Itinerari siciliani: Palermo, San Vito Lo Capo e Messina

Senza dubbio nel corso della storia la città di Palermo, capoluogo della Sicilia, ha sempre rappresentato un crocevia tra la cultura nordafricana e quella Europea.
Un luogo privilegiato che ha sempre destato stupore e sorpreso non solo avventori ma anche turisti e letterati che in questa meravigliosa città hanno trovato rifugio ed ispirazione privilegiata ad iniziare dai popoli più antichi come i Greci e i Cretesi fino ad arrivare agli Aragonesi che hanno dominato la zona per lungo tempo. Proprio questo incrocio e susseguirsi di culture diverse nel tempo ha creato sia nella città che in tutta l’isola un’atmosfera unica di cui i turisti di oggi possono usufruire in vari modi. Concentrandosi nella città di Palermo numerosi sono i bed and breakfast nei quali si può alloggiare per qualche giorno in una stanza affitto Palermo ed esplorare le suggestive vie cittadine che da sempre trasportano in altri luoghi ed altre epoche tra gli straordinari monumenti. Notevole è la zona monumentale di Cefalù con i campanili del duomo normanno che si stagliano sul mare e creano un paesaggio infondibile tanto quanto unico nel suo genere. E che dire dello splendido Golfo di Mondello, area unica ed esclusiva dove poter passare giornate a contatto con lo splendido mare e le tradizionali ricette culinarie a base di pesce.

Spostandosi verso ovest sempre più suggestivi diventano i panorami che si possono esplorare anche alloggiando in agriturismi a Palermo situati fuori dalla città e immersi nel verde e mano a mano che ci si avvicina a Trapani sempre più caratteristici diventano i paesi e i panorami. A 15 kilometri da Trapani si trova l’aristocratica Erice, cittadina situata sulla cima di un monte isolato che ne ha reso la storia e l’architettura uniche nel loro genere con il giardino del Balio all’interno del quale si trova il castello di Pepoli di origine normanna ma modificato nel 1800 per diventare villa di residenza privata. Al 1100 risale invece il Castello di Venere, fortezza medievale sorta sulle rovine del tempio dedicato a Venere Ericina. La cittadina di Erice conta la presenza di oltre 60 chiese ognuna delle quali merita almeno un breve passaggio vista la varietà architettonica che ne descrive in maniera forse più dettagliata di molti libri di storia l’origine e la cultura di appartenenza.

Proseguendo sempre verso ovest si arriva all’esclusiva località di San Vito Lo Capo, che si trova sull’estremo lembo nord occidentale della Sicilia racchiuso tra due riserve naturali ossia quella dello Zingaro a ovest e il Monte Cofano a est. San Vito Lo Capo è considerato una delle mete più rinomate per la degustazione del cous cous, piatto tipico del Nord Africa che qui trova la sua maggiore varietà in Italia visto che le varianti vengono proposte in varie forme con molti ingredienti tipici della zona. Il paese è dedicato alla memoria di San Vito Martire visto che leggenda vuole che il giovane Vito, patrizio mazarese figlio di un alto funzionario di Roma, convertitosi al cristianesimo per scappare dalle persecuzioni si rifugiò in questo luogo.

Spiagge bianchissime e finissime, abitazioni basse ecase affitto San Vito Lo Capo anch’esse bianche, acqua turchese e grotte misteriose quanto affascinanti sono solo alcune delle caratteristiche che rendono questo luogo uno dei più belli e rigogliosi del Mediterraneo. Anche la vegetazione qui trova la sua esponenziale fioritura e varietà con mandorli dai bianchi fiori, gli ulivi di Castelluzzo e i tramonti che renderanno il vostro soggiorno unico in ogni momento.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Trovare utenti

I commenti sono chiusi