Home » Comunicati stampa » Google può uccidere i biglietti da visita?

Google può uccidere i biglietti da visita?

Biglietto da visita digitale di google

Google potrebbe essere in procinto di distruggere i biglietti da visita e sta per iniziare con una prova in India.

In un nuovo post sul blog, la società ha annunciato che sta lanciando le sue “Personal Card” in tutto il paese. È come un biglietto da visita che apparirà in cima ai motori di ricerca quando qualcuno cerca il tuo nome. Google ha iniziato a provare la funzione circa sei mesi fa e sembra che sia finalmente pronta per renderla più ampiamente disponibile.

Fino ad ora, si potevano trovare solo informazioni dettagliate su celebrità e personaggi pubblici noti tra le ricerche online, ma l’ultima modifica consentirà ai civili di controllare ciò che le persone vedono quando qualcuno cerca il loro nome.

“Se sei un professionista, un artista o chiunque desideri creare la sua presenza online, potresti avere un sito web, profili social e altre informazioni sparse su molti siti”, ha affermato Lauren Clark, product manager di Google. “Se hai appena iniziato, potresti non avere un sito web o una presenza online molto forte.”




“Oggi stiamo risolvendo queste sfide con una nuova funzionalità chiamata Personal Card“, ha aggiunto. “È come un biglietto da visita virtuale, in cui puoi mettere in evidenza il tuo sito web esistente o i profili social che vuoi che le persone visitino, oltre ad altre informazioni su di te che vuoi che gli altri sappiano.”

Come creare un biglietto da visita digitale?

Per creare una “Personal Card”, devi semplicemente accedere al tuo account Google, cercare il tuo nome o “aggiungimi alla ricerca”, quindi seguire le istruzioni. Puoi quindi scegliere un’immagine del profilo (verrà impostata come predefinita sull’avatar del tuo account Google), creare una descrizione per te stesso e anche aggiungere collegamenti ai social media e dettagli di contatto.

Nel caso in cui fossi preoccupato per la tua privacy, puoi sempre eliminare la tua Card definitivamente

Google consentirà solo una carta per account per impedire a dei malintenzionati di impersonare persone reali. Ti chiederà anche di autenticare il tuo account con un numero di telefono. Nel caso in cui le carte fraudolente scivolino attraverso le fessure, ci sarà anche un pulsante dedicato per segnalarle.

Google mette a disposizione anche la possibilità di confrontare le persone in base alla loro posizione e professione, il che dovrebbe rendere più facile trovare la persona giusta.

La funzione è attualmente disponibile esclusivamente in India, ma potremmo vederla apparire in tutti i Paese se le prove dovessero avere successo.

I vantaggi dei biglietti da visita digitali

Non è così comodo da usare: devi sempre portarne uno, puoi ordinarlo solo alla rinfusa, non c’è modo di modificarlo se qualcosa cambia, è dolorosamente facile da perdere e ancora più fastidioso da trovare.




Le aziende cercano da anni di portare il biglietto da visita nell’era digitale, ma convincere le persone a lasciar cadere la carta si è rivelato un compito arduo. Sembra che la promessa di praticità non sia sufficiente per perdere una vecchia abitudine, ma Google potrebbe essere abbastanza influente per farlo accadere.

Google non ha la reputazione di tendenza di Apple, ma è abbastanza potente da influire sul nostro uso della tecnologia a livello culturale. Ha anche la popolarità della ricerca dalla sua parte.

Essere facilmente individuabili nella Ricerca è una risorsa preziosa di questi tempi e gli imprenditori e i liberi professionisti lo sanno. Allo stesso tempo, è anche un ottimo modo per Google di fornire più valore ai propri utenti a livello individuale.

Certo, LinkedIn ha già costruito un intero social network attorno all’idea di creare contatti professionali, ma ciò che rende attraenti le “schede persone” è che non sostituisce ciò che fa LinkedIn: è una cosa a sé stante.

Non solo risolve tutte le carenze del contenuto del biglietto da visita, ma semplifica anche l’aggiunta di più personalità con una descrizione personalizzata. Non fa male nemmeno che sia facile condividere i tuoi profili sui social media. È come una pagina Informazioni su di me all’interno della Ricerca, ma senza il fastidio di creare un sito personale.

Detto questo, ci sono alcune sfide da affrontare. Il fatto che Google abbia messo in evidenza le numerose misure che ha adottato per prevenire gli abusi rende abbondantemente chiaro che l’azienda prevede alcuni problemi con la nuova funzionalità. Se riesce a impedire agli utenti di giocare con il sistema per ottenere un vantaggio ingiusto, le “carte personali” possono uccidere il biglietto da visita come lo conosciamo.

Postato da WalterW

 

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma