Comunicati

Perché scegliere un conto corrente rispetto ad un altro

Quando si intende aprire un conto corrente bisogna tenere presente le proprie esigenze bancarie, i servizi aggiuntivi e i costi da sostenere per il mantenimento del conto. A seconda dell’uso che se ne farà, un conto corrente avrà costi diversi, per esempio se si gode di una pensione superiore ai mille euro, per legge in Italia è obbligatorio aprire un conto corrente per poterla riscuotere, in questo caso i costi di gestione saranno contenuti. In caso invece si apra un conto corrente per uso famigliare allora è probabile che i costi risultino più alti per svariate cause, come un elevato numero di prelievi o di operazioni di home banking.

Scegliere un conto corrente non è facile come sembra se si è consapevoli dei vantaggi e svantaggi delle singole banche. Alcune non fanno pagare il bollo se si accredita lo stipendio sul conto corrente o si deposita una determinata cifra di denaro, che può andare dalle tremila alle cinquemila euro.  Poi ci sono da distinguere i conti corrente a consumo le cui spese aumentano – appunto – in base all’uso che se ne fa. Infine ci sono i conti corrente a franchigia in cui c’è un costo fisso, in genere annuale che permette un numero predefinito di operazioni incluse nel prezzo.

Ma è il conto corrente online che sta avendo ultimamente più successo, essenzialmente per il numero di servizi e il costo ridotto per mantenerlo. Tra i possibili servizi disponibili vi sono un numero illimitato di prelievi dai bancomat nazionali ed europei, operazioni illimitate di home banking, quindi poter gestire il proprio conto corrente comodamente da casa, in ufficio o in giro per il mondo attraverso internet. Alcuni conti corrente offrono anche la carta di credito a costo zero e per attivarla è sufficiente disporre all’interno del proprio conto di una cifra minima che può variare in base alla banca.

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma