Archives

Comunicati Eventi

Unibg: conferito il titolo di Professore Emerito a Maurizio Gotti e Antonio Perdichizzi


Il rettore dell’Università degli studi di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, ha conferito il titolo di “Professore Emerito” ai docenti Maurizio Gotti e Antonio Perdichizzi durante la cerimonia tenutasi in Aula Magna nel pomeriggio di giovedì 6 febbraio alla presenza dei presidi di facoltà e dei direttori dei dipartimenti di Lingue, culture e letterature straniere e di Ingegneria e scienze applicate.

«Il titolo di Professore Emerito – ha dichiarato il rettoreè un riconoscimento ministeriale prestigioso che non solo onora ufficialmente la carriera e l’apporto professionale dei colleghi, omaggiandoli di un titolo distintivo che certifica i loro meriti, ma traccia anche la storia della nostra università».

I professori possono essere considerati la memoria viva dell’Ateneo avendolo visto crescere dall’inizio. Gotti, tra i primi laureati a Bergamo nel 1972, è diventato ricercatore e poi, dopo varie esperienze in altri atenei, è tornato all’Università di Bergamo come professore ordinario nel 1996. Perdichizzi invece si è laureato al Politecnico di Milano, dove ha iniziato la sua carriera accademica, proseguita poi all’Università di Brescia per giungere a Bergamo, in qualità di professore ordinario, nel 1990.

Importante il contributo dei docenti emeriti alla promozione della ricerca scientifico-tecnologica e dei rapporti internazionali per i settori di loro competenza: gli studi linguistici sulle varie strategie discorsive di Gotti e gli studi aerodinamici, termici e sulle energie rinnovabili di Perdichizzi,

Il tratto che li accomuna, come evidenziato dal rettore, è la grande capacità di scambio che hanno avuto con i loro studenti, “aprendoli alla vita”. «I professori Gotti e Perdichizzi sono “emeriti” proprio per questo: oggi riconosciamo loro il “merito” di aver saputo compiere la loro missione universitaria nel migliore dei modi possibili, ma soprattutto di aver saputo condividere, ricevere e restituire i saperi con passione e con attenzione alle persone e alle loro diverse esistenze. Spero che siano di esempio a molti giovani: l’obiettivo per le nuove generazioni, ma anche per tutti noi, è quello di scoprire e alimentare i propri talenti (qualunque essi siano), per metterli poi al servizio della società intera» ha concluso il rettore che, per la seconda volta nel suo mandato assegna questo titolo (nel 2017 è toccato ai prof. Gianfranco Gambarelli e Marco Masini).

No Comments
Comunicati

Unibg: approvato il piano strategico d’Ateneo 2020 – 2022


Persona, società, tecnologia. Questi i tratti che definiranno le scelte dell’Università degli studi di Bergamo nel prossimo triennio secondo il Piano Strategico d’Ateneo 2020-2022 approvato questa sera in via definitiva dal Consiglio di Amministrazione dell’Università, in seguito al parere positivo del Senato Accademico.

«La persona è al centro dell’operato dell’Ateneo e ogni azione deve essere volta alla valorizzazione e alla tutela della specificità di ciascun individuo, nonché a favorirne l’operato all’interno della società – dichiara il rettore Remo Morzenti Pellegrini -. In questo processo di scambio Ateneo-società, la tecnologia è pervasiva: la sua conoscenza e applicazione è parte fondamentale dello sviluppo delle capacità e dello spirito critico di ogni persona, nonché nella comprensione di alcune dinamiche di cambiamento dell’ambiente in cui gli individui operano».

Il piano triennale 2020-2022 si apre in uno scenario nuovo, difficile da prevedere nella pianificazione dello scorso triennio. Il piano strategico 2017- 2019 era infatti orientato alla crescita e allo sviluppo dell’Ateneo che vedeva in uno dei suoi obiettivi più concreti il raggiungimento entro il 2020 della soglia di 20.000 studenti. Tale risultato è stato raggiunto con 2 anni di anticipo arrivando già nel corso del 2018 a superare la soglia dei 20.000. Tale numero è solo la sintesi di un risultato più ampio e eterogeneo, frutto dello sforzo di tutto l’Ateneo verso l’eccellenza nella didattica, nella ricerca, nella relazione con il territorio e con i partner stranieri. Questo risultato apre uno scenario nuovo per l’Università che vede ora la necessità di rifocalizzare la propria strategia considerando quanto fatto un punto di passaggio e non di arrivo.

OBIETTIVI STRATEGICI

La strategia di Ateneo per il triennio 2020-2022 dunque si sviluppa su quattro dimensioni: qualità, innovazione, internazionalizzazione e relazione.

«Qualità dei propri processi come strumento per rispondere alle esigenze del contesto in cui operiamo; innovazione come elemento permanente della gestione e dimensione critica di ogni attività; internazionalizzazione quale elemento imprescindibile per lo sviluppo delle competenze e la valorizzazione della propria individualità; infine la relazione, interna ed esterna» continua il rettore.

All’interno di queste quattro dimensioni sono stati definiti 16 obiettivi strategici relativi alle missioni fondamentali dell’Ateneo (Didattica, Ricerca e Terza Missione) e 27 azioni relative allo sviluppo delle strutture a supporto.

INFRASTRUTTURE

Nonostante il notevole incremento degli spazi a disposizione, la crescita – anche in previsione – della popolazione universitaria (studenti, docenti, personale ATA) rende necessario un ulteriore rafforzamento e una costante manutenzione delle infrastrutture da destinare a servizi e spazi universitari.

In particolare, in programma l’imminente inizio dei lavori di recupero del Chiostro piccolo di S. Agostino e completamento del polo umanistico, il completamento dei lavori sull’edificio “ex-Centrale Enel” a Dalmine e una riorganizzazione dei 1500mq di spazi acquistati dall’Ateneo a seguito dell’accordo con la Provincia in via f.lli Calvi.

Le esigenze a cui l’Università dovrà dedicare attenzione sono relative non solo a spazi per didattica – nuove aule, laboratori, sale studio – servizi amministrativi e istituzionali, ma soprattutto all’offerta di residenzialità per gli studenti. Nello specifico, il cda ha dato il via libera, per quanto riguarda l’universita’, al progetto di riqualificazione della ex Caserma Montelungo-Colleoni, nel corso delle prossime settimane sarà adottata saranno avviati e attuati gli interventi necessari per rivedere integralmente il progetto iniziale.

Nel corso del 2019, infine, l’Ateneo ha raccolto la disponibilità di ulteriori soluzioni tramite un bando per la manifestazione di interesse per favorire la crescita degli spazi rivolti ai servizi agli studenti. A riguardo il cda, su proposta del Rettore, ha dato il via libera alla valutazione della possibile acquisizione dell’immobile attualmente sede dall’accademia della Guardia di finanza.

UNA CRESCITA DI QUALITÀ: DAL 2020 CORSI AD ACCESSO SOSTENIBILE E PROGRAMMATO

Per far fronte alla crescita del numero di studenti garantendo una maggiore attenzione al singolo studente, un miglioramento della qualità della didattica e la sostenibilità delle attività accademiche, a partire dall’anno accademico 2020 – 2021, l’Università degli Studi di Bergamo introdurrà il numero programmato e sostenibile per tutti i corsi di laurea triennale e a ciclo unico.

Con il nuovo anno accademico l’offerta formativa dell’Ateneo si amplia con l’introduzione dei corsi di laurea in “Scienze motorie e sportive”, presso il dipartimento di scienze umane e “Management Engineering”, presso il dipartimento d’ingegneria, portando a 43 il numero di corsi erogati nei 7 dipartimenti dell’Università.

Per accedere ai corsi di laurea a numero programmato saranno dedicate due sessioni di selezione, una primaverile e una estiva attraverso lo svolgimento del Test On Line CISIA (TOLC) che, oltre ad accertare il possesso di un’adeguata preparazione iniziale, dà accesso a una graduatoria di ammissione: l’immatricolazione è infatti condizionata dalla posizione occupata nella graduatoria. Il test può essere svolto, previa iscrizione, presso tutte le sedi universitarie italiane che fanno parte del consorzio secondo le date pubblicate sul sito del CISIA, indicando l’Università per cui si fa richiesta d’ammissione.

Nella sessione primaverile verranno messi a bando il 50% dei posti complessivamente disponibili, mentre nella sessione estiva il restante 50% più eventuali posti non assegnati nella sessione primaverile. La sessione primaverile prevede il sostenimento del test entro il 24 aprile 2020, mentre quella estiva entro il 31 agosto 2020. Entro l’8 maggio verrà pubblicata la graduatoria, in caso di ammissione sarà necessario effettuare l’accettazione entro il 20 maggio. Il bando estivo sarà invece pubblicato nella seconda metà di giugno.

Il TOLC può essere ripetuto una volta al mese, durante tutto il periodo di erogazione, permettendo allo studente di recuperare le proprie carenze formative in ingresso.

Sul sito dell’Ateneo www.unibg.it e nelle sezioni dedicate ai singoli corsi di laurea, sono disponibili le informazioni dettagliate, il bando di ammissione, le scadenze e le modalità di partecipazione al TOLC, oltre al materiale di preparazione per il test di ammissione.

 

MANUALE PER LO STUDENTE: QUATTRO PASSI PER ISCRIVERSI

1-Leggi con attenzione il bando e se hai dei dubbi rivolgiti agli uffici competenti (Segreteria Studenti e Orientamento)

2-Entro il 24 aprile 2020 sostieni il TOLC (devi iscriverti al test sul portale del CISIA e pagare il contributo di pre-iscrizione) e fai l’iscrizione alla selezione (pre-iscrizione) sul sito dell’Università degli studi di Bergamo

3-Entro l’8 maggio 2020 verrà pubblicata la graduatoria: se risulti ammesso accetta il posto compilando la pre-immatricolazione entro il 20 maggio 2020. Se non sei ammesso verifica gli scorrimenti della graduatoria.

4-Compila la domanda di immatricolazione online e paga la quota di 156 euro (tassa regionale per il diritto allo studio + imposta di bollo) dall’1 al 31 luglio 2020

No Comments
Comunicati

L’Università degli Studi di Bergamo rinnova il patto con il territorio per studiare all’estero


L’orizzonte di 15 studenti dell’Università degli studi di Bergamo si amplia grazie ad altrettante borse di studio finanziate da 10 aziende dell’Alta Valseriana, guidate da Lions Club Città di Clusone e Valle Seriana Superiore per un valore totale di 50mila euro.

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno accademico, si rinnova il progetto “Accrescere il Valore dei Giovani”. Lions Club Città di Clusone e Valle Seriana Superiore, Comelit Group Spa, Lamiflex Spa, Scame Spa, Parre Spa, Lamiflex Spa, Officine Meccaniche Ponte Nossa Srl, Sinergia Srl, a cui si sono aggiunte quest’anno Lame Moreschi srl, LM Engraving srl, hanno donato all’ateneo orobico oltre 50.000 euro. L’obiettivo del progetto è dare l’opportunità a più ragazzi possibile di arricchire il proprio curriculum con un periodo di studio negli atenei stranieri, sia europei che extra-continentali. 15 studenti, di 9 diversi corsi di laurea, studieranno in Cina, Corea, Estonia, Finlandia, Germania, Polonia, Spagna e Svezia. Tra loro, undici sono già partiti: dieci per il primo semestre e uno per l’intera annualità. Altri quattro andranno all’estero nel secondo semestre.

«Gli ottimi risultati dell’anno scorso ci portano a rinnovare il progetto “Accrescere il valore dei giovani” – dichiara il Rettore, Remo Morzenti Pellegrini -. Voglio ringraziare tutte le realtà che hanno fatto squadra con noi per raggiungere questo risultato. I fondi messi a disposizione vanno a supporto del viaggio che assicuriamo agli studenti verso la scoperta dei propri talenti, verso la conoscenza e la condivisione del sapere in altri Paesi del mondo. Grazie alle aziende del territorio e al Lions Club di Clusone è possibile sostenere in modo decisivo i ragazzi che prendono parte ai percorsi Erasmus+ e ExtraUe. Investire nell’internazionalizzazione è uno degli obiettivi principali dell’Ateneo, oltre ad essere un valore che rende la nostra offerta fortemente competitiva».

«Il mondo globalizzato propone sfide importanti e complesse ed è fondamentale poter contare su una rete per coltivare una classe dirigente all’altezza – aggiunge la Responsabile del Servizio Orientamento e Programmi Internazionali Elena GottiInvestire sui nostri giovani, come hanno fatto le aziende coinvolte nel progetto e Lions Club di Clusone e Valle Seriana Superiore vincolando la somma data a favore dei nostri studenti provenienti dal territorio, è un modo intelligente di assicurarsi un futuro di sviluppo».

«Le aree di montagna pongono difficoltà non facili da affrontare ai residenti e agli imprenditori. Il nostro, insieme alle sette importanti aziende della Valle Seriana, è un investimento per il territorio – commenta il vicepresidente del Lions Club Domenico AndreolettiPuntiamo sulle esperienze e le capacità professionali che gli studenti potranno acquisire e reinvestire in Valle Seriana in futuro».

No Comments
Comunicati

Le imprese piemontesi pronte all’avventura di Matching share&grow da lunedì 24 novembre a Rho Fiera


Il settore più rappresentato è la meccanica. Tra le province, più numerose le imprese torinesi.

Monica Galleis, imprenditrice: “Matching conclusione di un lavoro condiviso con altre aziende del comparto meccanica. Per noi non è solo occasione di business, ma possibilità di trovare partner veri”.

Felice Vai, Presidente della Compagnia delle Opere del Piemonte: “Matching Share&Grow è il culmine di un anno di lavoro per e con gli imprenditori; non solo una fiera, ma una piazza reale dove si esplica il concetto che sta alla base di CDO, un criterio ideale che guida un’amicizia operativa”.

Sono circa 40 le aziende piemontesi che da lunedì 24 a mercoledì 26 saranno tra i protagonisti di Matching share&grow. La tre giorni live di Rho Fiera – promossa dalla Compagnia delle Opere – è l’evento pensato per condividere conoscenze, metodi e programmi tra imprenditori, istituzioni, professionisti e rappresentanti di piccole, medie e grandi imprese, sia profit sia non profit.

Tra le province, la parte del leone spetta a Torino, seguono Cuneo, Asti, Alessandria e Biella. Il dato di partecipazione è in linea con le precedenti edizioni e rappresenta un risultato di rilievo, conseguenza anche della collaborazione con le Camere di Commercio di Asti, Cuneo e Torino che, con modalità differenti, hanno sostenuto la scelta degli imprenditori di investire in un’opportunità di confronto e crescita.

Per quanto riguarda i comparti, saranno ben 12 le aziende del mondo della Meccanica, 5 quelle del comparto Energia, 3 le Reti d’impresa; saranno presenti anche  il mondo del Welfare e quello della Formazione, i Servizi, la Logistica, l’Artigianato e la Finanza. Due le aziende provenienti da fuori territorio, Fercam e Sogec, e poi ancora AslTO2 e CCIPU, Camera di Commercio Italiana per l’Ucraina.

Per la mia azienda l’obiettivo di Matching è duplice – dice Monica Galleis di Officina Meccanica Melis, azienda biellese del comparto della Meccanica -: da una parte incontrare altri terzisti, come noi, e capire come stanno svolgendo la loro attività in questo momento; dall’altra vorremmo incontrare qualcuno che, come me, abbia l’intenzione di realizzare dei gruppi di rete, mettendo in comune idee e progetti senza la paura che l’altro, o gli altri, li portino via. La nutrita partecipazione di aziende della Meccanica nasce da un lavoro comune che si è sviluppato dopo Expandere, nello scorso luglio, e che per parte nostra scaturisce dall’amicizia con un altro imprenditore, Franco Gai. Questo lavoro insieme, portato avanti da tutti noi, sa di buono, si sta concretizzando in un’amicizia operativa che, spero, in qualche modo, possa condurre per tutti a un allargamento delle prospettive. Per noi è la quarta partecipazione a Matching e posso dire che nelle scorse edizioni ho portato con me degli input e delle conoscenze che hanno davvero dato un apporto positivo al mio lavoro. Matching è un ambiente che ispira fiducia e ottimismo, due sensazioni di cui il mondo produttivo italiano oggi come oggi ha un gran bisogno”.

Felice Vai, Presidente della Compagnia delle Opere del Piemonte: “Matching Share&Grow è il culmine di un anno di lavoro per e con gli imprenditori, non solo una fiera, ma una piazza reale dove si esplica il concetto che sta alla base di CDO, un criterio ideale e un’amicizia operativa. Matching non è soltanto un’occasione per cercare di fornitori e clienti, ma un’opportunità tra imprese unite dal medesimo approccio per costruire vere e proprie collaborazioni finalizzate allo sviluppo. Sono felice, quindi, di vedere tante aziende piemontesi che credono ancora nel futuro, che ancora investono tempo e risorse per costruire, per cercare partnership con chi, allo stesso modo, pensa che l’impresa, dall’industria ai servizi, abbia ancora spazi di crescita nel nostro Paese”.

Attraverso il percorso proposto da Matching share&grow, anche gli imprenditori e i professionisti del Piemonte avranno modo di conoscere e incontrare nuovi clienti, fornitori e partner, nonché verificare nuove opportunità per lo sviluppo del business in Italia e all’estero. Tra le opportunità di Matching share&grow il confronto e la discussione con i leader di mercato di ciascuna area: per il food Ariosto, Divella, Eataly, Nestlé; per l’area Viaggi, Best Western, TripAdvisor e Eden Viaggi; per l’area Industrial Products, Biesse, Brembo, Ducati e Mercedes; per l’ICT, Google, Microsoft e Olidata; per la Logistica, Fercam e DB Schenker.

Compagnia delle Opere – dal 1986 a fianco degli imprenditori con servizi di consulenza, internazionalizzazione, creazione di reti, formazione e convenzioni a livello nazionale e locale – è un’associazione di imprenditori e operatori del sociale che identificano nella condivisione un metodo e una possibilità di contribuire allo sviluppo economico proprio e della società.

Siti internet

Matching share & grow: http://www.e-matching.it/it/

Compagnia delle Opere: http://www.cdo.it/

CdO Piemonte: http://www.cdopiemonte.it/

No Comments
Comunicati

Al via la prima Campagna istituzionale CDP


Roma, 7 novembre 2014 – Al via la prima campagna pubblicitaria della Cassa depositi e prestiti, firmata da Publicis. L’obiettivo della campagna è raccontare al grande pubblico il ruolo ricoperto da CDP nel processo di crescita dell’Italia – e le risorse che Cassa ha dedicato al futuro del Paese negli ultimi anni – attraverso le diverse attività a sostegno degli investimenti pubblici e, delle infrastrutture e delle imprese .
Il tutto è sintetizzato nella frase: “L’Italia che investe nell’Italia” e declinato dalla quotidianità delle persone che beneficiano dell’attività di CDP. La voce narrante è quella dell’attore Giancarlo Giannini.
La campagna, già presente su alcune testate periodiche, sarà on air da sabato, con la versione video e successivamente sul web. Lo spot è stato girato in diverse città italiane dalla casa di produzione Akita, con la regia di Ago Panini.
La fotografia è di LSD. Il piano media è curato da OMD.

http://www.cdp.it/media/comunicati-stampa/al-via-la-prima-campagna-istituzionale-cdp.html

No Comments
Comunicati

“PENSATORI DIGITALI” AL SERVIZIO DELL’IMPRESA UNIVERSITÀ CATTOLICA E ACCENTURE: “L’IDEA” CHE MANCAVA


MILANO – “Idea”: è la lampadina accesa, è l’intuizione che serviva per collegare due mondi, l’università (il learning) e il mercato del lavoro (il doing, l’experience). Come? Chiamando a raccolta i pensatori digitali: talenti da coltivare oggi, businessmen domani. Per formarli, guidarli o, meglio, dirottarli sul treno giusto, quello dell’innovazione che va nella direzione del futuro: l’internazionalizzazione e la globalizzazione.

Beni di lusso, moda, beni di consumo e retailing sono tra i settori che possono maggiormente beneficiare dell’innovazione che poggia sull’hi tech, sulla digitalizzazione, quella che riesce ad andare oltre confine, esplorando nuovi mercati e costruendo occasioni di occupazione. “Idea” (Innovation, Digital Technology Entrepreneurship and Advanced Internationalization) è dunque il programma giusto al momento giusto, che unisce le competenze eccellenti dell’Università Cattolica di Milano e di Accenture: «Sei mesi in tutto, in lingua inglese per italiani e stranieri – spiega il prof. Alessandro Baroncelli, direttore del master Mib e del centro di ricerca Icrim dell’Università Cattolica – i primi tre mesi si alternano un project work presso Acin, il centro di eccellenza di Accenture e una full immersion su quattro macroaree (Startup business, Digital marketing & social media, User experience & mobile design, Content-analytics & data) presso la Cattolica. Nei secondi tre mesi si svolge uno stage retribuito presso Accenture o presso le imprese che intende introdurre queste tecnologie. Nel centro Acin di Milano, che fa parte di un network globale Accenture con sedi in America e Asia, i partecipanti a Idea sperimenteranno ogni giorno le applicazioni più avanzate del mondo digitale con l’obiettivo di migliorare l’esperienza del consumatore attraverso l’uso delle nuove tecnologie e di sviluppare competenze distintive nelle imprese».

Nonostante le stime al ribasso dell’economia dei Paesi occidentali, il rapporto “Luxury Goods Worldwide Market Study Spring 2014” prevede un fatturato mondiale di 49 miliardi di euro, con proiezioni di crescita del 2/4% solo in Europa per le imprese dei “luxury goods”, tra quelle più interessate alle innovazioni della digital technology.

«Il posto su questo treno dell’innovazione e dell’internazionalizzazione c’è – conclude Baroncelli – sia per le figure junior che Accenture intende inserire al termine del programma Idea, sia per i senior che intendono far crescere le loro imprese nel settore delle tecnologie digitali. I partecipanti, provenienti da tutto il mondo, che vogliono sperimentare nuove nicchie di mercato, trovano grazie ad un’adeguata formazione come quella di IDEA la possibilità di inserirsi con successo in ambienti lavorativi di grande fascino».

No Comments
Comunicati

A Smau Bologna il coraggio di innovare premia Erreà Sport


Nella seconda giornata di Smau Bologna, Erreà si aggiudica il Premio Innovazione ICT per la categoria “Gestionali evoluti per migliorare le performance”, grazie al coraggio e alla voglia di mettersi in gioco per fare la differenza sul mercato.

Erreà Sport è un caso concreto di innovazione di un’azienda italiana d’eccellenza e, nella tappa bolognese di SMAU, è stata candidata e scelta tra un’ampia rosa di progetti come vincitrice del Premio Innovazione ICT Emilia Romagna per la categoria “Gestionali evoluti per migliorare le performance”.

Un riconoscimento importante voluto dall’Osservatorio Smau e assegnato ai progetti più innovativi di utilizzo delle tecnologie digitali da parte delle imprese.

Cinque i Premi Innovazione assegnati da un pool di esperti giornalisti del settore IT dopo uno scrupoloso esame delle numerose candidature. Chiara Albicocco, giornalista Radio24, ha consegnato con orgoglio il Premio ad Erreà Sport che ha dunque trionfato tra i 14 finalisti nelle diverse categorie.

Un Premio ad un progetto innovativo, per un sistema informativo gestionale evoluto che ha consentito a Erreà Sport di far fronte alla sempre più crescente necessità di internazionalizzazione, di maggior controllo della filiera logistico produttiva e alla necessità di aprirsi al mondo esterno in una modalità completamente nuova e digitale.

Erreà Sport nel suo percorso verso l’innovazione ha scelto la soluzione Microsoft Dynamics NAV, con la verticalizzazione Pebblestone Fashion, assieme ad un Partner capace, attento e “veloce” come Alterna.

A conferma del coraggio imprenditoriale della famiglia Gandolfi, fondatori di Erreà Sport, le parole di Ivano Villani – IT Manager dell’azienda,”Erreà crede fortemente nel suo obiettivo primario, essere sempre competitivi nel mondo della produzione di abbigliamento tecnico sportivo per le grandi società di calcio, rugby e pallavolo. Grazie alla fondamentale collaborazione con Alterna e alle soluzioni Microsoft Dynamics abbiamo potuto mettere in campo tutti quegli elementi innovativi per un progetto che fino a qualche anno fa sembrava irraggiungibile”.

Grande anche la soddisfazione di Alterna per questo importante premio nelle parole di Matteo Giovanditti, Sales & Marketing Director dell’azienda, “E’ importante sottolineare la grande soddisfazione oggi di poter raccogliere un successo più che meritato per un’esperienza progettuale come quella che ha compiuto Erreà Sport. Un progetto indubbiamente ambizioso, un progetto con una buona dose di coraggio, di visione e di volontà fortissima di innovazione che da sempre è la spinta propulsiva di Erreà ed è da sempre uno dei principali differenziatori dell’azienda sul mercato, voluto in particolar modo dal Presidente e fondatore di Erreà Sport, Angelo Gandolfi.”

Erreà, vincitrice dunque del Premio Innovazione ICT Emilia Romagna, parteciperà anche all’edizione nazionale del Premio che si terrà a SMAU Milano dal 22 al 24 ottobre prossimi.

Complimenti vivissimi ad Erreà Sport per questo splendido successo.

Segui Alterna su:
– Twitter @AlternaSrl http://bit.ly/TW_Alterna
– LinkedIn http://bit.ly/IN-Alterna
– Facebook http://bit.ly/FB-Alterna

Visita il sito: www.alternanet.it

No Comments
Comunicati

Al via un nuovo programma per l’internazionalizzazione dei prodotti Italiani

E’ stata organizzata una missione di incoming dalla Cina al fine di incentivare l’internazionalizzazione dei prodotti Italiani.

Finalità

L’iniziativa, mira a rafforzare la cooperazione tra le comunità economiche e culturali italiane con quelle di alcuni Paesi Asiatici, nello specifico della Cina, implementando una serie di azioni attraverso le quali promuovere la conoscenza reciproca delle opportunità produttivo-commerciali.

Beneficiari

Il programma si rivolge alle PMI attive nel settore agroalimentare e bevande.

Programma

Il progetto prevede:

· Ricerca e selezione di operatori cinesi;

· Organizzazione di agende personalizzate di incontri BtoB;

· Allestimento sala e attrezzatura per gli incontri;

· Organizzazione seminario;

· Servizio di interpretariato;

· Assistenza di personale qualificato nel corso della missione.

Per informazioni contattare:

Sportello Attività Produttive S.r.l.

Via Ponte Nuovo – 87011 Cassano All’Ionio (CS)

Tel./fax: 0981-782236

E-mail: [email protected]

Sito: www.sportelloattivitaproduttive.it

No Comments
Comunicati

Internazionalizzazione: Nuove opportunità per la Promozione delle Eccellenze del MADE IN ITALY

Al via due nuovi progetti per la promozione del Made in Italy all’interno dei mercati esteri.

Primo Progetto:

Finalità

L’iniziativa mira a sostenere le PMI italiane nella ricerca di nuove opportunità commerciali in Sudafrica, facilitando il contatto tra operatori attraverso l’organizzazione di incontri d’affari con potenziali controparti locali.

Beneficiari

La missione imprenditoriale sarà dedicata alle PMI del settori Agroalimentare, Meccanica e Beni strumentali.

Programma e costo di partecipazione

Per le aziende il costo di partecipazione è pari a € 1.000,00+IVA a copertura dei servizi di:

· Ricerca e selezione di partner locali – organizzazione di agende personalizzate di incontri d’affari;

· Accompagnamento ed assistenza durante la missione.

Secondo Progetto:

Finalità

Il progetto mira a facilitare l’incontro tra i produttori di eccellenza italiana e Buyers esteri attraverso il primo Trade Show Internazionale dedicato alle eccellenze del Made in Italy.

Beneficiari

Il progetto è rivolto ai produttori Enogastronomici.

Programma e costo di partecipazione

I dettagli riferiti al programma saranno resi noti in seguito.


Per informazioni contattare:

Sportello Attività Produttive S.r.l.

Via Ponte Nuovo – 87011 Cassano All’Ionio (CS)

Tel./fax: 0981-782236

E-mail: [email protected]

No Comments
Comunicati

13 Marzo 2014: Live Webinar per il settore Food&Beverage


Un evento online per scoprire Microsoft Dynamics NAV e il vertical FoodNAV, per le aziende del settore alimentare che scelgono l’innovazione.

Giovedì 13 marzo 2014 alle ore 15.00 Alterna propone, in collaborazione con Microsoft, un live webinar dedicato al settore alimentare per far toccare con mano alle aziende come una soluzione innovativa, familiare e al passo con le ultime tecnologie Microsoft possa garantire una gestione controllata e completa di tutti i processi della filiera, tipici del Food&Beverage.

Un momento interessante in cui si parlerà di FoodNAV, una soluzione ERP verticale basata su Microsoft Dynamics NAV 2013, nata dalla profonda esperienza di Alterna nella gestione delle “complessità” delle aziende del comparto alimentare e in grado di supportare le imprese in tutte le fasi del loro processo: dalla supply chain al conferimento delle materie prime sino ad arrivare alla distribuzione dei prodotti finiti su vari canali di vendita, inclusa la GDO/GDS.

Un’ora intensa ed interessante per scoprire via web in modo molto pratico, come un ERP innovativo vada oltre le funzionalità  dei tradizionali sistemi di gestione aziendale o del magazzino e sia anche già allineato alle nuove tecnologie digitali come i devices mobili e il web.

Un live webinar nel quale i partecipanti potranno interagire con i relatori, approfondire tutte le tematiche e le peculiarità di questa soluzione e conoscere come i clienti Alterna hanno incrementato il loro vantaggio competitivo, la redditività e sostenuto l’innovazione e internazionalizzazione del business.

Alterna, primario partner di Microsoft, fa dell’innovazione la sua Mission e questo live webinar rappresenta un’ occasione interessante e concreta per le aziende del Food&Beverage più innovative, in evoluzione e alla ricerca di nuovi vantaggi competitivi.

Per inviare la propria richiesta di partecipazione, è possibile scrivere ad [email protected] o collegarsi al sito Alterna (www.alternanet.it) e compilare il form di registrazione.  Per maggiori informazioni contattare il numero +39 335 7650329.

In seguito all’iscrizione ai partecipanti verranno inviate delle semplici istruzioni per partecipare all’evento.

Seguici su:

Twitter @AlternaSrl http://bit.ly/TW_Alterna

LinkedIn http://bit.ly/IN-Alterna

Facebook http://bit.ly/FB-Alterna

No Comments
Comunicati

Italian Fashion Selection conferma il trend in ascesa delle vendite estere


Il successo delle vendite estere per i progetti di alto livello selezionati da Italian Fashion Selection confermano la necessità di internazionalizzazione per il mercato del fashion made in Italy. I riscontri di IFS relativi agli eventi di New York e Las Vegas sigillano quanto preventivato alle imprese clienti in termini di incremento di vendite. Ottimi i feedback anche per quello che riguarda il mercato russo.

 

Intenso e positivo: il primo trimestre del 2013 è stata la riconferma di quanto preventivato per Italian Fashion Selection (Joint Venture nata dall’unione di Octagona, società di consulenza nell’internazionalizzazione d’impresa, e di Jolty, azienda operante nel settore della moda), che ha portato in diversi mercati esteri, tra cui USA, India e Russia, alcuni brand selezionati tra quel made in Italy di qualità a cui essa si rivolge.

IFS ha individuato gli eventi e gli appuntamenti internazionali più idonei per la presentazione delle ultime collezioni dei marchi clienti, Baroni, Memory’s e Haikure, gestendo i contatti con i venditori americani e monitorando l’attività di esposizione in loco: a New YorkDesigner and Agents Man e Moda Manhattan e a Las Vegas, Stitch e Project sono state occasioni imperdibili per fare una valutazione sulle reali opportunità di business e organizzare strategicamente l’ingresso di tali prodotti nelle 100 top boutique statunitensi.

Come i risultati dell’ultima edizione di Pitti Uomo lasciavano presumere, anche in queste occasioni si è manifestato, ancora una volta, l’interesse dei compratori statunitensi e russi per la moda italiana e per lo stile, l’eleganza e la volontà di ricerca con cui viene concepita.

Non sono solo i paesi in via di sviluppo, infatti, a guardare con interesse all’Italia e all’Occidente dal punto di vista sia economico che culturale, è l’intero mercato globale che si configura come un caleidoscopio di influenze e suggestioni: un flusso all’interno del quale i prodotti nostrani possono trovare una nuova vitalità, rappresentando da sempre il giusto equilibrio tra creatività e tradizione.

I dati di Cna Federmodena per la provincia modenese non lasciano dubbi a riguardo: nel 2012 la quota export per il settore abbigliamento ha raggiunto il +42,7% sul fatturato totale dell’intero comparto, contro il 30% della maglieria, a fronte di dati di produzione e fatturato negativi per entrambi (rispettivamente -12,5% e -10,1% per la maglieria, mentre è andato leggermente meglio l’abbigliamento con +2,9% e -0,7%).

E’ proprio con quest’intenzione che nasce il progetto Italian Fashion Selection, nella consapevolezza del potenziale racchiuso nei prodotti che distribuisce, in un mercato che per quanto in crisi ha i suoi margini di sviluppo e ripresa, con la fiducia e la positività che caratterizzano l’imprenditoria emiliana.

Per poter attuare un cambio di strategia, per poter intercettare le dinamiche che stanno modificando la fisionomia del mercato, durante e dopo la crisi, oggi più che mai è fondamentale lavorare in sinergia, ottimizzando le risorse e integrando i punti di forza di ogni realtà economica e produttiva.

Gli scenari a cui guarda IFS sono quelli fortemente in espansione (India e Russia in testa) oltre all’importante mercato statunitense, ma con un’attenzione costante e focalizzata all’interpretazione di tutti i segnali che provengono dal mercato internazionale, che nella realtà contemporanea si caratterizza sempre più per il suo eclettismo e per la ricchezza di prospettive e opportunità di crescita.

 

Per info: www.italianfashionselection.com

No Comments
Comunicati

POLONIA:NUOVE OPPORTUNITà DI MERCATO PER LE IMPRESE ITALIANE

Si svolgerà a Verona, martedì 20 Novembre, alla presenza di illustri relatori nel campo economico-finanziario, il Convegno “Polonia: nuove Opportunità di Mercato per le Imprese Italiane” che presenterà le ampie opportunità di investimento del Paese a fronte del piano di privatizzazioni varato dal Governo polacco.

Il Convegno, patrocinato dall’Ufficio di Promozione del Commercio e degli Investimenti dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia, UniFiere, Concessionario Esclusivo per l’Italia dell’Ente Fieristico MTP Poznan, e UniCredit si rivolge agli imprenditori e ai rappresentati delle istituzioni finanziarie interessate alle opportunità di investimento in Polonia e al mercato fieristico polacco. Il Pil della Polonia, infatti, nel 2012 dovrebbe crescere del 2,5%, più che in ogni altro paese dell’Unione Europea. È una crescita economica sostenibile che poggia su sani fondamenti delle finanze dello stato e su una forte stabilità politica.

 

Il Convegno sarà aperto da Piotr Kozowski, Primo Segretario dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma, Capo dell’Ufficio di Promozione del Commercio e degli Investimenti. Seguiranno gli interventi di Agata Karbowniczek, Capo Ufficio Marketing della ZES – Zona Economica Speciale di Wabrzych, accompagnata da Urszula Soliska-Marek,  Presidente della ZES. Tomasz Buczek, Direttore del Dipartimento di Strategia e dello Sviluppo del Comune di Biaystok, accompagnato da Przemysaw Tuchliski, Vice Direttore del Dipartimento del Sindaco del Comune di Biaystok. Krzysztof Babij, Manager dei Progetti d’Investimento, Zona Economica Speciale di Kostrzy e Subice. Mirosaw Karapyta, Presidente della Regione Podkarpackie.

 

INFORMAZIONI PER LA STAMPA | Mattea Guantieri | 333 6375821 | ufficiostampa@unifiere.com

 

No Comments
Comunicati

International Project – internazionalizzazione delle aziende italiane in Brasile


In Brasile la situazione economica è attualmente la migliore tra tutti i paesi del gruppo Bric (Brasile Russia India Cina). Ormai la definizione di “paese emergente” sta stretta a questa nazione, che è a tutti gli effetti diventata la 6a potenza mondiale.

È pertanto importantissimo per le aziende italiane non farsi sfuggire le opportunità che un paese con potenzialità enormi come il Brasile può offrire.

International Project è un progetto nato nel 2008 da una semplice idea: unire le competenze di specifiche realtà professionali brasiliane e italiane per offrire un servizio completo agli imprenditori italiani che vogliono ampliare il proprio business.

International Project supporta le aziende dallo studio di fattibilità allo startup, allo sviluppo dell’attività commerciale e produttiva, dalla ricerca di partnership allo studio della corretta strategia di comunicazione aziendale, dall’interpretariato alle traduzioni, dalla scelta degli insediamenti produttivi alla selezione e formazione del personale, dall’analisi costi alla revisione per aziende già avviate sul territorio Brasiliano.

Potenzialmente per le aziende italiane e per i professionisti che hanno nell’eccellenza la propria peculiarità c’è ampio spazio nel mercato brasiliano.
Il Brasile è un paese fortissimo, molto interessante, aperto, che accoglie a braccia aperte i migliori.
Solo le realtà che possono proporre qualcosa di nuovo e di alto livello hanno spazio in Brasile… e fanno fortuna.

International Project

No Comments
Comunicati

Regione Calabria presente a Made in Italy Quatar

Regione Calabria favorisce l’apertura del territorio al mercato medio-orientale confidando nelle opportunità offerte dalla rassegna Made in Italy – Qatar, quale piattaforma unica nel suo genere per l’internazionalizzazione delle sue aziende eccellenti. Regione Calabria è presente a Made in Italy – Qatar 2012 con una folta delegazione.

Como / Reggio Calabria – Il dono di riconoscere l’occasione giusta, frutto del connubio tra eccellenza e opportunità, non manca a Regione Calabria, la prima, tra le realtà istituzionali italiane, a farsi promotrice dell’esposizione Made in Italy – Qatar 2012, quale opportunità concreta di internazionalizzazione e apertura al Medio Oriente per le eccellenti aziende calabresi. Il Qatar in particolare registra il tasso di crescita del PIL più sostenuto al mondo e investe attualmente 186 miliardi di dollari in infrastrutture commerciali, residenziali, ricettive, industriali, ospedaliere, scolastiche e sportive.

Regione Calabria incoraggia le proprie aziende a partecipare a Made in Italy – Qatar 2012, riconoscendo il potenziale di una rassegna ben studiata e squisitamente commerciale, esclusivamente dedicata alle fucine dello stile italiano. “La Calabria non può mancare” afferma Antonio CARIDI, Assessore alle Attività Produttive di Regione Calabria, “siamo lieti di farci promotori di questa specifica manifestazione e registriamo con piacere l’entusiasmo con cui le aziende calabresi aderiscono alla rassegna, presenziandovi con la propria eccellenza manifatturiera, rappresentativa del raffinato design italiano”. La delegazione di Regione Calabria contempla attualmente 16 realtà tra cui produttori di arredi, pavimenti, vetrerie, complementi per aree spa e fashion designer emergenti, con una superficie di circa 250 mq, attualmente in aumento.

La sinergia trasversale che si è creata tra le aziende manifatturiere calabresi che presenzieranno all’expo è particolarmente interessante: oltre ad esporre campioni della propria produzione, presenteranno un rendering di un ipotetico progetto di centro commerciale da realizzarsi in ogni dettaglio con le soluzioni ed i materiali proposti dalle aziende facenti parte della delegazione. “Un’idea eccellente”, commenta Rashid Al Kuwari, Presidente di Doha Enterprise Company, “nel solo Qatar è prevista a breve la costruzione di 12 nuovi shopping mall” e prosegue “siamo onoratissimi della fiducia accordataci dalla Regione Calabria, che con le sue aziende ha accettato la sfida ad aprirsi al mercato del Golfo attraverso Made in Italy – Qatar, vetrina nata per fornire alle aziende italiane l’opportunità di uscire dalla crisi che, in Italia, sta attanagliando l’intero comparto del design di fascia alta”.

Doha Enterprise Company incontrerà molte delle aziende facenti capo alla delegazione della Regione Calabria al Luxury Fashion Show che si terrà a Vibo Valentia dal 9 all’11.03., evento gemellato con Made in Italy – Qatar e promosso dalla reggina Centro Stile.

No Comments
Comunicati

Formazione, casi di successo e innovazione personalizzata le ricette “anticrisi” dei partecipanti all’Inno2days del 15 dicembre 2011 a Pavia


Innovazione, formazione, internazionalizzazione, mercato; queste sono alcune delle idee chiave per uscire dalla crisi secondo alcuni dei partecipanti all’Inno2days del 15 dicembre 2011 alla Camera di Commercio di Pavia: Alberto Negrin, partner FlipFly; Ercole Rovida, esperto di internazionalizzazione e Giulio Ghisolfi, owner Idealpack Srl

“In questo momento di crisi sul mercato internazionale” afferma Alberto Negrin, partner di FlipFly, uno dei partecipanti all’Inno2days del 15 dicembre 2011 alla Camera di Commercio di Pavia, “penso sia necessario pensare un po’ a se stessi e fare formazione per arricchire le proprie competenze. Trovare energie dentro di sé, aumentando le proprie conoscenze per poter agire, ritengo che sia il claim vincente di questo periodo”.

Sostiene invece Ercole Rovida, esperto di internazionalizzazione: “se dovessi dire tre parole chiave per uscire vittoriosi dai periodi di crisi, citerei la professionalità, l’innovazione e senza dubbio l’internazionalizzazione. Esistono molti motivi per cui un’azienda decide di internazionalizzare il proprio business. Uno di questi è proprio la crisi che ci sta obbligando a definire nuovi mercati o ad estendere i propri per poter sopravvivere; la strategia di internazionalizzazione richiede l’ottimizzazione dei costi e del tempo, altre due parole chiave che devono essere senza dubbio aggiunte alle precedenti. Andare all’estero non è una cosa facile; oltre ad avere una elevata professionalità ed essere innovativi anche nell’inventarsi nuovi processi di vendita, occorre molta preparazione e soprattutto una rete di partner locali certificati che diano un supporto qualificato”.

Interviene infine Giulio Ghisolfi, owner Idealpack Srl: “oggi, per sopravvivere, è necessario innovare; per farlo, bisogna passare dalla fase ‘sviluppare soluzioni’ (e da quella precedente, produrre prodotti/servizi) a quella ‘risolvere  i problemi’ (facendo sognare/emozionare, se possibile). Ricordiamoci che l’innovazione non è per tutti: è difficile e impegnativa! Nicholas Negroponte afferma: ‘l’innovazione è quello che nessun padre vorrebbe dai propri figli e nessuno Stato vorrebbe dai propri cittadini’. Per innovare bisogna produrre e presentare prototipi/modelli funzionanti e non solo idee”. Prosegue affrontando il segreto del successo, che non significa “sviluppare nuovi prodotti ma nuovi sistemi. Avere un’idea innovativa vincente non significa nulla; bisogna avere il coraggio, la forza e soprattutto la pervicacia per realizzarla e portarla sul mercato. Il successo di una innovazione si misura con la capacità di creare ricchezza. Un prodotto/servizio innovativo ha speranze di successo quando il modello di business  è ‘win-win-win’, tutti cioè ne possono trarre un vantaggio!”.

Alberto Negrin, Ercole Rovida e Giulio Ghisolfi parteciperanno all’Inno2days alla Camera di Commercio di Pavia il 15 dicembre 2011. Sarà un open day sull’innovazione a partecipazione gratuita e suddiviso in momenti di condivisione, prove in diretta delle nuove tecnologie, esercizi per stimolare la creatività e proposta di voucher. E’ organizzato da Innovhub, l’azienda speciale per l’innovazione della Camera di Commercio di Milano, dalla Camera di Commercio di Pavia, da QUESTIO Regione Lombardia e da Enterprise Europe Network.

http://inno2days.wordpress.com/

 

SAVE THE DATE

Inno2days

15 dicembre 2011

Camera di Commercio di Pavia – via Mentana, 27

Iscrizione: [email protected]

No Comments
Comunicati

LW Consulting: internazionalizzazione in outsourcing


LW Consulting supporta le piccole e medie imprese nel proprio sviluppo nei mercati esteri attraverso una serie di servizi altamente professionali ma economici in quanto condivisi con altre aziende. Servizi in grado di supportare le imprese nello sviluppo del proprio business all’estero e della propria immagine nei mercati internazionali: in breve l’internazionalizzazione è a portata di mano!

Con l’introduzione del mercato comune in Europa e la globalizzazione dei mercati , l’internazionalizzazione è diventata una via obbligata per il successo aziendale. Nessuna impresa può ritenersi esente da un coinvolgimento nei processi di queste nuove opportunità, ma ogni PMI è cosciente del fatto che un passo verso un’attività internazionale comporta una trasformazione aziendale piuttosto complessa e costosa. I benefici possono essere numerosi e significativi ma spesso l’internazionalizzazione viene abbandonata per carenze degli strumenti e il personale.

LW Consulting risponde a questa esigenza offrendo servizi in grado di gestire tutte le attività necessarie allo sviluppo aziendale in un’ottica sopranazionale coerente ed efficiente. Lo sviluppo di una rete di imprese locali, consente di avere, concentrato in una sola figura e con un costo contenuto, un servizio linguistico adeguato e il supporto allo sviluppo di un’immagine coerente ai nuovi mercati obiettivo.

Alcune delle attività principali:  gestione rapporti e rappresentanza internazionale, creazione di una rete commerciale all’estero e vendita di prodotti, supporto in fiere internazionali, traduzioni & consulenza linguistica, realizzazione Marketing Plan dedicati, gestione del piano operativo di sviluppo.

Per informazioni: www.lwconsulting.it o [email protected]

No Comments