Home » Comunicati » Finale Champions League 28 maggio 2011 Wembley Londra

Finale Champions League 28 maggio 2011 Wembley Londra

Il 28 maggio 2011 presso il Wembley Stadium di Londra si terrà la finale della 56° edizione della Champions League: quest’anno tante sorprese hanno accompagnato l’edizione della Coppa Campioni 2011, sorprese viste fin dagli ottavi di finale, con l’eliminazione del Milan da parte del Tottenham, e in generale, per le squadre italiane impegnate in Champions League (Sampdoria, Milan, Inter, Roma), non si può certo dire che si sia trattata di un’ottima annata.

Le due squadre migliori d’Europa della stagione si troveranno l’una di fronte all’altra nello storico impianto di Wembley che per la sesta volta ospiterà la finale della competizione più prestigiosa del calcio europeo.

La finale Champions League 2011 torna a Wembley dopo il 1992 quando a contendersi il titolo vi erano il Barcellona di Cruijff e la Sampdoria di Vialli e Mancini. I più esperti ricorderanno sicuramente l’esito finale della partita, 1-0 per il Barcellona con una punizione di Koeman al secondo tempo supplementare che infranse i sogni di una stagione incredibile per i sampdoriani.

Dopo la ristrutturazione lo stadio di Wembley, vero e proprio tempio del calcio inglese, ha riaperto i battenti nel 2007 per ospitare gare della nazionale inglese e le finali di coppa nazionale. Lo stadio fu aperto per la prima volta nell’aprile del 1924 e da allora ospitò le Olimpiadi del 1948, la finale di Coppa del Mondo del 1966, la finale di Euro 96 e tantissime altri memorabili partite.

La cornice di Londra, con il suo inconfondibile stile british, la capitale della moda per antonomasia, sarà perfetta per l’evento e migliaia di tifosi ed appassionati accorreranno allo stadio inneggiando alle loro squadre o semplicemente per vedere un grande spettacolo calcistico.

I 22 giocatori che scenderanno in campo avranno a che fare con il pallone Adidas appositamente progettato per la finale, sarà bianco e rosso con i loghi e la data dell’evento stampati.

Per partecipare alla finale Champions League 2011 Londra al Wembley Stadium potrete acquistare i biglietti sul sito UEFA.com. La vendita dei biglietti neutrali è iniziata lo scorso 24 febbraio e la procedura d’acquisto prevede la compilazione di un modulo presente sul sito. Ogni persona che compilerà il modulo potrà aver diritto a massimo due tagliandi., inoltre verranno messi in vendita degli speciali pacchetti giovani, per un adulto e un bambino, e tutte le richieste andranno ad estrazione considerando che la domanda di biglietti supererà di sicuro l’offerta.

I biglietti per il pubblico neutrale spaziano da 80 a 300 sterile (da 90 a 350 euro) alle quali va aggiunta una tassa di 26 sterline (30 euro) per i residenti in Europa e di 36 sterline (41 euro) per i residenti nel resto del mondo. Sarà possibile pagare solo tramite carte di credito dei maggiori circuiti internazionali. Il 6 aprile coloro che avranno fatto richiesta per i biglietti riceveranno parere positivo o negativo sulla transazione. Alex Ferguson, allenatore del Manchester United, una delle candidate alla fine del Wembley Stadium del 28 maggio, ha dichiarato che i prezzi sono “incredibili. È scandaloso. Allenatori e giocatori non possono farci nulla”. In effetti anche la UEFA ha ammesso che i prezzi della finale di Wembley saranno i più alti di sempre.

La detentrice del trofeo, che per la 19esima volta si svolge con la formula attuale, è l’Inter che lo scorso anno in finale ha battuto i tedeschi del Bayern Monaco per 2 a 0 con una doppietta di Milito riuscendo nel memorabile “triplete”: scudetto, coppia Italia e Champions League. Un trionfo nerazzurro con il discusso e amatissimo tecnico Mourinho, attualmente allenatore del Real Madrid, portato in trionfo da una marea di colori nerazzurri.

Sarà di nuovo l’Inter ad arrivare in finale a Londra? Chi saranno le sfidanti del 28 maggio che scenderanno in campo nel mitico Wembley Stadium e chi alzerà la coppa?

About the author

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma