Daily Archives

24 Gennaio 2021

Notizie dal mondo

Russia: Perché Navalny è un problema per il Cremlino

Russia: Perché Navalny è un problema per il Cremlino

MOSCA (AP) – Il ritorno in Russia dalla Germania del leader dell’opposizione Alexei Navalny è stato segnato dal caos e dall’indignazione popolare, e si è concluso, quasi prevedibilmente, con il suo arresto.
Il volo del 17 gennaio da Berlino, dove Navalny ha trascorso quasi cinque mesi a riprendersi da un avvelenamento da agenti nervini, ha trasportato lui e sua moglie, insieme a un gruppo di giornalisti che documentavano il viaggio. Ma l’aereo è stato dirottato dal suo aeroporto previsto a Mosca a un altro nella capitale in quello che è stato visto come un apparente tentativo di sventare il benvenuto dalla folla che lo attendeva.

Alexei Navalny arrestato appena sceso dall'aereoAlexei Navalny è circondato da giornalisti all’interno dell’aereo prima del suo volo per Mosca all’aeroporto di Berlino Brandeburgo (BER) a Schoenefeld, vicino a Berlino, Germania. Il ritorno di Navalny dalla Germania dopo aver trascorso cinque mesi a Berlino per riprendersi da un avvelenamento da agenti nervini è stato segnato dal caos e dall’indignazione popolare, e si è concluso, quasi prevedibilmente con il suo arresto. Il volo del 17 gennaio ha trasportato lui e sua moglie, insieme a un gruppo di giornalisti che documentavano il viaggio.

22 gennaio 2021 – Le autorità lo hanno anche preso immediatamente in custodia, suscitando indignazione in patria e all’estero. Alcuni paesi occidentali hanno minacciato sanzioni e la sua squadra ha chiesto manifestazioni a livello nazionale sabato. Navalny aveva preparato la sua sorpresa per il suo ritorno: un video denunciava che un sontuoso “palazzo” era stato costruito per il presidente Vladimir Putin sul Mar Nero attraverso un elaborato schema di corruzione. Il suo team lo ha pubblicato su YouTube martedì e in 48 ore ha ottenuto oltre 42 milioni di visualizzazioni.

Navalny rischia anni di carcere per una precedente condanna che sostiene fosse politicamente motivata, mentre i commentatori politici affermano che non ci sono buone opzioni per il Cremlino. L’AP osserva il suo lungo scontro con le autorità:

CHI È ALEXEI NAVALNY?
Navalny, 44 anni, è un attivista anti-corruzione e il più feroce critico del Cremlino. È sopravvissuto a molte figure dell’opposizione e non si lascia scoraggiare dai tentativi incessanti di fermare il suo lavoro.

Ha pubblicato decine di rapporti schiaccianti che denunciano la corruzione nella Russia di Putin. È stato una figura galvanizzante nelle proteste di massa, comprese le manifestazioni senza precedenti del 2011-12 innescate da notizie di brogli diffusi in un’elezione parlamentare.

Navalny è stato condannato due volte con accuse penali: appropriazione indebita e successivamente frode. Ha ricevuto condanne sospese di cinque anni e 3 anni e mezzo.
Ha denunciato le condanne come motivate politicamente e la Corte europea dei diritti dell’uomo ha contestato entrambe le condanne.

Navalny ha cercato di sfidare Putin nelle elezioni del 2018, ma una delle sue convinzioni gli è stato impedito di candidarsi. Tuttavia, attirava folle di sostenitori quasi ovunque andasse nel paese. Frequentemente arrestato, ha scontato più periodi in carcere per accuse relative a proteste principali. Nel 2017, un aggressore gli ha lanciato un liquido antisettico verde in faccia, danneggiandogli la vista. È stato anche ricoverato in ospedale nel 2019 dopo un sospetto avvelenamento mentre era in prigione.

Niente di tutto questo lo ha fermato. Nell’agosto 2020 si è ammalato durante un volo interno in Siberia e il pilota è atterrato rapidamente a Omsk, dove è stato ricoverato in ospedale.
I suoi sostenitori sono riusciti a farlo volare a Berlino, dove è rimasto in coma per oltre due settimane e gli è stato diagnosticato un avvelenamento da un agente nervino dell’era sovietica – un’accusa che il Cremlino ha negato.

Dopo essersi ripreso, Navalny ha rilasciato una registrazione di una telefonata che ha detto di aver fatto a un uomo che sospettava fosse un membro del Servizio di sicurezza federale russo, o FSB, che lo avrebbe avvelenato. L’FSB ha liquidato la registrazione come un falso, ma ha comunque scioccato molti in patria e all’estero.

Navalny ha promesso di tornare in Russia e continuare il suo lavoro, mentre le autorità lo hanno minacciato di arresto. PERCHÉ NAVALNY È RITORNO? Navalny ha detto di non aver lasciato la Russia per scelta, ma piuttosto “è finito in Germania in un reparto di terapia intensiva”. Ha detto di non aver mai considerato la possibilità di restare all’estero.

“Non mi sembra giusto che Alexei Navalny chieda una rivoluzione da Berlino”, ha spiegato in un’intervista a ottobre, riferendosi a se stesso in terza persona. “Se sto facendo qualcosa, voglio condividere i rischi con le persone che lavorano nel mio ufficio.”

Gli analisti affermano che sarebbe stato impossibile per Navalny rimanere rilevante come leader dell’opposizione al di fuori della Russia. “Restare all’estero, diventare un emigrato politico, significherebbe la morte di un politico pubblico”, ha detto Masha Lipman, analista politico indipendente.

Nikolai Petrov, ricercatore senior del Programma Russia ed Eurasia di Chatham House, ha fatto eco al suo sentimento, dicendo: “Persone attive e brillanti che potrebbero avviare alcune azioni reali e partecipare alle elezioni … mentre nel paese, una volta all’estero, finiscono per tagliati fuori dal vero legame con le persone “.

PERCHÉ NAVALNY STA ORA DI FRONTE ALLA PRIGIONE? La sua condanna sospesa dalla condanna del 2014 prevedeva un periodo di prova che doveva scadere nel dicembre 2020. Le autorità hanno detto che Navalny era soggetto a regolari controlli di persona con le forze dell’ordine.

Durante gli ultimi giorni del periodo di prova di Navalny, il servizio carcerario russo lo ha inserito in una lista di ricercati, accusandolo di non presentarsi per questi controlli, anche quando era in convalescenza in Germania. I funzionari hanno presentato una petizione alla corte per fargli scontare l’intera pena di 3 anni e mezzo. Dopo il suo ritorno, Navalny è stato messo in custodia per 30 giorni, con un’udienza per rivedere la sua condanna prevista per il 2 febbraio.

All’inizio di questo mese, il comitato investigativo russo ha aperto un’altra indagine penale contro di lui per accuse di frode, sostenendo che si fosse appropriato di donazioni alla sua Fondazione per la lotta alla corruzione. Se condannato, potrebbe rischiare fino a 10 anni di carcere.

NAVALNY MINACCIA IL KREMLIN? Putin non chiama mai Navalny per nome ei media statali lo descrivono come un blogger senza importanza. Ma è riuscito a diffondere la sua portata ben al di fuori di Mosca attraverso i suoi account YouTube molto popolari, incluso quello di questa settimana che conteneva le accuse sulla massiccia tenuta del Mar Nero.

La sua infrastruttura di uffici regionali istituiti a livello nazionale nel 2017 lo ha aiutato a sfidare il governo mobilitando gli elettori. Nel 2018, Navalny ha lanciato un progetto chiamato Smart Voting, progettato per promuovere i candidati che hanno maggiori probabilità di sconfiggere quelli del partito dominante Russia Unita del Cremlino.

Nel 2019, il progetto ha aiutato i candidati dell’opposizione a vincere 20 dei 45 seggi nel consiglio comunale di Mosca e le elezioni regionali dello scorso anno hanno visto Russia Unita perdere la maggioranza nelle legislature in tre città. Navalny ha promesso di utilizzare la strategia durante le elezioni parlamentari di quest’anno, che determineranno chi controlla la Duma di Stato nel 2024. È allora che scade l’attuale mandato di Putin e ci si aspetta che lui cerchi la rielezione, grazie alle riforme costituzionali dell’anno scorso.

Gli analisti ritengono che Navalny sia in grado di influenzare questo voto chiave, motivo sufficiente per volerlo fuori dal quadro. COSA SUCCEDE DOPO? Gli analisti affermano che il ritorno di Navalny è stato un duro colpo per l’immagine di Putin e ha lasciato il Cremlino con un dilemma.

Putin ha lavorato principalmente dalla sua residenza durante l’epidemia di coronavirus e la percezione diffusa che sia rimasto lontano dal pubblico non è paragonabile all’audace ritorno di Navalny nel paese in cui è stato avvelenato e ha subito l’arresto, ha detto Petrov di Chatham House.

“Non importa se le persone sostengono Navalny o no; vedono queste due immagini e Putin perde ”, ha detto. I commentatori dicono che non c’è una buona scelta per il Cremlino: imprigionare Navalny per lungo tempo lo renderà un martire e potrebbe portare a proteste di massa, mentre lasciarlo andare minaccia le elezioni parlamentari.

Finora, la repressione ha solo aiutato Navalny, “e ora, anche i lealisti pensanti sono, se non dalla sua parte, di certo non dalla parte degli avvelenatori e dei persecutori”, ha scritto Alexander Baunov del Carnegie Center di Mosca in un recente articolo.

Tutti gli occhi sono puntati su ciò che accade alle proteste programmate di sabato, ha detto Petrov. Nel 2013, Navalny è stato rapidamente rilasciato dalla prigione dopo una condanna a cinque anni per appropriazione indebita dopo che una grande folla si era radunata vicino al Cremlino.

Da allora il governo di Putin è diventato molto più duro sul dissenso, quindi è improbabile che le proteste di massa spingano il rilascio immediato di Navalny, ha detto Petrov. Ma il Cremlino teme ancora che una mossa dura possa destabilizzare la situazione e l’entità delle manifestazioni potrebbe indicare come reagirebbe il pubblico se Navalny fosse imprigionato per molto tempo.

Il giornalista dell’Associated Press Kostya Manenkov ha contribuito.

FONTE: mail.com
FOTO:  APN Associated Press

No Comments