All Posts By

minardi

Comunicati

F1, DZ Engineering, dopo il Gran Premio di Singapore, conquista Sepang


La DZ Engineering, società del Gruppo Zoli di Forlì è l’azienda italiana responsabile della gestione degli impianti di illuminazione, TVCC, amplificazione e radiocomunicazione del circuito cittadino di Singapore per l’evento di Formula 1 che giunge quest’anno alla sua ottava edizione.

DZ Engineering nei giorni scorsi si è aggiudicata, grazie al know-how ed alla esperienza, l’installazione e il collaudo del sistema di telecamere HD a circuito chiuso (TVCC) e relativa centrale operativa dell’autodromo di Sepang in Malesia.

Il nuovo impianto, che sarà operativo per la prima volta durante l’evento di Formula 1 in programma il prossimo 29 marzo, è stato allestito in tempi record grazie all’esperienza dei tre tecnici italiani in campo capitanati da Marco Scaioli, forlivese di origini e, da poco, singaporese di adozione. “Il sistema di telecamere a circuito chiuso di Sepang risale alla prima edizione del Gran Premio, nel 1999. Da allora la tecnologia ha fatto davvero progressi incredibili e, con l’introduzione dei sistemi HD, si va ad incrementare ulteriormente la sicurezza, un passo importante per la protezione dei piloti e di tutti gli addetti ai lavori” dice Scaioli “Siamo orgogliosi di essere tra i primi a dotare un circuito importante come quello di Sepang di un sistema così innovativo e, viste le richieste della FIA, presto anche gli altri autodromi si dovranno allineare.”

La realizzazione delle opere è avvenuta in modo veramente rapido, pur dopo un lungo processo decisionale “Il primo contatto con i responsabili del circuito malese è avvenuto ben oltre un anno fa, durante il Professional Motorsport World Expo di Colonia a novembre 2013” riferisce Roberto Grilli, responsabile della divisione Motorsport Systems della DZ Engineering. “Da allora abbiamo avuto frequenti contatti con i manager di Sepang anche grazie alla nostra presenza a Singapore durante il Gran Premio di Formula 1 e al nostro coinvolgimento nella direzione lavori di un altro evento motoristico sul territorio, il Gran Premio di Formula E a Putrajaya, città a pochi chilometri dal Circuito Internazionale di Sepang” prosegue Grilli “Il progetto si è concretizzato , a pochi giorni dall’approdo del Circus in Malesia (per il secondo appuntamento 2015 ndr) ed il nostro team sceso in campo solamente ai primi di marzo realizzando l’installazione e il collaudo in soli dieci giorni!” continua Grilli che conclude “Del resto, siamo specializzati in questo tipo di sfide”.

No Comments
Comunicati

Detrazioni 65% e 50% – Proroga fino al 31/12/2015


A pochi giorni dalla fine dell’anno è arrivata la tanto attesa proroga dei Bonus per la Detrazione 65% (Riqualificazione energetico), Detrazione 50% (Ristrutturazione Edilizia) e sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Fino al 31 dicembre 2015 sarà quindi possibile recuperare le spese per le ristrutturazioni e per l’acquisto dei mobili e degli elettrodomestici , restando invariate le percentuali e le spese massime agevolabili.

Ricordiamo che nella voce per la Riqualificazione Energetica (65%) rientrano i lavori per la coibentazione delle pareti opache (muri perimetrali, solai, copertura) sostituzione infissi, sostituzione della caldaia con generatore a condensazione e installazione di pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria. C’è però una grande novità. Dal nuovo anno rientrano nell’agevolazione anche l’installazione di schermature solari (tende e chiusure oscuranti) fino a 60 mila euro e l’installazione di impianti per la climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili. Per questo tipo di interventi la spesa massima agevolabile ammonta a 30 mila euro.

In seguito alla ristrutturazione dell’immobile (con tetto di spesa massima agevolabile di 96 mila euro) resta confermata il bonus (fino a 10 mila euro) per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici a basso consumo energetico.

Per tutte le informazioni e i dettagli sulle procedure per accedere agli Ecobonus, potete contattare lo studio A|F.

No Comments
Comunicati

Bonus Mobili – detrazioni fiscali 50%


Insieme alla proroga dei BONUS fiscali per la Riqualificazione Energetica (65%) e Ristrutturazione Edilizia (50) è stato prorogato anche il Bonus per l’acquisto dei mobili e degli elettrodomestici

Il Bonus Mobili prevede un bonus fiscale del 50% per chi, contestualmente ad un intervento di ristrutturazione del proprio immobile, acquista mobili e grandi elettrodomestici, di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Per ottenere il bonus è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni; mentre non è fondamentale che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile. Tuttavia è essenziale che le spese per gli interventi di recupero edilizio siano sostenute a partire dal 26 giugno 2012. L’acquisto dei mobili invece dev’essere effettuato nel periodo compreso tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2015 (ovvero la data di ingresso della Normativa)

La detrazione può essere richiesta in abbinamento a: interventi di manutenzione ordinaria per le parti comuni, manutenzione straordinaria, restauro e di risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, interventi per il ripristino dopo eventi calamitosi e restauro, risanamento conservativo

Indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10 mila euro, riferito complessivamente alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. Inoltre, la detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.

Il pagamento può avvenire con bonifico bancario o postale, in cui vanno indicati la stessa causale utilizzata per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione edilizia, il codice fiscale di chi esegue il pagamento e la partita Iva del soggetto destinatario della somma. Ci si può inoltre servire di bancomat e carte di credito. Anche in questo caso la ritenuta d’acconto sarà pari all’8%.

Per tutte le informazioni e i dettagli sulle procedure per accedere agli Ecobonus, potete contattare lo Studio A|F

No Comments
Comunicati

Nuovo Catasto: gli ultimi aggiornamenti


Nelle settimane scorse l’Agenzia delle Entrate avete anticipato una novità che porterà ad una vera e propria rivoluzione del Catasto. Fino ad oggi siamo abituati a classificare gli edifici residenziali attraverso il numero dei vani.

Da domani, o meglio, dal 2019 non sarà più così. La consistenza degli immobili sarà determinata dalla superficie – in metri quadrati – insieme ad altre componentistiche che ritroviamo spesso nella valutazione del mercato immobiliare ovvero la zona in cui è presente l’immobile, il piano, la presenza o meno dell’ascensore, lo stato di conservazione ecc…

L’altra grande novità è che spariranno, insieme al numero vani, anche le categoria a cui siamo abituati: A/1, A/2, A/7 ecc per lasciare posto a due maxi-gruppi, di destinazione ordinaria e di destinazione speciale, suddivisi rispettivamente in otto categorie e in diciotto categorie.Distinzione Ordinaria – uso abitativo -, da O/1 a O/8 e Distinzione Speciale, da S/1 a S/18

Vanno poi iscritti senza attribuzione della rendita, le costruzioni in fase di realizzazione, gli immobili degradati, le aree urbane e i beni comuni a più unità immobiliari inidonei ad utilizzazioni produttive di reddito, i lastrici solari, gli immobili di culto.

Non vanno iscritti invece i manufatti con superficie coperta inferiore a otto metri quadri, le vasche per l’acquacoltura e l’irrigazione, i manufatti privi di copertura, le tettoie di altezza utile inferiore a 1,80 metri e i manufatti precari senza fondazioni e non stabilmente infissi al suolo.

E’ bene ricordare che è importante, per non dire fondamentale, avere la scheda catastale aggiornata allo stato di fatto, per evitare di incorrere in sanzioni e problemi soprattutto in caso di vendita dell’immobile. Al momento dell’atto infatti il notaio è obbligato ad allegare la scheda catastale e il proprietario è chiamato a dichiarare per iscritto che l’immobile è conforme. In caso di dichiarazione mendaci l’atto è annullabile. L’altro documento fondamentale in caso di vendita/affitto è l’Attestato di Prestazione Energetica (APE ex ACE)

Per tutte le informazioni l’arch Alberto Fussotto e lo Studio A|F è a tua disposizione.

No Comments
Comunicati

Pierluigi Martini ricorda Luciano Pavesi


Un nuovo lutto ha colpito il mondo del motorsport: è venuto a mancare  Luciano Pavesio, volto noto degli anni ’70 in Formula 2 e Formula 3. Nel 1975 si aggiudicò il titolo di F3 Italia al volante della Brabham della Scuderia Ala d’Oro mettendosi in risalto anche in F2, diventando successivamente Team Manager partecipando con una propria scuderia ai Campionati di F3 e F3000 Nel 1983 arriva il successo nell’Europeo di F.3 al fianco di Pierluigi Martini, le cui strade si riunirono nuovamente nel 1986 con il secondo posto (a soli due punti dal titolo) nell’International Formulla 3000 dietro a Capelli “Luciano era una bellissima persona che quando parlava andava sempre a “segno” Era una persona di poche parole, ma sempre spese molto bene” ricorda Pierluigi Martini al sito www.minardi.it “Luciano è stato il maestro e mi ha insegnato tantissime cose non solo nelle corse, ma anche nella vita. Persona saggia, onesta e bilanciata. Per me è stato come un secondo padre. Prima di Team Manager è stato un ottimo pilota, con la vittoria nel ’75 in Formula 3. Devo a lui i primi insegnamenti sulla messa a punto della macchina” conclude Martini “Nel 1983 conquistai con il suo team il titolo di F3 e due anni dopo sfiorai il titolo di F3000“

No Comments
Comunicati

Sfida finale per BhaiTech a Barcellona


A poco più di un mese dalla prima e storica doppietta assoluta conquistata sul leggendario e velocissimo tracciato di Monza, BhaiTech Racing è pronta a tornare in pista questo fine settimana per la finalissima di Barcellona, teatro dell’ultimo round dell’International GT Open.

Il reparto corse dell’Advanced Vehicle Science Centre BhaiTech con sede a Mestrino e diretto dall’Ing. Roberto Costa, si presenterà sui 4.655 mt del tracciato catalano in testa al Campionato GTS e piloti, grazie ai quattro successi con le McLaren MP4-12C targati Nurburgring, Silverstone, Monza e diversi piazzamenti. Considerando i distacchi minimi il Montmelò sarà teatro di una vera e propria finale giocata su 120 min, divisi tra le due gare in programma sabato (ore 16.00) e domenica (ore 12.00).

Dopo i primi risultati non avremo mai pensato di arrivare in Spagna in testa alla classifica e in lotta per il campionato. In questi mesi siamo cresciuti mettendo in pista tutte le nostre forze. A Barcellona cercheremo di conquistare gli ultimi tasselli per completare il mosaico” analizza Roberto Costa “Nell’anno del nostro esordio nel campionato è un grande piacere poter essere in lotta per il titolo team e piloti. Il Montmelò è una pista che mi piace veramente molto, dove ho conquistato diversi successi. Proprio quest’anno ricorre il decimo anniversario dalla prima pole position conquistata insieme a Giorgio Pantano in F.3000. Speriamo di continuare il trend positivo per salutare la stagione con un grande risultato” commenta il direttore tecnico

Appuntamento speciale anche per gli alfieri in lotta per il titolo e per la top three “Il nostro principale obiettivo è la vittoria del titolo a squadre, ma naturalmente lavoreremo per aiutare Giorgio a conquistare il titolo tra i piloti e per portare Luiz e Chris al terzo posto. Sarà la nostra prima volta al Montmetò con questa vettura e la concentrazione è alta. Tutti abbiamo lavorato intensamente in queste settimane per farci trovare pronti

Il primo semaforo verde del week end si accenderà venerdì con i due turni di prove libere da 60’ ciascuna in preparazione delle sessioni di qualifica (sabato ore 9.00 e ore 11.55) che determineranno lo schieramento di partenza delle due gare, con start di gara-1 da 70’ alle 16.00 di sabato. La sfida finale da 50’ è fissata invece per le 12.00 di domenica.

 

No Comments
Comunicati

Bhai Tech a Monza per il riscatto


Tra pochi giorni si accenderanno nuovamente i riflettori sulla fase finale dell’International GT Open, in arrivo sui lunghi rettilinei di Monza. Il velocissimo quanto leggendario tracciato brianzolo ospiterà questo fine settimana il settimo, e penultimo, appuntamento del campionato  e la parola d’ordine in casa Bhai Tech Racing sarà “Riscatto”

Dopo il difficile week end di Spa-Francorchamps lo staff diretto dall’Ing. Roberto Costa ha vinto la prima sfida, completando la ricostruzione della vettura rimasta gravemente danneggiata in Belgio e lavorato senza sosta sullo sviluppo delle due McLaren MP4-12C. In preparazione della prossima sfida, la scuderia veneta si è trasferita con il brasiliano Rafael Suzuki a Monza e Adria per una due giorni di shakedown  sulla vettura #66 “Sono stati due giorni intensi e utili avendo effettuato tutta una serie di controlli sulla macchina di Van der Drift e Razia. Ora siamo pronti per il week end di Monza” analizza il direttore tecnico Costa

Bhai Tech, insieme ai suoi quattro moschettieri Giorgio Patano, Rafael Suzuki, Van der Drift e Luiz Razia è pronta a recuperare il terreno perso tra le Ardenne, in un week end che non ha rispecchiato il vero valore della compagine italiana, per ritrovare la vetta della classe GTS “A Spa non siamo stati in grado di trasformare il potenziale in risultati per una serie di coincidenze sfortunate, ma in Brianza vogliamo tornare protagonisti. In queste settimane abbiamo lavorato assiduamente anche al nostro Simulatore.  Il meteo sarà una componente importante poiché per sabato è attesa la pioggia, situazione ancora poco favorevole”

Le caratteristiche e il layout del tracciato brianzolo rappresenteranno un’ulteriore sfida per il reparto corse dell’Advanced Vehicle Science Centre Bhai Tech “Diversamente dagli aspirati, il motore turbo è penalizzato nelle chicane e pertanto potremo soffrire in uscita dalla prima variante e dalla Roggia. Sono sicuro però che i nostri piloti saranno in grado di sopperire. Ci aspetta una gara combattuta, ma faremo del nostro meglio per conquistare più punti possibili

Proprio sul tracciato di Monza Bhai Tech conquistò la sua prima pole position nella passata stagione con Van der Drift nel Campionato Italiano GT “Stiamo parlando di scenari differenti, sia per il campionato sia per le gomme, ma certamente può essere un buon punto di partenza” conclude Roberto Costa

Il week end di Monza prenderà il via venerdì con i due turni di prove libere da 60’ ciascuno in preparazione dei turni di qualifica (sabato alle 9.00 e alle 11.00), che determineranno lo schieramento di partenza delle due gare. Il semaforo verde di gara-1 si accenderà sabato alle 16.15 (70 min),  mentre l’appuntamento finale scatterà domenica alle 12.15

No Comments
Comunicati

UNA SPA-FRANCORCHAMPS NERA PER BHAI TECH


Ritorno in pista poco fortunato per Bhai Tech Racing che sulla pista di Spa-Francorchamps, teatro del sesto round dell’Internation GT Open, ha vissuto il week end più difficile della stagione, caratterizzato dal primo zero in classifica dopo quattro risultati positivi consecutivi e tre successi di classe targati Nurburgring, Jerez e Silverstone.

Il fine settimana sul leggendario tracciato nelle ardenne belghe della scuderia di Mestrino inizia sotto la migliore stella con i quattro alfieri, Giorgio Pantano, Rafael Suzuki, Chris Van Der Drift e Luiz Razia, in grado di colorare la scena portando le McLaren MP4-12C nelle zone calde della classifica. I due turni di qualifica confermano l’ottima stato di forma e valore tecnico del team diretto dall’Ing. Roberto Costa conquistando in qualifica 1 il secondo e terzo posto di classe (quinto e settimo assoluto), rispettivamente con Pantano e Razia, e la pole position GTS (terzo assoluto) con Van der Drift nel secondo turno. “Fin dalle prove libere siamo stati molto veloci a dimostrazione del buon lavoro svolto in questi mesi. Il potenziale era stato confermato anche alla fine dei due turni di qualifica con la conquista del secondo e terzo posto GTS in Q1 e della Pole GTS in Q2” analizza il direttore tecnico Costa

L’appuntamento di Spa-Francorchamps è uno di quegli esempi in cui la classifica finale non rispecchia il valore di un team. Dopo aver occupato saldamente le posizioni di vertice Bhai Tech si vede costretta a far ritorno all’Advanced Vehicle Science Centre a mani vuote. In gara-1, dopo aver guidato la classe GTS con il duo italo-brasiliano, viene inflitta una penalità di un giro per aver effettuato il cambio piloti durante la safety car, mentre la corsa della vettura #66 si era chiusa al sedicesimo passaggio con Van der Drift sfortunato protagonista di un terribile incidente (per fortuna senza conseguenze per il pilota) alla Raidillon, in cui danneggia irreparabilmente la sua vettura “E’ stato un week end nero. Rimane il grandissimo rammarico per aver perso l’occasione di portare a casa due possibili vittorie, nonostante il buon potenziale dimostrato. In gara-1 Pantano era partito molto bene girando su ottimi riscontri accumulando un buon vantaggio, prima di cedere il volante a Rafael.” prosegue Costa “Purtroppo nella concitazione della corsa abbiamo richiamato Giorgio ai box per effettuare la sosta con la safety car ancora in pista (manovra proibita dall’art. 42.5) e giustamente siamo stati penalizzati. L’uscita di pista di Van der Drift è stata invece causata dal cedimento di un supporto del tirante dello sterzo, danneggiato dai contatti nelle fasi iniziali. Per fortuna Chris è uscito indenne, ma i danni riportati erano irreparabili e così non abbiamo potuto sfruttare la pole in gara-2

Nell’appuntamento conclusivo della domenica Pantano si rende autore di una grandissima rimonta dopo aver preso il volante dal team-mate, al debutto sulla pista belga. “Durante le prove libere abbiamo fatto girare tanto Rafael, proprio per dargli la possibilità di conoscere i segreti del tracciato. Spa è una pista molto impegnativa e tecnica, che non perdona nessun errore. Giorgio è stato bravissimo a recuperare parte del distacco, chiudendo con il settimo posto di categoria

Tra un mese il campionato si trasferirà in Italia, sulla pista di Monza per il settimo e penultimo round, ma lo staff dovrà vincere la sua sfida interna per ricostruire la vettura #66 “Ci siamo già messi in contatto con McLaren per far arrivare tutti i pezzi. Una volta in sede, ci metteremo subito al lavoro per ricostruire la vettura e organizzare uno shake-down prima di Monza. Il campionato è ancora tutto aperto e ci aspetta un finale di stagione intenso” conclude l’ing. brasiliano. La migliore medicina dopo un week end difficile è  andare a caccia del pronto riscatto.

No Comments
Comunicati

Bhai Tech a Spa-Francorchamps per consolidare la leadership


Con le vacanze estive finite e a quasi due mesi dal successo di Silverstone Bhai Tech Racing è pronta a tornare in pista con i suoi quattro capitani Pantano/Suzuki e Van der Drift/Razia, al volante delle McLaren MP4-12C, in uno degli nell’appuntamenti più attesi dell’anno, Spa-Francorchamps.

Sui 7004 mt del leggendario tracciato nelle ardenne belghe, teatro del sesto round dell’International GT Open, la compagine dell’Advanced Vehicle Science Centre diretta dall’Ing. Roberto Costa si prepara a difendere la leadership nella classe GTS tra i team, lanciando la sfida alla vetta tra i costruttori. Sul fronte piloti il binomio italo-brasiliano Giorgio Pantano/Rafael Suzuki andrà a caccia della vetta, distante solo una lunghezza dopo il successo targato Silverstone, mentre i compagni Luiz Razia e Chris Van Der Drift  tenteranno di vendicare il torto subito in terra  inglese.

L’ Eau Rouge e Raidillon, da affrontare quasi a pedale fondo corsa, sono certamente il marchio di fabbrica di Spa, che rendono questo tracciato la laurea per qualsiasi pilota “Stiamo parlando di un tracciato altamente tecnico dove il pilota fa certamente la differenza” analizza il direttore tecnico Costa “E’ una pista estremamente lunga dove il meteo ha storicamente una grande importanza. Proprio per le due caratteristiche può capitare che una parte della pista sia asciutta, ma bagnata in altri settori

Grande lavoro è stato svolto non soltanto in officina, ma anche attraverso l’innovativo simulatore ospitato nella suite del centro “Abbiamo svolto diverse sessioni al simulatore proprio per allenare i nostri piloti, simulando diverse situazioni. In particolar modo ci siamo concentrati su Suzuki, al debutto sulla pista belga. Abbiamo quindi svolto diverse simulazioni di gara” prosegue Costa “Contemporaneamente è proseguito il lavoro di sviluppo e revisione sulle vetture. La pausa è stata anche l’occasione per fare il punto sul campionato, che ci vede in testa nella classifica di classe

Bhai Tech è pronta dunque non solamente per la sfida belga, ma anche per il finale di stagione che si annuncia incandescente con solo più tre appuntamenti in calendario. Dopo Spa il circus approderà nel tempio della velocità di Monza, prima di trasferirsi a Barcellona per il gran finale “A questo punto della stagione dobbiamo mettere insieme tutta l’esperienza accumulata per consolidare la nostra posizione e raccogliere punti preziosi in ottica campionato. Tornando a Spa sarà fondamentale non commettere errori, per raccogliere il massimo dal nostro potenziale” conclude l’ing. brasiliano

Il primo semaforo verde del week end si accenderà venerdì con i due turni di prove libere da 60’ ciascuna in preparazione delle sessioni di qualifica (sabato ore 9.00 e ore 11.05) che determineranno lo schieramento di partenza delle due gare, con start di gara-1 da 70’ alle 16.00 di sabato. La sfida finale da 50’ è fissata invece per le 12.10 di domenica.

 

No Comments
Comunicati

Gian Carlo Minardi “Già al lavoro sulla F. ACI CSAI Abarth 2014”


Tra le terre che furono di Dante Alighieri lo scorso fine settimana sono tornati ad accendersi i riflettori sulla Formula ACI CSAI Abarth. Archiviato il terzo appuntamento, il Campionato Italiano si appresta ora a entrare nella seconda metà di stagione con una classifica ancora tutta da scrivere e aperta a diversi finali.

Analizzando i dati della serie tricolore il “numero perfetto” compare diverse volte: oltre al numero di gare fino ad oggi disputate e ad altrettante ancora da correre – Imola, Misano, Monza -, tre sono i piloti racchiusi in una manciata di punti (Michele Beretta, Simone Iaquinta e Lukas Moraes) e in scia ad Alessio Rovera, al comando della classifica generale, e altrettanti sono stati i piloti che si sono divisi il gradino più alto del podio nell’ultimo fine settimana.

Il week end tra le colline toscane era iniziato con la nuova doppia pole position per Alessio Rovera che portava così a sei su sei le partenza dal palo, ma ancora una volta in gara le carte si sono rovesciate con Michele Beretta e Simone Iaquinta che replicano alla vittoria del leader, rispettivamente in  gara-2 e gara-3 tenendo vivi i giochi in vista della seconda metà.

La Formula ACI CSAI Abarh si sta dimostrando un campionato di altissimo livello e una serie addestrativa per i ragazzi che si affacciano al mondo delle formule. Anche al Mugello abbiamo avuto gare interessanti con tre vincitori diversi” analizza Gian Carlo Minardi “Ci apprestiamo ad accogliere la seconda parte del campionato con almeno quattro pretendenti alla vittoria finale. ACI CSAI sta già lavorando in ottica 2014 per ottimizzare al meglio questa Formula e per renderla sempre più attrattiva a nuovi team e piloti” racconta il Supervisore della Scuola Federale ACI CSAI e collaboratore Ferrari

No Comments
Comunicati

Alla Scoperta di Bhai Tech – Simulator & Software


Inizia oggi il nostro viaggio all’interno del Bhai Tech Advanced Vehicle Science Centre, il polo tecnologico inaugurato a Mestrino – alle porte di Padova – dal pilota Williams Pastor Madonado, che quest’anno festeggia il primo anno. Grazie al suo design innovativo il centro è arrivato in finale a Colonia nel concorso per il premio come migliore struttura 2012, giocandosi la vittoria con  il Circuito delle Americhe di Austin.

2800 mq di superficie divisi su tre piani nati con l’obiettivo di fornire una serie di servizi a team e piloti per lo sviluppo delle vetture, monoposto e GT, e la preparazione del week end di gara grazie ad un innovativo simulatore e un software di modellazione di ultimissima generazione, punti focali del progetto Bhai Tech.

Tramite il simulatore 6-DOF a movimento integrale, circondando da uno schermo di 8 mt con apertura di 210°, cinque proiettori fuori bordo e da due schermi retro visivi che garantiscono la visione della parte posteriore della vettura riflettendo l’immagine sugli specchietti, il pilota può esercitarsi studiando nel dettaglio tutti i segreti delle piste più importanti che colorano i calendari delle principali formule propedeutiche. Integrando il software di modellazione “BhT” le scuderie hanno invece uno strumento che le permette di preparare indoor un intero week end,  confrontando i dati della pista con quelli virtuali. Oltre a fare studi fluidodinamici (CFD) e analizzare il comportamento delle gomme, è possibile anche studiare in tempo reale gli assetti, verificandone gli effetti dei diversi comportamenti e analizzarne il comportamento “In molte categorie i tempi sono strettissimi e la possibilità di girare e provare è minima. Per questo diventa sempre più importante presentarsi in pista fin dal venerdì con un buon assetto e una buona preparazione” analizza il direttore tecnico Costa.

“Nella nostra sede abbiamo la possibilità di fare tutto questo, preparando e studiando nel dettaglio il set-up migliore. Grazie al nostro software possiamo inserire tutti i dati raccolti nel week end relativi a gomme, assetti e carichi aerodinamici, ricreando quindi le condizioni della pista senza dover andare fisicamente sul tracciato, diminuendo tempi e costi. A quel punto possiamo iniziare il lavoro di messa a punto”

E’ un cerchio che si chiude perfettamente: dalla pista, alla simulazione per tornare in pista. In Formula 1, con la limitazione dei test, il simulatore è uno strumento di vitale importanza per lo sviluppo delle monoposto e nella preparazione del gran premio . Tutti i top team hanno fatto grandi investimenti in questo settore, ma anche nei campionati propedeutici la simulazione è una voce di grande riscontro, in quanto permette al team di sviluppare e preparare nel dettaglio la vettura ad ogni esigenza e al pilota di studiare il tracciato e il comportamento della macchina “In F.1 centinaia di tecnici lavorano intorno al simulatore per sviluppare al meglio la vettura, con costi proibitivi, oltre ad avere la telemetria e i tutti i dati necessari allo sviluppo, in quanto progettano loro stessi la macchina. Grazie al nostro software riusciamo, con un numero limitato di persone, a mettere in condizione il team di sviluppare la vettura lavorando anche sulla modellazione della gomma, aspetto altamente importante su cui vengono spese diverse ore. Possiamo fornire diverse opzioni di assetto a seconda delle necessità” conclude l’ing. Costa.

Sulla pista tedesca del Nurbrugring, teatro del terzo round dell’International GT Open, il reparto corse ha già conquistato il primo doppio successo di classe con le due McLaren MP4 12C grazie ai suoi alfieri Giorgio Pantano/Rafael Suzuki e Van Der Drift/Luiz Razia,  chiudendo a Jerez la prima metà di stagione in testa al campionato.

No Comments
Comunicati

Minardi “Ai nostri ragazzi manca la benzina”


Sul tracciato di Vallelunga è ripartito il Progetto Giovani sviluppato da ACI CSAI per la formazione dei nuovi talenti, a conferma del grande sforzo della Federazione e della Ferrari Driver Academy, affiancate nel progetto, per la crescita dei giovani piloti di talento.

Dopo la positiva esperienza della passata stagione, che aveva portato in pista durante i week end della Formula ACI CSAI Abarth alcuni giovani selezionati, il programma della Scuola Federale e FDA procede a ritmo serrato  “Nella passata stagione eravamo stati in grado di mettere in pratica quello che mi piacerebbe rivedere in Formula 1 il venerdì, affiancando nei test collettivi del Giovedì ai piloti inscritti al Campionato Italiano F. ACI CSAI ABARTH, alcuni giovani selezionati dalla Scuola Federale e da FDA, dandogli così la possibilità di tenersi allenati al volante di monoposto, conoscere i tracciati e mettersi in mostra. Proprio da questi test in pista è emerso Antonio Fuoco, oggi nel programma FDA e grande protagonista della F.R. Alps” analizza Gian Carlo Minardi, Supervisore della Scuola Federale ACI CSAI e collaboratore Ferrari

“Con questi stage vogliamo dare la possibilità ai piloti di mettersi in mostra, tenendosi in allenamento nonostante le difficoltà economiche” Quest’anno la formula è stata modificata puntando su due stage formativi, di cui uno si è tenuto sul circuito di Campagnano, e il secondo in programma a Fiorano per metà settembre “E’ un progetto molto ambizioso che ci da la possibilità di valutare i ragazzi analizzando i miglioramenti e la crescita atletica, mentale e tecnica, stage dopo stage. Nonostante le poche risorse vogliamo fare un buon lavoro per rendere visibile e appetibile il panorama dei nostri piloti. Proprio per questo, insieme a Raffaele Giammaria – Direttore della Scuola Federale del settore Velocità e Rally – e Luca Baldisserri – Responsabile progetto FDA – stiamo valutando nuove formule per valutare sempre meglio i piloti” ci illustra il manager faentino

“Insieme ai vertici ACI CSAI siamo anche alla ricerca di sponsor per dar corso alle seconda fase perché in Italia non mancano i piloti, ma la benzina per farli correre” sottolinea Minardi

Francesco Iacovacci, Alessio Piccini, Gabriele Volpato e Cristopher Zani, selezionati per essersi messi in evidenza nel corso della propria esperienza sportiva – nel karting e al volante di vetture da corsa – sono già scesi in pista a Vallelunga al volante della Formula ACI-CSAI  Abarth per il primo stage “Iacovacci e Zani avevano già fatto lo stage valutativo e il Supercorso lo scorso anno. E’ stato fatto un richiamo psicofisico e di preparazione. Sono dei nostri portacolori nel kart e, nonostante abbiano già i numeri per arrivare in formula, gli manca la copertura economica. Esperimento interessante anche per Piccini e Volpato. Il 17enne torinese ha già alle spalle esperienza con vetture a ruote coperte, avendo preso parte la scorsa stagione al Campionato Italiano Energie Alternative al volante della KIA GPL e quest’anno partecipando all’Euro Nascar, mentre  Piccini (15 anni di Montelupo Fiorentino) arriva dal mondo dei Kart. Era alla sua prima esperienza al voltante di ruote scoperte ed è stato seguito e selezionato dai nostri osservatori che sono presenti ad ogni gara di Campionato Italiano kart.  Così facendo possiamo monitorare i progressi dei ragazzi. Tutti i dati impreziosiscono il bagaglio tecnico e il nostro know-how” conclude Minardi “Stiamo lavorando in prospettiva Supercorso, che si terrà la prima settimana di novembre, portando a Vallelunga quelli che riterremo più preparati al salto di categoria ”

No Comments
Comunicati

Bhai Tech concede il TRIS. Ancora punti


Prosegue la striscia di risultati positivi per Bhai Tech Racing. Dopo i primi punti di Portimao seguiti dal doppio successo di classe targato Nurburgring la scuderia di Mestrino ha sfiorato a Jerez, teatro del quarto round dell’International GT Open, nuovamente il podio conquistando il quarto posto di classe (ottavo assoluto) nell’appuntamento domenicale con il duo italo-brasiliano Pantano/Suzuki, dopo aver firmato il miglior tempo di classe (terzo assoluto) nella qualifica con l’equipaggio #66 Van Der Drif/Razia.

Tra il caldo di Jerez il week end inizia sotto la migliore luce per la scuderia diretta dall’ing. Costa che durante le prove libere mette a frutto il lavoro svolto nella sessione di test, mostrando un buon ritmo con entrambi gli equipaggi e portando costantemente i due esemplari della McLaren MP4-12C nelle zone calde della classifica.

Nel primo appuntamento gli alfieri Pantano/Suzuki e Van Der Drif/Razia confermano l’ottimo stato di salute del team italiano portando a termine un’entusiasmante rimonta. Scattati dalla nona fila dello schieramento i “Bhai Tech Boys” scalano la classifica mettendo insieme numerosi sorpassi passando sotto la bandiera a scacchi all’ottavo e nono posto finale. L’entusiasmo viene rovinato dalla direzione gara che penalizza le due vetture di 10 secondi per un’infrazione sugli hándicap.

Nell’appuntamento conclusivo Giorgio Pantano e Rafael Suzuki sono bravi a non commettere errori portando a termine una gara intelligente chiudendo nella top ten, regalando al team nuovi e preziosi punti in ottica campionato. Più sfortunati i compagni che vedono svanire tutto il lavoro a due giri dalla fine quando Razia insabbia la sua vettura “Per tutto il fine settimana il nostro passo è stato molto buono” commenta l’ing. Roberto Costa “Abbiamo messo a frutto il buon lavoro del test, anche se abbiamo raccolto meno di quanto meritato.  Il motore turbo ha sofferto in particolare modo le condizioni di Jerez, caratterizzate da alte temperature e dalla quota livello mare. In aggiunta, in seguito al doppio successo di Nurburgring, abbiamo dovuto scontare un handicap di 25’’ in entrambe le gare con i due equipaggi. Il bilanciamento della vettura si è dimostrato molto buono e abbiamo proseguito il nostro sviluppo. In gara-2 Giorgio ha guidato in modo intelligente e, quando si è trovato pista libera girando su ottimi riscontri cronometrici, abbiamo deciso di prolungare il suo stint prima di cedere il sedile a Rafael, che ha chiuso con il quarto posto di classe. Purtroppo un errore di valutazione di Razia ha vanificato il recupero di Van Der Drift. Ha voluto anticipare il sorpasso e purtroppo gli è andata male.” analizza il direttore tecnico

Le vetture sono in viaggio per far ritorno all’Advanced Vehicle Science Centre “Giovedì ci rimetteremo al lavoro per preparare il prossimo appuntamento sul tracciato di Silverstone”conclude Costa

No Comments
Comunicati

Bhai Tech vola a Jerez per il giro di boa del GT Open


Dopo aver colorato le copertine grazie ad un dominio incontrastato in classe GTS sul tracciato del Nurburgring – doppietta in entrambe le gare – Bhai Tech è pronta a tornare in pista questo fine settimana sul tracciato di Jerez de la Frontera.

La pista spagnola farà da sfondo al quarto (di otto)  appuntamento dell’International GT Open e i quattro alfieri dell’Advanced Vehicle Science Centre Giorgio Pantano, Rafael Suzuki, Chris Van Der Drif e Luiz Razia sono pronti a calarsi nell’abitacolo delle loro McLaren MP4 12C per difendere la leadership di “classe” conquistata proprio in terra tedesca e proseguire la striscia positiva di risultati.

Lo scorso sabato lo staff diretto dall’ing. Costa ha avuto un primo assaggio della pista Andalusa prendendo parte ad una sessione di test di tre ore “Abbiamo lavorato a 360° sulla macchina oltre ad iniziare il lavoro di messa a punto e cercare di ottimizzare la curva di massima potenza. Purtroppo le temperature non erano così calde come si prospettano per questo fine settimana” Per il week end, che chiuderà la prima metà di campionato, saranno infatti attese temperature molto alte “La pista di Jerez è molto selettiva, sia per i piloti che per le gomme” analizza il direttore tecnico “La temperatura dell’asfalto arriverà a toccare i 50°C contribuendo così ad aumentare il degrado delle gomme. I piloti dovranno essere molto attenti cercando di avere un ritmo in gara costante con un uso preciso dei pneumatici” conclude Costa

Le 29 vetture saranno in pista fin dalla giornata di venerdì con un’ora di test privato, seguito dalle due sessioni di prove libere da 60’ ciascuna in preparazione dei due turni di qualifica da 15’ ciascuno, in programma sabato alle 9.00 e 11.50, che determineranno lo schieramento di gara-1 e gara-2. Alle ore 16.00 di sabato pomeriggio prenderà il via la prima gara da 70’ mentre l’appuntamento conclusivo da 50’ scatterà domenica alle 12.00

No Comments
Comunicati

Punti punti per Bhai Tech a Portimao


Tra i saliscendi naturali del tracciato di Portimao il team Bhai Tech ha vissuto un week end agrodolce. Sono infatti arrivati i primi punti stagionali con le due McLaren MP4 12C, ma le prestazioni in pista non soddisfano ancora lo staff di Mestrino, anche a causa delle forti limitazioni imposte per i motori turbo.

I quattro alfieri, Giorgio Pantano/Rafael Suzuki e Chris Van der Drift/Luiz Razia si sono resi protagonisti di importanti rimonte che gli hanno permesso di inanellare ben ventinove sorpassi conquistando nelle due gare la Top 10 e i primi punti stagionali. Il lungo week end è iniziato fin dal giovedì con le due ore di prove libere in cui lo staff, diretto dall’ing. Roberto Costa, ha eseguito un primo shake down della vettura #65 rimasta gravemente danneggiata a Le Castellet, proseguendo poi il lavoro di sviluppo sulle due McLaren e la preparazione del secondo round dell’International GT Open.

Nell’appuntamento del sabato pomeriggio, dopo una qualifica che ha visto le due vetture non andare oltre la nona e decima fila, il padovano Giorgio Pantano e il brasiliano Rafael Suzuki si sono resi protagonisti di un’emozionante “remontada” conclusa con la decima posizione (settimo di classe) e il primo punto, seguiti dal 13mo posto dei compagni Van Der Drift e Razia. Nella gara di domenica è toccato invece all’equipaggio neozelandese-brasiliano #66 scalare di prepotenza la classifica, conquistando una preziosa nona posizione in generale e quarta di classe. Dieci posizioni guadagnate non sono bastate invece al duo italo-brasiliano, che si ferma ai piedi della zona punti.

Sapevamo che non sarebbe stato facile in quanto si trattava del nostro debutto in condizioni di pista asciutta. Per le sua caratteristiche Portimao è stato un banco di prova importante in quanto ci ha consegnato una fotografia dettagliata del nostro sviluppo e sulle aree in cui dobbiamo intervenire“analizza il direttore tecnico Roberto Costa “Ci siamo concentrati su diverse prove di set-up andando alla ricerca del migliore bilanciamento, compiendo un buon passo in avanti tra le due gare.Ora dovremo mettere a frutto i dati raccolti per proseguire il lavoro nel prossimi appuntamenti, ma soprattutto dovremo continuare a lavorare insieme agli organizzatori della serie per risolvere i problemi legati al bilanciamento e alla limitazione del turbo, per poter lottare alla pari con i nostri avversari” conclude l’ingegnere brasiliano

La scuderia con sede nel Bhai Tech Advanced Vehicle Science di Mestrino saluta Algarve con la consapevolezza di essere un valido e duro avversario, di poter continuare a crescere nei prossimi appuntamenti e lottare per le posizioni importanti. Il prossimo appuntamento è in programma sul tracciato tedesco del Nurburgring (1-2/06/2013)

No Comments
Comunicati

LA FENICE CONCEDE IL BIS: Campione Nazionale 2013


Sullo scenografico sfondo della città marchigiana di Pesaro LA FENICE CHIERI è stata grande protagonista con i suoi atleti alle FINALI NAZIONALI DON BOSCO CUP 2013.

Per il secondo anno consecutivo la società chierese si aggiudica il tricolore conquistando il titolo di CAMPIONE NAZIONALE nella categoria OPEN B con Alberto Di Guida, che ha messo insieme una perfetta tripletta grazie a tre medaglie d’oro con gli esercizi alle parallele, volteggio e trampolino. Subito alle sue spalle si classifica il compagno Andrea Cossu, con altrettante medaglie d’argento nei medesimi attrezzi.

Stefano Buffa chiude invece la TOP 5 grazie ad un ottimo terzo posto al volteggio. Buona anche la gara di Simone Canazza (MINI B) che, con un ottimo terzo posto alle parallele, scala la classifica generale fino al settimo assoluto. Decimo posto nell’OPEN A invece per Vittorio Bellotto.

Importanti piazzamenti anche tra le ragazze, dove spicca l’argento alla trave della piccola MINI B Giulia Malvassora (classe 2002), l’ottimo quarto posto al corpo libero di Rebecca Ronco (UNDER 15B) seguita dal sesto posto di Thea Pungitore, distaccata di appena 0,05 punti dalla compagna. Una sbavatura alla trave vanifica tutti gli sforzi di Thea, macchiando un’esibizione pulita e determinata. UNDER 17B all’insegna di Barbara Persico che firma il bronzo al volteggio ed il quinto posto a corpo libero e parallele chiudendo così sesta assoluta, migliorando di due posizioni il risultato regionale. Podio sfiorato al corpo libero per l’atleta/allenatrice Federica Villa che chiude un nazionale esaltante con un ottavo posto assoluto. Nell’UNDER 17C Marta Ravizzotti sfiora il gradino più alto del podio alla trave conquistando un argento.

Le soddisfazioni e le medaglie continuano con Francesca Crisafulli (OVER A1) che, grazie ad un eccellente volteggio, conquista il terzo posto e l’accesso al galà che ha visto in pedana, nella serata di sabato sera, le migliori atlete delle categorie A1 e A2.

Nonostante una buona esecuzione degli esercizi Agnese Lisa, Martina Bragardo, Alessandra Formica, Chiara Sirito, Noemi Banchio, Ilaria Reviglio e Teodora Lattanzi non sono riuscite ad entrare nella TOP 10.

Anche quest’anno LA FENICE ha contribuito a tenere alto il nome della città di Chieri fuori dai confini territoriali dimostrandosi una società attenta alla crescita dei suoi giovani atleti, sempre pronta a migliorare e aperta a nuove sfide: “E’ stato sicuramente un nazionale faticoso, ma ricco di risultati e soddisfazioni”, commenta l’allenatrice Beatrice Fussotto. “Ogni anno le società aumentano così come il numero di atleti, questo è sicuramente una fonte di stimolo sia per noi che per i nostri atleti, chiamati a confrontarsi con nuove realtà. Visto l’alto livello tecnico raggiunto dai campionati PGS, possiamo ritenerci più che soddisfatti dei risultati raggiunti. Torniamo a casa con numerosi podi, un CAMPIONE NAZIONALE al suo primo anno di ginnastica ed un VICE CAMPIONE”.

No Comments
Comunicati

Bhai Tech Racing: Prossima fermata Portimao


A quindici giorni dalla gara inaugurale di Le Castellet si riaccendono i riflettori sul Bhai Tech Racing. La scuderia con sede a Mestrino è pronta a tornare in pista per il secondo appuntamento dell’International GT Open sul tracciato portoghese di Portimao.

Nonostante le macchine siano già in direzione di Algarve, per lo staff diretto dall’ing. Roberto Costa sono stati giorni di intenso lavoro per sistemare la McLaren MP4 12C GT3 di Pantano/Suzuki, rimasta gravemente danneggiata nel corso del primo round e per preparare la nuova sfida in Portogallo che vedrà al via trentadue equipaggi. Il week end in terra francese non ha dato la possibilità all’equipe italiana di mettere in mostra tutto il suo potenziale anche a causa di alcuni problemi legati alle gomme rain, che hanno condizionato le prestazioni in pista dei quattro alfieri.

E’ stata una vera e proprio corsa contro il tempo sia per far arrivare i pezzi di ricambio dall’Inghilterra sia per sistemare e preparare le due vetture, che ora sono già in viaggio” analizza il direttore tecnico Costa “E’ stato un lavoro lungo e voglio ringraziare tutti i ragazzi. Visto il poco tempo a disposizione non siamo riusciti ad organizzare uno shake down, che verrà quindi effettuato durante il test di giovedì.  Abbiamo lavorato anche al fianco di McLaren per cercare di risolvere i problemi di costruzione legati alle gomme Dunlop che in particolar modo hanno affliggono le nostre macchine. In Portogallo continuerà il nostro percorso di apprendistato e anche i piloti proseguiranno il loro feeling con la vettura e il tipo di campionato” Dopo la pioggia, nebbia e basse temperature del Paul Ricard, in Portogallo dovrebbe essere atteso il sole “Il meteo dovrebbe essere più clemente e questo dovrebbe aiutarci a seguire il nostro programma di sviluppo. In condizioni di asciutto, a Le Castellet, la macchina si era già dimostrata competitivaAbbiamo lavorato duramente e solo la pista saprà dirci se saremmo stati più bravi dei nostri avversari

I motori si accenderanno  a partire da giovedì con due ore di test privati, per poi proseguire venerdì mattina (10.15-11.15), prima delle due sessioni di prove libere da 60’ ciascuna e in preparazione dei due turni di qualifica (9.30 e 11.50) di sabato che disegneranno la griglia di partenza delle due gare. Alle 16.00 si accenderà il semaforo verde che darà il via alla prima gara da 70’, mentre domenica scatterà gara-2 con start alle 12.00.

No Comments
Comunicati

Week end di apprendistato per Bhai Tech al Paul Ricard


Sul tracciato transalpino di Le Castellet si sono accesi i riflettori sulla prima stagione della scuderia padovana nell’International GT Open.

Un debutto caratterizzato dal mal tempo e segnato da pioggia, nebbia e basse temperature che ha dato la possibilità al team diretto dall’ing. Roberto Costa di accumulare esperienza con i due esemplari della nuova McLaren MP4 12 C GT3 affidate alle coppie di piloti Pantano/Suzuki e Van Der Drif/Razia, all’esordio nella serie internazionale.

Nonostante un debutto “a tutto tondo” la scuderia con sede a Mestrino non ha tradito le attese accumulando chilometri e raccogliendo dati, segnando incoraggianti intertempi fin dalle prove libere portando le due vetture nelle zone calde della classifica. In qualifica 1 il talento dei quattro formulisti viene messo in bella mostra monopolizzando tutta la seconda fila con la vettura #65 italo-brasiliana Pantano/Suziki davanti ai compagni. In gara la fortuna non è dalla parte della compagine italiana e l’avventura di Van der Drift dura solo lochi chilometri a causa di un contatto con l’Aston Martin che porta il neozelandese a salutare in anticipo la corsa dopo un testacoda. Nelle fasi finali anche la seconda macchina, affidata a Suzuki, esce di scena. L’impatto è violento e i danni riportati non possono essere riparati in tempo per la seconda qualifica dove, con grande determinazione, Luiz Razia tiene alto il morale regalando al team la prima fila con il secondo miglior tempo. Ancora una volta il verdetto finale della corsa non rende giustizia e Van der Drift, dopo una lunga sosta ai box per sistemare alcune parti della carrozzeria e aver preso i comandi da Razia, chiude al quindicesimo posto.

Non possiamo ritenerci soddisfatti del risultato finale in quanto non siamo riusciti a risolvere i problemi in condizione di pista bagnata. Per noi era tutto nuovo e non avevamo mai girato in queste condizioni. Le scelte fatte purtroppo non hanno pagato. Ora lavoreremo al fianco di McLaren per analizzare tutti i dati, anche legati alle gomme Dunlop rain” analizza il direttore tecnico Roberto Costa “Con pista asciutta invece la macchina si è dimostrata competitiva. Non dobbiamo dimenticarci che siamo solo all’inizio dello sviluppo. Il team è molto competitivo e sono tutti dei professionisti. La mente è già rivolta a Portimao

Lo staff è pronto a far ritorno nell’avveniristica struttura Bhai Tech Advanced Vehicle Science per analizzare i dati e preparare la prossima sfida sul tracciato di Portimao (11/12 maggio)

No Comments
Comunicati

I piloti promuovono Bhai Tech


Sono stati giorni di intenso lavoro all’Advanced Vehicle Science Centre Bhai Tech, il nuovo polo tecnologico sorto a Mestrino (nei pressi di Padova) da un’idea dell’imprenditore Ferdinando Bada, che ha aperto le sue porte ad una tre giorni dedicata alle giovani promesse del Motor Sport Internazionale

Sette giovani piloti, provenienti dai principali campionati nazionali ed internazioni – Formula ACI CSAI Abarth, Formula 3, GP3 e GT – hanno avuto l’opportunità di testare l’avanzatissimo simulatore di guida a movimento integrale, sperimentando un percorso di preparazione fisica e mentale grazie ad una palestra attrezzata con i macchinari di ultima generazione e specialisti del settore, supportati dallo staff del Driver Program Center di Forlì.

Il centro è nato con l’obiettivo di accompagnare la crescita professionale di piloti e team contribuendo tecnologicamente alla messa a punto delle vetture sportive, come dichiara il direttore tecnico Roberto Costa dalle colonne di Autosprint “Un team che collabora con noi, ci fornisce le informazioni su gomme, assetti, carichi aerodinamici. Questi dati vengono inseriti nel sistema e una volta fissato un set-up di base iniziamo le simulazioni” Il punto focale dell’offerta di Bhai Tech è dettato proprio dal nuovo simulatore di guida 6-DOF, completamente circondato da cinque proiettori fuori bordo, uno schermo curvo del diametro di 210° e di 8m con immagini retro visive. “Molti team di F1 arrivano ad avere cento uomini coinvolti in quest’area” conclude Costa “noi invece riusciamo ad offrire questa tecnologia coinvolgendo solo poche persone, così i costi diventano alla portata dei team

A calarsi nell’abitacolo Bhai Tech sono così stati chiamati il pilota GT Nicola De Marco insieme ai giovanissimi driver provenienti dalla F. Abarth, Juan Branger e al campione rookie Santiago Urrutia che ha così commentato la sua prima esperienza al volante di un simulatore “E’ stata sicuramente una bellissima esperienza. Ho avuto la possibilità di compiere una ventina di giri sulla pista di Monza al volante di una GP2. E’ stato tutto nuovo per me, tranne la pista. Il simulatore è assolutamente realistico ed un bellissimo strumento. Credo che possa essere un valido sostituto ai test in pista” racconta il prossimo pilota dell’Open F3. Della stessa idea anche Alessandro Cicognani, 21 anni che nella scorsa stagione ha preso il via nella Carrera Cup “Ho trovato una struttura pazzesca con un simulatore professionale e molto realistico. Sono in grado di riproporre perfettamente la realtà. Quando sono sceso ero stanco come se avessi girato con la macchina in pista. Braccia e gambe sono sollecitate allo stesso modo, anche se richiede una maggiore concentrazione. Penso che sia lo strumento ideale per chi corre nei campionati di GP2 e WSR 3.5 dove si ha poco tempo per girare in pista e i test privati costano molto” conclude entusiasta il driver ravennate.

Gli fanno eco anche il campione in carica dell’Open F3, Niccolò Schirò e David Fumanelli, portacolori Trident in GP3 “Credo che possa essere un buon sostituito del test in pista. Per la prima volta ho guidato una Gp2 e mi sono trovato molto bene, anche se ho sofferto un po’ di mal di testa e per questo non sono riuscito a girare tantissimo” commenta Schirò “Sono rimasto stupito dalla struttura, all’avanguardia e modernissima. Attrezzata sotto ogni punto di vista. Sembra quella di un team di F1. Hanno un simulatore molto sviluppato e migliore anche dal punto di vista dei materiali. Considerando che sono all’inizio, la base di partenza è ottima. Anche io ho girato con la GP2, ma sulla pista di Barcellona” analizza Fumanelli “Non avevo mai provato questo tipo di vettura, ma sono rimasto impressionato dalla frenata. Credo che possa essere molto utile a preparare un week end di gara di GP3 o GP2 dove i tempi per girare sono molto ristretti. Ci si può esercitare per trovare i giusti punti di riferimenti per le staccate, ad esempio, oltre che lavorare sul set-up

Grande entusiasmo anche da parte di Nicolò Granzotto, prossimo portacolori dell’Antonelli Motorsport nella Carrera Cup “La struttura è pazzesca, composta da un team di veri professionisti dove nulla viene lasciato al caso. Il simulatore è incredibile e ripropone perfettamente la realtà. Dopo alcuni passaggi, diventa tutto automatico come se fossi veramente in macchina. E’ uno strumento fondamentale e da provare in quanto ti permette di lavorare sia sul bilanciamento della vettura, sia nel trovare i punti di riferimento in pista. Oltre al supporto degli ingegneri puoi analizzare anche la telemetria. I miei complimenti” conclude Nicolò “vanno anche allo staff del Driver Program Center che ci hanno seguiti prima e dopo la sessione con esercizi fisici e mentali

No Comments
Comunicati

TRIS di podi per la Fenice al Trofeo d’Autunno


Inizio di stagione scintillante per la ASD Ginnastica la Fenice Chieri che nel tradizionale appuntamento con il TROFEO D’AUTUNNO, in ricordo del fondatore della PGS Don Gino Borgogno, conquista le prime medaglie negli esercizi a volteggio e trave.

Sullo sfondo del palazzetto di San Maurizio Canavese 300 atlete provenienti da Piemonte, Liguria e Veneto si sono sfidate agli esercizi di corpo libero, trave e volteggio con le portacolori Fenice che si sono messe in particolare evidenza nelle categorie Open C e Junior B grazie ai podio di Alessandra Formica e Thea Pungitore al volteggio, e a Francesca Crisafulli che firma un ottimo esercizio alla trave valevole del terzo gradino del podio nell’Open A (il quarto posto complessivo a squadre)

Il quarto posto di Marta Ravizzotti alla trave e i due quinti posti di Martina Bragardo e Noemi Banchio, rispettivamente a trave e volteggio, fanno volare fino al quarto posto complessivo la Fenice nell’Open C.

“Salutiamo il Trofeo d’Autunno con note sia positive che negative. La maggior parte delle nostra atlete ha gareggiato nel programma più difficile rispetto alla passata stagione. Per questo si sono trovate ad affrontare nuovi elementi si cui dobbiamo ancora migliorare e lavorare. La preparazione non è ancora stata ultimata e questo non ci ha permesso di esprimerci al meglio delle nostra potenzialità. L’emozione ha giovato anche dei brutti scherzi, soprattutto negli esercizi alla trave. Ci fa particolarmente piacere lo splendido terzo posto di Francesca Crisafulli alla trave. Dopo aver sfioratosognato la qualificazione per la fase interregionale FGI, è riuscita a dimostrare il suo reale potenziale. I nostri complimenti vanno anche ad Alessandra Formica e Thea Pungitore per il volteggio eseguito. Considerando il periodo dell’anno possiamo ritenerci molto soddisfatti dei primi risultati anche se siamo consapevoli che dovremmo continuare ad allenarci duramente in vista dell’inizio del campionato vero e proprio, che scatterà il prossimo 12 febbraio” commentano le allenatrici della Fenice Chieri

Il prossimo appuntamento con la ASD Ginnastica la Fenice Chieri è per il prossimo 22 dicembre con il tradizionale Saggio di Natale che si terrà al Palamaffei di Buttigliera d’Asti a partire dalle 15.30

No Comments
Comunicati

Centoquindici GRAZIE! La nuova stagione della Fenice Chieri è pronta a iniziare


10-20-50-100…115 grazie a tutti nostri atleti e alle loro famiglie che hanno appoggiato il progetto della ASD Ginnastica la Fenice Chieri.  La seconda stagione sportiva della società chierese di ginnastica artistica si apre con una grandissima vittoria che mette in luce il buon lavoro svolto dallo staff nell’anno inaugurale, con la conquista di numerosi titoli e vittorie.

 

Il successo di iscrizioni ha costretto però la società ad una chiusura anticipata, evitando così di compromettere il corretto svolgimento delle lezioni, come dichiara la vicepresidente Vilma Berruto “Tempi è spazi limitati in palestra ci hanno purtroppo obbligati a chiudere molto presto le iscrizioni, fissando numeri limite di atleti per ciascun gruppo, che speriamo di riuscire ad alzare l’anno prossimo, così da poter accogliere tra le fila della Fenice anche chi quest’anno non è riuscito ad iscriversi, pur mantenendo alto il livello dell’allenamento e della preparazione dei nostri ragazzi”.

 

L’obiettivo della società è quello di crescere costantemente per garantire una migliore preparazione a tutti i suoi atleti. In questi primi mesi di attività sono stati così acquistati numerosi attrezzi, divenuti fondamentali per la partecipazione nelle competizioni FGI, quali il cubo per il volteggio, attrezzo propedeutico per la tavola, le parallele asimmetriche,  la nuova “facilitante” composta da materiali innovativi e all’avanguardia e la trave in gomma, utile sia ai più piccoli per avvicinarsi a questo elemento sia ai più esperti per perfezionare i movimenti più complicati prima di provarli alla trave alta. “Questi investimenti erano il nostro principale obiettivo e ci stavamo lavorando fin dalla nascita della società. Siamo contenti di aver raggiunto un traguardo così importante già alla seconda stagione. Il livello delle gare cresce anno dopo anno e senza un’attrezzatura adeguata è impossibile stare al passo. Le parallele asimmetriche erano l’attrezzo a cui tenevamo di più. Sicuramente uno dei più difficili e complessi ma che incarna meglio la metafora della ginnastica che ti fa volare in alto….siamo fiere di aver reso realtà per le nostre ragazze quello che noi, da piccole ginnaste, sognavamo”

 

Le novità però arrivano anche sul fronte tecnico. Nel week end del 10-11 e domenica 25 novembre gli atleti della Fenice hanno potuto affrontare uno stage formativo a Novi Ligure partecipando ad allenamenti collettivi sotto la supervisione di tecnici Federali. La società sta lavorando affinché gli stage diventino un appuntamento fisso con scadenze mensili, dando così la possibilità agli atleti di confrontarsi con altre società che affronteranno nelle gare.

No Comments
Comunicati

Nicholas Latifi carico per l’ultimo appuntamento di Monza


Questo fine settimana il circuito di Monza farà da sfondo all’ultimo appuntamento dell’Italian Formula 3 European Series e al Campionato Italiano di Formula 3. Dall’appuntamento inaugurale di Valencia sono passati oltre sei mesi e dopo ogni week end Nicholas Latifi ha saputo scalare la griglia, conquistando il podio nelle ultime due gara, grazie il secondo posto di Imola e alla vittoria di Vallelunga.

Al debutto assoluto nella serie e al volante di una monoposto, il 17enne kartista italo-canadese è stato in grado di arrivare, passo dopo passo, a lottare alla pari con i compagni più esperti che possono contare su una migliore conoscenza non soltanto della vettura, ma anche dei tracciati internazionali che compongono il calendario delle due serie. Latifi in questi mesi ha dimostrato non soltanto il suo talento al volante della Mygale F.3, ma anche tanta determinazione e caparbietà.

Nel tempio della velocità il portacolori JD Motorsport cercherà di chiudere alla grande la sua prima stagione in monoposto con l’obiettivo di conquistare più punti possibili per consolidare la quarta posizione nella classifica “rookie” e la settima in “generale”.

“Credo che la top 5 sia alla mia portata. Dopo il secondo posto di Imola e la vittoria a Vallelunga il mio obiettivo è quello di conquistare un altro importate risultato che mi permetta di salire ulteriormente in classifica. Rispetto agli altri tracciati la qualifica non sarà così determinante al fine del risultato finale, considerando i lunghi rettilinei che disegnano i 5793 metri del tracciato. Il layout di Monza concede diverse possibilità di sorpasso” commenta Nicholas Latifi

“La vittoria di Vallelunga nella gara sprint è stato un risultato incredibile e a Monza siamo determinati a proseguire sullo stesso slancio. La progressione di quest’anno è stata estremamente impressionante e ancora una volta ha dimostrato il suo talento” commenta il coach driver David Tennyson

“Siamo arrivati all’ultimo appuntamento e vogliamo chiudere la stagione con un altro bel risultato, continuando sulla scia di gara-3 a Vallelunga. In questo modo potremmo dare anche una mano al nostro compagno di squadra a vincere i due campionati, visto che si trova al comando di entrambe le classifiche” analizza Giovanni Minardi, consulente sportivo

I motori si accenderanno venerdì per l’unico turno di prove libere (9.00-9.30) in preparazione del turno di qualifiche che disegnerà per l’ultima volta in questo 2012 la griglia di partenza delle due gare da 22’ (in programma sabato a partire dalle 14.15) e 30’ (domenica alle 9.00). Il sipario calerà a conclusione della gara sprint, in programma a partire della 16.10

No Comments
Comunicati

F.3 – Nicholas Latifi scopre la pista di Monza


In attesa dell’ultimo appuntamento dell’Italian Formula 3 European Series in programma il prossimi 21 ottobre sul tracciato di Monza, valido anche per la serie tricolore, Nicholas Latifi è tornato al lavoro sulla sua Mygale #18 prendendo parte al test collettivo proprio sulla pista brianzola.

Un’occasione importante che ha dato la possibilità al giovane driver italo-canadese di prendere un primo contatto con la pista, affinando il suo feeling con la vettura anche in condizioni di pista bagnata. “Da un lato la pioggia caduta costantemente ha reso più difficile il nostro lavoro, ma al tempo stesso mi ha permesso di provare la pista nelle diverse condizioni, compresa la guida con le slick sul bagnato. Purtroppo il lavoro è stato rallentato da alcuni problemi tecnici” analizza Nicholas

Fresco della prima vittoria stagionale a Vallelunga e del secondo posto di Imola, il 17enne di casa JD Motorsport è determinato a chiudere la sua prima stagione in monoposto con un altro importante risultato per proseguire la scalata della classifica “Credo che la top 5 sia alla mia portata. Dopo il secondo posto di Imola e la vittoria a Vallelunga il mio obiettivo è quello di conquistare un altro importate risultato che mi permetta di salire ulteriormente in classifica” prosegue Latifi.

Nell’anno del suo debutto assoluto in monoposto, e con ancora tre gare, Nicholas occupa la quarta posizione nella classifica dedicata ai rookie e la settima piazza nell’assoluto della serie italiana ed europea “Dall’inizio dell’anno ho cercato di migliorare costantemente la qualifica, ma a Monza non sarà così determinante, considerando i lunghi rettilinei che disegnano i 5793 metri del tracciato. Monza concede diverse possibilità di sorpasso” conclude il driver JD

No Comments
Comunicati

F.3 – Nicholas Latifi si prepara al rush finale


Nonostante l’immagine dell’esaltante secondo posto conquistato a Imola quindici giorni fa sia ancora molto limpida nella mente di Nicholas Latifi, è arrivato il momento di concentrarsi sulla prossima sfida e sul rush finale dell’Italian Formula 3 European Series.

La prima sfida avrà come sfondo il circuito romano di Vallelunga intitolato a Piero Taruffi, mentre il gran finale andrà in scena il week end del 21 settembre nel tempio della velocità di Monza, dove lo scorso fine settimana i campioni della Formula 1 Lewis Hamilton, Sergio Perez e Fernando Alonso hanno colorato il podio.

Nell’anno che ha segnato l’esordio assoluto nel mondo delle monoposto, scalando velocemente lo schieramento di partenza, l’italo canadese della JD Motorsport si presenterà a Vallelunga con l’obiettivo di proseguire la sua crescita e con la voglia di continuare a dare del “filo da torcere” ai leader del campionato.

Il week end romano prenderà il via fin dalla giornata di giovedì con 4 turni di prove libere, per poi proseguire venerdì con l’ultima mezz’ora prima delle qualifiche che determineranno lo schieramento di partenza di gara-1 e gara-2 che prenderanno il via rispettivamente sabato alle 15.10 (diretta su RaiSport 2 ) e domenica alle 10.00 (diretta su RaiSport 2). La sprint race (ore 16.00) chiuderà il settimo appuntamento stagionale. Le tre gare saranno trasmesse anche in streming web su www.acisportitalia.it/F3 e www.sportube.tv (canale 5)

NICHOLAS LATIFI “Aspetto con ansia il week end di Vallelunga. A Imola ho conquistato il miglior risultato stagionale e ora voglio proseguire la striscia positiva. Le qualifiche saranno molto importanti in quanto sarà molto difficile sorpassare. Per questo voglio iniziare a spingere fin dall’inizio lavorando a stretto contatto con il team e gli ingengeri”

DAVID TENNYSON (coach driver): “Nicholas è pronto e concentrato sul prossimo week end. Il risultato impressionante della gara di Imola è un’altra pietra miliare nella sua crescita di pilota. Sono molto fiducioso sul prossimo fine settimana, dove potrà conquistare altre preziosi punti”

GIOVANNI MINARDI (consulente sportivo): Il podio di Imola deve essere uno stimolo per Nicholas. Un punto di partenza per continuare a crescere, lavorare e migliorare. Non dobbiamo dimenticarci che per lui è tutto nuovo e che si tratta della sua prima stagione in monoposto, dopo il kart. Sono contento della sua crescita e sono certo che anche a Vallelunga potrà infastidire il trio in lotta per il titolo

No Comments
Comunicati

F.3 – Nicholas Latifi compie l’impresa e vince la sua prima gara a Vallelunga


Quindici giorni che difficilmente potrà dimenticare Nicholas Latifi. Dopo il secondo posto conquistato con grande autorevolezza sulla pista di Imola, il giovane driver italo-canadese ha scalato ulteriormente podio e classifica conquistando la vetta e firmando la sua prima vittoria stagionale.

Un risultato notevole arrivato alla fine di una “sprint race” corsa al comando dal primo all’ultimo passaggio e priva di sbavature, dimostrando grande freddezza e lucidità fin dalla partenza in pole e nei momenti più delicati della corsa, come il rientro della safety car e la conseguente ripartenza. Situazione nuova per il portacolori JD Motorsport in cui ha saputo farsi trovare pronto, tenendo tutti dietro.

Non bisogna dimenticare che Latifi ha firmato il suo esordio nelle monoposto solamente in questa stagione, dopo aver iniziato la sua giovanissima carriera nel karting canadese. In soli cinque mesi ha saputo scalare vertiginosamente tutto lo schieramento, arrivando alla vittoria di domenica pomeriggio che ha chiuso il settimo, e penultimo, appuntamento dell’Italian Formula 3 Euroepean Series, valido anche per la serie tricolore.

Grazie alla vittoria Nicholas consolida, in attesa della finale a Monza del 21 ottobre, la quarta posizione nella classifica rookie e la settima piazza nelle classifiche assolute delle serie tricolore ed europea.

NICHOLAS LATIFI: “Nel fine settimana più difficile è arriva la soddisfazione più bella, la prima vittoria. Abbiamo faticato in tutte le sessioni. Dopo le qualifiche ero molto deluso, ma sono stato contento di aver chiuso gara-1 in sesta posizione. In questo modo ho avuto la possibilità di partire dalla pole in gara-3. Nella seconda gara invece sono stato toccato da un avversario che ha tentato il sorpasso in un punto della pista dove non c’era spazio. Per fortuna è arrivata la prima vittoria in campionato. E’ stato incredibile. Con il secondo posto di Agostini abbiamo regalato a tutto il team un grandissimo risultato

MICHAEL LATIFI (papà di Nicholas): “Sono veramente contento per Nicholas. Questa vittoria è il risultato di un grande lavoro. In questi mesi Nicholas ha dimostrato di saper crescere dopo ogni appuntamento. Arrivando direttamente dal kart sapevamo che non sarebbe stato facile, anche perché abbiamo incontrato ragazzi con una grande esperienza. Questa vittoria deve essere un punto di partenza per continuare a lavorare e crescere. Ora vogliamo chiudere bene la stagione con un altro importate risultato a Monza

DAVID TENNYSON (coach driver): “Nicholas ha sempre dimostrato le sue buone qualità alla guida. Il salto dal kart alla F.3 è stata una grande sfida e sono rimasto veramente colpito della sua progressione. Ci siamo prefissati degli obiettivi per questa stagione, lavorando molto sullo sviluppo della macchina e finalizzando il lavoro con l’ingegnere. La vittoria di domenica è stata impressionante. Devo fare i complimenti anche al team JD che sono stati impeccabili

GIOVANNI MINARDI (consulente sportivo): Innanzitutto devo fare i complimenti a Nicholas che con la vittoria ha raggiunto un obiettivo che cercava da tempo. Sono convinto che questo risultato sia solamente un punto di partenza, oltre che una grande iniezione di fiducia in vista dell’appuntamento finale di Monza. Complimenti anche a tutto l’entourage che sostiene e segue Nicky”

No Comments
Comunicati

F.3 – Un incredibile Latifi conquista il secondo posto a Imola


Obiettivo centrato. Sul tracciato internazione di Imola, teatro del terz’ultimo appuntamento dell’Italian Formula 3 European Series e della Formula 3 Italia, Nicholas Latifi ha conquistato uno strepitoso secondo posto nella gara sprint, centrando così il primo podio in carriera nella stagione che ha segnato il suo esordio assoluto nel mondo delle monoposto.

Scattato dalla seconda fila l’italo canadese di casa JD Motorsport si è portato prontamente al comando della corsa, cedendo successivamente il passo al più esperto avversario, portando a termine una gara priva di errori che gli regala il primo podio. Un quarto e un sesto posto nelle gare da 22’ + 1 giro e 30’ + 1 giro completano l’ottimo week end all’Enzo e Dino Ferrari, risultando anche il secondo miglior pilota dell’intero week end.

In questi mesi Nicholas Latifi è stato in grado di progredire con grande costanza dopo ogni appuntamento scalando velocemente la griglia di partenza e arrivando a lottare con i piloti che oggi si contendono la corona finale, che possono vantare una conoscenza maggiore della vettura e dei tracciati.

Con un bottino di 37 punti, e con ancora 2 round in calendario, Nicholas Latifi si è portato a ridosso del podio nella classifica dedicata ai rookie e al settimo posto nel Campionato Italiano di Formula 3 e dell’Italian Formula 3 Euroepan Series.

NICHOLAS LATIFI: Nel complesso sono soddisfatto di come sia andato il week end di Imola. Un quarto e un sesto posto nelle prime due gare, per poi chiudere con il secondo posto e il primo podio stagionale. Sono riuscito a guidare costantemente pulito senza commettere errori e in cambio ho avuto dei risultati concreti

DAVID TENNYSON (coach driver): “Le prestazioni di Nicholas mettono in evidenza il suo talento naturale. Un podio nella sua prima stagione con le monoposto arrivando direttamente dal mondo del kart è un risultato impressionante. Sono molto orgoglioso dei suoi progressi e del lavoro che sta facendo dentro e fuori dalla pista. Sono sicuro che da qui alla fine del campionato le sue performance miglioreranno ancora man mano che aumenterà la sua esperienza con la vettura

GIOVANNI MINARDI (consulente sportivo): “Sono molto contento di quello che ha fatto Nicholas durante l’intero week end. E’ cresciuto dopo ogni turno fino ad arrivare in gara-3 sul secondo gradino del podio, portando a termine una gara perfetta priva di errori. Credo che per il finale di campionato sarà uno di quei piloti che potrà dare più fastidio al trio in lotta per il titolo, aiutando in modo indiretto il suo compagno di squadra Agostini portando via punti importanti ai suoi diretti avversari”

No Comments
Comunicati

F.3 – Nicholas Latifi pronto per la sfida di Imola


A un mese di distanza dalla sfida al Red Bull Ring l’Italian Formula 3 European Series si prepara a fare il suo ritorno tra i confini nazionali, per dar vita alle ultime tre tappe sullo sfondo degli autodromi internazionali di Imola, Vallelunga e Monza.

Dopo aver firmato la miglior qualifica in Austria, l’italo-canadese Nicholas Latifi è pronto a tornare al volante della sua Mygale #18 per proseguire la crescita e andare a caccia di nuovi punti. In questi primi mesi il portacolori JD Motorsport ha dimostrato di sapere crescere con grande costanza riuscendo a portarsi a ridosso dei primi della classe. Purtroppo l’inesperienza con le monoposto gli ha negato soddisfazioni più importanti, come la conquista del primo podio stagionale che rimane l’obiettivo principale.

NICHOLAS LATIFI “Mi sento molto fiducioso in vista della gara di Imola. Spero di poter confermare gli ottimi risultati nelle qualifiche al Ring per poi impostare una buona gara. Il mio obiettivo è quello di conquistare un buon risultato finale, ingrediente che è mancato purtroppo nell’ultimo appuntamento

Il week end prenderà il via fin dal giovedì con i quattro turni di test collettivi, per poi proseguire venerdì 31 agosto con l’ultima mezz’ora di prove libere (9.00- 9.30) prima delle due qualifiche (17.25-17.40 e 17.50-18.05) che determineranno gli schieramenti delle gare da 22’+ 1 giro e 30’ + 1 giro in programma sabato alle 14.55 e domenica 2 alle 10.00. La gara Sprint da 15’ + 1 giro (ore 18.00) chiuderà il sesto appuntamento

No Comments
Comunicati

F.3 – Al “Ring” Nicholas Latifi apre la caccia alla top 3


Questo fine settimana il tortuoso circuito del Red Bul Ring sarà il teatro dell’ultima tappa oltreconfine dell’Italian European Series, guinto al quinto appuntamento stagionale.

Dopo l’ottima performance nella due giorni di test collettivi proprio sulla pista austriaca, il talentuoso Nicholas Latifi è pronto è a tuffarsi nuovamente nella bagarre del campionato, al volante della Mygale per difendere i colori del team JD Motorsport e mettere a frutto l’esperienza conquistata in questi primi quattro mesi. Il 17enne italo-canadese ha dimostrato di sapersi adattare bene alla guida della difficile Formula 3 mostrando una progressiva crescita dopo ogni appuntamento.

Entrando nella parte calda della stagione Nicholas è determinato a dare una svolta alla sua stagione e alla sua classifica puntando con decisione alla top 3, dopo averla quasi assaporata nel secondo appuntamento sullo sfondo di Budapest.

Il Red Bull Ring sarà valido anche per il Campionato Italiano di Formula 3, giunto con il terzo appuntamento al giro di boa e che vedrà successivamente impegnati i piloti tra Imola, Vallelunga e Monza per il gran finale.

NICHOLAS LATIFI: “Il mio obiettivo da qui alla fine della stagione è la top 3. Abbiamo una buona vettura e anche il mio feeling è migliorato molto, soprattutto per quanto riguarda la gestione della gomma nuova. Pertanto sono molto fiducioso e spero di concretizzare al meglio il lavoro. La pista è una dei migliori tracciati, con dislivelli naturali e curve medio-veloci. Presenta diversi punti per poter provare dei sorpassi

Il weekend austriaco prenderà il via venerdì alle 8.30 con la prima sessione di prove libere, seguita dalla seconda sessione alle 13.40. Sabato alle 9.25 il via alle prove ufficiali che decideranno la pole position di gara 1, in diretta su Rai Sport 2 dalle 14.40. Domenica mattina alle 10.20 la gara sprint da 15´ più un giro sempre in diretta su Rai Sport 2, come l´ultima gara del weekend alle 16.35 di domenica

No Comments
Comunicati

F.3 – Al Ring Nicholas Latifi sfiora l’impresa


ELTWEG – Al Red Bull Ring, teatro del quinto appuntamento dell’Italian Formula 3 European Series, Nicholas Latifi ha vissuto un week end altalenante mettendo comunque in mostra i continui progressi al volante di una difficile vettura di Formula 3.

Dopo aver ben figurato nei due giorni di test collettivi il portacolori JD Motorsport conquista con grande determinazione e freddezza la terza e quarta posizione nei due turni di qualifiche che hanno disegnato la griglia di partenza delle gare più impegnative, da 20’ e 30’ + 1 giro. Il 17enne italo-canadese ha così portato la sua Mygale #18 in seconda file, a poco più di 3 e 4 dec dal secondo miglior tempo, firmando le sue due migliori qualifiche stagionali.

In gara purtroppo la poca esperienza (non bisogna dimenticare che Nicholas arriva direttamente dal kart) con vetture così impegnative in un campionato di alto livello ha vanificato l’importante lavoro, impendendogli di raccogliere quanto seminato nonostante sul ritmo gara abbia dimostrato di poter tenere il passo dei primi della classe.

NICHOLAS LATIFI: “Volevo migliorare le qualifiche e così è stato. La seconda fila è sicuramente un buon risultato e un buon punto di partenza per conquistare risultati positivi. Purtroppo le gare non sono andate come avrei voluto. In gara-1, grazie ad una bella partenza, ero riuscito a portarmi subito al comando, ma a causa di un contatto sono scivolato nelle retrovie. E’ stato un vero peccato. Nelle gare il mio ritmo è sempre stato molto buono e questo mi fa ben sperare per il proseguo della stagione.

DAVID TENNYSON (coach driver): ““I progressi di Nicholas questa stagione sono stati estremamente impressionanti. Passare direttamente dal kart alla F3 e ottenere una Top 3 in qualifica a metà stagione è una conquista fantastica. In base alle sue recenti performance in qualifica, competere nelle prime posizioni sarà una nuova sfida per Nicholas e il suo livello di apprendimento è già molto alto. Sono molto fiducioso nel fatto che Nicholas dimostrerà ancora una volta le sue eccezionali doti naturali e il suo talento al volante e che continuerà a crescere come pilota.””

GIOVANNI MINARDI (consulente sportivo): “Il week end del Red Bull Ring è andato a fasi alterne. Purtroppo non siamo riusciti a raccogliere quanto seminato. Sia nei due giorni di test collettivo del mese di luglio sia nelle qualifiche Nichy era stato molto veloce, dimostrando di essere cresciuto molto sul piano del singolo giro. Purtroppo in gara non abbiamo conquistato i piazzamenti che potevano essere sicuramente alla nostra portata, a causa di piccoli errori dovuti alla poca esperienza e alle circostante poco favorevoli. Il lavoro sta iniziando a dare i primi frutti e ad Imola potremmo ottenere quei risultati che ci sono sfuggiti in Austria

No Comments
Comunicati

F.3 – Nicholas Latifi “Obiettivo Top 3 entro Monza”


L’Italian Formula 3 European Series si prepara ad entrare nella seconda parte e per Nicholas Latifi è tempo di bilanci.

Dopo i primi quattro appuntamenti di apprendistato, il 17enne italo-canadese è pronto a raccogliere i frutti del duro lavoro e andare a caccia del primo podio, sfiorato a Budapest.

Nella scorsa settimana il driver JD Motorpsort è tornato al volante della sua Mygale #18 al Red Bull Ring, partecipando al test collettivo organizzato dal campionato in preparazione della prossima sfida proprio sulla pista austriaca. Nelle due giornate Nicholas ha confermato i miglioramenti delle ultime uscite scalando la classifica fino al secondo posto.

Che lavoro hai svolto sulla pista del Red Bull Ring con il team JD Motorsport e il tuo ingegnere?
Le due giornate al ed Bull Ring sono state molto simile ai test di Imola. Fin da subito abbiamo trovato un buon bilanciamento della vettura chiudendo la prima sessione con il quarto tempo, per poi salire fino al secondo posto nella giornata conclusiva. Ogni volta che arrivo su una pista nuova, prima di iniziare il lavoro con l’ingegnere, vado alla scoperta di tutti i segreti del tracciato. Solo successivamente iniziamo il lavoro di messa a punto.

Ti piace la pista?
La pista è una dei migliori tracciati, con dislivelli naturali e curve medio-veloci. Presenta diversi punti per poter provare dei sorpassi.

Siamo arrivati al giro di boa. Qual è il tuo giudizio dopo i primi quattro appuntamenti?
Le prime quattro gare sono state di apprendistato. Arrivando dal kart è stata un’esperienza molto importante, anche se non sono particolarmente soddisfatto dei miei risultati. Se non vinco sono mi ritengo soddisfatto, anche se in confronto a tutti gli altri ho molta meno esperienza. Devo continuare a migliorare il mio feeling con la vettura e con le piste. Per me è tutto nuovo. Sono sicuro che entro la fine della stagione i risultati arriveranno.

Qual è il tuo obiettivo entro la fine della stagione?
Mi sono prefissato di poter arrivare a lottare con i top 3 del campionato. E’ un obiettivo importante, ma fin quando non avrò la possibilità di lottare per la vittoria non potrò ritenermi soddisfatto. Sono determinato e concentrato a raggiungere questo traguardo. Pertanto dovrò migliorare i miei risultati, sia in gara che in qualifica.

In questa prima parte di stagione ha avuto la possibilità di guidare sia la Dallara che la Mygale.
Sono entrambe due vetture molto competitive, ma forse il telaio francese si adatta meglio al mio stile di guida. Il passaggio è stata una mossa importante anche se non facile. Avevo percorso tantissimi chilometri e tutti i test invernali con la Dallara. Ho dovuto ricominciare da zero, ricalibrando il stile di guida.

Arrivando dal kart, è stato difficile adattarsi allo stile di guida di una vettura di Formula 3?
Il passaggio è stato certamente impegnativo, soprattutto dal punto mentale. Ci sono differenze significative tra i due mezzi. Ad esempio una vettura di F.3 è molto più severa in caso di errore. Si perde subito tantissimo tempo, mentre un kart ti permette di recuperare con più facilità. Inoltre mi sto ancora abituando al forte carico aerodinamico, che limita la lotta testa a testa con gli avversari. Durante una gara di kart puoi arrivare a sorpassarti anche 3-4 volte nello stesso giro.. Queste battaglie mi mancano.

Vive e studi in Canada, ma corri in Europa. Una sfida in più per te. Come ti sei organizzato?
Il viaggio è sicuramente la parte più impegnativa. Le ore di volo sono tante, per non contare i cambi di aereo e il tempo passato negli aeroporti. Insieme alla mia famiglia siamo sempre in cerca di una soluzione migliore per ridurre al minimo gli spostamenti. Dal prossimo anno cercheremo altre soluzione. In occasione della gara di Valencia sono rimasto molto colpito dal jet lag. Per questo sto lavorando molto sia fisicamente che mentalmente per affrontare al meglio le trasferte.

Qual è il tuo obiettivo al Red Bull Ring?
Abbiamo una buona vettura e anche il mio feeling è migliorato molto, soprattutto per quanto riguarda la gestione della gomma nuova. Pertanto sono molto fiducioso e spero di concretizzare al meglio il lavoro.

No Comments