Home » Scienza e Tecnologia » Come smettere di essere pigri

Come smettere di essere pigri

Abbiamo tutti periodi di tempo in cui ci sentiamo meno energici e lottiamo per trovare motivazione. È comune sentirsi così in certe occasioni ma, quando questi momenti iniziano a diventare più frequenti o durano per periodi più lunghi, potremmo iniziare a vederci in modo diverso. I nostri obiettivi diventano meno importanti, troviamo difficile sentirci ispirati e potremmo iniziare a chiederci se siamo capaci. Potremmo persino iniziare a definirci pigri.

Il nostro “sé” ideale

Tutti abbiamo la sensazione di chi vogliamo essere, di come vogliamo comportarci, degli obiettivi che vogliamo raggiungere e di come vogliamo mostrarci nel mondo. Il sé ideale è un concetto in psicologia che si riferisce all’immagine che portiamo nella nostra mente di ciò che il nostro sé migliore dovrebbe apparire, agire e sentire. Il nostro sé ideale è spesso un’immagine della produttività e del raggiungimento di determinati obiettivi, comportamenti sani e altro.  Sfortunatamente, le nostre vite indaffarate spesso non consentono molta riflessione sul nostro io ideale e sembra perdersi nella confusione, nascosto da qualche parte con le nostre risposte d’infanzia a “Cosa vuoi essere da grande?”

Non sei solo

Se ti senti pigro o improduttivo a volte, non sei certamente solo. Recenti sondaggi hanno indicato che l’80% delle persone che stabiliscono la risoluzione di un nuovo anno non riusciranno a raggiungere l’obiettivo previsto. Cos’è che rende così difficile rimanere produttivi e lavorare verso i nostri obiettivi desiderati?

Ci sono molte cose che possono ostacolare la nostra produttività e il raggiungimento degli obiettivi, lasciandoci a considerarci “pigri”. A volte gli ostacoli sono situazionali o correlati a tempi e opportunità, mentre altre volte possiamo creare noi stessi gli ostacoli con il nostro approccio, la nostra mentalità o i nostri metodi.

Le vecchie abitudini sono dure a morire

Per fare progressi reali e abbandonare i nostri vecchi schemi “pigri”, dobbiamo riconoscere cosa potrebbe influenzare la nostra incapacità di raggiungere i nostri obiettivi o lasciarci meno produttivi di quanto vorremmo essere. Quindi, ciò che potresti pensare come “pigro” potrebbe essere solo una questione di cambiare il tuo approccio e sbarazzarti di vecchie abitudini inutili che ti hanno impedito di sentirti produttivo e raggiungere i tuoi obiettivi.

Ecco alcune di queste abitudini che possono impedirci di raggiungere i nostri obiettivi. Se qualcosa in questo elenco sembra familiare, non ti preoccupare, sei tutt’altro che solo:

  • Rendere i tuoi obiettivi troppo grandi o complicati. Vogliamo tutti raggiungere l’apice, ma potremmo sottovalutare gravemente lo sforzo e il tempo necessari per arrivare lassù. Se ci arrendiamo dopo poche ore, non è perché siamo pigri, ma perché potremmo aver capito che abbiamo calcolato male la quantità di tempo e fatica.
  • Aspettati di essere perfetto. Quando stiamo lavorando per un obiettivo, ci aspettiamo che la strada sia liscia e coerente quando, in realtà, il percorso verso il nostro obiettivo sarà molto probabilmente pieno di colpi di scena, curve e battute d’arresto.
  • Ascolta il tuo critico interiore. Se il termine “pigro” fa parte del tuo dialogo interiore, ci sono probabilmente dichiarazioni più negative e critiche che vengono dal tuo critico interiore su base regolare. Puoi anche far emergere il tuo critico interiore nel tentativo di motivare te stesso. Che succede? La tua voce critica si concentra su tutti i tuoi difetti e carenze, piuttosto che su eventuali punti di forza e attributi positivi che potrebbero aiutarti ad andare avanti.
  • Ascoltare le critiche degli altri.  Mentre apprendiamo di noi stessi e del mondo attraverso le nostre esperienze, riceviamo feedback dagli altri che aiutano a modellare il nostro concetto di sé. Quando una persona importante per noi ci ha chiamato pigri in passato, può davvero influenzare il modo in cui ci vediamo anche nell’età adulta. Potremmo anche sentire le persone criticare i nostri sforzi nella nostra vita adulta, lasciandoci a provare insicurezza o scoraggiamento.
  • Non creare un piano d’azione. Quando troviamo l’ispirazione e ci emozioniamo per un nuovo obiettivo, possiamo dimenticare l’importanza di creare un piano. La nostra eccitazione per l’obiettivo può farci muovere velocemente e con molta passione, ma trasformarci in un senso di essere sopraffatti e sentirci senza meta.

Cosa iniziare per fare

Fortunatamente, ci sono molti passi realizzabili che puoi fare per cambiare le cose o rimanere in pista con i tuoi obiettivi:

  • Crea obiettivi piccoli e raggiungibili. Puoi ancora desiderare di raggiungere l’apice, ma suddividi quell’enorme obiettivo in obiettivi più piccoli che ti aiuteranno a sentirti più realizzato e motivato a continuare a scalare. Mentre consideri il quadro generale, ricorda i passaggi chiave che saranno necessari per arrivarci e scriverli. Se necessario, suddividili in obiettivi ancora più piccoli o di breve durata.
  • Prenditi del tempo per sviluppare un piano. Siediti con te stesso per un momento mentre rifletti sui tuoi desideri e obiettivi, considerando quei piccoli e raggiungibili passi che dovrai compiere per arrivarci. Sii realistico riguardo alla quantità di sforzo, tempo, denaro, aiuto o altri fattori coinvolti nel raggiungimento di questo obiettivo. Entrare nel processo con un piano d’azione ti aiuterà a sentirti più sicuro e pacifico, oltre a darti qualcosa a cui fare riferimento quando ti senti scoraggiato o hai una battuta d’arresto.
  • Concentrati sui tuoi punti di forza. Se sei abituato a un critico interiore che si concentra sui tuoi difetti e difetti, troverai grandi benefici nel fare un inventario dei tuoi punti di forza. Trovi difficile pensare a qualche punto di forza personale? Considera ogni sfida che hai affrontato e rifletti su quali punti di forza personali hai usato per superare quell’esperienza. Se hai ancora difficoltà a identificare i punti di forza, chiedi ad amici o parenti quello che vedono come il tuo più grande punto di forza.
  • Festeggia le piccole vittorie. Celebrare le tue vittorie mentre raggiungi i piccoli obiettivi o anche quando superi le battute d’arresto, può aiutarti a continuare ad andare avanti.  L’orgoglio che proviamo nel raggiungere i nostri obiettivi può aiutare a rafforzare il dialogo interiore più positivo. Sperimentiamo una maggiore auto-efficacia con ogni risultato, che può aiutarci a trovare un successo a lungo termine.
  • Recluta supporto. Va bene chiedere aiuto lungo la strada. Prosperiamo quando siamo collegati a persone importanti in modo positivo e sano. Consenti a queste persone di supporto importanti di far parte della tua esperienza. Potresti volere che festeggino con te lungo la strada o potresti volerti rivolgere a loro nei momenti di bisogno quando incontri una battuta d’arresto o un ostacolo. Trovare rassicurazione e incoraggiamento da parte di persone importanti della nostra vita può aiutarci a sviluppare una maggiore resilienza.

La tua salute fisica

I nostri sentimenti di pigrizia possono anche essere influenzati da come ci prendiamo cura di noi stessi fisicamente. Possiamo apprendere nuove abitudini di definizione degli obiettivi e lavorare per sfidare i nostri schemi di pensiero negativi, ma dobbiamo anche considerare cosa stiamo facendo per i nostri corpi. Prendersi cura della nostra salute fisica può aiutare a preparare il terreno per una maggiore energia che, a sua volta, può permetterci di mettere in atto questi altri cambiamenti positivi.

Cibo

Ciò che mangiamo gioca un ruolo significativo nel modo in cui ci sentiamo energici. Quando i nostri programmi non concedono molto tempo per la pianificazione e la preparazione degli alimenti, potremmo trovarci a raggiungere rapidamente opzioni in movimento, opzioni che offrono poco valore nutrizionale per aiutarci a mantenere livelli di energia adeguati. Gli alimenti ad alto contenuto di proteine, ad esempio, possono aiutare i nostri corpi a mantenere livelli di zucchero nel sangue più stabili e impedirci di sentire alti e bassi drastici nella nostra energia durante il giorno.

Esempi di cibi e bevande che possono aiutare ad aumentare l’energia includono:

  • mandorle
  • salmone
  • banane
  • yogurt
  • avena
  • foglia di colore verde scuro
  • pollo
  • acqua

Esempi di cibi e bevande da evitare se si desidera aumentare l’energia includono:

  • patatine fritte
  • caramella
  • pane
  • bevande zuccherate
  • ciambelle
  • dolci
  • alcool

Sebbene i cibi zuccherati possano darci una spinta temporanea di energia, è di breve durata e può farci sentire come se i nostri livelli di energia avessero toccato il fondo. I tempi dei nostri pasti e snack possono influire anche sui nostri livelli di energia. Mangiare pasti più piccoli durante il giorno può aiutarci a mantenere livelli di energia costanti, rispetto a mangiare pasti più grandi e pesanti che spesso ci fanno sentire stanchi.

Esercizio

Quando siamo stanchi e ci sentiamo pigri, l’ultima cosa che probabilmente vorremmo fare è l’esercizio. Tuttavia, spostare i nostri corpi può aiutare ad aumentare i nostri livelli di energia e le sensazioni generali di produttività. La ricerca ha dimostrato che anche solo livelli di esercizio da bassi a moderati possono avere un impatto significativo sui nostri livelli di energia, contribuendo a ridurre l’affaticamento.

I modi per incorporare più esercizi possono includere:

  • Portare a spasso il tuo cane
  • Fare jogging con un amico
  • Facendo un’escursione con un gruppo
  • Frequentare una lezione di fitness di gruppo
  • Provare una nuova lezione di yoga

Dormire

I nostri schemi di sonno possono influire notevolmente sui nostri livelli di energia. Se tendi a sentirti pigro, potresti pensare di dormire troppo di notte o di ritrovarti a fare un pisolino prolungato durante il giorno. La creazione di una routine di sonno salutare può aiutarti a mantenere un programma di sonno coerente e, a sua volta, ti aiuta a sentirti più equilibrato ed energico per svolgere compiti e sentirti più produttivo.  Se sei un nottambulo o un sonnellino, questa transizione potrebbe richiedere del lavoro. Tuttavia, essere in grado di iniziare la giornata con maggiore energia e di mantenere i livelli di energia durante il giorno, rende utile la routine del sonno.

Cosa considerare nella routine di cura del sonno:

  • Cerca di andare a letto alla stessa ora ogni notte
  • Obiettivo per 7-9 ore di sonno a notte
  • Limitare il tempo di schermatura almeno un’ora prima di coricarsi
  • Limitare la caffeina dopo l’ora di pranzo

Gestione dello stress

Essere costantemente riprogrammati, con richieste poste su di noi in molteplici aree della nostra vita, può farci sentire esausti fisicamente ed emotivamente. In questi momenti possiamo avere difficoltà a fare passi attivi e prendere decisioni perché siamo esausti. I sentimenti di sfinimento possono farci sentire come se fossimo pigri quando siamo effettivamente stressati e sopraffatti.

Alcuni modi utili per gestire lo stress includono cose come:

  • Incorporando esercizio e movimento nella tua giornata
  • Trovare ragioni per sorridere o ridere
  • Aumentare il tuo supporto sociale
  • Praticare la meditazione ogni giorno

Confini

Un elemento significativo della gestione dello stress è assicurarsi che stiamo usando saggiamente il nostro tempo. Può essere facile dire “sì” ai nostri collaboratori, al nostro coniuge, ai nostri figli e ai nostri amici. Così facile, infatti, che potresti trovarti incapace di adempiere effettivamente a tutto ciò che ti sei impegnato. Guarda dove stai trascorrendo il tuo tempo, fai un inventario delle attività non completate nella tua lista di cose da fare, considera dove puoi educatamente dire “no” in modo da poter usare quel tempo per cose che richiedono la tua attenzione ed energia.

Se l’idea di stabilire dei limiti è nuova per te, la prima coppia di passaggi includerebbe darti il ​​permesso di farlo e di iniziare con piccole cose. Potresti avere paura di come le persone ti risponderanno e va bene. Ricorda che il tuo obiettivo qui è migliorare la cura di sé, aumentare l’energia e sentirti abilitato ad affrontare i compiti e gli obiettivi che sono importanti per te. Creare tempo per te è la chiave e impostare piccoli limiti intorno al tuo tempo ti aiuterà a fare proprio questo.

Non distrarti con il confronto

Infine, quando ci sentiamo pigri, è naturale guardarsi intorno e pensare che tutti gli altri stiano bene, tranne te. Non lasciarti sorprendere dalla distrazione di confrontarti con gli altri.  Ricorda, il nostro critico interiore è un blocco per la nostra produttività e può farci sentire bloccati. Consentiti di presentarti in modo diverso nella tua vita e ricorda che il viaggio è unicamente tuo.

Fare piccoli passi verso una migliore cura di sé, maggiore energia, obiettivi migliori e una sana impostazione dei confini può aiutarti a smettere di sentirti pigro in pochissimo tempo. Definire le priorità e intraprendere azioni coerenti è la chiave per un cambiamento a lungo termine e non c’è momento migliore di adesso per fare quei primi passi.

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma