Home » Comunicati » Luce pulita nella propria casa

Luce pulita nella propria casa

Affitti case Ancona. La pulizia delle fonti di illuminazione solitamente non rappresenta un problema. Tuttavia è bene rispettare alcune norme sia per quanto riguarda la sicurezza sia per quanto riguarda l’efficacia della pulizia stessa. Innanzi tutto nel momento in cui si decide di pulire una qualsiasi fonte di luce elettrica, è assolutamente indispensabile staccare la spina dalla presa, e dove questo non sia possibile, come nel caso dei lampadari, chiudere l’interruttore generale. In questo modo si avrà la certezza di evitare brutte sorprese che possono essere anche molto pericolose.
Il materiale che dovremo prediligere per la nostra azione di pulizia è di certo un panno in microfibra, che risultando morbido, da un lato toglie bene la polvere e dall’altro evita di rischiare di sfrigiare le parti delicate dell’elemento, come quelle in metallo lucido. Se si tratta di un paralume invece basterà un piumino tradizionale, magari prima spruzzato con uno di quegli spray anti polvere che si trovano in commercio. A evitare è di bagnare il paralume, soprattutto se in carta ma anche se di stoffa, così come sono da bandire i solventi.
Una cosa che spesso non viene effettuata, è la pulizia della lampadina stessa. Eppure se pensiamo che la luce si irradia direttamente da li, si comprende bene come una lampadina priva di polvere lasci passare una luce di intensità e qualità superiore ad una sporca. Nel fare questa operazione il panno in microfibra è l’ideale, e bisogna ricordarsi assolutamente di interrompere la corrente.
Una cosa che bisogna evitare, è di bagnare inavvertitamente gli interruttori, soprattutto con liquidi che possono colare al loro interno. Infatti questo può essere la causa di un cortocircuito nel momento in cui l’interruttore venga acceso, con relativi problemi e pericoli.
Quando si tratta di pulire un lampadario, soprattutto quei lampadari con molti componenti, o a goccia, la cosa migliore per una pulizia approfondita è smontarne le componenti una per una e detergerle delicatamente con un panno umido, magari con un detergente non aggressivo. La cosa può risultare un po’ laboriosa, ma non è un lavoro da effettuare tutti i giorni. In questo modo, dopo una pulizia cosi a fondo, basterà per molto tempo una semplice spolverata per ritrovare la brillantezza originale.

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma