Comunicati

Packaging: un’altra eccellenza italiana

Nell’economia odierna improntata all’acquisto e consumo di beni, un importante ruolo è rivestito dall’imballaggio, sia nell’attirare i clienti, sia per la sicurezza dei prodotti messi in commercio.

Ma se oggi una delle sfide più interessanti, ma soprattutto necessarie, è quella per un’economia sostenibile, il settore dell’imballaggio non è da meno. Si è aperta quindi la corsa alla ricerca e all’utilizzo di materiali nuovi, riciclabili, sostenibili e anche meno ingombranti. Come si sente ripetere spesso, la ripresa dalla crisi deve passare necessariamente dall’innovazione, è indispensabile quindi continuare a sperimentare e innovare, non solo sui prodotti ma anche sui processi produttivi. Quindi non solo una ricerca di materiali che siano riutilizzabili, ma anche di macchinari che consumino meno e che siano più efficienti, come le confezionatrici verticali, macchine specializzate che negli ultimi anni sono divenute sempre più rapide e pratiche.

Come è facile capire, uno dei materiali più usati è la carta o il cartone, che devono essere rigorosamente i riciclati e riciclabili. “Nel nostro paese” ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco “anche il riciclo di cellulosa, con la quale vengono prodotti l’80% degli imballaggi in carta e cartone, rappresenta una eccellenza.
Nel 2008 più del 70% degli oltre 4,6 milioni di tonnellate di imballi in cartone immessi al consumo è stato avviato a riciclo, sono 144 le discariche evitate in 10 anni, ed infine grazie al riciclo di carta e cartone ogni anno si sono risparmiate emissioni nocive in atmosfera pari al blocco del traffico per 6 giorni e 6 notti.”

A seconda della gamma di confezioni, devono essere usati differenti tubi formatori, che ormai esistono in diverse forme e leghe, da quelli rotondi a quelli a raggiera, per poter essere adoperati su svariati materiali e per poter creare diverse forme di imballaggio.

Comieco sta già lavorando ad uno studio che testimonierà (anche grazie al contributo diretto delle aziende utilizzatrici di imballaggi in carta e cartone e delle cartotecniche associate al Consorzio) come si stia passando dal concetto accademico di eco-design dell’imballaggio al concetto molto più attuale e concreto di imballaggio sostenibile tout-court, un bene dal basso impatto ambientale in grado di allungare la vita del prodotto migliorandone la fruizione del consumatore.

Il packaging riveste ormai un ruolo importante nella società attuale, per alcuni esso è addirittura una forma d’arte, e d’altronde ci sono diversi studi sulle forme, i colori, le fantasie. Il packaging è insomma un fattore competitivo, molto importante e determinante per molti settori dell’industria manifatturiera. Settori come quello alimentare, della cosmesi, l’industria farmaceutica devono molta parte dei loro risultati all’industria degli imballaggi, per loro la qualità delle soluzioni e dei materiali d’imballo e la rapidità di rispondere tempestivamente con nuove confezioni alle esigenze del mercato rappresentano leve competitive strategiche. Nuove e innovative soluzioni, come le confezionatrici automatiche, ma anche la molteplicità di soluzioni e dei materiali per soddisfare le più diverse esigenze, hanno reso le industrie di packaging italiane famose e apprezzate nel mondo per la capacità di integrare una cultura tecnica di eccellenza con l’abilità e la velocità nello sviluppo di soluzioni altamente personalizzate, a stretto contatto con il cliente.

A cura di Martina Meneghetti
Prima Posizione Srl – Google in Russia

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma