All Posts By

Bigmm

Comunicati

Alcol e guida: troppo diffusi i rimedi della nonna.

  • By
  • 22 Giugno 2013


Uno studio scientifico commissionato da Direct Line sfata alcune leggende pericolose per chi si mette al volante.

False credenze e miti da sfatare: l’influenza dell’alcol sul proprio corpo e i relativi tempi di smaltimento sono argomenti ancora soggetti a fantasiose interpretazioni e la corretta informazione non è mai abbastanza.

Il sondaggio realizzato da Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni online – evidenzia un quadro dominato da leggende metropolitane e “rimedi della nonna” che ben poco hanno a che fare con la realtà. Nella pratica l’assimilazione e lo smaltimento delle sostanze alcoliche sono caratteristiche estremamente personali e frutto di parecchie variabili non sempre calcolabili e identificabili con facilità.

Per indagare su questo tema e sensibilizzare in modo corretto l’opinione pubblica attraverso dati documentati, Direct Line ha deciso di commissionare uno studio scientifico al centro di ricerche T.R.L. – Transport Research Laboratory. Sono così stati analizzati i tempi di assimilazione e smaltimento dell’alcol ingerito da un campione di 26 soggetti di genere sia maschile che femminile, di peso e altezza eterogenei.

 

Il test ha smantellato in un solo colpo false credenze riguardanti la corporatura, il genere e la stima dei tempi di smaltimento dell’alcol, accertando che queste variabili non influiscono in modo diretto e univoco sull’elaborazione della sostanza, come dimostrano ad esempio i due casi sotto citati.

Uno dei test ha preso in analisi un uomo di corporatura robusta e una donna molto più snella e minuta, che a seguito di una serata con consumo di alcol presentavano all’incirca il medesimo tasso alcolemico.

Lasciata trascorrere ad entrambi una nottata di sonno e riposo, la mattina seguente si è proceduto ad una nuova rilevazione della quantità di alcol presente nei rispettivi soggetti. Mentre la donna è risultata ben al di sotto dei limiti legali, nel corpo dell’uomo è stata riscontrata una proporzione di alcol ancora superiore a quella consentita. Se si fosse messo alla guida, sarebbe stato ampiamente sanzionabile.

Un altro test ha messo a confronto due soggetti femminili, di seguito nominati “A” e “B”. A fine serata, “A” presentava un tasso alcolemico sensibilmente minore di “B”, ma al momento della rilevazione mattutina “A” presentava circa il doppio del tasso alcolemico consentito, mentre “B” aveva completamente smaltito l’alcol.

 

Alla luce di queste analisi sperimentali, le opinioni di gran parte delle persone intervistate da Direct Line suonano alquanto fuori strada.

Da un’indagine effettuata su un campione di oltre 2000 persone è infatti emerso che quasi 8 intervistati su 10 (il 77% del campione) credono che i tempi di assimilazione dell’alcol dipendano dalla corporatura dell’individuo e ben 7 su 10 pensano che il genere maschile o femminile faccia la differenza.

Forte di queste errate convinzioni, il 22% degli automobilisti rischia di mettersi alla guida con un livello alcolemico superiore a quello consentito, calcolando approssimativamente i tempi di smaltimento spesso anche in funzione del tempo trascorso dall’ultimo drink, ignorando che a volte persino un’intera nottata di sonno può non bastare a completare il processo di assimilazione dell’alcol.

Processo che alcuni sostengono di poter velocizzare grazie a qualche trucco o stratagemma: il 25% del campione beve molta acqua prima di coricarsi, mentre l’8% si sforza di mangiare in modo considerevole subito dopo aver bevuto e il 6% ricorre alla famosa “colazione dei campioni”, abbondante e innaffiata da numerose tazze caffè doppio. Curioso il 6% che dichiara di avere un metodo ricostituente personalissimo quanto segreto.

 

 

Test N 1 campione uomo donna con peso e altezza differente

 

  Partecipante A Partecipante B
Sesso Maschio Femmina
Peso (kg) 73 60
Altezza(cm) 177 165
BrAC a fine serata (µg/100ml breath) 80 79
BrAC il mattino(µg/100ml breath) 40 3

 

 

Test N 2 campione femminile

 

  Partecipante A Partecipante B
Sesso Femmina Femmina
Peso (kg) 65 70
Altezza (cm) 168 160
BrAC a fine serata (µg/100 ml aria alveolare espirata) 109 130
BrAC al mattino (µg/100 ml aria alveolare espirata) 67 0

 

“Mettersi alla guida dopo aver bevuto anche un solo drink è una situazione che l’automobilista non deve assolutamente sottovalutare. Questo studio – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Lineevidenzia chiaramente e in modo molto semplice quanto possa essere rischioso affidarsi al senso comune e stimare la propria resistenza all’alcol basandosi su parametri infondati. Fattori come peso, altezza e sesso non sono quindi la soluzione per calcolare una magica equazione che permetta di stimare il livello alcolemico, anche il mattino dopo una serata fuori. Direct Line vuole ancora una volta sensibilizzare gli utenti della strada e raccomanda di non guidare al mattino se si sono assunti alcolici in quantità la sera prima.”

 

Segui Direct Line su Facebook: https://www.facebook.com/directlineitalia

 

Direct Line è la più grande compagnia di  assicurazione auto on line  in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it

 

 

No Comments
Comunicati

Avis Budget Italia viaggerà in SEAT Leon

  • By
  • 18 Giugno 2013


Accordo commerciale tra la Casa automobilistica e la società di noleggio

 

La casa SEAT ha chiuso un accordo commerciale con Avis Budget Italia spa, grazie al quale inizia un nuovo capitolo della propria attività di vendita nel settore flotte.

 

Solo poche settimane dopo il riconoscimento ottenuto da EurotaxGlass’s, che ha classificato la nuova SEAT Leon come una vettura dall’elevato livello produttivo, d’alta funzionalità, con un ottimo rapporto qualità/prezzo e un valore residuo che rimane forte nel tempo, la compatta spagnola è stata infatti scelta anche da Avis Budget Italia, società di autonoleggio a breve termine che da sempre mette al centro della sua offerta la qualità della flotta e l’attenzione alle esigenze dei propri Clienti, sia business che leisure.

 

I fattori che hanno contribuito maggiormente a questa scelta sono il mantenimento del valore dei modelli SEAT – e in particolare della LEON – l’elevata qualità del prodotto, la praticità, il design, il dinamismo e l’ottimo comportamento stradale. 100 Leon 1.6 TDI Style 105 CV entrano quindi a far parte del parco auto di Avis Budget Italia, che ha scelto l’auto compatta della SEAT per offrire ai propri Clienti affidabilità e tecnologia tedesche unite al carattere e temperamento spagnoli.

 

Il design della nuova Leon, insieme a elementi come l’efficientissimo e moderno propulsore 1.6 TDI Style 105 CV – che vanta eccellenti livelli di consumo (4,1 l/100 km) e di emissioni (108 g/km di CO2) – e gli innovativi e tecnologici fari full LED, sono stati alla base della scelta. Le 100 vetture saranno anche equipaggiate con il pacchetto Luxury che, oltre alle dotazioni standard, include i sensori di parcheggio posteriori, la regolazione lombare del sedile del guidatore, il sensore luci (con funzione automatica Coming & Leaving home), l’illuminazione ambiente, il sensore pioggia e lo specchietto interno antiabbagliamento.

 

Tra i punti di forza della nuova SEAT, apprezzata recentemente anche in occasione del Company Car Drive, evento durante cui i Fleet Manager delle grandi Aziende italiane hanno avuto la possibilità di conoscere e provare l’intera gamma di modelli auto, è senza dubbio la piattaforma MQB del Gruppo Volkswagen, che la Leon condivide con la nuova Golf.

 

Inoltre, l’ampia e moderna offerta di motori TSI e TDI che parte dal 1.2 86 CV Reference, fino al performante 2.0 TDI 184 CV FR (20.400 Euro), fa di questa vettura un prodotto appetibile per i Clienti flotte, al punto che la SEAT ha sviluppato all’interno della propria offerta la linea Business. Dedicata a chi utilizza l’auto per lavoro, questa nuova versione propone equipaggiamenti altamente tecnologici e funzionali, specifici per poter rispondere al meglio alle esigenze dei Clienti.

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

 

 

Ulteriori informazioni:

www.volkswagengroupstampa.it

www.avisautonoleggio.it

www.budgetautonoleggio.it

No Comments
Comunicati

Leon SC: ufficializzato il listino prezzi dell’auto SEAT più sportiva


La Leon SC sarà disponibile in 7 motorizzazioni con prezzi a partire da 17.620 Euro

 

La più bella e grintosa delle Leon, la versione sport coupé, è ora disponibile presso tutte Concessionarie di Italia. È la prima volta che la Casa automobilistica spagnola offre una versione 3 porte della compatta Leon, riconoscibile dalla sigla SC.

 

Sinonimo di design, dinamismo e tecnologia, destinata a un Cliente giovane, moderno e indipendente, la Leon SC offre sportività, carattere e un modo per distinguersi. Oltre alla piattaforma MQB e ai moderni propulsori turbo, la nuova 3 porte vanta la tecnologia più innovativa e i più pionieristici dispositivi e assistenti alla guida: fari full LED anteriori e posteriori, sistema di infotainment e navigazione SEAT Easy Connect, SEAT Sound System, SEAT Drive Profile (che permette al Cliente di scegliere un’impostazione di guida personalizzata al proprio stile), sistemi di mantenimento della carreggiata, di assistenza abbaglianti e di riconoscimento della stanchezza.

 

La coupé sportiva offre contenuti aggiuntivi rispetto alla già ricca dotazione standard della versione 5 porte, quali accesso facilitato “easy entry”, sedili sagomati sportivi e vetri posteriori oscurati. Inoltre, per ciascuno dei tre allestimenti, la SEAT propone di serie i seguenti equipaggiamenti aggiuntivi.

 

Per la Reference, cerchi in lega da 16” Design e fari fendinebbia con funzione cornering; per la Style, cerchi in lega da 17” Dynamic e radio SEAT Media System Touch a colori con schermo 5,8”, SD card/CD, cavi di connessione iPod/USB, compatibilità con Aux-in, 8 altoparlanti e sensore di prossimità e vivavoce Bluetooth con funzione di audio streaming. La stessa radio con le medesime funzionalità è prevista di serie per la versione FR, insieme a cerchi in lega da 18” Performance, pacchetto Convenience (con sensori luce e pioggia, e specchietto interno antiabbagliamento), ruotino di scorta da 18”, SEAT Sound System da 10 altoparlanti (9 altoparlanti e il subwoofer da 135 W), che completerà la versione top di gamma, garantendo una qualità del suono eccellente.

La Leon sport coupé, rispetto alla versione 5 porte, presenta un vantaggio Cliente del 75% (contenuti aggiuntivi per un valore pari a 1.000 Euro a fronte di un sovraprezzo di 250 Euro).

 

La moderna gamma motori auto turbo è composta da tre motorizzazioni benzina (1.2 TSI 86 CV, 1.2 TSI 105 CV e 1.4 TSI 122 CV) e quattro motorizzazioni Diesel (1.6 TDI 90 CV, 1.6 TDI 105 CV, 2.0 TDI 150 CV, 2.0 TDI 184 CV), in modo da poter offrire efficienza e una risposta concreta alle più particolari e diverse esigenze dei Clienti.

 

I prezzi di listino della Leon SC partono da 17.620 Euro per il 1.2 TSI 86 CV Reference e da 19.740 Euro per il 1.6 TDI 90 CV Reference, entrambe guidabili da neopatentati.

 

Reference 1.2 TSI 86 CV 17.620 Euro

1.6 TDI 90 CV 19.740 Euro

Style 1.2 TSI 105 CV start/stop 20.070 Euro

1.2 TSI 105 CV start/stop DSG 21.570 Euro

1.6 TDI 105 CV start/stop 22.070 Euro

1.6 TDI 105 CV start/stop DSG 23.570 Euro

2.0 TDI 150 CV start/stop 23.420 Euro

FR 1.4 TSI 122 CV start/stop 21.880 Euro

2.0 TDI 150 CV start/stop 24.720 Euro

2.0 TDI 150 CV start/stop DSG 26.220 Euro

2.0 TDI 184 CV start/stop 25.740 Euro

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

 

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

 

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

 

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

 

No Comments
Comunicati

La SEAT pensa alle famiglie: nuovo allestimento per la Ibiza ST e la Alhambra

  • By
  • 25 Maggio 2013


Nuove versioni 4 Kids per la SEAT Ibiza ST e la SEAT Alhambra

 

La SEAT è da sempre consapevole dell’importanza e della necessità di andare incontro ai Clienti, soprattutto in un contesto economico particolarmente difficile per il settore dell’automobile come quello che stiamo vivendo in questi anni.

 

Con questo intento sono state create le versioni 4 Kids , una nuova concezione per coloro che hanno bisogno di comodità e funzionalità, declinata sui modelli di auto familiari della gamma SEAT: Ibiza ST e Alhambra che, oltre al consueto ottimo rapporto qualità/prezzo dei modelli della SEAT, offrono contenuti esclusivi e un elevato vantaggio Cliente.

 

Partendo dalla base dell’allestimento Style, la nuova versione Ibiza ST 4 Kids aggiunge i seguenti equipaggiamenti: lettore DVD con schermo da 7”, vetri posteriori oscurati, sensori di parcheggio posteriori oltre allo storage pack che include cassetti portaoggetti sotto i sedili anteriori, bracciolo anteriore, comparti laterali portaoggetti, rete ferma carico e presa da 12V aggiuntiva nel bagagliaio, fra gli altri.

 

I prezzi di questa versione sono: 15.150 Euro per il 1.2 70 CV, 15.650 Euro per il 1.4 85 CV e 17.900 Euro per il 1.6 TDI 90 CV, con un vantaggio Cliente pari al 60%.

Per la monovolume Alhambra l’allestimento 4 Kids costituirà il top di gamma, aggiungendo ai ricchi equipaggiamenti della versione Style le seguenti dotazioni: doppio lettore DVD con schermo da 9”, due sedili per bambini integrati, consolle portaoggetti al tetto, box portaoggetti fra la prima e la seconda fila di sedili e presa elettrica standard da 230V.

 

Il prezzo della Alhambra 4 Kids 2.0 TDI 140 CV è di 34.900 Euro per la versione con cambio manuale e di 36.900 Euro per quella con cambio automatico DSG. Il vantaggio Cliente è del 50%.

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

Direct Line: twittare o aggiornare lo stato di Facebook al volante rende i tempi di reazione più lenti del 30% e aumenta la probabilità di essere coinvolti in un incidente stradale.

  • By
  • 15 Maggio 2013

L’80% degli incidenti è causata dalla distrazione del conducente.

Cambiato l’uso del cellulare in auto negli ultimi anni

 

Un post al volante può davvero costare caro, soprattutto se si sottovalutano i rischi che si corrono quando ci si distrae alla guida. Sempre attenta al tema della sicurezza stradale, Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni on line – ha analizzato per il proprio Centro Studi e Documentazione i dati di una un’allarmante ricerca sull’utilizzo del telefono al volante. Dai dati emerge chiaramente come troppi italiani, ben il 17%, ancora utilizzino il cellulare mentre sono impegnati alla guida. Il dato, inoltre, si impenna fino al 24% del campione se si considera la fascia di età più giovane, dai 18 ai 24 anni.

Il fenomeno si spiega in buona parte con la sempre più ampia diffusione, soprattutto fra i giovanissimi, dei cellulari di nuova generazione: alla classica chiamata o all’SMS, si aggiunge infatti la miriade di utilizzi legati alle applicazioni per smartphone, soprattutto quelle dedicate ai social networks.

 

Questi dati diffusi da Direct Line rispecchiano pienamente, purtroppo, il quadro tracciato dal centro britannico Transport Research Laboratory, che ha realizzato una ricerca proprio su un campione di giovani tra i 18 e i 25 anni. Lo studio, condotto grazie ad un simulatore di guida, ha misurato i tempi di reazione e le performance al volante mentre i soggetti inviano un messaggio privato tramite un social network o aggiornano il proprio status. I risultati della ricerca dimostrano che i tempi di reazione sono di media più lenti del 30% rispetto a chi guida in condizioni normali. Inoltre, chi utilizza il proprio cellulare con questa modalità passa dal 40% al 60% di tempo guardando in basso per scrivere o leggere i messaggi, contro il 10% di chi è completamente concentrato sulla guida.

 

Ma per comprendere appieno i rischi potenziali, Direct Line ha voluto indagare ancora più approfonditamente le abitudini di utilizzo dei telefoni in auto. E’ emerso così che il 24,5% degli intervistati  digita sulla tastiera durante la guida, mentre solo il 39,5% aspetta di fermarsi a un semaforo prima di maneggiare il dispositivo. E’ solo il 27,2% del campione ad assumere un comportamento corretto e a rinunciare alla curiosità, aspettando di essere completamente fermo.

 

Grazie alla costante innovazione tecnologica, le funzioni offerte dai cellulari sono sempre in aumento e molte si rivelano di supporto ai viaggiatori, come nel caso dei navigatori satellitari scaricabili con una comoda App. Purtroppo però si assiste di pari passo ad un notevole incremento dei motivi di distrazione alla guida: il 6,7% del campione intervistato da Direct Line dichiara di abbandonare lo sguardo sulla strada per leggere le email e addirittura il 5,6% si dà alla navigazione su internet mentre è alla guida della sua auto.

 

Anche gli ormai diffusissimi sistemi di riconoscimento vocale non ovviano del tutto al problema, trasmettendo invece in molti utilizzatori un’eccessiva confidenza che contribuisce ad abbassare il livello di attenzione al volante. Diminuiscono quindi in Italia coloro che parlano al cellulare mentre sono alla guida, ma aumenta il numero di chi usa il cellulare per messaggiare, controllare le email o semplicemente giocare durante la guida.

A supporto di questo quadro, anche se gli italiani si dimostrano indisciplinati e dediti al multitasking alla guida, si riscontra una diminuzione del numero di contravvenzioni legate al mancato uso di vivavoce o cellulare. Nel confronto mese su mese dei dati della Polizia di Stato risulta infatti che le multe inflitte sono state 3023 nel gennaio 2011, per passare a 2910 nel gennaio 2012 fino a 2369 nello stesso mese del 2013.

 

“I pericoli legati all’uso del cellulare alla guida sono purtroppo ancora troppo sottovalutati dagli automobilisti italiani commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LineCon questa indagine Direct Line vuole mettere in luce i rischi che corrono le persone alla guida della propria auto: il falso senso di sicurezza che la nuova tecnologia mobile può trasmettere non è da sottovalutare e gli studi rivelano come il pericolo di cedere alle distrazioni mentre si è al volante è tutt’altro che superato. Spesso infatti crediamo che dare un semplice sguardo al display non comporti nessun rischio, ma purtroppo anche le semplici disattenzioni possono rivelarsi fatali. Le nuove tecnologie devo essere al servizio di chi guida e favorire la sicurezza, non bisogna però utilizzarle in momenti non appropriati e farsi distrarre da esse.”

 

 

 

 

 

 

 

Le principali conseguenze dell’uso del cellulare mentre si guida sono:

Mancanza di giudizio nella moderazione della velocità

Difficoltà nel rimanere nella corsia appropriata

Incapacità nel riconoscere i rischi sulla strada e conseguente aumento dei tempi di reazione di fronte ai pericoli

Aumento del rischio di collisione

 

Classifica dei comportamenti più pericolosi alla guida

  1. Scrivere al cellulare (Inviare sms, postare sulla propria pagina FB, twittare o chattare)
  2. Tenere il cellulare in mano e leggere le email
  3. Consultare una mappa senza fermarsi ma continuando a guidare
  4. Impostare il navigatore mentre si guida
  5. Utilizzare il cellulare con il vivavoce o auricolare
  6. Cambiare la stazione radio
  7. Mangiare durante la guida, anche semplici spuntini
  8. Conversare con un passeggero in maniera disinvolta

 

 

 

I dati contenuti nel comunicato sono frutto dell’elaborazione delle ricerche commissionate dal Centro Studi e Documentazione Direct Line. Indagini periodiche condotte tra il  2006 e il  2013 indagando un campione rappresentativo Nazionale omogeneo di oltre1000 individui effettuata secondo il metodo Cawi.

 

Gli indici di pericolosità sono frutto dell’elaborazione della ricerca scientifica commissionata da Direct Line Group al Transport Research Laboratory, importante centro riconosciuto a livello internazionale che realizza ricerche e fornisce soluzioni e suggerimenti per tutti gli aspetti connessi alla sicurezza mentre si guida.

 

 

Segui Direct Line su Facebook (non quando guidi!) 

 

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazione auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it

No Comments
Comunicati

SEAT Leon Cup Racer attesa al Wörthersee 2013


Debutta al Wörthersee-Tour 2013 la Leon Cup Racer: 330 CV (243 kW) di potenza, struttura leggera e tecnologia racing al top

 

In occasione dell’annuale raduno delle GTI nella regione austriaca della Carinzia (8-11 maggio), la SEAT ribadisce il proprio impegno verso le competizioni e verso i team dei Clienti. Senz’altro, la nuova Leon Cup Racer sarà la protagonista indiscussa sullo stand SEAT nella cittadina di Reifniz, sulla sponda meridionale del lago Wörthersee. Questa versione anticipa già i tratti caratteristici che contraddistingueranno la futura vettura da gara SEAT, già pronta per affrontare diverse prove a livello internazionale. Con i suoi 330 CV (243 kW) di potenza, la Leon Cup Racer rappresenta la base per il lavoro di sviluppo e i test drive che si effettueranno nei prossimi mesi.

 

La Leon Cup Racer sarà affiancata sullo stand SEAT da altre cinque vetture, particolarmente grintose e allestite in maniera speciale per l’occasione, che derivano dalla Ibiza e dalla Leon. Inoltre, un ricco programma di intrattenimento accoglierà i fan del Marchio spagnolo.

 

All’incontro delle GTI, che quest’anno giunge alla 32esima edizione, gli organizzatori prevedono la partecipazione di oltre 100.000 visitatori durante le quattro giornate del

raduno.

“Il nostro Marchio è profondamente legato all’attività motorsport; la SEAT vanta oltre 40 anni di storia nel mondo delle competizioni e, con la Leon Cup Racer, siamo pronti a scrivere un nuovo capitolo per continuare ad alimentare l’entusiasmo dei nostri team Clienti. La Cup Racer non è una showcar, bensì il primo prototipo per il nostro lavoro di progettazione e sviluppo”, afferma Matthias Rabe, Vicepresidente Esecutivo per Ricerca e Sviluppo della SEAT. “La nuova generazione della SEAT Leon rappresenta un’ottima base di partenza: le sue qualità sportive sono ampiamente apprezzate sia dai Clienti, sia dalla stampa specializzata. Con questa nuova versione racing, vogliamo continuare sulla strada dei grandi successi sportivi raggiunti negli ultimi anni”.

 

Inconfondibile DNA del design, qualità aerodinamiche di spicco

Basata sulla Leon cinque porte, in colore argento opaco metallizzato e con finiture in arancione, la Cup Racer è un’auto dal look di grande impatto. La stabilità e l’immagine imponente della vettura derivano dai cerchi da 18″ e dal passo allungato di almeno 40 centimetri rispetto alla versione di serie.

 

Il nuovo frontale è stato realizzato per garantire un’efficienza aerodinamica ottimale, nonché il massimo afflusso d’aria al motore e all’impianto frenante; allo stesso tempo i possenti passaruota, con le loro aperture sull’estremità posteriore, contribuiscono al raffreddamento dell’impianto frenante con pinze a quattro pistoncini. Le minigonne sono state decisamente allargate e, insieme allo spoiler anteriore, al sottoscocca liscio, al diffusore e allo spoiler posteriore regolabile, raggiungono la massima deportanza, garantendo la stabilità della vettura anche ad alte velocità.

Eppure, anche sulla Cup Racer, il DNA del Marchio della versione stradale della Leon è rimasto intatto: i fari full LED sono diventati il tratto caratteristico della vettura, e le luci diurne anteriori conferiscono grande personalità al frontale, così come i gruppi ottici posteriori a LED. Inoltre, rispetto alla versione stradale, sono rimaste invariate anche la linea del tetto e le caratteristiche linee della fiancata.

 

Pieno controllo e massima sicurezza

 

Gli interni della Leon Cup Racer sono stati disegnati a prova di gara: una sistematica riduzione del peso e un approccio perfettamente minimalista definiscono l’abitacolo della vettura, protetto da una cellula estremamente resistente. Il sedile avvolgente dotato del sistema di protezione HANS® per la testa e il collo garantisce la massima sicurezza. I rivestimenti sono realizzati in un tipo di pelle speciale, altamente traspirante. Il design della plancia è rimasto invariato, con tutte le informazioni e i comandi conducente concentrati principalmente sul volante multifunzione e sul display TFT ad alta risoluzione, assicurando al guidatore il massimo controllo sulla vettura in ogni momento.

 

Prestazioni eccellenti per il miglior tempo sul giro

 

La Leon Cup Racer monta un quattro cilindri turbo 2.0 litri, in grado di erogare ben 330 CV (243 kW) di potenza e 350 Nm di coppia massima. È abbinato a un cambio DSG con doppia frizione a 6 rapporti con comandi al volante e un differenziale autobloccante elettronico, che gestiscono la trasmissione della potenza all’asse anteriore. La Cup Racer per competizioni endurance può essere equipaggiata con un cambio sequenziale, con leva posizionata sulla consolle centrale, e differenziale autobloccante meccanico.

 

I prezzi indicativi della Leon Cup Racer sono per la versione con cambio DSG con doppia frizione a partire da € 70.000 (IVA esclusa), mentre la versione endurance con cambio sequenziale e differenziale autobloccante meccanico sarà disponibile a partire da € 95.000 (sempre IVA esclusa).

 

“Contiamo di essere in grado di offrire le Leon Cup Racer ai nostri team Clienti già a partire dalla stagione 2014. Grazie alle due versioni da gara, sprint e endurance, la Cup Racer è la vettura ideale per partecipare a diversi tipi di competizione – dal Campionato ETTC al VLN Endurance Cup sul Nürburgring”, afferma Jaime Puig, Capo di SEAT Sport e Responsabile delle attività motorsport del Marchio. “Prevediamo anche di continuare a sviluppare la Cup Racer per creare una versione con motore 1.6 per il WTCC: è proprio nell’ambito di questo campionato che abbiamo una gloriosa tradizione da difendere”.

 

Ibiza Trophy – pronta per correre in pista

Sullo stand della SEAT i fan presenti al raduno del Wörthersee potranno inoltre apprezzare cinque proposte altrettanto sportive del Marchio spagnolo. Spicca la Ibiza SC Trophy protagonista dell’omonimo trofeo monomarca che si disputa in Spagna e in Italia. Nella stagione 2013 appena partita, la Ibiza Cupra scende in pista con un 1.4 TSI sovralimentato con compressore volumetrico, configurata da gara per regalare prestazioni straordinarie: vanta 200 CV (5.500 giri) e una coppia massima di 270 Nm (4.000 giri), quindi 20 CV e 20 Nm in più rispetto alla versione stradale. Il cambio è un DSG a 7 rapporti con comandi al volante e c’è anche un differenziale autobloccante meccanico. Il prezzo d’acquisto della Ibiza SC Trophy della SEAT Sport parte da € 31.500 (IVA esclusa).

 

La Ibiza – la compatta sportiva

La Ibiza è rappresentata da ulteriori due versioni sportive capaci di elevate prestazioni. La versione Cupra della Ibiza SC è la top di gamma con 180 CV (132 kW) di potenza e cambio DSG con doppia frizione, caratterizzata dalla carrozzeria in colore bianco Nevada. Sia i cerchi da 17″ che la calandra presentano finiture in nero lucido. La versione FR dell’auto compatta, invece, balza all’occhio per il colore rosso Emocion della livrea, ed è equipaggiata con un pacchetto commemorativo “FR 10 anni”, che comprendente cerchi da 17″ bicolore nero e argento, spoiler al tetto, battitacco e gusci degli specchietti con finitura color titanio, fra gli altri. L’assetto della FR è stato leggermente ribassato e monta il medesimo impianto frenante della Ibiza CUPRA.

 

Leon – grande stile e forte personalità

Due versioni della SEAT Leon offrono ulteriori possibilità di personalizzazione per il nuovo modello di successo della SEAT: la Leon FR 1.8 TSI 180 CV (132 kW) con carrozzeria rosso Emocion si contraddistingue per un look ancora più aggressivo grazie ad un kit aerodinamico che include minigonne anteriori e posteriori. I cerchi da 19″ lasciano vedere le pinze color rosso lucido. All’interno spiccano le finiture in rosso sia sulle modanature della plancia, sia sul volante, mentre i sedili e i pannelli delle portiere sono stati rivestiti in pelle bicolore rossa e nera. La versione FR completa e rappresenta il top di gamma della nuova Leon SC, con il brillante 2.0 TDI 184 CV (135 kW). I cerchi da 19″ e le pinze rosse creano un perfetto contrasto con la brillante verniciatura bianco Nevada della carrozzeria, mentre gli interni sono rivestiti in pelle bicolore nera e grigia.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

 

 

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca). La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

SEAT Leon: promossa a pieni voti da EurotaxGlass’s


La SEAT Leon si è distinta per la praticità, il design, il dinamismo e l’ottimo comportamento stradale.

 

Le nuove SEAT Leon e Toledo hanno ottenuto il riconoscimento massimo negli studi comparativi svolti da EurotaxGlass’s; l’elevato livello produttivo, la funzionalità, l’ottimo rapporto qualità prezzo e il valore residuo dei due modelli SEAT hanno conseguito il massimo dei voti.

 

Nell’analisi comparativa realizzata da EurotaxGlass’s in sei Paesi europei (Italia, Spagna, Germania, Inghilterra, Francia e Portogallo), il valore previsto dell’usato della SEAT Leon risultata significativamente maggiore di quello delle concorrenti. Lo studio è basato su un periodo di tre anni di anzianità della vettura e su un chilometraggio totale di circa 90.000 km. Il valore residuo di una Leon 1.6 TDI 105 CV Style, previsto da EurotaxGlass’s in Italia è del 40%.

 

Nel complesso, EurotaxGlass’s ha riscontrato che i vari fattori che contribuiscono a mantenere il valore, sono l’elevata qualità di prodotto della Leon, la praticità, il design, il dinamismo e l’ottimo comportamento stradale.

 

Eccellente dinamica di marcia, prestazioni di spicco, elevata funzionalità e ottimo rapporto qualità-prezzo sono altri elementi fondamentali e apprezzati da EurotaxGlass’s e che rendono le vetture decisamente appetibili per le flotte. “Spaziosità, versatilità, design moderno e accattivante”, afferma EurotaxGlass’s Italia, “sono ulteriori punti di forza che hanno distinto la nuova Leon ma anche la nuova berlina Toledo nelle nostre analisi”.

 

Nello specifico, nei risultati ottenuti dalla SEAT Toledo nell’analisi condotta in Spagna e Portogallo, ha influito positivamente anche la spaziosità dell’abitacolo, oltre alla capacità del bagagliai; con 550 litri, è uno dei più ampi del segmento.

 

Questi riconoscimenti arrivano in un momento in cui la Casa spagnola, consapevole della crescente richiesta da parte dei Clienti flotte, ha sviluppato all’interno della propria gamma la linea Business, particolarmente dedicate a chi utilizza la vettura per lavoro.

 

L’offerta della versione Business per Leon e Toledo include, oltre a moderne e parsimoniose motorizzazioni, equipaggiamenti particolari altamente tecnologici e funzionali per poter rispondere alle esigenze lavorative dei Clienti.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

 

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

 

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

Al via la Ibiza Cupra CUP 2013

  • By
  • 24 Aprile 2013


Inizia la stagione del trofeo monomarca: appuntamenti all’insegna dell’intrattenimento sulle nuove SEAT Ibiza e SEAT Leon

 

Sta per prendere il via a Vallelunga la nuova edizione di uno dei trofei monomarca più rinomati del panorama italiano: la Ibiza CUPRA CUP 2013. Il prossimo fine settimana, 27-28 aprile, scenderanno in pista 15 vetture che daranno vita al primo appuntamento, aprendo così una stagione che si concluderà sulla pista di Monza il 6 ottobre. Saranno 7 le gare in totale, che si disputeranno sui più prestigiosi tracciati italiani: da Vallelunga a Monza, passando per Franciacorta, Magione, Mugello, Imola e Misano.

 

Configurate per esaltare prestazioni e doti dinamiche, le vetture in pista sono state sviluppate in collaborazione con SEAT Motorsport Italia, e derivano dalla versione stradale della Ibiza CUPRA lanciata recentemente: montano un quattro cilindri 1.4 TSI sovralimentato con compressore volumetrico abbinato a un cambio DSG 7 rapporti con comandi al volante; vantano 200 CV (5.500 giri) e una coppia massima di 270 Nm (4.000 giri), quindi 20 CV e 20 Nm in più di quelle in versione stradale.

 

Il campionato vedrà gli equipaggi impegnati al sabato su due turni, per le prove libere e quelle ufficiali, e poi due gare la domenica, con la griglia della seconda gara stabilita dall’ordine di arrivo della precedente con le prime otto posizioni invertite. In base ai punteggi accumulati nelle 2 gare, i primi 4 classificati di ogni weekend riceveranno un premio. Inoltre, a ogni singola gara verranno stilate anche una classifica femminile, una junior (under 25) e una gentleman (over 45).

 

In occasione degli appuntamenti al Mugello e a Monza, in calendario il 6-7 luglio e il 5-6 ottobre rispettivamente, la SEAT ha previsto un ricco programma di intrattenimento all’insegna del piacere di guida in sicurezza e del divertimento: oltre ad assistere alle gare, gli spettatori avranno la possibilità di effettuare test drive a bordo delle nuove auto SEAT, la Ibiza e la Leon.

 

Affiancati dagli esperti piloti del team SEAT Motorsport Italia, i partecipanti potranno effettuare degli hot lap in pista al volante dei nuovi modelli del Marchio spagnolo.

 

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

 

No Comments
Comunicati

Questa macchina non è un albergo! O forse no!

  • By
  • 24 Aprile 2013

Il 50% degli automobilisti dichiara di aver dormito in auto almeno una volta nella vita

Abbassare il sedile resta un classico ma c’è anche chi tiene sempre una coperta

 nel bagagliaio per le emergenze

 

Se nei film americani sono i motel il luogo preferito per riposarsi durante un lungo viaggio, nel Bel Paese invece il luogo preferito è senz’altro l’auto!

Un sondaggio del Centro Studi e Documentazione Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni online – rileva che l’auto è stata usata dal 50% degli italiani almeno una volta nella vita come giaciglio di fortuna per riposare e riprendersi dalla stanchezza.

 

Evitare il colpo di sonno alla guida è sicuramente importante e dormire anche per mezz’ora a volte può davvero fare la differenza e risultare un comportamento responsabile.

Infatti il 27% degli intervistati ha ammesso di aver ceduto alla stanchezza della guida e di essersi fermato solo per qualche ora a dormire in auto. Inoltre per il 15% del campione dormire in auto è un ricordo di gioventù, che in passato non è certo stato disdegnato complice la giovane età; per l’8% degli intervistati invece l’età non conta e la sosta notturna durante i lunghi viaggi può essere fatta tranquillamente in auto, soprattutto se si è in compagnia. L’altra faccia della medaglia sono il 50% degli intervistati che invece non ha mai fatto un’esperienza del genere: il 29% aggiunge che non lo farebbe in nessuna situazione – percentuale che aumenta fino al 38% se si considera il campione femminile – mentre l’8% adduce come motivo il livello di comfort estremamente basso della propria macchina. Infine il 13% che ammette di non aver mai fatto questa esperienza ritiene, tuttavia il mezzo all’“altezza della situazione”, nel caso in cui si dovesse presentare la necessità.

 

Ma quali sono i trucchi più comuni per non rendere la nottata sui sedili un vero e proprio incubo? Il 46% del campione intervistato da Direct Line risponde scegliendo di abbassare il sedile, uno stratagemma classico praticato soprattutto dagli uomini (51% contro il 37% delle donne). Pochi si spostano sul sedile posteriore, solo l’8%, mentre c’è anche chi non si fa cogliere impreparato e ha con sé una coperta (13%). Per 1 intervistato su 3 l’evento è stato invece il frutto di un imprevisto, soprattutto per le donne (34%).

 

Se di necessità bisogna far virtù, il 43% degli intervistati opta per l’area di servizio come punto di riferimento per fermarsi in macchina e schiacciare un pisolino durante la notte. Le luci della stazione, infatti, possono dare più sicurezza del ciglio della strada: tuttavia, solo l’8% ritiene che queste zone siano ben protette, mentre il 43% dubita che, in generale, scegliere di dormire nelle aree di rifornimento o di sosta sia la scelta migliore per la propria sicurezza. I pericoli più temuti sono in primis i furti (51%), ma anche le violenze e gli attacchi all’auto sono un timore degli automobilisti (37%), soprattutto per le donne alla guida (50%). I rumori di sottofondo sono una preoccupazione per il 6% degli intervistati.

 

Lo spaccato regionale dell’indagine Direct Line rileva che torinesi (34%) e bresciani (33%) sono quelli che più spesso si sono ritrovati a dormire in auto, mentre i più organizzati sono i veronesi (27%) e i cagliaritani (22%) con la coperta contro i brividi della notte sui sedili dall’auto. I torinesi sono anche quelli che maggiormente si fidano a fermarsi di notte nelle aree di servizio (59%), mentre le rapine sono il pericolo più temuto da ben il 66% dei fiorentini e le violenze dal 55% dei cagliaritani. Infine, detengono il primato per il ricorso alla polizia in caso di difficoltà i veronesi con l’84% delle preferenze, mentre il 24% dei milanesi non esita a chiamare la propria compagnia di assicurazioni.

 

‘Che sia per la circostanza di un lungo viaggio o una notte stellata, è buona norma non dimenticare la prudenza quando si decide di prendersi una pausa per un sonnellino in auto. commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LineÈ infatti un atto di responsabilità dell’automobilista fermarsi qualora avverta una stanchezza eccessiva alla guida, considerando comunque la pausa in aree protette e adibite alla sosta delle vetture. A volte bastano pochi minuti di pausa, un buon caffè e una semplice rinfrescata per poter riprendere la guida in sicurezza per sé e per gli altri automobilisti’.

 

 

 

Segui Direct Line su Facebook: https://www.facebook.com/directlineitalia

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it.

No Comments
Comunicati

‘Bonus Direct’ continua il suo grande successo: il programma fedeltà di Direct Line quest’anno prevede interessanti novità, premiando gli assicurati con buoni carburante, sconti esclusivi e concorsi a premi.

  • By
  • 24 Aprile 2013

L’iniziativa Bonus Direct ha vinto per 2 anni consecutivi il premio Insurance Marketing Awards

per la categoria Miglior Progetto Loyalty per le Compagnie Dirette.


Continua il grande successo di pubblico di ‘Bonus Direct’, il programma di loyalty di Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni on line – che riserva agli assicurati numerosi vantaggi e che si è recentemente arricchito di interessanti novità. In un momento in cui la congiuntura economica si rivela particolarmente difficile, Direct Line, anche grazie a questa iniziativa, sottolinea uno dei pilastri della propria mission, proponendo sempre nuove forme di risparmio e convenienza.

Per i clienti Direct Line iscriversi a ‘Bonus Direct’ è semplice e completamente gratuito: basta visitare il sito www.bonusdirect.it e seguire le istruzioni online.

Per ogni acquisto fatto sui siti partners attraverso bonusdirect.it viene riconosciuto ai clienti un quantitativo di EuroPunti: al momento del rinnovo della polizza i punti accumulati si trasformeranno in buoni carburante.

Da quest’anno il programma di Direct Line si arricchisce della nuova sezione Sconti e il risparmio diventa ancora più interessante: i clienti, infatti, possono usufruire di prezzi vantaggiosi offerti da partner d’eccezione.

Ma non è tutto. Bonusdirect.it si presenta inoltra con una nuova veste grafica fresca e accattivante e una versione ottimizzata per mobile e tablet grazie alla quale è possibile accedere al sito in maniera rapida e comoda ovunque ci si trovi. Per rendere il sito ancora più user-friendly è stata realizzata un’infografica per raccontare in 3 veloci e semplici passaggi il funzionamento del programma (Registrati, Acquista e Risparmia, Richiedi i buoni carburante).

A partire da maggio saranno inoltre lanciati numerosi concorsi che premiano i clienti che si iscrivono al programma: in palio biglietti per concerti, voucher hotel, voucher benessere e biglietti del cinema.

‘Direct Line dimostra ancora una volta di offrire il meglio ai propri clienti – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Line creando tante opportunità per favorirli nella vita di tutti i giorni e coinvolgendoli in iniziative che premino la fedeltà e i loro interessi. Per fare questo in maniera ancora più efficace e innovativa, la compagnia di assicurazione  ha ascoltato la voce diretta degli utenti e si è avvalsa dei loro suggerimenti per migliorare il programma e introdurre sempre nuove occasioni di risparmio, come gli sconti e il concorso a premi.’

Bonus Direct si è aggiudicata il premio nella categoria Miglior Progetto Loyalty per le Compagnie Dirette nelle ultime due edizioni dell’Insurance Marketing Awards, il premio di riferimento per i migliori progetti di marketing nel mondo assicurativo.

Segui Direct Line su Facebook: https://www.facebook.com/directlineitalia

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it

No Comments
Comunicati

La SEAT Mii Ecofuel per una mobilità pulita

  • By
  • 24 Aprile 2013


Sinergia e collaborazione tra la SEAT e l’associazione nazionale dei distributori di gas metano

 

Nell’ottica di promuovere una mobilità che consenta di ridurre i consumi e le emissioni, la SEAT e Federmetano saranno insieme protagoniste di un’iniziativa. La Casa spagnola,infatti, ha scelto un partner strategico quale l’associazione nazionale di distributori e trasportatori di gas metano, per collaborare sinergicamente a favore di una mobilità più rispettosa dell’ambiente oltre che risparmiosa.

 

Una Mii Ecofuel, personalizzata appositamente, sarà esposta presso i distributori di metano aderenti a Federmetano su tutto il territorio.La city car della SEAT è compatta e molto facile da manovrare. I 68 CV di potenza e i dispositivi start/stop e di recupero dell’energia consentono alla Mii di contenere sensibilmente sia i costi di percorrenza (meno di 3 Euro/100 km), sia le emissioni (79 g/km di CO2).

 

Due serbatoi, in grado di ospitare 72 litri di metano e 10 litri di benzina, garantiscono un’autonomia di ben 600 km: così, la Mii Ecofuel è stata omologata come vettura ad alimentazione monofuel, che garantisce particolari agevolazioni sulla tassa di proprietà.

 

La piccola della SEAT è proposta a prezzi molto allettanti: a partire da 11.700 Euro per la versione Reference e 13.150 Euro per quella Style. L’accordo prevede anche offerte particolari riservate a tutti gli associati alla Federmetano.

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.P.A.

GROUP PRESS & PR – Viale G.R. Gumpert, 1 – 37137 Verona (Italy)

Tel. +390458091130 – Fax. +390458091311

www.volkswagengroupstampa.it

No Comments
Comunicati

La SEAT al Company Car Drive 2013

  • By
  • 24 Aprile 2013


Tutte le vetture SEAT in esposizione alla manifestazione monzese

 

La SEAT, casa automobilistica appartenente al Gruppo Volkswagen, è presente al Company Car Drive 2013 dove i Fleet Manager delle grandi aziende italiane avranno la possibilità di conoscere e provare l’intera gamma di prodotti recentemente rinnovata.

Nuova è anche l’identità del Marchio; infatti, dall’anno scorso, il claim – ENJOYNEERING – è espressione di “tecnologia da vivere” tipico della Casa spagnola. La parola, nata dall’unione dei termini inglesi “enjoy” ed “engineering”, racchiude in sé il concetto che la SEAT è in grado di offrire ai propri Clienti piacere di guida e automobili di qualità e tecnologicamente avanzate.

 

In occasione del Company Car Drive, la SEAT schiera la propria offerta di auto che vanno a soddisfare le più svariate richieste ed esigenze della Clientela. Perciò a Monza si presenta con la Mii Ecofuel (a metano), una soluzione intelligente che permette di ridurre ulteriormente consumi ed emissioni. La potenza di 68 CV abbinata ai dispositivi start/stop e di recupero dell’energia permettono alla citycar spagnola di contenere sensibilmente i costi di gestione: meno di 3 Euro per percorrere 100 km. I tre serbatoi, in grado di ospitare 72 litri di metano e 10 litri di benzina, garantiscono un’autonomia di ben 600 km. La Mii Ecofuel è ora proposta a prezzi ancora più allettanti: 11.700 Euro per la versione Reference e 13.150 per quella Style.

 

Ma ad attendere i Fleet manager, c’è anche la nuova Leon, lanciata all’inizio di quest’anno, e la nuova Toledo; i due modelli hanno recentemente ricevuto i massimi riconoscimenti da Eurotax grazie all’ottimo rapporto qualità/ prezzo e il valore residuo.

 

Questi riconoscimenti arrivano in un momento in cui la Casa spagnola ha sviluppato all’interno della propria gamma le nuove versioni Business Questa declinazione pensata specificatamente al Cliente flotte offre motorizzazioni all’insegna del risparmio (riduzione dei costi di gestione, consumi ed emissioni), massima funzionalità, equipaggiamenti altamente tecnologici e necessari a chi usa la vettura per lavoro (Bluetooth, sistemi d’infotainment, ecc.).

 

Costruita sulla piattaforma MQB del Gruppo Volkswagen, la nuova Leon è inoltre la prima e unica del segmento delle auto compatte a poter vantare fari con tecnologia full LED che, abbinati a un design dinamico e innovativo, la rendono una berlina dalla personalità distintiva. L’ampia e moderna gamma motori TSI e TDI parte dal 1.2 86 CV Reference (13.700 Euro), ideale per i neopatentati, fino al performante 2.0 TDI 184 CV FR (20.400 Euro).

 

La Leon Business, disponibile nella motorizzazione 1.6 TDI CR 90 CV, offre di serie – fra gli altri – Bluetooth con funzione streaming audio e telefono, regolazione lombare del sedile conducente, consolle centrale con spazio portaoggetti, portabevande e bocchetta posteriore dell’aria, e alzacristalli elettrici posteriori. Il prezzo è di 20.000 Euro chiavi in mano.

 

Al Company Car Drive c’è anche la nuova Toledo che, fedele alla formula di successo delle versioni precedenti e grazie al comodo e funzionale portellone e a una capacità di carico di ben 550 litri, si propone come una scelta valida per le esigenze di lavoro.

 

La Toledo Business è disponibile nella motorizzazione 1.6 TDI CR 105 CV e offre di serie: vivavoce Bluetooth con comandi vocali, sensori di parcheggio posteriori, freni posteriori a disco e ruota di scorta da 15”. Il prezzo della versione per i Clienti flotte è di 19.550 Euro.

 

A completare l’esposizione della SEAT ci sono anche la Ibiza e la Altea XL, ovvero una tra le station wagon più spaziose e confortevoli della categoria. Grazie ai suoi 532 litri di capacità di carico, all’altezza del tetto e allo spazio interno, è l’auto ideale per chi ricerca versatilità e funzionalità.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’83% della produzione in 77 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2012 ha raggiunto un volume d’affari di oltre 6 miliardi di Euro e un totale di 321.000 vetture vendute. La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha tre siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon. Presso lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo) viene prodotta la monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia), mentre la Toledo nello stabilimento di Mladá Boleslav (Repubblica Ceca).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie più di 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

DIRECT LINE OTTIENE IL SIGILLO DI QUALITÀ COME “MIGLIORE RC AUTO 2013”

L’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza analizza il settore delle assicurazioni RCA e decreta

Direct Line “Migliore RC Auto 2013” per la Soddisfazione del Cliente

Direct Line risulta la compagnia di assicurazione auto che meglio soddisfa i propri clienti: lo attesta l’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza, che ha conferito alla compagnia il sigillo di qualità come “Migliore Rc Auto, 2013”per la Soddisfazione del Cliente.

 

l’Istituto Tedesco di Qualità e Finanza ha analizzato le 20 compagnie assicurative più importanti del mercato, coprendo il 95% del bacino di settore e ha verificato la soddisfazione dei clienti assicurativi. Il rapporto corretto e leale con i clienti è un tema centrale nel mercato RCA italiano.

 

Interrogando oltre 2300 assicurati italiani, l’Istituto di qualità e Finanza tedesco ha indagato su diversi aspetti che interessano i consumatori quando si tratta di polizze auto e rapporto con la propria compagnia di fiducia. I risultati della ricerca hanno posizionato Direct Line in cima alla classifica, come la compagnia con il livello più alto nella soddisfazione dei clienti complessiva, ed è al primo posto anche nelle particolari categorie ‘Offerta dei prodotti’, ‘Comunicazione con i clienti’, ‘Assistenza’ e ‘Rapporto qualità-prezzo’.

 

‘Direct Line, secondo la nostra ricerca, si distingue tra le RC Auto in Italia per la clientela più soddisfattacommenta Christian Bieker responsabile dell’Istituto Tedesco di Qualità e FinanzaDirect Line ha ottenuto questo prestigioso risultato offrendo il miglior servizio ai suoi clienti nel mercato Rca italiano.’

 

La compagnia del Telefono Rosso e del Mouse sulle Ruote spicca in 9 delle 18 aree prese in esame dalla ricerca, attestandosi al livello massimo, mentre in tutto il resto è decisamente superiore alla media del mercato. Un risultato complessivo che non ha eguali sul panorama assicurativo italiano.

 

‘Siamo molto soddisfatti di aver ricevuto il sigillo di qualità, un riconoscimento importate in un settore così competitivo come quello delle assicurazioni auto e per una compagnia come la nostra che oggi conta un milione di clienti commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LineDirect Line punta ad offrire la miglior assistenza alla clientela, attraverso la competenza tecnica, la correttezza e l’attenzione alle esigenze degli utenti: una pratica che siamo orgogliosi di poter definire un benchmark di qualità per il settore in cui operiamo’.

 

 

Segui Direct Line su Facebook: https://www.facebook.com/directlineitalia

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto online in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it.

No Comments
Comunicati

SEAT Leon 2013: test invernali per la nuova versione SC


Tutti i sistemi e dispositivi della nuova Leon SC messi alla prova a temperature sotto zero

 

A distanza di pochi giorni dal debutto in anteprima mondiale al Salone di Ginevra, e anticipando di qualche settimana l’introduzione sul mercato, gli ingegneri della SEAT hanno messo alla prova la nuova Leon SC nelle condizioni più estreme: le temperature sotto zero del Circolo Polare Artico, che hanno spinto al limite il nuovo modello.

 

Per testare l’auto nuova e valutarne qualità e funzionalità, i tecnici della Casa spagnola hanno eseguito accurate prove di collaudo: dal funzionamento dei tergicristalli e delle serrature all’apertura e chiusura delle porte, al sistema di riscaldamento, passando anche dalla trazione e dal sistema di controllo della stabilizzazione. Ogni singolo particolare della Leon SC è stato verificato, testimoniando una volta di più l’impegno che la SEAT pone nell’offrire qualità ingegneristica di altissimo livello.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia). La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse. In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

 

No Comments
Comunicati

CANTA CHE TI PASSA: IL 62% DEGLI ITALIANI ASCOLTA LA MUSICA MENTRE È ALLA GUIDA

Il genere pop in cima alla lista delle preferenze musicali degli automobilisti italiani con il 39%, segue il rock (22%) e un eccezionale pari merito per la musica disco e quella classica (9%).

 

La musica in auto è da sempre compagna di viaggio e di mille avventure. Da soli o in compagnia, chi non ha mai intonato in macchina “Quel mazzolin di fiori”? Un sondaggio effettuato dal Centro Studi e Documentazione Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni on line – rileva infatti che il 62% degli italiani ascolta musica mentre viaggia, una cifra intorno ai 24 milioni di automobilisti.

 

I tragitti in auto comportano spesso di dover trascorrere molto tempo alla guida e la radio è un buon stratagemma per combattere la noia. Direct Line ha voluto chiedere agli italiani qual è la loro colonna sonora ideale da ascoltare durante un viaggio in macchina ed ecco ciò che è emerso: il 39% degli intervistati ha scelto la musica pop, seguiti da un folto numero di rockettari (22%). I fan della musica rock aumentano poi tra le fasce di età 18-34, con punte del 28% di preferenze.

A rendere il viaggio più piacevole per il 9% degli automobilisti ci pensa poi la musica classica, soprattutto per gli over 45 (16%). Stesso dato per la musica disco (9%), mentre i generi jazz e blues si attestano in parità con un 8% delle preferenze. Assai minori invece sono le percentuali degli amanti della musica italiana (2%), così come di chi ascolta mix di generi diversi (2%).

 

Nella macchina di ogni italiano quindi sembra che non possa mancare una radio, ma il dato interessante risulta sul suo utilizzo da parte dell’automobilista. Direct Line ha infatti voluto approfondire questo aspetto, chiedendo agli intervistati cosa ascoltano quando sono al volante. Ben il 62% ha dichiarato di prediligere la musica in generale, soprattutto i giovani under 24 (71%). Seguono con percentuali assai minori gli amanti dei programmi di intrattenimento e dei notiziari del traffico (entrambi al 9%). Farsi due risate ascoltando un programma comico è un passatempo in auto per l’8%, mentre solo il 3% si sintonizza su programmi di cronaca e l’1% su trasmissioni religiose.

 

Lo spaccato regionale dell’indagine Direct Line rivela alcune interessanti sfumature: i milanesi sono quelli che più amano la musica jazz (10%), i palermitani prediligono il pop in maniera schiacciante (53%), mentre i fiorentini la classica (16%). I cagliaritani sono i più discotecari, con il 16% che preferisce la musica disco in macchina. Il rock prevale sulla scena bolognese: il 34% degli intervistati emiliani, infatti, lo sceglie per le proprie playlist di viaggio.

 

Ma vediamo alcuni consigli utili per guidare in maniera prudente. Secondo un recente studio condotto in Inghilterra risulterebbe che il 63% degli automobilisti che non ha causato incidenti è abituato a canticchiare in auto. Il dato viene confermato dalla psicologa N. Dibben dell’Università di Sheffield in Inghilterra, secondo cui cantare in auto canzoni semplici favorisce la concentrazione e diminuisce il pericolo di causare sinistri. Comportamenti a rischio sono invece le conversazioni in auto e il giocherellare con la radio e il proprio lettore mp3. Da preferire anche la musica rilassante e facilmente orecchiabile ascoltandola mantenendo il volume della radio basso. Alzare il volume della musica a palla infatti potrebbe rendere la guida più nervosa e favorire comportamenti aggressivi durante la guida.

 

 ‘La musica in macchina è certamente un ottimo modo per allietare un viaggio e rendere gli spostamenti meno stressanti per il guidatore commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LineLo svago tuttavia non deve cedere il posto alla concentrazione al volante: la distrazione è infatti una delle cause di incidenti su strada e mantenere un volume moderato della radio è buona regola in ogni circostanza.’

 

Segui Direct Line su: https://www.facebook.com/directlineitalia

 

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it.

No Comments
Comunicati

CLAUSOLA “BONUS PROTETTO” DI DIRECT LINE: COSA SONO DISPOSTI A FARE GLI ITALIANI PER FARSI PERDONARE UN ERRORE LA PRIMA VOLTA?

  • By
  • 21 Febbraio 2013


Direct Line ha chiesto agli automobilisti italiani cosa sono disposti a fare per rimediare un errore.

 

A tutti sarà capitato, almeno una volta nella vita, di sbagliare dopo anni di vita esemplare e di dover chiedere una seconda chance. Ma cosa sono disposti a fare gli italiani per farsi perdonare non dover pagare le conseguenze?

 

Il Centro Studi e Documentazione Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni online – ha rivolto questa domanda a 1000 automobilisti italiani. Ne risulta che il 32%, pur di ottenere il perdono da una persona cara, sarebbe disposto a lavare i piatti per un’intera settimana, mentre il 17% si renderebbe disponibile per fare la spesa al supermercato al posto del compagno/a. Un altro 15% ha ammesso che rinuncerebbe al proprio programma preferito in tv per 2 settimane consecutive per farlo scegliere al partner e il 14% si occuperebbe della spazzatura per un mese. Soltanto il 9% rinuncerebbe all’uso del cellulare per una settimana, a dimostrazione del fatto che sempre più italiani sono ormai dipendenti dalla tecnologia e che questa cosa viene vissuta con fastidio dal partner.

 

Decisamente più basse la percentuali di chi per farsi perdonare chiederebbe semplicemente scusa (2%) e di coloro che sarebbero disposti a modificare il proprio atteggiamento diventando più disponibile e gentili (2%). Infine un altro 2% del campione, per esprimere il proprio rammarico, farebbe scegliere la pena da scontare alla persona che ha subìto il torto.

 

Se ottenere il perdono richiede tanti affannosi sforzi, perdonare è forse ancora più difficile e soprattutto non è cosa da tutti. Direct Line, invece, ha deciso di offrire una seconda chance ai propri assicurati prima di decretare il MALUS in caso di incidente con colpa. Come? Offrendo ai propri assicurati la clausola Bonus Protetto, una sorta di “perdono” in caso di primo sinistro con colpa dopo una condotta esemplare. Inserendo nel contratto di assicurazione questa garanzia, se non si sono verificati altri sinistri nel periodo di osservazione, i buoni guidatori potranno mantenere la stessa classe di merito anche in caso di sinistro. E il nuovo contratto verrà assegnato alla medesima classe del precedente.

 

‘Con la clausola Bonus Protetto Direct Line offre ai ‘buoni guidatori’ la possibilità di difendere la classe di merito maturata dopo anni di guida sicura e rispettosa del codice della strada. – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LinePossiamo quindi affermare che con questa garanzia viene attuata una sorta di ‘perdono’ che esclude ogni penalizzazione economica conseguente al pagamento del primo sinistro avvenuto durante il periodo di validità del contratto.’

 

Segui Direct Line su: https://www.facebook.com/directlineitalia

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it

No Comments
Comunicati

La nuova SEAT Leon SC 2013: design accattivante per la sportiva compatta a tre porte

  • By
  • 18 Febbraio 2013


Verona – La nuova SEAT Leon SC sfoggia il proprio carattere da coupé sportiva; è una straordinaria compatta a tre porte e incarna alla perfezione il linguaggio stilistico della SEAT. Il modello aggiunge un tocco di sportività in più alla strada, senza compromettere la facilità di uso per la vita quotidiana. L’abitacolo è estremamente funzionale, offre un convincente mix di eccellenti finiture e materiali di qualità superiore, oltre a un ampio spazio per tutti i passeggeri. Inoltre, con 380 litri di capacità, il vano bagagli ha proporzioni generose come quelle della versione a cinque porte.

“La nuova Leon SC è l’icona del design della nostra gamma. Comunica alla perfezione i valori chiave del Marchio: design e dinamica, tecnologia e qualità al giusto prezzo”, afferma James Muir, Presidente della SEAT. “La storia della nuova Leon è strettamente legata al principio del piacere di guida allo stato puro senza che il guidatore debba rinunciare alla facilità di uso per la vita quotidiana.

Principio di successo al quale siamo rimasti fedeli anche per la Leon SC. Anzi, ove possibile, abbiamo cercato di perfezionarlo ulteriormente”. La nuova SEAT Leon SC è un concentrato di alta tecnologia. Tra le caratteristiche figurano l’innovativo infotainment, i sistemi di assistenza intelligenti, la strategia di riduzione sistematica del peso, un telaio perfettamente tarato e motori di ultima generazione.

Tutte le motorizzazioni dispongono di iniezione diretta con turbocompressore e sono un connubio perfetto di straordinaria efficienza e raffinata dinamica. Le unità TSI e TDI con cilindrata compresa tra 1.2 e 2.0 litri erogano da 86 (63 kW) a 184 CV (135 kW). Il motore 1.6 TDI 105 CV (77 kW) è dotato di sistema start/stop e registra consumi di soli 3,8 litri ogni 100 chilometri, a fronte di emissioni di CO2 di 99 grammi al chilometro. Come la Leon a cinque porte, anche la Leon SC è disponibile negli allestimenti Reference e Style, oltre che nella versione sportiva FR. “Grazie al passo leggermente più corto, la Leon SC è il membro più sportivo ed emozionante della famiglia Leon. Ha l’aspetto di una coupé sportiva, ma vanta un sorprendente livello di funzionalità”, sottolinea Matthias Rabe, Vicepresidente per Ricerca e Sviluppo della SEAT S.A..“Grazie a un lavoro di messa a punto, siamo riusciti a coniugare il forte carattere sportivo e la maneggevolezza precisa con un notevole aumento di comfort e praticità. La Leon SC è un altro esempio di come la SEAT utilizza le tecnologie del Gruppo Volkswagen per sviluppare vetture che sono distintamente SEAT”.

 

Design – un look grintoso

Con proporzioni perfettamente equilibrate, la nuova SEAT Leon SC colpisce fin dal primo sguardo. Il rapporto tra lunghezza, altezza e larghezza e gli sbalzi ridotti trasmettono un senso di dinamicità anche a vettura ferma. La compatta a tre porte, che si ispira al linguaggio di design sviluppato tramite le concept car IBE, IBL e IBX, è l’interpretazione dinamica del nuovo stile della SEAT.

“Abbiamo dato alla tre porte Leon SC un carattere altamente distintivo. Eliminare semplicemente due porte non sarebbe stato sufficiente per noi. Ecco perché abbiamo optato per un passo più corto (anche se solo di 35 millimetri). L’effetto visivo è molto forte. Il risultato? Una notevole differenza nell’espressione della dinamicità”, afferma Alejandro Mesonero-Romanos, Responsabile del Design della SEAT. “Il linguaggio stilistico è stato perfezionato sulla nuova Leon. Tutto questo è particolarmente evidente nelle linee caratteristiche: è una vettura dalla spiccata personalità”.

Rispetto alla versione a cinque porte, il passo della nuova Leon SC è stato accorciato di 35 millimetri. Al contempo, l’aspetto distintivo dei finestrini, con il bordo posteriore inferiore spostato verso il basso, allunga visivamente l’auto (4,23 metri). Questo conferisce alla Leon SC un aspetto sportivo e grintoso, tuttavia molto compatto. Tutte le linee esterne vantano un trattamento delle superfici con effetto tridimensionale. Il design risulta così ancora più distintivo e crea una bella interazione di luci e ombre. Il frontale della nuova Leon SC è inoltre caratterizzato dal design “a freccia”. Tutte le linee si allungano verso un singolo punto situato sul frontale della vettura. Il triangolo, forma geometrica chiara e stabile, costituisce un elemento fondamentale del linguaggio stilistico della SEAT ed è evidente in diversi punti della nuova Leon SC.

Anche nel design dei fari, il triangolo riveste un ruolo molto importante: i proiettori sono perfettamente integrati nel profilo della vettura e la loro linea affilata è un tratto tipico della SEAT. Con i nuovi fari full LED, disponibili a richiesta, la Leon SC è una vera pioniera dal punto di vista tecnologico: disponibili per la prima volta nel segmento delle compatte, gli innovativi proiettori full LED consumano meno energia e hanno una durata molto più lunga. La loro temperatura di colore pari a 5.500 Kelvin è simile a quella della luce del giorno e affatica meno gli occhi.

La fiancata della nuova SEAT Leon SC presenta un rapporto equilibrato tra superfici in metallo e in vetro (verticalmente, circa un terzo di vetro e due terzi di carrozzeria), che sottolinea la stabilità e l’aspetto solido della vettura. La caratteristica “Linea Dinamica” si interrompe sulla fiancata per proseguire verso la parte posteriore, passando sopra i passaruota. I rilievi laterali scolpiti con precisione non sono completamente diritti, ma formano un leggerissimo arco che aumenta la tensione. L’ampio lunotto che, grazie alla sua curvatura dona un aspetto simile a quello di una coupé, ha un’inclinazione di 19 gradi superiore rispetto alla versione a cinque porte e ha la forma di un pentagono stilizzato rivolto verso l’alto: un’altra caratteristica distintiva della nuova SEAT Leon SC.

La Leon è il primo modello che sfoggia il nuovo logo: nel frontale e sul portellone, sulle ruote e sul volante.

 

Interni e infotainment – sobri e innovativi

Il dinamismo della carrozzeria abbraccia anche gli interni della nuova Leon SC, che si presentano essenziali, luminosi e puliti. I materiali sono di altissima qualità e le finiture di prim’ordine. Le superfici, piacevoli al tatto, sono raffinate e alcune versioni vantano anche il fascino aggiunto di inserti cromati e in pelle.

Descrivendo gli interni, Alejandro Mesonero-Romanos, Responsabile del Design della SEAT, spiega: “Il nostro parametro per la progettazione degli interni luminosi ed eleganti è stato l’ergonomia, pertanto ci siamo ispirati alla precisione della plancia di un aereo. Il guidatore della Leon SC non avrà inutili distrazioni e potrà concentrarsi completamente sulla guida”.

Lo spazio per guidatore e passeggero anteriore è caratterizzato da un design pulito e armonioso. La plancia, sobria al limite del purismo, è concepita a misura del guidatore; tutti gli interruttori, pulsanti e leve sono ubicati esattamente dove ci si aspetta istintivamente di trovarli. I grandi quadranti degli strumenti risultano perfettamente leggibili, mentre il sistema di informazione per il guidatore è già di serie nell’allestimento Reference. Il volante con finiture di pregio, che mostra il nuovo logo SEAT sulla copertura dell’airbag, può essere dotato di comandi multifunzione.

I sedili di nuova concezione sono sportivi ed estremamente comodi per persone di qualsiasi statura. La regolazione dell’altezza del sedile del guidatore è di serie, mentre quella sul lato passeggero è disponibile a richiesta sull’allestimento Reference ed è di serie sulla Style. Durante la guida dinamica i sedili garantiscono il migliore sostegno possibile e sulle lunghe percorrenze provvedono a un comfort ottimale.

Per la nuova Leon SC, la SEAT offre una gamma completa di innovative soluzioni di infotainment. Si basano sul sistema operativo SEAT Easy Connect, che prevede un touchscreen per le funzioni di entertainment, comunicazione e navigazione, nonché una gamma di altre funzioni della vettura.

 

Motori – efficienti e potenti

La SEAT propone la nuova Leon SC con una serie di potenti ed efficienti motorizzazioni TDI e TSI, con cilindrate che vanno da 1.2 a 2.0 litri. Tutte le motorizzazioni dispongono di iniezione diretta e turbocompressore, e sono ottimizzate per garantire tempi di riscaldamento più rapidi e minor attrito interno.

 

Sistemi di assistenza alla guida – vigili e assolutamente all’avanguardia

Gli ingegneri SEAT hanno dotato la nuova Leon SC di innovativi sistemi di assistenza alla guida. Una telecamera posizionata sullo specchietto retrovisore interno comanda il sistema Lane Assist, che interviene sul servosterzo elettromeccanico per correggere la traiettoria prima che il guidatore oltrepassi involontariamente la linea di segnalazione della corsia. Anche il sistema Full Beam Assistant, che gestisce automaticamente il funzionamento dei fari abbaglianti passando agli anabbaglianti quando necessario, si avvale della telecamera. Un ulteriore attento sistema di assistenza è rappresentato dal dispositivo per il riconoscimento della stanchezza, che registra un’eventuale diminuzione della concentrazione di chi è alla guida, suggerendogli di fare una pausa.

Un altro importante sistema di sicurezza, anch’esso di serie sulla Leon SC, è il sistema di frenata multipla (Multi Collision Brake), che consente di evitare impatti secondari in caso di incidente.

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse. In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

Auto elettriche: SEAT e il Porto di Barcellona collaborano nella ricerca sui prototipi elettrici

  • By
  • 12 Febbraio 2013


La SEAT consegna un’auto elettrica e una ibrida al Porto di Barcellona

 

Verona – La SEAT e il Porto di Barcellona hanno siglato un accordo che vedrà la Casa automobilistica mettere a disposizione due prototipi elettrici per la ricerca sulle caratteristiche tecniche degli stessi. Si tratta di una Leon TwinDrive Ecomotive, ibrida plug-in, e una Altea XL Electric Ecomotive, a propulsione completamente elettrica e quindi a emissioni zero. Ramón Paredes, Vicepresidente Esecutivo per le Relazioni Governative e Istituzionali della SEAT e del Gruppo Volkswagen, ha consegnato le due vetture a Sixte Cambra, Presidente del Porto di Barcellona.

 

“L’impegno del Porto di Barcellona a favore dell’ambiente e della sostenibilità si concretizza con collaborazioni di questo tipo, dandoci anche la possibilità di supportare una delle più grandi Aziende del Paese” ha sottolineato Sixte Cambra durante la cerimonia di consegna delle vetture, che ha avuto luogo nei giorni scorsi a Portal de la Pau, davanti alla Sede del Porto.

 

Ramón Paredes ha ribadito l’importanza del Porto nelle attività della SEAT: “Il Porto è uno snodo fondamentale per quanto riguarda la nostra logistica. Inoltre, con questa collaborazione diamo un ulteriore impulso allo sviluppo della mobilità elettrica in città”.

 

Tre mesi di studio

Nei prossimi mesi la SEAT avrà modo di raccogliere, tramite telemetria, informazioni in tempo reale relative a posizione, velocità e livello di carica delle batterie: dati utili nell’ottica di una produzione di serie di queste auto. Allo stesso tempo, il Porto potrà valutare la possibilità di includere in futuro questa tipologia di mezzi nel proprio parco.

La Leon TwinDrive combina un motore tradizionale a un propulsore elettrico, che può essere collegato alla rete per la fase di ricarica; mentre la e-Altea è completamente elettrica e funziona grazie a un motore alimentato da una batteria ad alta tensione che, anche in questo caso, può essere caricata collegandosi alla rete.

Per la ricarica delle auto che sono in servizio da questo mese, il Porto di Barcellona ha installato due colonnine a connessione lenta. Le vetture, facilmente riconoscibili grazie alla presenza dei loghi del Porto e della SEAT, saranno in servizio già dal mese di febbraio.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse. In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

SAN VALENTINO 2013: DIRECT LINE RIVELA LE REGOLE AL VOLANTE PER ‘FARE COLPO’ AL PRIMO APPUNTAMENTO

  • By
  • 7 Febbraio 2013

Per il maschio italiano aprire la portiera rimane un grande classico (21%), ma anche tirare a lucido l’auto (16%) o scegliere la playlist giusta (10%) sono ‘trucchi’ vincenti per conquistare al primo incontro.

 

Milano, 07 febbraio 2013 – Italiani latin lover anche alla guida: lo conferma un sondaggio del Centro Studi e Documentazione Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni online – secondo cui ben il 58% degli uomini, in occasione del primo appuntamento, adotta strategie di seduzione già a partire dall’auto.

 

Nello stilare il decalogo del perfetto corteggiamento in auto, si nota che resiste al primo posto tra le tecniche di seduzione aprire lo sportello alla propria partner per farla salire, un gesto galante che più di un italiano su 5 (21%) continua a sfoggiare per fare colpo. Al secondo posto resiste il lavaggio accurato dell’auto: il 16% ritiene che presentarsi al primo appuntamento con una macchina lucidata a specchio sia una carta vincente! Sul gradino più basso del podio troviamo i più romantici, che nel 10% dei casi scelgono accuratamente la playlist, sperando che si trasformi in colonna sonora della futura storia d’amore.

 

Il 4% del campione adotta una tecnica seduttiva piuttosto particolare: consegnare le chiavi dell’auto alla partner per vedere come se la cava al volante per 4 italiani su 100 è una vera e propria prova d’amore (e di fiducia). Seguono, con il 2%, gli italiani che adottano uno stile di guida più spavaldo per ‘fare colpo’ e coloro che confessano di fare di tutto per sfiorare la partner durante il cambio delle marce.

 

Farsi prestare l’auto da un amico o noleggiare una macchina cabrio per l’occasione è la scelta vincente dell’1% del campione intervistato, mentre un altro 1% sceglie di far guidare la partner e di coprirla di complimenti per lo stile di guida.

 

Sembrano passati invece i tempi dei profumi per auto: nessuno infatti dichiara di inondare la macchina di fragranze per auto, cosa che potrebbe ottenere l’effetto contrario a quello sperato: Meglio rimandare al secondo appuntamento e scegliere la profumazione preferita dalla partner per un effetto sicuro!

 

Ma cosa ne pensano le donne? Il profumo per auto giusto è un passepartout secondo il 4% delle intervistate, mentre il 13% confessa di lasciarsi volentieri corteggiare durante un primo appuntamento, e di apprezzare chi mette in pratica modi da vero gentleman fin dall’ingresso in auto.

 

Dall’indagine Direct Line emerge anche un interessante profilo generazionale del latin lover su quattro ruote: se lavare l’auto sembra la tecnica perfetta per il 19% dei 35-44enni, la scelta della playlist è fondamentale per far breccia nel cuore della partner secondo il 13% degli under25. Aprire la portiera dell’auto è un gesto galante che unisce trasversalmente ogni età: lo mette in pratica il 15% degli under25 e il 20% degli over45.

 

Lo spaccato regionale dell’indagine Direct Line rileva che tra tutti coloro che prediligono aprire la portiera dell’auto alla propria partner spiccano i milanesi (12%), mentre veronesi (39%) e cagliaritani (23%) sono quelli che più di tutti si precipitano all’autolavaggio prima di un appuntamento galante.

Nel campione rilevato sono i romani (15%), fiorentini e bresciani (entrambi con il 7%) quelli che preferiscono focalizzare l’attenzione su una colonna sonora ad effetto. Bolognesi e palermitani (5%) optano per una piacevole fragranza nell’abitacolo, mentre si aggiudicano la palma d’oro di “più audac”i i torinesi, che nel 6% dei casi tentano di sfiorare la partner durante le manovre.

 

‘L’auto è un mezzo di trasporto tanto utilizzato dagli italiani da diventare in alcuni casi un vero e proprio campo d’azione per i più romantici commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LineLe tecniche di corteggiamento non devono però far passare in secondo piano la sicurezza: circolare su strada rispettando le regole rimane sempre fondamentale. Un esempio per tutti? Una cena galante senza far scorrere fiumi di alcool è un viatico non solo per l’inizio di una storia d’amore importante, ma anche per la sicurezza in auto’

 

 

 

Ulteriori informazioni per la stampa:

 

Direct Line

Raffaella Garofalo

Tel 02 66079474 – cell 335 6993075

[email protected]

Aristide Romano

Tel 02 66079466

[email protected]

Ambito5

Roberta Sciarabba

Tel 02 45477114

[email protected]

Cecilia Lupano

Tel 02 45477101

[email protected]

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it.

No Comments
Comunicati

DIRECT LINE: L’ 88% DEGLI ITALIANI ALLA GUIDA NON RISPETTA L’AMBIENTE

  • By
  • 28 Gennaio 2013

Il 39% del campione tiene l’auto in sosta con il motore acceso, il 32% che non smaltisce correttamente l’olio usato, mentre 11% non effettua i controlli periodici.

Il 6% inoltre ammette di utilizzare, per il lavaggio della vettura, prodotti inquinanti,

mentre il 95% dichiara di aver visto buttare oggetti dal finestrino di un’auto in corsa.

 

Secondo l’ultimo sondaggio del Centro Studi e Documentazione Direct Line – la più grande compagnia di assicurazioni online – non sono molti gli italiani al volante che hanno abitudini eco-compatibili. L’indagine evidenzia infatti il persistere, fra gli automobilisti, di comportamenti dannosi, oltre che per la salute, anche per l’ambiente in cui viviamo.

 

Il 39% del campione intervistato ha ammesso di tenere il veicolo in sosta con il motore acceso, per riscaldare l’abitacolo d’inverno e raffreddarlo in estate. Non è eco-friendly neppure l’11% del campione, che dichiara di non effettuare i controlli periodici sull’auto, semplicemente perché a prima vista può apparire in perfette condizioni.

 

Non smaltire correttamente l’olio per il motore è un’altra cattiva abitudine degli italiani al volante. Il 32% degli interpellati da Direct Line ha infatti confessato di buttare l’olio lubrificante usato nei tombini, invece di contattare il COOU – Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati – che indica agli automobilisti il punto di raccolta più vicino. Nello specifico hanno risposto il maniera positiva al quesito il 35% degli uomini contro il 29% delle donne, dimostrando quindi una maggiore propensione verso comportamenti più sostenibili.

 

Dal sondaggio emerge inoltre che il 6% del campione dichiara di pulire da solo la propria auto, non curante del fatto che detergenti e altri prodotti utilizzati per il lavaggio possono essere un fattore inquinante da non sottovalutare.

 

L’indagine Direct Line prosegue rilevando anche un altro ‘vizio’ degli automobilisti indisciplinati: gettare oggetti dal finestrino di un’auto in corsa risulta essere un’abitudine diffusa. Il 95% del campione dichiara infatti di essere stato testimone di un evento legato a questa cattiva abitudine. Colpiscono le dichiarazioni del 41% degli automobilisti che sostengono di aver visto lanciare da un’auto mozziconi di sigarette: un gesto di inciviltà che colpisce duramente l’ambiente se si tiene conto che un mozzicone di sigaretta non solo può essere causa di incendi, ma contiene sostante altamente inquinanti – come nicotina, arsenico, acido cianidrico, catrame e ammoniaca – e impiega fino a 5 anni per la totale biodegradazione. Altri intervistati ancora dichiarano di aver visto gettare materiali di plastica (17%), cartacce (18%), lattine (9%), cibo (3%), chewing gum (3%)… e persino pannolini de bebè (9%).

 

Lo spaccato regionale dell’indagine Direct Line rileva che milanesi (40%) e fiorentini (41%) rimangono più a lungo fermi con il motore accesso, mentre non smaltiscono correttamente l’olio usato il 37% dei romani e il 36% dei veronesi. Detengono il primato negato per la mancata revisione all’auto i palermitani (19%) e cagliaritani (18%). Infine il 14% dei bolognesi e il 5% dei torinesi dichiarano di lavare la propria auto con detergenti che possono danneggiare l’ambiente.

 

‘Direct Line vuole sensibilizzare gli automobilisti italiani ad una guida eco-compatibile. commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct LineSiamo infatti convinti che si possa guidare in maniera corretta rispettando l’ambiente e la nostra salute. Se sempre più persone adottano la volontà di impegnarsi in un cambiamento di abitudini alla guida della propria vettura, i vantaggi sul piano ambientale saranno assicurati.’

 

 

Segui Direct Line su Facebook: www.facebook.com/directlineitalia

No Comments
Comunicati

Nuovo spot TV per Direct Line all’insegna della fierezza

  • By
  • 17 Gennaio 2013


“SALI SULL’AUTO ANCHE TU CON DIRECT LINE”: LA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI ONLINE TORNA IN TV CON UN NUOVO SPOT

 

Direct Line inaugura il 2013 con una svolta decisa nel suo stile comunicativo. La nuova campagna pubblicitaria dell’assicurazione auto online numero uno in Italia è tutta all’insegna  della fierezza.

Un nuovo format che rispecchia l’evoluzione della Compagnia ed enfatizza la componente emozionale.
Sono gli stessi clienti del Telefono Rosso e del Mouse sulle Ruote a diventare ambasciatori dei valori del brand: salendo sulle loro automobili tendono la mano alla gente che li circonda, invitandola con estrema fierezza ad entrare a far parte di quel milione di persone che ogni giorno sale sulla propria auto consapevole e orgoglioso di aver scelto Direct Line.

 

Direct Line vanta clienti tanto soddisfatti dalla serietà, convenienza e qualità dell’assicurazione da farsi portavoce della compagnia. Il servizio eccellente – con 2 sinistri su 3 liquidati in 15 giorni – e il risparmio – anche 300€ a polizza – sono valori che rendono la scelta della compagnia una scelta di cui andare fieri.

 

Dallo sbarco in Italia nel 2002 a oggi,Direct Line– dichiara Barbara Panzeri, Marketing Directorha fatto moltastrada.Il risparmio, un servizio eccellente e gli alti standard qualitativi sono stati i motivi fondanti del successo di questa compagnia, i capisaldi che hanno fatto sì che, anno dopo anno, crescesse fino a diventare la più grande compagnia di assicurazioni auto on line”

 

La programmazione degli spot televisivi – nei tagli 30” e 15” – è partita il 6 gennaio sui principali network televisivi nazionali, sia pay che free. Oltre alla Tv la pianificazione prevede una campagna radio multi-soggetto e una significativa presenza sul web a partire dai prossimi giorni.

L’idea creativa è firmata Hi!Comunicazione: sotto la direzione creativa diLuigi Longobardo hanno lavorato al format i copy Aila Saviano eGiancarlo Broggi, in collaborazione con l’art Fabio Prestianni.Gli spot, prodotti daHaibun, sono stati affidati alla regia di Danxzen. La pianificazione media off line è curata da Carat quella online da ìProspect.

Segui Direct Line su Facebook: www.facebook.com/directlineitalia

 

 

Ulteriori informazioni per la stampa:

Direct Line

Raffaella Garofalo

Tel 02 66079474 – cell 335 6993075

 

Aristide Romano

Tel 02 66079466

[email protected]

Ambito5

Roberta Sciarabba

Tel 02 36556778

[email protected]

Cecilia Lupano

Tel 02 45477101

[email protected]

 

 

 

 

Direct Lineè la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando per prima nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari.Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti.www.directline.it.

No Comments
Comunicati

VACANZE IN FRANCIA? SE PARTITE IN AUTO, RICORDATEVI CHE È OBBLIGATORIO UN ETILOMETRO A BORDO

  • By
  • 18 Dicembre 2012


VACANZE IN FRANCIA? SE PARTITE IN AUTO, RICORDATEVI CHE È OBBLIGATORIO UN ETILOMETRO A BORDO

Parigi val bene una Messa diceva Enrico IV. Ai giorni nostri invece, complici le festività Natalizie, saranno molti gli italiani, soprattutto dalle regioni ponte come la Liguria, il Piemonte e la Valle d’Aosta a passare le vacanze in Francia. Infatti, con il suo clima mite in Costa Azzurra, le favolose città d’arte e le numerose piste innevate, la regione francese è da sempre una delle destinazioni top per le vacanze degli italiani, già a partire dal Ponte dell’Immacolata.

Ma chi deciderà di mettersi alla guida per raggiungere una località d’Oltralpe non dovrà dimenticarsi che in Francia dal primo di luglio è entrata in vigore una nuova legge che prescrive l’obbligo di etilometro a bordo.

Direct Line, la più grande compagnia di assicurazioni on line, ricorda che, nonostante la sanzione pecuniaria prevista nel caso in cui non si abbia a bordo tale dispositivo sia stata rinviata al 2013, l’obbligo di avere a disposizione un alcol test monouso nell’abitacolo dell’auto è una legge già in vigore. Quindi, per non essere colti in fallo in caso di controlli da parte della polizia stradale nei prossimi mesi, è bene premunirsi per tempo.

Il provvedimento è stato adottato dalla Francia per cercare di arginare il grave problema della guida in stato di ebbrezza: sul suolo francese l’alcool è responsabile del 31% degli incidenti mortali.
L’etilometro è infatti un dispositivo molto utile: chi deve mettersi al volante può controllare di non aver ecceduto con l’alcool e rispettare le regole del codice della strada. Il consiglio principale rimane quello di non bere prima di mettersi al volante, nemmeno quel poco consentito dalla legge. Il limite del tasso alcolemico è infatti di soli 0,5 grammi per litro (come in Italia).

Il costo di un etilometro monouso si aggira fra i 0,50€ e 1,50€ e ne esistono numerosi modelli sul mercato ma bisogna fare attenzione che riportino il logo NF, garanzia di sicurezza che attesta la conformità dell’etilometro raccomandata dalla polizia francese.

“Crediamo sia importante sensibilizzare i viaggiatori italiani a non sottovalutare questa nuova disposizione di Legge dei nostri cugini francesi, – commenta Barbara Panzeri, direttore marketing Direct Line – e di farla diventare un comportamento virtuoso non soltanto in vista di viaggi in auto verso la Francia, ma anche in Italia come abitudine costante a favore della sicurezza in auto e della guida responsabile. Il consiglio di Direct Line è di procurarsi un minimo di due etilometri per essere certi di averne sempre uno in auto a disposizione”

Segui Direct Line su Facebook: www.facebook.com/directlineitalia

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazione auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it.

No Comments
Comunicati

Air Dolomiti: degustazione di vini e prodotti tipici italiani a bordo dei propri voli

  • By
  • 14 Dicembre 2012


Fino al 31 dicembre Air Dolomiti, Compagnia italiana del Gruppo Lufthansa, offrirà a bordo i vini dell’azienda vitivinicola Feudi di San Gregorio, in provincia di Avellino, oggi leader nel Sud d’Italia.

Per circa due settimane a tutti i passeggeri di Air Dolomiti sarà riservata una degustazione esclusiva dei vini della cantina Feudi di San Gregorio; tre sono le etichette selezionate per accompagnare ciascun ospite durante il volo, regalandogli un momento di piacere e relax: lo Spumante Metodo Classico “DUBL” prodotto da uva Falanghina; il bianco “Campanaro”, sintesi delle migliori uve di Fiano e Greco e il rosso “Taurasi DOCG”, prodotto da uve Aglianico.

In abbinamento ai vini, i passeggeri della business class avranno inoltre l’opportunità di gustare i piatti di Paolo Barrale, Chef del prestigioso ristorante Marennà, che si trova all’interno dell’azienda vinicola. Lo Chef ha ideato un ricco menù che prevede tre differenti proposte: a chi viaggerà in mattinata verrà offerta “La Piccola Colazione Irpina” composta dai prodotti tipici della tradizione regionale campana: caciocavallo podolico, pecorino, soppressata, capocollo e frutta. Per il pranzo e la cena i passeggeri potranno gustare il “Filetto di Maialino al Guanciale stagionato su composta di mele annurche”, accompagnato da scarola, uva passa e pinoli mentre a chi viaggerà durante l’arco del pomeriggio verrà offerto uno snack prelibato: il “Dolce alle Nocciole con chantilly allo yogurt, vaniglia e agrumi”. Ad accompagnare il tutto i vini di Feudi di San Gregorio, per un viaggio unico tra i colori, profumi e sapori dell’autentica tradizione irpina e campana.

Con questa collaborazione Air Dolomiti promuove ancora una volta le eccellenze e le peculiarità di un territorio straordinario portando a bordo dei propri voli la ricchezza e i sapori delle Regioni italiane.

Per ulteriori informazioni: www.feudi.it – www.airdolomiti.it

No Comments
Comunicati

Nuova SEAT Toledo 2012: reso ufficiale il listino prezzi

  • By
  • 10 Dicembre 2012


Partiranno da 16.450 euro i prezzi della nuova SEAT Toledo

 

 

A poche settimane dalla presentazione della sobria ed elegante berlina spagnola, è stato reso ufficiale il listino della nuova SEAT Toledo, che andrà a posizionarsi tra Ibiza ST e Leon.

 

Fedele alla formula di successo delle versioni precedenti e grazie al comodo e funzionale portellone, la berlina compatta si propone nel segmento C anche come una scelta valida per le esigenze di lavoro. Gran capacità di carico ed elevato livello di comfort interno con un ottimo rapporto qualità prezzo, sono doti vincenti della Toledo, che sarà disponibile nelle motorizzazioni 1.2 TSI 86 CV, 1.2 TSI 105 CV e 1.6 TDI CR 105 CV, tutte dotate di tecnologia turbo, e negli allestimenti Reference e Style.

 

La versione Reference offre di serie ABS, ESC ed EBA, airbag frontali e laterali guidatore e passeggero più airbag a tendina, disattivazione airbag lato passeggero, regolatore di velocità e sistema Isofix per seggiolini con ancoraggio Top Tether nei sedili posteriori, radio CD MP3 con 6 altoparlanti, comando radio al volante, ingresso Aux-in e USB, fari fendinebbia con funzione cornering, specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, alzacristalli elettrici anteriori, bracciolo centrale anteriore e posteriore, climatizzatore manuale, computer di bordo, chiusura centralizzata con comando a distanza, finiture cromate, indicatore di temperatura esterna, luci di lettura, poggiatesta posteriore centrale, portaocchiali, vano portaoggetti anteriore illuminato, sedile lato guidatore regolabile in altezza, sedili posteriori abbattibili separatamente, cerchi in acciaio da 15” e pneumatici 185/60R15 (su versione 1.2 TSI 86 CV, mentre 195/55R15 su versione 105 CV) e rete e portaoggetti nel vano bagagli.

 

La versione Style inoltre offre di serie i seguenti equipaggiamenti: sensori di parcheggio posteriori e antifurto volumetrico con sensore d’inclinazione, alzacristalli elettrici posteriori, sedile lato passeggero regolabile in altezza, volante multifunzione e pomello del cambio rivestiti in pelle, vivavoce Bluetooth con comandi vocali, cerchi in lega da16” e pneumatici 215/45R16.

 

Tutte queste pregevoli doti, unite a una grande funzionalità, rendono quindi la Toledo l’auto ideale per chi, per esigenze professionali, è alla ricerca del miglior mix tra prezzo e qualità. Così la SEAT propone, in esclusiva per i Clienti a Partita IVA, la versione Business che, con la motorizzazione 1.6 TDI CR 105 CV, arricchisce la versione Reference dei seguenti equipaggiamenti: vivavoce Bluetooth e sensori parcheggio posteriori.

 

I prezzi della nuova familiare Toledo partono da 16.450 Euro per la 1.2 TSI 86 CV Reference. Sempre con motore benzina c’è poi la 1.2 TSI 105 CV Style che costa 18.650 Euro. Per quanto riguarda le Diesel, la 1.6 TDI CR 105 CV Reference costa 19.100 Euro e in versione Style ha un prezzo di 20.600 Euro. La versione Business è invece offerta a 19.550 Euro.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute. La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a

Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse. In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

La nuova SEAT Leon in pista al Motorshow di Bologna 2012

  • By
  • 1 Dicembre 2012


Per tutta la durante del Motorshow di Bologna sarà possibile effettuare un test drive della nuova SEAT Leon.

 

 

A poche settimane dalla sua introduzione nel mercato italiano,debutta al Motor Show la nuova Leon: dal 5 dicembre, e per l’intera durata della kermesse bolognese, tutti i visitatori avranno la possibilità di provare l’ultima novità della SEAT.

Su un tracciato appositamente allestito, le nuove Leon (nelle versioni 1.6 TDI CR 105 CV Style e 1.4 TSI 122 CV FR) saranno disponibili per effettuare degli impegnativi test drive: il percorso ideato, infatti, include prove di handling tra barriere e birilli, evitamento di ostacoli e frenate di emergenza.

 

Con una semplice e veloce registrazione sul sito www.seat-italia.it/motorshow2012 è possibile prenotare in anticipo una prova con la nuova Leon (dal 5 al 9 dicembre, con orario dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18).

 

Completamente rinnovata, la Leon di terza generazione è di fatto la prima e unica vettura del segmento a offrire i proiettori full LED. Oltre a essere dotata di contenuti esclusivi e altamente tecnologici (come l’innovativo sistema d’infotainment SEAT Easy Connect, per la massima connettività), la nuova berlina nasce sulla piattaforma MQB condivisa con il Gruppo Volkswagen e sfoggia un design più seducente che mai.

 

Disponibile da 17.370 Euro in 3 allestimenti (Reference, Style e FR) e 7 motorizzazioni (3 benzina, tra cui il 1.2 TSI 86 CV Reference, guidabile dai neo-patentati, e 4 Diesel), la nuova

SEAT Leon si distingue anche per l’ottimo rapporto qualità/prezzo.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

INQUINAMENTO ACUSTICO? PER GLI ITALIANI LE CAUSE PRINCIPALI SONO: MOTO E MOTORINI (44%), CLACSON (17%) E LE SIRENE ANTIFURTO (16%)

  • By
  • 20 Novembre 2012


Un’indagine di Direct Line mostra quali rumori sono percepiti dagli italiani come maggiormente fastidiosi.

 

 

Quando si parla di traffico si pensa subito alla qualità dell’aria che respiriamo e a quanto incide sul benessere dei cittadini. Eppure c’è un altro fattore da tenere in considerazione per migliorare la qualità della vita: l’inquinamento acustico. Spesso causa di stress, a volte sottovalutato, l’inquinamento acustico viene percepito dal cervello e non sempre ci si accorge dei danni che può causare.

 

Quali sono dunque i rumori più fastidiosi che è possibile percepire in un centro abitato? Il Centro Studi e Documentazione Direct Line, la più grande compagnia di assicurazioni on line, ha posto la domanda direttamente agli italiani, scoprendo che secondo quasi 1 italiano su 3 (32%) i principali responsabili dell’inquinamento acustico urbano sono i motorini, spesso in circolazione con marmitte modificate. Al secondo posto nella classifica dei rumori molesti il 17% del campione ha posto il clacson, specialmente in occasione di tratti di strada particolarmente trafficati e nelle ore di punta. Sul podio, anche se sul gradino più basso, gli amati/odiati antifurti: utili e apprezzati dissuasori contro i ladri, ma troppo rumorosi durante la notte secondo il 16% degli italiani.

 

Seguono in questa particolare classifica il rumore del traffico stradale intenso (15%), le moto di grossa cilindrata (12%) e il rumore provocato dallo svuotamento della raccolta del vetro (5%). Meno percepiti come rumori molesti risultano essere le sirene dei mezzi di emergenza (2%), come macchine della polizia, camion dei vigili del fuoco o ambulanze, e lo sferragliare sulle rotaie dei tram di vecchia generazione (1%).

 

L’età anagrafica incide sulla percezione dei rumori? I dati Direct Line mostrano che i motorini ‘truccati’ infastidiscono il 28% degli under25, percentuale che sale al 43% se il focus si sposta sugli over 45.

 

L’indagine di Direct Line offre anche uno spaccato regionale interessante: i motorini disturbano in maggioranza i veronesi (47%) mentre le sirene di mezzi di soccorso rientrano nei casi di inquinamento acustico peggiore per l’8% dei palermitani. Torinesi e fiorentini (3%) sono tra coloro che lamentano maggiormente lo stridio dei tram su rotaia nel centro storico, mentre per ben il 10% dei cagliaritani e il 9% dei milanesi il momento della raccolta del vetro viene considerato il peggiore. Romani (15%) e bresciani (10%) sono invece coloro che risultano più infastiditi dal passaggio di motociclette di grossa cilindrata. Nessuna particolarità viene rilevata dai bolognesi: all’ombra delle due torri è infatti il traffico automobilistico in generale a rompere i timpani al 22% dei cittadini.

 

‘Spesso l’inquinamento acustico viene sottovalutato, tanto che nelle grandi città, dove rumore e caos sono all’ordine del giorno, non ci si fa quasi più caso – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Lineè importante invece riflettere sulle conseguenze che rumori forti possono causare nella vita quotidiana e soprattutto su grado di attenzione alla guida, per esempio suonare il clacson mentre si è in coda può irritare e distrarre i guidatori. Bisogna invece sempre tenere i sensi all’erta mentre si è al volante, infatti  rumori improvvisi, bruschi e di decibel elevati possono influire negativamente sulla concentrazione.’

 

 

 

 

Effetti dannosi che  l’inquinamento acustico può provocare

  • stanchezza
  • ansia
  • irritabilità
  • insonnia
  • disturbi gastrici (dello stomaco)
  • disturbi cardiaci (del cuore).


 

 

Dati del Ministero dell’Ambiente sui dei livelli sonori (in dBA)  in relazione a varie sorgenti di rumore.
Decibel      Sorgente rumore

10/20        Fruscio di foglie, bisbiglio
30/40        Notte agreste
50             Teatro, ambiente domestico
60             Voce alta, ufficio rumoroso
70             Telefono, stampante, Tv e radio ad alto volume
80             Sveglia, strada con traffico medio
90             Strada a forte traffico, fabbrica rumorosa
100           Autotreno, treno merci, cantiere edile
110           Concerto rock
120           Sirena, martello pneumatico
130           Decollo di un aereo jet

 

Segui Direct Line su Facebook: www.facebook.com/directlineitalia

 

 

 

Direct Line è la più grande compagnia di assicurazioni auto on line in Italia. Direct Line ha rivoluzionato il mercato delle assicurazioni lanciando nel 1985 nel Regno Unito la vendita di polizze auto senza intermediari. Oggi è leader in Europa con oltre 6 milioni di clienti. www.directline.it.

No Comments
Comunicati

Kuoni: evento speciale a Pavia dedicato all’Oman, la terra delle ‘Mille e una Notte’

  • By
  • 15 Novembre 2012


 

La serata si terrà mercoledì 21 novembre, presso il Kuoni Premium Store in Corso Cavour, Pavia

 

Kuoni Italia, in collaborazione con il Ministero del Turismo del Sultanato dell’Oman, organizza una serata-evento aperta al pubblicoil prossimo mercoledì 21 novembrepresso il Kuoni Premium Store in Corso Cavour 57, a Pavia.

 

Il tema dell’evento è l’Oman, la terra delle Mille e una Notte’ … l’antica patria dell’incenso e della mirra e di luoghi sospesi, in una magica atmosfera intrisa di leggenda. L’Oman regala un fascino unico che discende da una storia millenaria, tra dune e castelli costruiti a picco sul mare e lunghe spiagge bianche che si affacciano sulla costa incontaminata.

 

 

Kuoni: evento speciale Oman. La terra delle ‘Mille e una Notte’

Mercoledì 21 novembre 2012, ore 19:00 – c/o Kuoni Premium Store in Corso Cavour, 57 – Pavia

 

Cocktail buffet con piatti tipici e ricordo della serata per tutti i partecipanti.

 

Per confermare la presenza: [email protected] oppure contattare lo 0382-303101.

 

 

No Comments
Comunicati

Kuoni: evento speciale Oman. La terra delle ‘Mille e una Notte’

  • By
  • 12 Novembre 2012


La serata si terrà – a Genova – mercoledì 14 novembre, presso il Kuoni Store in Largo XII Ottobre

Kuoni Italia, in collaborazione con il Ministero del Turismo del Sultanato dell’Oman, organizza una serata-evento aperta al pubblicoil prossimo mercoledì 14 novembrepresso il Kuoni Store in Largo XII Ottobre 6, a Genova.

 

Il tema dell’evento è l’Oman, la terra delle Mille e una Notte’ … l’antica patria dell’incenso e della mirra e di luoghi sospesi, in una magica atmosfera intrisa di leggenda. L’Oman regala un fascino unico che discende da una storia millenaria, tra dune e castelli costruiti a picco sul mare e lunghe spiagge bianche che si affacciano sulla costa incontaminata.

 

Alla serata, prenderà parte il giornalista e fotografo Aldo Pavan, autore di un appassionante volume fotografico e di reportage lungo tutta la penisola arabica: “La via dell’incenso”.

 

 

Kuoni: evento speciale Oman. La terra delle ‘Mille e una Notte’

Mercoledì 14 novembre 2012, ore 19:00 – c/o Kuoni Store in Largo XII Ottobre, 6 – Genova

Cocktail buffet con piatti tipici e ricordo della serata per tutti i partecipanti.

 

No Comments
Comunicati

SEAT Ibiza CUPRA: design accattivante e prestazioni sorprendenti per la nuova icona della SEAT

  • By
  • 8 Novembre 2012


Previsto per febbraio 2012 il lancio della nuova SEAT Ibiza Cupra, l’auto sportiva compatta per tutti i giorni

 

La nuova Ibiza CUPRA incarna l’essenza più pura della SEAT: design attraente, prestazioni eccezionali e tecnologia all’avanguardia fanno della Ibiza CUPRA la vettura più dinamica della categoria . Grazie alla sua struttura compatta e all’elevato grado di funzionalità, la Ibiza CUPRA è un’auto dinamica adatta all’uso quotidiano. Le caratteristiche sono notevoli e l’efficienza è sorprendente: si passa da 0 a 100 km/h in soli 6,9 secondi, la velocità massima è di 228 km/h e il consumo medio di soli 5,9 litri per 100 km. Il lancio sul mercato è previsto per febbraio 2013.

La prima generazione della Ibiza CUPRA è comparsa sulle strade nel 1997, anno in cui sono stati presentati i dinamici modelli CUPRA, subito divenuti un’icona della SEAT, dando così inizio a una storia di successi. Ora, con 180 CV (132 kW) di potenza, cambio DSG con doppia frizione a 7 rapporti, sistema differenziale elettronico XDS, impianto frenante a elevate prestazioni e soluzioni tecnologiche all’avanguardia, la Ibiza CUPRA ne scrive un nuovo capitolo. Questa nuova versione propone un’ampia offerta di dotazioni innovative. Il Sistema Portatile SEAT, disponibile a richiesta, ne è un esempio: consente di gestire contemporaneamente divertimento, navigazione, telefono e informazioni sulla vettura ed essendo rimovibile ne consente l’utilizzo indipendente.

“La Ibiza CUPRA è una delle icone della SEAT. Design straordinario, dinamismo e agilità garantiscono sempre il massimo piacere di guida” afferma James Muir, Presidente della SEAT S.A.. “Le tecnologie innovative, i nuovi interni e la qualità migliorata della nuova Ibiza CUPRA testimoniano concretamente l’impegno del Marchio per una crescita rapida e costante”.

 

Prestazioni eccezionali, tecnologie all’avanguardia

L’innovativo 1.4 TSI è un propulsore high-tech a iniezione diretta sovralimentato con turbocompressore e compressore meccanico. I 180 CV (132 kW) di potenza e i 250 Nm di coppia assicurano prestazioni decisamente superiori, mentre un attuatore acustico, unico nel suo genere, inserito nell’impianto di scarico consente di modificare il rumore del motore. Ora il cambio DSG a 7 rapporti, caratterizzato da una sorprendente velocità di innesto, può essere azionato anche tramite i comandi al volante.

L’assetto della Ibiza CUPRA, che monta di serie cerchi da 17″, è stato ribassato e tarato per garantire massima agilità e precisione. In alternativa all’impianto frenante di serie a elevate prestazioni viene offerto il sistema AP Racing. Il sistema differenziale elettronico XDS riduce la tendenza al sottosterzo, aumentando la maneggevolezza dell’auto, specialmente quando si affrontano tratti in curva a velocità elevata. Il programma elettronico di controllo della stabilizzazione ESP, che comprende anche il sistema di assistenza per le partenze in salita, fa parte del pacchetto sicurezza incluso di serie sulla SEAT Ibiza CUPRA: grazie alla completa dotazione dei dispositivi di sicurezza, la nuova versione ha ottenuto il riconoscimento delle cinque stelle negli esigenti crash-test del prestigioso Euro NCAP.

“Accelerazione immediata e potente, grande maneggevolezza, ottime doti di trazione e un impianto frenante efficiente regalano il piacere di guida che contraddistingue il nome CUPRA” afferma Matthias Rabe, Vicepresidente per Ricerca e Sviluppo della SEAT S.A.. “La nuova Ibiza CUPRA è un esempio perfetto di come la SEAT utilizzi le tecnologie più avanzate del Gruppo Volkswagen per creare vetture uniche ed efficienti sotto ogni punto di vista”.

 

Design inconfondibile e linee scolpite

Il design evidenzia fin dal primo sguardo la natura della nuova Ibiza CUPRA: una compatta sportiva, robusta e di carattere. Il nuovo frontale, con l’ampia griglia e le imponenti prese d’aria, mette in risalto le dimensioni generose, la solidità e la potenza di questa vettura. La ricercatezza del design dei gruppi ottici anteriori dimostra l’attenzione ai dettagli tipica della filosofia di produzione SEAT. Le forme dei fari bi-xeno di serie sono l’espressione del caratteristico linguaggio stilistico della SEAT e si integrano perfettamente nel profilo della vettura. Le luci diurne con tecnologia LED, così come le luci posteriori, conferiscono ai gruppi ottici uno stile inconfondibile. I fari bi-xeno offrono un’illuminazione perfetta, mentre le luci di svolta sono integrate con i fendinebbia.

Le linee precise modellano la fiancata della coupé tre porte, mentre l’imponente posteriore e gli esclusivi cerchi da 17″ ne valorizzano il carattere sportivo. I gusci degli specchietti retrovisori esterni neri e lucidi creano un suggestivo contrasto con la vernice della carrozzeria della Ibiza CUPRA. Il design del posteriore, con l’ampio paraurti che incornicia il solido diffusore nero opaco con il terminale di scarico trapezoidale, sottolinea ancora una volta che la Ibiza CUPRA è il nuovo punto di riferimento per le vetture compatte sportive.

 

Abitacolo essenziale e qualità superiore

La ricercatezza del design esterno si ritrova anche nell’abitacolo della nuova Ibiza CUPRA, in cui spicca la plancia minimalista. L’eccezionale qualità e la precisione delle lavorazioni sottolineano l’attenzione della SEAT per i dettagli. Sul nuovo volante sportivo, contrassegnato dal logo CUPRA, i comandi del cambio DSG risultano facilmente raggiungibili dal conducente. Inoltre la CUPRA offre sedili sportivi unici nel loro genere, con rivestimento in pelle bicolore disponibile a richiesta, per rendere la versione top di gamma ancora più speciale.

Il sistema di infotainment della Ibiza CUPRA è completamente nuovo: il sistema audio ad elevate prestazioni può essere potenziato con l’innovativo Sistema Portatile SEAT. Il dispositivo, dotato di schermo touchscreen da 5″, è perfettamente integrato nell’elettronica di bordo e, in caso di necessità, è rimovibile e disponibile per un utilizzo indipendente. Tra le sue numerose funzioni vanno citate navigazione, connessione telefonica Bluetooth con modalità vivavoce e comandi vocali e computer di bordo. Grazie a una speciale funzione “photoframe”, permette agli utenti di personalizzare ulteriormente il sistema con le proprie immagini; sono inoltre disponibili le funzioni “notepad”, per prendere appunti, e “highbeam” o torcia, molto utile in situazioni di emergenza.

L’anno prossimo il Sistema Portatile SEAT si arricchirà di ulteriori funzioni, come ad esempio la connettività online tramite lo smartphone, che consentirà di avere informazioni aggiornate in tempo reale su traffico, meteo, parcheggi ed eventuali ulteriori informazioni locali.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna. Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments
Comunicati

Nuova SEAT Leon: la SEAT investe 800 milioni di Euro per la produzione della nuova auto

  • By
  • 6 Novembre 2012


Garantiti 1.600 posti di lavoro presso la SEAT e oltre 6.000 nell’indotto.

L’investimento accrescerà la produttività e la competitività dello stabilimento di Martorell

 

La SEAT ha dato il via alla produzione della nuova Leon. La Casa spagnola ha investito complessivamente 800 milioni di Euro, che saranno destinati fondamentalmente allo sviluppo della vettura, presentata recentemente al Salone di Parigi, e allo stabilimento di Martorell (nei pressi di Barcellona).

 

Nei piani di espansione della SEAT la Leon è un modello strategico e contribuirà all’incremento della produzione nell’impianto dove vengono costruite anche la Ibiza, la Altea, la Exeo e la Audi Q3. La nuova Leon andrà a inserirsi nel segmento “C”, che in Europa rappresenta il 38% del mercato, con l’obiettivo di ripercorrere la storia di successo della Ibiza e diventare così un ulteriore pilastro fondamentale per la crescita della Casa automobilistica spagnola.

 

L’inizio della produzione della nuova SEAT Leon è un’ottima notizia anche dal punto di vista lavorativo: grazie a questa vettura saranno infatti garantiti 1.600 posti di lavoro nella linea di assemblaggio dello stabilimento di Martorell e oltre 6.000 nell’indotto. In futuro, l’introduzione di ulteriori varianti di carrozzeria potrebbe aprire le porte a nuove assunzioni.

 

“Con la nuova Leon abbiamo incrementato la nostra produttività del 10% e migliorato la flessibilità, garantendo così l’ottimizzazione dei costi di produzione” ha dichiarato il Vicepresidente per la Produzione della SEAT S.A., Andreas Tostmann. “Gli 800 milioni di Euro destinati a questa vettura consolidano la nostra leadership come primo investitore in Ricerca e Sviluppo in Spagna” ha aggiunto. “La Leon, insieme alla Ibiza, rappresenta l’essenza della SEAT. È una vettura che esprime forza, precisione e qualità”.

 

Una famiglia completa, per soddisfare le esigenze di ogni Cliente

La SEAT ha appena avviato la produzione della Leon cinque porte che debutterà in Germania, Austria e Svizzera entro la fine di novembre, e in Spagna all’inizio del 2013. Il prossimo anno arriveranno la variante tre porte e una versione familiare, anch’esse prodotte a Martorell. La gamma Leon, quindi, si amplierà e potrà contare, per la prima volta, su tre modelli distinti: un’offerta in grado di rispondere alle esigenze di una Clientela ampia e variegata. Dall’introduzione della Leon di prima generazione, nel 1999, sono stati venduti circa 1,2 milioni di esemplari di questa berlina sportiva.

La nuova SEAT Leon rappresenta il culmine della maggior offensiva di prodotto nella storia della Casa automobilistica spagnola. Il 2012 è stato un anno particolarmente intenso per la SEAT, che ha presentato un nuovo modello ogni tre mesi: la city-car Mii, la bestseller Ibiza, la rinnovata Toledo e, ora, la terza generazione della Leon.

Piattaforma MQB, più tecnologia e maggiore competitività

Per la nuova Leon sono state utilizzate le più moderne tecnologie del Gruppo Volkswagen,come la piattaforma modulare trasversale (MQB), che consente di ridurre significativamente i tempi di produzione. L’adozione di questa piattaforma si traduce anche in una maggiore flessibilità: oltre alle tre varianti della Leon, dalla stessa linea usciranno anche Altea, Altea XL e Altea Freetrack. La SEAT ha inoltre perfezionato i propri processi produttivi in modo da garantire livelli elevatissimi di precisione e qualità, servendosi di tecnologie innovative, fra cui saldatura e misurazione con il laser e stampaggio a caldo.

 

Un nuovo linguaggio di design e tecnologia all’avanguardia

La Leon è il primo modello a sfoggiare il nuovo linguaggio stilistico della SEAT. L’auto è dotata di numerosi dispositivi tecnologici, che garantiscono maggiore sicurezza e migliore connettività. La nuova Leon è 90 kg più leggera e 52 mm più corta rispetto al modello precedente, e presenta un abitacolo più spazioso.

L’offerta comprende 6 motorizzazioni benzina e 4 Diesel, per rispondere a tutte le necessità della Clientela. La Leon è la prima vettura a offrire proiettori full LED, ed è inoltre equipaggiata con il sistema start/stop, che la rende ancora più efficiente: i consumi sono infatti ridotti in media del 15 %.

 

 

La SEAT è l’unica Casa automobilistica in Spagna in grado di progettare, sviluppare, produrre e commercializzare vetture. Integrata nel Gruppo Volkswagen, la multinazionale con sede a Martorell (Barcellona), esporta l’80% della produzione in 75 Paesi nel mondo. La SEAT è leader del mercato in Spagna e nel 2011 ha raggiunto un volume d’affari pari a 5 miliardi di Euro e un totale di 350.000 vetture vendute.

La SEAT conta 14.000 dipendenti e ha quattro siti produttivi: Zona Franca, El Prat de Llobregat e Martorell (Barcellona), dove si producono – fra gli altri – i modelli di successo quali Ibiza e Leon, e lo stabilimento del Gruppo Volkswagen a Palmela (Portogallo), per la produzione della monovolume Alhambra. La SEAT Mii viene prodotta nell’impianto di Bratislava (Slovacchia).

La multinazionale spagnola ha inoltre un Centro Tecnico che si configura come un knowledge hub e che accoglie circa 900 esperti e ingegneri orientati a promuovere l’innovazione del primo investitore industriale in materia di R&D della Spagna.Nell’ambito del proprio impegno a tutela dell’ambiente, la SEAT svolge la propria attività in linea con i criteri di sostenibilità, riduzione del CO2, efficienza energetica, riciclo e riutilizzo delle risorse.

In Italia la SEAT è parte di VOLKSWAGEN GROUP ITALIA S.p.A., Consociata del Gruppo Volkswagen e distributore nel nostro Paese, oltre che del Marchio spagnolo, anche degli autoveicoli Volkswagen, Audi, ŠKODA e Volkswagen Veicoli Commerciali.

No Comments