Home » Comunicati » una visita a Grado

una visita a Grado

Lasciato il traffico vacanziero alle spalle , come per incanto ci si trova in un angolo silenzioso, circondati da pietre e marmi secolari. Come se si fosse a Venezia, si arriva attraverso un dedalo di calli e campielli, spazi rigorosamente pedonali. E’ il campo dei Patriarchi, cuore della città antica e centro della vita religiosa, sul quale si affacciano i gioielli cittadini. In un breve spazio sono raccolti il duomo, il battistero , e un po’ defilata, la basilica di santa Maria delle Grazie. Tronchi di colonne si innalzano a occidente  a ricordare che un tempo  la piazza era diversamente articolata , chiusa da mura e da file di portici. Il duomo di Sant’Eufemia , o basilica, limita a sud piazza dei Patriarchi. Fu consacrato nel 579, ma dopo numerosi adattamenti, la veste odierna risale ai lavori di restauro messi in atto fra il 1939 e il 1951. Copre il portale destro una solida torre campanaria quattrocentesca,sulla cui cuspide spicca un arcangelo segnavento  del 1462. Nell’interno a tre navate,si impongono subito all’attenzione gli stupendi mosaici pavimentali risalenti al VI secolo, che coprono un superficie di 700 mq. Alla sinistra della navata  centrale si nota l’ambone con i simboli degli evangelisti dell’XI sec. Di rilievo sono anche i plutei  del VI sec. che separano il presbiterio e la pala d’argento dell’altare maggiore, donata dai veneziani nel 1372, superbo esempio di artigianato. Due botole aperte sul pavimento permettono di osservare parti del complesso paleocristiano che ha preceduto la costruzione dell’edificio e che è stato scoperto nel 1946. Dall’estremità della navata sinistra si accede alla trichora, piccola cella dove venivano conservate le reliquie dei santi patroni Ermacora e Fortunato, discepoli di San Marco. Altri due ambienti si visitano alla fine della navata destra. Il primo detto salutatorium, vanta un ricco mosaico, il secondo è il mausoleo, anch’esso con un ben conservato pavimento musivo. Sull’abside è appeso un polittico  ligneo del ‘500. Una cassaforte e muro custodisce il tesoro, opera di oreficeria sacra antica e medievale.  hotel grado

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma