Monthly Archives

Gennaio 2020

Salute e Benessere

Amazon Pharmacy, il marchio sbarca anche in UK, Canada e Australia

Amazon Pharmacy - vendite online farmaci da prescrizione

Amazon Pharmacy, il marchio sbarca anche in UK, Canada e Australia

Roma, 28 gennaio – Era ampiamente previsto ed è puntualmente accaduto: dopo gli USA, Amazon ha depositato il marchio “Amazon Pharmacy” in Canada, Regno Unito e Australia, segnale inequivocabile dell’intenzione di entrare nel mercato della vendita on line di farmaci da prescrizione anche al di fuori degli Stati Uniti.

Amazon Pharmacy - vendite online farmaci da prescrizioneA riferirne è una articolo della Cnbc, emittente tradizionalmente molto attenta alle mosse del colosso globale della vendita on line. Il marchio è stato depositato lo scorso 9 gennaio al Canadian Intellectual Property Office, dove risulta elencato come pre-formalizzato. Pratiche di registrazione del marchio, negli stessi giorni, compaiono anche sui siti web degli uffici di tutela della proprietà intellettuale di Australia e Regno Unito.

Il deposito del marchio, riferisce la Cnbc, è stato peraltro confermato da un portavoce di PillPack, la pharma company di proprietà di Amazon, che ha anche rivelato che analoghe procedure per la sua tutela sono state avviate in Brasile, Cina, Egitto, Ue, India, Israele, Giappone, Messico, Singapore, Taiwan, Turchia e Emirati Arabi Uniti.

Consideriamo sempre i modi per soddisfare i clienti in ogni mercato in cui operiamo” ha affermato il portavoce. Al momento, il nostro obiettivo è quello di far crescere PillPack e offrire una migliore esperienza in farmacia ai clienti negli Stati Uniti”.

La strategia dell’assalto finale al mercato dei farmaci da parte di Amazon, dunque, si precisa ogni giorno di più: è del tutto evidente che la società di Jeff Bezos si stia attrezzando per essere pronta a partire con la “sua” farmacia on line in tutti i Paesi dove le leggi rendono possibile la vendita dei farmaci su prescrizione anche sul web. Una strategia costruita nel tempo, avviata fin dal 2017, quando il management di Amazon ha iniziato la sua mossa nello spazio della droga nel 2017, quando ha iniziato a esplorare se costruire una squadra . L’anno seguente, la società acquisì PillPack, una start-up specializzata nella consegna di farmaci a casa. Ciò ha segnalato un focus iniziale sul mercato statunitense dei farmaci da prescrizione, dove PillPack ha sede, ma la società si era dilettata a introdurre farmaci da prescrizione sul suo mercato in Giappone con il supporto di partner locali.

Quindi la svolta, la creazione del marchio “Amazon Pharmacy” nell’autunno dello scorso anno, con il quale affiancare la ragione sociale  PillPack, decisione dal significato eloquente, ovvero la dignificazione dell’azienda creata solo qualche anno prima da TJ Parker ed Elliott Cohen,  confermata dalla decisione di inserire nel servizio Prime una landing page appositamente lanciata per presentare il servizio di farmacia di Pilla Pack griffandolo “by Amazon Pharmacy”. Cosa che – giusto per dare un termine di paragone – non era avvenuta in passato per altri settori: il marchio di calzature Zappos, ad esempio, acquistato nel 2009, non menziona mai Amazon, nemmeno nella sua pagina “About us” o in quella relativa ai termini di servizio. 

La stessa Pill Pack, alla fine del 2019,   ha informato i suoi clienti che avrebbe incluso riferimenti al marchio Amazon Pharmacy nei suoi materiali stampati e sulle sue etichette. Tutti elementi che hanno fatto concludere agli analisti di mercato che la possibile direzione di Amazon è quella di “allargare” il business di PillPack, che oggi si rivolge in prevalenza ai malati cronici, con un innovativo e sofisticato sistema di gestione dei medicinali: il cliente, dopo aver attivato un account, indica sia i farmaci che usa normalmente sia la sua farmacia di riferimento (che detiene le prescrizioni mediche), quindi fornisce i propri dati assicurativi e quelli di pagamento. Dopodiché PillPack consegna al cliente un dispositivo che contiene tutti i medicinali correttamente divisi per giorno in bustine etichettate. In questo modo, il paziente non deve fare altro che sfilare dalla bocca del dispenser la sua bustina quotidiana. Grazie a una app per smartphone, è poi possibile gestire i nuovi ordini per la ricarica e ricevere la consegna in pacco anonimo direttamente a casa. Nel caso di cambiamento di prescrizioni o scadenze, il proprio medico può direttamente contattare l’azienda.

Un servizio molto apprezzato e dalle ricadute virtuose in termini di miglioramento dell’aderenza terapeutica, che Amazon Pharmacy sicuramente si terrà stretto e potenzierà, ma guardando necessariamente anche all’altro mercato, quello dei clienti che hanno bisogni occasionali  di farmaci o che debbono affrontare un’acuzie. Non si annunciano tempi facili, per le farmacie aperte al pubblico, soprattutto laddove (come ad esempio nel Regno Unito) le norme consentono l’acquisto di farmaci con ricetta anche via internet. E – per quante argomentazioni, tutte fondatissime, si possano opporre a tutela della salute dei pazienti – la battaglia contro il colosso globale della distribuzione a distanza sembra essere una di quelle da rubircare nella casella “Perse in partenza”.

FONTE:  rifday.it
IMMAGINE:  pharmacy-staffing.com

No Comments
Notizie dal mondo

Polonia e minacce allo stato di diritto – Unione Europea invia funzionario

Polonia 2020 limitazione esercizio giustizia

Polonia e minacce allo stato di diritto – – Unione Europea invia funzionario

VARSAVIA, Polonia  – Martedì scorso il vicepresidente della Commissione europea ha incontrato parlamentari polacchi e funzionari della giustizia per discutere di nuove leggi che limitano i giudici nel mezzo del crescente conflitto in Polonia mentre il governo prende provvedimenti per controllare il sistema giudiziario.

Polonia 2020 limitazione esercizio giustiziaPartecipanti a una protesta contro gli sforzi del governo polacco per controllare il sistema giudiziario di fronte alla Corte suprema, dove il vicepresidente della Commissione europea Vera Jourova stava incontrando il capo della corte, Malgorzata Gersdorf, per discutere della situazione di i giudici, a Varsavia, in Polonia, martedì 28 gennaio 2020.

Vera Jourova, responsabile dei valori e della trasparenza dell’UE, ha dichiarato di voler discutere direttamente con i funzionari polacchi per “comprendere meglio” la situazione e riferirla al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Organismi internazionali tra cui l’UE e le Nazioni Unite ed esperti di diritto europeo hanno condannato i cambiamenti che il partito di destra per la legge e la giustizia ha apportato ai sistemi giudiziari e giudiziari della Polonia.

A Strasburgo, il Consiglio d’Europa ha discusso una relazione sulle condizioni del sistema giudiziario polacco. Ha rilevato la necessità di miglioramenti nell’area e ha messo in guardia dal portare la magistratura “sotto il controllo dell’esecutivo o del legislatore, o peggio ancora, sotto il controllo politico della maggioranza al potere”.

La Jourova ha affermato a Varsavia di essere a favore del dialogo e di trovare una soluzione congiunta alla situazione che, a suo avviso, sta influenzando negativamente il sistema giudiziario polacco. “Vorrei fare di più per proteggere i giudici dalla campagna contro di loro”, ha detto Jourova, sottolineando che l’atmosfera è stata negativa per i giudici che svolgono il loro “lavoro impegnativo”.

Il conflitto intorno alla magistratura polacca si è intensificato la scorsa settimana quando i legislatori hanno approvato una legge che consente ai politici di licenziare i giudici e il governo ha minato pubblicamente l’autorità della Corte suprema, che ha in gran parte preservato la sua indipendenza.

La legge restrittiva, definita dai critici una “legge museruola”, ha ancora bisogno della firma del presidente Andrzej Duda per entrare in vigore. Jourova ha incontrato la portavoce del Parlamento Elzbieta Witek, del partito al potere, la portavoce del Senato Tomasz Grodzki, dell’opposizione e il principale funzionario polacco per i diritti umani.

Grodzki ha definito la situazione nella magistratura un “vicolo cieco”. Ha affermato di aver sentito che i fondi dell’UE nel prossimo quadro finanziario saranno legati al livello di rispetto dello stato di diritto nei paesi membri.

Jourova ha dichiarato a Grodzki che un organo internazionale speciale deve effettuare controlli regolari sull’adesione dei membri ai principi dello stato di diritto. Il portavoce del partito al potere Radoslaw Fogiel ha affermato di sperare che Jourova possa mostrare “maggiore comprensione” per il ragionamento del governo rispetto ai suoi predecessori, che hanno avviato procedure sanzionatorie dell’UE contro la Polonia.

Ha insistito sul fatto che la forma della magistratura è interamente sotto l’autorità delle nazioni membri, non degli organi dell’UE. Jourova doveva anche incontrare il capo della Corte suprema, Malgorzata Gersdorf, e il ministro della giustizia Zbigniew Ziobro.

FONTE:  mail.com | apnews.com
IMMAGINI: mail.com | apnews.com

No Comments
Notizie dal mondo

Brexit 2020 – gli esponenti britannici fanno i bagagli a Bruxelles

Brexit 2020 29 gennaio

Brexit – gli esponenti britannici fanno i bagagli a Bruxelles

BRUXELLES (AP) – Il Regno Unito sta lasciando l’Unione Europea – scatole di cartone e calze Union Jack e tutto il resto. Con il momento Brexit fissato per venerdì alla mezzanotte di Bruxelles (23:00 ora del Regno Unito) alcuni legislatori britannici al Parlamento europeo a Bruxelles che sono stati ferventi spacciatori della Brexit non stavano perdendo tempo a prepararsi per uscire.

Il membro britannico del Parlamento europeo Nigel Farage indossa calzini con la bandiera dell’Unione mentre parla a un giornalista durante un’intervista al Parlamento europeo a Bruxelles, martedì 28 gennaio 2020. Con il momento Brexit fissato per venerdì a mezzanotte Tempo di Bruxelles, i parlamentari del Regno Unito stanno imballando scatole e rimuovendo oggetti personali dai loro uffici di Bruxelles.

L’ufficio dell’esponente britannico Nigel Farage martedì è stato un miscuglio di scatole e ricordi pronti per essere imballati e spediti. Il suo souvenir preferito? Una copertina di economista incorniciato con lui, Donald Trump e Vladimir Putin in marcia verso i grandi tamburi del populismo.
“Non è pensato per essere lusinghiero, ma in un certo senso, ciò che riassume è la grande battaglia che sta accadendo”, ha detto Farage in un’intervista a The Associated Press. Indossava ancora le sue calze Union Jack, pronte per la plenaria di mercoledì il parlamento europeo dovrebbe approvare in modo schiacciante l’accordo di recesso dalla Brexit, l’ultimo atto necessario prima che il Regno Unito lasci venerdì.

brexit 2020 Nigel FarageAl piano di sotto nelle sale parlamentari, alcuni fan del partito Brexit, anch’essi vestiti con colori britannici, posavano tra le bandiere degli Stati membri, ridendo e gridando a chiunque volesse sentire come l’UE fosse “una dittatura”.

Tuttavia, per la maggior parte dei legislatori del parlamento e molti dei legislatori britannici in partenza, l’UE rimane uno dei più grandi esperimenti di costruzione della pace e democrazia dopo la devastazione in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale.

Tra i sostenitori britannici dell’UE ci sono membri del Partito dei Verdi, che hanno acceso le luci fuori dal Parlamento europeo contro il cielo oscuro, un’azione simbolica “Lasceremo una luce accesa” nel caso in cui i legislatori britannici tornassero a Bruxelles.

Per un’occasione più ufficiale, il capo del Parlamento europeo David Sassoli offrirà ai legislatori britannici un addio formale durante la plenaria di mercoledì, dove si svolgerà il voto sulla Brexit. Anche gli uffici di rappresentanza del Regno Unito cambieranno il loro nome e diventeranno la Missione del Regno Unito presso l’Unione Europea. Per gli addetti ai lavori, UKReps diventerà UKMis e saranno ancora altrettanto occupati, poiché sia ​​la Gran Bretagna che l’UE devono ancora capire le loro relazioni future e gli accordi commerciali.

Una cosa è certa però. “Stiamo passando il punto di non ritorno”, ha detto Farage. “Stiamo andando via. Non torneremo mai più “.

Segui la copertura completa di AP sulla Brexit e la politica britannica su https://www.apnews.com/Brexit

FONTE: mail.com
IMMAGINI: mail.com | apnews.com

No Comments
Comunicati Eventi Volontariato e società

“Psichiatria, eugenetica e Shoah” Storia e verità


E’ stata ospitata ieri dalla chiesa di Scientology di Padova, la giornata della Memoria con un importante mostra documentario, dal titolo Psichiatria, eugenetica e Shoah; un incontro culturale organizzato dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani. L’incontro ha visto come ospite il Sociologo Ivano Spano e un concerto di Fisarmonica e Pianoforte in Omaggio alla musica Klezmer.

Il CCDU è un’organizzazione di volontariato non a scopo di lucro, finalizzata alla difesa dei Diritti Umani nel campo della Salute Mentale.

Le sue funzioni sono unicamente quelle di fungere da organo di controllo, scoprendo e denunciando pubblicamente le violazioni psichiatriche dei Diritti Umani nel campo della Salute Mentale. I volontari della sezione di Padova, tramite le loro diverse attività nel territorio, sostengono che «i Diritti Umani devono essere resi una realtà non un sogno idealistico», come scrisse l’umanitario L. Ron Hubbard.

molto interesse alla mostra dove i visitatori,  hanno trovato informazioni in merito ad aspetti dell’eugenetica e alle teorie psichiatriche, segnalando in particolare il video

PSICHIATRIA: GLI UOMINI DIETRO L’OLOCAUSTO

Molto interessante l’intervento del sociologo Ivano Spano, che ha fornito informazioni alquanto toccanti sulla teoria dell’eugenetica che non solo hanno ulteriormente chiarito di come ciò abbia portato alla Shoah, ma anche ad altre forme di sterminio e violazioni dei diritti alla salute risalenti all’epoca e perpetrata su disabili e bambini, il tutto messo in relazione ad altre teorie e brutalità odierne.

La serata si è conclusa con un concerto di fisarmonica e piano in Omaggio alla Musica Klezmer con la direzione artistica di Cristina Santi.

Alla Fisarmonca Mauro Scaggiante e al piano il maestro Carlos Morejano, che si è anche esibito in una serie di brani classici del compositore polacco Jòsef Kropinski, scritti durante la sua prigionia nei campi di concentramento di Auschwitz e Buchenwald.

Ettore Botter

+39 348.3332499

 

No Comments
Comunicati News

Luigi Ferraris: negli investimenti di Terna ci sono anche sostenibilità e sicurezza


6,2 miliardi per lo sviluppo della rete elettrica nei prossimi dieci anni: è uno degli investimenti di Terna, società di gestione dell’energia elettrica nazionale guidata dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale Luigi Ferraris .

Luigi Ferraris, AD e DG Terna

Terna: la spinta di Luigi Ferraris verso le rinnovabili e l’hub elettrico d’Europa

Il Gruppo Terna, guidato da Luigi Ferraris, punta già da anni a sviluppare un hub elettrico che possa diventare leader a livello europeo: è questa la sfida dei prossimi cinque anni, per la quale il Gruppo prepara il terreno già da tempo. Come riportato anche da “Il Messaggero”, questo obiettivo è stato fissato lo scorso anno con il piano industriale al 2023. Il Gruppo guidato da Luigi Ferraris ha pianificato investimenti per 6,2 miliardi entro questa scadenza: lo scopo è di rendere ancora più solida ed efficiente la rete elettrica nazionale. Tale sfida è destinata a farsi ancor più ambiziosa con l’aggiornamento del piano quadriennale, dove si sfiorano i 13,5 miliardi per lo sviluppo decennale della rete elettrica del Paese. L’Italia punta inoltre a raggiungere entro il 2030 quasi il 60% di produzione derivante da fonti rinnovabili. Per arrivare a questo risultato, Terna deve affidarsi a un dialogo costante e costruttivo con il territorio, una prassi introdotta proprio da Luigi Ferraris e che ha già dato ottimi frutti. L’integrazione delle fonti di energia pulita contribuirà al contempo allo sviluppo di una rete sicura e adeguata.

Luigi Ferraris: il ritratto professionale

Laureato in Economia e Commercio presso l’Università di Genova, Luigi Ferraris è Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna da maggio 2017. Il manager dà inizio alla sua carriera nel settore auditing di PriceWaterhouse, dove ricopre diversi ruoli per importanti aziende industriali italiane e internazionali. Nel 1999 passa al Gruppo Enel: ricopre varie posizioni di primo piano, tra cui quelle di Chief Financial Officer, di Presidente di Enel Green Power, di Consigliere di Amministrazione della controllata cilena Enersis e di Responsabile dell’area America Latina. È inoltre Amministratore Delegato della stessa fino a gennaio 2015. Luigi Ferraris è stato Chief Financial Officer del Gruppo Poste Italiane tra il 2015 e il 2017: ricoprendo questo incarico, si è rivelato una figura chiave nel processo di privatizzazione e quotazione in borsa. È anche docente di “Corporate Strategy” presso la LUISS Business School, oltre ad aver insegnato in numerosi altri corsi come quelli di “Energy Management” e “Strategie d’impresa”.

No Comments
Comunicati News

Mille anni della città di Troia, l’intervento del Direttore Luiss Giovanni Lo Storto


Il Direttore Generale dell’Università Luiss “Guido Carli” Giovanni Lo Storto è intervenuto il 30 novembre come ospite d’onore durante l’evento “Mille Anni di Storie” per celebrare i mille anni dalla fondazione della città di Troia. Troiano d’origine, ha ripercorso i ricordi d’infanzia che lo legano al borgo dauno, in un susseguirsi di emozioni, immagini e profumi. All’evento hanno partecipato anche il Ministro per gli Affari Europei Vincenzo Amendola, il Sindaco del Comune di Troia Leonardo Cavalieri e il giornalista-documentarista Mediaset Roberto Giacobbo.

Giovanni Lo Storto, Direttore Generale Luiss

Il rispetto delle origini e la voglia di miglioramento: l’intervento di Giovanni Lo Storto

Chiamato a partecipare come ospite d’onore in occasione del millenario dalla fondazione della città di Troia, il Direttore della Luiss si è raccontato a Roberto Giacobbo in un’intervista piena di ricordi ed emozioni. Nativo di Troia, Giovanni Lo Storto è particolarmente legato al luogo delle proprie origini, dove, come testimoniato nel corso del suo intervento, fa ritorno non appena gli impegni della carriera professionale glielo permettono. Tutto ciò che è connesso a Troia, ha ricordato il Direttore della Luiss, rappresenta “un’emozione che ti rimane dentro. Al punto che qualche anno fa, con Carolina, mia moglie, ho pensato che avevo bisogno di risentirla, di rinnovarla. E allora qualche natale fa le ho detto «Andiamo a Troia, non lo diciamo a nessuno: voglio avere la possibilità di risentire quelle emozioni che mi mancano tantissimo»”. E così è stato: “Siamo andati in alcune stradine, quelle più strette, ci siamo fermati, mi sono appoggiato al muro e ho cominciato a respirare, ho cominciato ad annusare, annusare quell’odore”. È un ricordo fatto di immagini ed emozioni, quello raccontato dal Direttore della Luiss, troiano orgoglioso delle proprie radici: “Troia rimane per me un’esperienza molto forte, molto intensa”, ha proseguito, “Io sono felice di venire qui oggi nel millesimo compleanno di questa città a dirvi che cosa è successo dopo, dove sono andato, cosa ho fatto, cosa penso che si possa fare”. Il riferimento è verso la capacità umana di cercare di migliorare sempre le proprie condizioni: “Al centro di tutto c’è la voglia di migliorarsi”, unita, come sottolineato proprio dalle parole di Giovanni Lo Storto, alla volontà di non dimenticare mai le proprie origini.

La carriera professionale e accademica di Giovanni Lo Storto

Giovanni Lo Storto è Direttore Generale dell’Università Luiss Guido Carli di Roma. Nato a Troia (Foggia) nel 1970, ha ricevuto diverse onorificenze nel corso della carriera, come quelle di Cavaliere dell’Ordine al Merito (2010) e Ufficiale dell’Ordine al Merito (2017) della Repubblica Italiana. Nel 2014, inoltre, è stato insignito del Premio Guido Carli, conferito sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Laureatosi in Economia presso la Luiss, lavora come Direttore operativo di filiale in Bartolini e, in seguito, presso l’Unione Italiana di Riassicurazione e in Swiss Re. In ambito accademico il suo percorso ha inizio in Luiss in qualità di Assistente di cattedra e, successivamente, Professore a contratto di Economia e Gestione delle Imprese di Assicurazione. Dal 2003 ricopre ruoli di crescente responsabilità all’interno dell’Ateneo romano: prima Controller, poi Vice Direttore d’Ateneo e Direttore Generale dal 2013. Tra i suoi incarichi correnti figurano quello di Vice Presidente Esecutivo e membro del CdA di LA4G, oltre che membro del Consiglio di Amministrazione delle riviste Internazionale e Formiche. È Consigliere di Amministrazione indipendente di Pirelli & C. S.p.A. da maggio 2018, Co-founder dell’acceleratore d’impresa LuissEnlabs e autore del libro “Erostudente. Il desiderio di prendere il largo” (Rubbettino, 2017).

No Comments
Eventi

ODCEC Bergamo e TTB: le opportunità di Art Bonus


Lunedì 3 febbraio dalle 14 alle 18 l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo e il TTB Teatro tascabile di Bergamo invitano a partecipare a un corso di formazione gratuito e aperto a tutti durante il quale sarà presentato lo strumento dell’Art Bonus, con particolare riferimento alle possibilità offerte dai Partenariati speciali pubblico-privati (PSPP), resi possibili grazie al nuovo Codice degli Appalti.

Intrecciando in maniera inedita le competenze e gli interessi degli enti pubblici con quelle dei soggetti culturali e privati, i Partenariati speciali sono una possibilità concreta di attivare un processo di salvaguardia del patrimonio pubblico nazionale che oggi giace per il 60% in stato di abbandono e degrado, restituendo valore d’uso ai beni attraverso progetti culturali specifici, con procedure semplificate e riduzione dei tempi di realizzazione.

Il Partenariato Speciale determina infatti un nuovo principio di collaborazione in cui le parti, pubblica e privata, perseguono l’identica finalità, utilizzando uno strumento che consente la valutazione e definizione in itinere del progetto, compatibilmente con la sostenibilità dello stesso, svincolandolo dalle pesantezze della burocrazia e aprendo al coinvolgimento di eventuali soggetti terzi.

Oltre ad approfondire i risvolti fiscali dell’Art bonus, si darà rilievo alle modalità attraverso cui favorirne la massima espressione economica nel rapporto tra pubblico, privato no profit e profit e nell’ambito di ampie strategie di fundraising applicate al patrimonio culturale.

Ad intervenire, coordinati dalla dott.ssa Simona Bonomelli, presidente dell’Ordine, e dal dott. Roberto Mazzoleni, consigliere delegato dell’Ordine (commissione “Enti non commerciali e non profit Terzo Settore”),alcuni esperti nazionali, tra cui il dott. Maurizio Postal, consigliere nazionale dell’Ordine delegato Aree no profit-fiscalità, la dott.ssa Carolina Botti, direttore divisione rapporti pubblico-privato di Ales spa e referente Art Bonus per il MIBACT e il dott. Massimo Coen Cagli, direttore della Scuola di Fundraising di Roma. In rappresentanza del mondo delle imprese interverrà il dott. Roberto Vavassori, Chief Public Affairs & Institutional Relations Officer di Brembo S.p.A., introdotto dal dott. Stefano Lania, Responsabile Fisco e diritto d’impresa di Confindustria Bergamo.

Durante il corso verrà inoltre presentato il caso unico di Bergamo e di “Teatro: un futuro possibile”, primo partenariato speciale realizzato in Italia da TTB e Amministrazione comunale al fine di restituire alla città il monastero del Carmine (XV sec.), bene unico nella storia cittadina. A presentare il progetto l’Assessora alla Cultura del Comune di Bergamo, dott.ssa Nadia Ghisalberti, e la dott.ssa Emanuela Presciani, responsabile organizzativa del Tascabile.

Il seminario, gratuito e rivolto a chiunque abbia interesse per le tematiche trattate, si svolgerà nella sede dell’Ordine (Rotonda dei Mille, 1 di Bergamo).

Iscrizione gratuita registrandosi al link https://www.fpcu.it/Eventi/SchedaEvento.aspx?idop=24&idevento=513012

L’evento è realizzato in collaborazione con Ales – Arte Lavoro e Servizi e Scuola di Roma di Fundraising.

No Comments
Comunicati

Ser Key “Amazzonia” è in radio il nuovo singolo nato per sensibilizzare i giovani


 

Il brano introduce l’album d’esordio “Odissea” fuori dal 1° febbraio 2020

 

“L’amazzonia brucia ancora”, recita così il nuovo singolo del rapper campano Carmine Vecchione, alias Ser Key, classe 1995. 

Tematiche importanti incastonate nelle note musicali ascoltate dai giovani. Le parole del rapper suonano come una sveglia per le coscienze ormai dormienti dei nostri ragazzi, in uno scenario drammatico, come quello vissuto dai polmoni del mondo e nell’attuale Australia.  Il video musicale che accompagna la canzone è un messaggio chiaro e deciso: “Non possiamo far finta di nulla, c’è in gioco il futuro dei nostri figli”. L’obiettivo è quello di arrivare al cuore e alle menti dei giovani attraverso la musica dei giovani: “Con la speranza che un fiore nel deserto cresca, che una canzone riesca a dare amore a questa Terra” – racconta Ser Key.

“Amazzonia” è il singolo di lancio del primo disco ufficiale di Ser Key, dal titolo “Odissea”, in uscita il primo febbraio 2020. L’album è composto da 8 tracce di cui due in collaborazione con Jonathan Pastore. Le produzioni sono affidate al Kokoro Studio, Stekkett e Beatzunami. 

TRACK LIST

01 Amazzonia

02 Figli di un quartiere 

03 Mi gente

04 Tacchi a spillo 

05 Odissea

06 Luca e Marco 

07 Mamma e Papà 

08 Quei giorni lontani 

 

Autoproduzione

Radio date: 16 gennaio 2020

Pubblicazione album: 1° febbraio 2020

 

BIO

Carmine Vecchione, classe 1995, si avvicina alla musica rap sin dall’adolescenza, cimentandosi con il freestyle grazie al coinvolgimento di alcuni amici. Artigiano nella vita quotidiana con la passione per il rap, ha deciso di dedicarsi seriamente alla musica, continuando con il nome scelto sin da quando ha mosso i primi passi nel settore: Ser Key, ovvero colui che possiede le chiavi per aprire tutte le porte. La comprensibile presunzione dell’adolescenza tuttavia, non gli ha fatto perdere di vista le sue consapevolezze.

Raggiunta una certa maturità canora ed anagrafica decide di fare sul serio con il rap, lanciando il singolo “Dall’alba”, brano che ha subito riscosso un discreto successo nel territorio di Foggia e provincia, catturando l’attenzione di tutte le testate giornalistiche locali. Il 12 agosto viene chiamato ad esibirsi al Vieste Summer Festival, aprendo il concerto dei colleghi Luchè e Geolier. Il 17 novembre 2019 parteciperà al contest “Promuovi la tua musica” che si terrà al “Nuovo Teatro Posillipo” di Roma. Il 21 marzo 2019 giorno della memoria dei caduti per mano della mafia è stato invitato dall’istituto tecnico Oriani di Faenza a presentare il singolo “Dall’alba”. Il 12 agosto apre al Summer Festival il concerto di Luchè e Geolier. Il 17 novembre partecipa al contest “Promuovi la tua musica” al Nuovo Teatro San Paolo di Roma. Il 16 gennaio arriva il singolo “Amazzonia” ad anticipare l’album d’esordio ODISSEA fuori dal 1° febbraio 2020.  

 

Contatti e social

Facebook: https://www.facebook.com/Esse.Kappa/?modal=admin_todo_tour

Instagram: https://www.instagram.com/serkey_official/ 

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC9btxLNhTKY4Q-L4JIWI19w?view_as=subscriber 

Spotify: https://open.spotify.com/user/vogavf1tix9um10u60zcbjfln?si=alpy5vXZQrW0c2ee-UvhIg

 

No Comments
Comunicati

Ufficio Kit- Una piattaforma per acquistare accessori da ufficio

  • By
  • 28 Gennaio 2020


Ufficio Kit è una piattaforma online che offre un’ampia gamma di prodotti per l’ambiente dell’ufficio. Offre una vasta gamma di accessori e mobili da ufficio per migliorare la produttività. La gamma di prodotti offerti da Ufficio-Kit include accessori da scrivania, mobili per ufficio e opzioni di illuminazione, buste e materiali da spedizione, elettronica per ufficio e molti altri.

Prodotti:

Accessori per archivio e scrivania

  • I tappetini per mouse di grandi dimensioni offrono un’ampia superficie per spostare il mouse. Permettono inoltre di avere una visione a 360 gradi senza sollevare il mouse.
  • La custodia unisex ovale Eastpak è un prodotto che può essere utilizzato in ufficio per conservare in modo ordinato penne e matite.
  • Il set di tubi termorestringenti contiene un assortimento di tubi termorestringenti.

Arredamento e illuminazione

  • La lampada da tavolo a LED è disponibile con una serie di funzioni come il controllo della luminosità ad alta sensibilità, illuminazione priva di radiazioni e basse emissioni di carbonio, possibilità di regolazione, funzionalità sveglia e calendario, ecc.
  • Sono disponibili sedie ergonomiche per ufficio che offrono un’altezza del sedile regolabile e una posizione ergonomica. Queste sedie sono la soluzione ideale per gli impiegati che hanno bisogno di lavorare per un’intera giornata seduti in un posto.
  • La lampada da tavolo a LED è un’altra opzione di illuminazione offerta. È una specie di lampada da scrivania a risparmio energetico ed ecosostenibile per facilitare il lavoro dei professionisti.
  • È disponibile anche una lampada da tavolo a LED che non ha un livello limitato di luminosità e specifiche di temperatura.
  • La lampada a LED con lente d’ingrandimento è un prodotto che soddisfa le necessità di lavori di ingrandimento.

Calendari, agende, rubriche e organizer

  • Il calendario familiare è un elemento ideale per organizzare una vita super impegnata. Aiuta ad organizzare gli impegni settimanali.
  • L’agenda settimanale di 12 mesi in diverse forme e dimensioni

Elettronica per ufficio

  • Le cartucce a getto d’inchiostro sono disponibili in nero o in tre colori compatibili con HP Deskjet, HP Officejet, HP ENVY, ecc.
  • Cartuccia a getto d’inchiostro originale HP 301 di colore nero
  • Cartuccia a getto d’inchiostro originale HP 62 in nero e in tre colori
  • Calcolatrice scientifica Casio con doppio alimentatore
  • Cartuccia a getto d’inchiostro originale Canon

Oltre a questi, si possono trovare molti prodotti come materiali creativi per fai da te, carta, blocchi, quaderni e molti altri prodotti. Ci sono anche numerosi video e articoli. Per saperne di più sui prodotti, visita http://ufficiokit.it/

Info su Ufficio Kit:

Come piattaforma online di prodotti per ufficio e altri prodotti di cancelleria, Ufficio Kit offre innumerevoli opzioni. Puoi cercare online e trovare una vasta gamma di articoli per ufficio da questa fonte online.

No Comments
Comunicati Eventi

Legislazione, normativa e tecnologie i driver dei convegni di Bie – Biomass Innovation expo 2020


Questi i temi guida del ricco programma di convegni della prossima edizione di  BIE – BIOMASS INNOVATION EXPO in calendario dal 17 al 20 marzo 2020 in Fiera Milano.

Milano – 22 gennaio 2020 – La seconda edizione di BIE – BIOMASS INNOVATION EXPO, dedicata alle più moderne tecnologie e soluzioni per uso domestico e industriale per la produzione di calore ed energia da biomasse solide e fonti rinnovabili, che si svolgerà dal 17 al 20 marzo 2020 in Fiera Milano, in concomitanza con MCE – MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT, fiera leader mondiale nell’impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili, si appresta ad aprire i battenti con una ricca agenda di incontri, dedicati ad alcuni dei temi di maggior attualità e interesse per gli operatori professionali delle due manifestazioni.

Un calendario di appuntamenti, che andrà ad integrarsi in modo sinergico con la vetrina espositiva della manifestazione collocata al padiglione 10, realizzato con il prezioso contributo del Comitato Scientifico – costituito dai principali interlocutori del settore: AMICI DELLA TERRA, ANICA, APPLiA Italia, ASSOCAMINI, CNA Lombardia, CTI, ENEA, FEDERFORESTE, FIPER, INNOVHUB, LEAP – Laboratorio Energie e Ambiente Piacenza, Università Politecnica delle Marche – con l’intento di presentare quattro giorni di approfondimento, dibattito e riflessione per comprendere al meglio le prospettive e le opportunità di sviluppo di un settore fondamentale per la sfida alla decarbonizzazione del riscaldamento e del raffrescamento degli edifici e contribuire a raggiungere gli obiettivi europei di riduzione del 55% delle emissioni al 2030.

Aprirà i lavori di BIE – BIOMASS INNOVATION EXPO, il mattino di martedì 17 marzo 2020, l’Assemblea di Federforeste,  l’associazione che da anni si occupa della problematiche forestali per le proprietà pubbliche degli Enti Locali, collettive e private nel nostro paese e del rapporto foreste e ambiente per una gestione sempre più sostenibile della filiera energetica a esso collegata; nel pomeriggio è in programma, invece, un incontro dedicato a “L’impianto domestico a biomassa” (a cura di CNA Installazione e impianti Lombardia), con un focus speciale sugli aspetti legislativi e normativi relativi alle disposizioni introdotte dai decreti DM37/2008 e DM/74 2013 e successive disposizioni relative all’esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione e l’ispezione degli impianti termici a biomasse legnose, con l’intento di offrire un utile momento di aggiornamento al folto pubblico di impiantisti e manutentori presenti alla manifestazione.

Di ampio respiro il tema di apertura della seconda giornata della manifestazione, mercoledì 18 marzo 2020, dedicato a “Teleriscaldamento a biomasse” (a cura di Fiper, Amici della Terra, Federforeste, Politecnico di Milano), un’occasione per fare il punto sulle tecnologie disponibili, la legislazione e le normative, alla luce del ruolo del teleriscaldamento negli obiettivi del nuovo PNIEC, Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima. L’evoluzione tecnologica dei prodotti a biomassa solida dal punto di vista dell’innovazione, delle emissioni e delle normative, per rispondere alle sfide ambientali del futuro, sarà il filo conduttore dell’evento del pomeriggio su “La classificazione dei generatori di calore a biomassa in Italia” (a cura di CTI, Innovhub, ENEA, LEAP). E ancora alle tecnologie, sarà dedicato l’incontro finale della giornata, su “La sostituzione degli impianti – Il Progetto HACKS” (a cura di Unicalor e Eliante).  Il convegno punterà ad analizzare le regole europee per l’immissione sul mercato dei prodotti e le soluzioni per un turn over generazionale della tecnologia, con un approfondimento speciale sul progetto HACKS, sviluppato da un consorzio Europeo che ha l’obiettivo di arrivare a sostituire oltre 1Mln di prodotti in tutta Europa.

Il calendario di BIE – BIOMASS INNOVATION EXPO proseguirà, giovedì 19 marzo 2020 al mattino, con “Il Conto Termico e gli incentivi di prodotto” (a cura di ENEA, GSE e Amici della Terra), dalla detrazione fiscale al Conto termico, un’analisi dettagliata delle risorse di incentivazione disponibili per i prodotti e soluzioni a biomasse alla luce degli obiettivi di efficienza energetica del nostro paese al 2030, dalla Strategia Energetica Nazionale (SEN) al Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC). Nel pomeriggio si parlerà di “La normativa tecnica nazionale e internazionale di settore” (a cura di CTI e Università Politecnica delle Marche), una panoramica sulle normative esistenti a livello nazionale e internazionale per i generatori a biomassa, che spazierà dall’installazione al trattamento e sicurezza acqua, da quelle per la verifica dei sistemi di evacuazione e alle prestazioni fino alle normative per i biocombustibili solidi.

Il momento conclusivo del programma istituzionale di BIE – BIOMASS INNOVATION sarà il mattino del 20 marzo 2020, con “Il sistema fumario” (a cura di Assocamini), nel corso del quale saranno presentate tutte le novità in materia legislativa e normativa, di caratteristiche di prodotto e di installazione e manutenzione dei sistemi fumari.

Tutti i convegni di BIE – BIOMASS INNOVATION EXPO si svolgeranno nell’area Business&Conference, collocata all’interno del padiglione 10, riservato all’industria del riscaldamento e delle energie rinnovabili e condivisa tra BIE e MCE – MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT che proprio in questo spazio organizzerà tutte le iniziative speciali di Energy Efficiency 4.0 riservate all’ efficienza energetica nell’industria alimentare, nelle strutture sanitare e alla Cogenerazione.

 

MCE – MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT e BIE – BIOMASS INNOVATION EXPO sono manifestazioni fieristiche di proprietà di Reed Exhibitions, il leader mondiale nell’organizzazione di fiere e congressi che gestisce oltre 500 eventi in 30 Paesi che hanno registrato più di 7 milioni di partecipanti nel 2018. Reed Exhibitions conta 38 sedi in tutto il mondo a disposizione di 43 settori industriali. Reed Exhibitions fa parte di RELX Group plc, leader mondiale nella fornitura di soluzioni e servizi per clienti professionali in numerosi comparti di business.
Ufficio Stampa: Flaminia Parrini, Reed Exhibitions Italia, tel.+39 02/43517038, [email protected]
No Comments
Comunicati

Serena “Colpevole” è il singolo di conferma della giovane youtuber vicentina

 

“Un invito ad essere se stessi senza mai accettare nessun compromesso evitando di indossare delle maschere per la paura di non essere come gli altri ci vorrebbero”.

Dopo il primo singolo intitolato “come il Titanic”, la giovane youtuber vicentina pubblica il suo secondo inedito “Colpevole”. 

Ci racconta la giovane cantante: «Colpevole è quella sensazione che hai quando le persone ti giudicano negativamente solo perché provi a fare delle cose diverse dagli altri o semplicemente perché vuoi pensare con la tua mente e non uniformarti al pensiero comune. Per non sentirsi “colpevoli” molti giovani si costruiscono una maschera, un’immagine fittizia e virtuale che però non li rappresenta veramente. Lo fanno per piacere agli altri o per non sentirsi esclusi ma alla fine la loro anima vive in bilico fra sentirsi falsi e sentirsi colpevoli. Io ho scelto di essere colpevole per poter essere sempre e solo me stessa».

“Colpevole” è anche il grido di chi si sente diverso, di chi si sente non compreso. Spesso molte persone giudicano gli altri senza nemmeno provare ad ascoltarli e a capirli. Ci si sente così giudicati per qualsiasi cosa si faccia (anche sui social) da persone che magari prima dovrebbero pensare ai propri sbagli e ai propri danni.

«Viviamo in una finta società perbenista» – continua il suo racconto Serena – «che vuole obbligarci ad indossare delle maschere. La maschera che più crea danni è proprio quella del finto buonismo perché mostra per bene quello che in realtà è il male». Il brano fa riferimento anche al mondo della musica e dell’arte in generale che viene considerato come vittima di una forte omogeneizzazione. Bisogna allinearsi al pensiero comune, tutto quello che si scrive e si dice deve essere dentro certi canoni, tutto deve essere omologato altrimenti sei giudicato negativamente. E nell’epoca dei social si può essere condannati ed esposti molto facilmente al pubblico ludibrio.  Anche Serena si è sentita giudicata: «questa canzone nasce da qualcosa che ho vissuto personalmente ma “Colpevole” non vuole essere solo un racconto di un’esperienza personale o un grido di malessere interiore. Questo brano vuole piuttosto essere un invito rivolto a tutti di trovare la forza e il coraggio di gettare questa maschera che spesso ci viene imposta e di essere sempre e fino in fondo noi stessi senza preoccuparci del giudizio degli altri»

Il brano è stato scritto da Serena con il produttore Roberto Carraro che ne ha curato anche l’arrangiamento. 

Radio date: 14 Gennaio 2020

Autoproduzione

BIO

Serena nasce l’11 maggio 2001 in provincia di Vicenza e frequenta l’ultimo anno di liceo economico sociale. Da sempre appassionata di comunicazione e di canzoni inizia fin da piccola a pubblicare i primi contenuti sul suo canale YouTube per poi proseguire su Instagram e TikTok. In breve tempo Serena riesce a conquistare un bel seguito di giovani affezionati. Dopo aver realizzato molte cover Serena pubblica nel 2019 il suo primo inedito: “come il Titanic” iniziando così il suo personale percorso artistico come interprete ed autrice. Nelle sue canzoni Serena rappresenta efficacemente i sentimenti, le paure, le fragilità e le aspirazioni della sua generazione (la Generazione Z). 

Contatti e social

Profilo Instagram: serenapppo_

Canale YouTube: https://www.youtube.com/Serenapuppo

No Comments
Comunicati

Proteggere la casa con le soluzioni di Beta Elettronica


Non bisogna commettere lo sbaglio di aspettare di ricevere una visita sgradita dai ladri nel proprio appartamento o nella propria villa prima di prendere la decisione di acquistare un sistema antifurto: d’altro canto, prevenire è meglio che curare, e conviene ricorrere a un dispositivo tecnologico che sia in grado di garantire la massima serenità a tutti gli inquilini.

Un impianto allarme moderno non serve solo ad aumentare il livello di sicurezza della casa in cui si abita o nell’attività commerciale, ma consente anche di avere la vita semplificata per moltissime incombenze della quotidianità.

 

Nessuna opera muraria richiesta

Anche chi vive in un’abitazione protetta da un sistema antifurto ormai datato, d’altro canto, dovrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di farne a meno per sostituirlo con uno nuovo come quello prodotto in Italia da Beta Elettronica, di certo più efficace, moderno e anche più semplice da gestire (gestibile anche da smartphone). Lo dimostra il fatto che gli antifurti recenti sono senza fili, e in quanto tali non necessitano di opere murarie. La tecnologia antifurto wireless SBS è sinonimo di comodità e di praticità: gli allarmi non cablati possono essere installati in tempi molto brevi  dai nostri tecnici certificati e non richiedono laovri di muratura che portano polvere e sporco in casa. Insomma, non ci sono mobili da spostare , canaline da installare né pareti da rompere: il tutto avviene in tempi brevissimi.

Il sensore antifurto SBS, prodotto da Beta Elettronica inoltre costituisce una vera novità : progettato interamente da in Italia, non necessita di altri sensori ed è in grado di coprire una superficie fino a 500 mq, anche se distribuita su più livelli o piani

L’aggiunta della videosorveglianza

Aggiungere anche un’impianto di videosorveglianza non è una cattiva idea in quanto antifurto e videosorveglianza possono funzionare in concomitanza.

Le telecamere, possono essere gestite direttamente da smartphone: questo vuol dire che in qualsiasi momento e in qualsiasi parte del mondo, tramite una connessione ad internet si ha l’opportunità di verificare ciò che succede dentro l’appartamento.

No Comments
Salute e Benessere Senza categoria

Anello con diamante solitario per suggellare l’amore

La parola “solitario” non è mai usata con un’accezione così positiva come quando affiancata alla parola “diamante”. Difatti i diamanti solitari sono sempre stati, nel corso dei secoli, simbolo di rinomata bellezza e unicità. Non esiste persona al mondo, maschio o femmina che sia, che non si fermi ad ammirare il luccichio di questi meravigliosi gioielli, rimanendo ammirata e sognando di poterne possedere uno un giorno… o di poterlo regalare alla propria amata o amato. Infatti gli anelli solitari sono il regalo per eccellenza fatto da chi vuole dimostrare il proprio vero amore, così grande e puro da essere sugellato da un regalo prezioso come un diamante, pietra di intramontabile valore e imperturbabile bellezza immortale. Questo anello ormai non è più considerabile un semplice regalo, che può essere fatto da chiunque verso chiunque: difatti l’anello solitario è diventato ormai simbolo del fidanzamento ufficiale, di quella promessa che lega due cuori nel sacro vincolo del matrimonio, congiungendoli per tutta la vita e oltre.

Un regalo importante, quindi, unico nel suo genere e che, solitamente, si riceve e si dona un’unica volta nella vita. Richiede tempo e un’accurata riflessione prima di essere acquistato, non per capire se sia il regalo giusto da fare, ma se ci si trova davanti alla persona adatta a riceverlo.

Un anello solitario per mparlare d’amore

Sulla bellezza dei diamanti solitari c’è poco da discutere: oggi giorno sono ritrovabili in diverse forme, dalle più clasiche alle più particolare, colori e materiale dell’anello in cui è incastonato. La fantasia può essere sprigionata e può essere facilmente soddisfatta con brevi ricerche online, per trovarsi già addirittura indecisa tra diversi modelli bellissimi e inimitabile, perfetti per rendere unica chiunque li indossi. Nell’anello solitario tradizione e contemporaneità si uniscono, soddisfacendo tutti i gusti, anche quelli più pretenziosi.

Le forme con cui vengono realizzati gli anelli solitari sono ormai le più svariate, dalla più classica ad anello con il solitario al centro, a quelle che si risolvono in un intreccio ci oro di diversi colori o altri materiali preziosi, oppure solitari accompagnati da fine di altri diamanti più piccoli, che sembrano quasi ereggere il diamante solitariio ad un livello superiore. Il loro valore varia a seconda della dimensione del diamante,  del taglio, della purezza e del colore,ma non esiste diamante che possa essere considerato imperfetto.

Regala un diamante solitario per sempre

qualsiasi persona si veda regalare un diamante solitario non potrà fare altro che sentirsi amata, completa e unica. Il diamante solitario simboleggia l’amore che si prova nei confronti di qualcuno, esprime il desiderio di voler passare con lei il resto della propria vita.  Non è un semplice gioiello, ma una vera e propria dichiarazione d’amore, un patto tra due cuori che promettono di non abbandonarsi mai. Certo, sarà comunque difficile rifiutare un regalo simile in caso il sentimento non fosse ricambiato!

I diamanti solitari sono tra i gioielli più preziosi e desiderati al mondo, questo giustifica il loro prezzo elevato  l’unicità del gesto di regalarlo a qualcuno che si ama. La cosa certa è che sarà un regalo sempre apprezzato e che farà splendere di luce propria qualsiasi donna lo indossi.

 

No Comments
Eventi

“Frida e le altre. Storie di donne, storia di guerra: Fossoli 1944”


Si è inaugurata lunedì 27 gennaio in occasione della Giornata della Memoria la mostra “Frida e le altre – Storie di donne, storia di guerra: Fossoli 1944” alla presenza di Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli studi di Bergamo, Paolo Buonanno, Prorettore alla comunicazione istituzionale dell’Università degli studi di Bergamo, Elisabetta Margiacchi, Prefetto di Bergamo e Elisabetta Ruffini direttrice dell’Isrec di Bergamo e curatrice della mostra, prodotta dalla Fondazione Fossoli.

L’esposizione, resterà allestita fino al 17 febbraio presso il chiostro di Sant’Agostino dell’Ateneo, racconta la storia di donne eccezionali che con i loro gesti quotidiani hanno affrontato la guerra, la scomparsa dei propri cari e la resistenza. Una prospettiva tutta al femminile, umana, toccante ma al contempo dimostrazione di grande forza e coraggio. Due i profili femminili legati alla storia della provincia di Bergamo, quello di Rachela Lea Stern Manas, arrestata a Treviglio e scomparsa tra gli orrori di Auschwitz e quello di Lidia Minardi, figlia di Luigi, antifascista e tra i primi a organizzare la Resistenza a Bergamo.

Nel corso della giornata si è tenuta inoltre la cerimonia di consegna delle Medaglie d’Onore ai sopravvissuti agli orrori del Nazismo da parte del Prefetto della provincia di Bergamo, Elisabetta Margiacchi.

«Non dimenticare ma soprattutto ricordare, giorno dopo giorno lo scempio a cui ha assistito l’umanità in quegli anni e a cui assiste tutt’oggi in alcune parti del mondo senza fare nulla. Questo è ciò che ci chiede la Giornata della Memoria: non smettere mai di indignarci e riflettere costantemente sul valore delle differenze. Le Università luoghi di conoscenza, di scambio di opinioni e di esperienze. Qui, in questo laboratorio che forma menti critiche, dobbiamo promuovere coraggio, idee pacifiche e biasimare l’odio e l’indifferenza, come ci ha insegnato la Senatrice Liliana Segre durante il suo intervento in occasione del conferimento da parte dell’Ateneo del Dottorato honoris causa» ha dichiarato Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli studi di Bergamo.

Una giornata di riflessione dunque ma anche l’opportunità di ricordare tutti coloro che, deportati e internati nei lager nazisti, non fecero più ritorno a casa.

No Comments
Eventi Salute e Benessere

Anytime Fitness: inaugurata a Legnano la prima palestra aperta 24h/24

  • By
  • 28 Gennaio 2020


Il 2020 si è aperto con una nuova inaugurazione per Anytime Fitness, la catena di franchising del fitness più grande al mondoVenerdì 24 gennaio è stato ufficialmente inaugurato il club di Legnano, che ha aperto le porte della sede di via Saronnese 46/50 per il grand opening.

In occasione dell’evento, che dalle ore 18 ha popolato la sede di Anytime Fitness, i partecipanti hanno potuto conoscere la realtà rivoluzionaria: la catena di palestre, nata nel 2002 negli Stati Uniti dietro l’intuizione dei consulenti Chuck Runyon e Dave Mortensen, è ora presente in tutti i continenti e grazie alla sua formula ha trovato anche in Italia terreno fertile, aprendo in soli tre anni già 19 club.  È l’unica palestra a Legnano aperta 24 ore su 24, permettendo ai suoi iscritti di decidere liberamente il momento più adatto alle proprie esigenze per fare fitness.

Durante l’inaugurazione di venerdì 24, i partecipanti hanno avuto modo di provare dal vivo i molteplici corsi, adatti a chi già si muove nel mondo del fitness ma anche ai più curiosi, desiderosi di cimentarsi in nuove discipline. Diverse le masterclass: la Funxtion Masterclass, il metodo virtuale che non lascia mai soli gli iscritti grazie al supporto dell’innovativo allenatore virtuale Funxtion, attraverso un totem touchscreen di ultima generazione. È stata poi la volta di Zumba, che utilizza i ritmi e i movimenti della musica afrocaraibica, combinati con i movimenti tradizionali dell’aerobica, e del Body Combat, l’attività che unisce le arti marziali e gli sport di contatto per un’attività aerobica indimenticabile.

Ma non solo. Alle dimostrazioni pratiche, utili per osservare i professionisti “sul campo”, si sono alternati diversi momenti ricreativi grazie alla presenza della B. Crew Dance Academy, specializzata in Hip-Hop, Bollywood, Zumba, che hanno dilettato gli spettatori con una Welcome Performance indimenticabile. A seguire, il gruppo internazionale Da Move che si è cimentato in una Free-Style Exhibition mostrando le doti artistiche ed acrobatiche dei suoi componenti.

Il tradizionale taglio del nastro, seguito da rinfresco, ha dato poi il via ufficialmente all’evento di inaugurazione. Un dj-set, nella seconda parte della serata, ha scosso la palestra all’insegna della musica e del divertimento.

Il club di Legnano, come gli altri club 18 sparsi in tutto il territorio, è aperto 24 h su 24, 365 giorni l’anno, festività incluse. Ogni centro è pensato affinché tutti, ad ogni età, possano trovare la risposta più efficace all’allenamento di cui hanno bisogno. Entrare a far parte di un centro Anytime Fitness significa, infatti, accedere ad un ambiente accogliente ed entrare a far parte di una community globale.

I corsi in programma nel club spaziano dal mondo aerobico a quello anaerobico: da zumba e total body alla ginnastica dolce e posturale. E anche per l’allenamento a corpo libero sono a disposizione attrezzatture innovative: dalle palle mediche agli elastici a muro, dalle corde ai sacchi boxe, dalle battle ropes al rack multifunzionale. Supporti indispensabili per allenare tutti i muscoli del corpo, da soli o in compagnia.

Il fiore all’occhiello delle palestre Anytime Fitness restano, sempre e dovunque, i macchinari ultramoderni che regalano una fitness experience altamente coinvolgente ed interattiva. Ma non solo. Grazie all’app – ad uso esclusivo dei soci – è possibile inserire i dati personali e programmare il proprio allenamento avendo a disposizione video, esercizi, recuperi suggeriti e l’archivio degli allenamenti già svolti. Un database personale con cui sia il corsista che il personal trainer possono sempre monitorare i progressi fatti ed interagire fra loro.

Inoltre, grazie alla chiavetta magnetica che viene consegnata al momento dell’iscrizione, ogni iscritto può accedere a ogni centro nel mondo, in qualunque momento.

«Siamo stati molto felici di aver condiviso questo momento con la cittadinanza: teniamo molto al club di Legnano e all’idea di comunità che si sviluppa all’interno di tutti i centri Anytime Fitness, e l’inaugurazione del 24 gennaio ha segnato una tappa ulteriore per il nostro consolidamento sul territorio» – commenta il COO Roberto Ronchi.

IL MODELLO ANYTIME FITNESS

Anytime Fitness è il più grande franchising del fitness al mondo. Nato negli USA nel 2002, conta oltre 4.500 club in 37 Paesi – dal Canada al Giappone, dal Qatar all’Australia, dal Regno Unito al Cile – con più di 4 milioni di iscritti. In Italia è arrivato nel 2016, per volere di Domenic Mercuri e Rino Centrella, co-fondatori di Anytime Italia s.r.l, a cui si è aggiunto successivamente il terzo socio, Daniel Pagnoni. Nel giro di tre anni hanno già avviato ben 19 club lungo tutto lo Stivale. Il successo del modello proposto da Anytime Fitness è testimoniato anche da importanti riconoscimenti come il conseguimento, nel 2014 e per le tre edizioni successive, del primo posto  nella classifica “Entrepreneur Franchising 500”, che ogni anno premia il “Miglior Franchising nel Mondo” per solidità finanziaria e tasso di crescita.

No Comments
Comunicati

In Giardino: Abbellisci Facilmente il Giardino

  • By
  • 28 Gennaio 2020


InGiardino è una piattaforma online per tutto ciò che occorre per organizzare, attrezzare, curare e arredare il giardino e la terrazza. I prodotti sono ben organizzati in differenti categorie quali mobili da giardino e accessori, accessori per barbecue e pic-nic, pavimenti in legno e recinzioni, piante, semi e bulbi, accessori per piscina, tosaerba e apparecchiature elettroniche da giardino e molto altro. InGiardino è la perfetta destinazione per tutti coloro che sono appassionati di giardinaggio.

Categorie Prodotto:

Mobili da Giardino e Accessori

  • In questa categoria disponibili tavoli pieghevoli in resina dura per il campeggio il pic-nic in giardino. Questi tavoli sono comodi per il trasporto. I tavoli sono disponibili in un materiale che assicura elevata resistenza, stabilità e lunga durata.
  • Il set da giardino Bica è un’altra scelta di mobili da giardino che consiste in un divano a due posti e due poltrone. Il set include anche un tavolino. Offre dei comodi posti a sedere abbinati ad un look moderno.
  • È disponibile anche una panca in legno di abete che può decorare la terrazza oppure il giardino. Le panchine sono facili a montarsi e sono fatte con materiai di alta qualità.

Accessori per Barbecue e il Pic-Nic

Questa categoria di prodotti include:

  • Camino per l’illuminazione
  • Spazzola barbecue in acciaio inox
  • Ciminiera con maniglie di sicurezza
  • Set di attrezzi da barbecue
  • Scatola per il pranzo elettrica
  • Guanti

Articoli per la decorazione del giardino:

  • Lampade a energia solare per esterni
  • Strisce LED
  • Faretti LED
  • Rubinetto luce temperatura di 3 colori con sensori di temperatura
  • Lampada solare a LED con sensore di movimento

Organizzazione Esterna e Alloggi

  • Sono disponibili contenitori Ecocab che sono armadi in resina antiurto che offrono un’eccellente resistenza al tempo atmosferico.
  • Gli armadi in plastica sono fatti di polipropilene e sono resistenti al freddo, agli agenti atmosferici e ai solventi.
  • Sono inoltre disponibili attrezzi da capannone per giardini che sono fabbricati con comode funzioni. Tali prodotti offrono un ampio spazio per gli attrezzi, sono impermeabili ed hanno 4 ripiani.

Pavimenti e Recinzioni in Legno

  • Siepe artificiale per balcone o recinzione
  • Tosaerba a mano
  • Una recinzione in legno in legno di pino
  • Piastrelle di plastica flessibili per esterni, giardino o interni

Piante, Semi e Bulbi

  • Kit di ortaggi con 5 tipi di semi vegetali tra cui semi di carota viola, semi di zucchine gialle, pomodori a strisce, cavoletti di Bruxelles rossi e semi di bietole multicolori a coste.
  • Kit di peperoncini con 6 tipi diversi.
  • Kit trio Bonsai che consiste di 3 diversi alberi bonsai per il giardino.

Per saperne di più sulla gamma di prodotti diversificati, visitare il sito web http://ingiardino.org/

Informazioni su InGiardino:
In Giardino è una piattaforma online grazie alla quale si possono trovare accessori per giardini e per esterni. Dai mobili ai semi delle piante, il sito si occupa di tutto ciò di cui si ha necessità per organizzare, curare e decorare uno spazio verde.

No Comments
Comunicati

A Perugia Dentix garantisce il servizio anche il giorno di San Costanzo


Attenzione per i pazienti, cure personalizzate e accessibili. Questi gli ingredienti di Dentix, il centro odontoiatrico di via Guglielmo Marconi a Perugia che da diversi mesi ormai si prende cura del sorriso degli oltre 400 perugini che, dall’apertura dello scorso 5 agosto, si sono affidati nelle mani di professionisti specializzati. Cittadini che potranno contare sul personale medico anche mercoledì 29 gennaio, per una consulenza programmata o meno.

Nonostante la Festa del Santo Patrono di Perugia Dentix rimarrà aperto non solo per chi prenota una visita, proprio approfittando della giornata libera, ma anche per rispondere a eventuali emergenze.

Il centro di via Marconi può contare su professionisti esperti in ogni settore e attrezzature all’avanguardia garantendo servizi personalizzati per ogni esigenza.

Quello di Perugia è il terzo centro Dentix in Umbria, dopo Foligno e Terni, nato proprio con l’intento di garantire servizi accessibili in un’area – quella del centro Italia – dove la fruizione delle cure odontoiatriche è oltre i 2 punti percentuali in meno che nel resto d’Italia.

Dentix Perugia è aperto dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 20.00. Per informazioni e prenotazioni 075 369 0001.

No Comments
Etica e Società

I Metalli ed il Ruolo del Fabbro nel Mondo Moderno


I metalli sono stati quelle materie prime che hanno permesso alle civiltà di fare un salto di qualità senza le quali il mondo che conosciamo oggi non sarebbe stato mai realizzato.
A dare forma ai primi oggetti realizzati con i metalli è stata la figura del fabbro che per mezzo della fusione e della lavorazione artigianale hanno dato vita ai primi oggetti metallici come utensili, armi, strumenti di lavoro fino ad oggetti di decorazione per persone e ambienti abitativi.
Oggi il mestiere di un fabbro Siena o di qualsiasi altro luogo è molto diverso rispetto al passato, l’industria produce la stragrande maggioranza degli oggetti metallici grandi e piccoli.
Il ruolo del fabbro che realizza oggetti di metallo con la forza delle braccia oggi sono una minoranza che continua a portare avanti una tradizione millenaria che oggi trova impiego a soddisfare richieste specifiche come quella di cancelli ed inferriate artigianali o in ambiti artistico come la realizzazione di oggetti decorativi che trovano nella lavorazione artigianale del fabbro un valore aggiunto per un mercato specifico che ama oggetti unici non prodotti in serie.
Se per quanto riguarda la produzione metalli il lavoro artigianale è stato in gran parte sostituito dai processi industriali il mestiere del fabbro ha ancora oggi un ruolo determinante nella società.
Le capacità del fabbro oggi sono richieste per molti lavori che si effettuano servizi di montaggio e riparazione di dispositivi che sono costituiti da meccanismi metallici che richiedono conoscenze e capacità altamente specializzate.
Oggetti come serrature, saracinesche, tapparelle, infissi e molti altri devono essere montati e in caso di necessità riparati per mezzo di tecniche che fanno parte della conoscenza che un fabbro possiede grazie alla tradizionale attività svolta per millenni nella lavorazione dei metalli.
Attualmente sono molte le aziende che operano nel settore del montaggio e della riparazione di dispositivi metallici complessi che vengono prodotti a livello industriale con procedimenti automatizzati ma che richiedono l’intervento manuale per essere messi in funzione correttamente.

No Comments
Comunicati

Perché parlare con un ChatBot su Facebook Messenger


I Chatbot sono uno strumento ormai presente su diversi siti, specialmente su pagine di e-commerce o di grandi aziende che ricevono milioni di richieste al giorno e utilizzano l’assistenza virtuale di un ChatBot per snellire il processo di risposta. Molti ChatBot rispondono direttamente dal sito, altri hanno app dedicate, recentemente stanno prendendo piede su diverse piattaforme social che includono una chat. Lo strumento più innovativo a disposizione delle vere aziende 2.0 sono i Chat Bot su Facebook Messenger. Facebook nasce nel 2004 con l’intento di connettere persone fisicamente lontane tra di loro e la sua chat Facebook Messenger, sviluppata nel 2011, è attualmente tra le più usate per scambiarsi informazioni tramite messaggistica istantanea connessa ad una rete. Messenger dunque non sarà più solo il mezzo per connettere persone ma anche per connettere aziende e clienti già affiliati ma non solo. Infatti fare marketing con Facebook Messenger in modo automatizzato con i ChatBot è un modo per trovare nuovi clienti a bassi costi di acquisizione.

Ecco come fa marketing digitale un ChatBot di Facebook Messenger

Le possibilità di interazione di un ChatBot tramite Facebook Messenger sono infinite e saper creare una comunicazione efficace su questo canale rappresenta un vero vantaggio competitivo sui propri competitors. Innanzitutto essendo ancora poco diffusa questa tecnologia, almeno a livello nazionale e per la piccola e media impresa è usata ancora da poche aziende per il proprio digital marketing. Gli utenti sono quindi molto incuriositi dalle interazioni automatizzate dei ChatBot e le vedono come una piacevole novità. La maggior parte delle aziende quando deve comunicare con i propri clienti e proporre nuovi prodotti/servizi/promozioni usa le email. La classica newsletters che spesso e volentieri agli utenti risulta insopportabile. I ChatBot sono invece lo strumento nuovo sul mercato. Iniziare ad interagire con il ChatBot e trasformare il visitatore occasionale della pagina in un cliente profilato è semplice. Quando l’utente aprirà il sito, apparirà il ChatBot aziendale che si presenterà come tale e chiederà all’utente di presentarsi a sua volta. Come? Chiedendogli di passare in chat su Facebook Messenger. A quel punto, proprio come farebbe un dipendente o un  commerciale, inizierà a capire il motivo della visita di tale utente e una volta acquisita la sua richiesta potrà aiutarlo nel suo problema, consigliare il prodotto più adatto, inoltrare la sua problematica al giusto reparto dell’azienda. Insomma, il ChatBot di Messenger costituisce un  commerciale e può chiudere contratti ogni giorno con i propri clienti. Senza considerare che a differenza di un assistente umano, il ChatBot è multitasking e può assolvere un numero illimitato di richieste contemporaneamente, è attivo 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

 

 

Interazioni Messenger con il ChatBot per profilare gli utenti

 

Un altro elemento innovativo dei ChatBot è la possibilità di profilare gli utenti in base alle risposte date in chat nell’interazione con il bot. Una volta schedati, gli utenti rimarranno nel server del ChatBot per sempre, di fatto si può aver profilato i clienti mesi fa e inviare solo ora la promozione, non ci sono limiti. Il tutto ovviamente automatizzato. Inviare 2 proposte automatizzate oppure 10.000 impegna lo stesso sforzo.

Inoltre a differenza della newsletter via email, il processo di interazione con l’utente tramite ChatBot è molto più immediato, l’utente può rispondere al bot semplicemente scegliendo una delle opzioni di risposta da esso proposte o rispondendo subito velocemente in chat. Nel mandare un’email è alto il rischio di dimenticanza da parte dell’utente o addirittura della cancellazione di essa o della rimozione definitiva dalla mailing list, infatti le email vengono cancellate senza essere aperte nel 81% dei casi se si tratta di una newsletter mentre la possibilità che qualcuno non legga le notifiche di Messenger dal proprio smartphone è estremamente ridotta.

Questo e tanti altri costituiscono degli ottimi motivi per passare ad un ChatBot di Facebook Messenger il prima possibile.

 

No Comments
News

Vendita Lampadari – La Destinazione Online per i Lampadari

  • By
  • 27 Gennaio 2020


Aggiungere dei pavimenti eleganti e una bella decorazione sulla parete potrebbe essere il primo passo per avere una elegante casa, ma questa risulta incompleta senza una moderna illuminazione. Luci e lampadari intelligenti non solamente possono creare un ambiente da sogno e magica nella propria abitazione, ma fanno anche sì che il proprio lavoro sia maggiormente facile. Vendita-Lampadari è una piattaforma online dove è possibile vedere una ampia gamma di queste luci e lampadari.

Prodotti disponibili su Vendita Lampadari:

  • Illuminazione per interni: su Vendita Lampadari sono disponibili differenti tipi di illuminazione interna. Ogni luce ha delle caratteristiche diverse, ma hanno una cosa in comune: tutti sono luci a LED. I prodotti includono:
  • Luce Notturna a LED: la luce notturna a LED Techole Automatica funziona con il sensore fotocellula, pertanto, non si devono sostituire le sue lampadine. Questa luce è l’ideale per un’illuminazione comoda e sicura a casa propria. È possibile scegliere questa luce per camere da letto, bagni, soggiorni, vivai, pianerottolo, scale, garage sotterraneo e altri luoghi. Il vantaggio di questa illuminazione è che non arreca disturbo alle persone che dormono nei dintorni.
  • Radiosveglia InLife con Sunrise Wake Up Solar Light Simulator: questa è una lampada da letto Sunrise e Tramato Simulator con modifica personalizzata. Ha 10 livelli di luminosità, 15 livelli di volume e 6 suoni della natura. Questa lampada sveglia con funzione snooze e con un rotondo schermo LED è disponibile in sette colori.
  • Lampada da Lettura LENDOO: questa lampada da lettura è una lampada da tavolo. È portatile ed ha dei morsetti. Disponibile con 4 luminosità regolabili, può essere ricaricata tramite USB. La caratteristica corrente di colore nero della lampada a LED protegge gli occhi. Questa lampada da lettura flessibile, gommata e resistente può essere ripiegata in qualunque angolazione. È una lampada da lettura ideale per quando è notte. E la si può usare anche su aerei, treni e auto.

Altre luci per interno includono quelle per la retroilluminazione della TV, piantane e lampadine a filamento. Oltre all’illuminazione per interno, sulla piattaforma online sono disponibili lampade per esterni, lampadine, luci per il bagno, luci di Natale, luci elettriche e torce. Per saperne di più sulle luci e sui lampadari disponibili su Vendita Lampadari, visitare il suo sito ufficiale: http://vendita-lampadari.it/

Informazioni su Vendita Lampadari
Vendita Lampadari è una piattaforma online di vari tipi di luci e lampadari. È possibile visitare la piattaforma per vedere e scegliere tra la loro vasta collezione di luci.

No Comments
Eventi

In iSchool una mostra in occasione della Giornata della Memoria


Una giornata per ricordare, ma soprattutto per riflettere affinché la storia non si ripeta: questo il senso della Giornata della Memoria delle vittime dell’Olocausto. Anche iSchool, l’Istituto scolastico di Via Ghislandi, partecipa alle iniziative promosse dal Comune di Bergamo e da ISREC, l’Istituto Bergamasco per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, per rendere omaggio a questa giornata.

All’interno della scuola verrà infatti allestita una mostra dal titolo “Luoghi- Auschwitz e Fossoli: la loro storia, la nostra memoria”, a cura di Elisabetta Ruffini e prodotta da ISREC Bergamo, in collaborazione con il Comune di Bergamo, l’Accademia di Brera e l’Associazione Nazionale ex deportati politici.

Fulcro della mostra, alcuni scatti fotografici di Isabella Balena che raffigurano il campo di raccolta e transito di Fossoli e il tristemente noto campo di sterminio di Auschwitz. Accanto a questi, alcuni pannelli con scatti di questi due luoghi come sono oggi, realizzati da una fotografa su richiesta dell’Isrec. Non solo memoria e passato ma anche un viaggio nel presente e nel sentimento che questi luoghi lasciano in noi.

La mostra, aperta a tutti, sarà visitabile per tutta la giornata di lunedì 27 gennaio dalle ore 8.00 alle ore 18.00. A fare da guida ai visitatori gli studenti delle classi quinta liceo, mentre altri studenti leggeranno alcune testimonianze della Shoah. L’inaugurazione ufficiale sarà alle ore 16.00, e sarà accompagnata da una piccola degustazione di dolci tipici della tradizione ebraica preparati dagli studenti dell’Alberghiero.

No Comments
Comunicati

SALINITRO “PEZZI DELLO STESSO CUORE” è il singolo d’esordio del cantautore siciliano


La pop ballad dal tema autobiografico incita a guardare sempre il bicchiere mezzo pieno in ogni relazione d’amore finita male.

“Pezzi dello stesso cuore” trae ispirazione dal passato sentimentale dell’autore e interprete del brano. Salinitro non ha mai perso l’ostinazione nel tener fede ai propri sogni e alla propria emotività, malgrado non sia sempre facile avere tale determinazione. Allo stesso modo, l’amore è qualcosa che secondo lui va preservato e se certi eventi, quali i tradimenti, ne costituiscono una battuta d’arresto, esso continua in qualche misura a legare fra loro due persone, forse anche controvoglia. “Pezzi dello stesso cuore” quindi, è un invito a guardare il lato positivo della relazione e a “rischiare di precipitare”.

Il pezzo è stato registrato e prodotto al Massive Arts Studios di Milano. 

 

 

Autoproduzione

Radio date: 25 ottobre

 

BIO 

Emanuele Salinitro, in arte Salinitro, nasce a Gela, in Sicilia, il 2 ottobre 1990. Grazie alla passione per la musica nutrita da entrambi i genitori e all’ascolto della vasta collezione di dischi presenti in casa, Salinitro comprende sin dalla primissima adolescenza l’esigenza di avvicinarsi maggiormente alla sfera musicale iniziando a prendere prima lezioni di pianoforte e poi lezioni di canto dal maestro Armando Nilletti. Il canto, in particolare, si rivela il suo canale espressivo per eccellenza. Dai karaoke nei locali alle serate dal vivo insieme ai musicisti, ed in particolare all’amico chitarrista Salvatore Maganuco, la voglia di comunicare attraverso la musica lo spinge a prendere anche lezioni di chitarra e, soprattutto, a scrivere canzoni. L’incontro con il Massive Arts di Milano, avvenuto nel marzo 2019, ha aperto un nuovo capitolo nel percorso musicale di Salinitro, trasformandolo in cantautore e rendendo possibile la pubblicazione di alcuni suoi brani.

Contatti e social

Instagram www.instagram.com/salinitro_official/?hl=it

No Comments
Salute e Benessere

China coronavirus, il ministero della salute invia circolare con indicazioni operative

  • By
  • 23 Gennaio 2020
china coronavirus quarantena


Roma, 23 gennaio – Di fronte all’allerta ormai mondiale provocata dai casi crescenti di infezione da 2019-nCoV , il nuovo coronavirus partito da Wuhan, metropoli cinese della provincia di Hubei, anche il nostro ministero si è subito mosso predisponendo le prime misure di sbarramento. Intanto, è stata subito costituita un’apposita task force che si è insediata ieri al ministero della Salute, con il compito di coordinare ogni iniziativa utile a prevenire e contrastare il fenomeno. E, sempre ieri, con una circolare inviata ad assessorati regionali alla Salute, Ordini professionali di medici e infermieri, ministeri degli Esteri, Difesa e Trasporti e altri enti sanitari, sono state diramate tutte le raccomandazioni sulla polmonite da 2019 noCov, a partire dalle misure da assumere in caso di sospetta infezione da 2019-nCoV, con la raccomandazione di segnalarla entro 24 ore dalla rilevazione, secondo quanto stabilito dal Regolamento sanitario internazionale.

La circolare (qui il testo reso disponibile sul portale Fnomceo) fornisce una definizione di caso provvisoria per la segnalazionè a cui attenersi, sintetizzata in tre punti. Deve essere, in primo luogo, presente una “infezione respiratoria acuta grave” (Sari), con febbre e tosse tale da richiedere  il ricovero in ospedale, senza altra eziologia che spieghi pienamente la presentazione clinica (i medici dovrebbero prestare attenzione anche alla possibilità di presentazioni atipiche in pazienti immunocompromessi). Deve essere presente inoltre “uno qualsiasi di questi elementi: storia di viaggi a Wuhan, provincia di Hubei, Cina, nei 14 giorni precedenti l’insorgenza della sintomatologia; oppure la malattia si verifica in un operatore sanitario che ha lavorato in un ambiente dove si stanno curando pazienti con infezioni respiratorie acute gravi, senza considerare il luogo di residenza o la storia di viaggi”.

Il secondo elemento per la definizione del caso è che si tratti di una “persona che manifesta un decorso clinico insolito o inaspettato, soprattutto un deterioramento improvviso nonostante un trattamento adeguato, senza tener conto del luogo di residenza o storia di viaggio, anche se è stata identificata un’altra eziologia che spiega pienamente la situazione clinica”. Il terzo elemento è che si tratti di “una persona con malattia respiratoria acuta di qualsiasi grado di gravità che, nei 14 giorni precedenti l’insorgenza della malattia, presenta una delle seguenti esposizioni: contatto stretto con un caso confermato sintomatico di infezione da nCoV; oppure una struttura sanitaria in un Paese in cui sono state segnalate infezioni nosocomiali da nCoV; oppure ha visitato o ha lavorato in un mercato di animali vivi a Wuhan. Contatto stretto con animali (se la fonte animale viene identificata) nei paesi in cui il nCoV è noto che circoli nelle popolazioni animali o dove si sono verificate infezioni umane per presunta trasmissione zoonotica”.

I casi, ricorda la circolare, devono essere segnalati al ministero della Salute, direzione generale della Prevenzione sanitaria (Ufficio 5 – Prevenzione delle Malattie trasmissibili e Profilassi internazionale) e all’Istituto superiore di sSanità (Dipartimento di Malattie infettive), tramite registrazione sul sito web. Oltre alle informazioni contenute nella scheda di notifica, devono essere raccolte anche le seguenti informazioni, per permettere l’attivazione di tutte le misure di sanità pubblica, incluso la possibilità di rintracciare i contatti: data di partenza del caso sospetto da Wuhan o da altre zone infette secondo gli aggiornamenti epidemiologici più recenti; volo di ritorno in Italia (o compagnia aerea e itinerario) e aeroporto arrivo; contatto telefonico del paziente o del medico curante.

L’Italia ha tre voli diretti (dall’aeroporto di Roma Fiumicino) con Wuhan, e numerosi voli non diretti, il cui traffico di passeggeri dovrebbe aumentare in occasione del capodanno cinese. A Fiumicino, come previsto dal Regolamento sanitario internazionale (Rsi), è in vigore una procedura sanitaria per verificare l’eventuale presenza a bordo degli aeromobili provenienti da Wuhandi casi sospetti sintomatici e il loro eventuale trasferimento in bio-contenimento all’Istituto nazionale malattie infettive L. Spallanzani di Roma. A partire dal 20 gennaio scorso è stata rafforzata la sorveglianza dei passeggeri dei voli diretti da Wuhan (e di ogni altro volo con segnalati casi sospetti di 2019 nCoV) che dovranno transitare nel canale sanitario, attivando gli scanner termometrici. I casi eventualmente positivi saranno sottoposti agli ulteriori controlli necessari ed eventualmente a isolamento, con attivazione della sorveglianza per gli altri passeggeri a rischio. La Direzione generale della Prevenzione sanitaria ha anche predisposto materiale informativo da affiggere negli aeroporti per informare i viaggiatori internazionali e pubblica gli aggiornamenti inerenti all’evento sul portale del Ministero, nella sezione relativa alle malattie infettive e, segnatamente, nella pagina dedicata agli  “Eventi epidemici all’estero”.

La circolare elenca quindi le misure profilattiche e le precauzioni da utilizzare in caso di ricovero di pazienti con sospetto di infezione da 2019-nCoV,  illustrandole minuziosamente e in dettaglio, anche in relazione ai comportamenti del personale sanitario. La parte finale del documento informativo è dedicata agli obblighi e alle modalità di trasmissione delle informazioni, versante cruciale in presenza di situazioni epidemiche, con l’elencazione che (in caso di pazienti con sospetta infezione) dei dati da comunicare oltre alle informazioni contenute nella scheda di notifica “per permettere l’attivazione di tutte le misure di sanità pubblica”(data di partenza del caso sospetto da Wuhan o da altre zone infette secondo gli aggiornamenti epidemiologici più recenti; volo di ritorno in Italia (o compagnia aerea e itinerario) e aeroporto arrivo; contatti telefonici  del paziente o del medico curante.

La nota del ministero conclude ricordando che informazioni sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni, gestione dei casi clinici ed altri aspetti correlati al nCoV sono disponibili sul sito dell’Oms collegandosi a questo link.

FONTE:  rifday.it

FOTO: nasdaq.com

No Comments
Comunicati

MATTIA “TIENI IL RESTO SE LO VUOI” è il secondo brano estratto dall’album di prossima uscita “Labirinti umani”


Un brano pop dalle sonorità dance-elettroniche che con il suo ritornello avvolge e travolge attraverso un forte impatto energetico, presentando in antitesi il racconto biografico di un periodo di limbo emotivo. 

A pochi mesi dall’uscita del brano “Labirinti umani”, ballata piena di carica emotiva e toni malinconici, Mattia Previdi ci trasporta con questo secondo singolo in tutt’altra direzione, cambiando registro musicale e melodico. 

“Tieni il resto se lo vuoi” è infatti un brano energico ed efficace con un ritmo marcato ed una melodia avvincente che rimangono nella testa sin dal primo ascolto. Ed è proprio tramite la forza persuasiva di una melodia vincente che Mattia corteggia l’ascoltatore dimostrando tutta la sua poliedricità musicale. 

Il brano risulta intuitivo a primo impatto. Dietro all’apparente leggerezza di una melodia incisiva si cela un profondo e mai scontato significato emotivo. Il testo parla, infatti, delle energie e delle fatiche che si spendono nei rapporti in cui ci si dona completamente senza volere nulla in cambio. Perché a volte è più forte l’istinto di dare rispetto al bisogno di ricevere. 

Ad ispirare l’artista nella scrittura del testo è stato il forte disorientamento provato in un periodo di transizione e di forti cambiamenti. Da un lato il bisogno di scappare dall’insoddisfazione della monotonia lavorativa di tutti i giorni insieme ad una forte malinconia derivante da rapporti sentimentali insoddisfacenti e distruttivi; dall’altro la voglia di riscattarsi, di dedicare le proprie energie anche alle proprie passioni per la produzione di nuova musica, e la voglia di lasciarsi andare trovando il proprio posto, tanto nei sogni quanto sulla terra, tanto nei rapporti umani quanto nel rapporto con se stessi.

L’artista sceglie così di raccontare con estrema leggerezza musicale questa sorta di limbo emotivo in cui ci si ritrova immersi quando arriva ad un nuovo inizio. 

L’arrangiamento del brano e le sue sonorità sebbene risultino differenti rispetto ad altri brani si incastonano perfettamente all’interno di un album che fa da cornice ad un progetto coerente ed eterogeneo al punto stesso. 

 

Autoproduzione

Radio date: 18 ottobre 2019

Pubblicazione album: 8 novembre 2019

 

BIO

Mattia nasce a Modena l’1.11.1987. Cresce sin da piccolo in un ambiente musicale che gli permette di coltivare sin da subito la passione per la composizione di brani e testi come autodidatta. Passione che resta segreta sino alla fine del suo percorso di studi in giurisprudenza. Dentro di lui coesistono infatti due anime, quella razionale ereditata dai genitori avvocati nonché dagli studi seguiti e quella passionale emotiva ereditata da due nonni- artisti di fama internazionale, Mirella Freni (cantante d’opera che ha calcato per 50 anni palchi come Scala di Milano e Metropolitan di NY) e Leone Magiera (pianista, musicista, ex direttore di diversi teatri tra cui la Scala, e maestro dei prodigiosi modenesi Freni e Pavarotti). E sarà proprio la nonna Mirella a credere nel talento del nipote e a supportarlo negli studi musicali. 

A marzo 2017 passa le selezioni per partecipare al corso Masterclass nella scuola di musica pop presso Operastudio di Patrizia Orciani e Virginio Fedeli (manager di Andrea Bocelli e altri cantanti di fama internazionale), dove ha la fortuna di collaborare per una prima redazione dei suoi brani con il celebre maestro Federico Capranica e l’insegnante di canto Elisabetta Nesca. 

Gli studi nella scuola proseguono con diversi insegnanti, tra cui Eleonora Lombardo e Nicole Di Patrizio. Tra i concorsi cui ha partecipato vi sono le semifinali di vmf live (semifinalista) e del Torino Music contest (semifinalista). Tra gli incontri più significativi, quello organizzato dai titolari della scuola con il produttore Michele Torpedine (Giorgia, Zucchero, Il Volo), che ha apprezzato il singolo labirinti umani e il brano resta come sei ed esortato Mattia a continuare a scrivere canzoni. 

Nel 2018 si dedica completamente alla produzione del suo album, in parallelo con l’attività professionale che gestisce a Modena insieme alla sorella Gaia. 

Il suo primo singolo di debutto, Labirinti umani, raggiunge migliaia di ascolti e streaming musicali entrando nella Indie Music Like raggiungendo la posizione 87/250. 

 

FORMAZIONE

2006 – Diploma liceo scientifico

2013 – Laurea magistrale in giurisprudenza 110 lode

 

AUDIZIONI SUPERATE

2017 – Master Pop Academy c/o Opera studio School di Virginio Fedeli docenti Elisabetta Nesca e Federico Capranica. 

2018 – semifinalista VMF live

2018 – semifinalista Torino Music Contest

 

Contatti e social

Facebook: https://www.facebook.com/mattimattomusic/

 Instagram: https://www.instagram.com/mattimattomusic/

 Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCs22C024JMus7HnfIOE7qlg?view_as=subscriber

No Comments
Eventi

iSchool celebra il Capodanno Cinese 2020


Wushu (arti marziali), Guzheng (arpa cinese), Baozi (dolcetti fusion): la Cina non è mai stata così vicina. iSchool omaggia la festa più importante dello Stato del dragone con una giornata dedicata al Capodanno cinese 2020. Appuntamento sabato 25 gennaio in via Monte Grappa 3 a Bergamo, dalle 10.00 alle 16.00, con tante attività per grandi e piccini, mentre, venerdì 24 e sabato 25, full immersion nella cucina orientale in Taste, il ristorante didattico dell’istituto alberghiero di iSchool (via T. Tasso 49/A Bergamo)

Il nome ufficiale del Capodanno cinese è Festa di Primavera – anche se avviene nel cuore dell’inverno – ed è da sempre contraddistinta da un animale che per il 2020 è il Topo, simbolo di saggezza, ma anche di scaltrezza e di grandi capacità comunicative. Nell’oroscopo cinese, infatti, il topo è il primo segno dello Zodiaco perché secondo la leggenda fu il primo a presentarsi davanti al Buddha prima della sua morte, riuscendo con grande furbizia a portarsi avanti agli altri, saltando sulla schiena del bue. Suggestivo, vero?

E saranno molte altre le storie e le curiosità che saranno svelate durante il Capodanno cinese di iSchool Circle, scuola da sempre vicina al gigante d’Oriente. Si pensi, ad esempio, che l’insegnamento della lingua cinese è parte integrante del programma della scuola primaria. L’evento sarà infatti un’occasione anche per conoscere più da vicino i metodi di insegnamento e la didattica innovativa della scuola paritaria, circondati da un’atmosfera straordinaria.

Lungo tutto il Sentierone risplenderanno le tipiche lanterne cinesi e dalle ore 10 avrà inizio la prima parte della giornata, durante la quale bambini e ragazzi saranno guidati da personale cinese e dalle maestre di iSchool Circle alla scoperta di attività, eventi, tradizioni con tanto di Danza del Dragone a cura dell’Associazione Cinese di Bergamo (ore 10.30). I partecipanti potranno imparare a scrivere i caratteri cinesi, creare decorazioni per l’anno del topo, apprendere l’arte del ritaglio, sperimentare l’uso delle bacchette, cimentarsi con la disciplina delle arti marziali e con la preparazione dei tipici ravioli, avvicinarsi alla dolce melodia dell’arpa e alla danza del ventaglio.

A seguire, dopo un buffet tipicamente ispirato alla cucina cinese, dalle 14 alle 16, sarà tempo di “Italy meets China”: ovvero, mani in pasta per creare i famosi Baozi o Bao, tradizionali dolcetti in stile fusion, grazie alla creatività dei giovani studenti dell’indirizzo alberghiero di iSchool: i Doushabao, ripieni di crema alla nocciola e i Naihaungbao, ripieni di crema pasticcera.

Infine, per i più grandi, la serata proseguirà in Taste. Venerdì 24 e sabato 25, infatti, il ristorante didattico di iSchool presenta un menu a tema curato dagli studenti dell’Istituto Alberghiero con: tè, verdure fermentate, risotto alla cantonese destrutturato, jiaozi ripieni di carne di maiale, mela e salsa di soia, mazzancolle in pasta kataifi, ananas e spinacino, per poi concludere con millefoglie di vaniglia, lemongrass e pepe verde. Una proposta a cavallo tra Oriente e Occidente per conoscere un Paese che non smette mai di stupire, anche a tavola.

Per prenotazioni sito internet https://taste.ischool.bg.it

 

No Comments
Comunicati

Strategia e tattica nella gestione del personale

Comunicato Stampa

Strategia e tattica nella gestione del personale

Un corso a Brescia il 20 febbraio 2020 chiarisce l’importanza di una gestione strategica del personale e fornisce strumenti per attuarla con l’obiettivo chiave di inserire e trattenere nell’organizzazione i talenti.

 

L’ambiente lavorativo, il benessere dei suoi lavoratori e l’efficacia e produttività delle stesse organizzazioni dipendono anche dalla presenza di un’adeguata gestione del personale, una gestione che favorisca la presenza nell’azienda di risorse umane competenti e motivate.

Per avere questi risultati è necessario che ogni organizzazione, riguardo alla gestione del personale, sviluppi idonee strategie e tattiche con l’obiettivo di inserire e trattenere nell’azienda le persone più valide.

 

Quali sono le strategie di gestione migliori? Come inserire e coltivare i talenti? Come motivare adeguatamente il personale? Come valutare le prestazioni e il potenziale dei lavoratori?

 

Le migliori strategie e tattiche nella gestione del personale

Per aiutare le aziende a gestire idoneamente il personale l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) organizza per il 20 febbraio 2020 a Brescia un corso di 8 ore in presenza dal titolo “Strategia e tattica nella gestione del personale”.

Il corso è finalizzato a chiarire l’importanza di una gestione strategica del personale e in che modo si può attuare, tenendo presente l’obiettivo chiave di inserire e trattenere nell’organizzazione i talenti.

Durante il percorso formativo si tratterà dell’importanza della definizione di ruolo, della sua delineazione e della dichiarazione dei confini del ruolo stesso. Si chiarirà la differenza tra manager e leader e si andranno a individuare gli elementi di continuità e gli strumenti principali.

 

Come aiutare e stimolare il personale a lavorare meglio

È evidente che, in relazione alla complessità della gestione del personale, le persone che hanno ruoli gestionali devono possedere e sviluppare una serie di caratteristiche. Ad esempio, oltre che essere dotate di intelligenza emotiva e una solida preparazione, devono avere precise abilità di leadership e di management e padroneggiare i principali e più efficaci strumenti di gestione delle risorse umane.

Infatti nella gestione del personale non è sufficiente trovare i talenti, le persone giuste per l’organizzazione, ma è necessario monitorare costantemente che siano messe nella condizione di operare in modo efficiente, aggiornate, motivate e guidate verso chiari obiettivi organizzativi.

Senza dimenticare che le competenze che oggi sono adeguate, domani potrebbero essere obsolete. E che per valutare e stimolare il personale al lavorare bene sono necessari ulteriori strumenti di gestione come la formazione, il coaching, la valutazione del potenziale e la valutazione delle prestazioni.

 

Gli argomenti del corso e le informazioni per iscriversi

Il corso ““Strategia e tattica nella gestione del personale”, organizzato dall’Associazione AiFOS, si terrà il 20 febbraio 2020 a Brescia – dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00 – a Brescia presso Aifos Service in via Branze n. 45.

Il percorso formativo è rivolto ai manager HSE, gli RSPP/ASPP, gli specialisti nell’area HR, i consulenti e formatori che operano nel mondo delle imprese, nonché tutti coloro che intendono approfondire e conoscere i temi connessi con l’organizzazione e la gestione delle risorse umane.

 

Durante il corso verranno affrontati i seguenti argomenti:

  • Che cosa significa la gestione strategica del personale e perché è importante
  • Saper definire obiettivi, gestirli, raggiungerli e farli raggiungere dai collaboratori
  • La gestione del proprio ruolo all’interno dell’organizzazione: confini, limiti e opportunità
  • Valutazione della prestazione, del potenziale e utilizzo del feedback
  • Management e leadership

 

La partecipazione al corso vale come 6 ore di aggiornamento per RSPP/ASPP e Coordinatori alla sicurezza e 6 ore di aggiornamento per formatori qualificati prima area tematica. Il corso è valido anche ai fini della formazione specifica prevista per il Manager HSE (UNI 11720:2018 – area organizzativa e gestionale) e ai fini della formazione necessaria per l’iscrizione al Registro Consulenti AiFOS (Legge 4/2013).

 

Per avere ulteriori dettagli sul corso e iscriversi, è possibile utilizzare questo link: https://aifos.org/home/formazione/corsi-qualificati/organizzazione-benessere/organizzazione-benessere/strategia_e_tattica_nella_gestione_del_personale

 

Per informazioni e iscrizioni:

Sede nazionale AiFOS – via Branze, 45 – 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia – tel.030.6595035 – fax 030.6595040 www.aifos.it  – [email protected][email protected]

 

 

23 gennaio 2020

 

 

Ufficio Stampa di AiFOS

[email protected]

http://www.aifos.it/

No Comments
Eventi Salute e Benessere

Anytime Fitness inaugura a Legnano tra masterclass, live performance e dj set

  • By
  • 23 Gennaio 2020


Il 2020 si apre con una nuova inaugurazione per Anytime Fitness, la catena di franchising del fitness più grande al mondoVenerdì 24 gennaio, a partire dalle ore 18.00, il club di Legnano apre le porte della sede di via Saronnese 46/50 per l’evento di inaugurazione.

Il Grand Opening della palestra, aperto a tutti, sarà l’occasione per far conoscere la realtà di Anytime Fitness: la catena di palestre, nata nel 2002 negli Stati Uniti dietro l’intuizione dei consulenti Chuck Runyon e Dave Mortensen, è ora presente in tutti i continenti e grazie alla sua formula rivoluzionaria ha trovato anche in Italia terreno fertile, aprendo in soli tre anni già 19 club.

La dinamicità che caratterizza Anytime Fitness sarà tangibile in tutti gli elementi del programma dell’inaugurazione di venerdì 24: i partecipanti potranno provare dal vivo i molteplici corsi, adatti a chi già si muove nel mondo del fitness ma anche ai più curiosi, desiderosi di cimentarsi in nuove discipline. Diverse le masterclass previste: si partirà con la Funxtion Masterclass, il metodo virtuale che non lascia mai soli gli iscritti grazie al supporto dell’innovativo allenatore virtuale Funxtion, attraverso un totem touchscreen di ultima generazione.

Si proseguirà poi con Zumba, che utilizza i ritmi e i movimenti della musica afrocaraibica, combinati con i movimenti tradizionali dell’aerobica, e con il Body Combat, l’attività che unisce le arti marziali e gli sport di contatto per un’attività aerobica indimenticabile.

Ma non solo. Alle dimostrazioni pratiche, utili per osservare i professionisti “sul campo”, si alterneranno diversi momenti ricreativi grazie alla presenza della B. Crew Dance Academy, specializzata in Hip-Hop, Bollywood, Zumba, che diletterà i partecipanti con una Welcome Performance indimenticabile. Dopo di loro, sarà invece la volta del gruppo internazionale Da Move che si cimenteranno in una Free-Style Exhibition mostrando le doti loro doti artistiche ed acrobatiche.

Il tradizionale taglio del nastro, seguito da rinfresco, darà poi il via ufficialmente all’evento di inaugurazione. Seguirà un dj-set all’insegna della musica e del divertimento.

Il club di Legnano, come gli altri club 18 sparsi in tutto il territorio, è aperto 24 h su 24, 365 giorni l’anno, festività incluse. Ogni centro è pensato affinché tutti, ad ogni età, possano trovare la risposta più efficace all’allenamento di cui hanno bisogno. Entrare a far parte di un centro Anytime Fitness significa, infatti, accedere ad un ambiente accogliente ed entrare a far parte di una community globale.

I corsi in programma nel club spaziano dal mondo aerobico a quello anaerobico: da zumba e total body alla ginnastica dolce e posturale. E anche per l’allenamento a corpo libero sono a disposizione attrezzatture innovative: dalle palle mediche agli elastici a muro, dalle corde ai sacchi boxe, dalle battle ropes al rack multifunzionale. Supporti indispensabili per allenare tutti i muscoli del corpo, da soli o in compagnia.

Il fiore all’occhiello delle palestre Anytime Fitness restano, sempre e dovunque, i macchinari ultramoderni che regalano una fitness experience altamente coinvolgente ed interattiva. Ma non solo. Grazie all’app – ad uso esclusivo dei soci – è possibile inserire i dati personali e programmare il proprio allenamento avendo a disposizione video, esercizi, recuperi suggeriti e l’archivio degli allenamenti già svolti. Un database personale con cui sia il corsista che il personal trainer possono sempre monitorare i progressi fatti ed interagire fra loro.

Inoltre, grazie alla chiavetta magnetica che viene consegnata al momento dell’iscrizione, ogni iscritto può accedere a ogni centro nel mondo, in qualunque momento.

«Siamo molto felici di poter condividere questo momento con la cittadinanza: teniamo molto al club di Legnano e all’idea di comunità che si sviluppa all’interno di tutti i centri Anytime Fitness, e l’inaugurazione del 24 gennaio segna una tappa ulteriore per il nostro consolidamento sul territorio» – commenta il COO Roberto Ronchi.

IL MODELLO ANYTIME FITNESS

Anytime Fitness è il più grande franchising del fitness al mondo. Nato negli USA nel 2002, conta oltre 4.500 club in 37 Paesi – dal Canada al Giappone, dal Qatar all’Australia, dal Regno Unito al Cile – con più di 4 milioni di iscritti. In Italia è arrivato nel 2016, per volere di Domenic Mercuri e Rino Centrella, co-fondatori di Anytime Italia s.r.l, a cui si è aggiunto successivamente il terzo socio, Daniel Pagnoni. Nel giro di tre anni hanno già avviato ben 19 club lungo tutto lo Stivale. Il successo del modello proposto da Anytime Fitness è testimoniato anche da importanti riconoscimenti come il conseguimento, nel 2014 e per le tre edizioni successive, del primo posto  nella classifica “Entrepreneur Franchising 500”, che ogni anno premia il “Miglior Franchising nel Mondo” per solidità finanziaria e tasso di crescita.

No Comments
Comunicati

ELE O’NAIK “LIBERI” feat. GIADA RUSSO il cantautore torinese lancia un nuovo singolo sui sentimenti contrastanti derivati dalla fine di una storia d’amore


L’ intima pop ballade si arricchisce della dolcezza vocale donata dall’interpretazione della cantante pugliese.

«Nel momento in cui è stato scritto il testo, il mio stato d’animo era confuso, c’era dentro di me quella voglia di ritrovare affianco una persona che mancava nella mia vita quotidiana, di sentire quella voce che ti distoglie dai problemi giornalieri e che ti fa pensare ad altro». ELE O’NAIK

Il singolo racconta la storia di due ragazzi che per varie ragioni hanno dovuto prendere la decisione di lasciarsi e di percorrere ognuno la propria strada. Entrambi i protagonisti rimpiangono la scelta che hanno fatto di interrompere i loro rapporti e spesso nel testo viene ricordata la bellezza e il feeling che c’era tra i due durante la loro storia. I due ragazzi si cercheranno sempre in mezzo ai loro ricordi, rimanendo consapevoli del fatto per cui nessuna storia che avranno in futuro sarà bella come la loro e che forse, proprio in quel futuro, un giorno si rincontreranno. 

 

 

Autoproduzione

Radio date: 18 ottobre 2019 

 

BIO

Ele O’Naik ha cominciato ad appassionarsi di musica quando, circa all’ età di 10 anni, sua mamma ha iniziato a cantare musica Gospel presso un gruppo di Torino.

Inizialmente orientato verso scena rap italiana, nel 2015 ha cominciato a prendere lezioni di canto avendo capito che il pop poteva essere una buona valvola di sfogo per riuscire a esprimere in maniera più ottimale la sua passione e le sue emozioni. A fine estate del 2018, grazie all’aiuto della sua famiglia e dei suoi amici, supera un periodo di crisi e di stallo e capisce che ha ancora voglia di tornare a esprimersi musicalmente.  Da lì non ha più smesso. Arriva il 18 ottobre in tutte le radio 2019 il singolo “Liberi”. 

 

Contatti e social

Facebook: https://www.facebook.com/EleONaik

Instagram:  https://www.instagram.com/ele_onaik/

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCigYCaDCiJxVPl3NjluUIqA?view_as=subscriber

Spotify: https://open.spotify.com/artist/07pD7iPJ1i9E9Z8FpwEEvB

No Comments
Comunicati

SOSSIO BANDA “L’AVARO” è il primo singolo estratto dall’album “Ceppecàt” che celebra 10 anni di carriera della band pugliese

L’egoismo dei sentimenti nei confronti dei più deboli e del diverso, dettato dalla paura e dalla propaganda di alcune fazioni politiche, prende forma nel vizio capitale dell’Avarizia, protagonista assoluto di un brano dal sapore mediterraneo.

 L’Avaro è il singolo apripista di “Ceppeccàt”, il concept album della SOSSIO BANDA il cui tema principale è il vizio legato ai sette peccati capitali. L’uomo afflitto da questo vizio è un personaggio strano e ambiguo, che vive perennemente un conflitto interiore burrascoso, diviso tra la gioia e la smania di possedere e il timore di perdere se stesso le ricchezze accumulate. Spesso conduce una vita da miserabile per poi morire da ricco e lasciare che gli eredi godano dei suoi averi; rimanda sempre a domani quello che potrebbe fare e spendere oggi, poiché per lui il distacco dalle proprie cose è sinonimo di sofferenza e malessere.  La morte è in assoluto il momento più drammatico e devastante della sua esistenza: rappresenta la separazione definitiva dal sé, ma sarebbe al tempo stesso, il punto di massima libertà e gioia in cui vengono rotte le catene dell’egoismo e della paura; “se solo sapesse che un domani non c’è”, realizzerebbe tutti i propri sogni.  Paradossalmente non sempre l’avaro è una persona ricca e benestante; spesso appartiene al ceto medio-basso che afflitto dall’angoscia di perdere, oltre che ricchezze anche identità, libertà, lavoro e diritti, pensa erroneamente che “il non dare” agli altri, anche in termini di affetto e sentimenti significa in qualche modo proteggersi e difendersi, ed è su questo che molta propaganda politica degli ultimi anni ha fatto leva per ampliare il proprio consenso.

 

Ceppeccàt analizza l’uomo moderno attraverso i suoi peccati, mettendone in luce tutte le contraddizioni che lo caratterizzano e le conseguenze talvolta disastrose, che scaturiscono allorquando le scelte economiche, politiche e sociali della razza umana sono dettate e pilotate dai vizi. La caratteristica che contraddistingue da sempre il sound della Sossio Banda è l’utilizzo di strumenti appartenenti alla tradizione come tamburi a cornice, ciaramelle, bena, fisarmonica, chitarra e mandola, in una veste più moderna dal punto di vista armonico, melodico e ritmico. Ampio spazio nel disco sarà dato alla sezione dei fiati (sax alto, tenore e baritono, tromba e flicorno, trombone e clarinetto) tipici delle Bande pugliesi, conosciute e apprezzate in tutto il mondo e fiore all’occhiello della regione; a loro sarà affidato il compito di produrre nuove melodie e armonie dal sapore mediterraneo e balcanico e quindi inevitabilmente legate nel sound alla Puglia, storicamente e culturalmente terra di sintesi e sviluppo delle stesse. Il collante di questo variegato organico sarà la splendida voce di Loredana Savino, da sempre Lead Voice del gruppo. 

 

Radio date: 5 novembre 2019

Pubblicazione album: novembre 2019

Etichetta: ITALYSONA

Progetto prodotto grazie al sostegno di Puglia Sounds Record 2019

 

BIO

Formazione di sei musicisti professionisti guidata e fondata nel 2008 a Gravina in Puglia (Ba), dal sassofonista e compositore Francesco Sossio Sacchetti. La loro musica nasce da sonorità dell’Alta Murgia pugliese contaminate da molteplici ritmi e suggestioni, attraverso l’utilizzo di strumenti tradizionali e contemporanei. Il repertorio comprende brani inediti e pezzi della tradizione pugliese rivisitati e riproposti con sensibilità moderna, caratterizzati da un sound originale e innovativo.  Formazione musicale unanimemente apprezzata da critica e pubblico, la Sossio Banda è un gruppo di musica mediterranea, antica e meticcia allo stesso tempo. Il Mediterraneo, il mare in mezzo alle terre, da sempre separa i continenti e insieme unisce nel suo grembo le civiltà che sono nate sulle sue sponde. Nel Mediterraneo i punti cardinali si sono incrociati e la frontiera è sempre stata la casa dei popoli rivieraschi. Ma le frontiere per cosa sono fatte se non per essere varcate?La Sossio Banda ritrova lo spirito di esplorazione della cultura musicale mediterranea, ereditato da questo continuo guardare, scambiarsi, confrontarsi fra le diverse coste del mare. La musica murgiana, il suono di terra e aria che ha fatto crescere la Sossio Banda, diventa il passaporto per un viaggio diverso da tutti gli altri… attorno al Mediterraneo, puntando la prua oltre alle Colonne d’Ercole.

PREMI E RICONOSCIMENTI

2015 – Vincitori Primo Premio Etnie Musicali – Festival del Saltarello

– il brano “Schieve senza padrune” selezionato da TV Sorrisi e Canzoni per la compilation Pizzica la Taranta

2014 – Targhe Tenco 2014: Candidatura dell’album Sugne nella sezione Miglior album in dialetto

– Musicultura 2014: Premio Un certain regard

– Il brano Sugne selezionato da PugliaSounds per la compilation 2014 dedicata alla world music

– Il brano “Figghie mi” selezionato da TV Sorrisi e Canzoni per la compilation Pizzica la Taranta

2012 – Vincitori Premio Umbria Folk Festival

2010 Premio Innovazione e Ricerca al Castel Raniero Folk Festival; 

– Primi classificati al Premio Andriese di Musica giovane

2009 – Primi classificati al Premio Andrea Parodi per la World Music italiana  

– Vincitori Folkontest

2008 Vincitori Premio ANCI “Memorie e Musiche comuni”

 

DISCOGRAFIA

DISCO “SUGNE” (2013), prodotto da Sacchetti Francesco Sossio – Aps muretti a secco (Gravina in Puglia) e Flaminio Cozzaglio per Histricks produzioni (Roma); Edizioni “La Contemporanea srl” (Roma); distribuzione La Contemporanea – copie vendute 2500; 

Contatti e social

 

SITO WEB

www.sossiobanda.it/

FACEBOOK

www.facebook.com/sossiobanda/?ref=bookmarks

INSTAGRAM

www.instagram.com/sossiobanda/

Il brano e il disco si possono trovare in tutti i Digital store, su Amazon e Audioglobe

No Comments