Comunicati

Gestione e controllo dei rifiuti, SISTRI – Hyper

La casa editrice Hyper annuncia l’uscita del proprio volume “Gestione e controllo dei rifiuti”, una guida pratica contenente le prime indicazioni sul SIStema di controllo della Tracciabilità dei RIfiuti (SISTRI) nel contesto della disciplina generale della materia, realizzata grazie alla competenza degli autori E. Bonafè e M. Franco e grazie a contributi di D.Bagon, M.Casadei, A.Da Lio e P.Pipere.

La disciplina generale per il recupero e lo smaltimento dei rifiuti è attualmente contenuta nella Parte Quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante “Norme in materia ambientale” – comunemente conosciuto come “Codice ambientale” o “Testo unico sull’ambiente” – e nei relativi decreti ministeriali di attuazione, ovvero nei decreti già emanati in attuazione della disciplina precedente (in particolare in attuazione del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, cosiddetto “decreto Ronchi”) e che sono stati fatti salvi fino all’emanazione dei nuovi corrispondenti decreti ministeriali previsti dal nuovo decreto legislativo.

La disciplina dei rifiuti di cui al d.lgs. n. 152/2006 è in vigore il 26 aprile 2006, ma ha subito significative variazioni con il successivo d.lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, cosiddetto “correttivo”, che ne ha riassettato alcune componenti importanti.

Questa è però solo, come s’è detto, la “disciplina generale”. La completa regolamentazione di tutti gli aspetti relativi alla produzione, movimentazione, smaltimento e recupero di tutti i rifiuti si sviluppa in un ben più ampio corpo di disposizioni costituito da non meno di una cinquantina di testi normativi, tra leggi, decreti e regolamenti nazionali e comunitari.

Ed in vero, nella stragrande maggioranza dei casi, le norme di diretto ed effettivo interesse per le aziende ai fini della gestione ordinaria dei rifiuti che producono sono contenute in un limitato numero di articoli del solo titolo primo della sopra citata Parte Quarta del d.lgs. n. 152/2006 (ora modificato dal d.lgs. n. 4/2008) ed in tre o quattro decreti ministeriali di attuazione.

Nella presente guida pratica si è cercato di fornire le principali indicazioni operative e di gestione sulla classificazione e corretta attribuzione della codifica CER e sui conseguenti adempimenti del produttore e trasportatore di rifiuti speciali.

Recentemente è stato istituito il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) che si inserisce nel più ampio quadro di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione per permettere l’informatizzazione dell’intera filiera dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani per gli impianti di recupero e smaltimento, ed è connesso allo specifico sistema di tracciabilità realizzato per la Regione Campania, e meglio noto come SITRA.

Il sistema si propone di:

  • semplificare le procedure e gli adempimenti correnti a carico degli operatori, riducendo i costi sostenuti dalle imprese;
  • gestire in modo innovativo ed efficiente un processo complesso e variegato, come quello della movimentazione dei rifiuti, con garanzie di maggiore trasparenza, conoscenza e prevenzione dell’illegalità.

Il SISTRI pertanto prevede la quasi integrale eliminazione di adempimenti su supporti cartacei (registri, formulati e MUD), sostituendoli con strumenti informatici e telematici di gestione e rilevazione dei dati anche al fine di facilitare i compiti affidati alle autorità di controllo, in particolare realizzando un sistema di tracciabilità dei rifiuti, la cui gestione è stata affidata al Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente – NOE.

La pubblicazione veicola infine anche materialmente la filosofia alla base dell’attività della casa editrice Hyper, essendo realizzata con carta certificata FSC, acronimo di “Forest Stewardship Council” (organizzazione mondiale che stabilisce principi e criteri per una gestione responsabile delle foreste), con inchiostri a base di oli vegetali e con colle a base d’ acqua.

Per approfondire vai al sito di Hyper

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma