Comunicati

Distanza tra unità interna ed esterna di un condizionatore: perchè è importante?

Durante l’installazione di un nuovo climatizzatore, non dobbiamo solo prendere in considerazione la posizione, ma anche la distanza con l’unità esterna. Sapevi che maggiore è la distanza tra unità interna ed esterna, minori sono le prestazioni del sistema?

Ad esempio, in un impianto con 5 metri di distanza tra unità interna ed esterna, rappresenta una perdita di prestazioni compresa tra il 3% e il 5%. Nel caso in cui la distanza tra l’unità interna e quella esterna sia di 15 metri, vi è una perdita di prestazioni compresa tra il 7% e il 10%.

Inoltre, non tutti i produttori di climatizzatori offrono le stesse possibilità in termini di distanze e i climatizzatori Samsung sono tra i migliori in questo senso.

Quando si tratta dell’unità esterna, la sua posizione è dunque molto importante e poter avere una ventilazione adeguata è essenziale. Pertanto, se viene installata vicino a un muro, non dobbiamo dimenticare che deve esserci una distanza sufficiente affinché l’aria possa fluire facilmente.

Come appare adesso chiaro, è preferibile installarla in un luogo ombreggiato, in quanto la differenza di temperatura tra l’essere colpita direttamente dalla luce solare o essere in ombra può essere di 5 °C a 10 °C . Una differenza che può comportare fino al 20% di consumi in più.

Nel caso dell’unità interna, l’aspetto cui dobbiamo dare la priorità è dunque il risparmio energetico legato anche alla distanza con l’unità esterna, oltre ovviamente al fatto ci siano anche luoghi in cui l’estetica gioca un ruolo importante. Di certo l’ideale è mantenere una distanza massima di 3 metri tra l’unità interna e quella esterna così da sfruttare al massimo il suo potenziale.

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma