Comunicati

Economia sempre più digitali, ma ci siamo “dimenticati” dei semiconduttori

  • By
  • 11 Agosto 2021

La corsa dell’economia verso una impronta prevalentemente digitale è cominciata da decenni. Si sapeva che si sarebbe andati verso questa direzione. Eppure il mondo si è fatto cogliere impreparato dallo stress test digitale. Troppo impegnato a correre, si è dimenticato dell’elemento portante di questa rivoluzione: i semiconduttori.

L’errore nella corsa all’economia digitale

economia digitaleIn questo senso la pandemia è stato uno stress test micidiale, e peraltro impossibile da prevedere. Da una parte ha agito spingendo la transizione verso l’economia digitale. Dall’altra, a causa dei lockdown, ha reso sempre più difficile l’approvigionamento del suo cardine (i semiconduttori appunto).
Nel momento in cui la ripresa è partita, la domanda ormai era diventata troppo robusta per essere accontentata tutta. La carenza di semiconduttori è diventata un bel problema.

Un sistema inefficiente

Abbiamo programmato un bel sistema, che però è andato in corto perché non abbiamo messo il “salvavita” (ossia la capacità di accrescere la produzione a richiesta).
Nell’era digitale, dove nulla si muove senza un microchip  – e non parliamo solo di produzione, ma anche di vita quotidiana come i movimenti dei denari sul nostro conto corrente – il sistema si è dimostrato fallibile perché ha fatto scattare l’ordine stop sell alle forniture. L’infrastruttura digitale poderosa non è stata abbastanza efficiente.

Un vero dramma per l’automotive

Alcuni settori ne stanno pagando uno scotto enorme. Se è vero che il mercato dei semiconduttori dovrebbe raggiungere un valore di 550 miliardi di dollari nel 2022, l’economia digitale pesa in modo diverso a seconda del settore.

Nelle telecomunicazioni e data processing generano insieme il 65% del valore di mercato.
Chi però si è trovato davvero nei guai è l’industria automobilistica (12%), che è rimasta scoperta proprio ora che la transizione verso i veicoli green, quelli elettrici, ha aumentato l’importanza dei chip. L’industria delle auto è il settore con la crescita attesa più veloce: Il costo dei sistemi elettronici è previsto al 50% del costo complessivo del veicolo entro il 2030.
L’industria automotive tedesca è quella più andata in crisi, del resto ci sono i maggiori giganti del Dax Volkswagen, Bmw, Daimler, Porsche.

La collocazione produttiva

Il problema della disponibilità di chip, ha messo in luce anche un’altra inefficienza del sistema digitale. La collocazione regionale della produzione di semiconduttori è sbilanciata. L’Asia domina il resto del mondo con un output del 70%. Per questo motivo si prevede il perdurare di questo “collo di bottiglia” nella fornitura, fino al primo trimestre del 2023.
Nel frattempo l’accumularsi di ritardi nella produzione dei semiconduttori si sta già ripercuotendo sul 70% dell’intera value chain digitale.

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma