All Posts By

introw

Comunicati

Tour enogastronomico dell’isola d’Elba

L’isola dell’Elba viene considerata la più grande delle isole dell’arcipelago toscano che comprende Pianosa, Capraia, Gorgona, Montecristo, Giglio, Giannutri. L’isola è caratterizzata da un clima prettamente mediterraneo e la macchia mediterranea domina tutto il paesaggio. Nel corso dei secoli la vegetazione è molto cambiata, un tempo l’isola era costituita da foreste di leccio di cui oggi rimangono poche specie; la palma nana o palma di San Pietro rimane presente in zone specifiche tra cui Monte Grosso. In prossimità del Monte Capanne, la cima più alta dell’isola d’Elba, si trovano boschi dominati da alberi quali il castagno, il tasso, l’agrifoglio, il ginepro rosso, ontano nero e napoletano, ornello, biancospino, pero corvino, pervinca minore, felce reale, giglio rosso. La leggenda narra che la nascita di Venere Tirrenica dalle profondità marittime abbia a che vedere con la creazione delle varie isole dell’arcipelago toscano perché le perle della Venere caddero in un pezzo di mare ove oggi si trovano le varie isole. L’isola d’Elba è facilmente raggiungibile con il traghetto, visita il portale www.elbatraghetti.it, potrai visionare tutte le tratte, i costi per raggiungere l’isola.

Tour enogastronomico

Vi sono molte località dove si possono gustare i prodotti tipici di questa meravigliosa isola verde che accoglie i turisti e li ammalia con tutte le sue prelibatezze culinarie. La cucina tipica dell’isola d’Elba è caratterizzata da erbe aromatiche e piante selvatiche perché vengono utilizzate per realizzare le famose zuppe di legumi. Solitamente se passeggiate potrete tranquillamente trovare piante di rosmarino, lentisco, capperi, aglio selvatico, ginepro. Grazie a queste erbe di cui l’isola ne produce quantità molto elevate vengono ricavati anche degli ottimi liquori come quello di Mortella realizzato con la pianta di mirto, nepitella e semi di finocchio. Il dolce tipico che troverete all’Elba è la schiacciata briaca, realizzato con frutta secca e Alchermes che inzuppato nel vin santo diventa una vera e propria delizia.

Portoferraio

Questa piccola cittadina con vista sul porto antico vi ospita per degustare all’Osteria Libertaria una fantastica ed indimenticabile tagliata di tonno il tutto accompagnato da una meravigliosa crosta realizzata con i pistacchi. Altra specialità della casa è il famoso caffè alla Libertaria, si tratta di una schiuma di caffè alla cui base troverete una favolosa cioccolata allo stato liquido. Sempre a Portoferraio è possibile prenotare un posto in un’altra osteria, Pepe Nero, dove il tutto è rigorosamente servito sfruttando ciò che il mare accoglie. Al Pepe Nero potrete trovare razze, gamberi, seppie allo zenzero e tutto quello che il mare quel giorno dona ai pescatori.

Osteria del Noce

Il nome di questa osteria deriva dalla sua vicinanza ad un albero di noce. La sua peculiarità è data dal recupero di un vecchio casolare e rimodernato ad osteria dove è possibile degustare tutti i piatti tipici della cucina dell’isola d’Elba fra cui zuppa di pesce e fagioli, frittura di paranza, Corzetti con noci, capponcello al finocchietto selvatico.

Civico Treunotre

La città di Carpani ospita una trattoria in grado di unire in maniera semplice i piatti tipici toscani siano essi di terra e di mare. Il civico Treunotre ha come scopo quello di rievocare vecchi ricordi legati alla terra toscana, i piatti sono realizzati con prodotti raccolti di stagione e lo chef è in grado di esaudire le richieste per tutti i tipi di palato.

No Comments
Comunicati

Creme e prodotti per il corpo: come sceglierli

Ad oggi una delle componenti più importanti nella vita dell’uomo è l’attenzione all’estetica e alla salute. In particolare c’è stato un incremento dell’interesse verso le tecniche di cura e prevenzione per l’invecchiamento corporeo. Esistono infatti numerosi trattamenti sia topici che chimici, appositamente studiati per prevenire i segni dell’invecchiamento. Naturalmente, molto spesso le soluzioni chimiche richiedono l’impiego di macchinari specifici, e risultano estremamente costose. Per questo motivo le aziende e le case farmaceutiche con il tempo, hanno iniziato a lavorare sulla realizzazione di prodotti specifici, in relazione alle diverse problematiche legate alla pelle. Molto spesso alcune persone non danno importanza alla cura del corpo, ma piuttosto a quella del viso. Si tratta di un errore molto comune che a lungo termine potrebbe comportare delle problematiche legate alla cura e alla prevenzione. Per questo motivo, è necessario informarsi adeguatamente e scegliere pochi prodotti, ma validi, e che possano soprattutto prevenire le molteplici malattie o problematiche corporee. Per scegliere correttamente un prodotto, e per conoscere le informazioni e gli ingredienti di composizione, è possibile visitare il sito web Biotiful.it.

La scelta delle creme e dei prodotti per il corpo

Si tratta forse di uno dei tasselli più importanti, spesso, infatti, le persone disinformate acquistano prodotti realizzati con ingredienti chimici e pessimi per la pelle. Prima di acquistare un prodotto, è necessario informarsi sulla composizione e sui principi attivi di quest’ultimo. In commercio esistono moltissimi prodotti per la cura della pelle e del corpo, ognuno dei quali differisce per caratteristiche di composizione e finalità. È necessario quindi, scegliere quello più indicato al proprio tipo di pelle, considerando i principi attivi e funzionali. Bisogna ricordare che esistono molteplici tipi di pelle, e di conseguenza vi sono trattamenti del corpo molto diversi tra loro. I prodotti più impiegati per la cura della pelle e del corpo sono; crema latte, balsamo, crema idratante, burro corpo e lozioni. Si tratta dei prodotti più indicati che riescono a idratare a fondo la pelle, rendendola più morbida e contrastando la secchezza.

I migliori ingredienti

Esistono numerose creme per il corpo in commercio, prima di acquistarne una è essenziale conoscerne l’inci, ovvero l’etichetta relativa alla composizione del prodotto e gli ingredienti contenuti in esso. Le problematiche più diffuse sono quelle legate alla pelle disidratata e secca. Oltre ai fattori genetici, possono influire anche fattori climatici; freddo, vento o ambienti estremamente caldi. Per contrastare questo tipo di problematiche, oltre a bere una quantità sufficiente di acqua è necessario utilizzare delle creme che possano apportare sostanze funzionali al nostro corpo.

Le creme corpo agiscono secondo la perdita d’acqua; tutti i prodotti applicati, infatti, vanno a creare un film che contrasta la perdita di acqua corporea. Queste sostanze possono essere propriamente chimiche come la glicerina. Naturalmente è necessario conoscere l’etichetta dei prodotti, perché spesso sul web ci sono informazioni ingannevoli che possono quindi compromettere l’effettiva efficienza delle creme corporee. Le sostanze contenute nei prodotti devono quindi essere di facile tollerabilità per il corpo.

No Comments
Comunicati

Organizzare un viaggio in Sicilia: informazioni utili

La Sicilia è una delle isole più belle e invidiate del nostro Paese, soprattutto per il suo paesaggio eterogeneo e per la sua storia ricca di culture diverse e di eventi fondamentali a livello mondiale. In quest’isola è possibile trovare tutto quello che cercate: ci sono aree più movimentate e rumorose, ci sono le spiagge paradisiache e ci sono anche le zone più tranquille dove vi potrete godere un po’ di silenzio e di relax. Uno dei modi migliori per andare in Sicilia è utilizzare il traghetto, quindi è necessario rimanere aggiornati con https://www.genovapalermo.it/, che vi permetterà di rimanere costantemente aggiornati sulle offerte in corso relative all’acquisto dei biglietti. Vediamo, quindi, dei piccoli consigli per organizzare questo viaggio e cosa visitare una volta arrivati.

Come organizzare un viaggio in Sicilia

Il modo migliore per godervi a pieno l’isola e per visitarla con serenità è, prima di tutto, scegliere il periodo più adatto.
Ad esempio, non è una buona idea fare questo viaggio in agosto, dato che si tratta di un mese in cui il caldo è quasi soffocante, per non parlare del fatto che si tratta di un periodo altamente frequentato da numerosi turisti, anche stranieri, quindi sarà molto difficile andare in delle spiagge piuttosto libere e senza troppi rumori; tuttavia, se è il caos quello che cercate, allora la settimana di Ferragosto vi regalerà la baldoria sicula!

Il momento più adatto per preparare le valigie, quindi, è durante i mesi di giugno e settembre, ossia i periodi di bassa stagione in cui vi è una calura contrastata da una buona ventilazione. Anche maggio è un ottimo mese, ma le temperature serali tendono a scendere a picco.

Per quanto riguarda gli spostamenti, il modo migliore per visitare tutte le località è sfruttando la macchina o la moto che, di fatto, possono anche essere imbarcate con il traghetto. Per andare nelle varie isole, sono disponibili numerosi aliscafi con cui muoversi. Sarebbe meglio, oltretutto, evitare il più possibile i mezzi di trasporto pubblici, dato che potrebbero rivelarsi uno strumento per rallentare le vacanze.

Le più belle località da visitare

Tra le città più famose della Sicilia c’è sicuramente Palermo, intrisa di uno stile barocco tutto da scoprire, soprattutto grazie ai vari monumenti storici e alle stradine piene di fascino. Tra gli edifici principali da visitare, non può mancare il rinomato Teatro Massimo, famoso per la sua acustica amplificata in maniera naturale e per tutti gli eventi annuali che ospita; in generale, però, tutto il centro della città è da scoprire e il modo migliore per farlo è a piedi. Un posto tutto da scoprire è anche la Palermo sotterranea delle Catacombe, in cui sono esposte le salme perfettamente mummificate di migliaia di frati cappuccini.

Rinomata per le sue spiagge meravigliose è Trapani, attraente soprattutto per l’acqua cristallina del suo mare, anche se possiede anche un bellissimo patrimonio architettonico tutto da scoprire, come per quanto riguarda una delle costruzioni risalenti all’epoca preromanica, cioè la Torre della Colombaia, oltre alle altre attrazioni turistiche simbolo della cultura della città, come il Palazzo Senatorio e le Cento Chiese.

Altra città molto suggestiva è Marsala, ricca di attività culturali in cui partecipare e di meravigliose spiagge dove rilassarsi. È anche un’ottima località per gustarsi tutte le prelibatezze sicule, soprattutto per quanto riguarda la degustazione dei vini locali.

No Comments
Comunicati

Come favorire il benessere con gli integratori naturali

La vita di ciascuno di noi progredisce a un ritmo sempre più veloce e stressate e a volte si ha l’impressione di non riuscire a stare dietro a tutto. Ciò che, così, finisce con l’essere sacrificata per prima è proprio la salute, messa in pericola da uno stile di vita disordinato e da una dieta spesso manchevole o persino scorretta. Per questa ragione gli integratori naturali possono essere lo strumento ideale per favorire il benessere del corpo e mantenersi in forma. Scopri le recensioni dei migliori integratori in commercio sul sito web https://www.ssfa.it/.

Cosa sono

Gli integratori naturali sono sostanze officinali utili, come suggerisce il loro stesso nome, “a integrare le carenze nutritive del corpo umano”, come affermato dal Ministero della Salute. Le mancanze che questi prodotti aiutano a supplire possono essere sia di natura patologica, che provocate da una condizione fisiologica. In entrambi i casi, gli integratori costituiscono solo un aiuto per il corpo umano, a cui forniscono un boost temporaneo di quelle vitamine e nutrienti che dovrebbe ricevere quotidianamente dall’alimentazione. Gli integratori sono generalmente ricavati da risorse già presenti in natura, come radici, piante e fiori, da cui vengono sintetizzati i principi attivi capaci di apportare benefici alla salute. Si tratta di sostanze alimentari a tutti gli effetti, non di medicine, per questa ragione non richiedono una preventiva prescrizione per il loro utilizzo.

Diversi tipi di integratori naturali

Gli integratori naturali includono una grande varietà di prodotti diversi per forma, qualità e funzione. Avendo riguardo al formato è possibile distinguere tra integratori liquidi, in polvere, pillole o capsule e persino caramelle gommose. Per quanto attiene la qualità, comunemente si individuano due categorie: i monocomposti, come vitamine e minerali, e i concentrati, quali multivitaminici, macronutrienti o probiotici. Infine, tutte le tipologie sopra elencate possono essere ulteriormente catalogate per funzione. In proposito si è soliti distinguere tra quatto macro tipologie. I riequilibranti, la cui funzione è quella di regolare l’apporto di nutrienti, acidi o grassi presenti nell’organismo (come quelli rivolti al controllo del colesterolo, della glicemia ecc.). I preventivi, destinati per l’appunto a scongiurare l’insorgenza o l’aggravarsi di disturbi o patologie di vario genere, prima che sia necessario ricorrere a una terapia medica (ad esempio la caduta dei capelli, i dolori articolari ecc.). I miglioratori, che favoriscono processi che l’organismo non riesce o fatica a svolgere in autonomia (la perdita di peso, l’accelerazione del metabolismo ecc.). I suppletivi, utili in caso di carenze alimentari per completare l’apporto di nutrienti di cui l’organismo ha bisogno (es. vitamina C, B, D ecc.).

Come usarli correttamente

Sebbene si tratti di prodotti naturali, non è mai consigliabile un’assunzione indiscriminata degli integratori alimentari. Un approccio corretto, invero, implica, imprescindibilmente, che la loro assunzione debba essere accompagnata a una dieta quanto più equilibrata e variegata possibile, nonché a dell’attività fisica. È scorretto, nonché estremamente pericoloso per la salute, considerare questi prodotti come sostituti del mangiare e vivere sano. Gli integratori devono sempre restare, quali d’altronde sono, solo degli alleati al benessere individuale. Inoltre, è sempre importante informarsi sulle loro caratteristiche prima di farne uso, approfondendo quale sia la loro funzione e se siano davvero adatti alle proprie esigenze e obiettivi. Se necessario, infine, in caso di condizioni fisiologiche o patologiche pregresse, è consigliabile chiedere un parere medico, così da esser sicuri che l’integratore prescelto sia davvero il più indicato.

No Comments
Comunicati

Cosa vedere a Durazzo e dove andare al mare

L’Albania è una meta che attira sempre più turisti, in visita sia per la sua componente culturale fortemente legata all’Impero Romano e Ottomano, sia per la sua vita notturna e le bellissime spiagge. Durazzo è la forza trainante di questo grande interesse turistico, la città sta infatti andando incontro ad un grande sviluppo commerciale ed urbanistico a seguito dell’aumento di visitatori che ogni anno sceglie questa zona come meta per le vacanze. La vicinanza alla capitale, Tirana, e la facilità con cui essa può essere raggiunta anche via mare sono altri fattori che rendono Durazzo la prima scelta quando si pensa ad un viaggio in Albania. Dall’Italia è possibile raggiungere la città in traghetto, puoi consultare il sito web www.traghettianconadurazzo.it per ulteriori informazioni e per acquistare i biglietti online a prezzi scontati.

Una storia radicata nelle tradizioni

Datato tra il primo ed il secondo secolo dopo la nascita di Cristo, l’anfiteatro romano di Durazzo è il più grande tra quelli presenti in tutti i Balcani ed una delle principali mete turistiche della città. All’interno dell’anfiteatro è stata poi ritrovata una delle prime cappelle paleocristiane, famosa per la presenza di affreschi (ormai deteriorati) e di una bellissima parete dove troneggia un mosaico raffigurante la Vergine circondata da due angeli e Santo Stefano, martire a cui la cappella era dedicata. In epoca Bizantina furono realizzate le bellissime mura di Anastasio, tra le più imponenti di tutti i Balcani. La città infatti rappresentava la roccaforte più esterna contro gli Ottomani ed aveva una grande rilevanza strategica.

In seguito esse vennero ulteriormente rafforzate quando Durazzo cadde sotto l’influenza della Repubblica di Venezia: di questo periodo è infatti la costruzione della Torre Veneziana, anche detta “la Rotunda”. La storia è fortemente intrisa anche di influenze derivanti dall’Impero Ottomano, di cui è testimone la Moschea di Fatih, realizzata nel 1502 e attualmente è nota come “Piccola Moschea”. La “Grande Moschea” è un altro importante punto d’interesse, essa è molto più recente risalente al 1931 e al momento dell’inaugurazione era la più grande moschea di tutta l’Albania.

Spiagge e litorali

La spiaggia di Durazzo è caratterizzata da ampie strutture attrezzate e da una profondità dell’acqua che aumenta gradualmente. Questo litorale sabbioso e ben organizzato è il preferito dalle famiglie proprio per le comodità che offre.  La spiaggia del Generale deve il suo nome ad un generale italiano che negli anni ’30 era solito recarsi lì con il suo yatch. La bassa costa a mezzaluna è circondata da aree verdi e boscose. La zona si divide in una parte costituita da stabilimenti attrezzati dove è possibile noleggiare lettini ed ombrelloni, con bagni, ristoranti, bar e altre comodità, mentre l’altra aree è spiaggia libera. La strada d’accesso, però, non è certamente tra le più praticabili in auto.

L’acqua più cristallina di Durazzo si trova probabilmente a Spille, famosa per essere una delle più belle e pulite. La sabbia bianca e fina è circondata da una pineta e la spiaggia è attrezzata con ombrelloni e lettini. Anche in questo caso la strada per raggiungerla non è delle migliori e potrebbe mettere a dura prova le auto più basse.

No Comments
Comunicati

Vacanze in Corsica: non solo spiagge

La Corsica, isola situata nel Mar Mediterraneo, è conosciuta soprattutto per i suoi oltre mille chilometri di coste, che ogni anno attirano numerosi visitatori. Un mare cristallino che si affaccia su baie, calette nascoste, spiagge di sabbia fine o di ciottoli. Tuttavia, questa bellissima isola riserva anche molte altre meraviglie, forse meno conosciute, ma che vale veramente la pena di visitare.

Uno dei mezzi più pratici per raggiungere la Corsica è sicuramente il traghetto. I porti italiani da cui imbarcarsi sono diversi, per cui si può scegliere quello più comodo, in base alle proprie esigenze. Per tenersi sempre aggiornati sulle ultime offerte e per l’acquisto dei biglietti è consigliabile consultare sito web www.traghettocorsica.com.

Le città più belle da visitare

Ajaccio, il capoluogo della Corsica, è una meta ricca di storia,di arte e di cultura. Questa città lega il proprio nome a quello di Napoleone Bonaparte, che qui venne battezzato nella Cattedrale Santa Maria Assunta, ancora oggi visitabile. Inoltre merita di essere vista anche la Cappella della Madonna del Pianto, dipinta da Domenico Robusti, figlio del Tintoretto, e in cui è conservata una tela del celebre pittore francese, Eugène Delacroix. Essendo questa la città natale di Napoleone, non può mancare una visita alla Maison Bonaparte, dove l’imperatore visse fino all’età di nove anni. Il palazzo venne adibito a museo nel 1967 e offre un’interessante scorcio su mobili e arredi della seconda metà del settecento. Per gli appassionati d’arte ad Ajaccio si trova anche il Museo Fesch, uno dei più importanti di Francia e d’Europa.

Un’altra città da vedere è sicuramente Bastia. Di fronte al terminal dei traghetti si trova piazza Saint-Nicolas, la quale è sede di numerosi eventi durante tutto l’arco dell’anno. Sarà quindi possibile assistere a concerti durante l’estate, pattinare sul ghiaccio in inverno e visitare la Fiera del Cioccolato, ad inizio ottobre.  Inoltre nel cuore del centro storico di Bastia è possibile fare una passeggiata al Porto Vecchio.

Nell’entroterra dell’isola invece, si trova un’altra splendida cittadina, Sartène. Il borgo risale al sedicesimo secolo e venne costruito dai genovesi su di uno sperone di roccia. Per la sua posizione e per le alte case costruite con la pietra scura locale, questa città vi darà l’aria di essere alquanto misteriosa.

Attività all’aperto

Quest’isola, con le sue numerosissime attività praticabili, rappresenta un vero e proprio paradiso per gli sportivi. Innanzitutto è possibile camminare e correre lungo fantastici itinerari che, seguendo sentieri segnalati, vi porteranno alla scoperta di paesaggi incantevoli. Un’altra disciplina molto diffusa in Corsica, specialmente nella zona di Farinole, è il paddle boarding, che si pratica con una lunga tavola da surf e una pagaia ed è molto utile per mantenersi in forma. Altre attività praticabili sull’isola sono il kitesurf e il kayak, oltre alle immersioni subacquee.

Insomma la Corsica permette veramente di fare una vacanza fantastica, fatta non solo di mare ma anche di molto altro.

No Comments
Comunicati

Cosa vedere a Ischia: attrazioni e collegamenti marittimi

Le spiagge di sabbia nera e lucente ricordano le origini vulcaniche di Ischia. Una genesi che ha portato alla formazione di numerose sorgenti di acque minerali. La particolare forma trapezoidale e il Monte Epomeo, facilitano un clima mite e soggetto a continui cambi climatici. La montagna alta 800 metri è un pseudo vulcano perché in realtà è una falda che si è formata nella crosta terrestre a causa dei continui assestamenti tettonici. I centri termali come Negombo e Poseidon a Forio, sono una delle più grandi attrattive dell’isola posta nel Golfo di Napoli. Già in epoca romana erano una meta favorita per le vacanze in virtù delle proprietà curative dell’acqua. I giardini termali Poseidon sorgono tra rigogliose piantagioni a punta Imperatore e sono caratterizzati da 22 piscine curative e un accesso diretto al mare.

Come arrivare sull’isola: collegamenti marittimi

Per arrivare a Ischia è necessario prendere un traghetto o un aliscafo da Napoli, Pozzuoli o da Sorrento. Il percorso dura più o meno un’ora. Il tempo impiegato per la traversata dipende dalle condizioni del tempo. Per consultare gli orari delle tratte e riservare i posti a bordo vi consiglio di fare riferimento al sito https://www.traghettinapoliischia.com/. È una formula semplice per prenotare il viaggio e ricevere informazioni sulle migliori compagnie di navigazione che servono questa tratta. Per non partire impreparati, il sito mette a disposizione notizie utili attinenti ai servizi che si possono trovare a bordo. Il molo dell’enclave è fornito di parcheggio auto, docce, Wi-fi, previsioni meteo, bagni chimici, ristoranti e bar. Il porto anticamente era il lago del Borgo nato da un cratere e andato distrutto a causa di un forte sisma che lo inondò di acqua. Come citano fonti storiche, al suo interno, c’era una piccola isola chiamata Tondo e della quale resta una struttura circolare rovinata a causa dell’incuria del tempo.

Cosa vedere a Ischia

Il simbolo per eccellenza di Ischia è il Castello Aragonese che si collega all’isola tramite un ponte. Questo isolotto sul mare è il risultato di una espulsione di magma solidificato. A piedi si impiegano circa trenta minuti ed è facilmente raggiungibile da Ischia Ponte, punto di attracco delle navi veloci. Il posto era già noto agli antichi greci, nel 474 A. C. ma divenne una fortezza, nel 1441, per ordine di Alfonso V di Aragona. La struttura si può visitare tramite un ascensore oppure attraverso un tunnel scavato nella roccia. Una volta arrivati in alto l’osservatore può ammirare la Chiesa dell’Immacolata Concezione, la Cattedrale dell’Annunziata e la cripta, il convento delle Clarisse e tutto il Golfo di Napoli. La storia di Ischia è sintetizzata tra le mura del Museo Archeologico di Villa Arbusto a Lacco Ameno. All’interno è custodita la Coppa di Nestore con delle iscrizioni in lingua greca.A Forio d’Ischia c’è la splendida Chiesa del Soccorso dove sono esposti dipinti votivi che le famiglie dei marinai e dei pescatori offrivano alla Vergine prima di uscire in mare. Passeggiando lungo la scogliera sopra la spiaggia dei Maronti si raggiunge il borgo di Sant’Angelo. Le case dei pescatori, sono decorate con piastrelle decorative color pastello. Nelle vicinanze di Ischia, c’è l’isola di Procida. Con i battelli si impiegano circa venti minuti e il posto merita di essere visitato perché offre uno splendido panorama. Per chi vuole soggiornare a Ischia ci sono bellissimi alberghi che si affacciano sul Golfo di Napoli. A tavola, oltre al pesce viene servito il coniglio all’ischitana.

No Comments
Comunicati

Vacanze a Olbia: attrazioni turistiche e collegamenti marittimi

Se state cercando un posto ricco di meravigliosi paesaggi e di una cultura storica e che nasconde numerosi segreti, allora Olbia è perfetta per voi. Si tratta di una città testimone di una grande parte della storia antica della civiltà nuragica, quindi sarà possibile avere accesso a visite che comprendono la visione di numerosi reperti di fenici, greci e romani che, un tempo, utilizzavano questa città sulla costa nord-est della Sardegna come punto strategico, anche se si andò sviluppando soprattutto durante i secoli del Medioevo. Per scoprire questo e altro, basterà che prendiate un traghetto che vi condurrà direttamente in questo luogo paradisiaco, e visitando il sito www.traghettilivornoolbia.it potrete rimanere sempre aggiornati sulle offerte in corso per i biglietti.

Le zone storiche da visitare

Tra le aree storiche più belle archeologicamente, potete visitare il centro storico della città, dove è presente anche il Palazzo del Municipio, nelle cui vicinanze si trovano i resti del Foro romano. Ci sono poi numerosi edifici non molto antichi, dato lo stile liberty che li contraddistingue e che li rende esteticamente gradevoli alla vista.

Sempre in questa zona è possibile vedere anche la chiesa di San Paolo, conclusa nel diciottesimo secolo e che vanta una splendida cupola ricoperta da maioliche. Vi è poi la basilica di San Simplicio, ossia la chiesa più antica di Olbia e consiste in una struttura in granito con magnifici affreschi nel presbiterio raffiguranti il santo stesso.

Passando ad un’altra area della città, potete fare un salto ai siti archeologici, tra cui le necropoli di San Simplicio, comprendenti circa quattrocento tombe, vantando una storia molto lunga che va dalle guerre puniche al Medioevo, per non parlare di tutti i reperti antichi che sono stati ritrovati.

Per quanto riguarda l’età puniche, potrete averne un assaggio andando a vedere le Mura Puniche, cioè delle rovine presenti da qualche edificio e dell’erba incolta, ma sono comunque molto interessanti, considerando che un tempo fungevano da accesso alla “Olbia antica”. Procedendo, potrete vede il pozzo sacro Sa Testa, dai resti affascinanti e dalla forma tipica di tali costruzioni in epoca nuragica, anche se oggi presenta una copertura.

Infine, tra le altre cose, è possibile avere accesso al Castello di Pedres, risalente agli esordi della dinastia dei Visconti e all’epoca del Giudicato di Gallura. È ottimo anche per poter godere del panorama dell’intera città, dato che si trova su un’altura.

Le zone marittime

Olbia, proprio perché fa parte della Sardegna, può vantare delle meravigliose spiagge, tra cui spicca, ad esempio, Porto Istana, dalla sabbia fine e bianca, oltre al mare cristallino e dalle acque basso, ottimo soprattutto per le famiglie con bambini. L’unico aspetto negativo è che in estate è molto affollata, quindi non è l’ideale per rilassarsi in silenzio. Al contrario, la spiaggia Le Saline è molto meno conosciuta e frequentata, anche se ha come fattore negativo quello di non avere un’acqua molto cristallina; l’aspetto positivo, comunque, è quello di poter avere accesso ad alcune zone anche con i vostri amici a quattro zampe. Per chi preferisce spiagge più piccole, vi sono varie alternative, tra cui quelle di Pittolongu, Il Pellicano, Mare e Rocce.

No Comments
Comunicati

Vacanze in Sardegna: cosa vedere e informazioni utili

Decidere di passare un periodo di vacanza in Sardegna vuol dire spaziare tra paesaggi molto diversi come la Costa Smeralda e la Barbagia oppure le bellezze dell’isola de La Maddalena o il fascino dei nuraghi. Cerchiamo di capire quindi quali sono i posti da visitare e qualche consiglio utile al fine di organizzare al meglio la vacanza. La Sardegna può essere raggiunta sia tramite aereo che via mare con traghetti che collegano l’isola da diverse località. Per comprendere quali sono le soluzioni migliori e le offerte disponibili può essere utile prenotare i biglietti su www.traghettisardegnalowcost.it, un portale ben strutturato che permette di verificare le tratte disponibili, gli orari dei collegamenti e le diverse possibilità di viaggio come passaggio ponte, in cabina o in poltrona.

Visitare Cagliari e i suoi dintorni

Il capoluogo della Sardegna è sicuramente una tappa imperdibile per le vacanze su quest’isola in quanto permette di miscelare alla perfezione cultura e relax. In città si trova infatti la rinomata spiaggia del Poetto che durante i mesi estivi viene letteralmente presa d’assalto da turisti e vacanzieri. Ma molto importante è anche l’aspetto architettonico: la città infatti sorge su sette colli che identificano altrettanti quartieri della città. La città nel corso dei secoli è stata oggetto di diverse dominazioni come quella dei Fenici, dei Romani, dei Bizantini, dei Pisani, Genovesi, Aragonesi, Catalani, Spagnoli, Piemontesi. Sono diverse le testimonianze di queste epoche come ad esempio l’Anfiteatro, la Grotta della Vipera e la Villa di Tigello espressione del periodo romano oppure le torri Pisane erette allo scopo di difendere la città.

Alghero: una vera e propria perla

Questa città posta sulla costa occidentale dell’isola risente molto dell’influenza catalana anche in virtù della presenza di alte mura spagnole e di un lungomare progettato dallo stesso architetto spagnolo che ha ideato le Ramblas di Barcellona. Molto belle sono le vicine spiagge di Capo Caccia e quella delle Bombarde che permettono di godere di uno splendido mare dai mille colori e dove è possibile anche effettuare delle interessanti escursioni nella natura, praticando anche il bird watching.

La Gallura e gli arcipelaghi vicini

La parte settentrionale dell’isola è probabilmente quella che viene privilegiata dai flussi turistici e pertanto rappresenta una tappa quasi obbligata. Dal porto di Olbia è infatti possibile raggiungere in poco tempo la Costa Smeralda e la Gallura dove si trovano mete molto interessanti da visitare come Porto Cervo, San Teodoro e Santa Teresa di Gallura; il consiglio che diamo trovandosi in questa zona è quello di noleggiare una piccola imbarcazione e partire in totale autonomia alla scoperta di insenature e calette nascoste in modo da vivere in pieno il mare e la natura di questa isola meravigliosa. Imperdibile è anche un’escursione all’arcipelago della Maddalena, dove a bordo di un natante saranno toccate le varie isole con brevi soste in modo da vedere anche luoghi unici come Spargi, Budelli e l’isola dalla sabbia rosa.

Il versante ovest

Spostandosi sulla zona occidentale vale la pena poi di fermarsi a Castelasardo, un’antica roccaforte che si affaccia sul mare e oggi famosa anche per la sua produzione di ceramica. Mentre la lingua settentrionale dell’isola permette di ammirare delle spiagge di sabbia dorata come la Pelosa e Stintino.

No Comments
Comunicati

Come raggiungere Ischia e cosa vedere

Ischia è una delle isole partenopee facenti parte del Golfo di Napoli ed è una splendida località da visitare soli o accompagnati da amici e famiglia, dato che è molto variegata ed è ricca di storia, con la possibilità di fare molte gite alla scoperta di questa e dei suoi luoghi naturali più meravigliosi. Di fatto Ischia può vantare anche delle fiorenti flora e fauna, oltre alle meravigliose spiagge bianche dalla sabbia sottile e con un mare azzurro e limpido che fa invidia a numerose località marittime. Il modo più rapido per arrivare a Ischia è quello di utilizzare un traghetto, perciò potete utilizzare i servizi del sito http://www.traghettinapoliischia.it per scoprire le offerte sulle tariffe, acquistare i biglietti online e rimanere costantemente aggiornati.

Cosa vedere a Ischia: località intrise di storia

Se volete arricchirvi della storia di Ischia, allora potete spendere le vostre giornate visitando i tipici borghi cittadini; tra questi, uno dei più rinomati è certamente Borgo di Sant’Angelo, famoso soprattutto per le case colorate degli abitanti del luogo, oltre che per tutti i negozi di souvenir dove i turisti possono acquistare dei ricordi dell’isola. La bellezza del suo centro sta anche nella totale assenza di inquinamento acustico, dato che l’unico modo per raggiungerlo è mediante autobus, mentre a tutti gli altri veicoli è vietato il transito; quindi, il centro di Borgo di Sant’Angelo è quasi completamente una zona pedonale.

Uno dei luoghi sicuramente più interessanti da visitare è il Castello Aragonese, costruito circa quattro secoli prima dell'”anno zero” dalla civiltà greca, anche se poi fu utilizzato dalla dinastia degli Aragonese, come suggerisce il nome. É un ottimo punto da cui poter godere del panorama, di cui fa parte il famoso ponte che collega il castello all’isola di Ischia.

Un punto strategico, invece, da cui venivano fatti gli avvistamenti dei nemici è il Torrione di Forio, che proprio per la sua passata funzione protettiva è ancora oggi un importante simbolo per gli abitanti dell’isola. Vicino a questa attrazione turistica è possibile notare tutta la bellezza delle tipiche architetture mediterranee dal colore bianco, così come per quanto riguarda la Chiesa del Soccorso di Forio, unica nel suo genere per essere stata costruita a picco sul mare.

Le località marittime più famose

Una delle spiagge più comode in cui vi potete rilassare è la spiaggia di Chiaia a Forio, oltre alla stupenda Baia di San Montano, dalle acque limpide e verde smeraldo, insieme ad una spiaggia famosa per la sua sabbia fine e dorata. Se volete godere delle particolarità di Ischia e siete disposti a farvi più di duecento scalini, allora potrete raggiungere la meravigliosa Baia di Sorgeto, famosa per essere una sorgente termale naturale di acqua calda, che va a mescolarsi insieme a quella marina. Per delle tranquille passeggiate sul lungomare in famiglia potete andare anche nella zona marittima Casamicciola.

Detto ciò, è ben chiaro come Ischia sia un’isola veramente adatta a tutti, soprattutto per chi desidera un perfetto mix di storia, paesaggio e terme naturali in cui far sciogliere i muscoli.

No Comments
Comunicati

Sardegna in autunno: fuori dai soliti clichè

Quando si pensa alla Sardegna si fa riferimento solo alla stagione estiva. Ma essa è adatta anche alla stagione autunnale. A questo proposito segnaliamo il sito web www.navesardegna.it, il quale permette di acquistare in modo facile e immediato i biglietti dei traghetti online e verificare le offerte in corso. Questo per permettervi di andare in Sardegna senza preoccupazioni e godervi una vacanze a pieno. Ma cosa vedere a settembre in Sardegna?

La Sardegna e i suoi borghi

La Sardegna è una delle Isole maggiori della nostra Penisola, è molto conosciuta ed apprezzata, in particolar modo in estate. Quello che non tutto sanno è però che la Sardegna è una meta molto visitata anche in autunno. Col tepore delle temperature e le prime foglie che iniziano a cadere infatti si possono apprezzare tutte le bellezze del suo entroterra. I borghi sardi sono spettacolari. Essi sono pieni di storie nascoste tra i vicoli dei paesini e forniscono cultura ed emozioni senza mai annoiare i turisti. Essi possono partecipare così a manifestazioni culturali sarde tipiche con balli e festeggiamenti di ogni tipo.

Ma non solo: grazie alle varie visite locali si possono visitare addirittura i giardini delle varie case e scoprire così aneddoti locali proprio dagli abitanti della Sardegna stessa. Il tutto si rivela un’esperienza molto suggestiva; è molto particolare per scoprire la storia e la cultura della terra in cui ci si trova in prima persona. Consigliamo di visitare la città di Cagliari e i suoi borghi per assaporare tutta la storia dell’Isola.

Percorsi gastronomici

Mettere piede in Sardegna rappresenta il sogno di tutte quelle persone alla ricerca continua di sapori particolari, di piatti gastronomici eccellenti e di percorsi culinari inaspettati. Tra le più importanti manifestazioni gastronomiche abbiamo quella che si svolge in autunno. È un’esperienza imperdibile che vi lascerà sicuramente con l’acquolina in bocca. Si possono provare i piatti locali direttamente dagli abitanti. Quindi preparatevi a piatti fatti in casa, nel vero senso della parola.

Si sa che i piatti tipici di questa terra derivano dal pescato e dalla combinazione di quest’ultimo con altri cibi. Date il benvenuto al formaggio, al pesce appena pescato. Si tratta di un’accoppiata perfetta, ottima anche per i palati più ricercati. Adatta anche ai più piccoli. Poi abbiamo anche piatti a base di carne come la carne di maiale e di vitello, senza dimenticare poi i carciofi e le patate. Essi sono i due contorni più in voga tra le pietanze sarde. Da mangiare assolutamente se si visita la Sardegna.

Musei e visite guidate all’aria aperta

La Sardegna è una terra ricca di posti dove trascorrere molto del tempo all’aria aperta. Questo vuol dire che si può respirare aria pura passeggiando in una terra che non si conosce ma scoprendo sempre posticini bellissimi da portare nel cuore. La Sardegna è piena di laghi stupendi da visitare con la propria famiglia. Tutto questo ci permette di scoprirla a pieno per non tralasciare tutte le sue bellezze. In molti pensano che solo il mare delle coste sarde sia bello ma l’interno dell’Isola non ha niente da omettere rispetto alla costa. Per quello che riguarda la cultura sarda invece essa si può scoprire all’interno dei musei della Regione. Essi hanno tutti al loro interno guide molto esperte in grado di informare i turisti sull’importanza storica della Sardegna. Essa trovandosi in una posizione strategica è stata ampiamente sfruttata da molti popoli del passato.

No Comments
Comunicati

Viaggio enogastronomico in Sicilia

La Sicilia è un territorio tutto da scoprire e non solo dal punto di vista storico, artistico e culturale. C’è chi dice che la tradizione enogastronomica di questa Regione sia una delle più buone al mondo e possiamo affermare con certezza che andare in Sicilia significa anche mangiare bene. Proprio per questo, un’idea di vacanza un po’ diversa dal solito potrebbe essere quella di scoprire questa Regione facendo una specie di tour enogastronomico. Girare l’isola in ogni angolo, assaporando le più buone specialità siciliane e scoprendo tutte le meraviglie che questa Regione nasconde.

State pensando di fare un viaggetto in Sicilia? Allora non potete non sapere quali sono i piatti e le specialità che dovrete assolutamente assaggiare. A tal proposito, scoprite quali sono i migliori collegamenti marittimi per la Sicilia. Approfitta delle offerte e acquista i biglietti su Traghettiperlasicilia.it.

Piatti tipici siciliani

Iniziamo dal vero must di questa Regione, una specialità conosciuta e apprezzata in tutto il mondo: l’arancino. Una palla di riso condita con pomodoro, piselli e il tipico ragù che, dopo essere stata impanata, viene fritta e servita in stile finger food. Nessuno può andare via dalla Sicilia senza aver assaggiato questa delizia!

E che dire dei famosi Busiati con l’Agghia Pistata? Si tratta di un primo piatto preparato con una tipica pasta della zona; i Busiati sono infatti dei piccoli maccheroncini simili ai bucatini che, in questa ricetta, vengono accompagnati dal famoso pesto alla trapanese. Si tratta di un sugo fatto con pomodoro, basilico, mandorle e aglio. Assolutamente da provare!

In ultimo parliamo della famosissima Parmigiana di Melanzane, un piatto riprodotto in ogni parte del mondo. Non molti lo sanno, ma questa delizia ha origini siciliane e dunque non può mancare nel vostro tour enogastronomico.

Dolci tipici della Sicilia

Continuando il nostro viaggio alla scoperta dei magnifici sapori siciliani, non possono certo mancare i dolci tradizionali di questo territorio. Iniziamo con la cassata siciliana, la torta pasquale tipica di Palermo. È vero che essendo un dolce tipico di un certo periodo dell’anno non è sempre di stagione, ma la sua bontà lo rende un immancabile assaggio per chiunque decida di visitare la Sicilia.

Un’altra cosa da provare è sicuramente la colazione tipica siciliana. In questa Regione, infatti, non si inizia la giornata con il classico caffè o cappuccino. In Sicilia la colazione è a base di granita accompagnata con la cosiddetta “brioscia col tuppo”, una brioche.

Ultimo, ma sicuramente non per importanza, il cannolo con ricotta. Siamo di fronte a un dolce apprezzato in tutto il mondo, un vero must della cucina tradizionale siciliana. Si tratta di cannoli farciti con ricotta di pecora, cioccolato e scorze di frutta candita, fritti e pronti da gustare. I cannoli sono tipici delle feste di Carnevale ma, data la loro fama nel mondo, sono disponibili tutto l’anno in ogni pasticceria della Regione.

Vini Siciliani

La Sicilia è molto apprezzata anche per la sua tradizione enoica. In questa Regione sono tantissimi i vini che vengono esportati in tutto il mondo e che potranno accompagnare il vostro tour enogastronomico dell’isola. Tra i più famosi vitigni rossi ci sono sicuramente il Nero d’Avola e il Frappato, che danno origine a vini squisiti come il Cerasuolo di Vittoria. La Sicilia non è famosa solo per il vino rosso; le uve bianche danno vita al famoso Grillo o al Grecanico. In ultimo, meritano una menzione speciale anche i vini liquorosi: è d’obbligo assaggiare il Passito di Pantelleria, il Marsala o lo Zibibbo durante il vostro soggiorno in Sicilia.

Insomma, questa bellissima Regione può dare grandi soddisfazioni non solo agli amanti della storia, della cultura e dell’arte, ma anche a chi adora il buon cibo e il buon vino. Provare per credere!

No Comments
Comunicati

Alla scoperta dell’Isola d’Elba: come organizzare la vacanza

L’isola d’Elba è, da sempre, una delle mete più ambite e apprezzate da italiani e stranieri, vera a propria chicca della nostra Italia. Isola del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è famosa in tutto il mondo per le sua incredibili spiagge. Inoltre ospitò Napoleone Bonaparte nel suo periodo di esilio. La sua storia parte addirittura dal Paleolitico, e negli anni venne conolizzata dagli Etruschi. In questo articolo vedremo come arrivare, come spostarsi e quali sono i luoghi da visitare per una vacanza indimenticabile.

Come arrivare

L’Isola d’Elba si trova a circa dieci chilometri dalla costa Toscana ed esistono diverse possibilità per poterla raggiungere. Durante tutto l’anno, è attivo il traghetto che parte da Piombino e che raggiunge l’isola in circa un’ora. Per vidualizzare le offerte e acquistare i biglietti consigliamo il sito https://www.elba-traghetti.it/, dove potrai approfittare delle numerose offerte presenti. Naturalmente è possibile decidere di traghettare la propria auto, per averla sempre a disposizione sull’isola.

Un altro modo per raggiungere l’isola è via aereo. In questo caso si atterra all’aeroporto de La Pila, situato vicino a Marina di Campo. Volendo si può arrivare anche con la propria imbarcazione, sull’isola infatti sono presenti numerosi porti e approdi dove poter ormeggiare la propria barca in tutta tranquillità.

Come spostarsi

Una volta raggiunta l’isola esistono varie possibilità per potersi muovere al proprio interno. Per prima cosa la rete stradale è piuttosto completa, quindi girare con la propria auto è moto semplice e appagante, se invece non si è dotati di un mezzo proprio è possibile noleggiarne uno, usufruendo delle tante agenzie presenti sull’Isola che danno la possibilità di noleggiare auto, imbarcazioni, biciclette ecc. Naturalmente è possibile utilizzare anche i mezzi pubblici, come gli autobus, oppure i taxi.

Cosa fare e vedere

Sono tanti i luoghi da vedere. Tappa fondamentale, naturalmente, è una visita a Portoferraio. Si tratta del primo comune che si incontra appena si arriva sull’isola. La città ospita, tra le altre cose, le residenze di Napoleone Bonaparte, ovvero Villa San Martino e Villa dei Mulini. Entrambe sono visitabili. Rimanendo sempre a Portoferraio troviamo la Terme di San Giovanni, aperte da oltre cinquant’anni. Al loro interno è situato uno splendido giardino piantumato, con palme ed eucalipti.

Un altro posto da visitare è Capoliveri, uno dei luoghi più caratteristici dell’Isola. Strutturato ancora oggi come un borgo medioevale, si trova in cima ad una collina. Nel suo bellissimo centro storico troviamo una fantastica piazza, una terrazza vista mare e case caratteristiche. Capoliveri ha una storia centenaria, infatti conserva ancora i resti della Pieve di San Michele, costruita durante il dominio pisano.

Altro luogo da vedere è Marciana, ai piedi del Monte Capanne. Un posto che regala una vista fantastica e scende verso il mare arrivando a Marciana Marina che offre delle spiagge incredibili. Abbiamo poi Campo nell’Elba, una volta era un villaggio di pescatori. Oggi invece è una delle mete più visitate sull’isola ed è il punto di partenza per visitare il Monte Capanne. Infine c’è Porto Azzurro. Qui troviamo l’affascinante fortezza di San Giacomo, che domina il paese, e la bellissima spiaggia di Terranera.

No Comments
Comunicati

Le più belle località costiere della Spagna

Le incredibili acque cristalline delle isole Baleari, le coste catalane e valenciane, i paesaggi verdi delle spiagge del nord, le enclavi desertiche, altre spiagge rocciose e nascoste: tutto questo è la Spagna. Un paese ricco di elementi magici che compongono uno dei paesi migliori in Europa per quanto attiene al paesaggio marittimo. Alcune delle spiagge sono parte integrante della penisola iberica mentre altre, invece, si situano su isole che devono essere raggiunte via mare. Al riguardo, non devi assolutamente preoccuparti, potendo trovare un comodo servizio di traghetto sul sito https://www.traghettiperlaspagna.com/. Quest’ultima è la migliore per soluzione per acquistare i biglietti dei traghetti online e verificare le offerte in corso. Vediamo ora alcune delle spiagge migliori di tutto il paese che devi visitare almeno una volta nella vita.

Playa de Los Muertos (Cabo de Gata, Almeria)

Non c’è bisogno di viaggiare fino ai Caraibi per fare un tuffo nelle acque incontaminate di una spiaggia con una magnifica sabbia bianca. Può sembrare un cliché, ma è vero. Basta scendere al parco naturale di Cabo de Gata-Níjar e trovare un posto sulla spiaggia di Los Muertos, una delle baie più rinomate di Carboneras. Nonostante la discesa rocciosa e un po’ secca che porta alla spiaggia, il tuo premio è ben meritato: Los Muertos è stata a lungo considerata una delle migliori spiagge della Spagna e di tutta l’Europa.

2. Playa de Melide

La bellissima Playa del Melide si trova nella Comunità Autonoma della Galizia. L’arcipelago di Ons vanta cinque spiagge praticamente incontaminate, e la più grande tra queste è Melide, sull’Isla de Ons. Questa spiaggia è particolarmente dedicata ai nudisti e offre sabbia bianca, acque ancora cristalline e viste impressionanti del vicino estuario di Pontevedra.

3. Playa de Bolonia – Tarifa, Andalusia

Una spiaggia enorme e spaziosa con splendide dune di sabbia fine con un meraviglioso paesaggio marino. Appartiene al Parco Naturale dell’Estrecho e quindi è una zona naturale incontaminata. E’ presente un villaggio di pescatori in prossimità della spiaggia il quale ha un fascino antico attribuisce al luogo un aria molto suggestiva. Il più grande tesoro della zona sono le rovine dell’antica città romana di Baelo Claudia, vecchia di 2000 anni, considerata la città romana più completa della Spagna. Questa stupenda spiaggia si trova nel sud della Spagna, nella provincia di Cadice, vicino a Tarifa. Sicuramente una delle migliori spiagge della Spagna!

5. Cala Agulla – Mallorca, Balearic Islands

In questo elenco non poteva sicuramente escludere Maiorca, una destinazione amatissima dal turismo di massa di tutto il mondo con spiagge ricche di persone in cerca di relax e divertimento ed una vastissima offerta di hotel. Oltre a questo aspetto, ci sono molti altri lati di Maiorca nascosti e tutti da scoprire.  Su questa bellissima isola sono presenti angoli di natura incontaminata e meravigliose spiagge paradisiache. Cala Agulla è una di queste. Essa è una gemma nascosta di Maiorca e probabilmente rappresenta una delle migliori spiagge della Spagna. È un’incantevole insenatura di sabbia fine circondata dal verde, con una splendida vista sulle montagne alle spalle. Poiché la spiaggia si trova nel parco naturale della penisola di Llevant, è molto naturale e perfettamente pulita.

Ora che conosci alcune delle migliori spiagge spagnole, prenota il tuo viaggio in traghetto e parti all’esplorazione della bellissima penisola iberica!

No Comments
Comunicati

Le 5 spiagge più iconiche della Sardegna

La Sardegna è senza dubbio una delle mete preferite dagli italiani e non durante la stagione estive e il motivo è ben chiaro. Quest’isola infatti, è un vero e proprio paradiso terreste ed è il luogo perfetto per gli amanti del mare. Vanta infatti la presenza di numerose spiagge, dove il mare è incontaminato e cristallino e le spiagge sono veramente incredibili. Da sottolineare inoltre, la presenza di interessanti calette capaci di incantare davvero tutti, dagli adulti ai bambini.

Data la vasta scelta, scegliere le migliori spiagge della Sardegna è un’impresa davvero ardua, ma in questo articolo vedremo quelle che secondo noi meritano assolutamente una visita. Un altro punto a favore di quest’isola è rappresentato dalla facilità di raggiungerla: su https://www.traghettosardinia.com/ puoi acquistare i biglietti dei traghetti online in modo rapido e sicuro ed avere accesso alle migliori offerte.

Spiaggia La Pelosa

Situata nel golfo dell’Asinara e protetta dai faraglioni di Capo Falcone, questa spiaggia è probabilmente la più bella dell’isola. Si tratta infatti di una vera e propria oasi naturale dove è possibile ammirare una sabbia bianchissima e fare il bagno in acqua limpida e cristallina. Anche i fondali rappresentano un punto di forza, in quanto sono bassi e dai colori accesi. Tuttavia, il suggerimento è di visitarla magari a Settembre, in quanto durante l’alta stagione risulta essere particolarmente affollata.

Cala Spinosa

Arrivarci non è facile, ma lo sforzo di attraversare sentieri ripidi vale sicuramente la pena. Questa piccola cala segreta infatti, gode di un’acqua che presenta mille sfumature ed è in grado di accontentare veramente chiunque. Qui è inoltre possibile fare immersioni subacquee, per cui se siete amanti di questo tipo di attività, non dimenticate di portare con voi maschera, tubo e pinne!

Spiaggia di Tuerredda

Se avete intenzione di rilassarvi e allo stesso tempo di ammirare un angolo di paradiso, allora questa è la spiaggia giusta per voi. Qui infatti, potete fare lunghe nuotate in un mare limpido e cristallino, ma anche godervi la pace che c’è in spiaggia. L’unica pecca di questa piccola oasi è che risulta essere a numero chiuso, per preservarla nel migliore dei modi.

Cala Goloritzé

Senza dubbio tra le più belle della Sardegna, questa spiaggia rientra anche nella classifica delle più iconiche dell’intera isola. Non a caso, è stata anche dichiarata Monumento Nazionale Italiano. Qui si può infatti assistere all’incontro perfetto tra mare e montagna: e che mare! Limpido e cristallino, come difficilmente si vede in giro. Può essere raggiunta via mare o attraverso un piccolo sentiero ed è il luogo ideale per gli appassionati di arrampicata sportiva.

Spiaggia di Punta Tegge

Si trova sull’isola La Maddalena e rientra di diritto all’interno della nostra speciale classifica. La sabbia ha un colore molto particolare, quasi bianco, e dal mare cristallino emergono numerosi scogli dalla forma appiattita che sono un vero e proprio spettacolo per gli occhi. Per raggiungerla, basta percorrere il lungomare di Padule.

No Comments
Comunicati

Aloe Vera per la salute ed il dimagrimento

L’Aloe Bardensis Miller, comunemente nota come aloe vera, è una pianta appartenente al genere Aloeaceae che, sin dalla notte dei tempi, è considerata una vera panacea per la salute dell’uomo. È citata nei Vangeli, era usata dagli antichi romani soprattutto per curare le ferite e dagli egizi, per i quali era la pianta dell’immortalità e che la leggendaria regina Cleopatra usava per le sue pozioni di bellezza.

Aloe Vera: una pianta per mille usi

L’aloe vera è ricca di sostanze nutritive, in particolare vitamine del gruppo B, C ed E, colina, acido folico, sali minerali, flavonoidi, enzimi e amminoacidi essenziali per il corretto funzionamento del metabolismo. Questa ricchezza spiega le sue proprietà antitumorali, antimicrobiche, antibatteriche, cicatrizzanti, antiossidanti, antibiotiche e antinfiammatorie.
Ad esempio attenua i sintomi della colite ulcerosa, attenuando le infiammazioni delle mucose gastro intestinali, lenendole e cicatrizzandole. Si rivela assai preziosa conto ulcere, gastriti e sindrome da reflusso gastroesofageo, ma anche contro le infezioni intime in quanto si rivela molto efficace contro i batteri Escherichia Coli e Candida.

L’aloe vera combatte poi i radicali liberi rallentando di fatto l’invecchiamento cellulare, rinforza il sistema immunitario e, grazie all’acido aloetico e all’aloina, rende l’organismo più resistente all’attacco dei batteri. Questa preziosa pianta permette poi di contrastare artriti reumatoidi e osteoartriti, senza dimenticare quanto questa pianta faccia bene alla pelle, anche in virtù delle sue proprietà depurative. Basta assumere l’integratore alimentare naturale www.Aloeveraslim.info, costituito da soli ingredienti naturali quali appunto l’aloe vera ma anche il té verde, per avere tutti quei benefici che hanno reso celebre questa potente pianta medicamentosa, compreso il tanto desiderato dimagrimento.

Dimagrire con l’aloe vera si può

Grazie ai polifenoli e ai flavonoidi, l’aloe vera è considerata un potente ipoglicemizzante che previene l’insulino-resistenza e regola livelli della glicemia, responsabile del formarsi del tessuto adiposo. Uno dei benefici che si ottengono assumendo un integratore all’aloe vera è il dimagrimento, in quanto aiuta a ridurre sensibilmente il tessuto adiposo, dona sazietà e velocizza il metabolismo. L’aloe vera, grazie alle saponine, agli steroli vegetali e ai tannini, stimola infatti la lipolisi riducendo la lipogenesi: vengono attivati quei processi enzimatici che impediscono l’accumulo di grasso ma piuttosto lo sciolgono, portando l’organismo a utilizzarlo come energia.

Da potente depuratore, l’aloe vera contribuisce a eliminare quelle tossine che non fanno altro che alterare il metabolismo, indebolire il sistema immunitario e soprattutto rendere più ostico il tessuto adiposo. Velocizza nello stesso tempo il metabolismo, riducendo di conseguenza il senso di fame e bruciando il grasso corporeo. Questo processo fisiologico dipende anche dalla presenza del collagene, quella proteina preziosa contro l’invecchiamento cutaneo che però l’organismo fatica molto a digerire. L’unico modo che ha per assimilarla è impiegare più energia e attingere alle riserve di zuccheri e grasso. Si spiega così l’accellerazione del metabolismo e la sazietà (legata al più lento svuotamento gastrico), due eventi essenziali ai fini della perdita di peso. È chiaro che, oltre all’assunzione dell’integratore all’aloe vera, per ritrovare la forma fisica perfetta è importante anche adottare uno stile di vita più sano, praticare con costanza attività fisica e mangiare in maniera equilibrata.

No Comments
Comunicati

Il miglior arcipelago greco in cui trascorrere le vacanze

Scopriamo quali sono i migliori arcipelaghi greci per trascorrere le proprie vacanze e praticare tante diverse tipologie di attività che sapranno tramutare le proprie ferie in un momento magico. In ogni caso per raggiungerle occorre semplicemente sfruttare il sito web www.traghettiperlagrecia.it che permette di trovare delle offerte interessanti per quanto concerne l’acquisto dei biglietti per il traghetto e raggiungere tale area.

L’arcipelago delle Cicladi

La meta consigliata per gli amanti dello snorkeling è caratterizzato dall’arcipelago greco delle Cicladi. Questo poiché le varie isole, come Paros e Santorini, sono caratterizzate da acque cristalline e dalla presenza di diverse razze di pesci che possono essere ammirati. Il fondale è inoltre ricco di vegetazione e fauna marina, elementi ideali per chi vuole trascorrere il proprio tempo praticando quest’attività.

Creta, il luogo dalle spiagge incantate

Chi invece vuole trascorrere la propria vacanza gustandosi delle spiagge uniche e rilassarsi al massimo, può far ricadere la propria scelta sull’isola di Creta. Le tante spiagge, con sabbia fine e chiara, le spiagge da sogno e l’acqua fresca e cristallina permettono di rilassarsi e di gustarsi una giornata in spiaggia. A quest’attività si affiancano ovviamente le tante manifestazioni tipiche del periodo estivo, quindi feste e altri eventi caratterizzeranno le proprie vacanze e le renderanno indimenticabili.

L’isola Corfù

Gli amanti del trekking e dei paesaggi incontaminati dalla mano dell’uomo non potranno assolutamente ignorare l’isola di Corfù. Questa, infatti, è caratterizzata da diverse zone ricche di vegetazione e da sentieri da esplorare e che lasceranno un enorme senso di stupore nella mente di chi ama questo tipo di attività. Inoltre i vari sentieri sono stati studiati appositamente per offrire l’occasione di gustarsi tanti panorami diversi tra di loro, che potranno essere immortalati con la propria macchina fotografica e conservare un ricordo particolare di tale attività.

Eubea e Rodi, le isole per i giovani

Se la vacanza deve essere organizzata da un giovane, o comunque da coloro che amano praticare tante attività notturne, l’isola ideale è Eubea. In essa sono presenti tanti locali dove ogni sera viene organizzato un evento diverso, dando quella sensazione di freschezza e novità che non deve essere mai assente quando ci si reca in vacanza in Grecia. Ogni manifestazione è strutturata in maniera tale che il divertimento possa essere una costante sempre presente. Se invece si ama gustare una delle tante pietanze tipiche dei luoghi che si visitano, allora l’isola di Rodi permette di gustare tanti piatti locali grazie ai diversi locali di street food che consentono di scegliere tra tante pietanze preparate con estrema cura.
Stesso discorso per i liquori e bevande tipiche di questa zona, che sapranno tramutare una serata trascorsa con i propri amici in un momento memorabile, specialmente se si ama fare le ore piccole.

No Comments
Comunicati

Estate all’Isola del Giglio: come spostarsi e cosa fare

Dopo un periodo di quarantene ed isolamenti, una bella vacanza è un respiro di sollievo, che sia al mare o in montagna, e noi italiani abbiamo l’imbarazzo della scelta in questo, contando i numerosi gioielli turistici sparsi sul nostro territorio. Uno di questi, che vale la pena visitare almeno una volta nella vita, è l’isola del Giglio, seconda isola più grande dell’Arcipelago Toscano, e qui vi daremo alcuni consigli su come spostarsi e quali attività svolgere durante il soggiorno. La prima tappa è Porto Santo Stefano, da cui ci si può imbarcare su uno dei tanti traghetti che vi condurranno in circa un’ora alla meta, in più fasce orarie del giorno. Per acquistare i biglietti dei traghetti online si può consultare il sito https://www.traghettigiglio.it, su cui si potranno trovare le diverse offerte in corso, consultarle e selezionarle a propria scelta.

Come muoversi sull’isola

Girare per l’isola con un proprio mezzo, come auto o moto, è possibile, in quanto si possono imbarcare sul traghetto. Delle alternative sono il servizio di autobus, che garantisce un collegamento tra le diverse località con un buon numero di corse nel corso della giornata, o il noleggio di un taxi, di un’auto o uno scooter offerto da vari operatori nei centri abitati, o di una barca per chi gradisce muoversi lungo la costa.

Cosa visitare e quali attività svolgere

L’Isola del Giglio non è particolarmente estesa, eppure è conosciuta ed apprezzata per le numerose bellezze che racchiude, a partire da quelle naturali, come il mare cristallino e limpido che la circonda, che fa venir voglia di restare a mollo nell’acqua per ore o di immergersi per osservarne i ricchi fondali, e i paesaggi incontaminati che la ricoprono quasi totalmente.

Forse l’unica traccia di civiltà in questo paradiso sono i tre paesi: Giglio Castello, capoluogo dell’isola, circondato da mura di origini medievali e che ospita un castello da cui è possibile osservare tutto l’arcipelago; Giglio Porto, unico porto dell’isola, caratterizzato da case multicolore; Giglio Campese, che ospita la spiaggia più grande dell’isola.
Chi non vorrà abbandonare la sua passione per lo sport mentre è in vacanza non resterà deluso, perchè oltre a farsi una bella nuotata o fare immersioni potrà passeggiare lungo i sentieri o fare un giro in bici godendosi la vista panoramica. D’estate sull’isola si svolgono diverse manifestazioni sportive e di intrattenimento, tra cui concerti, escursioni e, in particolare, i festeggiamenti del patrono dei 3 paesi.

Inoltre nell’ultimo weekend di settembre viene organizzata da qualche anno la Festa dell’Uva e delle Canitine Aperte, molto apprezzata dagli abitanti come dai turisti proprio per il buonissimo vino prodotto localmente, il vino Ansonaco. È un appuntamento da non perdere per gli amanti dei vini o per chi vuole semplicemente assaggiare questo prodotto, anche se per quello ci sono le cantine situate a Giglio Castello, in cui è possibile sia degustarlo che acquistarlo.

In conclusione, seppur possa sembrare uno di quei posti sperduti e che non vale la pena visitare, l’isola del Giglio è facile da raggiungere, e per le sue bellezze sarà altrettanto difficile da dimenticare.

No Comments
Comunicati

Vacanza in Corsica: una settimana all’insegna del relax e del divertimento

La Corsica è la meta ideale per chi cerca del riposo stando sdraiato in spiagge dal mare cristallino, ma anche per chi desidera scoprire piccoli borghi dell’entroterra capaci di sorprendere con la loro bellezza, e allo stesso tempo passare serate all’insegna del divertimento nei locali delle città più rinomate. La Corsica è la destinazione perfetta per tutti. È possibile raggiungerla tramite traghetto, prenotando i biglietti su www.traghettiperlacorsica.it: qui è possibile verificare le disponibilità, gli orari e le offerte in corso.

Un mare da sogno

Le calette che si susseguono regalano panorami indimenticabili e il blu del mare è l’ideale per concedersi delle giornate all’insegna del relax. Per gli appassionati di immersioni e di snorkeling i fondali che offrono scorci da fotografia sono moltissimi, e non basterebbe una vacanza per vederli tutti. Solo per fare alcuni esempi, la costa sud est nella zona di Porto Vecchio è costellata di spiagge che possono soddisfare qualsiasi gusto, da quelle organizzate e con tutti i comfort, fino a quelle più selvagge e immerse nella natura incontaminata. Le famose Plage de Pinarellu e Plage de Saint Cipryen sono due mete immancabili in un viaggio in Corsica; in ogni caso qualsiasi spiaggia sceglierete non rimarrete delusi e sarete ripagati da un mare sempre pulito, che assume toni di colore indescrivibili.

Per quanto riguarda l’alloggio sono moltissimi i camping disseminati lungo le coste, che offrono standard qualitativi elevati (molti di questi includono piscine, spa e servizi per il benessere) e che garantiscono relax e tranquillità. Inoltre, per chi oltre al riposo cerca una vacanza immersa nella natura, la Corsica è la patria del naturismo, ed anche in questo caso sono numerose le possibilità di alloggio dedicate.

Borghi indimenticabili

Spostandosi invece nell’entroterra ci si imbatterà in piccoli borghi caratteristici, in molti casi arroccati o semi nascosti nei monti. Con molta probabilità non troverete paesi che offriranno musei o opere architettoniche degne di nota, ma l’incontro con la Corsica vera di questi posti, ancora non toccati dal turismo di massa, sarà un’esperienza entusiasmante. La gentilezza dei locali, l’orgoglio nel mostrarvi la loro vita quotidiana (e magari assaggiare i loro prodotti locali), vi permetterà di vivere appieno la vacanza isolana.

Notti infinite

Un aperitivo sul mare, una cena di pesce a Bastia o ad Ajaccio, una passeggiata nelle piccole strade acciottolate dei centri storici, fino ai locali notturni dove bere, ballare ed aspettare l’alba: la Corsica può offrire anche questo. Le città principali, specialmente nel periodo estivo offrono una vivace vita notturna, e le possibilità di divertimento sono infinite. L’elegante lungomare di Porto Vecchio nei pressi del porto turistico, è un susseguirsi di ristoranti ricercati dove allietare il palato con pesce fresco e dell’ottimo vino bianco; le stradine ciottolate interne di Ajaccio invece brulicano di bistrot e di pub e sono un incrocio tra lo stile ligure e quello più mediterraneo, mentre nei locali chic nella zona interna di Bastia, si potrà ballare aspettando il sorgere del sole sul mare.

In Corsica dunque, le possibilità di divertimento sono infinite, e allo stesso tempo la bellezza dei suoi paesi e il fascino del mare, rapiscono e proiettano in un mondo parallelo, lontano dalla quotidianità. Insomma, se si è alla ricerca di relax e di divertimento, la Corsica è una meta ideale, raggiungibile velocemente e in poco tempo dalle maggiori città italiane.

No Comments
Comunicati

Benessere: cosa significa e come raggiungerlo

Benessere, sostantivo che può avere vari significati, a seconda del contesto in cui viene usato, ma in ogni caso, sta ad indicare sempre qualcosa di positivo. Il nostro organismo per stare bene in salute, deve avere una buona forma fisica.
I presupposti che ci permettono di realizzare le condizioni favorevoli al benessere, e che ci consentono di preservarlo nel tempo consistono in: assenza di particolari patologie, svolgimento di una sana attività motoria, predisposizione al superamento delle difficoltà. In alcuni periodi potrebbero manifestarsi delle carenze, a cui si può far fronte integrando quello che è il nostro regime alimentare, con degli appositi preparati. Per essere sicuri di assumere sostanze benefiche che contribuiscano a migliorare la salute del nostro corpo, possiamo documentarci anche sul web, consultando pagine accreditate, come per esempio il sito web www.illuminiamoilfuturo.it. Molti sono prevenuti, ma la prevenzione verso un determinato argomento non aiuta a superare gli ostacoli che si trovano sul proprio cammino, un atteggiamento positivo invece ci invoglia a comprendere cosa sono gli integratori, a cosa servono, e soprattutto perché contribuiscono a farci stare bene.

Benessere ed integratori

Esistono in commercio soluzioni che se assunte regolarmente apportano benefici, Ideal Slim, L’Integratore Che Ti Rende Più Leggera e in Forma;  Aloe Vera Slim 4×1, L’Integratore Che Migliora le Funzioni Digestive e Stimola il Dimagrimento;
Altre, Spirulina Fit, La Soluzione per Attaccare l’Adipe e Perdere Peso in Modo Veloce; Idealis, Blocca l’Assunzione di Carboidrati per un Dimagrimento Più Efficace; Reduslim, Scopri Tutti i Benefici del Popolare Integratore per la Perdita di Peso Keto Light+, L’Integratore Che Stimola Efficacemente la Combustione dei Grassi.

Preparati che attaccando le adipe, contrastano la formazione di accumuli di grasso.  Sostanze che ostacolano la scorretta assunzione di carboidrati, andando a velocizzare il metabolismo. E per favorire il senso di sazietà, contribuendo a migliorare il metabolismo.  Quelli elencati, non sono altro che alleati del nostro fisico, perché ci coadiuvano nelle azioni giornaliere, a perseguire la forma fisica di cui abbiamo bisogno.  Incentivando quelle che sono le nostre naturali predisposizioni, nello svolgere attività salutari.

Perché è importante la forma fisica

Per il raggiungimento di un buon risultato bisogna seguire alcuni consigli, che si possono riassumere in una sana e corretta alimentazione, noi siamo ciò che mangiamo, se il nutrimento è buono, il nostro corpo ne gioverà, e sarà in grado di svolgere a pieno ritmo ogni tipo di attività. Il nostro benessere è strettamente collegato alla forma fisica. Il nemico numero uno, quello che è pronto ad alzare i guantoni per sconfiggerla è l’obesità. Essere in sovrappeso comporta un cattivo funzionamento di tutte le funzioni basilari, dalla cattiva circolazione venosa all’affaticamento di organi vitali, quali cuore, fegato, reni. Una cattiva alimentazione, ed il relativo aumento di peso, contribuiscono a creare tutte le condizioni affinché il nostro organismo sia seriamente compromesso.

Come contrastare e curare i disturbi legati ad una cattiva alimentazione

Regole basilari che ci permettono di conservare uno stato discreto per la salute corporea, ma che spesso non osserviamo.  Il corpo ha bisogno di riposo, per rigenerarsi.  Ha bisogno di alimentarsi in modo sano, assumendo tutte le sostanze, senza penalizzarne alcuna, ma nelle giuste dosi. Un buon integratore, da solo non può essere efficace, se il nostro stile di vita non è adeguato, pena il nostro benessere, fisico e psico-fisico.

No Comments
Comunicati

Commercio online: quanto fidarsi delle recensioni

Lo sviluppo costante dell’universo digitale offre sempre maggiori opportunità e occasioni, oltre a influenzare abitudini e attività comuni come l’acquisto di prodotti. Infatti, l’economia ha decisamente spostato il proprio baricentro direttamente su internet, con sempre più persone che scelgono di effettuare i propri acquisti riferiti ai diversi settori direttamente sui vari marketplace e store online. Chiaramente, così come sono numerosi i vantaggi che scaturiscono dalla possibilità di acquistare direttamente in rete tutto ciò che si necessita, sono altrettanti i rischi e gli elementi da andare a valutare con attenzione.

A differenza del negozio fisico, su internet non è possibile avere un contatto visivo diretto con il prodotto, per cui l’elemento principale che viene utilizzato dagli utenti per convincersi della qualità e affidabilità di un acquisto sono le recensioni e i feedback; la quantità di commenti da parte di chi ha già acquisto e testato un prodotto può essere particolarmente elevata, con il rischio di incappare in recensioni non proprio pertinenti e veritiere. Per questa ragione, è importante conoscere alcuni aspetti fondamentali al fine di individuare feedback reali e attendibili; un primo metodo particolarmente utile è quello di affidarsi a siti che, oltre a confrontare in base a prezzo e marca, siano in grado di mettere in evidenza i prodotti con le migliori recensioni basandosi su criteri realistici, come https://www.commercioalternativo.it/.

Come riconoscere una recensione poco affidabile

Come accennato precedentemente, la diffusione del commercio online porta sempre più persone ad effettuare i propri acquisti direttamente in rete, visti gli innumerevoli vantaggi che scaturiscono da questo genere di attività. Per quanto sia un contesto comodo e colmo di opportunità, effettuare acquisti online merita la giusta dose di attenzione e competenza. Dal momento che l’elemento principale di valutazione sono i feedback e le recensioni, non bisogna mai procedere con superficialità nella lettura e analisi di ciò che hanno scritto persone che ipoteticamente hanno già acquistato e testato il prodotto. È infatti necessario riuscire a comprendere con un basso margine d’errore quali siano quelle più affidabili rispetto ad una mole sempre maggiore di recensioni persuasive ma false.

Per prima cosa, bisogna far attenzione alla struttura del commento; la maggior parte dei feedback fasulli si presentano piuttosto brevi, non entrano quasi mai nello specifico delle caratteristiche del prodotto, pur ostentando un certo entusiasmo in riferimento all’acquisto. Inoltre, se analizzati accuratamente, sembrano palesemente dei testi predefiniti inseriti con l’unico obiettivo di indurre all’acquisto.

Quali sono le recensioni realmente attendibili

Chiariti quali sono gli aspetti che caratterizzano le recensioni fasulle, è importante comprendere anche quali sono i feedback meritevoli di attenzione fra quelli reali. Infatti, non tutti i commenti riferiti ad un acquisto possono essere un valore aggiunto nel merito della valutazione e della scelta del prodotto; spesso si trovano un numero enorme di recensioni monosillabiche, poco utili per chi cerca informazioni ulteriori prima di procedere al pagamento. Per questa ragione, una recensione che oltre ad essere attendibile sia anche affidabile, deve necessariamente fornire una serie di informazioni accessibili solo a chi ha già avuto modo di testare l’oggetto in questione e che il sito di riferimento non fornisce.

Alcuni marketplace e store online possono infatti essere poco esaustivi dal punto di vista delle peculiarità pratiche di un determinato prodotto; per cui, le recensioni affidabili e da prendere in considerazione prima di procedere all’acquisto sono quelle più articolate, più ricche di informazioni e che più di altre sono in grado di rispondere alle domande ricorrenti che influiscono sulla scelta.

No Comments
Comunicati

Le spiagge più belle di Pantelleria da non perdere

Pantelleria è un’isola che si trova tra la Sicilia e la Tunisia. Si tratta di una delle mete turistiche più famose del mar Mediterraneo, grazie alla sua incredibile bellezza. La composizione dell’isola è prevalentemente vulcanica; di conseguenza le spiagge presenti nel territorio sono tutte rocciose, ma non per questo meno comode delle classiche spiagge sabbiose.  Per poter godere delle bellezze di Pantelleria, bisogna prima di tutto poterla raggiungere: per farlo è possibile affidarsi ai servizi di trasporto via traghetto, tra i quali uno dei più rilevanti è traghettipantelleria.it. Attraverso la consultazione del sito dell’agenzia è possibile verificare i costi e gli orari dei biglietti dei traghetti diretti verso Pantelleria in tempo reale.
Inoltre, a differenza delle classiche località turistiche e balneari presenti in Italia, Pantelleria presenta moltissime località segrete, come grotte marine raggiungibili anche dalla terra ferma. Vi sono poi alcune spiagge meravigliose raggiungibili solo in barca, che rappresenta il mezzo perfetto per godere dell’isola in tutte le sue bellezze.
Infine, uno dei luoghi dell’isola da dover visitare assolutamente sono le terme.

Le spiagge più belle

Pantelleria presenta moltissime spiagge naturali e lidi organizzati per il pubblico, ma solo alcuni riescono a guadagnarsi l’attenzione dei turisti in modo particolare. Prima di tutto, il maggior numero di località marittime presenti sull’isola sono spiagge rocciose con acqua blu cristallo. Ogni singolo luogo si distingue dagli altri per le caratteristiche geologiche dello scenario, che spesso presenta formazioni rocciose, baie o scorci degni di capolavori artistici.

Le Cale balneari

Tra le zone turistiche preferite dal pubblico ci sono le cale, ovvero delle aree in cui è possibile scendere dalla scogliera fino al mare. Una delle cale più famose è la Cala Cinque Denti, che è un piccolo golfo distante solo pochi chilometri dal centro abitato dell’isola. Si tratta di una zona particolarmente apprezzata dai turisti in barca, che spesso scelgono di stabilirsi in questo piccolo e meraviglioso golfo per ripararsi dal vento. Una volta scesi alla cala è possibile raggiungere a nuoto una delle zone più belle dell’isola, cioè la Scarpetta di Cenerentola. Si tratta di una delle attrazioni turistiche più importanti di tutta Pantelleria.

Un’altra importante cala dell’isola è la Cala Levante, chiamata così perché offre riparo dai venti (specialmente il Maestrale). Si tratta di una cala più facile da raggiungere rispetto a quella dei Cinque Denti, grazie anche ad una strada che è stata perfezionata nell’ultimo periodo. Cala Levante si trova vicino ad una delle zone più belle dell’isola, ovvero l’Arco dell’Elefante. Quest’attrazione comprende un arco aperto che inizia dalla scogliera e finisce in mare, bellissimo da vedere.

Le aree più turistiche dell’isola

Parlando di aree balneari facili da raggiungere, non si può omettere il Bue Marino, ovvero una spiaggia rocciosa che si trova a pochissima distanza dal centro abitato dell’isola. Si tratta probabilmente della zona balneare più apprezzata dalle famiglie, poiché offre zone a fondale basso adatte ai bambini. Una delle spiagge più peculiari di Pantelleria è sicuramente Gadir, cioè una cala (come le precedenti) che presenta sia un fondale molto profondo, sia delle vasche d’acqua calda. È una delle zone imperdibili dell’isola, da visitare assolutamente durante la propria permanenza a Pantelleria.

No Comments
Comunicati

Vacanze a Capraia: come raggiungerla e cosa fare

Capraia è un isola che fa parte del bellissimo Arcipelago Toscano, rientrante in un’area marina protetta, nota anche come Il Santuario Internazionale dei Cetacei. Questo spazio di mare stupendo inoltre, grazie a un accordo tra Italia, Francia e Principato di Monaco, risulta essere tutelato con il fine di salvaguardare la vita dei mammiferi marini che lo popolano, essendo il loro habitat naturale. L’isola di Capraia possiede un fascino unico perché risulta essere l’unica isola dell’Arcipelago Toscano di origine vulcanica. Proprio per questo, questa particolare isola, è un vero e proprio paradiso botanico perché risulta essere ricca di tutte le specie di piante tipiche dell’arcipelago. L’isola presenta un territorio prevalentemente montuoso che dona agli appassionati di snorkeling fondali marini suggestivi.

Come raggiungere l’isola di Capraia

La Capraia è una delle isole più belle dell’arcipelago Toscano. Ogni anno è meta turistica per le sue spiaggie, per il mare cristallino, per i ristoranti lungo il porto. L’isola però non è facilmente raggiungibile. Risulta possibile raggiungere l’isola dalla terra ferma,  grazie a https://www.traghetticapraia.com/. Traghetticapraia.com è un servizio online per la prenotazione di biglietti Navi, Traghetti e Aliscafi appositamente per L’isola Capraia. Sul sito è inoltre possibile confrontare diversi preventivi fra loro, con il fine di scegliere sempre la soluzione che più vi soddisfi riguardo gli orari, prezzi e fantastiche offerte che trovate direttamente sulla piattaforma web. La prenotazione del biglietto online risulta essere semplice e istantanea grazie al sistema progettato appositamente per seguire, passo passo, la vostra procedura di registrazione. Per raggiungere Capraia è possibile partire da diverse località: Livorno, Marciana Marina, Portoferraio, San Vincenzo.

Cosa fare  e cosa vedere

Innanzitutto c’è da dire che una delle cose più belle di Capraia è proprio il mare, che grazie alla sua brezza marina, lo sentirete ovunque e in qualsiasi momento. Assolutamente da visitare, Cala Rossa, situata sulla punta Zenobito e risulta essere una delle più spettacolari cale del Mediterraneo grazie alle sue acque cristalline in cui si rispecchia quello che rimane di una vecchia bocca vulcanica di oltre 4 milioni di anni. Per rimanere in tema, non vi resta che alzare lo sguardo per ammirare la Torre dello Zenobito, uno dei quattro bastioni d’avvistamento creati appositamente per difendere l’isola da eventuali attacchi pirati. Questa magnifica torre, che è possibile visitare anche dall’interno, è costituita da tre piani dove risulta possibile salire per ammirare il panorama e scattare delle foto indimenticabili.

Se riuscite a organizzarvi è estremamente consigliato fare una visita a Cala della Mortola, situata sulla costa Nord orientale. Cala della Mortola, la cui denominazione significa: luogo dei mirti, possiede un meraviglioso fondale tutto di sabbia con delle fantastiche acque color turchese. Risulta essere raggiungibile soltanto in barca. Infine come ultima tappa obbligatoria mi sento di consigliarvi un’altra bellissima cala: Cala dello Zurchetto, facilmente raggiungibile a piedi direttamente dal paese con soli 20 minuti di camminata. Dominata da un classico scoglio a torre è la meta ideale per fare un bagno

No Comments
Comunicati

Le spiagge più belle di Malta

Nel corso degli ultimi anni Malta ha attirato sempre più interesse da parte dei turisti di tutta Europa. Complice la conformazione dell’isola e la presenza di bellissime spiagge, il numero di turisti è sempre stato in continuo aumento e l’arcipelago ha tenuto il passo incrementando la qualità e la quantità dei servizi. Il fatto che gran parte della popolazione parli fluentemente l’italiano è un altro motivo che favorisce il successo di questa meta turistica in Italia. Malta è facilmente raggiungibile in circa due ore partendo da Pozzallo, con una rete di collegamenti molto efficace. Per ulteriori informazioni il sito web www.traghettimalta.it riporta tutte le informazioni utili sulla logistica legata ai trasporti da e verso l’arcipelago maltese, completo di configuratore di viaggio.

Spiagge, vita notturna e tanto divertimento

Malta non è soltanto un luogo affascinante dal punto di vista paesaggistico, ma è nota anche per la sua vita notturna e la grande varietà di spiagge dall’acqua cristallina. A fronte di costi molto bassi, questo paese offre una grande varietà di paesaggi diversi, unendo coste basse e sabbiose a zone sassose dall’acqua cristallina.

Paradise Bay è una piccola spiaggia sabbiosa dove non è presente alcuno stabilimento balneare, ma è comunque possibile noleggiare ombrellone e lettino e scegliere la propria posizione. Situata all’interno di una caletta, l’ambiente bucolico e l’acqua trasparente renderanno la permanenza simile ad una favola. Ghardira Bay è la spiaggia più grande e frequentata di tutta l’isola, dotata di ogni comfort (si divide in stabilimenti balneari e spiaggia libera) e con un mare molto tranquillo e dalla profondità che aumenta molto gradualmente.

St. Peter’s Pool è una baia completamente rocciosa raggiungibile attraverso un breve itinerario anch’esso roccioso. L’acqua cristallina è un invito allo snorkeling e alle immersioni, ma la zona è totalmente priva di salvataggio bagnanti e di qualsiasi altro servizio essenziale, ma la bellezza del luogo è da sola un’ottima motivazione per visitarla. Ramla Bay è situata a Gozo, un’isola dell’arcipelago, ed è caratterizzata per il contrasto cromatico tra il verde dei dintorni e il giallo rossastro della sabbia. È classificata Bandiera Blu e possiede praticamente ogni servizio necessario quale lettini, docce e chioschetti. In questa location sarà anche possibile visitare la famosa grotta di Calypso percorrendo un breve itinerario tra le rocce.

Golden Bay è un’altra spiaggia classificata Bandiera Blu e, grazie alla grande quantità di possibilità e servizi, risulta essere una delle più visitate e apprezzate dalle famiglie. La spiaggia dorata e l’acqua cristallina, così come una profondità non eccessiva e dall’andamento graduale, rendono quest’area sicura per la balneazione, inoltre è sempre disponibile un servizio di salvataggio bagnanti.

La magia di Malta

Oltre a questi luoghi più turistici e affermati, l’intero arcipelago maltese offre un’enorme varietà di paesaggi da sogno, tra coste e calette immerse nella natura. La grande quantità e qualità dei servizi offerta dagli stabilimenti balneari si contrappone alla bellezza di spiagge bucoliche che attendono solamente di essere scoperte. Che si tratti di spiriti avventurosi alla ricerca di nuovi panorami da esplorare o di persone alla ricerca di calma e relax, l’ecosistema maltese è uno di quei luoghi da visitare almeno una volta nella vita, per restarne poi irrimediabilmente innamorati.

No Comments
Comunicati

Vacanze in Sardegna: spiagge e borghi caratteristici

Un giorno qualcuno disse: “la Sardegna è il luogo in cui nascono i colori prima diffondersi nel mondo”, conosciuta da tutti grazie alle sue bellezze e tradizioni, coronata da spiagge mozzafiato e da borghi meravigliosi, viene visitata ogni giorno da centinaia di turisti che approdano grazie ad aerei o traghetti, che partono dai vari porti italiani e non. Se siete amanti del mare e volete arrivare in questa splendida regione surfando le onde, potete utilizzare il sito web traghettiperlasardegna.com per comprare online i biglietti per il traghetto e verificare le eventuali offerte in corso.

Una vacanza in spiaggia

Se le vostre giornate di vacanza vogliono essere all’insegna delle onde, vi sono varie spiagge che faranno al caso vostro.
La Sardegna è caratterizzata da rive molto particolari come la Budelli, detta anche Spiaggia rosa, che raggiunse la fama grazie al film di Antonini: “Deserto Rosso” con cui divenne l’emblema della natura incontaminata del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena. Il suo colore rosa deriva da particolari microrganismi che resiedono nella Poseidonia, una volta morti e arrivati a riva insieme ai gusci di conchiglia nei quali risiedono, subiscono una degradazione. Data la sua delicatezza è possibile ammirare la sua bellezza solo da lontano. Una spiaggia a tratti rosa in cui è possibile avvicinarsi è la Cala Moriolu, il suo nome deriva dalla foca monaca detta dagli abitanti del luogo “mariolo” per il suo vizio di rubare il pescato.

Se siete una famiglia e volete immergervi nelle acque limpide della spiaggia di Bai, potrete prenotare il traghetto con cui viaggerete in estremo comfort grazie all’area giochi per i vostri bambini e all’area relax per iniziare a godervi la vostra vacanza a partire dal viaggio, sbarcherete quindi a Porto Torres, da cui potrete arrivare alla vicina località Bai e godervi la sua spiaggia.

Tra borghi e tradizioni

Se amate scoprire posti nuovi avventurandovi nelle città e nei borghi sardi, per voi ci sono varie opportunità, come Castelsardo, borgo medioevale ricco di storia e tradizioni legate specialmente alla pesca e all’intreccio, potrete infatti ammirare sia il castello che il museo dell’intreccio. Per le vie del borgo potrete trovare molti artigiani che illustrano l’arte, raccontandone la storia. Oltre a racchiudere nel suo scrigno spiagge stupende, Porto Torres protegge e presenta dei pilastri culturali che fanno invidia a tutto il mondo, come i sito archeologico dell’altare Monte d’Accordi o il museo archeologico Antiquarium Turritano.

Cammini ed escursioni

La Sardegna è ricca di natura e paesaggi selvaggi, con percorsi escursionistici sia interni che costieri. Il più conosciuto è il cammino delle 100 torri, lungo ben 1284 km ripercorre tutta la costa dell’isola toccando, appunto, le torri costiere. Proprio perché percorre tutta l’isola in senso antiorario, è possibile iniziare il cammino da varie città: Cagliari, Arbatax, Olbia, Castelsardo, Alghero, Oristano, Carloforte, Porto Torres.

Qui c’è solo una parte della vasta isola ricca di storia, tradizioni culturali e culinarie, borghi e spiagge cristalline. La Sardegna è unica e grazie ai suoi collegamenti è facilmente raggiungibile: queste caratteristiche la rendono un’affidabile meta per i turisti in cerca di divertimento, cultura e natura.

No Comments
Comunicati

Vacanza alle Cicladi: nel mare blu della Grecia

La bellezza delle isole Cicladi è nota in tutto il mondo. Le isole greche da sempre sono state calamita per milioni di turisti grazie ai loro pittoreschi paesaggi. Abitate da Achei, Ioni ed Eoli, le isole Cicladi conservano un patrimonio storico inestimabile frutto di millenni di storia ellenica. Le isole devono il loro nome alla disposizione a cerchio intorno a Delo. Sono situate a sud dell’Attica e dell’Eubea nel mar Egeo. Per raggiungere le Cicladi, potete far riferimento e visitare il seguente sito https://www.traghetticicladi.it, nel quale troverete tutte le informazioni necessarie relative all’imbarco e alle offerte in corso. Per il loro inestimabile patrimonio storico e i loro pittoreschi paesaggi naturalistici, una vacanza alle isole Cicladi vi regalerà un’esperienza iconica nel mare blu della Grecia.

Amorgos

Per tutti coloro che amano la Grecia ma non vogliono avere a che fare con il tipico caos della stagione alta, le isole Cicladi rappresentano la scelta giusta. Immersa totalmente nel blu, Amorgos è la scelta classica di che decide di andare alle Cicladi. Si tratta dell’isola più a oriente di tutte, abitata sin dal Neolitico, è ricchissima di storia e presentava in passato un’antica polis. Il monastero di Panagia Hozoviotissa è indubbiamente la perla dell’isola. Parliamo di una struttura dai muri imbiancati a calce arroccata su una rupe e con un’esclusivo affaccio sul mare.

Il consiglio è quello di indossare un abbigliamento comodo poiché per giungere al monastero si devono salire poco più di 350 gradini. Il capoluogo dell’isola è Chora, una cittadina caratterizzata dai suoi mulini e dai suoi porti. Posizionata su un’altura, Chora è un tipico villaggio greco riconoscibile dalle case bianche e basse e soprattutto dalle scintillanti finestre blu. La via principale di Chora, Matoyanni, costituisce l’arteria della città, un luogo dove lanciarsi allo shopping sfrenato.

Antiparos

Antiparos è un’isola delle Cicladi preservata dalla presenza umana e dai turisti. La sua natura selvaggia la rende adatta per tutti coloro i quali desiderano una vacanza rilassante alla riscoperta della bellezza della natura e del paesaggio. Se volete visitare il luogo, un consiglio è quello di noleggiare una bicicletta o un motorino, in modo da poter percorrere tutta l’isola in maniera efficiente. L’isola offre una vasta scelta di attrazioni come ad esempio il mare, la spiaggia e l’allegra e giovane vita notturna. Antiparos costituisce la meta ideale sia per chi vuole godersi una vacanza nell’estremo relax, sia per chi freme dalla voglia di tuffarsi in una vivace isola greca.

Anafi

L’isola di Anafi, chiamata da molti anche Nanfio, è la scelta ideale per chi vuole unire il trekking al turismo balneare. Anafi, rispetto alle altre isole è alienata dal turismo di massa il quale talvolta può rappresentare un elemento di disturbo. Nell’alta stagione è possibile usufruire del servizio di autobus della città per spostarsi in maniera comoda ed intelligente in ogni parte dell’isola. L’isola di Anafi è una meta molto ambita anche grazie al suo grande patrimonio archeologico. Nelle rovine delle vecchie fortezze sono state ritrovate delle statuette minoiche conservate in perfetto stato. Tra le attrazioni più belle in assoluto ci sono sicuramente le case a cupola bianche e blu che si sposano perfettamente con la macchia mediterranea che caratterizza l’isola.

Iraklia e Schinoussa

Molto vicina alle precedenti isole, Iraklia è un paradiso terrestre noto per la sua tranquilità e la sua stupefacente bellezza. Le attrazioni principali sono costituite dai paesaggi naturali nei quali è possibile immergersi e rilassarsi. Schinoussa, è un’isola quanto piccola tanto vivace. Adatta sia per gli amanti della natura, sia per chi non vuole rinunciare all’allegra vita notturna: se amate guardare il tramonto gustando una cena a base di pesce, Schinoussa è l’isola che fa al caso vostro.

Koufounissi

Isola conosciuta per le spiagge scintillanti come perle, Koufounissi rappresenta l’ideale di isola greca per eccellenza. Se volete staccare un attimo dalla vita frenetica della città, Koufounissi potrebbe essere la vostra isola ideale. Tutti coloro che amano godersi il sole in riva al mare, saranno stupiti da queste meravigliose spiagge che solitamente non sono molto affollate durante la stagione media. Un’attività imperdibile la quale dovete assolutamente provare è il trekking. Fare trekking con il paesaggio di quest’isola è un’esperienza imperdibile: gli scorci di paesaggio che regala Koufounissi costituiscono dei veri e propri quadri naturali.

No Comments
Comunicati

Le migliori borracce per bambini

La borraccia è un contenitore realizzato in vari materiali che ha lo scopo di contenere liquidi, sia caldi che freddi, e quindi si può utilizzare in qualsiasi stagione dell’anno. Per questo motivo, risulta essere un valido strumento da portare con sé quando ci si reca al lavoro, ma anche quando si pratica attività sportiva. Un esempio è la classica borraccia che i ciclisti amatoriali hanno sempre a portata di mano durante le escursioni in bicicletta, così come i professionisti durante le gare e gli allenamenti.

Grazie alla loro versatilità e praticità, le borracce sono molto utilizzate al giorno d’oggi e ne vengono realizzate in diversi materiali e dimensioni, per soddisfare le esigenze della clientela. Infatti, visitando il sito https://bottiglietermiche.com/ si possono trovare varie tipologie di borracce, da quelle create appositamente per chi pratica sport all’aria aperta a quelle per chi frequenta le palestre. Vi sono anche le borracce termiche molto versatili che ben si adattano a varie occasioni e infine, quelle create appositamente per i più piccoli che presentano caratteristiche specifiche, molto valide da essere utilizzate sia da portare a scuola che nel tempo libero.

Le caratteristiche indispensabili

Le borracce per bambini sono più piccole di quelle tradizionali, per agevolare l’impugnatura e si presentano con design molto colorati. Inoltre, sono più semplici da aprire e chiudere. Il primo particolare che risalta in questo tipo di borraccia è, appunto, il design ricco di colori vivaci e spesso riporta disegni di personaggi dei cartoni animati.

Le borracce per bambini possono contenere bevande sia calde che fredde, mantenendo sempre costante la temperatura, grazie al materiale termico con cui sono realizzate. Sul mercato sono presenti borracce realizzate in diversi materiali, ma quelle che meglio si adattano ad essere utilizzate dai bambini, sono la plastica priva di BPA (bisfenolo) e l’alluminio, in quanto si tratta di materiali economici e resistenti agli urti e all’usura. Per quelle in plastica, si raccomanda sempre di fare attenzione che siano prive di BPA, cioè di bisfenolo una sostanza chimica che può arrecare danni alla salute, alterando l’equilbrio endocrino.

Perchè e Quali Scegliere

Le borracce per bambini sono molto utili per vari motivi, presentando anche diversi vantaggi. Il primo è di consentire ai bambini di avere sempre a disposizione acqua e/o altre bevande che possono consumare in qualsiasi momento. Un altro vantaggio delle borracce per bambini è la resistenza agli urti. Notoriamente, i bambini non prestano molta attenzione agli oggetti che li circondano e, di conseguenza, il rischio di urti e cadute accidentali per le borracce è elevato. Inoltre, questi oggetti creati appositamente per i bambini hanno un sistema di apertura e di chiusura facilitato, in modo che durante l’uso non vi sia il rischio di bagnarsi o di disperdere le bevande contenute all’interno delle borracce stesse.

In definitiva, queste dispositivi sono molto comodi per i bambini da portare a scuola, in modo da potersi idratare durante la giornata senza alcuna difficoltà e senza alcun rischio. Tuttavia, si consiglia ai genitori di verificare bene tutte le caratteristiche dell’oggetto prima di effettuare l’acquisto, per avere la certezza di fare la scelta giusta per i propri figli.

No Comments
Comunicati

Isole Tremiti: il paradisiaco arcipelago dell’Adriatico

Dopo mesi di chiusure e spostamenti limitati, ecco che si può tornare a viaggiare. E allora, dopo un anno così difficile, perché non scoprire le perle nascoste della nostra bellissima penisola? Tra i gioielli tricolore, ci sono le isole Tremiti, che possono essere raggiunte dalla costa pugliese o molisana in traghetto, basta verificare la disponibilità di posti, orari e offerte sul sito per prenotare i biglietti www.tremititraghetti.it/.

La leggenda di Diomede

Poco al largo delle coste pugliesi, queste gemme dell’Adriatico – conosciute anche con il nome di “Diomedee” – colpiscono per i paesaggi mozzafiato. Talmente suggestive da aver contribuito alla nascita di numerose leggende, tra cui quella secondo cui Diomede lanciò in mare tre massi giganteschi per dare origine a San Domino, San Nicola e Capraia, le tre isole maggiori. In realtà, l’arcipelago è composto da sei isole che sono, oltre alle tre già citate, Pianosa, il Cretaccio e la Vecchia, le tre minori, completamente disabitate, ma che possono essere ammirate in barca o dalle altre tre isole maggiori.

Un Adriatico… caraibico

Le Tremiti conquistano immediatamente: le sfumature di colore del mare sono sbalorditive e sarà un’esperienza senza pari fare un tuffo in un’acqua cristallina e turchese, in cui si riflettono le scogliere e la vegetazione lussureggiante. Concedersi un bagno in questo mare da favola è d’obbligo e, per vivere le esperienze più suggestive, si consigliano luoghi da cartolina come Cala Matana, Cala del Sale e Cala dei Benedettini. Le Tremiti offrono principalmente tratti di costa rocciosa, non di rado, molto piccoli e difficilmente accessibili: un invito troppo allettante per gli amanti dei tuffi. In alternativa, alcuni tratti di litorale sabbioso sono organizzati con strutture ricettive e spiagge attrezzate, sia libere che private. Un’altra possibilità per caratterizzare la vacanza con un’esperienza del tutto inedita e irripetibile è la gita in barca. Questa attrattiva permetterà di visitare le calette alle quali si può arrivare esclusivamente dal mare: e una nuotata in queste acque non ha nulla da invidiare ai mari caraibici!

Quattro passi nella storia

Le Tremiti, però, non significano solo bagni e abbronzatura: nonostante le dimensioni molto ridotte, queste isole offrono interessanti tracce dei secoli passati, oltre ai paesaggi sbalorditivi. Il castello di San Nicola è una costruzione angioina che si staglia imponente e suggestiva in uno scenario quasi cinematografico, a strapiombo sul mare. Un tempo edificato per scopi difensivi, oggi il castello, insieme alle mura di cinta e alla caratteristica “cisterna della meridiana”, è la testimonianza di storie e di popoli passati da qui. Continuando a camminare nella parte storica dell’isola di San Nicola, abitata sin dalla preistoria, ci si imbatte nella basilica di Santa Maria a Mare, una struttura imponente ed essenziale risalente all’alto Medioevo. Al suo interno, si può rimanere incantati dai mosaici bizantini che, nel corso dei secoli, hanno arricchito i pavimenti, fino ad arrivare a decorare le pareti con motivi e affreschi dello stesso stile. All’interno della chiesa, poi, è possibile ammirare anche una statua in legno dedicata a santa Maria, una figura che mette strettamente in collegamento la fede alla vita di un tempo. Alla santa, infatti, i devoti chiedevano di assistere e proteggere tutti i parenti e i cari – figli, padri, mariti – che lavoravano in mare, preservandoli da pericoli e intemperie.

Tremiti: quando la bellezza incontra il gusto

E proprio il mare, elemento che caratterizza la vita di questi luoghi, offre ai turisti alcune delle varietà di pesce più gustose e prelibate, come ad esempio i ricci di mare che tradizione impone di mangiare crudi osservando un meraviglioso tramonto. O ci si può deliziare con altri piatti tipici della zona, come il “pesce fejute” (“pesce fuggito”), una zuppa di ortaggi, verdure e pane raffermo ammorbidito in acqua e olio in cui il pesce… è letteralmente scappato! Oppure, altra pietanza da provare durante una vacanza alle Tremiti sono le “scescille”, simili alle abruzzesi “pallotte cacio e ova”, delle polpette che racchiudono i sapori della zona e tutta l’inventiva delle massaie di un tempo, capaci di ingegnarsi anche con i pochi e modesti ingredienti a disposizione.

No Comments
Comunicati

Vacanze in Albania: come organizzare il viaggio

L’Albania è una delle mete preferite per gli amanti del mare e della cultura. La sua particolare conformazione del territorio, bagnata da due mari sulla costa e attraversata al centro dalle splendide Alpi Albanesi, la rende ideale per chi cerca una vacanza variegata. Anche gli amanti della cultura possono trovare in Albania attività e siti da visitare, come l’antica città di Berat, capolavoro dell’architettura albanese e dichiarata Patrimonio dell’umanità UNESCO.

Raggiungere l’Albania dall’Italia è semplicissimo, sono moltissime le compagnie che organizzano i viaggi in traghetto per approdare sulle magnifiche coste del Paese.  Si possono acquistare i biglietti su www.traghettiperlalbania.it : con pochi click si avranno tutte le informazioni e le migliori soluzioni di viaggio per chi desidera godere delle meraviglie albanesi.

Il mare dell’Albania

Uno dei principali aspetti per cui è famosa l’Albania è il suo mare, cristallino e incredibilmente azzurro, incorniciato da spiagge mozzafiato, come Pulebardha Beach, la Spiaggia dei Gabbiani, meta imprescindibile per chi vuole godere delle spiagge albanesi. Come in tutte le spiagge di Saranda, anche qui sono presenti molti ristorantini con vista sul mare, in cui si può mangiare pesce fresco in tranquillità, tra un tuffo e l’altro. Saranda è inoltre conosciuta per la movida: la vita notturna infatti, movimentata e particolarmente attiva, attrae giovani da ogni parte d’Europa e offre intrattenimento e divertimento fino a tardi.

Le coste albanesi sono adatte a tutti i turisti e visitatori, si possono infatti trovare spiagge incontaminate ideali per escursioni e attività di snorkeling, spiagge attrezzate con la possibilità di noleggiare ombrelloni e lettini, spiagge che racchiudono la storia del Paese, come quella di Borsh impreziosita dall’imponente Castello di Sopoti, risalente al diciottesimo secolo e al cui interno si possono ammirare i resti di una moschea risalente al periodo ottomano.

Storia e cultura

L’Albania viene scelta da molti turisti anche per la memoria storica che offre ai visitatori. Questa parte d’Europa è nota per la sua profonda inclusione religiosa, musulmani e cristiani vivono infatti in armonia, sia nella società che negli spazi; la cittadina di Berat, una delle più antiche e ricche di storia dell’Albania , ha il suo centro storico diviso in due parti, quella cristiana ortodossa e quella musulmana, in una sintonia che dura da anni e che il tempo sembra non scalfire. Berat, dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO, è una delle città più interessanti da visitare anche per via del Castello che si erge imponente al termine di una lunga salita.

Oltre alle moschee e opere ottomane, l’Albania conserva i resti delle dominazioni romane e bizantine. La città di Durazzo conserva siti archeologici di grade importanza risalenti proprio a questi periodi, ad esempio l’Anfiteatro, tra i più antichi di tutti i Balcani, o le terme romane e il Museo Archeologico.

Chi visita l’Albania non può non visitare la capitale: Tirana. La piazza principale, piazza Scanderberg, prende il nome dall’eroe che sconfisse gli Ottomani e negli anni passati è stata protagonista e simbolo del regime comunista che imperversava nel Paese. La Torre dell’orologio, i cui lavori vennero iniziati nell’800, è una delle principali attrazioni della città e merita senza dubbio una visita.

A Tirana è inoltre possibile ammirare una delle moschee più belle del Paese, la moschea di Et’hem Bey, che risale al periodo del ‘700. Anche qui la cultura musulmana e quella ortodossa convivono in modo pacifico, ne è testimonianza la presenza della Cattedrale della Risurrezione di Cristo, il terzo monumento più grande d’Europa per il culto ortodosso. A Tirana si possono inoltre trovare ristoranti e locali alla moda in cui trascorrere giornate indimenticabili all’insegna del divertimento.

No Comments
Comunicati

Alla scoperta dell’isola di Ponza

Ponza rappresenta la maggiore fra le Isole Ponziane, quest’ultima è situata presso il Golfo di Gaeta. In considerazione della sua particolare conformazione che ricorda una mezzaluna tale isola è anche nota come isola lunata. Ponza rappresenta una località turistica particolarmente apprezzata per i suoi panorami mozzafiato, per le sue spiagge e per le sue specialità culinarie. L’isola di Ponza può essere raggiunta solo attraverso un viaggio per nave o per elicottero. A tal proposito vi sono degli appositi servizi offerti durante tutto l’anno che consentono di raggiungere l’isola in questione in modo rapido.
L’isola di Ponza è costellata di numerose storie e leggende che conferiscono a tale isola un fascino indescrivibile.

Se si desiderano dei biglietti per traghetti online o si desidera verificare le offerte attualmente valide, è possibile consultare prezzi, orari e disponibilità sul sito https://www.arcipelagoponziano.it/.

Secondo i miti più antichi quest’ isola nacque in seguito ad un eruzione vulcanica. La tradizione e le storie che si tramandano narrano che Ponza rappresentava la capitale dell’impero di Circe. Una curiosità storica legata all’isola di Ponza è relativa inoltre al fatto che tale isola presenta uno stretto legame con Ponzio Pilato il cui appellativo richiama l’isola di Ponza nella quale quest’ultimo era stato inviato per sedare una rivolta. In considerazione di tale legame numerose grotte nelle quali si alleva il pesce sono state dedicate a questo personaggio storico.

Le principali attrazioni dell’isola di Ponza

Una delle principali attrazioni dell’isola di Ponza è rappresentata dal porto il quale rappresenta la prima meta turistica che si può ammirare e dal quale si può godere di un panorama mozzafiato. In considerazione della sua bellezza il porto viene infatti considerato come il nucleo dell’isola di Ponza, quest’ultimo è infatti costellato da numerosi negozi, ristoranti di classe e bar nei quali è possibile assaggiare e gustare le specialità tipiche del posto. Tra queste in particolare si possono citare la famosa zuppa di lenticchie,la zuppa di cicerchie, la pezzogna al forno o infine la cianfotta.

Accanto alla zona del porto si può ammirare un ulteriore attrazione turistica ovvero il Monte Guardia il quale rappresenta il monte più alto dell’isola di Ponza. Quest’ultimo presenta un altezza superiore a 250 metri.  Fra le attrazioni principali dell’isola di Ponza si può inoltre citare il Borgo di Santa Maria nel quale si può visitare il centro e allo stesso tempo si può godere di un panorama mozzafiato, il borgo in questione si affaccia infatti sul mare offrendo ai visitatori un panorama assolutamente unico e magico.

L’isola di Ponza presenta inoltre delle località turistiche particolarmente indicate per gli amanti dello sport e del trekking, nella parte superiore dell’isola è presente infatti un percorso di trekking che permette di mettersi alla prova circondati dalla natura.

L’isola di Ponza: le sue spiagge e le piscine naturali

L’isola di Ponza è particolarmente nota ed apprezzata in tutto il mondo per le sue spiaggie. Queste ultime sono frastagliate e per lo più composte da caolino e tufi. La conformazione della spiaggia è determinata dal fatto che come detto in precedenza l’isola di Ponza è nata in seguito ad un eruzione vulcanica.

Una delle spiagge maggiormente apprezzate nell’isola in questione è rappresentata dalla spiaggia Chiaia di Luna la quale è particolarmente nota per la sua conformazione che ricorda una falce. La suddetta spiaggia può essere raggiunta con estrema facilità attraverso un passaggio presente nel porto dell’isola.

Un ulteriore spiaggia particolarmente apprezzata è rappresentata dalla spiaggia Cala Feola la quale rappresenta una delle pochissime spiagge di sabbia presenti nell’isola. La spiaggia in questione è particolarmente nota per la presenza di un ristorante famoso il quale offre ai turisti un servizio di guida turistica verso la zona del porto.

L’isola di Ponza è particolarmente nota non solo per le sue spiagge mozzafiato ma anche per le sue piscine naturali la quali rappresentano il fiore all’occhiello dell’isola. In particolare nell’isola sono presenti due piscine naturali caratterizzate dalla presenza di un acqua cristallina.

No Comments