avere uno sconto rientra nel portafoglio delle azioni che si possono attuare. Così come la richiesta di un pasto gratuito o un buono di compensazione che permetta di svolgere attività nelle città in cui ci si trova.

7. Cambiare hotel

Se le avete provate tutte e l’hotel in questione non può o non vuole accontentarvi dandovi la camera nello stato che vi spetta, “minacciate” di andarvene in un altro albergo nei dintorni. Per un hotel, non c’è di peggio che sentirsi dire “Beh, allora andiamo in un altro hotel”.

8. Presentare una denuncia scritta

Nel caso di pesanti disservizi, può essere utile presentare un reclamo scritto sul loco all’albergatore. Dopodiché, al rientro si può inviare una lettera o mail di reclamo all’agenzia e al tour operator che hanno organizzato la vacanza, così come previsto dal Codacons. A questo link  l’esempio di modulo di lettera da mandare: qui. Infine, il reclamo può essere inoltrato alle associazioni dei consumatori e presso lo sportello di conciliazione del proprio comune.

Su di noi

Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo di recensioni di hotel, con più di 800.000 utenti registrati e 10 milioni di visite al mese. HolidayCheck è disponibile in 10 lingue e raccoglie più di 4 milioni di autentiche recensioni di hotel, fotografie e video dei viaggiatori.

Contatto stampa

Rossana Seghezzi
Nicola Beeli

HolidayCheck AG

T +41 (0) 71 686 5367
F +41 (0) 71 686 9008

[email protected]

No Comments
Comunicati

Vacanze turbate da disordini? Ecco come reagire


Dopo la Tunisia, anche l’Egitto é stato scenario di sommosse civili. Molti viaggiatori sono confusi. Posso cambiare la mia prenotazione? Il mio viaggio si svolgerà oppure no? E ora che faccio? Devo prenotare o è meglio di no? HolidayCheck.it dà alcuni suggerimenti riguardo la condotta da adottare in questi casi.


Impossibilità di partire

Nel caso in cui il viaggio non possa aver luogo, normalmente le compagnie aeree rimborsano il biglietto o per lo meno permettono di cambiare itinerario o prenotazione. Ad esempio, durante i recenti scontri in Egitto, Alitalia ha assicurato il rimborso del biglietto in caso di rinuncia causato da modifiche dell’operatività. In questi casi, si raccomanda sempre di non esitare a chiedere delucidazioni al call center della vostra compagnia di viaggio.

Per coloro che si trovano in loco

Si consiglia di evitare ogni luogo di eventuali manifestazioni, assembramenti politici o religiosi. Se volete spostarvi, chiedete preventivamente informazioni sull’evoluzione degli eventi all’albergatore e attraverso i mass media nazionali e internazionali a disposizione. Rispettate gli orari di coprifuoco decretati giorno per giorno dalle Autorità nazionali.

Per i passeggeri di Alitalia è a disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il  call center in lingua italiana e inglese raggiungibile al numero unico 0039 06 2222. In caso di necessità, è possibile recarsi all’ambasciata in loco o presso gli aeroporti nazionali dove troverete un punto di contatto dell’Ambasciata. Se il caso lo richiede, il Ministero degli Affari esteri interviene agevolando il rientro a casa degli italiani.

Per coloro che desiderano comunque partire

Nel caso in cui si desiderasse partire nonostante le ribellioni non siano ancora sopite, si consiglia di segnalare la vostra partenza al sito www.dovesiamonelmondo.it e di attenersi alle indicazioni fornite dal Ministero degli Affari Esteri. Una volta sul luogo, finché il contesto di sicurezza non è ancora completamente ristabilito, la prudenza è d’obbligo. Si raccomanda di evitare le principali città interessate dai movimenti di protesta. Per le zone turistiche del paese nelle quali non si registrano disordini, si raccomanda di essere comunque prudenti e di informarsi sull’evoluzione degli eventi prima di ogni spostamento. Il sito ViaggiareSicuri (www.viaggiaresicuri.it) è sempre aggiornato in tempo reale sulle condizioni di sicurezza e sull’operatività dei voli.

Su di noi

Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo di recensioni di hotel, con più di 800.000 utenti registrati e 10 milioni di visite al mese. HolidayCheck è disponibile in 10 lingue e raccoglie più di 4 milioni di autentiche recensioni di hotel, fotografie e video dei viaggiatori.

Contatto stampa

Rossana Seghezzi

HolidayCheck AG
T +41 (0) 71 686 5367

No Comments
Comunicati

Assegnati gli HolidayCheck Award 2011: Italia in pole position


Premiati hotel in Trentino Alto Adige, Lago di Garda e a Roma.

L’hotel Meisters Irma a Merano si aggiudica l’Award nella categoria “amati dagli over 50”, il Feldhof di Naturno è il più amato dalla coppie, il Lindenhof, sempre a Naturno, è il vincitore della categoria “Wellness”, lo Sport & Wellnessresort Quellenhof a San Martino di Passiria (BZ) è l’hotel preferito dalle famiglie.

Per la categoria “Paradisi sulla neve” troviamo l’Hotel Alpenblick di Sesto, in Valpusteria e nella categoria “City Trips” l’hotel Astoria Garden di Roma. Invece il miglior hotel per vacanze balneari è l’hotel Caravel a Limone sul Garda.

Menzione speciale per il Kronplatz – Resort Berghotel Zirm di Valdaora che si aggiudica il premio della redazione e per l‘hotel Preidlhof a Naturno, risultato essere l’hotel italiano più amato in assoluto.

Perchè un hotel possa entrare a far parte dei 99 preferiti dai viaggiatori, deve soddisfare determinati criteri: aver ricevuto perlomeno 40 recensioni nel 2010, tasso di raccomandazione da parte dei viaggiatori di almeno 90% e una media di voti delle recensioni da 3,5 in poi (la scala di valutazione va da un minimo di 1 a un massimo di 6).

Ottima gastronomia e servizio impeccabile i fattori chiave per il successo degli hotel italiani agli HolidayCheck Award 2011, a conferma della professionalità del settore alberghiero del nostro Paese: nel 2010 la categoria “gastronomia” è stata valutata dagli utenti di HolidayCheck con una media di 4,7 punti su 6, un incremento del 2,8% rispetto all’anno precedente.

Risultati incoraggianti anche per la categoria “servizio”, che registra un aumento della media dei voti del 2,3%: dal 4,7 su 6 del 2009 si è passati al 4,91 del 2010.

Su di noi
Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo di recensioni di hotel, con più di 800.000 utenti registrati e 10 milioni di visite al mese. HolidayCheck è disponibile in 10 lingue e raccoglie più di 4 milioni di autentiche recensioni di hotel, fotografie e video dei viaggiatori.

Seguiteci su www.holidaycheck.it

No Comments
Comunicati

Halloween – Alla scoperta dei migliori Ghost Tours d’Europa


Le vetrine dei negozi sono decorate con zucche, teschi e fantasmi, si fa scorta di dolci e i bambini chiedono i costumi da vampiro. Halloween si sta avvicinando a grandi passi e per i viaggiatori più temerari, HolidayCheck, il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze, ha selezionato i migliori « Ghost tour » in Europa. Per chi ama le sensazioni forti, le storie inedite o i fantasmi, ognuno troverà la visita notturna che più gli si addice.

Londra:
L’Inghilterra é la patria dei Ghost Tour : tra le tante offerte per la notte del 31 ottobre, il tour più spaventoso é probabilmente il « London Ghost walk » di Londra. Richard Jones, autore di romanzi che descrivono il macabro passato della città di Londra, vi accompagnerà tra le strade più nascoste e oscure. Scoprirete la ricostruzione di fenomeni paranormali che fanno raddrizzare i capelli sulla testa anceh ai più coraggiosi. Spesso copiato, ma mai uguagliato, questo tour va fatto almeno una volta nella vita.

Parigi:
Inspirandosi dagli Haunted History Tours di New Orleans, la società « Mysteries of Paris » vi propone di scoprire i segreti di una delle città più romantiche al mondo: Parigi. Camminerete per la città ascoltando le leggende e l’isolita storia che incombe sulla città. Si tratta di « un mix di rock’n’roll, di leggende metropolitane e storie di fantasmi ».

Zurigo:
Il « Ghost walk of Zurich » é uno dei più celebri : un’idea di Dan Dent, famosa guida di Ghost tour in Inghilterra, che ha ricreato l’atmosfera dei tour anche in Svizzera. Ogni anno ripercorre le strade della città entusiasmando tutti con storie di fantasmi nascoste nella città vecchia di Zurigo dalla notte dei tempi. Grazie a questa visita tra il macabro e il divertente, Dan promette ai suoi ospiti che passeranno le notti successive svegli a raccontarsi le storie dei fantasmi zurighesi.

Edimburgo:
Ci sono molti tour che partono ai piedi della cattedrale di Edimburgo. Tutti fanno un pò paura, ma le guide del tour « the city of the dead » vi lasceranno sicuramente senza fiato. Vi guideranno attraverso i cimiteri per raccontarvi la storia della città e dei suoi più famosi spiriti, che non trovano riposo e si divertono ancora ad attacare i visitatori più imprudenti.

Genova :
Un “Ghost tour” tutto italiano si svolge nella città vecchia di Genova, tra le piazze e le stradine, alla ricerca di misteri vecchi e nuovi. Per riprendersi dal tour, la serata si conclude con una cena in un ambiente del tutto particolare : elisir della strega, antipasti alle erbe magiche, salsicce indiavolate vi verrano serviti da streghe e figuranti.

Amsterdam:
Anche se gli Olandesi sono troppo razionali per credere ai fantasmi, « Amsterdam ghost walk » vi trasporterà nel paese delle streghe, dei fantasmi e dei demoni. Lì capirete che anche Amsterdam, contrariamente alle leggende, non é poi così protetta dalle acque che la circondano !

No Comments
Comunicati

Viaggiatori sempre meno soddisfatti dei servizi alberghieri. Italia l’eccezione.


Un viaggiatore su sei é insoddisfatto dell’albergo dove ha trascorso le vacanze estive.

I pricipali motivi? Lenzuola sporche, insetti in camer, bagno non igienizzato, servizio poco adeguato e personale scortese. Questi il risultati di un recente indagine condotta dal portale di viaggi e recensioni di hotel HolidayCheck.it.

I migliori hotel in Austria, i peggiori in Tunisia. Italia batte Svizzera e conquista il secondo posto

La scelta dell’hotel in cui trascorrere le vacanze risulta spesso difficile e può nascondere incognite: descrizioni dei servizi dell’hotel poco chiare, testi da catalogo fuorvianti, si tramutano spesso in insoddisfazione del cliente.

Nel trimestre giugno/luglio/agosto 2010, 182.760 utenti hanno recensito l’hotel delle proprie vacanze su HolidayCheck, e il 15,7% di questi (28.714) non ha raccomandato l’hotel ad altri utenti.

La classifica degli hotel meno consigliati vede al primo posto la Tunisia, che ha un tasso di non raccomandazione del 24,8%. Seguono Egitto con il 19,7% la Repubblica Dominicana con il 19,6% e Maiorca con il 19,1%. Grecia e Turchia si posizionano al quinto posto con la media con il 15,9% di viaggiatori che non consigliano queste nazioni per trascorrere le vacanze. Va meglio alle Canarie (15,2%) e alla Germania (15%). Svizzera terza con il 13,7%. L’Italia si posiziona al secondo posto con il 12,5% di viaggiatori insoddisfatti. L’Austria é la vincitrice: solo il 7,5% delle persone che hanno soggiornato in Austria non è rimasto soddisfatto dall’hotel scelto.

Tasso di non raccomandazione alberghiera

1. Tunisia

2. Egitto

3. Repubblica Dominicana

4. Maiorca

5. Grecia – Turchia

6. Canarie

7. Germania

8. Svizzera

9. Italia

10. Austria

No Comments
Comunicati

Il vademecum per l’Oktoberfest


Il mese di settembre per gli amanti della birra significa solo una cosa: Oktoberfest. Alle porte dell’evento HolidayCheck, il più grande portale europeo di recensioni di hotel, ha stilato un vademecum per vivere e soppravivvere all’ imminente Oktoberfest, con i consigli di chi a Monaco è di casa.

Germania: Oktoberfest di Monaco di Baviera

Ogni anno per due settimane Monaco di Baviera diventa la capitale mondiale della birra. Sebbene dal nome non si direbbe, é durante il mese di settembre che si svolge la più grande festa popolare del mondo. Quest’anno l’Oktoberfest si terrà dal 18 settembre al 4 ottobre e compie 200 anni di vita. Per l’occasione la festa durerà un giorno in più e un programma speciale é stato allestito dagli organizzatori. Se volete entrare nello spirito delal festa, non dimenticate di indossare i tipici costumi della Baviera, I Lederhosen (pantaloni di pelle) per gli uomini e il Dirndl per le donne.

Perché l’Oktoberfest é anche chiamata Wiesn? L’enorme superficie su cui si svolge l’Oktoberfest é ufficialmente denominata „Theresienwiese“. Gli abitanti di Monaco, quando parlano nel loro dialetto bavarese, abbreviano il nome del luogo in „Wiesn“.

Come arrivare all’Oktoberfest? Dalal stazione dei treni con le linee U4 e U5 dell’U-Bahn, (la metro tedesca) fermata „Theresienwiese“, si arriva direttamente all’Oktoberfest.

Dove alloggiare? Trovare una camera all’ultimo per soggiornare a Monaco durante l’Oktoberfest non é facile: quasi tutti gli hotel risultano già al completo se si cerca sul sito dell’hotel. Ma, effettuando la ricerca tramite HolidayCheck.it, potrete trovare ancora camere libere, perchè riservate appositamente dai Tour Operator con cui collaboriamo. Ecco alcune proposte, affrettatevi a prenotare, e cogliete al volo le offerte last minute:

Hotel Tulip Inn Munich City***: Questo hotel situato a Schwabing, nel centro della città, é perfetto per abbinare un pò di shopping al divertimento dell’Oktoberfest.

angelo Designhotel Munich****: Situato nel quartiere alla moda Bogenhausen, questo hotel raccomandato dal 96% degli utenti di HolidayCheck vi permetterà di riprendervi in tutta tranquillità dopo le notti brave.

Hotel Courtyard München City Center****: A un passo dai tendoni dell’Oktoberfest, dal centro città e dalla stazione ferroviaria, l’hotel é il punto di partenza perfetto per vivere appieno Monaco e l’Oktoberfest. L’hotel é raccomandato al 92%.

Hotel Platzl****: Per smaltire la birra bevuta all’Oktoberfest, questo hotel situato nel centro di Monaco vi da accesso gratuito al centro benessere del Moorish Kiosk. Dispone di un rinomato ristorante.

Non siete tipi da hotel? Ecco un paio di proposte alternative:

L’Oktoberfest Camp: se volete vivere la vostra esperienza al 100%, prenotate una tenda o un camper nello spazio creato appositamente per chi vuole festeggiare il più a lungo possible. Attenzione ai prezzi: durante il week end la tenda a due posti costa 65 Euro e il camper 125 Euro.

I campeggi di Monaco: la città di Monaco dispone di due campeggi, ma I posti ancora a disposizione sono pochi. Per I turisti dell’Oktoberfest più

L’Ostello della gioventù Burg Schwanek: in un vero e proprio castello, l’ostello della gioventù di Monaco é adatto ai più giovani che dispongono di una carta per gli ostelli della gioventù. L’ostello non si trova nelle vicinanze dell’Oktoberfest, è però raggiungibile in treno.

Claudius Moarefi, Responsabile Stampa di HolidayCheck per l’area tedesca, ha lavorato molti anni a Monaco e ci ha dato alcune importanti dritte:

Dove trovare la miglior birra? La birra preferita dagli abitanti di Monaco é la birra “Augustiner”, prodotta dalla più antica e ancora esitente birreria di Monaco. Nei tendoni “Augustiner-Festhalle” e “Fischer-Vroni” potrete assaggiare questa tanto apprezzata birra.

Dove procursi un tipico costume bavarese? Molti negozi nella via „Im Tal“ potrete trovare i tipici pantaloni di pelle o il vestito da donna Dirnl di seconda mano a prezzi abbordabili.

In quale tendone si ritrovano gli studenti? Troverete tantissimi giovani e studenti nel tendone „Schottenhamel“. L’ambiente é molto rilassato e all’insegna del divertimento puro.

Tutti i turisti sono in un tendone: Come entrare se é al completo?
La maggior parte dei turisti vuole visitare l’“Hofbräu-Zelt“, che é ormai diventato un punto di ritrovo per australiani, americani, francesi (…) e, naturalmente, italiani. Se non riuscite ad entrare dall’ingresso principale perché troppo affolato, andate in fondo al tendone e nella parte posteriore. trovate un’altra piccola porta da dove potrete entrare.

Che cosa evitare? Da quest’anno é in vigore il divieto di fumo nei tendoni dell’Oktoberfest. Inoltre, non sono ben visti i cappelli a forma di fusto di birra né le magliette sulla quali sono stampati i costumi tradizionali bavaresi.

Cosa fare dopo l’Oktoberfest? I tendoni a dell’Oktoberfest aprono alle 10 di mattina chiudono al pubblico alle 22.30. Se avete ancora voglia di divertirvi, potete proseguire la serata nella “Wiesnzelt” (www.daswiesnzelt.de) o andare a fare l’after alla birreria Hacker-Pschorr, distanti soltanto 50 metri dalla fiera.

Per chi é già stato all’Oktoberfest o per chi cerca qualcosa di più particolare, la Festa della birra di Yokohama, in Giappone o il Festival della Birra di Stuttgart possono essere delle valide alternative.

Giappone: Festa della birra di Yokohama

Per gli amanti della birra che vogliono scoprire qualcosa di insolito, HolidayCheck raccomanda un viaggio alla Festa della Birra di Yokohama che si svolge dal 18 al 20 settembre nel porto della città. La festa é nata nel 1998 per celebrare l’arte della birra artigianale in Giappone e raduna ogni anno sia produttori che appassionati di birra. Uno dei modi migliori per conoscere la cultura giapponese della birra é assaggiarla in uno dei tanti bar all’aperto creati per l’occasione!

Germania: Cannstatt Beer Festival

A Stoccarda si svolge dal 24 settembre al 10 ottobre un antichissimo Festival della birra, nato attorno al 1818. Oggi é la seconda più grande Festa della birra in Germania, naturalmente dopo l’Oktoberfest di Monaco. Il Festival si apre con una parata di carri allegorici delle birrerie, si anima poi nei tendoni dove vengono serviti litri di birra in grandi boccali e specialità gastronomiche tedesche. Il Festival della birra di Stoccarda é adatto anche alle famiglie: I bambini si divertiranno sulle giostre o girovagando per il mercatino di souvenir e prodotti tipici.

No Comments
Comunicati

Vincere il Superenalotto e concedersi viaggi da favola


La febbre da Superenalotto sta salendo in tutta Italia e il montepremi supera i 130 milioni di Euro. Che fare in caso si vincita? Sicuramente un bel viaggio. HolidayCheck, il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze, presenta la Top 10 dei viaggi più esclusivi e costosi.

Yacht di lusso: 65.000 Euro
A bordo di uno yacht di lusso potrete raggiungere Monte Carlo e sorseggiare ottimo champagne in compagnia dell’alta società. L’equipaggio a bordo dello yacht da settantadue metri di lunghezza vi tratterà come un Re. Lo yacht dispone di quindici cabine di lusso per ospitare gli amici. Il prezzo è inteso a giornata.
Alla scoperta del del Titanic: 40.000 Euro
I resti del Titanic, affondato nel 1912, sono stati ritrovati a quasi 4000 metri di profondità. A bordo di speciali sottomarini, usati anche per girare l’omonimo film, potrete vivere un’esperienza del tutto particolare ed andare ad osservare da vicino il relitto più famoso del mondo. La vostra spedizione verrà filmata! Il viaggio parte da St. John’s, in Canada, e dura dodici giorni. Indispensabile una buona condizione fisica per affrontarlo.
Sulla cima dell’Everest: 25.700 Euro
Per raggiungere il Tetto del mondo, avrete bisogno di 61 giorni e di un’ottima forma fisica. A tutto il resto penseranno le esperte guide che vi accompagneranno per tutta la spedizione, fino a raggiungere i fatidici 8’848 metri di altitudine del Monte Everest. Il prezzo comprende il vitto e l’alloggio (in tenda naturalmente), le guide e tutto l’attrezzatura necessario per arrampicare.
Spedizione al Polo Nord: 23.500 Euro
Questa spedizione unica vi porta nel punto più settentrionale della terra, dove la luce solare dura 24 ore.Ogni giorno percorrete a piedi o sugli sci 15-20 km sulla banchisa in movimento, uno dei terreni più mutevoli della terra. La sera, vi fermerete e monterete le tende per passare la notte sui ghiacci che sovrastano l’Oceano Artico. Una vera a propria sfida per gli amanti del freddo!
Tour nello spazio: 21.300 Euro
Il sogno di ogni bambino é quello di volare nello spazio. A bordo del Mig Jet Militare 31 potrete realizzare questo sogno! Arriverete fino alla frontiera con lo spazio e proverete l’emozione di volare a 2700 km orari. Il pacchetto include oltre al volo, la formazione, la foto ricordo e l’albergo per i cinque giorni della vostra vacanza tra Mosca e Nizhny Novgorod, dove si trova il centro di addestramento aerea “Sokol”.
Isola privata ai Caraibi: 19.000 Euro
Volete vivere le vostre vacanze come dei veri Vip? Il posto che fa per voi è Parrot Cay, la più esclusiva isola dei Caraibi settentrionali! Sull’isola troverete la villa di Bruce Willis da affittare per 19.000 euro al giorno, con a vostra disposizione un cuoco che soddisferà ogni vostro desiderio. Naturalmente, per non sentirvi troppo soli, potrete invitare fino a dodici amici che alloggeranno nelle suite della villa.
Ballo dell’Opera di Vienna: 10.000 Euro
La lista di attesa per assistere al Ballo dell’Opera di Vienna é lunghissima, nonostante il prezzo dei biglietti che arriva fino a 10.000. Una volta entrati nella sala da ballo, lasciatevi incantare dai bianchi vestiti e sfarzosi delle debuttanti che fanno il loro ingresso in società e fatevi trasportare sulle note di un Valzer, in una delle città più romantiche al mondo.
Viaggio attraverso l’India: da 5.300 Euro
Partendo da Mumbai, Kolkata, Delhi, potrete scoprire l’India a bordo del Maharajas’ Express, un treno di lusso inaugurato nel gennaio 2010. Il treno dispone di esclusive suite, bar, lounge e ristoranti che vi faranno fare un tuffo nel passato. Potete scegliere tra 4 diversi tour, per partire alla scoperta delle meraviglie dell’India (8 giorni), dei monumenti più conosciuti (10 giorni), dei riti e dei misteri indiani (9 giorni), o della parte nord-occidentale dell’India (11 giorni). I prezzi per il tour vanno dai 5.300 ai 6.100 euro in cabina doppia deluxe con pensione completa e includono il volo dall’Italia. Se vorrete scendere per una gita, una guida personale vi potrà accompagnare per scoprire da vicino le meraviglie dell’India.
Pic nic gourmet in Germania: 4.900 Euro
Benvenuti in una delle regioni più belle della Germania, la Renania, . Il vostro pic nic inizierà con un aperitivo nel suggestivo borgo di Stromberg. Poi, potrete ammirare dall’alto i numerosissimi castelli della Renania, grazie a un volo in elicottero che vi porterà fino alla cittadina di Bacharach, dove atterrerete su un prato con romantica vista sul fiume Reno. Lì, ad una tavola imbandita a cielo aperto, potrete sorseggiare champagne e gustare un menù gourmet di sei portate. Alla sera una limousine vi riaccompagnerà a Stromberg. Il prezzo é per quattro persone.
Il giro del mondo con un jet privato
Il giro del mondo? Perché no! Se avete un mese e mezzo di vacanza, partite alla scoperta di alcuni die più bei luoghi del mondo: Cuba, L’Isola di Pasqua, l’Australia, l’India, l’Oman e il Pacifico del Sud. Ogni giorno volerete verso una nuova destinazione, coccolati dall’equipaggio del jet privato che vi accompagna. Potrete scegliere le vostre mete o affidarvi ai consigli dell’equipaggio. Il prezzo é su richiesta.

No Comments
Comunicati

Quale città si merita il titolo di “Venezia del Nord”?


Per molti Venezia é unica al mondo. I canali attraversati dalle gondole e l’architettura tipica veneziana ne fanno una città magica. Ma altre città del nord Europa, grazie ai canali che le attraversano e le caratterizzano, racchiudono il fascino di Venezia. HolidayCheck, il più grande portale europeo di recensioni di hotel, é andato alla scoperta di alcune di queste città, le cosiddette “Venezia del Nord”. Quale città si merita questo titolo?

San Pietroburgo, le notti bianche nella Venezia del Nord

San Pietroburgo é la “Venezia del Nord” per eccellenza. La città sorge alla foce del fiume Neva ed é tra le più popolate d’Europa. San Pietroburgo é splendida da visitare per i suoi monumenti e la sua architettura, in particolare quella del centro storico, da 20 anni patrimonio mondiale dell’Unesco. Grazie alla sua posizione geografica, da maggio a metà luglio i giorni si allungano e il crepuscolo dura tutta la notte. Durante le famose “notti bianche”, cioé le notti illuminate a giorno dalla luce solare, in cui di San Pietroburgo, la città si anima ancora di più.

Stoccolma, l’archipelago del Nord

Stoccolma, una tra le più belle città del Nord Europa, sorge su un archipelago. La città oggi é distribuita su 14 isole, collegate tra loro da 57 ponti. La parte più antica della città, Gamla Stan, é situata sull’isolotto di Stadsholmen. Data la sua particolare architettura urbanistica, era chiamata “la città tra i ponti”.

Bruges, la Venezia dei ponti

La cittadina delle Fiandre occidentali ha un nome molto suggestivo. Bruges, infatti, in fiammingo significa “ponte”. Questa Venezia del Nord ha preservato l’architettura medievale del suo centro storico, circondato da canali navigabili che collegano la città al mare del Nord. I canali sono attraversabili tramite numerosissimi ponti. Bruges conta più ponti di Venezia e questo é il perché del suo nome.

Amsterdam, la Venezia dei ciclisti

Amsterdam non é solo conosciuta per essere la capitale delle biciclette, con cui si può tranquillamente girare tutta la città. Amsterdam é anche la città dei canali, dove perlatro ogni anno finiscono circa 25’000 biciclette. Da poco, Amsterdam ha fatto il suo ingresso nell’UNESCO grazie proprio al suo tipico quartiere dei canali, composto da circa 90 isole e oltre 1000 ponti. I canali vennero creati nel XVII secolo a seguito dell’espansione demografica della città, per ingrandire il sitema viario della città. Il tutto, nel tipico stile architettonico veneziano della prima metà del XVII secolo…

Annecy, la Venezia sconosciuta

Annecy é una bellissima città nelle Alpi francesi, a due passi dall’Italia. Seppur lontana dal mare, in questa cittadina francese l’acqua la fad a padrone. Circondata dal lago di Annency e attraversata dal fiume Thiou, questo borgo discreto, nascosto tra I boschi, merita una visita. I baretti sui canali sono splendidi, e ricordano Venezia…

No Comments
Comunicati

Vacanze con gli amici a quattro zampe: cosa pensare prima di partire


Spesso e volentieri la scelta della destinazione di vacanza è condizionata dalla possibilità di portare o meno il proprio animale domestico. Prima di partire in vacanza in compagnia del proprio amico a quattro zampe, bisogna prendere in considerazione che, ad esempio, non tutti gli hotel e stabilimenti balneari accettano animali domestici. Inoltre dovete assicurarvi che il vostro animale sia in buona salute e che sia stato sottoposto alle varie vaccinazioni di routine. HolidayCheck, il principale portale europeo per le recensioni di hotel, vi spiega come preparare al meglio una vacanza in compagnia del proprio animale domestico.

Preparazione del viaggio: passaporti e vaccinazioni
Prima della partenza, ricordatevi di portare il vostro animale domestico dal veterinario per assicurarvi che sia in buona salute e mettete nella valigia il suo libretto sanitario. Se viaggiate con cani e gatti verificate che abbiano fatto la vaccinazione antirabbica. Inoltre, se vi recate in Irlanda, Malta, Finlandia, Svezia oppure nel Regno Unito, bisogna provvedere a vaccinare il vostro animale contro la tenia. Anche gli animali domestici necessitano di un passaporto per viaggiare oltre confine. Il passaporto può essere richiesto presso il veterinario e contiene informazioni sull’animale e la sua situazione sanitaria.

Recarsi nella destinazione: mezzi di trasporto
Cani, gatti e altri animali domestici possono viaggiare tranquillamente in macchina, se tenuti in una gabbia apposita oppure nel vano posteriore al posto guida separato da una rete. Viaggiare in treno con animali domestici si può. In Italia, ad esempio, gli animali da compagnia di piccole taglie possono viaggiare gratuitamente alla condizione di essere custoditi in un’apposita gabbia. I cani di media-grossa taglia devono invece essere muniti di museruola e di guinzaglio e possono viaggiare unicamente negli ultimi posti dell’ultima carrozza in seconda classe. Sia in Italia che in Svizzera il trasporto di un cane di qualsiasi taglia non è gratuito: il padrone deve infatti acquistare un biglietto anche per il suo amico a quattro zampe. Infine, per quanto riguarda l’aereo, in generale cani e altri piccoli animali domestici possono viaggiare senza problemi. Alla compagnia aerea spetta stabilire il regolamento specifico per il trasporto dell’animale.

Rilassarsi in spiaggia con il cane: ecco dove si può
Prima di partire in vacanza al mare prendete un’attimo di tempo per scegliere con attenzione la vostra destinazione: non tutte le spiaggie sono accessibili ai cani. Su 8000 chilometri di spiaggie italiane, solo 27 sono attrezzate per accogliere gli amici a quattro zampe. Queste spiaggie si trovano in otto regioni italiane: Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Sardegna, Toscana e Veneto. Tra queste regioni, l’Emilia Romagna è risultata quella più attrezzata: ombrelloni, docce e piscine dedicate ai cani, sacchetti e palette e la presenza di un veterinario. Anche all’estero non tutte le spiaggie consentono l’accesso ai cani. Per andare sul sicuro recatevi sull’isola di Corfù (Grecia) o in Corsica (Francia), dove l’amico fido è accettato quasi ovunque.

Dormire: hotel per animali
Non tutti gil hotel accettano animali domestici, e soprattutto non tutti gli hotel accettano qualsiasi cane. Se viaggiate con il vostro amico fido, al momento della prenotazione è meglio quindi chiarire con l’albergatore quali cani sono ammessi. In alcuni alberghi sono infatti ammessi unicamente cani di piccola taglia oppure cani ben addestrati. Trovare un hotel che consente l’accesso ad un animale domestico non è difficile, ma ci sono alcuni alberghi che offrono servizi personalizzati per i vostri amici a quattro zampe, come : servizio di dog sitter, lettini e comodi cuscini e spazi recintati. L’Hotel Principe di Rimini, ad esempio, è specializzato per ospitare animali domestici. L’hotel prevede una spiaggia attrezzata per accogliere animali domestici, la possibilità di ordinare il piatto preferito del vostro amico a quattro zampe, un servizio veterinario 24 ore su 24 e molto altro. A pochi passi dell’hotel si trova un pet shop, dove potrete prendere un piccolo souvenir estivo al vostro animale.

Animali in città: la simpatica iniziativa di Roma
Lo scorso luglio è stato inaugurato il Bau Village di Roma: una piscina lunga 50 metri e una spiaggia dedicata esclusivamente ai cani. Questo villaggio si trova sulle sponde del Tevere, può ospitare fino a cento cani e si estende su una superficie di 400 metri. Durante l’anno vengono inoltre organizzate attività educative ed eventi per cani.

No Comments
Comunicati

Viaggiare informati: cosa fare e soprattutto cosa non fare quando si va all’estero


Ogni Paese ha le sue abitudini e tradizioni: in Marocco, ad esempio, non si può toccare il cibo con la mano sinistra perché è impuro, se vi trovate in un ristorante o in un bar della Germania e non ci sono più posti liberi, non è un’eccezione condividere il tavolo con estranei, mentre se siete in Scandinavia e volete regalare un fiore ad un’ amica, chiedete prima al fioraio il significato del fiore per non trovarvi di fronte a una situazione imbarazzante. HolidayCheck,  portale europeo per le recensioni di hotel, vi spiega come evitare brutte sorprese all’estero e farsi sempre apprezzare in vacanza.

Svizzera
La Svizzera si divide in tre principali regioni linguistiche (romancio a parte): Svizzera tedesca, francese e italiana. Questo significa anche tradizioni e culture differenti. Ma ci sono alcune abitudini che restano uguali in tutto il territorio: l’amore per il formaggio con le sue simpatiche usanze è una di queste. Ad esempio, se dividete la fondue con degli amici e lasciate cadere un pezzo di pane nel formaggio colante aspettatevi di fare una sorta di “penitenza”. Una delle penitenze più popolari? Fare il giro del giardino a piedi nudi nella neve. Durante il brindisi ci si guarda sempre negli occhi, ma attenzione: mai incrociare i bicchieri o fare il brindisi con bevande analcoliche, porta sfortuna. Quando salite su un mezzo di trasporto prima di sedervi, è cortese chiedere alla persona già seduta se il posto accanto è libero. Infine, se dovete andare ad un appuntamento, non presentatevi mai in ritardo: gli svizzeri sono famosi in tutto il mondo per la loro puntualità.

Inghilterra
Se decidete di andare in Inghilterra, ricordatevi che le buone maniere sono molto importanti. Dimenticare un “per favore” o un “grazie” è segno di maleducazione come pure superare la fila. Quindi, sia che si tratti di una fila per entrare al museo che di una coda alla cassa di un negozio, è meglio attendere con pazienza il proprio turno. Sulle scale mobili della metropolitana restate sempre sulla destra, la sinistra è tenuta libera per chi vuole camminare. Se accidentalmente, mentre passeggiate per la città, andate a sbattere contro qualcuno dite sempre “sorry”, anche se la colpa non è vostra. Per i saluti gli inglesi sono molto riservati: niente baci, meglio una semplice stretta di mano e un abbraccio forte agli amici e parenti. Evitate di fissare a lungo qualcuno e non fate mai delle domande troppo personali. La privacy è un grande valore per gli inglesi e deve essere rispettata.

Paesi Bassi
Un aspetto molto importante della cultura dei Paesi Bassi è il rispetto verso gli altri e lo stare insieme. Quando qualcuno parla lo si ascolta con attenzione senza mai interromperlo. Chi blocca una conversazione è ritenuto poco cortese. Quando si riceve un regalo, è consuetudine scartarlo subito per mostrare a tutti i presenti il suo contenuto. Se siete invitati a cena a casa di un amico è usanza portare fiori o cioccolato. Se volete essere particolarmente apprezzati dai padroni di casa, regalate un prodotto tipico del vostro Paese, gli olandesi vanno pazzi per i prodotti tipici degli altri Paesi.

Francia
I francesi hanno un occhio di riguardo particolare per l’aspetto fisico. Che si tratti di una cena in un ristorante oppure di una semplice passeggiata tra negozi, è sempre importante curare il proprio look. Andate in giro ben vestiti: abiti eleganti, niente capelli fuori posto e pelle curata. L’abbigliamento “trasandato” non è molto apprezzato. Anche in Francia le buone maniere sono importanti: gli uomini aprono la porta alle signore e quando si incontra un amico in compagnia di un gruppo di amici, è segno di rispetto stringere la mano a tutti. La tradizione francese vuole inoltre che quando si cena a casa di amici, la padrona di casa sia la prima ad iniziare a mangiare.

No Comments
Comunicati

Nuove tendenze in vacanza: alla ricerca della cura del corpo e della mente


I ritmi frenetici della vita quotidiana e lo stress del lavoro inducono sempre più gente a concedersi una breve vacanza all’insegna del benessere e della cura del corpo e della mente. HolidayCheck, il principale portale europeo di recensioni di hotel, vi presenta gli hotel all’avanguardia con questa nuova tendenza. I loro programmi vanno oltre al classico centro spa: esercizi di yoga sulla spiaggia, alimentazione sana, programmi per il benessere spirituale, vinoterapia, ecc.

Italia, Sassuolo, Hotel Terme Salvarola****
In una località naturale, fra vigneti, colline e parchi verdi, si trova l’Hotel Terme Salvarola. L’hotel accoglie i suoi ospiti in un ambiente rilassante ed è il luogo ideale per fare il pieno di energie dopo una settimana di lavoro. A pochi passi dall’hotel sorge il centro benessere “Balnea”, aperto 7 giorni su 7. Questa moderna struttura si estende su 2300 m² ed è una vera e propria oasi del benessere psicofisico. Il centro dispone di piscine termali dotate di idromassaggi e getti e cascate d’acqua, sauna e bagno turco con zona relax, quattro sale fitness, palestra per tecniche orientali, zona yoga e centro estetico. Per coloro che desiderano mantenersi in forma è possibile seguire numerosi corsi di ginnastica sotto alla guida di un personale specializzato, come ad esempio: Spin-bike, Step, circuito brucia grassi, Pilates e Box. Punto forte del centro sono i sentieri della bellezza e del benessere che propongono trattamenti innovativi a base degli ingredienti della tradizione gastronomica di Modena. In particolare, il centro Balnea è stato uno dei primi in Italia a proporre la vinoterapia, trattamento che utilizza i benefici della vite, uva e mosto per prevenire l’invecchiamento cutaneo.

Austria, Saalbach, Theresia Gartenhotel****
Il Theresia Gartenhotel ha un occhio di particolare riguardo al benessere sia fisico che spirituale dei propri clienti. L’hotel fa parte della “Schlank und schön in Österreich” (“Sani e snelli in Austria”), associazione dei migliori 53 hotel dell’Austria specializzati in relax ed equilibrio, alimentazione sana, movimento, fitness e cura del corpo. Oltre alla sala fitness e le classiche infrastrutture per il benessere (piscine, idromassaggi, sauna e massaggi), gli ospiti potranno approfittare dei consigli del mental trainer Erwin Doringer, specialista con oltre 20 anni di esperienza nel campo del benessere mentale. Il suo programma prevede sedute di ipnosi (per disintossicazione da nicotina, nervosismo e stress, ansia da esami, mancanza di fiducia in se stessi e perfino incremento del rendimento professionale e sportivo), esercizi per il benesserre psichico, training della personalità, magnetoterapia ecc. Gli ospiti del Theresia Gartenhotel potranno anche approfittare di una gastronomia di alta qualità improntata su una dieta sana a base di prodotti esclusivamente biologici. L’hotel è in possesso di un certificato di garanzia “bio” ed ha vinto il premio “Grüne Haube” (cappello verde), riconoscimento che premia le migliori cucine biologiche.

Messico, Tulum, Hotel Blue Tulum Resort & Spa****
Negli ultimi tempi Tulum sta diventando una meta sempre più ambita da star del calibro internazionale come Drew Barrymore, Anne Hathaway e Sienna Miller. Il motivo? Questa destinazione si trova sulle meravigliose coste incontaminate della Riviera Maya ed è il paradiso del relax e della “meditazione”. Le spiaggie di Tulum, tra le più belle al mondo, sono infatti particolarmente rinnomate per la pratica dello yoga all’aria aperta. All’Hotel Blue Tulum Resort & Spa, per esempio, vi ritroverete in un altro mondo, dove il benessere della persona si trova al centro di ogni preoccupazione. L’hotel dispone di oltre 15.000 m² di strutture termali, 10 stanze per trattamenti vari e un centro fitness climatizzato. Ogni giorno ci si può rilassare facendo corsi di yoga a pochi passi dal mare: una combinazione di movimenti e tecniche di respirazione che rilasserà la vostra mente, corpo e spirito e vi riempirà di energia. L’hotel Blue Tulum Resort & Spa è anche specializzato nell’organizzazione di matrimoni ed è il luogo ideale dove passare una romantica luna di miele.

Svizzera, Adelboden, Parkhotel Bellevue****
Il Parkhotel Bellevue & Spa si trova nel cuore delle alpi Svizzere ad Adelboden. Oltre all’area spa dotata di sauna, piscine riscaldate sia all’aperto che al coperto, bagni termali, massaggi, trattamenti di bellezza, l’hotel dispone di moderne infrastrutture per la pratica sportiva. È infatti presente una sala fitness su una superficie di 1300 m², dove quotidianamente potrete partecipare ad un programma di esercizio fisico seguiti da un professionista. Il programa prevede esercizi di pilates, ginnastica, Chi yoga, Chi ball, acqua gym e body forming. Per coloro che desiderano visitare la regione mantenendosi allo stesso tempo in forma, l’hotel mette a disposizione un servizio di nolleggio gratuito di mountain bike. Il Parkhotel Bellevue offre ai propri ospiti una gastronomia di alta qualità basata su un’alimentazione sana. La cucina dell’hotel non prevede infatti un menù standard, ma uno giornaliero preparato sul momento a base di cibi freschi e prodotti di alta qualità.

No Comments
Comunicati

Girone F: avversari in campo, terre da scoprire fuori


Manca poco al fischio d’inizio dei mondiali di calcio. L’Italia giocherà nel girone F con Nuova Zelanda, Paraguay e Slovacchia. HolidayCheck è andato alla scoperta di queste terre lontante. Castelli, paesaggi surreali, immense pianure… ecco solo alcune delle loro bellezze.
Nuova Zelanda
Costituita da due isole principali e tante altre di piccole dimensioni, in questa terra dai paesaggi surreali sono state girate le riprese del film “Il signore degli anelli”. Baciata dal’Oceano Pacifico, con le sue montagne, fiumi, laghi limpidi e vulcani, la Nuova Zelanda è il paradiso per gli amanti della natura e dei paesaggi selvaggi. Questa destinazione è anche una meta di particolare interesse tra coloro che praticano gli sport estremi: bujee jumping, paracadutismo, mountain bike, arrampicata, rafting assicurano la giusta dose di adrenalina ai più spericolati. Per i più tranquilli la Nuova Zelanda offre partite di cricket e di rugby, sport nazionale reso famoso in tutto il mondo dagli All Blacks, i giocatori interpreti della spettacolare danza Haka prima di ogni singola partita.
A differenza di quanto generelamente si pensare, la Haka non è una danza di guerra, bensì un’antica tradizione Maori per incitare i compagni di squadra a dare il meglio di sè.

Paraguay
Il Paraguay si trova nel cuore del Sud America e confina da Argentina, Brasile e Bolivia. Il territorio è diviso in due parti, separate dal fiume Paraguay. La parte occidentale, detta anche Cacho, si caraterizza per le sue grandi pianure, mentre quella orientale, la più popolata, è attraversata dall’altopiano brasiliano del Paranà. La sua capitale è Asunciòn, situata sul confine con l’Argentina e fondata nel 1537 è una delle più antiche città del Sud Amerca. Questa destinazione racchiude diverse attrazioni turistiche e musei, tra cui: il il Pantheón Nacional, la cui architettura richiama allo stile dell’Hotel des Invalides di Parigi e il museo delle belle arti, dove sono raccolti svariati dipinti di artisti sudamericani.
Come per l’Italia (anche se lungi da noi fare paragoni) in Paraguay la cucina ha una grande tradizione: si mangiano combinazioni di carni e pesci di fiume, uniti a verdura fresca e frutta che è reperibile tutto l’anno. La bevanda locale preferita è un rum scuro prodotto dalle canne da zucchero.

Slovacchia
È la terra dei castelli: situata nell’Europa centrale, la Slovacchia vanta numerose bellezze facenti parte del patrimono dell’umanità dell’UNESCO: come ad es. il Castello di Spis e quello di Zehra le grotte di Gomasecka e Dobsina, entrata nella lista nel 2000. Questa grotta di ghiaccio scoperta nel 1870 è lunga 1232 metri, di cui però soli 475 accessibili al pubblico. Curioso il fatto che fino al 1946 all’interno della grotta fosse possibile pattinare tutto l’anno.
In Slovacchia sono presenti anche 9 parchi nazionali e 14 riserve protette dove immergersi nella natura e scoprire la flora e la fauna di questa terra e 1300 sorgenti minerali, utlizzate in parte come terme curative (23) e in parte per la produzione di acqua minerale di alta qualità:
Dal fascino retrò e intrigante è anche la sua capitale, Bratislava, una città ricca di storia e cultura dove ammirare castelli, chiese e monumenti storici.

No Comments
Comunicati

Sex and the City’s Style: ecco le città europee più glamour


Il 27 maggio uscirà nelle sale „Sex on the City 2“. Nell’attesa di vedere le ultime avventure delle quattro amiche newyorkesi, HolidayCheck, il pi`grande portale europeo per i viaggi e le vacanze, vi presenta tre città in Europa dove glamour, shopping, club all’ultimo grido sono all’ordine del giorno e dove poter trascorre una giornata in pieno stile Sex and the City senza attraversare l’oceano.

Londra
Nella città della regina e del Big Bang, c’è un nome che attira tutte le amanti dello shopping: Harrod’s, il lussuoso centro commerciale più famoso di Londra. Ma lo shopping a Londra non è solo Harrod’s: l’Oxoford Street, ad esempio, vanta più di 300 negozi e il quartiere di Notting Hill, reso famoso anche grazie all’omonimo film con Julia Roberts e Hugh Grant, conta numerose boutiques e mercatini. Per la sera la capitale inglese offre l’imbarazzo della scelta: pub tradizionali, bar lussuosi, locali con musica dal vivo e club dove scatenarsi fino a tarda notte. Un club esclusivo è senza dubbio il Paramount, che offre ai suoi ospiti una vista mozzafiato su tutta la città. Questo locale, i cui interni sono stati ideati dal noto designer Tom Dixon, si trova agli ultimi tre piani della Center Point Tower.

Barcellona
Per vivere una giornata in perfetto stile Sex and the City bisogna prima di tutto alloggiare in un boutique hotel in pieno centro. Ad esempio, l’Hotel H10 Montcada, dal design moderno, si trova a pochi passi dalla Piazza Catalunya e dal mare. Shopping durante la giornata, aperitivo a base di tapas sulla Rambla, cena in un ristorante sul mare per poi finire la serata in uno dei club più esclusivi della città. Dopo una giornata cosí movimentata non rimane di meglio che rilassarsi nella piscina sul tetto dell’hotel sorseggiando un bicchiere di champagne.

Berlino
Nella capitale tedesca si trova di tutto e di più e per tutti i gusti. Una città che mescola la storia con l’innovazione e il trend, dove potrete avventurarvi in numerosi negozi e boutiques. L’hotel OTTO, raccomandato al 100% dagli utenti di HolidayCheck, è l’ideale per un soggiorno a Berlino. Situato nel quertiere di Charlottenburg, a soli 15 minuti a piedi dalla nota strada per lo shopping Kurfürstendamm, questo hotel accoglie i suoi ospiti in un’atmosfera raffinata dal design moderno. Per gli amanti della vita notturna le notti berlinesi sapranno soddisfare al meglio ogni tipo di esigenza. Il Junction bar, ad esempio, propone ogni sera musica dal vivo, mentre per chi desidera ballare fino alle prime luci dell’alba, il Matrix, nota discoteca dall’atmosfera underground, è il locale ideale.

Su di noi
Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo per i viaggi, le vacanze e le recensioni di hotel. Certificato TÜV grazie alla qualità, alla sicurezza e alla trasparenza dei servizi offerti, su HolidayCheck gli utenti possono trovare più di 1.300.000 di recensioni, 1.500.000 foto delle vacanze e 24.000 video di viaggio. Il portale è presente in 10 lingue diverse e permette ai viaggiatori di condividere le proprie esperienze di viaggio.

Contatto stampa
Rossana Seghezzi
HolidayCheck AG
+41 (0) 71 686 53 67
[email protected]

No Comments
Comunicati

Amanti della buona cucina: ecco gli hotel da cui è meglio stare alla larga


HolidayCheck, il più grande portale europeo di recensioni di hotel ha stilato la lista degli hotel con la peggiore gastronomia in base ai giudizi degli utenti. I principali motivi per cui gli utenti non raccomandano la cucina di questi alberghi? Menú monotoni, piatti freddi, lunghe code al buffet e scarsa igene. Amanti della buona cucina, se volete evitare brutte sorprese, prendete carta e penna e annotate il nome di questi hotel.

1. Side Hotel Point (Turchia)
Al primo posto della classifica si piazza il Side Point Hotel, situato sulla Riviera Turca. L’hotel non ha molta fantasia in quanto varietà di menú. Facile trovare come cena lo stesso cibo del pranzo riscaldato. Oltre al cibo monotono, l’area ristorante (vedi foto) scarseggia in quanto igene e, come ironizza un utente di HolidayCheck, “Se siete sopravvissuti a un soggiorno in questo hotel, allora potrete mangiare di tutto”.

Valutazione della gastronomia da parte degli utenti: 1.9 (la scala di valutazione va da 1= pessimo a 6=ottimo)

2. Hotel Arcadio/Arcadia (Spagna)
Secondo „classificato“ l’hotel Arcadio/Arcadia sull’isola di Maiorca. Secondi gli utenti di HolidayCheck qui è meglio evitare la colazione. Il motivo? La sala colazione si trova in un semiterrato, la pulizia scarseggia e al buffet vengono serviti toast bruciati e salsicce secche, per non parlare poi delle condizioni igeniche della macchina del caffé e del distributore dei succhi d’arancia. Meglio quindi acquistare una baguette al supermercato e fermarsi a bere un caffè in un bar sulla spiaggia.
Valutazione della gastronomia da parte degli utenti: 2.0

3. Laruj Hotel Polat Thermal (Turchia)
Torniamo in Turchia: malgrado il Laruj Hotel Polat Thermal sia stato classificato un hotel a 5 stelle, secondo gli utenti di HolidayCheck la qualità della gastronomia non ne vale neanche la metà. La maggior parte dei piatti vengono serviti freddi, la scelta del menú è molto limitata e la quantità di cibo servita al buffet è scarsa rispetto al numero degli ospiti. L’unico particolare che rimanda a un hotel a 5 stelle è il prezzo delle bevande: che va dai 5 euro per una birra fino ai 15 euro per un Cocktail.
Valutazione Gastronomia: 2.1

4. Hotel Colosseum (Bulgaria)
A differenza di quanto suggerisce il nome, l’hotel Colosseum non si trova a Roma, ma bensì in Bulgaria e a qualità della cucina proposta dall’albergo non può essere paragonata a quella italiana. Per fortuna l’hotel si trova in una posizione molto favorevole e nei dintorni ci sono diversi ristoranti dove mangiare cibo migliore.
Valutazione gastronomia da parte degli utenti: 2.6

Hotel Reemyvera Resort (Egitto- Hurgada)
A parimerito con l’hotel bulgaro Colosseum troviamo il Reemyvera Resort , a Hurgada, la cui offerta per
ristorazione è stata valutata dagli utenti di HolidayCheck come insufficiente. Mancanza di igiene nella sala da pranzo e menú sempre a base di pasta, verdure e carne. Nel bar dell’hotel le bevande vengono servite in bicchieri di plastica e per bere un caffé a colazione bisogna arrivare presto, altrimenti c’è il rischio di non trovare più una tazzina pulita.
Valutazione gastronomia da parte degli utenti: 2.6

5. Hotel Belussi Beach (Grecia)
Chiudiamo la classifica con l’Hotel Belussi Beach in cui si mangia meno peggio che negli altri, con un’annotazione: “se desiderate perdere peso, allora siete nell’hotel giusto”. Questa l’opinione di un utente di HolidayCheck sulla cucina proposta da questo albergo situato sull’isola greca di Zante. Se state sorseggiando una bevanda zuccherata dovete prestare ttenzione alle vespe che si aggirano nella sala pranzo prendendo d’assalto frutta e dolci.
Valutazione gastronomia da parte degli utenti: 3.1

Su di noi
Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo per i viaggi, le vacanze e le recensioni di hotel. Certificato TÜV grazie alla qualità, alla sicurezza e alla trasparenza dei servizi offerti, su HolidayCheck gli utenti possono trovare più di 1.300.000 di recensioni, 1.500.000 foto delle vacanze e 24.000 video di viaggio. Il portale è presente in 10 lingue diverse e permette ai viaggiatori di condividere le proprie esperienze di viaggio.

No Comments
Comunicati

Se non via cielo, via terra: cosa aspettarsi sulle autostrade europee


Una settimana senza traffico aereo obbliga ad una riflessione sui mezzi di trasporto alternativi all’aereo: HolidayCheck, analizza le principali autostrade europee. In Germania e Olanda le autostrade sono gratis, mentre Italia e Spagna hanno il pedaggio più alto per chilometro percorso.

Germania
La rete autostradale tedesca è particolarmente nota in quanto è una delle poche strade al mondo senza limiti di velocità. Solo in certi casi come in prossimità di svincoli, nei punti pericolosi e nei tratti con lavori in corso vengono applicati particolari limiti di velocità. A differenza delle altre nazioni europee, automobilisti e motocilisti possono viaggiare lungo tutta la rete autostradale senza pagare alcun pedaggio. Sui tratti autostradali sono presenti anche numerose zone „pic nic“ dove fare una breve sosta all’aria aperta per poi ripartire a tutto gas verso la meta della vacanza.

Francia
Le autostrade si estendono per oltre 11’000 km su tutto il territorio francese ad eccezione della Corsica, dove non è presente alcuna autostrada. Ogni 15 km si trovano piazzole di sosta, alcune con stazione di benzina, caffetteria e ristorante. Lungo i tratti autostradali sono inoltre presenti più di 330 boutiques dove si possono acquistare vestiti, tipici prodotti regionali, libri, biglietti e molto altro. L’ideale per chi volesse prendere un ultimo souvenir francese prima di ritornare a casa.

Svizzera
Con 40 franchi annuali (circa 27 euro) si compra la vignetta obligatoria con la quale percorrere tutta la rete autostradale Svizzera. La vignetta è acquistabile alla stazione di confine o in un qualunque edicola sul territorio elvetico. Simbolo delle autostrade svizzere è la galleria del San Gottardo che, con i suoi 17 km ha rappresentato per 20 anni la galleria stradale più lunga al mondo. Dal 2000 questo primato spetta al tunnel Lærdal (Norvegia) della lunghezza di 24 km. Per gli amanti dei paesaggi, il tratto autostradale A13 offre un viaggio dal panorama mozzafiato attraverso le Alpi Svizzere.

Austria
Altra nazione in cui è obbligatorio l’acquisto del bollino a costi diversi in base alla durata: 10 giorni costa circa 8 euro per le auto (4,50 euro per le moto), 2 mesi circa 22,90 euro (11,50 per le moto), mentre la vignetta annuale costa 76,20 euro (30,40 per le moto). Da tener presente che, oltre all’acquisto del bollino per circolare in autostrada, in Austria sono soggette a pedaggio anche particolari strade panoramiche quali:l’Arlberg-Strassentunnel, la Felbertauernstrasse, il Gleinalmtunnel e il tratto austriaco dell’autostrada del Brennero.

Su di noi
Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze. Certificato TÜV grazie alla qualità, alla sicurezza e alla trasparenza dei servizi offerti, su HolidayCheck gli utenti possono trovare più di 1.300.000 di recensioni, 1.500.000 foto delle vacanze e 24.000 video di viaggio. Il portale è presente in 10 lingue diverse e permette ai viaggiatori di condividere le proprie esperienze di viaggio.

Contatto stampa
Rossana Seghezzi
HolidayCheck AG
+41 (0) 71 686 53 67
[email protected]

No Comments
Comunicati

Mondiali di calcio 2010: dove si allenano i nostri avversari?


A due mesi dall’inizio dei mondiali di calcio del Sud Africa le squadre iniziano a riscaldarsi. L’obiettivo di ogni nazionale? Arrivare in piena forma per vincere! La preparazione fisica dei giocatori deve essere curata con molta attenzione, soprattutto se si considera il fatto che si giocherà a 1.500 metri sopra il livello del mare. HolidayCheck ha scovato dove effettueranno la preparazione atletica le principali nazionali europee.

Germania
Meta tutta italiana per la nazionale di Joachim Loew. A differenza delle altre nazionali, che hanno optato per una meta in altitudine, la nazionale tedesca inizierà la sua preparazione per i mondiali nella calda Sicilia, a Sciacca. Successivamente, dal 21 maggio al 2 giugno, la squadra si sposterà in ritiro nei pressi del Lago di Como, ad Appiano Gentile.

Inghilterra
La nazionale di Fabio Capello andrà in ritiro in Austria. Dal 17 al 29 maggio il team inglese sarà a Irdning per un periodo di allenamento, mentre il 30 maggio disputerà a Granz l’amichevole contro il Giappone. Dopo questo ultimo test in Europa la nazionale volerà il 2 giugno in Sud Africa.

Italia
La nostra nazionale campione del mondo in carica ha scelto Sestiere (Piemonte) come sede per la preparazione in vista della della trasferta in Sud Africa. Questa stazione sciistica, situata a 2035 metri aveva già fatto parlare di se, quando nel 2006 ospitò le Olimpiadi invernali di Torino. Il CT Marcello Lippi ha optato per questo villaggio in quota per preparare al meglio gli azzurri a ripetere il successo di Berlino 2006. Durante le due settimana di ritiro, tra maggio e giugno, gli azzurri alloggeranno all’hotel Lago Losetta e al Grand Hotel Sestriere.

Francia
Anche la nazionale francese ha deciso di restare nella propria terra per l’ultimo campo d’allenamento prima dell’appuntamento con i mondiali. Dal 18 el 25 maggio il team francese sarà a Tignes, una splendida località sciistica confinante con la Svizzera. Dopo il ritiro la nazionale disputerà una serie di partite amichevoli per poi volare a inizio giugno in Sud Africa.

E la nazione ospitante?
Sud Africa
I padroni di casa dei Mondiali 2010 hanno scelto di prepararsi nella città bavarese di Herzogenaurach. In questa città tedesca hanno sede due tra le più importanti aziende sportive: Puma e Adidas. Quest’ultima è anche lo sponsor della nazionale sudafricana. A ospitare il durante il periodo di ritiro sarà l’hotel Ramada.

Contatto stampa
Rossana Seghezzi
HolidayCheck AG
+41 (0) 71 686 53 67
[email protected]

No Comments
Comunicati

Il trend dei boutique hotel: tra design e fantasia


I boutique hotel si distinguono per il loro design unico, per il loro stile che unisce il moderno con il classico e stanno diventando sempre più popolari tra i viaggiatori sempre più esigenti, che sono alla ricerca di un’esperienza unica, che vada oltre il semplice soggiorno presso l’hotel. HolidayCheck ha selezionato i boutique hotel più stravaganti e originali. Un’idea per trascorrere una Pasqua diversa.

I primi boutiques hotel sono apparsi a New York negli anni’80. Biglietti da visita e siti web di questi hotel riflettono perfettamente l’immagine un po’ “pazza“ e „inusuale“ della struttura. Situati nei quartieri privilegiati delle grandi città, i boutique hotel offrono al cliente un servizio privilegiato e personalizzato. Il design è spesso concepito e sviluppato dsi singoli proprietari.

The Propeler Island City Lodge, Berlino
Il concetto di questo hotel è stato sviluppato da un artista tedesco e, in questo caso, più che di un albergo si può parlare di un “oggetto d’arte”. Si tratta di un hotel che si presenta come un museo, caratterizzato da un ambiente straordinario e unico. Ogni camera trasporta i suoi ospiti in un mondo oltre l’immaginazione e l’arredamento stravagante degli interni invita gli ospiti a staccarsi dalla realtà.

Hotel Fox, Copenaghen
Ventuno artisti grafici provenienti da tutto il mondo hanno unito le loro idee e la loro creatività per dare uno stile unico alle 61 camere dell’hotel Fox, situato nel cuore di Copenhagen, a pochi passi dall’importante via commerciale Strøget. Impegnato nella salvaguardia dell’ambiente e privo di emissioni di anidride carbonica, questo hotel ha ricevuto il certificato biologico per lo sviluppo sostenibile. Il suo ristorante Sushikappo propone deliziose prelibatezze come il makizushi, il sashimi e il nigiri. L’hotel mette a disposizione un servizio di nolleggio biciclette e di lettori mp3.

East Hotel & Restaurant, Amburgo
Costruito in una antica fonderia, l’East Hotel & Restaurant si situa nel quartiere St. Paul, la zona più animata di Amburgo, dove i turisti possono godersi al meglio la vita notturna. Daniel, utente di HolidayCheck, ha avuto l’occasione di scoprire le numerose camere di questo albergo e racconta l’unicità delal struttura. L’hotel offre uno dei migliori cocktail bar della città, un ristorante in stile New York e perfino una palestra sul tetto.

Hotel Nordic Light, Stoccolma
La mission sviluppata dall’hotel Nordic Light è quella di accogliere gli ospiti in un ambiente creativo e innovativo. L’elemento chiave del design dell’hotel ruota attorno alla luce. Gli impianti di illuminazione avanzati evidenziano e valorizzano l’atmosfera degli interni mentre nelle stanze è possibile godere della cromoterapia. Nelle camere il dettaglio fa la differenza, i letti, per esempio, sono firmati Hästens, famoso produttore svedese e i bagni dispongono di articoli della Temple Spa. Attrazione di questo hotel è anche la sua cantina vinicola che vanta una delle collezioni di vino americano più vasta al mondo.

Prizeotel Bramen-City, Brema
Nel cuore della città di Brema, al nord ovest della Germania, si trova questo boutique hotel dal design futuristico. Le stanze sono dotate di TV con schermo al plasma, di connessione iPod e di connessione Wi-Fi gratuita. I bagni dispongono invece di doccia effetto pioggia tropicale. A detta di Ingrid, utente di HolidayCheck, “lo staff dell’hotel è molto attento, socievole e allegro.

Kruisherenhotel, Maastricht
Il Kruisherenhotel si trova in un antico monastero risalente al 15° secolo, che è stato trasformato in un hotel dal design esclusivo. Gli interni sono stati ristrutturati e arredati in uno stile moderno e contemporaneo, ma mantenendo allo stesso tempo il carattere gotico della struttura. Per gli ospiti si tratta di un viaggio nel tempo, soprattutto quando si entra nella chiesa che oggi è stata adibita in spazi espositivi, reception, biblioteca e in un wine bar. Secondo Michaela, utente di HolidayCheck che ha soggiornato al Kruisherenhotel “L’interazione tra antico e moderno è emozionante e di grande successo”.

Hi Hotel, Nizza
Questo boutique hotel ecosostenibile offre un arredamento elegante e moderno, il tutto in un’atmosfera amichevole. L’idea dei creatori di questa struttura è quella di proporre un nuovo concetto di stanza, non più basato su uno stile decorativo particolare, ma piuttosto su una precisa organizzazione dello spazio. Più di un semplice soggiorno in hotel, si tratta di sperimentare l’alternativa all’abituale disposizione dello spazio. L’Hi hotel sorge nel cuore di Nizza, a pochi passi dal noto lungo mare „Promenade des Anglais“ e dispone di un centro termale e di una spiaggia privata.

Contatto stampa
Rossana Seghezzi
HolidayCheck AG
+41 (0) 71 686 53 67
[email protected]

No Comments
Comunicati

“Spring Break”: un fenomeno che ha raggiunto anche le spiaggie europee


Arriva la primavera e con lei è arrivato lo Spring Break. Cos’è? La “pausa di primavera”, una settimana di vacanza concessa agli studenti degli Stati Uniti da trascorrrere all’insegna del puro divertimento sulle spiaggie del Messico e dei Caraibi. La novità è che questo fenomeno che ha il potere di runire migliaia di giovani, sta prendendo sempre più piede anche in Europa. HolidayCheck , il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze, vi presenta gli appuntamenti con lo Spring Break Europe.

Rovigno, Croazia
Dal 21 al 24 maggio 2010 la città di Rovigno (o Rovinj) accoglierà, secondo le fonti ufficiali, 10.000 persone provenienti da tutta Europa in occasione dello Spring Break. Questa città croata dalle coste mozzafiato sta diventando una meta sempre più popolare. L’evento prevede, come da tradizione, un programma ricco di concorsi di bikini, feste sulla spiaggia musica e tanti diveritmento. Momento atteso di questa edizione 2010 è la performance del Dj di fama mondiale David Guetta.

Lloret de Mar, Spagna
Sono migliaia gli studenti che ogni anno ad aprile si recano a Lloret de Mar per provare le brezza dello Spring Break americano. La combinazione di sole, spiagge e feste hanno trasformato Lloret de Mar nella capitale della vita notturna della Costa Brava. La città è ricca di bar, club e ristoranti di ogni genere e inoltre si trova in una posizione ottimale per tenersi in forma: sport acquatici e campi da golf non mancano.

Le classiche top destinazioni dello Spring Break

Cancun, Messico
La destinazione più famosa per festeggiare lo Spring Break americano è senza dubbio Cancun. Questa città dalle temperature tropicali e dalle spiagge eccezionali è diventata nel corso degli anni la meta più ambita dagli studenti di tutti gli Stati Uniti. Sono molti i tour operatour che approfittano di questo evento per organizzare viaggi che includono anche sconti sulle bevande e sulle entrate nei club. A Cancun lo Spring Break non è solo spiaggia e vita notturna, vengono infatti programmate visite nei luoghi storici del Messico, come ad esempio le piramidi dei Maya, un elemento in più per rendere lo Spring Break di Cancun in un momento indimenticabile.

Panama City Beach, Florida
Nel corso degli ultimi anni Panama City si è affermata una delle destinazioni più “in” degli Stati Uniti per festeggiare lo Spring Break. La chiave del successo? Prezzi abbordabili, vita notturna e spiagge da cartolina.

No Comments
Comunicati

HolidayCheck propone un nuovo servizio gratuito per utenti e albergatori


Il portale per i viaggi e le vacanze HolidayCheck offre agli albergatori un nuovo servizio totalmente gratuito: la possibilità di inserire sulla pagina del proprio hotel il link al sito ufficiale dell’albergo, che sarà visibile in tutti i 13 portali di HolidayCheck nel mondo.

Con questa novità il più grande portale europeo per le recensioni di hotel incrementa i servizi offerti agli albergatori: oltre alle informazioni sul proprio albergo, le news, la possibilità di caricare fotografie e di commentare le recensioni degli utenti, da oggi gli albergatori potranno essere contattati direttamente, grazie al link alla hompage dell’hotel.

„Sappiamo che l’inserimento del link al sito ufficiale di un hotel è un importante servizio per gli albergatori e che altri siti di recensioni lo offrono a pagamento ma HolidayCheck è un portale di opinioni indipendente: l’importante per noi è garantire la massima trasparenza possibile, sia nei confronti degli utenti che degli albergatori“, afferma George Ziegler, Senior Marketing Manager di HolidayCheck.

Inserire il link è semplice: basta registrarsi gratuitamente all’Area Albergatori di HolidayCheck e scrivere tra i dati il sito web dell’hotel, terminata la registrazione il link alla homepage compare in automatico sulla pagina del profilo dell’hotel, insieme all’indirizzo della struttura, alle notizie, alle recensioni, alle fotografie e ai video.

I dieci anni di esperienza di HolidayCheck nel settore turistico ci hanno insegnato che questo link svolge una doppia funzione: da un lato è la risposta alle esigenze informative degli utenti e, dall’altro, rappresenta per gli albergatori la possibilità di contatto diretto con i potenziali clienti.

Contatto stampa
Rossana Seghezzi
HolidayCheck AG
+41 (0) 71 686 53 67
[email protected]

No Comments
Comunicati

I Carnevali piú divertenti al mondo


Non solo in Italia: il Carnevale si celebra da sempre in tutto il mondo. Colore, musica, divertimento e tanta gente. Il portale di viaggi HolidayCheck.it vi mostra i Carnevali piú interessanti al mondo.

Rio de Janeiro

Il carnevale a Rio é universalmente riconosciuto come il piú grande e il piú bello al mondo.

Qui é davvero possibile osservare la gioia di vivere tipica della metropoli. A differenza del resto del mondo, a Rio il carnevale é roba da professionisti. A sfidarsi per strada durante le sfilate sono le scuole di samba, mentre le persone ballano allegramente con loro.

Caraibi

Nell’isole Trinidad e Tobago si celebra il secondo carnevale per importanza dopo Rio.

In strada si incontrano maschere particolari, specialmente asini, briganti e diavoli.

L’usanza deriva dall’epoca coloniale, quando il popolo era solito scimmiottare e prendere in giro con costumi bizzarri i potenti.

Basilea

Molto particolare é il Carnevale di Basilea. La cittá svizzera, tradizionalmente protestante, festeggia intenzionalmente sempre il Lunedí dopo il Carnevale cattolico.

Puntualmente alle quattro del mattino inizia il “Morgestraich”: la cittá spegne i lampioni e le illuminazioni cittadine, e innumerevoli gruppetti di persone sfilano con costumi per la cittá con in mano lanterne.

Cadice

Nella penisola iberica il Carnevale, viene festeggiato nell’antica cittá spagnola sulla costa andalusa. La particolaritá: durante la sfilata si sfidano numerosi cori (grandi e piccoli). Le persone vestono costumi e maschere e si divertono a prendere in giro politici e VIP.

Molto amati sono i “Chirigots” , gruppi formati da alcuni cantanti accompagnati da chitarra. Si suonano Tango e Paso Doble, cosí che tutti per strada possano ballare.

Gran Canaria

Le feste piú famose si trovano a Las Palmas, a Maspalomas, ad Agaete e a Telde.

Gli abitanti di Gran Canaria festeggiano in allegria e ballano in gruppi musicali. Momento culminante del Carnevale nella capitale é l’elezione della “regina del Carnevale“. Da non perdere é la grossa sfilata “Gran Cabalgata” in Las Palmas.

Contatto stampa

Rossana Seghezzi

HolidayCheck AG

+41 (0) 71 686 53 67

[email protected]

No Comments
Comunicati

Incomprensioni linguistiche: quando capirsi é un problema.


Mai capitato di trovarvi in un Paese anglofono, ordinare un the caldo e vedervi servito un bel bicchierone di the freddo? Il classico malinteso linguistico di noi italiani: pensiamo „caldo“, diciamo „cold“, che in inglese significa freddo. Tranquilli, non siamo gli unici: HolidayCheck vi propone una panoramica dei più buffi malintesi linguistici internazionali.


Spagna
Raquel, utente di HolidayCheck racconta che una volta, accaldata durante le vacanze estive, ha detto ai suoi compagni: ‘I’m hot’, traducendo alla lettera dallo spagnolo „tengo calor“. Ha ottenuto naturalmente gli apprezzamenti dei suoi amici maschi ma, in questo caso, sarebbe stato meglio dire „
it’s really hot in here“ come hanno suggerito in seguito a Raquel.

Un altro esempio esilarante è quanto accaduto ad un pilota che, raffreddato, è andato in farmacia esclamando „I’m constipated“. Ma se in spagnolo „Constipado“ significa raffreddore, in inglese „constipated“ ha lo stesso significato che in italiano!


Francia
Non solo gli spagnoli hanno difficoltà con le lingue straniere: un altro utente di HolidayCheck, Ben,
era con il suo club di lingua francese in un negozio transalpino, quando ha sentito qualcuno esclamare (per la prima volta) “Oh, la vache!”. Dice Ben: „inconsciamente mi sono guardato intorno per vedere una mucca”. Ma in francese é solo un esclamazione di sorpresa.
O come Louise che al ristorante, avendo mangiato abbastanza, ha risposto al cameriere “non merci, je suis plein (e)“, ma in francese ‘plein être’ significa essere in stato di gravidanza.

Grecia
Le vacanze in Grecia significano sole, mare, spiaggia … e souvenir!
In uno dei numerosi negozietti Jörg voleva acquistare un souvenir di Creta. Quando chiese se l’articolo era in vendita, il venditore rispose “ne”. In greco „ne“ significa „sì“ ma in tedesco è un modo colloquiale per dire “no”: Jörg se ne è andato senza souvenir.


Polonia
Se vi capita di fare un salto in Polonia e di comprare qualcosa o pagare al ristorante, aspettate di ricevere il resto prima di dire “dziękuję” (grazie).

Se lo dite troppo presto, darete il vostro resto come mancia, anche se si tratta di 100 €!

No Comments
Comunicati

HolidayCheck Award 2010 – I vincitori


Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con gli HolidayCheck Award, il premio assegnato ai 99 hotel più amati dagli utenti, scelti da oltre 307.000 viaggiatori. Oltre a questi, ulteriori ventidue alberghi si sono aggiudicati i premi speciali per la qualitá dei servizi offerti nelle specifiche categorie.

Sul più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze sono presenti 81.000 strutture ricettive recensite e, solo nel 2009, i viaggiatori hanno inviato 307.764 recensioni di alberghi, sulla cui base sono state scelte le 99 strutture alberghiere più amate in tutto il mondo. Da oggi i vincitori possono vantarsi del titolo “HolidayCheck Award 2010“.

I vincitori

La Turchia é la nazione che ottiene il migliore risultato, con 38 hotel su 99, due in piú dello scorso anno. Germania e Austria, rispettivamente con 14 e 13 hotel vincitori, si classificano ai primi posti, seguite dall’Egitto.

Italia a quota otto hotel, tutti in Alto Adige, che in questo modo si qualifica come regione geografica con il maggior numero di alberghi Award.

A seguire Spagna, Grecia, Tunisia, Tailandia, Repubblica Dominicana, Dubai e Svizzera. La lista completa è visionabile qui: Top Hotel HolidayCheck

Premi speciali

Riconoscimenti speciali sono stati previsti per gli hotel che, sulla base delle recensioni rilasciate, hanno dimostrato particolare qualitá nei servizi. Ai vincitori nelle categorie gastronomia, hotel per famiglie, Newcomer, sport e divertimento sono stati assegnati gli “HolidayCheck Special Award“. Un ulteriore riconoscimeto “premio della redazione“ é stato previsto per i due hotel che nella scorsa stagione hanno dimostrato piú di ogni altro una particolare attenzione alle recensioni dei propri ospiti.

Assegnazione dei premi

Il 2010 sará all’insegna dello scambio di conoscenze e sviluppo di strategie. La premiazione si terrá infatti il 5 Marzo, all’interno dell’evento “Turismo 2.0 – Il cliente determina il successo“ , presso il „Westhafen Pier 1“ a Francoforte. Albergatori di tutto il mondo siederanno ad un tavolo con i Tour Operator e ai rappresentanti di destinazioni turistiche, lavorando insieme agli esperti di HolidayCheck.

La partecipazione è aperta agli albergatori, agli operatori turistici, alla stampa e a chiunque abbia interesse ad approfondire le proprie conoscenze nel settore “Turismo 2.0”.

Per ulteriori informazioni e scaricare il modulo di adesione, questo il link: HolidayCheck-Turismo 2.0

Su di noi

Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze. Certificato TÜV grazie alla qualità, alla sicurezza e alla trasparenza dei servizi offerti, su HolidayCheck gli utenti possono trovare più di 1.000.000 di recensioni, 1.300.000 foto delle vacanze e 20.000 video di viaggio. L’head office è a Bottighofen, una cittadina svizzera sul Lago di Costanza.

No Comments
Comunicati

Capodanno 2010: come si festeggia in Europa


Manca poco a Capodanno: gli italiani si sono già forniti di intimo rosso, lenticchie e zampone per propiziarsi fortuna nell’anno nuovo. Ma come festeggiano le altre nazioni europee? HolidayCheck vi guida attraverso le più insolite tradizioni di San Silvestro in Europa.

Usanze inglesi

Tradizionalmente, allo scoccare della mezzanotte, gli anglosassoni aprono la porta sul retro per permettere all’anno vecchio di uscire e chiedono alla prima persona dai capelli scuri che incontrano di entrare in casa e portare sale, carbone e pane come segno di buon auspicio per l’anno nuovo.

Piombo in Germania

Das Bleigießen (letteralmente ‘colata di piombo’) è una antica tradizione tedesca. Una piccola quantità di piombo viene fusa in un cucchiaio e versata in una ciotola o in secchio pieno d’acqua. La forma  che il metallo assumerá verrá poi interpretata per predire l’anno futuro. Un cuore o la forma ad anello, simboleggiano un matrimonio in vista, la figura di una nave, un viaggio, la forma di un ancora é sinonimo di aiuto ai bisognosi. Se il piombo forma un tondo invece, significa che la fortuna rotolerà via.

Fortuna che fugge nella Repubblica Ceca

A Capodanno in Repubblica Ceca sono particolarmente importanti le tradizioni culinarie. Si  evita di mangiare carne:il motivo é la paura che,avendo avuto le “gambe”, gli animali cucinati possano “fuggire” portandosi appresso la fortuna! I piatti di pesce sono altrettanto impopolari per lo stesso motivo: la fortuna potrebbe “nuotare via”. Quindi i cechi a Capodanno preferiscono la zuppa di lenticchie con piselli. Secondo la tradizione, si evitano in questo modo problemi finanziari per tutto l’anno a venire.

Chicchi d’uva e rintocchi d’orologio

In Spagna, é tradizione  mangiare un chicco d’uva per ognuno dei dodici rintocchi d’orologio dell’ultima mezzanotte dell’anno. Ognuno dei chicchi rappresenta un mese dell’anno dopo. Se il chicco è dolce, così sará quel mese, ma se acido, non ci si aspetta un buon periodo.

Piatti rotti davanti casa

In Danimarca trovare davanti alla porta d’ingresso una pila di piatti rotti é un buon segno per il nuovo anno. I piatti vengono infatti spaccati a Capodanno e gettati davanti agli usci di amici e conoscenti per augurare fortuna. Trovare una grande pila di piatti rotti, la mattina del primo gennaio, significa avere molti amici e che l’anno nuovo favorirà ottimi rapporti di amicizia.

Ricchezza grazie alle squame di pesce
In Polonia, per assicurarsi ricchezza nel nuovo anno, si usa mettere nel portafoglio alcune squame della pelle della carpa cucinata alla vigilia di Natale. Inoltre, le donne single devono “drizzare le orecchie”: il primo nome maschile sentito dopo mezzanotte, sarà il nome del loro futuro compagno.

No Comments
Comunicati

Surriscaldamento globale: i gioielli turistici a rischio scomparsa


Il vertice mondiale sul clima di Copenaghen entra nelle fasi finali dei negoziati: tra le zone del nostro Pianeta la cui esistenza è minacciata dal riscaldamento globale, ci sono anche popolari destinazioni turistiche. HolidayCheck ne propone una panoramica: mete che, oltre ad essere preservate, meritano sicuramente una visita, prima che sia troppo tardi.

Atene

Una delle città più antiche al mondo, con una incredibile quantitá di monumenti architettonici, è tra le destinazioni piú amate per le vacanze culturali. Tra dieci anni un soggiorno nella capitale greca potrebbe risultare piuttosto difficile: per il 2020 si stimano temperature estive oltre i 40° e un preoccupante aumento dell’inquinamento dell’aria.

Alpi
Nel 1994, 2002 e nel 2003 si sono registrate le piú alte temperature sulle Alpi degli ultimi cinquecento anni. Le aree più vulnerabili sono le stazioni sciistiche a piú bassa quota, in particolare nelle Alpi orientali, come Kitzbühel, in Austria. Ogni aumento di un grado centigrado delle temperature medie, rende impraticabili circa 100 piste sciistiche in Europa.

Everglades National Park – Florida
La piú grande riserva naturale subtropicale degli Stati Uniti é in procinto di cambiare aspetto per sempre. Con una moltitudine di ecosistemi, dalle pinete alle praterie, dalle foreste di cipressi alle paludi, le Everglades rappresentano un habitat ideale per decine di specie animali minacciate ora di estinzione. L’innalzamento del livello del mare infatti, metterá a repentaglio l’ecosistema delle paludi e dei laghi dell’Everglades National Park.

Grande Barriera Corallina – Australia

Il cambiamento climatico è la minaccia più significativa per la sopravvivenza della Grande Barriera Corallina in Australia. A causa dell’aumento delle temperature dell’acqua, i coralli stanno morendo. Tra le annate peggiori quelle tra il 1998 e nel 2002, quando il fenomeno ha interessato oltre il 50% della Barriera. Insieme alla scogliera scompaiono molti altri organismi, come la stella marina Acanthaster planci. Entro il 2050, la Barriera Corallina potrebbe essere interamente colonizzata e dominata da organismi non corallini, con gravi conseguenze sull’ecosistema della zona.

Venezia
Secondo un recente studio, il MOSE, la barriera artificiale costruita al largo di
Venezia, per proteggere la città dall’acqua alta, potrebbe non essere efficace futuro. Un livello dell’acqua acqua superiore ai 110 centimetri (quota sopra la quale entra in azione il MOSE) é un fenomeno che si presenta attualmente circa quattro volte l’anno, ma entro la fine del secolo é previsto tra le trenta e le duecentocinquanta volte l’anno. L’impatto sull’ambiente lacustre e sul turismo sarebbe disastroso.

—-

Su di noi

Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze. Certificato TÜV grazie alla qualità, alla sicurezza e alla trasparenza dei servizi offerti, su HolidayCheck gli utenti possono trovare più di 1.000.000 di recensioni, 1.300.000 foto delle vacanze e 20.000 video di viaggio. Il portale è presente in 10 lingue diverse e permette ai viaggiatori di condividere le proprie esperienze di viaggio.

Contatto stampa

Rossana Seghezzi

HolidayCheck AG

+41 (0) 71 686 53 67

[email protected]

No Comments
Comunicati

HolidayCheck lancia il nuovo sito: più servizi, più vicino agli utenti


HolidayCheck lancia ufficialmente la nuova versione del sito www.holidaycheck.it. Rinnovato nella grafica e nelle funzionalità, il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze rende piu semplice agli utenti inviare recensioni di hotel e crociere, caricare video e fotografie e condividere le proprie esperienze di viaggio.

Il lancio del nuovo HolidayCheck.it è un punto di svolta“, così Friedrich Scanzoni, Managing Director International, „dieci anni fa HolidayCheck era una piccola azienda fondata e condotta da un gruppo di amici, oggi è il più grande portale di viaggi europeo, presente in dieci lingue differenti e con uno staff di quasi 200 professionisti.“

La migliorata usability è evidente già dalla homepage: semplicità nell’invio dei contenuti e il nuovo „Watch List tool“, ovvero la possibilità per gli utenti di creare una propria lista di hotel da confrontare, per avere in un colpo d’occhio la panoramica generale di prezzi e proposte degli alberghi selezionati.

E`inoltre stato aggiunto un feedback box: uno spazio dedicato in cui poter segnalare eventuali errori trovati sul sito, dare suggerimenti ed idee per migliorare i servizi di HolidayCheck.

Gli utenti non sono gli unici a poter beneficiare della nuova versione del portale: con HotelManager,

il servizio totalmente gratuito dedicato agli albergatori, HolidayCheck vuol dar spazio anche ai proprietari di strutture ricettive, mettendo loro a disposizione numerosi strumenti: dalla possibilità di analizzare le performance dell’albergo e confrontarle con la concorrenza, al dialogo continuo con i potenziali clienti inserendo news e rispondendo alle recensioni, fino ai nuovissimi tool per redigere questionari personalizzati.

Con il lancio del nuovo sito HolidayCheck offre un portale ricco di servizi e sempre più vicino alle esigenze di chi viaggia. Gli utenti possono costruire la propria vacanza, dalla scelta della destinazione, alla lettura delle recensioni di altri viaggiatori, fino alla prenotazione di una delle oltre 180.000 strutture presenti nel database. Gli albergatori, a loro volta, hanno a disposizione un’importante piattaforma che consente di dare alla propria struttura un’eccellente visibilità in internet.

Su di noi

Fondato nel 1999, HolidayCheck è il più grande portale europeo per i viaggi e le vacanze. Certificato TÜV grazie alla qualità, alla sicurezza e alla trasparenza dei servizi offerti, su HolidayCheck gli utenti possono trovare più di 1.000.000 di recensioni, 1.300.000 foto delle vacanze e 20.000 video di viaggio. L’head office è a Bottighofen, una cittadina svizzera sul Lago di Costanza.

Contatto stampa

Rossana Seghezzi

HolidayCheck AG

+41 (0) 71 686 53 67

[email protected]

No Comments
Comunicati

Berlino:vent’anni senza muro


Il prossimo 9 novembre Berlino festeggia i venti anni della caduta del muro. HolidayCheck propone alcuni scorci della cittá, perché, pur essendo stata divisa in due parti per oltre quarant’anni, la capitale tedesca è riuscita a curare le sue ferite e a diventare una città vivace, che costantemente reinventa se stessa.


Musei

Il Museo del Muro (via Friedrichstrasse 43), si trova vicino al Checkpoint Charlie, il più famoso punto di controllo di frontiera. É facile da individuare: sono installati due grossi pannelli con le foto degli ultimi due soldati ad aver monitorato il confine (un americano e un russo). Un’altra visita obbligatoria è il quartier generale della Stasi (via Ruschestr. 103). La polizia segreta che sorvegliava coloro avessero l’intenzione di fuggire dalla Germania occidentale. Le guide del museo sono ex-prigionieri.

Il muro

La East Side Gallery, sul fiume Sprea, è una strada ricca di artisti, di graffiti e di street-art. Il muro visibile nella via non é tuttavia quello originale. Per visitarne i resti bisogna recarsi per esempio, nella Bernauerstrasse. Grazie agli sforzi di un tenace sacerdote in una chiesa di questa strada é ancora custodito una parte del muro. Altre parti originali si trovano presso lo stadio Friedrich-Ludwig-Jahn Sportpark ed in alcuni tratti della Friedrichstrasse.

Dormire

HolidayCheck propone due alberghi per gustare l’atmosfera di Berlino, unendo Ancora una storico moderno, le due anime della città: l’Hotel Adlon Kempinski e il Ku’Damm.
Il primo è un hotel di lusso con vista sulla
Porta di Brandeburgo. Si tratta di un simbolo di rinascita dopo la caduta del muro. Bombardato nella seconda guerra mondiale e demolito per ordine del governo sovietico, è stata recostruito su richiesta popolare nel 1984. Il secondo è situato nel viale commerciale, la Kürfürstemdamm, nota anche come Ku’Damm, da qui il nome dell’hotel: offre un design moderno nel cuore della capitale e organizza specifici itinerari storici nella cittá.

Su HolidayCheck

Con più di 1.000.000 di recensioni di hotel, 1.200.000 di foto e 20.000 video di viaggo, HolidayCheck è ad oggi uno dei più grandi portali internet d’Europa per le informazioni sui viaggi e le vacanze.


Per ulteriori informazioni:

Rossana Seghezzi

PR Manager

Tel: +41 (0)71 686 5367

[email protected]

www.holidaycheck.it

No Comments