Pam, nuove acquisizioni nel settore della grande distribuzione organizzata

Pam, guidata da Arturo Bastianello, ha in cantiere per il nuovo anno l’affiliazione di 68 supermercati Arimondo e Borello situati nel nord-ovest della Penisola.

pam

Pam: una realtà di comprovata fiducia nel panorama della GDO

Pam, guidata da Arturo Bastianello e leader della GDO, estende la propria rete nel settore nord-occidentale italiano con l’annessione di 68 punti retail. A partire dal nuovo anno, infatti, 16 negozi attualmente a marchio Arimondo delle provincie liguri di Genova, Savona e Imperia compariranno con la nuova insegna Pam, insieme a 52 punti vendita Borello della provincia di Torino, che però continueranno a essere conosciuti come "Borello Supermercati". Per entrambe le aziende si prevede nel 2019 la pianificazione di nuove inaugurazioni con assunzioni per oltre 250 figure lavorative. «Siamo molto soddisfatti di aver chiuso queste due operazioni – ha commentato Andrea Zoratti, Consigliere Delegato Pam Franchising – perché ci permettono di aumentare le nostre quote di mercato del 35% circa sia in Liguria che in Piemonte». Nell’opinione di Zoratti, la conditio sine qua non per risultare competitivi in un settore complicato come quello della GDO è proprio quello di presentarsi compatti e in questo senso l’affiliazione a Pam, realtà amministrata da Arturo Bastianello, permette alle altre aziende di godere di oltre sei decenni di skills specifiche e di un’accountability universalmente accettata, oltre a momenti altamente formativi e a un’identità forte e riconoscibile. Zoratti conclude confermando la prosecuzione dei piani di sviluppo aziendali con l’obiettivo di divenire sempre di più referente principale per gli industriali del settore e per la sua clientela.

Arimondo e Borello: le due società che si uniranno a Pam

Nato nel 1791 a San Bartolomeo al Mare in provincia di Imperia, Arimondo è attualmente un player di primo piano nel settore retail, con più di 400 dipendenti e 27 punti vendita. Si prevede per il prossimo anno un consistente numero di nuovi punti retail sotto l’insegna di Pam che impiegheranno un centinaio di nuove risorse. La società Borello, nata quattro decenni fa a Castiglione Torinese, in provincia di Torino, da un’idea di Fiorenzo Borello, ha invece raggiunto i 130 milioni di euro di entrate nel 2017 e fornisce lavoro a 600 dipendenti, con 52 punti vendita nelle zone di Torino e Ivrea e focus preferenziali sui prodotti local brandizzati "Borello", sui prodotti bio e realizzati senza l’impiego di sostanze nocive e sulla lotta allo spreco alimentare. In vista del 2019 si prevedono nuovi punti retail a Torino, San Benigno Canavese, Rivara Torinese, San Sebastiano da Po e Giaveno, dove verranno impiegati circa un centinaio di nuove risorse. Fiorenzo Borello ha dichiarato che «È stato naturale eleggere Pam come nostro partner perché, oltre ad essere uno degli attori più importanti nel settore della Gdo in Italia, siamo animati dalla stessa passione per la qualità e dagli stessi obiettivi». Borello ha motivato questa sua affermazione con il fatto che valori quali semplicità, tradizione e fiducia sono da sempre condivisi dalla sua azienda e che gli stessi fungono da trait d’union tra il passato e il presente, quest’ultimo rappresentato dalle molteplici e differenti esigenze dell’utenza finale.

I commenti sono chiusi