Cosa si intende per intensità del caffè?

L’intensità del caffè non è altro che una classificazione che viene utilizzata per conoscere il grado aromatico e olfattivo di ogni varietà di caffè. È un modo semplice per classificare come il palato e l’olfatto percepiscano sia il gusto che l’aroma di un caffè, e quindi stabilire una scala di intensità per facilitare la scelta ad ogni amante del caffè.

Nel caso delle cialde caffè Borbone ad esempio, troviamo caffè dal gusto più leggero e delicato, a media intensità così come i caffè corposi e dall’aroma vellutato.

Puoi usare questo metro di paragone per orientarti tra le diverse varietà di caffè e trovare la giusta intensità di cui hai bisogno in ogni momento. Forse al mattino preferisci caffè con un’intensità più marcata, ideale per affrontare la giornata con energia, e magari preferisci riservare le note fruttate e l’intensità più moderata per il pomeriggio. Bene, con le cialde caffè compatibili puoi concederti queste piccole parentesi di piacere ogni volta che vuoi.

Caffè più o meno intenso, da cosa dipende?

L’intensità del caffè è un concetto che viene forgiato durante tutto il processo di produzione del caffè: dalla piantagione, attraverso la macinatura o la tostatura, fino al processo di infusione. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che sono fondamentali per ottenere un caffè più o meno intenso. Eccoli di seguito:

Il tipo di caffè

La tostatura leggera è ciò che influisce meno sull’intensità originale dei chicchi di caffè. Pertanto, un caffè leggermente tostato manterrà maggiormente la sua intensità, dunque il gusto e l’aroma, rispetto ad un caffè che viene sottoposto ad una tostatura più intensa.

Grado di macinazione

Macinando il caffè in un modo o nell’altro, determiniamo anche la sua intensità. Pertanto, quando un caffè viene macinato grossolanamente, cioè lasciando il caffè solo leggermente macinato, il passaggio dell’acqua diventa più rapido ed in questa maniera non acquisisce del tutto le proprietà del chicco di caffè e della sua essenza. Questo tipo di macinatura produce un caffè più morbido ma meno intenso, perché l’acqua non ha dunque avuto il tempo necessario per assorbire tutte le sue proprietà organiche.

D’altra parte, se siamo in presenza di una macinatura fine, vale a dire il caffè è stato macinato molto al punto tale che se lo tocchiamo si attacca alla punte delle dita, l’acqua impiegherà più tempo a passare a causa del densità della polvere, e quindi la miscela risultante sarà maggiormente impregnata di caffè e di tutta la sua sostanza, producendo un caffè più aromatizzato.

I commenti sono chiusi