Albergo diffuso Salento: la soluzione per le vacanze

Anche nel Salento si sta sviluppando il concetto di Albergo Diffuso, una modalità nuova che unisce tradizione a modernità, ideale per vacanze all’insegna della cultura, del divertimento e della tradizione. Statistiche alla mano sono sempre di più i turisti che scelgono l’albergo diffuso come soluzione abitativa per le proprie vacanze. Nel Salento, meta sempre più preferita per le proprie vacanze, l’albergo diffuso ha pochi anni di vita. Sono infatti davvero pochi i players che operano in questo segmento di mercato. L’offerta turistica del Salento infatti è improntata alle più tradizionali case vacanze e a normali hotel. Eppure anche nel Salento da alcuni anni alcuni temerari operatori hanno provato a scommettere nel settore dell’albergo diffuso, con risultati molto soddisfacenti. Ma cosa è precisamente l’albero diffuso? Con questi termine di indica una soluzione ricettiva che prevede il coinvolgimento di più appartamenti, con proprietari diversi che , coordinati da unico soggetto, si trasformano in case vacanze. Generalmente si tratta di appartamenti storici che sono stati restaurati e sono datati di ogni comfort.

Albergo diffuso in Salento significa Mediterrae, la cooperativa di Specchia che coordina molti appartamenti ideali per le proprie vacanze nel Salento. Gli appartamenti gestiti dalla coop Mediterrae sono tutti ristrutturati e sorgono nei punti più belli dell’antico Borgo di Specchia. L’Albero Diffuso marchiato Mediterrae è l’deale non solo per la tradizionali vacanze estive ma anche per soggiorni alla scoperta del Salento invernale, tra piatti tipici e mestieri di un tempo. Le soluzioni della Meditterae sono, per questo, a trecentosessanta gradi: non solo case vacanze in antichi appartamenti ma anche corsi di cucina, viaggi alla scoperta dell’antico e visite guidate. Sotto questo punto di vista l’albergo diffuso è davvero la soluzione ricettiva che permette di unire turismo e cultura. Un modo nuovo di fare turismo, coinvolgendo le comunità di riferimento e rendendo il turista più consapevole del proprio viaggio.

 

 

I commenti sono chiusi