Quando sostituire lo scaldabagno di casa

Stai pensando di sostituire lo scaldabagno di casa tua? Beh, forse è davvero giunto il momento di effettuare il cambio, specie se ha intorno ai 15/20 anni di vita, ma non è sempre detto. Il consiglio di un tecnico specializzato è fondamentale, in questi casi, perché può indicarti con precisione se e quando sia il momento di optare per la sostituzione dell’apparecchio o se si può risolvere con una riparazione.

Quanto è lunga vita di uno scaldabagno?

La risposta è: dipende. Dipende da molte variabili, prima fra le quali è la qualità dello scaldino, perché un apparecchio di scarsa qualità è abbastanza ovvio che duri meno. C’è poi da mettere in conto la frequenza della manutenzione operata: il segreto per allungare la vita al proprio scaldabagno è quello di non saltare mai un appuntamento con il proprio tecnico di fiducia e di provvedere regolarmente alla revisione dell’impianto, così come provvedere tempestivamente ad eventuali lavorazioni che è necessario compiere.

In linea generale, però, possiamo dire che la vita media di uno scaldacqua si aggira fra i 10 e i 20 anni.

Come capire quando va fatta la sostituzione dello scaldabagno

Se esegui regolarmente la manutenzione dello scaldabagno, il tuo tecnico saprà dirti con precisione quali siano le operazioni da compiere. In alcuni casi, potrebbe rendersi necessaria una semplice lavorazione per far durare ancora qualche anno l’apparecchio.

I campanelli d’allarme più significativi che indicano che lo scaldino è davvero giunto al termine della sua vita sono relativi ai consumi in bolletta e alla frequenza delle riparazioni, nonché ad eventuali cali drastici di performance dell’apparecchio.

Si ringrazia per la consulenza di quest’articolo il centro assistenza caldaie Vaillant di Roma, Kalorplus.

I commenti sono chiusi