Daily Archives

8 Aprile 2021

Comunicati

Professional Bettor

professional bettor

Probabilmente, il sogno di qualsiasi scommettitore è quello di riuscire a vincere in maniera sistematica alle scommesse sportive ed essere in grado di generare un reddito mensile costante. Se ti stai chiedendo se sia effettivamente possibile riuscire a guadagnare con le scommesse sportive la risposta è sì, ma per riuscirci è imprescindibile adottare una strategia che sia veramente efficace.

Per far ciò, una buona tecnica è quella di andare ad individuare quelle quote che effettivamente offrono un vantaggio matematico per quel che riguarda le probabilità che quell’evento accada veramente.

Gli errori dei bookmakers

Si tratta dei classici errori che i bookmakers commettono (sul sito Professional Bettor puoi approfondire questo argomento) il che è in grado di regalarti una assoluta posizione di vantaggio nei loro confronti.

Si tratta proprio di una strategia in grado di consentirti di ottenere dei guadagni interessanti in maniera molto più probabile. Quel che devi fare è dunque andare a scommettere in maniera mirata mettendo da parte l’istinto del momento e tutte quelle sensazioni che non derivano da una analisi accurata dei dati ma semplicemente da ciò che pensi possa accadere.

 

Sfrutta a tuo vantaggio la matematica

Dunque le scommesse vincenti sono proprio quelle che riescono a utilizzare a proprio vantaggio la matematica ai danni dei bookmakers, probabilmente la strategia più efficace. Chiaramente riuscire ad individuare eventuali errori da parte degli allibratori richiede da parte tua il dover consultare le quote su tantissime piattaforme diverse e metterle a confronto in maniera tale da riuscire ad individuare quelle più profittevoli per te.

Chiaramente si tratta di una operazione difficile se non impossibile da effettuare a mano per il tempo che richiede. Meglio invece dotarsi degli strumenti giusti che consentono di mettere facilmente a paragone tra loro le quote e tutte le variazioni, così da consentirti di individuare in maniera assolutamente rapida e precisa quelle che sono eventuali falle che possono diventare oggetto di guadagno per te.

No Comments
Comunicati

“Storie di umanità. Fotografi per Medici Senza Frontiere” Al via la prima edizione dell’Open Call per fotografi under 30

 Si aprono oggi le iscrizioni alla prima edizione dell’Open Call di fotografia “Storie di umanità. Fotografi per Medici Senza Frontiere”, lanciata dall’organizzazione medico-umanitaria nell’ambito delle iniziative dedicate alla celebrazione del suo cinquantesimo anniversario e realizzata in collaborazione con il festival internazionale di visual narrative Cortona On The Move

Il contest, rivolto a fotografi amatoriali e professionisti residenti in Italia di età compresa tra i 18 e i 30 anni, intende promuovere una riflessione collettiva sulla solidarietà e l’attenzione verso i più vulnerabili attraverso la fotografia. “Storie di umanità” è un tema ampio che permetterà ai partecipanti di esprimere con la massima libertà espressiva il proprio punto di vista sulla condizione umana e l’aiuto tra persone.

La giuria, composta da Arianna Rinaldo, direttrice artistica Cortona On The Move; Renata Ferri, photo editor di Io Donna/Corriere della Sera; Rosy Santella, photo editor di Internazionale; Francesca Mapelli, direttrice comunicazione MSF; Giuseppe La Rosa, multimedia content manager MSF, premierà tre fotografi con l’incarico di realizzare un reportage per documentare il lavoro di MSF sul campo. Il primo classificato potrà documentare un progetto in uno degli 87 Paesi dove opera MSF, mentre il secondo e il terzo visiteranno i progetti in Italia.

Quando una notizia non è presente sui media e sui social, non lo sono neanche le popolazioni vittime di violenze, conflitti ed epidemie. Curare e testimoniare sono elementi fondamentali del DNA di MSF, che da sempre collabora con il mondo della fotografia per rappresentare emergenze vicine o lontane e portarle all’attenzione del pubblico, attraverso un linguaggio coinvolgente come l’immagine” dichiara Giuseppe La Rosa, multimedia content manager di MSF

Da sempre il festival internazionale di visual narrarive Cortona On The Move ospita storie che raccontano il mondo contemporaneo nella sua complessità e nelle sue contraddizioni. La collaborazione con Medici Senza Frontiere ci rende molto orgogliosi e rappresenta un riconoscimento importante al lavoro fatto negli anni. Siamo felici di dare la possibilità a fotografi under 30 di mettere alla prova il loro talento in contesti di difficile accesso come quelli in cui opera Medici Senza Frontiere” dichiara Antonio Carloni, Direttore di Cortona On the Move.

Le iscrizioni sono aperte dal 6 aprile al 5 giugno 2021. 

No Comments
Comunicati

Finance: profilo formativo e professionale di Maurizio Tamagnini, AD di FSI

Ha gestito oltre un centinaio di operazioni di finanza straordinaria, private equity, debito ed equity in più di trent’anni di carriera: il ritratto professionale di Maurizio Tamagnini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FSI.

Maurizio Tamagnini

FSI: la carriera internazionale del CEO Maurizio Tamagnini

È l’attuale Amministratore Delegato e Direttore Generale di FSI. Maurizio Tamagnini, nato a Rimini nel 1965, si è costruito un percorso professionale di stampo internazionale. In oltre trent’anni di carriera ha gestito più di un centinaio di operazioni di finanza straordinaria, private equity, debito ed equity, lavorando a New York, Londra e a Milano. Opera inoltre nel Consiglio di Sorveglianza di STMicroelectronics di cui dal 2020 è Presidente (precedentemente aveva ricoperto questa carica dal 2014 al 2017) e nell’Advisory Board di RDIF – Fondo Sovrano Russo, del Business Forum Italia-Francia, del Comitato Esecutivo del Business Forum Italia-Cina, nell’International Executive Board del Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) – Harvard Cancer Center di Boston USA e nell’Advisory Board della Comunità di San Patrignano. Laureatosi con lode in Economia Monetaria Internazionale presso l’Università Luigi Bocconi di Milano, Maurizio Tamagnini si è specializzato successivamente negli Stati Uniti presso il Rensselaer Polytechnic Institute di Troy. Ed è sempre all’estero che si afferma professionalmente arrivando a ricoprire ruoli di rilevante responsabilità in Merrill Lynch a New York e a Londra. La nomina nel 2000 a Co-Head di Merrill Lynch Investment Banking in Italia lo riporta a Milano. Nel 2005 diventa Head of Merrill Lynch Italy e Vice Chairman of European Investment Banking: in questa posizione gestisce con successo i collocamenti azionari di Enel, Geox, De’ Longhi e coordina alcune operazioni straordinarie di rilevanza internazionale come la vendita delle divisioni componenti ottiche di Pirelli a Cisco e Corning e quella di Genco per Enel, la fusione fra Autostrade e Newco 28 per Autostrade e per conto di Benetton la cessione di Sportsystem.

Maurizio Tamagnini: i traguardi professionali raggiunti in FSI

È il settembre 2011 quando Maurizio Tamagnini viene nominato Amministratore Delegato di Fondo Strategico Italiano: nel gennaio 2012 diventa inoltre Presidente del Comitato Investimenti di Fondo Strategico Italiano (“FSI”) che gestisce 4,4 miliardi di euro di fondi per investimenti di capitali di rischio in aziende italiane di grandi dimensioni. Oltre a perfezionare investimenti che riguardano importanti realtà come Kedrion Group S.p.A., Metroweb S.p.A., IQ Made in Italy Investment Company S.p.A., Assicurazioni Generali S.p.A., Gruppo Hera S.p.A., Ansaldo Energia S.p.A., Valvitalia S.p.A., SIA S.p.A., Gruppo Trevi S.p.A., Inalca S.p.A., Rocco Forte Hotels, Saipem S.p.A., l’AD chiude una serie di rilevanti accordi tra cui quelli con il Fondo Sovrano Russo e con Kuwait Investment Authority (KIA). Contribuisce attivamente alla costituzione di una joint venture paritetica tra FSI e Qatar Holding LLC (QH) denominata “IQ Made in Italy Investment Company S.p.A.” (di cui è Presidente dal 2013 al 2016). Nel 2014 è invitato a operare nella task force di esperti voluta dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi (fino al 2016): inoltre in qualità di membro dell’Organization Committee ha coordinato i lavori di preparazione e realizzazione del campionato mondiale di pallavolo femminile tenutosi a Milano. Il 2016 è l’anno dello spin-off del team dell’ex Fondo Strategico Italiano: incaricato di seguire la costituzione di FSI, Maurizio Tamagnini ne diventa Amministratore Delegato e Direttore Generale. La società gestisce il fondo denominato FSI I dedicato alle imprese leader del Made in Italy con prospettive di crescita, trasformazione e consolidamento nei mercati internazionali: con una dotazione di 1,4 miliardi di euro è partecipato dai principali investitori istituzionali italiani, fondi sovrani internazionali, asset manager, banche e assicurazioni europee e family offices. Negli anni sono stati perfezionati importanti investimenti in Cedacri, Adler Pelzer, Missoni, Lumson e Kedrion. Particolarmente attivo anche in ambito sociale, Maurizio Tamagnini è Presidente di Wamba Onlus, associazione no profit fondata nel 2004, e Partner di sviluppo dell’Ospedale Cattolico di Wamba in Kenya.

No Comments
Comunicati

Permessi per genitori con figli in quarantena (DAD)

Con il Decreto Legislativo 30/2021, entrato in vigore in data 13 marzo 2021, sono state introdotte alcune misure urgenti per far fronte alla diffusione del COVID 19 e interventi a sostegno dei genitori quali lavoratori dipendenti con figli minori in didattica a distanza o in quarantena.

Venendo alle misure introdotte a sostegno delle famiglie, tale Decreto ha disposto che il genitore di figlio che convive e con età inferiore ai 16 anni, lavoratore dipendente, alternativamente all’altro genitore, può svolgere la propria prestazione di lavoro in modalità smart working (lavoro agile) per una durata che corrisponde totalemente o in parte al periodo della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio, alla durata dell’infezione da COVID 19 del figlio e alla durata del periodo di quarantena del figlio che viene disposta dal Dipartimento di prevenzione dell’ASL territorialmente competente a seguito di contatto ovunque avvenuto.

Nelle singole ipotesi in cui la prestazione di lavoro non possa essere fruita tramite smart working (lavoro agile), il genitore lavorotore dipendente di figlio che convive e di età inferiore ai 14 anni, alternativamente all’altro genitore, può astenersi dal lavoro per un periodo corrispondente in tutto o parziale alla durata effettiva della sospensione  dell’attività didattica in presenza dcel figlio, alla durata dell’infezione da COVID 19 del figlio, nonchè della durata della quarantena del figlio.

Il beneficio viene riconosciuto anche a tutti quei genitori lavoratori dipendenti con figli disabili in situazione di gravità accertata iscritti a scuole di ogni ordine  e grado per le  quali sia stata disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale per i quali sia stata disposta la chiusura.

Per i periodi di astenzione che vengono fruiti è riconosciuta, in luogo della retribuzione, un’indennita’ pari al 50% della retribuzione calcolata con le regole previste per il trattamento economico delle assenze in caso di congedo di maternità.

Nel caso in cui i figli fossero compresi tra 14 e i 16 anni di età, uno dei genitori, in alternativa all’altro, ha diritto di astenersi dal lavoro senza corresponsione di retribuzione o indennità nè riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Per leggere l’informativa integralmente è possibile accedere al sito di Studio Borghi, esperto in elaborazione paghe e Consulenza del Lavoro a Milano.

No Comments
Comunicati

Terna, nel 2020 utile netto a +3,7%. Stefano Donnarumma: “Risultati inimmaginabili a giugno”

Nonostante l’emergenza, continua il trend positivo di Terna, Gruppo guidato dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale Stefano Donnarumma.

Stefano Donnarumma

Terna chiude il 2020 in positivo: le dichiarazioni di Stefano Donnarumma

Tutte le azioni messe in atto dall’azienda, soprattutto a partire dal secondo semestre, hanno prodotto risultati che potevano apparire inimmaginabili lo scorso giugno”: a parlare è Stefano Donnarumma, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna, commentando i risultati positivi raggiunti nel 2020. Il gestore della rete elettrica nazionale ha chiuso l’anno in crescita. Rispetto ai dati del 2019, l’utile netto è aumentato del 3,7%, passando da 757,3 a 785,5 milioni di euro. Sorte simile per i ricavi, che con un +9,5 hanno raggiunto i 2,5 miliardi. Cifre che hanno portato il CdA a proporre all’assemblea un dividendo di 26,95 centesimi di euro per azione, registrando un +8% rispetto all’anno precedente. Crescono anche l’Ebitda (1,8 miliardi) e gli investimenti (1,3 miliardi), segnando rispettivamente un +5,1% e un +6,9%. Stefano Donnarumma si è detto orgoglioso del lavoro svolto dalle persone di Terna, che in un anno definito “complesso”, ha consentito di “assicurare in ogni momento la disponibilità di un bene essenziale per la collettività come l’energia elettrica”.

Stefano Donnarumma: “Terna al centro della transizione

I risultati registrati hanno dimostrato una forte resilienza di Terna agli effetti del Covid-19. Resilienza che si riflette anche negli investimenti: nel 2020, ha reso noto Stefano Donnarumma, il Gruppo ha infatti superato “i target, già ambiziosi, fissati prima della pandemia”. Continua senza intoppi dunque il percorso delineato dal Piano Industriale 2021-2025, presentato lo scorso novembre, che ha messo al centro gli investimenti sulla rete per abilitare transizione energetica sostenibile e favorire il rilancio del Paese. Con gli indicatori in crescita si rafforza il ruolo centrale del Gruppo sia come abilitatore che come leader del processo: “Grazie al lavoro delle donne e degli uomini di Terna – ha dichiarato Stefano Donnarummapotremo raggiungere gli sfidanti obiettivi della transizione ecologica che si è data l’Italia e al cui raggiungimento daremo il nostro contribuito quali registi del sistema energetico nazionale”.

No Comments
Comunicati

Open Fiber, l’impegno per il Paese e la sostenibilità: intervista all’AD Elisabetta Ripa

Portare la fibra in tutto il Paese, anche nelle aree cosiddette "a fallimento di mercato", significa anche recuperare gli anni persi sul fronte degli investimenti in infrastrutture digitali: l’intervista per "Numeri 1" di Class CNBC a Elisabetta Ripa, AD di Open Fiber.

Elisabetta Ripa

Elisabetta Ripa: Open Fiber al lavoro per garantire una connessione stabile, veloce e prontamente reattiva

I vantaggi della fibra ottica, il digital divide, il modello wholesale only e l’ecosostenibilità sono alcuni dei temi su cui si è espressa Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato di Open Fiber, rispondendo ai giovani studenti che, coadiuvati da Andrea Cabrini, l’hanno intervistata nel corso di "Numeri 1", format di Class CNBC. "In Italia gli investimenti in infrastrutture digitali hanno per decenni lasciato spazio allo sviluppo di tecnologie su infrastrutture mobili e alla valorizzazione delle vecchie tecnologie in rame", ha spiegato l’AD di Open Fiber evidenziando come è proprio a partire da questa consapevolezza che quattro anni fa Open Fiber è nata con l’obiettivo di dotare il Paese di una nuova rete di accesso interamente in fibra ottica "recuperando il tempo perso". Oggi la parola d’ordine è accelerare per fare in modo che l’infrastruttura possa raggiungere il prima possibile le 31 milioni di unità immobiliari del Paese: "Stiamo lavorando su un perimetro di 20 milioni e siamo già oggi oltre i 10 milioni: dobbiamo andare avanti e accelerare". Nelle grandi città ma anche nei piccoli Comuni. E, come precisa Elisabetta Ripa, sempre più all’insegna dell’innovazione tecnologica e della sostenibilità. La risposta oggi è l’FTTH, la fibra ottica: una nuova tecnologia "che si sta affermando ovunque nel mondo come nuova modalità di accesso in sostituzione del rame". Le caratteristiche fisiche di cui dispone consentono la trasmissione dati ad altissima velocità non solo in download ma anche in upload e inoltre, essendo una rete a bassissima latenza, abilita servizi che hanno bisogno di un rapidissimo interscambio con la rete: basti pensare al gaming, alla didattica a distanza, allo smart working, all’e-health. Una "connessione stabile, veloce e prontamente reattiva" che funziona indipendentemente dalle condizioni meteorologiche, essendone meno soggetta rispetto al rame.

Elisabetta Ripa: sostenibilità e innovazione tecnologica, la formula di Open Fiber per il futuro del Paese

Nell’intervista a Class CNBC, l’AD Elisabetta Ripa ha parlato inoltre dell’impegno di Open Fiber nel fronteggiare le sfide del digital divide, non solo un tema di mancanza di infrastrutture, ma anche "un problema di competenze, di cultura del digitale su cui dobbiamo lavorare". E, parlando dei traguardi raggiunti dalla società su questo fronte e dei prossimi obiettivi, l’AD ha sottolineato come tali interventi richiedano tempo: "Per sostituire reti datate e costruite in molti anni occorre realizzare l’infrastruttura, stendere la fibra e mettere insieme un grande numero di autorizzazioni che coinvolgono molti soggetti". Oggi "impieghiamo più ad avere i permessi che a realizzare l’infrastruttura", ha osservato Elisabetta Ripa ribadendo la necessità di semplificare la burocrazia in questa ottica. E sulla sostenibilità, l’AD ha spiegato come per Open Fiber si tratti di un impegno declinabile in più modi: "L’infrastruttura è intrinsecamente sostenibile perché la fibra ottica impiega pochissima energia per cui il livello di emissioni di CO2 che ne deriva è bassissimo". E soprattutto abilita un modo di vivere sempre più green: anche solo la possibilità di parlare in videoconferenza ad esempio implica di non doversi spostare. Dunque per Open Fiber il green è un valore ma anche un’opportunità: "Lavoriamo dove possibile sfruttando le infrastrutture preesistenti. E non solo impattiamo il meno possibile su collettività e territorio ma facciamo anche prima con le autorizzazioni".

No Comments
Comunicati

Nicola Bedin: nello statuto di Snam entra il “corporate purpose”, focus sull’iniziativa

“Energia per ispirare il mondo”: Snam, presieduta da Nicola Bedin, inserisce il “corporate purpose” nello statuto, a riprova dell’impegno sul fronte della sostenibilità economica, ambientale e sociale.

Nicola Bedin

Nicola Bedin: focus sul “corporate purpose” di Snam, inserito nello statuto

Su proposta del CdA presieduto da Nicola Bedin, l’Assemblea degli Azionisti di Snam riunitasi in sede straordinaria lo scorso 2 febbraio ha approvato la modifica dell’articolo 2 dello statuto con l’inserimento del “corporate purpose”. Il nome, “Energia per ispirare il mondo”, ne riflette efficacemente il valore: l’iniziativa sancisce infatti l’impegno della società nel conformare le proprie attività sul perseguimento di una crescita sostenibile e nell’orientare la transizione energetica “verso forme di utilizzo delle risorse e delle fonti di energia compatibili con la tutela dell’ambiente e la progressiva decarbonizzazione”. In questa direzione guarda anche il Piano Strategico 2020-2024, il primo lanciato sotto la presidenza di Nicola Bedin, nominato nel ruolo lo scorso giugno: attraverso maggiori investimenti punta al raggiungimento della neutralità carbonica nel 2040 e a un incremento degli investimenti dedicati alla transizione energetica e all’adeguamento delle infrastrutture della società al trasporto e allo stoccaggio dell’idrogeno. Il modello di business di Snam è sempre più permeato da principi legati alla sostenibilità economica, ambientale e sociale: i fattori ESG ne improntano le scelte a beneficio di tutti gli stakeholder.

Snam: il percorso formativo e professionale del Presidente Nicola Bedin

Sostenibilità ma anche parità di genere: lo scorso 2 febbraio l’Assemblea degli Azionisti convocata sotto la presidenza di Nicola Bedin ha approvato modifiche relative agli articoli 12, 13 e 24 adeguando le vigenti disposizioni statutarie in materia di modalità di elezione dei componenti del Consiglio di Amministrazione alle nuove disposizioni in materia di equilibrio tra i generi di cui al comma 1-ter dell’art. 147-ter del TUF, come modificato dalla cd. Legge di Bilancio 2020. Inoltre è stata approvata l’introduzione di una clausola transitoria che prevede che tali disposizioni statutarie troveranno applicazione a decorrere dal prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione (nuovo comma secondo dell’art. 24 dello Statuto). Nicola Bedin, originario di Montebelluna (TV), è arrivato alla presidenza di Snam nel giugno 2020. È il Presidente più giovane delle 40 principali società quotate d’Italia, come riportato in un articolo di “Forbes” lo scorso 23 febbraio.

No Comments
Comunicati

Trasporti: Gianfranco Battisti annuncia il Frecciarossa Covid free Milano – Roma

Alla presentazione del treno sanitario e hub vaccinale, presso la stazione Termini di Roma, l’AD di FS Italiane Gianfranco Battisti ha annunciato che, a partire da aprile, il Frecciarossa Covid free collegherà Milano alla Capitale.

Gianfranco Battisti

Gianfranco Battisti: “Vogliamo realizzare un treno Covid free, che andrà inizialmente a Roma e Milano

Inizialmente collegherà Milano e Roma ma l’obiettivo è il raggiungimento delle destinazioni turistiche in estate. Il progetto del Gruppo FS Italiane è la realizzazione di un treno Covid free che, a partire da aprile, consentirà ai viaggiatori di muoversi in maggiore sicurezza. Lo ha annunciato l’Amministratore Delegato Gianfranco Battistialla presentazione del treno sanitario e hub vaccinale, presso la stazione Termini di Roma. La scelta di Roma e Milano è soltanto “la fase di test”. Il manager ha infatti evidenziato come l’obiettivo sia l’implementazione di questa soluzione “soprattutto sulle destinazioni turistiche per l’estate e questa sarà una occasione straordinaria che permette di arrivare a destinazioni, come Venezia e Firenze, in assoluta sicurezza sanitaria”. Gianfranco Battisti ha concluso sottolineando la collaborazione con la Croce rossa per fare i test prima di salire a bordo sia al personale, ma soprattutto ai passeggeri.

Gianfranco Battisti presenta il treno sanitario e inaugura l’hub vaccinale

Il Frecciarossa Covid free è solo una delle numerose iniziative del Gruppo FS Italiane che hanno l’obiettivo di dare un importante sostegno al Paese in questo delicato momento. Presso la stazione Termini di Roma, l’Amministratore Delegato Gianfranco Battisti ha presentato il treno sanitario, un convoglio messo a disposizione per la gestione di emergenze nazionali o internazionali. Dotato di personale sanitario dedicato su carrozze equipaggiate con specifiche attrezzature mediche, il mezzo fungerà come trasporto dei pazienti verso altre zone d’Italia o all’estero per alleggerire la pressione sulle strutture ospedaliere e come Posto Medico Avanzato, rappresentando un’integrazione al servizio sanitario territoriale per la gestione delle emergenze. Contemporaneamente, è stato inaugurato da Gianfranco Battisti l’hub vaccinale, una struttura allestita dal Gruppo FS Italiane in piazza dei Cinquecento che, grazie alla dotazione di 21 postazioni, due delle quali dedicate alle persone con disabilità, consentirà a pieno regime di arrivare a 1.500 vaccinazioni al giorno.  

No Comments
Comunicati

Oltre 15k visualizzazioni per Gianfranco GFN: “All Night Long”!

È uscito lo scorso 19 marzo 2021, “All Night Long”, il nuovo singolo del chitarrista compositore Gianfranco GFN, ormai da tempo affermatosi nel contesto musicale internazionale.

Il brano è un invito a cogliere la vita in tutte le sue forme e sfaccettature ad iniziare proprio dalle storie d’amore, che non sempre sono facili.

Il video è un meraviglioso one take di una sessione studio dove traspare tutta l’arte e la passione per la musica.

Gianfranco ha da poco inciso il suo ultimo album, del quale ci presenta All Night Long” – altro singolo dopo il fortunato “Why” – che vede le incantevoli voci di Florence Chitacumbi e Paula Bright accompagnate da un tappeto di note musicali creato dallo stesso Gianfranco GFN alla chitarra, David Caraccio al basso, Davide Longo alla batteria e Christian Chopard alle tastiere. Il testo è stato curato personalmente da Alan Jackson.

La carriera discografica di Gianfranco ha origine nel lontano 2011 con il disco “Linea”, seguito nel 2014 dall’EP “Interlude”, per poi arrivare al 2016 alla produzione di “DownTown In Person” e concludersi con “Ca’giazz”, nel 2019. Cosa avrà in serbo per noi questo artista dalle influenze jazz, blues, bossa e funk?

Lo scopriremo molto presto, ma intanto: “All Night Long”!

 

 

Acquista ▶ https://gianfrancogfn.bandcamp.com/releases

Ascolta ▶ https://open.spotify.com/album/7bhORrSV4MSBaoQLxPUPeJ

Guarda e Iscriviti ▶ https://youtu.be/RmLTA2GkdnM

No Comments