Daily Archives

14 Giugno 2012

Comunicati

Cardiac Science lancia il nuovo DAE Powerheart G5


Cardiac Science lancia il nuovo DAE Powerheart G5

Cardiac Science lancia il nuovo DAE Powerheart G5

 
[2012-06-14]
 

– Il nuovo prodotto sarà disponibile nei principali mercati dell'Unione Europea

MANCHESTER, Regno Unito, 14 giugno 2012 /PRNewswire/ — Cardiac Science Corporation, leader globale nel campo dei defibrillatori automatici esterni (DAE), ha lanciato Powerheart® G5, la nuova generazione di DAE salvavita in caso di arresto cardiaco improvviso. L'arresto cardiaco improvviso si verifica quando il cuore smette improvvisamente di battere a causa di irregolarità nel proprio sistema elettrico e colpisce 700.000 persone in Europa ogni anno. Secondo i dati dello European Resuscitation Council, la maggior parte di questi casi è mortale.

Per vedere la multimedia news release clicca qui: http://www.multivu.com/mnr/54404-powerheartg5aed/

Il nuovo dispositivo di Cardiac Science, giunto alla quinta generazione, è il primo DAE che abbina guida per la rianimazione cardiopolmonare (RCP), cura personalizzata del paziente e rapida erogazione della scarica. È stato progettato per consentire sia ai soccorritori professionisti, sia a chi lo utilizza per la prima volta di fornire in tempi rapidi una terapia efficace in grado di salvare la vita di chi viene colpito da arresto cardiaco improvviso.

"Cardiac Science lavora attivamente per ridurre i decessi dovuti ad arresto cardiaco improvviso fin dall'introduzione del primo defibrillatore esterno completamente automatico", afferma Neal Long, Presidente e CEO di Cardiac Science. "Grazie alla guida intuitiva e all'erogazione automatica di una terapia personalizzata, Powerheart G5 offre alle persone colpite da arresto cardiaco improvviso migliori possibilità di outcome favorevoli".

Powerheart G5 si caratterizza per:

Facilità d'uso. Anche chi lo utilizza per la prima volta può eseguire correttamente ogni passaggio della procedura di soccorso grazie a istruzioni intuitive e alla giusta velocità e al feedback in tempo reale sulla rianimazione cardiopolmonare. La disponibilità di due lingue consente praticamente a tutti di rispondere in caso di emergenza.

Assistenza avanzata per i pazienti. Powerheart G5 valuta automaticamente le esigenze terapeutiche del paziente ed eroga una scarica personalizzata a un livello di energia adeguato. Powerheart G5 è il primo DAE a unire rapida erogazione della scarica ed erogazione personalizzata dell'energia, con una scarica post-RCP in meno di 10 secondi normalmente a un'energia superiore, per maggiori possibilità di ottenere risultati efficaci.

Affidabilità. Powerheart G5 è stato realizzato secondo standard militari e presenta il grado di protezione IP55, che ne consentono l'utilizzo in ambienti estremi e impegnativi.

Il DAE Powerheart G5 non è disponibile in tutti i Paesi. Verificarne la disponibilità a livello locale.

Informazioni su Cardiac Science
Cardiac Science, società di Opto Cardiac Care Ltd., sviluppa, produce e commercializza dispositivi e sistemi di cardiologia terapeutica e diagnostica avanzata, tra cui defibrillatori automatici esterni (DAE), dispositivi elettrocardiografici (ECG/EKG), sistemi e tapis roulant per prove da sforzo cardiologiche, postazioni di lavoro diagnostiche basate su PC, sistemi di monitoraggio Holter, defibrillatori per ospedali, monitor dei segni vitali, sistemi telemetrici di riabilitazione cardiaca e sistemi per la gestione dei dati cardiologici(informatici) che si collegano al sistema informatico ospedaliero (HIS) e ad altri sistemi informatici. L'azienda commercializza inoltre prodotti e materiali di consumo correlati e offre diversi servizi di formazione, manutenzione e assistenza. La sede direttiva di Cardiac Science, che sostituisce l'organizzazione del settore cardiologico che ha dato vita a marchi di prestigio quali Burdick®, HeartCentrix®, Powerheart® e Quinton®, è a Bothell, Washington, Stati Uniti. La nostra azienda ha clienti in circa 100 Paesi e uffici in Nord America, Europa e Asia. Per informazioni, telefonare al numero 425.402.2000 o visitare il sito Web www.PowerheartG5.com.

Contatto

Kurt Lemvigh
Cardiac Science
+44-161-926-0000
[email protected]

No Comments
Comunicati

Netcomm / Business Community: eCommerce e moda, attrazione fatale


Su Business Community, il giornale online di analisi e critica economica finanziaria e di comunicazione d’impresa, uno speciale dedicato al Netcomm eCommerce Forum, il più autorevole appuntamento dell’anno dedicato al commercio elettronico promosso da Netcomm, il consorzio del commercio elettronico italiano. Promozione dell’eCommerce italiano in Europa, Strumenti di comunicazione dei siti di eCommerce, eCommerce e moda e nuove soluzioni di ePayment, i temi trattati.

eCommerce: promuoverlo in Europa per rilanciare l’Italia

La previsione di crescita delle vendite dai siti italiani per tutto il 2012 si attesta intorno al 18%, per un fatturato stimato intorno ai 9,5 miliardi di euro.
Il mercato eCommerce italiano tiene bene la crisi e, a dispetto della sfiducia generalizzata, può al contrario rivelarsi uno dei principali motori per il rilancio del nostro Paese. Crescono dell’11% gli utenti attivi online da aprile 2011 raggiungendo quota 10 milioni negli ultimi tre mesi 2012 (fonte Human Highway), cresce il fatturato, a ritmo costante, e l’export. Ed è proprio sul gap con il resto d’Europa – in termini di alfabetizzazione digitale, acquisti online, banda larga, vendite crossborder – che le nostre imprese devono oggi misurarsi per cercare di riprendere in mano le sorti dell’economia italiana.

Questo è quanto si evince dall’analisi dei dati presentati da tutti i protagonisti della settima edizione del Netcomm eCommerce Forum 2012.

Come comunicano i siti di eCommerce?

eCircle: c’è una forte mancanza da parte delle aziende di eCommerce nello sviluppare l’engagement con i propri utenti. Campagne di email marketing personalizzate e customer centric tra gli strumenti più efficaci.

eCircle, realtà leader a livello europeo nel settore dell’email marketing e del marketing digitale cloud-based, ha annunciato i risultati dell’indagine “Come Comunicano gli eCommerce? Percezione e valutazione dei consumatori online in merito alle comunicazioni email e digital marketing inviate dai siti di eCommerce”, condotta in collaborazione con Human Highway. La ricerca ha raccolto pareri e opinioni di 1.000 utenti rappresentativi della popolazione internet italiana nel mese di marzo 2012.

Obiettivo principale dell’indagine è stato quello di comprendere quanto i cosiddetti programmi di email marketing su “ciclo di vita del cliente” – ovvero tutte le comunicazioni via email che le aziende inviano nelle diverse fasi di contatto, dal messaggio di benvenuto alla mail di buon compleanno, dal messaggio post-acquisto con suggerimenti di prodotti complementari fino alla mail con richiesta di recensire o dare un voto al prodotto acquistato – siano realmente utilizzati dalle aziende che fanno eCommerce e come questi vengono percepiti dagli utenti finali.

eCommerce e moda: attrazione fatale

Gianera (BuyVIP): Gli acquisti online sono sempre più di moda e proprio i brand che operano nel fashion stanno cogliendo le migliori soddisfazioni nell’aver scelto di vendere sul web.

Vola l’eCommerce in Italia e anche il comparto moda/abbigliamento conferma il trend positivo, come si rileva a margine del Workshop organizzato da BuyVIP, shopping club esclusivo di acquisti online nel settore moda e lifestyle. La previsione di crescita delle vendite dai siti italiani per tutto il 2012, secondo l’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm–School of Management del Politecnico di Milano, si attesta intorno al 18%, per un fatturato stimato intorno ai 9,5 miliardi di euro e il comparto abbigliamento/moda si prevede possa superare la soglia di 1 miliardo di euro per il 2012, facendo registrare il tasso di crescita più alto e diventando per la prima volta il secondo comparto dopo il turismo.

Banche ed e-merchant italiani sposano la soluzione MyBank

I principali istituti di credito e i web merchant si preparano a partecipare alla fase pilota.

EBA CLEARING ha convalidato il forte sostegno che la soluzione di e-payment MyBank ha ottenuto tra i principali operatori del mercato in Italia. La comunità italiana supporta MyBank, attraverso le più importanti banche che sostengono l’iniziativa: Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banca Popolare di Sondrio, Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane, Iccrea Banca e Banca Sella. Insieme, queste banche rappresentano oltre il 75% del mercato italiano dei pagamenti.
Esse saranno affiancate dalle principali aziende online italiane come, per esempio, Banzai.it (il più grande concentratore di shopping online in Italia), Fratelli Carli (il fornitore d’olio d’oliva con marchio “Olio Carli” leader in Italia per ordini online), IBS.it (il più grande venditore online di libri in Italia) e Il Gruppo 24 ORE (la principale organizzazione italiana dell’editoria multimediale specializzata in business, informazioni finanziarie e professionali).

Fonte: Business Community

No Comments
Comunicati

Come scaricare dei video non online? Mai stato più semplice di così.

  • By
  • 14 Giugno 2012


E’ molto semplice riuscire a scaricare video dai dei programmi, sostanzialmente dovrete installare il software uTorrent in modo che i vostri problemi inizino a svanire! Ma come far funzionare questo programma P2P? Molto semplice, bisogna avere dei Siti Torrent affidabili da cui reperire il file che desiderate maggiormente!

E’ molto semplice riuscire a scaricare video dai dei programmi, sostanzialmente dovrete installare il software uTorrent in modo che i vostri problemi inizino a svanire! Ma come far funzionare questo programma P2P? Molto semplice, bisogna avere dei Siti Torrent affidabili da cui reperire il file che desiderate maggiormente!

E’ molto semplice riuscire a scaricare video dai dei programmi, sostanzialmente dovrete installare il software uTorrent in modo che i vostri problemi inizino a svanire! Ma come far funzionare questo programma P2P? Molto semplice, bisogna avere dei Siti Torrent affidabili da cui reperire il file che desiderate maggiormente!

E’ molto semplice riuscire a scaricare video dai dei programmi, sostanzialmente dovrete installare il software uTorrent in modo che i vostri problemi inizino a svanire! Ma come far funzionare questo programma P2P? Molto semplice, bisogna avere dei Siti Torrent affidabili da cui reperire il file che desiderate maggiormente!

No Comments
Comunicati

Coral Strand Smart Choice,riapre lo storico hotel nella Baia di Beau Vallon alle Seychelles

Alle Seychelles, oltre alle spiagge paradisiache, il relax, la natura e il diving, ad aspettarti c’è anche Coral Strand Smart Choice, l’hotel che offre soggiorni comfortevoli e servizi di qualità a un prezzo accessibile. Prenotando a giugno è previsto uno sconto del 50% (costo di 45 € a persona/notte colazione inclusa).

 

Per i soggiorni di luglio e agosto, invece, l’hotel offre uno sconto del 35% sulla miglior tariffa disponibile. Le prenotazioni possono essere effettuate direttamente dal sito dell’hotel www.coralstrand.com, oppure tramite il Tour Operator TourEast, ma anche online con booking.com ed Expedia.com

Coral Strand Smart Choice offre un nuovo concetto di hotel alle Seychelles: comfort di alto livello a prezzi accessibili. L’hotel si affaccia direttamente sulla meravigliosa spiaggia Beau Vallon, tra le più belle di tutta l’isola di Mahé. E gode di una vista mozzafiato sull’Oceano Indiano. Sono ben pochi gli hotel alle Seychelles che possono vantare una posizione così paradisiaca.

Coral Strand Smart Choice è un 3 Stelle Superior che dispone di 165 camere equipaggiate di ogni comfort (140 sono standard room, 4 junior suite e 21 deluxe).

No Comments
Comunicati

Scuola Leonardo da Vinci offre il Corso “Italia Oggi”


“Italia Oggi” è un corso di lingua e cultura italiana rivolto a tutte le persone che, durante il loro soggiorno in Italia, vogliono immergersi completamente nella realtà del nostro paese, imparando la lingua e contemporaneamente approfondendo alcuni aspetti della società italiana e delle sue tradizioni, con un’attenzione particolare ai grandi cambiamenti avvenuti dalla seconda Guerra Mondiale ai nostri giorni.

 

Con questo corso gli apprendenti hanno, infatti, l’opportunità di usare le conoscenze linguistiche acquisite in precedenza e migliorarle attraverso delle lezioni, sia di gruppo che individuali, quest’ultime basate sull’approfondimento della conoscenza di alcuni aspetti della società, della politica contemporanea e della vita quotidiana italiana.

 

Il corso di italiano, della durata di due o quattro settimane, è adatto a chi ha raggiunto almeno un livello intermedio della lingua e si divide in due parti: 20 lezioni di lingua italiana in gruppo (corso standard) e 5 lezioni individuali ogni settimana.

 

Gli argomenti trattati durante le lezioni individuali sono flessibili e concordati direttamente tra l’insegnante e lo studente in base agli interessi personali di quest’ultimo.

 

Lo scopo del corso di lingua italiana è comunque l’acquisizione della lingua, anche se l’apprendimento avviene in maniera alternativa rispetto a un corso tradizionale, perché nel corso “Italia Oggi” i temi presentati durante le lezioni individuali riguardano soprattutto argomenti legati alla politica e all’economia, alla società italiana e ai suoi cambiamenti degli ultimi anni.

 

Ecco alcuni esempi:

 

–          politica e amministrazione: la storia dei partiti politici italiani, il sistema elettorale

–          la divisione amministrativa in regioni, province e comuni

–          economia: andamento economico, settori in crescita e in recessione

–          lavoro: occupazione, precariato, relazioni sindacali

–          società: la trasformazione della famiglia, i giovani, l’immigrazione

–          istruzione: il sistema scolastico

–          le differenze regionali: differenze culturali, sociali, linguistiche tra le regioni

–          la storia della mafia.

 

Gli argomenti riportati sopra sono soltanto degli esempi, essendo infatti i temi trattati flessibili possono avere anche contenuti diversi come il cinema, il teatro, la musica, ecc.

 

Gli insegnanti della Scuola Leonardo da Vincisono tutti madrelingua, laureati e dotati di una grande esperienza professionale, accompagnano lo studente alla comprensione degli argomenti presentati attraverso gli input più vari: dalla lettura di articoli di giornali o riviste, all’ascolto di programmi radiofonici, alla visione di spezzoni di film ecc.

 

L’attenzione degli insegnanti è comunque sempre rivolta allo sviluppo delle competenze linguistiche in particolar modo alle abilità comunicative del parlato e dell’ascolto, ma anche della scrittura e della lettura.

 

L’atmosfera piacevole e rilassata che si crea in classe e anche durante le lezioni individuali mette ciascuno studente in grado di interagire con tranquillità sia all’interno del gruppo sia con l’insegnante. La classe, oltre ad essere un luogo dove si apprende la lingua, diventa anche un luogo di scambio interculturale dove si possono creare piacevoli discussioni in cui tutti possono intervenire.

 

Le lezioni in piccoli gruppi, di massimo dodici persone, permettono, infatti, di migliorare notevolmente le competenze linguistiche in maniera piacevole e di sviluppare il confronto tra gli studenti, mentre le lezioni individuali offrono l’opportunità di trattare argomenti di interesse personale dello studente e di usare la lingua in rapporto diretto con l’insegnante.

 

Maggiori informazioni sulla Scuola Leonardo da Vinci sono disponibili sul sito della scuola.

 

No Comments
Comunicati

Roma festeggia la serata conclusiva del Freedom Tour del Fondatore XANGO in Italia.


Si è concluso venerdì 18 Maggio a Roma il Freedom Tour del Fondatore Kent Wood in Italia. Un viaggio che è partito da Cervignano del Friuli, ha fatto tappa a Milano e poi si è soffermato inaspettatamente a Lucca dove i Leader italiani hanno accompagnato il Fondatore e il Presidente alla scoperta dei colori, degli  odori e dei sapori della Toscana, terra amata e resa immortalate da poeti, pittori e musicisti. In bicicletta, sia Kent Wood che Daniel Laroque hanno visitato Lucca e Pisa, le loro mura, le stradine, i giardini, i monumenti e le costruzioni antiche, arrivando in serata nella capitale italiana.

Il Presidente e il Fondatore, accompagnati dal Direttore Italiano, Marco Cinalli e dagli affermati Leader, quali il 200k Select Marco Galbiati, il 100K Select Riccardo Romanzin, i Premier Claudia RavaschioEnrico Erico Paolo Trasatti, hanno deciso di aprire la serata esponendo il successo che XANGO ha avuto nei precedenti Tour a dimostrazione del suo grintoso ritorno nel territorio italiano.

Ospiti di eccezione della serata sono stati l’attuale Presidente Emerito dell’Associazione Vendite Dirette Francese e Presidente del Comitato Etico dell’Associazione Vendite Dirette Europea Philippe Dailey, la Dottoressa e Cosmetologa Ilaria Vigo e l’illustre Professor Vincenzo Sciacca.

Memorabile l’intervento conclusivo del Fondatore Kent Wood che ha iniziato il suo discorso parlando del futuro e delle nuove prospettive per il business di XANGO in Italia. Ha ricordato le parole lodevoli di Bob Proctor nei confronti di XANGO e ha poi spiegato il significato che il termine libertà assume all’interno della società XANGO e di come la si può ottenere.

Ringraziando con orgoglio e commozione i Leader presenti in sala ha ricordato l’appuntamento del 12 luglio a Roma dove tornerà per celebrare i nuovi 20K.

Kent Wood, citando Leonardo Da Vinci, ha concluso il suo discorso ricordando che la vera chiave di svolta è l’azione. 

No Comments
Comunicati

VAL DI FIEMME, SPETTACOLO IN TV: 300 MILIONI DI CONTATTI NEL PREMONDIALE


Numeri da capogiro per le gare del Tour de Ski e le Coppe di salto e combinata nordica
Solo le finali del Tour de Ski totalizzano 160 milioni di contatti
Il mese premondiale vanta 250 ore di trasmissioni televisive
Meno di nove mesi al Campionato del Mondo di Sci Nordico del 2013

Non è finzione, tantomeno fantascienza, è la semplice realtà di numeri ancora una volta straordinari. Per il suo essere una sfida nella sfida, un mini challenge interno alla Coppa del Mondo, e per una formula di svolgimento da sempre entusiasmante, il FIS Tour de Ski è il principe degli eventi del fondo internazionale durante l’anno.
Fin dal debutto nel 2007 l’ultima tappa del FIS Tour de Ski si svolge nella trentina Val di Fiemme, il paradiso italiano degli sport invernali, là dove tra meno di nove mesi prenderanno il via i Campionati del Mondo di Sci Nordico 2013 (dal 20 febbraio al 3 marzo). Lo scorso gennaio la due giorni trentina di CdM ha celebrato i successi sul campo, o meglio in pista, degli assi Dario Cologna e Justyna Kowalczyk, e lungo la risalita dell’Alpe Cermis c’erano circa 40.000 appassionati ad acclamare dal vivo questi campioni. Ma i numeri che impressionano, ora ufficiali da parte della società che ha gestito il broadcast televisivo, sono quelli che giungono dalle “reazioni” televisive alla prova trentina tra Lago di Tesero e la Final Climb dell’Alpe Cermis. Durante il week-end di Tour de Ski in Val di Fiemme ci sono state oltre 120 ore di trasmissioni complessive in tutto il mondo che hanno totalizzato l’impressionante cifra di quasi 160 milioni di contatti televisivi, suddivisi in 103 milioni abbondanti per le gare e 55 milioni e mezzo per gli speciali.
Grazie alle grandi e piccole emittenti tra cui ARD/ZDF (Ger), NRK (Nor), RTV (Slo), TVP (Pol), SVT (Swe), Eurosport (Eu), Czech TV (Cze), SRF (Sui) e RAI, una media di 31 milioni di persone al giorno ha seguito le gesta dei fondisti in tv e il totale di quasi 63 milioni di telespettatori lascia ancora una volta a bocca aperta. Le reti regine per quanto riguarda gli share sono state le scandinave NRK e SVT, con picchi dell’82% per la norvegese nella Final Climb della domenica, mentre la polacca TVP, complice senz’altro la prestazione della beniamina Kowalczyk, ha visto il proprio contatore di visite schizzare fino a quasi 5 milioni nella sola giornata di domenica. Va inoltre sottolineato come la Val di Fiemme abbia ottenuto lo share più alto di tutta la Coppa del Mondo 2011/2012, toccando il 40% nella giornata conclusiva.
L’inverno premondiale della vallata dolomitica, tuttavia, non si è limitato al week-end di Tour de Ski, ma ha accolto altre tre Coppe del Mondo tra metà gennaio e l’inizio di febbraio.
Nei giorni 14 e 15 gennaio sono volate in Trentino le ragazze della prima Coppa del Mondo di salto con gli sci e il rinnovato stadio di Predazzo si è vestito di tutto punto, oltre che di rosa, regalando uno show inedito di grande fascino. E la risposta televisiva, anche in questo caso, è stata più che positiva, con 16 ore e mezza totali di trasmissione, 3 milioni abbondanti di telespettatori nelle due giornate e una media giornaliera di oltre 3 milioni di contatti.
Nel primo fine settimana di febbraio cinque gare tra Coppa del Mondo di salto maschile e di combinata nordica hanno infiammato nuovamente l’arena del salto di Predazzo e lo stadio del fondo di Lago di Tesero, ed ecco ancora numeri televisivi da far girare la testa. La tre giorni ha totalizzato 111 ore di trasmissioni, per quasi 45 milioni di telespettatori e oltre 126 milioni di contatti tv complessivi. Il salto è disciplina assai popolare in Polonia, paese natale di campioni come Adam Malysz e del suo giovane erede Kamil Stoch, ed ecco che il canale TVP ha totalizzato oltre 4,5 milioni di visitatori nella giornata di domenica 5 febbraio.
Tirando le somme del mese premondiale in Val di Fiemme, le ore di trasmissione tra Tour de Ski, salto femminile e maschile e combinata nordica toccano quota 250 per un totale di 110 milioni di telespettatori e quasi 300.000.000 di contatti televisivi.
Andy Warhol parlava di 15 minuti di notorietà dovuti a tutti. Se solo il padre della pop-art americana fosse ancora in vita, sarebbe anche lui decisamente fiero della Val di Fiemme, che ora si prepara al countdown finale verso i Campionati del Mondo del 2013, quando gli occhi dell’intero pianeta punteranno alla Dolomiti e al Trentino. Telecamere comprese, ovviamente.
Info: www.fiemme2013.com

No Comments
Comunicati

Case in legno Green Build Italia per la Regione Emilia Romagna

Green Build Italia si somma alle iniziative per i terremotati che in questi giorni sorgono per assistere le vittime dei sismi che dalla fine di maggio hanno terrorizzato la regione Emilia Romagna e preoccupato profondamente tutta l’Italia. In seguito ai vari progetti avviati per il supporto alle zone colpite dal terremoto, Green Build Italia propone la realizzazione di costruzioni antisismiche chiavi in mano a prezzi al di sotto di quelli standard.

La progettazione case in legno dedicata si compone di edificazioni di classe energetica B, a 1000 €/mq con finitura esterna in legno e a 1070 €/mq per costruzioni con finitura esterna tradizionale tipo muro.

Tali costruzioni sono il risultato della costante ricerca dei materiali più performanti che sviluppa da sempre la ditta vicentina e che rappresentano il valore essenziale del business sempre alla ricerca delle innovazioni più funzionali per il settore casa bioedilizia.

Il legno si presenta infatti come l materiale adatto per rispondere alle necessità di abitazione oggi tanto presenti in Emilia Romagna.

La flessibilità delle case prefabbricate in questo materiale hanno infatti una maggiore flessibilità, superiore a quella delle edificazioni in mattoni e cemento, che è in grado di accomodare maggiormente i movimenti della terra. Inoltre e soprattutto, uno dei vantaggi più evidenti di queste costruzioni nell’ambito del fornire un’abitazione alle vittime di disastri ecologici è la velocità di edificazione: la casa in legno prefabbricata è costruita in specifici cantieri riducendo i tempi di installazione nel luogo.

Cantieri, quelli di Green Build Italia che si inaugureranno con il migliore dei pensieri per l’aiuto alle persone colpite per i terremoti. L’azienda di Vicenza ha infatti aperto alla fine del mese di Maggio 5 nuovi cantieri per la costruzione dei prefabbricati ecosostenibili in legno e che serviranno ora tra altre cose ad albergare i progetti di tutte quelle persone che in Emilia Romagna decidano di affidarsi a Green Build Italia per la costruzione di una nuova abitazione.

A cura di Alba L
Prima Posizione Srl – la soluzione al mercato in crisi

No Comments
Comunicati

È online il sito web di Karedaran Viaggi grazie al progetto di MM ONE Group


Karedaran Viaggi è un’agenzia turistica nata grazie all’impegno e passione di specialisti dell’Armenia per promuovere un turismo responsabile in questo Paese poco conosciuto ma ricco di tesori artistici e paesaggistici. MM ONE Group ha studiato l’interfaccia grafica prediligendo la comunicazione visiva con l’obiettivo di ottimizzare l’informazione tra agenzia e utenti.

Ilsito web di Karedaran Viaggi è stato creato su template a menù fisso, mettendo in primo piano la sequenza casuale di immagini e realizzando un layout grafico estremamente comunicativo e di facile consultazione per l’utente, con l’obiettivo di ampliare il bacino di utenza rimanendo coerenti con il target turistico dell’agenzia. Nel menu di navigazione istituzionale sono presenti le otto voci Home, Chi Siamo, Informazioni Utili, I Nostri Viaggi, Hotel, Voli, Appuntamenti e Contatti, mentre a destra è possibile visualizzare le News e le offerte e farsi contattare da un operatore tramite il servizio Call Back.

MM ONE Group ha fornito al cliente la piattaforma tecnologica CMS ONE,il Modulo Gestione News/Eventi per gestire direttamente le news del sito eil Modulo Gallery One per visualizzare diverse gallerie di immagini. Inoltre la web agency ha fornito il servizio di Hosting professionale comprensivo di spazio e banda necessari per la gestione del database e del software del programma e il trasferimento del dominio del cliente e il suo mantenimento.

Fondazione Karedaran

Via Marshal Baghramyan, 7 int 4

0010 Yerevan, Armenia

Tel. +374 99050353 (in Armenia) – Tel. + 39 3317118112 (in Italia)

[email protected]

A cura dell’Ufficio Stampa di MM ONE Group

No Comments
Comunicati

Oltre 200miliardi di risparmio dematerializzando i documenti


200 miliardi di euro, questa sarebbe la cifra che si potrebbe risparmiare se si digitalizzassero i processi secondo uno studio del Politecnico di Milano. L’efficienza è la strada da percorrere per abbattere dei costi enormi ma la mole di documenti che si dovrebbero dematerializzare è ingente: parliamo di 600 miliardi di fogli, non proprio una cifra facile da maneggiare. La conservazione sostituiva dei documenti cartacei tuttavia porterebbe a un risparmio economico significativo, sotto varie forme. Si abbatterebbero meno alberi, si emetterebbe meno CO2, ci sarebbe un costo abbattuto alle voci carta e materiale; togliendo anche i costi di manodopera e archiviazione si arriva così ai 200 miliardi ipotizzati. All’anno. Se pensiamo che una manovra finanziaria da 30 miliardi si traduce in un bagno di sangue di tasse, il numero sicuramente fa impressione. La sola pubblica amministrazione grazie alla digitalizzazione potrebbe risparmiare 43 miliardi di euro l’anno. Potrebbe essere questa una potente leva anticrisi? Sicuramente sì, ma la strada che porta alla dematerializzazione è lunga e tortuosa e passa per l’ammodernamento di processi e alla formazione del personale, molto spesso non in grado di utilizzare in modo basilare semplici strumenti informatici.

Nel convegno “Italia Digitale: è possibile”, questi e altri dati vengono portati alla luce per rimarcare tuttavia non solo l’arretratezza di molti flussi burocratici, anche le virtù di oltre 60.000 imprese che durante il 2011 hanno portato fatture in conservazione sostitutiva o si sono scambiate documenti in formato elettronico.

La strada è quindi strutturarsi. Non è facile, ma è fruttifera nel lungo periodo. Saremo in grado di percorrerla?

No Comments
Comunicati

TRENTINO MTB ATTACCA GLI ALTIPIANI TRENTINI, DOMENICA SI CORRE LA 100 KM DEI FORTI A LAVARONE


Terza tappa del circuito trentino sugli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna
Lorenza Menapace deve tenere a bada gli attacchi di Stefania Zanasca
Dario Steinacher è in testa ma Gunter Egger gli sta addosso
In gara anche le stelle Celestino, Deho, Debertolis, Cattaneo, Longo e Botero

Trentino MTB, l’essenza dell’off road di montagna, conta le ore per il terzo entusiasmante capitolo sugli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna. Dopo le prove di Cavareno a fine aprile e del Tremalzo a metà maggio, la carovana di bikers muove domenica verso il Trentino sud-orientale, dove è in programma una 100 Km dei Forti dai grandi numeri e di sicuro livello.
Il circuito di quest’anno vede al momento un’atleta di casa, una trentina doc, al comando della classifica donne. Si tratta di Lorenza Menapace del Team Carpentari, che fin da subito ha tirato fuori gli…artigli vincendo la ValdiNon Bike nella sua valle e piazzandosi poi sesta alla Ledro Bike, dominata dall’altra trentina Elena Giacomuzzi. Domenica la Menapace sarà in gara sul percorso Marathon di 80,2 km e 1.720 metri di dislivello, e a fronteggiarla in primis ci sarà una più che mai agguerrita Stefania Zanasca, che dopo i due terzi posti già inanellati quest’anno punta con decisione al sorpasso sulla trentina, visto che solamente 40 punti la separano dalla testa. La gardesana Claudia Paolazzi è terza nella parziale con oltre 100 lunghezze di svantaggio dalle prime, ma potrebbe essere proprio questa l’occasione per recuperare un po’ di terreno e riportarsi a ridosso delle fuggitive.
La 100 Km dei Forti di domenica, con partenza dal grande Parco Palù e arrivo a Gionghi sempre a Lavarone, si corre sui due percorsi Marathon e Classic (54,4 km e 1.160 mt/dsl), e nel primo caso si assegnano punti con coefficiente 1,25.
Nella classifica maschile Open Dario Steinacher, altoatesino in forze alla Profi Bike, è davanti a tutti e nella gara di domenica vorrà confermare la sua leadership, che al momento legge 250 punti di vantaggio sul corregionale Gunter Egger. Steinacher sarà in gara nella Classic (con coefficiente 1), mentre Egger tenterà di guadagnare più punti correndo nella Marathon. Pur non gareggiando uno contro l’altro, tuttavia, entrambi si troveranno a battagliare contro la crème della mtb italiana, visto che, solo per citare alcune illustri presenze in gara domenica, ci saranno il vincitore della prova marathon 2011 e campione tricolore in carica Mirko Celestino, gli alfieri Full Dynamix Johnny Cattaneo, Ramon Bianchi e Mike Felderer, gli esperti Massimo Debertolis e Marzio Deho (entrambi sul podio lo scorso anno), gli specialisti XC Tony Longo e Giuseppe Lamastra e i temibili colombiani Botero Salazar e Amaya Chia. Nella femminile, la starting list legge le azzurre Alessia Ghezzo e Martina Giovanniello, ma anche Simona Mazzucotelli e Sandra Klomp, oltre alle concorrenti già menzionate.
Per quanto riguarda le graduatorie master di Trentino MTB, al via della 100 Km dei Forti ci saranno tutti i protagonisti visti in sella fino ad oggi, a cominciare dai leader delle varie classifiche Nicola Risatti (Elite-Sport), Ivan Degasperi (M1), Dimitri Modesti (M2), Mario Appolonni (M3), Marcello Gadotti (M4), Rolando Inama (M5), Silvano Janes (M6) e Fabio Aldrighetti (Junior).
Venerdì 15 e sabato 16 giugno nei territori di Lavarone, Folgaria e Luserna si corrono altre due gare che, insieme alla Classic di domenica, formano lo stuzzicante 1000Grobbe Bike Challenge. Si tratta della Lavarone Bike di una trentina di chilometri e della Nosellari Bike di 41,5 km, che riscalderanno animi e muscoli, in vista del piatto…dei Forti di domenica.
La 100 Km dei Forti prenderà il via dal Parco Palù di Lavarone domenica alle 9.00 e sarà anticipata durante il sabato pomeriggio dalla sempre colorata e chiassosa Mini 1000Grobbe Bike per i bikers in erba. L’evento è organizzato dallo Sci Club Millegrobbe, in collaborazione con Altipiani Bike Scuola di MTB, le istituzioni locali e un nutrito gruppo di circa 300 volontari.
Info: www.trentinomtb.com

No Comments
Comunicati

Per gli Europei Romaest si trasforma in stadio


Per la competizione internazionale di calcio allestito un maxi schermo per seguire in diretta tutte le partite fino all’1 luglio

Il centro commerciale di Ponte di Nona si trasforma in stadio con l’iniziativa “Romaest Stadium”. Per gli Europei di calcio è stato allestito un maxi schermo presso la food court al secondo piano – ingresso nord.

Fino all’1 luglio gli appassionati di calcio potranno seguire in diretta tutte le partite della quattordicesima edizione della competizione internazionale. Una nutrita presenza presso il maxi schermo è già stata registrata sabato scorso in occasione della partita Italia – Spagna.

Romaest: GRA uscita 14 – 15 – Autostrada A24 uscita Ponte di Nona – Roma Lunghezza – www.romaest.cc

No Comments
Comunicati

ZTE presenta i primi terminali TD-LTE a 1,4GHz al mondo


Roma, 14 giugno 2012 – ZTE Corporation (“ZTE”) (codice azionario H: 0763.HK/codice azionario A: 000063.SZ), leader a livello mondiale nella fornitura di apparati di telecomunicazione e soluzioni di rete, presenta la prima gamma di terminali TD-LTE a 1,4GHz al mondo, che comprende moduli, datacard USB e dispositivi CPE da interni ed esterni.

Dopo aver completato le verifiche funzionali e di prestazioni dei terminali TD-LTE a 1,4GHz nel primo test ‘Internet of Things’ sponsorizzato dal governo cinese a Pechino, la serie di terminali ZTE è ora pronta per essere utilizzata in una vasta gamma di applicazioni tra cui sorveglianza stradale, sistemi sanitari e medicali, sistemi di trasporto intelligente e protezione ambientale.

ZTE è impegnata nello sviluppo del mercato TD-LTE e ha collaborato con più di 30 produttori di chipset, dispositivi e apparati di test, oltre all’International Standards Organization, per garantire l’interoperabilità di tutte le frequenze.

Nel 2011, ZTE è stata la prima azienda a rilasciare soluzioni e apparati a 1,9GHz.

Il 17 maggio di quest’anno, ZTE ha lanciato la prima rete TD-LTE su larga scala a Canton, in Cina. Questa rete fornisce copertura dati wireless per i settori dei trasporti e della sorveglianza, del media streaming ad alta velocità, del videoconferencing e per servizi di informazione in tempo reale a velocità fino a 100Mbps.

“La funzionalità supportate e le prestazioni delle comunicazioni TD-LTE a 1,4GHz assicurano agli operatori la possibilità di aprire nuovi canali di fatturato”, commenta Wang Shouchen, Vice Presidente di ZTE. “Il prossimo passo per ZTE è quello di implementare questa tecnologia in un maggior numero di reti in tutto il mondo”.

Per raggiungere la maturità, una tecnologia di comunicazione deve disporre di quattro componenti chiave: organizzazioni operative nell’ambito della standardizzazione, fornitori di apparati, produttori di chipset e dispositivi, e operatori”, aggiunge Wang. “Il settore dei chipset e dei dispositivi è quello che gioca un ruolo strategico. I rapidi sviluppi del mercato ICT hanno modificato i servizi di comunicazione tradizionali, dando luogo a una forte domanda di dati. La connettività wireless ad alta velocità e l’ampia disponibilità di reti 4G possono offrire ottime opportunità a operatori, aziende e governi per poter finalmente trarre vantaggio da questa nuova era”.

Alla fine del Q1 2012, ZTE aveva già concluso 30 contratti commerciali per LTE e oltre 100 trial network con noti operatori. Otto di queste reti sono già operative a livello commerciale, comprese quelle di CSL a Hong Kong, di SoftBank in Giappone, Hi3G in Svezia, H3G in Austria e di Bharti Airtel in India.

ZTE
ZTE è un’azienda pubblica, quotata in Borsa, che fornisce apparati di telecomunicazioni e soluzioni network su scala mondiale e vanta una vasta gamma di prodotti per soddisfare le esigenze dei mercati wireline, wireless, service e mobile device. ZTE commercializza prodotti e servizi estremamente innovativi e all’avanguardia e offre le sue soluzioni a più di 500 operatori di telecomunicazioni in oltre 140 Paesi del mondo, aiutandoli a soddisfare le esigenze dei loro clienti e a raggiungere nuovi livelli di fatturato. Nel 2011, il fatturato di ZTE è aumentato del 29%, attestandosi su $13,7 miliardi; i ricavi operativi derivanti da attività estere, pari a quota $7,4 miliardi, hanno registrato un aumento del 30%, contribuendo al ricavi operativi complessivi in ragione del 54,2%. ZTE investe il 10% del suo fatturato annuo nelle attività di ricerca e sviluppo e si posiziona tra le prime società internazionali che partecipano attivamente alla definizione dei nuovi standard di Telecomunicazione. Azienda fortemente impegnata nelle iniziative di Corporate Social Responsibility (CSR), ZTE è membro del Global Compact delle Nazioni Unite. ZTE è l’unica azienda cinese ad essere quotata alle Borse di Hong Kong e di Shenzhen (H share stock code: 0763.HK / A share stock code: 000063.SZ). ZTE Corporation è presente in Italia attraverso la sua controllata ZTE Italy, che opera sull’intero territorio nazionale . Per ulteriori informazioni, si prega di visitare il sito: www.zteitaly.com.

No Comments
Comunicati

Giugno, mese di “fuoco” per GreenVulcano


Nuova release di prodotto, nuove partnership strategiche, partecipazione all’Open Source Day di Red Hat

Roma, 14 giugno 2012 – Giugno 2012 è sicuramente un mese importante per GreenVulcano, realtà in costante crescita nel panorama delle Software House italiane. E’ stata rilasciata una nuova versione, la 3.2 Enterprise, caratterizzata da interessanti novità; è stata annunciata una nuova partnership tecnologica, quella con Entando (www.entando.com), strategica per il mercato italiano ed internazionale; si è tenuto a Roma, martedì 12 Giugno, l’evento più importante nel panorama Open Source: il Red Hat Symposium Open Source Day 2012, che ha visto GreenVulcano tra gli sponsor tecnologici.

La nuova release 3.2 Enterprise di GreenVulcano ESB.
Il Team di sviluppo si è focalizzato principalmente sulle due console della piattaforma, il designer grafico VulCon e la web console di amministrazione GVCon, implementando diverse nuove feature. Tra queste: la possibilità di creare servizi di business disegnando flussi BPEL, la possibilità di connettersi al SOA Repository di HP Systinet® e la possibilità di gestire anche graficamente i subflow del Core dell’ESB.

Altre novità riguardano aspetti di sicurezza (ACL), scheduling dei servizi, gestione avanzata delle eccezioni, trasformazioni dati grafiche complesse, aggiunta di ulteriori wizard per il design grafico dei servizi.

L’utilizzo della piattaforma è stato ulteriormente semplificato, nell’ottica di generare un maggiore risparmio in termini di tempo, fondamentale in quegli ambienti Enterprise costantemente stressati dalle necessità e dai requisiti di business sempre più stringenti delle aziende nel mercato globale.

La release 3.2 Enterprise di GreenVulcano ESB è già disponibile in versione trial sul sito www.greenvulcano.com da cui ora è possibile accedere anche al nuovo Wiki documentale.

Red Hat Symposium Open Source Day 2012.
Che questo evento fosse molto importante nel mondo dell’Open Source era cosa nota, ma un successo come quello ottenuto lo scorso 12 giugno ha superato le aspettative degli stessi organizzatori. Più di 1.100 registrazioni, oltre 600 gli intervenuti. Grande riscontro di pubblico si è avuto nel primo pomeriggio durante l’intervento che GreenVulcano, sponsor dell’evento, ha tenuto insieme ad Octo Telematics sul tema “Telematica per assicurazioni: tecnologia ESB per la semplificazione delle aziende innovative”, in cui è stata presentata una best practice di utilizzo di GreenVulcano ESB.

Partnership strategiche: ESB e Portal Platform.
Cosa succede quando si incontrano l’Enterprise Portal Platform Open Source che sta rivoluzionando il mercato dei portali e la più importante alternativa Open Source nel mondo degli Enterprise Service Bus? Semplice: si genera valore aggiunto per gli utenti finali. Sulla base di questi presupposti è stata annunciata in questi giorni la partnership con Entando, azienda che ha “reinventato” il concetto di Enterprise Portal. I vantaggi potenziali di questo binomio sono numerosi e concreti: grazie ad una soluzione integrata sarà ora molto più semplice, immediato ed economico realizzare portali web in grado di presentare ed interoperare con l’intera infrastruttura IT, tipicamente composta da numerose applicazioni eterogenee, integrate dall’ESB. (source: Wall Street Journal article)

###

GreenVulcano Srl nasce con il compito di sviluppare e commercializzare in Italia e all’estero GreenVulcano ESB. La soluzione rappresenta la più importante alternativa Open Source a supporto di architetture SOA complesse. Gli uffici di GreenVulcano si trovano a Roma, Napoli Milano e Londra.
Info su www.greenvulcano.com o scrivendo a [email protected]

No Comments
Comunicati

Il Kitsch batte la serialità


Dal 13 giugno al 26 agosto a Milano presso la Triennale di Milano si svolge la mostra dedicata al kitsch e a Gillo Dorfles. Nelle sale potremo ammirare la trasformazione di oggetti comuni in opere uniche, che esulano dal contesto della loro funzione.
Colori, dorature, riflessi, linee curve e arrotondate, che hanno da sempre caratterizzato le creazioni di insigni artigiani e decoratori saranno ancora una volta il tratto distintivo che farà la differenza. L’avvento della produzione di serie, come documenta Gillo Dorfles, ha portato anche ad eccessi nel voler creare prodotti che si distinguessero da tutti gli altri pur restando in molti casi seriali. Da qui la nascita degli oggetti così detti kitsch. Caratterizzati cioè, oltre che dalla loro utilità, dalla voglia di stupire rifiutando il convenzionale che si era ripetuto nei secoli. Un “cattivo gusto” che diviene emblema di uno stile eclettico e appariscente.
Tra gli oggetti esposti alla mostra dalla Triennale un prodotto di Enrico Cassina, il “Maestro degli Stili” per eccellenza. Un oggetto che vuole essere una provocazione sposando lo stile Rococò, tipico del XVIII secolo, alla gioiosità coloristica tipica della pop art. Nasce così la maniglia ROCOCO’ POP che si propone di rimodellare in chiave moderna gli stilemi barocchi. Un modo affascinante di coniugare la classe di Luigi XV allo stile di Andy Warhol e da cui scaturisce un’esplosione di colori: giallo, rosso, verde, bianco, nero, blu e viola.

No Comments
Comunicati

Consulenza aziendale, il boom dell’Asia


La consulenza aziendale e la consulenza direzionale vengono svolte direttamente on-line con Costa Business Expert che sul suo sito all’indirizzo www.consulenza-direzionale.it ha creato un blog per poter trattare di temi e questioni specifiche con i clienti, gli utenti ed anche con altre realtà specializzate nel settore.
L’ultimo post della società di consulenza approfondisce le importazioni di prodotti asiatici a prezzi più bassi, visto che i paesi dell’Oriente stanno acquistando sempre più importanza sul mercato mondiale, mettendo in serie difficoltà quello occidentale.
La domanda che viene posta all’interno del post è la seguente: “Ma è davvero il prezzo troppo basso dei paesi asiatici a determinare il calo di vendite in Europa?”. A quanto sembra per la società di consulenza non sarebbe proprio così. I costi al di sotto di quelli del mercato occidentale sarebbero una variante rilevante ma non preponderante: l’elemento infatti ancora più importante è che, oltre ai prezzi contenuti, la qualità e la tecnologia non vengono meno ma anzi sono seguite con la massima attenzione. Una formula che consente ai prodotti dell’est di essere competitivi sul mercato ed anzi consolidarsi a discapito di quello occidentale che dovrebbe ricercare nuove dinamiche. Ed è qui che entra in gioco la consulenza aziendale per indirizzare su nuovi iter le imprese.
Per ulteriori informazioni e dettagli sui servizi messi a disposizione dalla società di consulenza aziendale Costa Business Expert, visita il sito all’indirizzo www.consulenza-direzionale.it.

No Comments
Comunicati

Audio e video di Getty Images aprono Audiovisiva 2012


Getty Images, la media company leader mondiale nella creazione e distribuzione di immagini, filmati e prodotti multimediali, annuncia la propria partecipazione ad Audiovisiva 2012, il festival dedicato all’esplorazione di nuovi linguaggi musicali e visivi organizzato da Esterni in programma a Milano il 21 e 22 giugno.

 

Audiovisiva si propone come luogo di promozione e diffusione dell’arte e della musica in tutti i suoi generi, dove la sperimentazione diventa protagonista attraverso le più avanzate tecnologie digitali e dove la musica si contamina con nuove forme cinematografiche e video linguaggi. Nel corso delle due serate i numerosi performer saranno chiamati ad incontrarsi per la prima volta sulla scena dell’evento e a creare nuove opere, improvvisando e dando vita a un vero e proprio spettacolo in prima visione.

 

È proprio nel segno dell’innovazione e della contaminazione che Getty Images sceglie, per la prima volta, di prendere parte al festival portando con sé i propri contenuti audio e video prestandoli a letture non convenzionali. Sarà infatti il collettivo Futureground a interpretare  e rivisitare  le librerie online audio e video di Getty Images, durante la serata di apertura di giovedì 21 giugno presso Villa Arconati (Bollate) a partire dalle 21.45, prima dell’esibizione esclusiva di Monolake, progetto solista di Robert Henke, pensatore, compositore, sound designer e performer audiovisivo.

La performance del collettivo Futureground con il materiale Getty Images verrà replicata anche durante la serata del 22 giugno, presso Cascina Cuccagna (Milano).

 

“In quanto rassegna cross mediale Audiovisiva ci permette di mostrare la nostra offerta audio e video lasciando che siano i produttori di musica e video indipendenti a presentarla e a reinventarla” ha dichiarato Stefano Fantoni, direttore vendite di Getty Images in Italia “Inoltre, la manifestazione si propone come molto innovativa nello scenario del nostro paese, per questo abbiamo scelto di essere tra i protagonisti.”

 

 

###

 

Getty Images

Getty Images è leader mondiale nella creazione e distribuzione di immagini, filmati e prodotti multimediali, nonché fornitore di altre forme di contenuti digitali, compresa la musica. Getty Images soddisfa una clientela di professionisti in oltre 100 nazioni, rappresentando il principale punto di riferimento per i creativi e i media alla ricerca di immagini e di altri contenuti digitali. I fotografi e le immagini di Getty Images permettono ai clienti di produrre lavori di alta qualità e di grande impatto che compaiono quotidianamente nelle riviste, nei quotidiani, nelle campagne pubblicitarie, nei film, nei programmi televisivi, nei libri e nei siti Web più influenti del mondo. Il sito www.gettyimages.com illustra come Getty Images contribuisca allo sviluppo del ruolo dei media digitali nella comunicazione e nel business, favorendo la realizzazione di idee creative. E’ possibile anche consultare la pagina Facebook http://www.facebook.com/gettyimagesitalia

No Comments
Comunicati

Areasenior e i Senior d’Olanda


Se è vero che tradizionalmente l’Olanda è un paese ricco e con uno stato sociale molto forte, la condizione dei Senior va di pari passo con il livello di qualità della vita della popolazione nazionale che, soprattutto dal punto di vista del sud Europa, risulta essere decisamente alto.

In particolare, già da molti anni in Olanda gli immigrati provenienti da altri paesi come l’India, il Bangladesh o il Pakistan, costituiscono una buona parte della popolazione e godono altresì di un processo di integrazione che è stato quasi senza pari con il resto d’Europa.

I Senior olandesi doc sono generalmente benestanti ed socialmente affermati, bilingue e spesso persino trilingue, con un background culturale ricco di esperienze che sono il frutto di una lunga tradizione di commercio e di scambi con il resto del mondo. Per loro la situazione è quindi molto positiva. I Senior olandesi infatti godono di molti privilegi e, a conferma del fatto che l’Olanda non è solo un paese ricco ma anche civile, mettono a disposizione le loro risorse per il benessere della collettività.

È la società dunque che sancisce se ad un certo punto della vita una persona che non è più produttiva diviene un peso oppure una risorsa. E la società olandese come anche altre, soprattutto in Nord Europa per quanto riguarda l’Unione, ha optato per la seconda ipotesi.

In riferimento alle prime e alle seconde generazioni di immigrati poi, ormai invecchiati nella loro terra di adozione, si registra un processo di integrazione tale per cui anche i Senior provenienti dai paesi in via di sviluppo che vivono e lavorano in Olanda da molti anni possono godere di una condizione di vita assolutamente dignitosa ed essere così in grado di dare il loro contributo positivo a quel senso civico così forte che caratterizza questa nazione.

Areasenior vede il modello olandese come un esempio per fronteggiare l’invecchiamento della popolazione globale e in particolare italiana (i dati parlano di un aumento esponenziale di Senior ed Ultrasenior entro il 2030).

Il portale interamente dedicato ai servizi di assistenza anziani, dove è possibile consultare in modo facile e intuitivo un database completo in cui trovare la casa di riposo migliore per le vostre esigenze o una casa di cura accreditata con il Servizio Sanitario Nazionale, accoglie e sviluppa contenuti di attualità inerenti il mondo Senior così da sensibilizzare l’opinione pubblica su questioni che si ritengono di importanza fondamentale.

No Comments
Comunicati

Raccolti 3.200 euro per “Tarquinia in ROSA”


 

Nella città etrusca batte forte il cuore della solidarietà. “Tarquinia in ROSA”, la manifestazione conclusiva del mese di iniziative dedicate alla lotta contro il tumore al seno (nell’ambito della Race for the Cure), ha raccolto 3.200 euro devoluti all’Andos. Ciò grazie all’entusiasmo dei cittadini che, in più di 300, hanno partecipato alla cena benefica preparata dalle abili mani della cuoca Donatella Viscanti con il “menù rosa” suggerito dalla chef Anna Moroni. L’evento si è aperto con il convegno “Come preservare la salute del seno”, moderato dal professore Riccardo Masetti, direttore dell’Unità di Chirurgia Senologica del Policlinico Gemelli e presidente della Susan G. Komen Italia. Presenti tra gli altri il sindaco Mauro Mazzola, i dottori Stefano Magno, Daniela Terribile e Gianluca Franceschini, del Centro Interdipartimentale di Senologia del Policlinico Gemelli. A seguire la grande festa in piazza Giacomo Matteotti, con lo sfondo del palazzo comunale illuminato di rosa. I volontari di Con-Tatto Natura hanno realizzato insieme a tantissimi bambini il quadro con materiali riciclati del logo della squadra Velia. Le associazioni Andos, Susan G. Komen Italia, 365d, Pagaie Rosa e la libreriaLa Vita Novaerano presenti con stand informativi sul tema, mentre la Pro Loco Tarquinia e i produttori locali hanno fatto conoscere e apprezzare le prelibatezze enogastronomiche del territorio. A tarda sera la musica del trio “Accademia Blu” ha intrattenuto il numeroso pubblico, fino al suggestivo spettacolo del lancio delle lanterne rosa che ha chiuso la festa, dando l’arrivederci al 2013. “Tarquinia in ROSA” è stata organizzata dall’Amministrazione Comunale con l’Andos ela Susan G.Komen Italia.

No Comments
Comunicati

Diritti: il riconoscimento della disabilità e l’importanza della scuola


Il 30 marzo del 1971; nel lungo e complesso percorso, spesso tortuoso, del riconoscimento di pieni diritti a chi si trova a soffrire di una disabilità, questa data ha una valenza fondamentale come punto di arrivo di da un lato e punto di partenza dall’altro. In tale data infatti fu approvata dalle Istituzioni l’importantissima legge 118 sull’invalidità civile: e ciò fu, come dicevamo, punto d’arrivo per il movimento di coscienza e consapevolezza che si era andato sviluppando, ad opera di volontari e famiglie coinvolte, nel decennio precedente riguardo alla cultura stessa dell’handicap, e allo stesso tempo punto di partenza per la nascita di una rete di servizi e realtà di assistenza a chi da tali handicap fosse colpito, direttamente come il disabile, o indirettamente come la sua famiglia.
Se vogliamo poi analizzare come questo nuovo sviluppo si articolò, non possiamo prescindere da un suo fondamentale momento, reso possibile appunto dalla legislazione approvata, ma reso reale e concreto dal lavoro paziente di istruzione e diffusione culturale di schiere di volontari impegnati in prima persona: e parliamo del momento in cui gli operatori della riabilitazione si mossero, uscendo dall’ambito medico di ospedali e ambultori, per prendere contatto con un mondo che, purtroppo, fino ad allora era loro precluso: quello della scuola. Una preclusione attiva, quasi spaventata, da parte della scuola – e una preclusione di cui possiamo e dobbiamo ricercare le cause in una fondamentale mancanza di cultura, che faceva percepire la disabilità come un problema estraneo e distante. Occorsero, per sconfiggere tale mentalità, inserimenti forzati e pressanti, da più parti definiti addirittura come selvaggi.
C’è dunque del vero nell’osservazione, talvolta addirittura nell’accusa, che l’introduzione del concetto di recupero della disabilità nelle scuole fu effettuata con una forzatura? Purtroppo, almeno in parte, bisogna ammettere che la definizione, pur essendo piuttosto forte e forse eccessiva, non è scorretta: i ritmi furono ben più sostenuti di quanto paresse raccomandabile, e il tempo lasciato a strutture ed insegnanti per prepararsi ad accogliere studenti con problemi per loro totalmente nuovi fu sicuramente poco. Va però osservato anche che, senza tale “forzatura”, probabilmente non avremmo avuto, nel giro di pochi anni da quel momento, la legge 5/7, l’inserimento di grandi numeri di insegnanti di sostegno preparati e motivati, e in generale tutte le iniziative che fanno delle nostre scuole ambienti assolutamente all’avanguardia per l’integrazione e il recupero dei disabili.
E non bisogna commettere l’errore di sottovalutare l’importanza dell’ambito scolastico nella realizzazione del percorso di cui parliamo, quello che conduce ad una maggior equità di diritti per tutti i cittadini, sani e disabili allo stesso modo. In ogni classe in cui studiano, insieme ai loro coetanei, alcuni delle centinaia di migliaia di studenti disabili di tutte le età del Paese, dalle aule della scuola primaria a quelle delle superiori, il sostegno operato dalle istituzioni permette la nascita di un confronto importante e fertilissimo, positivo per tutte le parti in causa. Da un lato, infatti, chi della disabilità non ha esperienza, e spesso formula giudizi preconcetti o dettati dal timore, ha modo di sviluppare una nuova consapevolezza e un nuovo rispetto; dall’altro, chi vede i suoi sforzi premiati con un superamento delle difficoltà imposte dalla propria disabilità sviluppa maggiore fiducia nel futuro e nelle proprie reali possibilità.

 

No Comments
Comunicati

Antonello Colonna Vallefredda Resort Spa


Apre il resort del noto Chef tra arte culinaria, natura e benessere

Roma, 7 giugno 2012 – L’innovativa creatura concepita dal genio di Antonello Colonna, è ormai realtà: un viaggio esperienziale attraverso i cinque sensi alla scoperta di un microcosmo firmato Antonello Colonna.

Dopo mesi di lavori e rifiniture apre finalmente al pubblico l’Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA: da oggi è possibile scegliere questa suggestiva ambientazione per eventi, mostre d’arte, manifestazioni di ogni genere e ovviamente ristorazione.

La tenuta di Labìco, particolare esempio di architettura ipogea, racchiude in un guscio avveniristico composto da tunnel e ponti, una casa privata di 3000 mq, un albergo del gusto, un’azienda agricola, un ristorante, una temporary gallery e spazio per eventi e molto altro.

L’elasticità camaleontica degli arredi, magicamente miscelata alla fungibilità degli spazi, fa dell’Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA un palcoscenico esclusivo dove organizzare eventi di ogni genere, da manifestazioni culturali  a feste private, da congressi a pranzi di lavoro, da conferenze a presentazioni aziendali.

Matrimoni, compleanni, sfilate di moda, esposizioni d’arte e servizi fotografici possono trovare nella tenuta dello Chef la scenografia ideale dove a fare da padroni ci saranno la ridente campagna laziale, un’attenta cura al dettaglio e l’inconfondibile stile all’Antonello Colonna.

Particolare importanza è dedicata al cibo, vero cuore e motore dell’intero progetto, che trova la sua massima espressione nel ristorante dell’Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA, in cui le prelibatezze preparate ad arte dalle abili mani del Resident Chef Adriano Baldassarre, con Antonello Colonna come direttore d’orchestra, delizieranno il palato dell’ospite più esigente.

Soddisfatta la vista con il meraviglioso panorama, appagato il palato e l’olfatto con odori e sapori, il centro benessere completa l’esperienza sensoriale rilassando l’udito con i meravigliosi suoni della natura e stimolando il tatto con hammam massage, l’hot and cold stone therapy, il massaggio svedese, il massaggio anti stress praticati da mani esperte e qualificate.

Chiunque abbia voglia di evadere dallo stress quotidiano troverà all’’Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA la possibilità di regalarsi momenti di estremo piacere: i servizi SPA e la ristorazione accoglieranno anche i singoli ospiti per la sola giornata.

Le camere, 8 de luxe di 40 mq e 4 gran deluxe di 50 mq dotate di aria condizionata a regolazione individuale, minibar, televisione satellitare, telefono, internet via cavo e wi-fi, cassaforte ed una linea cortesia personalizzata, rappresentano il massimo del comfort e permetteranno di scoprire che anche dormire può essere un piacere indimenticabile.

 Completamente fuori dal mondo ma a due passi dal Colosseo, l’Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA  ha una posizione d’eccezione, con un parco naturale di 20 ettari, ed è il luogo ideale dove perdersi e ritrovarsi, con una sensazione di pace e benessere che avvolge, passeggiando con il corpo e con la mente circondati da un paesaggio che evoca lontani ricordi, tra campi di grano e di papaveri, castagneti, noceti e alberi di frutta dai sapori dimenticati.

12 esclusive suite dotate di orto-giardino e avvolte dalla luce naturale, una trattoria di campagna, un ristorante gourmet, un centro benessere con piscine, la temporary gallery per esposizioni, aree per eventi anche all’esterno: l’Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA rappresenta un’ambientazione unica e indimenticabile per riunioni di lavoro, congressi, sfilate di moda, ricevimenti, mostre d’arte e quanto altro il pensiero possa immaginare.

A pochi passi, poi, un cancello di legno apre le porte dall’Agricola Colonna, un luogo magico, dove immergersi in un’oasi di pace, circondati da un vero ambiente rurale con campi coltivati, asini, maiali, capre, papere, galli, galline, cani e gatti.

In cima, uno splendido rifugio, vero e proprio One Room Hotel, con arredi ricercati adatti al contesto che regalano un’atmosfera unica e in assoluta simbiosi con il territorio circostante: una suite corredata di tutti i servizi, compresa la cucina ed uno speciale “servizio maggiordomo” in linea con il contesto, ideale per fughe romantiche o per set fotografici, con vetrate affacciate sul silenzio della campagna.

Per informazioni e/o prenotazioni: Antonello Colonna Vallefredda Resort & SPA
52 Vallefredda, 00030 Labico – Roma,
tel. 06.9510032 – fax 06.9511000     www.antonellocolonna.it
[email protected]@antonellocolonnaresort.it

 Ufficio stampa: IMAGINE Communication
Via G. Barzellotti 9/ 9b – 00136 Roma
Tel. 06.39750290 www.imaginecommunication.eu
Mariantonietta Petruzzella: [email protected]
Lucilla De Luca: [email protected] cell. 335.5839843

 Per immagini in alta risoluzione e altre informazioni visitare la sala stampa online: http://www.imaginecommunication.eu/it/sala-stampa/  http://www.antonellocolonnaresort.it/

No Comments
Comunicati

Diritti dei disabili: un percorso, non un evento


Gli ultimi decenni di storia italiana sono attraversati, fra tanti altri, da un percorso che si snoda tortuoso fra difficoltà, azioni, passi indietro e prese di coscienza: è un percorso che riguarda centinaia di migliaia di persone, di cittadini, e la loro possibilità di partecipazione reale ad una vita quotidiana, sia personale che effettivamente civile, che è loro pieno diritto. Le persone di cui stiamo parlando sono i disabili di ogni tipo ed età, e il percorso a cui stiamo facendo riferimento è quello che conduce ad una piena e soddisfacente attuazione di tutti i loro diritti in tutti gli ambiti della vita. Di questa lunga storia, di questo percorso che è ancora in corso e certo non può dirsi in alcun modo concluso, riteniamo sia giusto parlare.
Non ci sono infatti dubbi ed esitazioni, all’interno della nostra Carta Costituzionale, riguardo al fatto, esplicitamente chiarito, che la condizione di cittadinanza preveda, per la sua stessa natura, un serie di diritti essenziali, come quello alla salute, alla socialità, all’istruzione e al lavoro. E com’è naturale, prevede che questi diritti siano estesi a tutti i cittadini, quindi anche a coloro che si trovino ad essere colpiti da una qualche disabilità. Possiamo trovare un inizio ideale del percorso teso a rendere possibile e reale questo dettato costituzionale in una presa di coscienza essenziale, avvenuta intorno al chiudersi degli anni sessanta del ventesimo secolo. In quel momento storico così vitale, i disabili italiani e le loro famiglie si resero conto di due fatti essenziali: di vivere un’emarginazione di fatto, e del dovere delle istituzioni di porvi fine.
Un cambiamento come questo, un percorso tanto complesso, è da riconoscere come merito, prima di tutto, delle associazioni dei disabili e di quelle che riuniscono i loro familiari: da loro venne quella spinta continua necessaria a creare mutamento sia sul piano istituzionale che su quello quotidiano. Se è infatti evidente come il primo sia necessario, in quanto è su quel livello che vengono approvate le leggi necessarie alla tutela di una categoria così particolare di persone, è solamente sul secondo livello, quello del quotidiano e delle comunità effettive, che si possono verificare quei cambiamenti di pensiero e comportamente che davvero generano un miglioramento delle reali condizioni di vita dei disabili all’interno della società. E a rendere possibili tali cambiamenti fu, ed è, l’azione continua e paziente di schiere di insegnanti, volontari, rappresentanti sindacali.
Mercoledì 31 marzo del 1971: volendo trovare una data precisa in cui collocare uno dei primi grandi trionfi di questo movimento civile, questa è adattissima. Fu in quel giorno che venne approvata una legge fondamentale, la 118, sull’invalidità: e fu la legge 118 a rendere possibile lo sviluppo di una vasta rete di servizi di riabilitazione e assistenza alle famiglie colpite dal problema della disabilità. Con tale avvenimento nacque il concetto che la riabilitazione medica, per quanto possibile, del disabile, fosse sì importante ma non sufficiente; e che a dare valore allo sforzo e al lavoro congiunto del disabile e dell’operatore per recuperare quanto più possibile movimento, comprensione e abilità fosse una preliminare, e doverosa, reintegrazione del disabile come elemento positivo del tessuto sociale.

No Comments
Comunicati

Tutto ciò che cerchi a tua misura


Multiforme è un fornitore di eccellenza per progettisti, designer e aziende di contract e arredo, in grado di creare componenti su misura non solo nel campo dell’illuminazione, ma spaziando anche all’home decor e all’architettura d’interni.
L’azienda veneta, mette a disposizione la propria esperienza sia nella fase di sviluppo del progetto che in quella di fabbricazione, arrivando a creare prodotti custom made per le esigenze dei propri clienti.
Ogni lavorazione viene curata nel dettaglio, con metodi dedicati e materie prime selezionate, come, ad esempio:
-vetro in tutte le sue tecniche specifiche (vetro artistico, vetro soffiato, vetro a stampo, vetro a piastra, etc…),
-assortimento di tessuti e rifiniture per paralumi,
-lavorazioni meccaniche e componenti metallici per le strutture,
-finiture superficiali per vetro e metalli,
-cristalli, strass, conterie e altri componenti per decorazione.
Contatta lo staff per soluzioni, progetti e preventivi personalizzati.

No Comments
Comunicati

Barriere architettoniche: un ostacolo alla vita, un ostacolo alla civiltà


Di chi è il mondo?
A sentirla, può parere una domanda perfino sciocca, e se non altro, quantomeno molto provocatoria: ci viene insegnato, e tutti siamo convinti, che il mondo sia di tutti, e che questo sia uno dei punti forti della nostra civiltà. Quindi abbiamo ben saldo il concetto di come le strade, gli edifici pubblici, le strutture che erogano servizi utili e necessari siano, appunto, di tutti quanti, proprio perché tutti ne devono poter usufruire con semplicità; e riteniamo – a ragione – che la misura in cui rendiamo tali realtà partecipate da tutti sia un buon indicatore del nostro livello di civiltà.
Ma la risposta non è ovvia come ci piacerebbe che fosse: per rendercene conto basta mezz’oretta di sincera osservazione, condotta con occhi aperti e obiettività, del reale stato delle cose. E questa osservazione ci renderà probabilmente un po’ meno tranquilli e convinti, ma sicuramente un po’ più consapevoli: perchè ci farà scoprire che, al di là dei proclami che anche sinceramente siamo portati a fare, il mondo così com’è appartiene spesso a chi è giovane, a chi è sano, a chi non ha alcun tipo di problema fisico o handicap; ma per il numero vastissimo di persone che non ha questa fortuna, per chi è anziano, per chi è malato, per chi è disabile, insomma per chi non ha pienezza delle forze e della salute, il percorso del mondo è pieno di ostacoli, di barriere, non solo metaforiche ma anche reali, concrete. E da questo nasce l’esigenza di ragionare seriamente sull’abbattimento barriere architettoniche.
Partiamo, come è buona norma fare di fronte ad un problema complesso, dal comprenderlo: per abbattere le barriere architettoniche dobbiamo sapere cosa siano in effetti. Esiste, per fortuna, una definizione molto chiara e comprensibile di questo termine, che ci insegna che “una barriera architettonica è qualsiasi elemento costruttivo che impedisca, limiti o renda difficoltosi gli spostamenti o la fruizione di servizi”. Purtroppo, tuttavia, la definizione non fa molto per darci la prospettiva necessaria per trovare tali ostacoli, se ragioniamo come persone che camminano speditamente, hanno buona vista, e sono sane e in forze. Se invece immaginiamo di muoverci nel mondo senza poter vedere, o seduti su una sedia a rotelle, le cose cambiano immediatamente, e scopriamo tante cose – una semplicissima scala di tre gradini, una rampa ripida, un bancone troppo alto – che diventano barriere insormontabili.
Ma domandiamoci per un istante il perchè di tutto questo. In realtà, la ragione della complessità del problema non è difficile da identificare, e risiede nel fatto che non sono gli oggetti, di per sè, ad essere “sbagliati” o problematici; a renderli tale è la natura dell’handicap di chi può trovarseli davanti lungo il percorso. Se siamo su una sedia a rotelle, superare anche solo quei tre gradini è un’impresa titanica, o impossibile; se siamo ipovedenti o addirittura ciechi, attraversare la strada in corrispondenza di un semaforo senza indicatore acustico è un reale rischio di vita. Per tale motivo, non ci son liste di oggetti “sbagliati” o soluzioni semplici da applicare; ad essere necessaria è un profonda e continua riflessione su cosa sia o possa essere “ostacolo” per il legittimo fruitore di un servizio o visitatore di un edificio, per rimuovere tali barriere dove già ci siano ed evitare di costruirne di nuove.

No Comments
Comunicati

The Gray, Milano: Vivi l’estate milanese.


Vivi l’estate milanese al The Gray, dal 7 Giugno appuntamento in terrazza.

Torna l’appuntamento più cool dell’estate milanese: dal 7 giugno riprendono gli aperitivi sulla terrazza Aria dell’hotel The Gray, in collaborazione con DiSaronno. Cocktail e musica immersi nel design nel cuore di Milano.

Molti affermano che Milano sia grigia, eppure basta entrare nei suoi templi del design per capire che la città è maestra nel giocare col colore e lo stile. Come dimostra il The Gray, design hotel che si affaccia sulla Galleria Vittorio Emanuele, a due passi dal Duomo e dalle più famose vie dello shopping. Fin dall’entrata, il capovolgimento percettivo è forte e chiaro. Dalla facciata decorata con fregi, colonne e altorilievi in stile liberty, si passa alla modernità magnetica dell’interno. Un purpureo pouff sospeso “macchia” la hall wengè e bianco candido, dichiarando un desiderio di sorprendere. Promessa mantenuta in tutti gli ambienti dell’hotel: dal bar con tavolini che sprigionano luce, al ristorante in cui le posate creano lampadari-opere d’arte, alle stanze dove si vive un nuovo etnico metropolitano fra mobili in ebano macassar e Tv al plasma sul bordo delle vasche idromassaggio.

Il marchio Sina Hotels nasce nel 1958, quando una villa del ‘700 di Firenze diventa il primo dei Sina, il gruppo di hotel di lusso che cresce di anno in anno, scegliendo solo location uniche e trasformandole in hotel dal fascino indiscusso e dalla raffinata ospitalità. Così, da Romano Canavese a Milano, da Roma a Firenze, da Perugia a Parma, da Venezia a Viareggio, Sina Hotels offre un viaggio nell’hotellerie di lusso italiana con 11 location, da vivere con tutti e cinque i sensi. Merito del fascino degli spazi e del servizio di alto livello offerto da uno staff di grande valore, accuratamente selezionato e costantemente aggiornato.

[email protected]   www.sinahotels.com

No Comments
Comunicati

BRASSERIE DU BOCQ – IL BIRRIFICIO DELLA BLANCHE DE NAMUR


Brasserie du Bocq, istituito nel 1858 da Martin BELOT, ancora un’azienda familiare al 100%, rimane uno degli ultimi birrerie tradizionali belgi.

Situato nel cuore della meravigliosa regione turistica Condroz , questa dinamica azienda utilizza ancora il tradizionale processo di produzione di birre di alta fermentazione con rifermentazione in bottiglia.

Oggi, la sesta generazione della famiglia Belot sta portando avanti i destini della Brasserie du Bocq e guarda al futuro con fiducia.

Brasserie du Bocq produce birre esclusivamente da materie prime di prima qualità.
Questo è il caso del malto (che determina il colore della birra), luppolo (che dà l’amaro e l’aroma), lievito (che trasforma gli zuccheri in alcol e acido carbonico) e acqua per  la purezza è essenziale.

Il know-how del birrificio si basa principalmente sulla produzione di birra speciale di alta fermentazione con rifermentazione in bottiglia.  Questo metodo di salvaguardia tra le caratteristiche delle materie prime e garantisce il carattere naturale delle birre prodotte senza additivi chimici o conservanti.

Per assicurare un ottimale conservanti, mantenere le bottiglie in luogo fresco (temperatura cantina), al riparo dalla luce e in posizione verticale (in modo che il lievito rimane sul fondo della bottiglia).

L’arte di servire e degustare una birra speciale.
Scegli un bicchiere appropriato, asciutto e ben pulito(la sua pulizia è della massima importanza per la limpidezza della birra).
Servire ad una temperatura compresa tra 7 ° e 12 ° C (4 ° C per birra bianca).
Tenere il bicchiere leggermente inclinato e versate lentamente in modo che il lievito – la prova della rifermentazione in bottiglia – non rimanga nella bottiglia stessa. Per quanto riguarda la BLANCHE DE NAMUR , riempire il bicchiere mezzo e, prima di svuotare la bottiglia, agitarla per staccare il lievito per godere l’intera varietà aromatica.
Guardate la birra vicino ad una fonte di luce, ammirare il colore e la vivacità della birra e ….  assaporare lentamente.

I dati di vendita: 9.200.000 € a
Produzione annua: 74,500 hl.
Numero di dipendenti: 45

[email protected]

No Comments
Comunicati

DISSUASORI IN INOX PER ALLONTANARE I VOLATILI


I dissuasori in inoxDissuasori in inox per l'allontanamento dei volatili per l’allontanamento dei piccioni e dei volatili in genere sono una soluzione interessante per evitare che questi si annidino nei posti più nascosti delle case e degli edifici: sotto i tetti, sulle finestre che non vengono aperte spesso, sotto le travi… e quando gli uccelli arrivano il degrado è assicurato. Le loro deiezioni, a base acida, tendono a corrodere i rivestimenti delle pareti esterne nonché a rovinarle anche da un punto di vista estetico. Estendendosi la comunità, poi, anche il rumore e il continuo movimento diventano difficili da sopportare.

Per evitare di utilizzare metodi invasivi e poco amici della natura, da oggi si possono comperare i dissuasori per piccioni (detti anche antipiccioni o dissuasori per volatili): questo sistema di allontanamento è anche consigliato dagli enti di protezione animali in quanto non danneggiano i volatili.

Gli antipiccioni sono delle strisce di inox alle quali vengono applicati degli aculei seguendo due possibili posizionamenti, a riccio e a spillo. Il primo vede gli aculei disposti a due a due così da sembrare, a distanza, proprio come il dorso di un riccio. Gli aculei disposti a spillo, invece, sono anche questi a forma di V ma disposti uno dopo l’altro, in fila.

Gli antipiccione devono essere scelti a seconda della loro funzione: a riccio, infatti, sono adatti per superfici larghe e spaziose, dove i piccioni potrebbero nidificare anche in più esemplari. Gli antipiccione a spillo, invece, vanno bene nelle superfici poco in evidenza, anche sui bordi dei tetti, delle tettoie, delle finestre e degli impluvi.

La base dei dissuasori può essere in inox oppure in policarbonato: ovviamente, però, il primo materiale offre sicuramente maggior resistenza alle intemperie e alla corrosione nonché si è sempre dimostrato molto robusto agli urti.

Ma come posizionare gli antipiccioni? Prima di tutto, occorre misurare la superficie che si vuole proteggere. E’ importante infatti non lasciare spazio nei bordi perché gli uccelli possono essere anche molto ‘insistenti’ e se hanno deciso un luogo dove nidificare, è possibile che si sistemino anche in spazi molto piccoli. Una volta fatta la misurazione e deciso sul dissuasore a riccio o a spillo, si può procedere all’acquisto. L’ideale sono le viti autofilettanti, i tasselli o i rivetti. Se però il posizionamento delle ferramenta dovesse risultare molto difficoltoso a causa del posto dove vogliamo metterlo, allora anche il collante al silicone potrà essere una buona scelta.

Grazie alla sottigliezza della base e degli aculei, le barriere meccaniche per l’allontanamento dei volatili possono essere sistemate in tutte le soluzioni architettoniche senza danneggiare l’estetica. Non avendo bisogno di manutenzione, una volta posizionati rimarranno funzionali nel tempo, garantendo sicurezza e pulizia.

No Comments
Comunicati

E’ il momento di cambiare marcia per un trasporto più verde – il programma Marco Polo dell’Unione Europea mette a disposizione finanziamenti per 65 milioni di euro


E’ il momento di cambiare marcia per un trasporto più verde – il programma Marco Polo dell’Unione Europea mette a disposizione finanziamenti per 65 milioni di euro

E’ il momento di cambiare marcia per un trasporto più verde – il programma Marco Polo dell’Unione Europea mette a disposizione finanziamenti per 65 milioni di euro

 
[2012-06-14]
 

BRUXELLES, June 14, 2012 /PRNewswire/ —

http://www.ec.europa.eu/marcopolo 

Con finanziamenti per un importo di 65 milioni di euro, il progamma Marco Polo invita le società di trasporti e logistica europee a proporre nuovi progetti per ridurre il trasporto su strada. Le idee più innovative e concrete per ripensare la catena logistica, possono ricevere un premio significativo.

Per vedere la multimedia news release clicca qui:

http://multivu.prnewswire.com/mnr/prne/eaci/56551/ 

Video
Grazie ad una clip, potremo seguire il viaggio di un autotrasportatore, che ci mostra i benefici del progamma: raggiungerà una nuova meta, un’Europa più sostenibile, ed inviterà altre persone a contribuire e a partecipare per vincere un premio.

Ulteriori informazioni qui: http://ec.europa.eu/transport/marcopolo/getting-funds.  

Clip:  http://www.ec.europa.eu/marcopolo 

Info Day Europeo

Il 28 giugno, le aziende di trasporti e logistica europee potranno incontrarsi a Bruxelles per scoprire come sviluppare le loro proposte e condividere le idee. Potranno inoltre imparare dai precedenti progetti Marco Polo.

http://ec.europa.eu/transport/marcopolo/events/2012/european-info-day-2012_en.htm

Evitato un ingorgo di 64.000 chilometri

Ad oggi sono stati assegnati 64 riconoscimenti, con 624 aziende coinvolte, metà delle quali Piccole e Medie Imprese. Solo nel 2010 questi sforzi hanno generato dei benefici per l’ambiente quantificabili in 306 milioni di Euro, con 14 miliardi di tonnellate/chilometro eliminate dalle strade europee.

Al compimento del decimo compleanno del programma, si stima che saranno evitati 4 milioni di viaggi di camion, con una media di 1.000 km a viaggio. Tutti questi camion, insieme, creerebbero un ingorgo lungo 64.000 Km

Per presentare un progetto:

Helpdesk: [email protected], +32-2-29-50-924;

Marco Polo

Marco Polo è il programma della Comunità Europea per le società di autotrasporti e logistica impegnate nella sostenibilità del trasporto merci in Europa. Ha l’obiettivo di ridurre la congestione del traffico su strada, spostando il trasporto delle merci verso modalità più sostenibili per l’ambiente, come il trasporto marittimo a corto raggio, il trasporto ferroviario e per vie d’acqua interne.

http://ec.europa.eu/marcopolo

EACI

La Executive Agency for Competitiveness and Innovation è stata creata dalla Commissione Europea per assicurare l’efficace gestione delle modalità di erogazione dei fondi UE e della rete di business europea. Il team EACI è composto da specialisti in materia di energia, ambiente, supporto al business e trasporto intermodale.

http://ec.europa.eu/eaci

Video: http://multivu.prnewswire.com/mnr/prne/eaci/56551/

No Comments
Comunicati

I governi devono intervenire a Rio per un futuro energetico sostenibile


I governi devono intervenire a Rio per un futuro energetico sostenibile

I governi devono intervenire a Rio per un futuro energetico sostenibile

 
[2012-06-14]
 

BRUXELLES, June 14, 2012 /PRNewswire/ —

Le Nazioni Unite sostengono la Giornata Mondiale del Vento del 15 giugno

Venerdì 15 giugno è la Giornata Mondiale del Vento. Migliaia di persone scopriranno il potere dell’energia eolica in occasione di oltre 200 eventi in almeno 40 Paesi di tutto il mondo. La Giornata Mondiale del Vento intende esercitare pressione sui leader mondiali che parteciperanno la settimana prossima alla conferenza Rio + 20 affinché si impegnino a raddoppiare la quota di energie rinnovabili entro il 2030.

Oggi, l’energia eolica viene utilizzata in oltre 75 Paesi, con 21 Paesi che superano i 1000 MW installati. Ciò si traduce in più di 250 GW di capacità installata globalmente che rappresenta oltre 30 volte la potenza installata 15 anni fa, quando venne firmato il protocollo di Kyoto nel 1997.

Le previsioni settoriali indicano che, con il giusto sostegno da parte della politica, l’energia eolica raddoppierà la sua capacità entro il 2015, e ancora entro la fine di questo decennio, generando così il 9% – 12% dell’energia elettrica mondiale. Ciò consentirà di risparmiare fino a 1,5 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 all’anno e miliardi di litri di preziosa acqua pulita, contribuendo alla sicurezza energetica e alla stabilità dei prezzi in tutto il mondo. Tuttavia, affinché l’energia eolica e altre fonti rinnovabili dispieghino il pieno potenziale, sarà strettamente necessario l’intervento della politica.

Quando i leader del mondo si riuniranno a Rio la settimana prossima, avranno l’opportunità di stabilire un nuovo corso verso un futuro energetico più sostenibile. L’iniziativa promossa dal Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon, Energia sostenibile per tutti, fa appello per un accesso universale all’energia e un raddoppiamento dell’efficienza energetica e della quota di energia rinnovabile entro il 2030.

Come dichiarato da Kandeh K. Yumkella, Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO) e leader dell’iniziativa incoraggiata dal Segretario Generale: “Dobbiamo raddoppiare la quota di energia rinnovabile nel mix energetico globale entro il 2030. Questo obiettivo può essere raggiunto con il contributo significativo dell’energia eolica, sia con impianti collegati alla rete sia con quelli decentralizzati di piccole dimensioni. La Giornata Mondiale del Vento del 15 giugno svolge un ruolo centrale poiché contribuisce all’iniziativa del Segretario Generale delle Nazioni Unite ‘Energia sostenibile per tutti’, stimolando il supporto tanto necessario per il settore eolico da parte dei leader politici di tutto il mondo”.

Continue reading the press release:

http://www.ewea.org/fileadmin/ewea_documents/documents/press_releases/Green_Growth_translations/GWD_Press_Release_June_2012_Italian.pdf

No Comments
Comunicati

Privacy & legge 196: la soluzione per la tua azienda


Business Competence ha sviluppato per questo un corso di formazione multimediale interattivo ed efficace: “Il nuovo Codice Privacy”.

Oggi infatti la formazione sulla tutela dei dati personali è obbligatoria per tutte le aziende (D.lgs 196/04).

I contenuti riguardano:

  • il codice Privacy e i soggetti previsti dal codice
  • la responsabilità civile ed amministrativa, la responsabilità penale
  • i dati personali e il trattamento dei dati
  • informativa e consenso
  • le misure minime di sicurezza
  • notificazione e autorizzazioni

Learning pills, fiction, spot games e fumetti rendono il corso coinvolgente ed interessante! Una comunicazione semplice e immediata piena di spunti e consigli per il lavoro di tutti i giorni.

 

Il corso si rivolge a tutte le figure incaricate del trattamento dei dati personali e offre numerose parti di approfondimento per i responsabili!

Il nuovo codice Privacy” sviluppato con tecnologia HTML e Macromedia Falsh è erogabile in diverse versioni: Internet, Intranet, Piattaforma AICC compliant e CD ROM.

 

Ecco i principali vantaggi del corso!

  • Conoscenze & capacità. Offre la formazione sul Nuovo Codice Privacy per gli Incaricati al trattamento dei dati personali.
  • È efficace e piacevole! La metodologia didattica adottata garantisce un’esperienza formativa interessante e coinvolgente,
  • Certificato di frequenza. Viene rilasciato al termine del corso.
  • Necessita di un tempo limitato. La fruizione del corso richiede per gli Incaricati del trattamento circa un’ora di tempo.

 

Per saperne di più guarda la Brochure sul corso e visita il nostro sito!

 

A proposito di Business Competence

 

Business Competence è the First Business Analytics Company costituita nel 2007 e specializzata nell’attività di consulenza IT. Grazie a esperienza, passione e a un costante aggiornamento nelle tecnologie e nei metodi, sviluppa soluzioni innovative adatte alle nuove esigenze di mercato.  Per scoprire i diversi servizi Business Competence consulta il sito www.businesscompetence.it o chiedi maggiori informazioni al [email protected].

 

 

No Comments