Daily Archives

19 Settembre 2010

Comunicati

I consigli dei big per le malattie del fegato

  • By
  • 19 Settembre 2010


Pubblicato un libro di Salvatore Ricca Rosellini, medico del Reparto di Gastroenterologia (direttore Enrico Ricci) dell’Ospedale di Forlì. Il libro – La salute del tuo fegato. Prevenire e curare steatosi, epatite e cirrosi. SugarCo 2010 (220 pagine, 16,00 euro) – è per tutti e racconta quanto può essere fatto per prevenire e curare le malattie del fegato, senza dimenticare le possibilità offerte dal trapianto.
«Le malattie del fegato sono molto diffuse, nonostante la prevenzione, le cure più moderne e le opportunità offerte dal trapianto» afferma Ricca Rosellini, presidente dell’Associazione forlivese per le malattie del fegato Onlus e della Federazione Nazionale Liver-Pool Onlus, «e, per comprendere quanto sia possibile fare per prevenire e curare la steatosi epatica, l’epatite e la cirrosi, ho raccolto in questo libro i consigli dei medici più famosi, specialisti in epatologia o chirurghi dei trapianti». Fra le tante interviste spiccano quella di Enrico Ricci, direttore del Reparto di Gastroenterologia di Forlì e per anni segretario e poi presidente della Società italiana di endoscopia digestiva, di Antonio Pinna, famoso chirurgo dei trapianti di fegato e quella di Alessandro Nanni Costa, direttore del Centro nazionale trapianti.
Inoltre, sfogliando le pagine del testo, emerge la voce dei malati e dei familiari, di chi ha donato la vita e di quanti hanno ricevuto un trapianto: fra questi, Ernesto Vitiello, che perse la giovane figlia per un’epatite B fulminante, e la mamma di Marta Russo, la giovane studentessa uccisa a Roma all’università e della quale furono donati gli organi.
«Nel libro, quindi, i concetti, le opinioni e i suggerimenti degli specialisti nelle malattie del fegato» prosegue Ricca Rosellini «si fondono a quelli di chi ha vissuto la malattia sulla propria pelle, trovando la forza di dare una mano anche agli altri; a chi, meno fortunato, è rimasto indietro». Ma l’intreccio virtuoso, fra medicina e solidarietà, che emerge nei brevi racconti di viaggio posti all’inizio di ciascun capitolo, è arrivato anche nel deserto fra il popolo sahrawi che non ha ancora le risorse per contrastare la diffusione di queste malattie.
La Salute del tuo fegato illustra quindi al lettore le potenzialità della medicina moderna, nel campo delle malattie del fegato e del trapianto. E consente di comprendere come – praticando sani stili di vita, applicando i chiari consigli forniti e porgendo attenzione ai bisogni degli altri – si possa fare davvero tanto per la propria salute e il nostro benessere.
L’autore: Salvatore Ricca Rosellini (1955) è medico epatologo dell’Ospedale di Forlì, specialista in gastroenterologia, medicina interna e geriatria. Fondatore e presidente dell’Associazione forlivese per le malattie del fegato Onlus, è presidente della Liver-Pool Onlus, la Federazione nazionale delle associazioni di volontariato per le malattie epatiche e il trapianto di fegato. Autore di numerosi lavori scientifici e vari testi monografici, ha organizzato decine di corsi e congressi, sui temi della medicina, delle malattie del fegato e del volontariato. Attraverso ripetuti viaggi nel Sahara algerino ha promosso numerosi progetti diretti a contrastare la diffusione delle epatiti virali nei campi dei rifugiati sahrawi di Tindouf.

S. Ricca Rosellini. La salute del tuo fegato. Prevenire e curare steatosi, epatite e cirrosi. SugarCo, Milano 2010 (220 pagine. 16,00 euro). In tutte le librerie o in Internet.

Novità in libreria: il volume di Ricca Rosellini
No Comments
Comunicati

L’Arte nel centro italia, da Bolsena all’Umbria

  • By
  • 19 Settembre 2010


Benché preponderante nel panorama artistico umbro sia l’arte sacra, impregnata della straordinaria e mistica figura di San Francesco, che ha fatto della regione verde vera e propria terra di Santi, sono numerosissime testimonianze che affondano le proprie radici presso antichi popoli quali Umbri, Etruschi e Romani. Si tratta di documenti che riportano alla mente dell’osservatore suggestioni antiche, che si perdono nei meandri della Storia. Gli Etruschi, di cui conosciamo ancora poco in realtà, ci hanno lasciato numerosi documenti archeologici principalmente nelle località sulla riva destra del Tevere, soprattutto nei pressi di Orvieto e Perugia e Bolsena.

Questa misteriosa civiltà ha lasciato numerose tracce, identificate in importanti presenze monumentali come le mura delle città (Spoleto e Amelia) e diversi centri fortificati. Altre tracce sono invece legate al culto dei morti, con eleganti produzioni di urne cinerarie in travertino, di statuette in bronzo e di arredi funerari e votivi.

Dalla costruzione della via Flaminia, prese le mosse un grandioso processo d’arricchimento di tutto il territorio, tanto che Augusto volle fare dell’Umbria la VI regione italica. La sua natura di terra di contatto fra Nord e Sud, fece dell’Umbria una terra economicamente ricca e dalla grande fioritura civile.

In tale temperie vennero rinnovati i vecchi centri e ne sorsero di nuovi, tutti con un solido impianto urbanistico, teatri, ville, fori, templi. Tali costruzioni venivano adornati con sculture e mosaici non certo mancanti di rilevanti tratti artistici locali.

Il Tempietto di Clitumno rappresenta un vero e proprio anello di congiunzione tra arte romana e medievale. Il Tempietto venne edificato dai Longobardi con materiale di spolio proveniente da diverse costruzioni precedenti. Altro mirabile esempio di tale congiunzione è anche la Basilica di San Salvatore a Spoleto. Tali opere sono datate a cavallo tra l’epoca romana e l’alto medioevo.

Continua su: www.expoumbria.it/varie-umbria/larte-in-umbria/

No Comments
Comunicati

Classifica dei vincitori del Concorso Letterario “Autore di te stesso” – Premio Nazionale Campi Flegrei


La redazione di Recensione Libro.it e l’Associazione Flegreando, con la collaborazione della CSA Editrice, hanno pubblicato la classifica dei vincitori del Concorso Letterario “Autore di te stesso” – Premio Nazionale Campi Flegrei. I vincitori delle tre categorie di “Autore di te stesso” (Opera Inedita, Opera Edita e Poesie edite ed inedite) vengono premiati con pubblicazioni e servizi pubblicitari per gli scrittori emergenti.

Vincitori Categoria Opere Inedite

“All’ombra del 21” di Cristina Burgio, Loredana Lupo , Giuseppina Trinceri è il romanzo vincitore della sezione “Opera Inedita” del Concorso Letterario “Autore di te stesso” – Premio Nazionale Campi Flegrei.

Il manoscritto racconta la vita di una bambina e di sua sorella, afflitta da un ritardo mentale. La tenerezza, la difficoltà e il rapporto speciale tra le due sorelle sono al centro del romanzo vincitore del Concorso, premiato con la pubblicazione del libro da parte della CSA Editrice.

“Il mistero d’Arcadia” di Simona Tassara si classifica al secondo posto, ed è un avvincente giallo scritto secondo la migliore tradizione inglese di genere.

“Come una sirena. Rapita dalle sue acque” di Debora Sala è il romanzo classificatosi terzo: un viaggio interiore, una fuga dalla realtà di tutti i giorni descritta con frenetica poesia al ritmo di un doloroso addio.

Vincitori Categoria Opere Edite

“Il complice” di Procolo Ascolese (Ed. Loffredo) è il primo classificato e racconta l’emozionate storia di un uomo innocente coinvolto in un intricato caso giudiziario che sembra complicarsi con il passare del tempo.

“Il salto della rondine” di Lidia Mali (Ed. Ibiskos) si classifica al secondo posto con la descrizione della realtà intima di due donne, dall’amore alle aspirazioni, e della verità di un paese spaccato dalla crudezza degli eventi: la Jugoslavia.

Terzo classificato, “Libero ha i miei occhi” di Antonio D’Oriano (Ed. Cicorivolta). Un’ironica e a tratti amara riflessione sulla vita di un uomo che per comunicare con il mondo, può utilizzare soltanto il movimento degli occhi.

Vincitori Categoria Poesia Edite ed Inedite

“Pulsar” di Anna Bisi vince il Concorso Letterario “Autore di te stesso” – Premio Nazionale Campi Flegrei per la categoria “Poesie edite ed Inedite”. Una silloge carica di energia che si snoda a intermittenza tra parole, silenzi, pensieri e sensazioni.

La silloge senza nome di Filippo Zanotti si classifica al secondo posto grazie alle sue liriche che raccontano storie reali intimiste e sognatrici.

Terzo classificato, “L’audiofilo” di Bharati Castellani che con la sua opera illumina la profondità del pensiero, valorizzandone l’energia.

Menzione speciale inoltre per le opere inedite “Aner/Il cappello ed il campo” di Luigi Lopez
e “Marea crescente” di Gianluca Papadia e per l’edito “Il piccolo albergo rosa sulla spiaggia” di Anna Lovati Pagan (Ed. Il Filo).
Fonte: http://www.recensionelibro.it/concorso-letterario-autore-di-te-stesso.html

No Comments
Comunicati

A new website for the Villa Dental Clinic, leader in Europe for immediate loading dental implants.


With the desire to strengthen its web presence the Villa Dental Clinic launches a new website, completely renovated and full of useful content.

In addition to the specialized publications of Dr. Roberto Villa, the new site gives space to detailed profiles of all the dental activities carried on at the Clinic: dental implants, post-extraction immediate loading, orthodontics, cosmetic dentistry and prevention activities.

Thanks to these new content both the ordinary users and the future patients of the Clinic can get a complete picture of the proceedings and results which may be expected.

Also on the website is a large section dedicated to clinical cases of success, with a complete photographic documentation that demonstrates the effectiveness of the methods used by Dr. Villa and his staff.

The new website of the Villa Dental Clinic represents an useful tool for anyone seeking reliable information and insights on major dental techniques.

Although the website is new, the Villa Dental Clinic has been operating in the field of oral for over twenty years and in time it has become a center of excellence in this field. Nowadays, the Villa Dental Clinic can deal with single, partial or total restorations and provide temporary teeth within 24 hours of surgery, even when faced with difficult or seemingly impossible cases.

In its on-going search for the best aesthetic results, alongside implantology the Clinic boasts a highly professional dental team specialised in finding the best solutions also for the restoration of natural teeth. The orthodontics section works in close collaboration with the other branches of the Clinic and supplies the correct support and approach to oral reconstruction.

Check out the new site and learn more about the Villa Dental Clinic and the services we offer.

Villa Dental Clinic: bridging the gap between health and beauty.

No Comments
Comunicati

Zucchero Fornaciari – Una carezza, un album intramontabile

  • By
  • 19 Settembre 2010


Una carezza, il nuovo singolo di Zucchero Fornaciari, anticipa l’uscita del nuovo album Live in Italy.
“Stavo pensando molto intensamente a mia madre, che era scomparsa da poco, quando ho sentito un vento caldo avvolgermi, e ho pensato: questa è la carezza di mia madre”, racconta il cantautore al Tg1 parlando di “Una carezza”.

Appena uscito in tutto il mondo, Live in Italy è da lui considerato come il primo vero lavoro live della sua carriera.
E’ composto da due cd con 34 canzoni, di cui 4 inedite e due dvd con 36 canzoni, in un unico packaging, registrate e riprese dai concerti all’Arena di Verona del 21-22-23 settembre 2007 e da quello allo Stadio di San Siro lo scorso 14 giugno.

“E’ difficile esibirsi a Verona, è anche difficile rifare un San Siro come l’ho fatto io”, ha aggiunto Zucchero ai microfoni del Tg1; durante il World Tour 2007-2008, si è esibito in sette mesi in 207 concerti, ha fatto cinque volte il giro del mondo e ha percorso 301.727 chilometri.
“Non ho mai fatto un tour così lungo e non ho mai fatto veramente un album dal vivo inteso come uno o più concerti registrati propriamente per poi farne un disco”, ha affermato Fornaciari.
Live in Italy, esce in tutte le librerie in una confezione speciale con un libro di fotografie e aforismi.

No Comments
Comunicati

Orologi Militari – Tempi concreti 2011


Nasce la nuova collezione di orologi militari Tempi concreti, sono cronografi realizzati sulla base delle esperienze vissute negli anni nel campo della orologeria militare, realizzati mantenendo e migliorando, ove possibile, la già elevata qualità costruttiva dei modelli precedenti, ma con un’attenzione superiore alla indossabilità e versatibilità nell’impiego di tutti i giorni.

Alcuni esempi; La cassa è il frutto di un nuovo progetto, è stata appositamente realizzata per offrire una elevatissima superficie di vetro in relazione alle dimensioni della stessa, il vetro infatti ha quasi le stesse dimensioni di ITA48 che ha una cassa da 48mm, ma la nuova linea riesce ad offrire questo con una cassa contenuta in soli 44mm, questo vuole dire ridurre al massimo i bordi della cassa, con una elevata qualità e precisione costruttiva, in questo modo è possibile avere al polso un orologio grande come impatto visivo, ma contenuto nelle dimensioni esterne, favorendo e non di poco la portabilità dello stesso, lo spessore della cassa è di soli 10,8mm, questo è importante perchè è possibile così indossarlo sotto il polsino della camicia, cosa non sempre fattibile per orologi di questa categoria.

La corona è serrata a vite, questo garantisce una maggiore impermeabilità e tenuta alle intemperie, tutta la nuova linea è Water Resistant 10ATM, ogni Cronografo ha in dotazione due cinturini uno, in pelle nera con cuciture a vista e uno in acciaio opaco con chiusura di sicurezza, tutti e due in cinturini sono di misura Extralunga.

Questo Cronografo è prodotto in una serie limitata, il numero progressivo è inciso sul fondo della cassa, serrata a vite, mentre troviamo il logo di Tempi concreti sul quadrante e sulla fibbia del cinturino in pelle, la garanzia è di 24 mesi

Entra e visiona subito la nuova collezione !

Tempi concreti è distribuito da WWW.ITALIANICE.IT

infoline e ordini 02/47957008

Only online not for all

No Comments
Comunicati

Viaggio nello spazio, dal 2015 si puo’. E il biglietto? …Astronomico!

  • By
  • 19 Settembre 2010


E’ ufficiale. Il sogno di intere generazioni, quel sogno sempre manifestato dal genere umano, nei romanzi fantascientifici, nelle pellicole futuristiche, nelle menti di adolescenti e non, quel sogno di rendere l’uomo turista ai confini del mondo finora conosciuto e vissuto, potrà, finalmente, realizzarsi. E così, dopo aver contemplato da lontano la Luna nostra “compagna”, i satelliti di Giove, Marte e altri corpi celesti, sarà possibile, fra qualche anno, anche se per pochi privilegiati (e fortunati), viaggiare nello spazio da curiosi e esterrefatti turisti. La data da segnare sul calendario, quella che probabilmente rimarrà nella storia, se tutto andrà bene, è il 2015. Non si creda, tuttavia, che si tratti di un “salto nel vuoto” ( o nello spazio): è un progetto concreto.Patner dell’iniziativa sono la Space Adventures e la Boeing, l’azienda di Seattle che sta approntando, in collaborazione con la Nasa, la costruzione di una navicella spaziale per trasportare gli astronauti sulla Ssi (Stazione Spaziale Internazionale). Si tratta di un velivolo ultra moderno capace di trasportare sette persone, di cui quattro astronauti e tre posti riservati ai futuri turisti dello spazio.La Boeing Company e Space Adventures Ltd. hanno stabilito un protocollo d’intesa per la commercializzazione dei servizi di trasporto previsto per le destinazioni in orbita terrestre bassa (Leo) su veicoli spaziali, Boeing commerciali.Nell’ambito di tale accordo, Space Adventures commercializzerà i posti passeggeri su voli a bordo del Boeing Crew Space Transportation-100 (CST-100) . I potenziali clienti, per la capacità di posti a sedere in eccesso, potranno essere anche da privati, aziende, organizzazioni non governative o semplici, ma comunque facoltosi, appassionati. Boeing prevede di utilizzare il CST-100 per trasportare l’ equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e turisti su future piattaforme commerciali a “bassa quota” (spaziale).continua….

No Comments