Home » Comunicati » L’agevolazione fiscale per ristrutturazioni e recuperi edilizi è stata prolungata

L’agevolazione fiscale per ristrutturazioni e recuperi edilizi è stata prolungata

L’agevolazione fiscale per ristrutturazioni e recuperi edilizi è stata prolungata: La scadenza è stata prorogata al 31-12-201, il tasso di agevolazione fiscale è del 36% ed è valido sia per le ristrutturazioni che per i recuperi edilizia degli immobili e delle prime case.

Secondo ciò che prevedeva la Finanziaria del 2008, che è stato poi ripreso dalla finanziaria del 2010 ed ha validità fino al 31 dicembre del 2012, coloro che eseguono degli interventi di ristrutturazione, di recupero edilizio, di acquisto da costruttore che ha effettuato recupero edilizio, hanno il diritto ad un’agevolazione fiscale del 36% fino al massimo di 48.000 euro per abitazione.

Il requisito principale perchè questi interventi di ristrutturazione e di recupero edilizio possano usufruire di questa agevolazione è che avvengano nel periodo che va dal 1^ gennaio del 2008 al 31 dicembre del 2012.

La ristrutturazione comprende tutti gli interventi sostanziali sugli immobili di proprietà come ad esempio i cambiamenti sugli interni, la manutenzione ordinaria e straordinaria.
Il recupero edilizio invece è contemplato nel caso in cui un precedente immobile venga modificato completamente, abbattendolo e ricostruendolo a patto però che la destinazione d’uso precedente venga mantenuta o modificata a favore dell’uso abitativo o, nel caso di piani casa regionali, con aumento del volume.

Le agevolazioni sono ammesse solo per quegli interventi di ristrutturazione e manutenzione straordinaria, mentre la manutenzione ordinaria è ammessa solo per le parti comuni di un condominio.
E’ pertanto fondamentale che sulla richiesta ci sia almeno uno di questi termini già citati (ristrutturazione, manutenzione ordinaria e straordinaria).
L’agevolazione del 36% è ammessa anche in caso di acquisto da costruttore, purchè gli immobili non siano di nuova costruzione ma riguardino un intervento di recupero o di ristrutturazione avvenuti dopo del 1^ febbraio 2008.

L’agevolazione del 36% è ammessa, in tal caso, solo sul nuovo e soltanto per la parte che riguarda i costi di realizzo, comprese manodopera e materie prime. C’è da dire che anche se la parte burocratica è estremamente complessa e prevede interventi specifici e comunicazioni precise già all’atto del compromesso, vale la pena attivarsi per tempo per cercare di usufruire di questo tipo di agevolazione fiscale, un’opportunità da sfruttare se si vuole risparmiare, per godersi la propria casa in tutto e per tutto.

Acquista una tra le case Ancona in vendita, ce ne sono diverse da ristrutturare in aperta campagna, tante altre sono invece da recuperare e si trovano in periferia, altre ancora sono situate nella zona più vicina al mare, nei pressi dello spettacolare Monte Conero.

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma