Home » Comunicati » ADOLESCETI E SOCIAL NETWORK

ADOLESCETI E SOCIAL NETWORK

ADOLESCETI E SOCIAL NETWORK: il nuovo binomio del terzo millennio, un universo variegato e sconfinato di comportamenti e convinzioni che alimentano quotidianamente il “lato oscuro” delle tecnologie.

“Navigare” in Internet può essere pericoloso per chi non è abituato, per chi lo vuole scoprire e per chi, come i bambini, si avvicina per le prime volte al computer e al web.

Cybercrime, Cyberdstalking, Pedopornografia, Omofobia, Cyberbullismo sono  temi scottanti per le Famiglie, per gli Insegnanti e per tutti gli Operatori Sociali di cui l’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare® si è preso responsabilità istituendo un gruppo di lavoro dedicato.

Sabato 18 e Domenica 19 gennaio, nell’ambito del primo Corso Intensivo per Esperti in Adolescenza e Social Network, interverranno Dott. Domenico Antonio Scali – Dirigente Superiore della Polizia di Stato, dirigente del Centro Polifunzionale della Polizia di Stato, Dott. Marco Valerio Cervellini – Sostituto Commissario della Polizia di Stato, in servizio presso la Polizia Postale e delle Comunicazioni, Prof.ssa Stefania Petrera – Pedagogista, Giudice Onorario presso la Sezione Minori della Corte d’Appello di Roma, Dott.ssa Daniela Scarpetta – Pedagogista Familiare, Assistente Capo della Polizia di Stato, Questura di Roma, Squadra Mobile, Ufficio Minori, Cons. Donatella Cerè – Avvocato del Foro di Roma, Esperta in Diritto Minorile e Diritto di Famiglia, Membro del Comitato Tecnico di Valutazione INPEF, Prof.ssa Vincenza Palmieri – Presidente INPEF, Psicologa, Pedagogista, Mediatore Familiare, Consulente Tecnico di Parte, Scrittore, Dott.ssa Adele CagnettaEducatrice, Casa Famiglia Capitano Ultimo.

La Rete sembra aver avviato una sorta di “democratizzazione” sia del crimine sia delle motivazioni per cui viene commesso. E, spesso, come nel caso di situazioni gravi in cui sono coinvolti minori (vedi il caso delle baby squillo, del bullismo in rete, della pedopornografia, ecc…), essa da una parte favorisce, dall’altra nasconde, annullando la percezione della realtà nella creazione di un mondo virtuale dove tutto è possibile, fino alla dipendenza, fino alla tragedia.

Tragedia vissuta in prima persona da  Teresa Manes, ospite dell’evento,  madre di Andrea, ragazzo “dai pantaloni rosa”, il quindicenne morto suicida, vittima di bullismo che decise di togliersi la vita impiccandosi con una sciarpa. Una vera e propria tragedia che scosse e turbò l’Italia intera. Sarà un’occasione anche per presentare il libro “Andrea, oltre il pantalone rosa”.

Altra presenza d’eccellenza, sarà la Dott.ssa Marida Lombardo Pijola, giornalista de “Il Messaggero”, scrittrice e opinionista italiana. Durante la sua carriera ha trattato argomenti riguardanti gli adolescenti, le donne ed in particolar modo le baby squillo.

Il Progetto Formativo (allargato a studenti e genitori) sarà realizzato anche nel corso dell’Anno Scolastico 2013/2014 in alcune scuole dell’intero territorio nazionale.

Perché “Adolescenti e Social Network” non è solo informazione diretta ma anche formazione e creazione di Progetti Educativi Speciali.

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma