La pedicure e i giusti macchinari

Anche se l’autunno sta finendo e siamo ormai alle porte dell’inverno, la pedicure è un elemento che andava preso in considerazione già da un po’. Molte persone, non solo le donne, fanno lo sbaglio di credere che solo in estate sia fondamentale prendersi cura dei piedi, come fosse un fattore puramente estetico.

In realtà una adeguata pedicure spa va effettuata, anche in autunno, periodo fondamentale, dove è necessario prendersi cura non dei piedi ma anche delle mani. Va infatti considerato che per evitare di arrivare all’estate con dei piedi che non possono essere mostrati ad anima viva è meglio prendersi cura di se stessi anche in questo periodo, dal momento che i piedi passeranno molto tempo al chiuso, costretti in stivali e scarpe ben sigillate, senza parlare di eventuali tacchi.

Quindi in questo periodo è consigliabile come prima cosa accorciare le unghie per evitare che si spezzino più facilmente e che rovinino le calze. In questo periodo sarebbe anche opportuno fare per un po’ a meno delle lacche ripulendo le unghie per bene in modo che il piede possa respirare. Viceversa sarebbe opportuno applicare una base rinforzante per rafforzare l’unghia e prepararla così all’autunno e all’inverno.

Basta qualche piccolo accorgimento e una conoscenza dei fattori più importanti per arrivare in estate con un piede che sia non solo bello ma anche sano, con una pelle rilassata e idratata. Ad esempio non tutti conoscono i macchinari podologici. Il micromotore podologico permette una pedicure avanzata, grazie ad un sistema elettronico che permette di effettuare una pulizia adeguata del piede, anche a livello curativo.

Il risultato dell’utilizzo di questo macchinario professionale elettro-medicale è quello di una superficie plantare più liscia ed omogenea attraverso l’impiego di specifiche frese con forme e dimensioni differenti a seconda dell’inestetismo da trattare. Non si tratta di trattamenti invasivi, perché non è previsto l utilizzo di lame, di fatto non ci sono controindicazioni per l’utilizzo del macchinario.

Parlarne ora è importante, perché si tratta di un trattamento che ancora tanti non conoscono e che permette anche in questo periodo dell’anno, ma non solo, ogni volta che il piede è soggetto ad un incremento di ipercheratosi, ovvero quel fastidioso inestetismo che si presenta con un ispessimento della pelle nella zona plantare e della formazione di calli ed occhi di pernice che si formano con l’utilizzo di scarpe chiuse o strette in determinati punti.

La bellezza e la particolare sensazione che apporta immediatamente questo trattamento è quello di percepire una notevole sensazione di benessere psicofisico. Il piede appare subito rigenerato in quanto durante la seduta, oltre al taglio e limature delle unghia vengono trattati anche le ipercheratosi e i calli.

La quantità di trattamenti da eseguire, variano da persona a persona, in questo periodo sarebbe opportuno eseguire un trattamento del genere al mese, per poi variare in base a quello che lo specialista consiglia. Ogni seduta ha una durata media che varia dai 60 ai 90 minuti, si scoprirà presto che è molto più efficiente di un pedicure fatto con i classici arnesi per pedicure.

Il servizio gratuito di pubblicazione dei comunicati stampa è offerto dall'Associazione link UP Europe! di Roma

Copyright © 2017 www.press-release.it - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA