Comunicati

Il trucco dall’antichità ai tempi moderni

Il trucco è stato utilizzato fin dall’età antica e si è diffuso, seppur con obiettivi e forme differenti, in tutto il mondo.

Usato fin dagli albori della storia, il make up svolge ancora oggi un ruolo importante nella cura della persona, ed è utilizzato in particolar modo dal genere femminile.

In generale si può dire che il motivo principale dell’utilizzo dei cosmetici è quello di modificare la propria fisionomia (in particolare del volto) nascondendo e correggendo eventuali irregolarità presenti ed accentuando e valorizzando le parti più armoniose; tutto ciò con l’intento di avere un aspetto giovanile ed in salute e di rendersi piacevoli nei confronti del sesso opposto.

Anche l’uso del trucco (come succede per l’abbigliamento e la cura della capigliatura) risponde ad un ben preciso canone di bellezza (ovvero l’ideale di attrazione fisica riconosciuto da una determinata società) che è diverso a seconda dell’epoca storica e della zona del mondo in cui ci si trova, anche se, ad oggi, si nota il prevalere di un canone di bellezza – per così dire – “occidentale”.

Nel corso dei decenni sono nati e sono stati perfezionati prodotti diversi, ciascuno rivolto ad una specifica parte del viso o delle mani.

Da sempre la zona del volto che si è cercato maggiormente di mettere in risalto sono gli occhi. A partire dall’antico Egitto in poi, le donne hanno sempre usato prodotti per:

  • dare definizione ai lineamenti;
  • truccare gli occhi per farli sembrare più grandi;
  • rendere l’espressione molto più energica e sfavillante.

Parte altrettanto essenziale rivestono le labbra, sulle quali in passato venivano applicati pigmenti di origine naturale che le facevano sembrare più grandi e piene.

Non mancavano comunque rimedi per la cura della cute o la colorazione delle guance o delle unghie.

 

No Comments Found

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma