Archives

Comunicati

ACCADEMIA ITALIANA di ARTE MODA DESIGN – OPEN DAY 29 GENNAIO 2016 – ore 15.30

L’Accademia Italiana – Arte Moda Design, prestigiosa realtà universitaria nel campo della moda, del design e della fotografia, apre le sue porte e vi invita a partecipare all’OPEN DAY: venite a conoscere l’offerta formativa il 29 Gennaio 2016 a partire dalle ore 15.30 nella sede romana di Piazza della Radio 46!

Prendere parte all’ open day è un’occasione preziosa per scoprire i percorsi di Laurea Triennale (programmi accreditati dal MIUR e dall’ International Bachelor’s Degree), i corsi Annuali, di Specializzazione e Brevi nel campo della moda, del design, del gioiello e della fotografia, per visitare la sede dell’Accademia Italiana e scoprire lo specifico approccio didattico basato sulla praticità grazie alla presenza di laboratori nella struttura.

 

Durante l’incontro si avrà l’opportunità di conoscere i docenti e lo staff, saranno date tutte le informazioni utili per poter concorrere alle Borse di Studio ed inoltre gli interessati potranno prenotarsi per partecipare ad una lezione di prova gratuita (Workshop).

 

L’Accademia Italiana ha l’ambizione di voler raggiungere e soddisfare tutti i tipi di studenti e di esigenze, per questo sono invitati a partecipare tutti gli studenti del IV e V anno delle scuole superiori, chi ha già un’idea del percorso di studi da intraprendere e chi ancora ha le idee confuse sul proprio futuro; chi ha già un percorso di studi alle spalle e vuole approfondire e specializzarsi, ma anche chi ha voglia di frequentare un corso intensivo dedicato ad una materia specifica.

Vi aspettiamo Venerdì 29 Gennaio 2016, ore 15.30 in Piazza della Radio,46!

 

Per Info. e prenotazioni:

 

Accademia Italiana, Roma

Piazza della Radio 46

[email protected]
Tel +39 06 68809333
Fax +39 06 68806668

www.accademiaitaliana.com

 

 

No Comments
Comunicati

Maurizio Marcato è stato insignito della menzione d’onore ai MIFA 2015 nella categoria immagini Architettura/Interior

Verona, 2 novembre 2015 – Il fotografo internazionale Maurizio Marcato ha ricevuto la menzione d’onore ai Moscow International Foto Awards 2015 (MIFA), nella categoria Architettura/Interior con una fotografia relativa alla campagna comunicazione di Falper, celebre azienda italiana di arredamento.
La missione dei MIFA, prestigiosa competizione annuale di fotografia, è quella di riconoscere, premiare e promuovere fotografi di talento provenienti da tutto il mondo e far conoscere loro la comunità creativa in Russia.
“Il mio scopo principale è quello di realizzare fotografie con caratteristiche uniche, che siano sempre fuori dall’ordinario. È un iter complesso, composto da numerosi passaggi, ciascuno da effettuarsi con la massima attenzione ed esperienza. Solo eseguendo un percorso preciso si possono raggiungere risultati eccellenti che soddisfano le aspettative e il cliente stesso. Non c’è nulla di casuale nell’immagine che viene prodotta, un’immagine non è differente da una pagina scritta che contiene molte informazioni” ha affermato Maurizio Marcato.

“I miei progetti fotografici nascono da un accurato studio delle tematiche interessate e del mercato a cui il cliente appartiene e in cui si vuole affermare. Per prima cosa è essenziale testimoniare gli avvenimenti, raccontare una storia, seguire le tendenze e incontrare i gusti contemporanei. Bisogna riuscire ad unire la passione per il proprio lavoro e la consapevolezza delle grandi possibilità che la fotografia offre: è una questione di sinergia con la macchina, con l’elaborazione digitale e con un team coordinato” ha concluso il pluripremiato fotografo internazionale.

Grazie alla passione creativa, nata attraverso la pittura e cresciuta con la scoperta della fotografia, Maurizio Marcato ha generato scatti pluripremiati in tutto il mondo. Dal 1979 ha inaugurato il suo studio fotografico a Verona, specializzandosi in consulenza e promozione dell’immagine, catturando l’essenza della comunicazione aziendale e d’interesse. Maurizio Marcato è un artista poliedrico ed attivo a livello internazionale: molti sono infatti i progetti in linea con il suo stile, realizzati tra Giappone e Stati Uniti. Maurizio Marcato non si occupa solo di immagini corporate, ma celebri sono anche i suoi scatti artistici, i reportage, i ritratti, le fotografie che catturano l’essenza dell’architettura e della paesaggistica, esposti in mostre fotografiche di prestigio. Dagli anni ’80 collabora con numerose riviste di design e dal 2004 è docente di fotografia presso la Facoltà di Design del Politecnico di Milano. Premiato tra i 10 migliori fotografi europei del 2015 dalla Federazione Europea dei fotografi (FEP), negli ultimi cinque anni ha vinto quattro volte i FEP Awards ed una volta gli Awards mondiali di fotografia.

Maurizio Marcato Press office:
[email protected]
[email protected]
www.mauriziomarcato.com – +39 045 6050601

No Comments
Comunicati

AL CIRCOLO DEGLI ARTISTI DI TORINO L’ARTE DEL NUDO E DELLA SIMBOLOGIA NEI DECORI SEPOLCRALI DEL MONUMENTALE

L’inconsueta collettiva d’arte e fotografia sarà inaugurata a Torino, venerdì 30 ottobre. Sede d’eccezione, Palazzo Granari della Rocca e lo Sala Biblioteca dello storico Circolo degli Artisti, in Via Giambattista Bogino, 9, secondo piano, scala destra. Citofono: 4445 + campanello.
La mostra patrocinata dal CAUS – Centro Arti Umoristiche e Satiriche, dalla Città di Torino e dal Circolo degli Artisti di Torino, si protrarrà dal 30 ottobre al 14 novembre 2015, dal lunedì al sabato, ore 15,30-19.00; chiusura domenica, ingresso gratuito.

Torino, 26 ottobre 2015 *** “L’arte del nudo e della simbologia nei decori sepolcrali del Monumentale di Torino”, nasce da un’esperienza diretta di interpretazione artistica, legata a più visite al Cimitero Monumentale di Torino, nell’estate 2015.
La rassegna espositiva propone al visitatore una selezione d’immagini, suddivise in due sezioni, la prima è riservata al disegno, la seconda alla fotografia.

Nella “Sezione Disegno”, la maggioranza degli artisti presenta opere realizzate en plein air, ovvero in estemporanea; altri interpreti hanno preferito rielaborare in studio le opere precedentemente abbozzate. Diverse le tecniche utilizzate, su carta e cartoncino: gessetti, pastelli, matite, china, tempera, acquerello e carboncino.

Nella “Sezione Fotografia” gli autori hanno ritratto sculture e momenti trascorsi quest’estate, interpretando i soggetti secondo la propria prospettiva e sensibilità artistica.
Spirito Monumentale è anche il titolo del nuovo tour ideato dal CAUS, all’interno del principale camposanto subalpino, che si propone di condurre il visitatore alla scoperta dell’ironia nelle opere funerarie, visitando le edicole di personaggi che hanno lavorato rendendo grande l’umorismo, la satira e la comicità in vari settori dell’arte e della cultura.

Il “Nudo nell’arte funeraria del Monumentale di Torino”, su proposta del CAUS, è una visita aperta non solo ad artisti professionisti ma anche a quanti desiderino vedere ed apprezzare opere di nudi, realizzate da sommi artisti dell’800 e ‘900.

Espongono: Enrico Arata, Luciano Cappellari, Roberto Galdi, Gigi Galli, Titti Garelli, Fiore Giada, Italo Gilardi, Sara Gioda, Paola Egardi, Marco Ferrero, Loredana Fulgori, Attilio Lauricella, Sandro Lo balzo, Davide Ma bellini, Fabrizio Marchini, Plinio Martelli, Adriana Costa Mavaracchio, Delio Meinardi, Elisabetta Viarengo Miniotti, Giovanni Moscatelli, Franco Negro, Raffaele Palma, Annamaria Palombo, Rosa Quaglieri, Giuliana Baca Ruiz, Walter Tesio, Tullia Udovicich.

Da un’idea di Raffaele Palma
Contatti: [email protected]
Sito: www.caus.it

La mostra è patrocinata dal CAUS – Centro Arti Umoristiche e Satiriche, dalla Città di Torino e dal Circolo degli Artisti di Torino.

No Comments
Comunicati

A PHOTOSHOW 2015 SI PARLA DI TENDENZE DELLA FOTOGRAFIA STOCK CON FOTOLIA/ADOBE STOCK

La fotografia Stock è un settore in continua crescita, che offre ottime opportunità di guadagno e di visibilità a professionisti ed appassionati di talento di fotografia, grafica e produzione video.

Photoshow 2015 ospita due workshop e una sessione di portfolio review pubblica, e sessioni private di analisi portfolio a cura di alcuni rappresentanti di Fotolia/Adobe Stock:  direttamente da Berlino, Idan Nelkenbaum, Head of Content e Lisa Sallusto, Head of Operation Fotolia Italia, Giorgia Millena, Communication specialist Fotolia Italia.

Vi aspettiamo dalle 10 alle 18 di venerdì 23 e sabato 24 presso la Sala PANAMA  -Hotel Nhow Milano in Via Tortona 35,

La recente acquisizione di Fotolia da parte del gruppo Adobe e la nascita di Adobe Stock, ha generato un marketplace immenso a disposizione di fotografi, video maker e grafici creativi per la vendita di immagini e clip in licenza Royalty Free. Un’ opportunità interessante per comprendere le dinamiche che portano al successo nella produzione creativa in questo settore e per cogliere le potenzialità offerte dal mercato.

Calendario interventi:

Venerdì 23 Ottobre, ore 11/12

Workshop a cura di Idan Nelkenbaum,  sulle linee guida e gli stili di tendenza che fanno il successo di una produzione in ambito Stock.

Venerdì 23 Ottobre, ore 14/15

Sessione di portfolio review pubblica, con analisi dei nuovi trend in ascesa, temi emergenti e spunti di ispirazione.

Sabato 24 Ottobre, ore 12,30/13,30

Incontro interattivo tra Autori italiani bestseller in campo Stock e Idan Nelkenbaum, con testimonianze di chi ha fatto di questa attività un lavoro a tempo pieno o un lavoro parallelo, e con consigli tecnici su come ottimizzare le risorse e il tempo da dedicare alla produzione e alla indicizzazione.
I fotografi interessati possono registrarsi venerdì 23 mattina dalle 10 alle 13 presso il desk Fotolia Sala Panama per una sessione di portfolio review* 1:1 con Idan Nelkenbaum. Si richiede una chiave USB con una selezione del proprio portfolio da analizzare.

Due occasioni uniche di incontro e confronto con Fotolia/Adobe Stock, con linee guida e aggiornamenti preziosi per chi già ci lavora e per chi vuole saperne di più su come funziona il mondo del Microstock.

* Si accettano prenotazioni per le sessioni 1:1 fino ad esaurimento disponibilità.

 

Informazioni sul sito di Photoshow e sulla pagina Facebook di Photoshow Italia

No Comments
Comunicati

FOTOGRAFIA DI MODA – CORSO ANNUALE 2015/2016 – OPEN DAY 20 Ottobre ore 15:30

L’Accademia Italiana Arte Moda e Design, realtà universitaria in campo di moda, design, grafica e fotografia, a grande richiesta conferma un secondo appuntamento di presentazione del corso annuale di Fotografia di Moda in partenza il prossimo Novembre 2015.

L’open day si terrà il giorno 20 ottobre 2015 alle ore 15.30 presso la sede romana di Piazza della Radio, 46; nell’arco della giornata sarà possibile approfondire ancor meglio i contenuti del corso in oggetto con il corpo docente che condurrà gli interessati anche nello studio fotografico interno per fare delle  prove concrete.

Durante il corso noti esperti e professionisti daranno un prezioso contributo al know-how dell’allievo che affronterà questa professione altamente creativa e competitiva, consentendo al gruppo di lavoro di mettere mano dalla prossima primavera a diversi progetti e di inserimento immediato nel mondo della moda.

Un anno di corso Un diploma!

Open day – 20 Ottobre 2015 – ore 15:30

 

 

Info e prenotazioni:

Segreteria Roma: 06.68809333/339.4824934

Indirizzo mail: [email protected]

Ufficio comunicazione: [email protected]

No Comments
Comunicati

Italo di Fabio fotografo, un Abruzzese in Romagna

Il 18 luglio apre a Civitella Alfedena la mostra che ospita le opere di Italo Di Fabio, organizzata dall’Amministrazione Comunale di Civitella Alfedena (AQ), il Cine Foto Club Parco d’Abruzzo Civitella Alfedena e Associazione Inachis ONLUS – Ufficio Turistico Civitella Alfedena.

In esposizione quaranta fotografie che raccontano il percorso artistico di uno dei più conosciuti, discussi, criticati e invidiati fotoamatori italiani.
La mostra è ospitata presso il Centro Polifunionale di Civitella Alfedena, in Piazza Plebliscito fino al 2 settembre 2015.
Il giorno 7 agosto alle ore 18:00 si terrà l’incontro con l’autore e a seguire la premiazione del “Concorso Fotografico Nazionale Civitella”, dove Italo Di Fabio sarà insignito di un riconoscimento alla sua lunga carriera.

Italo nasce a Pescara, ma nel 1956 si trasferisce a Rimini, ove tuttora vive.
In pochi anni diventa “uno dei più conosciuti, discussi, criticati, invidiati fotoamatori italiani”
Così viene definito dalla prestigiosa rivista “Progresso Fotografico” che nel 1971 gli dedica la copertina ed un ampio servizio interno.
Da allora non ha mai smesso di stupire, continuando nella sua appassionata ricerca fotografica.
Oggi rappresenta una vera gloria della fotografia amatoriale italiana.
Il suo trascorso realizzativo fornisce un unico curriculum che l’ha visto protagonista delle più importanti manifestazioni settoriali di tutto il mondo.
Di lui scrivono giornali e riviste internazionali: molte sue immagini fanno parte di annuari e antologie fotografiche.
E’ stato insignito di importanti onorificenze quali Artist FIAP ed Excellence FIAP per il successo nelle manifestazioni internazionali.
E’ il primo italiano a ottenere la 5 Star C.S.D dalla Photographic Association of America (P.S.A.).

Di lui non si finisce mai di dire: ha le immagini nell’occhio che viaggiano dall’alto verso il basso, dal basso verso l’alto e ancora in volo radente intrecciano percorsi e direzioni diverse senza mai scontrarsi come nei voli delle rondini.
E’ un contemplativo attivo: “Quando fotografa si dimentica, quando si dimentica si ritrova”
Ha imparato “sul campo” ed ha avuto successo.
La verità per Italo non si costruisce, si scopre: per questo Italo si affida volentieri all’istinto per le sue inquadrature e i suoi fantastici giochi prospettici.
Immagini create come per gioco alla ricerca di spazi e sensazioni che possano estraniare, anche per un solo minuto, dalla consuetudine della realtà.
Badando a cogliere aspetti inediti di grandi e piccole situazioni, ci sorprende per la sua sensibilità basata su di una consumata e impeccabile capacità interpretativa.
Delle sue opere Italo, uomo dal carattere timido ma con straordinarie qualità umane, non ne vuole parlare più di tanto: di solito preferisce affidarle alla soggettività degli altri.

La mostra presenta scatti di recente produzione ma anche alcune immagini storiche, iconiche, per dare un saggio della sua grande capacità di ricerca.
Non può mancare Rimini, la città di Fellini, ricca di contrasti e di eccessi, con vedute marine e personaggi ripresi con realismo implacabile o poetico sulla spiaggia in tutte le stagioni.
Poi i monti Sibillini, Castelluccio in particolare con i campi gialli, azzurri, viola e rossi; è stato Italo, fra i primi, a scoprirlo “fotograficamente” e, attraverso le sue immagini, a far conoscere prima agli amici e poi, sbalordendo giurie e spettatori, ai fotoamatori di tutto il mondo.

Luigi La Mura
Presidente Associazione Inachis ONLUS

No Comments
Comunicati

Heritage, management, impresa: il concorso fotografico presentato al XXVII Convegno annuale di Sinergie

Verona, Luglio 2015 – Si terrà il 9 e il 10 luglio presso la sede di Termoli dell’Università degli Studi del Molise, il XX VII Convegno annuale organizzato da Sinergie, rivista quadrimestrale monografica, dedicata all’approfondimento e alla discussione di temi connessi al governo dell’impresa.
Dal 1989 questo evento itinerante si pone come punto di incontro per studiosi e ricercatori appartenenti al settore economico-manageriale e quest’anno ha sviluppato il tema della valorizzazione interdisciplinare del patrimonio culturale, realizzando “Heritage, management e impresa: quali sinergie?”, un prestigioso concorso fotografico riservato a paper inediti. L’utilizzo del termine heritage è dovuto alla capacità di questo vocabolo di raccogliere in sé sinteticamente tutto ciò che si intende per eredità culturale. Il Convegno di Sinergie ha come obiettivo la creazione di un percorso di valorizzazione territoriale in un’ottica di sostenibilità economica, sociale e ambientale.
All’interno del Convegno, si potrà ammirare l’esposizione fotografica dell’artista internazionale Maurizio Marcato, incentrata sulla rappresentazione del Centro Palatino di Torino, un progetto curato dagli architetti Massimiliano e Doriana Fuksas. Attraverso una serie di scatti fotografici, Maurizio Marcato coglie la modernizzazione e la reinterpretazione della struttura, con fotografie che raffigurano giochi di luce e trasparenze, spazi e volumi, in un’autentica esaltazione dell’architettura futurista.
L’immagine architettonica contemporanea presenta una certa chiusura nei confronti del patrimonio modernista, che prepara il nostro gusto visivo ad un futuro caratterizzato da multipolarità globale e dinamismo. Il punto di incontro di queste visioni si ritrova nel luogo in cui viviamo oggi” ha affermato Maurizio Marcato, espositore durante il Convegno, ma anche giudice del concorso fotografico. “È necessario preservare l’identità e la bellezza di un territorio perché ogni patrimonio culturale, inteso come testimonianza di civiltà, saperi e tradizioni, è senza dubbio unico ed irripetibile”.

Maurizio Marcato Press office:
Terzomillennium – [email protected]
www.mauriziomarcato.com – +39 045 6050601

No Comments
Comunicati

Arte fotografica di Maria Pia Severi a “Spoleto d’Arte”

Maria Pia Severi rientra nel parterre di esponenti affermati dell’arte contemporanea, che prendono parte all’imminente mostra di “Spoleto Arte” prevista dal 27 giugno al 27 luglio 2015, presso il nobile edificio di Palazzo Leti Sansi, di origine seicentesca, che si trova a Spoleto, tra via Arco di Druso e Piazza del Mercato. La direzione dell’evento è del manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, mentre la curatela è affidata al critico Vittorio Sgarbi.

Nel descrivere le caratteristiche peculiari della sua arte fotografica, Sgarbi ha dichiarato: “Le immagini passano e molte non durano. Non hanno la forza di restare e diventano altro, come una percezione che è dentro di noi, indipendentemente dalla realtà dei luoghi. La Severi non vuole che le sue fotografie riproducano alcunché, ma che siano l’equivalente in moto, ed anche remoto, del nostro ricordo e delle nostre sensazioni. Atmosfere oniriche aleggiano tra le forme dai contorni confusi, in cui lo sguardo dello spettatore cattura solamente una nebulosa impressione, dettagli imprecisi, lampi e bagliori di luce. Impossibile non riconoscere qualcosa nell’indistinto e non lasciarsi andare dalle sensazioni suscitate dal ricordo. Presenze costanti e predilette sono le donne, sfuggenti, assorte e affascinanti negli scatti, che suggeriscono la velocità dei loro passi e dei loro pensieri, ma anche l’immobilità di un momento, in cui fermarsi a sorridere“.

Il direttore Alessandro Sallusti ha commentato: “Le immagini raffigurate suscitano immediata curiosità, proprio per la non voluta nitidezza, per quell’intenzionale dimensione di non completa visibilità percettiva, che le rende -entità- evanescenti, avvolte da una magica atmosfera onirica, determinata dalla loro -visione imperfetta-“.

 

No Comments
Comunicati

VOCI DALLA TRINCEA

VOCI DALLA TRINCEA – Nel Centenario della Grande Guerra:
onoriamo il passato, riflettiamo sul presente e costruiamo il futuro.
Nuovo progetto della Dott.ssa Giulia Pasquazi Berliri . Ha collaborato l’Associazione Uniti nella Memoria.
Iniziativa storico-commemorativa per non dimenticare.
Teatro Quirino-Vittorio Gassman – in Roma, domenica 24 maggio 2015
Una giornata ricca di emozione.La mattina dalle 10,30 fino alle 13,00 il foyer del teatro ospiterà una mostra con reperti, cimeli, fotografie e memorie di guerra.
Il programma del pomeriggio vede alle 17,00 una suggestiva rappresentazione teatrale, a seguire canzoni dal fronte e infine marce e inni d’Italia.
La Conferenza Stampa è prevista il 22 maggio pv presso la Sala del Carroccio – in Campidoglio – alle ore 11,30.
Info e contatti:
Segreteria organizzativa – InventaEventi Srl
uff. 06.98188901
orario segreteria : Lun-Ven- 10,00/18,00
www.inventaeventi.com
Ingresso libero fino a esaurimento posti.

No Comments
Comunicati

Artista Soqquadro vince un Premio a Londra

L’artista di Soqquadro Maurizio Piccirillo ha vinto un Premio per la mostra

 

 

“I AM NOT SUPERSTITIOUS”

organizzata da Art Cafè London.

 

La mostra si svolge dal 22 al 29 aprile in una prestigiosa e suggestiva location, la

CRYPT GALLERY, ST PANCRAS CHURC, in Euston Road n. 1

 

Altri artisti partecipanti di Soqquadro: Francesca Bianchi, Tina Parotti, Ignazio Romeo

 

Selezione opere e artisti Soqquadro: Marina Zatta

 

Soqquadro è una storica associazione culturale romana, che opera dal 2000 e da allora ad oggi, sotto la Direzione Artistica di Marina Zatta ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all’estero. In questa occasione collabora con l’organizzazione Art Cafè London, una struttura che progetta mostra a Londra da diversi anni. Con Art Cafè London Soqquadro è alla sua quinta esperienza e consolida così la loro collaborazione.

 

La Mostra

 

La ” Superstizione” è una credenza di natura irrazionale che può influire sul pensiero e sulla condotta di vita delle persone che la fa propria: in particolare, la credenza che gli eventi futuri siano influenzati da particolari comportamenti senza che vi sia una relazione causale.

Pur   essendo ovvio che i comportamenti dettati da superstizione non danno “sempre” un risultato efficace, non desistiamo dal perpetuarli; tendiamo, piuttosto, ad immaginare che ci sia una qualche forza occulta che governa gli eventi stessi. Comprendiamo tutti che il gesto superstizioso non è la causa di ciò che accade ed il buon senso dovrebbe suggerirci di smettere di praticarlo. Al contrario, si preferisce insistere, nella speranza di propiziarci la sorte L’argomento ha incuriosito e ispirato molti studiosi, ora sarà il turno dei nostri artisti.

 

Lo Staff organizzativo dell’evento si avvale di figure specializzate con esperienza lavorativa a livello europeo in ogni singolo settore che concorre alla messa in opera dell’evento stesso.

Dall’area logistica a quella tecnica dalla comunicazione alla gestione e posa in essere del progetto

 

I curatori artistici sono legati agli ambienti espositivi internazionali, in particolare londinesi e parigini, oltre che italiani.

 

Organizzazione Art Cafè London

Curatela Nadia Spita

Patrocini: Regione Toscana, Provincia di Pisa, Comune di Pisa, Università di Pisa, S.p.a. Navicelli di Pisa, Confcommercio, Fondazione Pisa

Info: [email protected]www.soqquadroarte.it

No Comments
Comunicati

Esposizioni Virtuali

Esposizione Personale di Arte Contemporanea in realtà aumentata 3D: Futuro Adesso

Artista: Federico Pisciotta

Quando: dal 13 al 20 aprile 2015

Inaugurazione: lunedì 13 aprile, dalle 18.30 alle 21.00.

Dove: VGallery1 – Cento Virtual Space, www.centovirtualspace.com

 

Esposizione Personale di Arte Contemporanea in realtà aumentata 3D: Forms of Multitude

Artista: J.D. Doria

Quando: dal 14 al 21 aprile 2015

Inaugurazione: martedì 14 aprile, dalle 18.30 alle 21.00.

Dove: VGallery0 – Cento Virtual Space, www.centovirtualspace.com

 

Curatore: Pamela Cento

Coordinator: Giulia Antonelli

Staff: Cento Produzioni Arte & Comunicazione.

Info: www.centoproduzioni.com www.centovirtualspace.com – Gruppo Facebook: Cento Virtual Space – www.federicopisciotta.com – www.jd-doria.com

Produzione: Cento Produzioni Arte e Comunicazione.

 

Il Cento Virtual Space è il nuovo spazio virtuale che apre con le tre gallerie (VGallery1,   VGallery0 e VGallery00) che coniugando passato, presente e futuro racchiude all’interno del proprio spazio web multiformi generi e linguaggi artistici all’insegna dell’arte contemporanea. Nel Cento Virtual Space si realizzano esposizioni d’arte in realtà aumentata 3D, un’innovativa opportunità per l’artista e il fruitore di vivere una potente e differente esperienza artistica.

 

Il nuovo spazio dedicato all’arte aprirà con due esposizioni.

Presso la VGallery1, da lunedì 13 aprile per una settimana, si potranno ammirare le opere di Federico Pisciotta nell’esposizione “Futuro Adesso”.

Opere segnate da un figurativo pittorico che unisce la pittura tradizionale con una ricerca artistica ricca di tecnica e contenuti proiettati verso un futuro talmente prossimo da farsi prepotentemente presente. Simboli e icone del mondo contemporaneo e personaggi che vivono nella solitudine davanti al monitor di un computer, davanti ad un bicchiere di whisky quasi finito, o dentro gli interni di un market dove sembra abbiano passato tutta la loro esistenza.

Vite consumate, e loro, personaggi tremendamente umani nella sostanza, hanno l’espressione attonita come stupiti di una vita di cui non riescono a cogliere il senso e il verso, rimangono in stand by, aspettano silenziosamente e inermi che qualcuno li salvi, li trascini via da lì premendo il play per un nuovo avvio, per un’altra storia, dove si possa ancora vivere. (testo di apertura all’esposizione Futuro Adesso di Pamela Cento).

 

Presso la VGallery0, da lunedì 14 aprile per una settimana, si potranno ammirare le opere di J.D. Doria nell’Esposizione “Forms of Multitude”.

Con lo scanner 3d J.D. Doria entra nell’infinitamente piccolo, attraverso le trame del codice digitale entra in modo progressivo nel dipinto fatto a mano (originario), tra esso e dentro esso si muove alla ricerca della forma esteticamente potente, che funzioni. Trovata, ne ferma il flusso del suo divenire in sequenziali istanti fotografici che, nella moltitudine, segnano la progressiva ricerca e trasformazione. Sono fasi di ricerca di frammenti di flusso di tempo, pieni di storia dell’opera stessa: pieni del prima (creazione dell’opera pittorica manuale originale e opera stessa in quanto materia), del durante (ricerca con lo scanner 3D e scatti   fotografici sequenziali di porzioni dell’immagine “primaria”, è in questa fase che l’ opera d’arte prende nuova forma) e del dopo (moltitudine mutante dell’immagine originaria e selezione delle immagini fotografiche che diventeranno opera d’arte stessa, in un rinnovamento nel contenuto e nella forma a tal punto da perdere le sue connotazioni primitive), dal testo critico di presentazione all’ esposizione di Pamela Cento.

No Comments
Comunicati

STORIA DELLA CARICATURA CALLIGRAFICA A TORINO

CONVEGNO NEL SALONE D’ONORE DI PALAZZO BAROLO

Torino: sabato 18 aprile 2015, alle ore 15.30 nel Salone d’Onore Palazzo Barolo, con ingresso in Via Delle Orfane, 7, oppure in Via Corte d’Appello 20/C, si svolgerà il Convegno dal titolo Storia della Caricatura Calligrafica. L’evento, ad ingresso libero, è curato da Raffaele Palma, in collaborazione con l’Associazione “Dal Segno alla Scrittura” e il C.A.U.S. – Centro Arti Umoristiche e Satiriche.

Un’iniziativa particolare, che merita l’attenzione degli addetti ai lavori: si tratta del Convegno “Storia della Caricatura Calligrafica” che si svolgerà a Torino, sabato 18 aprile 2015, alle 15.30, nella splendida cornice del Salone d’Onore di Palazzo Barolo.

L’avvenimento pone termine al ciclo riservato alla Storia della Caricatura Calligrafica, ideato dal C.A.U.S. – Centro Arti Umoristiche e Satiriche. Dopo la Mostra e il Convegno del 2014 “La Caricatura Calligrafica”, egregiamente ospitata dalla Biblioteca Civica Natalia Ginzburg, l’appuntamento si rinnova su gradito invito dell’Associazione “Dal Segno alla Scrittura”.

Nell’incontro dell’anno scorso, si affrontarono le origini e i prolegomeni della figurazione caricaturale e calligrafica. Disegnare con le lettere, è un’arte antichissima, sviluppata soprattutto nel mondo arabo, ma la storia della grafica umoristica non ci ha consegnato che rari esempi d’indagine e approfondimento della caricatura calligrafica. Recentemente, in casi assai sporadici, la cartellonistica teatrale e cinematografica occidentale degli anni cinquanta e sessanta, ha utilizzato grafemi, che componevano il nome dell’attore comico, per caricaturarlo.

Durante l’incontro, ad ingresso libero, si completerà dunque il discorso intrapreso, analizzando lo sviluppo della caricatura sintetica e calligrafica, moderna e contemporanea. Si esaminerà la cronaca delle avanguardie artistiche del ’900, della grafica pubblicitaria, del graffitismo e della web ed emoticon art, soffermandosi su grandi “interpreti”, quali Severini, Picasso, Kandinsky e Klee. Nello scorrere delle immagini proiettate, si potrà constatare come le lettere possano dileggiare personaggi potenti o di successo, offrendone un ritratto deformato che genera un nuovo stile: il logomorfismo.

All’evento parteciperanno noti umoristi quali Claudio Francesco Puglia, Gianni Soria, Carlo Sterpone, Raffaele Palma e Piero Ferraris.
Il convegno segue a ruota la X Mostra Internazionale di Caricatura Calligrafica – “Nome Omen, ideata di Raffaele Palma con la collaborazione di Piero Ferraris e Tullio Macrì, a cui hanno preso parte artisti di tutto il mondo. Le opere, scelte dalla giuria, composta da Claudio Puglia, Gianni Soria e Ugo Sajini, sono visibili sul sito: www.caus.it, alla voce “Caricatura Calligrafica”.

Per ogni informazione: [email protected]
Telefono 339 60 57 369
Ufficio Stampa: Piero Ferraris

No Comments
Comunicati

Arredare con l’arte

Un’opera d’arte per arredare? Perché no!

È ormai una vera e propria tendenza a livello mondiale quella che vede gli oggetti d’arte (quadri, sculture, stampe e foto) come elementi di arredo fra le pareti domestiche.  Qui da noi c’è chi ha recepito l’idea di “Arte Accessibile” e ha deciso di portare la sua proposta online: è la blogger Laura Guadagnucci, amante del bello in tutte le sue forme.

Da una sua idea, o forse è meglio dire da un suo sogno è nata Livin’Art, la galleria online che permette di acquistare sculture, quadri, stampe, foto d’autore.

“La scuderia di Livin’Art è una vera e propria squadra di artisti contemporanei che cresce di settimana in settimana – afferma Laura – quello che pareva un fenomeno di nicchia sta diventando una tendenza reale anche in Italia e gli artisti, che capiscono le cose prima degli altri, ci contattano quotidianamente per proporre le proprie opere. La selezione è però severissima, scegliamo solo ciò che può rendere la vita delle persone migliore”.

Un’opera d’arte in casa migliora la vita, lo afferma anche uno studio italiano di pochi anni fa. La passione per l’arte, favorendo la produzione di dopamina, influenza in modo permanente le strutture del cervello; si tratta di modifiche che migliorano la qualità della vita e favoriscono il piacere ma sono utili anche in caso di criticità perché supportano le reazioni di fronte alle difficoltà.

“A contattare Livin’Art – prosegue Laura – sono anche le aziende, molti imprenditori hanno infatti capito che la bellezza in ufficio o in fabbrica, rende più armoniosa la convivenza, a tutto vantaggio del benessere sul luogo di lavoro. Non mancano, fra i nostri fans, architetti, arredatori e designers”.

Sulla galleria d’arte online Livin’Art i prezzi partono da 90 €.

No Comments
Comunicati

FEP 2015: Maurizio Marcato insignito del “Distinction Award”

Verona, marzo 2015 – Oltre ad essersi classificato tra i dieci finalisti del Concorso Europeo di Fotografia professionale 2015 organizzato da FEP, la Federazione Europea dei Fotografi Professionisti, Maurizio Marcato ha ottenuto il “Distinction Award” nella categoria delle “Immagini commerciali”, arrivando secondo. Lo scatto premiato appartiene alla campagna pubblicitaria di Bertelè mobili, azienda veronese leader nel settore dell’arredamento Made in Italy.
FEP, l’istituzione di riferimento centrale per la fotografia professionale in Europa che rappresenta oltre 50.000 fotografi professionisti, ogni anno organizza gli “European professional photographer of the year awards” con lo scopo di promuovere e premiare gli standard fotografici più elevati. Nella categoria commerciale Maurizio Marcato è stato l’unico fotografo italiano ad essere premiato.
L’artista veneto è al quinto riconoscimento ricevuto dalla Federation of European Photographers negli ultimi sei anni. L’anno scorso si è aggiudicato il primo posto nella categoria “Immagini commerciali” con lo scatto realizzato per la campagna pubblicitaria del Gruppo Testi, prima nel 2012 gli era stato assegnato il primo premio nella categoria ritratti con un’immagine tratta dalla sua mostra “Mother water”, nel 2011 si era aggiudicato il terzo premio nella categoria commerciale con un’immagine scattata per l’azienda di design Lago e nel 2010 aveva vinto il primo premio come miglior libro monografico di fotografia europeo.
“È un onore aver partecipato a questo prestigioso concorso” ha dichiarato il fotografo Maurizio Marcato. “La Federazione Europea dei Fotografi è una rete che conta 33 associazioni nazionali di fotografi professionisti, provenienti da 29 paesi europei. Grazie a queste occasioni si può entrare in contatto con realtà diverse dalla nostra, promuovendo a livello mondiale l’eccellenza fotografica e il merito artistico di chi fa di questo lavoro una vera e propria passione di vita”.

Creatore di immagini corporate e campagne pubblicitarie, Maurizio Marcato ha realizzato con creatività fotografie fuori dall’ordinario, esaltando l’innovazione e l’importanza della comunicazione odierna. Noto a livello internazionale come la forza ideatrice dietro a famosi marchi (Lago, Bialetti, Sicis), collaborazioni con testate giornalistiche e progetti in tutto il mondo, Maurizio Marcato ha creato veri e propri reportage che testimoniano gli avvenimenti, le tendenze e i gusti contemporanei, mettendone in luce le caratteristiche più velate. Il suo eccellente talento creativo e comunicativo, dove arte e realtà si fondono completamente, emerge in immagini iconiche che hanno cambiato l’approccio alla fotografia. Progetti, strategie di comunicazione, mondo dei media: la qualità dei suoi lavori è stata riconosciuta da numerosi premi vinti nel corso degli anni, oltre ai FEP, anche gli “International Photography Awards” nel 2007, nel 2008 e nel 2012.

Maurizio Marcato Press office:
Elisa Andreatta – [email protected]
www.mauriziomarcato.com – +39 045 6050601

No Comments
Comunicati

La rinomata Maria Pia Severi nella mostra collettiva “Riflessioni Contemporanee” con i suoi scatti suggestivi organizzata dal manager Salvo Nugnes presso alla Milano Art Gallery di Bassano del Grappa

La talentuosa fotografa Maria Pia Severi rientra nel selezionato gruppo di partecipanti all’attesissima mostra collettiva intitolata “Riflessioni Contemporanee” prevista dal 28 Febbraio al 29 Marzo 2015 presso l’esclusiva galleria bassanese “Milano Art Gallery” ubicata in via Portici Lunghi 37. L’evento, che raduna esponenti affermati del panorama odierno, verrà inaugurato in data Sabato 28 Febbraio alle ore 18.00 ed è organizzato dal manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’Associazione “Spoleto Arte“. La Severi è reduce dalla positiva partecipazione alla mostra collettiva allestita dal 17 Gennaio al 10 Febbraio nello storico Museo Gipsoteca Canova a Possagno e inaugurata da Vittorio Sgarbi, attualmente sta esponendo all’interno del prestigioso Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio a Pescara, con la curatela di Sgarbi.

 

L’arte fotografica della Severi è rappresentativa di un anfratto intimo del proprio sé, del proprio ego introspettivo, frutto della spiccata sensibilità di una donna moderna e artista a tutto tondo, che vuole raccontare e condividere con il fruitore le sue esperienze e i ricordi di vita canalizzati dentro l’obiettivo. Ciascuno vi può trovare importanti e arricchenti punti di contatto, di confronto, di dialogo, di comunicazione e interpretazione aperta. Il suo scatto d’autore è manifestazione concreta e tangibile di un “angolo intimo” che viene impresso nelle immagini immortalate ed è sinonimo di rivendicazione di libertà di pensiero, di espressione spontanea, incondizionata, di azione non premeditata e svincolata da barriere e freni inibitori e scorre e si snoda attraverso un misterioso e avventuroso viaggio di scoperta, fantasioso, immaginario, nel quale convogliare e coinvolgere anche lo spettatore.

 

Su di lei è stato scritto “Il mondo da cui attinge la Severi è pieno di spunti onirici, fantastici, surreali. Ricordi e appunti di viaggi e incursioni itineranti in luoghi e contesti, che l’affascinano e la colpiscono, diventano la fonte ispiratrice per raccontare e descrivere ‘squarci di vita’ immortalati dall’obiettivo e personalizzati attraverso il suo intuito innato di professionista della fotografia d’autore. Silhouettes femminili si alternano e si accompagnano a visioni di architettura paesaggistica e urbana. Le città e i soggetti vengono volutamente proposti con contorni sfuocati e rievocati in una cornice speciale di evanescenza e non nitidezza dell’immagine. Le rievocazioni sono avvolte da un’atmosfera di vibrante movimento dinamico, che appare in costante e continuo divenire trasformativo, una ‘patina virtuale’ che le colloca dentro una dimensione in bilico tra reale e irreale, sogno e realtà, apparenza ed essenza”.

No Comments
Comunicati

MAURIZIO MARCATO TRA I 10 MIGLIORI FOTOGRAFI EUROPEI DEL 2015

Il fotografo Maurizio Marcato è stato anche insignito del premio europeo nella categoria “immagini commerciali” con gli scatti realizzati per le campagne pubblicitarie di Bizzotto mobili, Sicis mosaici e Bertelè mobili dalla Federazione Europea dei Fotografi Professionisti

Verona, Febbraio 2015 – Maurizio Marcato tra i vincitori del Concorso Europeo di fotografia professionale 2015 organizzato da FEP, la Federazione Europea dei Fotografi Professionisti. Gli scatti dell’artista, scelti su oltre 3000 foto arrivate, hanno fatto entrare il fotografo nella rosa dei 10 migliori fotografi europei del 2015 che concorreranno per il “Photographer of the Year 2015”, il più alto premio della Federazione, che sarà annunciato in occasione delle premiazioni ufficiali il 1° marzo a Trieste. Tra i dieci finalisti, Maurizio Marcato si è aggiudicato, anche, il “Distinction Award”, secondo posto nella categoria “Immagini commerciali”. Gli scatti in gara sono stati realizzati per le campagne pubblicitarie di Bizzotto mobili, Sicis mosaici e Bertelè mobili, ma solo il 1° marzo sarà svelata l’immagine vincitrice.
FEP, l’istituzione di riferimento centrale per la fotografia professionale in Europa che rappresenta oltre 50.000 fotografi professionisti, ogni anno organizza gli “European professional photographer of the year awards” con lo scopo di promuovere e premiare gli standard fotografici più elevati. Nella categoria commerciale Maurizio Marcato è stato l’unico fotografo italiano ad essere premiato.
L’artista veronese è al quinto riconoscimento ricevuto dalla Federation of European Photographers negli ultimi sei anni. L’anno scorso si è aggiudicato il primo posto nella categoria “immagini commerciali” con lo scatto realizzato per la campagna pubblicitaria del Gruppo Testi, prima nel 2012 gli era stato assegnato il primo premio nella categoria ritratti con un’immagine tratta dalla sua mostra “Mother water”, nel 2011 si era aggiudicato il terzo premio nella categoria commerciale con un’immagine scattata per l’azienda di design Lago e nel 2010 aveva vinto il primo premio come miglior libro monografico di fotografia europeo.
“Sono felice di essere fra i premiati di FEP, una Federazione autorevole nel campo della fotografia che ancora oggi riesce a dare valore al lavoro di artisti in tutta Europa” afferma Maurizio Marcato “Un campo, quello della fotografia, che vede sempre più un cambiamento, un evolversi sia di pensiero che di tecniche. Nelle mie foto realtà e finzione si intersecano e uniscono in maniera inseparabile, il prodotto o il set o gli oggetti possono essere reali o virtuali senza esclusione di colpi, la partecipazione emotiva di chi costruisce il cuore dell’immagine non viene intaccata e la fantasia, nelle immense possibilità offerte da questa tecnica, non conosce limiti”. “Concludendo” dice l’artista “sono fiero del fatto che questo premio unisca la mia visione artistica e la mia visione commerciale, una forza ibrida che tento di unire in ogni mia singola produzione, sia essa per una mia mostra personale che per un cliente”.

Maurizio Marcato é un fotografo poliedrico e sempre attivo anche a livello internazionale, molti sono infatti i progetti realizzati tra Giappone e Stati Uniti. I suoi interessi spaziano dal reportage al ritratto, dall’architettura alla paesaggistica, fino alle foto d’arte e di ricerca. Dagli anni ’80 collabora con molte riviste di design ed aziende per la creazione di immagini pubblicitarie e industriali, dal 2004 è docente di fotografia presso la Facoltà di Design del Politecnico di Milano.

Maurizio Marcato Press office:
Elisa Andreatta – [email protected]
www.mauriziomarcato.com – +39 045 6050601

No Comments
Comunicati

Carta fotografica per uso amatoriale e per studi fotografici

Con l’avvento della nuova tecnologia, i giovani che portano sempre con sé il loro smartphone, trovano più semplice e comodo scattare le foto con il loro dispositivo per poi passarle al computer o svilupparle nella carta fotografica della stampante di casa.
Con la commercializzazione di smartphone e tablet è sempre più improbabile l’utilizzo della macchina fotografica e lo sviluppo delle foto per mano dei fotografi.

I Tipi di carta fotografica

Scegliere il tipo di carta fotografica più adatto alle nostre esigenze non è sempre facile, tutto dipende dal tipo di lavoro che bisogna eseguire. I parametri utili ad identificare una carta di qualità sono la finitura, lo spessore ed il peso.

La finitura della carta utilizzata per stampare le foto può essere lucida od opaca, ed è proprio questa caratteristica che influisce sulla brillantezza della foto. La carta lucida generalmente viene utilizzata per uso amatoriale e può essere paragonata a quella utilizzata negli studi fotografici, mentre quella opaca è in grado di conferire un aspetto più delicato alla foto e può essere utilizzata su tutti e due i lati.

Tra quella opaca e quella lucida sono stati ideati tanti altri tipi di carte semi-lucide che vengono raggruppate sotto il nome di “carta lustre”.

Altri parametri fondamentali che ci aiuteranno a fare un acquisto sicuro sono lo spessore ed il peso, quest’ultimo può variare da 120 gr/m2 a 280 gr/m2. Per risultati migliori e professionali ti consiglio di utilizzare una carta fotografica con un peso maggiore.

Le dimensioni della carta fotografica

I formati carta più comuni utilizzati per stampare una foto sono:

  • A6 (10×15 cm);
  • A5 (15×21 cm);
  • A4 (21×30 cm);

Ne esistono altri con dimensioni superiori come nel caso dei fogli A1 (594×841 cm), A2 (420×594 cm), A3 (297×420 cm), i quali però non sono di certo utilizzati per stampare delle comuni foto.

No Comments
Comunicati

Online 4-Clip.com, il portale per il servizio di post produzione immagini

La soluzione online per l’image editing, al tuo servizio con un click!

“Un’immagine vale più di mille parole”.

È questa la frase che si sente ripetere, soprattutto nel mondo della pubblicità. Ed è vero, le immagini sono un potente mezzo comunicativo ed entrano a far parte della nostra vita fin dalla nascita. La loro immediatezza e la capacità di dimostrare efficacemente un concetto le rendono indispensabili per attrarre il pubblico, ancor più del testo, il quale richiede molta attenzione.

Le immagini sono facili da usare, il digitale è alla portata di tutti ed esistono anche programmi di editing come Photoshop che permettono di elaborare e migliorare gli scatti. Esistono anche moltissimi siti online low cost che consentono di ottenere dei prodotti visivi i quali però, possono essere validi per un sito amatoriale o un blog ma non per chi lavora seriamente nel mondo della comunicazione e delle vendite.
Chi opera in questi settori ne conosce benissimo il valore e a questi è dedicato il portale 4-Clip.com, un servizio online utilizzato da brand nazionali e globali, grandi agenzie di pubblicità e web, studi, fotografi, prepress e utenti finali i quali necessitano di immagini per la propria comunicazione, online e offline.
Lanciato nel 2008, principalmente per lo scontorno delle immagini, 4-Clip.com ha successivamente ampliato i servizi gestendo un’offerta più ampia e raccolto centinaia di adesioni.

Esso offre lavorazioni come l’ottimizzazione cromatica fino al ritocco e ricostruzione immagini, il tutto all’interno di un flusso di lavoro automatizzato e personalizzabile. La varietà dell’offerta include 11 servizi organizzati in pacchetti con diverse modulazioni di prezzi in base alle attività richieste e alla quantità di immagini trattate.
4-Clip.com ha prezzi chiari e trasparenti, con un’ampia scelta di lavorazioni aggiuntive. Il servizio viene svolto entro le 72 ore, e la consegna è garantita entro le 24 ore in caso di richiesta.

No Comments
Comunicati

Vittorio Sgarbi curatore della mostra fotografica di grande successo “Da Pier Paolo Pasolini a Maria Pia Severi” esposta al Museo Casa Natale Gabriele D’Annunzio a Pescara

Si è svolto in data Venerdì 6 Febbraio dinanzi ad un nutrito pubblico, attento e partecipe, il vernissage della mostra fotografica intitolata “Da Pier Paolo Pasolini a Maria Pia Severi” curata dal critico Vittorio Sgarbi e allestita presso il pregiato contesto museale del Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio a Pescara, che resterà in loco fino al 4 marzo 2015 con l’organizzazione del manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’Associazione Spoleto Arte.

La doppia personale vede l’esposizione dei magnifici scatti inediti realizzati dal maestro fotografo Roberto Villa al celebre regista Pasolini sul set cinematografico delle riprese del famoso film “Il fiore delle mille e una notte”, nonché le suggestive immagini d’autore create dalla Severi, sperimentando una tecnica innovativa, molto originale e di sorprendente effetto coreografico d’impatto visivo.

La casa dove nacque D’Annunzio è stata proclamata monumento nazionale nel 1927, per tutelarla come edificio di notevole interesse storico e per commemorare la madre del poeta, Lucia De Benedictis, che visse lì fino al 1917. D’Annunzio ha mantenuto sempre un legame radicato e inscindibile per la sua abitazione e la concepiva come un “santuario”. Attualmente la struttura, d’impianto settecentesco, ospita al primo piano, che fu di proprietà della famiglia D’Annunzio, uno splendido museo, mentre al secondo piano si trovano gli uffici della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici dell’Abruzzo, presieduti dalla Soprintendente Lucia Arbace. Il contesto istituzionale è spesso sede di importanti iniziative artistiche, visite guidate, mostre d’arte, conferenze ed eventi culturali di forte risonanza mediatica.

Sgarbi nel commentare l’illustre figura di D’Annunzio dice “D’Annunzio rappresenta un punto di riferimento fondamentale per la cultura italiana e non solo. Ha vissuto buona parte del secolo più vivo, ha influenzato persone distantissime da lui, come Eugenio Montale e persino Claude Debussy, ha abbracciato il comportamentismo, l’estetica e il teatro fondendoli in una vita sola. Insomma un grande, come tutti i grandi non adeguatamente celebrato dal suo Paese”.

No Comments
Comunicati

Memorie dal Futuro

Memorie dal Futuro

un progetto di Marina Zatta  per

 

Soqquadro

www.soqquadroarte.it

http://associazionesoqquadro.wordpress.com/

https://www.facebook.com/pages/Associazione-Culturale

https://www.facebook.com/groups/185759801297/

 

11-22 dicembre  2014

Inaugurazione 11 dicembre ore 18.00

L’esposizione si svolgerà nelle Sala Atelier, I piano, della

Casa Internazionale delle Donne

All’evento è abbinata un’iniziativa benefica  favore dell’associazione ONLUS Peter Pan

Artisti partecipanti:

Claudia Berardinelli, Sabrina Carletti, Michele Coccioli, Saverio Feligini, Francesco Freddi, Fabrizio Giusti, Giusy Maletta, Flavia Manfroncelli, Fiorella Manzini, Nadia Misci Conter, Gisella Pasquali, Manuela Scannavini, Angelo Tricoli, Simona Vitello.

 

Curatela Marina Zatta

 Il Progetto

 

Spesso sentiamo dire: “Nell’Arte Moderna tutto è già stato detto”. Noi di Soqquadro non riteniamo sia così. Possiamo dire che dai primi del ‘900 ad oggi l’Arte si è evoluta in numerosi correnti di stile e manifesti culturali che hanno traghettato il linguaggio artistico verso sponde inedite che, nei secoli passati, sarebbero state improponibili.

L’allontanarsi della Pittura e della Scultura dalla figurazione attraverso le correnti Astratte, e la stessa evoluzione Informale, Surreale, Simbolica, del Figurativo; l’integrarsi nelle progettualità artistiche della Fotografia e, successivamente, della Video Arte e della Computer Art; le ricerche Concettuali, il percorso dell’arte Spaziale e dell’arte Povera; Pop Art, Land Art, Installazioni, Performance, possiamo senz’altro dire che gli ultimi cento anni hanno partorito con prolificità idee, stili, ricerche innovative.

Questo fa’ nascere la sensazione che tutto è già visto, niente è nuovo. Ma questa è, per l’appunto, una sensazione.

La Tecnologia e la Storia sono in continuo movimento, questo rende impossibile la staticità di qualsiasi linguaggio umano. Se cambiano gli strumenti e si modifica il contesto sociale/esistenziale, come è possibile che non ci sia nulla di nuovo da dire?

La necessità di compiere i percorsi fino in fondo spinge gli artisti è perseguire la continuazione di ricerche iniziate negli anni passati, ma l’utilizzo di un linguaggio già noto non crea necessariamente la conseguenza del “nulla da dire”. In questi anni, come è sempre avvenuto nei secoli, si avverte una “discendenza” degli artisti odierni da ricercarsi tra i grandi maestri di ieri, ma le cose che vengono dette non sono affatto le stesse.

Ogni artista, oggi come ieri, trova il suo percorso partendo da cose già svolte alle sue spalle, ciascun artista riconosce e si riconosce in figure che hanno determinato l’evolversi del linguaggio, ma il riconoscere e cercare un Maestro non gli impedirà di trovare un suo percorso personale.

Soqquadro chiede agli artisti partecipanti di quest’esposizione, di presentare i loro lavori comunicando al pubblico quale grande Maestro riconoscono come guida nelle loro opere, allo scopo di presentare una visione della mostra che consenta la coniugazione di Passato e Presente e, al contempo, offrire la possibilità di leggere i lavori attuali con la consapevolezza della storia che li accompagna e, di conseguenza, vedere e capire il percorso evolutivo degli stili presentati.

 

Parte degli artisti partecipanti hanno deciso di donare una significativa percentuale della vendita delle loro opere all’Associazione Peter Pan ONLUS e durante la serata inaugurale saranno raccolti dei fondi tra i visitatori della mostra.

 

Soqquadro nasce nell’ottobre del 2000 e da allora ad oggi ha realizzato più di 150 mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all’Estero, collaborando con circa 500 artisti, pittori, scultori, fotografi, video artisti, performer, designer. Soqquadro collabora con la Casa Internazionale delle Donne dal 2009 e vi ha realizzato diversi eventi espositivi e letterari.

 

La Casa Internazionale delle Donne è uno spazio molto vitale situato nel noto e caratteristico quartiere Trastevere, nel centro di Roma. Lo spazio è nel del seicentesco palazzo del Buon Pastore, dove per oltre tre secoli sono state rinchiuse donne imputante di “trasgressione” alle quali venivano imposti dei rigidi percorsi di “pentimento” che prevedevano la mortificazione dei corpi e l’annullamento della loro identità di persone e di donne. Questo spazio è stato riscattato dal movimento femminista romano che lo ha trasformato restaurandolo e salvandolo dal disfacimento, rendendolo un luogo dedicato alle donne e un fulcro culturale di conferenze, dibattiti, mostre.

 

L’Associazione Peter Pan Onlus offre accoglienza gratuita ai bambini malati di cancro e alle loro famiglie che da ogni parte d’Italia e del mondo giungono a Roma per essere curati nei reparti di oncologia ed ematologia degli ospedali Bambino Gesù e Policlinico Umberto I. Nelle sue 3 Case il clima di normalità e serenità che si vive contribuisce al loro recupero psicofisico. Peter Pan è casa, è parte della cura!

 

 

Location: Casa Internazionale delle Donne

Via della Lungara 19 – Via San Francesco di Sales 1A, Roma

Orari di apertura dal Lunedì al Venerdì  9.00/19.00 – Sabato 9.00/13.00

Info: www.soqquadroarte.it – [email protected]  – cell. 333.7330045

No Comments
Comunicati

“FabbricAzioni: la manifattura in un click”, il concorso fotografico presentato al XXVI Convegno annuale di Sinergie

Verona, 14 novembre 2014 – Maurizio Marcato, fotografo poliedrico italiano attivo a livello internazionale, è intervenuto oggi al XXVI Convegno annuale organizzato dalla rivista Sinergie, che si occupa di studi e ricerche delle università italiane. Il Convegno è stato ospitato dall’Università di Cassino, in provincia di Frosinone.
Dal 1989 questo evento itinerante si pone come punto di incontro per studiosi e ricercatori appartenenti al settore economico-manageriale e quest’anno ha sviluppato il tema del futuro della manifattura, realizzando un concorso fotografico intitolato “FabbricAzioni: la manifattura in un click”. Maurizio Marcato, grazie ai suoi quarant’anni di esperienza nel settore, è stato scelto dall’Università di Verona per partecipare come presidente della commissione di giuria e ha decretato i vincitori del concorso, non fotografi professionisti, ma ricercatori e professori delle università italiane. I partecipanti hanno evocato, attraverso le loro immagini, il mondo della manifattura e della fabbrica nelle loro differenti sfaccettature.
“La fotografia, essendo uno strumento ad altissima potenzialità comunicativa, deve contribuire nel racconto della realtà italiana” ha dichiarato Maurizio Marcato. “La fabbrica, il mondo manifatturiero e la nostra territorialità devono essere preservati e promossi attraverso le immagini. La fotografia è in grado di racchiudere tutto il senso evocativo della storia italiana.”
Riferendosi alle fotografie premiate dalla giuria, Maurizio Marcato ha aggiunto “Semplici scatti che  narrano la dimensione della fabbrica, attraverso architetture decise e dinamiche, evocando l’atmosfera dei luoghi di lavoro abbandonati o quella dei laboratori artigianali immersi nella loro bellezza”.

Maurizio Marcato Studios:
[email protected]
www.mauriziomarcato.com
+39 045 6050601

Terzomillennium Press Office:
Elisa Andreatta
[email protected]
www.terzomillennium.net
+39 045 6050601

No Comments
Comunicati

Grandi apprezzamenti per gli scatti di luce di Jacqueline Domin a “Spoleto incontra Venezia”

 

La grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” è giunta al termine ottenendo vastissimi consensi generali nei due pregiati contesti espositivi a Venezia in cui è stata allestita dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich. L’evento, a cura di Vittorio Sgarbi con la direzione del manager produttore Salvo Nugnes, ha radunato esponenti illustri del panorama attuale. Nel novero dei partecipanti la rinomata fotografa Jacqueline Domin ha proposto con ottimi apprezzamenti i suoi originali scatti d’autore.

La Domin lavora senza l’utilizzo del flash, le bastano i riflessi prodotti dai riverberi naturali, poiché si affida alla straordinaria potenzialità della luce. Sul particolare stile che la contraddistingue e la rende inconfondibile è stato scritto “Nelle immagini traspare una luminosità, che trasforma i paesaggi in icone, in raffigurazioni di stile sacro. Il suo occhio arguto e perspicace si lascia guidare dal biancore cangiante per poi insinuarsi nei pori naturali e negli anfratti nascosti, tra i velati spazi d’acqua e le onde verdeggianti delle pianure erbose. Si avvale di tonalità colorate sempre di una gradazione sopra o sotto la cromia reale, capaci di allacciare i fili segreti che uniscono il macrocosmo al microcosmo, l’infinitamente piccolo all’infinitamente enorme, in un intreccio compositivo di equilibrata armonia d’insieme“.

Le raffigurazioni della Domin trasmettono emozioni e suggestioni dal potente impatto visivo. Maestra dell’arte fotografica di formazione autodidatta, attraverso l’uso delle sfumature cromatiche e dei bagliori luminosi esalta il messaggio introspettivo contenuto nell’attimo fuggente immortalato e lo rende eterno e sempre presente. Le opere fanno riflettere l’osservatore mediante il sapiente uso della dicotomia del gioco tra luci e ombre, chiaro-scuro. L’obiettivo diventa il filtro per cogliere e trasfigurare il reale, personalizzandone la proiezione e fissandola nel tempo con vigorosa forza rievocativa.

No Comments
Comunicati

La celebre fotografa Jacqueline Domin espone i suoi scatti a “Spoleto incontra Venezia”

Nell’esclusivo comparto dei talentuosi artisti scelti per partecipare alla grande mostra di “Spoleto incontra Venezia” a cura di Vittorio Sgarbi con la direzione organizzativa del manager produttore Salvo Nugnes, rientra la fotografa Jacqueline Domin con le sue originali immagini d’autore di suggestivo impatto emozionale. L’esposizione di portata internazionale si svolge a Venezia all’interno di due location di prestigio, il Palazzo Falier e il Palazzo Rota-Ivancich, dal 28 Settembre al 24 Ottobre 2014 e ospita personalità importanti tra cui Dario Fo, Eugenio Carmi, Pier Paolo Pasolini, José Dalì.

La Domin spiegando il suo modo di fare e concepire l’arte sottolinea “L’arte per me è una meravigliosa liberazione da tutti i freni inibitori, osando, aprendo il cuore senza pregiudizi, lasciandosi andare in una realtà diversa da tutto quello, che credevamo conoscere. L’ispirazione artistica è uno stato intimo di felicità pura, di pienezza e di voglia di partecipare. Il messaggio subliminale inserito nei miei scatti fotografici è che siamo figli dell’acqua e delle stelle, arrivati per ultimi su questo splendido pianeta. Non siamo superiori a nessuno, rispettando il diverso per quello che realmente è faremmo del bene anche noi stessi di rimando”.

Sul ruolo dell’arte nella società attuale spiega “L’arte oggi è come una simbolica boccata d’ossigeno. Qualunque forma d’arte in un mondo così velocizzato e automatizzato ti permette di soffermarti, lasciandoti andare alle emozioni e alla riflessione. Io mi considero una testimone e una grande osservatrice nel mondo dell’arte contemporanea”.

No Comments
Comunicati

La Magia Dell’Immagine – Franco Cavalleri

GIOVEDÌ’ 23 OTTOBRE esposizione fotografica!

Nuova stagione, nuova location e nuovi protagonisti per l’aperitivo più innovativo che ci sia!!

I PH entrano nel loro terzo anno di vita e approdano nella prestigiosa vetrina del G Lounge di Via Larga 8, nel cuore di Milano, ai piedi della Torre Velasca e dietro Piazza Duomo.

Giovedì 23 Ottobre ospite di Purple Hours è il fotografo Franco Cavalleri, grande virtuoso della macchina fotografica e dell’illusione visiva.

Così descrive le sue opere:
Un viaggio nella illusione che luci, ombre, colori e materiali creano combinandosi, facendoci vedere ciò che in realtà non è. Immagini che si rivelano essere semplici illusioni, o effetti di magia. Luci che schiantano il buio, buio che ingoia la luce, forme e colori che cambiano. Un’esplorazione di come anche ciò che nella memoria collettiva, nella accezione comune, è ritenuto stabile e solido, anzi della solidità e della stabilità ne è il simbolo stesso, può al contrario rivelarsi fragile, indefinito, dai colori e dalle forme mutevoli e mutanti in ogni momento, capace di trasformarsi in una massa informe e deforme.

“Qualcosa che non è, o che è altro rispetto all’originale.”

Twitter: @cssteurope
Linkedin: http://it.linkedin.com/in/francocavalleri/

*******************************************************
N.B. L’AREA C il Giovedì termina alle 18.00, quindi niente scuse, potrete parcheggiare direttamente fuori dal locale!!

E non dimenticate, grazie a Camaloon.com, il Purple ha il suo gadget…venite a prenderlo!!
www.camaloon.com

Vi aspettiamo Giovedì 23, dalle 19.00 al G Lounge di Via Larga 8.

Ingresso libero
Buffet + consumazione: 10€

Per Info&Prenotazioni 338.8971323
www.purplehours.com

No Comments
Comunicati

Effetti Collaterali – eventi documentaristici e di video arte – teatro

“EFFETTI COLLATERALI”

Eventi collaterali alla mostra collettiva

“Analisi Illogica”

Progetto di Silvia Cicio per

Soqquadro

http://associazionesoqquadro.wordpress.com/

 

11/ 31 ottobre 2014.

 

Evento inserito nella

Giornata del Contemporaneo di

A.M.A.C.I.

Ass. Musei di Arte Contemporanea Italiani

http://www.amaci.org/gdc

 

 

In occasione della mostra “ Analisi illogica” presso la Casa Internazionale delle Donne a Roma in via della Lungara 19, che vede la partecipazione degli artisti: Daniela Boccaccini, Michele Caria, Linda D’Arrigo, Michele Franceschini, Marilena La Mantia, Maria Carla Mancinelli, Flavia Manfroncelli, Giovanni Mangiacapra, Cinzia Munari, Maurizio Piccirillo, Anna Pichierri, Franco Pompei, Elisabetta Pogliani,  Paolo Schifano, Scegle, Angela Scappaticci, Gloria Tranchida, verranno presentati degli eventi collaterali a cura di Anna Di Matteo, dal titolo: “Effetti Collaterali”.

 

Presentazione degli Eventi:

Lunedì 20 ottobre dalle ore 17:00 alle ore 19:00, partecipazione del Collettivo/Laboratorio Artistico Indipendente Colectivo Fujakkà con la proiezione del documentario “Ahora, no aquí” girato per i quaranta anni dal Golpe militare in Cile.

Il documentario si inserisce bene nelle dinamiche e nelle politiche della Casa Internazionale delle Donne che ospita questa mostra dando voce in particolare a testimonianze al femminile. Getta una luce sul significato della memoria, sull’importanza del ricordare, anche quando farlo è doloroso.

 

Giovedì 23 ottobre dalle ore 17.00 alle ore 19.00 videoinstallazione “Una donna dorme” di Leo Canali. L’opera è progettata site-specific, con la partecipazione della performer Federica Lenzi. “Ci assentiamo nel sonno, e dove andiamo? Questo giacere tra lenzuola come un riposare tra lembi di carne, un grembo che fu di nostra madre e nostro. Luogo che abbiamo abitato. Luogo abbandonato per un nome solitario. Che queste lenzuola ne facciano il verso? Torniamo mai laggiù? “

 ( L.Canali).

 

L’idea è creare degli effetti collaterali a una mostra come Analisi Illogica, centrata  sull’analisi della comunione dell’estro istintivo e del lavoro razionale, entrambi familiari al genio artistico.

 

Gli effetti collaterali sono un’altra faccia della stessa medaglia.

 

Analisi Illogica è tutto ciò che attraversa l’Analisi delle realtà della nostra esistenza, innumerevoli sono le “analisi illogiche” o irrisolte che segnano la storia, ma anche quelle che rappresentano gli strati più reconditi dell’inconscio umano analizzandone si la realtà, ma nel suo mistero, nelle sue contraddizioni.

 

Tutto questo sono gli eventi collaterali che contribuiranno ad allargare i linguaggi artistici presentati alla mostra, in una comunione con le arti elettroniche.

 

20 OTTOBRE ORE 17:00/19:00: Colectivo Fujakkà: “Ahora, no aquí”.

23 OTTOBRE ORE 17:00/19:00 : Leo Canali: “ Una donna dorme”, performer: Federica Lenzi.

 

Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, Roma.

Orari di apertura della mostra dal lunedì al venerdì 9.00/19.00, sabato 10.00/13.00.

Giorni di chiusura la domenica e il 24 ottobre

 

Info: [email protected] – cellulare 333.7330045 ; 

[email protected] – cellulare 3481651528.

No Comments
Comunicati

“Visioni digitali” – Mostra fotografica antologica di Gianluca Bernini – Ass. Artès

L’Associazione Artès, in collaborazione con Villa Giulia, è lieta di invitare il pubblico alla mostra fotografica antologica di Gianluca Bernini intitolata “Visioni digitali”.

L’inaugurazione della mostra si svolgerà il giorno Lunedì 8 Settembre 2014 alle ore 18,00 presso Villa Giulia, in Via Roma n. 18 a Sant’Ilario d’Enza (RE), sala al primo piano.

Durante l’inaugurazione sarà offerto un aperitivo.

L’esposizione resterà allestita fino a Domenica 21 Settembre 2014 compresa e si potrà visitare tutti i giorni dalle ore 9,00 alle ore 24,00. Entrata libera.

La mostra 

L’esposizione propone alcune immagini già esposte in diverse mostre realizzate in questi anni dall’associazione Artès e curate dal suo presidente, Sara Bernini.

Alcuni di questi scatti sono stati esibiti prima nella mostra “Del colore, della forma ed altre visioni” (13-27 Giugno 2009, Galleria Ground’s Art, Via Nazario Sauro a Parma), evento realizzato in collaborazione con l’associazione 360° che gestiva la galleria (sia la struttura che questa seconda associazione non sono più attive, attualmente) e, successivamente, in occasione della mostra “Panta Rei” (svoltasi nei giorni 12-20 Settembre 2009, a Gattatico, RE); si tratta di fotografie rappresentanti alcune vecchie case in preda alla vegetazione che trasmettono un senso di perdita e di passaggio verso una fase di decadenza, vivificate attraverso viraggi dai colori vitali, che però hanno in sé un senso di ciò che è perduto per sempre.

Come spiegato nella presentazione di “Panta Rei” (“Tutto scorre” in greco) queste immagini “[…] ci fanno notare il passaggio ciclico del tempo e delle stagioni osservando, ad esempio, un vecchio edificio di Praticello di Gattatico davanti al quale l’autore passa ogni volta che va o torna dal lavoro: la “Casa dei Rampicanti”.

Immagini che hanno qualcosa di strano, qualcosa di decadente e quasi “gotico”, con dei colori che ricordano atmosfere di un certo cinema contemporaneo, quale ad esempio quello di Tim Burton.

Un passaggio dall’estate all’autunno, da un mondo vegetale lussureggiante ad uno scenario di rami secchi che si stagliano nel cielo, un cielo un po’ pesante tipico del periodo più “scuro” dell’anno. Così come si passa da colori lucenti e vivi a colori meno carichi e più meditativi. […]”

Dopo questo passaggio, questo sentire la vita che scorre, si arriva ad una serie di immagini tratte da altre mostre.

Una di queste è Alpha e omega, tratta dal “I° Salon de la Chouette”, la prima mostra collettiva degli artisti di Artès, svoltasi dal 3 al 17 Ottobre 2009 sempre presso la Galleria Ground’s Art di Parma, una composizione realizzata ripetendo 4 volte la stessa immagine, ma come fosse allo specchio e con viraggi differenti, rappresentanti uno strano personaggio a tre occhi nato dall’immaginazione di un  noto writer parmigiano e che ci pone di fronte al tema del doppio, dello specchio, argomento poi ripreso in una mostra successiva di Gianluca e Sara Bernini, “Echolalia”.

Altre immagini esposte sono appunto alcuni scatti tratti dalla mostra appena citata, svoltasi dal 12 al 27 Giugno 2010 sempre presso la Galleria Ground’s Art.

“Echolalia” e le opere di Gianluca Bernini erano, in quel caso, così contestualizzate:

[…] La parola Ecolalia (echolalia in inglese) indica l’automatica e involontaria ripetizione di suoni e parole espressi da un’altra persona che non siamo noi. E’ una caratteristica legata strettamente all’ecopraxia, l’automatica ripetizione di movimenti fatti dalle altre persone, e si ritrova in diverse patologie come l’autismo, la sindrome di Tourette, l’afasia (disturbo della comprensione e/o della produzione del linguaggio), la sindrome di Rubinstein-Taybi, la schizofrenia, la sindrome di Asperger e l’Alzheimer, sebbene in alcuni casi possa anche essere solo un semplice tic.

Un sintomo, comunque, legato ad una forma di chiusura in un proprio mondo, un’eco di ciò che viene da fuori ma che difficilmente può entrare in relazione con ciò che abbiamo dentro.

Oltre a questo, d’ispirazione al titolo è stato un brano del gruppo musicale “Dead Can Dance” che si chiama proprio in questo modo, essendo basato sulla ripetizione ritmica – che potremmo definire sciamanica – di alcune parole da parte di un coro maschile, prima, e femminile poi.

Ecco quindi in mostra la ripetizione di immagini che riproducono l’insolito, un mondo che segue altre regole rispetto a quelle usuali.

Gianluca Bernini espone diversi scatti che propongono i volti dipinti sui muri di personaggi strani e grotteschi che popolano le nostre città silenziosamente, grazie all’azione dei writer. Esseri che ci osservano con i loro occhi spalancati, le loro smorfie ironiche oppure malinconiche e che ci fanno chiedere se gli alienati siano loro – con le loro mostruosità, le loro espressioni innaturali, le loro bocche enormi che spesso vengono rese mute da oggetti che si frappongono tra loro e il mondo – oppure noi che scappiamo da una parte all’altra come mosche impazzite senza renderci conto di cosa ci accada davvero attorno.

E’ il Folle, il Matto dei Tarocchi che ci guarda e ci fa chiedere se ciò che conta davvero non sia il dove andare, ma il cosa stiamo vivendo nel qui ed ora, invece che correre chissà dove dimenticandoci di vivere la nostra esistenza profondamente.

Si passa poi ad oggetti artistici ingranditi a dismisura i cui particolari divengono simboli, come un nuovo linguaggio di cui non conosciamo la chiave, essendo straniati dal loro contesto d’origine.” […]

In queste immagini ci troviamo di fronte al tema del doppio, del bianco e del nero, di ciò che è sopra che è anche sotto, come se la realtà fosse tutto un enorme gioco di specchi e di rimandi tra noi e il nostro “altro” noi. Non solo: ci troviamo di fronte ad elementi inaspettati che si trovano in luoghi abbandonati, che possono avere valenza sia “mostruosa”, come nel caso di alcuni disegni rappresentanti personaggi assurdi ed inquietanti, sia gioiosa, come nel caso delle scritte dai colori vivaci dei writer che hanno lasciato un segno del proprio passaggio in strutture di archeologia industriale e capannoni inutilizzati.

Infine, alcune immagini esposte sono invece tratte dal II° “Salon de La Chouette”, mostra collettiva degli artisti di Artès, svoltasi dal 2 al 17 Ottobre 2010 (Galleria Ground’s Art, Parma).

Si tratta di diversi scatti realizzati nell’estate 2010 presso il Chiostro del Paradiso del Duomo di Amalfi (opera del 1266-1268), delle vere e proprie composizioni fotografiche in cui, come scritto nella presentazione di quella mostra, “le architetture d’ispirazione islamica si lanciano in giochi di geometrie verso l’alto, aspirando al cielo e al Divino.”

Note biografiche:

Gianluca Bernini nasce a Parma il 16.11.1954, lavora presso un istituto bancario d’interesse nazionale nella sede cittadina, ma sin da ragazzo si occupa di tecnica fotografica con stampa in B/N e a colori.

E’ stato responsabile del “Foto Video Club Comit” dal 1985 al 2005, gestendone la sala espositiva, organizzando mostre personali e collettive. Ha prestato la sua opera per molti anni a diversi studi grafici e fotografici cittadini.

Come fotoamatore ha partecipato a numerosi concorsi – locali e nazionali – riportando significativi successi e segnalazioni; ha collaborato e tuttora collabora con circoli, associazioni culturali ed enti pubblici.

Molte immagini sono state pubblicate ed ha partecipato a mostre collettive e personali; ha insegnato fotografia presso circoli di diversa estrazione e nel 1991 ha organizzato un corso di fotografia per gli allievi dei 5 anni di un istituto tecnico cittadino con esercitazioni di ripresa all’aperto ed in studio, sviluppo, stampa e storia della fotografia.

E’ tra i fondatori di Artès, di cui è stato Segretario – Tesoriere nel periodo 2009-2013.

Mostra fotografica antologica

 “Visioni digitali”

di Gianluca Bernini

L’inaugurazione della mostra si svolgerà il giorno

Lunedì 8 Settembre 2014

alle ore 18,00

presso:

Villa Giulia

Via Roma, 18

Sant’Ilario d’Enza (RE)

Sala al primo piano.

Durante l’inaugurazione sarà offerto un aperitivo.

L’esposizione resterà allestita fino a Domenica 21 Settembre 2014 compresa e si potrà visitare tutti i giorni dalle ore 9,00 alle ore 24,00.

ENTRATA LIBERA

Per maggiori informazioni:

www.artesassociazione.org

[email protected]

Tel. 0522678993

No Comments
Comunicati

Maurizio Marcato, nasce il blog della fotografia contemporanea

Come si è modificata nel tempo la visione e l’utilizzo della fotografia? Che cosa rappresenta oggi nella società?
Nell’era dell’immagine la fotografia viene considerata uno degli strumenti più efficaci per lo studio della società contemporanea e dei suoi linguaggi. Se nel Novecento era la protagonista di ricerche artistiche innovative, oggi, con la realtà virtuale e digitale, ci tramanda le storie quotidiane e intime di uomini, usi e costumi della collettività.
Con l’avanzare della tecnologia le immagini sono diventate uno strumento popolare e oggi, grazie a smartphone e tablet, ci ritroviamo di fronte un patrimonio fotografico molto ampio, ma non sempre di valore.
Sulla base di queste premesse nasce il blog di fotografia dell’artista Maurizio Marcato http://www.mauriziomarcato.com/?page=blog, con l’intento di diffondere una cultura delle immagini più profonda e radicata e di parlare di fotografia a 360 gradi.
La nascita del digitale ha fortemente scosso il panorama critico, e con ancor più forza quello sociale. Il blog di Maurizio Marcato tenta proprio di rispondere alle esigenze e alle domande di una società dove le immagini si stanno sempre più sostituendo alle parole e dove la personalità di un individuo, di un’azienda o di una comunità passano attraverso una fotografia, digitale e non.

Facebook: https://www.facebook.com/marcatomauriziophotographer?ref=hl
Twitter: @MAURIZIOMARCATO
Blog: http://www.mauriziomarcato.com/?page=blog

 

 

Elisa Andreatta
Terzomillennium press office
[email protected]
T.045 6050601

No Comments
Comunicati

MAURIZIO MARCATO VINCE GLI EUROPEAN PROFESSIONAL PHOTOGRAPHER OF THE YEAR AWARDS

Verona, Luglio 2014 – Sono stati annunciati i vincitori del Concorso Europeo di fotografia professionale 2014 organizzato da FEP, la federazione europea dei fotografi professionisti. Tra questi troviamo il fotografo italiano Maurizio Marcato, che si è aggiudicato il primo premio nella categoria “Immagini commerciali” con uno scatto realizzato per la campagna pubblicitaria del Gruppo Testi, una delle più grandi realtà nel settore della lavorazione e commercio della pietra naturale.
FEP, l’istituzione di riferimento centrale per la fotografia professionale in Europa che rappresenta oltre 50.000 fotografi professionisti, ogni anno organizza gli “European professional photographer of the year awards” con lo scopo di promuovere e premiare gli standard fotografici più elevati. Nella categoria commerciale Maurizio Marcato è stato l’unico fotografo italiano ad essere premiato.
L’artista veronese è al quarto riconoscimento ricevuto dalla Federation of European Photographers. Già nel 2010, infatti, aveva vinto il primo premio come miglior libro monografico di fotografia europeo, nel 2011 si era aggiudicato il terzo premio nella categoria commerciale con un’immagine scattata per l’azienda di design Lago, nel 2012 gli era stato assegnato il primo premio nella categoria ritratti con un’immagine tratta dalla sua mostra “mother water”.
“In un panorama fotografico e dell’immagine come quello contemporaneo dove le filosofie di pensiero sono molto frammentate e dove spesso troviamo una cultura fotografica non alimentata da solide basi, sono molto felice di aver ricevuto questo riconoscimento dall’autorità europea più importante nel mio campo” afferma Maurizio Marcato, “ancora più contento sono del fatto che questo sia avvenuto non su un mio lavoro artistico, ma su un’immagine realizzata per un’azienda” e conclude il fotografo “il segreto è proprio non scindere le due cose, la mia visione artistica e la mia visione commerciale sono una forza ibrida che tento di combinare in ogni mia singola crezione, sia essa per una mostra piuttosto che per un’azienda.”

Maurizio Marcato é un fotografo poliedrico e sempre attivo anche a livello internazionale, molti sono infatti i progetti realizzati tra Giappone e Stati Uniti. I suoi interessi spaziano dal reportage al ritratto, dall’architettura alla paesaggistica, fino alle foto d’arte e di ricerca. Dagli anni ’80 collabora con molte riviste di design, aziende per la creazione di immagini pubblicitarie e industriali e dal 2004 è docente di fotografia presso la Facoltà di Design del Politecnico di Milano.

 

 

Maurizio Marcato Press office:
Elisa Andreatta –
[email protected]
www.mauriziomarcato.com
+39/045 6050601

No Comments
Comunicati

La passione per i viaggi in fotografia, Laudadio espone le sue opere a “Spoleto Arte”

Max Laudadio, popolare inviato del Tg satirico “Striscia la Notizia” spicca nell’esclusivo parterre di artisti selezionati per esporre durante le prestigiose mostre di “Spoleto Arte” curate da Vittorio Sgarbi e organizzate dal manager produttore Salvo Nugnes, che si terranno dal 27 Giugno al 24 Luglio nello storico Palazzo Leti Sansi, nel cuore del centro storico Spoletino.

 

Di recente i suoi originali scatti d’autore sono stati racchiusi in una coreografica mostra personale dal titolo “Quattr’occhi sul Mondo” allestita nella rinomata galleria milanese “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, con la curatela del Professor Sgarbi, ricevendo ottimi consensi di pubblico e di critica e grande risonanza mediatica.

 

Laudadio nel raccontare la sua radicata passione per la fotografia rivela “Sono una persona, che fortunatamente vive di sogni, un inguaribile sognatore. Ho deciso di coniugare la passione per i viaggi alla fotografia, aggiungendo un elemento innovativo attraverso l’utilizzo di lenti di occhiali poste davanti all’obiettivo, di differente cromatura e tipologia, che offrono delle immagini rivisitate in chiave assolutamente personalizzata, direi unica nel suo genere. Ho cercato un punto di vista diverso, per immortalare il mondo circostante descrivendolo alla -Laudadio Maniera- talvolta pop e talvolta romantico”.

 

Sgarbi dichiara “Laudadio, dopo tante inchieste televisive, ha deciso di seguire un istinto o un desiderio di restituire il mondo secondo un punto di vista, che la fotografia più di qualunque altro mezzo consente. La lente degli occhiali colorata può ingrandire o allontanare, filtrare e deformare, trasfigurare e rendere più nitido ciò, che lo sguardo vede. Da questa esperienza esce come interprete molto sensibile alle variazioni cromatiche, come furono alcuni impressionisti, in particolare il Monet nelle Cattedrali di Rouen”.

No Comments
Comunicati

Un “fisico” pulito dentro. Il moderno concetto di salute by Lucia Giacani e Mateusz Chmura

La TEN Collection di Fotolia presenta la seconda coppia di artisti internazionali. 

ridotta

Per la terza edizione della TEN Collection, Fotolia ha rinnovato totalmente il format: invece di 10 artisti, uno ogni mese, per questa nuova stagione ha riunito 5 coppie di artisti – un fotografo e un artista digitale per coppia – di fama internazionale. Senza aver mai avuto contatti lavorativi, e con radici culturali e background linguistici diversi, le coppie vengono chiamate a creare un lavoro che rappresenti la loro visione del futuro. Una fotografa italiana, Lucia Giacani e un artista digitale polacco Mateusz Chmura, aka MatCloud, sono i protagonisti del secondo appuntamento TEN di quest’anno. Il PSD della loro creazione intitolata “Clean Inside” può essere scaricato gratuitamente per 24 ore, venerdì 9 maggio su www.tenbyfotolia.com

 “Clean Inside” il culto del corpo perfetto
“Che cosa potremmo arrivare a sacrificare per un corpo in perfetta salute e qual è la linea di confine da non superare? Questo è il punto nodale di “Clean Inside”. I nostri artisti TEN credono che il raggiungimento di uno “stile di vita sano” sia diventato un culto, dove il concetto di corpo ideale e di uno stile di vita puro sia costantemente sponsorizzato da politici, dottori e media.

Al giorno d’oggi la preghiera è stata rimpiazzata da diete disintossicanti– tutto in nome della purificazione da un ambiente inquinato che danneggia i nostri corpi”, spiega MatCloud. “La protagonista della creazione soffre quasi come una martire, mostrando i suoi organi quasi come fossero un badge, una medaglia di devozione o il Sacro Cuore“dice Lucia Giacani. MatCloud ha creato l’effetto “ghiaccio” sovrapponendo texture e livelli esterni.”

Due talenti complementari
La collaborazione tra i due artisti ha creato un’ispirazione reciproca. Lucia, residente a Milano e fotografa freelance, ha colto l’occasione per realizzare alcune sue idee creative. “Prima di partecipare alla TEN avevo già delle idee in mente ma avevo bisogno di un artista 3D. La TEN Collection è arrivata nel momento giusto.”

La differenza culturale ha aggiunto forza creativa a questo progetto. Per MatCloud, questo scambio di tecniche ed esperienze ha innescato un nuovo livello di creatività completamente diverso. “Lucia e io stiamo già discutendo di altre idee da sviluppare in futuro e siamo davvero eccitati dall’idea di iniziare a lavorarci insieme.

 

Sugli artisti

Lucia Giacani, l’interfaccia della moda e del surrealismo

Lucia Giacani è una fotografa freelance residente a Milano, la passione della fotografia le è stata tramandata dal padre.
La sua crescita professionale, si è sviluppata durante l’adolescenza, quando scattava foto agli amici nei dintorni di Jesi. Anni dopo, Lucia ha fatto conoscere il suo mondo su riviste come Vanity Fair, Vogue Pelle e Gioielli.  La cultura italiana è molto radicata in lei e nei suoi lavori, e crede che proprio il suo paese le abbia dato la determinazione di restare concentrata e mai

TENS3_FB_02_L.Giacani&M.Chmura_artwork_600x557 dare nulla per scontato. Come ogni fotografo, vive in un mondo surreale, dove il subconscio è alla base del suo lavoro, lasciandosi ispirare dal Simbolismo, dall’Espressionismo, dal Surrealismo e da altri artisti come Francesca Woodman, Steven Klein e Tim Walker.

Mateusz Chmura, l’artista con la testa tra le nuvole
Mateusz Chmura, conosciuto come MatCloud (la traduzione del suo cognome significa nuvola), ammette che spesso ha la testa tra le nuvole. “Mi piace astrarmi da tutto, andare oltre il presente, verso l’infinto e l’universo. Un po’ come le nuvole diciamo…

L’artista polacco è cresciuto frequentando la National Opera di Varsavia, dove suo padre lavorava, gli oggetti di scena e i diversi accessori hanno alimentato la giovane mente e l’immaginazione di Mateusz. “L’ambiente che mi circondava ha avuto un forte impatto sulla mia immaginazione e mi ha aiutato a sviluppare la mia creatività già in età molto giovane. Ogni giorno venivo costantemente ispirato da questo.”

Oggi MatCloud è un artista freelance multidisciplinare – graphic designer, product designer, direttore artistico, fotografo – che ama lavorare a temi fantastici e reali, presenti in tutti i suoi lavori e nelle sue pubblicazioni. L’artista unisce tutte queste tecniche per ottenere il risultato finale delle sue creazioni: espressioni tangibili di idee immateriali.


Impariamo dagli artisti
 Impariamo dagli artisti e scopriamo i processi creativi, tecniche e trucchi su www.tenbyfotolia.com attraverso il video tutorial disponibile il 9 maggio. Il 9 maggio sarà inoltre scaricabile gratuitamente il PSD “Clean Inside” che verrà rilasciato completo di tutti i livelli, filtri e setting utilizzati. Le immagini scattate durante la preparazione dell’opera saranno disponibili alla vendita su fotolia.com.


TEN Season 3 contest
Sfida Lucia Giacani e Mateusz Chmura dal 12 Maggio!

Dal 12 maggio un contest internazionale per artisti grafici e fotografi sarà lanciato su Facebook e postato su www.tenbyfotolia.com
 Chiunque, professionisti e amatori potranno partecipare e sfidare i nostri artisti. I grafici dovranno inviare la loro libera interpretazione della creazione di Mateusz Chmura; I Fotografi dovranno caricare il loro scatto migliore seguendo lo stile di Lucia Giacani, spiegato nel video tutorial.

 I vincitori riceveranno dei fantastici premi, tra i quali tablet Wacom, abbonamenti a Adobe Creative Cloud, stampanti Roland VersaStudio BN-20, riflettori Wescott e voucher Exaprint.

Il contest sarà aperto sino al 31 maggio e sarà disponibile su Facebook. Le opere caricate saranno votate dai fan della TEN Collection e da una giuria di esperti. I vincitori saranno annunciarti il 9 giugno 2014.

Contatti Stampa

Giorgia Millena
Press Officer and Media Relations
[email protected]
t. 06-929.570.26

Su Fotolia:
Leader in Europa nel mercato Microstock, Fotolia offre una collezione online di più di 26 milioni di foto, illustrazioni vettoriali e video HD in licenza Royalty Free, a prezzi micro.
Nata nel 2004 da imprenditori francesi, Fotolia ha lo scopo di dare un accesso democratico alle immagini e offre dei contenuti professionali a partire da 0,74 €, per tutti i tipi di utilizzo, su tutti i supporti, senza limiti di tempo o limiti geografici, e questo indipendentemente dal numero di diffusioni.
Specialista nella fornitura di risorse creative ad uso professionale, Fotolia affianca l’offerta di immagini e video di artisti indipendenti da tutto il mondo a portfolio di agenzie fotografiche internazionali. I suoi clienti sono professionisti della comunicazione e del design, agenzie grafiche e pubblicitarie, gruppi editoriali e case editrici, università ed enti locali ed internazionali, e piccole, medie e grandi imprese di tutti i settori di attività. Fotolia conta oggi oltre 4 milioni di utenti nel mondo. I suoi servizi sono attivi in 14 lingue, e in 22 paesi dove Fotolia è fisicamente presente. Per altre informazioni: http://it.fotolia.com/MediaCenter

No Comments