All Posts By

Debora Geraci

Comunicati

La vera gioia e la vera felicità non hanno prezzo.


 

Se non si riesce a sopravvivere, non si possono neppure ottenere gioia e felicità.

È difficile riuscire a sopravvivere in una società caotica, disonesta e, in generale, immorale.

Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il più possibile piacevole e priva di dolore.

La tua sopravvivenza può essere minacciata dalle cattive azioni delle persone che ti vivono accanto.

La tua felicità può esser trasformata in tragedia e dolore dalla disonestà e cattiva condotta degli altri.

Sono certo che ricordi casi in cui questo è realmente accaduto. Tali ingiustizie riducono la sopravvivenza di una persona e ne danneggiano la felicità.

Tu sei importante per gli altri. Ti ascoltano. Puoi influenzarli.

La felicità o l’infelicità delle persone che conosci è importante per te.

Usando questo libro puoi, senza troppe difficoltà, aiutarle a sopravvivere e a condurre una vita più felice.

Benché non si possa garantire che tutti gli altri siano felici, si possono aumentare le loro possibilità di sopravvivenza e di felicità. E, con le loro, aumenteranno anche le tue.

Il potere di indicare la via verso una vita meno pericolosa e più felice è nelle tue mani.

Scritto da L. Ron Hubbard

Per maggiori informazioni visita il sito: http://http://www.laviadellafelicita.org/

No Comments
Comunicati

UN PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE DALLA DROGA CHE SALVA VITE

Il complessivo abuso di droga mondiale ha portato a quello che può indiscutibilmente essere descritto come un mondo inondato di sangue e di miseria umana.

In risposta, ecco il Narconon (che significa “nessuna droga”), il programma di riabilitazione e prevenzione dalla droga fondato nel 1966 sulla base delle scoperte di L. Ron Hubbard.

Il programma Narconon non si rivolge soltanto alla debilitazione fisica e mentale causata dall’abuso di droghe, ma si occupa anche dei motivi per cui un individuo in primo luogo si rivolge alla droga.

Di conseguenza, la percentuale di successo del Narconon non solo è la più alta del mondo, ma è quattro volte superiore alle medie internazionali.

Ma con l’abuso di droga che ora sta rovinando la vita a 200 milioni di persone nel mondo, la battaglia per sradicarne l’abuso deve includere anche la sua prevenzione. A tal fine, i diplomati Narconon ed i suoi volontari dirigono uno dei programmi più efficaci sulla sensibilizzazione della droga che ci siano al mondo. Finora, ha fornito a più di 17 milioni di giovani la verità sull’uso e la dipendenza dalla droga.

Gli Scientologist hanno contribuito con delle donazioni alla creazione del Narconon Arrowhead. Fondata nel 2001, questa è la migliore e principale struttura della serie di centri Narconon. Si erge in mezzo a più di 87 ettari di bosco sulle rive del Lago di Eufaula, nel sud-est dello stato dell’Oklahoma. Oltre ad essere il più grande impianto residenziale al mondo nel suo genere, il Narconon Arrowhead serve anche come centro internazionale di formazione per gli specialisti per il recupero dei tossicodipendenti. Dal suo avvio, ha provveduto alla formazione in loco di professionisti provenienti da 13 nazioni e 43 stati degli Stati Uniti.

Oggi, il network Narconon per la riabilitazione e la prevenzione dalla droga comprende più di 180 centri e gruppi che si estendono su 47 nazioni, il doppio del numero di un decennio fa.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.narconon.org

No Comments
Comunicati

Imprenditori in campo per 10’000 libretti de “La Via della Felicità”

Brescia, il coordinatore della campagna sociale “La via della felicità” ha patrocinato oltre 10.000 libretti e a breve le copie verranno distribuite .
L’imprenditore, titolare dello Scatolificio Bresciano, non è nuovo alla divulgazione di questi libretti, che da anni distribuisce ai suoi dipendenti come attività sociale della sua azienda.
Il libretto è il primo codice morale basato totalmente sul buon senso, completo di 21 precetti, che aiutano il lettore riconsiderare molti aspetti della sua vita. E che con l’avanzare nella lettura, tende a rivedere.
Abbraccia diverse aree della vita: “Abbi cura di te stesso”, “Sii moderato”, “Evita il libertinaggio”, “Ama e aiuta i bambini”, “Rispetta e aiuta i genitori”, “Da un buon esempio”, “Non far niente di illegale”, “Sostieni un governo che è stato creato ed opera per l’interesse di tutti”, “Proteggi e migliora il tuo ambente”, “Sii degno di fiducia”, “Fai fronte ai tuoi obblighi”, “Sii attivo”, “Sii competente”, “Rispetta a fede religiosa altrui”, “Cerca di non fare ad altri ciò che non vorresti che gli altri facessero a te” “Cerca di trattare gli altri come vorresti che gli altri trattassero te” e “Fiorisci e prospera”.
L’interesse di Angelo per la continua divulgazione de “La Via della Felicità” nasce da un progetto attuato in Colombia. Lì il libretto è stato distribuito a livello nazionale dalla forze dell’ordine e dall’esercito in gran quantità. Da allora il paese ha dimezzato le percentuali di criminalità e decuplicato il turismo nell’area.
Per maggiori in sul sito www.laviadellafelicità.org

No Comments
Comunicati

Brescia, Movida all’insegna della prevenzione alla Droga


Oltre 500 libretti in una sola sera
Brescia 5 Ottobre, 2013, i volontari della associazione “No alla droga” erano all’interno dalla Movida Bresciana, distribuendo oltre 500 libretti di prevenzione sulla Marjuana e sull’Alcol nella sola serata, e non senza stupore da parte dei ragazzi.
Non è nuova l’iniziativa dei volontari dell’associazione che, ogni fine settimana si dedicano a distribuire materiale di prevenzione sulle droghe. Nuovo era solo l’ogetto della prevenzione. Infatti, nelle uscite precedenti si sono distribuiti migliaia di libretti di prevenzione generici, raggruppanti le droghe più comuni. La notte di Venerdì avevano un “colore” diverso, un brillante rosso per “Scopri, La verità sulla Marjuana” ed un bel giallo intenso per il libretti “Scopri, La verità sull’alcol”.
Parecchi dei ragazzi incontrati, dice Luciano, volontario della campagna da circa vent’anni, avevano gia’ avuto il libretto precedente e hanno ricevuto volentieri il “nuovo argomento”. Che speriamo, possa far “ravvedere” anche quelli più ostici. “Anche se, da ciò che ho potuto osservare, sembrerebbe esserci un netto miglioramento”, prosegue Luciano: “Ragazzi più attenti all’argomento e meno disposti a farsi coinvolgere dall’uso di certe sostanze”.

Dalle parole del filosofo Umanitario L. Ron Hubbard. “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere”, con la speranza che siano comprese dalla nuova generazione.
Per maggiori informazioni su conferenze o materiale di prevenzione: Gabriele
3494466089.
Visita il sito www.noalladroga.org

No Comments
Comunicati

Brescia: Giornata mondiale per la salute mentale


CCDU Brescia, Rassegna stampa, attività dell’anno
Il 10 Ottobre, scadenza per la giornata mondiale per la salute mentale, il CCDU ( Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani) tira le somme sull’attività svolta nella sua area durante l’anno appena trascorso.
I volontari della associazione, si sono mantenuti attivi ogni settimana dell’anno con la distribuzione di Migliaia di volantini per sensibilizzare e rendere chiaro l’inganno della pseudo “malattia” ADHD,( Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività ) di cui lo stesso “inventore” Leon Eisenberg, padre “scientifico” dichiarò: “L’ADHD è un ottimo esempio di malattia fittizia” . Anche se forti interessi personali promuovono la “soluzione” con potenti psicofarmaci ed etichettando i nostri ragazzi. “Curandoli” con pastiglie che gia’ il proprio esteso bugiardino, ne evidenzia la pericolosità .
Dunque, un anno che ha visto il comitato in prima linea, quando ha riunito un folto gruppo davanti agli Spedali Civili, per il caso di un ragazzo tolto dalla famiglia; presidio che ha sensibilizzato chi, troppo spesso, prende quest’ iniziativa radicale senza un reale intervento all’interno della famiglia. Oltre a evidenziare la presunta speculazione dei gestori delle “case famiglia” che percepiscono dai 70 ai 200 euro giornalieri per un solo ragazzo. I volontari Bresciani in ben 4 occasioni hanno inoltre manifestato contro l’abuso dell’elettroshock davanti all’ospedale Civile di Montichiari, Ricordiamo un indagine fatta dal Senatore Marino che segnalò Montichiari come il più “produttivo” per questa pratica barbara. Rivelando che troppo spesso questa pratica viene utilizzata prima di altri trattamenti farmacologici, violando lo stesso protocollo. Prendiamo l’occasione per riportare una recente buona notizia, che vede all’interno della regione Sicilia l’abolizione della controversa pratica dell’elettroshock.
Inoltre il 7 Giugno un importante delegazione Bresciana si è unita ai gruppi nazionali per protestare contro l’ADHD (iperattività), facendo risuonare a gran voce la protesta contro questa pseudo malattia. Cosi che le famiglie possano stare più all’erta su potenziali proposte di “terapia” ai propri figli.

Maggiori informazioni su
www.ccdu.org

No Comments
Comunicati

Elettroshock: le origini


 
Pochi conoscono che fu un macello di Roma che ispirò la procedura cosiddetta scientifica dell’elettroshock (ECT) o terapia elettroconvulsivante (TEC).

Negli anni ‘30, lo psichiatra Ugo Cerletti, Direttore del Dipartimento delle Malattie Mentali e Neurologiche dell’Università di Roma, diede inizio ad una serie di trattamenti sperimentali d’elettroshock sui cani, mettendo un elettrodo sul muso del cane e un altro nell’ ano.

Ugo Cerletti
Metà degli animali sottoposti a questa procedura morì per arresto cardiaco.

Nel 1938, Cerletti sperimentò l’elettroshock collocando gli elettrodi alla testa, dopo aver osservato in un macello romano come i maiali erano tramortiti con shock elettrico per renderli più docili prima di ucciderli.

Condusse personalmente centinaia di applicazioni sui maiali e alla fine scrisse:

Queste evidenti prove fecero svanire alla fine tutti i miei dubbi, e senza ulteriori indugi diedi istruzioni alla clinica di intraprendere l’esperimento sull’uomo. Molto probabilmente, se non ci fosse stata questa circostanza fortuita e fortunata del macello l’ECT non sarebbe nato. ( 1 )
La prima vittima di Cerletti fu non consenziente, un carcerato. Dopo che la prima scarica elettrica percorse il corpo dell’uomo, questi urlò: ” Basta! Mi fa morire!”. Un testimone racconta che: “Il professore (Cerletti) suggerì che venisse somministrato un altro trattamento con un voltaggio più alto “. (2)

Elettroshock Lo psichiatra tedesco Lothar B. Kalinowsky, era uno degli studenti di Cerletti presenti ai primi elettroshock sull’uomo, presto diventò uno dei più appassionati ed accaniti sostenitori. Sviluppò un proprio apparecchio per l’elettroshock e dopo il 1938 introdusse la procedura in Francia, Olanda, Inghilterra e più tardi, negli Stati Uniti. Nel 1940 l’ECT era usato a livello internazionale.

Un imbroglio pseudoscientifico
Se si domanda ad uno psichiatra come funziona la mente e il cervello si scoprirà che non sa darti delle indicazioni precise. Se si domanda come “funziona” l’ECT ti risponderà che non è sicuro sul perché funziona. Tuttavia, sa darti una serie infinita di teorie a riguardo.

Queste teorie includono:

“È un procedimento distruttivo che a volte consente un miglioramento”.
“Produce un benefico effetto neurovegetativo”.
“Produce l’esperienza incosciente della morte e della resurrezione”.
“Causa paura alla persone, e questa crea un recupero (guarigione)”.
“ … porta la personalità giù, verso un livello più basso e così facilita la guarigione”. (3)
“Insegna al cervello a resistere alle convulsioni” e “soffoca in modo anormale i circuiti cerebrali attivi, stabilizzando l’umore”. (4)
“Le persone depresse spesso si sentonocolpevoli, e l’ECT soddisfa il loro bisogno di punizione”. (5)
Prova ad immaginare un cardiochirurgo che deve eseguire un’operazione di bypass, ma che non conosce come funziona il cuore, che è a conoscenza di dozzine di teorie al riguardo, ma di nessun fatto scientifico. Cosa faresti?

Ma c’è di peggio; cosa penseresti se il dottore dicesse al paziente che dall’intervento ci si aspettano, quali conseguenze, i seguenti fenomeni: danni cerebrali, perdita della memoria, l’illusione che i problemi siano spariti? Eppure sono proprio questi i risultati della shockterapia, stando al foglio informativo sull’ECT diffuso nel 2003 dalla Fondazione Americana per la Salute Mentale.

Quello che disse nel 1942 lo psichiatra Abraham Myerson, è una testimonianza del risultato che la psichiatria ha a lungo cercato:

La riduzione dell’intelligenza è un fattore decisivo nella procedura della cura… il fatto è che alcune delle migliori cure che si possono ricevere sono quelle riscontrabili in quegli individui che sono praticamente ridotti ad uno stato di demenza…”. (6 )
La teoria sulla quale si base l’ECT non è andata oltre a quella degli antichi greci, quando curavano i problemi mentali usando lo shock convulsivo creato da una droga chiamata elleboro. La procedura dell’ECT non è più scientifica o terapeutica dell’essere colpiti sulla testa con una mazza.

L’ECT è un trattamento psichiatrico remunerativo che continua a persistere nonostante in alcuni paesi sia bandito o vi siano leggi che ne limitano l’uso, ma soprattutto per il fatto che non ci siano fondamenti scientifici e il pericolo di danni fisici.

Ugo Cerletti, “Old and New Information About Electroshock,” American Journal of Psychiatry, 1950.
Ibid.
Leonard Roy Frank, The History of Shock Treatment (Leonard Roy Frank, San Francisco, California, 1978), p. 36.
Maggio 2003: ECT, s cheda informativa dal Mental Health Foundation, United Kingdom: “Electroconvulsive Therapy (ECT).”
Ibid.
Abraham Myerson, nella discussione di Franklin G. Ebaugh, et al., “Fatalities Following Electric Convulsive Therapy: A Report of 2 Cases With Autopsy Findings,” Trans American Neurological Association, 68, giugno 1942, p. 39.

http://www.ccdu.org/ect/elettroshock

 

No Comments
Comunicati

INSEGNANTI Cosa puoi dire ai tuoi studenti riguardo all’USO DI DROGA


INSEGNANTI
Cosa puoi dire ai tuoi studenti riguardo all’USO DI DROGA che non abbiano già sentito migliaia di volte?
In quanto insegnante, vuoi aiutare i giovani a restare lontani dalla droga e sai di doverli informare prima che lo facciano gli spacciatori. A volte mancano il tempo e le risorse per un’educazione efficace sulla droga, ed i materiali utilizzati sono spesso antiquati, per non parlare del fatto che non si rivolgono realmente ai ragazzi, noi possiamo aiutarti.
“Questo programma mi è piaciuto moltissimo e tutto era ben organizzato. Le lezioni erano ben pianificate e c’era una varietà di risorse che potevano essere usate con ogni lezione. Gli opuscoli sono fatti benissimo!! Loro (gli studenti) erano molto sorpresi dalle storie che questi ex tossicomani condividono negli opuscoli. Ha dato loro un’ottima idea delle vere conseguenze dell’uso della droga. Alcuni di loro sono stati in grado di aprirsi e parlare dell’abuso di droghe da parte dei loro genitori. Sono rimasta meravigliata che esista un tale programma che sia GRATUITO ed è così educativo. Ed è tutto lì!!!”
L.M., Insegnante di Sanità e Salute, New York

“Ho utilizzato i materiali ricevuti e fatto capire agli studenti gli effetti delle droghe, gli ho persino dato il vostro indirizzo del sito web da poter consultare a loro piacimento. Il programma è molto efficace. Infatti dopo la seduta due ragazzi hanno chiesto ulteriore aiuto e sono stati mandati ad un istituto locale che lavora con i giovani che prendono droghe. Hanno veramente capito molto. Sono diventati più consapevoli degli effetti negativi.

Speriamo che molti più studenti cerchino di seguire un buon comportamento ed evitino i rischi. Alcuni dei commenti tra gli studenti erano ‘Non toccherò mai le droghe!’, ‘Devo dirlo ai miei amici!’, ‘Sperimentare è parte della giovinezza, ma piuttosto uno può sperimentare gli sport.’”
C.A., Insegnante, Malta

“Mi è piaciuto che (il programma) abbia sia i video che gli opuscoli. Ha dato ai miei ragazzi le informazioni vere e leggendolo, erano sorpresi di scoprire cose che non sapevano. I miei studenti pensavano di sapere tutto sulle droghe, ma l’LSD era nuovo a molti di loro. Pensavano che le droghe avessero un effetto breve a meno che uno fosse dipendente e ne prendesse in grandi quantità. Erano sorpresi di vedere che una sola volta potesse rovinare il resto della loro vita.”
C.G., Insegnante, Sud Carolina

http://it.drugfreeworld.org/takeaction/educators.html

No Comments
Comunicati

FUNZIONARI DELLE FORZE DELL’ORDINE

www.noalladroga.org

In quanto Funzionario delle Forze dell’Ordine, capisci la relazione tra la droga ed il crimine, meglio della maggior parte della società. Ma come puoi impedire che le persone, in particolare i giovani, utilizzino droga in primo luogo?

Questo è ciò su cui possiamo aiutarti.

La nostra associazione non a scopo di lucro ti fornirà l’esatto programma per educarli sugli effetti avversi delle droghe prima che inizino. Nessuna esagerazione, nessuna tattica intimidatoria, solo informazioni che si limitano ai fatti, che gli permettano di prendere la decisione corretta riguardo alle droghe.

Basato su più di vent’anni di esperienza di lavoro con altri funzionari delle forze dell’ordine, specialisti dell’istruzione sulla droga, genitori ed adolescenti, il nostro programma ottiene risultati.

Attraverso i nostri annunci di pubblica utilità, vincitori di diversi premi, e anni di comprovato successo con gli opuscoli La Verità sulla Droga, il fulcro dei nostri sforzi nella prevenzione alla droga, parliamo direttamente delle droghe ai ragazzi, così che possano decidere da soli di starne lontani.

Ecco cosa hanno da dire altri Funzionari delle Forze dell’Ordine in merito al programma:

“Il pacchetto educativo La Verità sulla Droga è impressionante. Gli opuscoli sono stati distribuiti a tutte le cinquanta scuole dell’area. Il DVD è stato mostrato a studenti dagli 11 ai 17 anni circa e ha incontrato una risposta molto positiva. Agli insegnanti sono piaciute moltissimo i dibattiti suscitati dal DVD. Non ricordo nessun’altra presentazione che abbia catturato in questo modo l’attenzione degli studenti. Penso che li abbia informati facendogli capire bene la questione. Se potete inviarmi un secondo DVD, posso darlo alla mia controparte nel nord della città perché lo distribuisca. È molto, molto istruttivo e d’impatto.”
B.L., Sceriffo/Capo della Polizia, Canada

“I video sono stati un valido complemento alle lezioni sulla droga. Gli studenti ora comprendono come la droga possa rovinare la vita di persone con un trascorso simile al loro. Ho scoperto che le storie delle persone rappresentate nei video erano più credibili di quanto non lo fossi io, che parlavo agli studenti di persone la cui vita era stata rovinata dalla droga o di quanto malati si possa diventare con l’utilizzo di droga. Dopo aver usato i video nella prima lezione, ho chiesto agli studenti se preferissero una conferenza o i video… erano davvero entusiasti di sapere che avrebbero guardato video simili a quelli per tutta la durata dei seminari sulla droga.”
C.F., Vice Sceriffo/Agente di Polizia del New Jersey

Ecco che cosa puoi fare:

Richiedi il Kit Informativo GRATUITO La Verità sulla Droga.

Guarda il DVD, Creare un Mondo Libero dalla Droga.

Leggi i nostri opuscoli educativi sulla droga.

Metti in pratica il programma nelle scuole e nelle strutture per la prevenzione della droga della tua comunità, seguendo i semplici passi del Manuale delle Attività incluso nel kit.

Salva delle vite.

http://it.drugfreeworld.org/takeaction/law-enforcement-officials.html

No Comments
Comunicati

Brescia: Spedali Civili continua la raccolta firme: “contro le etichette psichiatriche ed abuso di psicofarmaci ai bambini”


Brescia: Domenica 29 settembre: i volontari del CCDU (Comitato dei Cittadini per i Diritti dell’Uomo) erano davanti agli Spedali Civili per la raccolta firme sulla petizione: Appello per i diritti dei bambini contro le etichette psichiatriche ed abuso di psicofarmaci.

I volontari con la distribuzione di materiale informativo sul soggetto hanno fatto aderire diversi cittadini che hanno sottoscritto l’appello.

Il foglio informativo riportava:
PENSI CHE LA PSICHIATRIA NON ABBIA A CHE FARE CON TE?
RIPENSACI!

La recente campagna di marcheting, portata avanti da lobby psichiatriche, ha raggiunto l’obiettivo del consenso del ministero della salute per cui un bambino “troppo vivace” ora può ricevere una diagnosi di “iperattività” e il marchio di malato mentale. Di conseguenza molti di loro saranno sottoposti a trattamento con pericolosi pscicofarmaci anfetaminici. La psichiatria continua a sostenere che i bambini troppo vivaci sono in realtà colpiti da una “malattia” a cui è stato dato il nome di ADHD. Nessuno vuole negare che un bambino possa avere problemi a scuola, in famiglia o nelle relazioni interpersonali e che questi problemi possano manifestarsi con un comportamento irascibile, nervoso e preoccupato. Ma sostenere che questo atteggiamento è indice di una malattia è soltanto una trovata pubblicitaria e una campagna di marcheting che null’altro fa se non aumentare i numero potenziale di pazienti da curare. Questa è una opinione non dimostrata non un fatto: è il business della follia infantile, della cosidetta “sindrome del bambino iperattivo e con deficit di attenzione” (ADHD). Secondo una ricerca nazionale, fatta lo scorso anno in alcune scuole italiane, su un campione di sette città il 9% degli scolari esaminati avrebbe un disturbo mentale e il 2% di loro sarebbe affetto da ADHD. La psichiatria si è sostituita all’istruzione e in alcune scuole i NOSTRI bambini sono sottoposti a test psichiatrici/psicologici al fine di individuare il “disturbo mentale” fin dall’infanzia.
Un recente sondaggio dell’istituto Mario Negri stima che in Italia:
34.000 BAMBINI ITALIANI FANNO USO DI PSICOFARMACI (!).
I bambini non sono “cavie”, sono esseri umani che hanno tutto il diritto di aspettarsi protezione ed amore, questo verrà loro negato solo dalle camicie di forza verbali e chimiche: dalle false etichette psichiatriche e dagli psicofarmaci.

I bambini sono il nostro futuro.
A RISCHIO NON C’E’ NIENTE DI MENO CHE IL NOSTRO STESSO FUTURO.
Maggiori informazioni su:
www.ccdu.org

No Comments
Comunicati

Intossicare il mio organismo? No, grazie!


Quanti tossicodipendenti vorrebbero dire: “No, grazie!” se potessero tornare al giorno in cui si sono consegnati alla schiavitù della droga! Eppure, nell’ingenua sapienza di molta gioventù, di tentazioni per drogarsi ce ne sono tante: c’è chi lo fa per uniformarsi, chi per fuggire da un problema, chi per alleviare la noia o rilassarsi, chi per sembrare più grande, chi per ribellione o, semplicemente, per provare qualcosa di diverso. E sotto la pressione degli amici e le menzogne degli spacciatori, che pure come “amici” si presentano, la tentazione diventa l’inizio della propria rovina. Ce lo dimostra la storia di John:

“Il mio scopo nella vita non era vivere… era avere uno sballo. Nell’arco di anni ho fatto uso di cocaina, marijuana e alcol, con la falsa convinzione che mi avrebbero aiutato a fuggire dai problemi. Peggiora solo le cose. Ripetevo a me stesso: ‘Smetterò definitivamente dopo quest’ultima volta’. Non è mai successo.”

Per contro, noi dell’associazione “No alla droga”, vogliamo aiutare i giovani a dire: “No, grazie!” quando sono ancora liberi di farlo. E a tal fine ci serviamo di uno strumento basilare: una corretta informazione preventiva, affinché le false convinzioni possano dissiparsi di fronte alla realtà. Nella sola prima metà di settembre 2013 abbiamo distribuito, nella città di Brescia e provincia, oltre 1500 copie dell’opuscolo intitolato “La verità sulla droga”, un piccolo manuale che spiega in modo chiaro e semplice come non cadere nella trappola della tossicodipendenza. Nella nostra attività di volontari (ormai ventennale), durante una recente distribuzione dei libretti presso una sagra in provincia, abbiamo incontrato un giovane che ci ha raccontato la sua esperienza: “

Già otto anni fa mi avete dato l’opportunità di leggere questo opuscolo: per me è stato come la Bibbia, mi ha aiutato a non farmi coinvolgere nella droga quando, nel mio gruppo, se ne faceva uso abituale”.

Risultati come questo ci onorano: l’avveduta sapienza di molta gioventù è il prodotto che ci prefiggiamo, affinché un “No, grazie!” sia la risposta sempre più frequente alle insidie delle sostanze stupefacenti. Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard scrisse: “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione per vivere”.

Sul sito www.noalladroga.org è possibile consultare ed ottenere gratuitamente gli opuscoli ed altro materiale informativo sulle attività di “Mondo libero dalla droga”. Su richiesta è possibile organizzare conferenze per le scuole e centri sociali.

Per ulteriori informazioni: 349 4466098, Gabriele.

No Comments
Comunicati

DUE ANNI DI PREVENZIONE ALLA DROGA NELLA DISCOTECA FLORIDA DI GHEDI


Discoteca Florida, durante la serata di sabato 28 settembre 2013, i volontari del “Dico NO alla droga, dico SI alla vita”, hanno distribuito ai ragazzi più di 300 opuscoli “La verità sulle droghe”.

Da due anni è iniziata questa campagna di prevenzione e da allora sono stati distribuiti migliaia di libretti. I volontari posizionandosi all’ingresso del parcheggio consegnano i libretti, così che rimangano in macchina dei ragazzi che possono prenderne visione anche nei giorni a venire.

La discoteca è il luogo ideale dove fare prevenzione perchè vengono sensibilizzati i ragazzi più a rischio o quelli che, in qualche modo, sono gia’ entrati in contatto con quelle sostanze, senza contare i contatti che possono avere avuto con pusher o “amici” che li invitano a farne uso.

I volontari della campagna, spinti dal motto “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere” (citazione di L.Ron Hubbard), sono certi che con la prevenzione si possa davvero dare una spallata efficace al consumo e al diffondersi delle droghe.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.it.drugfreeworld.org/

No Comments
Comunicati

UNA SOLUZIONI PER UN’EDUCAZIONE E UN’ALFABETIZZAZIONE MIGLIORI


LA TECNOLOGIA DI STUDIO DI L. RON HUBBARD

Al giorno d’oggi, la capacità di comprendere e ricordare i dati appresi e di essere effettivamente in grado di imparare è di vitale importanza per tutte le persone di qualsiasi età. Le nuove tecnologie, la continua valanga d’informazioni a cui siamo sottoposti, perfino la semplice lettura di un manuale d’istruzioni per un elettrodomestico, richiedono comprensione.

La Tecnologia di Studio di L. Ron Hubbard è un’innovazione di grande importanza, in un mondo in costante declino nell’istruzione. La tecnologia di studio consiste in una vasta raccolta di conoscenze che non solo insegnano a studiare, ma descrivono anche le tre principali barriere ad un apprendimento efficace, sconosciute prima d’ora. Armato di questa conoscenza, ora chiunque può studiare con successo, un raggiungimento che segna una vera rivoluzione positiva nel campo dell’insegnamento.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.appliedscholastics.it

No Comments
Comunicati

La Notte per la prevenzione con La verità sulle droghe

Brescia: ieri sera, Sabato 21 Settembre, sono stati distribuiti per le vie e nelle piazze del centro, oltre 400 libretti di prevenzione “Scopri la verità sulle droghe”

L’arma più efficace contro la droga: la prevenzione. Il problema droga è una questione che, volenti o no, ci può “toccare” spiacevolmente da vicino. Non di rado chi fa uso di stupefacenti è costretto a rubare per procurarsi le dosi
quotidiane, ed è un attimo pagarne le conseguenze: chi può dire di non aver mai subito un furto, magari della bicicletta, per non parlare di un cristallo sfondato della propria auto? E questo sarebbe ancora nulla in confronto all’essere coinvolti in un incidente stradale, a causa dei riflessi annebbiati di una persona in stato di ebbrezza. Infatti, secondo un sondaggio nazionale del 2007, il 74% degli incidenti automobilistici che si verificano nei week-end, sono dovuti all’abuso di droghe e alcol. Gli opuscoli, dal titolo “La verità sulla droga” illustrano in modo chiaro e semplice ciò che bisogna sapere affinché si possa aprire gli occhi per tempo, perché è molto meglio conoscere in anticipo in quali guai si può affondare, nel caso in cui si volesse cedere all’impulso di assumere sostanze stupefacenti. In assenza di vera informazione è più facile cadere nella trappola. Questa è la storia di Ben: “Ho iniziato con la marijuana, poi con le pillole di ecstasy e gli acidi, facendo miscugli con ogni tipo di droga, prendendone anche dosi esagerate per avere effetti più duraturi. Una sera ho avuto una brutta esperienza, un trip… Pregavo e piangevo affinché questa sensazione sparisse, udivo voci nella mia testa, avevo dei tremiti… Sono rimasto senza casa, vivevo nella strada e dormivo in una scatola di cartone, chiedendo l’elemosina e sforzandomi di trovare dei modi per procurarmi un pasto”. A quante storie come questa dovremo ancora assistere? E’ appurato che il miglior deterrente sia la prevenzione: una buona campagna di informazione può cambiare un’idea, un comportamento e salvare, così, vite umane. Il filosofo Ron Hubbard afferma: “le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione per vivere”.

Sul sito www.noalladroga.org è possibile consultare ed ottenere gratuitamente tutto il materiale informativo, che include opuscoli, DVD e manuali sulle attività di “La verità sulla droga”.

No Comments
Comunicati

Volontari al lavoro per ripulire il parco Falcone


A Brescia, sabato 21 settembre, la pulizia del parco Falcone da parte del gruppo “La via della Felicità”.

Molti i sacchi raccolti e un centinaio di libretti dell’omonimo libro distribuiti. Come spiegano gli organizzatori, i volontari erano increduli per la sporcizia presente nel parco, che ad una prima occhiata si presentava invece in buone condizioni. Ma, scrutando meglio tra i cespugli, si è trovato di tutto: bottiglie, cartacce, una borsa e persino un piumone. Tra i 21 precetti per una vita migliore (autore L. Ron Hubbard), l’iniziativa prende spunto da due: “Aiuta ad aver cura del tuo ambiente” e “Dai li buon esempio”.

Per maggiori informazioni sulla campagna visita il sito: http://www.laviadellafelicita.org/

No Comments
Comunicati

SEI UN INSEGNANTE E VORRESTI AIUTARE I TUOI STUDENTI A RESTARE LONTANI DALLA DROGA?


In quanto insegnante, vuoi aiutare i giovani a restare lontani dalla droga e sai di doverli informare prima che lo facciano gli spacciatori. A volte mancano il tempo e le risorse per un’educazione efficace sulla droga, ed i materiali utilizzati sono spesso antiquati, per non parlare del fatto che non si rivolgono realmente ai ragazzi, noi possiamo aiutarti.

“Questo programma mi è piaciuto moltissimo e tutto era ben organizzato. Le lezioni erano ben pianificate e c’era una varietà di risorse che potevano essere usate con ogni lezione. Gli opuscoli sono fatti benissimo!! Loro (gli studenti) erano molto sorpresi dalle storie che questi ex tossicomani condividono negli opuscoli. Ha dato loro un’ottima idea delle vere conseguenze dell’uso della droga. Alcuni di loro sono stati in grado di aprirsi e parlare dell’abuso di droghe da parte dei loro genitori. Sono rimasta meravigliata che esista un tale programma che sia GRATUITO ed è così educativo. Ed è tutto lì!!!”
L.M., Insegnante di Sanità e Salute, New York

“Ho utilizzato i materiali ricevuti e fatto capire agli studenti gli effetti delle droghe, gli ho persino dato il vostro indirizzo del sito web da poter consultare a loro piacimento. Il programma è molto efficace. Infatti dopo la seduta due ragazzi hanno chiesto ulteriore aiuto e sono stati mandati ad un istituto locale che lavora con i giovani che prendono droghe. Hanno veramente capito molto. Sono diventati più consapevoli degli effetti negativi.

Speriamo che molti più studenti cerchino di seguire un buon comportamento ed evitino i rischi. Alcuni dei commenti tra gli studenti erano ‘Non toccherò mai le droghe!’, ‘Devo dirlo ai miei amici!’, ‘Sperimentare è parte della giovinezza, ma piuttosto uno può sperimentare gli sport.’”
C.A., Insegnante, Malta

“Mi è piaciuto che (il programma) abbia sia i video che gli opuscoli. Ha dato ai miei ragazzi le informazioni vere e leggendolo, erano sorpresi di scoprire cose che non sapevano. I miei studenti pensavano di sapere tutto sulle droghe, ma l’LSD era nuovo a molti di loro. Pensavano che le droghe avessero un effetto breve a meno che uno fosse dipendente e ne prendesse in grandi quantità. Erano sorpresi di vedere che una sola volta potesse rovinare il resto della loro vita.”
C.G., Insegnante, Sud Carolina

Visita il sito: http://it.drugfreeworld.org/takeaction/educators.html

No Comments
Comunicati

Motoclub e prevenzione alla droga con “Scopri la verità sulle droghe”.


Vigolzone (PC): 22 settembre 2013, durante l’adunata del moto raduno organizzato dal Motoclub Vigolzone, poco prima della partenza, i motociclisti hanno dato il loro contributo a sostegno della campagna di prevenzione alla Droga. Tra questi i volontari dell’associazione “no alla droga” davano ai partecipanti il libretto di prevenzione “Scopri la verità sulle droghe”.

Valter Sala, coordinatore della campagna nel piacentino, ha ringraziato il presidente del moto club Piergiorgio Callisardi per l’invito, rinnovando il suo impegno a partecipare ad altre manifestazioni. Tra gli aneddoti, un paio di motociclisti hanno voluto dell’altro materiale da distribuire nella loro comunità; chi alla scuola vicino casa chi ai propri nipoti.

Il libretto di prevenzione alla droga, da le informazioni necessarie per conoscere i VERI effetti delle sostanze nel corpo e a livello mentale. Poi tramite la conoscenza degli effetti di queste sostanze, i ragazzi sono più accorti restando lontani dall’uso delle stesse.

“Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere” citazione di L. Ron Hubbard.

Per ordinare gratuitamente del materiale o avere maggiori informazioni: http://www.noallladroga.org

No Comments
Comunicati

AUGURIO DELLA VIA DELLA FELICITA’- FIORISCI E PROSPERA


A volte, alcuni cercano di distruggerci, di annullare le nostre speranze e i nostri sogni, il nostro futuro e noi stessi.

Una persona malintenzionata può tentare di provocare il declino di un’altra, mettendola in ridicolo, e usando molti altri mezzi.

Per qualche strana ragione, gli sforzi di migliorare, di diventare più felici nella vita, possono essere soggetti ad attacchi.

A volte è necessario risolvere direttamente la cosa. Ma vi è anche una soluzione a lungo termine che raramente fallisce.

Che cosa stanno cercando di farci queste persone, esattamente? Cercano di trascinarci verso il basso.

Probabilmente pensano che, in qualche modo, siamo pericolosi per loro, che se una persona si fa strada nella vita potrebbe diventare una minaccia per loro. Così tali persone cercano di deprimere, in vari modi, i talenti e le capacità.

Alcuni pazzi hanno persino un piano di questo tipo: “Se Tizio migliora la sua posizione, potrebbe diventare una minaccia per me, perciò devo fare il possibile per diminuirne il successo”. Sembrano non rendersi conto che le loro azioni potrebbero rendere Tizio un nemico, quando prima non lo era affatto. Si può dire che questo è un modo quasi sicuro, per quei pazzi, di finire nei guai. Alcuni lo fanno per pregiudizio, altri per “antipatia”.

Ma il loro vero scopo, in qualsiasi modo lo facciano, è frenare il progresso della persona presa di mira e procurarle un fallimento nella vita.

Il vero sistema per risolvere una situazione di questo tipo e per occuparsi di queste persone, il sistema sicuro per sconfiggerle è fiorire e prosperare.

Sì, è vero che queste persone, esasperate dai nostri miglioramenti, potrebbero attaccarci più duramente. La cosa da fare, se necessario, è affrontarle, ma non rinunciare a fiorire e prosperare, poiché è proprio questo che vogliono.

Se fiorisci e prosperi sempre di più, loro diventeranno apatiche: alla fine potrebbero lasciar perdere tutto quanto.

Se i propri obiettivi nella vita sono validi, se vengono portati a compimento prestando una certa attenzione ai precetti di questo libro, se si fiorisce e si prospera, alla fine se ne uscirà di sicuro vincitori. E, ci auguriamo, senza torcere loro un capello.

E questo è il mio augurio: fiorisci e prospera!

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.laviadellafelicita.org/thewaytohappiness/precepts/flourish-and-prosper.html

No Comments
Comunicati

PER EDUCATORI E INSEGNANTI LA VIA DELLA FELICITA’


 

Nessuno mette in discussione il fatto che gli standard morali sono diminuiti nel corso dei decenni. L’aumento vertiginoso di droga e alcol, ormai fin troppo diffusi tra le giovani generazioni, ha portato un aumento della criminalità in scuole, città e paesi. Le statistiche mostrano che la proliferazione della droga e l’escalation della violenza vanno di pari passo.

L’onestà, la decenza e il senso di rispetto di sé sono pervertiti quotidianamente da una moltitudine di fonti. I nostri giovani sono esposti alle pressioni dei coetanei e associazioni di malintenzionati che cercano di guadagnarsi da vivere con mezzi distruttivi e degrado, senza discriminazioni o scrupoli.

E come noi tutti sappiamo fin troppo bene, la violenza non è solo limitata a vicoli bui e stradine. Spargimento di sangue nelle aule scolastiche, mense e anche nei campi da gioco è fin troppo comune.

Ci siamo impegnati a cambiare le cose con La Via della Felicità, una guida al buon senso per vivere meglio che è stata distribuita a circa 100 milioni di persone in 97 lingue.

Introdotto per la prima volta nelle scuole tre decenni fa, La Via della Felicità mira ad aiutare coloro che rappresentano il nostro futuro: i giovani. Perché è vero che, come insegnante, hai nelle tue mani il potere di apportare quel cambiamento positivo.

Secolare e imparziale, La Via della Felicità si è guadagnata riconoscimenti da alunni, insegnanti, educatori, direttori, professori, governatori, sindaci, medici, infermieri, avvocati, preti e sacerdoti che hanno utilizzato i precetti di questo libro e quindi hanno aiutato altri ad avere una vita dignitosa, onesta e felice.
Kit di strumenti per l’insegnante per La Via della Felicità
Oggi, anni di esperienza nell’uso del libro La Via della Felicità e dei suoi programmi nelle scuole e tra gli studenti, sono stati impiegati per creare uno strumento più efficace per un insegnate, per indicare la strada verso una vita meno pericolosa e felice: il Kit delle Risorse per l’Insegnante de La Via della Felicità.
Stiamo offrendo il kit come OMAGGIO a insegnanti e animatori di gruppi giovanili della comunità, come strumento essenziale per aiutare a fermare la decadenza morale che affligge le nostre comunità. Il kit fornisce strategie efficaci e strumenti pratici ed è disponibile per un’utilizzo nelle aule scolastiche e gruppi della comunità.

Puoi fare la differenza con La Via della Felicità nella tua scuola e comunità. Siamo pronti ad aiutarti. Inizia oggi stesso.
Autore del libro: L. Ron Hubbard

http://www.laviadellafelicita.org/educator/welcome-educators-and-teachers.html

No Comments
Comunicati

LIBERI DALLE DROGHE CON LA VERITA’ SULLE DROGHE


 
Le droghe sono diventate parte della nostra cultura dalla metà dell’ultimo secolo. Nel 1960 queste sostanze venivano pubblicizzate dalla musica e dai mass media, permeando ogni aspetto della società.

È stato stimato che a livello mondiale 208 milioni di persone fanno uso di droghe illegali. Negli Stati Uniti, un sondaggio a livello nazionale condotto nel 2007 sulla salute e sul consumo di droga ha mostrato che 19,9 milioni di americani (cioè l’8% della popolazione dai 12 anni di età) avevano fatto uso di droga durante il mese che precedeva il sondaggio.

Probabilmente conosci qualcuno che è stato colpito dalla droga, direttamente o indirettamente.

Quella più comunemente usata, e abusata, negli Stati Uniti, è l’alcol. Gli incidenti automobilistici connessi all’alcol sono la seconda maggior causa di decessi adolescenziali negli Stati Uniti.

La droga illegale più comunemente usata è la marijuana. Secondo il Rapporto Mondiale delle Nazioni Unite sulla Droga del 2008, circa il 3,9% della popolazione mondiale di età compresa tra i 15 e i 64 anni, abusano di marijuana.

I giovani d’oggi sono più esposti che mai alla droga. In base ad un sondaggio condotto dai Centri per il Controllo delle Malattie nel 2007, il 45% degli studenti di scuola superiore a livello nazionale aveva bevuto alcol e il 19,7% aveva fumato erba nell’arco di quel mese.

In Europa, un recente studio tra i giovani di 15 e 16 anni ha fatto notare che l’uso di marijuana varia da meno del 10 a oltre il 40%, con i tassi più alti riportati dagli adolescenti della Repubblica Ceca (44%), seguiti dall’Irlanda (39%), dal Regno Unito (38%) e dalla Francia (38%). In Spagna e nel Regno Unito l’uso di cocaina tra i 15 e i 16 anni è tra il 4 e il 6%. L’uso di cocaina tra i giovani è aumentato in Danimarca, Italia, Spagna, Regno Unito, Norvegia e Francia.

“Il mio scopo nella vita non era vivere… era avere uno sballo. Nell’arco degli anni ho fatto uso di cocaina, marijuana e alcol, con la falsa convinzione che mi avrebbero aiutato a fuggire dai problemi. Ha solo peggiorato le cose. Ripetevo a me stesso: ‘Smetterò definitivamente dopo quest’ultima volta’. Non è mai successo.” – John

“Ho iniziato con la marijuana, poi con le pillole (ecstasy) e gli acidi, facendo miscugli con ogni tipo di droga, prendendone anche dosi esagerate per avere effetti più duraturi. Una sera ho avuto una brutta esperienza, un trip… Pregavo e piangevo affinché questa sensazione sparisse, sentivo voci nella mia testa, avevo dei tremiti e per sei mesi non sono potuto uscire di casa. Pensavo che tutti mi stessero guardando. Non riuscivo a camminare nei luoghi pubblici. Gente! Non riuscivo nemmeno a guidare.

“Mi sono ritrovato a non avere più una casa e stare per la strada, a vivere e dormire su un cartone, fare l’elemosina e trovare modi per procurarmi da mangiare.” – Ben

“le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere” L. Ron Hubbard

Per maggiori informazioni visita il sito: http://it.drugfreeworld.org

No Comments
Comunicati

Brescia Notte da prevenzione con La verità sulle droghe


Brescia: ieri sera, Sabato 14 Settembre, sono stati distribuiti per le vie e nelle piazze del centro, oltre 500 libretti di prevenzione “Scopri la verità sulle droghe” consegnati principalmente a ragazzi di età adolescenziale, per prevenire l’uso o abuso di queste sostanze.

L’arma più efficace contro la droga: la prevenzione. Il problema droga è
una questione che, volenti o no, ci può “toccare” spiacevolmente da vicino. Non
di rado chi fa uso di stupefacenti è costretto a rubare per procurarsi le dosi
quotidiane, ed è un attimo pagarne le conseguenze: chi può dire di non aver mai subito un furto, magari della bicicletta, per non parlare di un cristallo
sfondato della propria auto? E questo sarebbe ancora nulla in confronto all’essere coinvolti in un incidente stradale, a causa dei riflessi annebbiati di una persona in stato di ebbrezza. Infatti, secondo un sondaggio nazionale del 2007, il 74% degli incidenti automobilistici che si verificano nei week-end, sono dovuti all’abuso di droghe e alcol. Gli opuscoli, dal titolo “La verità sulla droga” illustrano in modo chiaro e semplice ciò che bisogna sapere affinché si possa aprire gli occhi per tempo, perché è molto meglio conoscere in anticipo in quali guai si può affondare, nel caso in cui si volesse cedere all’impulso di assumere sostanze stupefacenti. In assenza di vera informazione è più facile cadere nella trappola. Questa è la storia di Ben: “Ho iniziato con la marijuana, poi con le pillole di ecstasy e gli acidi, facendo miscugli con ogni tipo di droga, prendendone anche dosi esagerate per avere effetti più duraturi. Una sera ho avuto una brutta esperienza, un trip… Pregavo e piangevo affinché questa sensazione sparisse, udivo voci nella mia testa, avevo dei tremiti… Sono rimasto senza casa, vivevo nella strada e dormivo in una scatola di cartone, chiedendo l’elemosina e sforzandomi di trovare dei modi per procurarmi un pasto”. A quante storie come questa dovremo ancora assistere? E’ appurato che il miglior deterrente sia la prevenzione: una buona campagna di informazione può cambiare un’idea, un comportamento e salvare, così, vite umane. Il filosofo Ron Hubbard afferma: “le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione per vivere”.

Sul sito www.noalladroga.org è possibile consultare ed ottenere gratuitamente tutto il materiale informativo, che include opuscoli, DVD e manuali sulle attività di “La verità sulla droga”.

No Comments
Comunicati

L’arma più efficace contro la droga: la prevenzione.


 

Il problema droga è una questione che, volenti o no, ci può “toccare” spiacevolmente da vicino. Non
di rado chi fa uso di stupefacenti è costretto a rubare per procurarsi le dosi
quotidiane, ed è un attimo pagarne le conseguenze: chi può dire di non aver mai
subito un furto, magari della bicicletta, per non parlare di un cristallo
sfondato della propria auto? E questo sarebbe ancora nulla in confronto all’
essere coinvolti in un incidente stradale, a causa dei riflessi annebbiati di
una persona in stato di ebbrezza. Infatti, secondo un sondaggio nazionale del
2007, il 74% degli incidenti automobilistici che si verificano nei week-end,
sono dovuti all’abuso di droghe e alcol.
Bando a pessimismo e malinconia, di fronte a questi dati, l’associazione
“No alla droga” continua il proprio impegno per far conoscere ai giovani le
conseguenze della tossicodipendenza. Uno dei modi per farlo è la distribuzione
di opuscoli informativi presso vari esercizi commerciali, ad esempio bar,
pizzerie, piadinerie, gelaterie, ed altri. I gestori accettano di buon grado di
esporre gli opuscoli, rendendoli disponibili a tutti, giovani e genitori. L’
associazione “No alla droga”, tramite i suoi volontari, sabato 30 agosto ha
distribuito centinaia di libretti nella città di Brescia, oltre che a
Castenedolo e Montichiari. Gli opuscoli, dal titolo “La verità sulla droga”,
illustrano in modo chiaro e semplice ciò che bisogna sapere affinché si possa
aprire gli occhi per tempo, perché è molto meglio conoscere in anticipo in
quali guai si può affondare, nel caso in cui si volesse cedere all’impulso di
assumere sostanze stupefacenti.
In assenza di vera informazione è più facile cadere nella trappola. Questa
è la storia di Ben: “Ho iniziato con la marijuana, poi con le pillole di
ecstasy e gli acidi, facendo miscugli con ogni tipo di droga, prendendone anche
dosi esagerate per avere effetti più duraturi. Una sera ho avuto una brutta
esperienza, un trip… Pregavo e piangevo affinché questa sensazione sparisse,
udivo voci nella mia testa, avevo dei tremiti… Sono rimasto senza casa, vivevo
nella strada e dormivo in una scatola di cartone, chiedendo l’elemosina e
sforzandomi di trovare dei modi per procurarmi un pasto”.
A quante storie come questa dovremo ancora assistere? E’ appurato che il
miglior deterrente sia la prevenzione: una buona campagna di informazione può
cambiare un’idea, un comportamento e salvare, così, vite umane. Il filosofo Ron
Hubbard afferma: “le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che
sono tutto sommato l’unica ragione per vivere”.
Sul sito www.noalladroga.org è possibile consultare ed ottenere
gratuitamente tutto il materiale informativo, che include opuscoli, DVD e
manuali sulle attività di “La verità sulla droga”.

No Comments
Comunicati

PER EDUCATORI E INSEGNANTI

Nessuno mette in discussione il fatto che gli standard morali sono diminuiti nel corso dei decenni. L’aumento vertiginoso di droga e alcol, ormai fin troppo diffusi tra le giovani generazioni, ha portato un aumento della criminalità in scuole, città e paesi. Le statistiche mostrano che la proliferazione della droga e l’escalation della violenza vanno di pari passo.

L’onestà, la decenza e il senso di rispetto di sé sono pervertiti quotidianamente da una moltitudine di fonti. I nostri giovani sono esposti alle pressioni dei coetanei e associazioni di malintenzionati che cercano di guadagnarsi da vivere con mezzi distruttivi e degrado, senza discriminazioni o scrupoli.

E come noi tutti sappiamo fin troppo bene, la violenza non è solo limitata a vicoli bui e stradine. Spargimento di sangue nelle aule scolastiche, mense e anche nei campi da gioco è fin troppo comune.

Ci siamo impegnati a cambiare le cose con La Via della Felicità, una guida al buon senso per vivere meglio che è stata distribuita a circa 100 milioni di persone in 97 lingue.

Introdotto per la prima volta nelle scuole tre decenni fa, La Via della Felicità mira ad aiutare coloro che rappresentano il nostro futuro: i giovani. Perché è vero che, come insegnante, hai nelle tue mani il potere di apportare quel cambiamento positivo.

Secolare e imparziale, La Via della Felicità si è guadagnata riconoscimenti da alunni, insegnanti, educatori, direttori, professori, governatori, sindaci, medici, infermieri, avvocati, preti e sacerdoti che hanno utilizzato i precetti di questo libro e quindi hanno aiutato altri ad avere una vita dignitosa, onesta e felice.

Kit di strumenti per l’insegnante per La Via della Felicità
Oggi, anni di esperienza nell’uso del libro La Via della Felicità e dei suoi programmi nelle scuole e tra gli studenti, sono stati impiegati per creare uno strumento più efficace per un insegnate, per indicare la strada verso una vita meno pericolosa e felice: il Kit delle Risorse per l’Insegnante de La Via della Felicità.
Stiamo offrendo il kit come OMAGGIO a insegnanti e animatori di gruppi giovanili della comunità, come strumento essenziale per aiutare a fermare la decadenza morale che affligge le nostre comunità. Il kit fornisce strategie efficaci e strumenti pratici ed è disponibile per un’utilizzo nelle aule scolastiche e gruppi della comunità.

Puoi fare la differenza con La Via della Felicità nella tua scuola e comunità. Siamo pronti ad aiutarti. Inizia oggi stesso.
Autore L.Ron Hubbard
http://www.laviadellafelicita.org/educator/welcome-educators-and-teachers.html

No Comments
Comunicati

ridurre la criminalità e migliorare la comunità

I bilanci destinati alle spese penitenziarie sono saliti alle stelle, da 11 miliardi di dollari a oltre 49 miliardi di dollari nel giro di 29 anni. Ci sono oltre 2.319.258 adulti nelle carceri americane, uno ogni 100 uomini o donne. Gli Stati Uniti hanno il più alto tasso di popolazione carceraria del mondo: ogni 100.000 persone, 758 sono in carcere.

Droga, criminalità e violenza, tuttavia, prosperano solamente in una cultura che non ha più dei chiari concetti di giusto e sbagliato.

Alla radice di tutto questo troviamo la perdita dei valori morali fondamentali necessari a mantenere una cultura in cui ci siano onestà, dignità e fiducia.

Utilizzando La Via della Felicità nei programmi di prevenzione e di controllo della comunità, è possibile creare un impatto positivo sui giovani e contribuire a ridurre la criminalità e la violenza nella vostra comunità.

Non religiosa e apolitica è impiegata in scuole, case, aziende e istituti penitenziari.

La Via della Felicità ha dimostrato di ottenere risultati nel ridurre la criminalità e nel riportare delinquenti giovani e adulti sulla retta via. È stato usato per aiutare la comunità nei suoi sforzi di prevenzione della criminalità e impiegato nella formazione della polizia e dei funzionari penitenziari.

Qui ci sono modi per affrontare efficacemente la mancanza di valori morali e ridurre il crimine nella vostra comunità.

1. Distribuite il libro La Via della Felicità o il libro su film La Via della Felicità a coloro che hanno commesso reati per riportarli sulla retta via. Per ordinare, cliccate qui.
2. Fate in modo che i funzionari diano il libro ai membri della comunità, ai gruppi di vigilanza di quartiere e a coloro che cercano di esercitare controllo sulla comunità.
3. Date copie del libro ai vostri funzionari e incoraggiateli a leggerlo e utilizzarlo quando si occupano di membri della comunità.
4. Fate trasmettere gli annunci di pubblica utilità de La Via della Felicità a gruppi di giovani, nelle scuole, nei programmi di doposcuola e nei centri di detenzione e fate in modo che gli educatori utilizzino La Via della Felicità nei loro programmi di tutorato e di formazione.
5. Fare in modo che La Via della Felicità venga utilizzata nelle riunioni dei genitori delle classi, nei programmi di gestione della rabbia, nei corsi di formazione per la risoluzione dei conflitti e negli sforzi di prevenzione delle bande.
Fornite copie de La Via della Felicità ai funzionari che si occupano di libertà vigilata e su cauzione, perché le consegnino a coloro che usufruiscono di tali regimi e alle loro famiglie.
Fate distribuire copie del libro ai detenuti nelle carceri locali e negli istituti penitenziari.
Ristampate La Via della Felicità (licenza disponibile contattando noi) per il vostro reparto o agenzia
Autore del libro L. Ron Hubbard
vai al sito: .http://www.laviadellafelicita.org/programs/police.html

No Comments
Comunicati

CHI C’ERRA DIETRO LE CAMPAGNE DI STERMINIO DELL’ERA NAZISTA


 

PUBBLICAZIONE DEL DOCUMENTARIO IN DVD PER ESPORRE LA VERITA’ DIETRO LE CAMPAGNE DI STERMINIO DELL’ERA NAZISTA

Un nuovo documentario appena pubblicato dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), L’ERA DELLA PAURA: IL REGNO DI TERRORE DELLA PSICHIATRIA DIETRO IL SIPARIO, svela nuovi scioccanti fatti dell’influenza nascosta della psichiatrica dietro agli orrori di Hitler e dei suoi scagnozzi perpetrati contro coloro che ritenevano “indegni di vita” durante il Terzo Reich.

Il documentario è una lezione dalla storia: la storia non raccontata dei programmi di omicidio di massa avvenuti prima dell’Olocausto, e degli psichiatri che hanno concepito, organizzato e gestito il programma di selezione giudicando loro stessi chi doveva vivere e chi doveva morire.

Circa 300.000 persone mentalmente e fisicamente disabili sono state assassinate, altre 6.000 sono morte a causa di operazioni di sterilizzazione forzata e, ancora più allarmante, queste atrocità psichiatriche non si sono fermate con la fine della seconda guerra mondiale.

Infatti, molte delle stesse azioni psichiatriche dell’era nazista come detenzione involontaria, trattamento obbligatorio e sottrazione forzata di minori, si verificano ancora oggi, e sono spaventosamente brutali, in ogni paese civilizzato, inclusi gli Stati Uniti.

Il film include riprese inquietanti del presidente dell’Associazione tedesca di Psichiatria e Psicoterapia (DGPPN), il Dr. Frank Schneider, che recentemente ha confessato ai suoi colleghi che “sotto il nazionalsocialismo (nazismo), gli psichiatri hanno dimostrato vero disprezzo per il prossimo. Hanno mentito e ingannato i pazienti e i loro famigliari riguardo alle loro “cure”. Li hanno costretti ad essere sterilizzati, hanno organizzato la loro morte e spesso sono stati loro stessi gli omicidi. Hanno anche ucciso bambini fisicamente e mentalmente disabili in oltre 30 ospedali psichiatrici e pediatrici come parte di quello che viene chiamato ‘eutanasia infantile.’ ”

Il film va ancora più nei dettagli e per chi volesse saperne di più può vedere direttamente il video documentario al link: http://www.cchr.org/videos/age-of-fear.htm

Per maggiori informazioni si prega di contattare via mail il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani di Brescia all’indirizzo [email protected]

No Comments
Comunicati

BRESCIA ESTATE E PREVENZIONE CON LA VERITA’ SULLA DROGA


 

Brescia, venerdì 16 agosto 2013: i volontari dell’associazione “Mondo libero dalla droga” hanno distribuito centinaia di libretti di prevenzione “La verità sulle droghe” nei locali del centro città.
Droga: immancabilmente su ogni quotidiano, giornalmente, si cita questa piaga sociale che dissemina vittime tra i giovani che ne fanno uso, ma che vengono a conoscenza dei pericoli che comporta solo quando “ormai è tardi” e quando si è consumata un’altra tragedia. Le forze dell’ordine sono sempre in all’erta, la parola d’ordine è “vigilanza costante”. L’accompagnamento ideale per ogni azione di repressione è che sia poi seguita, o preceduta, da una larga informazione e prevenzione ed è in questo ambito che i volontari della campagna “Dico No alla Droga” si adoperano ogni settimana, trovando ogni occasione possibile per far conoscere ciò che la droga crea e dare la possibilità a chiunque di decidere di starne lontano.
Con centinaia di opuscoli distribuiti anche questa settimana e con il motto “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono tutto sommato l’unica ragione di vivere” (frase di L. Ron Hubbard), molti ancora devono conoscere gli effetti devastanti delle droghe.

Questa è l’attività di prevenzione più attiva, efficace e duratura sul nostro territorio. Vede i volontari attivi da oltre 20 anni, distribuendo materiale, dando conferenze, DVD documentario e..altre informazioni sul sito www.noalladroga.org

No Comments
Comunicati

STUDIO E DIRITTI UMANI


 

Quanto sono importanti i diritti umani? Molto prima dell’esistenza dell’espressione “diritti umani”, uomini e donne hanno combattuto e sono morti per le libertà fondamentali dell’uomo. Infatti queste lotte ci sono state per migliaia di anni e continuano ancora oggi.

In definitiva, i diritti umani costituiscono la base di tutto ciò che le persone hanno a cuore per quanto riguarda il loro modo di vivere. In loro assenza, conseguire la felicità è impossibile, perché non c’è sicurezza personale, libertà e nessuna opportunità. Quindi tutti i popoli hanno da lungo tempo riconosciuto la loro importanza fondamentale e hanno cercato di articolarli e difenderli.

Tuttavia, si è resa necessaria una guerra mondiale e la morte di decine di milioni di persone per far riunire le nazioni guida affinché creassero un vero documento universale dei diritti.

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è il principale strumento mondiale in materia di diritti umani. Il suo paragrafo di apertura è una potente affermazione dei principi che stanno nel cuore del moderno sistema dei diritti umani: “Il riconoscimento della dignità intrinseca a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo”.

La triste realtà, però, è che praticamente in ogni paese della Terra qualche parte della popolazione è vittima di tortura, tratta di esseri umani, fame, ingiustizia, discriminazione o altri abusi dei diritti umani.

E questo ci riporta al vero problema, la maggior parte delle persone è per lo più inconsapevole della Dichiarazione dei Diritti Umani e dei trenta diritti in essa contenuti. Di conseguenza, c’è una grande differenza tra l’espressione delle mete della Dichiarazione e la loro realizzazione. Milioni di persone non sono libere. La giustizia è spesso iniqua. E la pace continua ad eludere molte aree del mondo.

La sfida sta nel colmare l’enorme abisso tra l’ideale dei diritti umani universali e la realtà di diffuse violazioni degli stessi.

Implementando la Guida per l’Insegnante gratuita, i DVD e gli opuscoli, e includendo l’educazione sui diritti umani nei loro programmi di studio, gli educatori possono fare molto per rendere una realtà i diritti umani.

Le forze dell’ordine, i magistrati, e coloro che guidano i giovani dovrebbero anch’essi studiare questi materiali educativi, ed usarli per innalzare la consapevolezza nelle loro rispettive organizzazioni ed entità di governo, cosi da velocizzare l’attuazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nella loro nazione, stato o regione.

Per maggiori infromazioni: http://it.humanrights.com/educators/why-human-rights-education.html

No Comments
Comunicati

PACCHETTO EDUCATIVO “DAR VITA AI DIRITTI UMANI”


 

L’educazione è il fondamento ed il catalizzatore per apportare un cambiamento alla situazione dei diritti umani nel mondo, ma gli educatori necessitano di materiali e strumenti facili da usare per includere i diritti umani nel loro programma didattico. Riconoscendo questo, Uniti per i Diritti Umani ha la soluzione: il Pacchetto Educativo “Dar vita ai diritti umani”. Questo pacchetto gratuito per gli educatori fornisce a insegnanti ed educatori di ogni dove una risorsa per aiutare a dar vita ai concetti dei diritti umani e fare in modo che diventino una realtà nel cuore, nella mente e nelle azioni di coloro che studiano questo soggetto.

Conoscere il problema è il primo passo per attivare le persone a porvi rimedio, e questo pacchetto è stato creato per fornire questa conoscenza.

Esso include:

Una Guida per l’Insegnante
La Storia dei Diritti Umani, un efficace film che definisce i diritti umani per chiunque
Opuscoli Informativi
Domande per discussioni
Assegnamenti che richiedono l’applicazione della teoria
Glossario dei termini, riferimenti da stampare e risorse on-line.
Il pacchetto è destinato all’uso nelle scuole superiori e preuniversitarie e in classi di adulti in ambito comunitario. Può essere usato come corso in se stesso o come supplemento ad un altro programma di studi.

Successi dall’attuazione dei materiali educativi di Uniti per i Diritti Umani:

“Grazie per il vostro buon cuore. Come insegnante, sto progettando di inserire i principi dei diritti umani come parte delle discussioni con la mia classe così che ai miei studenti venga inculcato il loro valore nella vita quotidiana. Di nuovo, sono molto felice di essere con voi in questa impresa. Grazie mille e forza!” – N. M., Insegnante, Filippine

“Ho attuato parte del programma di studio nella mia classe sui Problemi Sociali Globali. Dato che insegnerò ancora in questa classe, pianifico di includere il programma di studio nel piano delle lezioni. Il programma è molto efficace in quanto è un movimento che agisce a livello popolare e contiene dei videoclip e altra assistenza visiva che fanno capire facilmente il messaggio. Grazie ancora per avere lavorato così duramente nell’innalzare la consapevolezza riguardo ai diritti umani.” – L.B., Professore Assistente, Long Island, New York, USA

“Il programma è molto efficace, specialmente con il DVD e la brochure, che fanno la differenza in classe; gli studenti si sentono interessati nei confronti del mondo intero.” – K.M., Insegnante di Inglese, Algeria

“Il contenuto si adatta perfettamente alle parti del programma di studio sulle libertà e i diritti.” – D.C., Dipartimento di Sociologia, Università del Missouri Western State, USA

“Ho trovato che il programma va incontro agli studenti. Ciò che considero sia stato estremamente utile sono i video e gli esempi contenuti nel DVD. Non solo ha fornito agli studenti le informazioni riguardo ai diritti umani, ma ha anche dimostrato come questi hanno un impatto sulla loro vita quotidiana. La classe che finora lo ha visto era piuttosto interessata il che significa che aveva capito i concetti di base. Sto anche pianificando di implementare un programma già in corso in questo campo.” – C.H., Insegnante, Canada

“Stiamo inserendo il programma nella classe dato che è inserito nel programma di studio di Educazione Civica del Bhutan per le superiori. Il pacchetto che ho ricevuto da voi è stato veramente utile, un aiuto veramente valido all’insegnamento. Usando il pacchetto sono stato in grado di far conoscere più informazioni sui diritti umani e anche sulla nostra costituzione.” – N.G., Insegnante, Bhutan

Per maggiori informazioni: http://it.humanrights.com/educators/welcome.html

No Comments
Comunicati

La vera gioia e la vera felicità non hanno prezzo.


 

Se non si riesce a sopravvivere, non si possono neppure ottenere gioia e felicità.

È difficile riuscire a sopravvivere in una società caotica, disonesta e, in generale, immorale.

Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il più possibile piacevole e priva di dolore.

La tua sopravvivenza può essere minacciata dalle cattive azioni delle persone che ti vivono accanto.

La tua felicità può esser trasformata in tragedia e dolore dalla disonestà e cattiva condotta degli altri.

Sono certo che ricordi casi in cui questo è realmente accaduto. Tali ingiustizie riducono la sopravvivenza di una persona e ne danneggiano la felicità.

Tu sei importante per gli altri. Ti ascoltano. Puoi influenzarli.

La felicità o l’infelicità delle persone che conosci è importante per te.

Usando questo libro puoi, senza troppe difficoltà, aiutarle a sopravvivere e a condurre una vita più felice.

Benché non si possa garantire che tutti gli altri siano felici, si possono aumentare le loro possibilità di sopravvivenza e di felicità. E, con le loro, aumenteranno anche le tue.

Il potere di indicare la via verso una vita meno pericolosa e più felice è nelle tue mani.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://http://www.laviadellafelicita.org/

No Comments
Comunicati

PENSI CHE LA PSICHIATRIA NON ABBIA A CHE FARE CON TE? RIPENSACI!


La recente campagna di marketing, portata avanti da lobby
psichiatriche, ha raggiunto l’obiettivo del consenso del ministero
della salute per cui un bambino “troppo vivace” ora può ricevere
una diagnosi di “iperattività” e il marchio di malato mentale. Di
conseguenza molti di loro saranno sottoposti a trattamento con pericolosi
pscicofarmaci anfetaminici. La psichiatria continua a sostenere che i bambini troppo
vivaci sono in realtà colpiti da una “malattia” a cui è stato dato il nome di ADHD. Nessuno
vuole negare che un bambino possa avere problemi a scuola, in famiglia o nelle relazioni
interpersonali e che questi problemi possano manifestarsi con un comportamento
irascibile, nervoso e preoccupato. Ma sostenere che questo atteggiamento è indice
di una malattia è soltanto una trovata pubblicitaria e una campagna di marketing che
null’altro fa se non aumentare i numero potenziale di pazienti da curare. Questa è una
opinione non dimostrata non un fatto: è il business della follia infantile, della cosidetta
“sindrome del bambino iperattivo e con deficit di attenzione” (ADHD). Secondo una
ricerca nazionale, fatta lo scorso anno in alcune scuole italiane, su un campione di sette
città il 9% degli scolari esaminati avrebbe un disturbo mentale e il 2% di loro sarebbe
affetto da ADHD. La psichiatria si è sostituita all’istruzione e in alcune scuole i NOSTRI
bambini sono sottoposti a test psichiatrici/psicologici al fine di individuare il “disturbo
mentale” fin dall’infanzia.
Un recente sondaggio dell’istituto Mario Negri stima che in Italia:
34.000 BAMBINI ITALIANI FANNO USO DI PSICOFARMACI
I bambini non sono “cavie”, sono esseri umani che hanno tutto il diritto di aspettarsi
protezione ed amore, questo verrà loro negato solo dalle camcie di forza verbali e
chimiche: dalle false etichette psichiatriche e dagli psicofarmaci.
I bambini sono il nostro futuro.
A RISCHIO NON C’E’ NIENTE DI MENO CHE IL NOSTRO STESSO FUTURO.
Per altre informazioni visita il sitowww.ccdu.org

No Comments
Comunicati

COSA E’ IL COMITATO DEI CITTADINI PER I DIRITTI UMANI


Come parte del loro codice religioso, gli Scientologist si impegnano “a scoprire e contribuire a sopprimere ogni e qualsiasi pratica fisicamente dannosa nel campo della salute mentale” e, quindi, determinare un clima di sicurezza e protezione per la guarigione mentale.
Con questo in mente, nel 1969 gli Scientologist fondarono il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), un ente di tutela che indaga ed espone le violazioni psichiatriche dei diritti umani. Oggi il CCDU è una forza a livello mondiale che lavora attivamente per eliminare i trattamenti brutali, le pratiche criminali e le violazioni dei diritti umani nel campo della salute mentale. Ha contribuito a far promulgare più di 150 leggi che proteggono le persone da pratiche abusanti e coercitive nel campo della salute mentale.

No Comments