Home » Comunicati » ANNEMARIE AMBROSOLI: LA SUA ARTE “EN PLAIN AIR”, IN BELLA MOSTRA A SPOLETO ARTE.

ANNEMARIE AMBROSOLI: LA SUA ARTE “EN PLAIN AIR”, IN BELLA MOSTRA A SPOLETO ARTE.

Grande attesa per “Spoleto Arte” le mostre curate dal professor Vittorio Sgarbi e organizzate dal manager Salvo Nugnes di Promoter Arte, nel contesto esclusivo di Palazzo Leti Sansi, in Piazza del Mercato, in posizione centralissima nel cuore di Spoleto. L’evento di prestigio si svolgerà dal 27 Giugno al 24 Luglio 2014. Nel selezionato novero degli artisti in esposizione si inserisce Annemarie Ambrosoli, con i suoi coreografici dipinti.

 

 

 

Il percorso artistico dell’Ambrosoli è stato segnato dai maestri dell’impressionismo, del postimpressionismo e dal fauvismo. Nella solida formazione hanno acquisito grande rilevanza i soggiorni in Lombardia, Alto Adige e Austria. E’ stata seguita nel periodo giovanile da una persona di famiglia, il talentuoso zio Ercole Frigoli, paesaggista, che le ha insegnato la tecnica della pittura ad olio e le ha trasmesso l’amore per la natura e l’habitat naturale circostante. In vent’anni di approfondita ricerca e sperimentazione stilistica, il tema da lei preferito è la pittura di paesaggio “En plein air” con l’intento di approcciarne le differenti modalità esecutive, trasferendole fedelmente sulle tele, come rappresentazione autentica e dettagliata della realtà.

 

 

 

L’Ambrosoli racconta “La natura è il modello per la realizzazione di animati giochi di colore sulla tela. In primis, voglio trasmettere emozioni e sentimenti e il soggetto rappresentato passa, per così in secondo piano, seppur rivestendo una posizione importante nell’insieme pittorico”. E spiega “Gli alberi sono una tematica primaria, soprattutto durante la stagione fredda, passeggiando in cerca di motivi d’ispirazione, trovo nei loro rami dei movimenti conosciuti, che riescono ad infondermi emozioni, che poi imprimo e trasferisco nelle opere”.

 

 

 

Si diletta anche nella creazione di “Insiemi – Ensembles” intesi non come elementi singoli del paesaggio, ma come combinazione di più elementi diversi, per comporli ad intreccio e rispecchiare la storia e l’interazione tra uomo e ambiente, caratterizzando l’identità di un luogo o di una regione. L’Ambrosoli dice “I paesaggi, gli insediamenti e i centri abitati sono in continua e rapida trasformazione, con il rischio di omologazione e perdita di eterogeneità. I miei lavori pongono l’accento su questo aspetto focale”.

 

 

 

Altro filone a lei caro è quello dei “Nudi e ritratti”. Non emerge soltanto la raffigurazione del viso, ma si evince la personalità del modello riportato nel quadro. L’Ambrosoli sottolinea “Nei nudi, come insegnano i pittori impressionisti Renoir, Manet, Degas, non è la sola rappresentazione del corpo di interesse, ma l’essere individuo, i suoi sentimenti, le emozioni, i sogni, le paure, le speranze”.

 

 

 

 

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma