Home » Comunicati » Pinterest al servizio del web marketing turistico: il caso Jetsetter

Pinterest al servizio del web marketing turistico: il caso Jetsetter

Il web marketing turistico negli ultimi anni è diventato una risorsa importante per tutte le aziende, grandi e piccole, interessate ad aumentare, e in alcuni casi, a rafforzare la propria visibilità nel mondo del web.

Tante le possibilità di ottimizzare il traffico al proprio sito, ma non tutti gli imprenditori possiedono gli strumenti adeguati per cogliere le opportunità del 2.0.

Per essere al passo con il mondo della comunicazione che cambia repentinamente, tante le web agency che propongono corsi ad hoc per fornire un Know How specifico alle imprese. Ma quello che più ci interessa sottolineare è l’importanza del social media marketing applicato al settore turistico, in particolare facendo un piccolo focus sull’importanza del social più in voga del momento: Pinterest.

Per tutti quelli che avessero bisogno di una breve ripassata, Pinterest è un social network che focalizza il proprio appeal sulla condivisioni di immagini tra gli utenti attraverso i famigerati “boards” (bacheche), all’interno dei quali per tema o per argomento sono visibili le immagini condivise dagli iscritti. Partito in sordina, soprattutto nel nostro Paese, Pinterest è lentamente diventato uno dei social più frequentati del pianeta, forse perchè in molti hanno intuito le sue potenzialità, neanche tanto nascoste, in materia di brand image.

Ma procediamo con ordine. Una delle maggiori fonte di business per la rete è sicuramente rappresentata dal web marketing turistico, che nel corso del tempo, grazie a portali come TripAdvisor & company, che hanno ben intercettato il desiderio dell’utente di volere tutto a portata di clic, sono diventati un vero e proprio business. Che si tratti di recensioni di strutture alberghiere o di semplici consigli per le mete più cool, il web esaudisce le/i richieste/desideri del viaggiatore anche più esigente. A tal proposito le aziende che operano nel settore turistico sembrano essere tutte interessate a sfruttare al meglio questa carta virtuale. Usare Pinterest permette di poter pianificare diverse strategie di marketing tra cui: link building, viral marketing, ricerche di brand marketing e potenziamento della brand image. Tra le diverse declinazioni più efficaci di viral marketing un posto a parte lo meritano i contest, organizzati con l’unico scopo di migliorare l’engagment dei follower.

Una case history a cui prestare attenzione è quella relativa a Jetsetter, un private travel club. Jetsetter ha lanciato un concorso su Pinterest per aumentare la propria visibilità. Il concorso consisteva nel creare una board pinnando immagini di una futura destinazione possibile, usando i contenuti del sito di Jetsetter e dal web con l’hashtag #JetsetterCurator. Sono state definite 4 categorie possibili (escape, adventure, style e cosmopolitan) e il vincitore di ognuna, scelto da una giuria di prestigio, ha avuto diritto a un soggiorno di 3 notti in una destinazione pertinente con la categoria. Il partecipante con il maggior numero di follower ha vinto 1000 dollari di credito su Jetsetter, un premio che ha incentivato i concorrenti a condividere la propria board e i pin con gli amici. Il contest è stato un successo: il traffico referral al sito ufficiale da Pinterest è aumentato del 100% e i 50.000 pin complessivi hanno consentito al brand Jetsetter di raggiungere un numero molto ampio di persone nel periodo del concorso. Se dopo questa panoramica pensate che il web marketing turistico sia attrattivo quanto basta e in linea con il vostro mood aziendale, allora Pinterest è la soluzione che fa per voi, “armatevi di mouse e creatività ” per iniziare la vostra “social” avventura.

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma