L’uso di Autocad nella progettazione di un locale commerciale

Quando si progetta un locale commerciale si punta solitamente a due obiettivi principali: la piena soddisfazione delle aspettative del cliente e la pianificazione di un iter realizzativo coerente, rapido ed efficace.

Realizzare o ristrutturare un bar, un ristorante, un pub o una qualsiasi altra attività, infatti, non significa solo sceglierne l’allestimento più alla moda o attuare un restyling: occorre infatti che l’arredamento degli interni sia in accordo con tutti gli aspetti tecnici, funzionali, logistici e strutturali che caratterizzano il locale.

Uno dei punti focali dell’intera opera, in particolare, è costituito dalle criticità che possono inficiarne il funzionamento ottimale e che possono essere adeguatamente minimizzate da una buona progettazione.

Per soddisfare tutte queste esigenze, i progettisti di interior design si avvalgono oggi di potenti strumenti informatici in grado di curare fin nei minimi dettagli la pianificazione di qualsiasi locale commerciale.

Tra i software più avanzati maggiormente utilizzati in tal senso, Autocad occupa sicuramente un ruolo di spicco. Nato all’inizio degli anni Ottanta, questo software, nelle sue primissime versioni, è stato utilizzato prevalentemente in campo ingegneristico e architettonico.

In tempi recenti la sua estrema flessibilità, unita ad una tecnologia sempre più avanzata, ne ha esteso l’impiego anche al settore dell’arredamento e dell’architettura d’interni, dove i suoi strumenti consentono di ottenere progetti e soluzioni di grande impatto ed efficacia.

Nella progettazione di un locale commerciale, in particolare, Autocad agevola la creazione di elaborazioni virtuali caratterizzate da un altissimo livello di realismo: in questo modo, il cliente potrà visualizzare in anteprima l’aspetto che il suo locale assumerà alla fine dei lavori e scegliere la proposta di interni più vicina ai suoi gusti e alle sue necessità.

Il progetto realizzato con questo software, inoltre, permette di comprendere meglio i punti di forza da valorizzare e la presenza di eventuali problematiche da superare.

Con alcune opzioni avanzate (il Live Map, ad esempio) è possibile collegare il progetto agli ambienti reali per ottenere la massima precisione in ogni dettaglio; l’opportunità di aggiungere diversi elementi (mobili, apparecchiature, illuminazione) affina ulteriormente la simulazione, consentendo di verificare l’aspetto finale del locale ancora prima dell’esecuzione dei lavori.

Il rendering panoramico offre al cliente una visione a 360° di tutti gli ambienti, con la possibilità di richiedere e ottenere qualsiasi modifica in tempo reale.

I commenti sono chiusi