Archives

Comunicati News

“Puliamo il mondo” | a San Martino Buon Albergo doppio appuntamento con Legambiente

Educare ad aver cura del nostro Pianeta, partendo dal rispetto per l’ambiente in cui viviamo e che tutti i giorni frequentiamo. L’umanità fa grandi passi quando i singoli fanno piccoli passi. Anche i più piccoli. E così, l’Assessorato all’ecologia del Comune di San Martino Buon Albergo invita i giovani e i giovanissimi del territorio a scendere in campo a fianco di Legambiente aderendo all’iniziativa “Puliamo il mondo”, nelle giornate di venerdì 20 e domenica 22 settembre.

La prima giornata è dedicata agli alunni di 4 classi della scuola primaria di secondo grado di San Martino Buon Albergo, che, armati di kit per la raccolta dei rifiuti, insieme agli insegnanti capiranno il valore di poter frequentare aree verdi sane, pulite e rispettate.

Ai giovani del territorio, della Consulta e del gruppo scout di San Martino Buon Albergo è dedicato invece l’appuntamento della domenica al Parco Pontocello, organizzato in collaborazione con San Giovanni Lupatoto e Zevio, grazie al protocollo d’intesa per le Politiche Giovanili sottoscritto dai tre Comuni. Il ritrovo per i giovani di San Martino Buon Albergo è previsto in località Giaron, dove verrà rilasciato il kit per la pulizia del parco. Iniziativa gratuita previa iscrizione tramite e-mail all’indirizzo [email protected].

«Si parla sempre di più di emergenza e della necessità di urgenti di azioni per salvare il nostro Pianeta. Ecco perché abbiamo deciso di aderire all’iniziativa di Legambiente, che ringrazio per aver ideato giornate utili a ricordare che vivere in un ambiente pulito dipende in primis dal nostro senso civico. In particolare, mi rivolgo ai più giovani che frequentano i numerosi parchi del nostro comune invitandoli ad essere più attenti e rispettosi della cosa pubblica, evitando di gettare rifiuti per terra e imbrattare giochi o segnaletica con scritte. Per incrementare la sensibilizzazione del cittadino, è nostra intenzione posizionare nelle aree verdi dei cartelli che ricordano il tempo di degradazione dei rifiuti, nella speranza di non trovare più mozziconi di sigarette o lattine» – sottolinea Mauro Gaspari, Assessore all’ecologia del Comune di San Martino Buon Albergo.

No Comments
Comunicati

Esposizioni di Arte Contemporanea a Tematica Ecologica

Esposizioni di Arte Contemporanea a Tematica Ecologica

COLLETTIVA TITOLO : La Materia Ri Nata – Eco Ri-Uso ARTISTI: Catia Briganti – Lorenza Bucci Casari – Angela Consoli – Silvano Debernardi Bruno Greco – Sabrina Marconi – Sonia Mazzoli – Stefania Verderosa
PERSONALE Del Maestro: Luciano Biordi “ I LEGNI TATUATI”
A CURA DI: Sonia Mazzoli
DOVE: GARD Galleria Arte Roma Design – V. Dei Conciatori 3/i (giardino interno) M Piramide
INAUGURAZIONE: mercoledì 24 Gennaio 2018 – ore 19.00 – 22.00
DURATA : Dal 24 Gennaio al 5 Febbraio 2018
ORARI: Dalle 16.30 alle 19.00 – dal lunedì – al venerdì ( altri giorni e orari su appuntamento)
INGRESSO: libero – Infotel: +39 340.3884778 – Infomail: [email protected]

Siamo Molto felici di iniziare questo nuovo Anno 2018 invitandovi ad una nuova edizione del progetto espositivo a tematica Ecologica, denominato La Materia Ri-Nata – Eco Ri-Uso, nato da un’idea di Sonia Mazzoli e portato avanti dal 1997 come Progetto Espositivo Culturale, da allora fiore all’occhiello della GARD, sono infatti più di venti le edizioni passate, organizzate ed ospitate in location pubbliche, private ed Istituzionali, in Italia e all’Estero, gli artisti che in questi venti anni hanno partecipato sono più di 600 tutti di altissimo livello, molti di loro specializzati solo nell’Arte del Riciclo e del Riuso. Vi aspettiamo all’inaugurazione che si terrà Mercoledì 24 gennaio dalle ore 19.00 , alla GARD Galleria Arte Roma Design. In questa 24° edizione, saranno presentate opere di Arte e di Design realizzate e progettate da 9 artisti, diversi per linguaggi e stili, ma uniti dalla passione per l’arte e per la sperimentazione della materia. Come spesso accade, rispettando rigorosamente la tematica questa mostra racchiude al suo interno, come in una matriosca, la personale “Legni Tatuati” dell’autore Luciano Biordi, scomparso vent’anni fa, a lui dedicata dai figli.
La selezione di opere che sarà presentata è stata realizzate su tavole di legno di diverse essenze, spesso scarti, o fette di legni più o meno pregiati, abbattuti dalle intemperie e dimenticati li per anni, la giusta definizione è : che durante tutto il suo percorso artistico i legni sono stati le sue TELE, dove con estrema maestria, pirografando a mano libera ha impresso le sue emozioni, segni colori, puntinati, che ricordano vagamente l’artigianato e l’arte degli Aborigeni Australiani, movimenti sinuosi dal sapore etnico e moderno allo stesso tempo, se non fosse per le cornici che hanno un sapore decisamente anni 70/80, i suoi lavori potrebbero esser definiti attualissimi.

Filosofia dell’autore: Luciano Biordi – Nel legno ho trovato il modo di esprimermi, il legno e il fuoco realizzano la mia fantasia, le linee si scompongono e ricompongono, si seguono, si frammentano in un insieme di tratti senza un ordine apparente alla ricerca di un armonia interiore. Lo spazio è un continuo divenire di forme molteplici Le immagini trovano nel legno, fra le sue nervature, i suoi nodi, le sue sfumature, lo schermo su cui proiettarsi.
Filosofia: La Materia Ri-Nata, nasce con l’intento di ridare nuova vita a materiali di scarto inutilizzati, da gettare, l’arte di riutilizzare quegli oggetti che vengono generalmente considerati “rifiuti”, qualificandoli come traccia del passaggio dell’uomo, anziché come rifiuti da espellere e dargli una nuova funzione artistica e unica. Eco Ri-Uso, ha la medesima filosofia è dedicata però a pezzi unici di design, riproducibili ma mai uguali, rigorosamente sempre realizzati con l’utilizzo di materiali ed elementi di scarto. L’obbiettivo è sensibilizzare il pubblico alle tematiche del riciclo del riuso e del rispetto del pianeta.

Cenni Storici: Galleria Arte Roma Design
Nasce nel 1995, con la funzione di editore, promotore, produttore e distributore di arte e design autoprodotto. Nel tempo le sono stati riconosciuti contenuti di particolare creatività e fantasia sia dalle Istituzioni Pubbliche sia dai media che hanno seguito sempre con grande interesse l’evoluzione della Galleria diventata un importante punto nevralgico per gli artisti emergenti, un punto di raccordo e sperimentazione. Negli anni, numerosi personaggi del mondo della pittura, del design, della poesia, del teatro e del cinema, si sono avvicinati alla Galleria collaborando con il suo staff in numerose iniziative. Dal 1997 GARD sceglie come ubicazione uno spazio di 600 mq. tra il Gazometro e la Piramide Cestia, ex zona industriale del vecchio porto fluviale di Roma. Spazio multifunzionale che si presta periodicamente per esposizioni ed eventi di arte, design e cultura, affiancando attività di promozione a laboratori creativi dedicati alla manualità, dedicando una specifica attenzione alla sperimentazione di nuovi linguaggi artistici e all’utilizzo di materiali di recupero e riciclo. Il 20 ottobre 2011 la Galleria viene coinvolta nell’alluvione di Roma ed è costretta a chiudere. Ci vogliono tre anni per poter bonificare e riqualificare i locali, tamponare e far fronte ai molti danni, viene fatto un progetto e un intervento di riduzione spazi e nuova destinazione d’uso di alcune aree, non manca mai in questi anni, la volontà e la grinta che ci hanno sempre contraddistinto.

No Comments
Comunicati

Un anno diverso: quando l’inclusione sociale si tinge di verde

Oggi il modello di sviluppo basato sulla green economy tende a tenere insieme i valori dell’ecologia a quelli dell’inclusione sociale in un modello di società nel quale si torna a occuparsi del “piccolo” e della “prossimità” e per questo è necessario favorire l’accesso alla formazione ambientale non solo ai più giovani ma, più diffusamente, a tutti, incluse le fasce svantaggiate della società, con conseguenti ricadute anche in termini sociali.

È da queste considerazioni che è nato il progetto “Un anno diverso…”, già realizzato nel 2015 dall’Associazione di Promozione Sociale Tavola Rotonda e dal Circolo Legambiente Mondi Possibili in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma A di Roma, nel quale sono attualmente coinvolti utenti in cura presso alcuni centri dislocati nella capitale.

Si tratta di un percorso di formazione ambientale i cui obiettivi principali sono la riappropriazione dello spazio sociale da parte di persone con svantaggio e la possibilità di intravedere, per i partecipanti, delle occasioni lavorative e nel mondo dell’economia civile in grado di generare maggiore autonomia e stimolare alla tutela ambientale.

Rispondere a un bisogno per rispondere a un bisogno è la sintesi del percorso, incentrato su 5 formazioni specifiche legate ai green jobs, le cosiddette professioni verdi, grazie alle quali ambire a nuovi stili di vita ecologici e solidali. Aspetto prioritario nella costruzione dei moduli, è da una parte l’analisi delle possibili ricadute in termini sociali e occupazionali e dall’altra la necessità crescente, per la società, di rivolgersi a figure competenti riferibili al mondo dei lavori verdi.

La formazione riguarda la realizzazione di cinque moduli (40 ore ciascuno), ognuno dedicato a temi specifici quali Orti urbani, Ciclomeccanica, Autoproduzione, Mobility Management Scolastico e Upcycling-Riuso, orientati principalmente all’azione, con il prezioso supporto del mondo associativo e di quello scientifico chiamati a raccontare esperienze e trasferire competenze: a ogni “professione” sono collegate esperienze dirette all’interno di progetti e campagne di tutela ambientale e cura della città, per affrontare i temi formativi a fornire segnali incoraggianti a quella parte di collettività che ambisce a una maggior cura del bene comune.

Attraverso “Un anno diverso… “ gli utenti di DSM percepiscono i valori sui quali si fonda una società attenta all’ambiente e sviluppare, dove non presente, una propria coscienza ecologica, basata sull’esperienza diretta e sull’interazione tra persone, non necessariamente appartenenti al medesimo contesto.

Il progetto è nato prendendo spunto dal piano integrato di interventi finalizzati al reinserimento sociale e lavorativo dei cittadini con disagio mentale, previsto dall’amministrazione comunale per “sostenere la sperimentazione di nuovi modelli di intervento che abbiano al centro la formazione, il lavoro, la residenzialità e la rete sociale e dare fondamento concreto al diritto di cittadinanza delle persone con problemi psichiatrici”.

In questo momento i promotori del progetto sono a “caccia” di voti sul portale Aviva per ambire a un possibile finanziamento di questo bel percorso di inclusione.

Volete dare una mano a raggiungere l’obiettivo?

Ecco il link 

I fondi raccolti saranno utilizzati per:
– Finanziare la ripresa/montaggio video delle esperienze formative del progetto per renderla una pratica replicabile.
– Facilitare la partecipazione di persone con disagio ai corsi attraverso la copertura di spese di trasporto con mezzo pubblico per permettergli di raggiungere in autonomia le sedi dei corsi;
– Organizzare per le situazioni più problematiche transfer per raggiungere il corso
– Strutturare attraverso una nuova risorsa i tirocini in realtà territoriali inerenti le tematiche dei corsi
– Offrire occasioni di formazioni specifiche e di scambio con realtà economiche del territorio
– Acquistare materiali aggiuntivi per le formazioni

No Comments
Comunicati

De Natura – mostra personale di Massimo Melloni

DE NATURA

di MASSIMO MELLONI

 

29 -31 Gennaio 2016

 

Spazio Espositivo E.Co. Point

 

Roma, via del Velodromo 77

 

Opening   venerdì 29 gennaio ore 18.00

Finissage domenica 31 gennaio ore 18.00

 

 

Nature, oggetti, quello che resta, immagini allora, e il tempo della memoria

Strati di anni, tempo lungo, che torna,

e un poco si trasforma .

Cicli che ripetono, tornano e si riflettono,

un girare che cerca il capo, avendo perso la coda e l’occhio”

M. Melloni 2016

 

 

Dopo le grandi mostre dedicate a Giorgio Morandi al Metropolitan di New York, al Mambo e al museo Morandi, dopo gli omaggi dedicati all’artista da grandi contemporanei come Tacita Dean e Rachel Whiteread, dopo la trasposizione tridimensionale delle sue opere realizzata a Grizzana da Luigi Ontani con le Nature extramorte antropomorfane, lo spazio espositivo E.Co.Point di Roma presenta, nella mostra personale di Massimo Melloni De Natura, le opere che l’artista ha voluto dedicare alle nature morte di Giorgio Morandi, animando gli spazi con quadri e sculture che richiamano le forme archetipe di tali famose opere realizzate nel passato. Le sculture che compongono la serie in mostra sono realizzate con due differenti tecniche, entrambe caratteristiche dell’ultimo periodo creativo dell’artista, argilla rivestita di carta velina e cartoni, dipinti con acrilici e vernici, entrambe le tecniche originali e innovative rispetto a quanto già realizzato da altri e quindi di particolare interesse per ogni parallelismo e ampliamento dell’ispirazione morandiana si voglia catalogare nel panorama dell’arte contemporanea .

DE NATURA è una mostra che non possono perdere tutti gli amanti di Giorgio Morandi e quanti studiano e approfondiscono l’ispirazione morandiana dell’arte contemporanea .

 

Comunicazione e Ufficio stampa a cura di Marina Zatta per Soqquadro.

 

Apertura ven. – sab. – dom. ore 17 / 19.30 – ingresso libero

 

Info: [email protected]   tel. 3498462168

 

No Comments
Comunicati

TERRITORIO E ARCHITETTURA SOSTENIBILI: POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano apre le iscrizioni alla VI edizione del Master

I migliori studi di progettazione internazionali per gli stage di fine percorso

Torna a gennaio Territorio e Architettura Sostenibili, il Master Universitario di I e di II livello del Politecnico di Milano e POLI.design pensato per fornire a progettisti – architetti ed ingegneri – una formazione specifica e specialistica nel campo degli interventi eco-compatibili e bioclimatici sul territorio e in quelli relativi all’integrazione energetica degli spazi architettonici nuovi o preesistenti.

Il Master risponde ad una specifica richiesta del mercato che è sempre più alla ricerca di figure professionali capaci e aggiornate, in grado di gestire le complessità insite nella contemporanea pratica di progetto. Fenomeni quali il nomadismo, la crisi delle città o il progressivo affermarsi dei principi di eco-compatibilità sono solo alcuni dei fattori da tenere in considerazione nell’approccio ad un nuovo progetto architettonico.

Tra i plus di questo prodotto formativo, il coinvolgimento di un network internazionale di professionisti di fama tanto nell’ambito dei seminari previsti dalla didattica, quanto per gli stage degli studenti. L’Architetto Vittoria Bellassai, studentessa della precedente edizione, ha così commentato la propria esperienza: “è stata un’opportunità per espandere i miei orizzonti e aprirmi verso una nuova metodologia progettuale che successivamente, rispetto all’esperienza dello stage, si è dimostrata in linea con le aspettative dei grandi studi di architettura. Tra gli aspetti più positivi del master, ricordo sicuramente i seminari internazionali che permettono di confrontarsi con personalità di spicco e di rilievo mondiale. E naturalmente lo stage. Ho fatto la mia esperienza presso PLASMA Studio, a Pechino, e devo dire che è stato il grande trampolino di lancio per la mia carriera. Oltretutto, mi è stata data la possibilità di proseguire l’esperienza anche a stage concluso.”

Laura Platania, studentessa dell’edizione 2011, ricorda a sua volta come fondamentale il tirocinio svolto a fine percorso: “ho frequentato il mio stage in Francia, in uno studio leader della progettazione sostenibile e l’esperienza mi ha dato la possibilità di applicare le conoscenze apprese durante il master, rivelatisi utili anche per esperienze professionali successive. Il tema della sostenibilità è rimasto la mia grande passione e dal punto di vista lavorativo mi ha aiutato moltissimo perché gli studi di progettazione hanno richiesto questa specifica competenza”.

Le skills richieste alla nuova generazione di progettisti, quindi, non riguardano più esclusivamente le competenze tradizionali ma abbracciano nuove tematiche e ambiti di applicazione.

Il Master ha proprio l’obiettivo di trasferire ai partecipanti un approccio conoscitivo progettuale ispirato ai principi dello sviluppo sostenibile, alla trasformazione degli insediamenti territoriali, urbani e architettonici e alla stretta sinergia esistente tra le potenzialità dell’innovazione tecnologica e quelle insite nelle risorse energetiche rinnovabili. Al termine del percorso didattico, inoltre, gli studenti avranno maturato maggiori competenze nei campi sociali, ecologico ed energetico e avranno acquisito nuove modalità progettuali per il territorio, le unità urbane e gli spazi architettonici sostenibili.

Molti i possibili ambiti di applicazione e i referenti professionali della figura in uscita: dagli Studi di progettazione qualificati in campo nazionale e internazionale, ai Ministeri dell’Ambiente, delle Infrastrutture, degli Affari Esteri, dagli enti regionali, provinciali, comunali, alle Associazioni di Comuni, dalle istituzioni pubbliche, fino alle Grandi Società Immobiliari.

L’avvio della VI edizione del Master è previsto per il  25 gennaio 2016.

I sei Seminari Internazionali dell’edizione 2016 saranno tenuti da: Karl Chu – Pratt Institute New York, Roberto Camagni – Politecnico di Milano, Roland Snooks – RMIT University Melbourne, Hernan Diaz Alonso – SCI-Arc, Los Angeles, Tom Wiscombe – SCI-Arc, Los Angeles e Herwig Baumgartner – SCI-Arc, Los Angeles.

Il Master è aperto a Laureati del Vecchio Ordinamento o in possesso di Laurea Triennale e Magistrale del Nuovo Ordinamento in Architettura e in Ingegneria. Sono ammessi anche laureandi purché all’atto dell’iscrizione abbiano superato tutti gli esami e discutano la tesi di Laurea prima dell’esame finale del Master.

La direzione valuterà anche le eventuali richieste da parte di candidati in possesso di Laurea Triennale di Nuovo Ordinamento e i titoli di studio equivalenti per candidati stranieri.

Per informazioni si prega di contattare l’Ufficio Coordinamento Formazione: +39 02 2399 5911, [email protected]

 

Press Contact

Ufficio  Comunicazione POLI.design

Tel. (+39) 0223997201

[email protected]

No Comments
Comunicati

LAVORI di Marzo, mostra personale di Alessio Brugnoli

 

E.Co.Point presenta

LAVORI di Marzo

 di ALESSIO BRUGNOLI

27 e 28 Marzo 2015

Presso lo spazio espositivo E.Co. Point

a Roma, via del velodromo n.77

Opening venerdì 27 marzo  ore 18.30

Finissage sabato 28 marzo  ore 18.30

ingresso libero

 

“Penso che un artista debba affrontare il proprio lavoro con il massimo rispetto per i materiali, […] Gli scultori di ogni latitudine hanno sempre utilizzato ciò che avevano sottomano; non cercavano materiali preziosi ed esotici. Erano il loro sapere e la loro inventiva che davano valore al risultato delle loro fatiche. Se si affronta l’insolito e l’ignoto con strumenti semplici e spirito avventuroso ne risulterà un’arte primitiva, piuttosto che decadente – e l’arte primitiva, in qualche modo, è generalmente molto più forte di un’arte in cui abbondino la tecnica e gli orpelli.”

A.Calder, manoscritto, Archives of American Art, 1943

 

Lo spazio espositivo E.Co.Point, focalizzato su artisti che dedicano il loro lavoro alle tematiche ambientali e di eco sostenibilità, presenta i LAVORI di Marzo di Alessio Brugnoli.   Mago nell’uso dei materiali riciclati, da anni Alessio Brugnoli affianca, all’attività pittorica, la creazione di opere tridimensionali (sculture, assemblaggi), diventata nel corso del tempo una forma di espressione sempre più importante, si veda anche il sito web dell’artista: http://www.alessiobrugnoli.it/

Queste opere fanno parte del lavoro di ricerca e sperimentazione continua che l’artista porta avanti quotidianamente. Oltre alle piccole sculture, che ripropongono temi eterni ma attuali, come l’amore, la morte, la religiosità, in una veste contemporanea, sia nelle forme che nei materiali, si sono aggiunte ultimamente delle composizioni ispirate ai “Teatrini” di Fausto Melotti. Scatole in legno riciclato con figure e composizioni che in quest’evento, della durata di soli due giorni ma da non perdere assolutamente, si mostrano nella loro semplicità, calcinata e poetica, ancora dense degli odori dei materiali usati ma piene di significati e sensazioni da imprimere.

LAVORI di Marzo è una mostra di fantasia e delicatezza, creatività e contenuti, materia e poesia.

Per info: [email protected]     tel.  3498462168

No Comments
Comunicati

Settimo Continente – mostra personale a Roma

SETTIMO CONTINENTE

SCULTURE dell’artista JEAN-MARIE MARTIN

dal 13 al 21 Dicembre 2014

Presso lo spazio espositivo E.Co. Point a Roma, via del velodromo n.77

Opening sabato 13 Dicembre ore 18.00

Dal martedì al sabato 17.30 – 19.30 – ingresso libero

 

Lo spazio espositivo E.Co.Point, focalizzato su artisti che dedicano il loro lavoro alle tematiche ambientali e di eco sostenibilità, con il patrocinio del Comitato Culturale, Centro Comune di Ricerca – Commissione Europea – Ispra, presenta la mostra di sculture di Jean-Marie Martin dal titolo “Settimo Continente”.

 

Gaia, la dea della Terra, è oggi vittima della follia distruttrice degli uomini, che si  manifesta nel riscaldamento climatico, nello sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, sia viventi che minerali, e nell’inquinamento dell’aria e dell’acqua.

L’obiettivo di questa mostra è quello di focalizzare alcuni problemi relativi agli oceani e al mare.     Il titolo della mostra, “Settimo Continente”, si riferisce ad un’enorme isola galleggiante più estesa dell’India, costituita di rifiuti, principalmente plastica, che raggiunge in alcuni punti lo spessore di una trentina di metri, che si è aggregata nel corso dei decenni, nel Nord del Pacifico, per un vortice di correnti. Il problema dell’accumulo di plastica interessa purtroppo anche il Mar Mediterraneo. I frammenti di plastica dispersi in acqua causano ogni anno la morte per soffocamento di centinaia di volatili marini e, naturalmente, di pesci, tartarughe e mammiferi acquatici.

Un altro serio problema per il mare è la proliferazione di meduse nelle zone costiere, conseguenza del riscaldamento globale, dell’inquinamento, e soprattutto della scarsità di pesci dovuto alla pesca intensiva.

 

Le opere esposte nell’ambito di questa mostra, sculture in plastica riciclata, tecnica di ricerca innovativa e affascinante, e refrattario e smalto, tecnica più classica, invitano a riflettere e vogliono sensibilizzare su questi problemi le persone che la visiteranno.

 

L’opera artistica di Jean-Marie Martin (http://jeanmariemartin.info/it/) deve molto alla sua educazione e alla sua esperienza professionale nel campo scientifico.  Laureato all’Università di Parigi, è stato Direttore di Ricerca nel Centro Nazionale della Ricerca Scientifica e alla Scuola Normale Superiore. Dottore-ès-Sciences, Dottore “honoris causa” e membro di varie Accademie internazionali, ha sviluppato la sua ricerca sull’ambiente marino costiero in Europa ed altri continenti, soprattutto nel Sud Est Asiatico e nell’oceano Artico sovietico.   Divenuto Direttore dell’Istituto per l’Ambiente e la Sostenibilità della Commissione Europea a Ispra (Italia) si è dedicato in parallelo alla scultura ed ha esposto le sue opere fino ad oggi soprattutto in Italia e in Svizzera.

 

Le sue ultime sculture, esposte in questa serie alla E.Co. Point di Roma, sono state realizzate nel laboratorio delle “Fornaci Ibis” di Cunardo (Varese). Le opere in plastica riciclata sono state elaborate col supporto dell’impresa MGM a Castelseprio (Varese).

 

Per info: [email protected]     tel.  3498462168

No Comments
Comunicati

Impronta Unika, il portale di controinformazione per uno stile di vita EcoSostenibile.

Un “luogo” unico, dove incontrare e condividere passioni, idee, creatività, comportamenti e stili di vita maggiormente attenti all’ambiente e alla salvaguardia del nostro pianeta.

 

Impronta Unika è un portale di controinformazione, indipendente ed aperto, che ha lo scopo di fornire informazioni a tutti coloro che hanno interesse verso l’ambiente e per la salvaguardia del nostro pianeta. All’interno del portale è possibile trovare notizie provenienti da tutto il mondo riguardanti l’ambiente, la salute, l’alimentazione, i nostri amici animali e lo sviluppo sostenibile.

Energie rinnovabili, rifiuti e riciclaggio, prodotti ecologici, risparmio ed efficienza energetica, eco turismo, agricoltura biologica e aziende green sono alcuni degli argomenti trattati con grande competenza e professionalità dalla redazione di Impronta Unika.

L’obiettivo del Direttore della Redazione, Alessandro Nunziati, è quello di offrire ai propri lettori contenuti tematici di qualità, con notizie selezionate e curate, fonti qualificate e articoli di approfondimento inediti ed originali, senza nessun vincolo “politico” editoriale.

Nato nel maggio del 2012 dalla volontà del proprio direttore, il portale Impronta Unika vanta una community di utenti altamente profilati iscritti ai propri canali social. I canali principali sono Facebook, Twitter e Google Plus.
La crescita avuta negli anni, con particolare slancio dai primi mesi del 2014, infatti il Q1 2014 ha registrato circa un +400% di incremento rispetto al Q3 2013.

Il sito offre numerosi servizi gratuiti rivolti alle aziende, alle strutture ricettive e tutte le persone sensibili alle tematiche legate alla sostenibilità ambientale, tra questi ad esempio, è possibile segnalare in una sezione dedicata alle aziende “Green” che vengono pubblicate in apposite schede, segnalare eventi di carattere ambientale, segnalare corsi di formazione e comunicati stampa sempre inerenti l’ambiente a la sostenibilità; inoltre le comunicazioni più interessanti giunte alla redazione vengono pubblicate all’interno della propria community sui social network.

Ai lettori di Impronta Unika, inoltre, viene offerta l’opportunità di collaborare alla realizzazione di una società più ecologica, sostenibile e solidale attraverso la possibilità di fornire notizie, informazioni, aggiornamenti; è possibile segnalare fatti ed eventi, commentare ed ampliare i contenuti presenti sul portale o collaborare come esperti in uno specifico settore al fine di sviluppare una community credibile e professionale, da utilizzare come riferimento per una informazione green ed alla quale segnalare le proprie iniziative.

La redazione di Impronta Unika è sempre alla ricerca di collaboratori motivati ed intraprendenti che nutrono una forte passione per le tematiche green in generale. I requisiti richiesti sono professionalità, etica ed interesse verso questi argomenti.

I profili più attivi all’interno portale sono giornalisti, blogger, professionisti del settore, esperti e persone “green”. Tuttavia collaborano, hanno collaborato con la redazione, e comunque sono ben accetti, anche profili scientifici, come chimici, biologhi ed ingegneri, e personale del mondo accademico e politico.

No Comments
Comunicati

Rifili – mostra personale di Gloria Tranchida

Il giorno 25 ottobre alle ore 18.30 si inaugura a Roma, in via del Velodromo 77 (metro A Colli Albani), la nuova sede espositiva per l’Arte Contemporanea E.Co.Point.

Questo nuovo spazio sarà focalizzato e presenterà preferenzialmente mostre di  artisti contemporanei che lavorano su temi ambientali e di eco sostenibilità.

La E.Co. Point è messa a disposizione degli artisti dalla Quality Consult, una società che opera in campo ambientale sul piano scientifico, e che ha voluto aprire le porte al mondo dell’arte per promuovere gli artisti contemporanei che si esprimono in questo ambito tematico.

 

La sede si inaugura con la mostra “RIFILI” dell’artista Gloria Tranchida (www.gloriatranchida.com ), che dal 2005 espone in Italia e all’estero le sue opere dedicate ai temi ambientali realizzate con carta e cartone riciclati.

Dopo le precedenti mostre personali sui temi di inquinamento ( ENVIRONMENT 2008 Budapest) e di risparmio energetico (EMISSION TRADING  2009 Roma), nella mostra “RIFILI” l’artista espone dodici opere dedicate al problema dei rifiuti industriali e delle sostanze tossiche e nocive. Tutte le opere nascono dal contenuto cartaceo di uno scatolone trovato dall’artista gettato sulla strada, con il quale sono stati realizzati i quadri presentati. Le opere sono intitolate con nomi di sostanze quali Diossine, Fanghi Rossi, CloroVinilMonomero, Isotopi Radioattivi…ecc.. e molte di esse sono dedicate ad eventi disastrosi che hanno visto protagoniste queste sostanze (Seveso 1976, Ungheria 2010, Porto Marghera, Fukushima 2011 ecc…).   In generale il pensiero è alla distribuzione sul territorio di questi rifiuti e a tutti coloro che  hanno pagato e continuano a pagare sulla propria pelle le conseguenze di uno smaltimento spregiudicato o sversamenti incontrollati e disastrosi nell’ambiente.

Con la presentazione di Ermete Realacci per il lato ambientale e del critico Laura Turco Liveri per il lato artistico la mostra è presentata su un piccolo catalogo che contiene anche un contributo del Prof. Mauro Majone del Dipartimento di Chimica de La Sapienza, esperto nel settore dei rifiuti industriali, ed è realizzata con la collaborazione dell’associazione Soqquadro che ne ha curato la comunicazione e l’allestimento.

 

E.Co. Point    Via del Velodromo 77

Dal 25 ottobre al 5 novembre

Inaugurazione Venerdì 25 ottobre 2013 ore 18.30

Aperta dal martedì al venerdì ore 17.30 – 19 – ingresso libero

Per informazioni : tel.3498462168      o      [email protected]

No Comments
Comunicati

Un “Big Brother” tutto verde per educare al rispamio energetico

Nella “Casa di Nicky”, allestita presso il negozio Ik di Bologna vive una blogger che compie azioni ecosostenibili in vetrina.

Lampadari solo coi led, che consumano l’80% di energia in meno rispetto alle lampadine ad incandescenza. Poca carne bovina, perché è responsabile del 18% delle emissioni di gas serra mondiale. Spegnere ogni sera dall’Ipad gli apparecchi collegati alla rete elettrica che in stand by consumano il 10% dell’energia complessiva dell’abitazione. E fare la raccolta differenziata della spazzatura, ricordarsi di staccare dalla presa il caricabatteria una volta caricato il telefonino, spegnere ogni luce quando si cambia stanza, non sprecare acqua.

E’ quanto sta accadendo nella “Casa di Nicky”, il nuovo negozio Ik ECOncept che sarà aperto al pubblico il 12 ottobre nel lifestyle shopping centre Le Piazze di Castel Maggiore (Bologna) che in questi giorni è abitato dalla blogger milanese Nicoletta Crisponi. Tutto quello che vi accade è in streaming sul web e sui social network.

Il negozio è stato allestito come un appartamento dotato di tutti quegli accorgimenti sostenibili in grado di far risparmiare sulla bolletta di casa e non sprecare risorse. La blogger compie ogni giorno in vetrina piccole e grandi azioni ecosostenibili sotto gli occhi dei passanti. E’ una sorta di “Grande Fratello” verde che vuole far superare lo scetticismo che regna sulla domotica e il risparmio energetico, dimostrando quanto sia semplice e confortevole puntare sul “green”.
La blogger mostra ai passanti e ai follower sui social network anche come costruire da sè oggetti (una lampada) e accessori (una borsa) in materiale riciclato, allestirà un orto indoor illuminato con le luci a led, farà lezione di pilates con gli insegnanti del centro fitness Prime, si rifarà il trucco col makeup bio, cucinerà su una piastra a induzione e proverà le specialità dei ristoranti e dei bar del Life Style Shopping Center.
Su Twitter (@ik_econcept), Facebook (ikeconceptstore) e Instagram (ik_econcept). Hashtag ufficiale #casadiNicky, #ikitalia. Online su www.ik-italia.com

No Comments
Comunicati

È ORA ONLINE PHYTOSEFAK.COM, IL NUOVO SITO DI PRODOTTI NATURALI E BIOLOGICI DERIVATI DALLA FITOTERAPIA

Sul sito phytosefak.com è disponibile una vasta gamma di prodotti composti da ingredienti naturali da agricoltura biologica, provenienti dalla fitoterapia, pensati per il benessere delle donne, ma anche degli uomini e dei bambini.

Apre sul mercato italiano phytosefak.com; il nuovo sito offre prodotti per il benessere della persona, integratori alimentari, prodotti di cosmesi e per la colorazione dei capelli, realizzati completamente con ingredienti naturali e biologici, che rispondono con fermezza alle severe specifiche delle etichette bio, ecologiche e alle certificazioni in materia.

Oltre a tutti i prodotti per la bellezza e la salute delle donne, un’intera sezione del sito è dedicata alla cura dell’uomo, con articoli di cosmesi bio e per i problemi specifici maschili; molto interessante risulta il reparto specifico per i più piccoli, dove si possono trovare articoli certificati prodotti con ingredienti biologici per la cura della cute dei più piccoli, anche neonati, oltre a moltissimi accessori, selezionati tra i migliori sul mercato europeo, per offrire il meglio ai vostri figli.

“Oltre ad assicurarci che i nostri prodotti abbiano molti benefici per chi li utilizza, di qui la scelta di trattare solo prodotti naturali e biologici, una delle nostre grandi preoccupazioni è la salvaguardia dell’ambiente, perché niente va lasciato al caso”, spiega la responsabile del sito. Infatti, nessuno dei prodotti in vendita è stato testato sugli animali, i composti sono tutti completamente biodegradabili, non lasciano residui e le confezioni sono realizzate con materiali riciclabili.

Da sottolineare, inoltre, il fatto che la maggior parte degli articoli provengono da case francesi, paese in cui la fitoterapia è molto diffusa: lo scopo di phytosefak.com è proprio quello di offrire la qualità di questi prodotti, i migliori in Europa, al pubblico italiano, offrendo assistenza e spiegazioni ai clienti per qualsiasi dubbio.

A proposito di noi

Sefa Nature è una realtà dinamica ed innovativa con sede a Torino, specializzata nella vendita a distanza di prodotti tratti dalla fitoterapia, dall’agricoltura biologica, ecologica ed equosolidale.
Attraverso il sito phytosefak.com si è voluto non solo mettere a disposizione di tutti la nostra passione ed il nostro amore per la natura, ma anche cercare di sensibilizzare le persone al suo rispetto e protezione.

Alla realizzazione del progetto Phytosefak hanno partecipato appassionati specialisti del bio, tutti con un unico credo e motto: mettere a disposizione di tutti le meraviglie della natura.
Ulteriori informazioni su www.phytosefak.com o sul nostro blog

Oppure contattate il nostro ufficio stampa a: [email protected]

No Comments
Comunicati

Sondaggio VARTA “gli italiani e le batterie ricaricabili”: la coscienza verde avanza, ma è ancora acerba

 

Un’indagine VARTA sulla conoscenza delle batterie ricaricabili conferma la persistenza tra i consumatori italiani di riserve, contraddizioni e stereotipi nei confronti dei prodotti “verdi”, visti ancora come soluzioni sì virtuose, ma anche più costose, complicate e genericamente inferiori e meno “attraenti” rispetto alle tecnologie convenzionali. Rispetto ad alcuni anni fa, tuttavia, gli italiani mostrano di avere in larga misura superato l’iniziale diffidenza sull’affidabilità e sulle prestazioni delle batterie ricaricabili.

Risparmio economico e attenzione alla tutela dell’ambiente sono tra i principali elementi distintivi delle batterie ricaricabili ma i consumatori italiani non hanno ancora fatto propri questi concetti. Nel mondo dell’energia portatile, infatti, stando ai risultati di un sondaggio realizzato da VARTA, le batterie ricaricabili risultano lodate da tutti per la loro eco-compatibilità, ma tuttora surclassate in popolarità e nelle scelte d’acquisto dalle comuni batterie alcaline usa-e-getta.

VARTA, specialista mondiale nelle batterie portatili ad alte prestazioni, nei battery charger e nelle torce per uso professionale e consumer, ha condotto l’indagine sul livello di conoscenza sulle batterie ricaricabili coinvolgendo un panel rappresentativo equamente ripartito per sesso e classi d’età.

Ne è emerso che, a fronte di un consumo medio di batterie superiore alle 10 unità l’anno, le batterie alcaline monouso restano saldamente al primo posto nella propensione all’acquisto (60% del campione) perché ritenute più pratiche e pronte all’uso (50% uomini, 69% delle donne).

Da un lato, si è affermata una diffusa consapevolezza che le batterie ricaricabili possono sostituire le equivalenti monouso su tutti i dispositivi (81%) e che le prime offrono vantaggi sia in termini di minore impatto sull’ambiente (68,7% uomini, 41,5% donne) sia di durata (67%). Dall’altro, però, il freno costituito dal costo delle batterie ricaricabili e dall’acquisto del battery charger prevale ancora sulla consapevolezza del risparmio economico ottenibile nel medio e lungo periodo, nettamente più diffusa tra le donne (46,3%) che tra gli uomini (15,7%). È indicativo, in questo senso, che solo un’esigua minoranza del campione (10,7% uomini, 18,5% donne) abbia calcolato per quanto tempo possa fare a meno di acquistare nuove pile grazie alle batterie ricaricabili.

Perché una più ampia diffusione delle batterie ricaricabili abbia luogo, quindi, è necessario che la consapevolezza dei benefici assicurati sia aiutata a maturare e a consolidarsi ulteriormente, dato che tende ancora a smarrirsi dinanzi alla barriera dell’investimento iniziale.

No Comments
Comunicati

Legnonaturale.com: arriva la versione per smartphone.

 

20 Marzo 2012 – Legnonaturale.com, azienda italiana che da anni si occupa di case e costruzioni in legno, ha annunciato la versione mobile del  sito ufficiale Legnonaturale.com.

“Recentemente abbiamo rilevato un grande incremento di visite al nostro sito e ai nostri canali social” dichiara Salvatore Pisano di Legnonaturale.com “e questa versione mobile offre la possibilità di visionare tutti i nostri  prodotti in legno in qualsiasi momento e con qualsiasi mezzo. Tutte le novità in fatto di chioschi, gazebo, casette e gli altri apprezzati prodotti del nostro catalogo sono disponibili anche in versione Mobile. Il sito è  veloce, ricco di immagini e completamente ottimizzato per i principali smartphone quali iPhone, Android, Nokia e WindowsPhone”. Gli utenti della versione mobile possono quindi visionare tutti gli i prodotti a  catalogo e tramite l’apposito form,  ricevere preventivi gratuiti.

“Abbiamo scelto di lanciare la versione mobile in vista del  boom di connessioni tramite dispositivi mobile quali smartphone, tablet e netbook, previsto nel 2013 ” ha commentato Pisano, “la tecnologia permette agli utenti di avere un’ esperienza di ricerca del prodotto e di successivo acquisto molto più ricca che in passato, e riteniamo sia importante che le aziende facciano il primo passo avanti offrendo soluzioni sempre più all’avanguardia e alla portata di tutti.”

Secondo recenti stime in Italia gli utenti mobile negli ultimi sei mesi sono aumentati del 52% mentre le ricerche su dispositivi mobile hanno visto una crescita del 224% annuo (fonte www.businessfinder.it). Le query vengono per lo più effettuate per trovare aziende e servizi in ambito local e il 23% degli utenti mobile ha già fatto un acquisto utilizzando il cellulare.

Contatto: Annalisa Silingardi

Resp. Comunicazione

& Social Media

Tel. 090 572 65 73

https://www.facebook.com/legnonaturale

linkedin.com/company/legnonaturale 

twitter.com/legnonaturale

 

 

Sede azienda:

Via Longo n.3 Messina 98100

Tel. 090 572 65 73

Fax 090 250 99 23 www.Legnonaturale.com

 

 

 

 

No Comments
Comunicati

INNOFIT VINCE IL RED DOT PRODUCT DESIGN AWARD 2011 CON LA BILANCIA PESAPERSONE ULTRASLIM

Ancona 26 Maggio 2011 – La bilancia pesapersone ULTRASLIM di Innofit si è aggiudicata il RED DOT PRODUCT DESIGN AWARD 2011.
Il Red Dot Award Product Design è il più autorevole e ambito riconoscimento mondiale nel campo del design industriale; quest’anno hanno concorso alla conquista del prestigioso “punto rosso” designers e aziende provenienti da oltre 60 Paesi, che hanno partecipato alla competizione con più di 4400 prodotti.
La bilancia pesapersone ULTRASLIM di Innofit ha superato la severa selezione dei 36 giurati – progettisti e designers di fama internazionale – che hanno premiato la rispondenza del prodotto ai requisiti richiesti dalla competizione: innovazione, ergonomia, funzionalità, contenuto emozionale e attenzione all’ecologia.
Partendo da un concetto di purezza sia estetica che funzionale la bilancia pesapersone ULTRASLIM di Innofit si presenta come una pedana assolutamente piatta, senza comandi né display visibile. Quando si sale sulla bilancia compaiono le cifre del peso, grandi e luminose, grazie alla tecnologia led che garantisce minor consumo energetico. La bilancia si spegne automaticamente quando si scende. Purezza estetica, funzionalità e risparmio energetico sono le highlights di questo prodotto.
“Siamo onorati ed entusiasti di questo riconoscimento – commenta Laura Lavarini Product and Marketing Manager di Innofit – tanto più che la nostra azienda è nata solo da pochi anni, seppur contando sulla grande esperienza del suo staff. Il Red Dot Award Product Design è per Innofit anche una prestigiosa conferma delle scelte strategiche che ci ispirano quotidianamente: innovazione come driver della crescita e attenzione al design. Le soddisfazioni si moltiplicano: lo scorso novembre siamo stati insigniti da Capital e dalla Fondazione Italia Cina, del premio Capital Award per il successo raggiunto da noi e dalla nostra unità di Zhuhai, che produce – oltre che per Innofit – per più di 30 marchi in tutto il mondo.”
La cerimonia di premiazione si terrà il 4 luglio 2011 all’Aalto Theater di Essen e la bilancia ULTRASLIM di Innofit sarà esposta – con gli altri vincitori – al Red Dot Design Museum di Essen, in occasione della mostra “Design on stage – winners Red Dot Award: Product Design 2011” e presso lo spazio gemello, il Red Dot Design Museum di Singapore.
INNOFIT
Innofit nasce dell’esperienza decennale di un gruppo di professionisti del settore dell’healthcare e annovera nella sua compagine sociale l’azienda Golder Electronics (Vitek, Coolfort, Rondell, Maxwell), la prima azienda russa in termini di fatturato nel mercato dei paesi CIS dei piccoli elettrodomestici.
Nel 2009 Innofit acquisisce, con il marchio Medifit, un ramo d’azienda già specializzato da 10 anni in prodotti elettromedicali, e articoli per la cura della persona e del bambino. Questo ha permesso di garantire un profondo know how nel settore, sia dal punto di vista del mercato sia della produzione.
I prodotti Medifit sono venduti principalmente nelle farmacie, parafarmacie e nei negozi prima infanzia.

Nel 2010 Innofit lancia una nuova linea di prodotti con il marchio Innofit. Sono articoli innovativi, piccoli ritrovati tecnologici dalle forme accattivanti diretti a soddisfare tutte le esigenze dei consumatori in termini di salute, bellezza e relax. I prodotti Innofit sono disponibili nei punti vendita delle migliori catene di elettronica e della grande distribuzione organizzata.
www.innofit.it
www.medifit.it

per informazioni:
Innofit srl – tel. [+39] 071 2867616 – fax [+39] 071 888165 – [email protected]
Mariagrazia Abruzzese – Differens Srl (ufficio stampa) [email protected] tel. [+39] 071.290.12.73

No Comments
Comunicati

Le vernici all’acqua sempre più usate anche nel mobile in stile

Negli ultimi anni l’attenzione per la salute e l’ecologia è aumentata sensibilmente anche in anche in Italia.
Per questo vengo utilizzate sempre più anche nei mobili in stile.

Per quanto riguarda l’arredamento molta importanza ha la verniciatura. Infatti essa è, oltre all’aspetto finale estetico, la causa principale del rilascio di sostanze chimiche nell’aria.

Se viene utilizzata una vernice scadente, che utilizza solventi chimici, può rilasciare sostanze nell’aria anche molto tempo (anni) dopo essere stata collocata in casa.

Quindi anche se non ci interessa l’aspetto ecologico, si spera che tutti abbiano a cuore l’aspetto salutistico.

Dire che le vernici idrosolubili siano ecologiche al 100% non è corretto perché comunque, nella parte solvente, è presente una percentuale (dal 3/8%) di cosolventi chimici. Percentuale che però è irrilevante se paragonata alle normali vernici.

Difatti le vernici idrosolubili hanno la parte solvente formata praticamente da sola acqua. E ciò abbatte le possibili emissioni primo per l’operatore addetto alla verniciatura, poi per chi il mobile se lo mette in casa, e infine abbatte le emissioni nell’atmosfera.

Sicuramente la verniciatura all’acqua ha un costo diverso rispetto a quella normale, dovuto al maggiore costo del materiale e anche ai diversi procedimenti per la sua applicazione.

Ma sicuramente i vantaggi sono superiori: il mobile avrà un colore più naturale e la tinta invecchierà molto più lentamente, usando vernici all’acqua avremo un’emissione pari a zero di sostanze pericoloso.

No Comments
Comunicati

Metodo 2000 il cotto imprunetino di Il Palagio è facile da posare

Metodo 2000 firmato Il Palagio è un cotto che sa adeguarsi alle esigenze realizzative contemporanee. La soluzione ideale per chi non sa rinunciare al pregio, al calore, e alla naturalità di un pavimento o rivestimento in vero cotto imprunetino, ma che al contempo cerca un prodotto facile da posare e da trattare.

Metodo 2000 è disponibile in 4 colorazioni: Rosso, tradizione, Ocra, innovazione, Terra, delicatezza e Antico, novità, in cui sono presenti venature tendenti al tabacco. Un prodotto che è una soluzione costruttiva all’avanguardia in grado di fondere in modo equilibrato il look e l’eleganza di un cotto fatto a mano con la resistenza, la durezza e i costi di un prodotto realizzato industrialmente, ai massimi livelli qualitativi. 4 tonalità che rendono il Cotto Metodo 2000 adatto non solo per le ristrutturazioni di edifici storici, ma estremamente appropriato per arricchire abitazioni di design contemporaneo.

Le superfici irregolari, pur realizzate con modernissimi processi industriali, restituiscono un sapore antico, tradizionale per uno stile e una piacevolezza, un calore e una naturalità tutta da toccare. Pensato, progettato e realizzato per rispondere in modo efficace e versatile alle esigenze costruttive di oggi, il Palagio ha diversificato i formati di cotto Metodo 2000 e ha creato anche la versione spessa soli 13mm per facilitarne la posa su pavimenti già esistenti.

Metodo 2000 di Il Palagio  nulla perde in termini di naturalità, infatti è un prodotto ecologico, realizzato con un impasto di terra e acqua esattamente come accadeva migliaia di anni fa, sono i procedimenti realizzativi ad essere tecnologici e all’avanguardia ma pur sempre mantenuti in linea con le normative vigenti in termini di rispetto ambientale.

No Comments
Comunicati

PULIZIA DELLE DUNE DI MILANO MARITTIMA

a cura dei volontari “Amici di Ron Hubbard”
            Sono 9 anni consecutivi che l’iniziativa “Cervia città pulita” si ripete con successo e che vede i volontari “AMICI DI L.RON HUBBARD” impegnati in attività straordinarie di pulizie di aree verdi , piste ciclabili, parchi non solo di Cervia ma anche di Milano Marittima e Pinarella.
            Le dune di questa zona sono un patrimonio naturale perché non se ne trovano di uguali lungo il litorale romagnolo.
            Su queste dune crescono erbe palustri e fiori che vanno tutelate e curate.
            Il valore che queste aree ricoprono per il gradevole aspetto e l’ambiente che creano, sono tutti elementi molto apprezzati dalle tante persone che vivono la città e la spiaggia in occasione della stagione balneare molto frequentata da tanti turisti.
            L’iniziativa è anche un’occasione per invitare gli abitanti alla segnalazione di eventuali zone da ripulire; l’invito è rivolto a chiunque voglia partecipare agli interventi dando così il buon esempio.
            Come sostiene il filosofo umanitario L. Ron Hubbard a cui i volontari si ispirano “…Ci sono molte cose che le persone possono fare per aiutare ad avere cura del pianeta, si inizia con l’impegno personale si prosegue suggerendo agli altri di fare altrettanto”.
            La pulizia delle dune verrà fatta Martedi 3 maggio prossimo a partire dalle ore 15.30.
Per info tel. 0544/30080

No Comments
Comunicati

VIVATERRA ottiene la certificazione ISO 14001:2004

VIVATERRA è l’unica azienda di tutto il distretto del cotto ad aver ottenuto la certificazione UNI ISO 14001:2004. L’impegno per il raggiungimento degli standard internazionali in tema di ecostenibilità ha dato i suoi frutti: l’azienda ha dimostrato non solo di operare nel rispetto ambientale ma di aver preso tutti i provvedimenti perché questo tipo di atteggiamento perduri nel tempo.

La certificazione ISO 14001: 2004 è una norma internazionale che definisce lo sviluppo di un efficace sistema di gestione ambientale, e rappresenta un’ulteriore conferma dell’attenzione rivolta da VIVATERRA affinché lo svolgimento del processo produttivo, nei vari comparti dei marchi che detiene, avvenga nel rispetto degli equilibri ecologici. La società dimostra di avere piena coscienza dell’impatto ambientale che alcuni comportamenti possono arrecare e ha compiuto, quindi, una scelta consapevole decidendo di dotarsi di un sistema di sicurezza e gestione improntato alla tutela dell’ecosistema.

VIVATERRA si impegna così ad operare nel rispetto dell’ambiente attraverso un attento controllo delle forme di inquinamento, utilizzo razionale delle fonti energetiche, un adeguato smaltimento dei rifiuti ed un recupero degli scarti di lavorazione.

L’azienda imprunetina ha dunque impostato degli obiettivi generali di miglioramento delle proprie prestazioni ambientali preparando strutture in grado di portare avanti tali obiettivi, intervenendo in tutte le attività gestite o controllate, e verificandone l’attuazione in modo sistematico. Questa certificazione permettere uno sviluppo sostenibile dell’intera produzione di Il Ferrone, di Il Palagio, di Cotto Impruneta e Palagio Engineering.

No Comments
Comunicati

Perché le casette ecologiche non sono poi così diffuse in Italia?

La casa ecologica è uno dei feticci degli ultimi tempi, una sorta di oggetto a cui si tende idealmente ma che, in particolar modo in Italia, non viene incentivato con attenzione al mercato e alle metodologie e pratiche edilizie statali.
Partendo dall’inizio, ossia da dove le case ecologiche e in particolar modo le case in legno o case bioedilizia sono una realtà, bisogna fare un’accurata analisi di quello che è il contesto burocratico e sociale in cui vanno ad inserirsi queste costruzioni. E’ indubbio infatti che nei paesi nordici dell’Europa il sentimento diffuso rispetto all’ambiente, all’ecologia e quindi a tutti quei comportamenti che denotano tale sensibilità sia molto diverso da quello presente in Italia, o in altri stati limitrofi tanto da aver incentivato l’elaborazione e il regolare impiego di espedienti come la raccolta differenziata autonoma, la realizzazione abitale di case di legno come abitazioni principali, l’utilizzo di mezzi di trasporto non inquinanti e tutte le metodologie di risparmio energetico che prevedono l’utilizzo di energie rinnovabili per il consumo domestico, industriale e statale.

Un contesto privilegiato quindi in cui le case in legno sono la perfetta coronazione e immagine del modello abitativo e che vanno ad incastonarsi come diamanti in una realtà già sensibile alle tematiche in questione. Non solo, soprattutto negli stati in cui sono nate queste tipologie abitative è semplice e immediata anche la costruzione. Basti pensare all’iter burocratico necessario in Italia per la realizzazione di una casa, che va dal primo contatto con lo specialista alla proposta all’ufficio tecnico comunale e alle altre pratiche necessarie anche solo per entrare in possesso dei permessi a costruire anche per delle semplici strutture esterne come coperture in legno. In Germania, per citare solo l’esempio a noi più vicino geograficamente, è sufficiente acquistare un terreno e procedere alla scelta della propria casa prefabbricata in legno e poi attendere, l’azienda stessa si occuperà di sbrigare tutte le pratiche amministrative in quanto al suo interno è dotata di tutti i professionisti necessari alla realizzazione completa del modulo abitativo. E’ proprio per questo, per le numerose agevolazioni burocratiche e fiscali che queste tipologie di abitazione sono privilegiate e sempre più adottate come abitazione primaria in queste zone. E questo è solo il primo dei tanti punti che devono spingere alla differenziazione delle proposte immesse nel mercato che devono essere personalizzate e adattate peculiarmente ad ogni realtà.

E’ infatti sotto gli occhi di tutti come il mercato delle casette in legno faccia fatica ad affermarsi in Italia, nonostante questi prodotti abbiano delle indubbie doti e privilegi se confrontate con altri tipi di casa. In Italia infatti il mercato è molto più variegato, gli innumerevoli professionisti autonomi non riescono a limitare la loro azione alla mera installazione del prodotto ma, come è giusto che sia, vogliono comunque portare il loro peculiare apporto, nonostante questi moduli abitativi abbiano già alla base una loro progettazione e quindi necessitino solo ed esclusivamente dell’installazione come tettoie legno. Per l’affermarsi quindi di questi moduli abitativi non è ad oggi sufficiente la mera proposta economica, il percorso di sensibilizzazione e accomodamento delle abitudini è ancora molto lungo e richiede lo sforo congiunto sia da parte degli enti locali e statali sia da parte dei singoli cittadini.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Marketing mix

No Comments
Comunicati

Convegno Ecosostenibilità vantaggi per gli alberghi e il turismo – 16 febbraio 2011 Enterprise Hotel Milano

Il crescente interesse da parte del mercato e la difficoltà riscontrata nel reperire informazioni adeguate da parte del settore, ha spinto EcoWorldHotel ad organizzare il Primo Convegno Nazionale dal titolo “Ecosostenibilità: vantaggi per gli alberghi e il turismo”.

Il Convegno ha l’obiettivo di mostrare concretamente come una struttura alberghiera tradizionale (anche in una città come Milano) può diventare Eco-friendly, impattando meno sull’ambiente.

Verranno illustrati gli accorgimenti adottati e i vantaggi ottenuti, raccontati dalle parole di professionisti e dalle testimonianze di albergatori attraverso case history. Tra gli argomenti di fondamentale interesse
vi sono le tematiche riguardo il “Green Marketing: come aumentare le vendite e la visibilità on-line ed off-line”, “come soddisfare le esigenze del mercato green” e “La scelta dei prodotti e dei fornitori Green”.

«E’ un Convegno totalmente diverso, con un approccio molto più pratico e innovativo rispetto a tutti quelli svolti sin ora per gli hotel. Parleremo di buone pratiche da applicare quotidianamente per risparmiare costi e ridurre il proprio impatto sull’ambiente. Le tematiche trattate sono di attuale interesse e un valido strumento di aiuto per superare la crisi del settore turistico-ricettivo, anche in un’ottica di tutela del territorio locale. Inoltre, per le strutture ricettive milanesi (indirettamente anche per tutta l’Italia), è un’ottima opportunità per arrivare “preparati” in occasione dell’EXPO 2015 Alessandro Bisceglia – Presidente EcoWorldHotel.

Durante il convegno verrà presentata in anteprima la nuova Guida per le Strutture Ricettive eco-sostenibili: completamente rivoluzionata nella comunicazione, nella forma e nel punteggio. Sono, inoltre, stati inseriti nuovi requisiti e ulteriori aree tematiche, dando importanza alla comunicazione green on-line ed off-line, al food & beverage e tanto altro.

Interverranno come testimonial d’eccezione l’attore e showman Marco Columbro e l’imprenditrice Stefania Santini. Da anni attivi non solo nel settore biologico con la manifestazione SaporBio ma anche nel turistico-alberghiero con l’hotel Locanda Vesuna, un antico podere ristrutturato secondo i principi della bioedilizia.

Tre momenti molto importanti caratterizzano la mattinata:

• Il primo raduno nazionale di tutti gli EcoWorldHotel d’Italia;

• La premiazione delle riviste turistiche e ambientali e dei blog che più si sono distinti nel sostenere il turismo sostenibile;

Menzione speciale alle Camere di Commercio Lombarde per il loro impegno nel sostenere le aziende nelle buone pratiche green e per la responsabilità sociale.

Appena fuori dalla sala convegni verrà istituito un Market Place: una selezione di aziende green Eco-Partner, facenti parte del Gruppo d’Acquisto EcoWorldHotel, che promuovono i propri eco-prodotti ed eco-servizi e sono a disposizione di albergatori, aziende, giornalisti e pubblico presente.

Il Convegno è a basso impatto ambientale e grazie alle tematiche originali ha ottenuto il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare; dell’Assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Identità di Milano; della Rappresentanza a Milano della Commissione europea; della Provincia di Milano e di prestigiosi Enti ed Associazioni turistiche ed ambientali.

La partecipazione è gratuita e possono intervenire albergatori, green manager, giornalisti (settore turistico, ambientale, bio-architettura, wellness, ecc.), aziende che direttamente o indirettamente ruotano intorno al mondo alberghiero, università e professionisti del settore.
Mercoledì 16 febbraio presso l’EcoWorldHotel Enterprise di Milano, aziende green e professionisti del settore possono confrontarsi, sviluppare nuove opportunità di business b2b e acquisire nuove conoscenze per migliorare la qualità della propria attività, e i servizi offerti.

Milano, 7 febbraio 2011

Dott.ssa Selena Pozzi

Responsabile Ufficio Stampa EcoWorldHotel
Guarda il Programma del convegno

www.ecoworldhotel.com

No Comments
Comunicati

Una borsa della spesa ecologica e solidale con SOS Villaggi dei Bambini Onlus

03/12/2010 – L’associazione SOS Villaggi dei Bambini Onlus ha presentato una borsa della spesa in juta dedicata a negozi e clienti sensibili alle tematiche solidali ed ecologiche. Decorate con i disegni fatti dai bambini dei Villaggi SOS, queste borse permettono di sostenere l’associazione nella sua missione a favore dell’infanzia in difficoltà e di rispettare l’ambiente evitando l’uso di sacchetti di plastica non biodegradabili.

Da più di 60 anni l’associazione lavora con i bambini rimasti senza cure dei loro genitori e sostiene le famiglie per evitare l’abbandono o lo sfruttamento dei loro figli. Grazie all’impegno dei collaboratori e delle persone che fanno volontariato con i bambini dei Villaggi SOS in 132 paesi del mondo, SOS Villaggi dei Bambini può donare una nuova casa accogliente ed una famiglia affettuosa a chi ha più bisogno.

I Villaggi SOS internazionali sono sostenuti sopratutto grazie alle adozioni a distanza e alle donazioni, oltre che ad iniziative di raccolta fondi come con queste borse solidali. Le shopper sono state create grazie alla collaborazione dell’azienda tessile Gruppo T e potranno essere richieste direttamente tramite SOS Villaggi dei Bambini Onlus, scrivendo una e-mail a [email protected]

I negozi che riceveranno le borse della spesa ecologiche e solidali di SOS Villaggi dei Bambini potranno usarle come regalo ai clienti, o utilizzarle all’interno dei propri negozi. Parte del ricavato è donato in beneficenza a sostegno dei bambini accolti nei Villaggi SOS in Italia e nel mondo.

Va ricordato che i sacchetti di plastica non biodegradabili che saranno banditi a partire dal 1° gennaio 2011. Per maggiori informazioni sui programmi di sostegno di SOS Villaggi dei Bambini Onlus e per adottare un bambino a distanza è possibile consultare il sito dell’associazione italiana: www.sositalia.it

———————————————–

SOS Villaggi dei Bambini Onlus è un’organizzazione internazionale privata, apolitica e aconfessionale. È impegnata da più di 60 anni a lavorare con i bambini, nell’accoglienza di bambini privi di cure parentali o temporaneamente allontanati dalle famiglie e promuove programmi di prevenzione all’abbandono e di rafforzamento familiare in Italia e in altri 131 paesi del mondo. Aiuta più di 1.000.000 di persone attraverso programmi integrati di sostegno ai bambini e al loro contesto familiare e accoglie ogni anno circa 78.000 bambini. In Italia è presente con 7 Villaggi e aiuta 480 persone, di cui 326 fra bambini e ragazzi. Dal sito di SOS Villaggi dei Bambini Onlus è possibile adottare un bambino a distanza o fare donazioni per sostenere le famiglie disagiate: www.sositalia.it

No Comments
Comunicati

Salute e tutela dell’ambiente per vivere in un mondo migliore

Anche noi nel nostro piccolo possiamo ogni giorno compiere dei gesti importanti per la tutela dell’ambiente. Salute e Ambiente sono argomenti importanti e molto attuali.

Il risparmio energetico è senza dubbio una delle cose a cui dobbiamo prestare maggiore attenzione.

Nelle nostre abitazioni dobbiamo utilizzare solo lampadine a basso consumo, tenere spenti gli elettrodomestici quando non vengono utilizzati e sfruttare le fasce notturne per gli elettrodomestici più potenti. Se dobbiamo cambiare l’automobile o un elettrodomestico dovremmo sempre scegliere le ultime versioni che offrono elettrodomestici a basso consumo ma con grandi prestazioni e veicoli ibridi o completamente elettrici che aiutano ad eliminare l’anidride carbonica presente nell’aria.

Anche l’acqua non dovrebbe mai essere sprecata e sarebbe importante iniziare ad installare degli impianti di riutilizzo dell’acqua piovana per i servizi igienici oppure per l’irrigazione del giardino.

Creare zone verdi da inserire in città non è certo un compito che spetta a noi cittadini privati ma magari un bell’orto da mettere in giardino o sul terrazzo è un modo per creare delle piccole zone verdi e per insegnare ai nostri figli ad amare l’ambiente.

La tutela ambientale è un gesto importante anche per noi e per il nostro benessere.

Approfondisci l’argomento visitando la pagina: hhttp://www.viveremeglio.it/section/Salute-e-Ambiente/4.htm

No Comments
Comunicati

L’attenzione all’ambiente e al risparmio energetico che parte dall’ufficio

Da molti anni ormai si parla di sostenibilità non solo all’interno della vita domestica ma anche all’interno del luogo di lavoro dove l’attenzione agli sprechi è molto più bassa.
Carta, stampe, cartucce, toner tutto viene utilizzato in gran quantità all’interno di qualsiasi ufficio senza riporre particolare attenzione al risparmio energetico e ad evitare inutili sprechi. Eppure bastano veramente pochi gesti poche piccole attenzioni quotidiane per rendere l’ufficio un luogo piacevole in cui passare la giornata e in cui rispettare e tutelare l’ambiente in tutte le sue forme.

Già da tempo è ben noto l’uso di carta riciclata e carta ecologica che ormai ha raggiunto un tal punto di tecnologia applicata da avere pochissime differenze rispetto alla carta normalmente utilizzata per stampe e produzione documentale. Inoltre già da tempo molte mail aziendali hanno inserito in calce il cosiddetto “messaggio ecologico” che intima di stampare la mail sono nel caso la copia cartacea fosse veramente indispensabile ai fini del lavoro. Inoltre anche l’introduzione della posta elettronica certificata, anche negli enti pubblici ha permesso di limitare notevolmente la mole di carta necessaria alle singole attività d’ufficio. Molte altre sono poi le tecniche utilizzate per il risparmio energetico come la limitazione delle stampanti, che ora in molte aziende risultano essere una per piano anziché una per postazione, le aree ristoro una aziendale anziché diverse nell’azienda e molte altre piccole attenzioni che riscuotono il loro successo anche nel settore dei consumi.

Può succedere in alcuni casi che i prodotti provenienti dal riciclaggio abbiano un costo più alto, ma oramai questa evenienza è abbastanza rara visto che alcune aziende, come cartiera veneto e altre regioni, hanno rielaborato le tecnologie in modo da ottenere prodotti di ottima qualità con un prezzo praticamente pari a quello del prodotto proveniente da cellulosa nuova. Inoltre utilizzare prodotti provenienti da riciclaggio o provenienti da una lavorazione ecologica fa bene anche al benessere dei lavoratori che all’interno dell’ufficio passano ben quaranta ore settimanali e più limitando il contatto con sostanze nocive e favorendo il benessere psico fisico.

Se nel caso dell’ufficio con la collaborazione diretta e costante dei lavoratori si possono ottenere ottimi risultati in tutti i fronti più difficile è conciliare l’attività industriale con la sostenibilità e ‘ecologia. Nell’industria infatti la carta viene maggiormente utilizzata per imballaggi carta, utilizzo che ne rende più difficoltoso il limite nel senso che mentre una mail può essere o meno stampata per spedire o trasportare un elettrodomestico non sui può assolutamente prescindere dall’imballo dello stesso. Ora però l’evoluzione tecnologica della carta ha permesso di fabbricare carte da imballo resistenti e riutilizzabili che nulla hanno da invidiare alle scatole nuove ogni volta. Ci sono però delle caratteristiche a cui la carta in generale deve rispondere. Innanzitutto una carta per essere definita ecologica deve rispondere ad alcuni particolari requisiti ossia essere realizzata con un basso apporto idrico e un limitatissimo consumo energetico, con minime emissioni sia nell’acqua che nell’aria ma soprattutto per far nascere della carta ecologica è obbligatorio che venga impiegata esclusivamente carta da macero.

Attualmente infatti risulta essere questo il metodo più ecologico e a minor impatto ambientale per produrre carta, certo è che però la ricerca in tale settore è in continua evoluzione e costante crescita per elaborare delle soluzioni che possano permettere di ridurre al minimo le emissioni nell’’ambiente, ma anche per limitare l’utilizzo della carta laddove non sia strettamente necessario.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Web tv

No Comments
Comunicati

Nella lotta all’inquinamento vince il legno

E’ uscito da pochi giorni il report annuale sui dati dell’inquinamento delle varie città italiane stilato come di consueto da Legambiente.
Quest’anno sul podio delle città più pulite si sono classificate la città di Belluno, Verbania e Parma mentre ai piedi della classifica si trovano Palermo, Crotone e Catania. Un dato allarmante se si pensa che, con l’eccezione di Torino, tutti i centri urbani con più di mezzo milione di abitanti hanno peggiorato le loro condizioni di salute ambientale. In testa al peggioramento si piazzano infatti le maggiori città italiane ossia Roma, Milano, Napoli e Palermo.

La classifica si basa su diversi parametri di valutazione che includono trasporti pubblici, raccolta differenziata, depurazione delle acque, isole pedonali ed altri elementi che denotano sensibilità e azioni volte alla tutela dell’ambiente. Molti sono infatti gli elementi che concorrono alla rovina dello stato ambientale delle grandi città. Sicuramente però il maggiore di questi e il più imponente da sempre è quello delle emissioni delle automobili e delle abitazioni. Basti pensare alle innumerevoli auto che quotidianamente percorrono le nostre strade e i numerosi impianti di riscaldamento e condizionamento che durante tutto l’anno immettono nell’aria numerose sostanze tossiche.

Anche se queste sembrano conseguenze inevitabili una soluzione dal mondo della tecnologia delle costruzioni sta prendendo sempre più piede in diverse realtà abitative: la bioedilizia.

Proprio questa tipologia di costruzioni fa si che le emissioni siano ridotte al minimo grazie all’isolamento insito in queste tipologie di abitazioni prefabbricate che principalmente sono costruite in legno. Proprio le case in legno rappresentano infatti la nuova frontiera sia per l’edilizia che per l’ecologia. Le case in legno inoltre contano dalla loro parte numerosi vantaggi che non sono trascurabili sia dal punto di vista economico che tecnologico.

Le case legno bioedilizia infatti sono veloci da costruire, leggere da trasportare, isolano bene sia d’inverno che d’estate infatti non a caso sono state scelte come simbolo della ricostruzione dopo il terremoto del L’Aquila.

Ma oltre a questi vantaggi pratici le abitazioni in legno rappresentano un’alternativa unica e duratura nel tempo che può trasformare anche la più semplice abitazione in un caldo ambiente accogliente moderno e di stile anche attraverso un ampliamento edilizio. E proprio dai progettisti e dai designer del settore il legno è stato definito il materiale del nuovo millennio e l’unico materiale a triplo zero: zero emissioni, zero spazzatura e kilometri zero. Non solo nelle abitazioni ma anche nei complementi di arredo e design che vengono collocati abitualmente come lampade, accessori, letti, armadi. E proprio nel campo del design il legno riesce a conferire a qualsiasi abitazione un calore e un’intimità che è propria solo di questo materiale e di nessun altro.

Ma i pregi del legno non si esauriscono qui, questo materiale infatti ha una facilità di lavorazione ineguagliabile da qualsiasi altro materiale utilizzato per le costruzioni e la costruzione con esso permette di non intaccare in maniera devastante l’ambiente in cui viene utilizzato. Oltre ad essere considerato il materiale “preferito” dai Vigili del Fuoco grazie alla sua resistenza ad alte temperature, fattore importante soprattutto quando si considerano costruzioni che hanno molti impianti al loro interno come condomini, edifici pubblici.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Ufficio stampa

No Comments
Comunicati

L’evento del settore: Termoidraulica Clima Ecoenergie 2011

Si terrà dal 30 marzo al 2 aprile 2011 la Fiera Termoidraulica Clima Energie presso la Fiera di Padova. Evento del settore la manifestazione è oramai arrivata alla sua 17 esima edizione.

All’interno della fiera le aziende che parteciperanno potranno, oltre ad esporre i loro prodotti, rappresentare anche i progetti già realizzati o in fase di realizzazione comunicando quindi ad folto pubblico di esperti e investitori le novità proposte e le soluzioni innovati che possono essere applicate in determinati settori di impianti termoidraulici.

L’attenzione ai temi attuali sarà la linea conduttrice di tutto l’evento fieristico, particolare spazio sarà dato all’impiantistica volta al risparmio energetico e alle fonti di energia rinnovabile. Facilità di installazione, risparmio energetico e innovazione tecnologica di ogni singola azienda avranno vetrina proprio all’interno dei padiglioni della fiera adeguatamente orientati in maniera argomentativa attraverso percorsi tematici. La vasta partecipazione confermata gli scorsi anni sia di operatori professionali sia di visitatori interessati e investitori ha permesso infatti di individuare questo evento come la possibilità di esposizione più indicata per proporre innovazioni e sperimentazioni del settore provando con mano il valore aggiunto in termini di innovazione e performance di risparmio, mostrare idee di progettazione impianti riscaldamento e refrigerazione.

E proprio le energie rinnovabili diventano l’opportunità di business proficua per gli imprenditori e per l’ambiente che, grazie all’innovazione nell’impiantistica e nell’installazione, diviene la più sicura certezza di business e investimento.

Tre sono i focus applicativi che saranno di base per struttura l’intero evento ossia gli impianti residenziali, gli impianti termoidraulici industriali e l’impiantistica per il terziario che saranno utilizzati per una prima suddivisione delle aziende partecipanti all’interno dell’evento.
Sette saranno poi le aree di interesse su quali verranno orientati i percorsi all’interno dei vari stand percorsi che metteranno mostra le migliori selezioni dei prodotti, attrezzature, progetti in modo da offrire la più esaustiva gamma di prodotti del panorama idrotermosanitario ossia tutto ciò che riguarda Area Caldo, Area Freddo, Area Ecoenergie, Area Acqua, Area impianti bagno, Area Informatica e Servizi e Area Tecnica.

Questa fiera, come la sua edizione precedente ha evidenziato, ha una valenza fondamentale quando si parla della proposta. Infatti la quantità degli espositori ha fatto si che le tre grandi aree di intervento ossia gli impianti residenziali, gli impianti idraulici industriali e gli impianti per il terziario e gli impianti di riscaldamento avessero la loro area dedicata e potessero esporre i loro vari prodotti in maniera ordinata e logica.

Proprio la fiera della città di Padova rappresenta una vetrina privilegiata per questa tipologia di aziende in quanto la zona geografica del Nord-Est Italia è quella più attiva e ricca dal punto di vista dei volumi di business e di professionisti attivi nell’ambito dell’impiantistica termoidraulica. Inoltre la collocazione permette di rivolgere uno sguardo ai paesi europei limitrofi ampliando così il volume d’affari e di sperimentazione. Numerosi saranno poi i convegni, attualmente ancora in fase di organizzazione e programmazione, che approfondiranno i temi più interessanti e più soggetti alle innovazioni in modo da dare una base teorica utile ed utilizzabile a tutti gli interessati ma anche a professionisti del settore che vogliono approfondire e specializzare le proprie competenze.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Servizi SEO

No Comments
Comunicati

Nasce il portale che fa incontrare nel web consumatori e produttori a filiera corta.

E’ nato un portale dedicato alla vendita diretta, una piattaforma per far incontrare le aziende agricole e i consumatori attenti alla qualità.

Prodotti-a-km-zero.it è stato creato senza scopo di lucro per facilitare i consumatori nella ricerca dei prodotti e per dare modo ai produttori con vendita diretta di creare un profilo della propria azienda indicando i prodotti e i servizi offerti.

Il portale è un primo punto di incontro nel web tra consumatori e produttori volto alla crescita di un rapposto reale che incentivi la vendita diretta e l’acquisto di prodotti locali, freschi e di stagione.

La ricerca è divisa per prodotti e servizi (come mercati a filiera corta, fattorie didattiche, servizi di ristorazone e pernottamento) ed è facilitata da mappe che sfruttano la geolocalizzazione aiutando i consumatori a trovare i punti di interesse intorno a loro.

La registrazione da parte delle aziende è gratuita: è possibile fare una descrizione dell’azienda, essere geolocalizzati, elencare i prodotti in vendita e aggiungere delle icone per gli altri servizi offerti.

Per maggiori informazioni:
www.prodotti-a-km-zero.it
[email protected]

costa meno
Perchè la merce per arrivare al consumatore non deve essere trasportata, imballata e posta su uno scaffale, questi sono passaggi che fanno aumentare il prezzo dei prodotti e che alla fine paghi tu!
è sostenibile
Scegliendo i prodotti a chilometro zero fai risparmiare anche l’ambiente:
– co2 perchè i prodotti non devono essere trasportati lontano
– acqua ed energia dei processi di lavaggio e confezionamento
– plastica e cartone sull’imballaggio
i prodotti sono più freschi
In cascina trovi solo i prodotti di stagione, naturalmente freschi senza bisogno di conservanti!
si può visitare l’azienda produttrice e avere più controllo sul prodotto
Puoi trascorrere dei bei momenti in fattoria con amici e familiari vedendo da vicino i prodotti che acquisti e la loro produzione, raramente un acquisto può essere tanto trasparente!
Si riaquistano i profumi e i sapori delle diverse stagioni
Ogni stagione è diversa per il palato, la vista e l’olfatto: riscopri i sapori tipici dei prodotti che nascono e crescono secondo natura!

Acquistando prodotti a kilometro zero hai un ottimo rapporto qualità/prezzo e dai un contributo per sostenere i produttori locali!

No Comments
Comunicati

Assisi, Festival Internazionale per la Pace 2010

L’Assisi Festival edizione 2010, organizzato dall’Associazione Culturale “United Artists for Peace”, in collaborazione con il Comune di Assisi, quest’anno si terrà dal 14 al 21 Settembre. La manifestazione, che comprende il XV Festival Internazionale per la Pace e il X Weekend Ecologico, si avvale di numerosi riconoscimenti, tra i quali l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e il Patrocinio di numerosi Ministeri. Il Festival si propone di promuovere la cultura della pace, della cooperazione internazionale e dell’educazione ambientale e alimentare attraverso seminari, tavole rotonde, mostre di arte visiva e concerti serali di alto livello artistico-culturale nella città di Assisi, testimonial mondiale del dialogo e della fratellanza tra i popoli. Come nelle precedenti edizioni, la musica verrà presentata nei vari generi, dal classico all’etnico e al jazz, con artisti nazionali e internazionali accomunati dalla condivisione dei valori di Pace, Solidarietà ed Ecologia. L’edizione 2010 si aprirà Martedì 14 Settembre, con la mostra fotografica multimediale “Musica, Pace e Ambiente”, itinerario artistico-culturale del Festival Internazionale per la Pace, in occasione del XV anniversario. Il Festival si inaugurerà Mercoledì 15 Settembre con un concerto classico dell’ensemble d’archi internazionale Trio Broz, dedicato a Johann Sebastian Bach. Venerdì 17 Settembre è previsto il concerto etnico “Global Arts Around the World” con la partecipazione di Gabin Dabiré – Burkina Faso e Rashmi Bhatt – India, che presenteranno composizioni originali ispirate a sonorità tradizionali africane. Sabato 18 Settembre è in programma il concerto “World Jazz for Peace”, con l’esibizione dello straordinario duo Belinda Riquelme e Amedeo Nicoletti, artisti che proporranno brani di musica afrocubana e brasiliana con influenze jazzistiche. Anche quest’anno, l’Assisi Festival focalizzerà l’attenzione sulla celebrazione del 21 Settembre, IDP – United Nations International Day of Peace, Giornata mondiale dedicata alla Pace in cui l’ONU invita tutte le nazioni e i popoli a fermare le guerre e ogni forma di ostilità. Nella mattina, verrà realizzato il V convegno “Pace, Diritti Umani e Cooperazione Internazionale”, in sintonia con la proclamazione, da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, del 2010 quale “Anno Internazionale per l’avvicinamento delle culture”. Alle ore 12.00, in occasione della “Peace Bell special ceremony” delle Nazioni Unite, in cui il Segretario Generale Ban Ki-moon suonerà la Campana della Pace, per inaugurare a New York la Giornata mondiale della Pace, anche in questa edizione, ad Assisi verrà suonata la campana della torre del Palazzo Capitano del Popolo, sede dell’Ufficio per il Sostegno alle Nazioni Unite e della Biblioteca depositaria dei documenti dell’Onu. A conclusione della giornata, avrà luogo il “Concerto straordinario per la Pace e l’Ambiente”; nella prima parte è previsto un recital pianistico dedicato a Frederic Chopin, in occasione della celebrazione del bicentenario della nascita del musicista, con l’esibizione della pianista Donatella Carlotti. Ospite speciale della serata Vittorio Nocenzi, leader storico e fondatore della band “Banco del Mutuo Soccorso” al quale verrà conferito il premio “Artista per la Pace 2010” per il suo notevole impegno sociale e umanitario. Nell’ambito dell’Assisi Festival, si terrà la X edizione del Weekend Ecologico, evento che promuove l’educazione ambientale e alimentare in un’ottica di sviluppo sostenibile. Ai seminari, previsti nelle mattine di Venerdì 17 e Sabato 18 Settembre, parteciperanno delegazioni di studenti degli Istituti Scolastici della Regione, al fine di proporre stili di vita salutari, promuovere corrette abitudini alimentari e sensibilizzare al rispetto dell’ambiente. Tra gli argomenti che verranno affrontati: “Etica ambientale e sostenibilità”, “Biodiversità e cambiamenti climatici” (2010: Anno Internazionale della Biodiversità), “Alimentazione, prevenzione e salute”, “Qualità e sicurezza degli alimenti in Europa”. Tra le iniziative collaterali finalizzate alla salute pubblica, è in programma l’allestimento di stand espositivi di prodotti tipici e biologici del territorio. Il Weekend Ecologico si avvale del supporto di un Comitato Scientifico presieduto dal Prof. Vittorio Silano, presidente della Commissione Scientifica Europea EFSA – European Food Safety Authority, oltre che della collaborazione di esperti, ricercatori e docenti universitari. La manifestazione si concluderà con la IX edizione della “Passeggiata Ecologica” sul Monte Subasio, evento finalizzato alla difesa dell’ambiente, alla valorizzazione del territorio e alla promozione dell’attività fisica, con la partecipazione di numerose associazioni sportive e ambientaliste.

United Artists for Peace

Via XX Settembre, 92/d

06124  Perugia (PG)

Tel. 075 5720066

Fax 075 5717481

http://www.peacefestival.com

[email protected]

No Comments
Comunicati

Aiutiamo l’ambiente…ogni giorno

Uno dei temi salienti di quest’estate, ma che in realtà è un tema che si ripropone ciclicamente è quello dell’inquinamento.
Grave piaga del nostro millennio l’inquinamento ha molteplici cause le maggiori delle quali però vanno ricercate all’interno delle nostre abitudini quotidiane che ci spingono a compiere azioni che vanno costantemente ad intaccare l’ambiente che ci circonda. Grande scalpore e grande risonanza ha causato la cosiddetta marea nera , disastro ecologico che si è riversato sul Golfo del Messico causando irreparabili danni sia all’ambiente, sia all’economia che su esso si era fondata.
Importante per aver concentrato l’attenzione su questi temi così importanti per il preservarsi della terra l’evento però non deve distogliere l’attenzione dai costanti inquinamenti cui è sottoposto l’ambiente che ci circonda a partire dagli scarichi casalinghi giornalieri che, come ha evidenziato un rapporto sulla situazione delle coste toscane in Italia, rappresenta uno dei maggiori pericoli di contaminazione. Le varie associazioni ambientalistiche infatti si sono dichiarate preoccupate dal fatto che ancora troppo numerose sono le famiglie italiane non fornite da rete fognaria pubblica alla quale appoggiarsi ragione per cui sono costrette a scaricare i residui giornalieri come scarichi di lavelli, docce e vasche che non vengono opportunamente depurate prima di riversarsi nei fiumi o nei mari. E’ proprio per questo che numerosi rappresentanti di queste associazioni hanno elargito consigli a riguardo soprattutto per evitare che il costante scarico finisca per danneggiare irreversibilmente la fauna e la flora locali.
Dall’usare prodotti biologici fino al controllare periodicamente i serbatoi interrati, passando per il monitoraggio delle acque nere ed effettuare analisi sulle acque bianche molte sono le accortezza che sono state sottolineate. Proprio la questione della manutenzione serbatoi è diventata vitale in quest’opera di purificazione ambientale: essendo presenti pressoché in ogni abitazione la loro poca manutenzione o isolamento diviene una delle cause principali di contaminazione non solo delle acque ma quel che è più grave del terreno. Senza contare i danni economici che lo spargimento di carburanti nell’ambiente provoca ad ogni singola famiglia. Se sommate infatti, le spese causate dallo spargimento a causa del non mantenimento delle cisterne interrate ammontano a molte migliaia di euro l’anno.
La priorità assoluta quindi diviene la manutenzione e riparazione serbatoi che è divenuta tecnologicamente sempre più avanzata e soprattutto affidabile a tal punto da garantire per dieci anni l’isolamento completo della sostanza all’interno del serbatoio dall’ambiente circostante. Molte sono le modalità per effettuare una buona manutenzione dei serbatoi che ci servono per contenere i combustibili durante l’inverno. Innanzitutto la pulizia deve essere precisa e accurata e deve essere effettuata in maniera profonda e completa perlomeno una volta l’anno, si può approfittare della stagione estiva durante la quale non si necessitano grandi quantitativi di carburante. Oltre alla pulizia è inoltre necessaria una revisione, sempre annua effettuata da parte di professionisti del settore che possano evidenziare eventuali anomalie o problemi.
Oltre alla manutenzione dei serbatoi molti altri sono i piccoli gesti che possiamo mettere in atto quotidianamente come l’utilizzare la bici o andare a piedi per brevi tratte, differenziare sempre la spazzatura, usare prodotti poco aggressivi e limitare i consumi per quanto possibile magari investendo in un’autovettura a gas metano.
Piccole attenzioni che, se messe in atto da tutti, servono a dare il nostro piccolo tassello al puzzle dell’ecologia.
A cura di Martina Celegato Prima Posizione srl
Web Ranking

No Comments
Comunicati

Energia pulita non solo in America: l’esempio del Villaggio dei Bambini SOS di Mombasa

Il presidente Americano Barack Obama è deciso a portare gli Stati Uniti in una nuova era di energia pulita e rinnovabile, dopo il terribile disastro ambientale nella Lousiana del Sud, causato dalla rottura della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon. Ma già da molti anni si para di energia solare e di un maggiore rispetto per l’ambiente, per il miglioramento delle condizioni di vita umane nel presente e nel futuro.

In Africa, paese dove povertà e guerre sovrastano le problematiche energetiche, l’associazione Onlus SOS Villaggi dei Bambini è attiva già da molti anni per salvare i bambini africani rimasti senza genitori ed aiutare le famiglie in difficoltà grazie alle adozioni a distanza ed alle donazioni dei sostenitori internazionali. Nel Villaggio dei Bambini di Mombasa, in Kenia, l’associazione ha anche attivato un piano di rinnovamento energetico con pannelli solari e gestione delle acque, per fare in modo che l’aiuto ai bambini sia portato avanti in parallelo con la cura dell’ambiente in cui cresceranno.

Un vero villaggio ecologico quello di Mombasa, dove l’energia solare può illuminare le case e portare un grande risparmio economico nel lungo periodo. Oltre all’energia pulita, saranno piantati nuovi alberi tutto attorno alla struttura, il sistema di smaltimento dei rifiuti è stato potenziato tenendo contro dei materiali reciclabili e il sistema idrico verrà modificato per fare in modo di non sprecare acqua e raccogliere quella necessaria direttamente dal pozzo del Villaggio SOS.

Lavorare con i bambini significa non solo aiutarli quotidianamente, ma anche assicurargli un futuro sereno in un mondo pulito e sano. Grazie alle energie pulite ed una migliore gestione delle risorse, il Villaggio SOS di Mombasa potrà essere di esempio per molti paesi Africani.

Per maggiori informazioni sui programmi di sostegno di SOS Villaggi dei Bambini Onlus e sulle adozioni a distanza dei bambini è possibile consultare il sito dell’associazione italiana: www.sositalia.it

———————————————–

SOS Villaggi dei Bambini Onlus è un’organizzazione a respiro internazionale. In Italia accoglie e lavora con i bambini temporaneamente allontanati dalle famiglie d’origine e nei programmi di prevenzione all’abbandono. Nei paesi in via di sviluppo promuove entrambi gli ambiti di intervento, ovvero accoglienza e prevenzione. Da 60 anni la famiglia SOS è presente in 132 paesi del mondo, aiuta ogni anno circa un milione di persone attraverso programmi integrati di sostegno ai bambini e al loro contesto familiare e accoglie ogni anno circa 78.000 bambini. Dal sito di SOS Villaggi dei Bambini Onlus è possibile adottare un bambino a distanza o fare donazioni per sostenere le famiglie disagiate: www.sositalia.it

No Comments
Comunicati

Costruire con il legno: ecologico, sano, economico

Il tema del rispetto dell’ambiente negli ultimi anni è sempre più sentito: la coscienza ecologica sta cercando di emergere sempre di più, in tutti i campi: trasporti, edilizia, pulizia e tanto altro, quindi si parla di detersivi ecologici, auto ecologiche, case a risparmio energetico, materiali ecologici … tutto può avere una versione che rispetta l’ambiente e una più inquinante. E se come molto spesso accade la versione ecologica coincide con quella più economica, la scelta diventa molto facile; diverse volte infatti per scegliere la via ecologica bisogna fare un investimento iniziale, ma poi la strada è tutta in discesa: la spesa iniziale viene completamente ripagata con i risparmi successivi.

In alcuni casi fortunati però la spesa iniziale potrebbe essere addirittura inferiore, per alcuni aspetti: si pensi alle case bioedilizia, che fanno risparmiare fino al 15% di manodopera e poi continuano con la politica di risparmio diminuendo notevolmente le spese di climatizzazione della casa: il legno infatti è un ottimo isolante termico, oltre che acustico, ovvero la conduzione della temperatura esterna verso l’interno è molto limitata rispetto ad altri materiali, sia d’estate sia d’inverno.

Costruire case prefabbricate legno significa ricevere una serie di benefici che il legnbo possiede naturalmente: è elastico, e quindi resistente ai sismi, il che lo rende anche molto durevole e sicuro. È un materiale relativamente leggero rispetto, ad esempio, al calcestruzzo o all’acciaio, e anche se è notoriamente un materiale infiammabile, è molto più resistente al fuoco rispetto a questi altri due materiali, che trovandosi nel mezzo di un incendio collassano sotto il loro stesso peso, mentre il legno resiste e mantiene in piedi la struttura.

L’aspetto ecologico del legno non sta solo nel fatto che si ottiene da boschi controllati, i cui alberi vengono periodicamente ripiantati per fare sì che non si estinguano mai; anche il fatto stesso di essere un materiale naturale, cioè esistente in natura, riduce notevolmente l’inquinamento prodotto per la sua produzione: mentre per produrre altri materiali è necessario un processo laborioso che prevede la creazione del materiale, per il legno la questione riguarda solo l’affinamento del materiale grezzo, e la sua lavorazione per renderlo ancora più resistente di quanto già non lo sia in natura. In più, non esistono rifiuti provenienti dalla lavorazione del legno: mentre i calcinacci minerali devono essere smaltiti separatamente attraverso costosi processi, il legno può essere interamente riutilizzato, trasformandolo in derivati del legno o in combustibile naturale.

Inoltre, un’altra caratteristica che rende il legno un perfetto materiale da costruzione è il fatto di essere un ottimo regolatore di umidità: assorbe l’umidità in eccesso e la restituisce quando ce n’è bisogno. L’utilità di questa caratteristica si vede per esempio pensando al bagno o alla cucina, ambienti nei quali il vapore acqueo è frequentemente abbondante; la traspirazione delle abitazioni in legno evita la formazione di muffe e il deterioramento della condizione igienica dell’ambiente, diminuendo anche le spese di manutenzione, se la costruzione dell’edificio ha seguito tecniche adeguate.

A cura di Francesca Tessarollo – Marketing relazionale

No Comments