Daily Archives

18 Novembre 2010

Comunicati

Il Concerto di Natale a favore della campagna solidale della Fondazione DON BOSCO NEL MONDO “Haiti chiama per ricostruire!” Dopo l’emergenza terremoto di Haiti altre emergenze si abbattono sull’isola: lo…


Venerdì 24 Dicembre 2010, vigilia di Natale, andrà in onda su RAI 2, a partire dalle ore 21:00, la XVIII edizione del Concerto di Natale.

La Fondazione DON BOSCO NEL MONDO ha attivato una campagna solidale associata a questo importante evento musicale, finalizzata alla ricostruzione di alcune strutture salesiane distrutte o gravemente danneggiate dal terremoto che ha sconvolto Haiti lo scorso mese di Gennaio: HAITI CHIAMA per ricostruire

I missionari salesiani sono presenti ad Haiti da 75 anni. Si sono insediati sull’isola per prendersi cura dell’assistenza, della scolarizzazione e della formazione professionale dei ragazzi haitiani.
In seguito al terremoto anche diverse strutture salesiane hanno però subito grossi danni. L’opera di Port-Au-Prince Enam e le presenze limitrofe dell’Istituto “San Giovanni Bosco”, come l’Opera delle Piccole Scuole di Padre Bonhen, e le “Lakay”, sono state le più colpite di tutta la città.
Purtroppo, a causa dei crolli, sono rimasti sotto le macerie molti ragazzi ospiti delle strutture salesiane e con essi anche alcuni educatori e sacerdoti.

A circa un anno dal terremoto si devono segnalare purtroppo nuove emergenze causate dai recenti casi di colera registrati sull’isola caraibica e dal passaggio dell’uragano Tomás.

L’epidemia di colera, esplosa il 20 ottobre scorso, ha causato finora oltre 1000 morti e 15.000 casi di contagio. I salesiani lavorano a pieno ritmo per contrastare l’epidemia e favorire il rispetto delle norme igieniche, soprattutto con i più bisognosi dei quartieri poveri.

Il passaggio dell’uragano Tomás ha causato la morte di decine di persone e numerosi feriti, oltre a danni incalcolabili alle infrastrutture. Durante il passaggio della tormenta tropicale le autorità di Haiti hanno evacuato circa 36.700 persone; 31.731 di questi dimoravano ancora negli accampamenti del post terremoto. Diversi i tratti di strada interrotti con conseguenze per le comunicazioni ed i soccorsi.

In questo contesto di continua emergenza i salesiani si stanno adoperando per ricominciare al più presto a svolgere il proprio ruolo di educatori e a riprendersi quindi cura dei ragazzi haitiani.
I missionari presenti sull’isola si trovano per questo chiamati ad un compito particolarmente gravoso che può essere svolto solo se viene garantito il ripristino di un minimo di strutture operative, per la ricostruzione delle quali è già stato definito il piano di ricostruzione.

Se vuoi contribuire alla realizzazione del piano di ricostruzione dei Salesiani ad Haiti puoi effettuare una piccola donazione tramite Carta di Credito o bonifico bancario/postale.

A partire dal 23 Dicembre 2010 sarà attivo un numero di SMS Solidale, che pubblicheremo nei prossimi giorni, con il quale sarà possibile donare 2 euro tramite SMS.

Aiuta la Fondazione DON BOSCO NEL MONDO.

Contribuisci alla ricostruzione di Haiti.

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa e su come donare a favore dell’emergenza Haiti
Tel. 06 65612663

Sito web emergenza haiti

Mail: [email protected]

No Comments
Comunicati

Online il Blog Barbecue.blogfacory.it!

E' on line  barbecue.blogfactory.it, il blog italiano interamente dedicato al  barbecue del gruppo Blog Factory. 

Nel blog troverete una serie di ricette barbecue per  scoprire di cosa si tratta e gustare i migliori piatti del mondo.
I tipi di barbecue sono molteplici e vari. Possiamo trovare barbecue a gas, barbecue a legna, barbecue a carbonella, in pietra lavica, in pietra ollare o elettrico.  Sia che si sta cercando di attrezzare un barbecue da esterno sia che vogliate procurarvi accessori per fare un regalo, informatevi presso gli esperti. Ogni anno nascono nuovi strumenti e accessori per il barbecue da giardino, come le teglie in pietra ollare o in pietra lavica, o le pietre refrattarie per costruire barbecues in muratura. In questo modo potrete sbizzarrirvi a costruire barbecue secondo le vostre esigenze, assemblando barbecues a gas o in pietra o roccia lavica. Oppure potrete consultare le nostre recensioni per informarvi sui prezzi dei migliori grill in vendita, di marche come la Weber, marchio storico e leader mondiale nel settore del BBQ, Campingaz o Tefal.
Nel blog potrete trovare informazioni, consigli e ricette su barbecue, grill, accessori e tutte le  migliori marche per cucinare grigliate gustose in totale sicurezza

blogfactory.it è una risorsa preziosa per i contenuti che ti aiuta a risolvere i piccoli e grandi esigenze della vita quotidiana. Seguendoci potrai imparare nuove cose, realizzare un progetto o soddisfare una tua esigenza.

No Comments
Comunicati

7 regole d’oro per attrarre nuovi clienti con un sito web


A cosa serve un sito web? Questa è la domanda che molte aziende e alcuni di voi, poco avvezzi all’utilizzo di internet, ancora oggi si pongono. La prima risposta può sembrare banale e scontata, ma è un dato di fatto inoppugnabile: un sito web serve eccome. Ogni azienda dovrebbe averne uno per poter competere in un mercato sempre più agguerrito e spietato, specie in un momento di crisi  come quello attuale. Un sito ben progettato e costruito può determinare il successo e sopravvivenza stessi di un’azienda.
Ma ancora più importante è la seconda, fondamentale, domanda che segue spontaneamente alla prima: quali requisiti e caratteristiche deve possedere un sito web per portare nuovi clienti e fonti di guadagno ad un’azienda?

7 risposte per 7 regole d’oro risponderanno esaustivamente a questi due interessanti quesiti.

  1. Visibilità
    Gli utenti alla ricerca di un determinato servizio e/o prodotto sul web, devono poter trovare il vostro sito internet, altrimenti si rivolgeranno giocoforza ai vostri competitor. Ciò significa che figurare ai primi posti nei risultati dei motori di ricerca principali (Google, Yahoo, Bing) è fondamentale per farsi trovare e non doversi affannare nella ricerca di nuovi clienti.
  2. Perenne raggiungibilità
    Un’azienda è contattabile telefonicamente o raggiungibile fisicamente 8 ore al giorno per 5 giorni alla settimana. Il sito web, invece, non ha limiti spazio-temporali. E’ sulla rete 24 ore su 24, 7 giorni su 7, raggiungibile da qualsiasi punto del globo e pronto a ricevere le richieste di nuovi clienti. Senza alcuna fatica e costo.
  3. Semplicità e chiarezza
    Una volta giunto sul vostro sito, l’utente deve capire immediatamente di cosa vi occupate, quali servizi offrite o quali prodotti vendete, in maniera semplice e intuitiva, altrimenti abbandoneranno in breve tempo le vostre pagine.
  4. Usabilità
    Una navigazione difficile e complicata allontanerà gli utenti dal vostro sito internet. Contenuti e risorse devono essere tutti consultabili e raggiungibili con una navigazione semplice.
  5. Aggiornabilità
    Un sito fermo non interessa a nessuno. Un sistema semplice da utilizzare per tutti, anche per chi approccia per la prima volta la schermata di un computer, deve permettervi di aggiornare in modo rapido le risorse e contenuti del vostro sito web in modo da mantenerlo sempre appetibile e apprezzato.
  6. Interagibilità
    Il sito dev’essere uno strumento di comunicazione diretta ed efficace. E’ necessario informare i clienti in modo veloce e semplice delle tue iniziative, promozioni, novità, ad esempio con un servizio automatico di newsletter. Addio stampa e canali di comunicazione classici, questi strumenti ti permettono d’interagire in tempo reale.
  7. Navigabilità sui cellulari
    Sempre più utenti navigano con i cellulari di nuova generazione, gli smart phone. E i siti che non sono visualizzabili sui loro schermi perdono tantissimi contatti e potenziali clienti a favore dei competitors che si sono già adeguati al nuovo trend. Perciò, il sito web deve essere correttamente visualizzabile anche sui cellulari.

Dunque, un sito web realizzato con le giuste caratteristiche offre opportunità di rilancio a tantissime aziende, specie in questo periodo di crisi. Permette loro di farsi conoscere e trovare da nuovi utenti in qualsiasi momento e luogo con un investimento ridotto rispetto ai tradizionali canali promozionali, consentendo poi di interagire con i clienti in modo immediato e semplice.
La soluzione concreta risponde al nome di VG7, una piattaforma web -unica nel suo genere-predisposta per la creazione di siti performanti, dinamici, flessibili e modulari, che racchiudono tutte le 7 caratteristiche elencate sopra. Provare per credere…

No Comments
Comunicati

MIGRAZIONI – mostra personale di Danilo Maestosi

Galleria Ca’ d’Oro
Piazza di Spagna 81
00187 Roma
06.6796417, fax: 06.6797550
Dal 19 novembre al 3 dicembre 2010
Orario: 10:30-13:30 e 15:30-19:00
Sabato pomeriggio e domenica chiuso

MIGRAZIONI
APPUNTI DI UN VIAGGIO INFINITO
di
DANILO MAESTOSI

Venerdì 19 novembre la Galleria Ca’ d’Oro inaugura nella sede di piazza di Spagna 81 la mostra Migrazioni del pittore e giornalista romano Danilo Maestosi.
“Appunti di un viaggio infinito”: così nel sottotitolo l’autore ha voluto battezzare le dodici opere su tavola con cui, dopo l’ultima serie di quadri dedicata alla musica ed esposta nel 2009 nella Galleria Studio S Arte Contemporanea e al museo del Vittoriano nel marzo di quest’anno, inizia un nuovo ciclo di lavori che porta in scena e traduce nel linguaggio pittorico del lirismo astratto il tema attualissimo e complesso dell’emigrazione e dell’immigrazione.

«Il nomadismo – spiega l’autore – è linfa del nostro sangue. Che ci piaccia o no siamo tutti figli di emigranti. Da popoli in fuga, in esilio o in cerca di fortuna è nata la nostra civiltà. Inarrestabile il cammino delle migrazioni. E prezioso. Se ci immergiamo nella profondità di questo vortice che costruisce e distrugge la Storia. Se coltiviamo la memoria anche recente di quest’esperienza comune. Ed evitiamo di chiuderci a riccio di fronte alla diversità che ci spiazza. Senza dimenticare che dietro ogni migrazione c’è l’ombra di una catastrofe e di un naufragio. E il nostro immaginario è una spiaggia o un fondale di rovine e relitti».

Quello che Maestosi propone è dunque una sorta di itinerario a sbalzi temporali alla ricerca di radici comuni dimenticate o rimosse che i conflitti del presente e la memoria del passato, che lega tra loro le culture del mondo, fanno riaffiorare. Ogni tavola una tappa di questo viaggio. Può essere l’evocazione di Lucy, quel teschio di ominide che ha obbligato gli studiosi della preistoria ad ambientare in Africa l’alba dell’umanità e i nostri debiti di primogenitura. O la rivisitazione della Torre di Babele come paradiso perduto di convivenza. O ancora la rappresentazione, sulle note di una vecchia canzone popolare, di quel vortice di paura che fino a pochi secoli fa accompagnava le scorribande della pirateria saracene sui nostri lidi e oggi si specchia nel moto di panico e di rigetto cui molti di noi vivono gli sbarchi degli immigrati sulle nostre coste, nell’angoscia e nella disperazione di chi approda su quella che credeva una terra promessa.
Spunti di riflessione collettiva e di autocoscienza affidati ad una pittura che cerca senso e linfa immergendo segni e colori nel caos problematico e fecondo della diversità, tentando di restituire all’astrazione la capacità di immergersi nelle pulsioni profonde dell’io . «In tal modo – spiega Ennio Calabria nell’introdurre questa mostra – la poetica di Maestosi intercetta il nostro tempo. Oggi, infatti, tutti gli spessori simbolici del mondo, esiliati dal trionfo della società della “superficie”, si nascondono nel profondo della personalità, molto più in profondità del livello più superficiale in opera la consapevolezza. Così l’Io intrigato con l’immagine complessa del mondo, ormai occultata nell’atemporalità dell’”Es”, deve di nuovo relazionarsi con l’attuale fisico e vuoto mondo esterno e deve, nel magma di quell’intrigo, ridisegnare la diversità come identità delle culture. Questo è lo scenario in cui acquisisce senso il processo creativo di Maestosi che per questo si presenta come esperienza attualissima e volta al futuro… Oggi, per l’aumento della velocità degli scambi, il pittore soggetto collassa nell’oggetto, i geni reciproci si mescolano e occorre scendere in essi, essere essi, per ridefinire le reciproche identità. Ed è lì che la pittura di Maestosi cerca, è lì che intercetta il nomadismo interiore delle identità per salvarle dall’entropia di una globalizzazione e di un pensiero unico».

No Comments
Comunicati

La vita di Di Mascio Arturo in un libro


Uscirà a Marzo 2011 il libro del noto imprenditore Di Mascio Arturo, uno tra i trader finanziari più apprezzati in Italia e all’estero. Un libro per offrire ad aziende e privati una serie di spunti volti ad affrontare la propria vita nei diversi settori professionali.

Grazie all’esperienza e alle competenze, maturate in diversi settori, Di Mascio è riconosciuto anche all’estero come uno tra i più capaci e seri operatori nei mercati internazionali.

Di Mascio è un politico campano che si impegna costantemente per risolvere le problematiche delle regioni della bassa Italia. La sua determinazione lo ha condotto ad essere nominato Presidente della Commissione per il Mezzogiorno d’Italia.

Questo passo si è rivelato importante affinché egli potesse muoversi liberamente e battersi per le sue idee. Non sono prese di posizione, ma la sua attività sociale è fondamentale per molti cittadini. La sua prima campagna, quando nel 2008 si candidò alle elezioni con una lista nominata Movimento per le Autonomie, già prevedeva grandi innovazioni e azioni volte alla salvaguardia di valori tradizionali che il nostro vedeva svanire in un’Italia scossa e colpita dalla crisi non solo economica.

Di Mascio individua quindi un punto focale nella perdita della fede e nel progressivo abbandono degli ideali cristiano-cattolici. Per questo motivo si mostra risoluto nella battaglia per il mantenimento dei crocifissi nelle aule scolastiche. Egli vede dispiegarsi nell’istruzione e nella formazione dei giovani un’importante possibilità di crescita del paese, che non può e non deve allontanarsi dalla dottrina della Chiesa.

No Comments
Comunicati

Indossare la gioielleria dell’Amore

L’amore è più di una forte emozione o della sensazione di vertigini che si sente quandi si è attratti da una persona. Supera le difficoltà, la lussuria, i debiti di gratitudine o i legami familiari. Va perfino al di là del matrimonio e dei legami che durano una vita intera. In molte, se non in tutte le religioni l’amore è al centro di tutti gli insegnamenti e ci riempie di gioia, in modo da essere la chiave per la felicità, la pace e la realizzazione di sé.

Dare e ricevere amore

In modo interessante l’amore spesso va contro le diverse leggi della fisica o dell’economia. Quando diamo amore in ogni forma – che sia una spalla su cui piangere, un consiglio, un favore o semplicemente la condivisione della nostra felicità con gli altri – non diminuisce in noi, ma viceversa si raddoppia allo stesso modo in cui aumenta l’amore negli altri. Più amiamo più siamo amati e più amore diamo, più amore riceviamo.

E anche se l’amore è considerato una cosa astratta ci sono molti modi in cui possiamo concretizzare questo amore e ricordarci del suo potere. La gioielleria dell’amore, per esempio, con gioielli come L’Anello dell’Amore o il Ciondolo dell’Amore, sono simboli che possono ispirarci nel vivere una vita piena d’amore. Questi gioielli possono arrivare in diverse forme e misure. Instilleranno in noi la natura dell’amore e ci permetterà di contemplare il potere e il significato del vero amore.

L’amore dell’artista

A volte l’enormità dell’amore può essere così grande che una persona semplicemente deve manifestarla in modo più concreto. Questo è esattamente il caso dell’artista di gioielleria cosmica David Weitzman, il cui amore per l’arte, la vita, le tradizioni antiche e l’aiuto al prossimo l’hanno ispirato durante la creazione di splendide opere di gioielleria dell’amore, una delle sue molte collezioni di gioielleria cosmica.

Combinando la sua conoscenza della magia dei simboli antichi con le sue abilità artistiche, Weitzman ha creato splendidi gioielli e anelli in oro e argento che puntano ad arricchire la vita e a riempire le persone di gioia. Con i suoi tocchi artistici Weitzman ha portato le meraviglie dell’amore in diversi anelli, ciondoli e altri gioielli che ammalieranno coloro che li indossano con la loro bellezza e il loro significato.

L’Anello dell’Amore, per esempio, disponibile in oro 14K giallo, bianco e rosso o in oro giallo 18K, presenta un intricato motivo con le parole “Thou shalt love thy neighbor as thyself” (Ama il prossimo tuo come te stesso),  una frase dal Libro Levitico. L’Anello dell’Amore, lavorato a mano con perizia, è di una bellezza rustica, con delle insenature che gli danno un aspetto antico. La frase è un modo per ricordare un modo di comportarsi che si dovrebbe usare ogni giorno: dovremmo trattare chiunque incontriamo con quanto più amore possibile.

Il Ciondolo dell’Amore è un’altra delle splendide creazioni di Weitzman. Chiamato anche la Chiave dell’Amore, questo ciondolo è disponibile in argento e oro e presenta tre cerchi uniti con dei disegni floreali al centro. Puoi scegliere la gemma presente al centro, dal granato all’ametista, dalle opali alle pietre di luna. I tre cerchi simbolizzano la trinità e il modo in cui dovremmo amare il Creatore—con tutto il nostro cuore, la nostra anima e la nostra forza. È un ciondolo squisito che può essere indossato per ricordare il vero significato dell’amore e l’unione dei nostri cuori.

Come detto in precedenza, l’amore è più di un’emozione. Ha il potere di perdonare, guarire, portare felicità e pace in noi e negli altri. Ma per essere in grado di sfruttare il pieno potere dell’amore dobbiamo dare amore a tutti—amore incondizionato, come ci ha insegnato il nostro Creatore. L’amore incondizionato è considerata l’emozione più alta e la più forte espressione di gioia. Con la gioielleria dell’Amore di Weitzman possiamo sempre essere sicuri del vero significato dell’amore e ricordarci del suo immenso potere.

Breve descrizione dell’autore:

Mi chiamo David Weitzman e sono un gioielliere ed artista. La più grande ispirazione per il design di gioielleria sacra e simbolica viene dal fatto che so che può avere un impatto sulla vita delle persone. Il mio lavoro è legato al potere dei simboli spirituali e dalla geometria sacra che portano a coloro che indossano i miei gioielli sacri felicità, vitalità, eccitazione e amore. I miei gioielli sono maniacalmente fabbricati per lavorare a livelli consci e subconsci per ispirare la vita delle persone.

David Weitzman
Herzog 18  Giv`atayim 53586
Tel Aviv  Israel
Tel. 972-3-5730855 Cel. 972-50-5549606
http://www.ka-gold-jewelry.com/italian/

No Comments
Comunicati

Esce il terzo ebook di Piante annuali da giardinaggio.net


Uscito stamattina nella libreria del sito il nuovo ebook dedicato alle piante annuali. Giardinaggio.net, sito noto agli appassionati di giardinaggio per la sua effervescente attività di divulgazione di materiale d’informazione legato al giardino ed alle piante, pubblica il suo secondo ebook gratuito della settimana. Uscito oggi sulle pagine del sito italiano, piante annuali 3 è il terzo ebook della serie dedicata alle piante con ciclo vitale di durata inferiore all’anno. Questa categoria di piante è molto interessante per chiunque pratica un po’ di giardinaggio perché è spesso facile da coltivare ed inoltre, dovendo essere rinnovata ogni anno, permette ai giardinieri di reinventarsi sempre la disposizione delle specie nelle aiuole, nei vasi e nelle fioriere. Il sito giardinaggio.net in questo numero ha focalizzato l’attenzione su dieci ulteriori specie di piante annuali, forse poco conosciute ai novelli del giardinaggio ma sicuramente famose tra i più esperti. Piante annuali 3 si occupa in 10 capitoli di altrettante specie: Pervinca, Settembrini, Sarracenia, Surfinia, Impatiens, Lobelia, Viola del pensiero, Verbena, Gazania e Phlox. Ogni capitolo affronta una specie di pianta annuale e ne affronta le caratteristiche, le tecniche di coltivazione le curiosità ed i parassiti che più frequentemente la colpiscono. Gli articoli sono scritti dagli esperti scrittori di giardinaggio.net e sottopongono all’attenzione del lettore questioni tecniche che vengono però semplificate grazie ad un linguaggio scorrevole e comprensibile a tutti. Questo ebook è scaricabile in formato pdf oppure consultabile on-line attraverso la libreria della sezione ebook dove sono presenti tutte le precedenti pubblicazioni di giardinaggio.net.

No Comments
Comunicati

Novità in casa RhinoSoft: rilasciata la versione 10.3 del Serv-U FTP Server


RhinoSoft.com ,  società statunitense che sviluppa sistemi per la condivisione dei dati via Internet per il mondo Business, rinnova la sua offerta lanciando sul mercato la decima versione del Serv-U FTP Server, noto prodotto di punta della compagnia americana.

Serv-U FTP è una delle risorse più utilizzate e più apprezzate in ambito business per condividere, modificare e gestire file via Internet.

Oggi Serv-U FTP Server è più di un FTP server, è un sistema di File Management via Internet utilizzabile da qualsiasi piattaforma web browser e da palmari mobile.

Sempre più lo sviluppo di Serv-U è indirizzato alla massima sicurezza nel trasferimento dei file grazie ai protocolli FTPS (FTP over SSL), HTTPS ed SFTP over SSH, praticamente il TOP in quanto a sicurezza su internet.

Oltre all’importante tema della sicurezza, gli sviluppatori hanno puntato sul mondo Mobile, realizzando un sistema web based che consente di utilizzare le potenzialità di Serv-U su iPhone, Ipod Touch, Windows Mobile, Android Mobile e BlackBerry (senza necessità di utilizzare altri software su tali dispositivi).

Serv-U permette il trasferimento di file via FTP in completa sicurezza e facilità, grazie ad un’intuitiva interfaccia grafica che ne facilità le attività di configurazione e gestione. Esso presenta una vasta gamma di funzionalità che assicurano agli amministratori di sistema un controllo a 360° dei propri server FTP. E’ attualmente disponibile in tre versioni: Serv-U Bronze, Serv-U Silver e Serv-U Gold e la versione Gold è scaricabile gratuitamente in prova di 30 giorni sul sito della RhinoSoft.

Serv-U supporta i certificati SSL, esegue il controllo di integrità dei file, permette di gestire gli utenti con un database ODBC, restringe l’accesso al server solo a certi indirizzi IP e molto altro ancora. Ma il vero punto di forza del Serv-U è il minimo utilizzo di memoria e di CPU impiegati per funzionare. Esso consente inoltre di visualizzare le cartelle contenute nel server FTP tramite browser, senza necessità di installare alcun software aggiuntivo.

Cosa differenzia il Serv-U 10 rispetto alla precedente versione del server FTP?

Ecco qui di seguito elencate le nuove funzioni del Serv-U 10.3:

  • Supporto per Windows a 64 bit.
  • Pieno supporto IPv6.
  • Unità organizzative di Windows.
  • Filtro per utente ed elenchi di gruppi.
  • Pieno supporto Unicode.
  • Migliorata la sicurezza, inclusa FIPS 140-2.
  • Migliore Gestione degli utenti.
  • Navigazione ad albero della console di Gestione.

I miglioramenti del Serv-U si focalizzano principalmente su due aspetti: il futuro di internet e gli attuali ambienti di calcolo ad elevata potenza.

Per quanto concerne il primo aspetto, si sta oggi gradualmente assistendo al passaggio dall’IPv4 all’IPv6, che rappresenta la nuova frontiera di Internet. L’indirizzo IPv6 è formato da 128 bit contro i 32 dell’IPv4 ed incorpora alcuni protocolli che prima erano separati, come l’ARP. Esso è stato introdotto allo scopo di aumentare il numero di indirizzi IP disponibili per i dispositivi su Internet.

RhinoSoft ha quindi ben pensato di allineare le caratteristiche del Serv-U ai cambiamenti di mercato attualmente in atto, con l’obiettivo di migliorare l’esperienza gestionale degli amministratori e degli utenti finali.

Tutte queste caratteristiche in aggiunta alle precedenti, rendono il Serv-U un vero e proprio must per le aziende che puntano alla sicurezza e all’efficienza.

Per ulteriori informazioni tecniche e commerciali, visitate il sito www.coretech.it o contattate direttamente via mail la persona di riferimento, l’ing. Massimo Nasini, all’indirizzo [email protected]

No Comments
Comunicati

Novità nel settore delle termocamere infrarosso: Irisys 4015

Thermitalia presenta Irisys 4015, una termocamera di nuova concezione contraddistinta da una elevatissima sensibilità termica che le permette di essere uno strumento di eccezionale precisione. I campi di applicazione della termocamera sono legati al settore della termografia edilizia e, in particolare, alla ispezione degli edifici e alla manutenzione degli impianti termici e frigoriferi sia in ambito civile che industriale.

La cosa che differenzia maggiormente la termocamera 4015 dalle altre termocamere all’infrarosso presenti sul mercato, è la sua pressoché totale “dedizione” al settore edile. E’ infatti stata ideata e realizzata per rilevare le perdite di fluidi in temperatura, evidenziare i ponti termici e controllare l’efficienza dell’isolamento termico degli edifici.

Contraddistinta da una sensibilità termica elevatissima e da una serie di funzioni integrate disponibili in fase di registrazione la termocamera Irisys 4015 è certamente una delle migliori termocamere infrarosso attualmente in commercio.

Il peso estremamente contenuto e la lunga autonomia la rendono la termocamera ideale per la misurazione della temperatura in qualsiasi tipo di ambiente edile. La termocamera Irisys 4015 viene venduta corredata di una scheda di memoria da 1 GB. Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito ufficiale, Thermitalia.it dov’è possibile accedere al catalogo dei nostri prodotti e consultare tutti i modelli di termocamere attualmente presenti nel nostro listino.

No Comments
Comunicati

NELLA CITTÁ DI GIULIETTA E ROMEO VA IN SCENA LA … VERONA MARATHON

Ambizioni e progetti d’èlite per l’edizione dei due lustriSvelato il percorso cittadino che avrà come fulcro l’affascinante Arena“Correndo dall’Arena al Custoza” unisce due grandi eventiLe iscrizioni sono già in corsa, se si raggiungerà quota 6.500 lo stop

Poco meno di 100 giorni separano Verona dalla “sua” 10.a edizione dell’attesa Verona Marathon. Domenica 20 febbraio, infatti, Piazza Bra e tutta la città scaligera si vestiranno a festa, e l’edizione dei due lustri della stracittadina veneta sarà servita. Senza dubbio il percorso della Verona Marathon 2011 è stuzzicante e decisamente veloce, bisogna lasciar correre le gambe dall’inizio alla fine, nel senso più letterale del termine. Dopo lo start alle 9 nei pressi dell’orologio di Corso Porta Nuova, si percorre il corso e Viale Piave fino a giungere nel quartiere Golosine da cui, dopo alcuni chilometri, si uscirà sullo stradone Santa Lucia che conduce nell’omonimo Borgo. Sarà qui il momento di riprendere la via del centro, almeno per qualche chilometro, portandosi in zona stadio e Borgo Milano. La gara però è ancora lunga perché la tappa successiva sarà Chievo, da cui si farà ritorno a Verona sul Lungo Adige. Oltrepassato l’ospedale civile, ad attendere i corridori ci sarà il tratto più nervoso della Verona Marathon, tra le vie strette della città antica attraverso Borgo Trento, Ponte Garibaldi e Piazza dei Signori. Seguirà un passaggio per Veronetta e il ritorno in direzione Piazza Porta Nuova, dalla quale stavolta si imboccherà la Circonvallazione Oriani verso San Zeno. Si oltrepasserà nuovamente l’Adige da Ponte Catena e poi via veloci verso il Ponte Scaligero e Castelvecchio. A questo punto mancheranno solo alcune centinaia di metri, su cui tuttavia occorrerà dare il massimo prima della passerella conclusiva attraverso Piazza Erbe e di fianco al balcone di Giulietta per poi percorrere il prestigioso palcoscenico operistico dell’Arena e tagliare la linea di arrivo in Piazza Bra.A tirare i fili della Verona Marathon 2011 è l’ASD GAAC 2007, che sta definendo ogni minimo dettaglio affinché la “sua” creatura sia praticamente perfetta. Alla maratona anche il prossimo anno si affiancherà la “Giulietta & Romeo Half Marathon – Trofeo Sergio Pennacchioni”, il cui successo è testimoniato dai numeri toccati nella passata edizione, quando con 3.826 partecipanti si guadagnò la terza piazza tra le mezze maratone nazionali, dietro solo alla Roma-Ostia e alla Stramilano.La mezza maratona partirà alle 10:15 e percorrerà le stesse strade della maratona fino al 15 km, per poi ritornare sul percorso della maratona per gli ultimi 3 km.Le iscrizioni alla Verona Marathon e alla Giulietta & Romeo Half Marathon sono in piena corsa e variano a seconda del periodo di registrazione. Fino al 31 dicembre le quote da versare sono rispettivamente di € 33 ed € 23, che saliranno a € 40 ed € 28 dal 1° al 20 gennaio. Nelle ultime due settimane la quota aumenta fino ad € 50 e € 35, con le iscrizioni che chiuderanno il 5 febbraio 2011. Qualora venisse raggiunto il limite di 6.500 adesioni prima di tale data, le iscrizioni saranno “stoppate”: gli organizzatori guidati da Matteo Bortolaso e Dario Bergamini non cercano i grandi numeri a tutti i costi, perché vogliono mantenere per la Verona Marathon un livello qualitativo elevato quanto all’attenzione verso gli atleti. Motivo ulteriore di interesse per i maratoneti sarà il challenge dal nome “Correndo dall’Arena al Custoza”, che unisce la Verona Marathon alla Maratona del Custoza, in programma domenica 8 maggio 2011. La somma dei tempi ottenuti nelle due prove veronesi doc, darà vita alla speciale classifica di combinata, le cui premiazioni avranno luogo a fine 2011.La Verona Marathon 2011 proporrà anche la Family Run, una “non competitiva” su tre diversi percorsi cittadini di 13, 7 e 4 km, per godersi la città di Giulietta e Romeo anche semplicemente di buon passo, a dimostrazione di quanto tutto l’evento veronese sia un forte veicolo promozionale e turistico della città, oltre che sportivo e agonistico.La tariffa unica di partecipazione alla Family Run è di € 5 e le iscrizioni chiuderanno il giorno della gara, alle 8.30.Info: www.veronamarathon.it

No Comments
Comunicati

Regali natalizi, come sceglierli.


Sta per arrivare una delle feste più belle e attese dell’anno: il Natale. Anche se iniziamo a parlarne con largo anticipo, come sempre questa festa sembra coglierci alla sprovvista. Per aiutarci ad affrontarla al meglio nasce Regali-natale.net,  un sito che si pone come punto di riferimento nell’organizzazione natalizia. Racconta tradizioni e leggende, fornisce idee simpatiche su come realizzare la giusta decorazione o eseguire la giusta ricetta da presentare ai propri commensali, sia che si  decida di festeggiare il 24 sera o il 25 mattina.
Aiuta nella ricerca del dono perfetto, non suggerendo semplicemente articoli o prodotti, come sono soliti fare i mass media, ma facendo riflettere sul fatto che a volte, basta il pensiero. Un regalo è sempre unico e gradito, soprattutto se riesce a catturare l’interesse della persona che lo riceve e se viene fatto col cuore. E a volte anche una composizione floreale può rappresentare la scelta giusta per esprimere i propri sentimenti, magari giocando proprio sul significato dei fiori stessi. Su Facebook  nella fan page dedicata  (http://www.facebook.com/CosaRegalare )un’attiva community  si scambia consigli ed idee sul cosa regalare ad amici e parenti. Insomma un sito che ruota intorno alle tradizioni e ai sentimenti più che alla vendita e che forse rispecchia di più di altri i valori natalizi.

No Comments
Comunicati

Lo studio legale lo trovo sul web.


Grazie al decreto Bersani le professioni si sono liberalizzate e gli studi legali  hanno potuto iniziare a promuovere la propria attività. Questo ha fatto nascere l’esigenza di aiutare gli utenti nella ricerca e nella scelta dell’avvocato più adatto per loro ed è così che è nato  Avvocati-italia.com, una pratica directory in cui sono catalogati ad oggi 3600 gli studi legali italiani (il numero è in continua crescita).  Ogni studio legale ha infatti una propria scheda in cui presentare nel dettaglio i propri servizi, il proprio ramo di competenza e una visualizzazione territoriale immediata, grazie ad una mappa interattiva, che ne fornisce l’indirizzo.
Chi è alla ricerca di un avvocato, non deve far altro che visitare il sito per trovarlo, mentre, a tutti gli avvocati che vorranno entrare a far parte di questa directory, è data la possibilità di iscriversi gratuitamente tramite apposita form in modo rapido ed efficace.
Su Facebook  la fan page dedicata ad Avvocati Italia  si pone al servizio del cittadino e oltre ad aiutarlo nella ricerca del giusto avvocato, lo informa sulle novità giuridiche, grazie ad un servizio di rss integrato. Ma anche sul sito stesso viene dato spazio agli avvocati più condivisi su questo social network in un apposito box in home page.

No Comments
Comunicati

Gestione del personale e consulenza giuslavoristica. Per le aziende del Triveneto nasce ADP Nord Est


Una forte alleanza a tre per dare una marcia in più alle pmi del Nord Est, alle prese con una crisi che impone la necessità costante di controllare ogni costo aziendale e ottenere il massimo ritorno dagli investimenti. Un dato su tutti: le aziende venete che pagano puntualmente i fornitori sono diminuite di ben 5 punti percentuali in pochi mesi, passando dal 50,3% del 2009 all’attuale 45,3%, come stima un’indagine specifica di CRIBIS D&B.
Servono nuovi servizi, nuove idee, anche per essere maggiormente competitivi al momento della ripresa economica. Per questo tre nomi di spicco nel campo del lavoro – due profondamente radicati nel Triveneto, per notorietà e competenze, come lo Studio Legale Spolverato Barillari e lo Studio Cuneo & Gambalonga, consulenti in campo giuslavoristico e nella gestione delle risorse umane, esperti di diritto del lavoro, di contrattualistica e di gestione di aziende in crisi; il terzo, ADP,
con esperienze e know how internazionali nella gestione in outsourcing del personale, uniti a un’approfondita conoscenza dei problemi locali – hanno deciso di unire le forze e di dare vita ad
ADP Nord Est.

L’obiettivo è fornire strumenti utili, efficaci e di facile utilizzo alle pmi del Nord Est e permettere loro di governare con successo i molteplici aspetti legati alla gestione dei dipendenti: dal pagamento degli stipendi alla pianificazione e il controllo dei costi legati al personale, dall’assistenza legale nelle controversie di lavoro, o nelle procedure di crisi, alla formazione e all’aggiornamento sulla legislazione vigente, in continua evoluzione. Il tutto con costi certi e sempre sotto controllo, senza il
rischio di incorrere in sanzioni, con l’opportunità di affidare all’esterno, a strutture competenti, tutte o parte delle attività legate alla gestione del personale, e ricevere quando necessario supporto
legale e informativo.
Vediamo chi sono i protagonisti di questa partnership a tre, certamente innovativa per il mondo del Nord Est.
Lo Studio Legale Spolverato Barillari (www.spolverato.com), coordinato dagli avvocati Gianluca Spolverato e Gianni Barillari, ha sede a Padova e si occupa di organizzazione e gestione dellerisorse umane, previdenza e legislazione sociale, relazioni sindacali e contrattazione collettiva.
Segue aziende di medie e grandi dimensioni di tutto il Triveneto, offrendo assistenza giudiziale e stragiudiziale nella definizione delle controversie di lavoro. Da questa esperienza è nata Spolverato
HR, che si occupa di ricerca sui temi del diritto del lavoro, previdenziale e sindacale e organizza eventi di formazione e aggiornamento per le imprese e per i professionisti. Attualmente l’organico è costituito da 20 collaboratori. I consulenti del lavoro Mario Cuneo e Giancarlo Gambalonga (www.studiomariocuneo.it) da oltre vent’anni sono professionisti di riferimento del Tribunale di Padova, con incarichi nei contenziosi in materia di lavoro e previdenziale e nell’ambito delle più importanti procedure concorsuali. L’esperienza acquisita nella consulenza del lavoro, nella gestione del personale, e nelle prestazioni professionali riferite a fallimenti, concordati preventivi e amministrazioni straordinarie, ha dato la spinta alla costituzione di un team di professionisti specializzati nelle suddette aree nonché in riorganizzazioni aziendali, salvataggi di imprese, acquisizioni/cessioni, relazioni sindacali, assistenza nell’ambito delle procedure di cassa integrazione e mobilità. Oggi lo studio Cuneo & Gambalonga segue oltre 700 aziende del Triveneto, coordinando una cinquantina di collaboratori e professionisti.
Infine ADP(www.it-adp.com), multinazionale americana quotata a New York, che dal 1949 si occupa di payroll (paghe e contributi) e servizi di amministrazione delle risorse umane in outsourcing, ovvero gestione “chiavi in mano” di presenze/assenze, trasferte/note spese, budget e
costo del lavoro, archiviazione documentale. In Italia è attiva dal 1967 e conta circa 350 collaboratori. Ogni mese ben 540.000 dipendenti di oltre 500 aziende di ogni dimensione vengono pagati grazie ai sistemi di ADP, che vanta tre specifiche soluzioni e linee di business: per pmi, per aziende medio-grandi, per multinazionali.

No Comments
Comunicati

Cucine Restart sponsor del Convegno “Alimenti e Salute”: l’alta qualità in cucina per una sana alimentazione

Certosa di Firenze, 26 novembre 2010

Il Gruppo Restart è sponsor del Convegno “ALIMENTI E SALUTE: dai Monasteri alla Nuova Agricoltura. Passato e Presente nella Sostenibilità Ambientale”, in programma venerdì 26 novembre alla Certosa di Firenze.

L’azienda è partner di questa iniziativa, che vuole coinvolgere un pubblico di opinion leader (nutrizionisti, medici, agronomi) intorno ad un argomento di estrema attualità: l’intimo legame che esiste tra ricerca del benessere e abitudini alimentari.

Il Gruppo Restart, che da anni è coinvolto nello sviluppo di apparecchi di cottura di alto livello, ha deciso di sostenere questa iniziativa assolutamente in linea con la propria mission aziendale.

L’azienda fiorentina, attraverso la collezione di macchine di cottura Officine Gullo, ha introdotto tecnologie e strumenti di cottura dalle caratteristiche professionali ed altamente performanti, capaci di coniugare i desideri del buongustaio con le esigenze di una sana alimentazione: dai Fry Top in acciaio ad alto spessore per ottenere cotture a basso contenuto di grassi, alle vaporiere per cotture al vapore in grado di mantenere inalterate le caratteristiche organolettiche e nutritive degli alimenti, ai barbecue in pietra lavica per carni gustose come alla brace, senza generazione di sostanze cancerogene sui cibi. Le collezioni Restart vogliono rispondere a un bisogno di qualità, eleganza e funzionalità, per chi è animato dalla passione per la buona cucina, vissuta come convivialità e piacere di gustare il meglio della tradizione gastronomica italiana senza rinunciare al benessere di una sana alimentazione.

Il Convegno sostenuto dal Gruppo Restart è promosso con la collaborazione della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici e dell’Università degli Studi di Firenze, sotto l’egida della Congregazione Cistercense di Casamari e avvia la stagione di celebrazioni delle antiche produzioni agroalimentari, erboristiche e farmaceutiche dei Monasteri, che proseguiranno per tutto il 2011.

Per Info:

Restart Group

www.restart.it

www.officinegullo.com

055 6560324

No Comments
Comunicati

Fotoregali: un servizio per chi non sa ancora cosa regalare

Fotoregali: un servizio per chi non sa ancora cosa regalare

Non so voi, ma quando si tratta di fare dei regali, soprattutto se si tratta di regali spiritosi o di regali simpatici, vado nel pallone. Non so, ma improvvisamente mi sparisce la fantasia e mi ritrovo a pensare, o meglio, a cercare di pensare qualcosa di divertente, qualcosa di simpatico ma non volgare e men che meno offensivo. E nulla, il vuoto cosmico.

Oddio, adesso sto per assumere il tono del propagandista. Dio me ne scampi!

Comunque, su facebook, l’altro giorno, mi è arrivata la segnalazione di un sito molto interessante: www.fotoregali.com. La cosa mi ha attirato subito. Perché? Inutile negarlo, con l’avvicinarsi delle classiche festività invernali, sono alla “disperata” ricerca di alcune belle idee per i regali di Natale. E mi scoccia un po’ ammettere che questo sito è una vera miniera di spunti.

Ci si può ispirare, e si può trovare ogni genere di regalo: dal regalo di compleanno a quello di nozze, passando per i battesimi e gli addii al celibato (e al nubilato, per par condicio). E sono regali per tutti i gusti. Oltre ad una serie di regali seri, come agende, gadget per uffici e cose così, ci si può sbizzarrire con le fotografie creando effetti assolutamente personalizzati. Basti solo pensare alla possibilità di creare dei collage o al mutare una nostra foto in una piccola opera di pop art.

Sì, il sito mi è piaciuto. Come mi è piaciuta la possibilità di fare recapitare direttamente a casa i regali, e la possibilità di usare la mia postepay o il mio conto paypal per pagare. Oltre, ovviamente, all’onnipresente carta di credito.

Se lo consiglio? Sì, assolutamente. Soprattutto se si è cronicamente a corto di idee.

No Comments
Comunicati

Il programma di Global Logistics, l’Executive Summit sulla Logistica e Supply Chain al Centro Congressi Hotel Parchi del Garda di Lazise (VR) il 24 e 25 Novembre 2010


Qui di seguito il programma completo delle conferenze dell’exposummit Global Logistics, organizzato da Global Corporate e giunto alla quindicesima edizione. Si svolgerà il  24 e 25 Novembre 2010 al Centro Congressi Hotel Parchi del Garda di Lazise (VR) e ha l’obiettivo di dare più forza alla logistica e più valore alla supply chain.

http://www.global-logistics-summit.it

MERCOLEDI’ 24 NOVEMBRE 2010

09.00/09.30 – Delitto in magazzino…

10.00/10.30 – Vendere di più e spendere di meno con la Gestione Scorte

10.00/10.30 – Gestire il magazzino con un Sistema di Localizzazione Automatica dei carrelli elevatori

11.00/11.30 – Lean Procurement: IUNGO® come strumento di eliminazione degli “sprechi”

11.00/11.30 – Mondo della logistica produttiva e distributiva: nuovi spazi di creazione di valore attraverso l’automazione del magazzino automatico e del processo di picking

12.00/12.30 – Il software per la gestione del magazzino in modalità a servizio: un caso pratico di utilizzo

12.00/12.30 – La Lean quale fattore determinante per la riduzione dei costi e l’aumento degli utili anche in periodi di recessione economica

12.30/13.00 – I sistemi avanzati di picking: quali sono e quando utilizzarli

12.30/13.00 – Ottimizzare la Supply Chain Visibility nel mondo reale. La situazione di oggi e uno sguardo al futuro

14.00/14.30 – Come ottimizzare i processi di previsione della domanda e di pianificazione delle scorte

14.00/14.30 – Logistica Alimentare: migliorare il servizio con soluzioni software per la gestione dei flussi e a garanzia della continuità operativa. L’esperienza di CAMST nella Supply Chain Alimentare

15.00/15.30 – La prospettiva dell’ innovazione tecnologia

15.00/15.30 – Ridefinizione strategica di reti distributive utilizzando un sistema di ottimizzazione

15.30/16.00 – Le soluzioni SAP per la logistica operativa: WM ed EWM. Qual è la soluzione giusta?

16.00/16.30 – Scopri in anteprima italiana la nuova generazione di terminali portatili Falcon X3 di Datalogic Mobile! Il tuo magazzino non potrà più farne a meno!

16.00/16.30 – Nuovo da Generix Group, TMS On Demand: come mutualizzare il trasporto con i partner commerciali e mantenere competitivi i costi

17.00/17.30 – Gestione del Consignment (Materiali in c/deposito). Il ruolo della tecnologia nel favorire un processo collaborativo e ripetibile. L’esempio nelle Aziende Sanitarie

17.00/17.30 – Un’automazione naturale: anteprima italiana per l’utilizzo di una innovativa tecnologia di automazione di magazzino. Un nuova tecnologia in grado di cambiare i tradizionali paradigmi dell’automazione eliminandone i limiti strutturali

GIOVEDI’ 25 NOVEMBRE 2010

09.00/09.30 – RFID: prospettive ed applicabilità di una tecnologia di moda

10.00/10.30 – Trasformare i centri logistici in impianti ad energia solare

10.00/10.30 – Affrontare e vincere la partita della logistica evoluta: soluzioni di continuità operativa e software per la logistica integrata. L’esperienza di Log Service Europe Group nella logistica di magazzino e nei trasporti

11.00/11.30 – Quando l’automazione va “stretta”… “Grandi” soluzioni per piccoli spazi

11.00/11.30 – Lean Supply Chain: migliorare i processi logistici partendo dalla misura delle prestazioni

12.30/13.00 – L’analisi dei dati logistici: dai numeri alle scelte – Casi di studio: Immergas e Cogal

12.30/13.00 – Le nuove regole dell’autotrasporto, Legge 127/2010

14.00/14.30 – Un’automazione naturale: anteprima Italiana per l’utilizzo di una innovativa tecnologia di automazione di magazzino. Un nuova tecnologia in grado di cambiare i tradizionali paradigmi dell’automazione eliminandone i limiti strutturali

14.30/15.00 – Il Collaborative Supply Chain Management: verso un nuovo modello di gestione

15.30/16.00 – Tavola Rotonda “Outsourcing vs insourcing: facciamo il punto”

SAVE THE DATE

Global Logistics, Expo Summit sulla Logistica e Supply Chain

24 e 25 novembre 2010

Centro Congressi Hotel Parchi del Garda di Lazise (VR)

No Comments
Comunicati

Davide Rigon, una carriera verso l’impossibile?


Davide Rigon e il gradino più alto del podio, un binomio insolvibile. Cambiano i campionati, i team e gli avversari, ma non il risultato finale. Il titolo conquistato sul tracciato spagnolo di Navarra nel campionato Superleague Formula è solo l’ultimo dei tanti sigilli messi a segno dal talento veneto la cui bacheca personale vanta successi in tutti i campionati che ha preso parte, consolidando la sua figura nel mondo del motor sport internazionale. Dopo la vittoria nel campionato italiano di F. Azzurra nel 2005 e il titolo di vice campione l’anno successivo nelle fila della F.3 Italia, per Rigon arriva infatti il doppio successo nel 2007 con il titolo italiano ed europeo di F.3000.

Il 2008 è l’anno della consacrazione con la vittoria al debutto nella 24H di Spa-Francorchamps al volante di una Ferrari F430 nel Mondiale FIA GT e il titolo nel neonato campionato Superleague Formula con i colori del club di Pechino. L’approdo nel 2009 in GP2 nelle fila del team milanese Trident non è dei più facili, nonostante il podio sul tracciato Malese in GP2 Asia, il quinto posto sul tracciato di Spa e diversi altri importanti piazzamenti come in occasione del GP di Montecarlo. Per il 2010 Rigon e il suo management decidono quindi di tornare sui loro passi. La scelta si dimostra ancora una volta azzecca e con i colori bianco-viola del club belga dell’Anderlecht il ventiquattrenne conquista il suo secondo titolo nella SF dimostrandosi determinato e sicuro di se, guidando il team Azerti fino al loro primo successo nella categoria “La stagione in GP2 non è stata certamente positiva, ma ci sono dei motivi. Con il team Trident molto probabilmente non ci siamo fidati l’uno dell’altro e non sono riuscito a fare lo stesso lavoro che quest’anno ho svolto con il team Azerti, dove ho sentito intorno a me tutta la fiducia. Anche senza vincere il titolo si poteva fare certamente meglio di così. In aggiunta i problemi di budgets non mi avevano aiutato. Per tutta la stagione arrivavo il mercoledì sul tracciato senza avere la certezza di poter poi salire in macchina. In queste situazioni diventa impossibile fare dei programmi e sviluppare la macchina. E’ stata una stagione lunga e sofferta. Non mi era mai capito di stare così a lungo lontano dal podio” ricorda Davide Rigon.

Il 2010 non è stato certamente una passeggiata e bissare il successo nello stesso campionato non è certo cosa semplice. Dopo un inizio non facile sul tracciato inglese di Silverstone Davide ha preso per mano il team – giovane e alla sua prima apparizione nel campionato – indicandogli la strada giusta da seguire, lavorando e sviluppando gara dopo gara la potente monoposto da 750 cv. “E’ stata una stagione combattuta fino al photo-finish. Sinceramente dopo Silverstone non credevo più nel titolo. Con la squadra abbiamo deciso di provarci lo stesso e siamo riusciti a creare un ottimo gruppo di lavoro. Mi hanno dato molta fiducia e sono contento di averli ripagati con questo successo,” commenta Davide “Vincere per ben due volte lo stesso campionato non è mai facile, in particolar modo qui dove ci sono tantissimi campioni anche se la gente crede che vincere la SF sia molto facile. Purtroppo è anche l’idea di molti addetti al lavori che operano in altri contesti. Credo che vincere un titolo non sia mai facile soprattutto quando lo fai con un team che non è al top” racconta il vicentino. “La SF ha dei ritmi serrati. Devi dare sempre il 100% senza permetterti la minima sbavatura. Ogni errore viene pagato pesantemente. Secondo me questo è un grande pregio del campionato perché insegna ai suoi piloti a mantenere la calma e i nervi saldi, costringendoli a prendere decisioni importanti in pochissimo tempo. Anche in questo si avvicina ai ritmi da F1”

Appena archiviato il titolo i pensieri di Rigon sono già proiettati al 2011, anche se ad oggi non ci sono ancora delle conferme. Il primo pensiero è rivolto al grande circus della Formula 1 senza però disdegnare un impegno in GP2 o in Superlegue Formula “Ora mi voglio godere questo successo con la speranza che possa arrivare una chiamata dalla Formula 1. Dopo i successi del 2005-2007-2008, senza dimenticare il secondo posto in F.3 Italia, anche in questa stagione ho dimostrato di essere pronto sotto tutti gli aspetti. In questi mesi sto lavorando duro per cercare di raggiungere questo grandissimo obiettivo, anche se certamente non sarà facile. Se la F1 non mi volesse allora mi concentrerò su altro. Mi piacerebbe continuare in Superleague Formula. Per il 2011 il progetto è quello di crescere ulteriormente con tappe in Cina, Australia e Brasile. In alternativa mi piacerebbe correre, e vince, la 24 Ore di Le Mans con un prototipo LP1. Un mio ritorno in GP2? Solo se ci fosse la possibilità di correre nelle fila di un top team per puntare diritto al successo finale.”

Dello stesso parere anche le persone che hanno osservato da molto vicino il ventiquattrenne in questi anni, come Gian Carlo Minardi che nel 2005 lo fece esordire al volante di una sua monoposto, l’ing. Gabriele Tredozi e il suo manager Giovanni Minardi e che in tutti questi anni ha saputo seguirlo e indicargli la strada giusta grazie alla sua esperienza pluriennale nel mondo delle competizioni sportive, e ad un passato tra F1, F.3000 e Superleague Formula “Conosco Davide ormai da moltissimi anni. Sono orgoglioso non soltanto per il successo in se, ma per il tipo di lavoro che ha svolto durante tutto l’arco della stagione lavorando fianco a fianco con il team lottando fino alla fine, scendendo un pista con grande determinazione e sangue freddo. Anno dopo anno siamo cresciuti di categoria portando a casa vittorie e titoli, nonostante problemi di budgets non indifferenti che ci hanno impediti di partecipare a test privati o di poter disporre di materiale sempre nuovo. Nel 2007, l’anno del suo esordio e del suo titolo in F.3000 abbiamo lavorato fianco a fianco nello stesso team. In quell’occasione ho avuto modo di apprezzare veramente il suo talento, la sua metodologia di lavoro e la sua precisione. Nel 2008 invece siamo stati avversari, in quanto ero stato chiamato a lavorare per la Scuderia PlayTeam nel suo debutto in SF. Posso dire con assoluta tranquillità che è molto meglio avere Rigon nella propria squadra che come diretto avversario. Nonostante fosse al debutto con una monoposto così complessa e potente (V12 da 750 cv) ha portato ancora una volta il suo team al successo avendo la meglio su piloti che potevano contare su esperienze, anche pluriennali, nel mondiale di Formula 1,nel l’ex Champ Car e GP2. In quel momento lui invece arrivava solo dalla F.3000. Non riesco a capire come mai non possa trovare l’opportunità di provare per un team di F1. Oggi vedo in F1 molti campioni, ma anche tanti piloti mediocri che arrivano a guidare una monoposto grazie alla valigia piena di dollari. Mi fa molto piacere vedere che i media sia nazionali che internazionali stiano dando molto risalto alla vittoria di Davide e al suo talento. Mi auguro di cuore che anche altri si possano accorgere del suo valore” Commenta Giovanni Minardi.

Per il quarto anno consecutivo quindi un pilota gestito dal manager Giovanni Minardi firma l’albo d’oro del campionato. Oltre ai già citati successi di Rigon, nel 2007 Gabriele Lancieri e Luca Casadei avevano conquistato l’alloro rispettivamente nel Campione Italiano GT e nell’italiano Clio RS, mentre il 2009 è stato il turno del romano Daniel Zampieri con il titolo nella F.3 Italia, che gli è valso un posto nell’ FDA

Il successo di Davide non è passato inosservato neanche tra gli ingegneri e progettisti della Menard Competition Technologies Limited (MCT), la società che ha disegnato, progettato e creato il cuore della monoposto targata Superleague Formula, un V12 da 4.2 litri che eroga la bellezza di 750 CV.

Controllando la telemetria del MCT V12 della monoposto dell’Anderlecht, gli ingegneri sono rimasti particolarmente colpiti dalla pronta reazione del campione veneto al contatto con la monoposto bianco-verde del Beijing che durante le fasi iniziali della seconda gara sul tracciato di Navarra aveva colpito il leader del campionato Rigon mandandolo fuori pista, facendogli ammutolire il motore. A questo punto qualsiasi pilota avrebbe gettato con rabbia il volante fuori dalla monoposto abbandonando la corsa, ma non Rigon. Con grande prontezza di spirito è passato dalla modalità automatica a quella manuale e ha inserito la retromarcia, facendo riaccendere il propulsore. E’ bastato un leggero salto indietro per riaccendere le sue speranze e di tutto il team Azerti. Confrontando i secondi che sono passati dal contatto alla ripartenza con le numerose e complesse operazioni portare a termine da Rigon si può comprendere quanto sia stata straordinaria la reazione del pilota. In poco più di otto secondi Davide Rigon ha trasformato la sua giornata e salvato la sua stagione.

No Comments
Comunicati

Piattaforme di recruiting: la tecnologia al servizio della ricerca del miglior candidato

Oggi il web 2.0 mette a disposizione innumerevoli strumenti per aiutare le aziende a migliorare e a crescere, a partire dalle nuove recruiting platform, che facilitano il delicato compito di selezionare le professionalità più adeguate. Tecnologie sempre più efficaci e all’avanguardia, unite alle grandi potenzialità dei motori di ricerca (Google, Yahoo, MSN, Ask e AOL) e alle risorse offerte dai nuovi social media (Facebook, LinkedIn, MySpace, Twitter, Delicious) garantiscono alle aziende l’opportunità di centrare l’obbiettivo della scelta dei candidati migliori.

Dalle statistiche riguardanti il mondo del lavoro, risulta sempre più evidente l’evoluzione del modo di condurre le ricerche di personale. Le aziende hanno riconosciuto nel web 2.0 una valida alternativa ai vecchi estenuanti processi di selezione e reclutamento. Inoltre, hanno capito l’importanza e il valore dei nuovi software che snelliscono e rendono più efficaci i passaggi che portano all’individuazione della cosiddetta “carta vincente” per la propria azienda.

Oggi, infatti, le piattaforme di recruiting di ultima generazione non si limitano a fungere da database per la raccolta o la ricerca di figure professionali, bensì consentono di associare l’analisi delle necessità con i più adeguati canali di selezione on-line, permettono di attivare azioni di social media recruiting, nonché di gestire la consultazione e la reportistica dei profili con un semplice click.

Inoltre, se si considera anche il fatto che a processi più agili si affiancano, in un unico gesto, la verifica dei profili degli aspiranti, la rapidità nella risposta a un numero crescente di candidature via web e la promozione dell’immagine e dei servizi dell’azienda stessa presso candidati e aziende terze, ci si rende conto che il software recruiting sta diventando uno strumento imprescindibile in termini di efficacia ed efficienza, razionalizzazione dei costi e delle tempistiche di selezione, riconoscimento della professionalità, visibilità, credibilità e prospettiva futura. Non a caso gli esperti di selezione del personale hanno scelto di non farsi sfuggire questa opportunità e di scommettere sulla tecnologia.

No Comments
Comunicati

Un tocco in più ai classici dolci natalizi


Sia in Europa che in America è tradizione preparare alcuni giorni tipici per i giorni di festa, come Natale e Pasqua.

In Italia esiste una vasta gamma di dolci natale, tramandati da centinaia d’anni dalla nostra famosa tradizionale dolciaria; sono prodotti artigianali ed industriali che ci accompagnano alla festività del Natale, con una diversificazione per regioni, province e perfino comuni; inoltre, lo stesso dolce acquisisce, secondo i luoghi, i nomi più disparati. Anche se siete a dieta, le feste di Natale sono un periodo durante il quale sono concessi molti peccati di gola. E noi vi aiuteremo ad ingrassare un po’ di più!

Per il Natale i grandi classici sono i dolci pandoro e panettone classico. Moltissime sono le varianti per questi dolci tipici, a seconda della regione o dell’estro del pasticcere. Il panettone, in particolare, è un tipico dolce natalizio, dalla caratteristica forma a cupola, ed e’ uno dei prodotti di pasticceria più tipici di Milano, ma ormai diffuso in tutta Italia e all’estero. La ricetta tradizionale e’ a base di pasta soffice e lievitata, uova, burro, uvetta e canditi, anche se negli ultimi tempi l’industria dolciaria ha creato innumerevoli versioni, proponendo anche panettone e pandoro farcito o ricoperto.

Ma se quest’anno voleste stupire tutti con un’idea originale per servire il nostro dolce più tradizionale il giorno di Natale? E’ più facile eseguirla di quanto non lo sia descriverla, ve lo posso assicurare, quindi se volete dare un tocco molto personale al vostro panettone e stupire tutti i commensali, seguite questi facili consigli.

Come prima cosa occorre tagliare la parte superiore sino quasi al bordo dello stampo in carta, che poi asporterete. Scavate con un coltello molto affilato lasciando circa 4 cm di spessore sia sotto sia ai lati.
Preparate dell’ottimo gelato di vaniglia battendo otto tuorli con 220 g di zucchero, e versandovi sopra 8 dl di latte con 2 dl di panna portati ad ebollizione con una stecca di vaniglia. Lasciate poi gelare come di consueto. Una volta pronto il gelato, dovrete foderare completamente il dolce unendo, se necessario, la polpa asportata precedentemente tagliata in grossi cubi. Chiudete ermeticamente con il cappello e ponete in congelatore.
Pesate gli albumi rimasti e, aggiungendo il doppio del loro peso in zucchero, una volta battuti a neve fermissima fatene una meringa cruda con la quale cospargerete interamente il panettone. Non dimenticate di occultare nella parte superiore mezzo guscio d’uovo che servirà per gli effetti “speciali”. Al momento di servire gratinate in forno caldissimo con aggiunta della funzione apposita, in altre parole “grill”, fino a far colorire la meringa.

A questo punto ponete sulla sommità del dolce, all’interno del mezzo guscio, un batuffolo di cotone imbevuto d’alcool 95°, incendiate e servite.

Il vostro panettone in fiamme sarà sicuramente protagonista del Natale più di quanto non lo sarebbe stato nella versione “nature”. Quasi dimenticavo: la polpa interna se non è aggiunta al gelato, può essere servita ai più golosi “strisciata” con dell’ottimo cioccolato. Un ottimo modo per portare un po’ di allegria ai soliti dolci Natale e stupire tutti con la vostra bravura culinaria.

Auguro a tutti un Natale sereno ed un Nuovo Anno ricco di piacevolissimi frutti!

A cura di Martina Meneghetti
Prima Posizione srl – statistiche siti

No Comments
Comunicati

L’evoluzione nella tradizione: linee guida per la pizza


Si è tenuto lo scorso 25 ottobre, all’interno del Salone Internazionale delle Tecnologie e Prodotti per Panificazione, Pasticceria e Dolciario, il convegno organizzato da A.B. Tech Pizza Expo.
Un convegno molto più simile ad una tavola rotonda che ha approfondito i cambiamenti che ha subito la professione del pizzaiolo e le aspettative di chi all’interno delle pizzerie va a mangiare. Proprio le aspettative dei clienti infatti diventano fondamentali per valutare le evoluzioni nel settore, non solo delle pizzerie e dei pizzaioli ma di tutta l’industria delle macchine per pizza sia casalinghe che industriali. Quello delle pizzerie infatti risulta essere un settore ricco di novità che sta vivendo numerose trasformazioni che si adattano sempre più ai gusti della clientela superando le dinamiche stereotipate e tendendo la mano al marketing e alle tendenze di gusto internazionale.

La concorrenza infatti diventa sempre più spietata e la pizzeria comincia a diventare non solo luogo di cene e pranzi ma anche di intrattenimento dove vengono coinvolti tutti i sensi in un’esperienza gratificante non solo per il palato ma per tutti i sensi. Un cambiamento che coinvolge anche la figura del “pizzaiolo”, così integrata nella tradizione, che deve trasformarsi da semplice artigiano portatore di cultura e consuetudini a imprenditore che monitora la qualità degli alimenti e si fa manager e comunicatore della sua impresa e delle attività che al suo interno si svolgono. Un qualificazione quindi che lo deve spingere a dotarsi sempre più di oggetti professionali dall’ impastatrice planetaria alle informatrici e a tutto quello che serve nelle cucine di un locale multi propositivo.

E l’elemento portante per questo cambiamento bisogna trovarlo all’interno di ciò che viene proposto sulla tavole del cliente. La pizza da “piatto povero” deve diventare una prelibatezza unica e irripetibile attraverso la selezione delle materie prime e la capacità di sperimentare seguendo le tendenze e mescolando vari stili di cucina.

Durante la conferenza particolare attenzione è stata dedicata alla trattazione dell’argomento location, a tutt’oggi una componente fondamentale per qualsiasi luogo di ristorazione. Uno studio curato dal POLI-Consorzio del Politecnico di Milano che si occupa di Design. Una location che sembra tingersi di futuro ma che al contempo stimola nuovi modi di concepire l’esperienza cibo a di là della gastronomia, rendendola un’esperienza divertente, emotiva ed emozionale. Ambienti di design e di atmosfera che hanno sostituito i più tradizionali locali ancorati alla tradizione e capaci di soddisfare le esigenze di una completa serata con servizi di intrattenimento, lounge bar, ma anche servizi come aperitivo e brunch.

Importante è anche la figura e la formazione del personale addetto alla preparazione del cibo stesso. Molte sono state le considerazioni in merito all’introduzione di una vera e propria “patente europea del pizzaiolo” un vero e proprio esame composto da prova teorica e pratica che sia volta a tutelare sia il consumatore, sia la qualità del prodotto e che possa accertare la competenza e la professionalità stessa dell’operatore che abbia compente in merito non sol di preparazione ma anche in merito a nozioni di alimentazione, utilizzo di impastatrice, igiene e somministrazione degli alimenti in tutte le loro forme. Competenze più che mai necessarie per poter gestire al meglio la propria attività e che consentono di poter ampliare la propria attività e spaziare in diversi settori.

Regole e norme che andrebbero a influenzare anche il mercato estero delle pizza, uno degli alimenti più imitati e più interessati da plagio che verrebbe in questo modo tutelato secondo regole ben precise che permettano di distinguerlo da prodotti simili ma non uguali.

A cura di Martina Celegato

Prima Posizione srl

Scrittura creativa

No Comments
Comunicati

Un’artista Venariese a Monreale: Mariella Lavarino


Mariella Lavarino invitata alla Rassegna d’Arte Contemporanea di Monreale (PA)

Arte normanna, bizantina e contemporanea

Dal 1 al 30 di novembre si svolge, presso le sale Museali di Piazza Guglielmo II, la manifestazione “Rassegna d’Arte Contemporanea di Monreale”. Nel misto tra arte normanna e bizantina si collocano le opere di importanti artisti contemporanei, che con la loro sensibilità si amalgamano all’imponente scenario che li ospita.

Mariella Lavarino, artista Venariese, è stata invitata a partecipare alla manifestazione.
La sua opera, acquisita alla collezione permanente del Museo, ha come titolo “Torino, Città delle Statue”. Nel suo stile assolutamente personale , la Lavarino compone, come viste all’interno di un caleidoscopio, le immagini della Torino delle statue, nella riaffermazione del legame tra Torino e la Sicilia che, il 24 dicembre del 1713 si sostanziò nell’incoronazione di Vittorio Amedeo II di Savoia come Re di Sicilia.
Legame ideale tra il Piemonte e la Sicilia è l’opera del grande Siciliano Filippo Juvarra, artefice di una grande parte della Torino tardo barocca ed in particolare degli spettacolari interventi (Cappella Palatina , Galleria Grande e Complesso Citroniera e Scuderia) nella Reggia della Venaria Reale, città nella quale la Lavarino opera e la cui Reggia, appunto è stata fonte di ispirazione di molte opere della Lavarino ed in particolare dell’importante ciclo dedicato alla Reggia prima del restauro, 22 opere poste in modo permanente a decorare la Sala Conciliare del Comune della Città di Venaria Reale.

Inaugurazione 1 novembre

Civica Galleria d’Arte ‘Giuseppe Sciortino’
Piazza Guglielmo II Monreale (PA)
Lunedi’, mercoledi’, venerdi’, domenica e festivi 9/14, martedi’, giovedi’, e sabato: 9/14 e 15/19

No Comments
Comunicati

Nielsen: Assicurazione.it è il sito più visitato del settore assicurativo


È stata resa nota oggi la classifica Nielsen Netratings Audiweb di ottobre relativa al traffico Internet dei siti dedicati al mercato delle assicurazioni e secondo le rilevazioni del noto istituto di ricerca, è Assicurazione.it, il comparatore del mercato RC auto e moto, il sito assicurativo più visitato d’Italia davanti a quelli di Direct Line e Linear Assicurazioni.

È la prima volta in Italia che un comparatore occupa la cima della classifica superando anche quelle compagnie assicurative che hanno fatto dell’online il proprio core business. A questo proposito Alberto Genovese, socio fondatore di Assicurazione.it, ha commentato: “In meno di due anni, abbiamo ottenuto risultati straordinari fino ad aggiudicarci il primo posto nella classifica Nielsen; questo risultato testimonia un cambiamento sempre più evidente nelle abitudini degli utenti che adottano un approccio diretto al mondo delle assicurazioni e ora anche in Italia, come avviene già nel Regno Unito, in Francia e in tantissimi altri stati, premiano l’idea del compratore online e ne fanno il sito assicurativo più visitato.”

Online in versione beta dal 3 giugno 2008, Assicurazione.it è stata presentata ufficialmente il 5 Marzo 2009. La forza dell’idea è oggi, anche alla luce dell’odierno successo, si è dimostrata più che mai dirompente: un processo estremamente a misura di utente che, in tempo reale, può costruirsi il proprio preventivo su misura avendo la possibilità di confrontare i preventivi di 18 fra le principali compagnie assicurative operanti nel nostro Paese e ottenere così vantaggi che da solo non avrebbe mai potuto raggiungere. Primo fra tutti il risparmio che arriva fino a 500€ per polizza

No Comments
Comunicati

Cosa c’è da sapere sull’assicurazione furto incendio


Per avere una copertura assicurativa in caso di furto o incendio del veicolo le tradizionali assicurazioni non bastano.

Per avere una tutela completa, è bene stipulare un’assicurazione furto incendio.  La copertura assicurativa contro eventi come il furto tutela l’assicurato per tutti i danni che possono essere causati dal furto vero e proprio, ma anche da tutti i tentativi di furto o di scasso che non sono andati a buon fine, compresa la distruzione del veicolo.

In caso di furto, il premio e l’indennizzo che l’assicurazione è tenuta a pagare all’ assicurato è calcolato in base al valore di mercato dell’auto nel momento in cui questa viene assicurata.

Se il veicolo viene sottratto o distrutto, il risarcimento prevede il pagamento dell’ intero valore commerciale al momento del furto, mentre se si tratta solo di un danneggiamento, l’assicurazione prevedrà il rimborso delle sole parti danneggiate o rubate.
Le polizze contro l’incendio tutelano il veicolo invece dai danni causati da incendi, eventi legati al fuoco, scoppi, fulmini, ma anche ad eventi causate da corto circuiti o surriscaldamento del motore, ad esclusione delle cose contenute all’interno dei veicolo.

Anche in questo caso la polizza prevede, come nel caso del furto, un risarcimento pari al valore commerciale del veicolo al momento dell’incendio.

Inoltre, la polizza furto copre anche il furto di ogni singola parte dell’auto, ma non la sottrazione degli oggetti che si trovano all’interno dell’automobile, né il loro furto specifico (il caso cioè in cui l’oggetto che si trova all’interno dell’automobile viene rubato, ma non viene rubata l’autovettura che lo conteneva), né del loro furto se erano nell’auto al momento in cui questa è stata rubata.

Sul sito Rete Assicurazioni tante informazioni sul Rca auto.

www.reteassicurazioni.com

No Comments
Comunicati

Inverno e festività al BHR Treviso Hotel


BHR Treviso Hotel si prepara ad accogliere i propri ospiti per il periodo invernale proponendo nuovi vantaggiosi pacchetti di soggiorno.

Pacchetto Benessere per la coppia “Dolci coccole”

· Pernottamento per due persone con prima colazione a buffet
· Upgrade in camera di categoria superiore previa disponibilità
· Ingresso al Centro Wellness & Fitness dotato di vasca idromassaggio, sauna finlandese, bagno turco, docce aromo e cromo-terapiche, zona relax con comodissime chaise longue e poltrona massaggiante e area fitness con attrezzature Technogym
· Per lei – Massaggio corpo rilassante: massaggio avvolgente grazie all’uso di oli essenziali specifici per la persona che generano una piacevole sensazione di benessere fisico
· Per lui – Massaggio decontratturante: massaggio posturale e stretching per tonificare il corpo per attenuare la stanchezza fisica e mentale
· Pausa rilassante al Gioja Lounge Bar

Tariffa weekend a partire da € 239,00

Pacchetto di Natale “BHR Happy Christmas”

· Pernottamento per due persone con prima colazione a buffet
· Upgrade in camera di categoria superiore previa disponibilità
· Drink di benvenuto
· Pranzo del giorno di Natale
· Omaggio in camera
· Late check out fino alle ore 14:00

Offerta valida dal 23 al 27 dicembre 2010

A partire da € 199,00
Notti aggiuntive da € 89,00

Pacchetto di Capodanno “New Year Eve”

· Pernottamento per due persone con prima colazione a buffet
· Upgrade in camera di categoria superiore previa disponibilità
· Gran cenone di San Silvestro
· Late check out fino alle ore 14:00

Offerta valida per la notte del 31 dicembre 2010

A partire da € 299,00

Per ulteriori informazioni:
BHR Treviso Hotel
http://www.bhrtrevisohotel.com/it
0422 3730
[email protected]

No Comments
Comunicati

L’arte corre sul web. Con Artobolus.com gli artisti scelgono la rete per farsi conoscere


Chi di voi non ha piacevolmente navigato le pagine di una galleria d’arte online? Probabilmente pochi. E ormai comune infatti navigare in internet alla ricerca di nuovi talenti artistici che sempre più scelgono di diffondere l’arte attraverso il proprio sito internet, i social media o le gallerie d’arte online.

Dagli artisti contemporanei più famosi a quelli emergenti la rete è diventata una sorgente di cultura senza pari. Certo osservare un’opera d’arte attraverso lo schermo del computer non dà la stessa emozione di vedere da vicino un dipinto o una scultura. Resta il fatto che il web rapprensenta un mezzo di comunicazione d’eccellenza per la diffusione di massa della cultura.

Un progetto, tutto italiano ma dal respiro internazionale, è stato presentato in rete poco più di un anno fa: si tratta di Artobolus.com la community dedicata agli artisti che cercano un luogo virtuale dove esporre le proprie opere d’arte.
Artobolus è innanzitutto un progetto internazionale per diffondere l’arte contemporanea: artisti da tutto il mondo hanno la possibilità di iscriversi gratuitamente e creare la propria pagina con una galleria di opere (senza limiti di numero), la biografia, la segnalazione delle esposizioni, dei punti vendita delle loro opere e naturalmente il loro sito internet.

Il portale oggi è in piena crescita e con grandi ambizioni per il futuro come quella di dare la possibilità agli artisti di vendere opere d’arte attraverso il sito, creare sezioni e servizi dedicati non solo agli artisti ma anche ai professionisti che gravitano e interagiscono con il mondo dell’arte, dare una veste sempre più “sociale” al sito in modo che possa divenire un vero e proprio punto d’incontro, di riflessione e di ispirazione per gli stessi artisti.

Nicoletta Colonna – Responsabile Comunicazione Artobolus.com
[email protected]

Mantanera – Comunicati Stampa, Article Marketing e promozione online
[email protected]

No Comments
Comunicati

Con Comark il tuo pulito non si ferma mai!


Comark, da oltre 30 anni rappresenta per innumerevoli aziende il riferimento del nord ovest per quanto riguarda il mondo della pulizia industriale e professionale.

L’azienda, da sempre attenta alle esigenze dei clienti, punta su un servizio di assistenza post vendita rapido ed efficiente per garantire sempre continuità al business dei propri clienti.

Per questo motivo la storica azienda destina una vasta parte dei suoi spazi all’allestimento di un‘officina specializzata nell’assistenza post vendita delle macchine per la pulizia.

Un ramo d’azienda strutturato e consolidato per dare un servizio al passo con i tempi, un’area frutto di investimenti in risorse, formazione, strumenti e programmi gestionali.

La presenza di un team tecnico costantemente impegnato per non lasciare mai ferme ed inefficienti le macchine dei clienti garantisce un servizio senza paragoni:

  • riparazioni sia su macchinari nuovi sia usati
  • interventi affidati ad un team di meccanici qualificati
  • due officine mobili per interventi specifici sul posto
  • officina sempre fornita di una vasta gamma di ricambi
  • lo staff tecnico assicura interventi rapidi con garanzia
  • macchine sostitutive per assicurare continuità alle attività del cliente
  • manutenzione programmata
  • ogni macchina è monitorata attraverso un software di gestione matricole
  • Verifiche di sicurezza ed ecologia e controlli di qualità

Nicoletta Colonna – Responsabile Comunicazione PerPulire.it

Comark
Via Goretta, 96/a – 10072, Mappano di Caselle (TO)
Tel: 011 2207783
[email protected] – www.perpulire.it

Mantanera – Comunicati Stampa, Article Marketing e promozione online
www.mantanera.it – [email protected]



No Comments
Comunicati

Nuovi orizzonti per la Chirurgia Estetica: la fast recovery (recupero post operatorio in 24 ore) è un nuovo traguardo per la chirurgia estetica del seno


Si è tenuto lunedì 15 novembre a Milano l’educational “I nuovi orizzonti della Chirurgia estetica”, un incontro di perfezionamento scientifico, al quale hanno fortemente voluto partecipare tutti i chirurghi estetici LaCLINIQUE®.
Ospite e relatore d’eccezione all’educational il dott. William P. Adams jr, uno dei massimi esperti mondiali in materia di Chirurgia estetica del seno, in particolare per i suoi studi mirati a rendere più sicure e meno traumatiche le procedure, con l’obiettivo il ridurre il downtime entro le 24 ore successive all’intervento.
Il dott. Adams ha perfezionato tecniche e metodologie operatorie per ottimizzare la fase post-intervento, basate su 4 importanti sottoprocessi:

  • educazione del paziente;
  • attenta pianificazione pre-operatoria basata sul tipo di tessuto;
  • raffinata tecnica chirurgica mirata a minimizzare il down time;
  • gestione post-operatoria;

”La mastoplastica additiva ha sofferto della mancanza di un processo definito per la gestione del paziente. L’impiego di nuovi materiali e lo sviluppo di nuove tecniche di chirurgia estetica del seno atte a favorire un fast recovery, mi consentono di affermare che siamo dinanzi ad una nuova era, caratterizzata da nuove abilità, tecniche chirurgiche ed expertise”, dichiara Adams. “L’importante è che le nuove tecniche, basate su un preciso allestimento della tasca nel tessuto del seno per l’inserimento delle protesi e ad una scelta adeguata dell’impianto mammario, sia in relazione al tessuto mammario-cutaneo, che alla conformazione fisica, siano abbinate ad un nuovo approccio di terapia ‘globale’ che metta al centro il paziente e la sua unicità. Si ottiene in questo modo un recupero post-chirurgico che gli consentirà di andare a cena fuori la sera stessa dell’intervento e di ritornare alle normali attività quotidiane in un giorno.”

Il dott. Adams ha dunque iniziato  un percorso di gestione, ascolto e personalizzazione delle esigenze di ogni paziente. Nonostante lo scetticismo iniziale dei colleghi americani, i dati degli studi clinici condotti fino al 2008 hanno dimostrato che, impiegando questo principio, ben il 98% dei pazienti è tornato alle normali attività dopo 24 ore dall’intervento chirurgico, riuscendo anche a compiere movimenti ‘critici’, come alzare le braccia. Inoltre, con l’approccio di processo ‘globale’ introdotto e testato dal dott. Adams  e ispirato dai lavori del dott. J. Tebbets, il tasso di insoddisfazione/rioperazione è contenuto al 3,7%.
Questo processo chirurgico (preceduto da un approfondito studio clinico delle caratteristiche fisiche del paziente e un adeguato accoppiamento tra queste e l’impianto mammario), influisce dunque significativamente sul recupero e sul tasso di rioperazione, migliorando la qualità del percorso del paziente di chirurgia estetica, con effetti direttamente proporzionali al successo dell’intervento stesso.
Il seminario del dott. Adams riflette l’approccio de LaCLINIQUE®-Medicina e Chirurgia Estetica, che pone al centro della propria filosofia l’ascolto e la comprensione delle esigenze e delle aspettative del cliente, elementi che rivestono un’importanza al pari della professionalità, cioè la preparazione teorico-pratica, il buon senso ed il gusto estetico del chirurgo plastico, per un’esperienza di chirurgia estetica estremamente personalizzata con il massimo controllo del dolore e garanzia di risultati soddisfacenti.

No Comments
Comunicati

L’Enoteca DocWine.it presenta le Idee Regalo per il Natale!!


L’Enoteca Online DocWine.it presenta le sue nuove Idee Regalo per le prossime feste: simpatiche confezioni di legno per i vostri vini pregiati preferiti!

Su DocWine.it si può trovare un’ampia scelta di confezioni regalo personalizzate
“Il Graspolino”, di bottiglie magnum dei migliori spumanti, di vini doc in catalogo e di una selezione di grappe pregiate in eleganti confezioni regalo.

L’enologo Marco Di Sabatino suggerisce diversi abbinamenti di vini doc, in pratiche scatole da 2 bottiglie. Si uò scegliere tra la confezione di legno semplice e la pregiata scatola di legno massello contenente le 2 bottiglie da 75 ml e alcuni accessori da vino abbinati.

Tra gli champagne da non perdere l’elegante scatola cappelliera contenente due bottiglie di Champagne Cuvèe San Petersbourg di Ponsardain o la confezione astucciata con due bottiglie di Champagne Rèserve Imperial Moet & Chandon.

Oltre alla vendita online di una ricca varietà di vini doc, spumanti e grappe, l’Enoteca DocWine.it offrirà la possibilità di acquistare confezioni regalo contenti una selezione dei migliori prodotti enogastronomici piemontesi: salse, confetture e miele al tartufo da abbinare a saporiti formaggi, prodotti sotto’olio e frutta sciroppata provenienti dall’Azienda Brezzo.

L’acquisto dei prodotti enogastronomici e del vino online è gestito in modo sicuro e trasparente: i clienti possono comprare su Docwine.it attraverso carta di credito, un account PayPal o attraverso un semplice bonifico bancario. Le spedizioni coprono tutto il territorio italiano.

Nicoletta Colonna – Responsabile Comunicazione Enoteca DocWine.it

Enoteca Il Graspolino
Via Mazzini 28 – 10090 Gassino T.se (TO)
tel. 011.9607192  – [email protected] – www.docwine.it

Mantanera – Comunicati Stampa, Article Marketing e promozione online
Promozione aziendale – [email protected]

No Comments
Comunicati

IL 50° TROFEO TOPOLINO DI SCI ALPINO PRONTO AL DECOLLO DA FOLGARIA


Nuova location per il 2011, gli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna

Si annuncia una “special edition” il 18 e 19 marzo per festeggiare i 50 anni

Gli Altipiani hanno come target di riferimento la famiglia, un evento mirato

Il Premio di Pittura sugli Altipiani, ma anche a Levico e Trento

È ufficiale: il 50° Trofeo Topolino di Sci Alpino si svolgerà i prossimi 18 e 19 marzo sugli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna (TN).

Dopo gli ultimi quattro anni vissuti sulla Panarotta, in Valsugana, la kermesse giovanile si sposta di alcuni chilometri e approda per la prima volta nella storia sugli altipiani dove da anni lo sci e gli sport invernali sono di casa. Solo per citare alcuni eventi ospitati sulle nevi di Folgaria e Lavarone, lo scorso anno qui si disputarono con successo i Campionati del Mondo studenteschi di sci, mentre per quanto riguarda il fondo, dal 1977 gli Altipiani ospitano la due giorni internazionale della Millegrobbe.

“Quella del 2011 sarà un’edizione memorabile” fa sapere il presidente del comitato organizzatore Mauro Detassis “e ci fa davvero piacere approdare sugli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna.” Non è un segreto che la manifestazione piace ed interessa molte località soprattutto fuori regione, tuttavia il Trofeo Topolino di sci alpino rimane un evento tutto trentino. L’interessamento dell’assessore al turismo Tiziano Mellarini è stato fondamentale, e festeggiare i primi cinquant’anni di storia sulle nevi trentine è significativo. “Il Trofeo Topolino di sci alpino ha una lunga tradizione, – ha rimarcato lo sportivo assessore provinciale al turismo e agricoltura – è stato fucina di grandi campioni ed è un’importante vetrina internazionale. Il target della manifestazione si adatta perfettamente alle nostre politiche di promozione e per me era fondamentale, soprattutto per festeggiare i cinquant’anni, che rimanesse in Trentino. Ho trovato grande collaborazione dall’ambito turistico di Folgaria, Lavarone e Luserna e così è stato tutto più facile”.

“In effetti – rimarca la presidente dell’APT Folgaria, Lavarone e Luserna, Cecilia Bolzon – l’idea di ospitare il 50° Trofeo Topolino di sci alpino è piaciuta subito a noi ed alle categorie economiche dell’altopiano. Il target a cui ci dedichiamo con interesse è quello della famiglia, ed il Trofeo Topolino è un formidabile veicolo promozionale. Noi ci rivolgiamo alle famiglie ed ai giovani, estate ed inverno, non potevamo farci scappare questa occasione”.

Nella storia del Trofeo Topolino, gli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna vanno ad aggiungersi alle altre località trentine toccate dall’evento, ovvero il Monte Bondone, Folgarida, Marilleva, Pinzolo e, come detto, la Panarotta.

Dal 1958, anno del debutto del cartone Disney al fianco dei piccoli sciatori, il Trofeo Topolino Sci Alpino ha visto sfilare tra le sue porte e i suoi paletti migliaia di giovani di tutto il mondo, inclusi atleti che poi hanno fatto parlare di sé da più grandicelli. Thoeni, Stenmark, Girardelli, Zurbriggen, Tomba, Reich, Wachter, Compagnoni, Rocca, Karbon, Putzer, Razzoli, Mancuso o Vonn, sono solo alcuni dei fuoriclasse poi conosciuti nei massimi circuiti del circo bianco.

Anche nel 2011, al fianco delle prove agonistiche, saranno senz’altro in pista anche diversi momenti di intrattenimento targati Disney e il Premio di Pittura, riservato ai bambini delle scuole elementari, che nel 2011 giungerà alla 43.a edizione e che andrà ad interessare le tre località principali degli Altipiani ovvero Folgaria, Lavarone e Luserna con la sua importante cultura cimbra, ma anche Levico, per mantenere il filo conduttore con la località che ha ospitato fino al 2010 l’evento, un fatto fortemente voluto dai due presidenti delle APT Cecilia Bolzon e Massimo Oss (Valsugana), ma non mancherà ovviamente la città di Trento.

Il prossimo marzo quindi, con le giornate del 15 e 16 dedicate alle consuete pre-selezioni nazionali per i ragazzi provenienti dai vari club italiani, il Trentino sarà ancora protagonista con una 50.a edizione del Trofeo che vorrà scrivere una nuova indimenticabile pagina di sport, colore e divertimento nel grande libro dello sport giovanile italiano e mondiale, e questa volta sulle titolate piste di Folgaria.

Dal 1970 il Trofeo Topolino di Sci Alpino, alla cui testa siede il comitato presieduto dall’infaticabile Mauro Detassis, è anche Criterium Internazionale Giovani FIS. Ora si sta lavorando a tutta sul programma, mentre sono già arrivate le prime richieste di alcune nazioni. Se ne attendono una cinquantina, con oltre 350 ragazzi da tutto il mondo.

Info: www.trofeotopolino.net

No Comments
Comunicati

Enea riceve l’Innovation Award 2010 a Milano

  • By
  • 18 Novembre 2010


L’OSE Multicore Edition di Enea è stato premiato nella categoria ‘Embedded’ con il “Premio Speciale della Giuria”

Enea (Nordic Exchange/Small Cap/ENEA) ha annunciato di essere stata premiata per il suo innovativo sistema operativo in tempo reale (RTOS) OSE Multicore Edition (www.enea.com/ose) in occasione dell’Innovation Award 2010, un concorso organizzato da Selezione di Elettronica, la rivista italiana di più antica tradizione dedicata all’elettronica e pubblicata dal Gruppo Sole 24 Ore. Nel corso dell’anno i visitatori del web e una giuria composta da tecnici, professori universitari e giornalisti hanno selezionato i prodotti più innovativi del settore elettronico sulla base di vari fattori, tra cui innovazione, disponibilità e importanza commerciale.

Gli Innovation Award sono stati assegnati in due fasi: prima sono stati selezionati i tre prodotti più innovativi di 12 categorie, ognuna costituita da 12 prodotti (Sistemi di potenza, Embedded, MPU & MCU, EDA & Software, Opto & Led, Strumenti T&M, Display, IC analogici & di potenza, Passivi & Sensori, FPGA & DSP, Memorie, Connettori & Elettromeccanici). Quindi sono stati assegnati due premi speciali della giuria: il “Best Innovation Award” e il “Premio Speciale della Giuria”. La cerimonia di premiazione si è svolta nel Museo della Scienza e delle Tecnologia ‘Leonardo da Vinci’ di Milano dove Enea ha avuto il piacere di ricevere due premi, uno dei quali era appunto il “Premio Speciale della Giuria”.

L’OSE Multicore Edition ha un kernel innovativo che unisce i vantaggi dell’AMP (Asymmetric Multiprocessing) tradizionale e dell’SMP (Symmetric Multiprocessing). Questo approccio ibrido offre ai progettisti di sistemi embedded basati su processi multicore avanzati il massimo in fatto di flessibilità, scalabilità e prestazioni. L’OSE Multicore Edition sta riscuotendo un notevole successo in molti mercati verticali (es. infrastrutture di telecomunicazione e dispositivi medicali). 

“Siamo entusiasti di aver assegnato il premio della giuria a un prodotto innovativo come l’OSE Multicore Edition, un sistema operativo in tempo reale che combina l’AMP con l’SMP in un unico prodotto, garantendo un livello di scalabilità e facilità d’uso in linea con le esigenze del settore dei sistemi embedded”, ha dichiarato Mario Malcangi, professore del Politecnico di Milano e membro della giuria.  

“Enea è onorata di aver nuovamente avuto il riconoscimento della stampa e di una giuria di esperti; è infatti la seconda volta che l’OSE Multicore Edition viene premiato dal settore”, ha dichiarato Mathias Båth, Vice Presidente Senior del marketing di Enea. “Questo premio, insieme ai riconoscimenti ottenuti di recente, è un’ulteriore dimostrazione del valore del nostro straordinario approccio al multicore. La configurazione ibrida che abbiamo creato risolve i problemi di sviluppo, offrendo una soluzione scalabile integrata che libera tutta la potenza dei più recenti processori multicore”.

Per maggiori informazioni visitare www.enea.com

Informazioni su Enea

Enea è una società internazionale che offre software e servizi, specializzata in prodotti basati sulla comunicazione. Con i suoi 40 anni di esperienza è leader mondiale nello sviluppo di piattaforme software con notevoli esigenze in termini di disponibilità e prestazioni. L’esperienza di Enea nel settore dei sistemi operativi in tempo reale e del middleware a elevata disponibilità consente di ridurre i cicli di sviluppo, contenere i costi dei prodotti e migliorare l’affidabilità del sistema. Le soluzioni verticali di Enea includono dispositivi e infrastrutture di telecomunicazione, settori medtech, automotive e militare/aeronautico. Enea ha uffici in Europa, Nord America e Asia. Enea è quotata al Nasdaq OMX Nordic Exchange Stockholm AB. Per maggiori informazioni, visitare enea.com o scrivere a [email protected]

No Comments