Daily Archives

24 Luglio 2010

Comunicati

Stralivigno: Oggi la Mini domani la grande


Dopo la prova riservata ai campioni di domani, che ha visto in gara oltre 250 piccoli podisti, tutto è oramai pronto per l’undicesimo compleanno della Stralivigno che da quest’anno da il via anche alla prima edizione del Trittico Valtellina.

Come da tradizione ormai consolidata, la vigilia della Stralivigno è dedicata ai più piccoli, e se il buongiorno si vede dal mattino, l’atletica leggera italiana non può che guardare al futuro con ottimismo. Ben 257 i piccoli podisti che oggi pomeriggio hanno animato la Ministralivigno, gara oramai consolidata che apre il weekend podistico di Livigno. Sette le categorie schierate dai Super Baby, con in gara anche il piccolo Simone Bormolini nato a giugno 2009, agli Juniores non ancora maggiorenni.

Nella categoria Junior vittoria di “casalinga” per Sara Zini che, negli ultimi metri del percorso di 2000 metri, ha staccato la compagna Anna Cusini. Tra i Cadetti dominio assoluto del milanese Dagnachew Cigno Membo seguito dal bormino Matteo Bradanini e dal bergamasco Emanuele Vitali. Nella prova femminile, successo di Giulia Carobbio (Bergamo) davanti a Giulia Compagnoni (St. Caterina Valfurva) e Alice Cusini (Livigno).

Nella categoria Ragazzi vittoria di Marco Incondi, prestato dallo sci alpino alla corsa a piedi solo per il periodo estivo, ha preceduto Fabio Bertuccio (Monza) e il compaesano Paolo Rastelli. Tra le fila femminili successo della lombarda Alessia Lecchi (Cernusco sul Naviglio) davanti alle livignasche Consuelo Confortola e Michela Zini.

Sugli 800 mt della categoria Esordienti podio valtellinese di Federico Gurini e Alice Antonioli entrambi di St.Caterina Valfurva che hanno preceduto rispettivamente Lorenzo Carcer (Sondalo) e Tommanso Gusmeroli (Talamona) e Alessia Confortola (Livigno) e Emma De Gennaro (Cremona).

Tra i Cuccioli primo scalino del podio per i livignaschi Nicolò Cusini e Nicole Piller seguiti entrambi dai valfurvesi Federico Toniatti e Samantha Bertolina che hanno preceduto di poco nuovamente i livignaschi Paolo Bormolini e Cecilia Fantoni.

Ma la grande partecipazione si è avuta nelle categorie minori con 132 iscritti di cui 78 nella fascia Baby e 54 nella Super Baby con le rispettive vittorie di Matteo Perillo (Lecco) e Noemi Gurini (St. Caterina Valfurva) e Luca Cusini e Alissa Della Valle.

Al termine della gara, Nutella party per tutti e in attesa delle premiazioni, spettacolare intrattenimento curato dal Gruppo Bersaglieri di Morbegno.

Intanto gli iscritti all’undicesima edizione della Stralivigno sta raggiungendo quota 1000 e c’è da scommetterci che molti saranno i ritardatari che si iscriveranno in serata. Una conferma, quella dei numeri, che appaga ancora una volta tutti gli sforzi fatti negli anni dal Marathon Club di Livigno oltre ovviamente allo staff organizzativo della locale Azienda di Promozione Turistica.

Domani il via alle ore 10.00 da Plaza Placheda, centro nevralgico della manifestazione. Maggiori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale della manifestazione all’indirizzo stralivigno.it dove sarà possibile scaricare la classifica completa al termine della gara.

No Comments
Comunicati

Green technology al servizio dello stampaggio plastico: Plaxtech affida ad INGLASS-HRSflow la presenza sul mercato di Roteax


Siglata partnership commerciale tra Inglass-HRSflow e Plaxtech srl per la diffusione di tecnologie ecosostenibili nello stampaggio plastico

Udine, 20 luglio – PLAXTECH S.r.l. di Udine, azienda leader nella costruzione di evoluti macchinari di stampaggio materie plastiche eterogenee con la tecnica dell’iniezione multipla a bassa pressione e INGLASS- HRSflow, storica azienda di S Polo di Piave Treviso, operante nel settore dei sistemi ad iniezione e oggi presente sul mercato internazionale con una radicata rete commerciale con più di 500 clienti nel settore dello stampaggio di materie plastiche, hanno unito le rispettive expertise in una partnership commerciale per la vendita degli impianti “Roteax” con l’obiettivo di creare una sinergia per sfruttare al meglio le opportunità offerte dai mercati emergenti della Green Economy.

Alla base della partnership, la crescente richiesta di tecnologie ecosostenibili quali Roteax di Plaxtech. Attraverso la strutturata rete vendita Inglass-HRsflow, Plaxtech garantisce una presenza capillare sul mercato di impianti che garantiscono produttività e competività alle aziende che vorranno imprimere con Roteax una “svolta verde” alla loro produzione.

La green technology Roteax elaborata da Plaxtech, altamente performante (60/90 stampate/ora per manufatto da 15 kg), consente infatti di stampare contemporaneamente quattro prodotti diversi fra loro per peso e per forma e di abbattere del 50% i costi di produzione, rendendo così maggiormente competitiva sul mercato l’azienda che si avvarrà della nuova tecnologia.

Grazie all’importante partnership con INGLASS-HRsflow, PLAXTECH e’ in grado di fornire su scala internazionale non solo gli impianti completi, ma anche la relativa assistenza post-vendita e di soddisfare, nell’immediato, ogni esigenza produttiva dei propri presenti e futuri clienti nel settore del riciclo e dello stampaggio delle materie plastiche in Europa e nel mondo.

About Plaxtech: Plaxtech fonda la propria missione su un’idea progettuale fortemente innovativa: realizzare un flessibile sistema produttivo, ad elevato rendimento, in grado di produrre, a basso costo, prodotti ecocompatibili a partire da materiali plastici eterogenei da riciclo. I know-how di processo e relativi brevetti sono oggi il patrimonio principale di Plaxtech. http://www.plaxtech.eu

Per informazioni:
Plaxtech srl – Ufficio Relazioni Esterne: [email protected]
Tel. 0432 300291 – Via S.Osvaldo 29 – 33100 Udine

About Inglass – Hrsflow: Inglass – Hrsflow è riuscita a consolidare positivamente la posizione sul mercato proponendosi non solo come semplice fornitore di camere calde, ma come partner in grado di fornire know how e soluzioni tecnologicamente avanzate su tutti i processi della filiera produttiva, dalla progettazione alla produzione fino alla prova stampo per rispondere al meglio alle richieste dei nostri clienti. Partendo dall’analisi del componente da stampare l’azienda è in grado di proporre al cliente la soluzione ottimale per ridurre il tempo ciclo, ottenere un’elevata qualità del pezzo stampato garantendo al tempo stesso l’ottimizzazione dei costi di produzione.
www.HRSflow.com

Per informazioni:
Inglass – Stefano Barattin : [email protected]
Tel +39 3357841927

No Comments
Comunicati

Pubblicato il libro “Finché avrò fiato” un coinvolgente romanzo di Pezzino Rosetta

Finché avrò fiato

ISBN: 978-88-6096-591-2

Prezzo: € 16,00

Anno 2010, Pagine: 210

Autore: Pezzino Rosetta

Edizioni Kimerik

 

Con che stato d’animo affronta la vita una bambina che, dopo essere stata strappata dalle braccia dei nonni con cui viveva felice, si trova a trascorrere le sue giornate all’interno di un istituto di suore? Molti gli interrogativi, i dubbi, le domande che vorrebbe porre e che restano purtroppo senza risposta, e nello stesso tempo le umiliazioni e le angherie che subisce quotidianamente. Nonostante le mille difficoltà, la giovane protagonista, diventata donna, con grande forza di volontà e tenacia, raggiunge obiettivi inimmaginabili. Un romanzo intenso, coinvolgente ed emozionante dal quale un messaggio emerge chiaramente: lottando, contando sempre sulle proprie forze, ogni difficoltà può essere superata.

 

 Rosetta Pezzino, siciliana, vive in un paese in provincia di Messina, S. Agata Militello. Adora il mare e ritiene di non riuscire a respirare lontano da esso. Donna energica, tenace, di carattere allegro e solare, le piace stare in mezzo alla gente. Ama la natura, la musica, il ballo e tra i suoi hobby c’è il giardinaggio. D’animo sensibile, potremmo definirla una sognatrice d’altri tempi!

 

www.kimerik.it/ecommerce/main.asp?Action=VIEWBOOK&Code=910

Scheda del libro

 

www.kimerik.it/kimerik.asp

Casa Editrice Kimerik

 

 

No Comments
Comunicati

Manifestazione vinicola a Mirano

  • By
  • 24 Luglio 2010

E’ in programma per Domenica 12 Settembre, dalle 10:00 alle 20:00, in Villa Belvedere a Mirano,  la terza edizione della “Grande Festa del Vino” promossa dall’Enoteca Le Cantine Dei Dogi di Mirano in provincia di Venezia. La delegazione di Venezia dell’Associazione Italiana Sommelier  curerà il servizio dei vini.

La Manifestazione vinicola, proporrà ad esperti del settore e a semplici appassionati, la conoscenza e l’assaggio di vini ed altri prodotti tipici di pregio, provenienti da 7 Regioni italiane e da Reims in Francia.

In degustazione ci saranno oltre 100 vini, ma non solo, anche mostarde, formaggi, snack salati e per concludere il prestigioso Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia.

I vini selezionati per questo meraviglioso evento sono di livello assoluto, vincitori di concorsi enologici internazionali come il Decanter World Wine Awards 2010, sono vini dell’eccellenza della Guida Duemilavini A.I.S, sono vini recensiti dalla rivista Wine Spectator.

Il costo dell’entrata alla manifestazione è di 5 euro e comprende l’acquisto di un calice professionale che accompagnerà il visitatore durante tutte le degustazioni.

Per informazioni o acquisto vino contattare Enoteca Le Cantine Dei Dogi al numero 041-5489920 o il Sig. Vanni Berna al numero 366-4599279.

 

Aziende partecipanti:

Veneto

 

Ornella Bellia – Portogruaro (VE)

Vinicola Serena – Conegliano (TV)

Lazzaris –  Conegliano (TV)

Torre Zecchei – Valdobbiadene (TV)

Caseificio Tomasoni – Breda di Piave (TV)

Cantina Roncolato Antonio – Soave (VR)

Crocca in Bocca  – (VR)

 

Friuli

 

Arzenton Maurizio – Spessa di Cividale (UD)       

 

Lombardia

 

Travaglino – Calvignano (PV)

 

Trentino-Alto Adige

 

Egger Ramer- Bolzano (BZ)

 

Piemonte

 

Veglio Michelino & Figlio – Diano d’Alba (CN)

Montaribadi – Barbaresco (CN)

 

Emilia Romagna

 

Acetaia Picci – Cavriago (RE)

 

Sicilia

 

Terre del Parnaso – Cannicatì (AG)

 

Francia

 

De Wilmont – Reims

No Comments
Comunicati

La ristrutturazione di un salotto milanese


Da sempre associato all’ idea di focolare domestico, fonte di calore, gioia, compagnia, il camino è ancora oggi un elemento centrale e funzionale nella progettazione degli ambienti.
Anticamente utilizzato quale mezzo di riscaldamento, oltreché per cucinare, il camino veniva collocato negli ambienti comuni dell’ abitazione e nelle dimore più abbienti, anche nelle camere da letto. Le grandi dimensioni della base e l’ apertura ampia della cappa davano alle donne la possibilità di sedere comodamente vicino al fuoco a cucinare, cucire o semplicemente dialogare al calore della fiamma.

Nei castelli medioevali, nei palazzi signorili e poi nelle sontuose regge barocche, il camino diviene via via elemento di arredo, oltreché fonte di calore, di ambienti di rappresentanza e saloni di ricevimento. Era solitamente decorato con bassorilievi o pitture e talvolta sormontato da trofei di caccia, cornucopie, armi etc.
Con l’ avvento di sistemi di riscaldamento sempre più efficaci, dalle stufe ai moderni radiatori, il camino perde vieppiù la sua funzione originaria per divenire quasi esclusivamente un oggetto di design ed arredo.

Nell’ architettura di Frank Lloyd Wright è spesso il nodo, l’ asse centrale e simbolico della casa, da cui staccano tesi volumi plastici e i piani arditi dei balconi aggettanti.
L’ immissione sul mercato dei moderni camini monoblocco per la produzione di aria ed acqua calda, di facile installazione, costi contenuti ed alto potere calorifico, sta incontrando oggi il favore del pubblico più attento, soddisfacendo sia l’esigenza di risparmio energetico che la tutela dell’ambiente grazie anche all’uso di combustibile ecologico.

Nel nostro caso il camino da progettare andava collocato in un ambiente di ridotte dimensioni, con la cappa posizionata allo spigolo di due pareti delimitate ciascuna da una porta finestra. Dopo una serie di prove si è scelto di utilizzare un termocamino monoblocco rapportato alle dimensioni della casa da riscaldare e per il rivestimento sono state privilegiate forme avvolgenti che caratterizzano l’intera abitazione, ubicata in un palazzo storico del centro di Milano.
La ristrutturazione non è ancora terminata ma le forme della nuova disposizione iniziano a intravedersi, tra calcinacci e utensili di un piccolo cantiere dai lavori in corso.

No Comments
Comunicati

Quanto investire in pubblicità?


Riferendomi al post precedente, se un cliente avrà un valore di 975 euro e vi costa 30 euro ottenerlo, allora ogni 30 euro che andrete a spenderete saprete già dall’inizio che ne varranno  euro 975. Dovreste solamente essere dei pazzi scatenati per non incrementare il vostro budget pubblicitario per guadagnare più clienti dal costo di 30 euro. 🙂
Pensate bene, in teoria, potreste arrivare a spendere in pubblicità o in qualsiasi forma di promozione fino a 975 euro per ottenere alla fine un cliente nuovo cliente, e comunque rimani in pareggio con i conti.  😉
In altre parole, si tratta di un metodo per  rilevare fino a quanto potete arrivare a spendere per ottenere un nuovo cliente. E’ un tantino astruso e talvolta difficile da calcolare, ma è uno schema molto ben studiato e  molto bene congegnato. Bisogna comunque fare un calcolo con molta prudenza. 🙂
Se avete un capitale modesto, potreste comunque facilmente giustificare la spesa del 100% dei profitti per concludere la prima vendita, dal momento che ogni 75 euro (profitto medio ricavato dalla prima vendita) che spendete per ottenere un nuovo cliente diverranno 900 euro che potrete mettere in banca per i successivi 24 mesi. Se raddoppiasse il numero di nuovi clienti, raddoppierete con esso anche i profitti dei prossimi due anni.
Spendete tutto ciò che potete giustificare per ottenere un nuovo cliente, fino a che il cliente vi costerà meno di ciò che vi farà guadagnare. Se sentite di non potervi permettere di spendere niente oltre al profitto derivante dalla vendita iniziale per ottenere un nuovo cliente, ricordate che continuerete a guadagnare sui suoi acquisti entro pochi mesi.
Iniziate spendendo solamente ciò che potete permettervi nell’immediato, ma dopo un trimestre o due di profitti derivanti da nuovi ordini, innalzate il vostro budget pubblicitario.
L’utilizzo del valore marginale netto ha anche un altro vantaggio:la maggior parte dei vostri concorrenti non ha la minima idea di quanto possa valere un cliente.

No Comments