Daily Archives

30 Novembre 2010

Comunicati

Prevenzione: La verità sulle droghe per un consapevole ed informato “no alla droga, si alla vita”

Continua la campagna di prevenzione di Missione Antidroga fuori alle scuole

Roma 30 novembre 2010 – I volontari del gruppo Missione Antidroga lavorano assiduamente nel contesto di prevenzione alle droghe. Anche domani, 1 dicembre, saranno all’uscita di un istituto scolastico nel XIX Municipio di Roma per portare la “Verità sulle droghe” a centinaia di studenti all’uscita dalla giornata scolastica.
L’opuscolo “La verità sulle droghe”, prodotto dalla Fondazione Internazionale per un Mondo libero dalla droga, fornisce in modo semplice ed efficace una panoramica sulle principali sostanze stupefacenti, indicandone gli aspetti deleteri e sottolineando la pericolosità di diventarne dipendenti.
“Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che rappresentano, comunque, l’unica ragione per vivere”. Ispirati da questa affermazione dell’umanitario L.Ron Hubbard, i volontari di “Missione Antidroga” porteranno la verità sulle droghe a centinaia di giovani smascherando i falsi miti sulle droghe e dando un informazione chiara e semplice che riempie i vuoti di conoscenza su questa piaga che miete migliaia di vittime l’anno.
Prossima tappa dei volontari di “Missione Antidroga” sarà la zona del centro storico, dove visiteranno pub, birrerie, bar per promuovere gli annunci di pubblica utilità, video di 30-60 secondi, prodotti ancora dalla “Fondazione per un mondo libero dalla droga” chiedendone la proiezione nei locali per dare ai ragazzi le corrette informazioni per stare lontani dalle droghe, vivendo il loro tempo libero all’insegna del puro divertimento e della vera vitalità. Tutto a vantaggio della sicurezza e della salute dei ragazzi, nonchè dei gestori che potranno dare il loro contributo per garantire un sano divertimento a migliaia di giovani che frequentano abitualmente i locali del centro storico per passare la classica serata con gli amici.

Per informazioni:
www.drugfreeworld.org
[email protected]

No Comments
Comunicati

Restauro Starhotels Michelangelo a Firenze


In nessun altro luogo, come a Firenze, si può vivere in simbiosi così stretta con l’arte
Al centro della cittadella della musica (tra il teatro del Maggio e il nuovo Auditorium) in Viale Fratelli Rosselli n.2, a pochi passi dal parco delle Cascine, di fronte alla stazione Leopolda, lo Starhotels Michelangelo si veste di nuova luce.

La facciata, di gran carattere, è in linea con l’elegante silouette della vicina torre rinascimentale in pietra forte, come per completarla, e determina il segno stilistico del restyling che ha interessato le aree comuni e alcune camere.
Infatti il lavoro di restauro appena concluso è stato approcciato con toscanissimo senso della misura, seguendo la regola aurea del bello-utile. L’eleganza fiorentina è stata interpretata in chiave personale e secondo lo spirito dei nostri tempi, senza indulgere in troppo facili tentativi di replica degli elementi artistici del tessuto urbano.
Il risultato è un albergo interpretato come il salotto di una dimora ben più vasta, la città intorno con i suoi elementi materici e coloristici: Firenze e la sua inimitabile “misura” trasferita in una formula dell’abitare attuale e dinamica.

Ecco allora che il colore grigio della pietra serena si ritrova nei tessuti e la foglia oro, tecnica in cui i fiorentini raggiungono l’eccellenza da secoli, viene applicata a tavoli dalla linea ipercontemporanea.
I velluti mauve, il cuoio, le sete sono declinati nei toni delle pietre che hanno segnato la storia architettonica della città.
I separé, che delimitano le varie zone della lobby, tagliano la luce frammentandola in ricami di grande eleganza. Sono realizzati in metallo dorato e traforato a laser, sul disegno delle formelle rinascimentali: una citazione, un logo lievemente replicato, della produzione artistica e architettonica fiorentina, che ricorda i rosoni della  facciata della chiesa di Orsanmichele e i decori sul pavimento in cotto della  Biblioteca Medicea Laurenziana. Un segno grafico di sapore rinascimentale realizzato con una tecnica antica, come la foglia oro, ed un’applicazione attualissima come il laser.
L’effetto è di grande calore ed eleganza, di ambienti che si aprono alla vista e si celano per una pausa di relax, per una conversazione pacata, per la sosta dopo una passeggiata nel vicino parco delle Cascine.

No Comments
Comunicati

L’Imbianchino e l’Architetto si Cerca online con Borsartigiano.it


Da circa sei mesi è presente sul web Borsartigiano.it la nuova piattaforma online dove trovare gli Artigiani e i Professionisti del settore edile al giusto prezzo. I clienti possono confrontare le tariffe semplicemente registrandosi al sito e pubblicando una richiesta con il dettaglio del servizio richiesto. E’ possibile anche inserire foto o altro per agevolare le imprese iscritte a Borsartigiano, che possono così fornire preventivi più coretti anche senza effettuare il sopralluogo. In poco tempo il cliente riceve molte offerte ed è in grado di scegliere quelle più conveniente oppure può contattare l’Artigiano o il Professionista in caso di dubbi o richieste di chiarimento. A lavoro eseguito Borsartigiano chiederà al cliente di lasciare un feedback positivo se le opere richieste sono state eseguite a regola d’arte. In questo modo le imprese migliori saranno premiate grazie al contributo dei loro stessi clienti. Altra caratteristica degna di nota è la possibilità di richiedere preventivi solo ad Artigiani e Professionisti del Comune in cui viene richiesto il servizio. Tutto queste opzioni si possono gestire dalla pagina personale. In definitiva possiamo classificare Borsartigiano come un sito con una logica semplice, ma sicuramente utile per chi desidera utilizzare il web come opportunità di risparmio. La scritte Beta però ci indica che le sorprese probabilmente non finiranno qua. Potete raggiungere Borsartigiano al seguente link http://www.borsartigiano.it/

No Comments
Comunicati

Sviluppo applicazioni iPhone: Disponibile Suite Office per iPhone

Per chi è sempre in movimento ma desidera tenere sotto mano I suoi documenti, l’applicazione da scaricare è iZoho.

Izoho racchiude tutti I vari tipi di office, proprio come Microsoft Office. L’unica variante è l’ambiente di sviluppo. Izoho è utilizzabile dal proprio iPhone e permette la lettura e a modifica dei propri documenti salvati sulla memoria del telefono o scaricati dalle proprie cartelle personali.

Izoho Office comprende Zoho Writer, Zoho Sheet, e Zoho Show. Il primo per I documenti come articoli e similari, il secondo per fogli di calcolo, ed il terzo per le presentazioni. Sul sito ufficiale iZoho è possibile vedere all’opera questi programmi direttamente dal proprio browser web. Zoho Writer permette di visualizzare e modificare I documenti, o crearli, se necessario. Gli altri due sono disponibili solo in lettura.

Izoho è sviluppato appositamente per iPhone e quindi è ottimizzato per il touchscreen capacitivo ed inoltre si adatta alle risoluzioni dei vari iPhone.

E’ una delle migliori applicazioni iphone e può importare documenti della suite Microsoft Office tramite appositi plug-in, e permette poi di lavorarci su direttamente dall’iPhone. E’ previsto un aggioamento Apple per poter configurare una tastiera bluetooth e utilizzarla con iZoho.

Ci sono dei pprogetti per portare iZoho su altre piattaforme, ma per ora è sviluppato solo per iphone.

E’ disponibile per gli utenti sull’App Store in una versione completamente gratuita.

No Comments
Comunicati

Note informative sulle Terapie staminali – www.beike.ch


BEIKE BIOTECHNOLOGY – CHI SIAMO
Essendo una compagnia all’avanguardia nel campo delle biotecnologie e della medicina rigenerativa, Beike si dedica allo sviluppo di tecnologie e protocolli per trattamenti sicuri ed efficaci che utilizzano cellule staminali adulte, con particolare attenzione alle cellule derivate da cordone ombelicale e da sangue del cordone ombelicale. Beike ha stipulato partnership con scienziati leader nel settore e con più di 250 medici e 30 ospedali in tutta la Cina specializzati nella somministrazione di terapie con cellule staminali per il trattamento di malattie neurologiche, vascolari, malattie del fegato e altre patologie. La nostra missione è di essere il leader mondiale nella ricerca e nell’applicazione clinica delle cellule staminali, di rendere la terapia con cellule staminali accessibile e il più economica possibile per coloro che ne hanno bisogno e di migliorare la qualità di vita di ciascun paziente.
Beike Biotechnology ha già sviluppato protocolli di trattamento specifici per molti tipi di malattie e lesioni, protocolli che sono utilizzati da dottori in tutta la Cina per trattare più di 200 pazienti ogni mese. La nostra tecnologia è stata utilizzata in quasi 20,000 trapianti di cellule staminali dal 2001 e il nostro network di scienziati ha pubblicato più di 100 articoli in eminenti riviste bioscientifiche cinesi e 7 pubblicazioni in revisione paritaria (peer-review) su rinomate riviste scientifiche internazionali, tra cui Nature e Journal of Translational Medicine.

Centri di Trattamento
Beike seleziona soltanto i migliori ospedali per trattare i nostri pazienti. Questi centri ospedalieri sono autorizzati e accreditati dal Ministero della Sanità cinese e hanno in genere 600 o più posti letto per pazienti internazionali. Gli elevati standard del nostro processo di selezione sono solo uno dei fattori che distinguono Beike da tutte le altre compagnie che forniscono trattamenti con cellule staminali. Il nostro team di leaders valuta ogni potenziale ospedale in base alla località, alla professionalità, all’accessibilità, e ad altro ancora. L’intero processo di selezione dei migliori ospedali non si concentra solo sul livello di conoscenze mediche dei dottori, ma tiene anche in considerazione la formazione clinica dei suoi infermieri, la qualità del personale addetto alla riabilitazione, la professionalità dello staff di supporto nonché la manutenzione dell’ospedale stesso. Il partenariato viene stabilito soltanto quando l’ospedale soddisfa i nostri elevati standard di selezione.

Il nostro impegno personale verso i nostri clienti non finisce qui. La politica che in genere adottiamo è quella di riservare ai nostri pazienti una sezione o addirittura un’intera ala dell’ ospedale affinché abbiano a disposizione un ambiente ottimale in cui ricevere le cure. Molti centri dispongono anche di una o più camere piuttosto ampie (vedi foto), più spaziose delle camere standard, con divani e sedie, e, talvolta, di un soggiorno supplementare.

Cellule staminali e metodi di trattamento
Cellule staminali adulte
Sono tre le “fonti” da cui Beike preleva le cellule staminali: sangue del cordone ombelicale, cordone ombelicale, midollo osseo autologo. Dopo aver esaminato tutte le informazioni mediche del paziente, i dottori del nostro dipartimento medico consiglieranno da quale fonte prelevare le cellule staminali per il trapianto. In alcuni casi, i protocolli di alcuni pazienti possono prevedere l’utilizzo di più di un tipo di cellule staminali.

Cellule staminali ottenute da Sangue del Cordone Ombelicale (UCB, Umbilical Cord Blood stem cells)
Per molti disturbi, come Atrofia Muscolare Spinale, Atassia, e malformazioni del Nervo Ottico, i protocolli di Beike prevedono l’utilizzo di cellule staminali derivate da sangue del cordone ombelicale (da ora in poi, le chiameremo cellule staminali UCB). Le nostre iniezioni di cellule staminali UCB sono costituite da una soluzione contenente tre sottospecie di cellule staminali, ovvero cellule staminali ematopoietiche, cellule progenitrici endoteliali e cellule staminali mesenchimali. Come è stato dimostrato da numerosi studi, le cellule staminali ematopoietiche e le cellule staminali progenitrici endoteliali sono responsabili della formazione dei tessuti del corpo. Le cellule staminali mesenchimali, invece, stimolano la crescita dei condrociti (un tipo di cellula fondamentale per il rinnovamento dei tessuti, in particolare della cartilagine), delle cellule epatiche, delle cellule renali e dei neuroni, e sono molto utili a contrastare disturbi vascolari nelle aree del cervello, oculari, e in tutto il corpo compresi cuore, rene e pancreas. Tuttavia, a seguito degli studi fin’ora condotti sulle cellule staminali, si ritiene che i benefici riscontrati dai pazienti siano da attribuire ai fattori di crescita rilasciati dalle cellule staminali una volta somministrate.

Cellule Staminali Mesenchimali del Cordone Ombelicale (UC-MSC, Umbilical Cord Mesenchymal Stem Cells)
Sulla base di recenti pubblicazioni scientifiche e della nostra esperienza, i protocolli Beike prevedono l’impiego di cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale (d’ora in poi, UC-MSC) sotto determinate condizioni per le quali si ritenga appropriato il loro utilizzo. Queste iniezioni contengono una percentuale maggiore di cellule staminali mesenchimali rispetto alle iniezioni di UCB e si avvicinano molto alla composizione delle colture di cellule prelevate dal midollo osseo dei pazienti. Tutti i pazienti affetti da Sclerosi Multipla e SCI (Lesioni Spinali) ricevono questo tipo di iniezione in quanto queste cellule non solo producono importanti fattori di crescita e possono differenziarsi nei tipi cellulari desiderati, ma possono anche contribuire a regolare il sistema immunitario, riducendo infiammazioni, cicatrici, e apoptosi cellulare.

Cellule Staminali ottenute dal Midollo Osseo (BM, Bone Marrow Stem Cells)
Per alcune patologie, quali Lesioni Spinali, Paralisi Cerebrale, Traumi Cerebrali, Piede Diabetico, Necrosi della Testa del Femore e malattie cardiache, i medici possono utilizzare cellule staminali ottenute dal midollo osseo del paziente stesso (a seconda delle condizioni individuali del paziente). Le cellule staminali vengono prelevate dal midollo osseo che viene asportato dal paziente e, a seconda del tipo di midollo, si possono preparare una o due iniezioni separate. Queste iniezioni contengono inoltre un’alta concentrazione di cellule staminali mesenchimali e sicuramente le cellule staminali ottenute dal midollo osseo costituiscono una valida opzione per coloro che intendono utilizzare soltanto le proprie cellule staminali.

Metodi di Trattamento

Iniezione per via endovenosa (EV)
L’iniezione di cellule per via endovenosa (EV) è un metodo molto semplice che dovrebbe già essere noto alla maggior parte dei pazienti. Una sottile cannula con un catatere in punta viene inserito nella vena del paziente. Una volta che la cannula è posizionata in modo corretto, l’ago viene sfilato e il catetere di plastica flessibile viene lasciato nella vena con il tubicino attaccato. La soluzione di cellule staminali disciolte nel siero del sangue del cordone viene somministrata attraverso EV (previa valutazione da parte del personale medico, il desametasone può essere somministrato anticipatamente per evitare potenziali reazioni allergiche). In genere non è necessario l’impiego di sedativi per questa procedura. L’intero processo di iniezione EV richiede meno di 45 minuti.

Puntura Lombare
La puntura lombare (LP) è comunemente indicata col nome di Rachicentesi. Si tratta di una procedura utilizzata per accedere al liquido cefalorachidiano e al midollo spinale e contribuisce a fornire cellule staminali direttamente nel liquido cerebro-spinale, baipassando la barriera emato-encefalica. I nostri medici ritengono che questo sia il metodo meno invasivo per la somministrazione di cellule staminali direttamente nel sistema nervoso centrale. Il fluido cefalorachidiano (CSF) è utilizzato dal corpo per proteggere il cervello e il midollo spinale, limitando la possibilità di lesioni a queste aree. Il corpo produce costantemente CSF e quindi qualsiasi liquido che venga asportato viene poi reintegrato entro un paio d’ore.

Iniezioni locali

Le iniezioni locali possono essere utilizzate per trattare una grande varietà di casi. Tra questi si annoverano: lesioni al midollo spinale, neuropatia periferica, piede diabetico e distrofia muscolare. Per le iniezioni locali, le cellule staminali ottenute dal midollo osseo o dal sangue del cordone ombelicale vengono somministrate con una serie di più iniezioni, alcune direttamente nell’area lesa e altre nella zona circostante.

Iniezione intravascolare Interventistica

L’iniezione intravascolare interventistica può essere applicata per il trattamento di alcune malattie cerebrovascolari e cardiovascolari, nonchè malattie vascolari periferiche, come l’ictus, le malattie ischemiche e la necrosi della testa del femore. Le cellule staminali trapiantate sono iniettate direttamente nelle aree danneggiate.

www.beike.ch

No Comments
Comunicati

Calano i sinistri ma cresce Rc auto


A seguito della riforma del Codice della strada gli automobilisti sono diventati più consapevoli e disciplinati.

Secondo un’indagine condotta da Aci e Istat il numero dei sinistri nel 2009 si è ridotto dell’1,6%, dal 2001 i morti su strada sono scesi del 40%. L’Adoc, associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori, evidenzia come, a fronte di questi dati, le tariffe Rc auto continuino ad aumentare, in media del 18%.
Nonostante questi traguardi i consumatori sono costretti a pagare il doppio rispetto alla media europea. Oggi gli automobilisti italiani spendono complessivamente 8 miliardi di euro in piu’ rispetto agli altri cittadini europei, considerando oltre 40 milioni di veicoli privati e un differenziale di prezzo di 200 euro tra assicurazioni italiane ed europee.

Le tariffe delle polizze Rc auto non solo determinano serie difficoltà per le famiglie colpite dalla crisi economica e occupazionale, ma rappresentano un freno allo sviluppo del settore auto.

Notizie aggiuntive su Rete Assicurazioni, il portale che offre utili link di compagnie assicurative per la scelta dell’assicurazione auto. E’ un sito informativo utile per chi è in cerca dell’assicurazione online ma non sa come fare la scelta giusta.

Il sito è orientato sempre più alla socialità 2.0 con la presenza su facebook e twitter oltre a un’area sondaggi. In futuro è previsto l’ampliamento del servizio con la nascita di una newsletter periodica gratuita.

No Comments
Comunicati

Dal Brasile alle rinnovabili, la doppia svolta di Terna: “Una nuova pelle” commenta l’AD del Gruppo Flavio Cattaneo


Dal Brasile alle rinnovabili, la doppia svolta di Terna:
Cattaneo lavora al piano industriale. Alleanza per  la rete mediterranea.
L`ultima novità,  ancora in cantiere, è la partecipazione a Medgrid, un`alleanza  con altri gruppi che partirà a inizio dicembre a Parigi.

MILANO — Fotovoltaico, cessioni a fondi di private equity, plusvalenze e espansione all`estero.
Sono questi gli ultimi ingredienti, un po` a sorpresa, di una ricetta altrimenti molto tradizionale.
Il suo nome è Terna, il gruppo che controlla la quasi totalità della rete elettrica italiana.
In un contesto quindi molto regolamentato. Ma che, ormai, non è più l`unico campo d`azione della società.

L`ultima novità, ancora in cantiere, è la partecipazione a Medgrid, un`alleanza con altri gruppi che partirà a inizio dicembre a Parigi.
Tra gli altri partner ci sono, per esempio, la francese Areva Renouvelables e la rete elettrica spagnola. L`obiettivo: studiare la fattibilità di una rete mediterranea per il trasporto dell`elettricità.
Ma è forse l`operazione di metà ottobre, la cessione di Rete Rinnovabile al fondo inglese Terra Firma, a rendere meglio l`idea di questa «nuova pelle» del gruppo guidato da Flavio Cattaneo.
Che in dieci mesi ha costituito, avviato e venduto la società di produzione di energia solare con una plusvalenza stimata intorno ai 200 milioni. «Noi potremmo immaginare in futuro altre opportunità aggiuntive rispetto al nostro core business che è lo sviluppo della rete», ha detto Cattaneo.
Tanto che il modello Rete Rinnovabile potrebbe essere replicato in altri settori energetici. E anche, di nuovo, nello stesso fotovoltaico.

Sul versante estero, invece, dopo un`altra plusvalenza, quella da circa 400 milioni per la cessione nel 2009 della brasiliana Tema Partìcipacoes a Taesa, in questi giorni è stato siglato un accordo per un cavo sottomarino da 760 milioni tra Italia e Montenegro. Con un occhio anche a Paesi confinanti come Serbia e Albania. Poi ci sono i progetti che dall`Italia vanno in Francia, Austria e Slovenia, già previsti nel piano di sviluppo. E lo studio di fattibilità per un collegamento con la Tunisia. «Stiamo già pensando ad altre possibilità che saranno presentate in futuro», è il commento di Cattaneo a proposito di progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di rete ad alta tensione all`estero. Intanto, a gennaio, è atteso il piano industriale.

Così la società nata nel 1999 da una costola dell`Enel e quotata in Borsa dal 2004 (primo azionista è la Cassa depositi e prestiti a un passo dal 30%) sta progressivamente guardando anche al di là del suo campo tradizionale fatto di Italia e di ricavi «regolamentati». Dove pure alcune voci del fatturato garantiscono ritorni non da poco: il capitale investito in infrastrutture viene remunerato con un tasso di interesse del 6,9% (9,9% per lo sviluppo della rete), attingendo dalle classiche bollette dell`energia elettrica.
E` del 2,5%-2,6% la quota di queste ultime che va a Terna a copertura di costi operativi, ammortamenti e appunto remunerazione del capitale investito.
Ma che cosa ne pensa la Borsa di questa «nuova Terna» che fa affari con il private equity? Pochigiorni fa le quotazioni hanno toccato il massimo storico di 3,39 euro, per poi ripiegare a 3,20 euro nella chiusura di ieri. In un anno il tìtolo ha guadagnato il 15,84%, mentre l`indice Ptse Mib ha perso il 12,16%.

Da il Corriere della sera del 26 novembre 2010 – Giovanni Stringa

(Fonte: Terna WebMagazine)

Social Media Communication
Phinet
Roma Italia
Alessandra Camera
[email protected]

No Comments
Comunicati

La Stagione della Beneficenza in Tour al Sud: The Ex-Kgb quattro concerti


Giunge al Sud Italia il tour della band capitanata da Mike 3rd, artefice dell’operazione benefica a sostegno di Greenpeace ed AIRC con il miglior rock: Live a Pescara, Benevento, Avellino e Napoli

Giovedì 2 Dicembre
Mono Spazio Bar
Via Marco Polo 38 Pescara
ore 21.00

Venerdì 3 dicembre 2010
Cappellaio Matto
Via Appia 1
Calvi – Benevento
ore 21.00

Sabato 4 dicembre 2010
Chromazone Club
Contrada Spineta 14
Atripalda -Avellino
ore 21.00

Domenica 5 dicembre 2010
Shakti Club
Via Romani, 1
Pomigliano d’Arco – Napoli
ore 21.00

2 -3 – 4 e 5 dicembre 2010 quattro appuntamenti imperdibili con l’Irriverent Groovy Rock degli The Ex-Kgb. La band prosegue il tour a sostegno di Greenpece e AIRC e giunge a Pescara e in Campania dopo aver conquistato il pubblico de le Scimmie di Milano – dove riconfermerà la sua presenza. Quattro giorni di grande rock e buona musica.

Gli appuntamenti sono: il 2 dicembre al Mono Spazio Bar Pescara, il 3 dicembre Cappellaio Matto (BN), il 4 Dicembre al Chromazone Club (AV) e il 5 dicembre allo Shakti Club di Pomigliano d’Arco (NA). Il rigido fine settimana sarà incendiato dal rock degli The Ex-Kgb.

The Ex-Kgb con il nuovo tour italiano stanno promuovendo attivamente il progetto La Stagione della Beneficenza, capitanato dal chitarrista e autore Mike 3rd. Tre brani per Hypnoise, The Ex-Kgb e la coppia Cheryl Porter/ Mike 3rd a sostegno di Greenpeace e AIRC.
I proventi delle vendite andranno al 100% a finanziare Greenpeace: è proprio la natura indipendente del progetto che consentirà il totale controllo sugli incassi che non saranno soggetti, come accade invece con majors, a trattenute di vario genere. Massima trasparenza significa che quanto incassato verrà pubblicato sui siti ufficiali e myspace delle bands e verrà versato. Le ricevute dei bonifici saranno anch’esse pubblicate. Il 100% delle vendite del singolo di Mike 3rd feat. Cheryl Porter andrà a supporto dell’ A.I.R.C., la nota associazione che da anni sostiene la ricerca sul cancro.

I singoli sono in vendita su ITunes Music Store a soli 0,99 € cadauno grazie alla Veneto West Records di Los Angeles, etichetta indipendente guidata da Ronan Chris Murphy che ha partecipato con gioia e convinzione all’ iniziativa.

Info:
The Ex-Kgb:
http://www.theex-kgb.eu

Synpress44 – Ufficio Stampa:
http://www.synpress44.com

No Comments
Comunicati

M&M Fragrances crea per Masque le nuove fragranze Dolceacqua e Petra


Da mercoledì 1 dicembre – Temporary Store in esclusiva a la Rinascente Milano – Piazza Duomo

M&M Fragrances, il primo atelier della profumeria in Italia, ha realizzato per Masque due nuove fragranze per la linea top: Petra, sensuale e misteriosa e Dolceacqua più fiorita e romantica. I nuovi profumi, che verranno distribuiti in Italia da Luxury-Lab Cosmetics, saranno disponibili a partire dal 1 dicembre in un Temporary Store al piano terra de la Rinascente di Milano Piazza Duomo.

Con questa partnership M&M Fragrances consolida il proprio ruolo di riferimento nel panorama cosmetico Made in Italy. L’azienda, che si rivolge ai principali brand della profumeria di lusso, della cosmesi, della moda e dell’home fragrance, è stata selezionata da Masque per rispondere al bisogno di portare sul mercato un prodotto che fosse sintesi della vera qualità italiana in tutte le fasi della filiera. E’ dai laboratori e dalla sede creativa di M&M Fragrances, situati a Milano, che il progetto ha il suo punto di partenza; qui le essenze vengono realizzate solo con materie prime di origine certificata e testate attraverso un vasto range di controlli qualità. Italiana inoltre è la scelta del packaging e delle confezioni in ceramica di Deruta, realizzate a mano che contengono i prodotti della linea nelle sue diverse declinazioni.

M&M Fragrances, grazie al naso Enrico Scartezzini, ha interpretato sotto una duplice luce, ora misteriosa ora più romantica, il modo di essere donna incarnato da Masque. Petra, dal profumo intenso e ammaliante rimanda al fascino delle atmosfere orientali: Pepe Nero dell’Iran, Sandalo e Patchouly circondano di fascino e calore e unendosi alle note vellutate del Fiore di Loto e creano una fragranza intensa che si ispira a una femminilità misteriosa e seducente; Dolceacqua è una creazione pensata per un tipo di donna romantica e sognatrice, un profumo fresco, leggero e speziato nelle prime note, delicato e al contempo sensuale nell’accordo di cuore grazie a Melograno, Violetta e Rosa Wardia. Il fondo del profumo rivela note calde di legni e muschi, toni dolci di vaniglia e accenti luminosi e avvolgenti di ambra.

Come queste creazioni, tutti i prodotti M&M Fragrances sono esclusive essenze taylor-made create impiegando materie prime pregiate, di altissima qualità, in linea con il progetto del fondatore, Marco Maffei, di creare una vera e propria “sartoria del profumo”, tutta Made in Italy, dove tutto viene creato su misura e in grado di instaurare un rapporto assolutamente personale con il cliente.

Per Info:

M&M Fragrances s.r.l

02 33496009

[email protected]


No Comments
Comunicati

LA COMELGO LOPPET ACCENDE I MOTORI A PADOLA È GIÁ ARRIVATA …LA BEFANA, LA PISTA È APERTA

Grazie alle abbondanti nevicate, una parte del tracciato è già pronta per la gara del 6 gennaioOn line anche il sito aggiornato per la seconda edizione, già cliccatissimoIl tracciato di 15 km verrà percorso due volte, in tutto 660 m. di dislivelloLe iscrizioni sono in corsa, ai primi cento un gadget aggiuntivo

A Padola, nella splendida località del Comelico (in provincia di Belluno), la befana è arrivata in anticipo. Nella sua calza non ha messo il carbone, ma tanta neve per accogliere sulle piste le centinaia di atleti che il 6 gennaio gareggeranno nella “Rossignol Race – Comelgo Loppet – Memorial Riccardo De Martin”. La gara, dopo l’edizione di successo del 2010, ripropone anche per questa stagione una competizione in tecnica classica, con partenza mass start, che si terrà alle ore 10:30 su un percorso che si articola tra le piste di Padola di Comelico e la zona di Val Grande. La distanza di gara è di 30 km, con due giri da 15 km.Grazie alle nevicate copiose di questi giorni, gran parte del tracciato è già accessibile. Da oggi i tecnici del centro del fondo hanno annunciato l’apertura di un anello di 5 km, pronto per prendere confidenza con gli sci da fondo in questo inizio di stagione. Ci sono dai 25 ai 35 cm di neve fresca su tutto il tracciato, ma i responsabili della pista hanno deciso di aprire al pubblico solo 5 km. I rimanenti 10 km della pista, sui quali i fondisti si affronteranno nel giorno dell’Epifania, saranno approntati tra qualche giorno in attesa di una nuova nevicata e dunque di un manto più compatto. Nel frattempo sono entrati in funzione anche i “cannoni” per produrre neve programmata, così da garantire una stabilità alla pista in vista della Comelgo Loppet.Il sito aggiornato (www.comeliconordicski.com), dove si possono reperire informazioni dettagliate sulla gara, è ormai mèta dei click di tantissimi appassionati e non appena la pista sarà interamente tracciata e battuta, ci sarà modo di “vivere” le emozioni che la Comelgo Loppet regala, con uno speciale video disponibile online. Sarà infatti realizzata anche in questa edizione una sorta di “grande fratello” del percorso, grazie ad una telecamera portata da uno dei protagonisti mentre si avventura lungo il tracciato. La Comelgo Loppet si svilupperà sulla pista denominata “Il canale” – aperta anche allo sci nordico praticato dai turisti – che costeggia Valgrande, la zona delle Terme e che attraversa il corso delle acque dello Stadio del Fondo, per un totale di 14.807 metri e un dislivello totale di 330 metri. Partenza ed arrivo saranno allestiti a Padola, a quota 1.200 metri. Per chi ama i dettagli, il massimo dislivello rilevato in salita è di 39 metri e la differenza di quota 98 metri.Le iscrizioni sono aperte, ed è già “mass start” per usufruire della quota ridotta di 20 euro (proposta fino al 29 dicembre) e soprattutto per rientrare tra i primi cento iscritti. Sì, perché il comitato organizzatore ha deciso di omaggiare i “più veloci” a prenotarsi con una pen drive personalizzata. Ma nessuno resterà a bocca asciutta, perché per tutti i partecipanti sono previste ricche sorprese – a cominciare dall’interessante pacco gara che contiene un paio di guanti tecnici “Lill-Sport”, oltre all’assistenza medica e al ristoro (con tanto di pasta-party!).Per chi si iscrive entro il 5 gennaio sarà sufficiente inviare, insieme ai propri dati, una copia della ricevuta del bonifico, via fax al numero 0435.67040 o via e-mail all’indirizzo [email protected] parlare di protagonisti è ancora presto, ma Roberto De Zolt ha già avuto rassicurazioni sull’adesione di atleti di rango, ovvero i fuoriclasse che non saranno al via del Tour de Ski. Tra i partecipanti avrebbe voluto esserci Pietro Piller Cottrer, per correre davanti ai fans di casa, ma la RAI lo ha voluto come “spalla tecnica” per il commento in diretta del Tour de Ski. Ma altre “stelle” sono pronte a brillare a Padola, e l’edizione 2011 replicherà di certo il successo del debutto, che ha registrato circa 300 iscritti tra i quali figuravano anche il campione mondiale e olimpico della canoa Antonio Rossi e il famoso industriale Guido Barilla. A dare lo start sarà un mito dello sci nordico, quel Maurilio De Zolt che non ha mai smesso di amare la propria terra e lo sci di fondo.Info: www.comeliconordicski.com

No Comments
Comunicati

UN CRM LEGGERO COME UNA NUVOLA


Il CRM di Sysman entrare nelle aziende italiane.

Attraverso la soluzione CRM on demand Contact Pro Ready, il CRM leggero come una nuvola, anche le piccole società potranno dotarsi di una potente piattaforma per la gestione dei contatti con la clientela, degli appuntamenti dei venditori e le attività di direct marketing.

“Ho bisogno di una piattaforma di CRM che sia un grado di gestire tutti i contatti generati dal sito, o quelli che arrivano dalle directory on line, dal telefono o da altre fonti. Mi è indispensabile perché in caso contrario non sarò in grado ad analizzare le vendite, o di studiare il riposizionamento del prodotto di punta. Ma quale prodotto scegliere? Piattaforme potenti ma pensante solo per grandi gruppi industriali, oppure… oppure?”

Incubi da imprenditore… la maggior parte delle piccole e medie aziende italiane non sono strutturate per affrontare un progetto di introduzione aziendale di una piattaforma di CRM (Customer Relationship Management). Questo genere di piattaforme si sono sviluppate particolarmente in quei paesi, dove la dimensione media aziendale e la loro capitalizzazione rendevano possibile approcciare progetti di questo tipo, progetti che se ben gestiti posso trasformare un’azienda “passiva” in una “reattiva” e quindi più produttiva.
Il nocciolo del problema è quindi rappresentato dal costo inziale e dalle infrascritte tecnologiche/competenze necessarie. Tutto qui? Vi sembra una buona ragione per continuare ad avere incubi notturni? La soluzione è semplice e leggera come una nuvola, e se consideriamo che il prodotto ha una paternità al 100% italiana, possiamo veramente stare tranquilli. Contact Pro Ready, questo è il nome della soluzione, con più di 20 anni di esperienza, promette di poter aiutare le PMI Italiane ad aumentare il proprio giro di affari, con un investimento esiguo, (300€ per la configurazione iniziale), e un canone “tutto incluso” che parte da 23€ per utente. Un CRM italiano che parla la lingua delle nostre aziende e dei nostri mercati, che conosce le nostre filosofie di business e che concretamente ci può aiutare a risolvere i problemi di crescita che ogni giorno dobbiamo affrontare. L’agenda dei venditori, tutti i dati archiviati in un unico database, l’integrazione con MS Outlook, queste sono solo alcune delle funzionalità che vi potranno cambiare la vita.
Per maggiori informazioni: Sysman

No Comments
Comunicati

Tappeti orientali e e-commerce: reperibilità e facilità d’acquisto


Un tappeto orientale è sinonimo di eleganza e gusto: arredare la propria camera con un tappeto persiano significa dare quel tocco di colore, decorazione e comfort che fa la differenza.

Un tappeto orientale è però spesso, ed erroneamente, associato a prezzi esosi o difficile reperibilità: oggetto d’importazione dai paesi di produzione, il tappeto orientale è pensato dai più come elemento d’arredo decorativo destinato soltanto a una clientela selezionata: in realtà sempre più aziende e imprese sanno offrire tappeti orientali a prezzi abbordabili e soprattutto con agilità e facilità di acquisto.

L’e-commerce di tappeti persiani e orientali in genere si sta diffondendo progressivamente e con ottimi risultati, con l’offerta di ampi cataloghi, possibili proprio attraverso l’online, e con le medesime garanzie che un negozio tradizionale può offrire.

I negozi online proseguono, insieme ai canali tradizionali, l’antica arte del tappeto prodotto artigianalmente e annodato a mano: nei cataloghi virtuali i tappeti sono presentati nei loro minimi dettagli di disegno, tintura, decorazione, materia prima, finezza della tessitura, lucentezza e numero di nodi. E nelle loro diverse tipologie: tappeti moderni che seguono le nuove tendenze del design, tappeti tribali e rurali, d’arte primitiva, tappeti esclusivi d’atelier, fino ai classici tappeti antichi e decorativi.

Con in più la comodità e la rapidità di un semplice click, dell’acquisto online che può essere adottato, con ottime performance, anche a tipologie di vendita, come quella appunto del tappeto orientale, viste ancora come ristrette e per un’utenza selezionata, o lontane dal commercio elettronico.

No Comments
Comunicati

La Maschera di Cera – Cap. XVI


Durante tutto questo fervore e fiorire di business, il Ten. Castillo riuscì a trovare un’ora di disponibilità contemporanea con i 2 soci, per una riunione informativa sullo stato dell’indagini.
“Signori,” iniziò, “è chiaro che chi si è introdotto nel laboratorio non più tardi di alcuni mesi fa, ha avuto l’aiuto d’un basista interno.
Non si spiega altrimenti il black-out delle sole telecamere che erano poste sul percorso di ingresso/uscita al laboratorio, l’apertura delle porte a controllo elettronico con codice a 16 cifre, e l’ingresso uscita dalla proprietà con vigilanza 24 ore al giorno dell’unico ingresso.”
“Sospetti ?”
“Beh…l’Ing. Russo Antony è il candidato ideale, nonché l’unico…”
“Antony ?!” l’ interruppero all’unisono i 2 soci.
“Impossibile ! E’ molto fidato e scrupoloso, in 5 anni di servizio non ha dato adito a dubbi di sorta sulla sua fedeltà e correttezza nei confronti dell’azienda !” proseguì poi il solo Huffmann.
“Posso sapere come mai ?” Riprese Castillo.
“Semplice, a sua insaputa lo abbiamo messo alla prova, una dura prova, e l’ha superata a pieni voti !”
“A questo punto, non mi resta che alzare bandiera bianca, dato che non abbiamo i video della sorveglianza, non ci sono impronte digitali di estranei oltre a quelle degli autorizzati a stare in laboratorio, ma soprattutto il contenuto del Cd non è stato usato da terzi così da permetterci un eventuale percorso a ritroso…”.
“Uhm” fu l’unico commento che i due titolari si lasciarono uscire di bocca prima di ringraziare e congedare il Ten. Castillo.
Il mistero e le preoccupazioni restavano… Queste ultime mitigate dal fatto che, se il Cd con i dati sensibili non era stato usato per bruciarli sul tempo da una delle tante aziende concorrenti, adesso era ovviamente un po’ tardi…

I fatti raccontanti sono puro frutto di fantasia, riferimenti a persone, fatti e cose è da considerarsi puramente casuale.
Emiliano Dix

No Comments
Comunicati

Rischio Alluvione Roma Urgente Appello dei Volontari del Rifugio Code Felici


Proprio ieri lunedì 29 Novembre 2010 intorno alle ore 11 circa è arrivato il primo appello su facebook da parte dei volontari del Rifugio Code Felici di Roma quartiere Montesacro, nel tentativo di non ripetere le tristissime vicende che si sono verificate nei precedenti anni.
Proprio grazie a questo primo urgente appello già alcuni cani del rifugio hanno trovato un alloggio provvisorio, purtroppo però allo stato attuale sono ancora molti i cagnoloni in pericolo. Poiché le previsioni metereologiche dei prossimi giorni sono tuttaltro che buone ed è prevista ancora pioggia continua, per i prossimi due giorni in particolar modo, questa sera i volontari del rifugio inizieranno a mettere in atto il piano di emergenza, per evitare il ripetersi di ciò che accadde circa due anni fa quando in una situazione molto simile purtroppo alcuni cani sono morti annegati.

Continua dunque l’appello sempre più urgente a causa del maltempo rivolto a tutti coloro che vogliono e possono ospitare in casa per qualche giorno uno dei cani del rifugio.

Chiunque voglia e possa rendersi disponibile può contattare direttamente il Rifugio Le Code Felici al numero 348 4932955 oppure scrivere alla mail [email protected]


Associazione Rifugio Le Code Felici
Roma quartiere Montesacro
Telefono: 348 4932955
Sito Web: www.codefelici.org

Fonte della notizia: http://www.romainfoline.it/News/30.11.2010_1846.htm

No Comments
Comunicati

La Stagione della Beneficenza in Tour al Sud: The Ex-Kgb quattro concerti


Giunge al Sud Italia il tour della band capitanata da Mike 3rd, artefice dell’operazione benefica a sostegno di Greenpeace ed AIRC con il miglior rock: Live a Pescara, Benevento, Avellino e Napoli

Giovedì 2 Dicembre
Mono Spazio Bar
Via Marco Polo 38 Pescara
ore 21.00

Venerdì 3 dicembre 2010
Cappellaio Matto
Via Appia 1
Calvi – Benevento
ore 21.00

Sabato 4 dicembre 2010
Chromazone Club
Contrada Spineta 14
Atripalda -Avellino
ore 21.00

Domenica 5 dicembre 2010
Shakti Club
Via Romani, 1
Pomigliano d’Arco – Napoli
ore 21.00

3 – 4 e 5 dicembre 2010 tre appuntamenti imperdibili con l’Irriverent Groovy Rock degli The Ex-Kgb. La band prosegue il tour a sostegno di Greenpece e AIRC e giunge a Pescara e in Campania dopo aver conquistato il pubblico de le Scimmie di Milano – dove riconfermerà la sua presenza. Quattro giorni di grande rock e buona musica.

Gli appuntamenti sono: il 2 dicembre al Mono Spazio Bar Pescara, il 3 dicembre Cappellaio Matto (BN), il 4 Dicembre al Chromazone Club (AV) e il 5 dicembre allo Shakti Club di Pomigliano d’Arco (NA). Il rigido fine settimana sarà incendiato dal rock degli The Ex-Kgb.

The Ex-Kgb con il nuovo tour italiano stanno promuovendo attivamente il progetto La Stagione della Beneficenza, capitanato dal chitarrista e autore Mike 3rd. Tre brani per Hypnoise, The Ex-Kgb e la coppia Cheryl Porter/ Mike 3rd a sostegno di Greenpeace e AIRC.
I proventi delle vendite andranno al 100% a finanziare Greenpeace: è proprio la natura indipendente del progetto che consentirà il totale controllo sugli incassi che non saranno soggetti, come accade invece con majors, a trattenute di vario genere. Massima trasparenza significa che quanto incassato verrà pubblicato sui siti ufficiali e myspace delle bands e verrà versato. Le ricevute dei bonifici saranno anch’esse pubblicate. Il 100% delle vendite del singolo di Mike 3rd feat. Cheryl Porter andrà a supporto dell’ A.I.R.C., la nota associazione che da anni sostiene la ricerca sul cancro.

I singoli sono in vendita su ITunes Music Store a soli 0,99 € cadauno grazie alla Veneto West Records di Los Angeles, etichetta indipendente guidata da Ronan Chris Murphy che ha partecipato con gioia e convinzione all’ iniziativa.

Info:
The Ex-Kgb:
http://www.theex-kgb.eu

Synpress44 – Ufficio Stampa:
http://www.synpress44.com

No Comments
Comunicati

La comunicazione “a colori” dell’Agenzia Della Nesta

Quello del colore è per l’Agenzia Della Nesta un linguaggio importante a cui prestare estrema attenzione in comunicazione. Giovanni Piana docente di Filosofia Teoretica affermava: “il colore parla e dunque noi dobbiamo sforzarci di comprendere ciò che esso dice”.

Da sempre l’uomo ha percepito il potere comunicativo dei colori, associando ad essi stati d’animo e sensazioni: gli antichi egizi addirittura rappresentavano con lo stesso vocabolo “il colore” e “l’essere”. Ci sono state e ci sono tutt’oggi culture in cui il colore domina sulla forma, altre in cui accadeva e accade esattamente il contrario. Nella nostra epoca regna una sorta di equilibrio, seppur precario, tra di essi.

La lingua italiana nel dare una definizione di questa parola è estremamente tecnica, scientifica e persino complicata soprattutto se si pensa che sta spiegando “un qualcosa” che è costantemente sotto i nostri occhi: “Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello quando assorbono radiazioni elettromagnetiche di determinate lunghezze d’onda e intensità”.

Nella realtà quotidiana questo vocabolo evoca sensazioni e percezioni emotive molto forti e profonde, aspetto che interessa in modo concreto la Comunicazione contemporanea. Nelle realizzazioni grafiche che l’Agenzia Della Nesta crea per i suoi clienti c’è un attento studio all’uso del colore, un fenomeno che coinvolge un’ampia pluralità di campi che sotto più aspetti si incontrano nel mondo della comunicazione: scienza, arte, fisica, tecnica, psicologia, design, cultura, industria, artigianato.

I colori, le tonalità, le sfumature definite dalla cultura odierna sono veramente tantissime e forse solo chi si diletta di pittura sa quanto infinite siano le combinazioni possibili. Da un primo studio relativo ai nomi associati al colore da ogni popolo si scopre come il numero dei nomi ad essi dedicati vadano da un minimo di due a un massimo di 11. La classificazione bianco, nero, rosso, giallo, blu, arancione, marrone, viola, rosa, grigio  e verde non è altro che un’infinitesima parte delle nuances percepibili dall’occhio umano e da alcuni definite semplicemente  come “sensazioni create a livello mentale attraverso gli stimoli visivi”.

I significati moderni hanno radici molto antiche. Il bianco è ancora sinonimo di importanza (molto usato in architettura e arredamento), il rosso esprime energia, potenza, forza, il giallo ricchezza e nelle sue tonalità sature e brillanti è tra i preferiti in pubblicità e rappresenta la gloria, il blu originalità, spirito innovativo, idealismo, il verde solidità, stabilità ed equilibrio, il nero eleganza, potenza e autorità e così via sempre più in profondità nella storia, nella cultura e nell’animo dell’uomo.

Nella scelta di un colore si celano significati profondi, bisogni e messaggi che nella quotidianità lanciamo in modo inconsapevole ma che in comunicazione hanno una valenza tanto importante quanto la selezione della giusta immagine e della perfetta espressione verbale. Se è vero che oggi molta della simbologia legata al colore è ormai andata perduta, bisogna tenere in considerazione che le sensazioni che un osservatore prova di fronte ad una nuance, pur filtrate da mode e tendenze, sono potenti, e hanno ancora la capacità di affascinare e colpire.

No Comments
Comunicati

Missione suono cristallino: l’elaborazione audio con il nuovo MAGIX Audio Cleanic 17 deluxe

  • By
  • 30 Novembre 2010


Chi pensa che ottenere un audio cristallino sia una “Mission Impossible”, allora dovrebbe dare un’occhiata al nuovo programma per l’elaborazione audio di MAGIX, Audio Cleanic 17 deluxe. Il software per registrare, elaborare, restaurare e masterizzare vinili, cassette ed MP3 è disponibile da subito nei negozi e online. Questo editor audio declina la tecnologia mastering ProAudio, creata dal team di Samplitude di MAGIX, per un suono cristallino, neutrale ed in una versione dall’uso particolarmente semplificato. La nuova finestra di avvio facilita notevolmente le prime fasi di avvio a chi non conosce il programma, scegliendo in automatico le impostazioni corrette per gli effetti e la registrazione in base al tipo di supporto audio, vinile, nastro, MP3 o parti parlate. Basta collegare il microfono e la registrazione può partire. Inoltre nel nuovo software, grazie allo Spectral Cleaning, sarà possibile eliminare in tutta semplicità – e direttamente nella traccia di elaborazione – rumori di disturbo come colpi di tosse, rumori di graffi, porte che sbattono ecc.

Ecco come ottenere un suono ottimale con l’elaborazione audio

Se in un software audio non si sa bene quale manopola girare, si potrà ad esempio ottenere un suono metallico. È facilissimo orientarsi in MAGIX Audio Cleanic 17 deluxe non soltanto grazie alla finestra di avvio intelligente, ma anche grazie alla sua interfaccia organizzata in vari colori. Il programma offre assistenti di aiuto sia per i compiti più semplici che per quelli più complessi. Il programma dispone di una funzione automatica in un click per la pulizia del suono che consente di ottenere un risultato audio finale naturale. Alcune aree come DeHisser o StereoFX hanno in questa nuova versione ancora più preimpostazioni utili, assistenti ed esempi audio per ottenere le giuste regolazioni. La Infobox migliorata fornisce testi più esplicativi per sapere sempre quale effetto applicare. Il pulsante di zoom crea subito una panoramica dell’intero progetto. In questo modo l’utente seguirà la strada giusta per ottenere un suono ottimale.

Perché ProAudio non è solo un software per utenti professionisti

Infine, il suono cristallino naturalmente non è solo una questione di impostazioni, ma bensì anche il risultato di uno sviluppo continuo da parte del team Samplitude di MAGIX. Il sound degli strumenti mastering della linea ProAudio di MAGIX è da sempre famoso per le sue caratteristiche di neutralità e per questo utilizzato anche a livello internazionale in studi audio professionali. L’algoritmo, parte integrante di MAGIX Audio Cleanic 17 deluxe è particolarmente semplice e veloce da usare. Gli utenti privati che desiderano restaurare l’audio dei propri vinili e cassette non saranno gli unici ad apprezzare i vantaggi di questo prodotto. Anche per un uso professionale, la semplicità e la rapidità con cui è possibile ottenere risultati sono altrettanto utili ad esempio anche per trasmissioni radio o podcast. Dall’altro lato, strumenti professionali come il Sound Cloner, che trasferisce l’atmosfera del suono di un brano ad un altro o l’eliminazione automatica degli applausi sono strumenti utili per utenti privati ad esempio per registrare concerti alla radio. MAGIX Audio Cleanic 17 deluxe è disponibile anche come pacchetto con preamplificatore phono incluso: si tratta di MAGIX SOS Vinile & Cassette! (Versione 3). Indipendentemente dallo scopo per il quale viene impiegato MAGIX Audio Cleanic 17 deluxe – l’elaborazione audio restituisce un risultato di qualità. Missione suono cristallino compiuta!


Novità e miglioramenti della versione 17

  • Finestra di avvio intelligente: per usare solo le impostazioni che sono veramente necessarie. In più: ora è possibile usare effetti ed esempi audio in modo più diretto, avere un’anteprima e confrontare i risultati.

  • Spectral Cleaning direttamente nella traccia. Ora è possibile eliminare singoli colpi di tosse, applausi o altri rumori direttamente nell’interfaccia principale. Davvero intuitivo: basta circoscrivere il rumore con lo strumento penna ed eliminarlo.

  • Panoramica in un click: per avere il progetto sempre sotto controllo

  • Infobox con tante nuove spiegazioni tecniche in più: per sapere sempre quale effetto applicare.

  • Effetti più facili da usare: Equalizer, Compressor, DeHisser e molto altro

  • Più preset per un’elaborazione più rapida con DeNoiser, StereoFX ecc.

No Comments
Comunicati

Divano accessorio di relax e di design


Il divano da sempre è considerato un oggetto di relax e tranquillità per eccellenza. Oltre a rappresentare solitamente l’elemento principe nei salotti rappresenta inequivocabilmente uno degli accessori di una casa che più è soggetto alle personalizzazioni e con cui anche i designers di interni si divertono a giocare e sperimentare.
Sicuramente una delle caratteristiche fondamentali di un divano è la comodità: è prerogativa di un divano o di una poltrona in pelle infatti far ritrovare la “pace con il mondo” dopo una giornata di lavoro o far godere di un bel film in compagnia degli amici o con la propria famiglia. Proprio per questo la scelta del divano deve essere moto accurata e frutto di una buona analisi della collocazione che questo andrà a prendere e delle caratteristiche fondamentali a cui dovrà rispondere.

Per esempio moltissimi sono i modelli disponibili in tutti i negozi ma è inutile acquistare magari un divano angolare per spazi limitati dove non si riuscirebbe più a muoversi liberamente. Non solo, collocare un divano troppo piccolo in un ambiente spazioso e arioso fa un effetto veramente poco gradevole e dall’aria trascurata.

Proprio per questo prima di procedere all’acquisto di un divano bisogna valutare attentamente quali sono le potenzialità di uno spazio e cosa possono offrirci le fabbriche divani, sempre più comunque gli spazi moderni tendono a compattare la zona giorno, accomunando cucina e soggiorno in un unico spazio. Molti sono in commercio i divani o poltrone che si adattano perfettamente a qualsiasi esigenza di questo tipo senza penalizzare né lo spazio né l’arredamento. Sicuramente resta comunque una necessità quella di economizzare gli spazi a cui il divano non può sottrarsi vista la sua importanza all’interno di una zona giorno. In caso di spazi veramente ridotti si può optare per un divanetto a due posti oppure per una poltrona o una chase longue che sicuramente riescono ad essere più gestibili e molto meno ingombranti di un divano a più posti o due poltrone. Oppure in alternativa si possono utilizzare le cosiddette “penisole”, che si spostano comodamente da una parte all’altra della stanza senza alcun problema diventando così accessori d’arredamento versatili e per nulla impegnativi.

Molte sono le alternative di design quando si parla di rivestimenti o materiali particolari. Sempre più diffusi sono infatti divani in pelle o divani in tessuto vario per rivestire non solo divani ma anche poltrone e dormeuse che vengono così ad assumere oltre al ruolo di luogo di relax anche quello di accessorio di design che riesce a dare quel tocco in più a qualsiasi stanza o monolocale.

Molte volte quando lo spazio non è molto il divano oltre ad essere un accessorio di arredamento diventa una vera e propria parte della casa nel senso che assume il ruolo di un muro divisorio. Disponendolo in una particolare posizione il divano può delimitare la zona della cucina dalla zona soggiorno, orientando gli spazi in base alla loro funzione. Non solo, collocandolo nel posto giusto potremo anche concederci il lusso di un divano letto che al momento giusto possa diventare il luogo ideale per ospitare un amico. L’importante è scegliere il negozio giusto che possa assicurarci qualità, design e professionalità.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Scrittura creativa

No Comments
Comunicati

Intervista a 360 gradi sul marketing territoriale e emozionale


L’opinione di Gianandrea Abbate, Francesco Gallucci e Fabrizio Bellavista su “Il marketing emozionale e il turismo fra teoria, storie di successo e progetti innovativi”, titolo del convegno del 30 novembre organizzato dal Dipartimento di Neuromarketing di AISM & POPAI Italia

Il marketing territoriale sta diventando uno degli asset più importanti della strategia turistica di ogni Paese e tanto più dell’Italia, che ha una affluenza di circa 80 milioni di visitatori all’anno. All’interno di qualsiasi strategia di marketing, non solo territoriale, poter avvicinare e comprendere le potenzialità emozionali di un brand città o di un brand paese fa certamente la differenza.

Oggi 30 Novembre 2010 si svolgerà un convegno organizzato dal Dipartimento di Neuromarketing di AISM & POPAI Italia su questi temi, con l’intento di approfondire le dinamiche del marketing emozionale applicato al primo settore economico italiano, il turismo, dal titolo “Il marketing emozionale e il turismo fra teoria, storie di successo e progetti innovativi” (presso Popai Italia – Piazzetta Umberto Giordano, 4, dalle 16.00 alle 18.00).

Ecco cosa pensano sull’argomento un esperto di psicoliguistica, Giandrea Abbate, presidente Istituto Psycho Research e due relatori del convegno, Francesco Gallucci, Presidente 1to1Lab e coordinatore del Dipartimento AISM di Neuromarketing e Fabrizio Bellavista, partner Psycho Research e vice presidente Premio Cultura di Rete.

“Nelle nostre ricerche” afferma Giandrea Abbate “emerge come dato consolidato una maggiore convergenza verso il particolare, il vicino, cioè il locale: il marketing territoriale si trova a dovere rilevare e comunicare questa carica emotiva diffusa e deve trovare driver emozionali e segni distintivi al pari di un brand. Tutte le regioni d’Italia hanno nelle nostre mappe di posizionamento psicolinguistico connotazioni specifiche che le differenziano l’una dall’altra: questo permette ai brand territoriali di emergere dalla ‘marmellata comunicativa’ che caratterizza il settore”.

Francesco Gallucci sostiene anche che “nella confusione mediale e nell’iperofferta di prodotti sia nei punti vendita sia sui siti web nella Rete l’esperienza e la fiducia nei brand è spesso il riferimento di salvataggio per ognuno di noi, per orientarci e decidere. Ma non basta; conta molto nella decisione la comprensibilità del messaggio erogato e la sua capacità di trasmettere significato. Il filosofo Edgard Morin afferma che i contenuti di un messaggio devono essere pertinenti, devono toccare le corde della sensibilità profonda delle persone. Se una pubblicità, una marca, un prodotto non riescono a farlo non avranno alcuna possibilità di creare engagement, cioè il coinvolgimento emozionale che può portare il consumatore ad entrare in sintonia con il brand, il prodotto o la pubblicità”.

Conclude il discorso Fabrizio Bellavista: “capire l’anima profonda di un brand città o di un brand nazione è essenziale per comunicare correttamente i suoi plus. Nell’arena globale, avere i giusti feedback dalle ricerche psicolinguistiche o dalle indagini di neuromarketing e coniugarli con le statistiche sempre più approfondite che ci pervengono dal mondo digitale, significa poter fare strategie di marketing territoriale molto focalizzate ed efficaci in modo da fare la differenza nei confronti dei competitor”.

SAVE THE DATE

“Il marketing emozionale e il turismo fra teoria, storie di successo e progetti innovativi”

30 Novembre 2010

Milano, presso Popai Italia – Piazzetta Umberto Giordano, 4

Ore 16.00 – 18.00

Il programma degli interventi è così suddiviso:

Daniele Tirelli – Presidente Popai Italia;

Franco Giacomazzi – Presidente AISM;

Francesco Gallucci – Coordinatore Dipartimento Neuromarketing AISM e Presidente 1to1 lab  “Il neuromarketing e il coinvolgimento emozionale del cliente”;

Massimo Giordani – Direttore Popai Digital e Amministratore Delegato Time & Mind  “Iperconessioni fra atomi e bit”;

Fabrizio Bellavista – Partner Istituto Psycho Research Milano “Il marketing territoriale e le città emozionali”;

Emilio Becheri – Amministratore Delegato Mercury e Professore Università Firenze “Dall’offline all’online, conoscere per pianificare”;

Paolo Poponessi – Vice-presidente Commonlands “Luoghi, paesaggi e identità emozionali, i nuovi paradigmi dell’attrattività turistica”;

Riccardo Trecciola – R&D Manager 1to1 lab “La comunicazione turistica online, misurare l’efficacia emozionale dei siti web con il neuromarketing”.

La partecipazione è gratuita e su invito; all’evento è possibile intervenire confermando a [email protected].

http://www.aism.org/index.php?option=com_content&view=article&id=567%3A30112010-incontro-dipartimento-di-neuromarketing&catid=40%3Adipartimenti-tematici&Itemid=111

No Comments
Comunicati

“Rome is magnifique!” Il Natale 2010 al Sofitel Rome Villa Borghese

sofitel

Roma, 30 novembre 2010 – Scoprire le meraviglie della Città Eterna immersi nella magica atmosfera del Natale: con la proposta “Rome is magnifique!”, il Sofitel Rome Villa Borghese regala un sogno ai propri ospiti, per vivere al meglio le festività natalizie.

Il raffinato albergo di Roma, dall’anima francese, offre con “Rome is magnifique!” l’opportunità di regalare o regalarsi un incredibile soggiorno nella capitale italiana, durante le emozionanti giornate di Natale: un’occasione imperdibile per coniugare lusso, eleganza, amore per l’arte e passione per la buona cucina.

“Rome is magnifique!” segue la filosofia del marchio Sofitel, riassunta nello slogan “ Life is magnifique”, che rappresenta lo stile francese del savoir vivre in italia, l’incontro delle differenti culture per godere dei piaceri della vita, declinati nell’ospitalità.

La proposta del Sofitel Rome Villa Borghese prevede: un soggiorno di 3 notti per 2 persone in camera Superior, con arrivo il 23 o il 24 dicembre; prima colazione al buffet; cena della Vigilia o pranzo di Natale, bevande escluse, presso il panoramico ristorante “La Terrasse Cuisine & Lounge”; 2 biglietti per l’ingresso ai giardini di Villa Medici; upgrade gratuito della sistemazione alla categoria superiore, in base alla disponibilità della struttura. Prezzi per camera a partire da € 265

Un fine settimana romantico, avvolti dal calore del Natale nella splendida cornice romana: un privilegio da non lasciarsi sfuggire per questo fine 2010.

Per informazioni e prenotazioni www.sofitel.com – Tel. (+39) 06 48 21 019

Tra via Veneto, Piazza di Spagna, Villa Borghese e Villa Medici trova dimora il Sofitel Rome Villa Borghese, l’esclusivo albergo, che offre un armonico equilibrio tra lusso, piacere ed eleganza.  A disposizione degli ospiti: 111 camere – 3 Suite, 9 Camere De Luxe, 85 Camere superiori e 14 Camere classiche – tutte finemente arredate nel rispetto dello stile neoclassico, il ristorante cocktail bar “La Terrasse Cuisine & Lounge”, con un ineguagliabile vista su Roma,   “Le 49″, sala ampia ed elegante riservato alla colazione e agli eventi speciali, il bar “Le      Boston”, con un elegante salotto in stile inglese e 3 sale riunioni lussuosamente arredate e caratterizzate dalle più avanzate tecnologie multimediali.

* * * * *

Sofitel: l’eleganza francese nel mondo
Sofitel è l’unico marchio di lusso presente in cinque continenti, in circa 40 paesi con 130 alberghi e 30.000 camere. Sofitel propone alberghi e resort contemporanei che si adeguano alle aspettative di bellezza, qualità ed eccellenza ricercate dai clienti versatili ed esigenti di oggi. Sia che siano situati nel cuore delle città più importanti come Parigi, New York o Beijing, o che siano nascosti in meravigliosi territori panoramici in Marocco, Egitto, Isole Fiji o Tailandia, ogni albergo Sofitel offre una reale esperienza dell’”art de vivre”.

Scoprite il mondo Sofitel su www.sofitel.com
Scoprite A|Club il nuovo programma di fedeltà mondiale di Accor su
www.a-club.com

* * * * *

Press Relations Sofitel Worldwide
Rodolphe Moulin-Chabrot
[email protected]

Ufficio Stampa
IMAGINE Communication
Silvia Alesi
Tel +39 06 39750290
[email protected]
www.italianconnections.net
Italianconnections.net

No Comments
Comunicati

La casa di ringhiera e Sant’Ambroeus: la Milano che non cambia mai.


In occasione dell’approssimarsi della festività del Santo patrono di Milano, Immobiliare.it, sito leader settore, ha diffuso i dati di uno studio che analizza come sia cambiata la funzione e la fruizione della più tipica casa del capoluogo: la casa di ringhiera.
“Per le case di ringhiera milanesi il tempo sembra quasi non essere passato; questi immobili continuano a vivere ed esistere” afferma Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Gruppo Immobiliare.it “ in alcune zone di Milano, nella prima periferia e lungo i Navigli, sono stati sapientemente ristrutturati e sono molto richiesti da giovani coppie e single, che in queste case fanno amicizie e creano gruppi come accadeva cinquanta anni fa”
In totale oggi a Milano ci sono 70.000 case di ringhiera, di queste 3500 si trovano in vendita o in affitto sul web con prezzi molto diversi a seconda della zona in cui si trovano. Come affermato da Giordano, le aree attorno ai Navigli si sono trasformate in zone trendy e richiestissime, ma allontanandosi verso le aree a Nord di Milano, nella periferia più lontana, si osserva invece come la situazione degli immobili sia rimasta la stessa della città di “Rocco e i suoi fratelli”. Solo cambia il tipo di immigrazione: non più interna e alimentata da regioni come la Calabria, la Sicilia, la Puglia o la Sardegna, ma proveniente da Oriente o dai paesi del Nord Africa.
Secondo quanto rilevato dallo studio di Immobiliare.it , in queste zone della città le case di ringhiera non sono state quasi mai ristrutturate se non nelle aree private e, purtroppo, le aree comuni (i cortili, i ballatoi…) sono vittime dell’incuria e del degrado. Si tratta di immobili spesso dati in affitto e quindi meno curati o che sono stati oggetto di acquisto negli anni che hanno preceduto la crisi economica e che oggi faticano a essere rivalutati.
In virtù di queste modalità di sviluppo opposte, l’Ufficio Studi di Immobiliare.it ha rilevato come la forbice dei prezzi tra le case di ringhiera più alla moda e quelle più popolari sia davvero grande: si passa dal prezzo di vendita di oltre 4.000 euro al metro quadro per un immobile sui Navigli a poco meno di 2000 euro per una casa in periferia; la differenza si trova anche nelle quotazioni dell’affitto: oltre 1000 euro di canone mensile contro i 650 euro.
Per chi arrivava nella Milano di molti anni fa dal Sud Italia, le case di ringhiera offrivano un minor senso di isolamento e una possibilità di condivisione della quotidianità; il ballatoio era il fulcro della vita e il cortile, su cui ci esso si affacciava, l’indiscusso regno dei numerosi bambini. Le case di ringhiera si trovavano spesso in edifici di molti piani che arrivavano ad ospitare diverse decine di famiglie.
Le singole case si aprivano su un grande salone che vedeva lo svolgersi della giornata e che, sovente, la sera diventava camera da letto per i numerosi figli. Oltre alla sala, la struttura tipica della casa di ringhiera prevedeva un locale cucina, una camera matrimoniale, e, nei casi più fortunati, un bagno; molto spesso però anche questo era un locale condiviso con gli altri occupanti della ringhiera e si trovava proprio sui ballatoi o nei vani scala.

Ma se, negli anni del boom economico o in quelli immediatamente precedenti, la casa di ringhiera era una necessità e oggi invece una scelta, qual è l’identikit di chi vuole vivere in questo tipo di immobili nel 2010?

Lo studio di Immobiliare.it ha evidenziato che ad essere impegnati nella ricerca delle case di ringhiera popolari sono nel 52% dei casi cittadini stranieri, con un’anzianità lavorativa nel nostro Paese di 4-5 anni ed in cerca della loro prima casa; la maggior parte di loro ha meno di 32 anni (66% del campione) e ha intenzione di prendere casa in affitto.

Se si parla delle case di ringhiera più trendy, invece, sono ricercate soprattutto da cittadini italiani (86%) e visti i prezzi molto alti è quasi sempre preferito l’affitto (72%). Chi scegli e di vivere in una casa di ringhiera è generalmente molto giovane e solo nel 14% dei casi l’occupante di un immobile di questo tipo ha più di 40 anni.

No Comments
Comunicati

VITA-LIFE e A.S. Bari: cooperazione per la ricerca sulla biorisonanza magnetica


Il club calcistico A.S. Bari e VITA-LIFE danno il via ad una cooperazione medico-scientifica atta a valutare gli effetti regenerativi dell’applicazione della biorisonanza magnetica sui giocatori dell’A.S. Bari.

L’A.S. Bari e VITA-LIFE hanno siglato un accordo per la ricerca medico-scientifica inerente l’impiego dei dispositivi di biorisonanza magnetica R-System di VITA-LIFE, azienda che produce da oltre 15 anni apparecchiature biomedicali basate sull’applicazione dei principi millenari della medicina naturale.

Tale ricerca riguarda un’attenta analisi dei risultati a breve, medio e lungo termine dell’applicazione della biorisonanza magnetica a bassa frequenza ed intensità sui giocatori dell’A.S. Bari. Le applicazioni saranno complementari alle normali attività di preparazione atletica e fisioterapia condotte dallo staff medico della squadra.

“La scelta di cooperare con VITA-LIFE, leader del mercato nel settore della stimolazione con biorisonanza magnetica – commenta Claudio Garzelli, Direttore Generale As Bari –  nasce dal desiderio di offrire al nostro staff tecnico e sanitario le opportunità e gli strumenti più all’avanguardia per completare gli usuali trattamenti  della medicina sportiva destinati agli atleti della nostra squadra”

“I test scientifici condotti negli anni su numerosi atleti internazionali hanno evidenziato una regolarizzazione del ritmo circadiano (sonno-veglia, umore / produttività) ed una velocizzazione del recupero muscolare ove sussistano piccoli traumi. Tali studi hanno altresì registrato una riduzione di un terzo il tempo di guarigione da traumi di grossa entità, oltre ad un miglioramento della condizione fisica dell’atleta, sin dalle prime applicazioni” conferma Toni di Blasio, Amministratore Delegato di VITA-LIFE Corp Srl.

Anche la possibilità di personalizzare in modo automatico i trattamenti in base alla registrazione in tempo reale dei dati e delle reazioni degli atleti attraverso il sensore di biofeedback sarà oggetto di studio. Il sensore viene applicato alle dita dell’atleta e valuta anche le minime oscillazioni del ritmo cardiaco. R-System imposta quindi l’intensità del programma da applicare in modo automatico in base ai requisiti dell’«orologio biologico» dell’atleta. Inoltre l’applicazione è particolarmente semplice: da 8 a 16 minuti circa, due volte al giorno, sono già sufficienti per ristabilire l’equilibrio dell’organismo.

CONTATTI PER LA STAMPA
SAB Communications
Ufficio stampa vita-life Corp Srl
Silvia Amelia Bianchi
Tel: +39 031 4490610
Fax: +39 031 4490147
Internet: www.sab-mcs.com
[email protected]

No Comments
Comunicati

Il Sofitel Paris Le Faubourg ottiene la 5° stella

sofitel

Parigi, novembre 2010 – L’Hotel Sofitel Paris Le Faubourg ha ottenuto la sua 5° stella, in base alla nuova classificazione alberghiera francese. Un importante riconoscimento per il marchio Sofitel, che si propone come ambasciatore francese ed europeo di primo piano nel settore dell’ospitalità internazionale a livello professionale.

Per aggiudicarsi la 5° stella, l’Hotel Sofitel Paris Le Faubourg ha dovuto soddisfare più di 200 requisiti, molti dei quali nuovi, appartenenti a diverse aree come ricevimento, infrastrutture e servizi. Questa classificazione, in linea con gli standard internazionali, mette fine alla “French exception”, l’eccezione francese che limitava la più alta classificazione di un albergo alle 4 stelle lusso.

Hotel Sofitel Paris Le Faubourg – Situato in una posizione ideale, vicino alle attrazioni principali della città di Parigi, come Champs Élysées, Madeleine Church e l’esclusivo Faubourg Saint-Honoré, l’Hotel Sofitel Paris Le Faubourg è da lungo tempo il preferito dalla elite della moda così come da importanti autorità. Nel 2010 l’albergo è stato sottoposto a un considerevole rinnovamento che ha consegnato alla struttura nuovo lusso e grandiosità. Dalle aree comuni ai corridoi dell’albergo, fino alla terrazza panoramica, la trasformazione ha interessato molteplici aspetti dell’esperienza riservata all’ospite ed è stata supervisionata da Véronique Claude, Direttore Generale dell’albergo. La ristrutturazione ha, inoltre, svelato 21 nuove suite, di recente progettazione, e l’appartamento “Couture”, di circa 380 metri quadri ideato dal famoso designer Didier Gomez per celebrare la storia dell’albergo, la sua passione per la moda e il suo stimato indirizzo. A seguito di questi sforzi, la proprietà è stata premiata con la 5° stella, evidenziando la propria reputazione come uno degli alberghi di lusso più importanti di Parigi.

Il Sofitel Paris Le Faubourg è l’ottavo albergo della catena Sofitel a conquistare la 5° stella in Francia, dopo il Sofitel Paris La Défense, il Sofitel Lyon Bellecour, il Sofitel Marseille Vieux-Port, il Sofitel Biarritz Le Miramar Thalassa, il Sofitel Porticcio Thalassa, l’Hotel Scribe Paris e il Sofitel Dijon La Cloche.

Sofitel: l’eleganza francese nel mondo
Sofitel è l’unico marchio di lusso presente in cinque continenti, in circa 40 paesi con 130 alberghi e 30.000 camere. Sofitel propone alberghi e resort contemporanei che si adeguano alle aspettative di bellezza, qualità ed eccellenza ricercate dai clienti versatili ed esigenti di oggi. Sia che siano situati nel cuore delle città più importanti come Parigi, New York o Beijing, o che siano nascosti in meravigliosi territori panoramici in Marocco, Egitto, Isole Fiji o Tailandia, ogni albergo Sofitel offre una reale esperienza dell’”art de vivre”.

Scoprite il mondo Sofitel su www.sofitel.com
Scoprite A|Club il nuovo programma di fedeltà mondiale di Accor su www.a-club.com

* * * * *

Press Relations Sofitel Worldwide
Rodolphe Moulin-Chabrot
[email protected]

IMAGINE Communication
Silvia Alesi
Tel +39 06 39750290
[email protected]
www.imaginecommunication.eu
Italianconnections.net

No Comments
Comunicati

Sudare non è dimagrire !


Alzi la mano chi sostiene che sudare faccia dimagrire.
Ovviamente è una provocazione, un differente modo di iniziare una disquisizione apparentemente futile ed invece molto importante.
Infatti queste righe sono tese a sfatare un falso ideologico, cioè che sudare (e basta) faccia dimagrire.
Sudare fa raffreddare (nel senso diminuire la temperatura, non di ammalarsi), in quanto il compito specifico del sudore (98% acqua circa ed il restante sali minerali e tossine) è quello di evaporare al contatto con la pelle accaldata da i più diversi fattori, e tramite il principio fisico dell’evaporazione ottenere un abbassamento della temperatura del corpo.
Infatti l’acqua assorbe l’energia termica in eccesso, cambia di stato: da liquido a gassoso, e miscelandosi con l’atmosfera porta via con sé l’eccessivo calore del corpo.
L’evaporazione è tanto più efficace quanto più l’aria circostante è secca, quindi in grado di “assorbire” un gran quantitativo di vapore.
Quando l’aria è molto umida (afosa) il sudore non si “stacca” non “decolla” e ci ritroviamo madidi ed accaldati (ovvio) !

Quindi il sudare fine a se stesso NON vuol dire dimagrire, a meno che non si stia facendo dell’attività fisica AEROBICA, così da spingere il metabolismo a bruciare gli zuccheri prima, poi le riserve caloriche (grasso), poi, se e quando anche queste finiscono, come extrema ratio, le proteine, (demolendo quindi la struttura del corpo stesso, ovviamente si parte da ciò che è meno necessario alla sopravvivenza !), intuitivamente se si brucia si fa aumentare la temperatura !

Quindi l’acquisto di certi tipi d’abbigliamento che fanno sudare non fanno dimagrire se li si indossa davanti alla Tv; la stessa sauna è un metodo disintossicante/purificante e non dimagrante, perché spesso nel sudore si possono trovare tossine (acidi catabuleti).

Infine per completezza d’informazione, nel sudore possono esservi degli odori, che spesso hanno una funzione: quella di comunicare (ad esempio) la disponibilità all’accoppiamento emanando segnali olfattivi a forte connotazione ormonale a loro volta legati al ciclo dell’ovulazione negli esemplari di sesso femminile ,  o le emozioni momentanee (ira, agitazione…) che sono tipiche del regno animale, a cui anche l’uomo appartiene.

Emiliano Dix

No Comments
Comunicati

Nova Verta presenta le personalizzazioni per gli impianti industriali di verniciatura

La flessibilità progettuale è uno dei maggiori pregi che caratterizzano tutta la produzione di Nova Verta a partire dalle cabine di verniciatura fino ad arrivare agli imponenti impianti per la verniciatura industriale, passando per le paint rooms, le zone di preparazione e molto altro ancora.

Nella realizzazione degli impianti di verniciatura industriale non sono solo le dimensioni a poter essere personalizzate sulla base delle richieste del cliente, infatti il comparto ingegneristico dell’azienda ha appositamente studiato tutta una serie di dotazioni opzionali che permettono di creare l’impianto su misura per ogni tipo di esigenza e lavorazione.

Il frontale, ad esempio, può essere caratterizzato dalla presenza di 4 ante di apertura con oblò, oppure da una serranda motorizzata con stecche in alluminio.  Entrambe consentono un’apertura standard di mm 3600×4900 di altezza per l’accesso dei mezzi da verniciare, tuttavia la porta motorizzata, azionabile con un semplice pulsante è molto più pratica e fornisce un valore aggiunto all’intero impianto, inoltre può essere molto utile laddove ci siano spazi ridotti di movimentazione.

L’illuminazione è affidata a due file di luci per ogni lato una alta e una bassa, anche questo aspetto può essere ulteriormente implementato con l’aggiunta di due tre file di luci anche nel plenum o lungo le pareti. Si tratta di Plafoniere Smart con 4 tubi neon da 36 Watt l’uno dotate di reattori elettronici per una visibilità perfetta. Ovviamente la personalizzazione dipende dalle esigenze di lavorazione e dalle dimensioni dell’impianto, in ogni caso Nova Verta garantisce sempre i lux previsti dalla normativa.

Tra gli optional si trovano il sollevatore pneumatico con cestello per operatore mobile su tre assi che permette di lavorare con le pistole a spruzzo anche a notevoli altezze, il bruciatore Premix per un ottimale riscaldamento dell’aria associato al contenimento dei consumi e una porta motorizzata centrale che consente di suddividere l’impianto in due sezioni in caso di verniciature di mezzi più piccoli e meno ingombranti o per effettuare due lavorazioni in contemporanea. In questo caso il reparto ingegneristico di Nova Verta sconsiglia l’utilizzo di una porta ad ante perché oltre che essere ingombrante all’interno della cabina, potrebbe andare a danneggiare le fonti luminose.

No Comments
Comunicati

Air Dolomiti ed ENAV, insieme per ridurre le emissioni di CO2 nell’atmosfera

  • By
  • 30 Novembre 2010

Air Dolomiti continua il suo impegno a favore della sostenibilità ambientale riducendo le emissioni di CO2 nell’aria grazie alle nuove aerovie di ENAV

Air Dolomiti, Compagnia regionale italiana del Gruppo Lufthansa e membro di Lufthansa Regional, continua nel suo impegno a favore della sostenibilità ambientale utilizzando le nuove aerovie configurate dall’ENAV che riducono le emissioni di CO2 nell’aria e limitano i consumi.

Da sempre orientate alle tematiche legate all’ambiente, Air Dolomiti ed ENAV hanno elaborato procedure operative che, applicate correttamente e in maniera continua, porteranno ad una riduzione di anidride carbonica nell’atmosfera.

La collaborazione tra le due realtà nasce dal progetto GreEN Sky ideato da Air Dolomiti e pensato per migliorare le proprie performance operative ed evitare gli sprechi.
GreEN Sky riunisce uno speciale team formato da personale della Compagnia e supportato dall’Engineering Embraer che ha individuato alcune ottimizzazioni nell’uso quotidiano di una macchina flessibile e dinamica quale l’E195. Oltre ad implementare azioni sotto la propria responsabilità, preziosa è stata la partnership con ENAV.

Il coinvolgimento di ENAV è stato decisivo poiché grazie ad un confronto diretto e ad una comunicazione continua, è stato concordato un profilo di volo idoneo che permetterà di ridurre le emissioni di CO2 nell’aria e influirà sul risparmio di carburante.

“Air Dolomiti ha mostrato fin dagli inizi grande sensibilità in materia di tutela dell’ambiente. GreEN Sky è un progetto ideato per migliorare le prestazioni dei nostri Embraer 195: riducendo di poco la velocità di crociera, volando ad una quota più alta ed evitando livellamenti intermedi durante la salita e la discesa, è possibile ridurre le emissioni di CO2 e i consumi di carburante. Fondamentale nell’attuazione del progetto è l’applicazione di strategie mirate sia a terra che in volo: grazie al sostegno di ENAV abbiamo ultimato la fase planning del processo e ci prepariamo alla sua attivazione a partire da gennaio 2011” ha commentato l’Ing. Ivan Bassato, Direttore Generale Operazioni e Accountable Manager di Air Dolomiti.

Per ulteriori informazioni su Air Dolomiti ed ENAV: www.airdolomiti.it, www.enav.it

No Comments
Comunicati

Arredamento artigianale: personalizzazione, mobili su misura, durata nel tempo


Nell’arredamento domestico quello artigianale mantiene il suo fascino e il suo primato di durata e garanzia, compensando totalmente le più alte (ma non sempre) spese iniziali: l’arredo frutto di un lavoro artigianale, che segue ancora le tecniche e modalità tradizionali di scelta del materiale, lavorazione, finitura e lucidatura (che alcune realtà aziendali e artigianali fanno ancora, su richiesta del cliente, a tampone), garantisce cura del dettaglio e un’offerta di catalogo ampiamente diversificata, comprendendo soprattutto l’opzione, questa esclusa dalla produzione industriale, dei mobili su misura (armadi, tavoli, librerie su misura e così via).

L’arredamento artigianale è ancora oggi quello che più viene incontro al gusto e alle esigenze individuali, dando la possibilità di scegliere tra diverse linee, da quelle classiche, spesso associate al mobile artigianale in quanto tale, a quelle più moderne.

Oltre ai mobili classici, il mobilificio artigianale comprende sempre di più tendenze moderne e contemporanee di arredo: dall’arredo classico e più ricercato a quello semplice e moderno, fino all’arredamento country.

Insomma ce n’è per tutti i gusti: tra le opportunità di scelta quando si decide di arredare la propria casa con arredi artigianali c’è anche la scelta del materiale – e qui le tipologie di legno, ben più resistenti nel tempo dei truciolati industriali, si sprecano: legno massello di noce nazionale, ciliegio, rovere, satine’, noce canaletto…

Tra le tendenze dell’arredo artigianale una menzione particolare all’arte povera, soprattutto per l’arredo cucine: le credenze arte povera, con quel loro caratteristico sapore rustico che le distingue da quello delle altre cucine in legno, sono tra i mobili più gettonati quando viene il momento di arredare la cucina e darle un particolare gusto antico.

Come il classico, anche il rustico è spesso associato agli arredi artigianali: l’antico, connaturato a un arredamento che fa della tradizione una propria cifra distintiva, merita certamente un posto d’onore.

Ma il mobile artigianale comprende oggi sempre di più gli stili moderni e contemporanei: e anche per questi, a differenza della produzione industriale, ciò che una tecnica artigianale offre in aggiunta è la personalizzazione e la durata nel tempo.

No Comments
Comunicati

I vantaggi di un sito web aggiornabile


I siti statici sono ormai sorpassati. Obsoleti. Sorpassati, scavalcati dalla concorrenza che tiene costantemente aggiornati e informati i propri clienti e utenti ‘affezionati’ con la pubblicazione di news, novità su prodotti, iniziative, promozioni e offerte speciali. Un sito aggiornato, dunque, attira a sé più visitatori e potenziali clienti, aumentando le sue possibilità di far business sul web e, di conseguenza, limitando quelle dei competitor.
Ecco perché ogni sito web, per essere competitivo, interessante e performante, dev’essere aggiornabile in modo semplice e intuitivo. Ben pochi, infatti, possiedono le conoscenze di programmazione necessarie per essere in grado di aggiornare un sito internet senza il supporto di un pannello di controllo progettato e costruito ad hoc. Un sistema con cui caricare foto, articoli e contenuti di qualsiasi tipo tramite pochissime operazioni e in modo completamente autonomo. Un sistema con cui modificare risorse in tempo reale, da qualsiasi computer e senza l’ausilio di tecnici e programmatori né l’installazione di qualsivoglia software o programma. E che può essere personalizzato a seconda delle tue esigenze. I vantaggi di un sito web aggiornabile possono essere così sintetizzati:

1- Maggiore appetibilità del sito
2- Possibilità di modificare contenuti e risorse in tempo reale
3- Completa autonomia nelle fasi di aggiornamento
4- Semplicità e intuitività del pannello di controllo
5- Nessun tipo di installazione richiesta
6- Flessibilità nella gestione dei contenuti
7- Realizzazione di pannelli di controllo personalizzati e plasmati sulle esigenze del cliente

I siti web realizzati con l’innovativa piattaforma di VG7 rispondono proprio a questi fondamentali requisiti. Inoltre, sono flessibili, personalizzabili e modulari. I siti di VG7 rappresentano la chiave per il tuo successo su internet.

www.vg7.it
Seguici anche su
Facebook: VG7
Twitter: VG7_VampiGroup
Friend Feed: VG7

Michael Vittori

No Comments
Comunicati

L’oro nei mercati finanziari


La quotazione dell’oro dipende dall’andamento dei mercati azionari: generalmente nei periodi di crisi delle borse gli operatori si rifugiano nel metodo del compro oro, facendone così aumentare il prezzo, mentre nelle fasi di mercato in rialzo il valore dell’oro tende a scendere. Per questi motivi il prezioso metallo giallo in borsa si è fatto la reputazione di essere il miglior bene rifugio che si possa utilizzare in casi di necessità, l’oro viene comunque acquistato anche come forma d’investimento, in quanto altamente liquido e poco soggetto ai rischi d’inflazione e di fluttuazione delle valute, ottimo per la diversificazione del proprio portafoglio. Ad oggi il principale produttore d’oro è il Sudafrica con oltre 700 tonnellate al giorno, seguito dagli Stati Uniti con 300 tonnellate e dall’Australia con 248 tonnellate. Il maggior consumatore d’oro ad oggi è l’India nella quale è profondamente radicata la cultura dell’oro come bene da acquistare  in gran parte sotto forma di gioielli in diverse ricorrenze sociali come nei matrimoni e durante le feste religiose, in prospettiva la Cina con i suoi due miliardi di abitanti e la rivoluzione economica in atto che dovrebbe portare maggiore ricchezza in fasce sempre più numerose della popolazione potrebbe ben presto diventare il maggior consumatore mondiale d’oro, si calcola che le riserve minerarie aurifere interne Cinesi potrebbero esaurirsi in pochi anni, almeno quelle conosciute fino ad oggi. E’ doveroso comunque ricordare che l’estrazione dell’oro, così come quella di altri importanti metalli, è un’attività molto dannosa per il nostro pianeta, in quanto produce sostanze inquinanti e tossiche. Molto alti sono anche i rischi di incidenti mortali nelle miniere sotteranee sempre più profonde, per questo in alcuni paesi come il Giappone si sono sviluppati importanti progetti finanziati dallo stato per il recupero dell’oro usato dai componenti elettrici, nei quali viene utilizzato per le sue straordinarie caratteristiche di conduttibilità elettrica.

No Comments