Polonia e minacce allo stato di diritto – Unione Europea invia funzionario

Polonia e minacce allo stato di diritto – – Unione Europea invia funzionario

VARSAVIA, Polonia  – Martedì scorso il vicepresidente della Commissione europea ha incontrato parlamentari polacchi e funzionari della giustizia per discutere di nuove leggi che limitano i giudici nel mezzo del crescente conflitto in Polonia mentre il governo prende provvedimenti per controllare il sistema giudiziario.

Polonia 2020 limitazione esercizio giustiziaPartecipanti a una protesta contro gli sforzi del governo polacco per controllare il sistema giudiziario di fronte alla Corte suprema, dove il vicepresidente della Commissione europea Vera Jourova stava incontrando il capo della corte, Malgorzata Gersdorf, per discutere della situazione di i giudici, a Varsavia, in Polonia, martedì 28 gennaio 2020.

Vera Jourova, responsabile dei valori e della trasparenza dell’UE, ha dichiarato di voler discutere direttamente con i funzionari polacchi per “comprendere meglio” la situazione e riferirla al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Organismi internazionali tra cui l’UE e le Nazioni Unite ed esperti di diritto europeo hanno condannato i cambiamenti che il partito di destra per la legge e la giustizia ha apportato ai sistemi giudiziari e giudiziari della Polonia.

A Strasburgo, il Consiglio d’Europa ha discusso una relazione sulle condizioni del sistema giudiziario polacco. Ha rilevato la necessità di miglioramenti nell’area e ha messo in guardia dal portare la magistratura “sotto il controllo dell’esecutivo o del legislatore, o peggio ancora, sotto il controllo politico della maggioranza al potere”.

La Jourova ha affermato a Varsavia di essere a favore del dialogo e di trovare una soluzione congiunta alla situazione che, a suo avviso, sta influenzando negativamente il sistema giudiziario polacco. “Vorrei fare di più per proteggere i giudici dalla campagna contro di loro”, ha detto Jourova, sottolineando che l’atmosfera è stata negativa per i giudici che svolgono il loro “lavoro impegnativo”.

Il conflitto intorno alla magistratura polacca si è intensificato la scorsa settimana quando i legislatori hanno approvato una legge che consente ai politici di licenziare i giudici e il governo ha minato pubblicamente l’autorità della Corte suprema, che ha in gran parte preservato la sua indipendenza.

La legge restrittiva, definita dai critici una “legge museruola”, ha ancora bisogno della firma del presidente Andrzej Duda per entrare in vigore. Jourova ha incontrato la portavoce del Parlamento Elzbieta Witek, del partito al potere, la portavoce del Senato Tomasz Grodzki, dell’opposizione e il principale funzionario polacco per i diritti umani.

Grodzki ha definito la situazione nella magistratura un “vicolo cieco”. Ha affermato di aver sentito che i fondi dell’UE nel prossimo quadro finanziario saranno legati al livello di rispetto dello stato di diritto nei paesi membri.

Jourova ha dichiarato a Grodzki che un organo internazionale speciale deve effettuare controlli regolari sull’adesione dei membri ai principi dello stato di diritto. Il portavoce del partito al potere Radoslaw Fogiel ha affermato di sperare che Jourova possa mostrare “maggiore comprensione” per il ragionamento del governo rispetto ai suoi predecessori, che hanno avviato procedure sanzionatorie dell’UE contro la Polonia.

Ha insistito sul fatto che la forma della magistratura è interamente sotto l’autorità delle nazioni membri, non degli organi dell’UE. Jourova doveva anche incontrare il capo della Corte suprema, Malgorzata Gersdorf, e il ministro della giustizia Zbigniew Ziobro.

FONTE:  mail.com | apnews.com
IMMAGINI: mail.com | apnews.com

I commenti sono chiusi